INDICE. Capitolo 2 Dalle piattaforme all ambiente di apprendimento personale. Integrazione tra sfera individuale e sociale (Giovanni Bonaiuti) 59

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Capitolo 2 Dalle piattaforme all ambiente di apprendimento personale. Integrazione tra sfera individuale e sociale (Giovanni Bonaiuti) 59"

Transcript

1 INDICE Prefazione (Antonio Calvani) 7 Introduzione (Giovanni Bonaiuti) 9 Capitolo 1 Formazione in rete tra formale e informale. Verso l e-learning 2.0 (Giovanni Bonaiuti) 13 Capitolo 2 Dalle piattaforme all ambiente di apprendimento personale. Integrazione tra sfera individuale e sociale (Giovanni Bonaiuti) 59 Capitolo 3 Dal sé alle reti: nuove pratiche di social network per la collaborazione in rete (Maria Chiara Pettenati e Maria Ranieri) 105 Capitolo 4 Scenari tecnologici: la tecnologia come integratore tra e-learning formal e informal (Antonio Calvani e Giovanni Bonaiuti) 127 Conclusioni (Giovanni Bonaiuti) 143 Schede (a cura di Antonio Fini) Blog 149 Instant Messaging 159 Podcasting 165 RSS 171 Social bookmarking e folksonomia 177 Social networking 183 Wiki 189 Glossario (a cura di Antonio Fini) 195 Bibliografia 201

2 Introduzione Dopo le grandi aspettative degli ultimi anni, attorno all e-learning si stanno addensando le prime nubi. L enfasi con cui in molti avevano presentato le potenzialità di Internet per la formazione a distanza si è di fatto concretizzata nella scelta della piattaforma e nel riduttivo acquisto di courseware preconfezionati. Anche dal punto di vista metodologico, complice l inesperienza di molti formatori, si sono per lo più impiegati modelli didattici pensati per contesti tradizionali. È stata prevalente l idea che l insegnamento in rete non fosse una cosa troppo diversa dall insegnamento in aula. Solo per fare un esempio: con la disponibilità di una qualità audio accettabile si è acriticamente fatto uso di ambienti sincroni, le cosiddette «aule virtuali», per la trasmissione pressoché integrale delle lezioni ignorando il fatto che la mediazione tecnologica richiede un attenzione del tutto diversa alla comunicazione e al modo di porsi della relazione educativa. Mentre Internet sviluppava con incredibile dinamismo nuove soluzioni e modalità operative, nell e-learning si assisteva al fenomeno inverso: la creazione di «recinti» tecnologici all interno dei quali riproporre e applicare metodi d insegnamento del tutto

3 E-learning 2.0 tradizionali. La conseguenza è stata che, accanto alla crescita dei fatturati di molti operatori, si è ben presto assistito alla diminuzione dell interesse e della soddisfazione degli utilizzatori. Recentemente, tuttavia, sono emersi alcuni segnali di inversione di tendenza, si affacciano nuove forme di e-learning che meglio si coniugano con la natura intrinsecamente sociale della rete e con la sua inesauribile dinamicità. Il libro rivolge lo sguardo verso i nuovi orizzonti che iniziano a delinearsi, sottolineando che la rete offre un inesplorata gamma di opportunità di apprendimento informale, che non possono essere ignorate dall e-learning. Alcuni passaggi cruciali a cui è legata l evoluzione dell e-learning sono ormai evidenti. Tra questi è possibile individuarne almeno due. Il primo riguarda l attrito esistente tra il mondo dell e-learning e le opportunità offerte da Internet al di fuori delle piattaforme. Internet, infatti, può diventare esso stesso ambiente di apprendimento attraverso il costituirsi di comunità di interesse che si riuniscono intorno alla definizione dei problemi da affrontare. Un secondo aspetto riguarda gli strumenti e le metodologie dell apprendimento in gruppi collaborativi. Come noto su questo aspetto si è creata un enfasi crescente: molti strumenti sono entrati nell uso (wiki, blog, podcast, mappe concettuali, lavagne condivise, ecc.), mentre altri stanno emergendo rapidamente. Ogni strumento ha delle potenzialità, ma anche delle controindicazioni, e come tale va accompagnato da suggerimenti per l attività collaborativa, da una «socioquette», definita in funzione della particolare collaborazione. Ogni strumento può inoltre entrare in conflitto con altri, creare confusione, rumore. Come può avvenire la loro integrazione? Come immaginare l utilizzo dei diversi strumenti in funzione delle diverse tipologie di attività collaborativa? Il lavoro affronta queste tematiche nell intento di indicare le linee di sviluppo che verosimilmente si affermeranno nelle nuove pratiche di e-learning, in un quadro di lifelong learning. 10

4 Introduzione Il libro è suddiviso in quattro capitoli, seguiti da schede e glossario. Il primo capitolo (G. Bonaiuti) delinea il quadro complessivo all interno del quale si sviluppa la prospettiva che è stata chiamata dell e-learning 2.0. Il secondo capitolo (G. Bonaiuti) affronta le tematiche dell integrazione tra momenti formali e informali dell apprendimento e fa conoscere le prospettive applicative che stanno portando al ripensamento della formazione in rete nella prospettiva di integrazione di servizi scelti e resi vitali dal basso, da pratiche sociali, spesso imprevedibili, che si affermano senza la guida delle grandi industrie del software o dell informazione e anzi, spesso, loro malgrado. Il terzo capitolo, a cura di Maria Ranieri e Maria Chiara Pettenati, prendendo spunto dall analisi delle dinamiche informali che caratterizzano le nuove pratiche di social networking, indica gli elementi favorevoli e le condizioni facilitanti per sviluppare la collaborazione più o meno strutturata in rete. Il quarto capitolo, redatto dal sottoscritto con Antonio Calvani, tratteggia alcune prospettive applicative collocabili in un futuro molto prossimo. La riflessione su questi scenari, condotta da un gruppo di studio dell Università di Firenze, nato intorno al Master «Progettista e gestore di formazione in rete», da cui stanno scaturendo anche altri lavori (vedi F. Sorrentino e F. Paganelli, L intelligenza distribuita, Erickson, 2006) ha rappresentato, anche per questo lavoro, una efficace stimolo. Il libro si chiude con le schede e il glossario a cura di Antonio Fini. Giovanni Bonaiuti Firenze, settembre

5 E-learning 2.0 E-learning 2.0 Se, come abbiamo visto introducendo le specificità del Web 2.0, uno dei fattori critici di successo per i servizi offerti in Internet è la capacità di rispondere, in maniera flessibile ed efficace, alle esigenze dei soggetti, a maggior ragione per chi opera nel campo dell e-learning è urgente comprendere adeguatamente lo spirito della rete, capire l atteggiamento degli utenti nei confronti delle funzionalità e cogliere la direzione del continuo processo di emancipazione nelle abitudini operative. La rete è uno spazio antropologico e le regole che decretano il successo o il fallimento di un progetto in Internet sono, per trasposizione, molto prossime a quelle che rendono desiderabile e abitabile un territorio fisico. L e-learning 2.0, la cui definizione è stata proposta dal ricercatore canadese Stephen Downes (2005), parte dalla constatazione che è arrivata l ora, anche per il mondo della formazione, di prendere consapevolezza di questi fattori e accettare il fatto che, in questi anni, sia il Web, sia i suoi utenti, sono decisamente cambiati. I giovani della «net-gen», la generazione di quanti sono cresciuti nell era digitale, 30 ma anche i molti frequentatori della rete, hanno acquisito un modo diverso di lavorare, apprendere e divertirsi. Nuove competenze rendono possibile la gestione delle informazioni che confluiscono simultaneamente attraverso canali diversi come quello visivo, sonoro e testuale. L interattività è la modalità prevalente con la quale ci si relaziona con i media, mentre il contatto con le altre persone è continuo e le amicizie non sono oramai più marcate dai confini territoriali. L idea che sta alla base 30 Come noto, i ragazzi della generazione digitale, definiti anche come «nativi digitali», reagiscono rapidamente agli stimoli visivi e sonori, come quelli offerti dalla televisione, dai computer e dai videogiochi. La generazione digitale è ipercomunicativa, è capace di usare molteplici mezzi per restare in contatto con i coetanei e per accedere alle informazioni di cui necessitano (SMS, , instant messaging, ecc.) ed è capace di dedicarsi contemporaneamente a molteplici attività (guardare la TV, navigare in Internet, ascoltare musica e comunicare con gli amici il più delle volte contemporaneamente). 40

6 Formazione in rete tra formale e informale. Verso l e-learning 2.0 dell e-learning 2.0 tiene conto di tutto questo e si prefigura come una sorta di rivoluzione copernicana per l uso delle tecnologie nella formazione in rete. La prima fase dell e-learning, come abbiamo visto, è stata caratterizzata dall uso estensivo di piattaforme tecnologiche. Questi strumenti, sia quando utilizzati per esperienze collaborative, sia a maggior ragione quando impiegati per approcci erogativi, costituiscono il setting artificiale all interno del quale si sviluppano le dinamiche apprenditive. 31 La piattaforma «contiene» l evento, fornisce i limiti, la linea di demarcazione, spesso invalicabile, 32 tra quello che è il momento della formazione e l esterno. Nella piattaforma vengono inseriti i materiali, sono stabiliti gli obiettivi e regolate le azioni sulla base dei tempi e delle fasi prefissate. Gli attori del processo formativo qui trovano il loro spazio operativo avendo ciascuno, sulla base del proprio ruolo, credenziali di accesso e privilegi operativi. Il corso, inteso come evento formativo che si articola solitamente in tre fasi principali: l apertura, lo svolgimento e la chiusura, esattamente come nelle tradizionali esperienze in aula, manifesta anche in rete la sua natura artificiale. Il problema, e quindi il limite di questo approccio, analogamente a quanto avviene per l insegnamento scolastico, è quello dell incommensurabile distanza che necessariamente separa i setting artificiali dalle situazioni della vita in cui si sviluppano, naturalmente, le forme spontanee di apprendimento. Nella scuola, come in molte attività formative extrascolastiche, il processo che conduce al risultato 31 Il termine «setting», di derivazione psicoanalitica, sta a indicare l insieme degli elementi stabili della situazione in cui si svolge il processo (Kaneklin e Olivetti Manoukian, 1990); comprende quindi l ambiente, ma soprattutto «il ruolo dell operatore, le sue teorie di riferimento, la sua professionalità». 32 Si noti ad esempio il fatto che nelle specifiche SCORM (Shareable Content Object Reference Model), il modello di riferimento per la realizzazione di oggetti didattici (courseware), sono posti dei limiti all uso dei link. Per garantire la consistenza degli SCO (Shareable Content Object), gli oggetti digitali che raccolgono le risorse necessarie al raggiungimento di un obiettivo didattico, è proibito l uso di link a elementi esterni (documenti, altri SCO, siti Web, ecc.). Ogni SCO deve essere autoconsistente e incorporare tutto al suo interno. 41

7 E-learning 2.0 desiderato viene gestito a partire dalle conoscenze scientifiche, disciplinari od operative da proporre. L e-learning 2.0 si pone invece, e in primo luogo, l obiettivo di recuperare le potenzialità insite nelle modalità spontanee, informali, di apprendere nelle situazioni quotidiane. La storia di Internet è, se vogliamo, la dimostrazione del successo di modalità non convenzionali di apprendimento collaborativo, contraddistinte dall idea di libertà e spontaneismo. Le esperienze di quanti operano nelle comunità Open Source sono, in proposito, particolarmente eloquenti. Ogni nuova implementazione è frutto di processi di apprendimento derivanti dalla condivisione sociale dei risultati. Nelle storie di quanti, a partire da Linus Torvalds, il celebre inventore del sistema operativo Linux, si sono impegnati nel processo di sviluppo delle tecnologie della rete, è possibile riscontrare interessanti esempi di condivisione di idee e risorse, di reciproco aiuto, di partecipazione alla determinazione delle linee di ricerca e, in ultima analisi, di promozione della creatività e della crescita individuale. L etica di quanti spontaneamente hanno aderito a questa modalità di sviluppo individuale e sociale attraverso (e con) le tecnologie, evidenzia dei valori che un tempo erano appannaggio dell Accademia platonica (Himanen, 2003, p. 64), e che sembrano così lontani dalle nostre scuole e università, anche quando queste utilizzino la rete per la formazione. Nell Accademia platoniana: «gli studenti non venivano considerati obiettivi per la trasmissione di conoscenza, ma compagni di apprendimento. Nella concezione accademica, il compito principale dell insegnamento era quello di rafforzare l abilità dei discepoli nel porre problemi, nello sviluppare linee di pensiero e avanzare critiche. Con il risultato che ci si riferiva metaforicamente all insegnante come a una levatrice, a un paraninfo e a un maestro di cerimonia. Lo scopo dell insegnante non stava nell inculcare ai discepoli conoscenze prestabilite, ma nell aiutarli a produrre qualcosa a partire dalle loro argomentazioni di partenza» (ibidem). L etica hacker di cui parla Himanen, che è l etica della rete, riprende ed estende questi princìpi, trovando i propri punti di forza nella 42

8 Formazione in rete tra formale e informale. Verso l e-learning 2.0 liberalità del processo di adesione alla sfida che ogni apprendimento richiede e nella motivazione che consegue dal riconoscimento che il processo di apprendimento non è mai disgiunto da quello di insegnamento; in rete come nell Accademia, «anche gli esperti si considerano come scolari nei confronti degli altri» (ibidem). In contrapposizione ai limiti e alle ipocrisie dei sistemi scolastici ed educativi, a cui (purtroppo) è necessario aggiungere molte esperienze e-learning, i contesti naturali della vita, come quelli della rete, offrono continuamente occasioni per ridiscutere la logica autoritaria e chiusa, ben compendiata nella regola benedettina secondo cui «parlare e insegnare spetta al maestro, tacere e ascoltare si addice al discepolo» (ibidem, p. 65). E-learning 2.0 quindi come possibilità per ripensare la formazione in rete tornando alla natura della rete, allo spirito aperto e fecondo che portarono Lévy (1992; 1996) a considerare la rete come il luogo più naturale per lo sviluppo dell intelligenza collettiva: «un intelligenza distribuita ovunque, continuamente valorizzata, coordinata in tempo reale, che porta a una mobilitazione effettiva delle competenze» (Lévy, 1996, p. 34). Probabilmente dietro l etichetta e-learning 2.0 si nasconderanno rapidamente le manovre retoriche di quanti, consulenti e fornitori di servizi, saranno costretti a prendere le distanze dai fallimenti della prima ondata di azioni nel campo della formazione in rete (Jennings, 2005), oppure questa dizione cadrà rapidamente in disuso sostituita da altri neologismi. In ogni caso, appare ormai evidente l avvio di una fase in cui si guarda con crescente attenzione alle possibilità offerte dalle innumerevoli applicazioni esistenti in rete. Accanto alle diatribe che vedono importanti produttori di piattaforme cercare di proteggersi attraverso l attribuzione di brevetti e il ricorso ai tribunali 33 (segno di una prospettiva ormai 33 Il riferimento va naturalmente, in primo luogo, a Blackboard che nel 2006 ha richiesto la registrazione e tutela (US Patent n ) dell idea stessa di piattaforma di e-learning con un accurata declaratoria di strumenti e metodologie di utilizzo nel tentativo di proibirne l utilizzo da parte dei concorrenti (si veda: 43

9 E-learning 2.0 in declino?), si profila un orizzonte aperto in cui è forte l interesse verso la dimensione informale dell apprendimento e le inesplorate opportunità che il Web può offrire. Apprendimento formale e non L apprendimento è una capacità innata di ogni essere vivente al punto che, come sostengono i biologi, in assenza di apprendimento non è possibile la sopravvivenza (Maturana e Varela, 1984). Le persone acquistano le loro competenze nella vita di tutti i giorni, parlando, osservando gli altri, provando e sbagliando, lavorando a fianco di colleghi più o meno esperti di loro. L apprendimento è cioè un processo adattivo, determinato da necessità esplorative, che si realizza in contesti esperienziali specifici. La nostra cultura ci porta però a guardare a queste forme di apprendimento come a pratiche meno nobili ed evolute di quelle a cui si lavora nell ambito di sistemi espressamente preposti a questo scopo come le scuole, le università, le azioni formative. Eppure varie evidenze, soprattutto nell ambito dell educazione degli adulti, indicano che nel corso dei programmi formali di insegnamento è difficile che si verifichi un apprendimento efficace e duraturo. C è una sorta di paradosso che vede per ogni iniziativa di apprendimento formale, ritorni del tutto discutibili in termini di acquisizione di conoscenze, a fronte di investimenti spesso rilevanti. Per contro ciò che le persone imparano sul luogo di lavoro deriva, in larga parte, da forme di apprendimento spontaneo che non hanno avuto un costo diretto per l azienda. L istruzione formale, i workshops e le altre iniziative formative istituzionalizzate rappresentano un opportunità scarsamente efficace, rispetto alle forme più naturali e spontanee di apprendimento. Queste riflessioni sono state sviluppate in maniera particolare nell ambito dell educazione degli adulti dove si procede, già dalla dichiarazione UNESCO di Nairobi del 1976, a riconoscere pari 44

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Paolo Bianchetti bianchetti@scuoladirobotica.it Convegno Robotica: dalla scuola all azienda ITIS A. OMAR Novara, 10 Marzo 2006 Costruttivismo

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte

Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374. ABSTRACT del documento. e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte Progetto Equal COMUNET IT-S2-MDL-374 ABSTRACT del documento e-learning: teorie e metodologie. Lo stato dell arte 1 Gruppo di lavoro Supervisione scientifica: Maria Pia Cavalieri Coordinamento Marco Guspini

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5

2007_AC+NTD Pagina 1 di 5 Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo Maurizio Gentile Gentile, M. (2008). Nuove tecnologie e apprendimento cooperativo. Scuola e Formazione, pp. 21-25. Nell anno scolastico 2005/2006 un gruppo

Dettagli

Piattaforme Open Source e Web 2.0 a integrazione della didatt

Piattaforme Open Source e Web 2.0 a integrazione della didatt Piattaforme Open Source e Web 2.0 a integrazione della didattica in aula Ufficio Interventi Educativi USP Vicenza 27 Marzo 2010 L Idea Liceo Scientifico Quadri, Vicenza aula computer POF integrazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

La Famiglia nell era digitale

La Famiglia nell era digitale La Famiglia nell era digitale sabato 22 gennaio 2011 Firenze - Convitto della Calza Alcuni siti web che possono essere utilmente consultati per Navigare sicuri bambini e adulti Siti che possono essere

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

Moodle e il web 2.0 nel curricolo della scuola secondaria di secondo grado: un esperienza

Moodle e il web 2.0 nel curricolo della scuola secondaria di secondo grado: un esperienza Moodle e il web 2.0 nel curricolo della scuola secondaria di secondo grado: un esperienza Elisa Spadavecchia Ufficio Interventi Educativi Ufficio Scolastico Territoriale Vicenza Introduzione L idea di

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE. Dott.ssa Claudia Arcolin

Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE. Dott.ssa Claudia Arcolin Dottorato di ricerca 21 ciclo (A.A. 2005/2006) SCIENZE DELLA COGNIZIONE E DELLA FORMAZIONE Dott.ssa Claudia Arcolin ANTONIO CALVANI (a cura di), Innovazione Tecnologica e cambiamento dell Università: verso

Dettagli

Piattaforme, standard, ambienti virtuali di apprendimento. Antonio Fini

Piattaforme, standard, ambienti virtuali di apprendimento. Antonio Fini Le tecnologie per l e-learningl learning Piattaforme, standard, ambienti virtuali di apprendimento Antonio Fini LTE Laboratorio di Tecnologie dell Educazione Facoltà di Scienze della Formazione Università

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità

Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità Iole Beltrame Dirigente scolastico iole.beltrame@istruzione.it Imparano ad imparare l informatica e la multimedialità i nostri bambini della scuola

Dettagli

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso

Modello Formativo. DIDATEC Corso base PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici. Concetta Grasso Modello Formativo DIDATEC PON DIDATEC: Quadro culturale e aspetti metodologici Concetta Grasso Il docente nel XXI secolo la scuola dell insegnamento Ruolo, funzioni, profili professionali dell insegnante

Dettagli

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento...

Indice. 1 Ambienti virtuali di apprendimento e piattaforme per l e-learning... 3. 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... AMBIENTI VIRTUALI DI APPRENDIMENTO PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 e piattaforme per l e-learning... 3 1.1. Che cosa è un ambiente virtuale di apprendimento... 4 2 Il contesto di apprendimento e insegnamento

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21

Introduzione 11. 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 Indice Presentazione di F. Falcinelli 7 Introduzione 11 1. Dalla Fad all e-learning 2.0 13 1.1 Dalla Fad all e-learning 16 1.2 Il Web 2.0 18 1.3 L e-learning 2.0 21 2. Tipologie di e-learning e modelli

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

Spettabile. Termine attività PREMESSA

Spettabile. Termine attività PREMESSA Spettabile Ogetto: Regione Lazio - Bando per l educazione permanente degli adulti. Misura 1.a di Sistema. Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 - (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio

Dettagli

Il volume è articolato in dieci capitoli che consentono un percorso all interno delle innovazioni metodologiche e tecnologiche della formazione

Il volume è articolato in dieci capitoli che consentono un percorso all interno delle innovazioni metodologiche e tecnologiche della formazione Introduzione Cristina Delogu La rete Internet, nata come sistema di scambio di informazioni tra enti militari e universitari oggi è diventata uno strumento essenziale di confronto e dialogo tra persone,

Dettagli

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011).

Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). Il Caso Generali-Newcom Consulting è tratto, per gentile concessione della casa editrice Apogeo, dal libro Oltre l aula edito da Apogeo (ed. 2011). http://www.apogeonline.com/libri/9788850329847/scheda

Dettagli

L informal learning di Jay Cross

L informal learning di Jay Cross L informal learning di Jay Cross tratto ed adattato da Apprendimento informale e formazione aziendale: perché usare questo sistema di apprendimento? di Jay Cross e Robin Good (link) Premessa di formazione-esperienziale.it

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO I S T I T U T O C O M P R E N S I V O O R V I E T O B A S C H I ORVIETO A scuola tra le nuvole Il progetto intende realizzare il connubio tra la tecnologia, come strumento di mediazione dell apprendimento,

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi PROGETTO CL@SSI2.0 Titolo: DIGITALI Finalità generale del Progetto Creare occasioni significative di formazione integrale della persona, per sviluppare in modo particolare la capacità di orientarsi nella

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale

Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Professioni Sanitarie e Formazione Digitale Vassilios Papaspyropoulos Convegno ECM Professioni Sanitarie & ICT Sala Convegno Fondazione Il Faro

Dettagli

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici

L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici L e-learning nel supporto alla didattica in presenza: motivazioni per l apprendimento e riprogettazione dei percorsi didattici Graziella Di Blasi, Agostino Lorenzi ITC B.Belotti, Via Azzano 5, 24126 Bergamo

Dettagli

By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons

By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons By Junior Melo (Own work) [CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons DIDATTICA DIGITALE CON I DOCENTI Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA *

CONCLUSIONI SU SOLIDARIETÀ INTERGENERAZIONALE, WELFARE ED ECOLOGIA UMANA * Intergenerational Solidarity, Welfare and Human Ecology Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 10, Vatican City 2004 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta10/acta10-conclusioni.pdf CONCLUSIONI

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

La formazione vola alto.

La formazione vola alto. ALCUNI TRA I MIGLIORI Il vostro viaggio formativo HUMANFORM, FORMAZIONE SU MISURA Humanform è una società di formazione e consulenza aziendale certificata UNI ISO 9000:2008 EA 37 e accreditata Forma.Temp,

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Il Quadro di della Certificazione EPICT si articola su quattro livelli: 1. Area di competenza (Competenza

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA

A regola d ARTE. Manuale di lavoro RENA A regola d ARTE Manuale di lavoro RENA Che cos è RENA? Intelligenza collettiva al servizio dell Italia La Rete per l eccellenza nazionale (RENA) è un associazione indipendente e plurale, animata da giovani

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione I

Dettagli

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la

Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la Per andare oltre la limitata potenza di una mente singola, i modelli del mondo devono essere condivisi e costruiti collaborativamente, attraverso la creazione di un vasto spazio pubblico riempito di giudizi

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

prof. Corrado Petrucco, Università di Padova Scienze della Formazione mail to: corrado.petrucco@unipd.it

prof. Corrado Petrucco, Università di Padova Scienze della Formazione mail to: corrado.petrucco@unipd.it Progetto duezero del 16 settembre 2012 duezero Un progetto formativo integrato per la scuola, le istituzioni e le comunità del territorio, basato sul paradigma di condivisione sociale del Web 2.0 prof.

