Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015"

Transcript

1 69 Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 Sommario: 1. Premessa. Il ravvedimento operoso ex D.Lgs. 472/ L omesso versamento della maggiorazione dello 0,40% Ravvedimento operoso e dichiarazione dei redditi ex D.Lgs. 472/ Le novità della Legge di stabilità Esempi pratici di calcolo di ravvedimento operoso Calcolo degli interessi di mora nel Ravvedimento operoso e dichiarazione dei redditi precompilata Imposte e tributi di cui ravvedersi : i modelli Approfondimento: l imposta di registro sui contratti di locazione L imposta di registro: modalità di pagamento Imposta di registro e ravvedimento operoso - 3. Spesometro 2015: la fatturazione elettronica Spesometro: esempi pratici Scadenza spesometro e ravvedimento operoso - 4. La procedura di collaborazione volontaria per il rientro dei redditi da capitale ed attività finanziarie detenute all estero. 1. Premessa. Il ravvedimento operoso ex D.Lgs. 472/1997 L art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n , come modificato dall art. 2, co. 1, lett. f) del D.Lgs. 05/06/1998, n. 203, disciplina l istituto del ravvedimento operoso, cui il contribuente (persona fisica o impresa) può ricorrere spontaneamente, in caso di omissione, errore o ritardo nel pagamento di tributi, imposte, anche derivanti dalla dichiarazione dei redditi, quindi per mancata o tardiva presentazione della stessa. Questo gli consente di fruire di rilevanti riduzioni sull applicazione delle sanzioni amministrative, cui, tuttavia, si aggiungono il pagamento dell intero tributo e degli interessi di mora legali, calcolati in base al saggio di interesse legale annuale, dalla data di scadenza prevista al giorno del pagamento effettivo. Tra le imposte e i tributi del quale versamento omesso, insufficiente o tardivo il contribuente può ravvedersi figurano tra le principali 2 : 1 D.Lgs. n. 472 del 1997: Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie, a norma dell articolo 3, comma 133, della legge 23 dicembre 1996, n.662, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 5 del 8 gennaio 1998, modificato dalla Legge del 13/12/2010, n. 220, e dal Decreto Salva Italia, D. L. 98/2011. Quest ultimo ha introdotto una penalità giornaliera ridotta per il contribuente che decide di regolarizzare la sua posizione entro i primi 14 giorni dalla data di scadenza prevista per il pagamento del tributo o della dichiarazione: una sanzione pari allo 0,2% per ciascun giorno di ritardo, oltre, al pagamento dell intero tributo dovuto e degli interessi di mora legali calcolati in base al tasso legale annuale. 2 Per effetto dell entrata in vigore della Legge di stabilità per il 2015, si sono aggiunte altre categorie di

2 70 Rosanna De Lorenzo - IVA; - IRAP; - IRPEF; - tributi locali, come IMU, TASI e TARI; - omessi versamenti dovuti ad errori materiali o di calcolo; - omessa presentazione della dichiarazione o denuncia anche di inizio/variazione dell attività; - imposta di registro; - imposta vidimazione libri sociali; - imposta ipotecaria e catastale. Quale fondamentale eccezione, il ricorso dei contribuenti al ravvedimento operoso non può essere effettuato in caso di versamenti dovuti ad istituti previdenziali, quali INPS e INAIL 3. Affinché il ravvedimento comporti la regolarizzazione della violazione compiuta, il contribuente, o il suo sostituto d imposta, devono procedere come segue: - effettuare il versamento delle imposte o ritenute dovute, delle sanzioni previste per la specifica violazione, nonché dei relativi interessi legali; - presentare la dichiarazione omessa; - oppure un eventuale dichiarazione sostitutiva di quella precedente. Il ravvedimento non è valido se manca il pagamento anche di uno solo degli importi dovuti (imposta, interessi, sanzioni). Il tasso di interesse legale 4 è pari: - all 1,5% annuo, a decorrere dal 1 gennaio 2011, ai sensi del D. M. 7 dicembre 2010; - al 2,5% annuo, come previsto dal D. M. 12 dicembre 2011, dall 1/1/ al 31/12/2013; - all 1%, dall 1/01/2014 al 31/12/2014; imposte, del cui omesso, insufficiente o tardivo pagamento il contribuente può ravvedersi, di seguito Contributi Gestione Separata, contributi colf e badanti, artigiani, commercianti, liberi professionisti; lavoro dipendente e contributi INAIL. 4 Art c.c., rubricato: Saggio degli interessi. Il saggio degli interessi legali è determinato in misura pari al 5 per cento in ragione d anno. Il Ministro del tesoro, con proprio decreto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana non oltre il 15 dicembre dell anno precedente a quello cui il saggio si riferisce, può modificarne annualmente la misura, sulla base del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a dodici mesi e tenuto conto del tasso di inflazione registrato nell anno. Qualora entro il 15 dicembre non sia fissata una nuova misura del saggio, questo rimane invariato per l anno successivo. Allo stesso saggio si computano gli interessi convenzionali, se le parti non ne hanno determinato la misura. Gli interessi superiori alla misura legale (3) devono essere determinati per iscritto; altrimenti sono dovuti nella misura legale [161 disp.att.]. 5 Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha disposto l aumento del saggio degli interessi legali dall 1,5 al 2,5 % con D.M. 12/12/11, pubblicato nella GU n. 291 del 15/12/11. La nuova misura si applica dal 1 gennaio 2012 e non produce in nessun caso effetti retroattivi.

3 Fisco e lavoro 2015: regole, normativa e prassi - Parte I 71 - allo 0,50% per quest anno, dall 1/01/2015 al 31/12/ È importante sottolineare che il ravvedimento operoso esplica i suoi effetti nelle modalità precedentemente indicate, solo se le azioni che lo disciplinano sono eseguite entro determinati limiti temporali. Inoltre, a norma dell art. 13 del D.Lgs. 472/1997, condizione imprescindibile di attuazione del ravvedimento è il mancato inizio di attività di accertamento o di verifica, che presuppongono l inizio di un procedimento tributario nei confronti del soggetto inadempiente. Come si dirà più avanti, la Legge di stabilità è intervenuta, tra gli altri, anche su questo aspetto: la previsione di cui al comma 637del suo articolo unico ha abrogato detta condizione imprescindibile. La ratio di tale manovra è duplice: semplificare il fisco alla portata del contribuente, ma, soprattutto, frenare sul nascere un possibile intento di evasione fiscale. La riduzione della sanzione dipende dall arco temporale nel quale il contribuente si ravvede; essa è pari a: - un decimo del minimo, nei casi di mancato pagamento del tributo o di un acconto, quando è eseguito nel termine di trenta giorni dalla data di scadenza prevista; - un ottavo del minimo, quando la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla determinazione o sul pagamento del tributo, avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione stessa ovvero quando non è prevista una dichiarazione periodica, entro un anno dall omissione o dall errore; - un decimo del minimo di quella prevista per l omissione della presentazione della dichiarazione, se presentata non oltre 90 giorni dalla scadenza prevista. La normativa in esame prevede, dunque, tre tipologie di ravvedimento operoso: - c.d. sprint : entrato in vigore con il D. L. 98/2011, consente al contribuente di sanare il ritardo nel versamento con una penalità giornaliera ridotta e una sanzione pari allo 0,2% per ciascun giorno di ritardo, oltre agli interessi legali. Il pagamento complessivo, dato da tributo, sanzione dello 0,2% ed interessi legali, deve avvenire entro e non oltre i 14 giorni successivi alla scadenza del termine per il versamento; - breve : può essere effettuato dal 15 giorno al 30 giorno successivo alla scadenza e prevede l applicazione di una sanzione pari al 3%; - lungo : può essere effettuato dal 31 giorno fino ad 1 anno dalla scadenza e prevede l applicazione di una sanzione pari al 3,75%, con una ridu- 6 La nuova disposizione è prevista nel Decreto 11 dicembre 2014 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre 2014 n. 290, con effetto dall 1/01/2015 al 31/12/2015.

4 72 Rosanna De Lorenzo zione complessiva della sanzione pari al 30% (dell importo inizialmente dovuto). Di seguito, una tabella indicativa del criterio cumulativo, ovvero la riduzione della sanzione amministrativa, per ciascun giorno di ritardo dalla scadenza del mancato versamento: Giorni di ritardo Sanzione ordinaria applicabile Sanzione ridotta per effetto del RAVVEDIMENTO OPEROSO* 1 2% 0,2% 2 4% 0,4% 3 6% 0,6% 4 8% 0,8% 5 10% 1% 6 12% 1,2% 7 14% 1,4% 8 16% 1,6% 9 18% 1,8% 10 20% 2% 11 22% 2,2% 12 24% 2,4% 13 26% 2,6% 14 28% 2,8% % 3% 31-scadenza ravvedimento 30% 3,75% 1.1. L omesso versamento della maggiorazione dello 0,40% L art. 17, commi 1 e 2, del d.p.r. 435/2001, prevede che il versamento del saldo, nonché del primo acconto IRPEF/IRES e IRAP, deve avvenire entro il 16 giugno di ogni anno, per i soggetti il cui esercizio coincida con l anno solare. Il termine è prorogabile di 30 giorni, versando una maggiorazione dello 0,40%. La circolare dell Agenzia delle Entrate del 2 agosto 2013, n. 27, ha stabilito che, se per errore il contribuente versa un imposta di somma inferiore a quella dovuta, l Agenzia irroga una sanzione da omesso versamento pari al 30% della differenza fra quanto versato entro il 16 luglio (30 giorni più la maggiorazione dello 0,40%) e quanto effettivamente dovuto.

5 Fisco e lavoro 2015: regole, normativa e prassi - Parte I 73 Per effetto dell applicazione del ravvedimento operoso, la violazione in oggetto potrà essere sanata con riduzione della sanzione (dell Agenzia delle Entrate) a: - 1/10 del minimo, se sanata entro trenta giorni; - 1/8 del minimo, se sanata entro il termine stabilito per la dichiarazione dei redditi dell anno in cui la violazione è stata commessa. Alla suddetta sanzione così ridotta, si aggiungono gli interessi legali, che maturano dalla scadenza del 16 luglio (per la questione in esame, ovvero il termine previsto più gli ulteriori 30 giorni di proroga) al giorno in cui il versamento è effettuato (in ritardo) 7. Se, invece, il versamento del saldo o dell acconto non è proprio avvenuto, la maturazione degli interessi legali, che si aggiungono alla sanzione ridotta, si applicano dalla scadenza prevista dalla legge (d.p.r. 435/2001), il 16 giugno Ravvedimento operoso e dichiarazione dei redditi ex D.Lgs. 472/1997 Come anticipato nel primo paragrafo del presente capitolo, il ravvedimento operoso può essere utilizzato dal contribuente anche per le seguenti tipologie di violazione: 1) rilevabili in sede di liquidazione e di controllo formale della dichiarazione (articoli 36-bis e 36-ter del d.p.r. n. 600 del 1973), quali: - gli errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili e delle imposte; - l errata indicazione di detrazioni d imposta, di oneri deducibili o detraibili, di ritenute d acconto e di crediti d imposta (in misura superiore a quella spettante). In questi casi, a partire dal 1 febbraio 2011, la regolarizzazione comporta il pagamento della sanzione ridotta al 3,75% della maggiore imposta o della differenza del credito utilizzato, oltre al pagamento del tributo e degli interessi calcolati al tasso legale annuo, con maturazione giorno per giorno 9 ; 2) di infedele dichiarazione, facendo rientrare: 7 Nel periodo di calcolo degli interessi legali, si considera il calendario civile, non quello commerciale (nel quale tutti i mesi sono composti da 30 giorni), a svantaggio così del contribuente. 8 In caso di errore del calcolo degli interessi legali, così come delle sanzioni amministrative o del computo della riduzione, vale il principio di buona fede reciproca, di cui all art. 10 della L. 212/2000 (lo Statuto dei diritti del contribuente). 9 Per le violazioni commesse fino al 31 gennaio 2011 continua ad applicarsi la precedente sanzione ridotta (3%).

6 74 Rosanna De Lorenzo - l omessa o l errata indicazione di redditi; - l errata determinazione di redditi; - esposizione di detrazioni d imposta o di deduzioni dall imponibile non spettanti. Sono i casi in cui la regolarizzazione avviene tramite la presentazione di una dichiarazione integrativa e il pagamento della sanzione ridotta al 12,50% (pari a 1/8 della sanzione minima prevista del 100%) della maggiore imposta dovuta o della differenza di credito spettante, oltre al pagamento del tributo dovuto e dei relativi interessi, calcolati al tasso legale annuo con maturazione giorno per giorno 10 ; 3) della dichiarazione dei redditi presentata con un ritardo non superiore a 90 giorni. In questo caso, è sufficiente effettuare entro i 90 giorni il pagamento di una sanzione di 25 euro (pari a 1/10 del minimo previsto). Per utilizzare il ravvedimento operoso per le violazioni al punto 1 e 2, il contribuente deve necessariamente presentare un unica dichiarazione integrativa ed effettuare il pagamento delle somme complessivamente dovute. In questo caso, le sanzioni ridotte, rispettivamente 3, 75% e 12,50%, saranno calcolate sui rispettivi maggiori tributi o minori crediti spettanti. La possibilità di ravvedersi è concessa anche ai soggetti abilitati all invio telematico (intermediari o CAF) che non hanno trasmesso tempestivamente le dichiarazioni. È necessario, comunque, che la dichiarazione non trasmessa possa ancora essere validamente presentata, cioè che non siano trascorsi 90 giorni dalla scadenza del termine naturale di presentazione Le novità della Legge di stabilità 2015 Ai sensi del comma 637 dell articolo unico della Legge di stabilità per il 2015, L. 190/2014, la novità più influente sul ravvedimento operoso è la possibilità per il contribuente di rimediare all omesso, insufficiente o tardivo versamento di un tributo o presentazione di una dichiarazione pagando una sanzione ridotta (con il tributo e gli interessi di mora), anche quando è iniziato l accertamento della violazione o la sua constatazione da parte dell Amministrazione finanziaria. In altri termini, dal 1 gennaio 2015 il contribuente che riceve un avviso di accertamento può ricorrere al ravvedimento e mettersi in regola con il fisco. Tuttavia, restano esclusi i casi in cui 10 Per le violazioni commesse fino al 31 gennaio 2011 continua ad applicarsi la precedente sanzione ridotta (10%). 11 Per approfondimenti, Cap. II del manuale.

7 Fisco e lavoro 2015: regole, normativa e prassi - Parte I 75 la violazione è stata notificata tramite atto di liquidazione, accertamento o ricezione di una comunicazione di irregolarità, emessa a seguito dei controlli automatici o del controllo formale delle dichiarazioni 12. La possibilità di ravvedersi è prevista anche al termine dell attività di accesso, ispezione e verifica, quindi dopo aver ricevuto un processo verbale di constatazione, con una sanzione ridotta a 1/5 del minimo. Tale opportunità, non è però consentita se la violazione riguarda l emissione di ricevute, scontrini fiscali e documenti di trasporto o all installazione degli apparecchi per l emissione di scontrini. Un altra novità importante, riferita ai tributi da versare all Agenzia delle Entrate (IRPEF, IVA, IRAP, imposta di registro, ipotecaria, catastale, imposta di bollo e di successione, tra le principali 13 ) riguarda i tempi entro i quali il contribuente può ravvedersi e sanare la violazione. La sanzione va applicata all intero importo del tributo dovuto inizialmente, in caso di omissione integrale o di versamento parziale oltre il termine di scadenza ordinari, per cui l importo del tributo dovuto va aumentato di: - 0,2%: se il versamento avviene entro i primi 14 giorni dalla scadenza regolare del tributo - esempio se l ultima rata di IMU è fissata al 16 dicembre 2014 il contribuente può ricorrere al c.d. ravvedimento sprint, se effettua il pagamento entro il 31 dicembre 2014; - 3,00% del valore del tributo, equivalente ad 1/8 della sanzione minima pari al 30%, se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni dalla violazione, ovvero, esempio sopra entro il 16 gennaio 2015, c.d. ravvedimento breve. - del 3,75% del valore del tributo, equivalente ad 1/5 della sanzione minima pari al 30% del tributo, se la regolarizzazione avviene entro un 1 anno dalla violazione, c.d. ravvedimento lungo. Riprendendo l esempio del primo punto, per il pagamento dell ultima rata IMU, il contribuente avrà tempo fino al 16 dicembre Dal 1 gennaio 2015, al ravvedimento sprint, breve e lungo è stato aggiunto anche il c.d. ravvedimento lunghissimo, che prevede due possibilità: - ravvedimento entro 2 anni dal termine per la presentazione della dichiarazione in caso di errori o omissioni, con una sanzione ridotta a 1/7 del minimo; - ravvedimento effettuato oltre i 2 anni con sanzione ridotta a 1/6 del minimo. Per quanto riguarda invece tutti i tributi, quindi non solo quelli dovuti 12 I controlli automatici sono eseguiti dall Amministrazione finanziaria su dati che il contribuente autodichiara in sede di modifica/integrazione del modello 730 precompilato. Anche in questo caso, si rimanda a Cap. II. 13 Per l imposta di registro, successione e donazione, i termini per l accertamento tributario partono dal momento in cui è stato effettuato il ravvedimento.

8 76 Rosanna De Lorenzo all Agenzia delle Entrate, se la regolarizzazione avviene entro 90 giorni dal termine di presentazione della dichiarazione o dall omissione o dall errore, la sanzione ridotta a 1/9 del minimo. A partire dal 2015, sono cambiati anche i termini per: - la notifica delle cartelle di pagamento; - l inizio degli accertamenti, nel caso in cui venga presentata una dichiarazione integrativa che sana la violazione o l errore. Tali termini partono dal momento in cui viene presentata la nuova dichiarazione integrativa, limitatamente agli elementi oggetto di integrazione Esempi pratici di calcolo di ravvedimento operoso A) Ravvedimento omesso versamento IRPEF periodo d imposta Un contribuente non ha versato l IRPEF a saldo derivante dalla dichiarazione dell anno 2011 (importo da versare entro il 18 giugno 2012 e dichiarazione da presentare entro il 1 ottobre 2012), per un importo complessivo pari a euro: decide di effettuare il ravvedimento il 29 gennaio La sanzione minima per tale violazione ammonta a 300 euro (30% dell importo omesso). In questo caso dovrebbe trovare applicazione la nuova lettera b-ter) dell art. 13, D.Lgs. n. 472/1997 e quindi la riduzione ad 1/6 della sanzione. Pertanto, nel caso in questione, la sanzione ridotta sarà pari a: 300 * 1/6 = 50 euro B) Ravvedimento omesso versamento IRPEF periodo d imposta Un contribuente non ha versato l IRPEF a saldo derivante dalla dichiarazione dell anno 2012 (importo da versare entro il 17 giugno 2013 e dichiarazione da presentare entro il 30 settembre 2013), per un importo complessivo pari a euro: decide di effettuare il ravvedimento il 29 gennaio La sanzione minima per tale violazione ammonta a 300 euro (30% dell importo omesso). In questo caso dovrebbe trovare applicazione la nuova lettera b-bis) dell art. 13, D.Lgs. n. 472/1997 e quindi la riduzione ad 1/7 della sanzione. Pertanto, nel caso in questione, la sanzione ridotta sarà pari a: 300 * 1/7 = 42,86 euro C) Ravvedimento omesso versamento IRPEF periodo d imposta Un contribuente che, non avendo versato l IRPEF a saldo derivante dalla dichiarazione dell anno 2013 (importo da versare entro il 16 giugno 2014 e dichiarazione da presentare entro il 30 settembre 2014), per un importo complessivo pari a euro: decide di effettuare il ravvedimento il 29 gennaio 2015.

9 Fisco e lavoro 2015: regole, normativa e prassi - Parte I 77 La sanzione minima per tale violazione ammonta a 300 euro (30% dell importo omesso). In questo caso dovrebbe trovare applicazione la lettera b) dell art. 13, D.Lgs. n. 472/1997 e quindi la riduzione ad 1/8 della sanzione. Pertanto, nel caso in questione, la sanzione ridotta sarà pari a: 300 * 1/8 = 37,50 euro D) Esempio di calcolo di ravvedimento operoso su un imposta netta di Euro 120,00 per un ritardo di gg. 21 rispetto alla scadenza prevista: - Imposta netta dovuta = Euro 120,00 - Interessi legali = 120 x 1 x 21 = Euro 0,07 (tasso di interesse da applicare fino al 31/12/2010) Sanzione = 120 x 2,5% = Euro 3,00 Nel caso rappresentato la somma da versare sarà: 120,00 + 0,07 +3,00 = 123,07 E) Esempio di calcolo di ravvedimento operoso su un imposta di Euro 350,00 per un ritardo di gg. 50 rispetto alla scadenza prevista: - Imposta netta dovuta = Euro 350,00 - Interessi legali = 350 x 1 x 50 = Euro 0.48 (tasso di interesse da applicare fino al 31/12/2010) Sanzione = 350 x 3% = Euro 10,50 Nel caso rappresentato la somma da versare sarà: ,50 = 361, Calcolo degli interessi di mora nel 2015 Gli interessi moratori devono essere calcolati nella misura del tasso legale vigente nel periodo concernente la violazione, con maturazione giornaliera, sulla base dell importo dell imposta non versata. Come già anticipato, il tasso di interesse legale per l anno 2015 è pari allo 0,50%. La modifica ha notevoli ripercussioni con riferimento al calcolo degli interessi da versare a seguito di ravvedimento operoso, i quali sono da calcolare dal giorno successivo a quello entro il quale doveva essere assolto l adempimento fino al giorno in cui si effettua il pagamento compreso. L Agenzia delle Entrate, nella R.M. n. 296/2008, ha fornito delle precisazioni in merito alle modalità di calcolo degli interessi moratori, dovuti in sede di ravvedimento operoso. Affinché il contribuente possa beneficiare della riduzione di una sanzione amministrativa, a seguito di errori o omissioni nell adempimento dei propri obblighi tributari, egli deve eseguire il versamento entro il termine per la

10 78 Rosanna De Lorenzo presentazione della dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione oppure, quando non è prevista dichiarazione periodica, entro un anno dall omissione o dall errore. Il contribuente dovrà provvedere al versamento della sanzione ridotta, insieme al pagamento del tributo e degli interessi moratori, calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno. Ai fini del calcolo degli interessi moratori, da calcolare al tasso legale, attualmente fissato nella misura del 0,5% annuo, si applica la formula che segue: I = (C x R x N) / 365 con: - C = capitale (l imposta da versare); - R = saggio d interesse legale (nel caso dello 0,5% espresso come 0,005); - N = numero di giorni di ritardo; è il numero di giorni di cui è composto l anno civile 14. Ad esempio, per effettuare il ravvedimento operoso nel 2015 di una ritenuta d acconto non versata al 16/12/2014, occorrerà: calcolare gli interessi di ritardato versamento per i giorni che vanno da quello successivo alla scadenza, quindi 17/12/2014, fino al 31/12/2014 (15 giorni) nella misura dell 1%; per i giorni che vanno dall 1/1/2015 fino al giorno di pagamento nella misura dello 0,5% Ravvedimento operoso 2015 e dichiarazione dei redditi precompilata Per quanto riguarda l applicazione dell istituto del ravvedimento operoso in sede di dichiarazione dei redditi, utilizzato dai contribuenti per correggere errori di indicazione dell imposta, di eventuali detrazioni, oneri, errata indicazione dei redditi con il modello 730 o Unico, si esaminano le tre ipotesi seguenti. A) Violazioni accertate in sede di liquidazione e di controllo formale della dichiarazione: in base a quanto stabilito dagli articoli 36-bis e 36-ter del d.p.r. n. 600 del 1973, il contribuente che si accorge di aver pagato una somma sbagliata a causa di un errato calcolo del tributo o dell imposta o di aver scritto e indicato errate detrazioni o oneri deducibili e detraibili su una dichiarazione, può, ricorrere al ravvedimento per effettuare tali correzioni. In questi casi, egli è tenuto a presentare un unica dichiarazione integrativa ed 14 In tal senso, è necessario che al denominatore sia sempre indicato il numero di giorni che compone l anno civile (365), anche quando l anno nel corso del quale gli interessi sono maturati sia composto di 366 giorni (anno bisestile).

11 Fisco e lavoro 2015: regole, normativa e prassi - Parte I 79 effettuare il pagamento delle somme complessivamente dovute. Le sanzioni ridotte (3,75% e 12,50%) saranno calcolate sui rispettivi maggiori tributi o minori crediti spettanti. B) Omissione o non corretta indicazione dei redditi: il contribuente che si accorge di aver omesso o non indicato correttamente redditi o detrazioni d imposta su una dichiarazione, può sanare la propria posizione presentando una dichiarazione integrativa (che sostituisce l originale). Egli sosterrà: il pagamento della sanzione ridotta al 12,50% (pari a 1/8 della sanzione minima prevista del 100%) della maggiore imposta dovuta o della differenza di credito spettante, con il pagamento del tributo dovuto e relativi interessi, calcolati al tasso legale annuo, con maturazione giorno per giorno in base ai giorni di ritardato pagamento. C) Dichiarazione dei redditi presentata in ritardo non superiore a 90 giorni. In questo caso, il soggetto abilitato all invio telematico (intermediario o CAF), che non ha trasmesso tempestivamente la dichiarazione dei redditi entro la regolare scadenza, può sanare la posizione, presentando la dichiarazione: entro 90 giorni dalla data di regolare scadenza, cui si aggiunge il pagamento della sanzione di 25 euro (pari a 1/10 del minimo di 258 euro), che eseguirà a suo carico, secondo le nuove disposizioni sui profili di responsabilità degli intermediari, di cui al D.Lgs. 175/ Nei casi A e B, il contribuente presenta la dichiarazione integrativa 16 : - utilizzando, anche in fotocopia, i modelli di dichiarazione approvati per l anno di riferimento; - barrando nella dichiarazione l apposita casella Dichiarazione integrativa ; - indicando quali quadri o allegati alla dichiarazione originaria sono oggetto di aggiornamento e quali invece sono rimasti invariati; - riproducendo integralmente il contenuto della dichiarazione originaria, ovviamente rettificato, tenendo conto delle correzioni o integrazioni. L eventuale maggior credito d imposta risultante dalla dichiarazione integrativa può essere utilizzato in compensazione oppure chiesto a rimborso In tal senso, Cap. II. 16 Ad esempio, se il contribuente deve correggere un errore di calcolo nella dichiarazione dei redditi circa detrazioni o oneri deducibili non spettanti o si dimentica completamente di presentare la dichiarazione, può ricorrere al ravvedimento operoso per rimediare alla dimenticanza e all errore prima che gli venga contestata la violazione da parte dell Agenzia, presentando il Modello 730 integrativo, che sostituisce il primo modello errato, rivolgendosi al CAF o intermediario abilitato. 17 Non è consentito pagare a rate le somme dovute per effetto del ravvedimento. È, invece, possibile effettuare la compensazione con eventuali crediti d imposta vantati per i tributi per i quali è ammessa (per esempio, IRPEF, IVA, IRES, ecc.).

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona?

Che cos è il Ravvedimento Operoso IMU 2012 e come funziona? Con il Ravvedimento Operoso IMU 2012 il contribuente può regolarizzare spontaneamente la sua posizione tributaria in caso di omesso, parziale, tardivo o infedele versamento dell imposta municipale propria,

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

IL NUOVO RAVVEDIMENTO

IL NUOVO RAVVEDIMENTO COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE A cura di Roberto Ferrara IL NUOVO RAVVEDIMENTO L istituto del ravvedimento cd. operoso, Disciplinato dall art. 13, D.lgs. 18 dicembre 1977, n. 472, consente all autore

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015

Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi. Milano, lì 09/02/2015. Circolare n. 04/2015 20121 Milano via San Primo 4, Italia t. +39 02 76.07.671 f. +39 02 76.00.64.74 Ai Sigg. Clienti Loro Uffici Amministrativi Milano, lì 09/02/2015 Circolare n. 04/2015 Giuseppe Chiaravalli RAGIONIERE COMMERCIALISTA

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga

Per Unico 2011, modello 730 e versamenti e adempimenti di agosto è proroga Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 9/2011 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE

SCADENZARIO PER LE ASD APRILE SCADENZARIO PER LE ASD Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono al sabato o giorno festivo, così come stabilito dall art.7

Dettagli

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013

Dentro la Notizia. 28 Maggio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 73/2013 MAGGIO/14/2013 (*) 28 Maggio 2013 RAVVEDIMENTO OPEROSO SEMPRE

Dettagli

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5

S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 S C A D E N Z A R I O A P R I L E 2 0 1 5 01.04.15 SETTORI: TESSILE, ABBIGLIAMENTO, MODA, CALZATURE, PELLI E CUOIO (PICCOLA INDUSTRIA) AUMENTO MINIMI CONTRATTUALI: seguiranno apposite circolari con nuovi

Dettagli

MODIFICHE AL RAVVEDIMENTO OPEROSO E AGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DEL CONTENZIOSO

MODIFICHE AL RAVVEDIMENTO OPEROSO E AGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DEL CONTENZIOSO MODIFICHE AL RAVVEDIMENTO OPEROSO E AGLI ISTITUTI DEFLATTIVI DEL CONTENZIOSO art. 13 comma 1 d.lgs. 472/97 Se la violazione è già stata constatata; Se sono iniziati accessi, verifiche, ispezioni; Se sono

Dettagli

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015

Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 Riduzione delle sanzioni: ravvedimento e istituti definitori a confronto Le novità della Legge di Stabilità 2015 dott. Fabrizio Povinelli Capo Area Imprese grandi e medie dimensioni Agenzia delle Entrate

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI In applicazione del Decreto 1/2014 della Repubblica Veneta sull Esenzione Fiscale Totale, Plebiscito.eu ha avviato una campagna di obiezione fiscale

Dettagli

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 D. Liburdi, F. Colombo Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 Edizione 2009 INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012

Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 31 del 1 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 16 marzo 2012 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 16 marzo

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli. Gennaio/7/2014 (*) Napoli 17 Gennaio 2014

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli. Gennaio/7/2014 (*) Napoli 17 Gennaio 2014 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Gennaio/7/2014 (*) Napoli 17 Gennaio 2014 Dal 1 gennaio 2014 gli interessi legali sono stati ridotti dal 2,5% annuo all'1 per cento. La

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO INDICE 1. PREMESSA 2. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE IN VIA TELEMATICA Trasmissione

Dettagli

Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi

Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi Art. 1 co. 637-640 L.1902014 (legge di ) D.M. 11122014 variazione tasso legale a cura di Francesco Zuech Ragioniere commercialista e revisore

Dettagli

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse

Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse Il Ravvedimento operoso, cosa succede se non pago le tasse L'Istituto del Ravvedimento operoso, consente ai contribuenti di sanare il tardivo pagamento senza sanzioni pesanti, versando una mini sanzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 296/E

RISOLUZIONE N. 296/E RISOLUZIONE N. 296/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 luglio 2008 OGGETTO: Istanza di Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di calcolo degli interessi moratori dovuti

Dettagli

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8 D O T T. C A R L O O R S E N I G A Commercialista - Revisore Contabile 20123 - MILANO Via Vincenzo Monti, 32 Tel. +39.02.36.55.04.76 Fax +39.02.89.07.49.33 Circolare n. 1 del 18 febbraio 2014 Compensazione

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: RIDUZIONE DEL TASSO DI INTERESSE LEGALE ALLO 0,50% PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: RIDUZIONE DEL TASSO DI INTERESSE LEGALE ALLO 0,50% PAG. 2 CIRCOLARE N. 05 DEL 21/01/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: RIDUZIONE DEL TASSO DI INTERESSE LEGALE ALLO 0,50% PAG. 2 IN SINTESI: Dall 1.1.2015 il tasso di interesse

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

REGIME SANZIONATORIO INARCASSA DECORRENZA DAL 20/05/2011

REGIME SANZIONATORIO INARCASSA DECORRENZA DAL 20/05/2011 REGIME SANZIONATORIO INARCASSA DECORRENZA DAL 20/05/2011 1. SANZIONI PER RITARDATA/OMESSA DOMANDA DI ISCRIZIONE ART. 1 30% DEI CONTRIBUTI DOVUTI E NON VERSATI SE LA DOMANDA E PRESENTATA OLTRE IL 31 OTTOBRE

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE Circolare 21 del 29 luglio 2015 Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 28 Agosto 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 19/2015: Modelli

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna. Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Gentile Cliente, Il contribuente che avrà commesso errori riguardanti l invio delle dichiarazioni fiscali, dovrà

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

Evento MAP mercoledì 14.5.2003. Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI

Evento MAP mercoledì 14.5.2003. Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI Avv. Benedetto Santacroce IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E L AUTOTUTELA: ASPETTI PRATICI 1 UNICO 2003 Termini di versamento Dal 2 maggio al 20 giugno Pagamento con F24 no maggiorazione Dal 21 giugno al 21 luglio

Dettagli

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero 4/2011 Pagina 1 di 9 Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero : 4/2011 Gruppo : FINANZIARIA Oggetto : FINANZIARIA 2011 Norme e prassi : LEGGE N. 220 DEL 13.12.2010 PUBBLICATA IN GAZZETTA

Dettagli

Centro Servizi UILCOM Sicilia

Centro Servizi UILCOM Sicilia Centro Servizi UILCOM Sicilia La Legge di stabilità 2011 le principali novità fiscali In data 7 dicembre 2010 è stato approvato il disegno di Legge Finanziaria per l anno 2011, atto del Senato n. 2464,

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale

Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE TARDIVA Presentazione della dichiarazione tardiva di UNICO 2014 entro il 29 dicembre Antonio Mastroberti - Esperto fiscale ADEMPIMENTO

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Approvato con deliberazione C.C. n. n. 64 del 28.12.1998

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela Circolare n. 19 del 31 luglio 2014 Modelli 770/2014 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Pag. 1 di 5 INDICE 1 Premessa... 3 2 Obbligo

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 5 DICEMBRE 2015 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2015 Acerbi

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2014 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

DOCUMENTO ESPLICATIVO

DOCUMENTO ESPLICATIVO DOCUMENTO ESPLICATIVO IL REGIME SANZIONATORIO CIPAG 2015 Sommario SOMMARIO 1 Premessa... 1 2 Regolarizzazione del pagamento dei contributi... 2 3 Sanzioni sui pagamenti... 4 4 Sanzioni sulle dichiarazioni...

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Ai Gentili Clienti Loro sedi

Ai Gentili Clienti Loro sedi Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 27 del 20 ottobre 2006 Ai Gentili Clienti Loro sedi LIBRI E REGISTRI CONTABILI: BOLLATURA

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Oggetto: principali novità in tema di Ravvedimento operoso, Certificazione unica, Intrastat

Oggetto: principali novità in tema di Ravvedimento operoso, Certificazione unica, Intrastat Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Filippo Foresti Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Valentina

Dettagli

COMUNE DI PIANELLO VAL TIDONE Provincia di Piacenza. Regolamento per la disciplina del Tributo per i Servizi Indivisibili

COMUNE DI PIANELLO VAL TIDONE Provincia di Piacenza. Regolamento per la disciplina del Tributo per i Servizi Indivisibili COMUNE DI PIANELLO VAL TIDONE Provincia di Piacenza Regolamento per la disciplina del Tributo per i Servizi Indivisibili Approvato con atto C.C.. n. 22 del 18/06/2014 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 Soggetto

Dettagli

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Con il D.M. del 12.12.2011 è stato previsto che, a far data dall'1.01.2012,

Dettagli

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne

l agenzia in f orma ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne 6 l agenzia in f orma 2005 ERRORI FISCALI: conseguenze e rimedi Ufficio Relazioni Esterne INDICE 1. LE SANZIONI TRIBUTARIE NON PENALI 2 Come viene irrogata la sanzione 3 Le sanzioni e il contribuente truffato

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari

Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari I dossier fiscali Le modalità di compensazione dei crediti commerciali verso la P.A. con i debiti tributari - Guida operativa - Febbraio 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. Compensazione con debiti derivanti

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI

Circolare N.85 del 7 Giugno 2011. Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Circolare N.85 del 7 Giugno 2011 Giornalisti. Entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla Gestione Separata INPGI Giornalisti: entro il 31.07.2011 comunicazione on line redditi 2010 alla

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 24 del 3 aprile 2012 Destinazione del cinque per mille dell IRPEF - Proroga per il 2012 - Presentazione delle domande INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti destinatari...

Dettagli

Circolare N.31 del 28 Febbraio 2014

Circolare N.31 del 28 Febbraio 2014 Circolare N.31 del 28 Febbraio 2014 Versamento tassa annuale sui libri sociali entro il 17 marzo 2014 Gentile cliente con la presente intendiamo ricordarle che il 17 marzo 2014 (poiché il 16 cade di domenica)

Dettagli

Circolare informativa

Circolare informativa Circolare informativa Ultime novità fiscali Incentivi acquisto eco-veicoli Dati forniti dal contribuente indagato per evasione Decreto Ministero Sviluppo Economico 11.1.2013 È stato pubblicato sulla G.U.

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010 RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI -2010 La Legge consente ai contribuenti di regolarizzare spontaneamente, nei termini previsti, le violazioni connesse alla dichiarazione ed al pagamento dell'i.c.i. avvalendosi

Dettagli