RUOLO DEI VOLONTARI. Progetto Santa Maria Francesca Sede di. Modalità d impiego. Complesso delle attività.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RUOLO DEI VOLONTARI. Progetto Santa Maria Francesca Sede di. Modalità d impiego. Complesso delle attività."

Transcript

1 RUOLO DEI VOLONTARI Progetto Santa Maria Francesca Sede di. Modalità d impiego. Ogni volontario potrà essere impiegato in uno solo o in più di un incarico di servizio. Inoltre, gli incarichi di servizio possono essere svolti a rotazione (ad esempio per un incarico si impiegano i volontari a rotazione o a giorni o a settimane alterne). L incarico assegnato ad ogni singolo volontario va indicato dall operatore locale di progetto-olp ogni settimana (di norma al giovedi o venerdi) sull apposito modulo FOGLIO TURNI. Di questo, ogni copia in originale va allegata nella cartella Gestione Progetto ed ogni fotocopia nella Cartella del Volontario di ogni singolo volontario in servizio. Complesso delle attività. L attività centrale del progetto è la la gestione dell esistente SPORTELLO INFORMAZIONI e assistenza per i diritti del cittadino nella loro qualità di consumatori utenti. Le principali attività che svolgono i volontari, insieme agli operatori dell ente, sono le attività di ACCOGLIENZA UTENTI e di AFFIANCAMENTO UTENTI. Inoltre, la COSTITUZIONE E GESTIONE della BANCA DATI UTENTI, l Attività di informazione allo sportello e per posta elettronica o social. Non meno importante per i volontari è la costituzione e gestione dell UFFICIO STAMPA, di cui un volontario ne è il responsabile. Oltre a quella degli utenti, i volontari sono impegnati nella COSTITUZIONE E GESTIONE BANCA DATI ENTI, AZIENDE, ORGANIZZAZIONI allo scopo di tutelare i diritti dei cittadini dalle truffe e dai contratti ingannevoli, di promuovere opportunità vantaggiose per i consumatori. Ma più in generale questa attività, cioè la ricerca di OFFERTE VANTAGGIOSE E TRUFFE in atto, rappresenta la fase nevralgica del progetto, avendo come scopo primario la tutela dei diritti dei cittadini nella loro qualità di consumatori utenti. A rafforzare tale accezione la presenza di un fattivo UFFICIO SERVIZIO LEGALE e il controllo costante delle decisioni delle AUTORITA DI CONTROLLO per eventuali segnalazioni. Inoltre, i volontari sono impegnati nella ideazione e realizzazione di un PROGRAMMA DI INIZIATIVE PUBBLICHE ATTINENTI IL SETTORE DEL PROGETTO (Convegni, seminari, cineforum, ecc.) e di un PROGRAMMA DI INIZIATIVE PUBBLICHE DI INTERESSE GENERALE (Convegni, seminari, cineforum, ecc.).

2 INDICE DELLE INIZIATIVE ATTIVITà di Comunicazione Ufficio Stampa. Da subito N. 1 VOLONTARIO ADDETTO UFFICIO STAMPA VEDI N.6 TABELLA SUCCESSIVA Sportello del cittadino Infopoint-CONSUMATORI FUTURA - settore consumatori-utenti. Da subito Almeno N. 1 VOLONTARIO ACCOGLIENZA UTENTI VEDI N.1 TABELLA SUCCESSIVA AFFIANCAMENTO UTENTI VEDI N.2 TABELLA SUCCESSIVA Almeno N. 1 VOLONTARIO Attività di informazione allo sportello e per posta elettronica o social GESTIONE SPORTELLO INFORMAZIONI e ASSISTENZA VEDI N.4 TABELLA SUCCESSIVA VEDI N.9 TABELLA SUCCESSIVA Almeno N. 1 VOLONTARIO COSTITUZIONE E GESTIONE BANCA DATI UTENTI. COSTITUZIONE E GESTIONE BANCA DATI ENTI, AZIENDE, ORGANIZZAZIONI. VEDI N.3 TABELLA SUCCESSIVA VEDI N.5 TABELLA SUCCESSIVA TUTTI i VOLONTARI OFFERTE VANTAGGIOSE A rotazione E TRUFFE VEDI N.7 TABELLA SUCCESSIVA UFFICIO SERVIZIO LEGALE VEDI N.8 TABELLA SUCCESSIVA Da Marzo 2016 Almeno N. 1 VOLONTARIO AUTORITA DI CONTROLLO VEDI N.10 TABELLA SUCCESSIVA

3 Realizzazione di un programma di iniziative culturali, quali convegni, seminari, forum, mostre riguardante il settore della valorizzazione storica e della cultura locale, il settore delle politiche giovanili, legalità e cittadinanza attiva. Da Marzo 2016 Realizzazione di indagini sociali, riguardanti il settore dell ambiente con particolare riferimento alla pratica di raccolta differenziata, il settore delle politiche giovanili ed il settore della legalità e cittadinanza attiva. Da Marzo 2016 Attività di sensibilizzazione del SERVIZIO CIVILE. Da Febbraio a Luglio 2016 TUTTI i VOLONTARI PROGRAMMA DI INIZIATIVE PUBBLICHE ATTINENTI IL SETTORE DEL PROGETTO (Convegni, seminari, cineforum, ecc.) VEDI N.11 TABELLA SUCCESSIVA PROGRAMMA DI INIZIATIVE PUBBLICHE DI INTERESSE GENERALE (Convegni, seminari, cineforum, ecc.) VEDI N.12 TABELLA SUCCESSIVA

4 TABELLA ESPLICATIVA DEI RUOLI Incarico n definizione ACCOGLIENZA UTENTI AFFIANCAMENTO UTENTI COSTITUZIONE E GESTIONE BANCA DATI UTENTI. Attività di informazione allo sportello e per posta elettronica o social descrizione I volontari sono impiegati in attività di accoglienza (fisica, via WEB, posta elettronica, telefonica) verso l'utenza, saranno i primi ad accogliere e ad indicare agli utenti le procedure per usufruire dei servizi. In caso di questione giuridica semplice e pronta soluzione il volontario dà Informazione al consumatore che si reca allo sportello di persona. Il volontario, a seguito di una richiesta di consulenza specifica, si adopera per fissare un appuntamento (AGENDA) telefonico o di persona con un componente dell ufficio del servizio legale che risulta essere competente nella specifica materia della fattispecie. In queste attività, il volontario è impiegato in affiancamento del consulente nell attività di ricevimento di persona dell utente - consumatore per fornire allo stesso informazioni in caso di questioni giuridicamente complessa che non comporta l istruttoria di una pratica di tutela stragiudiziale. Hanno ruolo, altresì, in attività di affiancamento nel monitorare i bisogni degli utenti mediante una accurata analisi che verrà effettuata con la somministrazione di questionari mirati ed interviste. Attività fondamentale del progetto è la creazione della banca dati degli utenti mediante la promozione dell esistenza dei servizi che il progetto offre alla cittadinanza (comunicati stampa, rassegne stampa, manifesti, locandine, volantinaggio, iniziative di promozione come seminari, convegni, giornate promozionali per le vie e le piazze, work shop, ecc.). successivamente all interesse manifestato, si iscrivono gli utenti in un apposita banca dati avendo cura di indicare il nominativo, i contatti (indirizzo mail, numero di telefono, indirizzo, ecc.) e le caratteristiche (sesso, titolo di studio, età, interessi, area di interesse come telefonia, energia, equitalia, ecc.). si svolgono inchieste e sondaggi previo somministrazione ad ogni utente di questionari per la definizione di notizie e per definire la domanda di servizi, bisogni e criticità. Costantemente si compie un'accurata analisi delle rilevazioni, a predisporre contatti fra gli utenti, ad organizzare gruppi di lavoro, incontri e riunioni anche calendarizzate (AD ESEMPIO cartelle equitalia, energia elettrica, gas, telefonia; ecc.). In tutte queste attività, i volontari saranno impiegati in attività di affiancamento. Inoltre, sono impiegati in ulteriori attività di affiancamento: nell'assistenza ed il sostegno nelle procedure amministrative, nella ricerca di notizie utili per i consumatori. (lavoro interno allo sportello, ricerca notizie utili via internet, ecc.). Il volontario in collaborazione con un tecnico web master, il Presidente, il segretario o loro delegato verrà impiegato nell attività di pubblicazione on line di materiali informativi sul sito internet, la conferma di utenti che si registrano sul sito web. Inoltre nell aggiornamento delle notizie e delle comunicazioni sul profilo Facebook, nonché, all accettazione delle richieste di amicizia. 5 6 COSTITUZIONE E GESTIONE BANCA DATI ENTI, AZIENDE, ORGANIZZAZIONI. ADDETTO UFFICIO STAMPA I volontari, mediante l'affiancamento sono impegnati nel rinvenire contatti e nel calendarizzare e quindi predisporre incontri di lavoro con i soggetti istituzionali come associazioni di consumatori, enti di fornitura servizi come energia, telefonia e gas, ecc. (nell organizzazione di seminari, convegni, cineforum, ecc.) I volontari vengono impiegati presso l ufficio stampa della sede di attuazione nella stesura di comunicati stampa, nella gestione ed aggiornamento dei contatti utili.

5 7 8 9 OFFERTE VANTAGGIOSE E TRUFFE UFFICIO SERVIZIO LEGALE GESTIONE SPORTELLO INFORMAZIONI e ASSISTENZA Infine, i volontari vengono impiegati nella collaborazione con gli addetti dell ufficio stampa nella rassegna stampa e nella gestione rapporti con le testate giornalistiche, nonché, nella collaborazione nella redazione ed invio di comunicati stampa. Inoltre, i volontari vengono impiegati nella predisposizione di materiali e ricerca di notizie a favore dei consulenti del servizio legale e addetti all ufficio stampa per la redazione di comunicati stampa, in particolare tramite la consultazione delle newsletter giornaliera di testate specializzate nella tutela del consumatore. I volontari vengono impiegati nell attività di verifica di offerte promozionali in materia di telefonia-pubblicità ingannevole sulla rete internet, sulla carta stampata e a seguito di acquisizione sulla rete internet dei maggiori operatori commerciali; verifica della presenza di clausole vessatorie e/o illecite nelle condizioni generali di contratto, tramite acquisizione sulla rete internet dei maggiori operatori commerciali; verifica di segnalazioni, da parte dei consumatori, per via telefonica e via mail. I volontari vengono impiegati in affiancamento ai componenti dell ufficio del Servizio Legale, composto da Avvocati e Praticanti, nella lavorazione per lo sviluppo delle pratiche istruite in seno allo sportello del consumatore. L affiancamento e la collaborazione hanno luogo mediante un ordine di turnazione dei volontari che ogni mese collaboreranno con un consulente diverso in ogni fase della consulenza e dell assistenza al consumatore. In tal modo acquisiscono esperienza su pratiche diverse tra loro e si arricchiscono maggiormente operando al fianco di diversi consulenti, conseguendo tutte le nozioni necessarie per svolgere autonomamente, alla fine dell anno di Servizio Civile, le attività prestate dai consulenti del servizio Legale e che essi a norma di legge sono autorizzati a poter prestare. Infine, i volontari vengono impiegati in attività di studio e approfondimento dottrinale giurisprudenziale in affiancamento ai consulenti del servizio legale. I volontari sono impiegati in attività di segretariato per le convocazioni e le partecipazioni a riunioni dell ufficio del Servizio Legale, dove partecipano anche essi stessi direttamente. Partecipano, altresì, alle attività di studio e predisposizione di materiali giuridici, a cura dei consulenti del servizio legale, che si predispongono per gli utenti-consumatori. I volontari nella fase di istruttoria delle pratiche provvedono a tenere l agenda e fissare gli appuntamenti telefonici o di persona con i componenti dell Ufficio del servizio legale. I volontari, ancora, vengono impiegati in attività di assistenza a favore del Servizio Legale nella redazione di lettere e diffide, nonché, nella gestione e archiviazione delle stesse pratiche di tutela stragiudiziale. I volontari, in determinate circostanze, operano in qualità di consulenti. Evidentemente ciò si verifica solo in caso di questioni giuridiche di semplice e pronta soluzione che comportano l istruttoria di pratiche di tutela stragiudiziale, gestite poi dai consulenti del servizio legale, con i quali tra le altre cose, poi gli stessi volontari lavoreranno in affiancamento. I volontari vengono impiegati, in affiancamento al personale dell Ufficio del Servizio Legale, nello studio della normativa vigente e nelle relative applicazioni giurisprudenziali, inoltre, vengono impiegati in attività di assistenza a favore dell ufficio del servizio Legale nella stesura di diffide inibitorie e risarcitorie. I volontari svolgono attività di segreteria nella gestione dei rapporti con gli appartenenti alla classe. Essi hanno un ruolo primario nella gestione della corrispondenza,delle mail e delle telefonate, nonché, nelle attività di archiviazione di pratiche e documentazione. I volontari svolgono attività di supporto nella gestione dello sportello informazioni ed assistenza. Sono impiegati nella gestione della postazione internet. Inoltre danno supporto nelle attività di fornire informazioni agli utenti. Inoltre, vengono impiegati in attività di supporto nella somministrazione e successiva raccolta di questionari per la valutazione dei bisogni degli utenti; nella distribuzione di materiale informativo; nella compilazione di modulistica; nelle attività di potenziamento dei percorsi di

6 AUTORITA DI CONTROLLO PROGRAMMA DI INIZIATIVE PUBBLICHE ATTINENTI IL SETTORE DEL PROGETTO (Convegni, seminari, cineforum, ecc.) PROGRAMMA DI INIZIATIVE PUBBLICHE DI INTERESSE GENERALE (Convegni, seminari, cineforum, ecc.) tutela dei diritti del cittadino. Inoltre, i volontari vengono impiegati in attività di affiancamento nello Studio e confronto giuridico sui provvedimenti delle Autorità di controllo mediante la consultazione dei bollettini settimanali Antitrust (cfr Consob( e Banca d Italia ( Fondamentale per la buona riuscita del progetto ed importantissimo per la crescita professionale e relazionale dei volontari sono la ideazione, programmazione e realizzazione di iniziative pubbliche quali convegni e seminari, dibattiti e forum. In questa fase i volontari agiscono in supporto proprio nella ideazione, programmazione e realizzazione delle iniziative prepareranno il materiale informativo, fanno da assistenti nei convegni, sono operatori della segreteria organizzativa e dell'ufficio stampa. In questo ambito, inoltre, i volontari vengono impiegati in attività di allestimento di banchetti informativi, cioè dei gazebo - presidio, nella distribuzione materiali informativi cartacei sulla tutela del consumatore, distribuzione carte sulla qualità dei servizi pubblici ed informazione in caso di questione giuridiche di pronta e semplice soluzione. I volontari sono impiegati singolarmente ed in gruppo non solo in attività volte a realizzare le attività specifiche del presente progetto, ma anche in attività finalizzate a valorizzare la cittadinanza attiva, cioè l'impegno dei privati cittadini in attività di interesse pubblico. Lavorano per promuovere l'impegno volontario e gratuito dei cittadini in favore della pace, della legalità e della nonviolenza per come prevede la formazione generale del presente progetto. inoltre, i volontari del servizio civile sono impiegati in attività di promozione e sensibilizzazione del servizio civile nazionale.

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

Ente con sistema di gestione per la qualità certificato

Ente con sistema di gestione per la qualità certificato Il Comune di Montecchio Maggiore, con l Assessorato alle Politiche Giovanili e l Ufficio InformaGiovani, intende promuovere con il bando Ideattività 2015 la realizzazione di iniziative formative e/o ricreative

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE Consultorio Familiare La Casa ONLUS di ERBA REGOLAMENTO PREMESSA Lo Statuto dell Associazione Consultorio Familiare La Casa Onlus prevede la possibilità di redigere un Regolamento del Consultorio,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia Settore e Area di Intervento: Il progetto Al Servizio dei più deboli verrà realizzato in 5 città dislocate al nord e al sud Italia:

Dettagli

Campagna iscrizioni 2013 PERCHE ISCRIVERMI ALL ANAAO ASSOMED

Campagna iscrizioni 2013 PERCHE ISCRIVERMI ALL ANAAO ASSOMED Campagna iscrizioni 2013 PERCHE ISCRIVERMI ALL ANAAO ASSOMED Anche per il 2013 l Anaao Assomed offre, al solo costo dell iscrizione, la POLIZZA DI TUTELA LEGALE l ASSISTENZA LEGALE e molti ALTRI SERVIZI.

Dettagli

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI ROVIGO IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali promuovendo, anche

Dettagli

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI. Carta dei Servizi

SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI. Carta dei Servizi SERVIZIO SISTEMI INFORMATIVI Carta dei Servizi Sommario 1. Introduzione... 3 2. Obiettivi... 4 3. Attività e destinatari... 4 Le competenze specifiche dell Ufficio Toponomastica sono:... 4 Denominazione

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO

ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO ALTINATE SETTANTUNO SETTORE E AREA DI INTERVENTO ELEMENTI DI SINTESI DEL PROGETTO E 03 Educazione e promozione culturale/animazione culturale verso i giovani OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO TITOLO DEL PROGETTO: A ZIGO ZAGO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO E EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE 02 ANIMAZIONE CULTURALE VERSO MINORI 08 - LOTTA ALL'EVASIONE SCOLASTICA E ALL ABBANDONO SCOLASTICO

Dettagli

Mappatura Eco-sportelli Scheda di rilevazione

Mappatura Eco-sportelli Scheda di rilevazione Provincia di Ferrara Mappatura Eco-sportelli Scheda di rilevazione Eco-sportello Sportello InfoSmog Ente Titolare Comune di Cremona gestione Diretta ( diretta, indiretta, convenzione ) Indirizzo Vicolo

Dettagli

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government

SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government SERVIZI DI MARKETING INTEGRATO Visibilità mirata per le Aziende ICT, le Istituzioni e gli Enti Locali legati al mondo dell E-Government N.B.: Per le Associate Assintel aderenti ad EuroP.A. 2008 sono previsti

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

analisi informazione assistenza l organizzazione di eventi formativi (anche non convenzionali), monitorare

analisi informazione  assistenza l organizzazione di eventi formativi (anche non convenzionali), monitorare Ministero dello sviluppo economico Altroconsumo/Acu/ Codici/La Casa del Consumatore CHECK- UP DIRITTI DESCRIZIONE DEGLI OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Da un importante studio qualitativo - pubblicato

Dettagli

Processo rispettato. Si rimanda alla visione dei risultati dei questionari di customer satisfaction. Gestione del colloquio informativo

Processo rispettato. Si rimanda alla visione dei risultati dei questionari di customer satisfaction. Gestione del colloquio informativo FATTORI DI QUALITA DEL SERVIZIO INFORMAGIOVANI Orario del servizio 5 giorni di apertura settimanale per un totale di 30 ore con possibilità di appuntamento negli orari di servizio Servizio operativo al

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO DI ZONA 1

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO DI ZONA 1 MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO DI ZONA 1 I N D I C E Art. 1 Le Case delle Associazioni e del Volontariato Art. 2 Soggetti fruitori Art. 3 Procedura di iscrizione

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI N. 3 TIROCINI NON CURRICULARI PRESSO I SERVIZI DEMOGRAFICI, EDILIZIA PRIVATA E CONTROLLO DI GESTIONE

AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI N. 3 TIROCINI NON CURRICULARI PRESSO I SERVIZI DEMOGRAFICI, EDILIZIA PRIVATA E CONTROLLO DI GESTIONE AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTIVAZIONE DI N. 3 TIROCINI NON CURRICULARI PRESSO I SERVIZI DEMOGRAFICI, EDILIZIA PRIVATA E CONTROLLO DI GESTIONE In esecuzione della determinazione n. 62 del 13-05-2015 il

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Palazzolo Acreide 2) Codice di accreditamento: NZ00822 3) Albo e classe

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani & Giovani SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale Settore E 11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione Relazione annuale 26 maggio 2011 26 maggio 2012 L Ufficio Provinciale Giovani, servizio istituito dalla Provincia del Medio Campidano con l obiettivo di informare e supportare la popolazione giovanile

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

Consulta Giovanile di San Gavino Monreale REGOLAMENTO

Consulta Giovanile di San Gavino Monreale REGOLAMENTO Consulta Giovanile di San Gavino Monreale ORGANIZZA IL CONCORSO Crea un logo per la Tua Consulta REGOLAMENTO Art. 1 Finalità del concorso L obiettivo del concorso è la realizzazione di un logo che possa

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

patrizia.aversano@comune.milano.it

patrizia.aversano@comune.milano.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome AVERSANO PATRIZIA Indirizzo VIA CANONICA,54- MILANO Telefono 349.6998623 Fax E-mail patrizia.aversano@comune.milano.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254

PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA. Segreteria tel. 010 5577254 Delibera n.34/2011 Carta dei Servizi Sistema Educativo Integrato dei servizi ai bambini di 0-6 anni Anno Scolastico 2011-2012 PREMESSE GENERALI Direzione Politiche Educative Via di Francia 1 16149 GENOVA

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia

CARTA DEI SERVIZI. del placement dell Università Iuav di Venezia CARTA DEI SERVIZI del placement dell Università Iuav di Venezia 1 indice 1. La Carta dei Servizi 3 2. Il placement di IUAV 4-6 2.1. servizi offerti a laureandi e laureati 2.2. servizi offerti alle imprese

Dettagli

AZIENDA U.SJ.. ROMA D Ufficio Relazioni con il Pubblico P.o. GIOVANNI VALERI

AZIENDA U.SJ.. ROMA D Ufficio Relazioni con il Pubblico P.o. GIOVANNI VALERI AZIENDA USL RM D ArealDipartimento: Direzione Generale Unità Operativa U.R.P. Ufficio Relazioni con in Pubblico Scheda Tipologie di procedimento in riferimento al Programma per la Trasparenza ed l'integrità.-:'.'

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ABITARE INFORMATI 2.0 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE E 11 SPORTELLI INFORMA OBIETTIVI DEL PROGETTO Comune

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E di Assunta Sigillito INFORMAZIONI PERSONALI Nome SIGILLITO ASSUNTA Indirizzo CONTRADA PIANI DEL CARDILLO 1/D - 85100 POTENZA (ITALIA) Telefono 335-1790811 Fax 0971.417379

Dettagli

Roma, 19 Gennaio 2010 Prot. n.75/eb trasmessa a mezzo posta e/o e-mail A tutte le strutture Associative Anffas Onlus

Roma, 19 Gennaio 2010 Prot. n.75/eb trasmessa a mezzo posta e/o e-mail A tutte le strutture Associative Anffas Onlus Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale Personalità Giuridica riconosciuta con D.P.R. 1542/64 Iscr. Reg. Naz. delle Ass. di Prom. Sociale al n.95/04 Sede

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1)ENTE PROPONENTE IL PROGETTO: Arci Servizio Civile Nazionale Informazioni aggiuntive per i cittadini: Sede centrale: Indirizzo:

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

Profilo Professionale

Profilo Professionale Profilo Professionale Addetto alla Segreteria di Direzione Roma 28 Ottobre 2015 Finalità L Addetto Segreteria di Direzione gestisce l accoglienza, i flussi informativi in entrata ed in uscita, la registrazione,

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI

DESCRIZIONE DELLA SOCIETA OBIETTIVI DELLA CARTA DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLA SOCIETA Work Experience è una piccola società di servizi per il lavoro, autorizzata a livello nazionale per le attività di Ricerca & Selezione e per le attività di Outplacement e accreditata

Dettagli

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE

S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO S.S.E.R. NUOVA EDUCATIVA TERRITORIALE CARTA DEL SERVIZIO Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA Il Consiglio dell Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Lombardia Visto il decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138,

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale

Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA. segretariato sociale Progetto S.O.S. Sociale ANTEAS SICILIA sportelli orientati al segretariato sociale Presentazione a cura di Carlo Albanese 1 Obiettivi del progetto Rafforzare un servizio di segretariato sociale che mira

Dettagli

Tel. 0372/463 800 Fax 0372/534 562 Tel. 0375/201802

Tel. 0372/463 800 Fax 0372/534 562 Tel. 0375/201802 Nonsolonoi C.so Matteotti, 40-26100 Cremona Via Cavour, 89/bis Casalmaggiore Tel. 0372/463 800 Fax 0372/534 562 Tel. 0375/201802 e-mail: nonsolonoi@e-cremona.it e-mail: equocasal@tiscali.it Web www.nonsolonoi.e-cremona.it

Dettagli

ALLEGATO SCHEDA INFORMATIVA

ALLEGATO SCHEDA INFORMATIVA SCHEDA INFORMATIVA ALLEGATO Obiettivi e contenuti L iniziativa intende favorire l integrazione delle competenze maturate dai tirocinanti nei percorsi di studio universitario con una concreta esperienza

Dettagli

Standard di qualità commerciale della vendita. Reclami ed indennizzi automatici. Gestione del rapporto con lo Sportello per il Consumatore.

Standard di qualità commerciale della vendita. Reclami ed indennizzi automatici. Gestione del rapporto con lo Sportello per il Consumatore. Standard di qualità commerciale della vendita. Reclami ed indennizzi automatici. Gestione del rapporto con lo Sportello per il Consumatore. Presentazione 6 ottobre 2011, Roma Questo corso intende approfondire,

Dettagli

ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1. Ente proponente il progetto: UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE 2. Codice di accreditamento: NZ00347 3. Classe

Dettagli

Breve Guida per l organizzazione di eventi da parte di Associazioni e Gruppi studenteschi riconosciuti in Bocconi Febbraio 2012

Breve Guida per l organizzazione di eventi da parte di Associazioni e Gruppi studenteschi riconosciuti in Bocconi Febbraio 2012 Breve Guida per l organizzazione di eventi da parte di Associazioni e Gruppi studenteschi riconosciuti in Bocconi Contenuti: 1. Premessa 2. Approvazione evento 3. Note metodologiche 4. Promozione evento

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

[NUOVO SITO WEB COLLEGIO DEI GEOMETRI. E GEOMETRI LAUREATI DI CATANZARO] [www.collegiogeometri.cz.it]

[NUOVO SITO WEB COLLEGIO DEI GEOMETRI. E GEOMETRI LAUREATI DI CATANZARO] [www.collegiogeometri.cz.it] Collegio dei e Provincia AUTORE Francesco D Amico [NUOVO SITO WEB COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DI CATANZARO] [www.collegiogeometri.cz.it] Nuovo Collegio dei e IL NUOVO SITO WEB Del Collegio

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

1. Presentazione 2. L Informagiovani di Cuneo: cos è?... A chi ci rivolgiamo? 3. Attività del servizio 4. Altre attività 5. Tesseramento 6.

1. Presentazione 2. L Informagiovani di Cuneo: cos è?... A chi ci rivolgiamo? 3. Attività del servizio 4. Altre attività 5. Tesseramento 6. La carta dei servizi 1. Presentazione 2. L Informagiovani di Cuneo: cos è?... A chi ci rivolgiamo? 3. Attività del servizio 4. Altre attività 5. Tesseramento 6. Tanti motivi per venire all Informagiovani

Dettagli

Comune di Mondolfo Provincia di Pesaro e Urbino

Comune di Mondolfo Provincia di Pesaro e Urbino Comune di Mondolfo Provincia di Pesaro e Urbino AVVISO PUBBLICO per l assunzione di un Istruttore amministrativo cat. C posizione economica C1 part-time 15/36 ore settimanali, con contratto a tempo determinato,

Dettagli

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO A.A. 2015/2016 INDICE 1. Tirocinio curriculare MPSI... 3 1.1 Tirocinio curriculare esterno... 3 1.2 Tirocinio curriculare

Dettagli

Protocollo Provinciale d'intesa

Protocollo Provinciale d'intesa Protocollo Provinciale d'intesa Ordine dei Consulenti del Lavoro Viterbo Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Sede di Viterbo PROTOCOLLb D'INTESA J La Sede Provinciale

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011;

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011; Bergamo, 19/05/2011 Decreto Prot. n. 10328/II/024 OGGETTO: Riapertura termini avviso pubblico per la sponsorizzazione dei servizi di servizi pubblici per l a.a. 2010/2011. VISTA la delibera del Consiglio

Dettagli

Guida ai servizi della Biblioteca Ricerca Consultazione Riproduzione Altri servizi

Guida ai servizi della Biblioteca Ricerca Consultazione Riproduzione Altri servizi Guida ai servizi della Biblioteca Ricerca Consultazione Riproduzione Altri servizi Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini Ricerca materiale bibliografico Dal 2007 la Biblioteca fa parte - insieme a quella

Dettagli

Tutti gli aspetti connessi all uso e al funzionamento della carta acquisti sono di competenza di Poste Italiane.

Tutti gli aspetti connessi all uso e al funzionamento della carta acquisti sono di competenza di Poste Italiane. Messaggio N. 002881 del 04/02/2009 OGGETTO: Carta acquisti. Ulteriori chiarimenti. 1. Premessa Con i messaggi n. 26673 del 28 novembre 2008 e n. 27260 del 4 dicembre 2008 sono state fornite le prime informazioni

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI CARLA GOBBETTI ESPERIENZE PROFESSIONALI 1 Dicembre 2006 a tutt oggi in servizio presso la Segreteria del Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo con funzioni di Capo Segreteria. Mansioni: - gestione

Dettagli

Provincia di Sondrio I S T R U Z I O N I

Provincia di Sondrio I S T R U Z I O N I Provincia di Sondrio PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI DISPOSITIVO FORMAZIONE E TUTORAGGIO INTERNI ALL AZIENDA I S T R U Z I O N I Il dispositivo Formazione e tutoraggio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari

all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Corsi di preparazione all esame ISVAP Sezioni A e B del Registro Unico degli Intermediari Perché scegliere i nostri corsi: i contenuti rispettano il programma d esame pubblicato dall ISVAP sono strutturati

Dettagli

CAMPUS Leonardo da Vinci ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE UMBERTIDE

CAMPUS Leonardo da Vinci ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE UMBERTIDE CAMPUS Leonardo da Vinci ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE UMBERTIDE Via Tusicum - 06019 U M B E R T I D E (PG) Telefono: 0759413357 0759413144 - Fax: 0759415487 Telefono Ufficio Presidenza: 0759416140

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA CONTABILE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA CONTABILE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA CONTABILE 1 CONTABILE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 Gestione della comunicazione aziendale Processo di erogazione del servizio. Saper utilizzare

Dettagli

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese

Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese Scheda di rilevazione dei bisogni formativi delle Organizzazioni di Volontariato in provincia di Varese I questionari compilati devono essere consegnati entro il 28/02/2011 al Cesvov: Per e-mail (scannerizzato)

Dettagli

Ingegnere Giuseppe Baldo

Ingegnere Giuseppe Baldo AATO Venezia Ambiente Viale Ancona, 24 30170 Venezia - Mestre Tel. +39 041 5322078 - Fax +39 041 2597151 mail: info@veneziaambiente.it Programma dettagliato della comunicazione per la redazione del rapporto

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Venezia interculturale: percorsi per diventare cittadini del mondo SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale attività interculturali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Agenzia Liguria Lavoro, in collaborazione con Regione Liguria e il Comitato Promotore di ABCD+Orientamenti 2012 promuove:

AVVISO PUBBLICO. Agenzia Liguria Lavoro, in collaborazione con Regione Liguria e il Comitato Promotore di ABCD+Orientamenti 2012 promuove: AVVISO PUBBLICO Agenzia Liguria Lavoro, in collaborazione con Regione Liguria e il Comitato Promotore di ABCD+Orientamenti 2012 promuove: Media Talent Concorso giornalistico tra redazioni giovani della

Dettagli

Progetto Home Care Premium 2012 ELENCO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI

Progetto Home Care Premium 2012 ELENCO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI Progetto Home Care Premium 2012 ELENCO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI DESTINATARI 1.Persone disponibili ad assistere a domicilio soggetti non autosufficienti (persone adulte anche anziani e minori) nell ambito

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO di ZONA 2

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO di ZONA 2 Allegato A alla Determinazione Dirigenziale n. 63/2013 MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO di ZONA 2 I N D I C E PREMESSA Art. 1 La Casa delle Associazioni e del

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===-----

REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE. -----===ooo===----- REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE -----===ooo===----- 1 UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL BELICE REGOLAMENTO DELL UFFICIO FORMAZIONE art. 1- Principi generali 1. L Unione dei Comuni Valle del Belice (che d

Dettagli

SCADENZA 7 DICEMBRE 2015. Art. 1 Finalità

SCADENZA 7 DICEMBRE 2015. Art. 1 Finalità AVVISO DI SELEZIONE PER INDIVIDUARE N. 20 ASPIRANTI IMPRENDITORI DA AMMETTERE AL PERCORSO GRATUITO DI ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRENDITORIALITA TALENT DRESSAGE SCADENZA 7 DICEMBRE 2015 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA AVVISO PER LA FORMAZIONE DI UN ELENCO DI CENTRI AUTORIZZATI DI ASSISTENZA FISCALE (CAF) PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA FISCALE CONSISTENTE NEL RITIRO GRATUITO DI DICHIARAZIONI DEI REDDITI

Dettagli

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI di B A R I REGOLAMENTO DEL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO per l Attività Formativa Professionale Continua degli Iscritti all Ordine Consigliatura

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015

PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO PER L ANNO 2015 SERVIZIO ATTIVITA E RAPPORTI ISTITUZIONALI 47 Scheda Progetto 28.1 PROSECUZIONE INIZIATIVE ED EVENTI DI PRESTIGIO E DI QUALITA' CULTURALE

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

Delibera n. 12/2011 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2011 PREMESSE GENERALI

Delibera n. 12/2011 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2011 PREMESSE GENERALI Delibera n. 12/2011 Carta dei Servizi della Direzione Politiche delle Entrate e Tributi ICI Anno 2011 PREMESSE GENERALI La Direzione Politiche delle Entrate e Tributi gestisce le entrate tributarie comunali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001

REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA CIVICA DI THIENE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 408 del 27.09.2001 PRESENTAZIONE TITOLO PRIMO: Finalità del servizio TITOLO SECONDO: Direzione, personale e

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM

U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM U.O. Agenda 21 Servizio Pianificazione Territoriale Dipartimento Territorio e Ambiente COMUNE DI UDINE REGOLAMENTO DEL FORUM Art. 1 Il Forum Il "Forum Agenda 21 Locale" di Udine si riconosce nelle raccomandazioni

Dettagli