2^ edizione. AllamemoriadimiamoglieMaria ai mieifigli:adelaide,nadia,lucillaeluigi, amiciecompagnidellamiavita.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2^ edizione. AllamemoriadimiamoglieMaria ai mieifigli:adelaide,nadia,lucillaeluigi, amiciecompagnidellamiavita."

Transcript

1 1999 2^ edizione AllamemoriadimiamoglieMaria ai mieifigli:adelaide,nadia,lucillaeluigi, amiciecompagnidellamiavita.

2 Carissimo Visitatore, benvenuto nella Casa Contadina! Per entrare ti è stata aperta la "mezza porta" e la porta grande di legno. Hai subito avvertito un odore strano, odore di fumo e di paglia insieme, l'odore caratteristico dei nostri contadini..!!. Gli oggetti che vedrai, sono tutti originali e sono stati donati dai Forenzesi, alla Pro-Loco, affinché potesse realizzarsi questo mio sogno: (il sottoscritto è un socio della Pro-Loco) " La Casa Museo" Desidero subito darti un consiglio: affinché tu possa entrare in questa realtà, ti prego di ritornare indietro nel tempo di circa un secolo (fine 1800 inizio 1900), quando in Forenza non c'era acqua, non c'era luce, non c'era fogna, eppure gli abitanti di questa casa, compivano gli stessi atti che oggi compie qualsiasi essere umano Gli oggetti sono stati volutamente collocati in questo o in quel posto e, per quasi tutti, vi è un perché. Cominciamo dall'ingresso. Il primo oggetto che troviamo in angolo, entrando sulla sinistra, è la scopa di miglio. Devi sapere che i nostri antenati erano molto religiosi, infatti, se noti, dappertutto vi sono quadri di santi e figure di santini; però erano anche molto superstiziosi, pertanto la scopa situata all'ingresso della casa aveva la facoltà di non far entrare eventuali spiriti maligni (li spi'r' t malign'), streghe (r masciar'), e di tenere lontano il malocchio (u malucch(i)). Se chiudi un attimo la porta grande dell'ingresso, noterai un paradosso: una croce (na croc(e)) e un ferro di cavallo (nu firr d' cavadd'). Anche le forbici (la furc(i)), che vedi appese al muro sulla grande cassapanca, alla tua destra, erano aperte con le punte rivolte verso l'ingresso della porta, sempre per quell'atavica convinzione!!! Ritorniamo sul lato sinistro dell'ingresso. Dopo la scopa, troviamo il barilaio (u varlar') con due barili ( l' varreil'). Il barilaio era formato dalla giuntura di due grossi rami di quercia rivolti verso il basso, forati ad altezze diverse, nei quali fori venivano inseriti dei piccoli tronchetti e su di essi adagiati i barili, contenitori di acqua della capienza di litri. Ti chiederai perché proprio in questo posto. Se noti, la casa contadina non ha finestre; quella che vedi in alto è stata aperta in un secondo momento, per cui, chiusa la "mezza porta", la parte alta fungeva da finestra. Era l'unico posto dove circolava aria e l'acqua si manteneva un tantino più fresca. Oltre a questo motivo ve ne era un altro: la donna, che per attingere acqua andava con questi due barili (uno in testa e l'altro sul fianco) all'unica fontana pubblica situata oltre il Convento a circa due chilometri, (la fundan' d'abbadd'), di ritorno, immediatamente, poteva lasciare, all'ingresso della casa, questi (dolci) pesi... Subito dopo noterai, poggiata in una conchetta di rame, una tavola dentellata a mano (u strcatour'). Questa serviva per lavare biancheria intima in casa, mentre lenzuola o roba ingombrante si portavano in una grossa cesta al fiume (la cest' du uaddòun'). La cesta, che per motivi di spazio è situata là in angolo dopo la madia, oltre ai panni da lavare, conteneva un pezzo di sapone fatto in casa con grasso di maiale e soda caustica, nonché un attrezzo: il maglio (u magl(i)) che puoi notare di grande pregio, perché intarsiato a mano. Al fiume generalmente andavano sempre due donne, per farsi compagnia e per aiutarsi eventualmente a vicenda. Ai margini del fiume si trovavano sempre delle grosse pietre (r bàs'l') su cui si adagiava il panno da lavare dopo averlo immerso nell'acqua e strofinato col sapone, quindi si batteva fortemente col maglio. Più volte l'operazione si ripeteva finché il panno non fosse diventato candido. Una volta risciacquato, veniva strizzato dalle due donne girandolo in senso inverso

3 l'una rispetto all'altra ed infine, adagiato sulla siepe sciorinato al sole. Che odore di pulito, che profumo soave emanava un simile bucato!. Ritornando un tantino indietro, notiamo uno dei due unici mobili che si trovavano nella casa contadina: la madia (la fazzatòur'), presso la quale, un giorno alla settimana, la padrona di casa trascorreva quasi tutta la nottata per impastare il pane. Sono convinto che desideri sapere di più sulla procedura di un simile lavoro. Allora, ascolta. La sera, all'imbrunire (a la scure(i)), passava la fornaia (la furnar') di casa in casa a chiedere se l'indomani si facesse il pane. Alla risposta positiva, su di un pezzo di canna tagliata per metà, faceva tanti piccoli tagli con un coltello corrispondenti al numero delle panelle (r panedd') previste da infornare. Alle due di notte del giorno dopo, la stessa fornaia ripassava per svegliare la padrona di casa la quale doveva scendere dal letto ed aprire la porta, salutando (lauram De(i)) lodiamo Dio; le assicurava così di essere sveglia, quindi la fornaia andava via augurandole buon lavoro. Alla flebile luce di una lampada a olio, la donna, dopo essersi legata i capelli con un fazzoletto (u maccatòur'), cominciava il suo lungo lavoro, mentre il resto della famiglia continuava a riposare. Prendeva la farina da un sacco, nel ripostiglio sotto la madia, ne versava il quantitativo da setacciare (da cern') in un setaccio (la s' tell') poggiato su un asse e, con un movimento ondulatorio, faceva scendere la farina bianca nella madia, mentre nel setaccio rimaneva la crusca (la can(è)gl(ia)), alimento per ore e ore. La pasta, che spesse volte, durante la lavorazione, si attaccava alle pareti della madia, veniva rimossa con un raschietto di ferro (la ruslecch(ia)) e riportata al centro; quindi ricominciava il lavoro.. Non appena la massa diventava lucida e faceva le bolle, era pronta per essere coperta affinché continuasse a lievitare. Sulla pasta ammassata al centro della madia e ben infarinata veniva incisa con la punta del raschietto una croce, mentre si recitava questa preghiera: "Crisc (i) mass' com cresc (e) G (i) s' Cr (i) st' ind la fass" "cresci massa di pasta come cresce Gesù Cristo nelle fasce"; quindi veniva ricoperta con calde coperte e ben riparata dal freddo. Siamo così giunti alle cinque del mattino. E' l'alba. A lievitazione completata la fornaia si riaffaccia per dire di formare le panelle (d' sc'canà). Quindi si ricoprivano con le stesse coperte di lana, finché non ritornasse la fornaia per portarle al forno. Qui succedeva un fatto curioso: da una di queste panelle la padrona del forno, tacitamente autorizzata, staccava un pezzo di pasta di circa due o trecento grammi e la metteva da parte. Questa pasta, unita ad altri pezzi, staccati da panelle di altri che avevano panificato quel giorno, formavano la panella della fornaia (u patèit' d' la furnar'). Così veniva retribuita la poverina, sveglia dalle due di notte!! In Forenza vi erano più forni, naturalmente a legna che generalmente operavano allo stesso orario, pertanto alle tre del pomeriggio nel paese si spandeva una fragranza di pane indescrivibile. Noi bambini aspettavamo con ansia l'uscita del pane e facevamo a gara con gli altri fratelli per cercare di avere quella parte di pane (u sciur(é)dd') da cui era stata tolta la pasta per la fornaia, perché diventata ruvida e croccante, quindi molto saporita. Come puoi notare, nella casa contadina non vi sono armadi. Il tutto è appeso ai chiodi: il cappotto a ruota (u mandill' a rut '), lo scialle (u sciall'), il cappello (u cappidd') nel cui nastro, sopra la falda, nei giorni di festa di S.Antonio, del Crocifisso e di S.Vito, in onore di tali Santi veniva infilata l'immaginetta acquistata durante la processione. Poco più dietro, sulla parete della madia, le scarpe dell'uomo (u scarpunett') e della donna, (u scarpéin').le scarpe dell'uomo avevano nella parte sottostante una corona di chiodi (r' tacciodd'): singolare espediente per non far consumare la suola. Consumati i chiodi, si rimettevano. Mancano le scarpe dei bambini. Costoro andavano scalzi sino all'età della prima Comunione e anche oltre, in qualunque stagione dell'anno. Prima di passare alla camera da pranzo, nota in alto, sulla porta da cui si entra nella zona museo, un piccolo finestrino (u fnstridd'). Era l'unico posto dove poteva formarsi un tantino di corrente e quindi, il posto migliore per essiccare le ricotte che, col tempo, diventavano dure, per cui chiamate (r r'cott tost'),che, grattugiate,

4 condivano, sostituendo il formaggio, la buona pasta di casa che vedi sulla piccola spola(u spul cchiudd') poggiato sulla madia:(strasc(i)nat', r'cch(i)tell, fusidd', strasc(i)nat' apirt', tagliaridd'), questi ultimi gustati per lo più con i legumi. Passiamo all'angolo pranzo, accanto al camino: non vedi che un rudimentale tavolo( la scannedd') e degli scanni ( li scannidd'). Sul tavolo un unico piatto grande ( la spasett') in cui vi sono delle forchette di canna ( r furcein' d' cann'). Queste erano le forchette giornaliere. Quelle di ferro, che vedi infilate in quel grosso cilindro, venivano usate soltanto " nelle grandi feste " cioè Natale, Epifania, Pasqua, S.Antonio, il Crocifisso, S.Vito. Si mangiava tutti nello stesso piatto, con molto rispetto reciproco. Sul tavolo puoi notare anche un piccolo fiasco di legno ( la fiaschtedd') contenente dell'ottimo vino aglianico ( ru mmìr' agliann'). Non vi erano bicchieri, per cui il vino si beveva a garganella direttamente dal fiasco, la cui apertura conteneva una cannula di legno (u cann(è)tt'). La bocca non toccava mai questa cannula. Beveva sempre prima il papà, poi la mamma e poi i figliuoli. Se costoro desideravano bere qualche altro goccio, chiedevano il permesso al genitore. Ai piedi di questo misero tavolo, vi è un orciuolo di creta ( u c(è)c(e)n') che si riempiva di acqua. Prima dei pasti si teneva quasi sempre in cantina perché, l'acqua si mantenesse fresca. Esso è dotato di due fori: uno grande, da cui si immetteva l'acqua, ed uno piccolo da cui si beveva, sempre a garganella. Per evitare che entrassero mosche o insetti nell'orciuolo, ma per far sì che passasse anche l'aria dal foro grande, si ricorreva a un sistema molto originale: un tappo ricavato da un rocchetto di fili (u carruzzidd') a cui veniva tolta la parte sottostante. Passiamo alla cucina che è tutta lì, nel camino ( la ciumnìr'). Si nota subito il caldaio appeso alla camastra ( la camastr'): una catena di anelli per mezzo della quale il caldaio poteva essere alzato o abbassato sulla fiamma sottostante. Poco più avanti un vasetto bombato di creta rossa ( u pignatidd'). In esso venivano cotti, a fuoco lento, tutti i legumi. La massaia doveva fare soltanto attenzione a rifondere di tanto in tanto l'acqua che facilmente si essiccava. Ti assicuro che legumi cotti in simile recipiente avevano un sapore straordinario mai più sentito da quando il gas ha sostituito la legna. In basso, sulla sinistra del camino, il vecchio ferro da stiro ( u firr p' st'rà) a carbone (ch'lì carvoun'); sulla destra un tre piedi ( u trapir') su cui è poggiata una padella di ferro ( la sartasc'n'). In essa si friggeva il lardo precedentemente tagliuzzato sul tagliere (l'adaccia lard') tramite quella piccolissima scure (l'acc(i)tt(o)udd') entrambi appesi sulla parete esterna a destra del camino. Nella parte interna (del camino), sul lato destro, vi è una lucerna alimentata a petrolio.( la luc(e) a p'trogl(io)). E' situata in quel posto, sia perché la fiamma è molto fuligginosa, sia perché ha il compito di illuminare il camino. Sulla parte alta trovi: il mortaio di legno (u murtal') dove si pestava il sale grosso, la lucerna a olio (la luc(e) a ugl(ì)) situata lì perché non faceva molto fumo. Come puoi notare: acqua, luce e, come vedrai fra poco, servizi igienici creavano un gran disagio nella casa contadina. Sul caminetto troneggiano altri oggetti: una zucca essiccata, tagliata nella parte superiore, ( e tale estremità fungeva da tappo), svuotata, nella quale si conservava il sale grosso (la ch'cozz' d' ru sal'), senza mai inumidirsi. Puoi notare la differenza con il sale che trovi nel bianco vasetto al lato della zucca. All'estremo lato destro, due recipienti: uno di canna e l'altro di lamiera con beccuccio. Quest'ultimo: ( l'ugliaràl') conteneva olio, mentre, quello di canna era un misurino chiamato in dialetto (l'abbast') che conteneva la quantità di olio che doveva necessariamente bastare per condire la minestra per l'intera famiglia. L'olio era usato con parsimonia, perché molto costoso; lo strutto ( la nzogn'), invece, lo sostituiva in pieno. Sulla parete, a destra del camino, una piccola rustica piattaia (u piattar') ove si riponevano grossi piatti e alcuni utensili di legno. Sostenuta dalla piattaia e da quel grosso cilindro in angolo, una canna:

5 ha il compito di fare asciugare quella buona pasta di casa: le fettuccine (r lagh'n'). Quel cilindro è la (canacamr'),camera di canna, magnifico manufatto costruito dai nostri contadini con canne fresche tagliate ed intrecciate in una certa maniera. E' veramente un capolavoro di artigianato; in esso si conservava la quantità di grano che potesse bastare per un intero anno, per cui poteva avere dimensioni diverse. Esternamente, a parte i santini messi a protezione del contenuto, si riponevano posate, peperoncini piccanti e quant'altro dovesse essere a portata di mano per la cucina. E' situato in questo posto per due motivi: perché è l'angolo più asciutto della casa, ed è al riparo da eventuali malintenzionati In alto, sulla parete, vedi un oggetto di legno a forma di parallelepipedo. Ti incuriosisce sapere cos'è? Ebbene, quello è lo scaldaletto ( u scaffalitt' ). Qualche ora prima di andare a dormire, si posizionava nel letto tra le lenzuola in modo che le due tavolette stessero a contatto con queste. Su quella sottostante si adagiava una piccola teglia di ferro contenente brace accesa ma non molto viva, mentre la tavoletta superiore faceva sì che il fuoco non bruciasse le lenzuola. Si copriva il tutto con le coperte, così che il calore veniva ben custodito fino al momento in cui si doveva andare a letto. Che delizia quel tepore! Appeso allo scaldaletto, il cacciamosche (u cacciamosch'), una piccola canna cui sono state legate tante strisce di carta. Passa ad ammirare il letto grande ( u l'ttoun'), così monumentale. Imponente e perfetto sicché, dalla sua fattura, l'ospite poteva dedurre le virtù e l'ordine della padrona di casa. Era formato da due ferri con piedi lavorati o meno ( li trispt' ) che reggevano generalmente quattro o cinque tavole di legno, su cui venivano adagiati i materassi che, bada bene, si chiamavano i sacconi ( li saccoun'),infatti non erano altro che due grossi sacchi riempiti di brattee di mais, secche (fogl'(ie) d grandìn(i) assccat'). Il sacco sottostante, quello a contatto con le tavole, conteneva foglie meno scelte, quello sovrastante, foglie più scelte, perché a diretto contatto col corpo. I sacconi hanno quattro grandi fessure che servivano per rimuovere, con la mano, sino al punto in cui si poteva arrivare, e con la forcina di legno (la vruscedd')che vedi poggiata al muro, per la parte centrale, le foglie ammassatesi durante la notte per il peso dei corpi. Dopo questa operazione, venivano ricoperti dalle lenzuola, quindi dalla coperta, che a prima vista può sembrare di iuta, invece è una bellissima e caldissima coperta di lana cardata ( la manda sc(i)cardat') lavorata a mano, quindi il piano del letto si livellava con l'altro attrezzo che vedi vicino alla forcina: un grosso matterello (u lagh'natòur'), detto così perché usato per spianare la pasta di casa (la lagh'n'). Quella striscia bianca che fuoriesce dai cuscini, anche essi ripieni di foglie di grano turco, non è la parte del lenzuolo sottostante la coperta, ma un finto lenzuolo detto ( u mandill') che si metteva al mattino e si toglieva a sera, prima di andare a letto, così che restava sempre pulito. Il cambio delle lenzuola non avveniva frequentemente. Ti chiederai perché il letto era così alto. Innanzi tutto per evitare che in casa conigli (li cun(e)gl(i), topi d'india ( li surg(i) rin( i)), galline ( r gaddein'), che circolavano liberamente in casa, vi potessero salire (era la carne di questi animali che si mangiava nelle grandi feste), e poi perché, essendo la parte sottostante molto alta, poteva essere usata come deposito di legna ( r lì'un'), o come ripostiglio di mele ( r mledd'), castagne (r castagn'), noci ( r noc(i)) e quant'altro. Sul letto penzola una culla, anch'essa rudimentale, (la nanav(e)zzch') formata da un pezzo di panno robusto, infilato in due grosse corde (r zoch') ancorate al muro e allargate da due pezzi di canne ( l scamurz') tagliate alle punte a forchetta, che davano l'ampiezza alla culla. Un pezzo di legno flessibile ad arco reggeva un velo ricavato, generalmente, dall'abito da sposa della madre, mentre fungeva da cuscino un panno piegato più volte. Lenzuola logorate dall'uso e poca lana formavano invece il piccolo materasso trapuntato a mano. Allo stesso modo venivano cuciti alcuni pannolini che si mettevano prima della fasciatura, in maniera che la lana, in qualche modo, trattenesse la pipì. Questi pannolini, chiamati in dialetto (r' taccunedd'), una volta bagnati si asciugavano sull'asciugapanni ( l'assucapann') di legno o di ferro che vedi lì sul braciere ( u vrascìr') ai piedi del letto. Dalla culla penzola una funicella (na zouch') che, come vedi, è abbastanza lunga. Questa era portata legata alla cintura dalla mamma mentre sfaccendava, così che in qualsiasi angolo si trovasse poteva cullare il proprio bambino. Sul lato destro, guardando il letto, pudicamente nascosti, vedi due vasi: uno piccolo e uno grande: ( li candr'). In questi due recipienti si andava, come si dice oggi, al bagno, e tutti i santi giorni venivano svuotati in una pubblica carretta che passava tutte le mattine, all'alba.

6 All'inizio ti facevo notare che due soltanto erano i mobili che si trovavano nella casa contadina: la madia e questa cassapanca ( u casciòun') in cui si conserva il corredo. Aprendolo potrai notare: delle lenzuola ( r l'nzul'), una trapunta ( la manda mbuttèit), delle fasce (r fass') per fasciare il bimbo, che hai certamente notato nella culla. Sul lato interno destro di questa cassapanca vedi un piccolo ripostiglio ( u r'pust(e)gl(i)) il cui coperchio, se aperto, regge il coperchio grande. In tale ripostiglio generalmente venivano conservati un piccolo borsellino ( u burzllein'), la corona del rosario (la croun du rusar(i)), una candela presa in chiesa il giorno della Candelora ( la cannèl d la ngannlòur'), alcune immaginette di santi (r f'òur' d' li sand'). Sulla parete, alzando lo sguardo, vedi un girello (u scaplatòur') in cui il bambino grandicello sgambettava. Poi ancora santi, un porta-rocchetti a forma di triangolo, le famose forbici (la furc(i)), aperta con le punte rivolte verso la porta d'ingresso. Prima di entrare nella stalla, sul lato destro, tutto l'occorrente per la pulizia personale: i due catini ( li vac(ei)l'); in alto, formato da vecchie cartoline cucite fra loro, un porta-pettini (porta pttnèss'), delle forcine ( li f'rrìtt d' uss'), il rasoio ( u ras(òu)l) a mano libera, un pezzo di specchio. Tutti questi oggetti erano proprio situati in questo punto, perché il più illuminato e perché l'acqua usata nei catini poteva essere facilmente buttata nella strada. La tavola che vediamo pendere dal soffitto era la dispensa (la rspenz'). Perché così in alto? Perché molto difficilmente potevano salire i topi ( li surg(i)). Vi notiamo due forme di formaggio (du(i) masc(i)òttl' d' furmagg(io)), due vasetti di creta bianchi (li candaridd'). In quello piccolo si conservava generalmente lo strutto di maiale la sugna ( la nzogn'); in quello più grande, sempre nella sugna, la salsiccia (la saz(e)zz' ind la nzogn') che rimaneva umida e fresca. Sulla destra, nell'altro vasetto di creta quasi scuro, si conservava il sanguinaccio ( u sangicch(io)) che, spalmato su una fetta di pane (na fedd' r pan'), costituiva la colazione dei bambini di età scolare. Spostandoti e guardando sempre in alto, potrai vedere la panella di pane ( u patèit' d ru pan') che fa capolino dalla dispensa. Adesso dovresti visitare la stalla. Prima di entrare, voglio dirti, e certamente resterai sbalordito, che molte case contadine avevano, come area, soltanto quella da te visitata sino a questo momento. Non vi erano altri ambienti, per cui l'asino (u ciucc(io)) o il cavallo (u cavadd') e sempre il maiale (u purch'), dopo essere stati per tutto il giorno o in campagna o legati fuori presso la casa, all'imbrunire rientravano e i loro posti erano: ai piedi del letto, il maiale, e alle spalle del letto, l'asino o il cavallo. Quindi, la casa che stai visitando era certamente la casa di un contadino medio. Entriamo nella stalla. Sulla tua destra vedi una tinozza (la tnedd'). In essa si conservava la biada (la biam') che insieme alla paglia (la pagli'(a)) costituiva il foraggio per gli animali. La mangiatoia (la mangiator') è lì sulla tua sinistra, in fondo. Al lato della tinozza vedi in alto una rete di fune (u ré't') utilizzata per trasportare la paglia dalla campagna. Sulla parete alcuni ornamenti per i cavalli (li guarnmind'); in alto due selle a punta (r' vardedd'), una finemente lavorata, appartenuta a qualche agricoltore benestante ( u patroun'), l'altra a un povero contadino (u ualan'). Nella parte sottostante due collari ( li cuddar') che si mettevano sul collo degli animali per tirare tutte le attrezzature agricole. Nella zona della mangiatoia, in alto, un rudimentale basto (u mmast') e sul lato sinistro alcuni attrezzi manuali: la zappa (la zapp'), la zappetta (u zappudd'), la scure (l'accett'), la zappetta a penna per cavare dal terreno i lambascioni, (u cavambasciòun'), il rampino (u rambein'), attaccata ad una piccola catena (la ruslecch(ia)) che il contadino portava sempre attaccata alla cintura dei pantaloni per pulire la zappa ogni volta che la terra umida si attaccava, un collare ( u cuddar' )per cani da guardia, con molte punte acuminate: efficace mezzo di difesa per l'animale dall'assalto dei lupi, che azzannavano i cani al collo per sbranarli. Più avanti, il tipico campanaccio per gregge. Esci dalla stalla ed andando in fondo a sinistra, puoi scendere in cantina; troverai subito di fronte, per terra, due aratri, il primo antichissimo, di legno, detto (u s'glioun') e l'altro, di ferro, (u votarecch(ia)); sulla parete alcuni attrezzi di legno: (u furcidd' e la furcedd'): servivano entrambi per sollevare i fasci di grano (r gregn') mietuti e riporli in quei due recipienti che vedi appesi al muro, in alto, molto ingombranti costruiti rudimentalmente con vincastri ( r conl') che venivano fissati sui basti (mmast') degli asini, e svuotati sull'aia ove si

7 formavano i covoni (r v(i)rredd') (composta da 44 gregn'). Sul pavimento altro attrezzo pesantissimo, formato da tante lamelle di ferro conficcate in un tronchetto di quercia (u rùc(i)l'). Tale attrezzo, tirato dall'asino, doveva sgranellare i chicchi di grano dalle spighe sparse sull'aia e tagliuzzare la paglia. Dopo ore e ore di lavoro, tutto questo ammasso di paglia e grano veniva setacciato con quel grosso setaccio che vedi in alto, sulla parete: ha fori molto grandi ( l'airal') e veniva tenuto lla stessa parete altri tipi di setacci, alcuni a fondo pieno (r tumbanedd'), altri con fondo in filo di ferro (li c(i)rnìcch(i)). Sul piccolo piano rialzato, altri aratri di ferro, più avanti una trappola per topi (u mastrucc'(io)) e tre recipienti di legno di diversa capienza per misurare il grano: (la m'sòur') equivalente a 2-3 kg., (u stuppidd') 5-6 kg., (u m'nzett') a kg. Il contenuto d la m'sòur' era quanto si portava ad un barbiere per un taglio di capelli. Al lato destro della scala, alcune piccole botti (l vuttìtt'), una giarla di creta ( u r'zzòul'), alcuni fiaschetti (r fiaschtedd'), le damigiane (r damggian') e prima di salire troviamo in angolo un grosso tronco d'albero incavato rudimentalmente con un foro centrale e un manico all'esterno: è un grosso imbuto di legno ( u mut(e)dd' r l'gnam') che introdotto sull'apertura delle botti (r vutt') permetteva lo svuotamento di questo grosso barile ( la mandegn') contenente litri di vino. Prima di salire, nota alcuni altri oggetti sulla parete: seghe (serr', s'rracch(i)' e strung), quest'ultimo veniva usato per tagliare gli alberi dei boschi e tirato da due persone. Forenza possiede un bosco tra i più estesi della Basilicata. Salendo sul piccolo pianerottolo sconnesso, a destra troverai due colini di legno ( li colalatt') lavorati in maniera artigianale con fori e crocette sul fondo; servivano per colare il latte o la ricotta. In quella parte di conchetta forata si stendeva una particolare erba (l'erv cola latt') che, con le proprie spore, tratteneva tutte le impurità contenute nel latte. Sulla parete, alcuni recipienti circolari di paglia ( r fascedd'): contenitori per formaggio fresco. Per terra, due giochi: il cerchio (u circh'(io)') e (la mazza e z(ì)ppl o r tacch'r'). Adesso potrai accedere nella zona museo. Qui si conservano alcuni oggetti risalenti grosso modo agli inizi del nostro secolo, ma che stanno diventando rari: questo grosso televisore, il primo che arrivò a Forenza nel 1957; una radio del primo'900 con il cambio delle stazioni a nastro: è funzionante; un vecchio mangiadischi a pila usato dai giovani per portare serenate notturne alle fidanzate, fino agli anni 50-60; più in là, una radio grammofono con dischi di bachelite a 33 giri, tenuto generalmente nei bar a mò di jukebox ; un vecchio sediolone con foro centrale per i bisogni corporali del bambino; una vecchia macchina per il grano (la c(i)rntrèic(e)): serviva per pulire il grano e selezionarlo. Sulla parete, in alto, misure di peso con piatto (l vlanzòun'), la stadera ( la statèi'); più in basso, un chiavistello ( u votaiann') o (u masch'r') per portone, mentre sulla parete a sinistra un piccolo appendi-rame (l'appinn'ram') chiamato così perché vi si appendevano tutte le pentole di rame rossa. Attualmente vi sono appesi tanti piccoli oggetti che certamente riconoscerai: la vecchia macchinetta per la salsa a mano, quella per riempire le cartucce, diverse scodelle, due setacci per la salsa che, se essiccata al sole, veniva chiamata (la cunzerv'). In alto, dietro la cernitrice, sulla parete in angolo, il caldaio grande dove si cuocevano i pomodori per la salsa ( la callar p'r'pummdòur'); più in basso un recipiente per spegnere il fuoco ( u stutafuch'). Nella parte antistante la cernitrice, il banchetto del calzolaio ( u bangaridd' ru scarpar'); più in dietro la fornacella per abbrustolire il caffè (d'orzo), (la furnacedd' p'u'cafè); ancora più in fondo, sul mobile, vecchia macchina per macinare il caffè nel Bar (nota, alla base di essa la scritta : ampia garanzia). Al piano sottostante dello stesso mobile, il piccolo macinino da caffè per famiglia. Ancora più avanti, sempre sul pavimento, due diversi forni di campagna con teglia, il primo davanti molto più antico, è quello a cui le nostre nonne si riferivano quando dicevano: na tiell' fuch' sott' e fuch' soup, e non hai che mangià (un cibo cotto in una teglia avente fuoco sotto e sopra e non hai di meglio da mangiare!!). Come funzionava: la teglia contenente cibi molto frugali veniva collocata sui carboni accesi, si chiudeva con il coperchio di ferro sul

8 quale si spargevano altri carboni accesi, e si lasciava così fino a cottura avvenuta. L'altro, più grande e più alto, aveva le stesse funzioni, solo che la teglia, anzi che sulla brace, veniva adagiata sulla crociera di ferro che potrai vedere all'interno, alzando quel coperchio di ferro. Tutto il forno poggiava sui carboni accesi, per cui una volta chiuso col coperchio che abbiamo precedentemente aperto, diventava rovente.da una apertura sottostante il coperchio, si regolava la caloria del forno. Alzando lo sguardo un po più in alto, vediamo penzolare lunghe catene, una di ferro e una di legno: sono due camastre. Quella di ferro veniva utilizzata in casa e, come hai visto nel camino, regge il caldaio; quella di legno aveva la stessa funzione, ma veniva utilizzata all'aperto. I boscaioli se la portavano a spalla; all'ora di pranzo, in qualsiasi posto si trovassero, l' appendevano ad un ramo di albero, accendevano il fuoco, vi sospendevano il caldaio e cucinavano. Passiamo alla vetrinetta ricca di oggetti, tra i più svariati!: pennini di un tempo, calamai, asticciole, carta assorbente, quaderni, giochi innocui di un tempo ormai passato, una vecchia macchina fotografica, la vecchia caffettiera napoletana, tre oggetti utilizzati durante la "GRANDE GUERRA": borraccia, bandoliera, gavetta. Ma la cosa più interessante è lì nel ripiano centrale: quella lampadina (non il piattino) la lampadina, una di quelle che si ebbero in dotazione sia nelle case che nelle strade nel lontano 1924 quando, per la prima volta, arrivò la corrente elettrica a Forenza. ( la Società era denominata S.L.I.I.-Società Lucana Imprese Idroelettriche-) E' funzionante: è da 15 candele, è formata da fili di tungsteno verticali ed ha un voltaggio di 110 Volts. Sul ripiano sottostante, a destra, la bottiglia del rosolio con piccolissimi bicchieri chiamati: (li disc(i)tal'); una collezione (privata) di monete, alcune dell'epoca di Vittorio Emanuele II, altre di quella fascista e di Vittorio Emanuele III, sino ai giorni nostri. La collezione continua con le monete di carta sulla parete. In alto, sul mobile della vetrinetta, una piccola vecchia valigia di cartone, una macchinetta per il flit (D.D.T), una campana votiva con santino. Guarda con attenzione anche questa macchina da cucire Singer: ha circa 170 anni!!. E' funzionante ed è una delle prime macchine a navetta, ovvero con la bobina sottostante che si muove in senso orizzontale. A fianco, infine, una cucina economica relativamente vecchia. La visita termina qui. Spero sia rimasto soddisfatto per quanto visto. Prima di uscire, sul lavabo appartenuto ad una famiglia gentilizia, munito di un particolare vaso per i servizi igienici, sempre della stessa famiglia, troverai il registro dei visitatori sul quale ti prego voler apporre la tua firma e, se vuoi, anche un tuo commento. Lascerai così un segno della tua venuta e noi saremo ben lieti di annoverarti fra gli Amici della Casa Contadina che senz'altro avrà toccato la tua sensibilità, i tuoi sentimenti, il tuo cuore. Porta con te questo ricordo, sapendo che noi Forenzesi siamo fieri ed orgogliosi di queste nostre origini, perché in questa terra, in queste case sono nati e da esse partiti Grandi Uomini che hanno dato lustro alla nostra civiltà. Grazie Bella mostra. MicheleCasteli. Hanno scritto ed hanno detto DanièleBoclsOlanda Complimenti e continuate ed approfondite l'iniziativa: senza l'attenzione per le radici non si può assicurare un futuro dignitoso. Le nuove generazioni distratte e messe sotto pressione dai mass-media e dal consumismo devono riscoprire il gusto della riflessione meditativa. GiuseppeDeVita Università di Basilicata La memoria dei tempi andati aiuta ad apprezzare il presente ed invita le nuove generazioni a considerare le origini dell'uomo e il suo valore. "Fatti per seguir virtude e canoscenza"

9 GiovannaCammarota Scuola Media Forenza La fedeltà della ricostruzione è di grande efficacia, ma ciò che colpisce è l'amore che domina la ricostruzione. Il meno che possa dirsi è GRAZIE. CamilloeDianaTresalti Roma Museo bello, lavoro encomiabile. Un grande rispetto agli uomini che conservano le tradizioni culturali. BardlujlLlugani Ambasciatore TIRANA Albania Bravo per aver tanto bene ricostruito l'atmosfera della vita degli anziani. Questo museo è adorabile e merita di essere visitato nuovamente. IsabeleMontrenil( E.Zotta) Ljon France Nativo di Forenza ho ritrovato una parte dei miei ricordi di gioventù quando venivo dai nonni. Tante felicitazioni alle persone che hanno contribuito a questa ricostruzione. ZottaAntonio Ljon France E' stato un grande poema. FamigliaBriola VitaMariaOrofino Madrid Espania Tanti auguri alla Pro-Loco. Forza par continuare. AnnamariaOrofino Madrid Espania Felice di aver ri/trovato gli oggetti della mia cultura. MicheleGriesi Lavello solo l'amore crea e "ricrea". Grazie. MauroCeriola Lavello Michele mi ha fatto rivivere un'epoca!. Grazie. AnnaMariaGerardi Lavello Una iniziativa encomiabile. DiLascio Roma Complimenti. S.Palumbo Roma E' uno splendido tuffo nelle mie radici AntonioDeFeo Roma Auguri e complimenti per questi bei ricordi! LucianoCiviello Ad maiora! FrancescoAndretta Potenza Grazie a chi ha saputo ricostruire atmosfere e suggestioni antiche, rendendo sì il fascino del tempo perduto, ma anche la fatica, lo sforzo, la povertà di una vita avara e difficile. Con ammirazione gli amici "nordisti" MarisaeAdrianoSciandradi Cuneo Grazie per aver curato questa raccolta di oggetti che sono appartenuti anche ai nostri nonni. Complimenti. AntonioCorbo I racconti della mamma hanno acquistato qui tutto il loro valore. HelèneGallo Torino

10 Ho rivisto i miei ricordi. IasiAntonietta Francia Una importante testimonianza della sensibilità forenzese ai richiami culturali e artistici del nostro paese. CeciliaNatale Mola di Bari Il bello di questa casa è che ha anche la parola. ( alcunicommentidianonimivisitatori) Nel giorno più bello della nostra vita vogliamo tenere vivo il ricordo delle tradizioni. LeonardoMiniscalchieFilomenaZotta sposi Forenza Ho rivissuto la mia infanzia. firmaillegibile Lecce Avete avuto una grande idea per non dimenticare nell'indifferenza. NicolettaPosa Modena Straordinario:un museo che riconduce alle nostre umili ma nobilissime origini!le auguro che l'impegno profuso le venga pienamente apprezzato. SalvatoreLaquale Lavello Grazie: ho rivissuto con cuore gonfio ricordi ed esperienze della dolcissima infanzia. LaqualeDomenico Lavello Meraviglioso! Vorrei che ci fosse la mia bisnonna piangerebbe di gioia!!! MarilenaGriesi Lavello Si entra con indifferenza e si esce pieni di meraviglia. La casa contadina mi ha insegnato ciò che dalla vita non ho mai imparato.

11 Lacasacontadina sitanelcentrostoricodiforenza(potenza) in viaroma75/77, rimaneapertaaivisitatoricomedaorarioaffissoall'ingresso. Tuttaviachivorràvisitarlain altrimomenti, potràfarnerichiesta,telefonandoainumeri: PRO-LOCO forenza

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita.

IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI. L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. IL LAVORO L ARTIGIANO NELLA VALLE DELL ALLI L uomo da sempre ha cercato di migliorare la propria condizione di vita. Sin dalla creazione l uomo con i pochi mezzi e i pochi materiali che aveva a disposizione

Dettagli

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo.

Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005. C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo. Museo Storico Etnografico - Sampeyre Percorsi didattici estate 2005 C era una volta..il museo racconta! Bambini al Museo Nome e cognome Museo Storico Etnografico Sampeyre Percorsi didattici estate 2005

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE

IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE IN BOCCA: VARIE FASI DELLA MASTICAZIONE (Disegni e idee dei bambini) Noi, prima di introdurre il cibo nella bocca, la apriamo. Ora siamo pronti ad introdurre il cibo in bocca. Introdotto il cibo, la bocca

Dettagli

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere.

Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. 3 scienze L ACQUA Gli uomini, gli animali, le piante hanno bisogno dell acqua per vivere. L acqua si trova nel mare, nel lago, nel fiume. mare lago fiume Gli uomini bevono l acqua potabile. acqua potabile

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

BOX 21. Cucinare con il sole.

BOX 21. Cucinare con il sole. Cucinare con il sole. Senza presa elettrica e senza pericolo d incendio Anche nell Europa centrale il fornello solare offre la possibilità di cucinare o cuocere al forno in modo ecologico, da 100 fino

Dettagli

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk!

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! Videók forgatókönyve 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! 1. Videó: Eszem-iszom Videók forgatókönyve további információ a www.littlepim.hu oldalon Little Pim

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico?

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? SCHEDA n 3 3) Costruzione di un grafico temporale individuale con le quattro generazioni a confronto. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? Possiamo costruire

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

DECORAZIONI CON LO ZUCCHERO

DECORAZIONI CON LO ZUCCHERO DECORAZIONI CON LO ZUCCHERO GLASSA O GHIACCIA Macchinari di utilizzo: planetaria con frusta fina. Zucchero a velo Kg 1,000 Albume kg 0.200 Succo di tre limoni Procedimento Montare i ¾ dell albume con lo

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva).

PREPARIAMO LA PIZZA. Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). PREPARIAMO LA PIZZA Ingredienti: Farina: polvere molto fine, di colore biancastro, morbida e leggera (con un soffio si solleva). Acqua: liquido trasparente, incolore. Lievito: panetto morbido, di colore

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA.

ESPERIENZA 1 MATERIALE - UNA BACINELLA, UN BARATTOLO DI VETRO, UN TAPPO DI SUGHERO, ACQUA, CARTA E PENNA. Prof. Fucini Marco ESPERIMENTO 1 ESPERIMENTO 2 ESPERIMENTO 3 ESPERIMENTO 4 ESPERIMENTO 5 ESPERIMENTO 6 ESPERIMENTO 7 ESPERIMENTO 8 ESPERIMENTO 9 ESPERIMENTO 10 ESPERIMENTO 11 ESPERIMENTO 12 ESPERIMENTO

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

CONTEST LENTICCHIA PEDINA

CONTEST LENTICCHIA PEDINA Gentile Cliente, ti ringraziamo per aver scelto Lenticchia Pedina e per il contributo che hai dato al progetto Casa del Sorriso del CESVI in aiuto ai bambini brasiliani di Rio de Janeiro. Guarda il video

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI

PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI PROGETTO CONTINUITA INCONTRIAMO LE SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO CALITRI SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DI CALITRI LA DILATAZIONE TERMICA NEI SOLIDI I ESPERIENZA OCCORRENTE: sbarra metallica

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011

FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 FATTORIA WALDEN USCITA DIDATTICA CL. 1 D a.s. 2010-2011 E bello conoscere il percorso del chicco di grano da semplice semino a pane quotidiano e osservare quanta cura e quanto lavoro c è dietro ogni fettina

Dettagli

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON NON SONO TANTO BELLA. HO UN NASO LUNGO E BITORZOLUTO, MA SONO TANTO, TANTO BUONA. CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Figura Professionale codice FP136 ADDETTO/A PRODUZIONE DI PIZZA TONDA

Figura Professionale codice FP136 ADDETTO/A PRODUZIONE DI PIZZA TONDA settore Comparto descrizione ALBERGHI E RISTORANTI ALBERGHI E RISTORANTI Persona che garantisce la preparazione e la cottura nel forno a legna dei vari tipi di pizze tonde proposte, nel rispetto delle

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Regolamento di pasticceria

Regolamento di pasticceria Regolamento di pasticceria Norme igieniche Della persona Non si possono portare orecchini, bracciali, collane e anelli in laboratorio. Avere sempre le mani pulite con unghie corte e senza smalto. Non mettere

Dettagli

ITAS Grazia Deledda LECCE

ITAS Grazia Deledda LECCE ITAS Grazia Deledda LECCE Piano Operativo Nazionale Obiettivo B- Azione 1-FSE 2008-27 Il cantiere delle scienze per l innovazione metodologica Percorso di formazione per docenti di Scienze di tutti gli

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati

Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati Ricettario sui Funghi Porcini Porcini trifolati 500 gr di porcini 3 agli prezzemolo olio evo mezzo bicchiere di vino bianco farina Procedimento Pulite i porcini, grattando il gambo e la cappella con un

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Pratähäpfla (Patate arrosto)

Pratähäpfla (Patate arrosto) Pratähäpfla (Patate arrosto) - 8 patate di grandezza media - burro quanto basta - 200/300 gr di formaggio nostrano grasso, tipo Bettelmatt - sale e pepe : Far bollire le patate in acqua salata, pelarle,

Dettagli

Quanta scienza in. una siringa?

Quanta scienza in. una siringa? S.M.S Puecher Colombo Via G. Pizzigoni n 9 20156 Milano Tel. 0239215302 e-mail: colomboscuola@tiscali.it Quanta scienza in. una siringa? Classe: 3^A (sede Colombo) Anno scolastico: 2002/2003 Insegnante:

Dettagli

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2

La Scuola dell infanzia L. Scotti. Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 La Scuola dell infanzia L. Scotti Presenta SCUOLE EMISSIONE ZERO PROGETTO PER UN MIGLIOR RISPARMIO DI CO2 REGINA MADRE TERRA Siamo partiti da un racconto dal titolo: REGINA MADRE TERRA Per sensibilizzare

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

COSTRUIRE Le schede di lavoro

COSTRUIRE Le schede di lavoro A. Mastromarco, A scuola: giocare, costruire, fare per... imparare l italiano con il metodo TPR! 0 Ill frullllato rosa Completa il comando: collega con una freccia e poi scrivi sui puntini la parola che

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e

Folletto. Gigetto. L' a q u i l a. r e a l e Il Folletto Gigetto e L' a q u i l a r e a l e Abbiamo scritto questo libro per tutti i bambini delle Scuole dell Infanzia, così potranno conoscere il nostro amico Gigetto e, chissà che un giorno non vada

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Quello che hai sempre sognato in cucina

Quello che hai sempre sognato in cucina COPERCHI EASY-COOKING Indirizzo : Viale Ajello, 5 80018 Mugnano di Napoli Telefono : 0815714147 Fax : 0810606167 Quello che hai sempre sognato in cucina E-mail : info@futurehousesocietyit Web Site : wwwfuturehousesocietyit

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE

ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE 1 ALLA RICERCA DEL PARTICOLARE Colora i disegni. Ti accorgerai che in ogni immagine manca un particolare. Spiega che cosa manca e disegnalo. Obiettivo: individuare gli elementi essenziali di immagini date

Dettagli

LA MIA CASA LIVELLO 3

LA MIA CASA LIVELLO 3 LA MIA CASA LIVELLO 3 Education Department Italian Consulate in London 1 Osserva le vignette. Poi ascolta. Leggi la descrizione e riconosci la casa di Luca fra i 4 disegni. Nel mio appartamento ci sono

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

- 1 reference coded [1,94% Coverage]

<Documents\bo_min_3_F_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,94% Coverage] - 1 reference coded [1,94% Coverage] Reference 1-1,94% Coverage Spesso andiamo al cinese, prendiamo il cibo da asporto, è raro che andiamo fuori a mangiare, anzi quando

Dettagli

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia

I COPERCHI SMARTY. Facili da usare. Non sporcano. Sono sicuri. Riducono le dosi dei condimenti. Riducono i consumi di energia 12 1 I COPERCHI SMARTY PATATE AL FORNO Facili da usare Non sporcano Sono sicuri Riducono le dosi dei condimenti Pulite bene le patate e tagliatele a tocchetti. Accendete il fornello a fuoco medio. Coprite

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Partiti dallo studio della bonifica del territorio pontino e stimolati dall analisi de La ragazza della palude di Massimiliano Santini, abbiamo

Partiti dallo studio della bonifica del territorio pontino e stimolati dall analisi de La ragazza della palude di Massimiliano Santini, abbiamo Partiti dallo studio della bonifica del territorio pontino e stimolati dall analisi de La ragazza della palude di Massimiliano Santini, abbiamo approfondito fonti scritte estrapolando da esse le informazioni

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- --------------------------------------------------

----------------------------------------------- ------------------------------------------------- -------------------------------------------------- ESERCITAZIONE PRATICA N 9 CARPACCIO DI CARCIOFI CON BRESAOLA DELLA VALTELLINA SU LETTO DI RUGHETTA CON MOUSSE DI FORMAGGIO ALLE ERBE ----------------------------------------------- CREMA PARMANTIER -------------------------------------------------

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I

Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla. Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA. Classe 2ª I Scuola Primaria Statale 2 Circolo Didattico plesso Balilla Progetto di ceramica CREO IN ALLEGRIA Classe 2ª I LA CERAMICA: 1ª FASE Un esperienza stupenda! Stamattina, 7 Marzo, la maestra Mina ha detto che

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto.

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto. Poesia per le mamme Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani

Aperitivi per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Kathi Rüegger Tulipani Corso Cucina Pag. 1 di 5 per tutte le occasioni Ricetta presentata da: Obiettivi del corso: Conoscenza degli ingredienti (carne e verdure) Farcitura e preparazione dei vari stuzzichini Contenuto del corso

Dettagli