RSU G.D e FIOM CGIL di Bologna. Piattaforma rivendicativa per il il rinnovo del

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RSU G.D e FIOM CGIL di Bologna. Piattaforma rivendicativa per il il rinnovo del"

Transcript

1 RSU G.D e FIOM CGIL di Bologna Piattaforma rivendicativa per il il rinnovo del CONTRATTO AZIENDALE G.D

2 SOMMARIO CONTRATTO NAZIONALE PERCORSO DEMOCRATICO... 3 PREMESSA... 4 POLITICA INDUSTRIALE... 7 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO Modello organizzativo Riorganizzazione G.D Gruppo COESIA Magazzino SALARIO Premio di Risultato e Salario consolidato Scatti di anzianità Premio turno Autocertificazione REGOLAMENTAZIONE TRASFERTE Parte Economica Parte Normativa / Logistica DIRITTI Orari Marcature e permessi Maternità e paternità Congedi parentali Diritti sindacali Rapporto G.D / dipendenti / territorio, sulle politiche sociali AMBIENTE, SALUTE, SICUREZZA, FORMAZIONE Ambiente, Salute e Sicurezza Accordo di Clima Formazione professionale OCCUPAZIONE E FILIERA... 25

3 CONTRATTO NAZIONALE 2008 Richiediamo che, per quanto non disciplinato dagli altri accordi aziendali ancora vigenti, mantenga piena operatività ed efficacia la normativa tutta contenuta nel CCNL del 20 gennaio L integrale contenuto del CCNL del 20 gennaio 2008 verrà considerato ed applicato dalle parti come la normativa collettiva che continuerà ad essere applicata - insieme agli accordi aziendali vigenti - nella disciplina dei rapporti di lavoro, nelle relazioni con le organizzazioni sindacali e nel riconoscimento dei diritti sindacali, fino al suo rinnovo con la sottoscrizione di un Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sottoscritto anche dalla FIOM-CGIL. 2

4 PERCORSO DEMOCRATICO Per garantire il massimo della trasparenza e del coinvolgimento dei lavoratori nella costruzione e nel sostegno della Piattaforma rivendicativa per il nuovo Integrativo Aziendale G.D, la RSU e la FIOM-CGIL Bologna, si impegnano in maniera vincolante, nel seguente percorso democratico: 1. La RSU e la FIOM-CGIL di Bologna discuteranno assieme ai lavoratori, in specifiche assemblee di area, una prima bozza di richieste rivendicative al fine di permettere agli stessi di integrare il testo con eventuali contributi. 2. La Piattaforma così definita, verrà illustrata in assemblea generale e sottoposta a referendum con scrutinio segreto, per la sua validazione. 3. Una volta approvata dai lavoratori, tale Piattaforma, per la RSU e la FIOM- CGIL di Bologna, diverrà l unico testo di discussione al tavolo di trattativa con l Azienda. 4. Nel corso della trattativa, la RSU e la FIOM-CGIL di Bologna, si impegnano a fornire un costante aggiornamento sull andamento della discussione, attraverso assemblee e comunicati. 5. L ipotesi di accordo a cui si perverrà, sarà sottoposta all approvazione dei lavoratori tramite referendum con scrutinio segreto, ed in caso di approvazione l accordo sarà validato e quindi sottoscritto dalla delegazione trattante. 3

5 PREMESSA Il 2008 ha segnato l inizio di quella che sembrava essere prevalentemente una crisi di natura finanziaria per gli Stati Uniti. In realtà tale crisi si è tramutata in una crisi del sistema produttivo, che si è rapidamente propagata nel resto del mondo. In Italia la crisi è stata prevalentemente scaricata sui lavoratori e sulle loro famiglie, sia con la chiusura degli stabilimenti, sia con un attacco frontale ai loro diritti e al loro salario. In questo senso il Contratto Nazionale separato dei metalmeccanici del 2009, ha creato la premessa per peggiorare la condizione di chi lavora in fabbrica. A peggiorare questo quadro, i firmatari di tale contratto, da settembre 2010, hanno iniziato a firmare accordi in deroga che hanno limitato ulteriormente i diritti, già per altro minati, dei lavoratori. E importante capire che indebolire attraverso le deroghe il CCNL, non solo si limitano i diritti e il salario comune di tutti i metalmeccanici, ma si deteriorano le prerogative della contrattazione aziendale se per tale contrattazione si intende, come lo intendono la FIOM e la RSU-G.D, un insieme di elementi di miglioramento rispetto alla contrattazione nazionale. Ma a pagare ancora più pesantemente questa crisi, sono i giovani precari e migranti, a cui viene precluso un futuro, gli anziani a cui vengono sempre più negate pensioni che gli consentano un tenore di vita dignitoso e le donne che in quanto tali, hanno subito percentuali altissime di cassa integrazione e mobilità. In questo quadro, la FIOM e la RSU-G.D ritengono, che sia necessaria una scelta radicale che porti a una minore tassazione complessiva dei lavoratori dipendenti, a una forte detassazione degli incrementi salariali dovuti al CCNL. Con quest ultimo aspetto vogliamo evidenziare, la nostra non condivisione rispetto a una detassazione che riguardi unicamente sia la prestazione individuale del lavoratore (straordinari e premi individuali), che una parzialmente collettiva cioè quella legata al premio di risultato. Ad avvalorare la nostra analisi, sono i dati pubblicati a Novembre 2010 dalla Banca d Italia che indicano come il numero di aziende che accedono alla contrattazione aziendale sia complessivamente calata se si comparano i decenni 4

6 e Se prendiamo infatti a riferimento le aziende italiane che, per quantità di lavoratori che vi operano, vanno per la maggiore, scopriamo che nel decennio le Aziende fra i 20 e 49 dipendenti che facevano contrattazione aziendale erano il 34,1%, mentre nel decennio sono calate al 21,1%. Per le Aziende tra i 50 e 199 dipendenti, la tendenza è stata la stessa, si è passati cioè dal 62,3% del decennio al 46,6% del decennio D altro canto la destrutturazione delle grandi aziende, in realtà più piccole e la stessa configurazione della filiera produttiva delle grandi aziende, limitano in maniera estremamente preoccupante, la possibilità di rivendicare diritti e salario per i lavoratori che ne fanno parte. Mentre tutto questo accade, ci troviamo sempre più ad affrontare situazioni di internazionalizzazione di aziende (e G.D sta diventando sempre più una di queste) che rendono e renderanno sempre più difficoltose, le relazioni sindacali: chi diventa l interlocutore con cui confrontarsi? Quali saranno di diritti ed il salario di riferimento? Per riuscire ad avere una prospettiva industriale, di salari, diritti e di stato sociale, il più uniforme possibile, è necessario cominciare ad elaborare un contratto sociale, atto ad unire realtà micro (es. le piccole aziende della filiera) con realtà macro (grandi aziende italiane e internazionali). La nuova vertenza aziendale che ci stiamo prepando ad affrontare, cade in un momento di forte ristrutturazione organizzativa e produttiva aziendale. La scelta effettuata da G.D a partire dal 2003, ossia, di un estrema frantumazione delle unità produttive (esperienza delle B.U) e la contemporanea convivenza di due modelli produttivi: quello tradizionale gestito per commesse e la produzione snella / Kanban, è stata di fatto affossata. C è un ripensamento in atto dovuto ad una serie di concause essenzialmente riconducibili ai seguenti aspetti:? Un aggravio complessivo dei costi legati alla somma di due modelli organizzativi presenti in G.D.? Il continuo contrarsi di un mercato del tabacco sempre più soggetto a leggi anti-fumo. 5

7 ? Una richiesta sempre più pressante da parte dei nostri clienti di tipologie di prodotti speciali.? Il diminuire complessivo della redditività delle macchine prodotte in tutte le gamme di velocità. Le rivendicazioni contenute in questa piattaforma mirano a trovare soluzioni che portino al recupero di una efficienza/efficacia organizzativa per un conseguente miglioramento della redditività delle macchine prodotte in G.D. Questo può avvenire solo attraverso un confronto aperto che sfidi l Azienda sullo sviluppo industriale complessivo, che dica in maniera chiara che la produttività la si recupera alzando l asticella degli investimenti e non, come purtroppo accade sempre più a livello nazionale, ridistribuendo miseria attraverso la deroga ai diritti e la compressione dei salari, secondo lo schema imposto da Confindustra e legittimato da alcuni Sindacati. Come RSU-G.D e FIOM-CGIL di Bologna, vogliamo invece un confronto che rimetta al centro della discussione la condizione del lavoratore in termini di diritti, salario e non ultimo, attraverso il suo costante sviluppo professionale. 6

8 POLITICA INDUSTRIALE Intendiamo sviluppare il tema in oggetto, su due direttrici:? Analisi tra quanto concordato nell integrativo G.D del 2007, scaduto il 31/12/2010 e quanto effettivamente applicato nel quadriennio di vigenza.? Analisi dei cambiamenti avvenuti in G.D nel quadriennio 2007/2010, al fine di produrre degli elementi rivendicativi al tavolo di trattativa. P U N T O U N O : La disamina dell Integrativo Aziendale del 2007, ha evidenziato le seguenti inadempienze rispetto a quanto concordato: Settore MAKER: Disatteso l impegno di un miglioramento di questo settore strategico, su tutte le gamme di velocità. Il rischio odierno, evidenziato anche dai tecnici di G.D-5, è quello di una perdita di competitività delle nostre macchine nei confronti del nostro concorrente più importante cioè HAUNI (Gruppo KORBER). Nel 2007 occupavamo una percentuale del mercato Maker pari al 36%, oggi all ordine del giorno pare esserci il rischio di un progressivo fuori mercato su tutte le gamme. Settore PACKER: Disatteso l impegno sull avvio di un progetto innovativo per la media velocità. L informativa industriale del 7 ottobre 2010, rimarca il fatto che la media velocità, continua ad essere il segmento di mercato dove maggiormente si concentrano le vendite G.D. Inoltre, a questo ritardo, non è corrisposto in questi anni, il completamento del progetto alta velocità (Serie 1000). In senso più generale, è stato disatteso l impegno all attivazione di un area RICERCA & SVILUPPO dedicata alle problematiche di innovazione nel Gruppo COESIA. 7

9 P U N T O D U E : Ci sono alcuni punti rilevanti su cui riteniamo si debba raggiungere un Accordo. 1.Sviluppo del prodotto : Le inadempienze contrattuali sopra citate, hanno sicuramente prodotto un danno a G.D rispetto all efficienza e all efficacia del sistema produttivo e cosa altamente preoccupante, un calo della redditività di alcune tipologie di macchine - quest ultimo aspetto ci è stato confermato dalla Direzione Aziendale durante l ultima Informativa Industriale che,ripetiamo, le sta progressivamente portando fuori mercato nel confronto con i nostri concorrenti storici (Hauni e Focke). L attivazione da parte di G.D di un analisi concreta sui costi delle nostre macchine attraverso il Design To Cost ha sicuramente un valore rilevante rispetto alla situazione progettuale e produttiva odierna. Non va inoltre dimenticato che da anni, il mercato del tabacco, causa soprattutto di leggi antifumo sempre più rigide, non è più in espansione ma è un mercato di sostituzione. Questo impone a G.D, un orientamento produttivo che comprenda nuove tipologie di prodotto legate al mercato del tabacco, compresi anche pacchetti speciali. Riteniamo che vadano accelerate senza indugio alcune scelte e introdotti nuovi elementi che consentano il monitoraggio di ciò che avviene, anche per evitare il ripetersi di alcune dannose anomalie produttive che hanno prevalentemente caratterizzato il periodo con un calo del differenziale tra ricavi e costi del 7%. 8

10 Per cui, Richiediamo la creazione di un gruppo lavoro RSU / Azienda che analizzi con cadenza periodica il quadro progettuale e produttivo complessivo G.D e che sia luogo non solo di informazione, ma anche di confronto e proposta. Esigiamo il rispetto di quanto concordato nell integrativo aziendale del 2007 per ciò che riguarda l avvio di un progetto di una Packer innovativa per il segmento della media velocità, che tenga anche in considerazione le evidenti potenzialità di due piattaforme tecnologiche quali il continuo e l alternato. Richiediamo, contestualmente, un rilancio sostenibile e su precise tempistiche di realizzazione, del segmento Packer alta velocità (Serie 1000). Esigiamo il rispetto di quanto concordato nell integrativo aziendale del 2007 per ciò che riguarda un impegno concreto e monitorabile, anche dalla RSU, che riguardi il rilancio del segmento Maker su tutte le gamme di velocità. Richiediamo di strutturare in maniera continuativa, una ricerca di mercato rivolta ai nostri clienti, con finalità che vadano sia nella direzione di proporre prodotti ed incarti speciali che di proporsi come riferimento privilegiato nella progettazione e produzione di macchine per incarti speciali ideati dai clienti stessi. 2.Ricerca & Sviluppo Ciò che ritenevamo importante nel 2007, cioè un unità di Ricerca e Sviluppo dedicata a tutta la tecnologia innovativa sviluppata e da sviluppare nel Gruppo 9

11 Coesia, lo è a maggior ragione oggi. Questo sia alla luce di una fase di redifinizione e razionalizzazione a livello COESIA di alcune Direzioni di funzioni, che per un oggettiva necessità di un luogo di sperimentazione, senza inficiare il corretto svolgimento delle attività produttive, si ponga il problema di immaginare il futuro del Gruppo COESIA. Pertanto, Richiediamo l avvio di un esperienza di Ricerca & Sviluppo proiettata a livello di Gruppo COESIA che abbia non solo l obiettivo di concepire innovazioni tecnologiche, ma che sia anche luogo di sperimentazione per modalità di lavoro innovative almeno per le principali aree aziendali: tecniche, produttive, logistiche. Riteniamo inoltre necessario rivisitare, in quel contesto, concetti quali (ed es.) la polifunzionalità, il lavoro in gruppo, le isole di lavoro. Richiediamo infine la creazione di un gruppo di lavoro RSU / Azienda, di natura informativa e propositiva, che analizzi periodicamente gli indirizzi e l evoluzione di quanto attuato in questo contesto. ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 1. Modello organizzativo I modelli organizzativi sono argomenti molto discussi negli ultimi anni, il loro valore è la base economica dei risultati delle aziende, possono quindi essere positivi o negativi. G.D non è esclusa da tali discussioni, infatti al suo interno se ne confrontano almeno due : quello tradizionale commesse/lotti con alcune funzioni lean e il kanban prima classico (high speed) e custom (maker) ; integrati entrambi in una organizzazione più ampia che ha da tempo radici nella globalizzazione dei 10

12 prodotti comprese le filiali estere sia commerciali che di produzione. La stessa G.D, è parte di un gruppo multinazionale, Coesia.I prodotti G.D, sono ad alta complessità, personalizzati e paragonabili secondo alcuni studi di caso per tecnologie/parti meccaniche, ad elicotteri e/o veicoli e sistemi non comuni. Entrando in una valutazione sui modelli organizzativi, si può oggi affermare che la tendenza comune verificata per entrambi (tradizionale e kanban) negli ultimi anni è stata verso l esternalizzazione delle attività e delle parti da produrre ; l esternalizzazione è da considerarsi sia esterna quanto interna: quella esterna ovviamente tutto fuori ma, anche quella interna è tale. Delegare infatti attività e operazioni interne a personale dipendente di altre aziende con sede di lavoro interna, è la stessa cosa, da questo punto di vista considerare uno dei due modelli vincente sull altro non ha senso. Modello tradizionale COMMESSE / LOTTI Negli anni le nuove esigenze dei clienti G.D - maturate in un contesto sempre più dominato da leggi anti-fumo che ridisegnano, riducendoli, gli spazi legati alla possibilità di pubblicizzare i prodotti legati al tabacco - hanno messo la parola fine alla produzione di decine di macchine tutte uguali. Ciò che è rimasto e su cui ci si confronta coi nostri competitori (FOCKE e HAUNI) è l ideazione/produzione di macchine personalizzate al punto che spesso diventa estremamente complicato distinguere tra ciò che è prototipo e ciò che è consolidato. La nostra valutazione è che il modello tradizionale, davanti ad una prospettiva di macchine/linee prodotte in quantità unitaria, estremizzando ovviamente il concetto, mostra evidenti segni di logoramento. Modello basato sulla LEAN PRODUCTION (produzione snella) / KANBAN Dal nostro punto di vista, l errore fondamentale è stato non considerare le caratteristiche reali degli impianti ai quali si dovevano applicare tali modelli organizzativi. Non si è tenuto conto della caratteristica genetica fondamentale che è la variabilità totale : essa può intervenire sempre e dovunque negli 11

13 impianti consolidati da anni, figuriamoci su impianti di nuova generazione e prototipali. Il modello kanban sperimentato sulle linee veloci packer di ultima generazione assieme ad uno spunto nelle linee maker, ha comportato grossi investimenti : consulenziali (una società ad hoc per il suo inserimento con costi reali difficilmente quantificabili per intero), organizzativi (rivisitazione dei processi : dalla progettazione alla produzione alla fornitura e assistenza) e informatici (allo scopo è stata adottata anche una piattaforma informatica diversa da quella di uso comune). Si è rivelato al contrario delle aspettative un sistema rigido con tutti gli aggravi del caso (ritardi, obsolescenze, insoddisfazione in genere, etc. ) penalizzando l economia del modello stesso. In più di un occasione formale (vedi le Informative Industriali degli anni passati), ci fu detto che questo modello organizzativo funzionava perfettamente su prodotti come i condizionatori per l aria. Evidentemente chi lo stava introducendo, non aveva chiara la differenza tra questo prodotto e una macchina automatica G.D. Oggi, verificate le situazioni sopra descritte, si tratta di studiare nel tempo una nuova soluzione organizzativa ad hoc per G.D, che permetta lo sviluppo massimo delle potenzialità e delle competenze di lavoro. Ottenere risultati che esaltino le varie economie significa organizzare il lavoro dove tutto è veramente coordinato e molto vicino, questa è la discussione che come lavoratori e sindacato intendiamo fare. Quindi: Richiediamo la creazione di un gruppo lavoro RSU / Azienda per un confronto su questa tematica 2. Riorganizzazione G.D Dall inizio del 2010 è in atto in G.D una riorganizzazione complessiva delle attività che, a nostro giudizio, sancisce in modo inequivocabile la fine dell esperienza delle Business Units nello schema imposto dalla precedente Direzione Aziendale e sempre a nostro parere, ne certifica un sostanziale giudizio negativo in termini di costi, efficienza ed efficacia. 12

14 La RSU vede così rivalutate le proprie forti obiezioni su quel sistema organizzativo, prendendo atto che le principali azioni messe in campo dalla questa nuova gestione aziendale, altro non sono che il risultato di quelle obiezioni. Questo ovviamente non è sufficiente e la trattativa per il nuovo Contratto Aziendale dovrà necessariamente tenerne conto. Richiediamo una puntuale informazione preventiva, che preveda anche spazi di confronto tra le Parti, sugli sviluppi della riorganizzazione complessivamente in atto. Riteniamo quindi un valore la condivisione delle azioni e degli obiettivi. 3. Gruppo COESIA Contestualmente a questa riorganizzazione interna, si è avviato un processo, dagli esiti finali ancora non completamente precisati, che vede la ridefinizione a livello di gruppo COESIA, della Direzioni di alcune Funzioni G.D. Allo stato attuale esse sono: Acquisti, Sistemi Informativi, Finanza, Risorse Umane, Sviluppo del Business Dal nostro punto di vista, queste scelte Aziendali, rimarcano in maniera ancora più decisa la progressiva e rapida internazionalizzazione, anche oltre i confini Europei, dello schema organizzativo e produttivo COESIA Richiediamo la creazione di uno spazio discussione che superi i limiti geografici imposti dal Comitato Aziendale Europeo, e che proietti la discussione sul gruppo COESIA a livello globale, con il necessario coinvolgimento dei Sindacati presenti in quelle realtà. Richiediamo che nell eventualità di una ridefinizione a livello di gruppo COESIA, venga chiarita e concordata la tipologia contrattuale per i lavoratori delle funzioni interessate. 13

15 4. Magazzino La riorganizzazione aziendale ha comportato la riunificazione dei magazzini di G.D5 e G.D6 nel polo di Anzola ciò rischia di determinare delle problematiche di natura logistica. Richiediamo un analisi congiunta RSU/RLS/Azienda che abbia come obiettivo l ampliamento degli spazi nell area magazzino. SALARIO 1. Premio di Risultato e Salario consolidato Il Contratto Aziendale G.D , prevedeva un Premio di Risultato di 1850 annuali al conseguimento del 100% degli obiettivi, riparametrato al 5 Liv con una scala parametrale 2 Liv. / 7 Q Liv / 210. Era composto:? da una quota di 1000, ultrattiva rispetto alla scadenza dell Integrativo medesimo, ed esclusivamente implementabile nelle contrattazioni successive, recuperando il COSTO DELLA VITA LOCALE. Tale quota era considerata anticipo del P.d.R..? da una quota di 850, determinata dai parametri EBIT (parametro finanziario: Ricavi Costi = utile prima dei componenti finanziari e delle imposte) e GIORNATE DI INSTALLAZIONE (parametro che misura l efficenza / efficacia del ciclo produttivo G.D). Tale quota era considerata saldo del P.d.R.. Ad oggi il P.d.R. ha pagato le seguenti quote annuali: 2007 = 1851 / 2008 = 1997 / 2009 = 1695 Media erogata al 5 Liv. nei primi tre anni di vigenza = 1847,6 (100% obiettivi = 1850 ) 2010 = ad oggi è stata unicamente erogata la quota di anticipo =

16 In G.D il vero limite nella gestione del Premio di Risultato, continua ad essere lo scarso livello di condivisione dei programmi di politica industriale volti al miglioramento del processo ed del prodotto, così come definito nel Protocollo del 23/7/1993. A questo aspetto, va inoltre sommata una discontinuità complessiva dell Azienda nel fornire alla RSU dati dettagliati relativi agli indicatori che compongono il P.d.R. Queste due situazioni vanno rapidamente superate o l alternativa sarà sempre più un P.d.R. in balia di una visione unicamente aziendale che, al di la delle cifre annualmente erogate, produrrà scelte di gestione unilaterali e non verificabili. Solo partendo da questi presupposti, si possono creare le condizioni che ci consentano di riconfermare l utilizzazione dei parametri concordati nella precedente vigenza contrattuale: EBIT e GIORNATE DI INSTALLAZIONE. Per quello che attiene l aspetto legato al recupero del COSTO DELLA VITA LOCALE, vogliamo evidenziare gli incrementi percentuali su base annua relativi all ultimo quadriennio (dati ISTAT): 2007 = + 2,4 % = + 2,2 % = 0 % 2010 = + 2,0 % Totale periodo = 6,6 % Richiediamo un Premio di Risultato annuale pari a 2000 riparametrati al 5 Livello al conseguimento del 100% degli obiettivi concordati, secondo il seguente schema:? Quota P.d.R. legata al COSTO DELLA VITA LOCALE = 1070 (di cui 70 di recupero del suddetto Costo)? Quota P.d.R. legata ai parametri EBIT e GIORNATE DI INSTALLAZIONE = 930 (di cui 80 di incremento rispetto al Contratto Aziendale ) 15

17 Richiediamo che, relativamente alla parte del P.d.R. legata ai parametri EBIT e GIORNATE DI INSTALLAZIONE, venga annualmente definita una quota, pari al 20% del risultato effettivamente ottenuto. Tale quota sarà erogata mensilmente e riparametrata al 5 livello. Richiediamo che alla suddetta quota annualmente consolidata, siano applicati tutti gli istituti previsti per il salario contrattato col CCNL Richiediamo la riconferma del metodo di determinazione annuale degli obiettivi di miglioramento dei parametri EBIT e GIORNATE DI INSTALLAZIONE. GIORNATE DI INSTALLAZIONE: Richiediamo che la percentuale di miglioramento annuale non sia superiore al 2% 2. Scatti di anzianità Richiediamo che rispetto a quanto attualmente stabilito dal CCNL, venga introdotto un ulteriore scatto di anzianità aggiuntivo ai cinque previsti per ogni livello professionale. 3. Premio turno Richiediamo un adeguamento del premio turno 4. Autocertificazione Richiediamo un adeguamento della quota di autocertificazione 16

18 REGOLAMENTAZIONE TRASFERTE Negli ultimi anni è continuata, in maniera sempre più rilevante, la diversificazione delle tipologie d incarto e la spinta ad investire in tecnologie avanzate,accompagnate comunque da richieste da parte dei nostri clienti, di una sempre maggiore flessibilità degli impianti senza però rinunciare a performance ottimali e a qualità del prodotto. Le sempre maggiori difficoltà incontrate durante tutto il nostro processo produttivo, causate principalmente:? dalla forzata contrazione dei tempi di consegna delle macchine? dall introduzione di molte tecnologie commerciali dal riassetto organizzativo del settore packer che ha reso complicata la gestione e la razionalizzazione del processo. I punti sopra elencati, costituiscono problematiche alle quali è necessario dare risposta in tempi brevi. In questi anni il lavoro in trasferta si è ulteriormente trasformato: i tempi di consegna tassativi, i programmi d assistenza e manutenzione ( APS ), la fornitura di nuovi gruppi di modifica, la sempre più spinta personalizzazione richiesta dai clienti hanno ulteriormente complicato il lavoro dei tecnici in missione. Il notevole peggioramento degli orari di lavoro in trasferta, che si è di conseguenza verificato con un uso sempre più massiccio dell utilizzo della flessibilità, sia in termini di turni sia di straordinari, ha raggiunto livelli oltre i quali non è più possibile spingersi per ovvie ragioni di sicurezza e recupero psicofisico. L innovazione tecnologica prodotta e applicata sulle macchine ha inoltre creato un aumento considerevole di giornate di trasferta a carico dell ufficio tecnico. Riteniamo fondamentale, in una ottica di razionalizzazione dei costi legati alla trasferta, un analisi su questo fenomeno per risolvere le problematiche tecniche all interno dell azienda attraverso una più stretta collaborazione tra Ufficio Tecnico e Montaggio. 17

19 Continuiamo a considerare strategica l importanza delle filiali estere per fornire ai nostri clienti un presidio pronto e un costante legame con i clienti consolidando la leadership di G.D. rispetto ai concorrenti. In questo contesto riteniamo però, che si sia superato un sano equilibrio e che vada recuperato un legame tra le competenze tecniche e il tipo di intervento che si deve fare presso il cliente e non certo considerare prioritario solo la saturazione della disponibilità dei tecnici di filiale. Tenendo a riferimento il suddetto contesto, riteniamo che un continuo investimento nel reparto trasferte in termini formativi, occupazionali e non ultimo il miglioramento delle condizioni economiche-normative sia strategico per il futuro e potrà permettere uno sviluppo in termini generali. Confermando la struttura del Contratto Trasferte 2007, per quello che riguarda le trasferte, si richiedono le seguenti integrazioni: 1. Parte Economica Richiediamo un adeguamento delle retribuzioni di trasferta 2. Parte Normativa / Logistica Richiediamo l istituzione di una commissione RSU-Azienda con i seguenti obiettivi:? Valutazione dei livelli di qualità di collaudo delle linee all uscita da GD? Tracciabilità dei percorsi di montaggio e collaudo delle macchine? Analisi delle istallazioni presso i clienti? Condivisione dei tempi minimi necessari per il collaudo delle varie tipologie di macchina? Analisi per focalizzare i punti critici sulle varie tipologie di macchina? Analisi su tempi e modi di applicazione delle modifiche tecniche 18

20 Durante gli ultimi anni si sono verificati diversi casi di contratti stipulati dall area commerciale che si sono rivelati in palese contrasto, su orari e tipologie di rimborsi, con gli accordi e i contratti in vigore. Richiediamo che tali contratti non siano più stipulati Ribadendo che il recupero fuso orario è un diritto, nato da valutazioni legate alla fisiologia umana e che ha importanti risvolti sulle mansioni richieste dalla nostra attività: Richiediamo che la pianificazione della missione di trasferta preveda il giorno per il recupero del fuso e che quando previsto, tale giorno sia obbligatoriamente indicato nel Modulo richiesta trasferte. Richiediamo che qualora il giorno di recupero fuso dell andata sia fruito in un giorno non lavorativo, oltre alle indennità di trasferta vengano pagate anche 8 ore ordinarie. Ed inoltre: Richiediamo che anche le cene non sostenute rientrino nel conteggio della media cene. Richiediamo l introduzione di una norma che chiarifichi il calcolo delle medie per le trasferte multicliente. Richiediamo l introduzione di una norma che chiarifichi l eventuale utilizzo volontario dell auto personale per le missioni di trasferta. Richiediamo la normalizzazione delle condizioni di noleggio auto per le missioni di trasferta. 19

21 DIRITTI 1. Orari Con l introduzione di un unica normativa fra operai ed impiegati, riteniamo che per quello che riguarda l orario lavorativo, debba esserci un unificazione che tenga conto dell ampliamento delle fasce tempistiche applicative. Questo al fine di ricercare un migliore equilibrio tra esigenze personali dei lavoratori ed efficienza lavorativa nei e tra i reparti. Richiediamo quindi un orario flessibile d ingresso, che vada dalle ore alle ore 08.45, per tutti i lavoratori G.D. 2. Marcature e permessi Per permettere ai lavoratori la visione della propria marcatura e dei permessi effettuati: Richiediamo di rendere visibile sul portale aziendale (previo utilizzo di password per i lavoratori delle aree produttive), la situazione, in tempo reale, delle proprie marcature giornaliere e delle proprie ferie utilizzate e residue. Richiediamo, unitamente alla richiesta soprascritta, un ampliamento del numero di totem aziendali nelle aree produttive. 3. Maternità e paternità? Aspettativa facoltativa: Nell ottica di agevolare quelle che sono le esigenze economiche che si debbono sostenere dopo la nascita di un figlio e per permettere a tutti i lavoratori un maggiore utilizzo dell aspettativa facoltativa post-partum: Richiediamo di innalzare la retribuzione dei primi 6 mesi (dei 9 mesi a disposizione), dal 30% al 70%. 20

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL SEGRETERIE NAZIONALI Corso Trieste, 36-00198 - Roma - Tel. +39 06 852621 IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL definita dalle Segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm il 12

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Segreterie Nazionali

Segreterie Nazionali Segreterie Nazionali Roma 8 luglio 2015 Spett.le Europcar Italia SpA Spett.le Aniasa Prot. n. 193/SU/NOL/df Oggetto: Piattaforma contrattazione di 2 livello 2015-2017 Vi inviamo la Piattaforma per la contrattazione

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali

Tavola di confronto delle piattaforme sindacali www.bollettinoadapt.it, 16 aprile 2013 Tavola di confronto delle piattaforme sindacali a cura di Sabrina Chiarelli, Cecilia Porro, Giulia Rosolen Argomenti FeLSA Cisl NIdiL Cgil UILTem.p@ Le premesse Diritti

Dettagli

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di.

Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle. trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di. Prot. 584 Roma, 25 maggio 2006 Posizione di Filcem-Femca-Uilcem rispetto allo stato delle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale unico di Settore Gas/Acqua Dopo i primi incontri fra le OO.SS.

Dettagli

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

I CONTENUTI DELL ACCORDO 30 DICEMBRE 2014 TRA FEDERMANAGER E CONFINDUSTRIA DI RINNOVO DEL CCNL DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2492 Roma 31 dicembre 2014 ALLE ALLE ALLE ASSOCIAZIONI E SINDACATI TERRITORIALI UNIONI REGIONALI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE COMPONENTI

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS

PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO UPS PREMESSA L accordo siglato il 23 luglio 93 da OO.SS., Governo e Confindustria, valorizza le ragioni del lavoro nei suoi molteplici aspetti occupazionali,

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE

PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE PROTOCOLLO per lo SVILUPPO di AZIONI POSITIVE Nel campo delle pari opportunità, della solidarietà e della conciliazione tempi di lavoro e di vita (Allegato e parte integrante al Contratto di 2 livello

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA. Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio. tra

VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA. Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio. tra VERBALE DI INCONTRO DI VERIFICA Il giorno 29 giugno 2013 in Tresivio tra Credito Valtellinese S.c., Banca Capogruppo dell omonimo Gruppo bancario, Credito Siciliano S.p.A., Carifano S.p.A., Bankadati Soc.Cons.P.A.,

Dettagli

PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA

PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA Maggio 2009 PIATTAFORMA CONTRATTO INTEGRATIVO BANCA DELL'ARTIGIANATO E DELL'INDUSTRIA PREMIO AZIENDALE (EX V.A.P.) Viene richiesto con decorrenza 1/1/2008 erogazione 2009 un premio aziendale secondo i

Dettagli

ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES

ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES ACCORDO SU GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO - Reale ITES Il giorno 2/12/2014 tra - la SOCIETÀ REALE MUTUA DI ASSICURAZIONI, in persona del Presidente Iti Mihalich, con l assistenza di Josè Ramon Lopez

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne.

Tutto il personale impiegato in Webkorner è maggiorenne. SA8000 IN WEBKORNER LAVORO INFANTILE Webkorner si impegna a non utilizzare né a favorire l utilizzo di manodopera infantile e minorile. L azienda, ritenendo la tutela dei minori di assoluta priorità, ha

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia

Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Piattaforma per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale ALTRAN Italia Art. 1 SFERA DI APPLICAZIONE Il Contratto Integrativo deve essere applicato a tutti i Dipendenti di tutte le sedi di ALTRAN

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

PIATTAFORMA UNITARIA DI RINNOVO DEL CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO BCC CALABRIA 2009

PIATTAFORMA UNITARIA DI RINNOVO DEL CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO BCC CALABRIA 2009 REGIONALI CALABRIA PIATTAFORMA UNITARIA DI RINNOVO DEL CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO BCC CALABRIA 2009 PREMIO DI RISULTATO 1) Per il solo anno di esercizio 2008 erogazione 2009 si richiede la proroga della

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61

LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Il passato del futuro LICEO CLASSICO G.D. ROMAGNOSI dal 1860-61 Viale Maria Luigia, 1-43125 Parma - Tel. 0521.282115 - Fax. 0521.385159 www.liceoromagnosi.org - ssromagn@scuole.pr.it - codice MIUR PRPC010001

Dettagli

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA PROPOSTA PER UNA NUOVA STRUTTURA E UNA NUOVA POLITICA DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA La UIL nell assumere tra i suoi obiettivi prioritari per l'anno in corso il superamento del blocco della contrattazione

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso:

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso: ACCORDO QUADRO Premesso: o che coerentemente con quanto previsto dal piano industriale 2006-2009 al fine di proseguire e dare ulteriore impulso alla costante crescita conseguita negli ultimi anni, il Gruppo

Dettagli

IPOTESI PIATTAFORMA DI RINNOVO CIA BMPS

IPOTESI PIATTAFORMA DI RINNOVO CIA BMPS per Coordinamenti RSA Banca Monte dei Paschi Siena Spa IPOTESI PIATTAFORMA DI RINNOVO CIA BMPS Premessa La presentazione di una Ipotesi di Piattaforma di rinnovo del CIA di Banca Monte dei Paschi, ha il

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo.

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo. COMUNICATO Il giorno 17 giugno è ripresa la trattativa per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale del Gruppo Allianz ed è proseguita il giorno successivo con l intento di giungere ad una fase finale.

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

TOTALE 141.642,87 187.960,09

TOTALE 141.642,87 187.960,09 Sistema di incentivazione del personale Tecnico-Amministrativo Anno 2014 Linee guida Premessa Nell ambito del contenimento della spesa del pubblico impiego, il D.L. 78/2010 (L. 122/2010) decurta sensibilmente

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Il 10 gennaio Confindustria ha sottoscritto con Cgil, Cisl e Uil il Testo Unico sulla rappresentanza. Di seguito alcune

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011

L impegno de L Operosa per la responsabilità sociale Anno 2010. Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Anno 2010 Cadriano (BO) 24 Maggio 2011 per la responsabilità sociale Questo documento ha lo scopo di dimostrare l impegno che la Cooperativa L Operosa ha profuso nel 2010

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI Giovanni Maria Mazzanti e Gianluca Fiorentini 1 INDICE DEI CONTENUTI Caratteristiche

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

La Relazioni Industriali nella Pelletteria Fiorentina

La Relazioni Industriali nella Pelletteria Fiorentina La Relazioni Industriali nella Pelletteria Fiorentina Intervento di Giovanni Rizzuto Seg. Gen. Femca Cisl Firenze Prato SEMINARIO NAZIONALE MODA FEMCA CISL NAZIONALE 9 ottobre 2014 FEMCA CISL FIRENZE PRATO

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017

PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 Comune di Cinisello Balsamo Allegato A) alla Deliberazione di Giunta comunale n. 112 del 28/05/2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE per il triennio 2015-2017 COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Piano di Azioni Positive

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

CAPGEMINI: INTEGRATIVO RINNOVATO!

CAPGEMINI: INTEGRATIVO RINNOVATO! CAPGEMINI: INTEGRATIVO RINNOVATO! FIM, UILM, FISMIC e le RSU scelgono la RESPONSABILITA! FATTI, MERITO E CONCRETEZZA Raggiunto l accordo sul nuovo contratto integrativo di Capgemini Italia, Capgemini BS

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

ACCORDO QUADRO PROGRAMMATICO IMPRESA-AGENTI

ACCORDO QUADRO PROGRAMMATICO IMPRESA-AGENTI ACCORDO QUADRO PROGRAMMATICO IMPRESA-AGENTI Tra la Compagnia UNIPOL Assicurazioni S.p.A. e Associazione Agenti Unipol Gruppo Agenti Aurora Gruppo Agenti UGF Gruppo Agenti Navale PREMESSO che il progetto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000)

LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) LA CERTIFICAZIONE DI RESPONSABILITA SOCIALE 8000 (SOCIAL ACCOUNTABILITY 8000 SA 8000) La SA8000:2008 è la certificazione rilasciata alle aziende che, dopo controllo, risultano essere conformi a parametri

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA

SCHEDA PSL GAC NORD SARDEGNA SCHEDA DESCRITTIVA DELL AZIONE GAC Gruppo di Azione Costiera GAC Nord Sardegna PSL Pesca e sviluppo sostenibile nel Nord Sardegna CUP H86D13000190007 Numero Azione (riferimento PSL) 4.3.2 Titolo Azione

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DISCIPLINARE IN MATERIA DI FORMAZIONE PER IL PERSONALE DIPENDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Sommario Art. 1 - Principi generali Art. 2 - Tipologie di formazione, soggetti destinatari e fonti

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO PREMESSO CHE

VERBALE DI ACCORDO PREMESSO CHE VERBALE DI ACCORDO In data odierna si sono incontrate l Alitalia Linee Aeree Italiane S.p.A. e le Segreterie Nazionali FILT/RCGIL, FIT/CISL e UILTRASPORTI. Le parti, PREMESSO CHE intendono, alla luce delle

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese

Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese Formazione personale Azienda Ospedaliera di Varese 27 novembre 2009 Gabriella Sberviglieri Consigliera di Parità - Varese 1 Slide elaborate da Anna M. Ponzellini Rielaborazione di Gabriella Sberviglieri

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli