R E P U B BLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI BELLUNO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R E P U B BLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI BELLUNO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 R E P U B BLICA ITALIANA IL TRIBUNALE DI BELLUNO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Civile e P e nale di B elluno, riunito i n C a mera d i C o n siglio e composto dai Sigg. Magistrati: - dott. U. GIACOMELLI P residente - dott. C. SCIAVICCO Giudice d o tt. G. ZANON Giudice Rel. H a pronunciato la seguente S E N TENZA N ella causa civile p romossa con a tto d i citazione n o tificato in data da: B.L. rappresentata e difesa dall Avv. A.M.Sgarbi, d all Avv. R.Pilutti d i Modena e d a ll Avv. G.Azzalini d i B elluno quest ultimo a n che quale d o miciliatario come da mandato a margine dell atto di citazione. ATTR I C E C ONTR O D.L A. D.LU. D.LO. D.MA. R.E. R.F. R.V. rappresentati e d i fesi dall Avv. F.De P i lati di Trento e dall Avv. P.Zaglio di B e lluno q u e st ultimo a n che q u ale d o miciliatario come da mandato i n calce a l le copie notificate dell atto di citazione. C ONVENUTI OGGETTO: pagamento legato testamentario. C ausa i scritta a ruolo in d a ta a l n R.G. e ritenuta i n d e cisione all udienza del sulle seguenti conclusioni: C onclusioni dell attrice: C ontrariis rejectis voglia l Ill.mo Tribunale di Belluno: 1

2 A ) INVIA ISTRUTTORIA: a ) confermare l o rdinanza e p e r l effetto ordinare a n o rma dell art c.pc, alla Banca P o p olare S vizzera d i Horen (ZH S chwe i z) e a lla Zurcher K a n tonalbank filiale di H o rgen (ZH S ch we i z) di produrre in g i udizio contratti di conto corrente, d i deposito titoli, di custodia, l ibretti d i d e posito nominativi e al p o rtatore, e stratti conti, i n testati o cointestati a D.A.M., e q uant altro p o ssa dirsi d i a ppartenenza d e lla S i g ra D.A.M., n onchè l a copia d ella d o cumentazione relativa alle varie o p e razioni a d e ssi relativi, per i l p e riodo / (data d i morte) e d in particolare d i completare l esibizione e d i fornire chiarimenti e l a documentazione b a n caria relativa a lle o p e razioni di versamento e di prelievo e ffettuate sui conti e N p e r l a B A NCA P OPOLARE S V IZZERA e N e N per la ZURCHER K A N TTONALBANK, con particolare riferimento, per i versamenti, alla p rovenienza d elle somme (assegni e relative copie i n tegrali contanti, C /C, d epositi o a l tro) e, p e r i p relievi, alla u tilizzazione delle somme (depositi i n a l tri C /C, n egoziazione mediante a ssegni, b onifici, i n vestimenti in titoli o certificati, ecc.), nonché l a documentazione relativa alla apertura e d e stinzione dei conti citati, d a a cquisirsi nelle forme p reviste d agli a ccordi i n ternazionali i n materia e i n p a rticolare d allo scambio d i N o te tra Italia e S vizzera del relativo a lla trasmissione d e gli a tti giudiziari ed e xtragiudiziari e d e lle commissioni i n materia civile e commerciale (pubblicata sulla G.U. n. 243 d el 1 5.l0.88) che prevede la competenza del Tribunale Federale S vizzero e d ei vari Tribunali Superiori dei Cantoni a corrispondere direttamente con le autorità i ta l iane, con concessione di un congruo termine per tale e sibizione; b ) revocare l ordinanza / e p e r l effetto a mmettersi C TU calligrafica sulla scheda testamentaria della d e funta D.A.M. p u bblicata dal N o taio Taveggi il col N /8960 di R p con riferimento a lla d a ta d i redazione del testamento d a parte della d e funta; e ) o rdinare a n o rma d e ll art cpc, a lla CARIVERONA S.p.a., o ra U N ICREDIT B A N C A, agenzia d i L a mon: 1) fornire chiarimenti e p rodurre la documentazione b a n caria relativa a l le o p e razioni d i versamento in p a rticolare L i re in d a ta ; L i re in d a ta 1 l.l.93 OPEAZIONE E S TERO; L i re i n d a ta OPERAZIONE E S TERO) e di p relievo (in p a rticolare L ire in data ; Lire i n d a ta ; L i re in d a ta con a ssegno; Lire i n data con a ssegno) e ffettuate sul c/c n con p a rticolare riferimento, p e r i versamenti., alla provenienza d elle somme (assegni e relative copie integrali, contanti, c/c, depositi o altro) e, p e r i p relievi, a lla u tilizzazione delle somme (depositi i n a l tri c/c, negoziazione mediante altri a ssegni, investimenti i n titoli o certificati, e cc.); 2 ) d i p rodurre la copia degli e stratti conto per i l c/c n relativi a ll anno 1992 e all anno

3 N E L MERITO: B ) condannare i S i g g.ri D.LU., D.LA., D.MA., D.LO., R.E., R.F. e R.V., ciascuno in p roporzione della q uota e reditaria e i n forza d el l egato d i sposto d alla defunta D.A.M. con testamento o lograto pubblicato il 10 a p rile con a tto Notaio A l e ssandro Gandolfi Taveggi Fep.N. 7 l220/89o, a corrispondere a lla S i g ra B.L. la somma d i (quattromilioninovecentonovantacinquemila) Franchi S vizzeri (già d e tratto l acconto di Franchi S vizzeri) o vvero la corrispondente somma in E u ro secondo il cambio esistente al momento d ell effettivo p a gamento, oltre agli interessi legali dal aprile 1996 fino al saldo. C ) con vittoria di spese, competenze e onorari del legale. D ) rigettare ogni a l tra d o manda p roposta d ai convenuti perché totalmente infondata in tatto e diritto. E ) IN V IA SUBORDINATA, nella denegata ipotesi i n cui il Giudice ritenesse a pplicabile l art. 654 CC., accertare e dichiarare che il legato d i sposto dalla defunta D.A.M., a favore della Sig.ra B.L. con p roprio testamento olografo p u bblicato i l 10 aprile con a tto Notaio A l e ssandro Gandolfi Taveggi R ep. N /8960, è p a ri a (cinque m i lioni) franchi S vizzeri e conseguentemente, condannare i S i gg.ri D.LU., D.LA., D.MA., D.LO., R.E., R.F. e R.V., a corrispondere a lla S i g.ra B.L. l a somma di (quattromilioninovecentonovantacinquemila) franchi S vizzeri (già d e tratto l acconto di franchi svizzeri) o vvero l a corrispondente somma in E u ro secondo il cambio esistente al momento d ell effettivo p a gamento oltre agli interessi legali dal fino al saldo, ovvero per i potesi d i a ccertata non sussistenza di una somma d i tale entità n e l p a trimonio della defunta a l momento della sua morte, condannare i convenuti a l p agamento i n favore dell attrice, e in adempimento d el l egato, della maggior somma esistente n e l patrimonio della defunta, a n o rma del 2 comma a rt C.C., i n franchi S vizzeri o vvero in E u ro secondo i l cambio e sistente al momento d e ll effettivo p a gamento, oltre a gli interessi legali dal fino al saldo. E ) Con vittoria di spese, competenze e onorari del legale - C onclusioni dei convenuti: V o glia l Ill.mo Giudice adito: - in via p rincipale n el merito: respingersi l e d o mande a ttoree in quanto i n fondate in fatto ed in d i ritto e d ichiarare p rivo di e ffetto il legato per i l q u ale è causa ai sensi dell art cc. e q uindi condannare l attrice a lla restituzione dei 5000 franchi già incassati; - nel merito in via subordinata: contrariis rejectis, d a to a tto che l oggetto d e l legato contenuto nel testamento d.d , 3

4 p u bblicato sub. Rep. N /8960 N o taio A l e ssandro Gandolfi Taveggi di B o rgo V alsugana concerneva l a somma di franchi svizzeri o vvero , dichiarare l entità del l egato d o vuto a lla signora B.L. i n franchi svizzeri o vvero e q u indi d i chiararsi che n u lla è d o vuto dagli o dierni convenuti alla signora B. a q u alsiasi titolo; S e mpre i n via subordinata: o g ni d o manda e d eccezione a vversaria d i sattesa, dichiararsi l annullamento d e l testamento d.d , p u bblicato sub. Rep. N /8960 N o taio A l e ssandro Gandolfi Taveggi di B o rgo V alsugana p e r e rrore o stativo da parte della S i g nora D.A.M. e /o l annullamento d el testamento de q uo p e r i n capacità di i n tende e d i volere d e lla testatrice al momento i n cui fu redatto per la g rave malattia d a cui l a stessa all epoca e ra a ffetta e quindi condannarsi per l oggetto l a ttrice alla restituzione d ella somma di franchi svizzeri; i n via riconvenzionale: condannarsi l odierna a ttrice al pagamento della somma pari al d a nno conseguente a lla svalutazione del franco svizzero rispetto a lla l i ra i taliana sulle somme d e positate sul conto corrente n p resso la Zurcher Kantonal B a n k, filiale d i H o rgan, d al giorno a l d ì del saldo, o vvero a lla somma che p a rrà di g iustizia. C on vittoria di spese, d i ritti e d onorari di causa o l tre a e spressa richiesta di condanna ex art. 96 c.p.c. S volgimento del giudizio C on a tto d i citazione n o tificato a mezzo del servizio p o stale in d a ta B.L. conveniva in giudizio D.LA., D.L U., D.LO., D.MA., R.E., R.F. e R.V. chiedendone la condanna, ciascuno i n p roporzione d ella q uota e reditaria ed i n forza d e l legato d i sposto dalla d e funta D.A.M. con testamento o lografo p u bblicato il con a tto N o taio A l e ssandro Gandolfi Taleggi Rep. n /8960, a corrisponderle l a somma di franchi svizzeri (già detratto l a cconto di franchi svizzeri) o vvero l a corrispondente somma in l ire i taliane secondo i l cambio e sistente al momento d e ll effettivo p a gamento, oltre a gli interessi legali dal al saldo; con vittoria di spese di lite. S i costituivano i convenuti, e ccependo p reliminarmente i l difetto d i competenza d e l Tribunale adito, per e ssere competente il Tribunale di Trento; nel merito chiedevano i l rigetto d ella domanda a ttorea e che il l egato o ggetto d i causa fosse d i chiarato privo di e ffetto a i sensi d ell art.654 c.c., con condanna dell attrice a lla restituzione d e i franchi svizzeri già incassati. In via subordinata chiedevano che, d a to a tto che l oggetto del l egato contenuto nel testamento concerneva l a somma di franchi 4

5 svizzeri e non quella e rroneamente i ndicata di di franchi, fosse dichiarata l entità del legato dovuto a B.L. in franchi svizzeri e quindi che n ulla era d o vuto d ai convenuti all attrice a q u alsiasi titolo. S e mpre in via subordinata chiedevano che fosse d i chiarato l annullamento del testamento p e r e rrore ostativo da p a rte d ella testatrice e /o l annullamento del testamento medesimo per incapacità d i intendere e d i volere d e lla p redetta i n q u anto a ffetta da g rave malattia e quindi che l a ttrice fosse condannata a lla restituzione della somma di franchi svizzeri. In via riconvenzionale chiedevano l a condanna d e ll attrice a l p a gamento della somma p a ri a g li i n teressi calcolati a l tasso l egale b a n cario vigente i n S vizzera sulle somme depositate sul c/c n p resso la Zurcher Kantonalbank, filiale d i Horgen, d al giorno al saldo. C on sentenza n.327 del il Tribunale respingeva l eccezione d i i ncompetenza territoriale sollevata da p a rte convenuta e rimetteva la causa sul ruolo del Giudice istruttore per l assunzione delle p rove o rali a mmesse (interpello d ell attrice, p rova testimoniale richiesta dai convenuti). L a causa andava n u o vamente a sentenza a ll udienza d el e veniva rimessa i n istruttoria con ordinanza d ell 8 / , con la q u ale il Collegio ordinava a Cariverona B a n ca s.p.a., agenzia di L a mon e a lla Cassa R urale di Castello Tesino s.c.a.r.l., filiale di Lamon l esibizione della documentazione relativa ad e sistenza, contenuto ed o p e razioni e ffettuate, di conti correnti, depositi titoli,libretti di d eposito n o minativi o a l p o rtatore, intestati o cointestati a D.A.M. d al alla d a ta della sua morte, avvenuta il L ordine di e sibizione veniva rinnovato più volte, in considerazione d ell invio da parte delle banche di documentazione incompleta. C on o rdinanza 5 / il Giudice istruttore richiedeva p e r rogatoria a ll autorità straniera d i p rocedere all esecuzione dell ordine d i esibizione, n e i confronti della B a n ca P o polare S vizzera d i Horgen e d ella Zurcher K a n tonalbank, filiale di Horgen d e lla documentazione relativa ad e sistenza, contenuto ed o p e razioni e ffettuate, di conti correnti, depositi titoli, libretti di d eposito nominativi o a l portatore, i n testati o cointestati a D.A.M. d al 1992 alla d a ta della sua morte, a vvenuta i l Infine, assegnato termine p e r i l deposito di osservazioni a lla d o cumentazione da u l timo e sibita, l e parti all udienza del p recisavano l e conclusioni i n e p igrafe riportate e la causa, p revia 5

6 concessione dei termini per il d e posito d e lle comparse conclusionali e d elle memorie di replica, veniva rimessa alla decisione del Collegio. Motivi della decisione Il presente g iudizio h a a d o ggetto la domanda d e ll attrice B.L. di a d e mpimento del l e gato disposto a suo favore da D.A.M. con il testamento o l ografo d a tato pubblicato d a l notaio A. Gandolfi Taleggi di Borgo Valsugana (TN) il N /8960. C on i l ridetto testamento l a de cuius, d o po a vere i stituito eredi l e due sorelle LU e LA. e d i cinque figli della sorella premorta E., disponeva a favore di B.L., M.M. e V.T. u n legato, per l ammontare di franchi Svizzeri ciascuna. D i tale legato l attrice chiede il p a gamento a gli e redi, che hanno a ccettato puramente e semplicemente l eredità d i D.A.M., a ssumendo l applicabilità nel caso di specie dell art.653 c.c., in q uanto si tratterebbe d i legato d i cosa determinata solo n e l genere, valido a n che q u alora l a somma indicata non si trovi n el patrimonio relitto d a lla testatrice ed i n via subordinata d e ll art.654, secondo comma, c.c., in b a se alla quale se la cosa si trova nel patrimonio del defunto a l tempo d ella sua morte, ma non nella q uantità d e terminata, i l l egato h a e ffetto p e r la quantità che vi si trova.. A l l accoglimento d ella domanda a ttorea si o ppongono i convenuti, i n vocando invece l applicabilità della norma d i cui all art.654, p rimo comma, c.c., per cui i l l egato n o n a vrebbe e ffetto, n o n trovandosi una tale somma nel patrimonio della testatrice. V a n no tuttavia p reliminarmente e saminate i n ragione della p riorità l ogico-giuridica che l e connota - le d o mande svolte in via subordinata d ai convenuti, i q uali chiedono che i l Tribunale a ccerti l errore ostativo d ella testatrice, dando a tto che l oggetto d el legato contenuto nel testamento concerneva l a somma di franchi svizzeri e non quella e rroneamente i n dicata di di franchi, e p ronunci l annullamento del testamento p e r e rrore ostativo o per i n capacità d i i n tendere e di volere della de cuius in quanto affetta da grave malattia. Il Collegio deve q uindi innanzitutto valutare se n e l caso di specie la testatrice sia i n corsa in e rrore o stativo, o ssia se vi sia d i vergenza tra l a d ichiarazione e la reale volontà d ella testatrice i n o rdine alla i ndicazione dell oggetto del legato. A q uesto fine, quando cioè si deduca u n a d i vergenza fra d i chiarazione e d e ffettiva volontà, l interprete n on incontra i n o ti limiti i n terpretativi segnati d alla dichiarazione, che n ella specie è indubbiamente d i per sé chiara e quindi tale d a n o n lasciare spazi alla ricerca del preciso significato da a ttribuire ad e spressioni e quivoche, ma p e r d e finizione 6

7 d e ve i n dagare sull effettiva volontà d el testatore, senza e ssere condizionato dalla d i chiarazione, sulla base d i ogni u tile elemento, testuale come extratestuale. S i ffatta i ndagine è consentita dall art c.c. che d i sciplina i casi d i erronea i n dicazione d ella p e rsona d ell erede o d el legatario o d e lla cosa che forma oggetto della d i sposizione, p revedendo che q uesta h a e ffetto quando la persona o la cosa possa essere comunque individuata dal contesto del testamento o altrimenti (v. Cass n.141). L a disposizione citata, che costituisce u n estensione ed u n completamento d ella regola d i interpretazione soggettiva posta d all art.1362 c.c., introduce un limite a lla rilevanza d ell errore o stativo (che di per sé comporterebbe l invalidità d ella disposizione) e permette d i a ttribuire e fficacia a d un intenzione che n o n si è a d eguatamente o g gettivata nella scheda testamentaria, superando i l p rincipio e rmeneutico secondo i l quale i dati linguistici della dichiarazione segnano il limite estremo delle varianti di significato ammissibili. P e rtanto e ssa va i n tesa, come o sserva autorevole d o ttrina, i n senso a mpio, con riferimento a tutte l e ipotesi d i errore o stativo cioè d e terminate da d i strazione, lapsus o i gnoranza d el significato del l inguaggio u sato che incidano sull identificazione dell erede, d e l l egatario o d ella cosa, q uando la denominazione o i ndicazione erronea n o n è a c cessoria ed irrilevante, costituendo l elemento che individua la p e rsona o l oggetto della disposizione. N el caso di specie ritiene il C o llegio che l erroneità dell indicazione d ella cosa o ggetto d el l egato p e r cui è causa risulti tanto d al testamento stesso che d a e lementi e xtratestuali, comunque relativi alla testatrice, di seguito illustrati. D alla documentazione p rodotta i n causa dai convenuti e dall esito degli o rdini d i e sibizione d isposti p resso vari istituti bancari, a n che e steri - C a riverona B a n ca s.p.a., agenzia d i L a mon; Cassa Rurale d i C a stello Tesino s.c.a.r.l., filiale di L a mon; B a n ca P o p olare S vizzera di Horgen; Zurcher K a n tonalbank, filiale di H o rgen volti a d a cquisire la d o cumentazione relativa ad e sistenza, contenuto ed o p e razioni e ffettuate, di conti correnti, depositi titoli, libretti di d eposito n o minativi o a l p o rtatore, intestati o cointestati a D.A.M. d al alla d a ta della sua morte, a vvenuta i l , è e merso che la testatrice d i sponeva, nel periodo indicato, di un p a trimonio liquido e d in titoli d i valore o scillante tra i 700 ed i 500 milioni di lire, a seconda che si p renda come riferimento l anno 1 992, l anno 1994 o la d a ta della morte. E ra inoltre titolare di b e ni immobili i ndicati n ella d ichiarazione d i successione dal valore catastale di lire P u r a fronte di siffatta consistenza p a trimoniale, secondo l attrice sarebbe a s solutamente n o rmale che l a testatrice a bbia d i sposto a suo 7

8 favore un l egato pari realmente a di franchi svizzeri, e di a l tri due legati d i identico i mporto a favore d i a l tre due beneficiarie, M.M. e V.T., per un i mporto complessivo d i d i franchi svizzeri, l equivalente, all epoca, di circa 19 miliardi di vecchie lire. P e r contro, il Tribunale ritiene del tutto i llogico che l a d e cuius possa a vere voluto d i sporre d i risorse finanziarie i nesistenti n el suo p a trimonio, dovendosi al contrario p resumere che la stessa fosse senz altro consapevole della consistenza e ffettiva d elle p roprie sostanze. Né le clausole n e lle q u ali sono stati d i sposti i legati possono l eggersi disgiuntamente d all intera scheda testamentaria, nella quale la medesima testatrice manifesta con chiarezza la volontà di lasciare tutti i suoi beni, al n e tto dei legati, agli eredi sorelle e nipoti rendendo così del tutto trasparente ed i n equivoca la convinzione d i ripartire i l p roprio e ffettivo a sse e reditario i n modo tale d a soddisfare tutti i soggetti a vario titolo b e neficiati senza volerli onerare di u n l egato del tutto sproporzionato al valore dell asse. V a p o i considerato il tenore letterale complessivo d el testamento; dallo stesso - redatto quando la testatrice era q u a si settantenne - si e vince u n uso non a ppropriato d ella lingua i ta l i ana, coerente con l a circostanza, pacifica i n causa, che la stessa a vesse p e r molti anni l a vorato e vissuto in S vizzera (cfr. Tribunale Vallo della Lucania, i n Giur.it. 2002, 2070, che a fferma l ammissibilità d ell interpretazione del testamento q uando sia e vidente, alla stregua d ell interpretazione soggettiva, che i l testatore è incorso in e rrore o stativo). Tenuto q uindi conto della consistenza del p a trimonio d ella de cuius, d el contenuto complessivo della scheda testamentaria, d elle incertezze (linguistiche, sintattiche e g rammaticali) e mergenti n el testamento, d ella l unga residenza p rima i n S vizzera e da ultimo i n Italia, d el p o ssesso d i conti bancari p a rte in S vizzera, e spressi in franchi svizzeri, e p a rte in Italia, e spressi i n l i re i taliane, è d a ritenere che la testatrice s ia i n corsa i n e rrore n e lla indicazione n u merica dell importo d ei legati, confondendo tra e , sempre i n franchi svizzeri, errore che appare verosimile tenuto conto del rapporto d i cambio tra franco svizzero e l i ra i taliana e conseguentemente della variazione del d a to n u merico, a p p rossimativamente a parità d i valore, p e r circa tre zeri. L e rrore i n cui è incorsa l a testatrice a ppare p e r q u alche aspetto simile e p a ragonabile a quello in cui molti cittadini i taliani sono i n corsi a seguito del passaggio dalla lira all euro, confondendo talora fra milioni d i e u ro e i milioni di lire, i n forza d ell abitudine a ragionare in lire. L a conclusione cui i l Collegio ritiene di dover p e rvenire coincide oltre tutto con l interpretazione d a ta alla volontà d ella testatrice d alle altre 8

9 d u e parti legatarie, che pur a vendo una p o sizione giuridica e di i n teresse coincidente con q u ella dell odierna a ttrice, n o n h a nno mostrato dubbi di sorta i n o rdine a ll interpretazione d el testamento ed h a nno accettato ciascuna un legato di franchi svizzeri. Tenuto conto d elle circostanze sopra e videnziate, il C ollegio ritiene p e rtanto che la testatrice abbia e rroneamente indicato l importo d e lla somma l egata, in franchi S vizzeri intendendo i n vece riferirsi a franchi Svizzeri. In a pplicazione d ell art.625 c.c. è q u indi possibile, in deroga al p rincipio secondo cui l e d i sposizioni testamentarie d e bbono risultare d al testamento, o perare una correzione o rettifica d e lla dichiarazione viziata d a errore ostativo, sostituendone il significato con quello che e ssa a vrebbe a vuto nel caso in cui i l testatore n o n fosse caduto n ell errore. R i tenuto p e rtanto che nel caso d i specie l a d e cuius intendesse e ffettivamente riferirsi a franchi S vizzeri, anziché a d i franchi S vizzeri l a disposizione testamentaria va i n tal senso rettificata. P o i ché risulta, p e r a mmissione della stessa B.L., che tale importo l e è g ià stato versato dagli e redi all attrice, null altro a tale titolo spetta a lla predetta in adempimento del legato per cui è causa. L a d o manda a ttorea va q uindi rigettata, mentre le ulteriori domande d i p a rte convenuta svolte i n via subordinata rimangono a ssorbite d alla correzione della disposizione nel senso sopra indicato. Quanto a lla d o manda riconvenzionale formulata d ai convenuti e volta a d o ttenere il risarcimento dei d anni d e terminati d al congelamento d ei fondi p a trimoniali della d e cuius depositati p resso l a Zurcher K a n tonalbank, e ssa va rigettata per non a vere i convenuti p rovato l entità e la d u rata d el preteso b locco, non risultando a tal fine sufficiente la produzione della lettera dd della citata banca svizzera (v. d o c. 5 fascicolo d i parte convenuta); i n o g ni caso l a ttrice si e ra l imitata a chiedere alla ridetta b anca informazioni e n o n l effettuazione a suo favore d i pagamenti, come dalla stessa e spressamente ribadito con telegramma (v. d o cc. da 6 a 1 3 fascicolo di parte attrice. N eppure può trovare a ccoglimento l a d o manda di condanna dell attrice e x a rt.96 c.p.c., in d i fetto di d imostrazione d ella concreta ed e ffettiva e sistenza di u n d anno patito d a p a rte dei convenuti in conseguenza del comportamento processuale d ell attrice soccombente (v. Cass. 4 n o vembre 2005 n.21393; Cass. 12 dicembre 2005 n.27383) 9

10 L e spese di lite, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza d ell attrice. P.Q.M. Il Tribunale di B e l luno i n composizione collegiale, d e finitivamente p ronunciando, nella causa p romossa da B.L. n e i confronti d i D.L U., D.L A., D.MA., D.LO., R.E., R.F. e R.V., o gni altra d o manda ed eccezione reietta, - rigetta la d o manda a ttorea e l a domanda riconvenzionale d ei convenuti; - accerta e dichiara che i l legato d i sposto d a D.M.A. con testamento o lografo p u bblicato il con a tto N o taio A l e ssandro Gandolfi Taleggi Rep. n /8960 a favore di B.L. h a ad o ggetto l importo di franchi svizzeri, così rettificando l a corrispondente d i sposizione testamentaria; - condanna l attrice a l p a gamento delle spese d i lite a favore di p a rte convenuta, che liquida i n complessivi euro ,13, di cui e u ro 5.838,42 per diritti e d e u ro ,20 p e r o norari, oltre spese g e nerali, IVA e CPA come per legge. B e lluno, 17 ottobre 2007 IL PRESIDENTE IL GIUDICE EST. IL CANCELLIERE D E P OSITATA IN CANCELLERIA IL 2 9 gennaio 2008 IL CANCELLIERE 10

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO).

CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CONTRATTO PRELIMINARE (COMPROMESSO). CASS. CIV., SEZ. II, 8 NOVEMBRE 2010, N. 22653. Le parti che firmano un contratto preliminare possono stabilire che entro il termine fissato dallo stesso il promittente

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento Iscrizione e ricerca di un testamento Quali sono le principali forme di testamento in Italia? * il testamento autentico, redatto da un notaio. * il testamento olografo, scritto, datato e firmato di pugno

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI

PRECLUSIONI ISTRUTTORIE: QUESTIONI PRINCIPALI Incontro di studio in materia di diritto processuale civile in data 24 novembre 2001, presso l Aula Magna del Palazzo di Giustizia Bruno Caccia TORINO, intitolato L obiettivo sulla riforma processuale,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE DICHIARA- genzia ZIONE ntrate genzia ntrate DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE MOD. 4 Direzione Provinciale Direzione di Provinciale di Ufficio Territoriale di Ufficio Territoriale di PARTE RISERVATA ALL UFFICIO

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7

Domanda di pagamento dei ratei di pensione maturati e non riscossi - 1/7 Istituto Nazionale Previdenza Sociale PR O TOC OL L O COD. P23 maturati e non riscossi - 1/7 Questi moduli vanno utilizzati da tutti gli eredi di un pensionato, in assenza del coniuge. Se esistono più

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Naming Authority italiana. Lodo arbitrale. reso dal Collegio arbitrale composto da. Dott. Luca Barbero, presidente relatore;

Naming Authority italiana. Lodo arbitrale. reso dal Collegio arbitrale composto da. Dott. Luca Barbero, presidente relatore; Naming Authority italiana Lodo arbitrale reso dal Collegio arbitrale composto da Dott. Luca Barbero, presidente relatore; Avv. Enzo Fogliani, arbitro estensore; Dott. Alessia Ambrosini, arbitro Costituito

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

-vi; Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi SENTENZA. Mc~ Ne, -ri&rrente- Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro, Ma LU Tal

-vi; Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi SENTENZA. Mc~ Ne, -ri&rrente- Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro, Ma LU Tal SENTENZA Nella causa n. 4626 R.G. 2005 promossa da Ma Lu Ta, col proc. dom. aw. AII Pil e Ne Fa1 n.,mi -vi; Mc~ Ne, -ri&rrente- Svolgimento del processo 3 Con ric0rs0 al Tribunale di Milano, sezione lavoro,

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli