LA GIUNTA MUNICIPALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GIUNTA MUNICIPALE"

Transcript

1 LA GIUNTA MUNICIPALE Visto che per l anno 2007 il termine di approvazione del Bilancio di previsione è differito al 31/03/2007 (Decreto Ministero dell Interno del 30/11/2006); Visto l'art. 3 del D.L. 786/1991 e l'art. 6 del D.L. 55/1983 convertito in legge 131/1983, con i quali si è regolamentata la materia dei servizi pubblici a domanda individuale; Visto il D.M. del 31/12/1983 (GU 16 del 17/01/1984) con il quale sono stati individuati i servizi pubblici a domanda individuale; Visto l'art. 5 della Legge 23/12/1992 n. 498 che esclude per il calcolo della percentuale di copertura il 50% delle spese degli Asili Nido; Considerato che in base al comma 4 ed al successivo comma 5 del sopracitato art. 6 del D.L. 55/1983 convertito in legge 131/1983: l individuazione dei costi di ciascun servizio viene fatta con riferimento alle previsioni di spesa contenute nel progetto di bilancio dell esercizio finanziario di riferimento; i costi comuni a più servizi vengono imputati ai singoli servizi sulla base di percentuali stabilite con la deliberazione che definisce la misura dei costi complessivi di tutti i servizi pubblici a domanda individuale che viene finanziata da tariffe o contribuzioni ed entrate specificamente destinate; VISTO il comma 16 dell art. 53 della legge 388 del 23/12/2000 come modificato dall art. 27 comma 8 della Legge 28 dicembre 2001 n. 448 ( Finanziaria 2002 ) il quale ha stabilito che il termine per deliberare le tariffe, le aliquote di imposta per i tributi locali, compresa l aliquota di compartecipazione dell addizionale all imposta sul reddito delle persone fisiche è stabilito entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione; Visto altresì l articolo 42 lettera f) D.Lgs. n. 267/2000 T.U.E.L. che assegna alla giunta la competenza alla modifica delle aliquote dei tributi; Vista la propria precedente deliberazione n. 17 del 01/02/2006 con le quali si è provveduto all'approvazione delle tariffe dei servizi pubblici a domanda individuale e di quelli gestiti in economia per l anno 2006, attualmente in vigore; Ritenuto di dovere confermare le tariffe attualmente vigenti per tutti i servizi attualmente in essere: Ravvisata, infine, l'esigenza di determinare, ai sensi della normativa vigente, la percentuale complessiva di copertura dei costi dei servizi pubblici a domanda individuale rilevando dal progetto di bilancio per l'anno 2007 i relativi costi e ricavi;

2 Di dare altresì atto che sulla proposta della presente deliberazione hanno espresso parere favorevole il Responsabile del servizio interessato per quanto concerne la regolarità tecnica e- il Responsabile dei servizi finanziari per quanto concerne la regolarità contabile; Visto l art. 172, comma 1, lettera e) del T.U. 18 agosto 2000 n. 267 Con voti unanimi; D E L I B E R A

3 1. Di confermare per l anno 2007 le tariffe relative ai servizi pubblici di cui ai seguenti prospetti: PARTE PRIMA: SERVIZI EDUCATIVI E PER LO SPORT ASILO NIDO SERVIZIO ASILO NIDO TARIFFE - Tariffa per frequenza intera dal Lunedì al Venerdì: Quota fissa mensile Euro 98,00 Quota giornaliera Euro 6,20 - Tariffa per frequenza a part-time dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7,15 alle 13,30 compreso pranzo o dalle ore 11,15 alle ore 17,45 compreso pranzo: Quota fissa mensile euro 98,00 Quota giornaliera Euro 4,15 - Tariffa per frequenza a part-time dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7,15 alle 11,00 escluso pranzo o dalle ore 13,30 alle ore 17,45 escluso pranzo: Quota fissa mensile euro 98,00 Quota giornaliera euro 1,00 - Tariffa con frequenza anche di sabato con un minimo di 5 utenti frequentanti Quota fissa mensile euro 104,00 Quota per la sola giornata del sabato Euro 5,50 - Contributo fisso per pasti Operatori ed Educatrici d infanzia dell asilo-nido Quota fissa mensile euro 26,00 - Tariffa per il 2 figlio ed eventuali altri figli Quota fissa mensile 50 % ciascuno Quota giornaliera 50 % ciascuno IL CONTRIBUTO FISSO MENSILE E COMUNQUE DOVUTO, IN CASO DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO, PER TUTTO IL PERIODO DELL ANNO DURANTE IL QUALE IL SERVIZIO ASILO NIDO E EFFETTUATO (ESCLUSO IL MESE DI AGOSTO) INDIPENDENTEMENTE DALLA FREQUENZA ALL ASILO NIDO. REFEZIONE SCOLASTICA SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA TARIFFA - Contributo fisso mensile bambini iscritti al servizio euro 39,50 - Contributo fino a 10 pasti, oltre al contributo fisso di euro 2,20 cui sopra Contributo mensile famiglie dall'11 pasto in poi euro 73,50 comprensivo del contributo fisso Inizio anno scolastico (ultimi giorni mese di euro 2,75 Settembre)per ogni pasto senza contributo fisso In presenza di fratelli: 1 Figlio Quota intera 2 Figlio Riduzione 50% Dal 3 figlio in poi Riduzione 75%

4 SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA TARIFFA Costo di un pasto studenti Scuole Elementari, Medie e euro 4,50 Superiori Insegnanti ed altri operatori euro 7,00 Contributo forfetario mensile per pasti maestre ed euro 30,00 operatori (ove non rimborsato dallo Stato) Costo di un pasto utenti frequentanti il Centro Francesca Euro 3,50 Costo di un pasto utenti portatori di disabilità Euro 3,50 (1) IL CONTRIBUTO FISSO MENSILE E COMUNQUE DOVUTO, IN CASO DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO, PER TUTTO IL PERIODO DELL ANNO SCOLASTICO DURANTE IL QUALE IL SERVIZIO MENSA E EFFETTUATO (ESCLUSO IL MESE DI SETTEMBRE) INDIPENDENTEMENTE DALLA EFFETTIVA CONSUMAZIONE DEI PASTI. TRASPORTO ALUNNI Le tariffe del trasporto alunni, a seguito dell'attivazione del trasporto pubblico a chiamata, sono state sostituite da quelle praticate sui trasporti di linea e che vengono fissate dalla Regione Marche con propri provvedimenti autonomi. PISCINA COMUNALE TARIFFE con IVA INCLUSA CORSI PER LE SCUOLE: Scuole Elementare, Medie e Superiori 8 ingressi mensili suddivisi in 4 lezioni al mattino con istruttore e 4 ingressi nell orario di apertura al pubblico; TARIFFE MENSILI: 1 Figlio Euro 18,00 2 Figlio Euro 16,00 dal 3 Figlio Gratuito CORSI PER PRIVATI: CORSO PRIVATO PER BAMBINI E RAGAZZI (da 3 a 12 anni, compresi corsi per bebè da 3 mesi a 3 anni): 12 lezioni Euro 70,00 Nei casi sotto elencati la quota si riduce a Euro 60,00 Con abbonamento scolastico Corso consecutivo al primo

5 Due o più fratelli CORSO PRIVATO PER ADULTI E ACQUAGYM(12 lez.) CORSO SPECIFICO PER GESTANTI con un minimo di 5 iscritti ed un massimo di 15 (12 lezioni) Euro 75,00 Euro 80,00 Nei casi sotto elencati la quota si riduce a Euro 60,00 e 70,00 Corso consecutivo al primo; Due o più componenti il nucleo familiare (Le lezioni perse nei citati corsi possono essere recuperate con ingressi gratuiti quando c è l apertura al pubblico); TARIFFA SINGOLA LEZIONE corso per gestanti ed acquagym Euro 8,00 ENTRATA AL PUBBLICO: BAMBINI DA 6 A 14 ANNI: Abbonamento 12 entrate Euro 30,00 Ingresso singolo Euro 3,50 BAMBINI DI ETA INFERIORE AI 6 ANNI Purché accompagnati da un utente adulto Ingresso gratuito TERAPIA RIABILITATIVA IN ACQUA (per artrosi scoliosi fratture patologia della spalla- patologie dell anca- patologie del ginocchio, patologie della caviglia, malattie neurologiche infantili - recuperi funzionali post-operatori):- n.1 terapia Euro 18,00 TARIFFE ORARIA UTILIZZO CORSIE PER SOCIETA SPORTIVE -per Società provenienti dal territorio comunale tariffa oraria a corsia Euro 3,00 -per Società provenienti da fuori territorio comunale tariffa oraria a corsia Euro 15,00 oltre. - Le tariffe per i corsi e abbonamento vengono ridotte del 40% in caso di utenti di anni 65 e

6 rilascio. Gli abbonamenti per entrata libera ed acquagym hanno validità di mesi 4 dalla data del Per gli utenti portatori di handicap che utilizzano il servizio piscina in fasce orarie da stabilire compatibilmente con l organizzazione oraria generale tramite i Centri Sociali e seguiti da istruttori dello stesso Centro l ingresso è gratuito; - Per i portatori di handicap con assegno di accompagnamento e loro accompagnatori l ingresso è gratuito; - Per i portatori di handicap con invalidità pari o superiore al 67% l ingresso è gratuito; Per i portatori di handicap con invalidità dal 30 % al 66% le tariffe vengono ridotte del 40%;

7 PARTE SECONDA: SERVIZI AGLI ANZIANI COLONIE ESTIVE ANZIANI ; Fasce tariffarie per reddito e determinazione contributo utenti: Soggiorno Marino mese di Giugno: - con reddito al di sotto di 9 milioni euro 197,00 - con reddito da 9 milioni a 10 milioni euro 212,00 - con reddito da 10 milioni a 11 milioni euro 238,00 - con reddito da 11 milioni a 15 milioni euro 279,00 - con reddito da 15 milioni a 19 milioni euro 305,00 - con reddito al di sopra dei 19 milioni Intero costo del soggiorno Soggiorno Marino mese di Settembre: - con reddito al di sotto di 9 milioni euro181,00 - con reddito da 9 milioni a 10 milioni euro 197,00 - con reddito da 10 milioni a 11 milioni euro 223,00 - con reddito da 11 milioni a 15 milioni euro 264,00 - con reddito da 15 milioni a 19 milioni euro 290,00 - con reddito al di sopra di 19 milioni Intero costo del soggiorno. Soggiorno Montano Estivo: Valgono le stesse fasce tariffarie per reddito dei soggiorni estivi. Sarà cura della Giunta Municipale o di altro organo di gestione competente determinare le tariffe per fasce di reddito, allorquando il Comune deciderà di organizzare il Soggiorno Montano. L attribuzione delle fasce di reddito a ciascun utente è effettuata dai Capigruppo Consiliari o dalla Consulta Anziani, organismi ai quali è riservata la possibilità di apportare piccole variazioni in base a palesi casi di : disagio, agio o altro ritenuti determinanti per l attribuzione di una diversa fascia reddituale. N.B. L'aggiornamento e la modifica della struttura delle tariffe sopra riportate verrà approvata con apposita deliberazione consiliare in corso di predisposizione.

8 CASA DI RIPOSO CASA DI RIPOSO RESIDENTI: Tariffa giornaliera ordinaria Euro 25,50 Tariffa giornaliera per soggetti in possesso del Euro 35,00 riconoscimento del Ministero dell'interno dell'invalidità civile totale con accompagnamento NON RESIDENTI: Tariffa giornaliera ordinaria Euro 26,50 Tariffa giornaliera per soggetti in possesso del Euro 36,00 riconoscimento del Ministero dell'interno dell'invalidità civile totale con accompagnamento Tariffa giornaliera per soggetti che occupano camerette Maggiorazione 25% singole con bagno annesso ad uso esclusivo SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE -Vedi C.C. N.52 DEL Regolamento assistenza domiciliare con disciplina generale delle tariffe per la fruizione del servizio: Numero di interventi mensili I Fascia II Fascia III Fascia contributiva contributiva contributiva - fino a 8 interventi mensili (a Euro 4,15 Euro 5,20 prestazione) Euro 9,81 da 9 a 26 interventi mensili (a Euro 2,60 (con Euro 3,62 prestazione) un minimo di euro (con un minimo di Euro 8,78 33,05 mensili) euro 41,32 mensili) oltre 26 interventi mensili (a prestazione) Euro 7,75 Euro 1,55 (con un minimo di euro 67,14 mensili) Euro 2,60 (con un minimo di euro 94,00 mensili) SERVIZIO PASTI A DOMICILIO - I Fascia contributiva: utenti il cui reddito pro-capite non Euro 2,00 superi il valore di una volta (1) il minimo vitale quota pasto - II Fascia contributiva utenti il cui reddito pro-capite sia Euro 3,50 compreso tra il valore di una volta (1)e una volta e mezzo (1,5) il minimo vitale quota pasto - III Fascia contributiva utenti il cui reddito pro-capite superi il Euro 4,50

9 valore di due volte (2) il minimo vitale quota pasto

10 PARTE TERZA: SERVIZI CULTURALI BIBLIOTECA E MUSEO; BIGLIETTO D INGRESSO (IVA INCLUSA) - Ingresso intero euro 4,00 - Ingresso ridotto per bambini sotto i 15 anni, euro 3,00 - persone sopra i 65 anni, euro 2,00 - gruppi organizzati sopra le 20 unita ); euro 2,00 - Scolaresche euro 2,00 - le scuole del territorio comunale di Urbania, Ingresso gratuito - anziani sopra i 65 anni residenti in Urbania Ingresso gratuito - gruppi organizzati provenienti da Centri diurni o residenziali Ingresso gratuito - portatori di handicaps. Ingresso gratuito Utilizzo Sala Montefeltro per esposizioni ( max 15 giorni) euro 155,00 Utilizzo Cortile Palazzo Ducale per il periodo di esposizione (max 15 giorni) Euro 207,00 MEDIATECA COMUNALE TIPO DI SERVIZIO TESSERA DI ISCRIZIONE ANNUALE AL SERVIZIO TESSERA DI ISCRIZIONE ANNUALE AL SERVIZIO PER STUDENTI SUPPLEMENTO PER ACCESSO AD INTERNET (PER SINGOLA GIORNATA, max 4 ore) IMPORTO TARIFFA (IVA COMPRESA) Euro 10,00 Euro 3,00 Euro 4,00 TEATRO COMUNALE Per quanto riguarda le tariffe relative al teatro comunale, si rimanda alla deliberazione del consiglio comunale 26 del 22/03/2002, con la quale stato approvato il regolamento per la gestione del teatro comunale.

11 PARTE QUARTA: ALTRI SERVIZI TARIFFE CERTIFICAZIONI ANAGRAFICHE TIPO DOCUMENTO IMPORTO Autentica di firma in carta semplice 0,25 Autentica di firma in bollo 0,50 Certificato anagrafico in carta semplice (Diritto + stampato) 0,50 Certificato anagrafico in bollo (Diritto + stampato) 0,80 Rilascio carta d identità 5,70 Rilascio libretto di lavoro 1,30 TARIFFE DIRITTI DI SEGRETERIA PER ATTI DELL UFFICIO TECNICO Vengono confermate le tariffe di cui alla deliberazione Consiglio Comunale 83/1997 SERVIZI CIMITERIALI Per quanto riguarda le tariffe relative ai servizi cimiteriali, si rimanda alla deliberazione del consiglio comunale 7 del 07/02/2003, con la quale stato approvato il capitolato speciale d'appalto per l'affidamento della gestione dei servizi cimiteriali

12 SALE COMUNALI SALA CONSILIARE 1. Concessione della Sala per una giornata Uso del registratore " " " Uso della Lavagna luminosa " " 7.00 SALA VOLPONI Il costo della Sala, esclusi il servizio dell'operatore, è definito dalle seguenti fasce orarie; Fasce orarie ( ) ( ) ( ) Costo sala con amplificazione costo Servizi servizi all ora 1) Una fascia Lavagna elettronica 8,00 2) Due fasce Personal Computer ) Tre fasce Videoproiezione Registrazione VHS 2.50 Registrazione Audio 1.50 ServizioVideoconferenze (costo all ora) Sala Videoconferenza escluso il collegamento Traffico telefonico calcolato sulla base delle tariffe vigenti al momento. Operatore all'ora Nel caso in cui le videoconferenze siano superiori a 5 giornate si effettuerà lo sconto del 20%, e se superiori a 10 giornate sarà del 30%. SALETTA VOLPONI Concessione della Saletta per una giornata Costo giornaliero per Buffet LE TARIFFE SOPRA RIPORTATE: 1) Si intendono I.V.A. inclusa. 2) Sono ridotte del 20% per gli enti pubblici ed associazioni non lucrative di utilità sociale (onlus). 3) La riduzione non si applica al costo dell operatore.

13 UTILIZZO PALCO COMUNALE Euro 1,10 al metro quadro con un minimo di euro 52 fino a 50 metri quadri UTILIZZO ALTOPARLANTI DI PROPRIETÀ COMUNALE Vedi per la disciplina sull utilizzo G.M. n. 220 del 29/6/1978 Euro 10 per ogni richiesta LAMPADE VOTIVE Canone annuo Lampade Votive Euro 13,00 (IVA inclusa). PASTI DIPENDENTI COMUNALI Costo di un pasto dipendenti comunali Euro 2,50 PESCHERIA COMUNALE -Utilizzo giornaliero della struttura Euro 11,00

14 FIERE TARIFF E IN VIGOR E (IVA esclusa): FIERE: FIERA DI S. GIUSE PPE BANCHI FINO A 3 METRI DI LARGHEZZ A (1) BANCHI DA 4 A 6 METRI DI LARGHEZZ A (1) BANCHI DA 7 METRI DI LARGHEZZ A (1) MAGGIOR AZIONE PER ML OLTRE I 7 METRI DI LARGHEZZ A (1) MAGGIORA ZIONE PER OGNI METRO DI PROFON- DITA OLTRE I 4 euro 15,50 euro 25,00 euro 31,00 Euro 6,50 euro 6,50 TARIFF A PUNTO LUCE PER OGNI 100 WATT DI POTENZ A (2) FIERA DI S. MARC O FIERA DI S. CRIST OFOR O FIERA DI SAN LUCA FIERA DELLE DONN E FIERE DI SAN LUCA E DELLE DONN E (cumul ativa) euro 15,50 euro 25,00 euro 31,00 euro 6,50 euro 6,50 euro 14,00 euro 23,00 euro 28,50 euro 6,50 euro 6,50 euro 33,50 euro 47,00 euro 53,50 euro 7,00 euro 7,00 euro 3,50 euro 33,50 euro.47,00 euro 53,50 euro 6,50 euro 6,50 euro 3,50 euro 53,50 euro 80,00 euro 87,50 euro 6,50 euro 6,50 euro 3,50 -Le tariffe comprendono: La tassa giornaliera di smaltimento rifiuti;

15 La Tassa o canone di occupazione suolo pubblico; Le tariffe non comprendono le spese postali che il comune sostiene per l invio dei moduli per la partecipazione alle fiere che, determinate nella misura vigente applicata al comune dall ente postale al momento della spedizione (arrotondata a 10 centesimi di euro per difetto o per eccesso), vengono richieste a rimborso e addebitate in fattura NOTE: 1) FINO A 4 METRI DI PROFONDITA 2) I PUNTI LUCE FINO ALLA POTENZA DI 100 WATT VENGONO FORNITI OBBLIGATORIAMENTE DALL ENTE SOLO PER LA FIERA DI SAN LUCA E DELLE DONNE IN QUANTO NON E AMMESSO L UTILIZZO DI GENERATORI

16 2. Di approvare, ai sensi dell art. 6 comma 5 del più volte citato DL 55/83 convertito nella legge 131/83, l allegato A nel quale sono elencati, per singoli capitoli di spesa desunti dal progetto di bilancio di previsione dell esercizio finanziario 2006, i costi direttamente imputabili ai singoli servizi a domanda individuale e i costi comuni a più servizi con la relativa percentuale di imputazione ai singoli servizi a domanda individuale. 3. Di dare atto che i costi e i ricavi dei servizi a domanda individuale, desunti dal progetto di bilancio di previsione per l'anno 2006, sono quelli riepilogati nel prospetto di seguito elencato e che i dati sono tratti dai prospetti riepilogativi dell allegato B alla presente deliberazione. RIEPILOGO ENTRATE E SPESE RELATIVE AI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE DESCRIZIONE SERVIZIO ENTRATE SPESE ASILO NIDO , ,16 ASSISTENZA DOMICILIARE 5.000, ,66 CASA DI RIPOSO , ,14 IMPIANTI SPORTIVI (escl. Piscina) 9.500, ,85 LAMPADE VOTIVE , ,30 MUSEI CITTADINI 1) PASTI A DOMICILIO , ,23 PISCINA COMUNALE 2) REFEZIONE SCOLASTICA , ,04 TEATRO COMUNALE 1) MEDIATECA 1) SALE ATTREZZATE 1) MERCATI PUBBLICI E FIERE , ,48 TOTALE , ,86 1) Servizi gestiti dalla Istituzione beni attività culturali, turismo; 2) Servizio gestito dalla Società sportiva Metauro Nuoto. per cui la misura dei costi complessivi, che è stata finanziata da tariffe o contribuzioni ed entrate specificatamente destinate, è, con riferimento alle previsioni formulate nel Bilancio di Previsione 2007, la seguente: Totale Entrate x = 52,98% Totale Spese

17 INOLTRE; LA GIUNTA COMUNALE RITENUTA l'urgenza di provvedere; CON voti unanimi e favorevoli, espressi ed accertati in forma palese; D E L I B E R A di dichiarare la presente immediatamente eseguibile ai sensi del 4 comma dell'art. 134 del Dlgs 267/2000.

Istituzione Servizi Al Cittadino

Istituzione Servizi Al Cittadino COPIA Delibera nº Data 60 22/12/2009 Istituzione Servizi Al Cittadino Verbale di deliberazione del Consiglio di Amministrazione Oggetto: DETERMINAZIONE TARIFFE SERVIZI PUBBLICI - ANNO 2010 L'anno duemilanove,

Dettagli

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI SARMATO PROVINCIA DI PIACENZA Codice Ente 33042 ORIGINALE DELIBERAZIONE N. 100 in data: 18.11.2006 Trasmessa al Co.Re.Co. Il = = prot. n. = = VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI ACQUAPENDENTE

COMUNE DI ACQUAPENDENTE COMUNE DI ACQUAPENDENTE PROVINCIA DI VITERBO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Verbale n. 156 del 23/10/2013 Oggetto: Determinazione tariffe e costi servizi a domanda individuale bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAPENDENTE

COMUNE DI ACQUAPENDENTE COMUNE DI ACQUAPENDENTE PROVINCIA DI VITERBO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Verbale n. 86 del 15/06/2012 Oggetto: Determinazione tariffe e tassi di copertura dei servizi a domanda individuale anno

Dettagli

COMUNE di FRANCOLISE

COMUNE di FRANCOLISE Casa COMUNE di FRANCOLISE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 96 del 14/07/2015 OGGETTO: Bilancio di Previsione 2015. Tariffa Mensa scolastica a.s. 2015/2016 e seguenti. L anno duemilaquindici

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 14 del 09/03/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E

Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 35 DATA 08/04/2010 OGGETTO: ANNO 2010 - Tariffe dei servizi a domanda individuale

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Adunanza del 14/03/2007 Deliberazione n 21 Oggetto: Servizi a domanda individuale. Rideterminazione costi e

Dettagli

Comune di Marsicovetere

Comune di Marsicovetere Comune di Marsicovetere PROVINCIA DI POTENZA COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 24 DEL 17/03/2015 OGGETTO:SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE. DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE E CONTRIBUZIONI

Dettagli

RITENUTO in questa sede di confermare la tariffa anche per l anno scolastico 2010/2011;

RITENUTO in questa sede di confermare la tariffa anche per l anno scolastico 2010/2011; OGGETTO: APPROVAZIONE MANOVRA TARIFFARIA ANNO 2010 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: ai sensi dell'art. 54 del D. Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, il Comune approva le tariffe e i prezzi pubblici ai fini

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE C O P I A N. 49 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE. DETERMINAZIONE TARIFFE,

Dettagli

Le tariffe vengono applicate per ogni ora di effettivo utilizzo della struttura sportiva.

Le tariffe vengono applicate per ogni ora di effettivo utilizzo della struttura sportiva. Allegato a) 1) CASA PROTETTA COMUNALE Tariffa: Dal 01/01/2013 Retta giornaliera a carico dell utente. 48,00 La tariffa viene applicata per ogni giorno di effettiva permanenza presso la Casa Protetta Comunale.

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Adunanza del 10/02/2010 Deliberazione n 14 Oggetto: Tariffe e Servizi a domanda individuale. L anno 2010 il

Dettagli

Comune di Cavarzere Provincia di Venezia

Comune di Cavarzere Provincia di Venezia Comune di Cavarzere Provincia di Venezia Delibera n. 16 Del 12 febbraio 2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONFERMA TARIFFE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANNO 2008 L'anno

Dettagli

Comune di Forgaria nel Friuli Provincia di Udine. Registro delibere di Giunta COPIA N. 44

Comune di Forgaria nel Friuli Provincia di Udine. Registro delibere di Giunta COPIA N. 44 Comune di Forgaria nel Friuli Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Registro delibere di Giunta COPIA N. 44 OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE E PREZZI SERVIZI COMUNALI ANNO 2015.

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona CODICE ISTAT 42043 COPIA DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Numero 110 Del 03-06-2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

Dettagli

C O M U N E D I R I E T I Delib. N. 13 del 30/03/2004

C O M U N E D I R I E T I Delib. N. 13 del 30/03/2004 C O M U N E D I R I E T I Delib. N. 13 del 30/03/2004 SCHEMA DI DELIBERAZIONE Che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Servizi Pubblici a domanda individuale definizione del livello

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 145 del 02/07/2015 )

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 145 del 02/07/2015 ) ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 145 del 02/07/2015 ) OGGETTO: SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE: DETERMINAZIONI RETTA ASILO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 DEL 26/06/2013 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER SERVIZI SOCIALI A DOMANDA INDIVIDUALE, DIRITTI DI SEGRETERIA, ACCESSO AGLI ATTI, CANONI E TASSE

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 28 del 17-04-15 ORIGINALE Oggetto: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE E RELATIVO TASSO

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. 142 DEL 19/11/2007 TARIFFE E FASCE 2008

ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. 142 DEL 19/11/2007 TARIFFE E FASCE 2008 A. SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E DISABILI Costo: 16,82 per ogni ora di servizio IMPORTO ORARIO 5 I.S.E.E. SUPERIORE A 15.500,01 80% 13,46 4 I.S.E.E. COMPRESO TRA 15.500,00 E 10.500,01 60%

Dettagli

N. 110 Del 28/07/2015

N. 110 Del 28/07/2015 Piazza Duomo, 1 C.A.P. 80035 - C.F. 84003330630 - Partita I.V.A. : 01549321212 COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 110 Del 28/07/2015 OGGETTO: Determinazione retta mensile Mensa Scolastica Da

Dettagli

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14)

TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14) TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 () ASILO NIDO pag. 2 CENTRO I INFANZIA pag. 4 SCUOLA DELL INFANZIA SEZ. PRIMAVERA pag. 6 PRE-POST ASILO pag. 8 MENSA SCOLASTICA pag. 9 ATTIVITA' INTEGRATIVE PRE

Dettagli

Comune di Potenza. Unità di Direzione Decentramento Istituti di partecipazione popolare Sport Politiche giovanili Ricostruzione Ufficio Sport

Comune di Potenza. Unità di Direzione Decentramento Istituti di partecipazione popolare Sport Politiche giovanili Ricostruzione Ufficio Sport Comune di Potenza Unità di Direzione Decentramento Istituti di partecipazione popolare Sport Politiche giovanili Ricostruzione Ufficio Sport Oggetto: TARIFFE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI ANNO 2013 Relazione

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE COMUNE DI CHIOMONTE VERBALE DI DELIBERAZIONE. della GIUNTA COMUNALE n.

PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE COMUNE DI CHIOMONTE VERBALE DI DELIBERAZIONE. della GIUNTA COMUNALE n. COPIA PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE COMUNE DI CHIOMONTE VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE n. 38/13 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL TASSO DI COPERTURA DEI SERVIZI

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 17 DEL 09/04/2015

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 17 DEL 09/04/2015 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 17 DEL 09/04/2015 Adunanza ordinaria in PRIMA convocazione OGGETTO: SERVIZI A DOMANDA

Dettagli

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza N. 78 REGISTRO DELIBERAZIONI.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE DEI SERVIZI E ALIQUOTE DEI TRIBUTI PER L

Dettagli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli

Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli Regolamento per i servizi di assistenza scolastica qualificata e di trasporto scolastico a favore degli studenti diversamente abili frequentanti gli istituti scolastici superiori di secondo grado della

Dettagli

COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI

COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1842 COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 23 luglio 2015 n. 176 OGGETTO: SERVIZI PUBBLICI

Dettagli

COMUNE DI OLGINATE Provincia di Lecco

COMUNE DI OLGINATE Provincia di Lecco COMUNE DI OLGINATE Provincia di Lecco COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 64 del 17-06-2015 Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFE PER L'ACCESSO AI SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE - ANNO 2015 L'anno

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 29 O G G E T T O APPROVAZIONE TARIFFE RELATIVE AL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER L ANNO 2015. L anno 2015

Dettagli

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara Finito di stampare ottobre 2012 .. Comune di Gradara Carta Bimbi Informazioni per le

Dettagli

COMUNE DI OMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. N... DEL SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE

COMUNE DI OMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. N... DEL SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE OMUNE DI ACQUALAGNA COMUNE DI PROVINCIA DI PESARO E URBINO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.M. N... DEL SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE TARIFFE 1 MENSE SCOLASTICHE - IVA COMPRESA a-scuola materna di Pole

Dettagli

COMUNE DI PECETTO DI VALENZA

COMUNE DI PECETTO DI VALENZA ORIGINALE COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA N. 19/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ATTO IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DI TARIFFE RELATIVE ALLE ENTRATE EXTRATRIBUTARIE

Dettagli

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115

1 0 Fino a 7.580,00 10,00 1,50 40 2 7.580,01 12.000,00 25.00 2,50 75 3 12.000,01 15.457,99 55,00 2.50 105 4 15.458,00 20.000,00 65,00 2,50 115 Servizio Prescuola scuola Primaria E. de Amicis. Il servizio riservato agli alunni della scuola Primaria E. De Amicis (per minimo di 15 iscritti), è in funzione dalle ore 07:15 fino all ora di apertura

Dettagli

COMUNE DI DELEBIO. Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Cod. Comune 11353/4

COMUNE DI DELEBIO. Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Cod. Comune 11353/4 ORIGINALE COPIA COMUNE DI DELEBIO Provincia di Sondrio DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Cod. Comune 11353/4 N. 52 Reg. Del. OGGETTO: CANONI E TARIFFE DEI SERVIZI ESISTENTI. ATTO RICOGNITIVO PER L'ANNO

Dettagli

N. 16 del 03.02.2010

N. 16 del 03.02.2010 COMUNE DI ZERFALIU PROVINCIA DI ORISTANO Piazza Roma n. 1 CAP 09070 P.I. 00083990952 Tel. 0783/27000 Telefax 0783/27361 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 16 03.02. OGGETTO: Approvazione quadro economico

Dettagli

S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I A N N O 2 0 1 4

S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I A N N O 2 0 1 4 I S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I La tariffa mensile per i servizi diurni per disabili adulti per la frequenza dei Centri Diurni Disabili comunali ed esterni, dei Centri Socio Educativi

Dettagli

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate

Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Regolamento per l introduzione dell ISEE come strumento di valutazione della situazione economica dei richiedenti prestazioni sociali agevolate Art. 1 Oggetto Art. 2 Finalità Art. 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio COMUNE DI CALANGIANUS Provincia di Olbia Tempio REGOLAMENTO PER IL DIRITTOALLO STUDIO CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina gli interventi del Comune

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Monza e Brianza VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N 11 del 20/01/2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE PER L'ESERCIZIO 2010 DELLE TARIFFE DEI SERVIZI A DOMANDA

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO Art.1. Il Comune di Salò, per garantire il diritto allo studio, secondo i principi formulati negli articoli 3 e 34 della Costituzione

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS AVVISO PER LA CONCESSIONE DEL BONUS STRAORDINARIO UNA TANTUM ALLE FAMIGLIE CON FIGLI ANNO 2011 per complessivi Euro 23.000 Il Comune con il presente Bando persegue gli obiettivi di: Promuovere la centralità

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. N. 52 DEL 30.11.2010 MODIFICATO CON D.C.C. N. 43 DEL 26.10.2011 ART. 1 PREMESSA

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 COMUNE DI IMPRUNETA GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 Ufficio Relazioni con il Pubblico Piazza Buondelmonti, 41 Lunedì/martedì/giovedì/venerdì/sabato dalle 8.30 alle 12.30 Lunedì e giovedì dalle 15.00

Dettagli

REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente)

REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (PROVINCIA DI REGGIO EMILIA) REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 4 del 18 febbraio 2002 Modificato

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN PENSILIS PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI SAN MARTINO IN PENSILIS PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI SAN MARTINO IN PENSILIS PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con delibera di CC n. 50 del 22.12.2009 CAPO I NORME GENERALI ART. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE C O P I A N. 15 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE. DETERMINAZIONE TARIFFE E/O

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine)

COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine) COMUNE DI MAGNANO IN RIVIERA (Provincia di Udine) AREA ECONOMICO FINANZIARIA Ufficio Economato TARIFFE, CONTRIBUZIONI E COSTI DEI SERVIZI ANNO 2014 Approvate con deliberazione di Giunta Comunale n 60 del

Dettagli

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce

C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce C O M U N E DI C A S T R O Provincia di Lecce Ufficio: RAGIONERIA SETTORE PROPONENTE: PROPOSTA DI DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 11-11-2013 N.51 Oggetto: APPROVAZIONE DELLA RELAZIONE PREVISIONALE

Dettagli

SERVIZIO CIMITERIALE

SERVIZIO CIMITERIALE TARIFFE SETTORE AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA ANNO 2015 SERVIZIO CIMITERIALE TARIFFARIO DELLE OPERAZIONI CIMITERIALI EURO Inumazioni meccaniche salme 250,00 Inumazioni manuali salme 400,00 Inumazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n.19 del 10.05.2012. Pubblicato all albo pretorio dal 07.06.2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 06/06/2012

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 06/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 06/06/2012 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER SERVIZI SOCIALI A DOMANDA INDIVIDUALE, UTILIZZO IMPIANTI E SALE COMUNALI, ACCESSO AGLI ATTI,

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI CASALGRANDE. Provincia di Reggio Emilia Reg. Pubbl. N. 15 COMUNE DI CASALGRANDE Provincia di Reggio Emilia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 2 DEL 18/01/2012 COPIA OGGETTO: AREA SOCIALE: SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 273 in data 26/03/2015 OGGETTO: L.R. 12/85 - CONTRIBUTI PER IL TRASPORTO DI PORTATORI DI HANDICAP DALLA LORO ABITAZIONE

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini ADEMPIMENTI CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE (art 124 D.Lgs 267/2000 ss.mm.) La presente determinazione dirigenziale è stata pubblicata in data odierna all'albo pretorio

Dettagli

COMUNE DI CIVITA D ANTINO

COMUNE DI CIVITA D ANTINO COMUNE DI CIVITA D ANTINO PROVINCIA DELL AQUILA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/09/2011 OGGETTO: PROGRAMMA INTERVENTI DIRITTO ALLO STUDIO: ANNO 2012. - APPROVAZIONE- L anno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE Comune di N A G O - T O R B O L E (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE SERVIZIO TAGESMUTTER Approvato con deliberazione consiliare n. 24/2006 dd. 28.06.2006

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DIMOSTRATIVO DELLA PERCENTUALE DI COPERTURA DEI COSTI DEI SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE: TOTALE L.

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DIMOSTRATIVO DELLA PERCENTUALE DI COPERTURA DEI COSTI DEI SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE: TOTALE L. Allegato alla delibera di G.C. N. 143 del 30/08/2013 PROSPETTO RIEPILOGATIVO DIMOSTRATIVO DELLA PERCENTUALE DI COPERTURA DEI COSTI DEI SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE: SERVIZIO SERVIZI CIMITERIALI

Dettagli

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 7 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale

COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 7 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 7 in data 18/01/2012 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE FAMIGLIE DI NUOVI

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.104 del 06.05.2015 OGGETTO: SERVIZI A DO M ANDA INDIVIDUALE AFFERENTI AL SETTORE AFFARI G ENERALI, SERVIZI SOCIALI E ANAGRAFE

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE

Città di Fabriano GIUNTA COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE L'anno duemilaquindici addì quattordici del mese di luglio alle ore 15:30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l'intervento dei Signori: Partecipano: Nominativo

Dettagli

COMUNE DI SERRAMAZZONI

COMUNE DI SERRAMAZZONI COMUNE DI SERRAMAZZONI PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO: SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CULTURALE EDUCATIVO UFFICIO: SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, EDUCATORE PROFESSIONALE, TRASPORTI E

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura Approvato con deliberazione della G.C. n. 68 del 13.05.2015 MODALITA DI ACCESSO AL SERVIZIO MENSA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE N. 6 DEL OGGETTO: Servizi a domanda individuale. Determinazione dei costi e delle tariffe dei servizi che

Dettagli

CITTA' DI TORREMAGGIORE

CITTA' DI TORREMAGGIORE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA' DI TORREMAGGIORE PROVINCIA DI FOGGIA C O P I A / A L Trasmessa ai Capigruppo Consiliari il 14/03/2006 Nr. Elenco Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa

Dettagli

Piano Dettagliato degli Obiettivi 2006 - Obiettivi di Funzionamento. Dirigente Dirigente Settore Commercio, Turismo/Immagine, Istruzione

Piano Dettagliato degli Obiettivi 2006 - Obiettivi di Funzionamento. Dirigente Dirigente Settore Commercio, Turismo/Immagine, Istruzione Dirigente Dirigente Settore Commercio, Turismo/Immagine, Istruzione CDC Assistenza Scolastica Trasporto, Ref. e altri serv - 1 - OBIETTIVO N. 170O01 OBIETTIVO DI FUNZIONAMENTO SERVIZI SCOLASTICI VARI (cdc

Dettagli

OGGETTO: Nuove modalità riscossione buoni pasto servizio mense scolastiche. Linee di indirizzo.

OGGETTO: Nuove modalità riscossione buoni pasto servizio mense scolastiche. Linee di indirizzo. PAG. 1 1 OGGETTO: Nuove modalità riscossione buoni pasto servizio mense scolastiche. Linee di indirizzo. L anno duemilaquindici addì venticinque del mese di febbraio in Macerata e nella sede Municipale,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CC n. 30 del 26/10/2013 Oggetto: Rettifica delibera consiliare n. 21 del 24/09/2013 "tariffe per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati per l'anno 2013" IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 14

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A REP. GENERALE N. 195 DEL 16/07/2015 SETTORE SEGRETERIA E AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE N. 79 DEL 16/07/2015 OGGETTO: RIMBORSO COSTO LIBRI DI

Dettagli

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari

Comune di Sarroch Provincia di Cagliari Comune di Sarroch Provincia di Cagliari VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ^'-T IM N 44 OGGETTO: Tariffe d'uso impianti sportive e palestre scolasticlie anno 2014 - Approvazione L'anno duemilaquattoridici

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CASPERIA R E G O L A M E N T O SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera Consiglio comunale n.36 del 29/09/2009 così come modificato con deliberazione di C.C. n.48 del 29/09/2014 SOMMARIO

Dettagli

COMPARTECIPAZIONE ALTRI SERVIZI CENTRI DIURNI TIPOLOGIA TARIFFA

COMPARTECIPAZIONE ALTRI SERVIZI CENTRI DIURNI TIPOLOGIA TARIFFA DENOMINAZIONE SERVIZIO COMPARTECIPAZIONE ALTRI SERVIZI CENTRI DIURNI TIPOLOGIA TARIFFA TARIFFA 2012 Utente beneficante della pensione di invalidità e dell' accompagnamento- mensili 168,60 Utente beneficante

Dettagli

Comune di Empoli Conto Consuntivo 2007 COMUNE DI EMPOLI. Servizi a domanda individuale Nettezza Urbana Servizio Idrico integrato Altri servizi

Comune di Empoli Conto Consuntivo 2007 COMUNE DI EMPOLI. Servizi a domanda individuale Nettezza Urbana Servizio Idrico integrato Altri servizi Comune di Empoli Conto Consuntivo 2007 COMUNE DI EMPOLI Servizi a domanda individuale Nettezza Urbana Servizio Idrico integrato Altri servizi Comune di Empoli Conto Consuntivo 2007 Servizi a domanda individuale

Dettagli

Comune di San Quirico d Orcia Provincia di Siena

Comune di San Quirico d Orcia Provincia di Siena ACCORDO BILANCIO COMUNALE PREVENTIVO 2013 Nei giorni 22 gennaio e 28 febbraio 2013, alle ore 9,30, presso il Comune di San Quirico d Orcia, si sono incontrati il Sindaco Roberto Rappuoli, l Assessore alle

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Azzano San Paolo Assessorato Pubblica Istruzione P.zza IV nov. Tel. 035/530130 Fax 035/530073 C.F./IVA n. 00681530168 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

ESTRATTO DELIBERA DI G.C. N. 26 DEL 06.02.2014 OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI- CONFERMA DELLE

ESTRATTO DELIBERA DI G.C. N. 26 DEL 06.02.2014 OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI- CONFERMA DELLE ESTRATTO DELIBERA DI G.C. N. 26 DEL 06.02.2014 OGGETTO: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI- CONFERMA DELLE TARIFFE VIGENTI PER L ANNO 2014 LA GIUNTA COMUNALE VISTO il

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 PROSPETTO DATI S I O P E D.M. 23 dicembre 2009 Incassi 2013 per codici gestionali Pagamenti 2013 per codici gestionali Disponibilità liquide 2013 INCASSI PER CODICI

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

COMUNE DI LORETO. Provincia di Ancona ATTO DELLA GIUNTA MUNICIPALE. Seduta del 07/06/2013 n. 117

COMUNE DI LORETO. Provincia di Ancona ATTO DELLA GIUNTA MUNICIPALE. Seduta del 07/06/2013 n. 117 ATTO DELLA GIUNTA MUNICIPALE OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 E TARIFFE ALTRI SERVIZI Prot. n. del L'anno Duemilatredici il Giorno Sette

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 4 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 4 Del 21.01.2010 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO

Dettagli

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso

SCHEDA SOCIALE. DESTINATARIO DELL INTERVENTO Cognome Nome Nato a il / / Sesso SCHEDA SOCIALE Allegato C alla Delib.G.R. n. 48/46 del 11.12.2012 (In base alla normativa vigente qualunque dichiarazione mendace comporta sanzioni penali, nonché l esclusione dal finanziamento del progetto

Dettagli

Comune di Domus de Maria

Comune di Domus de Maria Comune di Domus de Maria ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N 112 DEL 21/11/2013 OGGETTO: CANONI DI LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI PROPRIETA' COMUNALE.

Dettagli

Comune di Casalnuovo di Napoli

Comune di Casalnuovo di Napoli Comune di Casalnuovo di Napoli Provincia di Napoli ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 58 del 12-03-2015 OGGETTO: SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE.DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2015 L

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 13 del 24/01/2013 Oggetto: APPROVAZIONE TARIFFE ANNO 2013 SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. L anno duemilatredici il

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone Codice fiscale 80003930932 Partita IVA 00242130938 PIAZZA DEL POPOLO N.38 TEL.0434/842926 FAX 0434/842971 www.comune.san-vito-al-tagliamento.pn.it

Dettagli