Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi"

Transcript

1 Cambiali e assegni nei principali mercati del mondo: regolamentazione e consigli operativi DFA Studio Legale Associato

2 In materia di «titoli di credito» possiamo considerare due macro aree: Paesi di Common law Paesi di Civil law aderenti alle Convenzioni di Ginevra

3 Paesi di Civil law I «titoli cambiari» sono caratterizzati da astrattezza, autonomia, formalismo. In materia di cambiali, vaglia cambiari e assegni si dovrà far riferimento in ciascun paese alle norme di diritto interno e/o alle Convenzioni di Ginevra del 1930 / 1931 recanti norme di conflitto uniformi e disciplina sostanziale. In ITALIA i titoli cambiari sono regolati da R.D. 1669/1933 e R.D.L. 1130/1932 (cambiali e vaglia cambiari), da R.D. 1736/1933 e R.D.L. 1007/1933 (assegni). L art. 59 comma 1 della L. 218/1995 (legge di riforma del sistema italiano di d.i.p.) richiama le Convenzioni di Ginevra del

4 Paesi di Common law Nel paesi di Common law assegni e cambiali sono «negotiable instruments» che incorporano il diritto di credito nel documento. Pur mantenendo la caratteristica dell astrattezza nella generalità dei casi, i «negotiable instruments» sono soggetti ad una serie di eccezioni regolate dal diritto interno a ciascun paese.

5 AUSTRIA La legge austriaca prevede specifici requisiti di forma (denominazione, luogo di presentazione, beneficiario, data di emissione) pena la nullità del titolo. Il protesto per mancato pagamento, per mancata accettazione o per mancanza di garanzie comporta la responsabilità solidale di tutti i soggetti coinvolti (traente, giranti, avallanti). Possono essere proposte eccezioni dirette inerenti ai rapporti tra avente causa e portatore della cambiale, eccezioni documentali, eccezioni di natura personale fra il singolo debitore e creditore. La legge austriaca prevede specifici requisiti di forma (denominazione, ordine incondizionato di pagamento, indicazione del soggetto che deve effettuare il pagamento, sottoscrizione, luogo di pagamento, luogo e data di emissione) pena la nullità del titolo. Termini per presentazione all incasso: 8 giorni per assegni domestici / 70 giorni per titoli emessi all estero.

6 BELGIO La cambiale deve contenere denominazione, ordine/promessa incondizionato/a di pagamento, nome del trattario, luogo di presentazione, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. La girata può essere vietata con clausola «non all ordine». Il portatore può essere esonerato dal protesto con clausola «senza spese». La cambiale non è titolo immediatamente esecutivo. L assegno deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, indicazione del soggetto che deve effettuare il pagamento, sottoscrizione, luogo e data di emissione. Termini per presentazione all incasso: 8 gg. per assegni domestici / 20 gg. per titolo in circolazione nella UE / 120 gg. per titolo in circolazione fuori da UE. Il portatore può essere esonerato dal protesto con clausola «senza spese». L assegno non pagato non è titolo immediatamente esecutivo.

7 BRASILE La cambiale deve contenere denominazione, ordine/promessa incondizionato/a di pagamento, nome del trattario, luogo di presentazione, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. Il portatore può essere esonerato dal protesto con clausola «senza spese». La cambiale non pagata e protestata è titolo immediatamente esecutivo. L assegno deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, indicazione del soggetto che deve effettuare il pagamento, sottoscrizione, luogo di pagamento, luogo e data di emissione. Termini per presentazione all incasso: 30 gg. per assegni pagabili nel paese di emissione / 60 gg. per assegni emessi in un paese e pagabili in altro paese / 70 gg. per assegni emessi in un paese e pagabili in altro continente. L assegno non pagato è titolo immediatamente esecutivo.

8 CINA La cambiale deve contenere denominazione, importo in numeri romani e caratteri cinesi, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, beneficiario, data di emissione, firma. La girata può essere vietata con clausola «non all ordine». La cambiale non è titolo immediatamente esecutivo. L assegno deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, importo, indicazione del soggetto che deve effettuare il pagamento, sottoscrizione, data di emissione. Termini per presentazione all incasso: 10 giorni. L assegno non pagato non è titolo immediatamente esecutivo.

9 FRANCIA La cambiale deve contenere a pena d invalidità denominazione, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, luogo di presentazione, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. La girata può essere vietata con clausola «non all ordine». Non sono opponibili al portatore di buona fede eccezioni basate sui rapporti fra traente e trattario (tranne casi di negligenza, clausole di «non garanzia»). La cambiale non è titolo immediatamente esecutivo. L assegno può essere trasferibile solo ad una banca o ente equiparato. Termini per presentazione all incasso: 8 giorni. Il trattario è comunque obbligato a pagare entro un anno dall emissione. Per l azione esecutiva è necessario un certificato di mancato pagamento emesso dal trattario.

10 GERMANIA La cambiale deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, luogo di presentazione, scadenza, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. Non sono disciplinate dalla legge cambiali al portatore. La girata della cambiale può essere vietata, pur rimanendo la cambiale trasferibile. La cambiale non presentata alla scadenza/entro 1 anno dalla data di emissione se a vista non è più protestabile. La cambiale non è titolo immediatamente esecutivo. Il debitore può proporre eccezioni derivanti dal titolo, dal rapporto giuridico o inerenti alla validità giuridica della firma. L assegno può essere retrodatato o postdatato. Termini per presentazione all incasso: 8 gg. per assegni domestici / 20 gg. per titolo in circolazione in Europa / 60 gg. per titolo in circolazione in altri continenti. L assegno non pagato e protestato non è titolo immediatamente esecutivo.

11 OLANDA La cambiale deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, luogo di presentazione, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. La mancata accettazione / il mancato pagamento deve risultare da atto autentico (protesto). La cambiale non è titolo immediatamente esecutivo. L assegno deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, luogo di presentazione, data e luogo di emissione, firma. Termini per presentazione all incasso: 8 gg. per assegni emessi e pagabili in Olanda / 20 gg. per assegni emessi in un paese e pagabili in altro paese / 70 gg. per assegni emessi in un paese e pagabili in altro continente. Il protesto deve essere chiesto prima della scadenza. L assegno non pagato non è titolo immediatamente esecutivo.

12 RUSSIA La cambiale deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, scadenza, luogo di presentazione, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. La girata della cambiale può essere vietata, pur rimanendo la cambiale trasferibile nelle forme della cessione del credito. Il portatore può agire contro traente/girante/avallante senza vincoli specifici. L assegno deve contenere denominazione, ordine di pagamento, nome del traente e indicazione del conto, ammontare, data e luogo di emissione, firma. Termini per presentazione all incasso: 10 gg. per assegni pagabili nel paese / 20 gg. per assegni emessi in altro stato della CSI / 70 gg. per assegni emessi fuori dalla CSI. L assegno deve essere incassato presso la banca ove è aperto il conto del traente, salvo diversi accordi fra istituti di credito.

13 SVIZZERA La cambiale deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, nome del trattario, scadenza, luogo di presentazione, beneficiario, data e luogo di emissione, firma. La girata della cambiale può essere vietata, pur rimanendo la cambiale trasferibile nelle forme della cessione del credito. La mancata accettazione / il mancato pagamento devono essere fatti valere con il protesto, salvo clausole di esonero. L esecuzione forzata è regolata dalla legge federale. L assegno deve contenere denominazione, ordine di pagamento, nome del trattario, luogo di pagamento, data e luogo di emissione, firma. E ammesso l assegno postdatato. L assegno pagabile in Svizzera deve essere tratto su una banca. Termini per presentazione all incasso: 8 gg. per assegni emessi e pagabili in Svizzera / 20 gg. per assegni emessi in un paese e pagabili in altro paese / 70 gg. per assegni emessi in un paese e pagabili in altro continente.

14 EMIRATI ARABI UNITI La cambiale deve contenere denominazione, ordine incondizionato di pagamento, data e luogo di emissione, sottoscrizione, trattario, beneficiario, scadenza, luogo di pagamento. La forma della cambiale è regolata dalla legge del luogo di emissione, la capacità del soggetto dalla legge nazionale del medesimo. L avvallo può essere apposto per l intero valore o parte di esso. La mancata accettazione / il mancato pagamento deve essere accertato tramite protesto. Gli assegni pagabili nel paese devono essere presentati all incasso entro 6 mesi. E ammessa azione di regresso contro il traente anche nel caso in cui il portatore non abbia presentato l assegno al trattario o levato il protesto.

15 GRAN BRETAGNA La cambiale non viene considerata nulla nel caso in cui manchino data, valore, luogo di emissione o di pagamento. La legge inglese non disciplina l avvallo, ma nella prassi viene riconosciuta la responsabilità come giratario di chi sottoscrive la cambiale. L accettazione della cambiale deve essere effettuata entro un tempo ragionevole stabilito dal titolo, dagli usi commerciali o dal caso specifico. Possono essere proposte al portatore della cambiale eccezioni riguardanti firma falsificata/non autorizzata, frode, costrizioni, violenza. La cambiale non è titolo esecutivo. Si applicano le norme riguardanti la cambiale pagabile a vista, salvo diversamente stabilito. E ammesso l assegno postdatato. L assegno deve essere presentato entro un tempo ragionevole stabilito dal titolo, dagli usi commerciali o dal caso specifico. Le banche in genere rifiutano il pagamento di assegni in circolazione da più di 6 mesi. L assegno non è titolo esecutivo né titolo autonomo rispetto al rapporto sottostante.

16 HONG KONG La legge richiede l indicazione dell ordine incondizionato di pagamento, del traente trattario beneficiario, la sottoscrizione, la scadenza, la determinazione della somma. La cambiale è valida anche se priva di data, postdatata o retrodatata. L accettazione può essere parziale, sottoposta a condizione o a limiti di durata, fornita solo in relazione ad alcuni trattari. Per le cambiali emesse all estero è richiesto il protesto nel caso in cui si voglia agire per il mancato pagamento. La cambiale non è titolo esecutivo. E definito dalla legge come una cambiale tratta su una banca e pagabile a vista. Nei titoli emessi per conto delle società deve essere indicato in maniera chiara e leggibile il nome della società. La presentazione deve avvenire entro un termine ragionevole (nella prassi le banche rifiutano il pagamento decorsi 6 mesi dall emissione). Il protesto è necessario per agire in giudizio contro il traente. L assegno non è titolo esecutivo.

17 INDIA La cambiale deve contenere ordine incondizionato di pagamento, nome del beneficiario, firma del traente o emittente, importo dovuto. Per la cambiale tratta la legge prevede un forma particolare di protesto («protest better security») che il portatore del titolo piò richiedere in caso di diminuzione delle garanzie. Nel caso di mancato pagamento di cambiale straniera il protesto è obbligatorio solo se previsto dalla legge del luogo di emissione. La cambiale non è titolo esecutivo. Gli assegni devono essere presentati all incasso entro 3 mesi. Il protesto non è previsto dalla legge. In caso di mancato incasso il beneficiario può inviare una comunicazione al traente intimando il pagamento, in mancanza del quale viene instaurato un procedimento giudiziario. L assegno non è titolo esecutivo.

18 STATI UNITI La cambiale non ha il requisito dell astrattezza. Nella prassi è uno strumento poco utilizzato; non è possibile ottenere l avvallo bancario. Per la «promissory note» non è necessario elevare il protesto. E considerato come una cambiale tratta a vista spiccata su una banca. Sono richiesti i medesimi requisiti della cambiale (firma del traente, ordine incondizionato di pagare una somma determinata, indicazione se è pagabile a vista, a data fissa o a data determinabile in un tempo futuro, indicazione se è pagabile all ordine o al portatore). All emissione dell assegno deve corrispondere una idonea controprestazione (causa del contratto fra le parti). Non è titolo esecutivo.

19

20 Vi ringrazio per l attenzione Studio Legale Associato Avv. Silvia Dalle Nogare viale Riviera Berica 105, Vicenza Tel Member of

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali 1 Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò

Dettagli

Economia Aziendale II

Economia Aziendale II Albez edutainment production Economia Aziendale II Le cambiali Sommario L epoca di pagamento Gli strumenti di pagamento I titoli di credito La cambiale Cosa vuol dire Tipologia di cambiali Il pagherò Contenuto

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario.

I TITOLI DI CREDITO. Nel pagherò concorrono: a) il trattario e il traente. b) il traente e il beneficiario. c) l emittente e il beneficiario. I TITOLI DI CREDITO Il titolo di credito: a) conferisce un diritto di credito. b) incorpora un diritto di credito. c) vale quale prova di un contratto stipulato fra le parti. L esecutività è: a) caratteristica

Dettagli

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994

I TITOLI DI CREDITO rapporto fondamentale rapporto cartolare La sicurezza Articoli fondamentali sui titoli di credito 1992 1993 1994 I TITOLI DI CREDITO La cessione ordinaria del credito è poco efficiente a causa delle eccezioni che il debitore ceduto può eccepire al creditore cessionario relativamente alle eccezioni che avrebbe potuto

Dettagli

VERIFICA DI FINE MODULO 2

VERIFICA DI FINE MODULO 2 erifica di fine modulo 2 pag. 1 di 6 ERIICA DI INE MODULO 2 Strumenti di regolamento degli scambi commerciali 1. Segna con una crocetta la risposta esatta. 1. Il bonifico bancario viene effettuato per

Dettagli

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2

SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Vivere l azienda 2 - Modulo 2 Unità 2 verifiche Soluzioni pag. 1 di 5 SOLUZIONI VERIFICHE MODULO 2 UNITÀ 2 Gli strumenti cartacei di regolamento VERIFICA VELOCE 1 1. V; 2. F; (denaro contante), 3. V; 4.

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO

PRESTA DENARO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO PRESTA DENARO MUTUANTE MUTUATARIO INTERESSE = COMPENSO SPETTANTE PER LA TEMPORANEA CESSIONE DI UN CAPITALE MONETARIO COMMISURATO A CAPITALE PRESTATO DURATA DEL PRESTITO 1 LA SUA MISURA, RAPPORTATA A 100

Dettagli

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE

LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE E AVALLO PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE OBBLIGAZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L'ACCETTAZIONE

Dettagli

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE

Informativa n. 11. Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE Informativa n. 11 del 2 aprile 2008 Limitazioni all uso del contante, degli assegni e dei libretti al portatore (DLgs. 21.11.2007 n. 231) - Principali novità INDICE 1 Novità in materia di utilizzo del

Dettagli

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art.

Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. Regio decreto 14 dicembre 1933, n. 1669 (G.U. 19 dicembre, n. 292). Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario. Art. 1 Alle disposizioni contenute nel codice di commercio concernenti

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA

IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA IL FINANZIAMENTO DELL AZIENDA L azienda può finanziare lo svolgimento della propria attività produttiva mediante: a) CAPITALE PROPRIO: si tratta di mezzi finanziari apportati dal proprietario o dai soci;

Dettagli

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c.

TITOLI DI CREDITO. artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. 1 TITOLI DI CREDITO Norme primarie di riferimento: artt. 1992, 1993 e 1994 c.c. [La disciplina unitaria del codice nasce dalla convinzione dell esistenza di una funzione economica caratteristica dei titoli

Dettagli

verifiche di ingresso

verifiche di ingresso 114 PARTE TERZA erifiche di ingresso ed esercizi riepilogativi ERIICHE DI INGRESSO NOTA BENE: 1 2 3 Il diverso grado di difficoltà degli esercizi è così contrassegnato: livello di difficoltà basso livello

Dettagli

Modulo 1: Introduzione alla Banca

Modulo 1: Introduzione alla Banca Modulo 1: Introduzione alla Banca dott. Claudio Rossi L attività bancaria La legge 12 marzo 1936 n. 375 (Legge Bancaria) detta disposizioni su la raccolta del risparmio fra il pubblico sotto ogni forma

Dettagli

D. Promesse unilaterali e titoli di credito.

D. Promesse unilaterali e titoli di credito. D. Promesse unilaterali e titoli di credito. a. Promesse unilaterali. 150. Tipicità o atipicità delle promesse unilaterali. La disciplina degli atti e dei fatti diversi dal contratto comprende: le promesse

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 3414 Protestabilità di assegni postali Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 3 luglio 2001 Con D.P.R. 14 marzo 2001, n. 144 (in G.U. n. 94 del 23

Dettagli

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI

ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI ESERCIZI SU FATTURAZIONE, ASSEGNI E CAMBIALI 1 Scelta multipla Indica con una crocetta la risposta esatta. a) È u strumento di pagamento a iniziativa del venditore: 1. il rilascio di un asseg bancario

Dettagli

Tratta e vaglia cambiario 1.

Tratta e vaglia cambiario 1. Tratta e vaglia cambiario 23 Tratta e vaglia cambiario 1. SOMMARIO 1. Tratta e vaglia cambiario: i requisiti essenziali. 2. Astrattezza e causa. 3. Falsità della firma e falsità della cambiale. 4. Le alterazioni

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta ALLEGATO TARIFFA (PARTE I) Articolo della tariffa Indicazione degli atti soggetti ad imposta 1. 1. Atti rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e certificati, estratti di

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE. Legge cambiaria 1669/1933 TITOLI DI CREDITO - Nominativi (es azioni di società) Trasferimento mediante doppia annotazione (o doppio transfert) Del nome del nuovo possessore sia sul titolo sia sul registro dell emittente (es libro

Dettagli

Convenzione che stabilisce una legge uniforme sulla cambiale e sul vaglia cambiario

Convenzione che stabilisce una legge uniforme sulla cambiale e sul vaglia cambiario Traduzione 1 Convenzione che stabilisce una legge uniforme sulla cambiale e sul vaglia cambiario 0.221.554.1 Conchiusa a Ginevra il 7 giugno 1930 Approvata dall Assemblea federale l 8 luglio 1932 2 Istrumento

Dettagli

I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato

I titoli DI CrEDIto LInEAmEntI GEnErALI DEI titoli DI CrEDIto sommario: 1. 1. GEnErALItà trasferendo il documento diritto in esso incorporato Parte Quarta I titoli di credito Capitolo Primo Lineamenti generali dei titoli di credito Sommario: 1. Generalità. - 2. Titoli impropri, di legittimazione e atipici. - 3. Eccezioni opponibili dal debitore

Dettagli

LE CAMBIALI O EFFETTI ALLO SCONTO

LE CAMBIALI O EFFETTI ALLO SCONTO LE CAMBIALI O EFFETTI ALLO SCONTO L'impresa che riceve degli effetti in pagamento da parte di un cliente può optare per due soluzioni distinte: smobilizzare gli effetti, presentandoli allo sconto, in modo

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale

Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di anticipo Sconto commerciale Inserire nella tabella i dati mancanti. Capitale Tasso Tempo di dilazione Interesse Montante 21.900,00 4,25% 18 giorni (anno civile) 5% 8 mesi 6.250,00. 4,20% 3 anni e 1/2. 66.984,80 292.000,00 dal 4/05

Dettagli

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza

avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Il Protesto della cambiale e dell'assegno avv. Rosario Antonio Guarrera Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata / Partial or total reproduction

Dettagli

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

F O G L I O I N F O R M A T I V O SERVIZIO INCASSO EFFETTI, DISPOSIZIONI ELETTRONICHE E DOCUMENTI I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli

LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE. Prof. Pietro Samarelli LE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO E GLI ANTICIPI SU FATTURE Prof. Pietro Samarelli La cessione di credito E l istituto giuridico mediante il quale il creditore originario viene sostituito da un altro soggetto,

Dettagli

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA

TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA TITOLI DI CREDITO CAMBIALE ASSEGNO MONETA ELETTRONICA 1 CAMBIALE Contenuto Pagherò cambiario Cambiale tratta Scadenza Garanzie e pagamento Contenuto ASSEGNO Assegno bancario Assegno circolare Garanzie

Dettagli

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria

Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria Stampa Gli assegni bancari e la Centrale di Allarme Interbancaria admin in A circa sei anni dalla introduzione della nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari e postali (d.lgs n. 507 del 30

Dettagli

3. Gli assegni e gli altri strumenti di pagamento

3. Gli assegni e gli altri strumenti di pagamento 3. Gli assegni e gli altri strumenti di pagamento 3.1 Il sistema dei pagamenti Con il passare del tempo la banconota sta ricoprendo un ruolo marginale nell attività economica, data la sua idoneità ai soli

Dettagli

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.Lgs. 385 DEL 1/9/1993 DELIBERA CICR DEL 4/3/2003

NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.Lgs. 385 DEL 1/9/1993 DELIBERA CICR DEL 4/3/2003 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI FORNACETTE S.C.P.A. Sede Legale e amministrativa: via Tosco Romagnola n. 101/A Fornacette (PI). Tel. 0587281111 fax 0587281242. Codice ABI 08562.1 Iscritta all albo delle

Dettagli

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING

RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING RILEVAZIONI CONTABILI DI SCONTO E INCASSO EFFETTI, RICEVUTE BANCARIE E FACTORING L operazione di sconto cambiario Lo sconto cambiario rappresenta un operazione di smobilizzo dei crediti commerciali mediante

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che Schema di convenzione- tipo per contratti di finanziamento CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il...

Dettagli

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione

Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione Schema convenzione tipo per contratti di assicurazione CONVENZIONE L Università degli Studi di Roma La Sapienza (codice fiscale 80209930587) di seguito Amministrazione, nella persona di., nato il... a.,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. RELATIVO AL SERVIZIO INCASSO indicizzato

FOGLIO INFORMATIVO. RELATIVO AL SERVIZIO INCASSO indicizzato FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL SERVIZIO INCASSO indicizzato INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare del Mediterraneo scpa Sede Legale e Direzione Generale: Via A. Depretis 51 80133 Napoli Registro delle

Dettagli

TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito]

TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone. [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] TITOLI DI CREDITO E MEZZI DI PAGAMENTO Dott.ssa M. Laura Pavone [P_1. Caratteristiche generali e funzione dei titoli di credito] Il titolo di credito costituisce uno strumento predisposto dal legislatore

Dettagli

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA

CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA CAI CENTRALE DI ALLARME INTERBANCARIA Approfondimenti legislativi CAI Centrale d Allarme Interbancaria 1/5 Gli archivi informatici La Banca d Italia, con Regolamento del 29/01/2002, ha completato la normativa

Dettagli

L'ASSEGNO NEGLI STATI UNITI D'AMERICA

L'ASSEGNO NEGLI STATI UNITI D'AMERICA L'ASSEGNO NEGLI STATI UNITI D'AMERICA Dott. Antonio di Meo, Consulente all Export Studio Di Meo, Padova Con il contributo di Avv. Charles R. Bernardini Studio Legale Ungaretti & Harris Chicago, Illinois

Dettagli

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali

Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Caratteri delle azioni come partecipazioni sociali Indivisibilità = necessaria unità e non frazionabilità dei diritti inerenti all azione effetti sul rapporto tra i comproprietari e la società (per i rapporti

Dettagli

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4

Indice. 1 I titoli di credito in generale ---------------------------------------------------------------------------- 4 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE LEZIONE IX I TITOLI DI CREDITO PROF. VALENTINA SCOGNAMIGLIO Indice 1 I titoli di credito in generale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DOCUMENTI AL DOPO INCASSO

DOCUMENTI AL DOPO INCASSO Aggiornato al 01/10/2015 N release 0010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Foglio Informativo SERVIZIO INCASSO Portafoglio elettronico, portafoglio cartaceo, presentazione fatture Aggiornato al 21 ottobre 2013

Foglio Informativo SERVIZIO INCASSO Portafoglio elettronico, portafoglio cartaceo, presentazione fatture Aggiornato al 21 ottobre 2013 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Promos SpA Sede Legale: Viale Gramsci, 19 80122 Napoli Telefono: +39.081.0170111 Fax. +39.081.4620011 Sito Web: http://www.bancapromos.it Codice ABI: 3265.6 Codice Fiscale:

Dettagli

Convenzione per risolvere certi conflitti di leggi in materia di cambiali e di vaglia cambiari

Convenzione per risolvere certi conflitti di leggi in materia di cambiali e di vaglia cambiari Traduzione 1 Convenzione per risolvere certi conflitti di leggi in materia di cambiali e di vaglia cambiari 0.221.554.2 Conchiusa a Ginevra il 7 giugno 1930 Approvata dall Assemblea federale l 8 luglio

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10. CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - ASTI Allegato 2) alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 10 del 27.10.2011 REGOLAMENTO GENERALE SUL REGISTRO DEI PROTESTI PREMESSA Art. 1

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti. Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO

Guida alla cancellazione dei protesti. Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO Versione 1.01 del 20/09/2013 SOMMARIO SOMMARIO... 2 TITOLI DI CREDITO E PROTESTI La Cambiale... 4 L'assegno... 5 Il Protesto... 6 IL REGISTRO INFORMATICO DEI PROTESTI E LA TENUTA DEL REGISTRO Il Registro...

Dettagli

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni)

Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 (Definizioni) Testo Decreto Delegato Disposizioni sull espletamento dei servizi finanziari postali TITOLO I Disposizioni Generali Art. 1 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto delegato si intendono per: a) Assegno

Dettagli

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI

IL PROCESSO CAMBIARIO. LE ECCEZIONI AZIONI CAMBIARIE E AZIONI EXTRACAMBIARIE PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 LE AZIONI CAMBIARIE ---------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Caratteristiche e rischi tipici

Caratteristiche e rischi tipici Foglio N. 6.06.0.MC informativo Redatto in ottemperanza alla deliberazione CICR del 4 marzo 2003, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n 72 del 27 marzo del 2003 e delle Istruzioni di Vigilanza emanate

Dettagli

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore

ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Impa_assegni_4 31-03-2008 14:46 Page 2 C ASSEGNI: CAMBIA TUTTO Novità anche per pagamenti in contanti e libretti al portatore Composite M Y CM MY CY CMY K A S S E G N I : C A M B I A T U T T O INDICE Assegni

Dettagli

Comune di Stigliano (Prov. Matera)

Comune di Stigliano (Prov. Matera) Comune di Stigliano (Prov. Matera) REPUBBLICA ITALIANA BOLL O SCHEMA DI C O N V E N Z I O N E per il conferimento in appalto del servizio di tesoreria L anno duemila... (...), il giorno... (...) del mese

Dettagli

Prof. Salvatore Loprevite

Prof. Salvatore Loprevite Sezione Economia aziendale Le cambiali attive e passive Prof. Salvatore Loprevite sloprevite@unime.it Le cambiali Pagherò (o vaglia) cambiario Dichiarazione scritta e firmata dal debitore con cui questo

Dettagli

- 1 - Trasferimento di denaro contante

- 1 - Trasferimento di denaro contante A DECORRERE DAL 31.5.2010 sono state introdotte ad opera dell art. 20, DL n. 78/2010, c.d. Manovra correttiva, una serie di novità circa: l uso del denaro contante; l utilizzo degli assegni bancari o postali

Dettagli

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A

Programma di Economia Aziendale. Classe 2^A Programma di Economia Aziendale Classe 2^A Anno scolastico 2014/2015 Docente COIS ANNA Libro di testo: Telepass + Blu Economia aziendale per il primo biennio Istituti tecnici del settore economico P.Costa

Dettagli

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo

Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo 62 Il conto corrente bancario: regole operative e modalità di utilizzo correntista dell esecuzione di essi e, in genere, di tutti quegli atti esecutivi del mandato assunto, la cui notizia possa ragionevolmente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Telefono e Fax Tel. +39 049 9290111 e Fax. +39 049 9290340

FOGLIO INFORMATIVO. Telefono e Fax Tel. +39 049 9290111 e Fax. +39 049 9290340 Pag. 1 / 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. Sede legale ed amministrativa Via Caltana n. 7 35011 Campodarsego (Padova) Telefono e Fax Tel.

Dettagli

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002

Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Clausole e Condizioni generali dell industria Tessile Tedesca Testo del 01.01.2002 Queste clausole e condizioni generali sono valide esclusivamente tra commercianti 1 Luogo dell adempimento, consegna ed

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA

FOGLIO INFORMATIVO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE TIPICHE DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE SPESE BREVITA' FUORI PIAZZA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Padovana Credito Cooperativo S.C. in Amministrazione Straordinaria Via Caltana n. 7-35011 Campodarsego (Padova) Tel.: +39 049 9290111 Fax: +39 049 9290340 Email: info@bancapadovana.it

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PORTAF./SERVIZIO AL DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO PORTAF./SERVIZIO AL DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO FOGLIO INFORMATIVO PORTAF./SERVIZIO AL DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Salerno Credito Cooperativo Società Cooperativa Via Velia n. 15 84122 SALERNO Tel.: 089 403600 - Fax: 089 794244 Email:

Dettagli

Luogo e data PREMESSO CHE

Luogo e data PREMESSO CHE FIDEIUSSIONE A GARANZIA DEGLI OBBLIGHI DI CUI ALL ART. 4 DELLA LEGGE 28 GIUGNO 2012, N. 92 Spett.le Istituto Nazionale della Previdenza Sociale INPS.. Luogo e data PREMESSO CHE a) L art. 4, comma 1, della

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo

EFFETTI AL DOPO INCASSO Foglio informativo Informazioni sulla Banca Caratteristiche e rischi tipici del servizio Struttura e funzione economica Con questo servizio la banca cura per conto del Cliente l incasso di effetti, ricevute e documenti presentati.

Dettagli

CREDITO DOCUMENTARIO ESTERO

CREDITO DOCUMENTARIO ESTERO Aggiornato al 01/10/2015 N release 0002 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO ECONOMIA AZIENDALE e RAGIONERIA APPLICATA ALLE IMPRESE TURISTICHE Anno Accademico 2011 2012 Lezione 6 ANALISI QUALITATIVA DEL CAPITALE I FINANZIAMENTI

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

Le operazioni bancarie, l intermediazione finanziaria e i titoli di credito

Le operazioni bancarie, l intermediazione finanziaria e i titoli di credito N Oltreconfine 2 O S E Ripassare ed esercitarsi Percorso F Le operazioni bancarie, l intermediazione finanziaria e i titoli di credito Banca è il soggetto imprenditore a cui è riservata l'attività bancaria,

Dettagli

CONVENZIONE. premesso che

CONVENZIONE. premesso che CONVENZIONE MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Direzione Generale Regionale, con sede in Torino, Via Pietro Micca n. 20, (codice fiscale 97613140017), di seguito Amministrazione, nella persona

Dettagli

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERICALE

SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERICALE SCONTO DI PORTAFOGLIO COMMERICALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA DI SCONTO E CONTI CORRENTI DI SANTA MARIA CAPUA VETERE S.P.A Sede legale e amministrativa: Piazza Giuseppe

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PORTAF./SERVIZIO AL DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO

FOGLIO INFORMATIVO PORTAF./SERVIZIO AL DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Salerno Credito Cooperativo Società Cooperativa FOGLIO INFORMATIVO Via Velia n. 15 84122 SALERNO Tel.: 089 403600 - Fax: 089 794244 Email: segreteria@bancadisalerno.it

Dettagli

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e

STUDIO BADELLINO. GIOVANNI L. BADELLINO D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e GIOVANNI L. D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a R e v i s o r e C o n t a b i l e CIRCOLARE N. 4 DELL 8 APRILE 2008 INTRODUZIONE PAG. 2 TRASFERIMENTO DI DENARO CONTANTE (ART. 49) PAG. 2 NUOVA DISCIPLINA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA E DI CASSA DEL COMITATO NAZIONALE ITALIANO PERMANENTE PER IL MICROCREDITO TRA Il Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PORTAFOGLIO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA

FOGLIO INFORMATIVO PORTAFOGLIO DOPO INCASSO INFORMAZIONI SULLA BANCA INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: Banca di Bologna Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Piazza Galvani, 4 40124 Bologna Indirizzo telematico: www.bancadibologna.it

Dettagli

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) OLIVIERI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) OLIVIERI Membro designato

Dettagli

Aggiornato al 1 Luglio 2015 PORTAFOGLIO SCONTO

Aggiornato al 1 Luglio 2015 PORTAFOGLIO SCONTO Pag. 1 / 6 Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it/sito internet www.mps.it).

Dettagli

Promemoria. Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali e sottopartecipazioni (29.10.1992)

Promemoria. Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali e sottopartecipazioni (29.10.1992) AMMINISTRAZIONE FEDERALE DELLE CONTRIBUZIONI Divisione principale tasse di bollo e imposta preventiva I N D I C E Promemoria Trattamento fiscale dei prestiti consorziali, riconoscimenti di debito, cambiali

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231)

L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) L utilizzo del sistema finanziario secondo la nuova disciplina antiriciclaggio (D. Lgs. 21/11/2007 n 231) Con il D. Lgs. 21/11/2007 n 231, pubblicato sulla G.U. n.290 SO n.267 del 14 dicembre 2007, è stata

Dettagli

ESFA ESF Modulo I Gli s trumenti strumenti di di pagamento ESFA- Lucia Gibilaro

ESFA ESF Modulo I Gli s trumenti strumenti di di pagamento ESFA- Lucia Gibilaro ESFA Modulo I Gli strumenti di pagamento L assegno bancario Definizione E un titolo di credito mediante il quale un soggetto (traente), che ha fondi disponibili presso una banca, ordina a questa (banca

Dettagli

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Servizio circolari per la clientela Circolari specialistiche sui temi giuridici. tributari e finanziari. Circolare Gennaio 2008 n 3 Milano, 25 gennaio 2008 NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Dal 30/04/2008 cambiano

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY INFORMAZIONI SULLA BANCA: DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO TELEMATICO CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY Nuova Banca delle Marche S.p.A. Via Nazionale

Dettagli

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) SERVIZIO INCASSI:

Normativa sulla Trasparenza Bancaria. (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) SERVIZIO INCASSI: Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione) N SERVIZIO INCASSI: - EFFETTI DOCUMENTI ASSEGNI PENSIONI - STIPENDI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - INCASSI VINCITE

Dettagli

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY

CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI CREDITO STAND-BY INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. (Codice ABI 01015) Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI & LETTERE DI CREDITO STAND-BY INCASSI DOCUMENTARI

FOGLIO INFORMATIVO CREDITI DOCUMENTARI & LETTERE DI CREDITO STAND-BY INCASSI DOCUMENTARI Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia 29/7/2009) FOGLIO INFORMATIVO CREDITI

Dettagli

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Pagamenti Internazionali 2

UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini. Pagamenti Internazionali 2 UNIVERSITA DI BERGAMO Sergio Valentini Pagamenti Internazionali 2 CheckList per pagamenti Verifica di affidabilità/solvibilità controparte Scelta (o preferenza) per soluzione di pagamento da portare in

Dettagli

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese

L Istituto di Credito con sede in Via iscritto al Registro delle Imprese ALLEGATO 1 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA tra L Associazione Pistoia Futura Laboratorio per la Programmazione Strategica della Provincia di Pistoia, con sede in Pistoia Piazza San

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

SCONTO / SBF / DOPO INCASSO DI PORTAFOGLIO (GESTIONE INCASSI CARTACEI)

SCONTO / SBF / DOPO INCASSO DI PORTAFOGLIO (GESTIONE INCASSI CARTACEI) SCONTO / SBF / DOPO INCASSO DI PORTAFOGLIO (GESTIONE INCASSI CARTACEI) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Federico Del Vecchio s.p.a. Sede legale: Via dei Banchi n.5-50123 Firenze - Sede amministrativa:, Viale

Dettagli

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE

BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE FOGLIO INFORMATIVO Decorrenza 06/07/2009 Pagina 1 di 6 Sezione I Informazioni sulla Banca BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE Società cooperativa per azioni Sede

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO SCONTO DI PORTAFOGLIO Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14 20121

Dettagli

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati

Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati 24.01.2012 Circolazione del contante: pagamenti oltre i 1.000 tra privati Categoria Sottocategoria Antiriciclaggio Varie Il comma 1 dell'articolo 12 del Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ha previsto

Dettagli

INCOTERMS PAGAMENTI INTERNAZIONALI EMIRATI ARABI UNITI. dott. Enrico Scalco. Al Najjari. negli scambi commerciali con gli.

INCOTERMS PAGAMENTI INTERNAZIONALI EMIRATI ARABI UNITI. dott. Enrico Scalco. Al Najjari. negli scambi commerciali con gli. INCOTERMS e PAGAMENTI INTERNAZIONALI negli scambi commerciali con gli EMIRATI ARABI UNITI A cura di: dott. Enrico Scalco Al Najjari & Partners L a w F i r m NATURA DEGLI INCOTERMS Non hanno forza di legge,

Dettagli

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 olga.circolari@studiocla.it Circolare nr. 16 del 24 marzo 2012 I nuovi

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

LA TUTELA NELLA CIRCOLAZIONE DELL'ASSEGNO BANCARIO

LA TUTELA NELLA CIRCOLAZIONE DELL'ASSEGNO BANCARIO STUDIO LEGALE ASSOCIATO AVVOCATI SGUERSO Avv. Mario Sguerso Avv. Chiara Sguerso Avv. Filippo Sguerso Avv. Elisabetta Menegazzi Avv. Cristina Mori Avv. Luca Maria Paganucci Avv. Manuela Roggero Avv. Claudio

Dettagli

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988)

UNIDROIT CONVENZIONE UNIDROIT. sul FACTORING INTERNAZIONALE. (Ottawa, 26 maggio 1988) UNIDROIT ISTITUTO INTERNAZIONALE PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO ============================================================= CONVENZIONE UNIDROIT sul FACTORING INTERNAZIONALE (Ottawa, 26 maggio

Dettagli

OPERATIVITA CON L ESTERO Crediti Documentari e Lettere di Credito stand-by

OPERATIVITA CON L ESTERO Crediti Documentari e Lettere di Credito stand-by scheda prodotto OPERATIVITA CON L ESTERO CREDITI DOCUMENTARI E LETTERE DI rilascio del 30.08.2013 FOGLIO INFORMATIVO OPERATIVITA CON L ESTERO Crediti Documentari e Lettere di Credito stand-by INFORMAZIONI

Dettagli