CITTÁ DI MOGLIANO VENETO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE ALLEGATO B)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTÁ DI MOGLIANO VENETO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 ALLEGATO B)"

Transcript

1 CITTÁ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE ALLEGATO B)

2

3 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE La presente nota integrativa è stata redatta secondo quanto previsto dall allegato n. 4/1 Principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio richiamato dall art. 3 del Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118 cosi come modificato dal decreto Legislativo 10 agosto 2014 n In particolare, il punto 9.11 del citato allegato fissa il contenuto di massima del documento stesso. La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al Bilancio di Previsione e, come tale rientra anch'essa nel ciclo della programmazione descritto nell'allegato 4/1 del D. Lgs. 118/2011. La formazione delle poste di entrata e spesa contenute nel Bilancio di Previsione deriva pertanto dagli obiettivi strategici tratti dal programma di mandato, declinati a loro volta in obiettivi operativi, tutti contenuti e descritti nel Documento Unico di Programmazione. CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI PER LA FORMULAZIONE DELLE PREVISIONI I criteri adottati per la formulazione delle previsioni di bilancio sono stati i seguenti: Analisi dell'andamento storico delle entrate e delle spese modifiche normative intervenute nel corso del 2015, con particolare riferimento alla Legge di stabilità per il 2016; proiezione della spesa corrente "fissa" per il triennio , a copertura dei mutui e dei contratti e convenzioni in essere; invarianza della politica tributaria e tariffaria per il 2017 e 2018 (per il 2016 l'invarianza è dettata dalla Legge di stabilità per il 2016) nuovi servizi e nuove forme di servizi pubblici per il triennio , compatibili con l'importo previsionale delle entrate prudenza nelle proiezioni delle entrate e nella determinazione dei fondi crediti di dubbia esigibilità EQUILIBRI DI BILANCIO Per quanto attiene il Bilancio previsionale 2016/2018 si rappresentano gli equilibri di bilancio previsti all'articolo 162 comma 6 del TUEL, distintamente per la parte corrente e per quella riferita agli investimenti.!" ## $ %!" $#%&' ( ( (& (()&& * +," #, # $ $ 1

4 !!!," # -( #," #. ((( && ') " # $ $!"#$!%&'()) *+,-.+,-,+- - -// /0 )))(() 1! &-*) '' 2! (&-*) '' ( 3! ) # '()/)) )))(() (. 5!" ##$ $ %!" $#%&' ( ( (& (()&& * 1! &-*) '',!" 5& (,!" 5(# '( "!" ) 6-) 2! (&-*) '' ( # # # # # 0," #, # $ $ 2

5 7," 8)6-) #!," # -( '()) )),!" 5& (,!" 5(# '( "!" ) 6-) 9," %& ( 9," %(# '( :," 8) 6-) # # # '2()))) (*) Entrate di parte capitale destinate a spese correnti EURO ,00- Oneri di urbanizzazione applicati alla spesa corrente ai sensi della L. 28/12/2015 n. 208 comma 737 L'articolo 1 comma 712 della legge di stabilità 2016 prevede che gli enti locali siano tenuti ad allegare al bilancio di previsione un prospetto obbligatorio contenente le previsioni di competenza triennali rilevanti in sede di rendiconto ai fini della verifica del saldo tra le entrate finali e le spese finali, in termini di competenza. La disposizione specifica che, a tal fine, non vengono considerati gli stanziamenti dl Fondo crediti di dubbia esigibilità e dei Fondi spese e rischi futuri destinati a confluire nel risultato di amministrazione. Il prospetto, definito ai sensi dell articolo 11, comma 11, del decreto legislativo n. 118 del 2011, ovvero con decreto del Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, di concerto con il Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali e la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli affari regionali, su proposta della Commissione per l armonizzazione contabile degli enti territoriali (ARCONET), è stato predisposto tenendo conto dei seguenti elementi: Inclusione del Fondo pluriennale vincolato di entrata e di spesa, al netto della quota riveniente dal ricorso all indebitamento, per il solo anno 2016 ; Esclusioni di entrata e di spesa degli enti locali ; Fondo crediti di dubbia esigibilità e Fondi spese e rischi futuri, destinati a confluire nel risultato di amministrazione; Effetti dei patti nazionali e regionali relativi agli anni precedenti ed a quello in corso. Il richiamato prospetto, da compilarsi per tutto il triennio sulla base delle regole di finanza pubblica previste dalla legge di stabilità è stato approvato dalla Commissione ARCONET nella seduta del 20 gennaio 2016 ed è in corso di definizione l iter del relativo decreto. Il saldo tra le entrate finali e le spese finali, in termini di competenza, valido ai fini della verifica del rispetto dei saldi di finanza pubblica, è indicato alla lettera O, di cui al Prospetto allegato al bilancio di previsione (Allegato 3) qui di seguito allegato, ed è dato dalla somma algebrica del Fondo pluriennale vincolato di entrata per spese correnti (lettera A), del Fondo pluriennale vincolato di entrata per spese in conto capitale al netto delle quote finanziate da debito (lettera B), delle Entrate finali valide ai fini dei saldi di finanza pubblica (lettera H) e delle Spese finali valide ai fini dei saldi di finanza pubblica (lettera N). L inclusione nel saldo di riferimento del Fondo pluriennale vincolato 3

6 di entrata e di spesa, al netto della quota riveniente da ricorso all indebitamento, come più volte richiamato, è prevista per il solo anno Il saldo così individuato deve tenere conto degli effetti dei patti nazionali e regionali relativi agli anni precedenti ed a quello in corso. 4

7 Dall'esame delle voci rilevanti per il calcolo del nuovo saldo di finanza pubblica emerge che, in assenza di nuovo indebitamento, si determina uno spazio stutturale positivo pari alle quote annue accantonate per i Fondi Crediti Dubbia Esigibilità e Rischi (se finanziati esclusivamente con entrate di competenza dell'esercizio a cui si riferiscono) e per effetto della quota di rimborso mutui, non presente tra le voci rilevanti della spesa. Lo spazio "strutturale" creatosi per il comune di Mogliano Veneto, che per il triennio non ricorre a nuovo indebitamento, è il seguente: 5

8 Lo spazio strutturale positivo di euro ,00 si è ridotto, per il 2016, ad euro ,00. La differenza, pari a euro ,00 è dovuta: alla restituzione alla Regione Veneto di euro ,00 di spazio di patto regionale orizzontale di cui l'ente ha beneficiato nel 2015, all'applicazione di avanzo di amministrazione vincolato all'esercizio 2016 per Euro ,00. Lo spazio strutturale positivo di euro ,00 si è ridotto, per il 2017, ad euro ,00. La differenza, pari a euro ,00 è dovuta: alla restituzione alla Regione Veneto di euro ,00 di spazio di patto regionale orizzontale di cui l'ente ha beneficiato nel 2015, all'ammontare della spesa di investimento finanziata con il fondo pluriennale vincolato pari a euro 5.000,00 (dal 2017 non è possibile conteggiare il fondo pluriennale vincolato in entrata che finanzia tale spesa). Pertanto, il rispetto degli equilibri per gli anni 2017 e 2018 sarà influenzato negativamente dalle quote di spesa corrente e di investimento traslate al 2017 e 2018 per il tramite del fondo pluriennale vincolato, in quanto esigibili in quegli esercizi. Infatti, le spese esigibili nel 2017 e 2018 ma finanziate dal FPV del 2016 (cioè finanziate con entrate degli anni precedenti) peseranno negativamente sul saldo in quanto non è più conteggiato in entrata il fondo pluriennale vincolato di pari importo - a decorrere dal che le finanzia. Il differente calcolo del saldo finale previsto dal 2017 costituisce una incognita per la gestione delle spese di investimento di nuova programmazione. AVANZO PRESUNTO E AVANZO VINCOLATO L avanzo di amministrazione presunto è stato applicato in questa sede per una quota della parte vincolata. L applicazione di avanzo vincolato al bilancio di previsione è prevista dal comma 3 dell articolo 187 del T.u.e.l. anche nel caso in cui il consuntivo dell esercizio precedente non sia stato ancora approvato. L'applicazione delle quote di avanzo destinato agli investimenti e libero potrà avvenire solo dopo l'approvazione del Rendiconto della Gestione 2015, nel rispetto degli equilibri finali definiti ai sensi della L. 28 dicembre 2015 n. 208 commi

9 La quota vincolata è stata applicata alle spese di investimento del 2016 e deriva dall'avanzo di amministrazione ridefinito a seguito del riaccertamento straordinario dei residui, approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 91 del 29 aprile In particolare, ci si riferisce agli impegni "tecnici" del titolo 2 assunti, ai sensi dell'art. 183 comma 6 del TUEL, per importo pari all'accertamento delle entrate ad essi vincolate. Questi sono privi del requisito della esigibilità definito dai nuovi principi contabili (gare non avviate, mancanza di fornitori impediscono l'assunzione di qualsiasi impegno) e di conseguenza sono stati stralciati tra gli impegni a residui. La loro eliminazione ha determinato avanzo vincolato, come previsto dal principio contabile. L'applicazione al bilancio di previsione dell'esercizio 2016 è avvenuta nel rispetto delle destinazioni originarie previste dalle Funzioni e servizi dei capitoli di provenienza. Lo schema di bilancio approvato dalla Giunta comunale presenta tra i suoi allegati, ai sensi del comma 3 quater dell articolo 187, l'allegato 9 al D. Lgs. 118/2011, il prospetto dimostrativo relativo alla formazione dell'avanzo presunto al 31 dicembre Si è dimostrato, coi dati di preconsuntivo al momento a disposizione, che l'avanzo di amministrazione presunto è positivo e permette quindi la sua applicazione al Bilancio di Previsione in approvazione, nell' esercizio 2016, limitatamente alla quota vincolata. L'avanzo presunto è stato provvisoriamente diviso in parte accantonata - con riferimento ai fondi crediti di dubbia esigibilità stanziati nel bilancio 2015 e per l'indennità di fine mandato del Sindaco - e parte vincolata, nella quale è confluita: la quota di avanzo di amministrazione vincolata non applicata (o applicata e non impegnata) al Bilancio di Previsione 2015 derivante dal riaccertamento straordinario pari a euro ,00; la quota vincolata a fronte dei debiti di SPL srl in liquidazione e per rischio swap pari a Euro ,00, stanziata nel bilancio 2015 e riaffluita nell'avanzo di amministrazione; contributi regionali di parte corrente riscossi e non impegnati quantificati provvisoriamente in euro ,38, relativi ai fondi per il sostenimento delle abitazioni in locazione, per i libri di testo e il fondo sociale ai sensi della L. R. 10/96. FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA La formazione del fondo crediti di dubbia esigibilità calcolato in sede di Bilancio di Previsione è finalizzata ad evitare che le entrate di dubbia esigibilità stanziate a bilancio possano finanziare spese con esigibilità certa. Sono stati individuati tre gruppi di entrata che possono dare luogo a crediti di dubbia e difficile esazione: 1) titolo 1 entrate tributarie (limitatamente alle entrate derivanti da recupero di imposta di IMU/ICI e Tasi e alla TARI) 2) titolo 3 entrate extra-tributarie con riferimento alle sole entrate da refezione scolastica 3) titolo 3 entrate da sanzioni amministrative e per violazione al codice della strada Per ciascuno di questi gruppi si è costruita la serie storica - relativa alle entrate degli ultimi 5 anni - dei seguenti dati: - riscossioni in conto competenza e i conto residui, - accertamenti in conto competenza - dati extra-contabili ove necessario calcolando per gli anni da 2010 a 2014 il rapporto tra incassi dell anno (competenza e residui) e i relativi accertamenti. I dati contabili riferiti al 2015 sono ancora provvisori in quanto è in corso l'attività di riaccertamento ordinario dei residui finalizzata alla redazione del Rendiconto della Gestione per il

10 Si è poi proceduto al conteggio della media degli stessi, secondo quanto prescritto dal principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria (Allegato n. 4/2 al D. Lgs. 118/2011) al paragrafo 3.3 e all esempio n. 5. La media può essere calcolata secondo tre modalità: a) media aritmetica semplice (media tra totale incassato e totale accertato o media dei rapporti annui); b) media ponderata con pesi pari allo 0,35 per il biennio precedente all esercizio di riferimento del bilancio di previsione e 0,10 nel primo triennio; i pesi vanno applicati alla sommatoria degli incassi e alla sommatoria degli accertamenti dell ultimo quinquennio; c) media ponderata del rapporto tra incassi e accertamenti calcolato per ogni anno del quinquennio con i seguenti pesi: 0,35 in ciascun anno del biennio precedente e 0,10 in ciascuno degli anni del primo triennio. L Ente ha provveduto al calcolo delle tre modalità, tenendo come base di riferimento il metodo c). All interno dei tre gruppi omogenei di entrata sopra individuati, che possono dare luogo a crediti di dubbia e difficile esazione, si sono resi necessari alcuni calcoli ed esclusioni particolari: Titolo 1 entrate tributarie: si è applicata la percentuale calcolata con il metodo c) che ha dato come risultato un insoluto stimato pari al 47,83%. Per la Tari, riscossa tramite Veritas, è stata applicata una percentuale di accantonamento al fondo crediti dubbia pari alla media aritmetica dell'insoluto 2013 e 2014 comunicata da Veritas stessa, pari al 9,84%. All'importo ottenuto applicando tale percentuale allo stanziamento di bilancio, si è detratta la quota di insoluto degli anni precedenti inserita nel piano finanziario della tariffa in approvazione per il Si provvederà comunque in corso d anno a monitorare l andamento di tale entrata e ad adeguare eventualmente l accantonamento determinato in via presuntiva in sede di approvazione del Bilancio di Previsione. Per tutte le altre entrate tributarie (per citare le più rilevanti in termini di importo: Tasi, addizionale comunale Irpef, imposta di soggiorno, IMU da attività ordinaria) non si è effettuato alcun accantonamento in quanto, si è proceduto al loro accertamento per cassa sulla base delle riscossioni effettuate entro la chiusura del rendiconto e, pertanto, si sono escluse dal calcolo dell accantonamento prudenziale. L accertamento per cassa si riconduce al principio contabile di cui all allegato 4/2 del D. Lgs. 118/2011 punto Titolo 2 Trasferimenti: non sono stati effettuati accantonamenti per entrate allocate al correnti in quanto espressamente escluse dal principio contabile. Titolo 3 entrate extra-tributarie: è stato effettuato un conteggio separato della quota di accantonamento al Fondo Crediti Dubbia esigibilità per le entrate derivanti da sanzioni del Codice della strada, in quanto si tratta di entrata accertata e riscossa con modalità particolari rispetto a tutte le altre entrate del titolo 3. L accertamento dell entrata è avvenuto per cassa fino al Con l'entrata in vigore dei nuovi principi contabili a decorrere dal 2015, si è accertato sull importo delle sanzioni effettivamente notificato. Per rendere omogeneo il rapporto tra incassi e accertamenti per tutto il quinquennio oggetto del calcolo della media aritmetica ( ) sono stati utilizzati dati extracontabili forniti dalla Polizia Locale per ricostruire l'importo dei verbali notificati per ciascun anno del quinquennio. Una volta ottenuta la serie storica omogenea si è proceduto al calcolo della media aritmetica secondo la modalità c) che ha dato come risultato un insoluto stimato pari al 44,92%. L accantonamento riferito alle sanzioni del codice della strada confluisce in specifici capitoli di spesa allo scopo di determinare in modo corretto l ammontare delle sanzioni del codice della strada da vincolare per il 50%, così come previsto dagli artt. 142 e 208 del Codice della strada. L'unica posta non lineare nell andamento storico delle riscossioni, è costituita dal recupero degli insoluti sul rimborso dell'utenza per la refezione scolastica per i quali si è conteggiata un'aliquota prudenziale. 8

11 Titolo 4 entrate in conto capitale: sulle entrate allocate in questo titolo non si è proceduto all accantonamento al Fondo crediti di dubbia esigibilità. Infatti: gli accertamenti delle entrate iscritte al titolo 4 sono effettuati in base ai principi contabile previsti nell All. 4/2; si rileva inoltre come l Ente, in via del tutto prudenziale, proceda all attivazione della spesa in conto capitale solo dopo l effettivo incasso della specifica entrata che la finanzia sostituendo così, di fatto, la funzione del fondo crediti dubbia esigibilità. Gli importi accantonati nel bilancio sono i seguenti: FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA' Recupero evasione ICI/IMU , , ,01 Recupero evasione Tasi 6.792, , ,90 TARI , , ,09 Imposta di pubblicità , , ,00 Sanzioni per violazione codice della strada , , ,00 Sanzioni amministrative , , ,00 Riscossione di crediti per sevizio refezione , , ,00 scolastica TOTALE , , ,00 FONDI RISCHI Sulla base della ricognizione del contenzioso in atto e in attesa degli esiti di giudizio, l'ente ha ritenuto opportuno, a titolo prudenziale, accantonare le risorse necessarie per il pagamento degli oneri previsti da sentenza, stanziando nell'esercizio 2016 un apposito Fondo rischi, pari a euro ,00. FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il Fondo Pluriennale vincolato iscritto in bilancio è stato determinato sulla base del principio della competenza finanziaria potenziata. Il Fondo Pluriennale applicato in entrata è la somma degli accantonamenti riguardanti il fondo stanziato nella spesa del bilancio dell'esercizio 2015 e rappresenta le quote di spesa attivate nel 2015 e di esigibilità del triennio finanziate con entrate già accertate nel 2015 ed esercizi precedenti. al 31/12/2015. Di fatto, il FPV è una misurazione dell ammontare degli interventi che hanno tempi di impiego più lunghi rispetto all esigibilità delle risorse che li hanno finanziati. Il FPV al 31 dicembre 2015 è, al momento in cui si scrive, pari a euro ,84 e risulta iscritto tra le entrate del 2016 esattamente per questo importo. Esiste poi la quota di FPV "previsionale" derivante da risorse che si prevede di accertare nel corso dell'esercizio del triennio di previsione, destinate a costituire la copertura di spese che si prevede di impegnare nel corso dell'esercizio cui si riferisce il bilancio, con imputazione agli esercizi successivi. La quota "previsionale" è pari a euro ,23 a finanziamento di spesa corrente prevista nel 2017 finanziata con risorse accertate nel 2016 e di euro ,23 a finanziamento di spesa corrente prevista nel 2018 finanziata con risorse accertate nel La programmazione delle opere pubbliche per il triennio non prevede al momento cronoprogrammi che coinvolgano esercizi successivi a quello in cui la rispettiva spesa risulta effettivamente stanziata. L'importo di euro 5.000,00 deriva dal riaccertamento straordinario dei residui. FPV Parte corrente , , ,23 Parte capitale , TOTALE , , ,23 Sono attualmente in corso le verifiche di esigibilità riferite ad accertamenti e impegni del 2015 che potrebbero comportare modifiche al totale del FPV sopra riportato, che verrà ridefinito con la delibera di giunta comunale di approvazione del riaccertamento ordinario dei residui 9

12 L esito del riaccertamento ordinario rispetto ai residui finali al comporterà una variazione di bilancio approvata dalla Giunta ai sensi dell articolo 175 comma 5bis lett. e) del T.u.e.l. approvato con D. Lgs. 267 del così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 126/2014 e, per garantire continuità nella gestione, un immediato adeguamento del bilancio di previsione in approvazione. La suddivisione della spesa finanziata da FPV per missioni e programmi compare nell'allegato di composizione del Fondo Pluriennale Vincolato, allegato al Bilancio di Previsione Più in dettaglio qui di seguito si riporta l'elenco della spesa finanziata con il Fondo Pluriennale vincolato derivante dal 2015: ELENCO DEGLI INTERVENTI PROGRAMMATI PER SPESE DI INVESTIMENTO E LE LORO FONTI DI FINANZIAMENTO Qui di seguito si riportano gli interventi di spesa di investimento stanziati per il triennio finanziati con risorse accertate nel triennio (il dettaglio della spesa finanziata con risorse di anni precedenti è stato dettagliato al paragrafo dedicato al FPV). 10

13 11

14 12

15 13

16 I LIMITI SU ALCUNE VOCI DI SPESA DEI BILANCO COMUNALE ELENCO GARANZIE PRESTATE DALL ENTE Si elencano di seguito le garanzie prestate dall ente: SOCIETA'/ENTE IMPORTO ATTO DI CONCESSIONE A.S. Pro Mogliano Calcio ,00 Delibera di C.C. n. 87 del 28/10/2003 SPL S.r.l. in liquidazione ,00 Delibera di C.C. n. 87 del 21/12/2009 Tipo di DURATA garanzia Fidejussione Lettera di patronage "forte" SPL s.r.l. in liquidazione, partecipata al 100% dal Comune di Mogliano Veneto, ha stipulato a suo tempo altri mutui, alcuni dei quali assistiti da ipoteche su immobili. Per essi, si è provveduto ad accantonare un apposito fondo rischi per l'importo complessivo di euro ,00, stanziato nel bilancio 2015 con delibera consiliare n. 65 del 14 novembre 2015 e attualmente riaffluiti nella quota vincolata dell'avanzo di amministrazione presunto del Il debito residuo dei mutui contratti da SPL s.r.l. in liquidazione, è evidenziato tra il debito potenziale nel prospetto del limite di indebitamento allegato al bilancio di Previsione

17 Le quote interessi riportate nella verifica della capienza del limite di indebitamento determinato ai sensi dell'art. 204 sono riferite, oltre che ai mutui direttamente contratti dall'ente, anche ai mutui assistiti da garanzie dell'ente e ai rimanenti mutui ipotecari contratti da Spl s.r.l. in liquidazione. IL LIMITE D INDEBITAMENTO Art. 204 T.u.e.l., così come modificato dall art. 1 c. 539 L n. 190: "...l'ente locale può assumere nuovi mutui ed accedere ad altre forme di finanziamento reperibili sul mercato solo se l'importo annuale degli interessi sommato a quello dei mutui precedentemente contratti,..., non supera il 10% a decorrere dal 2015 delle entrate correnti del rendiconto del penultimo anno precedente quello in cui viene prevista l'assunzione dei mutui." Per il Comune di Mogliano Veneto il limite per il 2016, 2017 e 2018 è pari a Euro ,27, come risulta dai seguenti prospetti: 15

18 16

19 STRUMENTI FINANZIARI E DERIVATI Il Comune di Mogliano Veneto ha stipulato nel dicembre 2006 un contratto relativo a strumenti finanziari derivati con Banca Intesa Infrastrutture e Sviluppo s.r.l. (ora Intesa Sanpaolo spa) con scadenza 31 dicembre Il contratto rientra nelle ipotesi ammesse dal DM 1/12/2003 n. 389 e dalla circolare del Ministero dell'economia e Finanze del 27/5/2004. Il capitale di riferimento è pari a Euro ,58. L'ente ha assunto i seguenti rischi e oneri finanziari derivanti dall'andamento dell'euribor (c.d. Differenziale): a) ACQUISTO DI CAP Data iniziale 31/12/2006 Data finale 31/12/2025 Strike CAP 4,80% dal 31/12/2006 al 31/12/2014 5,50% dal 31/12/2014 al 31/12/2025 b) VENDITA DI FLOOR Data iniziale 31/12/2006 Data finale 31/12/2025 Strike FLOOR 3,60% dal 31/12/2006 al 31/12/2009 3,90% dal 31/12/2009 al 31/12/2014 4,10% dal 31/12/2014 al 31/12/2025 Il Mark to Market al 29/01/2016 è pari ad Euro ,0 Per ulteriori spiegazioni tecniche si rimanda al D.U.P Si allega qui di seguito, la previsione dell'ammortamento del mutuo sottostante il contratto derivato la cui "quota interessi", comprende anche il "differenziale" previsto dal contratto derivato. 17

20 18

21 ELENCO PARTECIPAZIONI POSSEDUTE Per quanto attiene alle partecipazioni del Comune di Mogliano Veneto si rimanda a quanto già descritto nel D.U.P precisando che sul sito internet del Comune di Mogliano Veneto, al percorso Home - Amministrazione trasparente - Enti controllati, sono pubblicate le informazioni ai sensi dell'art. 22 del D. Lgs. 33/2013 ("Decreto Trasparenza") rispettivamente per - società partecipate - enti di diritto privato in controllo pubblico - enti pubblici vigilati dal Comune di Mogliano Veneto, con link ai relativi siti internet. 19

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 DETERMINAZIONE FONDO CREDITI DI DUBBIA E DIFFICILE ESAZIONE AL 31/12/2014 1 Il Fondo Crediti di dubbia esigibilità Il Principio contabile applicato

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014-2016 Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota integrativa al bilancio di previsione 2014

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 COMUNE DI MOZZANICA Provincia di Bergamo BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011)

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli Il Fondo crediti di dubbia esigibilità Michele Petrelli Indice - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità: principi - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità nel bilancio di previsione - Il Fondo crediti

Dettagli

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI UDINE 26 marzo 2011 IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA Lo strumento individuato, dalla disciplina della sperimentazione, per impedire l accertamento

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Città di Albisola Superiore BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Consiglio Comunale, 13 agosto 2015 VERSO UNO SCHEMA DI BILANCIO ARMONIZZATO.. L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI IL QUADRO NORMATIVO

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI -2017 1 PREMESSE Per gli enti che adottano la contabilità finanziaria potenziata, ai sensi del D. Lgs. n. 118/2011, la nota integrativa al bilancio di previsione costituisce

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI

IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO E IL RIACCERTAMENTO DEI RESIDUI CINZIA SIMEONE 1 STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1) DEFINIZIONE 2) IL FONDO PLURIENNALE NEL BILANCIO 3) IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE 4)

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

SPESA Fonte: Civetta Slides ( all. 4) IL FONDO PLURIENNALE VINCOLATO Il fondo pluriennale vincolato è un accantonamento di risorse già accertate destinate al finanziamento di obbligazioni passive

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO

BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 NOTA TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO BILANCIO DI 2015-2017 NOTA TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO 1 Premessa A decorrere dall esercizio finanziario 2015 gli Enti Locali applicano, in relazione alla gestione finanziaria, le nuove disposizioni in

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 646 23/11/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18299 DEL 23/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 PREMESSA Ai sensi di quanto previsto dal principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga 770 N. 6 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 9-2-2016 Parte I Legge Regionale 9 febbraio 2016, n. 4 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE PER IL TRIENNIO 2016/2018" IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio

2^ Giornata di Corso. Dr. PiersanteFabio 2^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Dr. PiersanteFabio ARMONIZZAZIONE CONTABILE PER GLI ENTI SPERIMENTATORI NEL 2014 2015 2016 2017 Applicazione del Principio di competenza potenziato(all.

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 5 Il riaccertamento straordinario e il fondo pluriennale vincolato (ottobre 2014) STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE:

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018. Premessa

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018. Premessa NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 Premessa La presente nota integrativa viene redatta ai sensi di quanto previsto dall allegato n. 1/4 Principio contabile applicato concernente la programmazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza

PREVISIONI DEFINITIVE DELL'ANNO PRECEDENTE QUELLO CUI SI RIFERISCE IL BILANCIO (3) previsione di competenza. previsione di competenza DI PREVISIONE 2015 - ISTITUZIONE CENTRO OLIMPIA COMUNALE Allegato n.9 - Bilancio di previsione al D.Lgs 118/2011 DI PREVISIONE ENTRATE TITOLO TIPOLOGIA RESIDUI PRESUNTI AL TERMINE DELL'ESERCIZIO PRECEDENTE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA COMUNE DI LOREGGIA Provincia di (PADOVA) BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del D.Lgs. n.

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015

Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica. Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 Armonizzazione Contabile e Fattura Elettronica Relatore: dott. Vincenzo Cuzzola ATRIPALDA 20 aprile 2015 CORRELAZIONE TRA FATTURA ELETTRONICA REGISTRO UNICO DELLE FATTURE ARMONIZZAZIONE DEL BILANCIO Sul

Dettagli

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI

PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI PARERE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2013 E SUOI ALLEGATI 1 PARERE SUL BILANCIO DI PREVISIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER L'ESERCIZIO 2013 E RELATIVI ALLEGATI IL COLLEGIO DEI

Dettagli

Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania.

Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania. Legge regionale 4 dicembre 2015, n. 16. Quarta variazione al Bilancio di previsione finanziario per il triennio 2015-2017 della Regione Campania. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017 Allegato "G" COMUNE DI PARABIAGO PROVINCIA DI MILANO PARABIAGO P.ZA VITTORIA, 7 01059460152 01059460152 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO 2015/2017 Bilancio di Previsione Armonizzato 2015-2017 (Allegati)

Dettagli

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014

CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 CORSO DI FORMAZIONE REVISORI ENTI LOCALI Armonizzazione dei sistemi contabili D.Lgs.118/2011 CARATTERISTICHE DEL BILANCIO Torino, 20 maggio 2014 Cristina CHIANTIA dottori commercialisti Massimo STRIGLIA

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI

L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI BILANCIO ARMONIZZATO L ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI NEGLI ENTI LOCALI (aggiornato con il Dlgs 126/2014 correttivo del Dlgs. 118/2011 e relativi allegati) 2^ PARTE CREMONA 24 febbraio 2015 1 BILANCIO

Dettagli

C O M U N E D I B E D U L I T A

C O M U N E D I B E D U L I T A NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al documento di programmazione e viene redatta in conformità alle prescrizioni del

Dettagli

FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA

FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA FONDO CREDITI DUBBIA ESIGIBILITA Principio contabile 2 A cura di Carlo Casari Accertamento delle entrate per competenza secondo il principio della competenza finanziaria potenziata L accertamento costituisce

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province

Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Come introdurre la nuova contabilità armonizzata nei comuni e nelle province Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui, previsto dall articolo 3 comma 7 e

Dettagli

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA

LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA LA RIFORMA CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA D.LGS. 23 GIUGNO 2011 N. 118 CINZIA SIMEONE STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE: 1. LA COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA 2. IL

Dettagli

L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011

L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011 SEMINARIO Regione Emilia-Romagna Armonizzazione della contabilità regionale Antonio Strusi L INDEBITAMENTO REGIONALE NELLE MODIFICHE AL D.LGS. 118/2011 21/6/2013 1 L INDEBITAMENTO NEL DECRETO CORRETTIVO

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017

COMUNE DI BASTIA UMBRA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 COMUNE DI BASTIA UMBRA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nuova contabilità armonizzata prevede che gli enti alleghino al bilancio di previsione una nota integrativa la quale costituisce

Dettagli

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa)

Art. 1 (Bilancio di competenza - Stato di previsione dell'entrata e della spesa) Legge regionale 27 aprile 2015, n. 13 Bilancio di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015 2017. (BURC n. 27 del 27 aprile 2015) Art. 1 (Bilancio di competenza

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI:

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI: al via la fase sperimentale A cura di Alessandro Beltrami Roma, 12 aprile 2012 I tempi di utilizzo degli strumenti I RESIDUI CON IL NUOVO PRINCIPIO CONTABILE IL FONDO

Dettagli

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI GATTATICO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 (punto 9.3 del principio della programmazione, allegato al DPCM 23/12/2011) CRITERI DI VALUTAZIONE ADOTTATI

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO COMUNE DI ASSEMINI (Provincia di Cagliari) RELAZIONE D INIZIO MANDATO Sindaco Mario Puddu Proclamazione 11 giugno 2013 (Art. 4-bis, D. Lgs. 06/09/2011 n. 149 e s.m.) Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2015 e Pluriennale 2015/2017 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

Dinamica indebitamento

Dinamica indebitamento 2.7 DINAMICA E COSTO DELL INDEBITAMENTO, STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La tabella sottostante riporta l indebitamento globale del Comune, suddiviso per soggetto finanziatore e tipologia di contratto, con

Dettagli

OGGETTO: 2^ VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 E RELATIVI ALLEGATI CON ESTINZIONE ANTICIPATA MUTUO. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: 2^ VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 E RELATIVI ALLEGATI CON ESTINZIONE ANTICIPATA MUTUO. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: 2^ VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 E RELATIVI ALLEGATI CON ESTINZIONE ANTICIPATA MUTUO. Su relazione dell assessore al Bilancio Cinzia Vallone PREMESSO CHE IL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Partiamo da quest'ultimo, che ne definisce la composizione.

Partiamo da quest'ultimo, che ne definisce la composizione. - Principio contabile applicato della contabilità finanziaria (punto 9.2) - Principio contabile applicato della programmazione (punto 9.7: tabella dimostrativa risultato presunto - Artt. 186 e 187 Tuel,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano

Riaccertamento residui. di Elisabetta Civetta. 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Riaccertamento residui di Elisabetta Civetta 11 novembre Sala Convegni ODCEC Milano Residui attivi e passivi Ai fini della formazione del rendiconto dell esercizio n-1, possono essere conservati: - tra

Dettagli

Le condizioni per lindebitamento delle Regioni

Le condizioni per lindebitamento delle Regioni Le condizioni per lindebitamento delle Regioni A cura di Onelio Pignatti Firenze, 26 febbraio 2016 1 Lindebitamento nella Costituzione Art. 97 Costituzione Le pubbliche amministrazioni, in coerenza con

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista

Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Contabilizzazione dei mutui a cura di Mauro Bellesia - Dirigente Comune di Vicenza - Pubblicista Rilevazioni contabili: vecchia e nuova contabilità a confronto Premessa La Rubrica Rilevazioni contabili:

Dettagli

Il nuovo bilancio, riclassificato in base ai principi contabili e al piano dei conti della nuova contabilità, è composto dai seguenti modelli:

Il nuovo bilancio, riclassificato in base ai principi contabili e al piano dei conti della nuova contabilità, è composto dai seguenti modelli: NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO 2016/2017 Dal 1 gennaio 2016 con l'entrata in vigore della nuova contabilità armonizzata è previsto che gli enti alleghino al bilancio di previsione una nota integrativa

Dettagli

SETTORE FINANZIARIO ATTO DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE

SETTORE FINANZIARIO ATTO DI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE COMUNE DI FRANCAVILLA IN SINNI (PROVINCIA DI POTENZA) SETTORE FINANZIARIO C.A.P. 85034 P.IVA 00242110765 ORIGINALE Proposta di Determinazione N. 53 del 13/12/2013 Determinazione Generale N 508 del 16/12/2013

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO 2015 2017 (PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO art. 9.3 lettera m) La nota integrativa è un documento allegato al Bilancio di Previsione

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015

Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 Pasian di Prato, 23 Gennaio 2015 1 Una volta accadeva: Fondo Pluriennale Vincolato nell'esercizio X l'ente registrava in bilancio un entrata destinata ad investimenti (contributo regionale, contributo

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE COMUNE DI CIGLIANO Servizi alle imprese, finanziari, e-governmet Piazza Martiri della Libertà 18 13043 Cigliano (Vc) c.f. e P.iva 00222570020 Tel 0161 423142 Fax 0161 433988 e-mail webmaster@cigliano.net

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2007 e Bilancio pluriennale per il triennio 2007 2009 Assestamento SOMMARIO Art. 1 - Variazioni delle previsioni di entrata

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO C o m u n e d i C i v i d a l e d e l F r i u l i RELAZIONE DI INIZIO MANDATO Sindaco Stefano Balloch Proclamazione 01/06/2015 L art. 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, prevede l obbligo

Dettagli

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015 IN 10 PUNTI Per semplificare la lettura del Decreto legge 19 giugno 2015, n 78, Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, abbiamo ritenuto opportuno fornire agli amministratori e operatori

Dettagli

Città di Trani. Medaglia d Argento al Merito Civile. Provincia BT

Città di Trani. Medaglia d Argento al Merito Civile. Provincia BT Città di Trani Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia BT NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 I. PREMESSA La presente nota integrativa viene

Dettagli

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI

OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI OGGETTO. VARIAZIONE DI RIEQUILIBRIO E ASSESTAMENTO DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2015/2017 E DI VERIFICA DELLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno PATTO DI STABILITA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE RISORSE UMANE ECONOMICHE E STRUMENTALI PATTO DI STABILITA INTERNO ENTI LOCALI Legge n 244 del 24/12/2007 Legge Finanziaria

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI VERIFICA DEGLI EQUILIBRI A. BILANCIO DI PREVISIONE 2005 1.Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi Il bilancio rispetta, come risulta dal seguente quadro generale riassuntivo

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

COMUNE DI TEULADA PROVINCIA DI CAGLIARI BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE

COMUNE DI TEULADA PROVINCIA DI CAGLIARI BILANCIO DI PREVISIONE ENTRATE Fondo pluriennale vincolato per spese correnti (1) previsione di competenza Fondo pluriennale vincolato per spese in conto capitale (1) previsione di competenza Utilizzo avanzo di Amministrazione previsione

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio di Previsione 2015-2017

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio di Previsione 2015-2017 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio di Previsione 2015-2017 La nuova contabilità armonizzata prevede che gli enti alleghino al bilancio di previsione una nota integrativa la quale costituisce una relazione esplicativa

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA X LEGISLATURA DELIBERAZIONE LEGISLATIVA APPROVATA DALL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE NELLA SEDUTA DEL 23 DICEMBRE, N. 15 BILANCIO DI PREVISIONE 2016/2018 pdl 24

Dettagli

Art. 1 (Bilancio di competenza Stato di previsione dell entrata e della spesa)

Art. 1 (Bilancio di competenza Stato di previsione dell entrata e della spesa) Legge regionale 27 dicembre 2012, n. 71 Bilancio di previsione della Regione Calabria per l anno finanziario 2013 e bilancio pluriennale 2013-2015. (BUR n. 23 del 17 dicembre 2012, supplemento straordinario

Dettagli

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 SOMMARIO

Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 SOMMARIO Proposta di Legge regionale Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 Preambolo SOMMARIO Art. 1 Art. 2 - Bilancio annuale - Bilancio pluriennale Art. 3 - Allegati ex art.

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. premesso:

LA GIUNTA COMUNALE. premesso: LA GIUNTA COMUNALE premesso: - che, ai fini della tutela dell'unità economica della repubblica, le province e i comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti concorrono alla realizzazione degli obiettivi

Dettagli

I BILANCI 2015 DEI COMUNI

I BILANCI 2015 DEI COMUNI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 I BILANCI 2015 DEI COMUNI FIRENZE 13 FEBBRAIO 2015 1 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 LINGUAGGIO ESOTERICO O DEMENZIALE?!?!?! COMMA 13, LEGGE STABILITA 2015 (bonus 80 euro) «Ai fini

Dettagli

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale

COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale 1- Risultato di esercizio. COMUNE DI BORGOSATOLLO Provincia di Brescia Il Ragioniere comunale Relazione al Rendiconto di gestione Esercizio 2012 La gestione economico-finanziaria dell anno 2012 si è conclusa

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2010 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 09/03/2011 ESAMINATI

Dettagli

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Per una corretta lettura dei dati di consuntivo 2012 occorre innanzitutto ricordare che esso è stato redatto in base

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI SURBO Provincia di Lecce PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Comune di Surbo Collegio dei Revisori Verbale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO ANNO 2012 Aosta, ottobre 2012 IL DIRIGENTE DELL AREA FINANZIARIA - D.ssa Valeria Zardo - PREMESSE L ordinamento finanziario e contabile degli

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

Decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125

Decreto-legge 19 giugno 2015, n. 78, coordinato con la legge di conversione 6 agosto 2015, n. 125 La gestione in esercizio provvisorio del bilancio 2016 problemi della gestione collegati all approvazione di un bilancio solo annuale 2016, anche in riferimento all equilibrio di cassa. Giovanni Ravelli

Dettagli

Sommario. 1. Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi

Sommario. 1. Verifica pareggio finanziario ed equivalenza dei servizi per c/terzi Sommario Comune di Casagiove VERIFICHE PRELIMINARI VERIFICHE DEGLI EQUILIBRI EQUILIBRI GESTIONE DELL ESERCIZIO 2014 AVVIO DELLA ARMONIZZAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2015 1. Verifica pareggio finanziario

Dettagli

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese)

COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) COMUNE DI VERGIATE (Provincia di Varese) RELAZIONE SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 L ORGANO DI REVISIONE Pasquale rag. Pizzi L ORGANO DI REVISIONE nella Sede Comunale, nel giorno 9 aprile 2013 ESAMINATI

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Settembre 2013 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FEDERALISMO FISCALE in attuazione dell art.

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli