Strada Statale Sorrentina Galleria S. Maria di Pozzano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strada Statale 145 - Sorrentina Galleria S. Maria di Pozzano"

Transcript

1 Strada Statale Sorrentina Galleria S. Maria di Pozzano

2 Variante SS 145 Sorrentina: Riferimenti principali di Appalto Committente: A.N.A.S. S.p.A. Oggetto dei lavori: Lavori di costruzione di una variante alla S.S. n.145 tra i km e Lavori di completamento e adeguamento delle opere civili. Realizzazione degli impianti tecnologici e di sicurezza. Impresa aggiudicataria: NBI S.p.A. (capogruppo mandataria) in ATI con Impresa S.p.A. e Ellemme Impianti S.p.A.

3 La Galleria Santa Maria di Pozzano: 5 km di tecnologia impiantistica e costruttiva La Galleria Santa Maria di Pozzano, rappresenta un opera di assoluto rilievo a livello nazionale sia per la struttura e le caratteristiche del territorio in cui è stata costruita, sia per le scelte impiantistiche e tecnologiche adottate da NBI SPA congiuntamente alle altre imprese dell ATI. La Galleria, che ha un estensione di 5053 metri, è costituita dall unione di quattro Gallerie naturali resa continua dalla costruzione di altre tre Gallerie artificiali: Galleria di Pozzano, Galleria Artificiale Ex Cava Italcementi, Galleria Punta Orlando, Galleria Artificiale Cava Bikini, Galleria Scrajo1, Galleria artificiale Scrajo1, Galleria Scrajo 2, Camerone d innesto alla Galleria di Seaiano già esistente. Le caratteristiche geomorfologiche, litologiche e geomeccaniche, l alternarsi di tratti di roccia fratturati a tratti fortemente compatti, l interruzione delle gallerie naturali determinata da valloni, divenuti oggetto delle gallerie atificiali, nonchè la vicinanza della linea ferroviaria Circumvesuviana hanno reso particolarmente complessa la realizzazione del progetto. Per garantire le massime condizioni di sicurezza, sono state adottate soluzioni tecnologicoimpiantistiche d avanguardia. Da segnalare l impianto di ventilazione e il sistema di filtrazione elettrostatica dell aria, scelta innovativa a livello italiano. Gli impianti di illuminazione della galleria e degli svincoli sono stati progettati per assicurare un ottimale illuminazione e le migliori condizioni di comfort ai conducenti dei veicoli. Struttura della Galleria Santa Maria di Pozzano

4 Scelte impiantistiche - impianti elettrici Cabine di trasformazione Cabina di Pozzano (500kW /400 Volts): quadro di media tensione w quadri di bassa tensione e di distribuzione w1 gruppo elettrogeno da 510 kva w2 trasformatori 630 kva - 20/0,4 kv (1 di riserva) wgruppi di continuità (UPS). Cabina di Bikini (2000kW /400/690 Volts): quadro di media tensione wquadri di bassa tensione e di distribuzione w 2 gruppi elettrogeni da 1250 kva w2 trasformatori 1000 kva - 20/0,4 kv (1 di riserva) w 3 trasformatori 1600 kva - 20/0,69 kv (1 di riserva) w1 trasformatore 2000 kva 0,4/0,69 kv (elevatore) w gruppi di continuità (UPS) wcentro di controllo. Cabina di Seiano: quadro di media tensione wquadri di bassa tensione e di distribuzione w1 gruppo elettrogeno da 650 kva w2 trasformatori 630 kva - 10/0,4 kv (1 di riserva) wgruppi di continuità (UPS). Impianto di illuminazione Illuminazione ordinaria: apparecchiature con lampade al sodio alta pressione (SAP) da 150 W, collocate su due file lungo tutta la galleria, a un interdistanza di m.10. Illuminazione di rinforzo: apparecchiature posizionate in prossimità dei due imbocchi, sono caratterizzate da potenze e interdistanze variabili a seconda del tipo di imbocco e della luminanza misurata all esterno. Sono studiate per facilitare l adattamento dell occhio umano all ingresso in galleria soprattutto in condizioni climatiche particolari, ad esempio d estate o in giornate molto luminose. Illuminazione di evacuazione: E realizzata con il posizionamento di idonee lampade led poste su entrambi i lati della galleria ad una altezza di 1metro.

5 Scelte impiantistiche - impianti speciali Dotazione complessiva in galleria Impianto di rilevazione incendi con fibrolaser wimpianto per l analisi dei parametri e della qualità dell aria wimpianto per il conteggio e la classificazione dei veicoli wimpianto TVCC E R.A.I. (rilevazione automatica incidenti) wstazioni di emergenza SOS wsegnaletica luminosa stradale e indicazione via di fuga wimpianto radiowimpianto di trasmissione in emergenza su frequenze radio FM - audio break wsistemi di comunicazione vocale - video interfonico cunicoli di fuga wpannelli a messaggio variabile wpannelli luminosi laterali per segnaletica stradale w Centro di controllo - sistema di supervisione e controllo impianti. Segnaletica luminosa Centro di controllo Il Sistema di supervisione e telecontrollo gestisce in modo integrato e centralizzato tutti gli impianti previsti.

6 Scelte impiantistiche - impianti meccanici Impianto di ventilazione L impianto di ventilazione previsto per la Galleria Sorrentina prevede: wcentrale di estrazione baricentrica dotata di tre ventilatori assiali non reversibili, di cui uno di riserva, in grado di assicurare una portata massima pari a 250 mc/s in condizioni di esercizio. wcanale di ventilazione realizzato in calotta che misura 2300 m dal lato Pozzano e 1300 m dal lato Vico Equense, per l aspirazione dell aria attraverso serrande motorizzate disposte a intervalli di 100m. wundici coppie di acceleratori installati in volta ad interdistanza pari a circa 70 m, in ausilio al sistema semi-trasversale, in grado di garantire una portata di 170 m3/s in caso di funzionamento longitudinale. w8 stazioni di misura degli inquinanti (OP,CO,CO2,NO,T) e 10 anemometri. Sistema di filtrazione elettrostatica La filtrazione elettrostatica avviene facendo passare l aria viziata attraverso campi elettrostatici ad elevata intensità generati con l imposizione di carica elettrostatica in corrente continua mediante l impiego di opportuni generatori elettrici. Il Sistema prevede una serie di piastre ionizzanti (14kV) e un collettore di raccolta e cattura dell aria da filtrare costituito da un filtro in materiale sintentico interposto tra due griglie, di cui la prima è in tensione (7-10 kv) mentre la seconda è a terra. Pulizia a secco del collettore: Il sistema consiste in un ugello ad aria ad alta pressione, posizionato alla base del filtro, che soffierà via lo sporco in maniera energica. Allo stesso tempo è attivato il sistema di aspirazione sotto il filtro, che rimuove la polvere. Sistema di pulizia ad umido: Il sistema di ionizzazione prevede un sistema di lavaggio automatico. Le tubazioni di lavaggio e gli spruzzatori sono realizzati in acciaio inossidabile o in plastica. La procedura di controllo di attivazione parte con la disattivazione dell alta tensione. Altri impianti meccanici Impianto idrico antincendio: idranti UNI 70 in galleria w idranti UNI 45 nella centrale di bikini Impianti al servizio della centrale di Bikini: impianti di climatizzazione dei locali tecnici e della centrale

7 NBI SPA impianti e energia Viale A. Silvani, Bolognaa Tel Fax Sede Legale Via G. Bona, Roma NBI SPA Tutti i diritti riservati - 1/2015

ELENCO REVISIONI. A Settembre 2014 Emissione IGM TARANTOLA TARANTOLA Rev. Data Descrizione Revisione Comp. Contr. Appr.

ELENCO REVISIONI. A Settembre 2014 Emissione IGM TARANTOLA TARANTOLA Rev. Data Descrizione Revisione Comp. Contr. Appr. ELENCO REVISIONI A Settembre 2014 Emissione IGM TARANTOLA TARANTOLA Rev. Data Descrizione Revisione Comp. Contr. Appr. INDICE 1 GENERALITÀ... 3 2 IMPIANTI DI SICUREZZA PASSIVA... 3 3 IMPIANTI DI SICUREZZA

Dettagli

Impianti elettrici nelle gallerie ANAS

Impianti elettrici nelle gallerie ANAS L Italia si fa strada Impianti elettrici nelle gallerie ANAS Ing. Luigi Carrarini Responsabile servizi impianti tecnologici DECT di ANAS Roma 30 settembre 2015 COSA È L ANAS STRADE STATALI E AUTOSTRADE

Dettagli

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE

GALLERIA VIRGOLO. CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE GALLERIA VIRGOLO CARATTERISTICHE STRUTTURALI ed IMPIANTISTICHE CARATTERISTICHE STRUTTURALI entrambe le canne sono costituite da un rivestimento in calcestruzzo conformato ad arco circolare con raggio interno

Dettagli

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione

Estratto. ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione ANAS S.p.A. Condirezione Generale Tecnica Direzione Centrale Progettazione Linee Guida per la progettazione della sicurezza nelle Gallerie Stradali secondo la normativa vigente Ottobre 2009 Pag. 71 di

Dettagli

GALLERIE Ventilazione

GALLERIE Ventilazione 7-8/2005 LE STRADE 1 La galleria dei ventilatori 1 Per gli impianti dell Alassio 1, la galleria della Nuova Aurelia, in corrispondenza dell abitato ligure, si è optato per un sistema di ventilazione altamente

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle Giardino Valutazione complessiva: Sufficiente Posizione: Italia, nei pressi di Rieti SS 4 tra Roma e Ascoli Anno di apertura: 2003 Lunghezza:

Dettagli

SICUREZZA e MANUTENZIONE all interno di TUNNEL e GALLERIE

SICUREZZA e MANUTENZIONE all interno di TUNNEL e GALLERIE SICUREZZA e MANUTENZIONE all interno di TUNNEL e GALLERIE Relatori: Dott. Ing. Alain Mazzocchi (Provincia di Bergamo) Dott. Ing. Marco Cardelli (Gruppo SPEE) IL CENTRO DI CONTROLLO OPERATIVO: L ESPERIENZA

Dettagli

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice

Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice Verifica dei requisiti minimi di sicurezza delle nuove gallerie del Progetto Salerno Porta Ovest Indice 1 Introduzione... 2 2 Analisi di sicurezza della Galleria Poseidon Ligea... 4 2.1 Individuazione

Dettagli

Direzione Generale. Il Ruolo degli impianti per la sicurezza nelle gallerie. Milano, 8 ottobre 2013

Direzione Generale. Il Ruolo degli impianti per la sicurezza nelle gallerie. Milano, 8 ottobre 2013 Direzione Generale Il Ruolo degli impianti per la sicurezza nelle gallerie Ing. Luigi Carrarini Responsabile Unità Gallerie e Impianti DCECT Milano, 8 ottobre 2013 Gallerie ANAS in Esercizio Totale Gallerie

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute

COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute COMUNICAZIONE DEL 25.05.2015 Sulla base dei quesiti ricorrenti in fase di sopralluogo è stato ritenuto opportuno fornire le informazioni contenute nella documentazione allegata, ad integrazione degli elaborati

Dettagli

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo.

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Con Clean aria pulita da polveri: Gruppo electtrogeno 250 kva - 200 kw: Silenziato. 400 V 50 HZ Quadro elettrico con comando a distanza: Avviamento

Dettagli

Variante da Vestone Nord a Idro Sud della variante alla SP BS 237 del Caffaro Progetto preliminare Relazione tecnica 1. PREMESSE...

Variante da Vestone Nord a Idro Sud della variante alla SP BS 237 del Caffaro Progetto preliminare Relazione tecnica 1. PREMESSE... pag. 1 di 11 INDICE 1. PREMESSE... 2 2. SVINCOLI... 2 2.1 Illuminazione... 2 2.2 Informazioni all utente... 3 3. GALLERIE... 3 3.1 Illuminazione... 3 3.2 Ventilazione... 4 3.3 Stazioni di emergenza...

Dettagli

Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60

Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60 Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60 Gruppo electtrogeno 30 kva - 24 kw: Silenziato. 400 V 50 HZ Cannone abbattimento polveri. Silenziato:.

Dettagli

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo Mod. Clean CAP 100.50 Cannone abbattimento polveri. Serbatoi di accumulo acqua in PE con accessori. Quadro elettrico con comando a distanza. Gruppo

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

Il sistema di pulizia CleanSafe

Il sistema di pulizia CleanSafe Il sistema di pulizia CleanSafe La Svezia è stato il primo paese ad aver introdotto dei controlli obbligatori degli impianti di ventilazione. L industria può quindi vantare 15 anni di esperienza nell ambito

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA

REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA BB3 / D E REL / 0 1 7 Committente REGIONE PIEMONTE ASL 10 - PINEROLO Commessa OSPEDALE DI PINEROLO REALIZZAZIONE DI NUOVA ELISUPERFICIE Progetto IMPIANTI ELETTRICI Fase PROGETTO DEFINITIVO Documento Originale:

Dettagli

Cappa da cucina tradizionale confort

Cappa da cucina tradizionale confort Cappa da cucina tradizionale confort Prezzi a richiesta Vantaggi Compensazione integrata. Filtri a labirinto in acciao inox montati. Illuminazione ad incasso in opzione. Gamma Due altezze disponibili:

Dettagli

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4

Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 Relazione di calcolo illuminotecnico Sommario PREMESSA... 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 CALCOLO ILLUMINOTECNICO... 4 PREMESSA Oggetto del seguente lavoro è il calcolo illuminotecnico da effettuarsi nel

Dettagli

PROTECNO ENGINEERING SRL

PROTECNO ENGINEERING SRL Periodo della prestazione 1999 Committente ULSS n 4 Alto Vicentino Thiene (Vi) Titolo dell opera Costruzione di 2 RSA ad indirizzo riabilitativo mentale perl ULSS n 4 Alto vicentino Categoria di lavori

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG

SICOM FOR NATURAL GAS FILLING STATIONS TECNOLOGIA CNG TECNOLOGIA CNG COMPRESSORI ALTERNATIVI SERIE W220 Il modello W220, progettato per portate inferiori a 150 Sm 3 /h e per valori di pressione di aspirazione del gas compresi tra 2 e 16 bar, è il più piccolo

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA. Realizzazione 1 Lotto ex Scuola di Ghiaie Via Principe Umberto - 24040 Bonate Sopra (BG) PROGETTO DEFINITIVO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DESCRITTIVA. Realizzazione 1 Lotto ex Scuola di Ghiaie Via Principe Umberto - 24040 Bonate Sopra (BG) PROGETTO DEFINITIVO IMPIANTI ELETTRICI Via Milano, 12/B 24040 Bonate Sopra (BG) TEL 035/6010028 FAX 035/992035 Web: www.cs-progetti.it @mail: studio@cs-progetti.it - per. ind. Claudio Boschini - per. ind. Simone Plebani - RELAZIONE DESCRITTIVA

Dettagli

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 244

Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 244 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Provinciale Registro Delibere di N. 244 OGGETTO: Lavori di adeguamento degli impianti elettrici delle gallerie della rete stradale provinciale

Dettagli

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso.

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso. 1 PUNTO unita' di calore decentralizzata Il Punto è un recuperatore di calore che consente di realizzare la Ventilazione Meccanica Controllata ad alta prestazione senza la necessita' di realizzare un impianto

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Amministrazione Provinciale di Pordenone Settore Edilizia e Appalti AUDITORIUM CONCORDIA Via Interna, 2 Pordenone REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Auditorium Sala Conferenze Sala Teatrale e Musicale

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI

ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI ALLEGATO 2 SCHEDE VALUTAZIONE SINGOLI TUNNEL ITALIANI Colle di Tenda Valutazione complessiva: Insoddisfacente Posizione: Confine Italia Francia, nei pressi di Limone Piemonte SS 20 Cuneo/ Italia Francia

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI

TREVIGLIO FUTURA S.p.a. RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI Committente: TREVIGLIO FUTURA S.p.a. Societa' Trasformazione Urbana Piazza Manara, 1-24047 Treviglio (BG) Progetto: RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA SETTI A DUE PIANI INTERRATI 00 REVISIONE Emissione disegno

Dettagli

ALLEGATI. Esempi di tecnologia applicata nelle gallerie e di comunicazione gli utenti stradali.

ALLEGATI. Esempi di tecnologia applicata nelle gallerie e di comunicazione gli utenti stradali. Camera dei Deputati 129 Senato della Repubblica ALLEGATI Esempi di tecnologia applicata nelle gallerie e di comunicazione gli utenti stradali. PAGINA BIANCA Camera dei Deputati 131 Senato della Repubblica

Dettagli

IMPIANTI TECNOLOGICI Via Antonio Veranzio 101-105 Cap. 00143 Roma -Italia

IMPIANTI TECNOLOGICI Via Antonio Veranzio 101-105 Cap. 00143 Roma -Italia IMPIANTI TECNOLOGICI Via Antonio Veranzio 101-105 Cap. 00143 Roma -Italia Versione1.4 2013 L AZIENDA La Brugnoli Impianti nasce come ditta individuale nel 1990 e si costituisce in società a responsabilità

Dettagli

SINT Ingegneria Srl COMMITTENTE: AUTOSTRADA BS-VR-VI-PD S.P.A. GALLERIA SAN ZENO DI LONATO (BS)

SINT Ingegneria Srl COMMITTENTE: AUTOSTRADA BS-VR-VI-PD S.P.A. GALLERIA SAN ZENO DI LONATO (BS) COMMITTENTE: AUTOSTRADA BS-VR-VI-PD S.P.A. INCARICO: GALLERIA SAN ZENO DI LONATO (BS) ANALISI DELLO STATO DI FATTO E PROPOSTA DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI OGGETTO: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Baita. Il punto Vendita completo

Baita. Il punto Vendita completo Esec_Latteria_sistemato181006.qxd:Layout 1 20-10-2006 9:10 Pagina 1 Il punto Vendita completo Baita La soluzione completa per le vendite esterne all azienda: Accesso laterale per ricarico e manutenzione

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE Pag.1 Le tipologie impiantistiche in cui Elettro Light è in grado di garantire un eccellente know-how e altissimi livelli di performance possono essere sintetizzate come segue: SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA

Dettagli

Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche

Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche w w w. c a m i t i m p i a n t i. i t Impianti Industriali per il trattamento delle superfici metalliche Impianti per sabbiatura L impianto consente di eseguire manualmente la granigliatura su particolari

Dettagli

NEW ACTIVE AND PASSIVE FIRE PROTECTION SYSTEM INSTALLED INSIDE OF MONT BLANC TUNNEL

NEW ACTIVE AND PASSIVE FIRE PROTECTION SYSTEM INSTALLED INSIDE OF MONT BLANC TUNNEL 43 CORSO I.A. NEW ACTIVE AND PASSIVE FIRE PROTECTION SYSTEM INSTALLED INSIDE OF MONT BLANC TUNNEL 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

Workshop Trasporti e Infrastrutture

Workshop Trasporti e Infrastrutture Workshop Trasporti e Infrastrutture Illuminazione efficiente nel terziario: illuminazione pubblica Fabio Pagano ANIE ASSIL Introduzione L'illuminazione è stato il primo servizio offerto dalle aziende elettriche

Dettagli

IE 080 Uffici Novembre 2015

IE 080 Uffici Novembre 2015 IE 080 Uffici Novembre 2015 L impianto elettrico negli uffici deve essere molto flessibile al fine di consentire l allacciamento di nuovi utilizzatori o servire nuovi impianti. La flessibilità dipende

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Progettazione: CONSORZIO RAETIA DEI BY PASSS

Progettazione: CONSORZIO RAETIA DEI BY PASSS Committente: Progettazione: CONSORZIO RAETIA PROGETTO PRELIMINARE CALCOLI PRELIMINARI DELL IMPIANTO DI SOVRAPPRESSIONE DEI BY PASSS I N D I C E 1. OGGETTO 1 2. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO 1 3. METODOLOGIA

Dettagli

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO

IMPIANTO DI VENTILAZIONE E DI CONDIZIONAMENTO NEI LOCALI COMMERCIALI E DI LAVORO REGIONE PIEMONTE AZIENDA REGIONALE A.S.L. n 13 (Sede legale: via dei Mille n.2-28100 Novara) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA' PUBBLICA Sede di Borgomanero, viale Zoppis n.10-28021

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2011

Roma, 18 febbraio 2011 SICUREZZA ED ESERCIZIO FERROVIARIO: innovazione e nuove sfide nei sistemi ferroviari Il miglioramento dell accessibilità laterale ai binari quale elemento strategico per la manutenzione e per l aumento

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA Ing. ARMANDO FERRAIOLI P. I. ANTONIO CROCETTA Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 84013-CAVA DE TIRRENI (SA) 81020-S. NICOLA LA STRADA (CE) ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA

Dettagli

Morelli Giorgio Srl punto di riferimento

Morelli Giorgio Srl punto di riferimento La Morelli Giorgio Srl nasce nel 1958 e fin da subito si pone come punto di riferimento nella realizzazione dei primi impianti elettrici industriali e nel settore dell illuminazione pubblica. Forte dell

Dettagli

ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE

ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE ICT IMPIANTI PRESENTAZIONE AZIENDALE La nostra missione L Azienda ICT Impianti nasce dall idea di un progetto di sicurezza a 360 gradi e cioè quello di unire i concetti di sicurezza informatica alle tecniche

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria. Diop Mor Samb Modou FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Diop Mor Samb Modou FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Residenza Universitaria

Dettagli

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria

REGIONE VENETO / Segreteria regionale Sanità e Sociale- ARSS Agenzia Regionale Sanitaria e Sociosanitaria Lista di verifica REQUITI MINIMI SPECIFICI E DI QUALITA' PER L'AUTORIZZAZIONE 1 BLOCCO OPERATORIO - REQUITI STRUTTURALI RPER01.AU.1.1 Le sale operatorie sono di dimensione adeguata alla tipologia e al

Dettagli

Disciplinare descrittivo e prestazionale

Disciplinare descrittivo e prestazionale Disciplinare descrittivo e prestazionale Sommario PREMESSA... 1 OGGETTO DELL APPALTO... 1 REQUISITI DI RISPONDENZA A NORME, LEGGI E REGOLAMENTI... 1 ILLUMINAZIONE PUBBLICA, QUADRI E LINEE ELETTRICHE...

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

(Aggiornamento al 03/2011)

(Aggiornamento al 03/2011) Page 1 (Aggiornamento al 03/2011) HQ 3M Spa (Pioltello) COMMITTENTE: CLIENTE FINALE: Pirelli RE / per 3M ITALIA 3M Spa PERIODO DI ESECUZIONE: apr. 2009 - marzo 2010 Realizzazione chiavi in mano di tutti

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Guida Tecnica MEFA Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni,

Dettagli

4/5. Ferro Ingegneria S.r.l. Via Lamarmora n.53 10128 Torino Tel. +390115183920 Fax +390115183920 E-mail: segreteria@ferroingegneria.

4/5. Ferro Ingegneria S.r.l. Via Lamarmora n.53 10128 Torino Tel. +390115183920 Fax +390115183920 E-mail: segreteria@ferroingegneria. TITOLO LAVORO: LAVORO: Adeguamento impianti galleria Valsassina di attraversamento Lecco. PRESTAZIONE: Progettazione Definitiva, Coordinamento Sicurezza in fase progettuale, Direzione lavori operativa.

Dettagli

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI PER L EMERGENZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE ATTIVATE ALL ESERCIZIO Schede Tecniche Categoria di Spec.

Dettagli

1 PREMESSA 2 2 QUADRO NORMATIVO 2 2.1 NORME UNI 2 2.2 NORME CEI 3

1 PREMESSA 2 2 QUADRO NORMATIVO 2 2.1 NORME UNI 2 2.2 NORME CEI 3 1 PREMESSA 2 2 QUADRO NORMATIVO 2 2.1 NORME UNI 2 2.2 NORME CEI 3 3 DESCRIZIONE GENERALE 4 4 IMPIANTI ELETTRICI 4 4.1 ILLUMINAZIONE 4 4.2 AUSILIARI 5 4.3 TERMOVENTILAZIONE 5 4.4 IMPIANTO DI TERRA E PROTEZIONE

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

S5000 230V50HZ #AVR #CONN

S5000 230V50HZ #AVR #CONN S5000 230V50HZ #AVR #CONN DOTAZIONE COMPLETA Generatore professionale con caratteristiche e dotazioni necessarie per ottenere un prodotto di classe superiore. Modello caratterizzato da un potente motoalternatore,

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI (PARTE TECNICA)

CAPITOLATO D ONERI (PARTE TECNICA) AREA VIABILITA Servizio Esercizio Viabilità S.R. 23 del Sestriere GALLERIE CRAVIALE E LA TURINA e GALLERIA DI FENESTRELLE SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI E DI SICUREZZA CAPITOLATO D ONERI

Dettagli

INTEC: Global Service 2

INTEC: Global Service 2 global service 2 INTEC: Global Service 2 Il Global Service è una filosofia innovativa che regola, in maniera integrata, articolata e completa, i molteplici servizi gestionali e manutentivi di un patrimonio

Dettagli

Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE

Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE Allegato 1 INFORMAZIONI MINIME RICHIESTE Per partecipare al PREMIO DOMOTICA ED ENERGIE RINNOVABILI 2012, di ogni realizzazione occorre riportare, nella relazione descrittiva, le informazioni elencate di

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Criteri di scelta: Tipo di inquinamento che si può sviluppare. Tipo di locale o ambiente in cui viene collocata la cappa

Criteri di scelta: Tipo di inquinamento che si può sviluppare. Tipo di locale o ambiente in cui viene collocata la cappa CAPPE CHIMICHE Proteggono il personale esposto al rischio di inalazione di sostanze chimiche tossiche, irritanti, o allergizzanti e l ambiente di lavoro, eliminando alla fonte la contaminazione dell aria.

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE

PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE ALLEGATO N. A 2-1 PIANO OPERATIVO DI MANUTENZIONE Il programma di manutenzione ordinaria contempera controlli e periodiche preventive che dovranno rispettare i tempi e le procedure sottoindicate Intervento

Dettagli

Azioni 2 e 3 Definizione standard di sicurezza Censimento degli impianti tecnologici esistenti Sala controllo impianti

Azioni 2 e 3 Definizione standard di sicurezza Censimento degli impianti tecnologici esistenti Sala controllo impianti PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Lavori Pubblici, Trasporti e Reti Servizio Gestione Strade Azioni 2 e 3 Definizione standard di sicurezza Censimento degli impianti tecnologici esistenti Sala

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione

La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione GALLERIE E GRANDI OPERE SOTTERRANEE La ventilazione del traforo Internazionale del Gran San Bernardo Risultati delle verifiche prestazionali del sistema di ventilazione Roberto ARDITI SINA Luc DARBELLAY

Dettagli

S5000 400V50HZ #CONN DOTAZIONE COMPLETA

S5000 400V50HZ #CONN DOTAZIONE COMPLETA S5000 400V50HZ #CONN DOTAZIONE COMPLETA Generatore professionale con caratteristiche e dotazioni necessarie per ottenere un prodotto di classe superiore. Modello caratterizzato da un potente motoalternatore,

Dettagli

STILIS. armatura stradale a LED

STILIS. armatura stradale a LED armatura stradale a LED Informazioni Generali Lo STILIS è un apparecchio brevettato innovativo e d eccezionale potenza caratterizzato da un fascio luminoso generato da led sapientemente orientati (sistema

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari FORUM di PREVENZIONE INCENDI - Milano, 19 ottobre 2010 - Andrea Natale 0 Il contesto normativo internazionale

Dettagli

Vulcan Pro. Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite. Unità di Trattamento Aria

Vulcan Pro. Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite. Unità di Trattamento Aria Vulcan Pro Unità di Trattamento Aria Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite in conformità alle normative e direttive Europee e sono adatte a soddisfare tutte le esigenze progettuali degli

Dettagli

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione di impianto di riscaldamento, condizionamento

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

Irroratrice: ATV 3000

Irroratrice: ATV 3000 SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Irroratrice: ATV 3000 Centro prova: Ditta costruttrice: AGRICOLMECCANICA Srl Stradone Zuino Nord, 4050

Dettagli

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED

Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED Provincia di Bergamo Settore Viabilità e Trasporti ILLUMINAZIONE PUBBLICA CON TECNOLOGIA A LED CALCINATE: ROTATORIA Ex S.S. S n. 573 S.P. n. 122 S.P. n. 89 ROTATORIA DI CALCINATE : S.A.P. o TECNOLOGIA

Dettagli

ESSO Italiana s.r.l.

ESSO Italiana s.r.l. ESSO Italiana s.r.l. Generalità Ragione sociale ESSO ITALIANA Deposito costiero idrocarburi liquidi Indirizzo Via Nuova delle Brecce, 127 Comune Napoli Gestore Ing. Mirko Ranieri Recapiti del Gestore Domicilio:

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE. Residenza Universitaria Padiglione 38. San Salvi FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE Residenza Universitaria Padiglione 38 San Salvi FIRENZE 1 STRUTTURA Residenza Universitaria

Dettagli

Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento. Claudio Bini A.D SILFIspa

Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento. Claudio Bini A.D SILFIspa Illuminazione intelligente e rivoluzione led per la città Palazzo Vecchio Salone de' Dugento Claudio Bini A.D SILFIspa Silfispa: Gestione integrata dei servizi di mobilità e illuminazione Sistemi di controllo

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE SEDE AMMINISTRATIVA VIALE GRAMSCI FIRENZE 1 STRUTTURA SEDE Sede Amministrativa Viale Gramsci,

Dettagli

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione

Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Bracci di aspirazione alla fonte per ogni tipo di applicazione Migliora il tuo ambiente di lavoro! Un ambiente di lavoro libero da fumi, polveri e particelle nocive è un bene sotto molti aspetti. Le condizioni

Dettagli

AGGIORNAMENTI NORMATIVI E TECNOLOGICI DI PREVENZIONE INCENDI. Roma, 1 Marzo 2012

AGGIORNAMENTI NORMATIVI E TECNOLOGICI DI PREVENZIONE INCENDI. Roma, 1 Marzo 2012 AGGIORNAMENTI NORMATIVI E TECNOLOGICI DI PREVENZIONE INCENDI Roma, 1 Marzo 2012 SISTEMI DI EVACUAZIONE FORZATA DI FUMO E CALORE: caratteristiche, funzionamento e selezione dei componenti Luca Pauletti,

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Genset Marini serie LMG

Genset Marini serie LMG Genset Marini serie LMG MANUTENZIONE Per facilitare la manutenzione, il gruppo è stato progettato in modo da dare la possibilità di effettuare solo da un lato i principali controlli sulle parti del motore,

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

Stazione Elettrica. Val d Adige

Stazione Elettrica. Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige Stazione Elettrica Val d Adige La storia Già alla fine degli anni 90 Azienda Energetica prendeva atto della necessità di sostituire l esistente Cabina Primaria di Vilpiano

Dettagli

Il sole ci da l energia,

Il sole ci da l energia, Il sole ci da l energia, SANTON la sicurezza E fuori discussione che i sistemi fotovoltaici siano fra le opzioni più interessanti quando si tratta di produrre energia. Il sole splende tutti i giorni e

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

CANTIERE OPERATIVO CHIARAVAGNA - BORZOLI - COV3 Relazione tecnica generale

CANTIERE OPERATIVO CHIARAVAGNA - BORZOLI - COV3 Relazione tecnica generale COMMITTENTE: RETE FERROVIARIA ITALIANA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO ITALIANE : GRUPPO FERROVIE DELLO STATO ITALIANE GENERAL CONTRACTOR: INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO

Dettagli

ARMADIO DI SICUREZZA ASPIRATO 1000

ARMADIO DI SICUREZZA ASPIRATO 1000 ARMADIO DI SICUREZZA ASPIRATO 1000 IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Codice CND: W02070304 - Codice CIVAB: Notizie generali Tipo strumento: Armadio di sicurezza aspirato. Modello: FC1000. Codice

Dettagli

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI VARAPODIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Intervento di riqualificazione energetica ed illuminotecnica della rete di illuminazione pubblica del Comune di Varapodio Progetto Definitivo/Esecutivo

Dettagli

S T U D I O T E C N I C O Dr. Ing. Lapo Lombardini

S T U D I O T E C N I C O Dr. Ing. Lapo Lombardini Dr. Ing. Lapo LOMBARDINI S T U D I O D I I N G E G N E R I A I M P I A N T I S T I C A E D A M B I E N T A L E CURRICULUM PROFESSIONALE 50126 - FIRENZE Via di Villamagna 108 Tel. 055/5000150 - Fax 055/585591

Dettagli

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50 RELAZIONE GENERALE Oggetto del presente progetto è la messa a norma dell impianto di ricambio d aria dei locali di Didattica degli edifici sportivi siti in Via Montelungo e Via Casorati. Attualmente, infatti,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli