Quindicinale della Comunità Italiana del Cile. 16 aprile 2009 Anno XXXX Nº 757

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quindicinale della Comunità Italiana del Cile. www.presenza.cl 16 aprile 2009 Anno XXXX Nº 757"

Transcript

1 16 aprile 2009 Anno XXXX Nº 757 Franqueo Convenido Res. Nº 1062/1979 Santiago Cas Av. Bustamante 180 Fono: Fax: Aderente alla FUSIE e FSS Mal comune mezzo gaudio Queste terre che ci hanno accolto con le braccia aperte insieme a tutte le persone sparse per il mondo che cercavano un soluzione alla povertà o alla persecuzione politica dei loro paesi hanno trovato pace e lavoro però non troppa tranquillità. Mi riferisco che, come da noi in Italia, le terre sovente sogliono ballare a modo loro portando distruzione e morte ad esseri umani assolutamente indifesi contro la immane forza della natura anche qui in Cile. E successo di nuovo da noi, a pochi chilometri da Roma, a L Aquila, che di colpo le terre hanno cominciato a tremare ed a ruggire creando danni irreparabili alle numerose dimore degli aquilani presi dal panico. Come sarà che i movimenti più forti si sentirono persino a Roma e a Napoli con una intensità che raggiunse i 5,2 gradi della scala Richter. Qualcuno direbbe che in altre occasioni ultimamente la ter- Quindicinale della Comunità Italiana del Cile Cont. in ultima pagina Per le vittime del terremoto d'abruzzo Santa Messa in suffragio delle vittime Domenica 19 aprile, alle ore 11,00 si celebrerà in Parrocchia una Santa Messa in suffragio dei defunti del terremoto. Tutta la comunità è pregata di stringersi attorno alle nostre autorità d'ambasciata, Consolato, Istituzioni ed Associazioni per rendere una orazione di suffragio per i terremotati Donazioni in favore delle vittime del terremoto A seguito delle numerose richieste pervenute da parte di cittadini cileni e di connazionali intenzionati ad effettuare donazioni finanziarie in favore delle vittime del terremoto in Abruzzo, si fornisce il numero di Conto Corrente indicato dalla Regione Abruzzo, sul quale è possibile versare contributi che verranno devoluti a tale scopo. BIC: BROMITR1775 IBAN: IT 69 L CAUSALE: RE- GIONE ABRUZZO - DONAZIONE PER IL SISMA Con l occasione, si ringraziano tutti coloro che parteciperanno alla raccolta fondi. La cultura diessina schiaccia quella cristiana Paola Binetti sceglie il quotidiano online Affaritaliani.it per denunciare senza mezzi termini che cosa non va nel Partito Democratico. «La cultura diessina è schiacciante su quella cristiana». E chiede un alleanza di governo con Casini. «Questo partito nel- ra tremò raggiungendo i 7-8 e 9 gradi della stessa scala. Il problema è che L Aquila è vecchia e sulla volontà del popolo di mantenere vive le grandi realizzazioni architettoniche degli ultimi secoli non si preoccupò mai di rinunciare a cambiare gli echi storici per costruzioni più solide e moderne. Danni come per esempio la boveda romanica della Basilica di Santa Maria Collemaggio che cadde sulla tomba dei resti del papa Celestino V (quello del gran rifiuto); si parla di circa 300 vittime senza contare che altre potrebbero venire alla luce in questi giorni e quelle che sono gravemente giacenti negli ospedali. I feriti sarebbero più di mille e settecento dei quali un buon 15% gravi. Berlusconi è subito arrivato a L Aquila e vi è tornato per tre giorni consecutivi cercando disperatamente soluzioni per le la sua fondazione ha fatto delle promesse: dare vita a una forza politica capace di fare la sintesi tra la migliore tradizione del cattolicesimo orientato in senso sociale: la storia della Democrazia Cristiana che aveva la sua anima più vibrante In ultima pagina L Abruzzo ferito Nella prova l'italia si svela diversa C è qualcosa, nelle cronache di dolore dall Abruzzo, che si insinua come fra le righe. Qualcosa come una nota diversa in tanta morte, in tanta devastazione. Improvvisamente, qui e là, fra le parole gettate concitatamente nei microfoni dagli scampati, una nota che stona nella desolazione. È quando una madre racconta di come è stata salvata la sua bambina, da dei vicini sconosciuti che si sono arrampicati sui cornicioni per arrivare a quella stanza. L Aquila colpita al cuore: città sconvolta - Sbriciolati case ed edifici pubblici. Evacuato l ospedale - La disperata ricerca dei dispersi Cont. in ultima pagina L Aquila ha le ali spezzate: abbattuta dal terremoto, ma non uccisa. È stato un doppio colpo di maglio che di notte ha sgretolato case ed edifici di una città, schiantato cornicioni e balconi. Le tubature d acqua e gas sono saltate, si sono spezzate molte linee elettriche e le crepe via via s aprivano sulle strade e nei marciapiedi. Un doppio colpo che, soprattutto, ha assassinato. Raccontare qui ed ora significa dirvi della mamma morta che stringeva fra le braccia i suoi due bambini e soltanto nel pomeriggio li hanno strappati, tutti e tre morti, alle rovine della loro casa nel centro storico. Dirvi dell ospedale e delle centinaia di persone anziane e spaurite nei letti all aperto, con le flebo e i comodini carichi di bende e medicine e dolore. Dei disabili in carrozzella che poliziotti e volontari e vigili del fuoco spingono via dal terrore. Raccontare qui ed ora significa spiegarvi della «Casa dello studente» che adesso è Abruzzo: oltre il dolore Anche con la morte di Cristo sul Golgota un terremoto ha devastato città e seminato lo spaventato fra coloro che assistevano alla crocifissione. Da sempre quando ci colpisce un terremoto il mistero prende posto fra gli uomini. E in questi casi alziamo gli occhi per vedere se questo Mistero che ci tiene in mano è cieco o se ha un volto buono. Nel dolore è difficile guardare. Il dolore tende a far calare le tenebre sullo sguardo e siamo portati a vedere solo la nostra pena. È naturale, è umano che sia così. E a veder le case, quelle costruite magari con pena e sudore di anni crollare addosso agli abitanti, ai ragazzi, ai piccoli avvolti nel sonno, agli anziani e ammalati lo sguardo si oscura. Viene quasi da pensare che se si abitava ancora in capanne, meno agi meno morte... Ma sono pensieri inutili. Mentre arrivavano le notizie dall Abruzzo, terra cristiana, piena di luoghi di miracoli viene da fissare il fondo delle cose, il fondo dei perché dei terremoti e di altre disgrazie. Viene da gridare: cosa vuol dire tutto questo? Il cristiano fa domande a Dio. Non crede a una natura madre che diventa matrigna improvvisamente. Francesco, il santo e poeta, lo sapeva bene. Loda le creature, ma non chiama mai madre la natura. Sapeva che gli uccellini sono belli, ma anche che il lupo è feroce, che l acqua è chiara ma sapeva che la lebbra è orrenda. solamente calcinacci e polvere e sembra di rivedere la scuola di San Giuliano di Puglia il 31 ottobre Dei ragazzi che piangono e si abbracciano. E di chi ha perso le persone che amava. Perché la ferocia di questo terremoto è stato come quella di un milione di tonnellate di tritolo e provate a immaginare cosa succeda. Ma non è tragedia e morte e nient altro: le scosse continuano, colpiscono martellanti, però non hanno ancora vinto. La reazione degli uomini è stata uguale e contraria: dovreste guardare anche le ambulanze che fanno centinaia di volte su e giù con gli ospedali di Rieti e Avezzano, ad esempio, per spostare i feriti dall ospedale lesionato e quasi inagibile ad altri, mentre gli elicotteri non hanno mai spento i motori per volare a salvare. Dovreste vedere chi sta scavando fino a sbucciarsi le mani e anche dopo, perché tirar fuori un corpo senza vita non vuol dire che anche gli altri là sotto l abbiano già persa. Dovreste aver sentito quel ragazzo che sorregge, aiuta a camminare un uomo anziano con gli occhi gonfi, e facendolo infine sedere in macchina lo scuote sottovoce, ma amorevolmente duro: «Papà, il mondo non è finito!». Le parole del governatore Cont. in ultima pagina Che la natura è sorella, ha bellissimi pregi che indicano una creazione buona, ma è anche piena di difetti, come noi. Sorella, non madre. E Francesco loda gli uomini, tra le creature, che sanno perdonare e sopportare il male in nome di Dio. Perché sono suoi. Perché gli uomini non sono della natura, ma figli di Dio. Il cristiano nella settimana in cui Cristo si fa esporre sanguinoso sulla Croce grida a suo Padre «perché mi hai abbandonato?», grida con lui. E chi grida al Padre, anche nelle ore del dolore sarà ascoltato. A quell ora tutti gli abruzzesi dormivano. Italiani volonterosi e miti, intelligenti e quieti, l Abruzzo li fa dormire bene perché è una terra meravigliosa, compresa tra il mare e la montagna, un prodigio di compiutezza italiana. Una terra di mare, una terra di dolci rive, e una terra montuosa. La violenza tellurica ha operato distruzione di notte di un magnifico popolo di lavoratori in cui si assommano tutti gli elementi dell italiano, una sintesi del nostro tipo nazionale. Inchiniamoci a L Aquila e alle città vicine colpite, a quel centro dell Italia e del nostro cuore, che sta tra la montagna e il mare, che tutti ci rappresenta anche simbolicamente, in questo tempo, nel nostro pianto di fratelli d Italia. Giuseppe Tomasi

2 2 Presenza-16 aprile 2009 SPAZIO APERTO Corrispondenza La Direzione ringrazia i lettori che le scrivono perché dimostrano interesse per i problemi e la vita della nostra comunità. Nello stesso tempo si scusa se, per evidenti ragioni di spazio, qualche lettera dovrà essere ridotta. La Direzione inoltre si riserva la pubblicazione di lettere che riterrà molto conflittive. Grazie, cara Carmen Caro P. Giuseppe, me llamo Carmen G. Bosticca M. casata con Pedro Bellolio. Tengo 74 años, soy argentina de padres italianos. Mi mamá Ida, nació en Lavagna y mi papá Mario en Chiavari (Genova). Por motivo de matrimonio vivo en Chile hace 53 años. Años muy felices con dos hijos y dos nietos. Permítame manifestarle que es un lujo que la Parrocchia Italiana edite este quincenal. Es un regalo muy deseado y un bálsamo para nuestro espíritu. Me gustaría saber si nuestro Arzobispo en Concepción, Mons. Ezzati, está suscrito para hacérselo llegar si no fuera así. Y como tantas veces he solicitado, díganme a quien le puedo entregar los ejemplares ya leídos, ya que considero que este material debe aprovecharlo otras personas. Entre otros artículos he traducido el que se refiere al día de los Nonnos. Se lo he hecho llegar al P. Andrés Ariztía de la Fundación Las Rosas que se preocupa esclusivamente de los abuelos. Le sugerí que ellos patrocinaran ese día y se le diera la difusión que corresponde tal como se hace con el día de la madre, del padre, ect. ect. P. Giusdeppe, lo voy a llamar en unos dias más para conversar con Ud. Muy agradecida Carmen Bellolio Cara Carmen, ha ragione anche lei; dovremmo fare qualcosa per diffondere con più impegno Sei di Santiago e non ricevi con regolarità Presenza? Chiama al Tel: EDITRICE Parrocchia Italiana N.S. Pompei Scalabriniana *** RAPPRESENTANTE LEGALE Giulio Rubin *** DIRETTORE RESPONSABILE Aldo Costa *** DIRETTORE REDAZIONALE Giuseppe Tomasi *** COLLABORATORI Giovanni Ferralis Fina Franchini Gloria Nocchi Consuelo Canessa *** CORRISPONDENTI Arica Verónica Bibiano Antofag. Pedro C. Rojas I. Iquique Juan Schenoni La Serena Caterina Pezzani Quillota G. Campodonico V. Alemana Gilda Rivara Valparaiso Giulietta Costa Concep. Giancarlo Carro Osorno G. Quezada *** Contribuzione annua $ Cheque nominativo a «Presenza» *** Stampa C. von Plate Esce il 1º e il 16 di ogni mese il nostro periodico che sintetizza la cultura italiana (che è anche religiosa). Mons. Ezzati riceveva Presenza quando era a Santiago; una volta a Concepciòn lo abbiamo perso di vista (non di profonda amicizia; siamo legati, oltre che dal sacramento dell'ordine, anche da origini vicentine comuni). Ho tralasciato di pubblicare la seconda parte della sua lettera: ho fatto ricerche; di tutti i nomi che mi risulta è solo il dott. Piero Nicolini il cui indirizzo coincide con il suo. Il suo telefono è: Cara Carmen spero di ritrovarci con i tanti amici che ancora penso di contare nella meravigliosa città di Concepciòn. Un bel regalo Caro Bepi, ti invio questo CD-R con tutte le foto contenute nei tre album del Coro e gli articoli (alcuni tuoi) referenti alle diverse presentazioni. Tutto questo lo potrai proiettare sullo schermo TV con il DVD ingrandendo le immagini e così leggere con comodo tutti i ritagli dei giornali. Spero che questa mia idea ti sia grata. Un sincero e cordiale saluto Girardello PS. Si potrà dire che questa è la storia completa del Coro? Caro Gira, credo proprio che, quanto hai compilato con pazienza e accuratezza, sia un grande apporto alla storia del Coro Alpino. E' facile, con il tempo, dimenticare, tralasciare nomi, appuntamenti canori. Io manterrò questo archivio ben documentato che fa vivere ad ogni consulta una delle attività più prestigiose della nostra comunità. Un Coro così è unico nelle Americhe e forse anche un pó più in là. Congratulazioni e grazie del lavoro prezioso. Momenti ispirati Un poeta: Gerardo Claps G. Tempo fa l amico Gerardo Claps mi aveva inviato la notizia della pubblicazione di un suo libro di poesie. Ma senza nessun commento. Qualche settimana fa la casa editrice (Imprenta Italiana - Cannoni) mi ha fatto pervenire il volumetto di 130 pagine. Me lo sono letto e mi sono convinto dell afflato poetico che permea ogni pagina della pubblicazione. Non sono solamente dei versi affastellati: c è della magnifica sostanza nelle manifestazioni verbali ricche di sentimento e percezioni di un anima sensibile che sa cogliere aspetti del vissuto che sfuggono alla maggioranza. E te li pone lì, alla tua meditazione, con pennellate soavi o forti, sempre improvvisi, con espressioni che ti colgono di sorpresa. Da notare anche le molteplici ed attrattive forme poetiche che l autore ha impiegato per esprimere i suoi sentimenti. Un applauso, caro Gerardo, anche per quelle riflessioni che ci portano al Salvatore. Il volumetto porta un titolo: Cuadernillos de poesia. Una lettera che può creare confusione Caro P. Giuseppe, Alcune persone mi hanno chiamato per telefono, tra esse mio fratello Massimo, per chiedermi informazioni in merito a una lettera che gli è stata spedita dal nuovo Patronato INAS-CISL. La suddetta lettera spedita a tutti i cittadini italiani residenti in Cile, come si legge nel testo, annuncia che l INPS procederà a una nuova campagna reddituale per tutti i pensionati italiani residenti all estero. Per evitare equivoci, quello che ho detto in privato lo dico anche in pubblico: solo i cittadini italiani con pensione INPS sono tenuti a compilare il modulo reddituale per l anno e Questa obbligazione non sussiste per coloro (come il sottoscritto e tanti altri), che non siamo titolari di pensione dell INPS. A quanto pare il nuovo patronato non bada a spese postali. Ci complimentiamo. Ma attenzione: dare una informazione sparando sul gruppo è uno spreco, ed inoltre si può trasformare in un elemento che provoca confusione, come nel caso in questione. Distinti Saluti Paolo Castellani P:S: Allego la lettera indirizzata al sottoscritto. Caro Paolo, lettera che, naturalmente, mi esimo dal pubblicare. Psicóloga Antonella Capozzolo Atención adultos y niños cel Monjitas 527 (metro Bellas Artes). Abbonamento Fiducia reciproca Tanti lettori fedeli ci seguono da anni dimostrando fiducia nel nostro operato. Per poter continuare a seguirlo chiediamo ancora un segno di fedeltà. Molti pensionati ci chiedono l abbonamento gratuito (che neghiamo a nessuno).il fatto ci obbliga a creare una èlite di sostenitori che conguagliano gli abbonamenti gratuiti. Vi ringraziamo cordialmente della collaborazione. Per facilitare il versamento dell abbonamento abbiamo aperto nel Banco de Chile la Cuenta de Ahorro N a nome di Giuseppe Tommasi B.. Una volta fatto il versamento la preghiamo di inviarci per mezzo di lettera o fax la ricevuta o semplicemente informarci per o per telefono. Vedi in prima pagina, in alto. i dati. Cognome...Nome... via...città... Abbonamento normale pesos Abbonamento sostenitore pesos. Cheques esteso a PRESENZA Informazioni ACLI Bustamante Santiago Tel-Fax: Pagina web: LA NUOVA SCUOLA ITALIANA Ci sono occasioni, che per sfortuna non sono tante, la cui inaugurazione di una sede nuova ci fa contenti oltre che orgogliosi dell opera compiuta. A rafforzare i sentimenti di adesione e allegria sicuramente è il fatto che si tratta niente di meno che dell istituzione tra le più anziane di Santiago e del paese, tranne ovviamente la Società Italiana di Mutuo Soccorso L Umanitaria che è stata la madre-madrina della Scuola Italiana di Santiago Vittorio Montiglio fondata precisamente in una seduta dell Umanitaria nel lontano A ricordarlo, guarda caso, è stato il nostro caro ambasciatore Paolo Casardi, un pregio degno del sua permanente attenzione per le cose che riguardano la nostra comunità. Un programma che ha mantenuto con determinazione e lavoro sodo l attuale Consiglio e anche ovviamente i Consigli del passato recente, soprattutto quando é stato acquistato il terreno dove si è edificata la scuola. A questo proposito mi sembra doveroso ricordare chi ha reso possibile la costruzione del nuovo edificio della scuola. Quindi è giocoforza nominare Giuseppe Canepa deceduto alcuni anni fa, presidente del Consiglio per tanti anni. Ricordare la visione di futuro soprattutto di Giovanni Ferralis, che gli è succeduto nella presidenza del Consiglio, i quali tra altri, con insistenza e coraggio hjanno acquistato il terreno dove oggi si innalza la scuola italiana. Ci sono tanti altri connazionali, ancora sulla breccia dell'attività, che sono stati determinanti per concludere la nuova scuola. A tutti loro un caloroso e meritato applauso. E agli attuali consiglieri diciamo con una punta di emozione che "i vostri nomi resteranno scolpiti a fuoco nel cuore di ognuno di noi". Sono del parere, condiviso ovviamente da tutti, che si meritano una concreta riconoscenza dell Italia. La nuova scuola è il miglior dono degli italiani all educazione nazionale in occasione precisamente del Bicentenario della Repubblica de Cile. Ascoltavo le opinioni di tanti italiani che non risparmiavano parole per lodare la bella e funzionale scuola italiana, degna della storia e l integrazione dell Italia e degli italiani con il Cile. Si sentiva ripetere dovunque qualificandola come un' opera degna della creatività e degli italiani, che abbiamo condiviso con gli spagnoli la conquista del Cile dal tempo di Pedro di Valdivia. L ambasciatore lo ha pure ricordato nel suo saluto: gli italiani siamo arrivati a questo paese con gli spagnoli che hanno conquistato il territorio (1540). Ma sono stati gli italiani che hanno fatto possibile l unità territoriale e l incorporazione degli Araucanos mediante la azione evangelizzatrice di tanti missionari delle diverse congregazioni religiose: gesuiti, francescani e cappuccini italiani che hanno pure lasciato la vita per la pacificazione e l integrazione dei mapuches al paese. Il Presidente Manuel Bulnes ottenne dalla Congregazione dei Padri Cappuccini, con apposito "Accordo" sottoscritto in Roma, l invio di un importante contingente di frati italiani per rafforzare la azione dei francescani nel territorio ostile della provincia di Arauco. La colonia italiana proveniente dall Emilia Romagna radicata in territorio mapuche nel 1904 è stato il primo enclave cileno in Lumaco, oggi un bel paese italiano nella cordillera di Nahuelbuta che porta il nome di nome Capitan Pastene. La comunità italiana con la scuola non fa altro che rafforzare i secolari vincoli con il Cile. La scuola italiana di Santiago non è solo un bel e moderno edificio. I programmi educativi rafforzati con la parità scolastica e l ammodernamento accademico in atto, trasformerà la Vittorio Montiglio in una scuola d avanguardia sia sul piano dell insegnamento come pure nella formazione dei ragazzi e le ragazze che dovranno servire al paese e anche all Italia, la patria dei loro antenati. Per i genitori di studenti che non hanno la discendenza italiana, la sicurezza che la scelta della cultura italiana sarà senz altro determinante nella vita futura dei loro figli. PAOLO CASTELLANI LLEVE A SU CASA PRE-PIZZA LISTA * * * PRUEBE NUESTRA FUGAZA Av. Apoquindo teléfono Av. B. O'Higgins teléfono

3 TERZA PAGINA Passatempo e umore Presenza-16 aprile L Aquila colpita al cuore Il patrimonio culturale del capoluogo abruzzese, che custodisce preziose testimonianze medievali e barocche e in cui sono scritte la storia e la fede di un popolo, ha subito pesanti conseguenze Dr. Augusto Brizzolara specialista in Geriatria e Gerontologia El Trovador 4280 Of Las Condes Fono-Fax: Beeper Cod 8784 L Aquila è fondata nel varco, subito va lontano fino ria del Suffragio, vertice del bellissime porte antiche, Duecento e la tradizione al Gran Sasso e al Sirente barocco aquilano. E questo gli intramezzi, ed è stata vuole che il modello fosse la dominanti la vasta conca», patrimonio ferito e risorto, lesionata la volta superiore scriveva Guido Piovene nel già nel Settecento, può esse- della chiesa», ha raccontato Città Santa. Padre Giovanni MastrodOggi la Gerusalemme suo Viaggio in Italia. re un segno di speranza. La storia di questi luoghi d Italia, custode di tesori Le istituzioni, la diocesi e i di, superiore del convento medioevali e barocchi, è pro- feriti è storia di grandi per- volontari sono già al lavoro. abruzzese. A Paganica parte della fondamente ferita nella sua sonaggi. È la storia di una «Sono stati identificati i gente e nel suo patrimonio delle più straordinarie fon- magazzini in cui mettere in facciata della barocca chiesa culturale. Chiese e palazzi dazioni del Medioevo e della sicurezza le opere danneg- della Concezione è crollata, del centro storico sono stati solidarietà delle popolazioni giate e quelle che sono in così come è andato distrutta colpiti duramente dal sisma, dei tanti castelli, novan- luoghi crollati o pericolanti. parte del monastero di Santa la bellezza e la memoria tanove per tradizione, che Inoltre il ministero ha costi- Chiara, fondato nel 1447 dalincarnata nell arte e nell ar- presidiavano la conca sol- tuito una task force, formata la beata Antonia da Firenze, chitettura sono diventati cata dal fiume Aterno e che da esperti che hanno operato uccidendo la badessa delle calcinacci e polvere, come ottennero da papa Gregorio in Umbria in occasione del si- clarisse Gemma Antonucci. parte del transetto e l abside IX e dall imperatore Corrado sma del 1997, per supportare A Celano una parete è crolladella basilica di Santa Maria IV l assenso per edificare i funzionari locali», ha detto ta sull altare della trecentedi Collemaggio, voluta nel L Aquila, la città delle novan- Giuseppe Proietti, segretario sca chiesa di San Francesco da Pietro da Morone, il tanove chiese. È la storia di generale del ministero per i A Fossa ha subito danni Santa Maria ad futuro CelestiCryptas, comno V (di cui è pletamente afrimasta intatfrescata da cicli ta la tomba), o pittorici che riporta Napoli, salgono al XIII arco di trionfo e al XIV secolo. eretto in onore Ma il bilancio dell imperatore degli edifici stocarlo V. rici colpiti è pursi riempie di troppo molto più cielo il grande ampio. squarcio della Il terremoto cupola ottocenha avuto contesca che Giuseguenze nel seppe Valadier resto d Abruzzo realizzò per la (oltre che nei chiesa di Santa centri minori è Maria del Sufstato lesionato fragio o delle il duomo di San Anime Sante, Berardo a Tecostruita dopo ramo) e anche il terremoto del nelle Regioni li1703 e restaumitrofe. A Roma rata nel 2003, si è temuto per perché colpita l e Te r m e d i da un fulmine Caracalla, ma che ne aveva l ispezione del distrutto l alsoprintendente tare. Angelo Bottini, Al terremoto A sinistra, il palazzo della prefettura. A dopo un sopralnon hanno re- destra, il castello cinquecentesco che ha luogo nell area sistito la cella subito crolli all interno Sotto a sinistra, il archeologica, campanaria e campanile di San Bernardino e la chiesa della ha rassicurato: l abside della Concezione a Paganica «Non emergono chiesa di San danni al patribernardino e il transetto del Duomo. Così Celestino V, il papa del gran Beni e le Attività Culturali, monio, fatta eccezione per come è crollato il cupolino rifiuto, l eremita Pietro da che ha il compito di coordina- una lesione preesistente della chiesa di Sant Ago- Morrone, e della sua chiesa re il monitoraggio di musei, nell arcone centrale della stino, esempio del barocco di Santa Maria di Collemag- monumenti e siti archeologi- natatio delle Terme di Caaquilano, finito sul palazzo gio, la più bella della città e ci, in stretto contatto con la racalla, aggravatasi dopo le della Prefettura, dove era tra le più belle d Italia, con la direzione generale d Abruzzo scosse sismiche e che verrà monitorata». anche custodito il prezioso facciata di marmi bianchi e e le soprintendenze. La chiesa di Santa Maria Archivio di Stato dell Aquila, rosa, che ha resistito all urto Proietti dovrebbe essere del terremoto anche grazie nominato dal ministro Bondi di Collemaggio ha resistito che il sisma ha devastato. Gravi danni ha subito all impalcatura per i restauri commissario dei beni cultu- all urto del terremoto anche anche la chiesa di San Sil- in atto da tempo. rali per le zone terremotate, grazie all impalcatura per È la storia di san Bernar- ripercorrendo il modello già i restauri in atto da tempo. vestro, dall elegantissima dino, il mistico senese, che a utilizzato in Umbria e nelle Nasce una task force di facciata in pietra bianca. esperti che hanno operato in La fortezza spagnola, L Aquila trascorse gli ultimi Marche. sede del Museo Nazionale e anni di vita e nella città Gravi conseguenze ha Umbria nel 1997 per suppordegli uffici delle due soprin- abruzzese morì nel 1444: subito il convento di San tare i funzionari locali della tendenze, è inagibile: qui una nella chiesa rinascimentale Giuliano: «Sono crollate le Soprintendenza serie di crolli si è verificata al e barocca a lui dedicata riterzo piano ed è pericolante posano le sue spoglie. Indirizzi Utili È la storia di un popolo Ambasciata d Italia - Clemente Fabres 1050, - Providencia il ponte d ingresso. Nelle chiese e nei palazzi che il 2 febbraio del 1703 Tel.: è scritta la storia e la fede vede la sua città distrutta e Consolato - Román Diaz 1270, Santiago delle genti d Abruzzo: «Una trova la forza di rifondarla Tel: luce di montagna splende e di edificare, attraverso la Istituto Commercio Estero - Providencia 2653, Of. 1201, nelle vie de L Aquila. Lo Confraternita delle Anime Providencia -Tel.: sguardo, appena trova un Sante, la chiesa di Santa Ma- Camera di Commercio- Luis Thayer Ojeda 073,Piso l2, Provi. ESPECIALIDAD ITALIANA RISTORANTE SAN MARCO Huérfanos Santiago Manifestaciones - Banquetes Pastas - Carnes - Pescados- Mariscos Aire Acondicionado Reservas Fono-Fax Tel.: 562/ Fax: 562/ Istituto Italiano di Cultura - Triana 843, Providencia Tel.: Fax: COMITES -Av.Apoquindo Las Condes - Tel CARI -Av. Bustamante Providencia - Tel: Circolo di Professionisti di Origine Italiana Av. Apoquindo Las Condes - Tel: Club Stadio Italiano Av. Apoquindo 6589, Las Condes -Tel: Central. Liceo Italia: Nataniel (esq. Nuble) tel: liceoitalia.cl Scuola Italiana Vittorio Montiglio Av. Las Flores 12707, Las Condes - Tel: fax Parrocchia Italiana- Av. Bustamante 180 Providencia - Te: Fax: Hogar Italiano - Holanda 3639, Ñuñoa - Tel: Umanitaria - Av. Vicuña Mackenna 83 - Santiago - Tel: Pompa Italia - República 96 - Santiago -Tel: ACLI -Asociación Cristiana de los Trabajadores Italianos Bustamante 180 (Parroquia Italiana) - Tel- Fax:

4 4 Presenza-16 aprile 2009 ITALIA E ITALIANI Europee, Rivera ospitato dall Udc Casini, Cesa, Rivera... Per le elezioni europee del 6 e 7 giugno i centristi di Pier Ferdinando Casini scenderanno in campo col Golden Boy al centro dello schieramento. La candidatura di Gianni Rivera, presidente dell Unione movimenti popolari (Ump), è stata annunciata in un incontro a Montecitorio. Sarà capolista nella circoscrizione del Centro Italia. «Ringrazio Cesa e Casini per aver deciso di accoglierci in casa loro. Il nostro movimento parteciperà all Assemblea nazionale dell Unione di centro del 3 e 4 aprile, insieme alla Costituente di Centro di Savino Pezzotta e all Udc. L idea è un progetto comune tenendo la barra al centro». Una presentazione movimentata da qualche battuta calcistica («con Rivera è come se partissimo con un gol già fatto», ha affermato Cesa), dal regalo di Casini a Rivera di una sciarpa rossoblu del Bologna, in onore di Giacomo Bulgarelli e da alcune annotazioni politiche sul referendum elettorale e sulla candidatura di Silvio Berlusconi alle Europee. Una polemica, quest ultima, sulla quale Diciannove persone sono state arrestate nel Casertano in un operazione condotta dai Nas. I carabinieri hanno accertato l uso di sostanze dopanti negli allevamenti bufalini. Le bufale venivano dopate con la somatotropina un ormone della crescita. Venticinque gli allevamenti coinvolti (sui circa 2000 in provincia di caserta) che usavano l ormone sugli animali per produrre più latte. L uso di quest ormone nell allevamento degli animali da latte in Italia (e in tutta la comunità europea) è stato vietato da alcuni anni. Cosa ben diversa negli Usa dove i prodotti steroidei per la incentivazio- Poker online: ogni giorno in Italia vengono giocati 5,8 milioni di euro C è la crisi in tutti i settori, ma ce n è uno per il quale gli affari stanno andando a gonfie vele. È il poker online. Nel mese di marzo in Italia è stato registrato un mercato complessivo di 178,6 milioni di euro, per una media giornaliera di circa 5,8 milioni. I dati sono dell agenzia specializzata Agicos. Rispetto a febbraio l incremento è stato del 19,8%, su gennaio l aumento è stato del 21%. Positiva anche l analisi del bilancio dei primi tre mesi del 2009, con un gioco complessivo di 463,4 milioni di euro. Il poker è ormai diventato il più importante gioco online in Italia, davanti alle scommesse sportive e ippiche. Anche a marzo Gioco Digitale si conferma provider leader del mercato del poker online con una media giornaliera di circa 1,9 milioni. Bene anche Microgame e Lottomatica. La piattaforma di Playtech, che riunisce Snai, Sisal, Cogetech ed Eurobet, è in crescita, così come Bwin. Tra le top ten anche Leonardo Service Provider mentre ha debuttato solamente l 11 marzo, ma in sole tre settimane Pokerstars ha già raccolto 7,2 milioni di euro. CUCINA ITALIANA Apoquindo Fono: Fax: Las Condes - Santiago Casini ha fortemente ironizzato col Pd: «Trovo francamente stucchevole questa discussione su chi si candida e chi non si candida alle europee. Chi si candida e viene eletto deve andare all Europarlamento ma se la sinistra ritiene di mettere in difficoltà Berlusconi con questa questione, Dio ce la mandi buona...». Il leader centrista ha quindi evitato di dare una risposta certa alla domanda su una sua eventuale candidatura, preferendo scherzarci su: «Le liste sono talmente piene che non so se c è spazio per me». Sul referendum Casini lascia intendere di non avere interessi particolari: «Se passasse per noi non cambierebbe nulla, avremmo sempre una quarantina di parlamentari. Diverso è per Lega e Idv. A noi interessa solo l inserimento delle preferenze». Fautore del referendum è invece Rivera: «Se passasse, il Parlamento sarebbe costretto a fare una legge seria». Il presidente Ump sarà capolista nella circoscrizione Centro Italia e andrà all assemblea del 3 e 4 aprile. Bufale dopate per produrre più latte nel Casertano ne della produzione lattiera sono ammessi. Interdetti dalla professione anche quattro veterinari, uno dei quali è stato arrestato. Il primo caso di uso delle sostanze steroidee nell allevamento delle bufale è datato all ottobre del 2006 quando i Nas scoprirono in nove allevamenti del salernitano l uso degli stimolatori ormonali. Fu proprio in quella occasione che si cercò di attuare una «ritracciabilità» del prodotto anche perché questo tipo di steroidi non sparisce nella trasformazione casearia del latte, ma entra nella catena alimentare. Dato che l uso di questa sostanza in Italia è illegale a procurarla e farla entrare nel nostro paese, e nel Casertano in particolare, sono le organizzazioni criminali che spesso sono anche proprietarie, direttamente o indirettamente di allevamenti bufalini, caseifici, reti di distribuzione. Naturalmente, favoriti dalla mancanza di controlli a tappeto e in assenza della «ritracciabilità» del prodotto (che dovrebbe partire fra qualche mese) e con alcuni allevatori-trasformatori che vorrebbero non solo usare latte congelato, ma anche grassi indiani e caglio rumeno, il gioco di alimentare con degli steroidi le bufale per produrre più latte (e quindi anche più mozzarella) è uno dei più facili. La somatotropina (STH, noto anche con l abbreviazione GH del nome inglese «growth hormone» cioè ormone della crescita) è un ormone proteico composto da 191 amminoacidi, sintetizzato, accumulato e secreto dalle cellule della adenoipofisi, che stimola lo sviluppo dell organismo umano e di molti vertebrati. È utilizzata dai bodybuilder che vogliono aumentare la propria massa muscolare in modo dannoso. El mundo a su alcance con La sconfitta fu bruciante, nel senso letterale della parola. Per sistemare una valvola della caldaia che faceva le bizze Peter Cooper si ustionò le mani. Non potendo far altro che subire impotente il sorpasso sul filo di lana da parte del carro trainato dai cavalli. La società Stockton & Stones, che gestiva a Baltimora il servizio di diligenza, aveva sfidato la sua locomotiva a vapore per stabilire chi fosse il più veloce fra il cavallo e il treno. Era settembre del 1830 e vinse il cavallo. La corsa fu ripetuta infinite altre volte, con il cavallo sempre perdente. Finché i treni iniziarono a sfidare ben altri mezzi di locomozione. All inizio del terzo millennio, in Italia, la contesa è nientemeno che con l aereo. Che in caso di sconfitta rischia la sopravvivenza. Proprio così: la sopravvivenza. Non si può certamente dire che Roberto Colaninno e Rocco Sabelli, rispettivamente presidente e amministratore delegato della nuova Alitalia, siano stati fortunati. Il decollo della Cai, la Compagnia aerea italiana che ha preso il posto della vecchia Alitalia e dell Air One di Carlo Toto, è avvenuto in coincidenza con l apertura della linea ferroviaria ad alta velocità fra Milano e Bologna. Che ha rosicchiato all aeroplano molti minuti. Preziosi a tal punto che a Fiumicino saranno probabilmente costretti a ricontrollare al microscopio i conti fatti nei mesi scorsi. Già. Il presupposto perché la cordata dei «patrioti italiani» (così li ha definiti Silvio Berlusconi) candida- Gral. Holley 145 F Fax con la cordialidad de Eurotur Il treno vola e sfida l aereo Milano-Roma: Alitalia studia contromosse. Sui binari oggi bastano tre ore e mezza ta a salvare la compagnia di bandiera abbia successo è il mantenimento per un certo numero di anni di una situazione di monopolio sull unica rotta che genera consistenti utili: quella fra Roma Fiumicino e Milano Linate. Senza quei profitti, hanno ammesso i responsabili della Cai, l operazione si potrebbe rivelare insostenibile. Così per garantire l esclusiva all Alitalia non si è esitato a procedere con manovre ai limiti del regolamento, per esempio la deroga alle norme antitrust. Senza considerare gli ostacoli che hanno incontrato i potenziali concorrenti. E il confronto fra Frecciarossa, come è stata battezzata la linea ad alta velocità fra Roma e Milano, e Frecciaverde, com è stato battezzato invece il servizio dedicato fra Linate e Fiumicino, è diventato uno scontro senza esclusione di colpi. Combattuto anche sul fronte dell immagine. Che faccia avrà fatto Colaninno nel vedere Berlusconi sorridente a bordo della Frecciarossa con cappello da ferroviere in testa, per la prima corsa di tre ore nette fra Roma e Milano, molti ancora se lo chiedono. Soprattutto se lo chiedono quelli che ricordano come sulla cordata italiana per il salvataggio della compagnia di bandiera il premier avesse giocato la campagna elettorale. Coniando in seguito anche questo slogan: «Io amo l Italia e volo Alitalia». A dicembre del 2008 i nuovi vertici dell Alitalia avevano fatto una simulazione sui tempi del tragitto di un ipotetico viaggiatore dall abitazione di Milano all ufficio di Roma. Arrivando alla conclusione che le tre ore e quaranta minuti necessarie per il trasferimento con l aereo erano ancora molto competitive con le quattro ore e mezzo, se non cinque, del treno. A molti quella simulazione è sembrata piuttosto generosa a vantaggio dell aereo. Impiegare cinque minuti per il check in in aeroporto, nelle ore di punta, è praticamente impossibile. E per il trasferimento dal check in all imbarco, passando attraverso i controlli di sicurezza, quindici minuti sono davvero un tempo estremamente modesto. Mentre per entrare nella stazione e salire sul treno non ci vuole certamente un quarto d ora. Il piano Obama per General Motors-Fiat-Chrysler: Marchionne verso il ruolo di ad General Motors rischia la bancarotta, mentre proseguono a ritmo serrato le trattative fra Fiat e Chrysler per chiudere l alleanza entro la scadenza imposta dall amministrazione Obama: al centro di colloqui ci sarebbero - secondo indiscrezioni - la struttura proprietaria di Chrysler, un nuovo cda e un nuovo management. Fra le opzioni in esame ci sarebbe un coinvolgimento diretto dell amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, nella gestione delle attività di Chrysler, addirittura con il ruolo di ad. La strada verso un accordo fra il Lingotto e la più piccola delle case automobilistiche americane non appare comunque in discesa, con l assetto proprietario di Chrysler oggetto di complesse negoziazioni fra gli azionisti Cerberus e Daimler e il sindacato United Auto Worker e i creditori. GM, - General Motors ha ancora un mese e mezzo di tempo per presentare un piano di ristrutturazione credibile, ma il governo degli Stati Uniti si sta già preparando a una bancarotta «rapida e chirurgica», nel caso la casa di Detroit non riesca a dimostrare di poter tornare solvibile. In questo caso, la spesa a carico dei contribuenti sarebbe compresa tra i 5 e i 7 miliardi di dollari. Sarebbe questa, secondo numerosi organi di stampa americani, tra cui il New York Times, la soluzione preferita dall amministrazione Obama per pilotare i destini del colosso automobilistico di Detroit, alla prese con enormi difficoltà finanziarie e nel pieno di tumultuose trattative con gli obbligazionisti e i sindacati dei lavoratori. I membri della task force nominata dal presidente americano per il settore automobilistico sono in contatto con il management della casa di Detroit e con i consulenti del gruppo in una fase definita dal quotidiano di Manhattan «preparatoria» al processo di amministrazione controllata. Esce dal coma dopo tre mesi,il giorno prima del suo compleanno Ha riaperto gli occhi, a tre mesi esatti dal drammatico incidente nel quale era rimasta coinvolta, proprio il giorno prima del suo quindicesimo compleanno. Così J.M. è uscita dal coma del quale era prigioniera dalla mattina del 9 gennaio, dopo essere stata falciata da un auto. La bella notizia è stata resa nota dal sindaco di Cessalto (Treviso), Giovanni Artico, che ha seguito la vicenda giorno dopo giorno. «Quando me lo hanno comunicato - ha detto Artico - ho avuto un tuffo al cuore. Ho parlato con la famiglia e quando mi hanno avvertito l emozione è stata enorme. Una mia figlia è sua amica, hanno la stessa età. Potete immaginare in questi casi come si possa sentire un padre. Davvero sarà una Pasqua di felicità per tutta la comunità, un segno dal cielo». L incidente era accaduto poco dopo le 7 di quel terribile 9 gennaio, lungo la provinciale 163 via Del Lago, che unisce Cessalto a San Stino. A quell ora la quindicenne stava attraversando la strada a piedi per raggiungere la fermata dell autobus e andare a scuola. E in quel frangente è sopraggiunta da San Stino una Opel Corsa condotta dalla 40enne R.E. residente a San Stino. Con lei viaggiava anche un amica.

5 ITALIA E ITALIANI Presenza-16 aprile E il video ci restituì i volti di un Italia negata Onna, il paese che non esiste più - Crollate tutte le case Onna non c è più, squassato dalla furia distruttrice della grande scossa, quella delle 3,32 di notte. Il paesino, una decina di chilometri dall Aquila, fino a ieri non più di 300 anime, è avvolto in un triste sudario di morte. È qui che, come spiegano i responsabili della Protezione civile, si è registrato «il maggior indice macrosismico», ovvero la maggiore forza della scossa. Almeno 50 dei suoi abitanti non ce l hanno fatta. Uccisi in piena notte, traditi da quella scossa assassina temuta da tempo, alfine, arrivata, subdola e micidiale. In piedi non c è quasi più nulla, come, increduli e sconvolti, raccontano i primi soccorritori giunti sul posto. Un paesaggio spettrale, lamenti e lacrime dei sopravvissuti, con gli occhi fissi a guardare le prime sette bare allineate sui bancali di legno sistemati alla meglio sul prato. Chi ce la fa dà una mano ai vigili del fuoco, ai carabinieri, ai volontari, ai soldati del 6 reggimento del Genio di Roma, scavando a mani nude alla ricerca di un sospiro, un sospiro almeno che possa dare un cenno di vita. Il miracolo si avvera, dai calcinacci spunta il corpicino di un bimbo. Respira. Applausi. Solo una parentesi, purtroppo, in un quadro a tinte fosche dal Tenga el mejor punto de vista P. de Valdivia 3015 F Moneda 708 F San Antonio 325 F Silvano tavonatti a. bilancio terribile. Qualcuno riesce persino a trovare le parole, a dire come ha fatto a scampare alla morte: «Non sappiamo ancora come abbiamo fatto a venirne fuori - balbettano alcuni dei sopravvissuti - forse perché negli anni 80 avevamo deciso di rinforzare le case, grazie ai soldi stanziati dal governo per far fronte ai terremoti. Altrimenti, è certo, non saremmo qui, adesso, a raccontare». Parla anche una donna, singhiozza, perché lei ce l ha fatta, le due giovani nipoti, invece, no. Avevano 16 e 27 anni: una lavorava nell azienda di famiglia, l altra studiava al Conservatorio. Ieri sera la donna è andata a dormire ma è stata svegliata in piena notte dalla devastante scossa di terremoto. «Sono rimasta bloccata sotto una trave fino alle 9 di mattina quando sono riusciti a tirarmi fuori da quell inferno. Ma chi me li ridà, adesso, le mie nipotine?». Tra i morti anche una bimba di otto mesi, accanto a lei un ramoscello d ulivo del giorno prima, la Domenica delle Palme. All entrata del paese sono almeno tre le case sbriciolatesi come castelli di carta, afflosciatesi in quei 30, lunghissimi secondi del terremoto. E piangono, piangono le suorine di Onna, che pregano poco lontano, al riparo dai rischi del loro convento semidistrutto. Cercano di dare conforto a chi è rimasto, ma l unica cosa che possono fare è animare una messa, celebrata dal parroco di Monticchio, giunto apposta nell area verde che fa da cornice al paesino. «La chiesa è stata distrutta - dice Don Cesare - ora resta il ricordo di tante persone che non ci sono più, ricordo che dovremo curare insieme a coloro rimasti. In questo momento le parole sono molto difficili, San Luis 5358 ( ) Peñalolen (02) Fax (02) ma sappiamo che Cristo Gesù è la nostra speranza»._ Dall altro due elicotteri, uno della Protezione Civile e un altro dei Vigili del Fuoco, sorvolano la zona del cratere, mentre a terra i soldati scavano coi picconi. Alla tragedia di tanti si aggiuge quella familiare di Giustino Parisse, capo della redazione dell Aquila del quotidiano Il Centro. Nel crollo della casa di famiglia di Parisse, proprio a Onna, sono morti i figli Maria Paola, 16 anni, Domenico 17 e il padre Domenico. Grave la madre in ospedale. Se Onna è il simbolo del terremoto, molti paesi come Santo Stefano di Sessanio, Castelvecchio Calvisio, San Pio, Villa Sant Angelo, Fossa, Ocre, San Demetrio nè Vestini e i centri dell Altopiano delle Rocche, sono in ginocchio. Le aree più colpite sono state, oltre al centro dell Aquila, Villa Sant Angelo, Paganica e Tempèra. Non meno di 26, 27 comuni dove sembra passata la guerra: sui cumuli di macerie fa impressione un termosifone rimasto in piedi e ancora attaccato ai tubi dell acqua. Tutt intorno stoviglie, suppellettili, quel che resta di televisori e frigoriferi, pezzi di vita quotidiana cancellata dal sisma. Si infilano senza timore negli anfratti e nelle fessure più strette, passando fra una trave e un cumulo di macerie. E con il loro fiuto sono in grado di indicare con precisione il punto in cui vi sono persone sepolte che devono essere tratte in salvo. Le drammatiche immagini del terremoto in Abruzzo hanno portato in evidenza anche loro, gli «angeli» a quattro zampe, i cani da catastrofe che in queste situa- Vacuno Cerdo Sub productos Arrollados Hamburguesas Cordeo Lechón Pollo Pavo Jabalí Puro Ciervo Avestruz Codornices Pato Neozelandés Conejo Guayu 100% Orgánico Quesos Un volto di donna segnato da rughe profondissime che sembrano ingoiare anche gli occhi, contornato da un fazzoletto di lino dal colore indefinito, appare in prima serata in tv con tutta la sua forza sconvolgente: è il segnale che la realtà ha ancora diritto di comparire in quella scatola magica, rumorosa e sfavillante che è diventata la televisione del nuovo Millennio. Una maschera così tragica l avevamo incrociata tanti anni fa solo in un viaggio nell entroterra rurale e arcaico dell Albania, quando ancora il comunismo reale dominava quelle popolazioni. E a ritroso nel tempo, quando eravamo bambini e le nostre estati scorrevano lentissime in un paesino contadino del subappennino dauno, dove la vecchiaia era fatta di stenti, La speranza, la voglia di ricominciare, sono più forti Non s è ancora fermata la conta dei morti, in Abruzzo. Ed è arrivata a 293. Vite spezzate in una notte, in meno d un minuto, o forse in quelli successivi, passati al buio, in attesa di un miracolo. Alla vigilia di Pasqua l Italia conta i suoi morti, stretta attorno all Aquila, e a Onna, a Paganica, a Villa Sant Angelo, alle decine di paesi e frazioni che non esistono più, spazzate via dalla furia del sisma. Eppure la speranza, la voglia di ricominciare, sono più forti. Perché nella Pasqua, come ha spiegato il Papa durante la Via Crucis al Colosseo, «Gesù è entrato in ogni nostra pena, ha spezzato la solitudine delle nostre lacrime». E perché, come Benedetto XVI ricorderà anche durante la Veglia pasquale, «Cristo è la luce che illumina la notte della storia». La Luce nella notte di dolore dell Abruzzo. Quegli angeli a 4 zampe che salvano vite zioni si rivelano più utili di qualunque strumento di rilevazione elettronica. SQUADRE MO- BILITATE - Sono molti, i cittadini di L Aquila e dei piccoli comuni devastati dal sisma, che probabilmente devono la loro vita a Yuri, Laka, Athos e alle decine di altri cani che in queste ore hanno affiancato i soccorritori nell opera di salvataggio. Fin dalle ore immediatamente successive ai crolli, sono state una sessantina le unità cinofile impegnate sul campo, dislocate tra il capoluogo e gli altri centri dove sono stati registrati crolli di edifici. La protezione civile e le altre organizzazioni scese immediatamente in campo - dalla Forestale alla Croce Rossa, passando per carabinieri, polizia, guardia di volti bruciati dal sole e di schiene piegate dal lavoro dei campi. Eppure, quel volto che fragorosamente spezza la narrazione offerta senza soluzione di continuità dalla nostra cultura urbana e massmediatica è quello di una donna dei nostri giorni, una nostra contemporanea, che ha vissuto e vive in un paesino dell Abruzzo spazzato via dal terremoto. È come se la frattura creata da quella scossa assassina, avesse restituito dignità e protagonismo a chi, sino a ieri, era tenuto ai margini della storia e della narrazione pubblica. Una cittadina italiana con tutti i suoi diritti e con tutti i suoi doveri. Una donna italiana come tante, che avrà molto vissuto e molto amato, che avrà avuto dei figli e vari nipoti, che avrà sfaccendato di finanza e corpi militari - hanno mobilitato le proprie squadre di ricerca, ben sapendo che la rapidità in questi casi è fondamentale nel decretare le possibilità di successo. E proprio in questi frangenti che l uomo ha bisogno di affidarsi al suo più fedele amico, capace di arrivare dove lui mai non potrebbe, e di percepire segnali, suoni e odori che diversamente non sarebbero colti. C O N N U B I O U O M O - giorno dopo giorno ripercorrendo mille volte il rosario, che avrà trascorso tante sere d estate sull uscio di casa a veder passare i giovani e avrà ripercorso con la memoria i giorni della sua di giovinezza. Ora quella donna, e quel suo volto rugoso, ci riportano al dovere della realtà. All urgenza di non pensarci tutti eguali: urbani e scolarizzati, educati e borghesi, in buona salute e ben curati, tutti adeguatamente vestiti e nutriti. Alla necessità di guardare l Italia come essa è e non come ce la immaginiamo, o preferiamo raccontarcela. Un Italia dai mille borghi, fragilissima e dalle radici profonde che troppo abbiamo trascurato. Ma un Italia urbana altrettanto fragile, in cui le istituzioni talvolta si distraggono e volgono lo CANE - Le unità cinofile impiegate in Abruzzo provengono dalla Lombardia, dal Lazio, dalla Toscana dal Veneto e da diverse altre regioni e sono organizzate perlopiù dall Ucis (Unità cinofile italiane da soccorso), l organizzazione che raccoglie i diversi gruppi istituzionali e di volontari sparsi sul territorio nazionale. Ogni unità è composta da un cane e dal suo conduttore, che formano un connubio inscindibile, basato soprattutto sulla fiducia reciproca e su una certa capacità di confidenza e di intesa. E da questa specialissima relazione a due che scaturisce quella sincronia che si rivela spesso determinante nelle situazioni più difficili, quelle in cui si lotta contro il tempo.

6 6 Presenza-16 aprile 2009 Editoriale La Scuola vive in questi giorni un boom di attività culturali. Piú di quattromila persone hanno partecipato all incontro 100 horas de Astronomía. Conferenze, mostre fotografiche, webcast, osservazioni telescopiche, sono alcune delle tante attività che si sono svolte a Scuola e che ci hanno avvicinato a questa meravigliosa scienza. Inoltre, siete tutti invitati il 16 di questo mese all inaugurazione della Mostra di Pittura Latinoamericana, e sempre ad aprile, il 18 a mezzogiorno celebreremo il Giorno dell Ex alumno. Formano parte di questo numero articoli di poesia, scrittura ed un articolo sull esperienza vissuta dai nostri insegnanti in Italia. Buona Lettura Gabriella Piergentili PERCHE PIANGI TU APRILE? Perchè piangi tu aprile? Le tue lacrime al cortile, calpestate vengono da bambini, innocenti per non aver ancor, tanti Aprile Giocano con la pioggia, che dai tuoi occhi, a dirotto vola! Ma... Perchè piangi tu aprile? Il tuo tormento non ha sostengo, Tu sei di legno! Sei festeggiato una volta all anno, e tanti ariete, pendono dalla tua mano. È vero... Hai perso un figlio! Ma ne hai tanti, li hai avuti, e ne avrai... Sono io che piango! Roberto, il mio amato Fratello senza orecchini e tante virtú. Se ne è andato... Tra un volo non Sognato. La montagna l ha mangiato!...oh piangente Aprile... Scusami tanto! Ora ti capisco! Era la tua migliore anima. Era la metà della mia! Lucia Andrea Benvenuto P. Giorno dell ex Alunno 18 Aprile 2009 dalle ore 12,00 alle 14,30 Il Consiglio Direttivo ha il piacere d invitare tutti gli ex alunni, sabato 18 aprile dalle ore 12,00 alle 14,30 presso i locali della Scuola, per commemorare il Giorno dell ex alunno Avda. Las Flores San Carlos de Apoquindo R.S.V.P. SCUOLA ITALIANA DI SANTIAGO Il professore di lingua e letteratura italiana Guglielmo Rocchiccioli ha portato a Scuola una brochure di un ristorante della città di Lucca (Toscana) e ha chiesto ai suoi studenti di misurarsi in una traduzione - il più possibile conforme e veritiera con il testo originale - dall italiano allo spagnolo. Gli studenti della classe 7A hanno reagito prontamente a questa nuova competizione accademica evidenziando di nuovo la loro grande padronanza culturalelinguistica. E stato singolare e sbalorditivo il loro modo di lavorare e la loro puntualità nella consegna dei testi di traduzione. Leggendo i suddetti testi in spagnolo, il lettore è come se fosse palesemente trasportato nello storico ristorante lucchese per approfittare al meglio delle prelibatezze enogastronomiche offerte. Altresì, la storia del ristorante, menzionata nella brochure, ci fa fare un salto storico all indietro di 2 secoli riportando alla mente dell attento e scrupoloso lettore i fatti che si ponevano in essere a quel tempo. Una nota di encomio particolare va al nuovo alunno, Mauro Relevant, che si è subito inserito all interno del prolifico gruppo di scrittori creativi della classe. 9 profesores de la Scuola se capacitaron en Italia durante este verano Como parte de un plan que comenzó hace algunos años, nuestra Scuola apoyó la estadía de nueve profesores en Italia durante los meses de enero y febrero. Un grupo conformado por Carmen Paz Ortega, Silvana Chiorino, Henry Mosqueira, Ana María Valdivieso y Carolina Aguayo, realizaron cursos de perfeccionamiento de Italiano en la Universitá per Stranieri di Siena, gracias a un beca otorgada por el Istituto Italiano di Cultura. Al paralelo las profesoras Gabriela Nuñez, Erika Montero, Sandra Steiner y Claudia Cimma, realizaron un stage en colegios de la ciudad de Pontassieve, al noreste de Firenze. Éste viernes 3 de abril el cuerpo de profesores se reunió para asistir a una presentación que las docentes realizaron, gracias a la cual pudimos conocer de primera fuente el sistema de trabajo docente en Italia. Algunas de las conclusiones que se manifestaron en Traduzioni sulla Toscana... dicha exposición fueron las siguientes: - La unificación de criterios es fundamental para lograr una práctica pedagógica coherente. - Compartiendo experiencias con los colegas (lo bueno y lo malo) se crece, se aprende y se logran mejores resultados. - La disciplina juega un rol fundamental para favorecer los aprendizajes. - Los alumnos del Liceo anticipan el aprendizaje de los contenidos, realizando lecturas previas a la clase. Gli studenti selezionati per questa pubblicazione, dopo una dettagliata e analitica revisione della traduzione, sono quelli che troverete pubblicati a seguito. Buca di San Antonio Un documento fechado el 4 de abril de 1782, redactado para prohibir la introducción y comercio en el estado de vinos forasteros entrega a algunos notables de la ciudad el encargo de vigilar acerca de varias hosterías, entre las cuales propiamente la Hostería a San Antonio para que las órdenes vengan puntualmente cumplidas. No sólo es inseguro que se trate de la actual Buca di S.Antonio, (Buca en el antiguo toscano equivale a taberna, hostería ), pero el hecho de que en 1782 era todavía indicada como Hostería a S.Antonio (o sea camino a S.Antonio) hace pensar que existe todavía antes y eso cuando operaba en desenvolver entre la piazzetta dei commerci y la via della Cervia el hospital di S.Antonio in poggio, entonces del 1406 al1610. En el recorrido del ochocientos cuando en el alargue creador seguido de demoliciones entre la piazzetta dei cocomeri y la corte campana fue instalada la estación della posta dei cavalli, encontramos todavía la Buca no sólo como local, pero también como repuesto y hostelería. Después se sopuso la posta y hasta nuestros días la Buca continúa operando y; gracias a la atenta dirección de los titulares Franco Barbieri y Giuliano Pacini, quedó como uno de los locales más característicos de Lucca. Bruno Bianchini 7ºA Buca di San Antonio Un documento con fecha 4 de Abril de 1782, redactado para prohibir la introducción y venta en el Estado de vinos extranjeros confía a algunos ilustres de la ciudad la misión de vigilar sobre varias Hosterías, entre las cuales se encuentra la Osteria a S. Antonio para que las órdenes vengan puntualmente ejecutadas. No solo está en duda que se trate de la actual Buca di S. Antonio ( Buca en antiguo toscano significa Taverna Osteria ). Sino que también, el hecho que en 1782 siguiera llamandose Osteria a S. Antonio ( es decir, parecido a S.Antonio) hace pensar que existía aun antes; por lo que entonces sería cuando funcionaba entre la esquina de la placita de los Cocomeri y la vía de la Cervia del Hospital de S. Antonio en Poggio. Es decir, del 1406 al Durante el siglo 18 cuando el espacio dejado por las demoliciones entre la placita de los Cocomeri y la Corte Campana fue ocupado por la estación de carreras de caballos, aún encontramos la Buca, no sólo como local, sino también como cochera y hospedaje. Luego de que se acabaron las carreras y hasta nuestros días la Buca ha continuado funcionando, y gracias a la buena administración de los dueños FRANCO BARBIERI y GIULIANO PACINI, aún se conserva como uno de los locales más características de Lucca. Rodrigo Andrade C. 7ª.M. I. A - Interrogando clase a clase se verifica el aprendizaje. - Es importante aprovechar los recursos humanos con los que contamos y podemos contar para enriquecer nuestra labor docente. Además como parte de las fortalezas del sistema italiano de educación se mencionó que el alumno es partícipe de la programación, mantiene una buena asistencia, existe la autodisciplina, los alumnos son rápidos en cálculo mental y leen muy bien, por nombrar algunos aspectos. Tras la presentación del primer grupo de profesores, los docentes de la ciudad de Siena también entregaron sus reflexiones, destacando los objetivos de realizar este tipo de experiencias ya que le entregan unidad a la Scuola al generar un visión común del proyecto educativo, generan cercanía con Italia y nos permite seguir hablando de la Italia viva y actual y por ultimo nos convierte en una Scuola más fuerte.

7 SCUOLA ITALIANA DI SANTIAGO Presenza-16 aprile Con gran asistencia se realizó las 100 horas de Astronomía Una fiesta junto a los astros, es lo que vivió nuestra Scuola, organizada por su Centro Culturale junto a NRAO. Más de 4 mil personas, colegios, universidades amantes de la astronomía, nos visitaron con inédita concurrencia. La inauguración que se realizó el jueves 2 de abril, contó con la asistencia de la Embajadora de Suecia, Eva Zetterberg, el consejero de la Embajada de Italia Stefano Catani, los representantes de Achaya, Gemini, CONICYT, Explora, Cerro Calan, ESO, Alma, DIBAM, y el Nodo Chileno de Astronomía. Comenzó este encuentro con una Conferencia dictada por Eduardo Hardy, representante en Chile de NRAO/AUI, quién entregó una visión del quehacer astronómico en nuestro país, de sus excelentes cielos y de una legislación acorde a la observación astronómica. En cuatro intensas jornadas, los asistentes pudieron disfrutar de muestras fotográficas, stands, maquetas interactivas, realizar observaciones telescópicas, conocer el planetario móvil y asistir a la gran cantidad de conferencias. Los dejamos con imágenes de la jornada y con el discurso de Stefano Catani, Consigliere de la Embajada de Italia en Chile: Oggi inauguriamo con le Cento Ore dedicate all astronomia l Anno internazionale dell Astronomia. Non è una ricorrenza che all Italia capiti per caso, perché proprio il nostro Paese aveva proposto la risoluzione ottenendo l appoggio in sede di Nazioni Unite. L anno, il 2009, è stato scelto tenendo conto anche di una ricorrenza fondamentale per l acquisizione delle cognizioni astrofisiche: ricorre infatti il quarto centenario del puntamento del cannocchiale verso il cielo da parte di Galileo Galilei, l italiano che perfezionò un invenzione olandese, ma che la utilizzò per sollevare lo sguardo al cielo. Da allora l uomo non è stato piú lo stesso, l umanitá ha acquisito un concetto di infinito prima sconosciuto, ponendosi interrogativi esistenziali, oltre che scientifici, ben diversi da quelli vigenti sotto la serena cappa teologico-concettuale offerta dall astronomia tolemaica. Il viaggio poetico che Dante, uomo del Medio Evo, nella Divina Commedia aveva compiuto scendendo nell oltretomba, si concludeva dinanzi alla perfezione della visione divina. Ora l uomo Galileo navigava con gli strumenti della tecnologia di allora in un cosmo Primeros triunfos en Copa Natur La primera semana de abril se desarrolló en el Estadio Nacional la primera fecha de la Copa Natur, y los alumnos obtuvieron tres medallas para la Scuola Benjamin Reineking Medalla de bronce en 60 mts planos categoría Preparatoria varones... 9,14 seg Macarena Borie Medalla de oro en 100 mts planos categoría Selección Damas... 12,58 seg Medalla de oro en salto largo categoría Selección Damas... 5,01 mts. tutto da scoprire, sfidando il pregiudizio e l oscurantismo, non per vacuo orgoglio, ma per gioia di conoscenza. D altra parte, l Anno dell Astronomia, coniugato con il quarto centenario galileiano, assume in Cile una straordinaria importanza, giacché il Cile ospita, relativamente al Sudamerica, il piú grande telescopio del continente. Si puó dire dunque che l ereditá di Galileo sia assolutamente presente in Cile, e l Italia si impegna a celebrarla degnamente con una serie di eventi strettamente connessi con la realtá dell astrofisica qui in questo Paese. Cosí, l Istituto Italiano di Cultura sta preparando nella sua sede a Santiago, di concerto con i Professori Massimo Tarenghi, Rappresentante in Cile dell l ESO (European Organisation for Astronomical Research in the Southern Hemisphere), ed il Prof. Leonardo Vanzi della Pontificia Università Cattolica, una mostra dedicata proprio alle stelle viste dal telescopio di Atacama. Questa mostra oltre a meravigliare per la bellezza degli spettacoli cosmici, si offre alle possibilitá della didattica, e per questo viaggerà per il Cile toccando istituzioni scolastiche, oltre che scientifiche. Ma l occasione offerta dall anno internazionale dell astronomia permette di indirizzare ai giovani qui presenti un discorso che investe anche l impegno morale. A voi giovani spetta cogliere la lezione del grande pisano: impegnarsi alla conoscenza, per la gioia della scoperta e dell acquisizione morale ed intellettuale. Per voi studenti l anno dell astronomia e le cento ore di cui fruirete in queste giorni per tali discipline vi siano di sprone non tanto per accrescere un sapere specialistico, quanto per gioire della grandezza della natura e della suprema dignitá dell uomo, capace con la sua intelligenza di carpirne i segreti. Sollevando lo sguardo verso il cielo, Galileo ha indicato all uomo la strada per evitare il rischio di ridursi, come affermava Berkeley a un prospero verme della terra. L Italia, patria dell umanesimo, trova dunque in Galileo, nella sua scienza astronomica e nella tecnologia da lui messa a punto con i mezzi offerti dalla natura, un simbolo di civiltà e un esempio da seguire. E qui voglio concludere ricordando come le manifestazioni della Nona Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, in programmazione il prossimo ottobre, abbiano proprio come tema ispiratore L Italiano tra arte, scienza e tecnologia. L Italia in Cile, attraverso l Ambasciata e l Istituto Italiano di Cultura, si gioverà per l appunto di una serie di dotte conferenze galileiane tenute da un illustre cattedratico italiano, il prof. Righini, che proporrá l ideale di un uomo integrale, quale fu in effetti Galileo, capace di coniugare armonicamente scienza e tecnologia per esaltare la conoscenza umana e la bellezza dell universo. Fatti non foste per vivere come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza, ci ha lasciato scritto Dante in un verso che è la summa dell umanesimo cristiano medievale, e direi anche di oggi. Galileo, uomo della modernità, ha poi saputo varcare i confini del conoscibile addentrandosi nell ignoto. A noi, uomini ormai del terzo millennio, e soprattutto a voi, in questa splendida Scuola Italiana Vittorio Montiglio, il compito di coltivare la scienza in tutte le sue possibilitá e di esserne degni eredi con l impegno e l entusiasmo quotidiano.

8 8 Presenza-16 aprile 2009 COLLETTIVITÁ Scuola Italiana de Valparaiso: jornada de autoconocimiento e identidad personal Alumnos de los Primeros Medios de la Scuola Italiana de Valparaiso protagonizaron jornada de autoconocimiento e identidad personal La actividad forma parte de los Hitos que realizan estos jóvenes para fortalecer su identidad y formación valórica. La Directora de nuestra Scuola, Carla Mazza junto a los profesores jefes, la psicóloga, la orientadora y profesora de filosofía fueron los encargados de recibir a los alumnos de los Primeros Medios en la Quinta Compton donde realizaron una inolvidable jornada de Hito. En la bienvenida se alentó a los jóvenes a emprender el camino del autoconocimiento, de la construcción de su identidad personal y colectiva; así como la generación de un proyecto de vida coherente con ello. Los representantes del Centro de Alumnos esperaron a sus compañeros con un apetitoso desayuno, como símbolo de bienvenida al ciclo de Enseñanza Media, al cual ya pertenecen. Luego se desarrollaron trabajos grupales orientados al tema de la identidad, de la valoración de sí mismos y del proceso de maduración que han vivido, y que los compromete a seguir creciendo. En la oportunidad hubo recuerdos de la infancia en las Pranzo Veneto Fecha: 24 de Abril Horario: 20:30 hr Menu Sugerencia Aperitivo (1 por persona) * Pisco Sour * Brusquetas Fondo * Polenta con Luganega en su Salsa Postres * Pannacotta con Salsa de Frambuesa Incluye (1 por persona) * Una Copa de Vino o Bebida por Persona Valor por persona: $ Menu Niño Aperitivo (1 por persona) * Bebida Fondo(Elegir una Opción) * Combo Italia (Pizzetta + Porción de Papas Fritas + Bebida) * Festino(Vienesa Italiana + Porción de Papas Fritas + Bebida) Postres * Helado en Copa Valor por persona: $ Servizio del Patronato ACLI L'ufficio del Patronato attende il pubblico presso la Parrocchia Italiana (Bustamante 180) con il seguente orario: da Lunedi a Venerdi dalla ore: 08:30 alle 14:30 Attenzione a Viña del Mar La Signora Nancy Nocchi attenderà l`ultimo venerdi di tutti i mesi dalle ore 10:30 alle 14:00 Responsable dell`ufficio è la Signora Nancy Nocchi Tel-Fax que expresaron sus temores (a la oscuridad, debajo de la cama o fantasmas), sus juegos (amigos imaginarios, luche, vender cosas a vecinos, jugar con barro) y sus sueños (ser bombero, ser igual que el papá o la mamá, volar, etc.). Mientras que ahora, poseen miedos diferentes (no responder a las expectativas de los padres en los estudios, que se muera algún familiar, comprometerse con cosas que no puede cumplir etc. Asimismo sus intereses han cambiado, ahora les importa el computador, salir con los amigos y tienen sueños diferentes como ser famoso, tener una carrera exitosa, viajar, etc. La sicóloga de nuestra Scuola, Ana María Bacigalupo afirmó que con esta actividad el fortalecimiento de la identidad de nuestros jóvenes ya se ha iniciado. Con el apoyo de los padres y de la Scuola, en estos años que les quedan seguirán definiendo sus sueños y metas y adquirirán el sello de su identidad. INMOBILIARIA CASA DE ITALIA S.A. Sociedad Anònima abierta, acogida a las disposiciones de las Circulares 198 y 498 de la Superintedencia de Valores y Seguros. JUNTA GENERAL EXTRAORDINARIA DE ACCIONISTAS Por acuerdo del Directorio se cita a los señores accionistas de Inmobiliaria Casa de Italia S.A. a Junta General Extraordinaria de accionistas para el dìa martes 21 de Abril a las 18:30 hrs. a realizarse en la sede social de calle Alvares Nº398 de Viña del Mar, a fin de someter a su consideraciòn y pronunciamiento lo siguiente: A)Aumentar el capital social en la suma de $ o en la cantidad que la Junta acuerde mediante la emisiòn de acciones de pago o el monto o el nùmero de acciones que la Junta determine, en la forma, valor y oportunidad que la misma Junta establezca, modificàndose al efecto los Estatutos Sociales. B)Adoptar todos los acuerdos necesarios para materializar y llevar a efecto lo acordaddo por la Junta, facultando ampliamente al Directorio para dicho objeto. Tendràn derecho a participar en esta Junata los accionistas inscritos en el Registro respectivo con cinco dìas de anticipaciòn a la celebraciòn de esta Junta. La calificaciòn de poderes se efectuarà en el mismo lugrar y dìa de la Junta entre las 15:00 y las 18:00horas Viña del Mar, abril de 2009 El Presidente Venga a un lugar especial a probar lo mejor de la gastronomía italiana. Lo esperamos en nuestras cuatro direcciones *Providencia (Esq. Pedro de Valdivia) *Las Condes 6757 (a pocos metros de Stadio Italiano) A tutte le nostre lettrici e lettori, gli auguri più cordiali di Buona Pasqua. Onorificenza che onora l'arte italiana L Italia è tornata a ricordarsi dei suoi grandi per consegnare loro un attestato di riconoscenza per quanto fanno per onorarla all estero. Il primo aprile ha scelto l architetto Prof. Romolo Trebbi distinto con la medaglia di Cavaliere Ufficiale dell Ordine al Merito della Repubblica e lo ha fatto nella sede dell Istituto Italiano di Cultura, per mano del Primo Consigliere Stefano Catani, a nome dell Ambasciatore Paolo Casardi. Ecco la motivazione: Architetto, Professore di Storia dell Arte e di Architettura presso i piu prestigiosi atenei cileni, studioso e appassionato soprattutto dell Arte italiana, durante la sua lunga carriera, attraverso numerose conferenze e pubblicazioni ha contribuito alla diffusione in Cile e in America Latina della conoscenza e l amore per i capolavori dell arte italiana. E stato giá insignito nel 1987 nel Grado di Cavaliere dell Ordine al Merito della Repubblica Italiana, negli ultimi vent anni ha intensificato sempre di piu la collaborazione con l Ambasciata d Italia e l Istituto di Cultura prestanto preziose consulenze e mettendo a disposizione in maniera disinteressata il suo professionalismo per il successo di numerose iniziative della nostra Rappresentanza in campo culturale. Il Prof. Trebbi ha preso la parola di ringraziamento: Hoy Italia me honra nombràndome Cavaliere Lugar y fecha: Italia, 29 marzo - 2 abril 2009 Foto: A la izquierda Sergio Andrade, Cristian Parra y Aldo Rozzi Marin con la alcaldesa de Grado, Silvana Olivotto, y a la derecha con el alcalde de Dimaro, Romedio Menghini. Hoy se vive uno de los momentos más promisorios de la actividad turística en Chile y la Región de La Araucanía. Durante el 2005 entraron al país más de dos millones de turistas extranjeros. Estimando que las divisas ingresadas por concepto de turismo receptivo ascenderán a cerca de US$ $1.500 millones. Para satisfacer la demanda turística del exterior, la región cuenta con inigualables atractivos, una muy variada capacidad hotelera (desde lodges para mochileros hasta hoteles cinco estrellas), la existencia de dos aeropuertos, tres pasos fronterizos y una completa red vial. Ufficiale dell Ordine al Merito della Repubblica. En mi calidad de Historiador del Arte y de la Arquitectura, medito qué significa ser hoy un Cavaliere Ufficiale. En la historia los Caballeros constituyeron una milicia a caballo y desde la època medioeval organizaron instituciones militares y religiosas asumiendo muy pronto un rol de èlite en la estructura social de entonces... La Orden Caballeresca de la cual desde hoy seré miembro sé que no es de caràcter militar sino creada para premiar el Mérito Civil y pienso que en mi caso quiera distinguir mi vocación de transmitir la exaltación y la comprensión del Arte italiano en Universidades y Centro Culturales de este Chile lejano en el espacio, pero cercano en el afecto y en los intereses en torno a las disciplinas estéticas. Para nosotros los italianos es indudablemente un privilegio haber nacido en un país donde se encuentra la gran mayoría de las Obras de Arte creadas en todo el mundo; a estos temas he dedicado una vida entera y yo puedo exaltar aún mas estos ligámenes por haberme casado con una chilena qué con su buen gusto y su brillante intuición del diseño contemporàneo ha enriquecido mi visión renacentista del Arte. Il Prof. Trebbi ha seguito a intrattenerci su concetti estetici del Brunelleschi e palladiani per arrivare alla bellezza delle Ferrari. Alla conclusione ha ringraziato Ambasciatore, Stefano Catani ed il nuovo Direttore dell Istituto Italiano di Cultura, dott. Paolo Fazzino per l onore concesso ed ospitalità. E si è passati all ottimo cocktail che ha coronato la serata Misión de empresarios turísticos de la Araucanía a Italia La región cuenta con diversos y muy hermosos parajes, fundamentalmente marcados por lagos, bosques milenarios y un gran número de volcanes, los que constituyen la base para que esta región pueda convertirse en un llamativo centro de operaciones para actividades turísticas de alta demanda en el extranjero, como es el turismo de intereses especiales, en particular el que tiene relación con las actividades de termas y salud termal, de ecoturismo y turismo aventura, pesca con mosca, esquí, eventos y congresos. La contribución de la industria turística al desarrollo regional es importante, sobre todo en cuanto a la generación de divisas, empleo e inversión en infraestructura y conectividad. Las estrategias de desarrollo del sector turístico han contado con el apoyo mutuo de actores privados y públicos. El Estado ha modernizado sus unidades de apoyo al sector y cuenta con una institucionalidad adecuada. El crecimiento de la industria ha sido armónico en términos de la diversidad en que se expresa la oferta así como también desde el punto de vista geográfico y estacional. Existe turismo en invierno y verano, y en casi todas las áreas que hace 10 años poseían potencial en el nivel de los recursos turísticos socioculturales y naturales, hay un estable y creciente flujo de turistas. PASTELERIA Y CONFITERIA CALIFORNIA Galletas finas - Tortas Heladas - Pasteles - Confites Tortas para Novios - Pastelitos COCKTAIL A DOMICILIO Irarrázaval 1570 Fono Av. Colón 5901 Fono Vitacura 6195 Fono (Pueblo del Inglés)

9 Una visita lieta e simpatica Caro P. Giuseppe, questa è la mia bandiera italiana, che ho sempre a casa, e che porto sempre nel cuore; quella che ha in centro lo stemma delle quatro reppubbliche marinare: Venezia, Genova, Amalfi e Pisa, la bandiera che portano le navi italiane nei mari del mondo. Questa e la mia bandiera. L ho vista per la prima volta a poppa di una nave italiana, e mi son innamorato per sempre, e come poi ho avuto la fortuna di lavorare per molti anni nella agenzia delle navi della Società Italia di Navinazione di Genova, e della Flotta Lauro, di Napoli, in diversi porti del Cile, la vedevo spesso all' arrivo e con l ultimo fischio della partenza. Una volta venivano tante navi italiane, ora non più. La mia bandiera ha tutta una storia, però la lasciamo per un altra volta. Nella macchina porto sempre l'ovulo bianco con la "I" nera in centro, e sul finestrino il distintivo Bellunesi nel mondo. Mentretanto le racconto un altra piccola storia: negli anni 60/70 è stato costruito nel Porto Sant Antonio, un gruppo abitazionale per gli stivatori marittimi, e loro hanno voluto chiamarlo Villa Italia. Allora per la cerimonia della prima pietra si son ricordati che accanto alla bandiera cilena, si doveva mettere una bandiera italiana, soprattutto perchè fra gli invitati c'era una autorità della Ambasciata, o del Consolato Generale. Allora si sono procurati una bandiera italiana da un commerciante di origine italiana, e nel momento di issare le bandiere, il rappresentante d Italia ha guardato tutto sorpreso la bandiera italiana, perchè aveva in centro lo stemma Sabaudo. Anche quella era Pietro Bianchini e Franco Pecchenino-Lobos Pietro Bianchini mi riserva spesso delle sorprese interessanti con quel suo entusiasmo per quanto profuma d Italia e specialmente dell Emilia Romagna. L altro ieri me ne ha riservata una che mi ha rallegrato lo spirito. E apparso nel mio ufficio accompagnato da Franco Pecchenino-Lobos. E immediatamente ho avuto davanti agli occhi la magnifica e mansueta figura del buon Lukas e del suo genio. Renzo Pecchenino, giunto da Ottone (paesetto del piacentino) a pochi anni, si è innamorato di Valparaiso-Viña del Mar. Tutto il suo "piccolo mondo antico" si aggirava per le stradiciole e sobborghi del porto e sembrava che non volesse uscire da lì.e si è innamorato anche di Maria Teresa Lobos con la quale ha avuto la bellezza di cinque figli. Al momento della sua morte (1987) ricordo di aver scritto che una vignetta-caricatura di Lukas era molto più esplicativa di una serie di articoli. Se si voleva capire l ambiente, la politica, le sociologia del Cile e specialmente della Va Regione era sufficiente scorrere i bozzetti di questo genio della comunicazione che sapeva, con alcuni tratti di penna e quattro parole, cogliere e ritrarre alla perfezione luoghi, personaggi, situazioni. Mi pregio di essere stato, fin da quando l'ho conosciuto, uno dei tanti fans di Renzo. E di esserlo ancora. E di commentare l'acutezza dei suoi tratti di pennarello. Per cui ho gioito alla notizia che il figlio Franco (studente Questa è la mia Bandiera Italiana una bellisima bandiera italiana. La saluto molto distintamente. Giovanni Zucco Caro Giovanni, in onda di confidenze, anch'io gliene faccio alcune. Due anni fa, in un viaggio in Italia, ho detto ad un nipote di procurarmi qualche centinaio di bandierine, autoadesive, da regalare ai lettori di Presenza per rafforzare il concetto di appartenenza. Me ne ha fatte circa di una resina cher mantiene i colori inalterati nonostante pioggia e vento. Nell'auto della comunità ne abbiamo appiccicate due che sono ancora lì, brillanti, belle che ci identificano. Nel mese di novembre del 2000 ero ancora a Buenos Aires al servizio di quella immensa comunità italiana. Siccome il "2000" mi pareva un anno speciale ho desiderato di ideare un'attività speciale. Sapevo che negli scantinati romani c'era una bandiera tricolore famosa. Quella realizzata dai Reduci di guerra, lunga m.1500, larga m.5. Ci volevano 3 mila persone per trasportarla. Che bello farla circolare per le di ingegneria commercialeindustriale) mi ha dato: che la Regione Emilia-Romagna ospiterà a Bologna per due mesi una esposizione di una sessantina di opere del nostro Autore. Ch, in silenzio come i grandi, deve aver sofferto vedersi giungere inviti per esporre in Germania, negli USA,...e mai dall Italia. Ecco, cara Renzo, che nel cielo azzurro della nostra Patria si scriverà anche il tuo nome fra gli immortali. "avenidas" pricipali di Buenos Aires, mi son detto. Ho cominciato a scrivere sul nostro quindicinale "Voce d'italia" dell'idea. L'Ambasciatore l'ha trovata interessante. Altri amici che lavoravano nei mezzi di comunicazione hanno appoggiato l'iniziativa. E la Bandiera dei Guinness (la più lunga del mondo) è sfilata per le strade principali della città. Non 3 mila, ma ben 20 mila sono stati gli italiani che vollero intervenire per sostenerla e portarla in trionfo. Anziani in lagrime, alpini vigorosi, bambini accompagnati dai nonni, giovani felici...una famiglia in festa. Tralasciando mille particolari, il fatto è concluso così: i Reduci di guerra che hanno accompagnato in aereo da Roma la Bandiera assieme ad uno squadrone di Alpini, mi hanno concesso di far parte della loro Associazione con relativa registrazione, medaglia e pergamena. Ho detto loro che me ne sentivo indegno perchè quella stessa medaglia l'aveva mio padre. Ma lui se l'è guadagnata da Alpino sul Grappa, sull'ortigara, sul Piave nella prima guerra mondiale. COLLETTIVITÁ óptica Presenza-16 aprile Benedizione delle Palme a La Serena Tradizione rispettata anche stavolta a La Serena nel giorno della Festa delle Palme. Nella cappella di San Ramón che un tempo raccoglieva i nostri trentini appena arrivati, continua anche oggi a raccoglierli in nome di una tradizione religiosa. Il Coro della mamme degli alunni della Alcide Degasperi ha interpretato, da applausi richiesti dal celebrante e concessi dai fedeli, i canti liturgici. Hanno partecipato all inizio della Settimana Santa molti bambini e giovani e...nonostante mancasse qualche nonno per via della stagione venatoria e qualche ammalato, la chiesa si è riempita. Il celebrante ha ricordato gli ultimi defunti raccomandandoli all amore del Padre. Molti amici, come ce l aspettavamo, domandavano informazioni di Suor Gabriella preoccupati per la sua salute. La Signora Caterina Pezzani in Callegari ha dato lettura ad una lettera indirizzata alla comunità proprio della Religiosa molto amata da tutti. Siccome qualche cacciatore ed ammalato erano assenti, la pubblichiamo integralmente: Carissima Famiglia Trentina, non potendo accompagnarvi personalmente vi mando a tutti in generale un caro saluto e ferventi auguri per la Santa Pasqua. Sono sicura che tutti celebrerano con gioia e pace questa meravigliosa festa. E che Gesù Risorto vi faccia godere per tutta la vita la autentica pace che, purtroppo il mondo non conosce. Voi seguite gli insegnamenti che i vostri genitori vi hanno trasmesso e che ancora sono attuali nella vostra bella Regione. Attraverso la stampa sono aggiornata in tutto: non manca mai il saluto dell Arcivescovo; vedo anche con piacere che il governo è preoccupato peri poveri. Il Signore vi benedica tutti. Grazie per il vostro ricordo e vi chiedo perdono per tutte le volte che vi ho offeso. Vi penso, prego per tutte le vostre famiglie a cui mando un abbraccio caro. Con affetto e nostalgia vostra affezionatissima Suor Gabriella (da 50 anni cilena) Applausi anche per Suor Gabriella e l'incarico di trasmettere i cordiali saluti di tutti. Ed allora uno pensa: noi religiosi abbiamo lasciato una famiglia e ne contiamo a centinaia che ci riservano un affetto sincero; abbiamo rinunciato alla discendenza e siamo sempre pieni di ragazzi e ragazze che ci amano come i loro genitori; il nostro lavoro non rende economicamente eppure non ci manca mai il necessario per noi e per fare la carità; abbiamo rinunciato a tante sensazioni che il matrimonio offre ed abbiamo la felicità che sprizza da tutti i pori... Ancora una volta: Cara Lina, riposa in pace Finalmente abbiamo la possibilità di pubblicare la foto della nostra cara Lina Falcone, ricordo reclamato da molti lettori amici. Un banale incidente le ha troncato la vita privando la famiglia di un appoggio di amore e fattivo di insostituibile necessità, specialmente se pensiamo al marito Enrique (anch egli caro amico) che versa in delicata situazione di salute. Ma pure la nostra comunità ha perso una donna di grande cooperazione e sempre disposta a soccorrere chi ha di bisogno Amica di tutti, sorriso permanente in un atteggiamento di aiuto, al fianco delle nostre Istituzioni indirizzate all assistenza. Il 12 novembre scorso, infausto giorno della disgrazia, è stata una tappa di dolore. Ma siamo sicuri il cielo si è arricchito di una nuova stella.

10 10 Presenza-16 aprile 2009 Anche i giovani possono amare i valori dello spirito El "denario" Oggi spezzo una lancia a favore dei giovani. Troppo spesso sono oggetto di rimbrotti, condanne e, per lo meno, di giudizi negativi. Non dico che a volte siano ben meritati. Ma non sempre. Come nel caso che sto per raccontare. In Parrocchia sono già 36 anni che funziona un gruppo scout. Il conosciuto Grupo Pompeya. Fra le tante attività che ha in programma tutti gli anni, ne ha una che merita una menzione speciale: quella di Settimana Santa. Quest anno 55, fra ragazze e ragazzi oscillanti tra i 14 ai 25 anni, hanno rifatto lo zaino estivo, hanno messo dentro la bibbia, quaderni per annotare riflessioni, qualche oggetto religioso e la sera del giovedì santo siamo partiti alla volta di Chitaquelindo : una serie di capanne nell anfratto di Angostura che bordeggia il fiume, proprio di fronte al Casino nuovo, dal nome italiano: Monticello. Dove regna il silenzio più assoluto. Dove si può ascoltare la voce di Qualcuno che vuole parlare al cuore in piena libertà. Giovani pieni di vita ed aspirazioni che hanno deciso di armonizzare i giorni principali della Settimana Santa con Gesù che muore e risuscita che, a due passi da loro, fra musiche mondane e giochi d azzardo, non sarà senz altro ricordato. Le incomodità della deficiente cucina, delle notti già fredde, della doccia gelata, della oscurità, del letto di duro legno non scalfiscono il loro entusiasmo. Anzi! A farli contenti, per esempio, è stato mettere insieme con le loro mani e un briciolo di fantasia un denario per poterlo usare. Punta Arenas Nueva Directiva Ricardo Audicio: Presidente Leonidas Riquelme: Vice Pres. Aldo Mationi: Secretario Alvaro Corsi: Tesorero Al empezar un nuevo año de actividades las cuales se las haré llegar a través de este mismo, me es grato informarles que vuestro contacto en esta Austral ciudad es Leonidas Riquelme Capurro domiciliado en calle O Higgins 169 F cl de la ciudad de Pta. Arenas. Mi correo es : gmail.com Che cosa è un denario? Dobbiamo tornare al Rosario se lo vogliamo capire. Il denario è la quinta parte del rosario: c o n t a d i e c i Avemaria da offrire come orazione alla Madre di tutti gli uomini, la Madonna. Ognuno ha fatto il suo da sgranare lentamente. Nei tempi liberi o nell adorazione notturna della Croce del venerdì santo quando si turnavano a fare compagnia a Gesù già nel sepolcro. In silenzio. A farli contenti erano i giochi (lo scout impara attraverso i giochi) contenuti nei movimenti e nelle effusioni per non offendere la tristezza del momento. Ecco i temi che hanno trattato: la famiglia, l amore, l amicizia, la religione. Dio e Gesù erano i punti di riferimento dei loro ragionamenti e giudizi. A farli contenti erano i canti liturgici, la partecipazione alla S. Messa pasquale in una notte illuminata dalla luna e dalle torce nel bosco lambito dalla laguna. E cantare in tono e, alla fine a squarciagola, che Gesù era risorto rompendo le sue e nostre barriere dell egoismo e della morte. E tornare felici e contenti alla vita normale che esige ogni lunedì. Ma con l esperienza che si può essere soddisfatti pienamente anche condividendo uno scampolo di vacanze con Gesù. Piero Bondi (R.i.P.) Piero Bondi è nato a Fivizzano (Toscana) in settembre di È arrivato scapolo al Cile molto giovane (a soli 16 anni) nel Con grande sforzo ed aiutato dalla sua tenacia e forza si è inserito in questo paese che lo ha accolto con affetto. Nonostante gli anni che passavano Piero non ha mai perso il contatto con la sua amata Italia. In Cile si è inserito in molteplici Istituzioni Italiane fra le quali citiamo il suo adorato Audax Italiano. Da buon italiano ha coltivato la passione per l opera. Piero ha avuto la fortuna di ritornare per l ultima volta 3 anni fa al suo paese natale dove ha condiviso coi suoi fratelli, visitando la sua cara Toscana. Le sue figlie e i suoi nipoti abbiamo imparato di lui ad amare ed onorare l Italia e a conoscere le abitudini e la cultura italiana. Ora che ha lasciato questo mondo ha lasciato anche un grande vuoto nei nostri cuori. Anche Presenza, che lo riconosceva fra i suoi lettori abbonati, onora come italiano esemplare al buon Piero, rivolge le più sentite condoglianze alla famiglia Bondi ed offre preghiere per l'anima del caro estinto. COLLETTIVITÁ H e m o s v i v i d o la Semana Santa, tiempo litúrgico relevante e intenso, en que hemos conmemorado la Pasión, Muerte y Resurrección de Cristo. El jueves santo, nuestros alumnos de 6ºbàsico a IVº Medio, recibieron la visita del Capellán Rvdo. Padre Augusto Aliaga R., Párroco de la Parroquia Italiana San Juan Bosco de valparaiso, entregándoles un mensaje centrado en la unidad familiar y en el servicio. Los alumnos de Scuola Materna hasta 5º básico vivieron el Vía Crucis, dirigido por la Profesora de Religión Sra. Marcela Sandoval. Reflexión de Semana Santa. Si vas, pues, a presentar una ofrenda ante el altar y allí te acuerdas de que tu hermano tiene algo contra ti, deja allí tu ofrenda ante el altar, ve primero a reconciliarte con tu hermano y luego vuelve a presentar tu ofrenda Mt.5,23ss. Presentemos la ofrenda de nuestra propia vida para encontrarnos con Cristo y los hermanos y descubrir la verdadera felicidad: La vida en la tierra es solamente temporal... sin embargo, al- NOTIZIE LIGURI L Associazione regionale Ligure comunica che, Sabato 18 Aprile p.v. alle ore 13,00, si terrà la riunione mensile del Consiglio Direttivo nella sede dell Umanitaria in Vicuña Mackena 83. In tale riunione si deciderà la data dell Assemblea Generale dei Soci per il rinnovo della Direttiva. Raccomandiamo contattare alcuni dei nostri Direttori in carica per eventuali candidature al Consiglio Amministrativo. Fina Franchini, Presidente Scuola Italiana de Valparaiso celebró la Semana Santa gunos viven como si fueran a quedarse aquí eternamente y se olvidan de ser felices. El valor de las cosas no está en el tiempo que duran, sino en la intensidad con que suceden. Por eso existen In Visita una delegazione della Fondazione Banca del Monte di Lucca Una delegazione della Fondazione Banca del Monte di Lucca sarà a Santiago del Cile a fine aprile. La delegazione sarà composta da: Avv. Alberto Del Carlo - Presidente Fondazione Banca del Monte di Lucca Avv. Florenzo Storelli - membro del cda della Banca del Monte di Lucca spa ed incaricato dalla Fondazione per i Rapporti Internazionali. Saranno a Santiago del Cile per il Congresso mondiale delle Fondazioni bancarie e delle Casse di risparmio (Il cui programma è visibile sul sito cl ) Alloggeranno presso lo Sheraton Santiago Hotel and Convention Center (Av.de Santa Maria). Il Presidente e l avv. Storelli avrebbero piacere di incontrarsi con imprenditori toscani od italiani per presentare la Fondazione ed i suoi progetti, anche attraverso un dvd che illustra le iniziative della Fondazione stessa. Questo incontro potrebbe realizzarsi il 29 aprile (in giornata od in serata) o il primo maggio (nel pomeriggio od alla sera). Per informazioni: Camera di Commercio Italiana (Tel ); Avv. Paolo Castellani ( ); Consiglio Toscani all estero Associazione Lucchesi nel Mondo via Mura Urbane Lucca Rimembranze momentos inolvidables, cosas inexplicables y personas incomparables. Feliz Pascua de Resurrección! a toda la Comunidad Escolar. Foto storica, senz altro. Siamo nel 1938 naturalmente in Cile con tre personaggi amanti dell aviazione. Da sin. Dante Calderoni, Arnaldo Margozzini ed uno dei meccanici. L aereo è un Fiat cr42 appartenente alla squadriglia acrobatica dell aviazione italiana giunta in Cile per delle dimostrazioni tecniche. Il Calderoni e il suo meccanico erano atterrati prima in Brasile, poi in Argentina ed in fine in Cile fra il grande orgoglio della comunità italiana che li accolse in festa. INFORMAMOS A USTEDES QUE A PARTIR DEL DÍA 20 DE ABRIL LA SCUOLA ITALIANA DI VALPARAISO CAMBIARÁ SUS NÚMEROS TELEFÓNICOS: NUEVOS NÚMEROS: FAX: NO SE ANTEPONE EL NÚMERO 2 Care Lettrici e Cari Lettori, se avete qualche foto di archivio (di famiglia o di comunità) e ce le inviate con una breve didascalia, saremo felici di inserirla in questa serie di "rimembranze" iniziativa dell'arch. Claudio Massone

11 STADIO ITALIANO Presenza-16 aprile MISS ITALIA NEL MONDO, CHILE CUENTA CON SU REPRESENTANTE Hermosas Jovencitas se reunieron en Stadio Italiano para participar en el reconocido concurso de belleza Miss Italia nel Mondo. Este certamen internacional congrega a representantes de diversos países de todo el mundo, cuyo lazo en común es contar con algún grado de consanguinidad con Italia. El 29 de Abril en el Casino de Stadio Italiano se llevó a cabo la elección y coronación de la Representante de Chile al Miss Italia nel Mondo. Podemos apreciar en la fotografía el grupo de candidatas, de pie de izquierda a derecha encontramos a: Stella Sofía Viacava Canessa, Danae Francesca Barla, Flavia Román Brigando e Ivanna Bonhamme Manríquez, abajo en el mismo orden, Stefanía Alessanmdra Perciavalle de la Torre, Carla Bobenrieth y María Catalina Rovegno. Entre este ramillete de 7 candidatas fue elegida como reina y representante de Chile a Stella Sofía Viacava Canessa. Nuestra representante tendrá la oportunidad de viajar a Italia en el mes de Junio. El jurado estuvo compuesto por delegados de la Colectividad Italiana como el Señor Pasquale Centracchio, Cónsul de la Embajada de Italia en Chile, El señor Rocco Inserrato Presidente de Stadio Italiano, Señor Vittorio Illino Director Stadio Italiano, Señorita Bárbara Levrini Representante de Chile al Miss Italia nel Mondo 2008, Señora Cecilia López Presidenta del Comité de Damas de Stadio Italiano, y el señor Nino Malizia Worldwide Coordinator Miss Italia nel Mondo. Como virreina del concurso, fue elegida Danae Francesca Barla y en tercer lugar Stefania Alessandra Perciavalle. El evento estuvo amenizado por un show musical y el entusiasmo de familiares y amigos de las candidatas quienes hicieron de este certamen algo especial. Los socios de Stadio pudieron apreciar la belleza de las candidatas, las cuales compartieron y visitaron algunas de las instalaciones deportivas de Stadio italiano. En nombre de Stadio Italiano, deseamos éxitos a nuestra candidata y estamos seguros que Stella Sofía, dejará muy en alto el nombre de Chile en Miss Italia nel Mondo Hágase socio de Stadio Italiano!! Marzo y Abril 50% De descuento en cuota de Incorporación INMOBILIARIA ITALIANA S.A. (Sociedad Anónima Abierta Acogida a la circular 198) JUNTA GENERAL ORDINARIA DE ACCIONISTAS Por acuerdo del Directorio, citase a la Junta General Ordinaria de Accionistas, en primera citación para el día 23 de Abril de 2009 a las 19:30 horas, en los salones de Stadio Italiano, Av. Apoquindo 6589, para tratar las siguientes materias. Aproveche la oportunidad de ser parte de la familia Stadio. Desde el 15 de marzo de 2009 y todo el mes de Abril, podrá disfrutar de un excelente descuento para incorporase a Stadio Italiano. Regrese a Stadio Reincorporación Sin costo! Todas las personas que hayan sido socios de Stadio italiano podrán reincorporase sin necesidad de pagar cuota de reincorporación. Cuota de Incorporación VALOR CUOTA Lectura acta anterior. Memoria de Directorio y Balance año Elección de Directorio Designación de Auditores Externos Independientes. Otras materias de competencia de la Junta. Participación: Tendrán derecho a participar en la Junta General Ordinaria los titulares de acciones inscritas en el Registro de accionistas con 5 días hábiles de anticipación a la fecha de su celebración DESCUENTO 50% Italianos o descendientes 25 UF 12.5 UF No Italianos 50 UF 25 UF Para mayor información comuníquese con la oficina de atención a socios a los siguientes teléfonos: O al correo electrónico

12 12 Presenza-16 aprile 2009 SCUOLA ITALIANA VALPARAISO I NOSTRI EX ALUNNI ALL ESTERO Non c é soddisfazione piú grande nella vita di un professore che veder crescere i propri alunni, educarli alla vita e poi lasciarli partire, nella speranza di rivederli qualche volta, o magari sapere per altri, che si sono trasformati in uomini e donne realizzati con a loro vita e con le loro scelte. É il caso di Sandra Vásquez de la Horra, una ragazza come tante, allegra e spensierata, che partí un giorno da queste aule e non si fece piú sentire. Sandra ricevette in marzo del 2009 un Premio di Disegno Contemporaneo, in occasione dell inaugurazione della Fiera Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea Artparis 09, che aprí le sue porte nel Grand Palais di Parigi. Oltre alla soddisfazione di esporre la sua opera, la vincitrice ha ricevuto un premio di Euro , donato dalla Fondazione Daniel e Florence Guerlain. Questa ragazza che tanti anni or sono scorrazzava per i cortili, e sfuggiva alle lezioni, ora risiede a Düsseldorf (Germania) ed espone mostre individuali in diverse cittá europe e nordamericane. Il disegno, che é alla base di ogni creazione artistica, é un modo di esprimere il proprio vissuto, ma é anche lo specchio dell anima. Sandra, la tua anima é arrivata, dopo tanti anni, fra di noi. Congratulazioni! LE VOCI DEI NOSTRI ALUNNI In tempi colpiti da mode stagionali non sempre positive, sentire il testimonio di ragazzi diciassettenni che scappano allo stereotipo adolescenziale, ci fa pensare ad una gioventú tutt altro che scostumata: una gioventú che in modo maturo e sensibile coglie l essenza di un luogo, di un opera, in modo personale e soprattutto autentico: Non é facile parlare di Assisi, perché il bello e speciale di questa cittá non é quello che si vede, ma quello che puoi sentire. Assisi, una cittá piccolina, senza lussi, semplice, di gente tranquilla, gentile, che ti saluta e ti sorride... Assisi, una cittá dove l aria si sente leggera e puoi ascoltare il silenzio, dove il cuore si riempie di pace e tutto si trova in equilibrio... Assisi, terra santa di San Francesco, dove la sua vita é sigillata un po dappertutto, in ogni luogo di questa cittadina e in ogni cosa si trova il suo amore e la sua luce... Assisi, semplicemente pax et bonum, pace e bene... (Carolina García) La Costiera Amalfitana é veramente meravigliosa. Lí veramente ti senti in una cittá mediterranea: strette vie, vicoli che salgono sui colli, la vegetazione formando un tutt uno con le case, il mare superbo e potente che colpisce la costiera con tutta la forza del mondo. E la cittá umile, che si nasconde fra le braccia della terra, come la figlia piú piccola della famiglia. Amalfi, riempisti il mio sguardo con la tua bellezza e delicatezza, sei come la donna che ogni uomo vorrebbe conquistare, ed io ho avuto il piacere di farlo. Grazie (Enrique Schadenberg) La piú bella scultura é stata il Mosé, il messaggero di Dio, l uomo forte dalla barba lunga, simboleggiante etá e sapienza, con le tabelle dei comandamenti... Tutti ci siamo meravigliati con la sua maestositá, anche perché illumina la cappella di una chiesa molto buia, San Pietro in Vincoli. Il genio di Michelangelo ha dimostrato nel Mosé la grandezza della sua tecnica e delle sue doti artistiche... (María Victoria Fernández)

13 PAGINA RELIGIOSA Il Papa: «Ricostruiamo il futuro» Gli inviti di Benedetto XVI: solidarietà agli sfollati Solidarietà agli sfollati. E un invito: ricostruiamo il futuro con coraggio. I primi auguri di Pasqua del Papa sono stati, come sempre, in italiano. E quest anno «in particolare per quanti soffrono a causa del terremoto. Il Cristo risuscitato - ha detto - guidi tutti su sentieri di giustizia, di solidarietà e di pace e ispiri a ciascuno la saggezza e il coraggio necessari per proseguire uniti nella costruzione di un futuro aperto alla speranza». Le parole del Papa sono state accolte da un grande applauso. «Apriamo l animo a Cristo morto e risuscitato perché ci rinnovi, perché elimini dal nostro cuore il veleno del peccato e della morte e vi infonda la linfa vitale dello Spirito Santo: la vita divina Sono «con voi», e «appena possibile spero di venire a trovarvi». Parole semplici e commosse quelle con le quali, Benedetto XVI ha annunciato in prima persona la propria intenzione di recarsi «appena possibile» in visita alla popolazione vittima del terremoto che ha colpito la provincia dell Aquila. Una visita che avverrà «presto» ma, come precisato dal portavoce vaticano padre Federico Lombardi subito dopo l annuncio, «non imminente»; anche perché prima ci si dovrà accordare con la Protezione civile italiana, che presumibilmente, a quanto si apprende, darà il via libera non appena la fase della prima emergenza sarà conclusa. La notizia è arrivata al termine dell udienza generale, quando Papa Ratzinger, prima dei saluti finali, ha voluto rinnovare la propria vicinanza spirituale alla «Benedetto è il Papa della fede non separata dalla ragione». Lo afferma il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, in un intervista a «Tempi». «La figura di questo Pontefice - afferma il cardinale di Genova - sembra suscitare in un certo mondo laicista qualche problema in più, qualche maggiore apprensione perché sentono di aver di fronte un uomo e un Papa che si presenta alla Chiesa e al mondo con il linguaggio della fede non disgiunto dalla ragione». Secondo Bagnasco, proprio «questo stile non aggressivo, aperto e - aggiunge - starei per dire, laico, suscita probabilmente l aggressività e le reazioni bigotte di qualcuno». «Non si può proprio dire come talvolta i superficiali usano dire, che... non ci riguarda quel che dice perché non siamo ed eterna». Lo ha chiesto il Papa alla grande folla dei fedeli presenti in piazza San Pietro per la messa di Pasqua: all inizio del rito circa 100 mila persone. Decine di migliaia di fedeli dalle prime ore del mattino si erano infatti radunate in piazza San Pietro. Come è tradizione dal 1985 la piazza più nota della cristianità è adornata dagli addobbi dei fioristi olandesi. Il giallo domina. Molte composizioni consistono in fioriture, piante da bulbo e fiori bianchi. - «Sappiamo - ha ricordato Ratzinger - che Cristo è veramente risorto dai morti. Sì, proprio questo il nucleo fondamentale della nostra professione di fede; è questo il grido di vittoria che tutti oggi ci unisce. E se Gesù è «Carissimi, presto verrò a trovarvi» Il Papa: condivido le pene degli abruzzesi «cara comunità dell Aquila e degli altri paesi» colpiti dal sisma. «Ancora una volta - ha quindi detto il Pontefice - desidero dire a quelle care popolazioni che il Papa condivide la loro pena e le loro preoccupazioni. Carissimi, appena possibile spero di venire a trovarvi. Sappiate che il Papa prega per tutti, implorando la misericordia del Signore per i defunti, e per i familiari e i superstiti il conforto materno di Maria e il sostegno della speranza cristiana». «La sollecitudine con cui autorità, forze dell ordine, volontari e altri operatori stanno soccorrendo questi nostri fratelli - ha aggiunto ancora - dimostra quanto sia importante la solidarietà per superare insieme prove così dolorose». Più tardi il Papa ha telefonato all arcivescovo dell Aquila, monsignor Giuseppe Molinari, al quale ha espresso tutto il suo dolore per l accaduto e la vicinanza nella preghiera per tutti i fedeli della diocesi colpiti dal Bagnasco: il Papa coniuga fede e ragione credenti», infatti «il Papa usa una ragionevolezza di fondo che si presenta e si offre a qualunque uomo di pensiero, di intelligenza e di riflessione». Gli attacchi al Papa per il cardinale di Genova, sono espressione di interessi politici ed economici: «Con la sua chiarezza, il Papa, ad esempio in Africa, ha messo il dito su argomenti di estrema importanza che vanno a toccare interessi economici e politici rilevanti. Per questo, certi ambiti altolocati reagiscono con astio e irrisione». Infatti, «è lo stesso papa Benedetto che ha parlato di neocolonialismi e questa parola deve far riflettere il mondo occidentale. Mi chiedo - conclude il presidente della Cei - se questo polverone creato attorno a un brevissimo passaggio sui preservativi non puntasse a distogliere l attenzione sugli altri temi, decisivi, che il Papa ha toccato nel suo viaggio». Sul tema del fine vita, il presidente della Cei ha aggiunto che «le circostanze, determinate dalla Cassazione e dalla magistratura risorto, e dunque è vivo, chi mai potrà separarci da lui? Chi mai potrà privarci del suo amore che ha vinto l odio e ha sconfitto la morte?». «L annuncio della Pasqua - ha continuato il Papa - si espanda nel mondo con il gioioso canto dell Alleluia. Cantiamolo con le labbra, cantiamolo soprattutto con il cuore e con la vita, con uno stile di vita azzimò, cioè semplice, umile, e fecondo di azioni buone. Il Risorto ci precede e ci accompagna per le strade del mondo. Lui la nostra speranza, è Lui la pace vera del mondo». «Giustizia» per l Africa, e basta «conflitti», «povertà», «malattia» e fame nel grande continente ha poi chiesto il Papa nel messaggio «Urbi et orbi» al termine della messa di Pasqua, ricordando il suo recente viaggio in Camerun e Angola. Sempre sulla scena internazionale, il Pontefice ha ricordato che tra israeliani e palestinesi la «riconciliazione» è «difficile», ma «indispensabile», ed è «premessa per un futuro di sicurezza comune e di pacifica convivenza». Per questo il Papa esorta a «sforzi rinnovati, perseveranti e sinceri, per la composizione del conflitto israelo-palestinese». «Materialismo e nichilismo» diffondono un «senso del nulla che tende ad intossicare l umanità». Ma il nulla non è «il definitivo approdo dell esistenza umana» ha aggiunto il Papa. Nella messa pasquale il papa ha introdotto una innovazione: ha pronunciato l omeliadopo la lunga veglia della notte. sisma, confermando la sua presenza tra i terremotati appena sarà possibile. Circa il quando, «saranno tempi bevi ma non imminenti», e «non è stata ancora fissata una data», ha precisato padre Lombardi, mentre in un comunicato Molinari ha ringraziato «il Santo Padre per la visita che farà alla nostra città e a tutti i terremotati.è un dono grande, perché ci da speranza e forza per affrontare l attuale situazione così drammatica e il futuro così difficile». in genere, hanno indotto ad auspicare una legge che possa prevedere che non si possa interrompere l idratazione e l alimentazione in modo che non debba più accadere tragedie come quella di Eluana». «In Africa ha toccato interessi rilevanti. Mi chiedo se il polverone sull Aids puntasse a distogliere l attenzione» Presenza-16 aprile Instillò il gusto della felicità a una generazione di giovani cattolici «P rego anch io con voi per la beatificazione di Giovanni Paolo II». Lo ha detto ieri Benedetto XVI al termine dell udienza del mercoledì. Ricorre infatti oggi il quarto anniversario della morte di papa Wojtyla, di cui, tra i tanti insegnamenti inestimabili, traiamo alcuni temi dalla veglia di preghiera e dalla messa conclusiva della Gmg di Roma Diceva il Papa che la fede non è un salto nel buio, bensì «la risposta dell uomo ragionevole e libero al Dio vivente» e, se è vero che ogni uomo, come l apostolo Tommaso, è tentato dall incredulità, nello stesso tempo, purché lo cerchiamo sinceramente, «sempre il Cristo risorto entra nel cenacolo della nostra vita e permette a ciascuno di sperimentare la sua presenza e di confessare: Tu, o Cristo, sei il mio Signore e il mio Dio» ( Gv 20, 28). Così, è vero che nel XXI secolo è difficile credere, «ma con l aiuto della grazia è possibile». Certo, credere in Cristo, qualche volta, anche oggi, richiede un vero martirio o, comunque, non di rado, comporta «quasi un nuovo martirio»: quello di chi, oggi come ieri, «è chiamato ad andare contro corrente per seguire il Maestro divino». Tuttavia - diceva Giovanni Paolo II ai giovani -, la vita cristiana non è frustrante, anzi (come spiegava con una logica analoga a quella della metafisica neoplatonica della partecipazione): «È Gesù che cercate quando sognate la felicità; è Lui che vi aspetta quando niente vi soddisfa di quello che trovate; è Lui la bellezza che tanto vi attrae; è Lui che vi provoca con quella sete di radicalità che non vi permette di adattarvi al compromesso; è Lui che vi spinge a deporre le maschere che rendono falsa la vita; è Lui che vi legge nel cuore le decisioni più vere che altri vorrebbero soffocare. È Gesù che suscita in voi il desiderio di fare della vostra vita qualcosa di grande, la volontà di seguire un ideale, il rifiuto di lasciarvi inghiottire dalla mediocrità, il coraggio di impegnarvi con umiltà e perseveranza per migliorare voi stessi e la società, rendendola più umana e fraterna». Nondimeno, anche noi credenti a volte siamo tentati di girare le spalle, e anche a noi Gesù rivolge la domanda fatta ai discepoli: «Forse anche voi volete andarvene?» ( Gv 6, 67). Ma le molte disillusioni della vita, le tante delusioni persino dopo aver conseguito gli obiettivi a cui anelavamo con tutte le nostre energie, dovrebbero portarci ad esclamare come Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna» ( Gv 6, 68). Infatti, di parole intorno a noi ne risuonano tante, ma «Cristo soltanto ha parole che resistono all usura del tempo e restano per l eternità». Del resto, neppure i nostri più grandi amori possono pienamente rispondere all esigenza del nostro cuore: «Ogni persona umana è inevitabilmente limitata: anche nel matrimonio più riuscito, non si può non mettere in conto una certa misura di delusione». Insomma, «Solo Gesù [...] è in grado di soddisfare le aspirazioni più profonde del cuore umano». Ebbene, già nell Eucaristia e nella vita di fede abbiamo l anticipo parziale di quella comunione totale che è rimandata alla vita eterna. E Cristo «ama ciascuno di noi in maniera personale ed unica nella vita concreta di ogni giorno: nella famiglia, tra gli amici, nello studio e nel lavoro, nel riposo e nello svago. Ci ama quando riempie di freschezza le giornate della nostra esistenza e anche quando, nell ora del dolore, permette che la prova si abbatta su di noi: anche attraverso le prove più dure, infatti, Egli ci fa sentire la sua voce».

14 14 Presenza-16 aprile 2009 SPORT Mezzo passo falso dell Inter-E uno intero della Juventus La Juve era tornata a coltivare una debole speranza e poi l ha persa di nuovo, sconfitta 3 a 2 sul campo del Genoa. L Inter a San Siro, in vantaggio 2-0 sul Palermo, era riuscita a farsi raggiungere sul 2-2 dai rosanero che avevano poi sfiorato il colpaccio. Grande Lazio nel derby: schiantata la Roma 4-2 grazie a un avvio spumeggiante. Punti importanti del Milan che passa 1-0 a Verona sul Chievo. La Fiorentina sorpassa per il momento il Genoa per il quarto posto superando 2-1 il Cagliari. In coda passo avanti del Torino che batte 2-1 il Catania e approfitta della disfatta 4-1 del Bologna in casa con il Siena. Recrimina il Lecce per un rigore negato contro la Sampdoria. Finisce senza reti Napoli-Atalanta. L Udinese ha battuto in trasferta 2-0 la Reggina. LA JUVENTUS NON PASSA A GENOVA - Il Genoa batte la Juventus 3-2 nel posticipo della 31esima giornata e conserva il quarto posto, mentre i bianconeri precipitano a -10 dall Inter. A Marassi, cinque gol, tante emozioni e tantissime decisioni dubbie. Tridente atipico per il Genoa, Gasperini, privo di Milito, schiera Sculli, Jankovic e Palladino. Juve con il 4-4-2, Poulsen, Nedved e Camoranesi sono gli esterni, Del Piero-Iaquinta la coppia d attacco. Il Genoa parte forte, al 7 Legrottaglie salva sulla linea sul tiro di Palladino. La Juve risponde con Iaquinta fermato davanti a Rubinho per un dubbio fuorigioco. Tante le azioni contestate in un match vibrante, al 29 Thiago Motta trova il sinistro vincente per l 1-0 genoano, ma Rocchi aveva fischiato un attimo prima per un fallo su Mesto. Nonostante tutto l arbitro convalida la rete tra le proteste bianconere. Al 41 gomitata involontaria di Nedved su Mesto, costretto a lasciare il campo con una brutta ferita che richiede tanti punti di sutura. Al 45 Del Piero pareggia su un rigore molto dubbio concesso per un presunto fallo di Ferrari sul capitano della Juve. Al 48 Genoa di nuovo avanti ancora con Thiago Motta che di testa mette dentro il corner di Juric. Nella ripresa ritmi sempre alti, la Juve va vicina al pari con Nedved, Biava salva sulla linea. Al 39 pareggia Iaquinta, ma le emozioni non sono finite e, al 43, Palladino sul filo del fuorigioco segna il gol del 3-2 su assist di Rossi. INTER MEZZO PASSO FALSO - Dopo il rigore del 2-0 realizzato al 39 del primo tempo da Ibrahimovic, per l Inter la pratica Palermo sembrava chiusa e già si stava tagliando la colomba negli spogliatoi. Invece nella ripresa in due minuti, Cavani al 28 e Succi (colpevole Toldo) al 30, il Palermo ha pareggiato e nel finale Miccoli ha più volte sfiorato la clamorosa impresa (il Palermo non ha mai battuto l Inter a San Siro in serie A). Partita dai due volti: Inter sicura nella prima frazione di gioco, in vantaggio con Balotelli al 15 e poi il rigore di Ibra, irriconoscibile e svogliata nella ripresa con i siciliani padroni assoluti del campo. MILAN PUNTI PESANTI - Contro il Chievo il Milan soffre, ma riesce a portare a casa tre punti pesanti per tenere lontane le inseguitrici e lanciarsi alla rincorsa del secondo posto. Con Kakà e Seedorf dal primo minuto è stato l olandese a risolvere all 8 della ripresa su assist di Inzaghi. Ancelotti è stato espulso per la prima volta da quando guida i rossoneri. «È stata una vittoria molto importante, raggiunta contro una squadra in forma. Adesso abbiamo altre due partite in casa per legittimare il terzo posto, non dobbiamo mollare», ha detto il rossonero Massimo Ambrosini. DERBY DI ROMA - Un trionfo per la Lazio, squadra che veniva da tre sconfitte consecutive: 4-2 sulla Roma Serie B: colpo grosso del Parma a Bari Il Livorno stecca, è fuga a due verso la A Acausa del lutto nazionale le partite di serie B sono state tramandate Una vittoria che fa felicissimo il Parma di Francesco Guidolin e non fa male al Bari che cade in casa nello scontro al vertice della serie B ma tiene salda la vetta della classifica. Perché ad accontentare le due regine del torneo cadetto ci pensa il Livorno di Acori (panchina sempre più scottante per il tecnico dei toscani) che si fa rimontare in extremis dal Vicenza e consente a Bari e Parma di aprire ufficial- e sfottò liberi sui giallorossi sino alla prossima stagione. È stato un derby scoppiettante con un inizio al cardiopalma: uno-due della Lazio con Pandev al 2 e Zarate al 4. Classifica generale Inter 73 Juventus 63 AC Milan 61 Genoa 57 Fiorentina 55 AS Roma 49 Palermo 46 Cagliari 45 Lazio 44 Atalanta 41 Sampdoria 40 Napoli 39 Udinese 39 Siena 37 Catania 37 Chievo 31 Torino 27 Bologna 26 Lecce 24 Reggina 20 mente una fuga a due per la promozione diretta in serie A. Il match del San Nicola si decide nel giro di dodici minuti: emiliani in vantaggio al 15 con una violenta stoccata dentro l area dell ex di turno, Vantaggiato. A chiudere i conti ci pensa l ex milanista Paloschi. Nella ripresa Parma vicino al tris con Paloschi e con una traversa di Paci: decimo risultato utile di fila per i gialloblù. Frena il Livorno che passa all 80 con Diamanti, ma viene raggiunto in pieno recupero da un rigore di Margiotta. Risultati 34ª giornata: Bari-Parma 0-2;Ascoli-Pisa 1-0; Cittadella-Sassuolo 1-1 Avellino-Ancona 3-0; Livorno-Vicenza 1-1 Empoli-Frosinone 1-1; Modena-Grosseto 1-1 Mantova-AlbinoL. 1-0; Piacenza-Brescia 2-2; Salernitana-Treviso 2-2; Triestina- Rimini 4-0 Classifica: Bari 63; Parma 62; Livorno 55; Triestina 52; Brescia 52; Sassuolo 51; AlbinoLeffe 51; ed Empoli 51; Grosseto 47; Ascoli 46; Piacenza 45; Vicenza 43; Pisa 42; Mantova 41; Ancona 41 Rimini 40 Cittadella 39; Frosinone 39 Salernit. 37; Modena 33; Treviso 31; Avellino 31 Productos originales de Italia Italia, scherzo da Trap Espulso Pazzini: l Irlanda trova il pareggio nel finale Dieci azzurri, per undici irlandesi, potevano bastare. E consentire all Italia di prendere il volo con discreto anticipo verso il Mondiale sudafricano. E invece la banda azzurra è crollata sul traguardo, spossata da 90 minuti corsi con l handicap e da un paio di scelte del suo commissario tecnico. Trap ringrazia e magari, alla fine, trova modo pure di recriminare per le occasioni sprecate nella residua fetta di partita seguita all 1-1 che, tuttavia, lo tiene in corsa per la qualificazione diretta dopo una gara caratterizzata da un calcio old italian style. Per lo spettacolo bisognerà ripassare, magari sperando in un improbabile sdoganamento di Cassano. L eversore Lippi si sorbisce prima dell avvio la prevista razione di fischi. Escluso Giuseppe Rossi, in attacco, a fianco di Pazzini, c è il centurione Iaquinta. Lo scherzo di cattivo gusto lo perpetra invece l arbitro Stark, ai danni di Giampaolo Pazzini. La gara del ritrovato bomber doriano, alla prima da titolare in azzurro, dura 4 minuti netti. Il tempo per subire un entrata pericolosa e impunita di Kilbane e di contendere a O Shea una palla alta a metà campo. Cartellino rosso e fuori il centravanti azzurro. Un ingiustizia che l Irlanda contribuisce rapidamente a sanare tramite la pochezza tecnica e tattica di gran parte dei suoi elementi: primi fra tutti gli esterni di destra McShane e Keogh, infilati come piccioni dallo spiedo di Pirlo e Grosso: il primo suggerisce, il secondo confeziona l assist giusto e Iaquinta, solo a 5 metri dalla porta, infila Keane (10 ). Il Giuann Trapattoni ha di che mettersi le mani nei canuti capelli. In 11 contro 10 e sotto di un gol, la sua squadra appare palesemente incapace di creare gioco, l unica arma è quella del fisico, delle spallatone delle punte Doyle e Folan. Un armadio, quest ultimo, buttato nella mischia dal deca_no dei mister italiani per consentire all ex-interista Robbie Keane di arretrare e di tentare di lavorare qualche pallone decente per i gregari. Il cronometro avanza parallelamente alle linee irlandesi, sempre più alte: per noi, spazi per contropiedi nemmeno tentati, visto che Iaquinta - generoso come un Graziani d antan- è diventato un eremita in azzurro. Finisce così che a due soli minuti dal termine, l ennesima palla sporca in area azzurra viene capitalizzata da Robbie Keane. Il Trap non esulta, anche se dentro ha probabilmente un vulcano: perdere proprio da Lippi con il metodo della casa sarebbe stato davvero troppo. Gli azzurri in dieci per tutta la partita difendono soffrendo il gol di Iaquinta ma Keane firma l 1-1. Striscioni pro Cassano sugli spalti Jamón crudo Mortadella Café Aceite extravirgen Vinos Vinagre balsámico Pasta Salsas y antipasto Licor de limón Risotto ect... Av. Las Condes Fono: / Fono-Fax:

15 SPORT Il responsabile Ferrari analizza la situazione: Dobbiamo reagire e le cose ce le diciamo in faccia, non fuori. La scelta delle gomme? Nomi non ne faccio. Siamo in una situazione diversa rispetto al passato e dobbiamo affrontarla. Ferrari, acque agitate: anche il ruolo di Schumi fa discutere. La Ferrari annega nel diluvio di Sepang. E comincia una pericolosa caccia alla streghe. Due gare, zero punti: come nel 1992, quando poi Jean Alesi chiuse con un misero 7 posto in classifica iridata con 18 punti. Errori nelle strategie al box, problemi di affidabilità, mancanza di prestazioni, ruoli confusi nel management: ce n è per tutti. Ma serve calma per uscire da una situazione non ancora drammatica perché il Mondiale è appena iniziato e c è tempo (e le risorse) per uscirne. È il pensiero del direttore della Gestione sportiva, Stefano Domenicali. ERRORI - È stata una giornata negativa visto il contesta di come la gara si è sviluppata. L unica cosa che dico è che bisogna uscirne subito. Le responsabilità bisogna prendersele fino in fondo, bisogna dirsi le cose in casa e non fuori. Le cose noi ce le diciamo in faccia, dentro e non all esterno. La gara di Sepang è stata un mix di errori ma anche di sfortuna che hanno condizionato le scelte e l esito della gara, come la scelta delle gomme di Felipe Massa e Kimi Raikkonen. Col senno di poi è chiaro che abbiamo preso delle decisioni sbagliate, soprattutto nel caso di Kimi in occasione della sua prima sosta, è stato un azzardo mettergli le gomme da bagnato estremo - ha spiegato Domenicali - le informazioni a disposizione in quel momento davano La Forcella non è la Marmolada e non vale il Mortirolo. Ma è una salita: 321 metri di dislivello in 6,5 chilometri, media 5%. Da ripetere tre volte. Così si pensava che a vincere la tappa potesse essere un Di Luca o un Rebellin o perfino un Simoni. Macché: Petacchi. Due tappe, più la cronosquadre, più il primo posto nella classifica generale, più il primo posto nella classifica a punti. Più che la Settimana Lombarda, queste sembrano essere le Petacchiadi. Stavolta Ale-jet si è difeso in salita, ha respirato in discesa, si è accodato al treno della Lpr- Farnese (Bernucci, Bosisio, Pietropolli e Di Luca, dopo che Cattaneo e Spezialetti si erano consumati durante l inseguimento a Cioni, al polacco Niemec, all olandese Poels e al francese Lhotellerie), infine è decollato verso la linea del traguardo. Primo, primissimo Petacchi, secondo Luca Paolini, terzo lo spagnolo Francisco Ventoso. IL VINCITORE - Petacchi: La strategia prevedeva Di Luca e Pietropolli dietro gli attaccanti di giornata. Ho fatto le salite con il mio passo e non mi sono staccato. L ultima volta avrò scollinato in ventesima posizione. il temporale in arrivo in pochissimo tempo mentre, invece, ci sono voluti alcuni minuti in più prima che la pioggia arrivasse. Felipe è stato molto sfortunato: ancora una quarantina di secondi e sarebbe potuto rimanere in pista con le gomme da bagnato estremo e avrebbe potuto guadagnare un buon piazzamento. IL RUOLO DI SCHUMI - Sbagli sì, ma anche un po di sfortuna quindi. Perché come hanno detto dalla Ferrari, ha piovuto sempre nel momento sbagliato. Ci sono altri problemi però da risolvere, come quello dell affidabilità (Raikkonen k.o. per un problema al Kers), e situazioni da chiarire come quella del ruolo che recita Michael Schumacher nei panni di un generico consulente che in Australia e in Malesia era al muretto del team per mettere a disposizione della squadra la sua esperienza. A Sepang qualcuno ha avuto il sospetto che il sette volte campione del Mondo abbia influenzato l azzardata scelta delle gomme da montare ai piloti. NIENTE PANICO - Un argomento però che Domenicali ha voluto evitare: Chi ha scelto le gomme? Nomi Lombarda, Petacchi fa il bis Avrei voluto mettermi comunque a disposizione di Danilo, ma c era Paolini, un uomo sempre pericoloso in questi arrivi, così la volata l ho fatta io. Mi era già capitato di non perdere il gruppo dei migliori in salita, ma mai con la stessa costanza di quest anno: prima al Sardegna, poi alla Tirreno-Adriatico, adesso qui. Ecco perché il quinto posto alla Sanremo, e soprattutto l impossibilità di aver potuto fare la volata, non mi va giù. Paolini: Secondo dietro a Petacchi è una quasi vittoria. Ero alla sua ruota, ho provato a uscire, ma sono rimbalzato indietro. Sono tre mesi che vado a tutta e ho raccolto solo due secondi posti e altri piazzamenti. Domani c è il tappone, non ne faccio. Ne discuteremo in casa. Il ruolo di Schumacher? Non voglio rispondere perché so cosa c è dietro. È un discorso di gestione interna, ne parleremo tra di noi. Dobbiamo vedere le cose probabilmente in maniera diversa, perché è un tema sicuramente importante. Come dire, i panni sporchi li laviamo in casa e non in pubblico. È chiaro che dobbiamo uscire in fretta da questa situazione senza farci prendere dal panico ma assumendoci, ognuno di noi, le nostre responsabilità: dobbiamo guardarci dentro e reagire sin da subito - ha proseguito Domenicali -. Dobbiamo cambiare mentalità e renderci conto che siamo in una condizione diversa rispetto al passato e che quindi dobbiamo affrontarla con un approccio diverso, in pista e a Maranello. Questa situazione non è accettabile: dobbiamo reagire. DIFFUSORI E GOMME - Si aspetta anche la decisione della Corte d appello della Fia, il 14 aprile, per capire se il diffusore usato da Brawn GP, Toyota e Williams è regolare o meno e di conseguenza adeguarsi. In il mio obiettivo è salvare le gambe e giocarmi le ultime possibilità nella tappa finale, quella di Bergamo. tal caso, però, ci vorrà tempo. Se dovessimo cambiare il diffusore, ci vorrà tempo - le parole di Domenicali - Non penso che ce la faremmo neanche per il Bahrain (26 aprile, ndr). La squadra spera di poterlo avere nella gara del 10 maggio a Barcellona. Intanto si deve lavorare sul fronte dell aerodinamica: Da quanto abbiamo visto, è l aerodinamica che fa la differenza ed è su questa che dobbiamo lavorare. Abbiamo bisogno di più trazione. È il punto più critico della nostra macchina che dobbiamo affrontare. I diffusori? Aspettiamo di capire cosa succederà il 14 aprile, poi vedremo. Dobbiamo capire perché ci sono tante differenze di prestazioni con i diversi tipi di gomme. La nostra è una macchina che è molto, molto sensibile ai differenti carichi di benzina e alla tipologia di gomme. Dobbiamo capire perché. Lutto e striscioni di solidarietà per i terremotati Non solo il minuto di silenzio prima dell inizio delle partite e il lutto al braccio indossato dai giocatori delle squadre impegnate nella 31ª giornata del Campionato di Serie A. Anche il pubblico ha voluto ricordare il dramma dei terremotati: tanti gli striscioni in solidarietà esposti sugli spalti degli stadi. «Uniti nel dolore con il popolo abruzzese» e «Non ci sono parole: dal nostro cuore forza Abruzzo», gli striscioni della curva del Milan, impegnato a Verona contro il Chievo. All Olimpico di Roma, dove si sta giocando il derby della Capitale, i supporter giallorossi, dalla Curva Sud, scrivono: «Abruzzo un grande abbraccio» e «Questa storia non va dimentica, Abruzzo siamo con voi». In Curva Nord, quella occupata dai tifosi della Lazio, si legge: «Cordoglio per le vittime del terremoto»._ Cravatta nera in segno di lutto al posto di quella con i colori sociali del club per i dirigenti dell Inter e il suo tecnico Josè Mourinho. Sugli spalti molti gli stricioni esposti dai tifosi nerazzurri: « Fratelli d Italia uniti nel dolore» e un «Forza Abruzzo» scritto con i colori della bandiera italiana. «Dove la terra trema ancora, spazzando via la vita e i sogni senza un umana spiegazione... non lasciamoli soli. Presenza-16 aprile Tania-show pure nel sincro. E d oro con la Dallapé Le due azzurre conquistano il trampolino 3 metri regalando all Italia la settima medaglia degli Europei di Torino. Per la Cagnotto è il terzo oro personale: nessuna ci era mai riuscita. L Italia chiude con sette medaglie, record assoluto Apoteosi Cagnotto. Tania si porta sul podio d oro anche Francesca Dallapè, compagna di allenamenti tra Trento e Bolzano, e chiude trionfalmente i primi Europei di specialità, nel senso di staccati dalle altre discipline acquatiche. STORICA - Il terzo titolo consente alla Cagnottina di diventare la prima tuffatrice europea a vincere tre volte in una sola edizione, impresa che finora apparteneva al mitico russo Dimitry Sautin, che realizzò la tripletta storica a Helsinki 2000, tre mesi prima dei Giochi di Sydney, dove l allora quindicenne Tania si presentava agli occhi del mondo. Adesso Tania è una star, anzi una superstar, che dopo il titolo vinto sulle tedesche dai 3 metri sincronizzati, prende in mano il microfono per ringraziare il pubblico di Torino, accorso sempre numeroso e con quasi 10 mila presenze registrate, quel pubblico che anche Giorgio, torinese di nascita, ringrazia consegnadogli idealmente una medaglia d oro speciale. E Torino si candida a ospitare gli Europei pre olimpici di Londra nel costruendo Palanuoto attiguo allo stadio Olimpico. La Cagnotto ha vinto la medaglia d oro da un metro, l ha bissata dai 3 metri, specialità olimpica e di cui detiene 2 bronzi mondiali, e adesso questa medaglia d oro in coppia con l ultima compagna che invece era alla prima medaglia assoluta. Trentina che alla ginnastica artistica ha preferito i tuffi, la Dallapè si integra anche fuori dall acqua con Tania, e il duo si candida a fare grandi cose ai prossimi Mondiali di Roma. Il bronzo è andato all Ucraina (Fedorova-Korolyova), mentre le tedesche d argento (Dieckow-Subschinski) chiudono a 4.80 punti dalle azzurre. PIATTAFORMA - Poca fortuna per Francesco Dell Uomo, fidanzato della Cagnotto, dai 10 metri: il medagliato europeo e già finalista olimpico e mondiale ha chiuso nono in pagando un errore nel penultimo tuffo e la difficoltà di gareggiare con un polso sinistro infiammato e fasciato, mentre il compagno quattordicenne Andrea Chiarabini si è ritrovato in ospedale con una flebo per un improvviso attacco di gastroenterite che faceva temere in mattinata un appendicite che anzichè portarlo sulla piattaforma l ha portato in ospedale. Una dedica speciale anche per il baby tuffatore. L oro di una gara ad alto tasso tecnico è andato al russo Aleksey Kravchenko, classe 86, sul russo fratello d arte Dmitry Dobroskok e il tedesco Patrik Hausding. Con questo oro la Russia vince nel medagliere (4-3-0) sull Italia (3-2-2) mai con 7 medaglie in unica volta: superato Madrid 2004 con 6. E Cagnotto papà ha ringraziato lo staff. I tuffi azzurri poveri di soldi sono ricchi di medaglie. Sensazionale. È Vanessa la Ferrari che va Con l argento di Vanessa Ferrari l Italia conquista la prima medaglia della rassegna continentale. L oro nel corpo libero è andato alla britannica Elisabeth Tweddle, il bronzo alla russa Ksenia Semenova

16 16 Presenza-16 aprile 2009 FINALI L'Abruzzo ferito abruzzese, Gianni Chiodi, in mattinata avevano fatto tremare: «La situazione - diceva - è tanto grave che non può essere sotto controllo, non riusciremo a salvare tutti». C è chi indossa ancora il pigiama. Chi piange tenendo la testa fra le braccia e qualcuno al suo fianco lo accarezza. C è chi di anni ne ha tanti e forse è stanco e allora siede sotto la sua casa con la testa bassa. Una ragazza si trucca guardandosi in uno specchietto ed è bello vederglielo fare. I medici, gli infermieri, i carabinieri, i poliziotti, i soldati, i finanzieri, i volontari, arrivati nel giro di qualche ora, non si fermano. Mai. Sono in guerra contro un nemico che non si distingue e perciò inchioda più facilmente: uno spettro che gode a massacrare adoperando quanto costruito da uomini con pochi scrupoli e molta avidità. Perché se qui un palazzo è finito in briciole come un biscotto e quello distante due metri è rimasto in piedi qualcosa starà a testimoniarlo. S avvicina il buio e sembra che quello spettro trovi un altro alleato anche nella natura e che, insieme, vogliano affondare di più i denti nelle carni di questa gente: piove, poi diluvia e grandina, e non smette. A sera è davvero una battaglia contro il terremoto, l acqua, il freddo, il buio. Nessuno si arrende. Difficile da raccontare: donne e uomini stremati e inzuppati ritrovano forze, lottano, non mollano, come se più venissero sfidati e più tenessero duro. Ecco nuovi crolli con le nuove scosse e non importa, vanno avanti. Anche i cani fanno il loro dovere, annusano tra le macerie, cercano un brandello di vita, un respiro. Più di una persona viene salvata guidando con la voce chi la sta soccorrendo, come una donna in centro, come qualcuno dei sei ragazzi tirati fuori dalle briciole della «Casa dello studente». Alla fine sono 60 le persone che sono state estratte vive dalle macerie degli edifici crollati all Aquila e dintorni. Impressiona l albergo «Duca degli Abruzzi», che è collassato, sfondandosi e ricadendo su se stesso. Era in cemento armato come pure l ospedale, la cui struttura era stata realizzata tenendola bassa (proprio perché anche i sassi sanno quanto queste parti siano ad elevato rischio sismico), ma è servito a poco o nulla. Il centro storico pare galleggiare sospeso in un vuoto. La stessa gente pare muoversi sospesa in un tempo e in uno spazio indefiniti. Sebbene intorno risuoni ossessivo il sibilo di alcuni allarmi d edifici e non smetta per ore. Sebbene le sirene dei mezzi di soccorso si moltiplichino, si accavallino, confondano, ma sono troppe per non sembrare surreali. La sconfitta e la vittoria di questa città sono tutt e due nel giovane medico che scava con le sue mani nude per ore, tira fuori la cugina viva (salvata da un armadio che l ha in qualche modo riparata), scava ancora e tira fuori lo zio, morto, e di nuovo ricomincia a scavare._ Accadono intanto anche cose che somigliano a miracoli e forse se ne rendono conto i ventisei piccoli della casa famiglia per bambini orfani «Immacolata Concezione»: i piccoli sono salvi, tutti, e per suor Anna, che è rimasta sotto la parte d edificio crollata, le sue dodici consorelle pregano e non hanno perso la speranza. Eccole, le luci delle fotoelettriche, che ricordano sempre terremoti o crolli, che le gocce di pioggia sfilacciano in mille riflessi. Quest incubo di notte fa un po più paura e dunque serve svuotare sulla strada tutto il coraggio che si ha, per tenere in piedi se stessi e gli altri. All Aquila il terremoto ha spezzato le ali e l ha abbattuta. Ma non è ancora riuscito a farle abbassare la testa. Nella prova l'italia si svela diversa La bambina è salva, dorme. La madre non si capacita: «Hanno dei figli anche loro, e hanno rischiato la vita per la mia. Angeli, sono, come devo chiamarli?». C è qualcosa, in questa mole ferrigna di strazio che sommerge dai telegiornali, che ci stupisce. È la vecchia di 98 anni che sotto le rovine della sua casa ha aspettato i soccorsi quietamente, lavorando all uncinetto, in quel ritmo antico delle dita che tramano e legano: simile allo svolgersi fra le dita di una corona di rosario. O il giocatore dell Aquila Rugby, ventenne, un colosso, che in quell alba di macerie s è caricato in spalla una donna e poi suo marito - salvi, dalla loro casa crollata. E su quelle grandi spalle si è poi lasciato mettere da tanti altri, come un giogo accettato, malati in sedia a rotelle, e materassi, e fornelli - poveri resti per sopravvivere. Con quelle spalle da rugbista, con quelle mani come badili, instancabile - a scavare, per gente mai vista. È questo che ci stupisce dall Aquila, molto più che le polemiche, e le accuse, e la consueta rabbia. Ci stupisce che in una simile esplosione di dolore e di male, gli uomini reagiscano. Come un pugile che ha incassato un formidabile colpo e, alle corde, si riscuote e torna a combattere. Che si raccolga così la sfida del dolore, introduce un fiato di meraviglia nell abitudine stanca con cui spesso guardiamo a noi e agli altri. Cos è che spinge degli uomini a rischiare la vita per uno sconosciuto, a svangare nel fango la notte intera, senza sentirsi stanchi? (Quegli stessi uomini che fino al giorno prima erano assolutamente come gli altri, magari cinici, o arrabbiati, o pigri tentatori della buona sorte al lotto). È, sembra, lo stesso dolore che sfida. E riapre dimenticati pozzi interiori, e nello schiaffo provoca: c è una sorgente, lì sotto, che avevamo dimenticato di avere. Generosa, gratuita; come straniera, in un mondo che normalmente non dà niente per niente. Si chiama questa sorgente, parlando cristiano, speranza. Quella speranza che Charles Peguy definì «una irriducibile». Quel non arrendersi, anche quando tutto sembra perduto. L improvviso scoprire che il vicino di cui non sai il nome, vale tanto per te da sfidare la massa minacciosa dei muri spezzati e incombenti, per salvare la sua bambina. Come se quel vicino fosse un fratello. Come se davvero, alla radice, fossimo tutti fratelli. È un altra Italia quella che s è vista in tv e sui giornali in questi due giorni. Nella gente d Abruzzo e nelle colonne di mezzi di soccorso che già all alba di lunedì si mettevano in marcia da ogni parte d Italia verso L Aquila. Nei volontari e nelle offerte di case, di viveri, di pannolini. Nelle cento sottoscrizioni aperte, e indicate da tutte, tutte le tv e i giornali. In questo tempo di crisi. Dove fino a ieri l Italia, cupa e depressa, sembrava chiusa nelle sue paure e partigiane rivendicazioni. La sfida del dolore, come un manrovescio, ha rivelato un Paese spesso ignoto agli italiani stessi. Una faccia generosa, che rischia, che non calcola. Un Italia amante della vita. In questa settimana di Passione e di morte, ci ha stupito, ci ha lasciato muti la madre che raccontava di quegli angeli che le han salvato la figlia; e il gigante dell Aquila Rugby, accanito, ansante, quella notte, su tutta un altra meta. La cultura diessina verso le riforme sociali, e la cultura del Partito Comunista prima e poi Pds e Ds. Una sfida ardua ma molto alta». Ed entra nel dettaglio: «Non ho condiviso lo sforzo che si è chiesto a tutti i cattolici di omologarsi a una sola scelta sul testamento biologico, che ha trasformato una posizione prevalente in una posizione unica. Questo pressing non mi è piaciuto». Poi «non sono stata affatto entusiasta, per non dire critica, per la partecipazione di Franceschini alla manifestazione della Cgil, dove quella piazza vista in televisione era rossa» Ancora: «Molte perplessità anche sull approdo europeo; è vero che si dice che non andremo nell Internazionale Socialista, ma è ancora tutto fumoso». Binetti poi sottolinea di non stare «pensando di andare con l Udc ma mi pongo il problema se non ci sia bisogno di generare una forma aperta o un modo di concepire la politica dove ci sia la possibilità di esprimere con più naturalezza radici, valori e culture della nostra tradizione. Dipende dalle scelte che fa il Pd». Dunque, «se il Pd vuole diventare un partito di governo o diventa una forza del 51%, e la situazione attuale è difficile come lo è per Berlusconi, o bisogna chiedersi con chi allearsi. Impossibile con la Lega, scartata la Grande Coalizione si devono individuare spazi e modi reali di collaborazione tra il Pd e l Udc. Non sarà facile, come non lo è l alleanza tra la Lega e il Pdl. D altronde, non è che per me la convivenza con Di Pietro sia facile...». Apprezza «che la Binetti apra il dialogo con l Udc» il ministro per l Attuazione del programma, Gianfranco Rotondi, «ma il disagio conferma che è tempo di una nuova unità politica dei cattolici democratici». IL GP DEL QATAR MotoGp, la prima è di Stoner- Ma Vale Rossi segue a ruota Casey Stoner su Ducati (nella foto) ha vinto il gran premio del Qatar, gara d apertura del motomondiale Per lui è la terza vittoria consecutiva sul circuito di Losail. Secondo è giunto Valentino Rossi e terzo lo spagnolo Jorge Lorenzo, entrambi su Yamaha. Al quarto posto si è piazzato lo statunitense Colin Edwards (Yamaha), quinto l italiano Andrea Dovizioso (Honda), sesto il sammarinese Alex De Angelis con la prima delle Honda ufficiali. Solo 11/o lo spagnolo Dani Pedrosa con l altra Repsol Honda, 12/o Nicky Hayden con la seconda Ducati ufficiale. Domenica la gara era stata annullata per un violento nubifragio che si era abbattuto sulla zona ed era stata rinviata di 24 ore. ROSSI: HO DOVUTO MOLLARE - Un pizzico di rammarico, ma anche la consapevolezza di aver limitato i danni su un circuito favorevole alla Ducati: Valentino Rossi applaude il successo di Casey Stoner nel gran premio di apertura, ma accetta di buon grado il suo piazzamento d onore: «Peccato perché era bello, stavo recuperando su di lui e magari lo andavo a prendere, ma dopo la pioggia di domenica l asfalto era più aggressivo e io ho avuto qualche problemino con la gomma davanti - ha spiegato il Dottore - A quel punto mi sono fatto due conti, sapevamo di essere un po al limite e allora ho mollato. Bravo a Stoner, è stato più veloce e Mal comune mezzo gaudio persone sofferenti di anima e corpo e s`è fatto in mille per sollevare l animo a grandi e piccoli. In tanto tempo potrei dire che mai ho visto la opposizione cessare le ostilità e far politica di qualsiasi particolare. Speriamo che dalla sofferenza generale di un popolo si cominci a trovare un idioma intelligibile per potersi comunicare. Intanto si potrebbe mandare Santoro a riposare un poco nell isola dei Famosi sperando che gli piaccia la residenza e non rientri mai più in Italia. Giorgio Napolitano mesto rendette un omaggio alle vittime insieme a Guido Bertolaso della Protezione Civile visitando il locale donde giacevano i feretri: Sono qui per dovere, per sentimento e per ringraziare per tutto ciò che si sta facendo per lenire il dolore delle famiglie, e per ringraziare pure per l interessamento di tutti i coinvolti nel dolore senza accettare aiuti stranieri. Anche il papa durante la celebrazione del giovedì santo benedisse con olio santo tutte le persone che potranno in qualche modo avvicinarsi e portare sollievo ai familiari dei colpiti dal terremoto. Ci voleva proprio per svegliare il buon senso ed il cuore degli italiani. G.F. ha meritato la vittoria. Noi comunque siamo secondi e abbiamo dimostrato di andare forte, quindi ci vediamo a Motegi». Sul circuito giapponese il prossimo 26 aprile è infatti in programma il secondo appuntamento del motomondiale. 250: VINCE BARBERA - A causa della pioggia, la 250 è partita con 40 minuti di ritardo per far asciugare la pista e la gara è stata ridotta a tredici giri sui venti previsti per mantenere invariato l inizio della prova della MotoGp alle 22 ora italiana. «Dobbiamo essere certi che la pista, almeno nelle traiettorie, sia completamente asciutta», ha comunicato l ex campione del mondo delle 500 Franco Uncini, ora responsabile della sicurezza dei circuiti. «Il Gp si corre in notturna e l asfalto bagnato creerebbe un forte riflesso delle luci del circuito che impedirebbe ai piloti di avere la giusta percezione delle condizioni dell asfalto». Vittoria a Barbera davanti a Cluzel, passato quest anno dalla 125 alla 250. Assente Marco Simoncelli a causa dell infortunio al polso destro, non ancora recuperato. Ho deciso di fermarmi ma penso sia la decisione migliore perchè il polso mi fa molto male quando guido. Tre o quattro giri riesco a farli ma in gara è difficile, ci sono mille imprevisti e non sei solo, c è da battagliare. Preferisco fermarmi e cercare di arrivare più in forma possibile in Giappone. 125 SOSPESA PER PIOG- GIA - In precedenza la gara della classe 125 era stata sospesa per pioggia dopo appena quattro giri. Per l'amico Sergio Per i galantuomini ogni parola è un impegno. Abbiamo dato parola all'amico Sergio Armari di pubblicare gli ultimi risultati e relativa classifica della serie C, Girone A, dove milita il blasonato (d'altri tempi) Spal. Eccolo accontentato con un grande abbraccio da condividere con la moglie Marina. E già che ci siamo (benchè con un pó di ritardo), facciamo loro anche gli auguri di Buona Pasqua. Girone A: Cremonese-Padova 0-1 Lecco-Lumezzane 1-2 Legnano-Reggiana 1-1 Monza-Cesena 2-0 Novara-Verona 1-1 Pro Patria-Spal 3-1 Pro Sesto-Sambened. 2-1 Ravenna-Portogruaro 2-2 Venezia-Pergocrema1-0 Classifica: Pro Patria 52; Cesena 49; Reggiana 47; Ravenna 46; Spal 44; Verona 41; Padova 41; Novara 40; Lumezzane 40; Pergocrema 38; Portogruaro 37; Cremonese 36; Monza 35; Pro Sesto 31; Legnano 30; Lecco 28; Sambenedettese 25; Venezia 23. Venezia penalizzato di 4 punti. Mercoledì 15 aprile alle 15 si recupera Venezia- Legnano.

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. ( Section I Listening and Responding) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers ( Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text FE Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato. Che serata magnifica!

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO

Buona estate!! Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO Newsletter alisolidali onlus N. 7/2015 del 14 Luglio 2015 Buona estate!! INDICE AIUTIAMO I BAMBINI COLPITI DAL TORNADO UN RIGRAZIAMENTO PER LE DONAZIONI RICEVUTE ALISOLIDALI AUGURA A TUTTI UNA BUONA ESTATE

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara

Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara Istituto Comprensivo Statale «Alda Costa» Ferrara 1 evento del progetto nazionale La scuola studia e racconta il terremoto Convegno Mirandola Giovedì 18 Aprile 2013 Istituto Comprensivo «Alda Costa» Ferrara

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008

Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 Formazione montuosa Sierra peruviana Dagli Appennini alle Ande Newsletter n 11 Aprile 2008 In questo numero: Seconda domenica di maggio: Festa della Mamma Volontari in azione! Alcune poesie dedicate alla

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH :

COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : COMUNICATO A TUTTE LE PERSONE CHE VOGLIONO BENE A PROGETTO SARAH : LETTERA APERTA, SUOR TANTELY CONGREGAZIONE SUORE SAN GIUSEPPE D'AOSTA AI VOLONTARI DI PROGETTO SARAH I NUMERI e IL COSTO SOSTENUTO IN

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/14

ANNO SCOLASTICO 2013/14 ANNO SCOLASTICO 2013/14 LA LETTERA AL SINDACO L INVITO DEL SINDACO Palermo, 6 Novembre 2013 Caro Sindaco, siamo gli alunni della classe 4^ C della scuola Francesco Orestano che si trova a Brancaccio, in

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Marco Federici e i suoi "Angeli tra le Macerie"

Marco Federici e i suoi Angeli tra le Macerie "Angeli tra le macerie" aiuta la Protezione civile in Abruzzo È stato consegnato alla Protezione civile il ricavato della vendita del libro «Angeli tra le macerie», scritto dal giornalista della Gazzetta

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli