Anche le aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anche le aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente"

Transcript

1 Anche le aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente di P. Tofanini (1), G. Cassissa (2), F. Cane (3), M.C. Frigeri (4), C. Peirano (5), D. Saglietti (6), L. Sola (7) 74 Panorama della Sanità n I COSTI STANDARD La Legge 42/2009 sul federalismo fiscale, all articolo 2, comma 2, indica la determinazione del costo e del fabbisogno standard come l indicatore rispetto al quale comparare e valutare l azione pubblica, valorizzando l efficienza e l efficacia della spesa. Costo e fabbisogno standard sono inoltre i parametri in base ai quali avviene il finanziamento dei LEA. La contabilità a costi standard è, o dovrebbe essere, il criterio adottato per l assegnazione delle risorse per la spesa sanitaria, così come il criterio di controllo della spesa pubblica adottato dalla Corte dei Conti. Di fatto i costi standard non vengono utilizzati per finanziare le Aziende Sanitarie Locali e le Aziende Ospedaliere. Esistono soltanto report periodici, con corpose relazioni da parte della Corte dei Conti, che rilevano differenze macroscopiche nei costi di beni e servizi tra le diverse aziende e regioni. Manca poi qualsiasi forma di benchmarking sul costo del personale, sia sotto il profilo dell efficienza produttiva, che nelle differenze di costi/remunerazioni dei dipendenti con identica qualifica, professionalità e mansioni. Esistono infine casi di ripiano a piè di lista, che invece di premiare l efficienza della spesa rappresentano un meccanismo perverso di incentivazione dell indebitamento. Recentemente sono state individuate tre regioni (Umbria, Emilia-Romagna e Veneto, da aumentare in seguito a cinque) dove sperimentare, nell anno 2014, i costi standard e superare il sistema dei tagli lineari adottato fino a oggi. MODALITÀ DI RIPARTO DEL FSN E FSR L articolo 1, comma 34, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 prevede che per il riparto del Fondo Sanitario Nazionale di parte corrente, ai fini della determinazione della quota capitaria, siano pesati i seguenti elementi: - popolazione residente; - frequenza dei consumi sanitari per età; - frequenza dei consumi sanitari per sesso; - tassi di mortalità della popolazione; - indicatori relativi a particolari situazioni territoriali ritenuti utili a definire i bisogni sanitari; - indicatori epidemiologici territoriali. Il comma 2-sexies dell articolo 2 del Dlgs n. 502/1992, introdotto dal Dlgs n. 229/1999, precisa che la Regione disciplina il finanziamento delle unità sanitarie locali, sulla base di una quota capitaria corretta in relazione alle caratteristiche della popolazione residente. Fin dall esercizio 2006, il riparto tra le Regioni delle risorse destinate al finanziamento statale della spesa sanitaria cor- (1) Direttore Sanitario, (2) Direttore Amministrativo, (3) Direttore SOC Personale, (4) Direttore Medico P.O., (5) Direttore SOC Programmazione, (6) Direttore SOC Psicologia, (7) Responsabile SOC Economico-finanziaria ASL Alba-Bra Regione Piemonte

2 rente avviene applicando per l intero finanziamento il percorso introdotto in misura parziale ed in via sperimentale per l anno 2005 (accordo Stato-Regioni del 23 marzo 2005, rep. atti n. 2276) e basato: - sulla quota capitaria pesata con le fasce di età della popolazione, per i livelli di assistenza per i quali la frequenza dei consumi per età risulta sufficientemente rilevata dal Sistema Informativo del Ministero della Sanità: farmaceutica, specialistica ed ospedaliera (quest ultima pesata per il 50% in base alla frequenza dei consumi per età e per il 50% ripartita per quota capitaria semplice, non pesata); - sulla quota capitaria semplice, non pesata, per gli altri livelli di assistenza: prevenzione, medicina di base e altra assistenza territoriale. Il Servizio Sanitario della Regione Piemonte, per l esercizio 2013, salvo ulteriori variazioni derivanti da nuove disposizioni di legge e nelle more dell approvazione definitiva del riparto nazionale fra le Regioni, può disporre di: e di quota FSN Indistinto; e destinati all assistenza degli Extra-LEA; e di pay back; e di fondi vincolati relativi ai finanziamenti degli obiettivi di piano; Per un totale di e Con le risorse del FSN vengono finanziati i costi dei livelli di assistenza (LEA), comprese le attività di prevenzione delle gestioni accentrate a livello regionale. Le ultime proposte del Ministero della Salute per il CIPE in ordine al riparto delle disponibilità finanziarie per il Servizio Sanitario Nazionale del 09/11/2011 prevedono la seguente pesatura relativa ai livelli di assistenza: - Assistenza sanitaria collettiva e in ambienti di vita e di lavoro 5,0% - Assistenza distrettuale 51,0% - Assistenza ospedaliera 44,0% I criteri con i quali vengono assegnate le quote capitarie alle ASL sono però frutto anche di una serie di ripetute sanatorie. Mentre il metodo di pagamento delle Aziende Ospedaliere si avvicina a quello dei privati accreditati ed è, in grande misura, riferibile al pagamento delle prestazioni effettuate in base ai DRG e ai tariffari delle prestazioni ambulatoriali, le Aziende Sanitarie vengono quindi finanziate in base ad una quota capitaria che corrisponde alla spesa sanitaria globale di un determinato territorio (nazionale, regionale, di ASL) suddivisa per i cittadini ivi residenti. La quota capitaria viene poi rideterminata in base alla ponderazione che prende in esame il criterio demografico e quindi le classi di età della popolazione analizzata. Da ciò si dovrebbe dedurre che, pur con differenze per l appunto riferibili alle variabili demografiche, la distribuzione delle risorse economiche dovrebbe rispondere a criteri di equità su tutto il territorio nazionale e regionale e quindi le Aziende dovrebbero poter contare su budget, se non uguali, molto simili. Poiché questo non avviene, è possibile ipotizzare che esistano delle sperequazioni nella distribuzione delle risorse. Nel 2012 il Fondo Sanitario Nazionale ammontava a 107 miliardi di Euro, da ripartire alle Regioni in relazione a una popolazione residente di circa 60 milioni di abitanti. In ogni regione avviene, poi, un analoga distribuzione di risorse economiche in relazione alla popolazione residente nelle varie ASL territoriali. Riassumiamo di seguito questa cascata in riferimento alla regione Piemonte e alla ASL CN2 di Alba-Bra. TABELLA 1 ITALIA PIEMONTE ASL CN2 Fondo Sanitario e e e Popolazione Quota capitaria e1.783 e1.705 e le Aziende Sanitarie vengono quindi finanziate in base ad una quota capitaria che corrisponde alla spesa sanitaria globale di un determinato territorio (nazionale, regionale, di ASL) suddivisa per i cittadini ivi residenti... Panorama della Sanità n

3 FIGURA 1 - QUOTE CAPITARIE DEFINITIVE, ANNO 2012 ASL QUOTA ABITANTI CAPITARIA VC VCO BI CN TO All interno della Regione Piemonte la sperequazione appare più evidente (figura 1). A tal proposito, se vogliamo considerare l ASL TO 1 come situazione anomala in quanto ASL di una città metropolitana, dove il contesto socioeconomico e la crisi possono aver indotto una diversa modalità nell allocazione di risorse, altro ragionamento va fatto per le ASL di Vercelli, Verbania-Cusio-Ossola e Biella, oltre che per altre realtà simili qui non prese in considerazione per motivi di brevità. Le tre aziende Sanitarie Locali citate hanno una popolazione pressoché identica ( abitanti) a quella dell ASL CN2 di Alba-Bra, nonché una distribuzione territoriale e un organizzazione ospedaliera simili. Le risorse assegnate non sono però analoghe. Se l ASL di Alba-Bra potesse disporre della quota capitaria assegnata alle ASL prese in esame, potrebbe usufruire di un finanziamento di e in più, se paragonata all ASL di Vercelli, o e rispetto all ASL di Verbania, passando da un bilancio di e a uno di e o di e Se osserviamo la spesa per personale, questione a cui prima abbiamo accennato, è presente una differenza di costi che discende dalle disomogeneità delle quote capitarie. Infatti, se rapportiamo i costi programmati del personale alla popolazione servita dall azienda, l ASL CN2 evidenzia l indicatore più basso con una differenza, rispetto all ASL di Vercelli, nel 2014, di 143 euro in meno per cittadino. Il costo complessivo per le spese del personale dipendente, sempre fra queste due ASL, ha un differenziale, nel 2014, pari a e Panorama della Sanità n TABELLA A.S.L. Popolazione Costo Costo Costo Costo Personale Personale personale/ personale/ popolazione popolazione ASL VC ASL BI ASL VCO ASL CN

4 FIGURA 2...Se, ipoteticamente, tutte le aziende del Piemonte ricevessero una quota capitaria vicina a quella della ASL CN2, si potrebbe ottenere un risparmio di diverse centinaia di migliaia di euro annui... TABELLA 3 RIPIANO ASL ASL TO1 TO2 TO3 TO4 TO5 VC BI NO VCO CN1 CN2 AT AL Ripiano RIPIANO A.S.O. A.S.O. Ripiano A.O.U. S. Luigi A.O.U. Novara A.O. Cuneo A.O. Alessandria A.O. Mauriziano A.O.U. Città della Salute La ASL CN2 di Alba-Bra presenta, ad ogni modo, parametri sia di tipo economico (pareggio di bilancio) che sanitario (indicatori di performances), che sono valutati positivamente sia a livello regionale che nazionale. Esistono invece aziende che, pur con un una quota capitaria maggiore, presentano bilanci in disavanzo. Le quote capitarie definitive per l anno 2012 discendono dalla DGR n dell , che prevede un ulteriore stanziamento di e destinato, come finanziamento LEA, a tutte le ASL/ASO del Piemonte, ad eccezione di quattro, fra cui l ASL CN2 di Alba-Bra (tabella 3). Siamo quindi in presenza di un meccanismo di ripartizione delle risorse che non premia le virtuosità, ma incentiva invece il disavanzo tramite meccanismi di ripiano ex post. Se, ipoteticamente, tutte le aziende del Piemonte ricevessero una quota capitaria vicina a quella della ASL CN2, si potrebbe ottenere un risparmio di diverse centinaia di migliaia di euro annui. Una conferma di questi dati è evidenziata dalla ricerca FIASO CREA Sanità sul finanziamento delle sanità regionali negli anni , da cui emerge in modo chiaro il differenziale fra la ASL del Piemonte (figura 3). Tra gli elementi che vogliamo segnalare come rilevanti per l impiego virtuoso delle risorse c è la valutazione che il Gruppo Abele ha espresso sulla ASL CN2 (pri- Panorama della Sanità n

5 FIGURA 3 - INANZIAMENTO A CONSUNTIVO 2011 E 2012 (ASL REGIONE PIEMONTE) Fonte: FIASO e Crea Sanità (2014) 78 Panorama della Sanità n ma in Piemonte) rispetto all applicazione delle norme sull amministrazione trasparente e l anticorruzione. Una indagine del Sole24Ore (26 maggio 2008) ha inoltre evidenziato come l azienda sia la seconda del SSN per minor numero di giorni medi di assenza per malattia l anno (5,6). Un risultato ottenuto anche grazie all esperienza della Scuola di Umanizzazione, capace di motivare il personale, formarlo sugli aspetti etici della professione. Infine i tempi di pagamenti della ASL, a settembre 2014, rispettano i 60 giorni previsti dalla normativa nazionale ed europea. CONCLUSIONI Nel caso della sanità, in occasione di processi di macroaggregazione, non sempre si ottengono economie di scala come avviene in settori economici classici. Spesso, in presenza di accorpamenti di Aziende Sanitarie, si è invece assistito a un impennata di costi. È certamente vero che in sanità strutture di dimensioni eccessivamente ridotte non sono competitive e, soprattutto, sicure: nulla giustifica l esistenza di ospedali con meno di 100 posti letto o di punti nascita con meno di 500 parti l anno, ma allo stesso modo l aggregazione di quattro grandi ospedali, che determinano un parco umano di dipendenti (di cui almeno tra medici e professionisti), può significare rendere più complessa la gestione delle strutture stesse. Inoltre le differenze contrattuali esistenti nella stessa regione fra azienda e azienda comportano contenziosi, blocco di mobilità e rallentamento delle procedure. Come abbiamo cercato di mostrare, anche aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente. In questo senso, la quota capitaria standard, dopo un adeguato processo di benchmarking tra le aziende, dovrebbe divenire uno dei termini di riferimento per effettuare il riparto delle risorse del FSN tra le regioni e, al loro interno, tra le singole aziende.

APPROFONDIMENTO TEMATICO II: CRITERI DI RIPARTO DEL FSR LOMBARDO

APPROFONDIMENTO TEMATICO II: CRITERI DI RIPARTO DEL FSR LOMBARDO CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale APPROFONDIMENTO TEMATICO II: CRITERI DI RIPARTO DEL FSR LOMBARDO 0 Le voci di finanziamento corrente al SSR lombardo nel 2007

Dettagli

Programmazione e tempi di riparto

Programmazione e tempi di riparto Laboratorio FIASO sul riparto dei fondi sanitari regionali Programmazione e tempi di riparto La ripartizione dei fondi tra le Aziende sanitarie avviene in quadro di programmazione definito dai Piani sanitari

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 13/21 DEL 15.3.2011

DELIBERAZIONE N. 13/21 DEL 15.3.2011 IBERAZIONE N. 13/21 15.3.2011 Oggetto: Attribuzione alle aziende sanitarie regionali delle risorse destinate al finanziamento della spesa sanitaria di parte corrente per l esercizio 2010. L Assessore dell

Dettagli

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR

Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Sistema Sanitario della Regione Lombardia: la contabilità analitica a supporto della funzione di governo del SSR Dott. Francesco Laurelli Regione Lombardia Direzione Generale Sanità Unità Organizzativa

Dettagli

Determinazione obiettivi economici-finanziari delle Aziende Sanitarie regionali per l'anno 2013..

Determinazione obiettivi economici-finanziari delle Aziende Sanitarie regionali per l'anno 2013.. REGIONE PIEMONTE BU49 05/12/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 11 novembre 2013, n. 59-6674 Determinazione obiettivi economici-finanziari delle Aziende Sanitarie regionali per l'anno 2013.. A relazione

Dettagli

I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Attuale modalità di riparto dell assegnazione complessiva sul Fondo Sanitario Regionale: Riparto fra le 11 Istituzioni

Dettagli

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs.

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche A.A. 2012-2013 Art. 32 Cost. Le aziende sanitarie La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività,

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A.

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Modello Piemonte Concentrazione dei posti di responsabilità

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

Una rete in costruzione per la salute dei migranti

Una rete in costruzione per la salute dei migranti GrIS Gruppi Immigrazione e Salute Una rete in costruzione per la salute dei migranti 23 marzo 2010 I Centri I.S.I. Piergiorgio Maggiorotti Un po di storia... 11febbraio 1992: avvio dell esperienza dell

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA SCDO Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità Novara S.D.N.C Regione Piemonte AOU San Giovanni

Dettagli

LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA

LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA PREMESSA L articolo 5 della legge 29 novembre 2007, n. 222 prevede al comma 1 che: l onere a carico del SSN per l assistenza

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 48 del 3 agosto 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 19 - Piano Sanitario Regionale e Rapporti con le UU.SS.LL. - Deliberazione n. 1274 del 16 luglio 2009 Piano di rientro - Interventi per il raggiungimento dell obiettivo di razionalizzazione e contenimento

Dettagli

Analisi tossicologiche e rete dei Laboratori Analisi delle Strutture Sanitarie regionali.

Analisi tossicologiche e rete dei Laboratori Analisi delle Strutture Sanitarie regionali. Analisi tossicologiche e rete dei Laboratori Analisi delle Strutture Sanitarie regionali. Piano di razionalizzazione per l erogazione delle analisi tossicologiche in rete. Attualmente gli esami tossicologici

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo?

Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo? CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Regioni e ospedali privati accreditati: quali meccanismi di governo e controllo? Elena Cantù Milano, 8 giugno 2011 Quali sistemi

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera".

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera. REGIONE PIEMONTE BU25S1 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 53-7644 Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione

Dettagli

La dimensione economica

La dimensione economica Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale La dimensione economica dei servizi territoriali Patrizio Armeni CERGAS e SDA Bocconi Agenda Premessa: la dimensione economica Il finanziamento

Dettagli

L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca

L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca L INTEGRAZIONE POSSIBILE organizzazione ospedaliera dipartimentale e integrazione Assistenza Didattica - Ricerca Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/32 FONDO SANITARIO REGIONALE RIPARTO 2012 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 2/32 Sommario Premessa... 3 CAPITOLO 1 - Il Fondo Sanitario Regionale per l esercizio 2012... 5 1.1 Le

Dettagli

Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento

Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento Risultati della didattica sulla ripartizione del Fondo per il Finanziamento Ordinario (FFO) Vincenzo Zara Università del Salento UNIVERSITY Finanziamento statale alle Università L art. 5 della legge n.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 359 del 29-5-2015 O G G E T T O Saldo fondo per la ponderazione qualitativa delle quote capitarie di cui all'art. 59,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti terminali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5951 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CHIAVACCI, BRUNALE, DAMERI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per pazienti

Dettagli

La sostenibilità economica

La sostenibilità economica La sostenibilità economica Il contenimento dei costi come sfida per l efficienza Il crescere dei bisogni legato all invecchiamento della popolazione, con la conseguente crescita in complessità e volumi

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

I SERVIZI EDUCATIVI NELLA REGIONE PIEMONTE: Ecco i numeri del Piemonte!!!!!

I SERVIZI EDUCATIVI NELLA REGIONE PIEMONTE: Ecco i numeri del Piemonte!!!!! I SERVIZI EDUCATIVI NELLA REGIONE PIEMONTE: Ecco i numeri del Piemonte!!!!! SITUAZIONE GENERALE AL 30/06/2015 DEL NUMERO DEI SERVIZI PER L INFANZIA E DEI POSTI DISPONIBILI Servizi Asili nido Comunali Asili

Dettagli

La tariffa pro capite

La tariffa pro capite La tariffa pro capite Il Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia-Romagna indica tra le misure per il conseguimento del risparmio idrico nel settore civile l adozione da parte delle Agenzie di

Dettagli

Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione.

Per tutti gli assistiti con età >75 anni. Si calcola in dodicesimi. E di importo uguale al corrispondente istituto della precedente convenzione. ALLEGATO A) Disposizioni per il riconoscimento del nuovo trattamento economico previsto dagli AA.CC.NN. resi esecutivi in data 23 marzo 2005 mediante intesa nella Conferenza Stato-Regioni per la disciplina

Dettagli

Igiene e infezioni ospedaliere: un nesso quantificabile

Igiene e infezioni ospedaliere: un nesso quantificabile 24 Statistica & Società/Anno 3, N. 2/ Demografia, Istruzione, Welfare Igiene e infezioni ospedaliere: un nesso quantificabile Gianmaria Martini Dipartimento di Ingegneria, Università degli Studi di Bergamo

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU36 08/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 30 agosto 2011, n. 18-2532 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket Risorse 2012: I fondi destinati al finanziamento del Ssr sono 17 miliardi e 450 milioni di euro circa, di cui 8,6 miliardi per l'assistenza distrettuale,

Dettagli

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi,

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Politiche di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, di Cittadinanza Tutela e Promozione Solidarietà e Tutele Sociali Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds

Dettagli

I progetti sulla sicurezza integrata nella Regione Piemonte. Gruppo di lavoro regionale sulla sicurezza integrata

I progetti sulla sicurezza integrata nella Regione Piemonte. Gruppo di lavoro regionale sulla sicurezza integrata I progetti sulla sicurezza integrata nella Regione Piemonte Analisi dei bandi provinciali 2011 2012 Incontro con i referenti provinciali Gruppo di lavoro regionale sulla sicurezza integrata 1 Unosguardod

Dettagli

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio Giuseppe Garofalo a o Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia Università della Tuscia I tempi della politica sono molto brevi e schizofrenici

Dettagli

Giovani, scuola e crisi in Piemonte. Progetto giovani carla nanni

Giovani, scuola e crisi in Piemonte. Progetto giovani carla nanni Giovani, scuola e crisi in Piemonte Progetto giovani carla nanni I giovani in obbligo di istruzione/formativo Descrizione della partecipazione dei giovani in obbligo di istruzione e formazione prima e

Dettagli

ATLANTE SANITARIO DELLA REGIONE PIEMONTE

ATLANTE SANITARIO DELLA REGIONE PIEMONTE 5. L OFFERTA 5.1. L ASSISTENZA DI BASE Il numero totale di Medici di Medicina Generale (MMG) che operano in Piemonte (anno 2002) è di 4.752, pari ad un tasso regionale di 1,25 su 1000 abitanti di età superiore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini Giunta regionale Dip.to Salute, Sicurezza e Solidarietà Sociale Servizi alla Persona e alla Comunità Regione senza confini Riparto del Fondo Sanitario Regionale 2005-2006 (parte corrente) Linee guida ed

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEGLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DELLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEGLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DELLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEGLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DELLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DEGLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DELLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA Ferrara,

Dettagli

I conti della Regione

I conti della Regione I conti della Regione Il fallimento di questi 4 anni lascia una pesante eredità al futuro Il «buon governo» del centro destra Il presidente Cota esordì con promesse di buon Governo e riordino dei conti.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE

PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE PROPOSTA DI LEGGE NAZIONALE approvata dal Consiglio regionale ai sensi dell articolo 26 dello Statuto speciale nella seduta antimeridiana n. 56 del 27 febbraio 2014 ----- ----- Consiglio regionale Friuli

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 4879 Seduta del 21/02/2013

DELIBERAZIONE N IX / 4879 Seduta del 21/02/2013 DELIBERAZIONE N IX / 4879 Seduta del 21/02/2013 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA GIOVANNI BOZZETTI ROMANO COLOZZI GIUSEPPE ANTONIO RENATO

Dettagli

LA REGIONE del Veneto

LA REGIONE del Veneto SANE SINERGIE Al via in Veneto un tavolo tecnico con proposte concrete per integrare i servizi erogati dai fondi contrattuali con quelli del Ssn. Due le linee guida: efficienza e complementarietà Pietro

Dettagli

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4

LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 Aziende Sanitarie del Veneto QUADRO ANALITICO LEGENDA DEGLI INDICATORI pagina 1 di 4 FONTI 01. POPOLAZIONE (al 31/12/n) 1. N Residenti (al 31/12/n) Datawarehouse Regionale - Flusso Anagrafe (i dati provengono

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 23 dicembre 2013, n. 21-6940 Programma per la gestione dei rischi sanitari di responsabilita' civile delle A.S.R.. Definizione degli

Dettagli

LE RISORSE UMANE: CAPITALE PER LE AZIENDE O FATTORE PRODUTTIVO SU CUI OPERARE RISPARMI E TAGLI? VITTORIO CHINNI

LE RISORSE UMANE: CAPITALE PER LE AZIENDE O FATTORE PRODUTTIVO SU CUI OPERARE RISPARMI E TAGLI? VITTORIO CHINNI LE RISORSE UMANE: CAPITALE PER LE AZIENDE O FATTORE PRODUTTIVO SU CUI OPERARE RISPARMI E TAGLI? VITTORIO CHINNI Facile dare la risposta.. Partiamo da alcune caratteristiche tipiche di una azienda sanitaria:

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 1-2202 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

Il Factoring in Regione Campania : da facilitazione finanziaria a sistema alternativo di pagamento per la P.A.

Il Factoring in Regione Campania : da facilitazione finanziaria a sistema alternativo di pagamento per la P.A. Il Factoring in Regione Campania : da facilitazione finanziaria a sistema alternativo di pagamento per la P.A. 1 Il Factoring come Facilitazione Finanziaria nella gestione ordinaria Tempo medio di pagamento

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Testo aggiornato al 5 dicembre 2007 Decreto ministeriale 22 Febbraio 2007, n. 43 Gazzetta Ufficiale 6 Aprile 2007, n. 81 Regolamento recante Definizione degli standard relativi all assistenza ai malati

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO

PERSONALE DEL COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA E ILLUSTRATIVA AI SENSI DELL ART. 40 COMMA 3 SEXIES ALLEGATO ALLA PREINTESA DEL CONTRATTO INTEGRATIVO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO 2006-2009 PER LE FINALITA

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI

AZIENDA SANITARIA LOCALE BI Via Marconi n. 23 BIELLA IL COMMISSARIO Dr.ssa Carla Peona (nominata con D.G.R. n. 52-1359 del 29 Dicembre 2010) L anno duemilaundici, il giorno 30 del mese di Marzo in Biella, presso la sede legale dell

Dettagli

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3

SOMMARIO. Art. 1 - Finalità della valutazione -------------------------------------------------------------------------- 3 REGOLAMENTO SISTEMA PREMIANTE - AREA DEL COMPARTO - Adottato con Deliberazione n. 280 del 22/04/2015 1 SOMMARIO Art. 1 - Finalità della valutazione --------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica

Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica Roma, 30 marzo 2015 Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica 1. Determinazione e alimentazione del Fondo di Solidarietà Comunale per le Regioni a Statuto

Dettagli

ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni

ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni Carla Gaveglio Direttore Soluzioni Applicative per la Salute CSI Piemonte Giugno 2014 1 Contesto di riferimento 2 Contesto di riferimento

Dettagli

Update in Endocrinologia Clinica

Update in Endocrinologia Clinica 12 Congresso Nazionale AME 6th Joint Meeting with AACE Update in Endocrinologia Clinica Simposi Gestionali: ESENZIONI PER PATOLOGIA ENDOCRINA Normativa generale Flora Cesario Endocrinologia e Malattie

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU42 20/10/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 ottobre 2011, n. 18-2663 Proseguimento e consolidamento a regime del percorso per la Gestione integrata del diabete di tipo 2 nell'adulto,

Dettagli

OGGETTO: Adesione a Illuminiamo la Salute - Rete Nazionale per l Integrità e pagamento quota associativa anno 2014

OGGETTO: Adesione a Illuminiamo la Salute - Rete Nazionale per l Integrità e pagamento quota associativa anno 2014 Innovazione e Valutazione Organizzativa Modena, lì 30 Luglio 2014 Decisione n. 9 /2014 OGGETTO: Adesione a Illuminiamo la Salute - Rete Nazionale per l Integrità e pagamento quota associativa anno 2014

Dettagli

Il GSE a supporto della Pubblica Amministrazione Luca Benedetti

Il GSE a supporto della Pubblica Amministrazione Luca Benedetti Il GSE a supporto della Pubblica Amministrazione Luca Benedetti Responsabile Unità Studi Perugia 12 marzo 2014 Non solo energia elettrica INDICE Efficienza energetica e fonti rinnovabili per la PA: alcuni

Dettagli

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti

Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444. Emendamenti Disegno di Legge di stabilità 2016 A.C. 3444 Emendamenti 26 novembre 2015 BILANCIO AUTORIZZATORIO SOLO ANNUALE 2016 UTILIZZO AVANZO LIBERO E DESTINATO ARTICOLO 1, COMMA 389 Dopo il comma 389 è inserito

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU24 16/06/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 17 maggio 2011, n. 26-2025 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU23 05/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 7 maggio 2014, n. 24-7560 Definizione del "Programma regionale di Spesa Corrente per gli anni 2012 e 2013 per gli interventi finalizzati

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2. Simona Iaropoli IRES Piemonte

PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2. Simona Iaropoli IRES Piemonte PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2 Simona Iaropoli IRES Piemonte Torino, marzo 2015 Rapporto OASI 2014 Secondo il capitolo 10 del rapporto Oasi 2014 nel 2012 la spesa totale per beni e servizi

Dettagli

n. 59 del 18 Agosto 2014 DECRETO n. 91 del 11.08.2014 Rif. Punti a) e b) della delibera del Consiglio dei Ministri del 29 ottobre 2013

n. 59 del 18 Agosto 2014 DECRETO n. 91 del 11.08.2014 Rif. Punti a) e b) della delibera del Consiglio dei Ministri del 29 ottobre 2013 Regione Campania Il Presidente Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 91 del 11.08.2014 Rif. Punti

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 28 del 10 giugno 2002 REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 22 maggio 2002 - Deliberazione N. 2089 - Area Generale di Coordinamento Bilancio - Linee

Dettagli

CAMPA Mutua Sanitaria Integrativa. Presentazione

CAMPA Mutua Sanitaria Integrativa. Presentazione Presentazione 1 Denominazione: CAMPA Cassa Nazionale Assistenza Malattie Professionisti Artisti e Lavoratori Autonomi Forma giuridica: Società di mutuo Soccorso ai sensi della legge 3818 del 1886 Data

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO 3478 23/04/2014 Identificativo Atto n. 214 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE MODALITA DI EROGAZIONE DELLE RISORSE RELATIVE ALL INIZIATIVA GENITORI

Dettagli

Da ultimo si sottolinea che la relazione al conto annuale recepisce la disciplina di cui alla Legge n. 1/09.

Da ultimo si sottolinea che la relazione al conto annuale recepisce la disciplina di cui alla Legge n. 1/09. Al Ministero dell Economia e Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO ISPETTORATO GENERALE PER GLI ORDINAMENTI DEL PERSONALE E L ANALISI DEI COSTI DEL LAVORO PUBBLICO - UFFICI III, IV,

Dettagli

Ipotesi di prima applicazione del modello di finanziamento in alcune Aziende Sanitarie Locali

Ipotesi di prima applicazione del modello di finanziamento in alcune Aziende Sanitarie Locali Una riforma strategica per l efficacia e la sostenibilità di un sistema sanitario pubblico e universalistico 20 settembre 2014 Università degli Studi di Milano Ipotesi di prima applicazione del modello

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008)

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008) ! ANALISI DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA RIABILITATIVA IN PROVINCIA DI MANTOVA: fabbisogno e prospettive di governo (versione aggiornata al 18/10/2008) Materiali e metodi Per verificare se l offerta di riabilitazione,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Le presenti Linee guida intendono fornire supporto all applicazione del Sistema di Misurazione e valutazione della performance definito dal

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza:

Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Il percorso assistenziale alla non autosufficienza: Ruolo e prospettive degli operatori del settore socio-sanitario 30 Marzo 2011 A cura di Chiara Bartolini DATI NAZIONALI E CONFRONTI REGIONALI SULLA NON

Dettagli

L Assessore dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale

L Assessore dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale DELIBERAZIONE N. 9/7 Oggetto: Terzo provvedimento dell esercizio 2005 assunto ai sensi dell art. 35 della Legge 30.03.1981, n. 119 e degli artt. 49 e 63 della L.R. 26.01.1995, n. 5. Trasferimento alle

Dettagli

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane

Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Comune di Senigallia Ufficio Organizzazione e Risorse Umane IPOTESI CCDI ANNUALITA 2013 - RELAZIONE ILLUSTRATIVA E TECNICO FINANZIARIA art.5, comma 3 CCNL 1.4.1999 e art.40, comma 3 sexies D. Lgs. 30/03/2001,

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità La realtà del medico Le realtà prospettiche in sanità VENETO Popolazione 4,928 milioni (31 lug 2014) MMG: 3.442 Media pazienti per MMG: 1.240 Fonte Ministero della Salute 2011 INDAGINE FIMMG 2014 MMG:

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 29-4146 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993

AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 AZIENDA OSPEDALIERA S. CROCE E CARLE - CUNEO Ente di rilievo nazionale e di alta specializzazione D.P.C.M. 23.4.1993 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N....549... DEL... 11 dicembre 2013... OGGETTO:

Dettagli

OGGETTO: "Delibera n. 71/2013 - RApporto sulla Trasparenza relativo all'azienda USL di Bologna: osservazioni".

OGGETTO: Delibera n. 71/2013 - RApporto sulla Trasparenza relativo all'azienda USL di Bologna: osservazioni. Il Direttore Generale Al Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche protocollo@pec.anticorruzione.it OGGETTO: "Delibera

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 37 del 05-4-2016 17430 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 marzo 2016, n.325 L.r. n. 19/2006 e s.m.i., art. 17 co. 1 lett. e) fbis). L.r. n. 4/2010 art. 47 e art. 49 co.1. L.R. n. 31/2015 art. 3. Indirizzi operativi

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli