APPARECCHIO AD ACCUMULO A GAS A BASAMENTO VETROPORCELLANATO TIPO B11BS CATEGORIA 2H 3+ EG/P ; EGP 200 ; G - 1 ; GBD - 12 ; G - 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPARECCHIO AD ACCUMULO A GAS A BASAMENTO VETROPORCELLANATO TIPO B11BS CATEGORIA 2H 3+ EG/P 115-150 ; EGP 200 ; G - 1 ; GBD - 12 ; G - 2"

Transcript

1 Cod Agg APPARECCHIO AD ACCUMULO A GAS A BASAMENTO VETROPORCELLANATO TIPO B11BS CATEGORIA 2H 3+ EG/P ; EGP 200 ; G - 1 ; GBD - 12 ; G ISTRUZIONI PER: INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

2

3 INDICE 1. AVVERTENZA 2. INSTALLAZIONE 2.1. Allacciamento alla rete idrica 2.2. Collegamento a camini e/o Canne fumarie 2.3. Allacciamento gas 3. ISTRUZIONI PER IL FUNZIONAMENTO CON GAS DIVERSO DA QUELLO DI PREDISPOSIZIONE 4. ISTRUZIONI PER L'ACCENSIONE E LO SPEGNIMENTO 5. LIMITATORE DI SOVRATEMPERATURA (ECO) 6 DISPOSITIVO DI CONTROLLO EVACUAZIONE FUMI (DCF) 7 USO E MANUTENZIONE 8. MISURE DA ADOTTARE IN CASO DI ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO 1. AVVERTENZA 1.1. Le caratteristiche di funzionamento e di sicurezza dell'apparecchio sono conformi alle Normative Europee EN 89 (OTT. 98) per quanto riguarda gli apparecchi ad accumulo a gas per uso sanitario L'isolamento termico dell'apparecchio è realizzato in schiuma di poliuretano espanso senza CFC e HCFC Tutte le operazioni di seguito descritte dovranno essere eseguite da personale qualificato, dotato della necessaria attrezzatura e nel rispetto delle normative e dei regolamenti in vigore. Per l Italia le norme da rispettare sono le UNI-CIG 7129 (Gen. 1992) e successivi aggiornamenti e le UNI-CIG 7131 (Ed. Gen. 1999) 1.4. L'apparecchio deve essere installato ed utilizzato in ambienti ben ventilati conformemente alle regolamentazioni in vigore. (L. 46/90) 1.5. Per l'italia vengono di seguito riportate alcune AVVERTENZE SULLA INDISPENSABILITÀ DELLA VENTILAZIONE DEL LOCALE DI INSTALLAZIONE, SUI MEZZI PER REALIZZARLA PREVISTI DALLE NORME UNI 7129 E UNI 7131 E SULL IMPORTANZA DI NON IMPEDIRNE IL FUNZIONAMENTO E indispensabile che nei locali in cui sono installati apparecchi a gas di tipo B possa affluire almeno tanta aria quanto ne viene richiesta dalla regolare combustione del gas e dalla ventilazione del locale. E opportuno ricordare che la combustione di 1 m 3 di gas richiede circa i seguenti volumi di aria: gas manifatturato 5 m 3 ; gas naturale 11 m 3 ; GPL 30 m L afflusso dell aria deve avvenire per via diretta attraverso: aperture permanenti praticate sulle pareti del locale da ventilare che danno verso l esterno; condotti di ventilazione, singoli oppure collettivi ramificati; Per quanto riguarda la ventilazione naturale diretta attraverso pareti esterne del locale da ventilare si ricorda che tali aperture devono rispondere ai seguenti requisiti: avere sezione libera totale netta di passaggio di almeno 6 cm 2 per ogni KW di portata termica installata, con un minimo di 100 cm 2 ; essere realizzata in modo che le bocche di apertura, sia all interno che all esterno della parete, non possano venire ostruite; essere protette con griglie, reti metalliche, ecc., in modo peraltro di non ridurre la sezione utile sopra indicata; essere situate ad una quota prossima al livello del pavimento e tali da non provocare disturbo al corretto funzionamento dei dispositivi di scarico dei prodotti della combustione; ove questa posizione non sia possibile si dovrà aumentare del 50% la sezione delle aperture di ventilazione. 1

4 1.6. Prima di procedere all'installazione verificare che l'apparecchio corrisponda al modello richiesto e che il gas di rete corrisponda a quello di predisposizione indicato sull'etichetta posta sull apparecchio. Controllare, inoltre, che durante il trasporto non siano state modificate la posizione di montaggio iniziale del turbolatore, del tirante di sostegno e dell aggancio. 2. INSTALLAZIONE Sistemare l apparecchio a pavimento e verificare che risulti in posizione verticale agendo se necessario ad un opportuno livellamento. Si raccomanda di lasciare una zona libera sul fronte dell apparecchio di almeno 500 mm per facilitare le operazioni di montaggio, regolazione e controllo. Assicurarsi, inoltre, di non ostruire i fori di passaggio aria. Per i pesi e le dimensioni vedere la Tabella 1 e le Figure 1B e 1C a seconda del modello. Per ridurre al minimo la dispersione termica è consigliabile interporre tra il pavimento e l apparecchio un pannello isolante di adeguato spessore e dimensioni oltre che di adeguate caratteristiche di resistenza al calore e al fuoco ALLACCIAMENTO ALLA RETE IDRICA L'allacciamento alla rete idrica va eseguito utilizzando tubi da ¾. La pressione massima di rete non deve essere superiore ad 8 bar. Avvitare sul tubo di entrata dell'acqua, posto sulla destra dell'apparecchio e contrassegnato mediante una rosetta di colore blu, il gruppo di sicurezza idraulico (non in dotazione) che deve essere corrispondente alla EN 89 e deve essere costituito da: a) un rubinetto di intercettazione; b) una valvola di ritegno; c) un dispositivo di controllo della valvola di ritegno; d) valvola di sicurezza; e) un dispositivo di scarico. Dopo aver montato il gruppo di sicurezza, e prima del collegamento con l'apparecchio far scorrere acqua dalla tubazione di alimentazione per eliminare eventuali corpi estranei (sabbia, trucioli, canapa, ecc.) che potrebbero impedire il corretto funzionamento del gruppo di sicurezza. Collegare i tubi dello scaldabagno alle tubazioni dell'impianto. Si ricorda che i tubi dello scaldacqua sono contrassegnati come segue: - Rosetta blu: acqua fredda; - Rosetta rossa: acqua calda; - Etichetta adesiva: Scarico; - Etichetta adesiva: Ricircolo. Si consiglia di collegare lo scarico della valvola di sicurezza presente nel gruppo idraulico con una corrispondente tubazione di scarico tramite imbuto a sifone per raccogliere l'acqua di espansione che fuoriesce durante la fase di riscaldamento dell'apparecchio. In presenza di acqua dura con un valore di durezza >20 TH (dove 1 TH=grado francese=10mg CaCo 3 /l) si consiglia l'installazione di un addolcitore o dispositivo analogo per ridurre la formazione di calcare all'interno della caldaia. Si fa presente che in caso di installazione nella rete di un addolcitore o altri dispositivi assimilabili a valvole di non ritorno è necessario installare un vaso di espansione con capacità non inferiore al 5% di quella nominale dell'apparecchio riscaldante 2.2. COLLEGAMENTO A CAMINI E/O CANNE FUMARIE L'apparecchio deve essere obbligatoriamente collegato a camini o canne fumarie di sicura efficienza in modo da realizzare lo scarico dei prodotti della combustione all'esterno. Tale collegamento deve essere effettuato mediante tubo di diametro min. pari a 80 mm e lunghezza min. pari a 500 mm di adeguate caratteristiche che va inserito nella cappa fumi situata sopra l apparecchio. In Tabella 3 sono riportati la portata della massa dei fumi e la relativa temperatura. La cappa fumi situata sopra lo scaldabagno non deve essere eliminata, modificata o sostituita perché è parte integrante del dispositivo di combustione dell'apparecchio. Per l'installazione, dopo aver sfondato mediante leggera pressione con punteruolo i fori pre-tranciati sul fondo esterno superiore dello scaldacqua, basta appoggiare la cappa fumi nei fori predisposti come sopra descritto. Sulla cappa fumi è fissato il dispositivo di controllo scarico prodotti della combustione DCF (vedi Fig. 2B e 2C). Per le istruzioni in merito si rimanda al paragrafo 6. L'evacuazione dei fumi deve essere effettuata in osservanza delle norme vigenti in materia. L'installatore qualificato si assume la piena responsabilità della corretta applicazione delle predette norme. 2

5 2.3. ALLACCIAMENTO GAS L'allacciamento della tubazione del gas con l apparecchio (vedi Fig 2B e 2C) deve essere effettuato con tubo zincato avente diametro ½ " gas o tubo di rame equivalente. Si consiglia di inserire a monte della valvola gas un rubinetto di arresto. In caso di alimentazione con gas della III a Famiglia Gruppo 3+ (G 30 - G31) è necessario installare un riduttore di pressione tarato al valore corrispondente al gas disponibile come indicato nell'etichetta applicata all'apparecchio e riportato nella Tabella 2. Note sulla sigillatura: E vietato manomettere eventuali componenti (valvola gas e raccordi gas su valvola) sigillati in fabbrica sia durante le fasi di installazione dell apparecchio che di trasformazione con gas diverso da quello di predisposizione. 3. ISTRUZIONI PER IL FUNZIONAMENTO CON GAS DIVERSO DA QUELLO DI PREDISPOSIZIONE Gli apparecchi vengono forniti idonei al funzionamento con gas metano (G20) alla pressione di rete di 20 mbar così come è riportato sull'etichetta adesiva applicata sull'apparecchio. Nessuna regolazione e/o sostituzione di ugelli è in questo caso necessaria. Nel caso si dovesse procedere alla trasformazione per gli altri tipi di gas previsti, indicati nella Tabella 2, si raccomanda di far eseguire tale operazione a personale qualificato, utilizzando solo pezzi originali forniti dal Rivenditore o dalla Casa Costruttrice e comunque sempre seguendo con molta cura e attenzione le modalità di seguito riportate. Al termine dell'operazione l'etichetta adesiva esterna applicata in Fabbrica deve essere sostituita con quella in dotazione che identifica il gas di nuova predisposizione con la relativa pressione di utilizzo. Elenco delle operazioni da effettuarsi per la trasformazione per altri tipi di gas: 3.1. Apparecchi modello 115 e Sostituzione Ugello Bruciatore Svitare l'ugello bruciatore (Fig. 2B) con una chiave da 13 e sostituirlo con quello avente diametro corrispondente al gas utilizzato come indicato nell'etichetta applicata sull'apparecchio e riportato in Tabella Sostituzione Ugello Fiamma Pilota Sostituire l'ugello fiamma pilota (Fig. 3B pos. c) togliendo il tappo (Fig. 3B pos.b) e la relativa guarnizione con quello avente diametro corrispondente al gas utilizzato come indicato nell'etichetta applicata sull'apparecchio e riportato nella Tabella 1. L'ugello deve essere avvitato fino in fondo. Al termine rimontare il tappo e la relativa guarnizione controllando che non vi siano perdite di gas. In caso di irregolarità della fiamma pilota bisogna regolare l'afflusso di aria agendo con un cacciavite (Fig. 3B pos. a) negli intagli del regolatore d'aria in modo da aprire più o meno le luci di presa d'aria Regolazione Valvola Gas (SIT AC3) Per il funzionamento con gas metano G20 e con gas GPL (G30-31) non occorre eseguire nessuna regolazione della valvola. Nota Bene: Per il funzionamento con gas metano G20 la pressione all ugello/bruciatore è la medesima di quella della rete di alimentazione (vedi Tabella 2) essendo disattivato il regolatore di pressione. Per il gas GPL (G30-31) è invece obbligatorio escludere il regolatore di pressione sulla valvola gas. 3

6 3.2. Apparecchio modello Estrazione Bruciatore Per la sostituzione degli ugelli del bruciatore e del pilota necessari al funzionamento con gas diverso da quello di taratura è necessario procedere all estrazione del bruciatore che forma un gruppo monoblocco con la valvola gas. Le operazioni da effettuarsi sono le seguenti (vedi Fig. 2C): a) chiudere il rubinetto della rete di alimentazione gas nel caso l apparecchio fosse già installato; b) togliere la mascherina coprivalvola (pos.6) svitando le 4 viti mediante un cacciavite a croce; c) sfilare il cavo dell accensione piezoelettrica dell accenditore (pos. 7); d) svitare il dado con il bicono (pos. 8) dal raccordo della tubazione di alimentazione gas con chiave da 17; e) svitare la vite (pos. 9) di fissaggio della valvola gas al basamento usando chiave da 10; f) allontanare per circa 50 mm il gruppo valvola-bruciatore dal basamento affinché l appendice (pos.10) del supporto bruciatore fuoriesca dal cavallotto di ritegno (pos. 11); g) ruotare il gruppo valvola-bruciatore e sfilarlo dal basamento quanto basta affinché sia possibile la sostituzione degli ugelli del bruciatore (pos. 12) e del pilota (pos. 13). Fare attenzione a non sfilare la sonda con capillare (pos. 14), bloccata tramite una molla di ritegno (pos. 15) dal tubo (pos. 16) nel quale è infilata perché l eventuale modifica della posizione del bulbo altera la temperatura dell acqua in accumulo; h) il successivo rimontaggio deve essere eseguito ripetendo al contrario le operazioni sopra descritte avendo cura di non danneggiare con urti l accenditore piezoelettrico (pos.17) e di stringere senza forzare il raccordo del tubo gas (pos. 18). Nota: qualora fosse necessario sfilare la sonda con capillare da tubo si raccomando di rimontarla in modo che sia introdotta correttamente nel tubo (pos ) Regolazione Valvola Gas (EUROSIT con regolatore di pressione) Per il funzionamento con gas metano G20 e con gas GPL (G30-G31) non occorre eseguire nessuna regolazione della valvola. Il riduttore di pressione (RP) è disattivato. 4. ISTRUZIONI PER L'ACCENSIONE E LO SPEGNIMENTO. Nota: prima di mettere in funzione l'apparecchio accertarsi che sia pieno di acqua e che non vi siano perdite di gas (utilizzare a tale scopo schiuma saponosa o altri metodi). Non usare fiamme libere Apparecchi Dotati di Valvola Gas Tipo AC3 (Figura 5A) Accensione Ruotare la manopola di comando M in posizione, premerla e mantenerla premuta a fondo; Accendere il bruciatore pilota ed attendere qualche secondo. La termocoppia, riscaldata dalla fiamma pilota, genera entro pochi secondi una corrente sufficiente a mantenere attratto il gruppo magnetico di sicurezza. Nei modelli dotati di accensione piezoelettrica l accensione del bruciatore avviene premendo ripetutamente il pulsante dell accensione piezoelettrica dell apparecchio fino ad accensione avvenuta. Rilasciare la manopola M assicurandosi che la fiamma pilota rimanga accesa Funzionamento Normale Ruotare la manopola di comando M in posizione. Una volta rilasciata, la manopola ruoterà automaticamente in posizione. Ruotare la manopola T in corrispondenza del valore di temperatura desiderato. (A manopola ruotata completamente in senso antiorario corrisponde la massima temperatura) Spegnimento Ruotare la manopola M in posizione. 4

7 4.2. Apparecchi Dotati di Valvola Gas Tipo EUROSIT (Figura 5B) Accensione Ruotare la manopola di comando S in posizione, premerla e mantenerla premuta a fondo; Accendere il bruciatore pilota ed attendere qualche secondo. La termocoppia, riscaldata dalla fiamma pilota, genera entro pochi secondi una corrente sufficiente a mantenere attratto il gruppo magnetico di sicurezza. Questo modello è dotato di accensione piezoelettrica e l accensione del bruciatore avviene premendo ripetutamente il pulsante dell accensione piezoelettrica dell apparecchio fino ad accensione avvenuta. Rilasciare la manopola S assicurandosi che la fiamma pilota rimanga accesa Funzionamento Normale Ruotare la manopola S in corrispondenza del valore di temperatura desiderato. (A manopola ruotata completamente in senso antiorario corrisponde la massima temperatura) Spegnimento Ruotare la manopola S in posizione. AVVERTENZA: dopo lo spegnimento del bruciatore pilota la corrente generata dalla termocoppia mantiene ancora attratto il gruppo magnetico di sicurezza per un tempo di sec. Attendere almeno tre minuti prima di ripetere la manovra di accensione. 5. LIMITATORE DI SOVRATEMPERATURA (ECO). Impedisce il surriscaldamento dell'acqua in caso di mancato intervento del termostato. E' costituito (vedi Figura 6) da un interruttore K in serie al circuito elettrico di termocoppia. Se la temperatura dell'acqua supera i 94 C l'interruttore K si apre, la corrente termoelettrica si interrompe e l'otturatore E chiude il passaggio del gas al bruciatore pilota ed al bruciatore principale. AVVERTENZA: per rimettere in funzione l'apparecchio è necessario attendere che l'interruttore K sia tornato in posizione di chiusura (temperatura dell'acqua inferiore a 50 C circa). 6. DISPOSITIVO DI CONTROLLO EVACUAZIONE FUMI (DCF) La funzione del dispositivo di controllo scarico prodotti combustione (di seguito denominato DCF) è di interrompere il flusso di gas in caso di anomalie durante lo scarico dei prodotti della combustione Descrizione del funzionamento Il dispositivo DCF fissato sulla cappa fumi è costituito da un termostato avente taratura fissa dotato di un contatto collegato in serie tra la termocoppia ed il gruppo magnetico della valvola di comando gas. Se lo scarico dei prodotti della combustione avviene regolarmente, la temperatura della superficie della cappa fumi, sulla quale è fissato il DCF, risulta inferiore alla temperatura di taratura ed il contatto resta chiuso. Se invece lo scarico dei fumi è impedito totalmente o parzialmente, la cappa fumi subisce un aumento di temperatura dovuto al trabocco dei medesimi verso l'ambiente; in tal caso si apre il contatto del DCF con conseguente chiusura della valvola gas e spegnimento fiamme Attivazione del DCF. L'apparecchio viene fornito con i cavi elettrici già inseriti e collegati al raccordo della termocoppia sulla valvola gas. Le estremità opposte sono dotate di faston protetti che vanno inseriti, al montaggio, nei corrispondenti faston del termostato (DCF) già fissato sulla cappa fumi per mezzo di due viti. In caso di sostituzione del DCF è necessario usare solo pezzi originali aventi le caratteristiche stabilite richiedendoli direttamente al costruttore o ai rivenditori autorizzati. AVVERTENZA: per rimettere in funzione l'apparecchio dopo l'intervento del DCF è necessario attendere alcuni minuti per consentire il raffreddamento della cappa fumi ed il riarmo del DCF. In caso di interventi continuativi del dispositivo è necessario far verificare il corretto tiraggio del camino da personale qualificato. E' VIETATO DISINSERIRE O MANOMETTERE IL DISPOSITIVO DI CONTROLLO DELLO SCARICO DEI PRODOTTI DELLA COMBUSTIONE (DCF). 5

8 7. USO E MANUTENZIONE Verificare che i rubinetti dell'acqua calda siano a tenuta perché il loro gocciolamento comporta uno spreco di acqua, un inutile consumo di gas ed un dannoso aumento della temperatura dell'acqua in caldaia. Dopo l'installazione e le regolazioni è possibile che il bruciatore possa risultare spostato rispetto alla posizione originale. Si consiglia di verificare che il bruciatore sia in asse con il tubo fumi e la camera di combustione. E' consigliabile procedere, almeno una volta all'anno, ad una completa pulizia del condotto fumi. Per fare cio' è necessario togliere la cappa fumi, estrarre il turbolatore e smontare il bruciatore. Nel fase di rimontaggio è necessario controllare che tutti i componenti siano nella posizione indicata in Figura 2B e 2C. Prima di mettere in funzione l'apparecchio si raccomanda di verificare la tenuta del circuito del gas. Se l'apparecchio dovesse rimanere spento per lungo tempo si consiglia: Il completo svuotamento (soprattutto nel caso di locali soggetti al gelo); Il totale spegnimento delle fiamme; la chiusura del rubinetto del gas posto sulla tubazione di alimentazione. Per i modelli a basamento la sostituzione dell anodo posto sul fondo superiore lato cappa fumi avviene togliendo il tappo di plastica e svitando il tappo con cava esagonale da 12 mm. Dopo la sostituzione si consiglia di rimontare il tutto utilizzando per la tenuta Loctite tipo 572 o analoga. IMPORTANTE Prima di effettuare le operazioni sopra descritte si consiglia di approvigionarsi dei materiali di ricambio presso i rivenditori autorizzati o direttamente alla Casa Costruttrice. Quantità insufficiente o mancanza di acqua calda 8. MISURE DA ADOTTARE IN CASO DI ANOMALIE DI FUNZIONAMENTO Difetto Possibile Causa Rimedio Odore di gas Chiudere immediatamente il rubinetto principale del gas, Non accendere né fuoco né luce, non azionare interruttori o suonerie. Aprire le finestre. Chiamare subito la società distributrice del gas o il Vs. installatore. Bruciatore pilota sporco Pulire il bruciatore della fiamma pilota Canna fumaria ostruita Ricercare la causa e porvi rimedio Termostato di sicurezza (ECO) Posizionare la manopola di regolazione della temperatura in La spia si spegne posizione più bassa Termocoppia difettosa Sostituire la termocoppia Mancanza di contatto alla estremità Ristabilire il contatto della termocoppia Mancanza di alimentazione del gas Aprire il rubinetto del gas Regolazione temperatura troppo bassa Posizionare la manopola di regolazione della temperatura in posizione più alta La manopola si trova sulla posizione Ruotare completamente a destra la manopola di regolazione spia accesa della temperatura; posizionare la manopola di comando su ( ); posizionare la manopola di regolazione della temperatura sulla posizione richiesta. La manopola di comando si trova su Mettere l apparecchio in funzione Perdite ( ) Interruzione dell alimentazione del gas per l intervento del dispositivo (DCF) Mancanza di alimentazione del gas Interruzione dell alimentazione del gas per l intervento del termostato di sicurezza (ECO) Rimettere in funzione l apparecchio. Se il difetto si ripresenta sovente chiedere l intervento dell installatore Aprire il rubinetto del gas e mettere in funzione l apparecchio Posizionare la manopola di regolazione nella posizione più bassa e riaccendere il pilota. Accumulo acqua calda esaurito Ridurre il consumo di acqua calda. L apparecchio deve avere il tempo di riscaldare l acqua. Causa sconosciuta Ruotare la manopola di comando su ( ). Chiudere il rubinetto del gas e chiudere l intervento dell installatore Tenuta insufficiente dei raccordi Stringere meglio i raccordi dell acqua (filettature) Perdite da altri apparecchi o Ricercarne le cause. condutture vicine 6

9 LEGENDA FIGURE A = Diametro Apparecchio B = Distanza appoggio-raccordi C = Interasse raccordi (entrata-uscita) D = Distanza appoggio-ingombro max E = Interasse raccordi - serpentino F = Distanza raccordi-serpentino G = Distanza raccordi muro H = Altezza totale apparecchio I = Distanza appoggio-scarico L = distanza appoggio-ricircolo 1 = Raccordo di entrata 2 = Raccordo di uscita 3 = Ricircolo 4 = Scarico 5 = raccordi serpentino 6= raccordi allacciamento gas FIGURA 1C APPARECCHIO A BASAMENTO TIPO 200 FIGURA 1B APPARECCHIO A BASAMENTO TIPO

10 8

11 9

12 10

13 FIGURA 3B Gruppo Fiamma Pilota per apparecchi FIGURA 4A Valvola Gas AC3 FIGURA 4B Valvola Gas Eurosit Manopola di comando M Pos. Pilota (Accensione) Pos. Bruciatore (funzionamento normale) Pos. Chiuso (Spegnimento) Manopola di predisposizione T della temperatura (manopola del termostato) FIGURA 5B Accensione per apparecchi con Valvola Eurosit FIGURA 5A Accensine per apparrecchi con Valvola AC3 11

14 Flusso gas Gruppo Magnetico Valvola gas Termocoppia FIGURA 6 SCHEMA COLLEGAMENTO ELETTRICO 12

15

16 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA Il GRUPPO GIONA S.p.A., dichiara sotto la propria responsabilità, che gli scaldacqua ad accumulo serie BASAMENTO A CAMERA APERTA TIRAGGIO NATURALE mod descritti nel seguente libretto sono rispondenti ai requisiti essenziali delle seguenti direttive Europee: GAD 90/396/CE PED art /23/CE Il Responsabile Marco GIONA La ditta declina ogni responsabilità per eventuali inesattezze contenute nelle presenti istruzioni dovute a errori di stampa o trascrizione, e si riserva eventuali variazioni senza obbligo di preavviso. Via Apollo XI, S. Maria di Zevio (VERONA) - ITALY Tel / (r.a.) Fax /

APPARECCHIO AD ACCUMULO A GAS VETROPORCELLANATO TIPO B11BS CATEGORIA 2H 3+ MOD. 300-500 A BASAMENTO ACCENSIONE PIEZOELETTRICA ED ELETTRONICA INDICE

APPARECCHIO AD ACCUMULO A GAS VETROPORCELLANATO TIPO B11BS CATEGORIA 2H 3+ MOD. 300-500 A BASAMENTO ACCENSIONE PIEZOELETTRICA ED ELETTRONICA INDICE Cod. 121712 agg. 28/10/2014 APPARECCHIO AD ACCUMULO A GAS VETROPORCELLANATO TIPO B11BS CATEGORIA 2H 3+ MOD. 300-500 A BASAMENTO ACCENSIONE PIEZOELETTRICA ED ELETTRONICA 1. AVVERTENZE 2. INSTALLAZIONE INDICE

Dettagli

GEP 11 SCALDA ACQUA A GAS 11 LITRI TIRAGGIO NATURALE. Istruzioni per l'installazione

GEP 11 SCALDA ACQUA A GAS 11 LITRI TIRAGGIO NATURALE. Istruzioni per l'installazione GEP 11 SCALDA ACQUA A GAS 11 LITRI TIRAGGIO NATURALE Istruzioni per l'installazione Prodotto / Produzione / Certificazione 1. Operazioni necessarie e misure di sicurezza prima dell installazione 2 2. Tabella

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica 6 720 605 025 IT (03.10) AL Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione piezoelettrica W 125-2 KV.. W 275-2 KV... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas:

Dettagli

CATEGORIA II 2H3+ TIPO B 11BS W 275-2 K V 1 E S...

CATEGORIA II 2H3+ TIPO B 11BS W 275-2 K V 1 E S... 6 720 605 025 PT 2000.03 Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica W 275-2 KV1 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica 6 720 606 716 (02.03) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto del gas

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica

Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica Per la vostra sicurezza Se avvertire odore di gas: WR 275-5 K.B... WR 350-5 K.B... WR 400-5 K.B... 6 720 605

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Forno a vapore a pressione DG 4064 / DG 4164 DG4064L/DG4164 L Leggere attentamente le istruzioni d'uso prima it-it di procedere al posizionamento, all'installazione e alla messa

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE. Scaldacqua a gas domestico a tiraggio naturale A_GP ACQUA CALDA SANITARIA SCALDACQUA A GAS A_GP

INFORMAZIONI TECNICHE. Scaldacqua a gas domestico a tiraggio naturale A_GP ACQUA CALDA SANITARIA SCALDACQUA A GAS A_GP Scaldacqua a gas domestico a tiraggio naturale A_GP INFORMAZIONI TECNICHE ACQUA CALDA SANITARIA SCALDACQUA A GAS A_GP 2 IT Norme per l installazione, l uso e la manutenzione SCALDABAGNO A GAS AD ACCUMULO

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria

Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria 6 720 606 714 (02.04) JS Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas con accensione a batteria WR11 E... Per la vostra sicurezza Se avvertite odore di gas: - Chiudete il rubinetto

Dettagli

MODELLO WR275-4K...B... WR350-4K...B... WR400-4K...B... NUMERO CE CE 0064 AR 0159 CATEGORIA II 2H3+ B 11 y B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D

MODELLO WR275-4K...B... WR350-4K...B... WR400-4K...B... NUMERO CE CE 0064 AR 0159 CATEGORIA II 2H3+ B 11 y B 11BS TIPO 23 D 31 V 23 D 31 V 23 D 6 720 605 391 (01 05) AL Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica WR 275-4 K B WR 350-4 K B WR 400-4 K B Per la vostra sicurezza Se avvertire odore

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO 24 AVVERTENZE PER LA MESSA IN SERVIZIO DELL'APPARECCHIO La prima accensione va effettuata da personale professionalmente abilitato (ad esempio i Centri Assistenza autorizzati

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO... 3 1.2 DATI TECNICI... 4

1.1 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO... 3 1.2 DATI TECNICI... 4 INDICE SEZIONE 1 AVVERTENZE GENERALI... 2 1.1 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO E PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO... 3 1.2 DATI TECNICI... 4 SEZIONE 2 INSTALLAZIONE DELL APPARECCHIO... 5 2.1 SEQUENZA DI INSTALLAZIONE...

Dettagli

MODELLO LM 10 PVH.I LM 13 PVH.I LM 16 PVH.I B 11BS

MODELLO LM 10 PVH.I LM 13 PVH.I LM 16 PVH.I B 11BS 6 720 606 477 (01 07) JS Istruzioni di installazione ed utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica a batteria LM 10 PVH I LM 13 PVH I LM 16 PVH I Per la vostra sicurezza Se avvertite

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

Manuale utente per il modello

Manuale utente per il modello Manuale utente per il modello RBS 24 Elite Caldaia murale istantanea con scambiatore integrato CE 0694 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate (PU) ITALY RBS 24 - RAD - ITA - MAN.UT

Dettagli

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 5 AR LM 10 LM 13 LM 16 NUMERO CE 0064 AS 0030 CE 0064 AS 0031 CATEORIA II 2H3+ B 11BS TIPO

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 5 AR LM 10 LM 13 LM 16 NUMERO CE 0064 AS 0030 CE 0064 AS 0031 CATEORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 6 720 605 312 PT 2000.02 LM5AR LM10 LM13 LM16 Istruzioni per l'installazione e l'utilizzo Scaldabagni istantanei a gas Apparecchi consegnati senza miscelatore modello e brevetti depositati 1 Dati tecnici

Dettagli

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.

Manuale utente RSF 20 /S. per il modello. Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113. Manuale utente per il modello RSF 20 /S Caldaia murale istantanea a gas a camera stagna CE 0694 RSF 20_S - RAD - ITA - MAN.UT - 0113.1-40-00068 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A. Montelabbate

Dettagli

Istruzioni per la trasformazione gas

Istruzioni per la trasformazione gas Istruzioni per la trasformazione gas Caldaie combinate a gas e caldaie a gas con bollitore integrato CGU-2-18/24 CGG-2-18/24 CGU-2K-18/24 CGG-2K-18/24 Wolf GmbH Postfach 1380 84048 Mainburg Tel. 08751/74-0

Dettagli

Scaldabagno istantaneo a gas, a tiraggio forzato, con camera stagna

Scaldabagno istantaneo a gas, a tiraggio forzato, con camera stagna Istruzioni di installazione e modalità d uso Scaldabagno istantaneo a gas, a tiraggio forzato, con camera stagna WR 250-1 AM..E.. WR 325-1 AM..E.. 6 720 605 072 PT 1999.01 Per la vostra sicurezza Se avvertite

Dettagli

Istruzioni di Manutenzione

Istruzioni di Manutenzione Istruzioni di Manutenzione caldaia a condensazione COB COB-CS solo riscaldamento con bollitore a stratificazione Wolf GmbH Postfach 1380 84048 Mainburg Tel. 08751/74-0 Fax 08751/741600 Internet: www.wolf-heiztechnik.de

Dettagli

Corso di Assistenza Tecnica Generatori d aria calda a gas

Corso di Assistenza Tecnica Generatori d aria calda a gas Corso di Assistenza Tecnica Generatori d aria calda a gas 1 Rev. No. 0 July 21 st, 2010 Gamma KID KID 10 ME KID 15 ME KID 30 ME/AE KID 40 ME/AE KID 60 ME/AE KID 80 ME/AE 2 ARG ARG 100 ME/AE 3 AR AR 55

Dettagli

Cod. 252.188.00 MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ Cod. 252.167.01

Cod. 252.188.00 MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ Cod. 252.167.01 ~ ~ Cod. 252.188.00 Cod. 252.167.01 CUCINE CUCINE A GAS CON FORNO SERIE MAXI 9 MOD. 65-110 CFGG IT - CAT. II 2H3+ 0049 INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" 2.1 Rispondenza alle Direttive

Dettagli

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale SUPER SIRIO Vip Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale Libretto istruzioni Installatore Utente Tecnico 1. Pompa di circolazione. Le caldaie serie Super Sirio Vip

Dettagli

IVEN 04 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE RTN 24 - RTFS 24 - RTFS 28 CTN 24 F - CTFS 24 F - CTFS 28 F. 00332371-1 a edizione - 03/06

IVEN 04 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE RTN 24 - RTFS 24 - RTFS 28 CTN 24 F - CTFS 24 F - CTFS 28 F. 00332371-1 a edizione - 03/06 IVEN 04 RTN 24 - RTFS 24 - RTFS 28 CTN 24 F - CTFS 24 F - CTFS 28 F 00332371-1 a edizione - 03/06 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE IT Indice INDICE 1 Simbologia utilizzata nel manuale... 2 2 Uso conforme

Dettagli

7214 0100 02/2005 IT(IT)

7214 0100 02/2005 IT(IT) 7214 0100 02/2005 IT(IT) Per l operatore Istruzioni per l uso Caldaia a gas a condensazione Logamax plus GB022-24/24K Leggere attentamente prima dell uso Importanti indicazioni d uso di carattere generale

Dettagli

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr.

Modell 1256 03.0/2011. www.viega.com. Art.-Nr. Modell 1256 03.0/2011 Art.-Nr. 684112 560725 Fonterra Kleinflächenregelstation A 2 Fonterra Kleinflächenregelstation B C D E F G 3 Istruzioni per l uso della stazione di regolazione per superfici ridotte

Dettagli

STUFE A GAS. Mod. 1.62 AS Q. Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q ISTRUZIONI

STUFE A GAS. Mod. 1.62 AS Q. Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q. Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q ISTRUZIONI STUFE A GAS Mod. 1.62 AS Q } Mod. 2.78 AS Q Mod. 2.98 AS Q 0051 Mod. 246 AS Q Mod. 316 AS Q } 0051 ISTRUZIONI per l'installazione, regolazione accensione e funzionamento L'installazione deve essere fatta

Dettagli

Cod. 252.191.00 FRIGGITRICE A GAS 22 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 22 90/80 FRG 22 110/40 FRG 22 IT CAT. II 2H3+

Cod. 252.191.00 FRIGGITRICE A GAS 22 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 22 90/80 FRG 22 110/40 FRG 22 IT CAT. II 2H3+ ~ ~ Cod. 252.191.00 FRIGGITRICE A GAS 22 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 22 90/80 FRG 22 110/40 FRG 22 IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a gas

Dettagli

Gentile cliente, Bongioanni spa

Gentile cliente, Bongioanni spa GX NE Gentile cliente, La ringraziamo per aver acquistato un prodotto Bongioanni. Questo libretto è stato preparato per informarla, con avvertenze e consigli, sulla installazione, il corretto uso e la

Dettagli

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl

< Apparecchiatura di controllo di fiamma > RIVELAZIONE FIAMMA BI ELETTRODO. SAITEK srl Serie CF3q < Apparecchiatura di controllo di fiamma > SAITEK srl www.saitek.it info@saitek.it Casalgrande (RE) ITALY Tel. +39 0522 848211 Fax +39 0522 849070 CONTROLLO DI FIAMMA SERIE C F 3 Q pag. 1 di

Dettagli

Cod. 252.190.01 FRIGGITRICE A GAS 13 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 13 90/80 FRG 13 110/40 FRG 13 IT CAT. II 2H3+

Cod. 252.190.01 FRIGGITRICE A GAS 13 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 13 90/80 FRG 13 110/40 FRG 13 IT CAT. II 2H3+ Cod. 252.190.01 FRIGGITRICE A GAS 13 LITRI - SERIE 9 LD MOD. 90/40 FRG 13 90/80 FRG 13 110/40 FRG 13 IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3.

Dettagli

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio

KDIX 8810. Istruzioni di montaggio KDIX 8810 Istruzioni di montaggio Sicurezza della lavastoviglie 4 Requisiti di installazione 5 Istruzioni di installazione 7 Sicurezza della lavastoviglie La vostra sicurezza e quella degli altri sono

Dettagli

DUA plus. 00332912-1 a edizione - 06/2008 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE

DUA plus. 00332912-1 a edizione - 06/2008 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE DUA plus 00332912-1 a edizione - 06/2008 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE IT INDICE Indice 1 Simbologia utilizzata nel manuale... 2 2 Uso conforme dell apparecchio... 2 3 Trattamento dell acqua... 2 4 Informazioni

Dettagli

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 10 H.. LM 13 H.. LM 16 H.. NUMERO CE CE 0064 AS 0032 CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO

Due tasselli e ganci per il fissaggio MODELLO LM 10 H.. LM 13 H.. LM 16 H.. NUMERO CE CE 0064 AS 0032 CATEGORIA II 2H3+ B 11BS TIPO 6 720 605 396 PT 2000.02 LM10H LM13H LM16H Istruzioni per l'installazione e l'utilizzo Scaldabagni istantanei a gas con accensione elettronica Apparecchi consegnati senza miscelatore modello e brevetti

Dettagli

AVVERTENZE E SICUREZZE

AVVERTENZE E SICUREZZE AVVERTENZE E SICUREZZE SIMBOLI UTILIZZATI NEL SEGUENTE MANUALE ATTENZIONE: indica azioni alle quali è necessario porre particolare cautela ed attenzione PERICOLO: VIETATO: indica azioni pericolose per

Dettagli

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOCROSSAL 300. per il personale specializzato

VIESMANN. Istruzioni di montaggio VITOCROSSAL 300. per il personale specializzato Istruzioni di montaggio per il personale specializzato VIESMANN Vitocrossal 300 Tipo CM3 Caldaia a gas a condensazione con bruciatore ad irraggiamento MatriX VITOCROSSAL 300 11/2014 Conservare dopo il

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Accessori 7 77 09 5-08/007 IT Lato circuito di riscaldamento Gruppo tubazioni per Logalux S5/S60 affiancato Logano plus GB5-8 Logano G5-5 Logano plus SB05 Per l installatore Leggere

Dettagli

Manuale utente RSA 28 /25. per il modello

Manuale utente RSA 28 /25. per il modello Manuale utente per il modello RSA 28 /25 Caldaia murale a camera stagna con accumulo CE 0694 RSA 28.25 - RAD - ITA - MAN.UT - 1304.1 - DIGITECH TR - MIAH6 Documentazione Tecnica RADIANT BRUCIATORI S.p.A.

Dettagli

Cod. 252.173.01 FRIGGITRICE A GAS 8 LITRI - SERIE 65 MOD. 65-40 FRG 65-70 FRG IT CAT. II 2H3+

Cod. 252.173.01 FRIGGITRICE A GAS 8 LITRI - SERIE 65 MOD. 65-40 FRG 65-70 FRG IT CAT. II 2H3+ ~ ~ Cod. 252.173.01 FRIGGITRICE A GAS 8 LITRI - SERIE 65 MOD. 65-40 FRG 65-70 FRG IT CAT. II 2H3+ INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature a gas 3. Schemi di installazione

Dettagli

Accessori scarico fumi per apparecchi

Accessori scarico fumi per apparecchi Accessori scarico fumi per apparecchi 6 720 606 436-00.1O ZW 23 AE JS Índice Índice Avvertenze 2 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto 2 1 Applicazione 3 1.1 Informazioni generali 3 1.2 Combinazione

Dettagli

Istruzioni di montaggio

Istruzioni di montaggio Istruzioni di montaggio Accessori Collegamento di tubi Logano G5 con Logalux LT300 Logano G5/GB5 con bruciatore e Logalux LT300 Per l installatore Leggere attentamente prima del montaggio. 6066600-0/00

Dettagli

NUOVA Ares / Ares CS 1 CARATTERISTICHE. Caldaie a basamento. La sigla NUOVA Ares CS identifica la gamma Immergas di

NUOVA Ares / Ares CS 1 CARATTERISTICHE. Caldaie a basamento. La sigla NUOVA Ares CS identifica la gamma Immergas di Caldaie a basamento La sigla NUOVA Ares CS identifica la gamma Immergas di caldaie a basamento per solo riscaldamento ambiente a camera stagna e tiraggio forzato. Tutte le NUOVA Ares CS uniscono i vantaggi

Dettagli

Cod. 252.257.00 MOD. 92 FRG-20 94 FRG-20 IT CAT. II 2 H3 + 92 FRG-20S 94 FRG-20S FRIGGITRICE A GAS 20 LITRI - SERIE 900 A

Cod. 252.257.00 MOD. 92 FRG-20 94 FRG-20 IT CAT. II 2 H3 + 92 FRG-20S 94 FRG-20S FRIGGITRICE A GAS 20 LITRI - SERIE 900 A ~ ~ Cod. 252.257.00 FRIGGITRICE A GAS 20 LITRI - SERIE 900 A MOD. 92 FRG-20 94 FRG-20 92 FRG-20S 94 FRG-20S IT CAT. II 2 H3 + 0051 INDICE 1. Avvertenze 2. Rispondenza alle direttive "CEE" per apparecchiature

Dettagli

... Istruzioni per l operazione di trasformazione gas. Caldaie Murali a gas. Camera aperta a tiraggio naturale, stagna a tiraggio forzato

... Istruzioni per l operazione di trasformazione gas. Caldaie Murali a gas. Camera aperta a tiraggio naturale, stagna a tiraggio forzato N GLA24-1H / N GLA28-1H / N GVA24-1H / N GVA28-1H... 6 720 610 311-01.1D Istruzioni per l operazione di trasformazione gas Caldaie Murali a gas Camera aperta a tiraggio naturale, stagna a tiraggio forzato

Dettagli

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali PRIME NEW Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali Ideale per la sostituzione di caldaie convenzionali La nuova gamma a condensazione Prime si articola in

Dettagli

PEGASUS 67 T/77 T/87 T/97 T/107 T

PEGASUS 67 T/77 T/87 T/97 T/107 T cod. 354E860 Rev. 00-04/04 354E860 PEGASUS 67 T/77 T/87 T/97 T/07 T ISTRUZIONI PER L USO L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE PEGASUS 67 T/77 T/87 T/97 T/07 T IT. AVVERTENZE GENERALI Leggere ed osservare

Dettagli

EASYLEV ISTRUZIONI D USO I BETRIEBSANLEITUNGEN. Cod. 71503505/0

EASYLEV ISTRUZIONI D USO I BETRIEBSANLEITUNGEN. Cod. 71503505/0 BETRIEBSANLEITUNGEN EASYLEV ISTRUZIONI D USO Cod. 71503505/0 ATTENZIONE!!! LE SEGUENTI OPERAZIONI E QUELLE EVIDENZIATE DAL SIMBOLO A LATO SONO SEVERAMENTE VIETATE A CHI UTILIZZA LA MACCHINA 1. CARATTERISTICHE

Dettagli

Note tecniche per l installazione

Note tecniche per l installazione Modelli R PV 32 R 32 PV 42 R 50 R Note tecniche per l installazione Importante Il libretto... L installazione... La prima accensione... Le riparazioni... La caldaia Biasi... È vietato... Il costruttore...

Dettagli

Istruzioni per l uso PIANO. Sommario. Installazione, 2-4 Posizionamento Collegamento elettrico

Istruzioni per l uso PIANO. Sommario. Installazione, 2-4 Posizionamento Collegamento elettrico Istruzioni per l uso PINO Italiano, 1 R rançais, 9 GB English,17 Sommario Installazione, 2- Posizionamento Collegamento elettrico DE Deutsch, 2 ES Espanol, Descrizione dell apparecchio, ccensione del piano

Dettagli

Scaldaqua. Note d impiego e Tecniche per l installazione

Scaldaqua. Note d impiego e Tecniche per l installazione Scaldaqua Note d impiego e Tecniche per l installazione 1 AVVERTENZA Questo libretto contiene dati ed informazioni destinati sia all utente che all installatore. Nello specifico l utente deve porre attenzione

Dettagli

SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO

SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO SCALDABAGNI A GAS MINI ISTRUZIONI PER L UTENTE IL CLIMA PER OGNI TEMPO Indice Regole fondamentali di sicurezza Pag. 5 Avvertenze generali 6 Conoscere lo scaldabagno MINI 8 Messa in servizio 9 Regolazione

Dettagli

PEGASUS F2 T ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO CALDAIA DI GHISA A GAS AD ALTO RENDIMENTO. mod. 51-68 - 85-102 OMOLOGATE

PEGASUS F2 T ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO CALDAIA DI GHISA A GAS AD ALTO RENDIMENTO. mod. 51-68 - 85-102 OMOLOGATE ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO PEGASUS F2 T CALDAIA DI GHISA A GAS AD ALTO RENDIMENTO mod. 51-68 - 85-102 Appr. nr. A 9503 T - 0085 AQ 0765 Cod. 35052/0-12/99 OMOLOGATE Vi ringraziamo

Dettagli

Accessori scarico fumi per apparecchi a camera stagna a tiraggio forzato. EUROLINE ZW 23-1 AE Axelia B GVM 23-1H

Accessori scarico fumi per apparecchi a camera stagna a tiraggio forzato. EUROLINE ZW 23-1 AE Axelia B GVM 23-1H Accessori scarico fumi per apparecchi a camera stagna a tiraggio forzato EUROLINE ZW 23-1 AE Axelia B GVM 23-1H (05.05) AL Índice Índice Avvertenze 2 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto 2 1 Applicazione

Dettagli

Istruzioni per l installazione

Istruzioni per l installazione Istruzioni per l installazione Opalia C 11 E - A/1 Opalia C 14 E - A/1 Sempre al tuo fianco Istruzioni per l installazione Indice 1 Avvertenze sulla documentazione pag 2 2 Descrizione dell apparecchio

Dettagli

FUTURIA N 15-25 MT. CALDAIA MURALE A GAS camera stagna, premiscelata a condensazione per riscaldamento MANUALE PER L UTENTE

FUTURIA N 15-25 MT. CALDAIA MURALE A GAS camera stagna, premiscelata a condensazione per riscaldamento MANUALE PER L UTENTE AZIENDA CERTIFICATA ISO 9001 CALDAIA MURALE A GAS A CONDENSAZIONE MANUALE PER L UTENTE Alla cortese attenzione del sig. INSTALLATORE: Consegnare il presente manuale d uso all UTENTE CALDAIA MURALE A GAS

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

MANUALE INSTALLATORE MANUALE INSTALLATORE. Idrabagno 11-14-17 AE. caldaie

MANUALE INSTALLATORE MANUALE INSTALLATORE. Idrabagno 11-14-17 AE. caldaie MANUALE INSTALLATORE MANUALE INSTALLATORE Idrabagno 11-14-17 AE 1 caldaie MANUALE INSTALLATORE AVVERTENZA Questo libretto contiene dati ed informazioni destinati sia all utente che all installatore. Nello

Dettagli

IH/HS 100.1 IH/HS 100.2 IH/HS 200.1 IH/HS 200.2 IH/HS 200.3

IH/HS 100.1 IH/HS 100.2 IH/HS 200.1 IH/HS 200.2 IH/HS 200.3 ORIZZONTALI INDUSTRIALI MOD. IH/AR ORIZZONTALI SCHEDA TECNICA GENERATORE DI ARIA CALDA PER IMPIANTI SPORTIVI IH/HS 100.1 IH/HS 100.2 IH/HS 200.1 IH/HS 200.2 IH/HS 200.3 nº 6660192 Aggiorn. 02/2008 INDICE

Dettagli

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18

Merloni Elettrodomestici. Manuale Tecnico di Incasso FORNI. Lingua Emissione/Edizione Pagina I 99-09-16/01 1-18 I 99-09-16/01 1-18 Indice 1 DIMENSIONI DI INGOMBRO E DI INCASSO 3 1.1 Forno da 60 cm 3 1.2 Maxiforno 4 2 INSTALLAZIONE FORNO DA INCASSO 5 3 DA INCASSO A GAS - REQUISITI PER L INSTALLAZIONE 6 4 FISSAGGIO

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE E IL FUNZIONAMENTO. KIT Mt

ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE E IL FUNZIONAMENTO. KIT Mt ISTRUZIONI PER L'INSTALLAZIONE E IL FUNZIONAMENTO KIT Mt Grazie per aver scelto un prodotto DOMUSA. All'interno della gamma dei prodotti DOMUSA avete scelto il kit per pavimenti radianti M t, un accessorio

Dettagli

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto

VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE. By C. Perissinotto VENTILAZIONE DEI LOCALI PER LA COMBUSTIONE STATO DELL ARTE A SEGUITO VARIAZIONI AVVENUTE NEGLI ANNI RIPORTIAMO UNA BREVE CRONISTORIA NORMATIVA ART. 5 COMMA 10 DPR 412 IN TUTTI I CASI DI NUOVA INSTALLAZIONE

Dettagli

SLBD. Note d impiego e Tecniche per l installazione

SLBD. Note d impiego e Tecniche per l installazione SLBD Note d impiego e Tecniche per l installazione WARNING AVVERTENZA Questo libretto contiene dati ed informazioni destinati sia all utente che all installatore. Nello specifico l utente deve porre attenzione

Dettagli

Istruzioni per l installazione e l utilizzo

Istruzioni per l installazione e l utilizzo Istruzioni per l installazione e l utilizzo Scaldabagno istantaneo a gas ARTU 11-14 ieb 1 AVVERTENZA Questo libretto contiene dati ed informazioni destinati sia all utente che all installatore. Nello specifico

Dettagli

02 Componenti per impianti solari pag.

02 Componenti per impianti solari pag. 02 02 Componenti per impianti solari pag. Miscelatore termostatico - Valvola di zona deviatrice - Raccordo 3 Pezzi 8 Gruppo solare 9 Valvola sfogo aria - Valvola di sicurezza - Disaeratore 62 Raccorderia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO TERMICO (Allegato alla dichiarazione di conformità o all attestazione di corretta esecuzione dell impianto a gas di cui al modello I allegato alla Delibera AEEG n 40/04)

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

KIT RIVELATORI DI GAS

KIT RIVELATORI DI GAS SEZIONE 4 KIT RIVELATORI DI GAS attivato guasto allarme sensore esaurito test Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. MT140-001_sez.4.pdf MT140-001 sez.4 1 INDICE SEZIONE 4 CONTROLLO

Dettagli

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso

6302 8758 06/2003 IT Per l utente. Istruzioni d uso. Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS. Si prega di leggere attentamente prima dell'uso 6302 8758 06/2003 IT Per l utente Istruzioni d uso Caldaia speciale a gasolio/gas Logano G215 WS Si prega di leggere attentamente prima dell'uso Indice 1 Per la vostra sicurezza.........................................

Dettagli

Caldaia murale a gas con piastra orizzontale

Caldaia murale a gas con piastra orizzontale Caldaia murale a gas con piastra orizzontale 6 0 60 09 I (00.0) OSW 99-./O 99-./O ZW /8- H A... ZW - H K... Indice Pagina Avvertenze Pannello di controllo 6 Messa in funzione dell apparecchio Controllare

Dettagli

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO

ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO ATTILA ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ED UTILIZZO Gentile Cliente la ringraziamo per aver scelto un nostro prodotto e la invitiamo a leggere attentamente quando di seguito riportato -Affidare l installazione

Dettagli

VICTRIX ZEUS 26 KW CALDAIA MURALE COMPATTA A CONDENSAZIONE CON BOILER INOX

VICTRIX ZEUS 26 KW CALDAIA MURALE COMPATTA A CONDENSAZIONE CON BOILER INOX VICTRIX ZEUS 26 KW CALDAIA MURALE COMPATTA A CONDENSAZIONE CON BOILER INOX VICTRIX Zeus 26 kw Caldaia murale ecologica a condensazione con boiler Inox da 45 litri Vantaggi modello: VICTRIX Zeus 26 kw Ideale

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

ALKON SLIM SCT. 00333398-2 a edizione - 11/2010 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE

ALKON SLIM SCT. 00333398-2 a edizione - 11/2010 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE ALKON SLIM SCT 00333398-2 a edizione - 11/2010 ISTRUZIONI D USO PER L UTENTE IT Indice INDICE 1 Simbologia utilizzata nel manuale... 3 2 Uso conforme dell apparecchio... 3 3 Trattamento dell acqua... 3

Dettagli

ALTAIR RTN T INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

ALTAIR RTN T INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE ALTAIR RTN T IT INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE IST 04 C 270-01 2 Signori, ringraziandovi per la preferenza accordataci nello scegliere e nell acquistare le nostre caldaie, Vi invitiamo a leggere con

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

BOLLITORI PENSILI CON SCAMBIATORE SPIROIDALE FISSO (Art. DE) ISTRUZIONI TECNICHE 1

BOLLITORI PENSILI CON SCAMBIATORE SPIROIDALE FISSO (Art. DE) ISTRUZIONI TECNICHE 1 BOLLITORI PENSILI CON SCAMBIATORE SPIROIDALE FISSO (Art. DE) Tutti i dati e le dimensioni riportati nel presente libretto non sono da considerarsi vincolanti, O.M.B. Srl si riserva la facoltà di apportare

Dettagli

W R 325-5 AM 1 E S...

W R 325-5 AM 1 E S... Istruzioni d installazione e modalità d uso Scaldabagno istantaneo a gas ad accensione elettronica, camera stagna e tiraggio forzato WR 250-5 AM1 E WR 325-5 AM1 E 6 720 605 967 (01 05) AL Per la vostra

Dettagli

BRAND NAME TELAIO DA INCASSO MANUALE DI INSTALLAZIONE IT IST 04 C 125-01

BRAND NAME TELAIO DA INCASSO MANUALE DI INSTALLAZIONE IT IST 04 C 125-01 BRAND NAME TELAIO DA INCASSO IT IST 04 C 125-01 MANUALE DI INSTALLAZIONE Signori, ringraziandovi per la preferenza accordataci nello scegliere e nell acquistare le nostre caldaie, Vi invitiamo a leggere

Dettagli

Istruzioni di montaggio e manutenzione

Istruzioni di montaggio e manutenzione 6301 9387 11/2001 IT Per i tecnici specializzati Istruzioni di montaggio e manutenzione Accumulatore-produttore d'acqua calda Logalux SF 300/3 Leggere attentamente prima di procedere al montaggio e alla

Dettagli

FUTURIA N 25 MC. CALDAIA MURALE A GAS camera stagna, premiscelata a condensazione per riscaldamento e sanitario MANUALE PER L UTENTE

FUTURIA N 25 MC. CALDAIA MURALE A GAS camera stagna, premiscelata a condensazione per riscaldamento e sanitario MANUALE PER L UTENTE AZIENDA CERTIFICATA ISO 9001 CALDAIA MURALE A GAS A CONDENSAZIONE MANUALE PER L UTENTE Alla cortese attenzione del sig. INSTALLATORE: Consegnare il presente manuale d uso all UTENTE CALDAIA MURALE A GAS

Dettagli

NOTE GENERALI PER L UTENTE E L INSTALLATORE

NOTE GENERALI PER L UTENTE E L INSTALLATORE Signori, ringraziandovi per la preferenza accordataci nello scegliere e nell acquistare le nostre caldaie, Vi invitiamo a leggere con attenzione queste istruzioni per il corretto modo di installazione,

Dettagli

Scaldabagni istantanei a gas minimaxx

Scaldabagni istantanei a gas minimaxx Istruzioni d'installazione ed utilizzo Scaldabagni istantanei a gas minimaxx WR 11-2.B.. WR 14-2.B.. WR 18-2.B.. Prima di effettuare la installazione dell'apparecchio leggere le istruzioni de installazione!

Dettagli

Scaldabagni istantanei a gas - FONTE AE/AP. Manuale di installazione e manutenzione

Scaldabagni istantanei a gas - FONTE AE/AP. Manuale di installazione e manutenzione Scaldabagni istantanei a gas - FONTE AE/AP Manuale di installazione e manutenzione SOMMARIO INTRODUZIONE.............................................................5 PANNELLO DI COMANDO.....................................................6

Dettagli

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA

GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA ST.01.01.00 GRUPPI DI RILANCIO PER LA REGOLAZIONE TERMICA Art. 2170 Gruppo di rilancio completo di: - Valvola miscelatrice con servocomando a 3 punti - Circolatore a tre velocità - Valvole d intercettazione

Dettagli

SIT 840-843-845 SIGMA

SIT 840-843-845 SIGMA SIT -3-5 SIGMA Dispositivo multifunzionale per apparecchi di combustione gas 9.955.1 1 Il contenuto è soggetto a modifiche senza preavviso Campo di applicazione Apparecchi domestici a gas quali: caldaie

Dettagli

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC

Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A. Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC Cod. 252.270.00 FRY TOP ELETTRICO SERIE 900A Mod. 92 FTE-L 92 FTE-R 92 FTE-LC 92 FTE-RC 94 FTE-L 94 FTE-LR 94 FTE-R 94 FTE-LC 94 FTE-LRC 94 FTE-RC INDICE Paragrafo Istruzioni per l'installazione 1 Rispondenza

Dettagli

Serie T15. Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F. Campi di applicazione. Regolazione. www.brandoni.it

Serie T15. Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F. Campi di applicazione. Regolazione. www.brandoni.it Riduttore di pressione ad azione diretta a pistone F/F Campi di applicazione ACQUA RISCALDAMENTO ACQUA POTABILE INDUSTRIA 230 I riduttori di pressione filettati F/F serie T15 sono adatti alla riduzione

Dettagli

CERACLASS ZW 24-2E LH AE. Accessori scarico fumi per apparecchi a camera stagna a tiraggio forzato 6 720 608 751 (2013/06) IT

CERACLASS ZW 24-2E LH AE. Accessori scarico fumi per apparecchi a camera stagna a tiraggio forzato 6 720 608 751 (2013/06) IT CERACLASS Accessori scarico fumi per apparecchi a camera stagna a tiraggio forzato ZW 24-2E LH AE 6 720 608 751 (2013/06) IT Indice Indice 1 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto/ Avvertenze...

Dettagli

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX Serie mod. da ø a ø MODELLI DISPONIBILI SOLO IN VERSIONE TRM u u u u SIGNIFICATO DELLE SIGLE IDENTIFICATIVE Recuperatore acqua

Dettagli

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata

IMPIANTI SOLARI. Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata IMPIANTI SOLARI Manuale installazione impianti solari a Circolazione forzata 1 IMPIANTI SOLARI 1. Schema Generale combinazioni impiantistiche per Sistemi Solari Tecnosolar Pannelli Solari Energia Solare

Dettagli

Istruzioni per la manutenzione

Istruzioni per la manutenzione Istruzioni per la manutenzione Caldaie murali a condensazione CGB-75 CGB-100 Caldaia solo riscaldamento Caldaia solo riscaldamento Wolf Italia S.r.l. Via 25 Aprile, 17 20097 S. Donato Milanese (MI) Tel.

Dettagli

Istruzioni d installazione ed utilizzo

Istruzioni d installazione ed utilizzo Istruzioni d installazione ed utilizzo LC 11/14/18 PVH... Prima di effettuare l installazione dell'apparecchio leggere le istruzioni di installazione! Prima di effettuare la messa in servizio leggere le

Dettagli

GRUPPO DI MISCELAZIONE in polimero CODICE PRODOTTO PME03-12P e PME03-12R

GRUPPO DI MISCELAZIONE in polimero CODICE PRODOTTO PME03-12P e PME03-12R GRUPPI DI MISCELAZIONE GRUPPO DI MISCELAZIONE in polimero CODICE PRODOTTO PME03-12P e PME03-12R IMPIEGO Il gruppo di miscelazione in polimero è un gruppo di regolazione che riunisce in un unico dispositivo

Dettagli

Istruzioni di installazione per il personale qualificato UX 15

Istruzioni di installazione per il personale qualificato UX 15 Istruzioni di installazione per il personale qualificato UX 15 CH Indice Indice 1 Significato dei simboli e avvertenze di sicurezza....................... 3 1.1 Spiegazione dei simboli presenti nel libretto...................

Dettagli

The Tube 40011167-1120. Installazione e manuale dell'utente

The Tube 40011167-1120. Installazione e manuale dell'utente The Tube 40011167-1120 IT Installazione e manuale dell'utente IT 1.1 A 1.1 B 1.1 C Vetro 1.2 A 1.2 B 1.2 C A 1.3 1 < < < < 1.5 1.6 1.7 2 < < < < 1 Introduzione Il Tube è destinato esclusivamente all'uso

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1

INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PARTE E INFORMAZIONI UTILI PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI A GAS 1 PREMESSA Cucinare, lavarsi o riscaldarsi: tanti piccoli gesti quotidiani, semplici e sicuri anche grazie al metano Proprio perché si tratta

Dettagli

C 004-03. Caldaie ad accumulo. calore amico

C 004-03. Caldaie ad accumulo. calore amico C 004-03 Caldaie ad accumulo 0049 calore amico N IAS è una serie di caldaie murali con produzione di acqua calda sanitaria ad accumulo, proposta in versione a camera aperta e a camera stagna con potenzialità

Dettagli

Manuale d uso. Caldaia a basamento a gas a condensazione SUPRAPUR KSBR 7-30 A 23 KBR 7-30 A 23 KBR 11-42 A 23 6 720 611 323 I (03.

Manuale d uso. Caldaia a basamento a gas a condensazione SUPRAPUR KSBR 7-30 A 23 KBR 7-30 A 23 KBR 11-42 A 23 6 720 611 323 I (03. Manuale d uso Caldaia a basamento a gas a condensazione SUPRAPUR $ % $ ' %! 4 KSBR 7-30 A 23 KBR 7-30 A 23 KBR 11-42 A 23 OSW Gentile Cliente, la ringraziamo per aver scelto una caldaia JUNKERS. Legga

Dettagli