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

"Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management " ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo

Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management  ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo "Le Comunità di Pratica favoriscono il Knowledge Management " ovvero l innovazione e l apprendimento individuale ed organizzativo Marco Bianchini Premessa Il Knowledge Management, come sostenuto da Peter

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Tecnologie Educative Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a

Dettagli

MASTER PROFESSIONAL IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE

MASTER PROFESSIONAL IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE THEDARKROOM FIRENZE Scuola di fotografia, arti multimediali e comunicazione visiva, Firenze MASTER PROFESSIONAL IN COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE 240 ore totali, cioè 5 mesi, 48 ore di lezione al mese Ultimo

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Dipartimento di Psicologia dell Università di Parma. Insegnante elementare, esperta di multimedialità

Dipartimento di Psicologia dell Università di Parma. Insegnante elementare, esperta di multimedialità http://digilander.libero.it/ricercavisiva/mission/_/intervista.htm Nell ambito del Progetto Mission è stato promosso un seminario di studi organizzato dalla S. M G. Galilei di Cecina in collaborazione

Dettagli

L ambiente di apprendimento integrato per la didattica avanzata della Scuola di dottorato in Neuroscienze dell Università di Torino

L ambiente di apprendimento integrato per la didattica avanzata della Scuola di dottorato in Neuroscienze dell Università di Torino L ambiente di apprendimento integrato per la didattica avanzata della Scuola di dottorato in Neuroscienze dell Università di Torino Bruno Boniolo, Cristina Spadaro 1 Centro Interstrutture di Servizi informatici

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Formazione in rete e apprendimento collaborativo

Formazione in rete e apprendimento collaborativo Formazione in rete e apprendimento collaborativo Ballor Fabio Settembre 2003 Cos è l e-learning Il termine e-learning comprende tutte quelle attività formative che si svolgono tramite la rete (Internet

Dettagli

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività

L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività L apprendimento permanente per realizzare un economia della conoscenza basata su coesione sociale e competitività Tommaso Grimaldi EVTA General Secretary www.evta.eu The largest VET European community

Dettagli

Verbale della riunione del 07/09/2009

Verbale della riunione del 07/09/2009 Tipo Comm Informatica 1 / 9 della riunione del 07/09/2009 Componente Presenza 1. Adami Ing. Paolo NO 2. Alberto Brignoli Ing. Mauro SI 3. Benaglia Ing. Nicola SI 4. D Avanzo Ing. Sergio SI 5. Fidigatti

Dettagli

Internetopoli, alla scoperta della Rete

Internetopoli, alla scoperta della Rete Internetopoli, alla scoperta della Rete Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Gian Mario Scanu Ludoteca.it - Registro.it Via G. Moruzzi 1, 56100 Pisa giorgia.bassi@iit.cnr.it beatrice.lami@iit.cnr.it gianmario.scanu@iit.cnr.it

Dettagli

Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE

Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE Anno Accademico 2006-07 LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL EDUCAZIONE Prof. Andrea Porcarelli Applet, Learning Object, Ambienti di Pubblicazione e di Simulazione Prof. Claudio Cancelli SILSIS- Sede di Bergamo

Dettagli

Idee e suggerimenti per la lezione «Parte 10: Phishing»

Idee e suggerimenti per la lezione «Parte 10: Phishing» Pagina 1 Idee e suggerimenti per la lezione «Parte 10: Phishing» Informazioni sull unità didattica... pagina 2 Conoscenze di base per il docente... pagina 3 Preparazione... pagina 4 Warm up con gli alunni...

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Piattaforma elearning Trio GIANNI BIAGI

Piattaforma elearning Trio GIANNI BIAGI Piattaforma elearning Trio GIANNI BIAGI Regione Toscana- Dirigente del Settore Formazione e Orientamento TRIO Il sistema di web learning della Regione Toscana Progetto TOS.CA. Vibo Valentia, 28 marzo 2013

Dettagli

Definizione di enterprise 2.0

Definizione di enterprise 2.0 L enterprise 2.0 Definizione di enterprise 2.0 Piattaforme sociali Canali e piattaforme Modalità emergente Sware enterprise Social sware Piattaforme - emergenza Definizione di McAfee tecnocentrica Mcafee

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli