CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01"

Transcript

1 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE DEI CORSI E PER L EROGAZIONE DEI VOUCHER REGIONE SICILIANA REV.01 maggio 2009

2 INDICE PREMESSA ACCETTAZIONE DELLE NORME E DELLE PROCEDURE DI GESTIONE ADEMPIMENTI CONNESSI ALL ATTIVAZIONE Impegno preliminare all attivazione Effetti della rinuncia ADEMPIMENTI CONNESSI ALL AVVIO DEL CORSO Costo di iscrizione al corso per partecipanti privati ADEMPIMENTI DURANTE LA REALIZZAZIONE E PER LA CONCLUSIONE DEL CORSO Registrazione della frequenza Tenuta dei registri Qualità del processo didattico Attività di monitoraggio Abbandono del corso Obbligo di conclusione Procedura per la conclusione del corso GESTIONE DELLE VARIAZIONI Variazione della data di avvio del corso Variazione della sede Variazione del calendario Altre variazioni IRREGOLARITA E SANZIONI Visite ispettive Conservazione della documentazione contabile Sanzioni ESCLUSIONE DAL CATALOGO INTERREGIONALE Esclusione dell Organismo di formazione dal Catalogo Interregionale Perdita dei requisiti dell Organismo di formazione RELAZIONE CON IL BENEFICIARIO DEL VOUCHER E NORME PER L EROGAZIONE E RENDICONTAZIONE DEL FINANZIAMENTO Obblighi generali del beneficiario del voucher Sostituzione corso Comunicazione di rinuncia al corso Iscrizione al corso e verifica dei requisiti Adempimenti del beneficiario del voucher durante lo svolgimento del corso Modalità di erogazione del voucher Adempimenti dell Organismo di formazione Pagina n.2

3 PREMESSA Per tutti gli adempimenti descritti nel presente documento, per i quali sia prevista una procedura on line, tramite portale fare riferimento alla guida pubblicata nel portale/area Organismi di formazione/sezione bandi e documenti. Pagina n.3

4 1. ACCETTAZIONE DELLE NORME E DELLE PROCEDURE DI GESTIONE L Organismo di formazione ammesso al Catalogo Interregionale dell Alta Formazione è tenuto al rispetto della normativa della Regione Siciliana sul funzionamento dei corsi ammessi che prevedono la sede di svolgimento nel territorio regionale. 2. ADEMPIMENTI CONNESSI ALL ATTIVAZIONE 2.1. Impegno preliminare all attivazione L Organismo di formazione ammesso al Catalogo Interregionale ha l obbligo di verificare periodicamente i processi di assegnazione dei voucher ed è tenuto ad avviare il corso qualora il numero di voucher assegnati sia pari o superiore a 4 (quattro), o qualora abbia manifestato l intenzione di partire con un numero di voucher assegnati inferiore al minimo. Al riguardo, entro 10 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie definitive di assegnazione dei voucher sui portali ufficiali e l Organismo di formazione, accedendo al portale con le proprie credenziali (username e password), dovrà comunicare: 1. nel caso di corsi con almeno 4 voucher assegnati (avvio obbligatorio): le date previste di iscrizione e avvio del corso; 2. nel caso di corsi con un numero di voucher assegnati inferiore a 4: l intenzione di attivare comunque il corso anche con un numero di voucher assegnati inferiore al minimo, e le date previste di iscrizione e avvio del corso. I percorsi formativi dovranno di norma avere inizio entro 120 giorni dalla data di pubblicazione, sui portali ufficiali e delle graduatorie definitive di assegnazione dei voucher, oppure alla data indicata dall Organismo di formazione (anche se successiva a tale scadenza) al momento di presentazione dell offerta formativa, purché compatibile con la tempistica delle procedure illustrate di seguito. La mancata comunicazione di conferma di attivazione/avvio del corso entro i termini previsti rappresenta automaticamente la rinuncia ad attivare il corso e comporta l annullamento delle domande di partecipazione dei beneficiari dei Pagina n. 3

5 voucher, ai quali verrà data la possibilità di scegliere, sempre tramite il portale, un nuovo corso a cui partecipare tra quelli per i quali sia stata confermata, da parte dell Organismo di formazione, l intenzione di attivare il corso. Al termine della fase di sostituzione del voucher da parte dei beneficiari (a partire dall 11 giorno dalla data di pubblicazione delle graduatorie sul portale dell alta formazione e fino al 20 giorno) gli Organismi di formazione titolari di corsi per i quali hanno confermato l intenzione ad avviarli dovranno verificare sul portale l eventuale assegnazione di voucher aggiuntivi. Le comunicazioni, tramite il portale, circa l intenzione di attivare il corso configurano un obbligo per gli Organismi di formazione nei confronti della Amministrazione regionale e dei beneficiari di voucher ad avviare le attività, fatto salvo il caso in cui, per effetto del mancato perfezionamento delle iscrizioni o di rinuncia al contributo da parte dei beneficiari prima dell avvio effettivo delle attività formative, il numero degli allievi (voucher) scenda al di sotto: 1. del numero minimo di 4; oppure 2. del numero (inferiore a 4) con il quale l Organismo di formazione ha manifestato l intenzione di attivare il corso. Quindi l Organismo di formazione, nel caso in cui il mancato perfezionamento delle iscrizioni determini le condizioni di cui ai precedenti punti 1 e 2, può procedere all eventuale rinuncia all attivazione del corso comunicata entro il 10 giorno successivo alla data di pubblicazione delle graduatorie definitive di assegnazione dei voucher. La comunicazione deve essere effettuata tramite portale Effetti della rinuncia La rinuncia ad attivare il corso a seguito del mancato perfezionamento delle iscrizioni (o per altre cause, purché il corso non sia già stato avviato) comporta l annullamento delle domande di partecipazione inoltrate dai beneficiari dei voucher, ai quali (a meno che non abbiano rinunciato al voucher) sarà data la possibilità di effettuare una ulteriore scelta sui soli corsi che hanno manifestato l intenzione di attivare il corso e non hanno rinunciato successivamente, compatibilmente con le date previste di iscrizione e avvio del corso che gli Organismi di formazione hanno indicato. Gli Organismi di formazione dovranno Pagina n. 4

6 periodicamente controllare, accedendo al portale, le eventuali ulteriori assegnazioni di voucher per i propri corsi. 3. ADEMPIMENTI CONNESSI ALL AVVIO DEL CORSO L Organismo di formazione è tenuto a rispettare i seguenti adempimenti entro la data prevista di avvio del corso: - vidimare i registri di presenza allievi e il registro individuale per le attività di stage quando il corso lo prevede. La vidimazione può essere effettuata presso le amministrazioni competenti allo scopo, ovvero presso i CPI; - attivare, tramite il portale, i voucheristi associati al corso; - inserire il numero totale dei partecipanti al corso, comprensivo degli eventuali partecipanti privati e la data prevista di termine delle attività; - trasmettere, sempre tramite portale, il calendario delle attività, impegnandosi ad aggiornarlo in anticipo, in caso di variazione delle date previste; - sottoscrivere un regolamento con gli assegnatari dei voucher (di cui il DRFP resta estraneo) in cui sono definite le modalità operative sulla frequenza dei moduli, tenuto comunque conto delle indicazioni previste dall avviso pubblico e delle comunicazioni disponibili sul portale; - stipulare un assicurazione volta a coprire i beneficiari dei voucher contro gli infortuni che dovessero subire durante lo svolgimento dell attività formativa, e per i danni civili rispetto ai soggetti che prendono parte a qualsiasi fase del percorso formativo. Il costo di tale assicurazione è da intendersi compreso nel costo del corso a persona indicato nella scheda del corso Costo di iscrizione al corso per partecipanti privati L Organismo di formazione si impegna a prevedere un costo di accesso e partecipazione al percorso formativo per i beneficiari dei voucher non superiore a quello previsto per eventuali utenti privati. Pagina n. 5

7 4. ADEMPIMENTI DURANTE LA REALIZZAZIONE E PER LA CONCLUSIONE DEL CORSO 4.1. Registrazione della frequenza È onere dell Organismo di formazione registrare la presenza degli allievi durante l attività didattica e conservare i registri di presenza atti a registrare e certificare l effettiva frequenza dei beneficiari, presso gli uffici della sede di svolgimento delle attività. L Organismo di formazione è inoltre tenuto ad allertare il beneficiario nel caso il numero di assenze si approssimi al tetto massimo delle ore previsto, il cui superamento imponga la revoca del voucher Tenuta dei registri I registri didattici, messi a disposizione dall Organismo di formazione, sono documenti ufficiali che attestano la frequenza al corso e devono prevedere, obbligatoriamente, in ciascuna pagina appositi spazi per: - la firma di entrata e di uscita degli allievi (tale spazio dovrà essere duplicato in caso di rientro pomeridiano); - gli argomenti trattati e le esercitazioni effettuate con la relativa indicazione oraria; - la firma del docente; - la firma del tutor e del coordinatore didattico (per l attestazione che le notizie riportate nel registro sono conformi a quanto effettivamente avvenuto). Parimenti i registri relativi alle attività pratiche (stage, visite didattiche, esercitazioni pratiche, project work) dovranno contenere appositi spazi per la registrazione delle attività svolte quotidianamente, con l indicazione dell orario e dei soggetti coinvolti anche per eventuali attività in desk (diario di bordo). Tutti i registri dovranno contenere una dichiarazione, a firma del legale rappresentante, attestante che le notizie ivi contenute sono veritiere Qualità del processo didattico L Organismo di formazione nella realizzazione dell intervento formativo è tenuto a: Pagina n. 6

8 - garantire, nei confronti dell Amministrazione regionale e dei beneficiari, le competenze e le professionalità necessarie alla realizzazione del progetto approvato; - rispettare in fase di erogazione le aree di contenuto ed i contenuti specifici indicati in sede di presentazione del corso; - ad erogare il corso presso la sede indicata e secondo quanto dichiarato nella scheda pubblicata sul portale relativamente alle modalità formative, al sistema di certificazione, al monte ore del corso, alla data di conclusione, ai costi e a tutti gli altri elementi, nessuno escluso, in questa indicati Attività di monitoraggio La comunicazione di conclusione effettiva delle attività deve essere effettuata dall Organismo di formazione tramite il portale, così come il superamento (o meno) delle eventuali prove di esame, se previste dal progetto, e la data dell esame stesso Abbandono del corso Gli Organismi di formazione sono tenuti a segnalare, registrando l informazione tramite il portale, gli abbandoni del corso (nel caso in cui gli stessi siano comunicati dal destinatario del voucher o rilevati dall Organismo di formazione stesso) e l eventuale superamento del tetto di ore di assenza consentito Obbligo di conclusione L Organismo di formazione è tenuto, pena l esclusione dal Catalogo Interregionale, a concludere il percorso formativo secondo il calendario e la durata previsti, indipendentemente dal numero degli eventuali abbandoni da parte dei beneficiari dei voucher che dovessero verificarsi successivamente alla data effettiva di avvio del corso Procedura per la conclusione del corso Nei 5 giorni successivi alla conclusione delle attività l Organismo di formazione è tenuto a darne comunicazione al DRFP attraverso la procedura prevista dal portale, accedendo ai propri corsi ed inserendo: l eventuale data di esame finale; Pagina n. 7

9 l esito dell esame finale per ciascun partecipante; la data effettiva di termine del corso. 5. GESTIONE DELLE VARIAZIONI 5.1. Variazione della data di avvio del corso Nel caso in cui si manifesti l esigenza di posticipare la data di avvio prevista, l Organismo deve farne richiesta tramite il portale. La procedura prevede che la richiesta sia effettuata, in ogni caso, antecedentemente rispetto alla data prevista di avvio. La data proposta non può essere successiva al 60 giorno dalla data in cui si effettua la richiesta. La richiesta di variazione si effettua tramite portale, è subordinata a validazione da parte dell Amministrazione regionale e dovrà essere indicato che i partecipanti al corso sono informati ed accettano la posticipazione dell avvio del corso Variazione della sede Nel caso in cui si manifesti l esigenza di variare la sede di svolgimento delle attività formative, l Organismo di formazione deve farne richiesta utilizzando la procedura prevista nel portale. La richiesta di variazione di sede è subordinata a validazione da parte dell Amministrazione regionale. La sede proposta deve essere comunque nel territorio regionale siciliano. Dovranno, inoltre, essere indicati: la motivazione, gli estremi di riferimento dell accreditamento e le dichiarazioni di regolarità della sedi rispetto alle vigenti norme di sicurezza e di idoneità dei locali e che la variazione della sede è stata accettata dai partecipanti al corso. L Organismo di formazione è tenuto inoltre a conservare, presso la propria sede, la documentazione motivante la variazione, da presentare in caso di controllo da parte dell Amministrazione, e da cui risulti l esplicita accettazione della variazione della sede da parte dei partecipanti al corso Variazione del calendario Le eventuali variazioni del calendario delle lezioni/attività pratiche, le sospensioni delle lezioni/attività pratiche e quant altro riferito allo svolgimento delle lezioni/attività pratiche, dovranno essere segnalate attraverso la procedura prevista Pagina n. 8

10 dal portale. Tutte le segnalazioni di variazione/sospensione o altro devono essere comunicate tramite il portale. Le variazioni riferite a date future non sono oggetto di validazione da parte della Amministrazione regionale, ma di controllo per il riscontro del regolare svolgimento di quanto inizialmente previsto. Non possono essere effettuate variazioni riferite a date di calendario antecedenti a quella in cui effettua la variazione Altre variazioni La modifica di uno o più aspetti sostanziali dell offerta formativa pubblicata nel Catalogo Interregionale non è ammessa poiché costituisce nuova proposta formativa da presentare secondo le modalità previste dall avviso pubblico per l ammissione di organismi e offerte formative al Catalogo Interregionale per l alta formazione. Quindi i contenuti delle proposte formative, in seguito all approvazione del Catalogo Interregionale dell Offerta Formativa da parte della Regione Siciliana, sono vincolanti per l Organismo di formazione proponente, che ha l obbligo di realizzare i percorsi secondo le modalità indicate in fase di candidatura e pubblicate nel Catalogo Interregionale. Il numero di ore previste per il corso e indicate nel Catalogo Interregionale non può essere ridotto salvo casi eccezionali motivati con richiesta e previa autorizzazione da parte del DRFP. La riduzione delle ore del corso comporta una proporzionale riduzione dell importo dei voucher erogabili, ferma restando la possibilità di liquidazione solo al raggiungimento del 70% della frequenza da parte degli assegnatari calcolata sulla base delle ore corso originariamente previste. 6. IRREGOLARITA E SANZIONI 6.1. Visite ispettive L Organismo di formazione garantisce l accesso ai locali per lo svolgimento di visite ispettive e controlli dell Amministrazione regionale dove è localizzata la sede del corso e delle altre Amministrazioni regionali che hanno eventualmente erogato i voucher, relativamente alla regolarità esecutiva delle attività, e si impegna a segnalare le eventuali anomalie dell esecuzione del percorso formativo. Pagina n. 9

11 L Amministrazione che ha ammesso l Organismo di formazione al Catalogo Interregionale e/o l Amministrazione che ha assegnato il voucher possono effettuare verifiche amministrativo - didattiche presso i soggetti erogatori dei corsi per accertare il corretto e regolare svolgimento delle attività. L Amministrazione può predisporre controlli anche su segnalazione dei beneficiari dei voucher. L Amministrazione regionale provvederà inoltre ad effettuare controlli sulla regolare attuazione dei percorsi formativi, sul raggiungimento dei risultati previsti e sulla regolarità delle fatture emesse per l erogazione dei voucher. In particolare i CPI, coordinati dal DRFP UMC, procederanno ad un azione di controllo delle attività formative, al fine di verificare il corretto e regolare svolgimento delle attività corsuali e la partecipazione degli allievi assegnatari dei voucher. I verbali di verifica contenenti gli esiti dei controlli svolti vengono trasmessi al DRFP e notificati all Organismo di formazione. Eventuali controdeduzioni ai rilievi mossi possono essere presentate dall Organismo di formazione, all atto della verifica, o essere prodotte, entro i cinque giorni successivi dalla data di notifica del verbale, direttamente al DRFP o per il tramite dell ufficio che ha effettuato il controllo. Gli esiti dell insieme delle attività di monitoraggio e controllo condotte sui progetti contribuiranno a definire un giudizio complessivo dell Organismo di formazione di cui il DRFP potrà tenere conto per il mantenimento dei requisiti di ammissibilità al Catalogo Interregionale Conservazione della documentazione contabile Ai fini del regolare svolgimento delle attività di controllo eventualmente anche da parte di organismi comunitari e nazionali a ciò deputati - l Organismo di formazione è tenuto a conservare tutta la documentazione relativa ai percorsi formativi, ivi compresa la documentazione presentata dai assegnatari dei voucher, le comunicazioni intercorse con il DRFP ed eventuali documenti relativi al controllo effettuato dagli organismi competenti in ottemperanza a quanto indicato all art. 90 del Reg. (CE) 1083/06 e s.m.i. Pagina n. 10

12 6.3. Sanzioni Nel caso in cui le irregolarità riscontrate siano di gravità tale da rappresentare violazione di norme di legge o gravi difformità rispetto al progetto inserito nel Catalogo Interregionale, queste verranno immediatamente rese note al DRFP che, verificata l effettiva sussistenza delle irregolarità riscontrate dagli uffici competenti e previa comunicazione, potrà disporre: - l interruzione delle attività formative; - il mancato riconoscimento dei voucher assegnati; - le opportune segnalazioni agli Organi competenti (Procura, Guardia di Finanza, OLAF, ecc.); - l esclusione dell Organismo di formazione dal Catalogo Interregionale. In caso di esclusione al Catalogo Interregionale l Organismo di formazione avrà tempo 20 giorni per inoltrare le proprie controdeduzioni ed eventualmente presentare ricorso contro la decisione dell Amministrazione, ai sensi e secondo le modalità previste dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241 (Nuove norme sul procedimento amministrativo). In caso di conferma dell esclusione dal Catalogo Interregionale, l Organismo di formazione non potrà ripresentare domanda di ammissione nella successiva fase di aggiornamento del Catalogo Interregionale. 7. ESCLUSIONE DAL CATALOGO INTERREGIONALE 7.1. Esclusione dell Organismo di formazione dal Catalogo Interregionale Si potrà provvedere all esclusione dell Organismo di formazione dal Catalogo Interregionale quando: - si registrino gravi inadempienze da parte dell Organismo di formazione nella realizzazione dell attività, compreso il diniego all accesso alla sede del corso e/o agli uffici per lo svolgimento di visite ispettive e controlli dell Amministrazione relativamente alla regolare esecuzione delle attività; - un corso non sia attivato nei termini previsti in presenza di un numero di voucher concessi almeno pari al numero minimo di voucher indicato nell avviso pubblico, oppure in presenza di un numero di voucher inferiore qualora l Organismo di formazione abbia dichiarato l intenzione di attivare comunque il Pagina n. 11

13 corso; - si riscontri che il costo di accesso e partecipazione al percorso formativo per gli allievi destinatari di voucher sia superiore a quello previsto per gli allievi privati ; - il corso abbia visto la partecipazione di un numero di allievi superiore al massimo consentito (si veda avviso pubblico per l ammissione degli Organismi di formazione e delle offerte formative al Catalogo Interregionale per l Alta Formazione, art. 4, lettera G); - venga realizzata una attività pubblicitaria e promozionale falsa e ingannevole, e comunque non conforme con quanto disposto all art. 14 dell Avviso pubblico per l ammissione di Organismi di formazione e delle offerte formative al Catalogo Interregionale per l alta formazione Perdita dei requisiti dell Organismo di formazione Nel caso in cui successivamente all ammissione al Catalogo Interregionale - un Organismo di formazione perda i requisiti di ammissibilità, è obbligato a darne immediata comunicazione scritta al DRFP. In caso di perdita del requisito di ammissibilità il DRFP, con specifico atto, procederà all esclusione dell Organismo dal Catalogo Interregionale dandone motivazione. Nel caso in cui la comunicazione di perdita dei requisiti di ammissibilità avvenga in ritardo, determinando l eventuale assegnazione di voucher a corsi di Organismi di formazione nel frattempo non più ammissibili, l Organismo escluso non potrà ripresentare domanda di ammissione nella successiva fase di aggiornamento del catalogo, fermo restando la possibilità di presentare ricorso contro la decisione di esclusione dal Catalogo Interregionale entro 20 giorni dalla notifica di esclusione ai sensi e secondo le modalità previste dalla Legge 7 agosto 1990, n Nuove norme sul procedimento amministrativo. Nel caso in cui la perdita dei requisiti di ammissibilità avvenga successivamente all avvio effettivo del corso, i voucher concessi non saranno revocati e l Organismo di formazione ha l obbligo di portare a termine il corso. Pagina n. 12

14 8. RELAZIONE CON IL BENEFICIARIO DEL VOUCHER E NORME PER L EROGAZIONE E RENDICONTAZIONE DEL FINANZIAMENTO 8.1. Obblighi generali del beneficiario del voucher L assegnatario del voucher è il titolare dell importo del voucher che potrà essere speso unicamente per la partecipazione al corso per il quale è stata fatta richiesta di assegnazione o sostituzione del voucher. L assegnatario del voucher, una volta informato sull esito positivo della richiesta di assegnazione del voucher, dovrà presentarsi presso l Organismo di formazione per confermare la volontà di partecipazione al corso scelto e presentare idonea documentazione attestante il possesso dei requisiti dichiarati nella domanda di assegnazione del voucher. L Organismo di formazione dovrà verificare, tramite il portale, l effettiva assegnazione dei voucher ai propri corsi. La documentazione da presentare all Organismo di formazione, prima dell avvio effettivo del corso, dovrà attestare i requisiti relativi alle proprie generalità, alla residenza nella Regione Siciliana, alla condizione occupazionale, al titolo universitario posseduto e alla votazione conseguita, alla situazione economica (indicatore ISEE). Contestualmente alla presentazione della suddetta documentazione, l assegnatario del voucher dovrà consegnare copia dell Allegato A della domanda per la richiesta di assegnazione del voucher, per il confronto tra i requisiti posseduti e quelli dichiarati. Gli assegnatari dei voucher che non presenteranno all Organismo di formazione documentazione completa, corretta e corrispondente a quanto dichiarato nella domanda per la richiesta di assegnazione del voucher, oltre alla revoca del voucher saranno sanzionati con il divieto di presentare future domande per l assegnazione di voucher a valere sul Catalogo Interregionale. L assegnatario del voucher parteciperà alle attività didattiche e pratiche previste dal corso prescelto osservando le modalità sulla frequenza stabilite dall Organismo di formazione e segnalando al DRFP eventuali anomalie che dovessero essere riscontrate nel percorso. A conclusione del corso, o comunque al raggiungimento della frequenza di almeno il 70% delle ore del corso, l assegnatario del voucher potrà ottenere, previa eventuale verifica finale, l attestato finale previsto al termine dell intervento formativo. Pagina n. 13

15 Il contributo pari all importo del voucher assegnato sarà direttamente erogato all Organismo di formazione dietro presentazione della richiesta di liquidazione (Modulo Richiesta liquidazione voucher). L assegnatario del voucher e l Organismo di formazione sono responsabili della veridicità delle informazioni fornite e contenute nei documenti presentati Sostituzione corso Nel caso in cui il percorso scelto non si attivi per cause indipendenti dalla volontà del destinatario del voucher, lo stesso può effettuare la sostituzione del voucher secondo la seguente tempistica: 1. a partire dall 11 giorno dalla data di pubblicazione della graduatoria sul portale dell alta formazione e fino al 20 giorno, per i corsi che non siano attivati dall Organismo di formazione a causa del mancato raggiungimento del numero minimo di voucher assegnati; 2. successivamente al 20 giorno dalla pubblicazione della graduatoria, e comunque prima dell avvio effettivo dell attività formativa, per i corsi che non siano avviati per mancato perfezionamento delle iscrizioni o per altre cause. In questi casi l assegnatario del voucher può scegliere un corso sostitutivo tra quelli presenti nel Catalogo Interregionale e per i quali sia stata confermata l attivazione, compatibilmente con le date previste di iscrizione e inizio attività. La sostituzione si effettua tramite portale. In nessun caso sarà possibile la sostituzione a causa del mancato superamento della prova di selezione, se prevista e il voucher è da intendersi revocato. In caso di sostituzione del voucher, l importo dell assegno formativo non potrà essere superiore al costo di partecipazione alla nuova attività scelta e comunque nel rispetto delle condizioni di finanziabilità previste all art. 6 dell avviso pubblico per l assegnazione dei voucher a valere sul Catalogo Interregionale Comunicazione di rinuncia al corso Dopo la pubblicazione della graduatoria l assegnatario del voucher è tenuto a confermare la volontà di partecipare al corso recandosi presso l Organismo di formazione. Pagina n. 14

16 Al momento dell iscrizione l assegnatario del voucher riceve tutte le informazioni pratiche relative al corso (modalità di ammissione, calendario, orari, frequenza, attestazione finale, ecc.). In caso di rinuncia al corso prima dell avvio o abbandono durante lo svolgimento delle attività formative, l assegnatario è tenuto a darne comunicazione utilizzando la procedura prevista dal portale. Qualora l assegnatario del voucher non si presenti presso l Organismo di formazione per l iscrizione o non comunichi la propria rinuncia/abbandono, oltre alla revoca del voucher sarà sanzionato con il divieto di presentare future domande per l assegnazione di voucher a valere sul Catalogo Interregionale Iscrizione al corso e verifica dei requisiti L Organismo di formazione è tenuto ad effettuare le verifiche sulla completezza, correttezza e corrispondenza della documentazione presentata dai beneficiari di voucher con quanto dichiarato nella domanda per la richiesta di assegnazione del voucher. In caso sia riscontrata la non veridicità dei requisiti dichiarati, l Organismo di formazione è tenuto ad informare il DRFP. L amministrazione regionale provvederà a revocare il voucher assegnato. In caso di assenza di anomalie, l assegnatario è ammesso a sostenere la prova di selezione, se prevista, o altrimenti è direttamente ammesso al corso. Se prevista la prova di selezione l assegnatario è ammesso al corso solo a seguito del superamento della prova Adempimenti del beneficiario del voucher durante lo svolgimento del corso L assegnatario del voucher, pena la revoca, dovrà rispettare gli impegni sottoscritti con la presentazione della domanda di assegnazione. In particolare dovrà: - frequentare almeno il 70% delle ore complessive dell attività scelta; - firmare i registri di presenza forniti dall Organismo di formazione; - dare segnalazione immediata, tramite il portale, in caso di rinuncia od interruzione; Pagina n. 15

17 - comunicare tempestivamente al DRFP eventuali anomalie relative al percorso formativo; - compilare i questionari di monitoraggio del livello di soddisfazione Modalità di erogazione del voucher Il contributo, pari all importo del voucher assegnato, sarà erogato direttamente all Organismo di formazione in nome e per conto dell assegnatario del voucher. L importo del voucher potrà essere liquidato solo se il beneficiario avrà frequentato almeno il 70% del monte ore previsto. Per la liquidazione dei voucher relativi a ciascun corso, gli Organismi di formazione dovranno presentare al DRFP Servizio Rendicontazione 1, la seguente documentazione: - richiesta di liquidazione (modulo Richiesta Liquidazione Voucher ); - fattura in originale emessa dall Organismo di formazione intestata al beneficiario del voucher. La documentazione richiesta deve essere presentata, al termine delle attività, in un unica soluzione per singolo corso in relazione ai voucher ad esso associati. Ricevuta la documentazione di cui sopra, il DRFP provvederà alle opportune verifiche sulla regolarità finanziaria, sulla corretta gestione delle attività e sul rispetto degli adempimenti richiesti all Organismo di formazione e ai beneficiari dei voucher e, successeviamente, procederà alla liquidazione dei voucher. L erogazione delle somme potrà avvenire esclusivamente mediante accredito su conto corrente bancario, in modo tale che dall estratto conto risultino i tempi e le modalità di pagamento Adempimenti dell Organismo di formazione L Organismo di formazione è tenuto a garantire e a verificare: 1 L indirizzo a cui spedire/consegnare i documenti per la richiesta di liquidazione è il seguente: Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione DRFP Servizio Rendicontazione Via Imperatore Federico Palermo Pagina n. 16

18 - la correttezza e completezza dei registri ad attestazione dell effettiva erogazione e fruizione del percorso formativo; - la correttezza e completezza del modulo di richiesta di liquidazione; - la correttezza e completezza dei dati inseriti nel portale; - la corretta archiviazione e conservazione della documentazione relativa al percorso formativo e all assegnatario del voucher; - il rispetto della tempistica indicata per i diversi adempimenti e comunicazioni; - la correttezza e tempestività di eventuali comunicazioni relative a variazioni/interruzioni/accadimenti che si ripercuotono sulla realizzazione dei percorsi e/o voucher assegnati. Pagina n. 17

AVVISO PUBBLICO n. 1/2011 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

AVVISO PUBBLICO n. 1/2011 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE 19923 Regione Puglia ALLEGATO B P.O. PUGLIA 2007 2013 Fondo Sociale Europeo ASSE V TRANSNAZIONALITA E INTERREGIONALITA AVVISO PUBBLICO n. 1/2011 CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE PROCEDURE DI GESTIONE

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE OFFERTE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE DI ALTA FORMAZIONE

DISCIPLINARE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE OFFERTE PRESENTI NEL CATALOGO INTERREGIONALE DI ALTA FORMAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo r ne ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Direzione Generale Servizio Programmazione e Gestione del sistema della formazione

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE ALLEGATO D.D. n. del pag. 1/11 DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Allegato B FONDO SOCIALE EUROPEO - POR 2007/2013 ASSE IV OB. CAPITALE UMANO CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE NORME DI FUNZIONAMENTO DEI CORSI. REGIONE LAZIO III annualità

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE NORME DI FUNZIONAMENTO DEI CORSI. REGIONE LAZIO III annualità CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE NORME DI FUNZIONAMENTO DEI CORSI REGIONE LAZIO III annualità - 1 - 1. ACCETTAZIONE DELLE NORME E DELLE PROCEDURE DI GESTIONE L Organismo di formazione (di seguito

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DELL INIZIATIVA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE DEI GIOVANI GARANZIA GIOVANI ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE D i r e z i o n e G e n e

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTO ISTITUTIVO Art. 1 lstituzione del Sistema di qualificazione dei Cataloghi formativi 1.1 Il presente Regolamento disciplina il procedimento di qualificazione e di aggiornamento dei Cataloghi

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.4/2012: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97;

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

INDIRIZZI PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE RICONOSCIUTE

INDIRIZZI PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE RICONOSCIUTE REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Allegato A Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Settore Formazione e Orientamento INDIRIZZI PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013.

ESEMPIO PRATICO. del Programma Operativo Lazio FSE 2007-2013. Allegato 12 Esempio pratico relativo ad attività di controllo di II livello ESEMPIO PRATICO Al fine di facilitare la comprensione di quanto esposto in precedenza, si riporta di seguito la simulazione di

Dettagli

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5.

Il datore di lavoro potrà inoltrare richiesta di contributi anche per dipendenti già destinatari delle iniziative dei Dispositivi 3.3, 3.4 e 3.5. Provincia di Bergamo 3.6.d ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 1. Descrizione dell azione L iniziativa finanzia interventi finalizzati a migliorare l accessibilità dei lavoratori disabili nei luoghi

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione Web Lombardia, di seguito denominata GWL,

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata

Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata Linee guida per la rendicontazione dei finanziamenti dei progetti di ricerca sanitaria finalizzata La Regione, in coerenza con quanto previsto dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale, allo

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE COMUNE DI CAMAIORE Servizi scolastici BANDO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SERVIZIO A FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI IN LISTA D ATTESA PRESSO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNALI E FREQUENTANTI UN NIDO

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione Promozione dell efficienza energetica e della produzione di energie rinnovabili (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione

Dettagli

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI

LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI Allegato 5 al dds LINEE GUIDA DI RENDICONTAZIONE AD USO DEI BENEFICIARI AVVISO 526 FINANZIAMENTI ON-LINE (GEFO) 1. Premessa Le presenti linee guida sono destinate ai beneficiari dell avviso Generazione

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI

PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI PROCEDURA OPERATIVA PER LE ATTIVITÀ DI APERTURA DI NUOVI PUNTI DI RICONSEGNA E PER LA CHIUSURA/RIAPERTURA DI PUNTI DI RICONSEGNA ESISTENTI Con riferimento alle disposizioni previste dal Codice di Rete

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO pri BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO 2013 1. Oggetto della procedura di assegnazione di finanziamenti

Dettagli

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA CERAMICA IDENTITA, INNOVAZIONE, AMBIENTE (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo

Dettagli

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI

ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico REGOLAMENTO CERSOI REGOLAMENTO CERSOI per la Certificazione delle strutture di medicina e chirurgia oculistica secondo le norme ISO 9001/2008 I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3)

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA IL PRESIDE

FACOLTÀ DI ECONOMIA IL PRESIDE FACOLTÀ DI ECONOMIA BANDO N. 33 A.A. 2011/2012 PER N. 12 ( DODICI) COLLABORAZIONI STUDENTESCHE IL PRESIDE VISTA VISTA il Decreto Ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 recante norme concernenti l autonomia

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda

Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda Allegato B. Modalità gestionali Avviso Regione Lombardia - Formazienda GESTIONE Regione Lombardia costituisce l unico ed esclusivo punto di riferimento nei confronti del Soggetto gestore. Sarà cura di

Dettagli

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare

COMUNE DI PARMA. NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare COMUNE DI PARMA NORME PROCEDIMENTALI E ORGANIZZATIVE Relative all accesso al Nido d infanzia, Spazio bambini, Educatore domiciliare ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N 930/68 DEL 13/10/2011 1 1.

Dettagli

CONCILIAZIONE ESTATE 2015

CONCILIAZIONE ESTATE 2015 Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Attuazione Politiche Sociali, Comunitarie, Nazionali e Regionali Avviso Pubblico CONCILIAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione. Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO Progetti di Ricerca Applicata per l Innovazione Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione Premessa Il presente documento regola le modalità di rendicontazione, ai fini dell

Dettagli

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012

PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 PIANO PROVINCIALE ORIENTAMENTO OBBLIGO ISTRUZIONE E OCCUPABILITA 2010-2012 Disposizioni di dettaglio per la gestione e il controllo della realizzazione di progetti mirati alla lotta alla dispersione scolastica

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO TIROCINI

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

BANDO PER L' EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI PRIVATI PER L ACQUISTO DI BIOTRITURATORE-CIPPATORE AZIONATO DA MOTORE ELETTRICO

BANDO PER L' EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI PRIVATI PER L ACQUISTO DI BIOTRITURATORE-CIPPATORE AZIONATO DA MOTORE ELETTRICO Bozza Allegato A INCENTIVAZIONE ALLA RIDUZIONE DEL RIFIUTO VEGETALE DOMESTICO BANDO PER L' EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DI PRIVATI Indice ART. 1 (FINALITÀ).......... 2 ART. 2 (DESTINATARI).........

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP

Ministero dell Economia e delle Finanze SAX. SAX Sistemi avanzati di connettività sociale. Progetto ISP SAX Progetto ISP REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERNET SOCIAL POINT DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVE DI FINALITA LUCRATIVE OPERANTI NELLA REGIONE BASILICATA Il presente regolamento definisce

Dettagli

C O M U N E D I P A L E R M O

C O M U N E D I P A L E R M O C O M U N E D I P A L E R M O AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN CONCESSIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE NEL TERRITORIO DELLA CITTA DI PALERMO PREMESSE Al fine di dare concreta attuazione ai principi

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO I CONTROLLI I CONTROLLI DELL AUTORITÀ DI GESTIONE I controlli dell Autorità di Gestione riguarderanno gli

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AD UNIVERSITARI a.a. 2011/2012 RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AD UNIVERSITARI a.a. 2011/2012 RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO AD UNIVERSITARI a.a. 2011/2012 RIAPERTURA TERMINI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La società ENOI di Milano e il Comune di Lerici, a seguito della donazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 43 DEL 18 SETTEMBRE 2006 REGIONE CAMPANIA - AGC 6 Ricerca Scientifica, Statistica, Sistemi Informativi ed Informatica - POR 2000-2006 - Misura 3.22 azione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO DIPARTIMENTO REGIONALE DEL LAVORO DELL IMPIEGO DELL ORIENTAMENTO DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA

Dettagli

AVVISO PER L INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI INTERESSATI AD EROGARE INTERVENTI DI FORMAZIONE DI BASE E TRASVERSALE DI CUI ALLA D.G.R. 4 DEL D.LGS.

AVVISO PER L INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI INTERESSATI AD EROGARE INTERVENTI DI FORMAZIONE DI BASE E TRASVERSALE DI CUI ALLA D.G.R. 4 DEL D.LGS. AVVISO PER L INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI INTERESSATI AD EROGARE INTERVENTI DI FORMAZIONE DI BASE E TRASVERSALE DI CUI ALLA D.G.R. 41 del 3/02/2012 NELL AMBITO DI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

Dettagli

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi

Art. 1. Beneficiari. Art. 2. Tipologia degli interventi BANDO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI CONCEDERE DEI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI DI CAREGGINE Art. 1 Beneficiari Nell ambito delle iniziative promosse dall Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. RE02.PGAP01 Pag. 1 a 7 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A. REGOLAMENTO PADANIA ACQUE GESTIONE S.P.A.

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Regione Basilicata - Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport Complemento di Programmazione POR

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTRIBUTI SOCIO-ASSISTENZIALI A TUTELA DELLA MATERNITA E DELL INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTRIBUTI SOCIO-ASSISTENZIALI A TUTELA DELLA MATERNITA E DELL INFANZIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTRIBUTI SOCIO-ASSISTENZIALI A TUTELA DELLA MATERNITA E DELL INFANZIA MODULISTICA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SOCIO-ASSISTENZIALI A TUTELA DELLA MATERNITA E INFANZIA

Dettagli

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni

La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo. Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni PROVINCIA DI MILANO La Provincia di Milano Direzione Centrale Sviluppo Economico, Formazione e Lavoro rende note le indicazioni per la presentazione di Progetti previsti dal Piano provinciale per l attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

Possono presentare la candidatura ad erogare le politiche attive i seguenti soggetti:

Possono presentare la candidatura ad erogare le politiche attive i seguenti soggetti: AVVISO PER L INDIVIDUAZIONE DI SOGGETTI INTERESSATI AD EROGARE INTERVENTI DI POLITICHE ATTIVE IN FAVORE DI PERCETTORI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA INDICE ART. 1 PREMESSA... 2 ART. 2 FINALITA DELL

Dettagli

I buoni scuola assegnati sono erogabili dal Comune anche in forma cumulativa per più mensilità.

I buoni scuola assegnati sono erogabili dal Comune anche in forma cumulativa per più mensilità. Entità dei buoni scuola e spese ammissibili I buoni scuola sono finalizzati alla riduzione del costo sostenuto dai soggetti beneficiari per la frequenza delle scuole e sono commisurati, per l'anno scolastico

Dettagli

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale

Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy. Data. Dichiarazione d impegno unilaterale Finanziamento separato della pre-produzione Progetto: xy Numero di riferimento BLS: xy Data Dichiarazione d impegno unilaterale Il sottoscritto / la sottoscritta, nato il a titolare / legale rappresentante

Dettagli

Progetto RE.LA.R II Fase

Progetto RE.LA.R II Fase Area Immigrazione Progetto RE.LA.R II Fase Rete dei servizi per la prevenzione del lavoro sommerso Guida operativa per la gestione dei tirocini e la rendicontazione del contributo ai soggetti promotori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSE In data 27 ottobre 2004 tra i Comuni di Castelnuovo Val di Cecina, Montecatini Val di Cecina, Monteverdi

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

CSI-PIEMONTE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI PROCEDURE DI GARA ELETTRONICHE

CSI-PIEMONTE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI PROCEDURE DI GARA ELETTRONICHE CSI-PIEMONTE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI PROCEDURE DI GARA ELETTRONICHE SOMMARIO ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART. 2 DEFINIZIONI... 3 ART. 3 RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

contratto in cui devono essere chiaramente indicati contenuti, tempi e costi.

contratto in cui devono essere chiaramente indicati contenuti, tempi e costi. contratto in cui devono essere chiaramente indicati contenuti, tempi e costi. STIPULA DELLA CONVENZIONE/AVVIO ATTIVITA' DI PROGETTO ATTRIBUZIONE CODICE PROGETTO E MATRICOLA ATTIVITA' Implementazione -

Dettagli

Il Candidato EIPASS. diritti e doveri. ver. 3.0

Il Candidato EIPASS. diritti e doveri. ver. 3.0 Il Candidato EIPASS diritti e doveri ver. 3.0 Pagina 1 di 4 Indipendentemente dal profilo di certificazione richiesto, riconosce all utente che si accinge ad affrontare l esame EIPASS, di seguito indicato

Dettagli

Modena e Reggio Emilia 2014/2015

Modena e Reggio Emilia 2014/2015 SEDE TERRITORIALE DI Modena e Reggio Emilia 2014/2015 Bando per la concessione di: Borse di studio Servizi residenziali Servizi ristorativi Contributi di mobilità internazionale Interventi straordinari

Dettagli

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008.

Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. Allegato alla Delib.G.R. n. 40/5 del 22.7.2008 Criteri e modalità per l erogazione di contributi regionali a sostegno delle associazioni di promozione sociale per l anno 2008. 1. Premessa L art. 12 della

Dettagli

Bando per la concessione di contributi economici a sostegno delle attività culturali da realizzare nel corso delle manifestazioni estive

Bando per la concessione di contributi economici a sostegno delle attività culturali da realizzare nel corso delle manifestazioni estive COMUNE DI FORMIA Provincia di Latina 5 Settore Sostenibilità Urbana ed Ambientale,Sviluppo Economico,Cultura Servizio Cultura Allegato alla determinazione n 77 del 30/04/2015 Bando per la concessione di

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI POR UMBRIA FSE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI TERNI N. 101 DEL 31/05/2011 - PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI DELL ASSE INCLUSIONE SOCIALE

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA

MODALITA ATTUATIVE E NORMATIVA All.1 Campagna nazionale di formazione. Criteri per l attivazione della procedura in attuazione dell art. 11, comma 1 lett. b), d.lgs. 81/2008 e s.m.i. e del decreto interministeriale 17 dicembre 2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

Art. 1 Norme generali

Art. 1 Norme generali REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DI 12 CANDIDATI E L ASSEGNAZIONE DI RELATIVE BORSE DI STUDIO PER IL CORSO DI FORMAZIONE ASSOCIATO AL PROGETTO DI RICERCA PITAM - Piattaforma tecnologica avanzata per rilievi

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31.

Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012. Misure di sostegno dei piccoli comuni. L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Prot. n. 4721 Osini, li 31/12/2012 Misure di sostegno dei piccoli comuni L.R. 1/2011 Art. 3 bis L.R. 12/2011 - Art. 18 - Comma 31. Delibera della G.R. n. 48/38 del 01.12.2011 Misure attuative BANDO Assegnazione

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/10 INVITO A PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1.

Dettagli

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE

REGIONE LIGURIA 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE REGIONE LIGURIA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI AGEVOLAZIONI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON ALMENO UN FIGLIO MINORE PER LA RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE 1. OBIETTIVI E TIPOLOGIA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 Allegato A Prot. n. 1645 Pratica n. 16761/2010 Tit. 08 Cat. 07 Cl. 01 BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI ARTIGIANALI TURISTICHE E DEI SERVIZI ANNO 2011 IL DIRIGENTE

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli