I L F A C T C H E C K I N G

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I L F A C T C H E C K I N G"

Transcript

1 A L M A M A T E R S T U D I O R U M U N I V E R S I T À D I B O L O G N A SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione I L F A C T C H E C K I N G dai periodici illustrati alle piattaforme on line TESI DI LAUREA IN COMUNICAZIONE GIORNALISTICA Relatore: Presentata da: Prof. Mauro Sarti Mauro Lepri Correlatore: Prof. Angelo Varni Seconda Sessione Anno Accademico 2012/2013

2

3 A Ste: per i ricordi preziosi, il presente coraggio e un domani indelebile A nonna Utilia, la più leale custode del segreto imposto dalle mie eterne idiosincrasie

4

5 INDICE PREMESSA... 7 Le parole e i fatti INTRODUZIONE... 9 Chi è il fact checker, cosa fa e da dove viene... 9 Dal dietro le quinte alla ribalta: cronaca di una morte apparente Fact checking: cui prodest? (Cambiare la conversazione) I DIETRO LE QUINTE: IL FACT CHECKING NELLA STAMPA TRADIZIONALE.. 19 I.1 Le origini: una storia di donne, tutta americana I.1.1 Time I.1.2 The New Yorker I.2 Diffusione, sviluppo e istituzionalizzazione del fact checking I.2.1 Il recalcitrante ambasciatore del paese della pedanteria I.2.2 Il fact checking diventa uno standard I.2.3 Oltre lo standard: figure ibride e modello check it yourself I Time I The New York Times e The New York Times Magazine I The Washington Post I.3 La precisione costa (e i costi dell'imprecisione) I.4 Ciò che resta sono le eccellenze: Der Spiegel e The New Yorker, oggi II LA RIBALTA: IL FACT CHECKING INDIPENDENTE II.1 Il fact checking è morto, lunga vita al fact checking II.2 Watchdog: i blog e le organizzazioni per il monitoraggio dei media II.3 I nuovi standard nascono sul web II.3.1 L'Accademia dei fatti: le approfondite analisi di FactCheck.org II.3.2 PolitiFact, un progetto truly webby da Pulitzer II Database e casa base: la verità come un Home Run II.3.3 The Fact Checker: l'irritante imparzialità della Fata Turchina

6 III DIFFUSIONE, CONTAMINAZIONE, STRUMENTALIZZAZIONE III.1 Come il prezzemolo III.2 Diffusione geografica dei nuovi standard: alcuni esempi III.2.1 Gran Bretagna: FullFact.org e The Guardian III.2.2 Francia: i blog di Le Monde e de Le Nouvel Observateur III.2.3 E ancora: Australia, Repubblica Ceca, Egitto, Olanda III.3 Contaminazione: sinergie, tempo reale e social network III.3.1 Ipertesto e multimedialità: l'esperimento web del New York Times.. 77 III.3.2 Channel4 e la sinergia web/tv III.3.3. I Reality Checks della CNN: fact checking in tempo reale III.3.4 Le Veritometre: fact checking in tempo reale e social network III.4 Strumentalizzazione: quando il fact checking diventa un'opinione III.4.1 Obama, Il Truth Team e l'intelligenza collettiva III.4.2 Le lobby e la gamification di Reality Drop IV IL FACT CHECKING IN ITALIA IV.1 L'informazione in Italia: un ambiente ostile al fact checking? IV.2 I precursori: l'antibufala, Lavoce.info e Polisblog IV.3 Ma chi te lo fa fare?! La sfida de (e tra) Il Politicometro e Pagella Politica. 100 IV.3.1 Il Politicometro: poche risorse e tanta buona volontà IV.3.2 Pagella Politica: 11 spiantati dalle idee molto chiare IV Il Politicometro, Pagella Politica e Post-Industrial Journalism IV Un portale di accesso ai dati e un pungolo per la classe politica IV.4 Sky Fact Check: il tempo reale in Italia lo fa l'università IV.5 Progetti interessanti e operazioni di facciata: Il Post, La Stampa e il Corriere V INTELLIGENZA ARTIFICIALE E INTELLIGENZA COLLETTIVA V.1 Le macchine e le persone V.2 L'analisi semantica dei testi V.2.1 Il Truth Teller del Washington Post V.3 Il fact checking collaborativo on line V.3.1 <ahref: crowdsourcing, gamification e (i rischi della) disintermediazione. 134 V.4 Conclusioni: un finale aperto v.4.1 Il Fact checking, oggi: una skill necessaria POSTFAZIONE Perché una tesi sul fact checking? (alla tua età?!) RINGRAZIAMENTI BIBLIOGRAFIA Libri Stampa e web

7 Non sono i fatti a turbare gli uomini, ma le opinioni intorno ai fatti. [Epitteto] PREMESSA Le parole e i fatti Prima di entrare nel merito del tema specifico di questa ricerca, è utile e necessario fissare un paio di punti a livello terminologico. Riteniamo infatti che un lavoro che già nel titolo deve ricorrere a un anglicismo abbia come primo compito quello di spiegarne il significato. Cos'è, dunque, il fact checking? È la verifica dei fatti. In ambito giornalistico ed editoriale, negli Stati Uniti, l'espressione ha visto consolidare il suo significato passando a indicare quello specifico processo di controllo, cui viene sottoposto un determinato testo, svolto da una figura professionale (il fact checker) che non coincide con l'autore. In Italia risulta difficile persino darne una traduzione efficace, dal momento che le trasposizioni letterali che se ne possono ricavare non rendono giustizia all'espressione inglese. Forse perché già lo stesso verbo to check, breve, asciutto e perentorio molto più dei nostri controllare o verificare, offre appigli grammaticali e semantici più confortevoli e agili a chi voglia maneggiare questi argomenti. Manterremo pertanto lungo tutto 7

8 il testo l'espressione inglese, sia per descrivere il protagonista di questo lavoro (il fact checker) sia per indicarne la funzione editoriale (il fact checking). Useremo le omologhe ma meno efficaci espressioni italiane esclusivamente per il secondo caso, ovvero per la funzione editoriale di controllo o verifica dei fatti, e solo lo stretto necessario per evitare ripetizioni o per spiegarne gli aspetti precipui. In questo troviamo conforto nelle esperienze che si sono diffuse a partire dai primi anni '10 del duemila al di fuori del contesto statunitense, esperienze che tendono generalmente a prendere in prestito il dizionario inglese. Quanto invece ai fatti, il discorso si fa più complesso. Dobbiamo partire dal presupposto che non è questa la sede per indagarne a fondo lo statuto linguistico, epistemologico o sociale. I fatti, per i nostri intenti, saranno soltanto fatti: un truismo necessario per sottolineare la volontà di basarci su qualcosa di assiomaticamente solido, dal momento che quello che stiamo proponendo è un lavoro sulla storia di una specifica tecnica giornalistica, che non può arrogarsi altre pretese oltre l'intento di raccogliere in un unico lavoro una buona bibliografia e una selezione di interventi e riflessioni intorno a un tema del tutto nuovo per il giornalismo italiano. I fatti, per i nostri intenti, saranno soltanto fatti. I fatti che possono essere raccontati e pubblicati per il tramite dell'editoria tradizionale e dei nuovi media e i fatti che possono essere controllati e verificati con il supporto di fonti più o meno dirette e più o meno credibili. Nomi, luoghi, date, numeri, collegabili o attribuili a eventi o personaggi storici o d'attualità. I mattoncini basilari della costruzione delle notizie, in una abusata metafora edile che non vuole togliere poesia al mestiere ma solo dare concretezza al discorso. 8

9 Il Reparto Verifica dei Fatti e l ufficio più grande di tutto il giornale. Se le squadre di giocatori di scacchi avessero degli spogliatoi, sarebbero cosi. [Jay McInerney] INTRODUZIONE Chi è il fact checker, cosa fa e da dove viene La storia del fact checking ha origine negli Stati Uniti negli anni '20 del secolo scorso. Per ripercorrerne lo sviluppo nel corso del novecento, argomento che occuperà la prima parte di questo lavoro, utilizzeremo principalmente tre fonti: un testo di Sarah Harrison Smith 1, pubblicato per Anchor Books nel 2004 (The Fact Checker's Bible: A Guide to Getting it Right); uno di Craig Silverman 2, edito da Sterling Publishing Co., nella sua edizione tascabile del 2009 (Regret the Error: How Media Mistakes Pollute the Press and Imperil Free Speech); alcune pubblicazioni e 1 Sarah Harrison Smith, fact checker di lungo corso al New Yorker, dal 2013 è direttrice della sezione dedicata alla narrativa per ragazzi della New York Times Book Review. The Fact Checker's Bible è un prezioso manuale teorico e pratico dedicato al fact checking. 2 Craig Silverman, giornalista e scrittore, fondatore del sito Regret the Error (dove vengono analizzati gli errori dei media e il loro impatto sulla società) e autore dell'omonimo libro, cui il National Press Club di Washington ha assegnato il Rowse Award for Press Criticism nel

10 interventi recenti a cura di Sergio Maistrello 3, in particolare Fact Checking: dal giornalismo alla Rete, uscito per Apogeo nel 2013, nella versione in formato epub 4. Prima di iniziare il nostro percorso storico, vogliamo proporre un breve profilo di questa specializzazione professionale, cominciando con l'elencare quegli elementi che, fatte salve le specifiche declinazioni che si sono sviluppate nei diversi contesti e momenti, rappresentano le tipiche funzioni demandate al fact checker: il controllo su nomi, cifre, date, luoghi e riferimenti, sulla loro corretta attribuzione e grafia; la verifica delle citazioni indirette e dei virgolettati, sulla loro attribuzione, sulla correttezza della loro trascrizione e sul rispetto del senso e delle intenzioni dei loro autori; la valutazione delle fonti, in merito ad affidabilità e precisione; la valutazione generale del testo, con particolare attenzione alla coerenza e alla correttezza dei suoi riferimenti interni, nonché al rispetto delle policy e delle linee editoriali; il controllo sul rispetto delle convenzioni editoriali; la valutazione circa l'esistenza di eventuali conflitti di interesse rintracciabili nel rapporto tra il tema trattato e l'autore o l'editore del testo (nel caso vi siano dei conflitti di interesse, la soluzione più appropriata dovrebbe essere la loro esplicita dichiarazione). 3 Sergio Maistrello, giornalista, scrittore e docente di Giornalismo e di Nuovi Media presso l'università di Trieste. È stato tra i protagonisti dei diversi recenti convegni dedicati alla nascente scena del fact checking in Italia. Fact checking, uscito nel 2013, rappresenta la prima pubblicazione in Italia interamente dedicata all'argomento. Sul sito Factcheck.it raccoglie (a partire già dal 2009) appunti, riflessioni e risorse utili sull'argomento. 4 epub (abbreviazione di electronic publication, pubblicazione elettronica ) è uno standard aperto specifico per la pubblicazione di libri digitali (ebook) basato su XML. Dal 2007 è lo standard ufficiale dell'international Digital Publishing Forum (IDPF), organismo internazionale no profit al quale collaborano università, centri di ricerca e società che lavorano in ambito sia informatico che editoriale N.B.: date le caratteristiche dei formati epub, che consentono al lettore di modificare stili, font e dimensione dei caratteri, le citazioni presenti in questo lavoro ed estratte dai testi consultati in tale formato non riportano i numeri di pagina. 10

11 Il processo di lavoro del fact checker, nel corso delle verifiche sugli elementi sopra elencati, si fonda su alcune linee guida largamente condivise. In primo luogo, si deve tener presente che, nelle realtà in cui sono previsti ruoli specifici per la verifica dei fatti, le persone impiegate a tal scopo sono considerate come uniche responsabili per ogni eventuale errore. Stabilito questo principio, possiamo riassumere brevemente, e sempre in termini generali, il processo di lavorazione seguito dal fact checker: prima di tutto, il fact checker esegue una lettura del testo per evidenziare tutti gli elementi che contengono dichiarazioni di fatto da sottoporre a verifica; una volta isolati gli elementi da verificare, il fact checker comincia a controllare ogni possibile dettaglio, basandosi sul materiale originale utilizzato dall'autore per la stesura dell'articolo: appunti, trascrizioni e registrazioni delle interviste, riferimenti alle fonti e ai documenti originali; per confermare la precisione e l'accuratezza dei fatti citati nel testo e negli appunti forniti dall'autore, il fact checker verifica la coerenza tra il materiale utilizzato dall'autore e il testo finale, procedendo a smontare il processo lavorativo seguito dall'autore per ricostruirne il metodo e valutarne la congruità; fatto questo, il fact checker comincia ad incrociare le dichiarazioni di fatto presenti nel testo con le fonti utilizzate dall'autore, contattando direttamente le persone e consultando i documenti originali, per avere conferma circa la correttezza dei fatti citati e la loro adeguata interpretazione; per confermare i fatti citati, il fact checker può anche cercare nuove fonti e documenti, ad esempio in quei casi in cui abbia riscontrato eventuali criticità nel materiale fornito dall'autore; durante il processo di verifica, possono essere previsti alcuni momenti di confronto tra il fact checker e l'autore: a quest'ultimo potrebbe essere richiesto di chiarire eventuali dubbi, o di specificare meglio le fonti utilizzate, o di apportare eventuali modifiche al testo per recepire determinati rilievi circa i singoli fatti citati, il metodo di lavoro seguito o la coerenza del testo finale. 11

12 Alla luce del breve profilo appena tracciato, si può considerare quello del fact checker come un lavoro principalmente tecnico, una figura che possiamo posizionare all'intersezione tra diversi ambiti specifici delle professioni editoriali: [(...) il fact checker] condivide l'istinto e i criteri di notiziabilità con il reporter, possiede la sensibilità nella cura editoriale tipica del redattore e coltiva la profondità di analisi del ricercatore. A seconda delle configurazioni editoriali e delle epoche storiche prevale l'una o l'altra professionalità: se negli anni '80, per esempio, era forse più marcata la vocazione giornalistica, più di recente le mansioni di controllo sono andate spostandosi verso la gestione dell'archivio e la sistematizzazione delle fonti documentali. 5 In conclusione, possiamo affermare che il classico fact checker impiegato all'interno delle redazioni della stampa tradizionale, pur non essendo un redattore puro, né tantomeno un correttore di bozze, deve prestare molta attenzione, se non passione, alla precisione e alla cura della forma. Con l'evolversi della sua specializzazione professionale, ha progressivamente aggiunto al proprio profilo diversi aspetti tipici del ruolo del reporter, come una certa vocazione per la ricerca e per la selezione delle notizie e una spiccata attitudine alla gestione delle relazioni con le fonti. Nel contempo, ha dovuto sviluppare ulteriormente alcuni requisiti di stampo accademico e archivistico, come le capacità di raccolta e analisi delle informazioni e la dimestichezza con biblioteche e centri di documentazione. 5 cfr. Maistrello Sergio, Fact Checking: dal giornalismo alla Rete, Apogeo (collana Sushi in formato epub), Milano:

13 Dal dietro le quinte alla ribalta: cronaca di una morte apparente Quella che abbiamo descritto nei precedenti paragrafi è la figura che si è consolidata tra gli anni '30 e gli anni '90 del secolo scorso, periodo storico che occuperà il primo capitolo di questo lavoro. Si tratta di un racconto ambientato principalmente negli Stati Uniti; a questi va aggiunto il Canada, che ha spesso seguito le orme del giornalismo statunitense. Per quanto riguarda l'europa, vedremo il caso eccezionale del settimanale tedesco Der Spiegel, che ha inaugurato un proprio modello di fact checking negli anni '50 e ancora oggi rappresenta uno dei punti di riferimento del settore. Alla fine del primo capitolo, assisteremo all'inesorabile estinzione dei fact checker, di cui sopravviveranno solo rari esemplari, scampati al periodo di tagli e ristrutturazioni imposti dalla stessa industria editoriale che ne aveva determinato la nascita e il successivo sviluppo. Continuando sulla metafora proposta, concluderemo il capitolo descrivendo quelle aree protette, che chiameremo eccellenze, in cui è possibile ancora oggi rintracciare i pochi superstiti. Nel secondo capitolo scopriremo che si tratta di una morte soltanto apparente: racconteremo, infatti, la nascita e il consolidamento delle prime esperienze di quello che viene comunemente definito fact checking indipendente, soffermandoci a lungo su PolitiFact, sito web statunitense considerato come un caso di scuola a livello internazionale. Nel terzo capitolo citeremo alcune esperienze che, raccolto il testimone dai fact checker indipendenti, hanno trasformato il fact checking in una specie di format, un prodotto editoriale alla moda, autonomo e capace di reinventare i propri metodi e di percorrere nuove strade (anche al di fuori degli ambiti strettamente giornalistici), soprattuto grazie al fruttuoso dialogo con le possibilità offerte dalla multimedialità e dalle tecnologie della Rete. 13

14 La differenza più visibile tra la figura del fact checker interna alle redazioni (quella di cui rimangono pochi esemplari) e i fact checker indipendenti non risiede tanto nelle tecniche quanto nell'oggetto delle indagini: in genere, i fact checker indipendenti si concentrano maggiormente sui temi della politica e dell'economia, con una notevole e crescente preponderanza di analisi dedicate alle dichiarazioni rilasciate dai protagonisti del dibattito politico. Ma il passaggio che riteniamo più significativo, da cui scaturiscono le differenze in termini di oggetto delle verifiche, di metodi di analisi e di presentazione dei risultati, resta quello che porta il fact checker ad affrancarsi dal ruolo di anello nella catena di montaggio dei grandi apparati dell'industria dell'informazione e a diventare un soggetto autonomo, desideroso di assumere un ruolo pubblico attraverso la narrazione degli esiti delle proprie indagini. Il fact checking, che nella stampa tradizionale difficilmente usciva dal retroscena, si porta sulla ribalta e pretende di incidere sull'ecosistema informativo e sulla qualità della conversazione pubblica. La situazione italiana, dove il fact checking vero e proprio è una scoperta molto recente, sarà descritta nel quarto capitolo. Concederemo un breve spazio a quelli che possiamo considerare come i precursori di questo fenomeno, per poi passare in rassegna le realtà più interessanti tra quelle che recentemente si sono lanciate nell'eroica impresa 6 di trapiantare in Italia la cultura del fact checking, tra le quali spicca, per metodo e lungimiranza, la promettente redazione di Pagella Politica. 6 così sono state definite le esperienze italiane nel corso di alcune recenti tavole rotonde, cfr. in particolare gli interventi di Sergio Maistrello, Nicola Bruno et alii durante il Panel Discussion Fact checking all'italiana tenutosi il 25 aprile 2013 a Perugia, all'interno del Festival Internazionale del Giornalismo. Al Panel hanno partecipato Matteo Agnoletto (Politicometro), Nicola Bruno (Giornalista e scrittore), Sergio Maistrello, Alexios Mantzarlis (Pagella Politica) e Simonetta Pattuglia (Università di Roma Tor Vergata). Il video del Panel è disponibile su YouTube al seguente link: MgZc ultimo accesso 17/09/

15 Nel quinto capitolo presenteremo alcune esperienze particolarmente interessanti, che abbiamo inquadrato in due ampie e affascinanti categorie: la prima, riassunta con l'espressione intelligenza artificiale, stringerà il fuoco sulle prospettive eminentemente tecnologiche, prendendo ad esempio un progetto lanciato dal Washington Post; mentre la seconda, l'intelligenza collettiva, riguarderà la partecipazione e tratterà di piattaforme on line basate sul crowdsourcing 7, in particolare attraverso l'analisi dell'ambizioso sistema sviluppato dalla Fondazione <ahref di Trento. I temi collegati all'evoluzione delle tecnologie della comunicazione e al progressivo aumento della partecipazione dei cittadini nei processi di elaborazione delle informazioni offriranno gli spunti per tracciare le conclusioni di questa ricerca, attraverso la descrizione di un finale aperto in cui l'intelligenza artificiale e quella collettiva verranno indicate come le due principali e più interessanti direzioni ancora da percorrere, in uno scenario in cui il fact checking cessa di essere un semplice metodo di lavoro e si impone come una skill necessaria per tutti i professionisti dell'informazione digitale. 7 il termine crowdsourcing deriva dalla crasi tra crowd (folla) e outsourcing (esternalizzazione). Viene generalmente associato a quei modelli organizzativi che si fondano sul reperimento di risorse, contributi e conoscenza all'interno di gruppi di persone indefiniti e non precedentemente organizzati. Tali modelli operano di norma su base volontaria e si sono diffusi grazie allo sviluppo delle tecnologie della Rete. 15

16 Fact checking: cui prodest? (Cambiare la conversazione) Il dibattito è aperto e chiama in causa aspetti etici e tecnici della professione, oltre ad avere numerosi risvolti politici, sociali e culturali di più ampio respiro. Qualcuno direbbe che in gioco c'è la democrazia. Altri obietteranno che la Verità non è alla portata del genere umano e che la presunzione dei giornalisti non può portarli ad autoproclamarsene custodi. Se vogliamo restare sulla terra, si potrebbe comunque tranquillamente affermare che la cura e l'attenzione che ciascuno può e sceglie di dedicare al proprio lavoro, o alla propria passione, tende a essere direttamente proporzionale ai risultati che riuscirà a ottenere. Storicamente, ha giovato agli editori che al fact checking hanno dedicato tempo e denaro, e ai lettori che hanno potuto apprezzare la qualità dei prodotti resi più raffinati da questi investimenti. Ma quelli che qui intendiamo sottolineare, con particolare riferimento alle più recenti esperienze di fact checking indipendente, sono piuttosto gli effetti che ne possono scaturire a livello di sistema. Vorremmo qui riassumerne alcuni, citando l'introduzione di un recente saggio firmato da Graves e Glaisyer, ricercatori presso la New America Foundation e dottorandi presso la Columbia University: Come può il fact checking avere il maggior impatto nel favorire dibattiti più ragionati sui temi pubblici più importanti? [...] [Questo] dipende dalla comprensione di tre specifici meccanismi attraverso i quali il fact checking può lavorare: Cambiare la mente delle persone: per fornire un contrappeso efficace alla disinformazione su qualsiasi tema, il fact checking deve presentare i fatti rilevanti ad un pubblico adeguato in modo da incoraggiarlo a porsi domande sulle affermazioni ingannevoli. 16

17 Cambiare il giornalismo: l'obiettivo di molti fact checker in particolar modo dei critici dei media che analizzano le notizie e di incoraggiare i giornalisti a non limitarsi a riportare le dichiarazioni delle diverse parti, ma di valutarle, e di sfidare quei politici che cercano di ingannare il pubblico. Cambiare la conversazione: mettendo alla luce i raggiri della politica, i fact checker e i giornalisti in generale possono esercitare pressione sui politici affinché ritrattino le affermazioni ingannevoli e magari vengano scoraggiati dall'usare quel genere di affermazioni in futuro. 8 Cambiare la conversazione. Sotto questa etichetta potremmo riassumere l'aspetto che riteniamo più interessante. Oggi che anche i mercati sono conversazioni 9, oggi che persino i media più tradizionali devono fare i conti con i valori della socializzazione 10, devono valutare la preponderanza dei processi sui prodotti e stanno cominciando a capire che il proprio ruolo è quello di nodo tra gli infiniti nodi di una rete in cui persone, organizzazioni, soggetti economici e istituzioni dialogano, si scambiano e rielaborano flussi di informazioni, negoziando le proprie relazioni 11, oggi si può sicuramente affermare che la cura per la pulizia e l'efficacia della comunicazione pubblica 12 sia uno tra gli aspetti decisivi per determinare la 8 Graves Lucas, Glaisyer Tom, The Fact Checking Universe in Spring 2012, New America Foundation, Washington: 2012 p. 3 traduzione mia. Una versione pdf del paper, distribuita con licenza Creative Commons, è liberamente scaricabile al seguente link: checking_universe_in_2012.pdf ultimo accesso 16/09/ cfr. The Cluetrain Manifesto, ultimo accesso 16/09/2013. Il manifesto è composto da 95 tesi elaborate nel 1999 da Rick Levine, Christopher Locke, Doc Searls e David Weinberger, pubblicate on line e successivamente (nel 2000) ospitate in un libro edito da Perseus Books. L'opera ha riscosso un notevole successo e ha contribuito a cambiare il modo di guardare agli aspetti economici delle attività svolte sulla Rete. 10 cfr. Maistrello Sergio, Giornalismo e nuovi media: l'informazione al tempo del citizen journalism, Apogeo, Milano: 2010 p ibidem p da intendersi in questo contesto non nell'accezione ristretta di comunicazione 17

18 qualità della vita degli esseri umani. In questo il fact checking, più che una medicina, può rappresentare un ottimo strumento diagnostico, un modo per valutare la qualità della conversazione pubblica e la credibilità delle persone che se ne rendono protagoniste, una strategia per vigilare su di essa e per stimolarne gli aspetti virtuosi, attraverso la sanzione dei vizi e delle malizie che la abitano. A voler essere ancora più ottimisti, può diventare un scuola di spirito critico e un modello civico e mentale da applicare nella vita di tutti: [...] anche nella cultura dell informazione il comportamento di ciascuno influisce sul benessere di tutti. L inquinamento dell informazione e la conseguenza di un accettazione delle falsità e delle distorsioni della realtà come strumento di lotta politica e come metodo per imporre particolari interessi economici. L ecosistema dell informazione italiano e profondamente inquinato. Ci vorrà molto tempo per ripulirlo. Ma, come nell ecologia si e arrivati a comprendere che un ambiente di qualità fa bene a tutti e dipende dall attenzione di ciascuno, cosi nella mediasfera si arriverà a vedere che un informazione di qualità fa bene a tutti e dipende dall attenzione di ciascuno. 13 Ma tutto ciò è ancora di là da venire e questo lavoro, seppur concepito sotto i grandi auspici che, con De Biase, abbiamo evocato nelle righe precedenti, non intende occuparsi di temi tanto vasti. Nei capitoli che seguono, ci limiteremo a raccontare la storia, il presente e alcune prospettive future di una funzione editoriale che, espulsa dall'industria che l'ha concepita, è rinata grazie a nuovi soggetti indipendenti e ora vorrebbe diventare patrimonio dell'intelligenza collettiva e sfruttare in qualche modo le possibilità offerte dall'intelligenza artificiale. proveniente da soggetti pubblici ma in quella più ampia di comunicazione che ha per oggetto o che determina ricadute su elementi di interesse collettivo. 13 De Biase Luca, Lloyd e Giugliano. Obiettività come principio ispiratore del giornalismo, pubblicato sul blog personale, 30 aprile 2013, e giugliano obiettivita come principio ispiratore del giornalismo/ ultimo accesso 13/09/

19 To Err is Human, to Correct Divine. [Alicia C. Shepard] I DIETRO LE QUINTE: IL FACT CHECKING NELLA STAMPA TRADIZIONALE I.1 Le origini: una storia di donne, tutta americana Il fact checking comincia a diventare una specializzazione professionale intorno agli anni '20 del secolo scorso, con la nascita dei primi periodici illustrati, prodotti che innovano le forme del giornalismo sotto vari aspetti. Non si tratta solo di illustrare le notizie, ma di condensare in poche righe reportage molto complessi, attraverso processi che mirano a mantenere un elevato livello di analisi puntando contemporaneamente a massimizzare il lavoro sulla sintesi. In questo ambito, inoltre, gli editori si pongono il problema di aggiungere un surplus di credibilità alle informazioni pubblicate, per conferire un ulteriore segno distintivo ai propri prodotti. Per rispondere a quest'ultima esigenza, all'interno delle case editrici vengono istituiti i primi reparti di fact checking. I casi più interessanti di cui ci occuperemo e per i quali è possibile rintracciare bibliografia inglese e italiana, sono il Time e il New Yorker. 19

20 I.1.1 Time Dal punto di vista cronologico, è con il debutto del Time nel 1923 che possiamo registrare la comparsa del primo reparto esclusivamente dedicato alla verifica dei fatti. I primi fact checker furono assunti da Briton Hadden e Henry Luce, fondatori dello storico settimanale, e avevano il compito di controllare i nomi, le date, le statistiche, le citazioni e tutte le affermazioni di fatto in generale, segnalando l'esito delle verifiche agli autori degli articoli. Si trattava di un lavoro di ulteriore verifica che, attraverso l'aggiunta di un secondo livello di controllo e l'utilizzo di fonti esterne e credibili, mirava ad aumentare l'accuratezza di un processo giornalistico già comunque particolarmente attento e severo in relazione alla correttezza dei fatti esposti. Da sottolineare il fatto che il reparto di fact checking del Time era composto da sole donne. Questa è una caratteristica che in seguito contraddistinguerà tutti i reparti di fact checking, sia in ambito strettamente giornalistico che editoriale in genere, almeno fino agli anni ' Nel complesso questa funzione non godeva di particolare prestigio: era vista come un'occupazione macchinosa e noiosa, assimilabile alle funzioni dei correttori di bozze, decisamente subordinata rispetto al lavoro investigativo e creativo dei veri giornalisti. A tal proposito, con l'intento, seppur goffo e paternalistico, di difenderne il ruolo, così si esprimeva Edward Kennedy, redattore del Time, in una nota interna: Il controllo [dei fatti] e... a volte considerato come un'occupazione monotona e tediosa, ma tale concezione di questa funzione e estremamente sbagliata. Ogni ragazza brillante che si applichi seriamente alla gestione dei problemi della verifica dei fatti può occupare molto piacevolmente il proprio tempo e 14 Maistrello, Fact Checking, op. cit. 20

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio.

Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Quali i rapporti futuri tra libri, scrittura, editori e giornalisti? Come cambiano queste figure? Una tavola rotonda, a Milano, per discuterne meglio. Il Master in Professione Editoria cartacea e digitale

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE

LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE LA TESI DI LAUREA TRIENNALE IN MATERIE ORGANIZZATIVE Nota a cura del prof. Francesco Paoletti, Università di Milano - Bicocca Release 1.0, settembre 2005 Indice Introduzione 1. Le tipologie di tesi 2.

Dettagli

Per scuole medie superiori. Materie coinvolte: - Storia - Filosofia - Discipline artistiche e letterarie

Per scuole medie superiori. Materie coinvolte: - Storia - Filosofia - Discipline artistiche e letterarie Kit didattico tratto dalle esperienze educative del Centro per l Educazione alla Cittadinanza, dell Istituto per la Memoria Nazionale e del Museo dell Insurrezione di Varsavia, con riferimento al progetto

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA NEL 2009

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA NEL 2009 CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA NEL 2009 UFFICIO STAMPA UFFICIO STAMPA A TTIVIT A' 2009 I progetti operativi, di cui questa relazione dovrebbe rendere conto, non esauriscono

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Tutorial Creative Commons

Tutorial Creative Commons Tutorial Creative Commons Fare musica è molto divertente, ma lo è ancora di più se potete farlo con altre persone - ed è qui che interviene il progetto OpenSounds. OpenSounds vi consente di produrre musica

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Notizie che non lo erano

Notizie che non lo erano Luca Sofri Notizie che non lo erano Prefazione di Craig Silverman Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07926-6 Prima edizione: maggio 2015 La prefazione di Craig

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-407-9 Introduzione... 5 COME TRASFORMARE UN GRUPPO

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio Corsi di laurea in: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. VARESE Scienze della Comunicazione SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - triennale (Classe n. 14 Scienze della Comunicazione)

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Edizioni Della Vigna

Edizioni Della Vigna Edizioni Della Vigna di Petruzzelli Luigi www.edizionidellavigna.it Istruzioni per l invio dei manoscritti alle Edizioni Della Vigna e procedura di valutazione Indichiamo di seguito la procedura attraverso

Dettagli

Invalsi. Verso l invalsi. Doppio gioco. genere articolo di cronaca tratto da Newton oggi testo espositivo

Invalsi. Verso l invalsi. Doppio gioco. genere articolo di cronaca tratto da Newton oggi testo espositivo 1 DALLʼINVALSI ALLʼOCSE PISA Invalsi Verso l invalsi Doppio gioco G 5 10 15 20 25 30 35 genere articolo di cronaca tratto da Newton oggi testo espositivo race e Trip sono una coppia in crisi. Andate a

Dettagli

20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici

20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici Le Guide Pratiche 20 Modi Diversi Per Scrivere un Articolo Una selezione di tipi di articoli per il tuo blog con suggerimenti pratici Giulia Rota Nodari per SOS-Wordpress.it Indice dei contenuti: Premessa...3

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori

Il mio Portfolio per. l apprendimento. dello spagnolo. Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier. 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori S C U O L A S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O Il mio Portfolio per l apprendimento dello spagnolo Biografia linguistica Passaporto linguistico Dossier 2005, Paravia Bruno Mondadori Editori Che

Dettagli

Gallerie fotografiche: quotidiani on-line a confronto

Gallerie fotografiche: quotidiani on-line a confronto Reportage Gallerie fotografiche: quotidiani on-line a confronto I quotidiani on-line danno sempre più spazio alle immagini, ma grande è la differenza tra i quotidiani italiani e americani: questi ultimi

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07926-6. Prima edizione: maggio 2015

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07926-6. Prima edizione: maggio 2015 Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07926-6 Prima edizione: maggio 2015 La prefazione di Craig Silverman appare per gentile concessione della Tow Foundation, della

Dettagli

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino.

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Biografia Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Manuela Salvi Dal 2004 collabora con la Mondadori Ragazzi come copyeditor e traduttrice. La sua

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA

LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA LA/IL GIORNALISTA PUBBLICISTA - LA/IL GIORNALISTA PROFESSIONISTA 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 Occorre sapere...7 Conoscenze...8

Dettagli

SOLUZIONE «EASY BLOGGING»:

SOLUZIONE «EASY BLOGGING»: CHEAT SHEET EASY BLOGGING SOLUZIONE «EASY BLOGGING»: L ATTUALITÀ DELLA TUA AZIENDA LA TUA AZIENDA É UNICA, RACCONTA PERCHÉ! Con il nuovo spazio NEWS della tua E*Page, puoi valorizzare l attualità della

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

Registro 8 MODA E DIGITAL. Come diventare fashion blogger di successo TIPS&TRICKS DI ARIANNA CHIELI

Registro 8 MODA E DIGITAL. Come diventare fashion blogger di successo TIPS&TRICKS DI ARIANNA CHIELI Registro 8 MODA E DIGITAL Come diventare fashion blogger di successo TIPS&TRICKS DI ARIANNA CHIELI INDEX 3 5 8 11 14 Introduzione Anche se siete Fashion, senza nome rimarrà un sogno Contenuti per un Fashion

Dettagli

1.1 Opera multimediale come software

1.1 Opera multimediale come software Possibile qualificazione dell opera multimediale in base alle categorie di opere dell ingegno: software; opera cinematografica; banca di dati; opera letteraria Dopo aver affrontato un possibile inquadramento

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

VADEMECUM. Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS. Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez.

VADEMECUM. Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS. Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez. VADEMECUM Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez.it 1/8 Introduzione Per la comunità on line dei partecipanti al progetto

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

Stefano Calicchio. Musicista 2.0. Come guadagnare scrivendo musica per venderla online

Stefano Calicchio. Musicista 2.0. Come guadagnare scrivendo musica per venderla online Stefano Calicchio Musicista 2.0 Come guadagnare scrivendo musica per venderla online I segreti e le tecniche per sfruttare il marketing musicale sul web, migliorando la visibilità e guadagnando con la

Dettagli

Risultati dell indagine sulla motivazione degli adulti all apprendimento. e sulle loro preferenze nella formazione (*)

Risultati dell indagine sulla motivazione degli adulti all apprendimento. e sulle loro preferenze nella formazione (*) Risultati dell indagine sulla motivazione degli adulti all apprendimento (*) Intervista a cura della Redazione di atdal.eu e sulle loro preferenze nella formazione (*) A distanza di un anno esatto dal

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

Ci racconti cos'è e come nasce The Global Hamlet?

Ci racconti cos'è e come nasce The Global Hamlet? C'è una vera novità nel campo editoriale. Un progetto rivoluzionario che nasce dalla creatività e dall'esperienza di Simone Barillari, noto editor e traduttore, molto apprezzato da editori e lettori. Stavolta

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli Il prodotto giornale: specificità e attributi Non immagazzinabile Consumo

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO ALLEGATO 3 Incontri con esperto del Comune di Terni Assessorato alla Cooperazione Internazionale- sugli Otto Obiettivi del Millennio GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Proposta formativa educativa per le scuole

Dettagli

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO

MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO CULTURA ITALIANA CONTEMPORANEA MODULO 4. MASS MEDIA IN ITALIA: ISTRUZIONI PER L USO Arianna Alessandro ariannaalessandro@um.es BLOCCO 1. I mezzi di comunicazione nell Italia contemporanea: panoramica attuale

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

COMPITI DI PRESTAZIONE: CRITERI DI QUALITA RECUPERO SAPERE PREGRESSO USO PROCESSI COGNITIVI COMPLESSI RIFERIMENTO A CONTESTI SIGNIFICATIVI E REALI

COMPITI DI PRESTAZIONE: CRITERI DI QUALITA RECUPERO SAPERE PREGRESSO USO PROCESSI COGNITIVI COMPLESSI RIFERIMENTO A CONTESTI SIGNIFICATIVI E REALI Rete Istituti Scolastici di Lucca VALUTARE LE COMPETENZE - proposta lavoro di gruppo 2 - ANALISI COMPITI AUTENTICI Sulla base dei parametri proposti provate ad analizzare criticamente i seguenti esempi

Dettagli

Osservatorio Blog 2014. Una ricerca sulla blogosfera europea e italiana di Imageware e IPREX

Osservatorio Blog 2014. Una ricerca sulla blogosfera europea e italiana di Imageware e IPREX Osservatorio Blog 2014 Una ricerca sulla blogosfera europea e italiana di Imageware e IPREX 1 Indice 1. Introduzione e metodologia... 3 2. L attività di blogging... 4 2.1. Temi e fonti di ispirazione...

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

I corsi Open di FirstMaster

I corsi Open di FirstMaster I corsi Open di FirstMaster FIRSTMASTER Vuoi pubblicare i tuoi libri? Gratis 2 guide e 4 corsi online per pubblicare i tuoi libri Open FirstMaster Per pubblicare i tuoi libri, 2 guide e 4 corsi gratis

Dettagli

CHI SIAMO. Giorgia Gay

CHI SIAMO. Giorgia Gay Saper fare Fare Far sapere DIFFONDIAMO LA TUA IDEA. PROMUOVIAMO LA TUA IMMAGINE Servizi personalizzati, integrati e flessibili per enti, aziende, associazioni, fondazioni, professionisti CHI SIAMO Gamma

Dettagli

RACCONTIDICITTÀ. Indice 1. presentazione 2. programma delle lezioni 3. scheda tecnica

RACCONTIDICITTÀ. Indice 1. presentazione 2. programma delle lezioni 3. scheda tecnica RACCONTIDICITTÀ Rilassatevi. Nessun corso di "scrittura creativa" nemmeno se a tenerlo fossero Omero, Shakespeare, Cechov o Bulgakov può trasformare un partecipante in uno "scrittore". Indice 1. presentazione

Dettagli

Sei ragioni per cui il marketing ama i blog

Sei ragioni per cui il marketing ama i blog Sei ragioni per cui il marketing ama i blog Di Articolo originale: Six Reasons Marketers Love Blogs 9 Aprile 2010 http://www.searchengineguide.com/jennifer-laycock/six-reasons-marketers-loveblogs.php Verso

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi con senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Secondo la ricerca,

Dettagli

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO

Registro 7 PERSONAL BRANDING. Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO Registro 7 PERSONAL BRANDING Come creare la propria strategia TIPS&TRICKS DI LUIGI CENTENARO INDEX 3 5 9 13 16 Introduzione Che cos è il Personal Branding Una strategia di Personal Branding efficace Comunicazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO)

IN PRINCIPIO: La scelta (IO), la chiamata (DIO) e la comunità (GLI ALTRI) LE COMPETENZE: La formazione pedagogica e la preparazione (IO) PROPOSTA FORMATIVA La Cooperativa AnimaGiovane e l'associazione Altresì lavorano assieme da anni nell'ambito della formazione e dell'educazione in diversi settori: scuole, oratori, centri aggregativi,

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi?

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi? TESI DI LAUREA 1. Questioni burocratiche... 1 2. Questioni contenutistiche... 3 3. Alcuni consigli... 5 1. Questioni burocratiche Quali sono le scadenze da rispettare? Tre mesi prima del giorno di discussione

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano La Comunità Missionarie Laiche ( CML), risiede attualmente a Legnano, nella Diocesi di Milano, ed è presente

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

RASSEGNA STAMPA 2014

RASSEGNA STAMPA 2014 RASSEGNA STAMPA 2014 Indice: 10.01.2014 LegaCoop Fundraising strumento su misura per la cooperazione 3 06.02.2014 Tiscali Social Il fundraiser figura chiave del non profit e non solo 4 07.02.2014 Avvenire

Dettagli

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione

Nella produzione libraria 2006 sulla gestione LE VIE DELLA PROMOZIONE Il segmento intermedio tra lettori forti e deboli di Paola Dubini Il segmento delle persone che leggono dai due ai dieci libri l anno rappresenta la scommessa per la crescita stabile

Dettagli

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi. Versione 2.0 Gennaio 2015 Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi M. Cristina Molinari Dipartimento di Economia Università Ca Foscari di Venezia. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Dettagli

SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE?

SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE? SEI IN CERCA DELL ATTIVITA GIUSTA PER TE? Ti piacerebbe gestire la tua giornata lavorativa in LIBERTÀ e AUTONOMIA anche Part-Time o come Secondo Lavoro? Se vuoi dare una svolta definitiva alla tua vita

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea.

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Gentile Studentessa/te La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Al fine di facilitare la produzione del suo elaborato riporto di seguito

Dettagli

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore

Dello stesso autore presso Rizzoli e BUR. Aprite la mente al vostro cuore. Siate forti nella tenerezza. Lo sguardo semplice e profondo dell amore JORGE MARIO BERGOGLIO (Buenos Aires, 1936), laureato in flosofa, è stato ordinato sacerdote nel 1969, vescovo di Auca nel 1992, arcivescovo di Buenos Aires nel 1998, creato cardinale nel 2001 ed eletto

Dettagli

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato

Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011. Bruxelles, 26 gennaio 2011. Fa fede solo il discorso pronunciato Enti regionali e locali in azione durante l'anno europeo del volontariato 2011 Bruxelles, 26 gennaio 2011 DISCORSO DI MERCEDES BRESSO, PRESIDENTE DEL COMITATO DELLE REGIONI Fa fede solo il discorso pronunciato

Dettagli

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini Linkedin IN PILLOLE rimani aggiornato dal tuo network Leonardo Bellini Sommario Benvenuto Personalizzare la diffusione delle attività Alla scoperta di Pulse Influencer e autori su LinkedIn I vantaggi di

Dettagli