Abruzzo Cronache. d Abruzzo. Giunta regionale. Periodico a cura Servizio. del Stampa della. ABRUZZO cronache. Abruzzo Cronache n.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abruzzo Cronache. d Abruzzo. Giunta regionale. Periodico a cura Servizio. del Stampa della. ABRUZZO cronache. Abruzzo Cronache n."

Transcript

1 Numero2-Dicembre2012

2 Periodico a cura Servizio del Stampa della Giunta regionale d Abruzzo Abruzzo Cronache n.2 Dicembre 2012 Direttore Responsabile: Giovanni Ruscitti Coordinamento editoriale: Carlo Gizzi Coordinamento giornalistico: Alessandra Sigismondi Ha collaborato Francesco Blasi dell Ufficio Stampa Emaaa (Ente Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese) Progetto grafico: Barbara Fabiani Foto: Roberto Chiarizia Autorizzazione del tribunale dell Aquila Abruzzo Cronache In foto: Laboratorio Brioni in via Barberini, Roma, anni 50 - Fonte: The Abruzzi Tailor s Workshop Yesterday and Today di G. Vergani PREMESSA GENERALE Brioni roman style TRADIZIONE E INNOVAZIONE Lucio Marcotullio, racconta la Brioni Roman Style e la Scuola Superiore di Sartoria Fonticoli L INTERVISTA Anni 80: la produzione si diversifica IL MITO DI PENNE NEL MONDO LA SARTORIA RISALE A MARGHERITA D AUSTRIA FONDAZIONE FORMODA, SORPRENDENTE POLO CULTURALE IL SOLE 24 ORE: MASTER FORMODA TRA I PRIMI 10 IN EUROPA FONDAZIONE FONTICOLI I MAESTRI DELL AGO E DEL FILO, ambasciatori di eleganza nel mondo IL LABORATORIO E GLI ALLIEVI La MANODOPERA ABRUZZESE altamente specializzata al top delle richieste all estero BRIONI OGGI PPR Biografia di Lucio Marcotullio Petrucci: CHIEF MASTER TAYLOR E RESPONSABILE CLIENTELA VIP MONDIALE BELISARIO: COGLIERE LE ECCELLENZE CHE ABBIAMO FASI TECNICHE DI LAVORO DA BELISARIO Nell area Vestina il primo CONTRATTO DI RETE in Italia applicato alla moda TRADIZIONI ARTIGIANALI DA RECUPERARE ATTRAVERSO LA FORMAZIONE APPRENDISTATO IN ABRUZZO Da U.E. Un pacchetto a favore dell Apprendistato FORNERO: ALLO STUDIO STAFFETTA GENERAZIONALE CENSIS: IN CALO NUMERO DEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO LA CERAMICA DI CASTELLI In mostra il Presepe monumentale di Castelli L ENTE MOSTRA DELL ARTIGIANATO ARTISTICO ABRUZZESE Mostre ed eventi OMAGGIO ALL ARAZZERIA PENNESE The World s Best Ceramic Fountains Dall Ente Mostra il Diploma di merito del Presidente della Repubblica al maestro Raffaele Di Prinzio Marchio di qualità per l oreficeria abruzzese

3 Premessa Generale Esiste una sola persona al mondo capace di tessere il tessuto di bisso, la seta del mare Mediterraneo. Si trova in Sardegna. Si chiama Chiara Vigo. Con il bisso, un mollusco, si ricava un tessuto, l unico al mondo che si lascia attraversare dalla luce. Con il bisso è stato avvolto il volto di Gesù. Lo dichiarano medici, ricercatori che hanno studiato il Volto Santo di Manoppello. Il Volto, confermano, scompare in contro luce, è visibile da ambo i lati. Se fosse un ritratto non sarebbe possibile. Cosa ne sarà della tessitura di bisso senza la sua tessitrice? Possibile nessuno sia riuscito a mantenere questa tradizione? Questo numero di Abruzzo Cronache sarà dedicato essenzialmente ad un arte sapiente, che è sì, un antica forma di artigianato, ma anche una preziosa arte: quella sartoriale abruzzese, conservata e tramandata da secoli con un tale orgoglio da essere marchio distintivo in tutto il mondo. Qui si discorrerà, si tenterà di raccontare con umiltà, di Alta Moda e di Penne, culla dell antica tradizione sartoriale. Brioni, Belisario camicie, Fondazione Formoda, Fondazione Fonticoli, fiori all occhiello nascosti in quella vallata che ha reso possibile la realizzazione, recente, del Polo Alta Moda Vestina. BRIONI ROMAN STYLE A mministrata da Lucio Marcotullio, nata nel 1959, ha contribuito ad accrescere la qualità ed il prestigio della sartoria italiana nel mondo. Attraverso la sua azione, la Roman Style SpA è riuscita a preservare, nell ambito industriale i valori dell artigianato classico, reinterpretandoli in chiave di moderna professionalità ed integrando la tradizione sartoriale alla tecnologia più avanzata. Questo impegno, perseguito fin dagli esordi e mai venuto meno, si è concretizzato in formule produttive e organizzative originali ed è alla base dell alto livello di qualità raggiunto. Qualità impostasi nel mondo come una delle migliori espressioni della moda italiana. In foto: sarte studentesse alla scuola Mario Dei Fiori, fondata a Penne nel 1862/63 - Fonte: The Abruzzi Tailor s Workshop Yesterday and Today, G.Vergani TRADIZIONE ED INNOVAZIONE In foto: Laboratorio Brioni in via Barberini, Roma, anni 50 - Fonte: The Abruzzi Tailor s Workshop Yesterday and Today di G. Vergani Lucio Marcotullio, racconta la Brioni Roman Style e la Scuola Superiore di Sartoria Fonticoli La qualità del nostro prodotto è sempre al di là della logica di standardizzazione industriale In foto: il professor Marcotullio nel suo studio 4 5

4 B arack Obama era già innamorato dello stile Brioni, l italian style famosissimo in USA, tanto da rendere ancor più fascinoso James Bond che in Goldeneye indossava un abito Brioni, un completo grigio ferro, sfoggiato da Pierce Brosnan. Obama era in Italia per il G8 del 2009, e non perse occasione per ordinare ai sarti Brioni quei capi di abbigliamento. Nomi prestigiosi: Kofi Annan, Nelson Mandela, questo l apice della clientela Brioni. Il nuovo made in Italy contro il declino, questo si legge nella copertina di Soft Economy, di E.Realacci e A.Cianciullo, post fazione di C.De Benedetti, il libro dedicato alla gloriosa esperienza imprenditoriale-sartoriale, famosa nel mondo, realizzata da Lucio Marcotullio, abruzzese di Penne, amministratore delegato della Brioni Roman Style, (il nome deriva dalla scuola romana ), sorta in Abruzzo per salvare quegli illustri sarti abruzzesi che rappresentavano il patrimonio sartoriale made in Italy trapiantatosi nell immediato secondo dopoguerra a Roma, (la scuola romana appunto). Tra essi il maggior testimone fu Nazareno Fonticoli, maestro di sartoria tradizionale che, nel 1945, con Gaetano Savini, fonda Brioni che a Roma rubò clien- tela alla sartoria inglese, soffiandole attori hollywoodiani, nobili inglesi e non solo. Brioni, SARTORIA LABORATORIO in via Barberini a Roma, ha una sola necessità: le richieste dei clienti altezzosi e prestigiosi lievitano superando l offerta. Cosa fare? Qui il colpo di scena: l idea geniale viene al Professor Lucio Marcotullio, che in quegli anni studiava a Roma, economia aziendale e frequentava casa Fonticoli nella capitale ed il laboratorio in via Barberini. L INTERVISTA Il professor, nonché Cavaliere del Lavoro, Lucio Marcotullio mi riceve nel suo studio, ricco di libri, che di lì a poco scoprirò essere editi dalla sua Fondazione Formoda o essere omaggi, testimonianze letterarie prestigiose, tributi, alla sua attività imprenditoriale, alla sua professionalità. Difficile stargli dietro, è un pozzo di sapienza e saggezza. Mi accoglie inondandomi di pubblicazioni, ascoltarlo è una lezione di vita, di cultura, di garbo. Starei (e sarebbe necessario) lì ad apprendere ore ed ore. La sua vita, anzi testimonianza storica, è ricchissima di nozioni ed aneddoti, ed il tempo strin- In foto: Barack Obama a L Aquila durante il G8 del 2009 BRIONI ROMAN STYLE: scuola romana di stile per salvare la sartoria abruzzese da Roma a Penne per unire maestria artigianale e industrializzazione In foto: Nazareno Fonticoli e Gaetano Savini nella sede Brioni a Roma negli anni 50 Fonte: The Abruzzi Tailor s Workshop Yesterday and Today di G. Vergani ge, purtroppo. Mi spiega Marcotullio: Decidemmo di tornare alle origini, a Penne, dove già nel medioevo si lavoravano le sete considerate più pregiate sulla piazza di Firenze: era necessario unire la maestria artigianale e l industrializzazione, la qualità dei sarti che sudavano ore sui capi e la velocità della produzione moderna. Abbiamo realizzato un laboratorio d innovazione: dalle 43 ore iniziali per confezionare un abito siamo arrivati a 20. I tempi si sono dimezzati e la qualità è migliorata. Il professor Marcotullio mi spiega che tutto questo fu possibile perché tutti erano considerati all interno del laboratorio parte di una grande famiglia, né lui ha mai posto distanze tra sé ed i suoi sarti, ascoltando le esigenze di ciascuno. Ma fu fondamentale organizzare il tutto in cicli di lavorazione mettendo insieme due mondi: Da una parte la grande sartoria artigianale classica, con i suoi tempi estenuanti, i segreti di bottega, che venivano negati ai novizi: ricordo che nel laboratorio in via Barberini a Roma, mi spiega, accadeva spesso. Ai più giovani non si rivelavano ad esempio i momenti cruciali della fattura come l imbastitura alle spalle. Dall altra la lezione del taylorismo che è una scuola di efficienza. Abbiamo diviso il ciclo di lavorazione in vari comparti e puntato al massimo di produttività in ogni settore, evitando però gli svantaggi della catena di montaggio che costringe tutti a tenere lo stesso ritmo. ANNI 80: LA PRODUZIONE SI DIVERSIFICA Il percorso della Brioni Roman Style compie altri salti di qualità: negli anni Ottanta con la In foto: Brioni del mondo - Fonte: Brioni produzione diversificata che comprende anche camicie, accessori, settore sportivo. Negli anni Novanta con l ampliamento della distribuzione. Oltre alle città italiane 23 negozi, tutti di proprietà, vengono aperti a Parigi, New York, Londra, Praga, Los Angeles, Las Vegas. Oltre Capri, Portofino, Saint Moritz ed Aspen, mete dei vip internazionali. Arriva però in Brioni il momento in cui per tenere il passo con i tempi, bisogna giocarsi il tutto per tutto anche ai limiti della legalità, causa il necessario ricambio generazionale: Abbiamo preso una decisone forzando i regolamenti scolastici: l ultima volta che ho potuto assumere un sarto già formato ed aveva 52 anni, è stato all inizio degli anni Ottanta, dopo l arte si stava spegnendo. 6 7

5 Per questo ho fondato la Scuola Superiore di Sartoria N.Fonticoli, impostandola con un rigore formativo che a quell epoca non era compreso in alcuno schema. La lunga gavetta sartoriale che poteva durare anche 15 anni, con retribuzioni al minimo e rallentato apprendimento, doveva essere sostituita. Nel 1985 si decise di realizzare un modulo formativo che è in vigore ancora oggi: dopo la scuola dell obbligo vengono selezionati circa 15 ragazzi che seguono un corso di 990 ore di insegnamento pratico e teorico, per tre anni consecutivi. Al termine, dopo un vero e proprio esame, con il diploma di maestri d arte sartoriale, lo stage in azienda di un anno li immette nel ciclo produttivo, che può lasciarli a Penne o, se ve ne è richiesta, in uno dei numerosi punti vendita sparsi nel mondo. Ove appunto mancano professionalità così ben preparate. Negli anni 80 corsi formativi così lunghi e così specialistici erano impensabili. Ma grazie all apprendistato di quei giovani ed all idea di Marcotullio oggi la tradizione sartoriale è viva, altrimenti sarebbe venuta meno per mancanza di giovani, anagraficamente parlando, specializzati e ben formati. Da allora ad oggi sono stati formati maestri dell ago e del filo, tutti apprezzati Maestri a livello internazionale, richiestissimi da capi di stato, principi e magnati. Mentre il Master ha formato moltissimi manager della moda. (fonte: Il nuovo made in Italy di E.Realacci) IL MITO DI PENNE NEL MONDO C è stato un periodo della mia vita in cui ogni anno spendevo circa un miliardo di lire per le attività culturali collaterali alla mia professione principale, mi aggiunge il Cavaliere Lucio Marcotullio, nel salutarmi, ma il bene che questi giovani allievi mi vogliono è inimmaginabile. Ed è questa per Lui, il Professore, che ha esportato il mito di Penne nel mondo, la cosa più importante. In foto: il professor Marcotullio in aula per salutare insegnanti e allievi della scuola In foto: ritratto di Margherita d Austria LA SARTORIA RISALE A MARGHERITA D AUSTRIA P enne, antica capitale dei Vestini, è la culla della sartoria. Quando Margherita d Austria sposò Ottavio Farnese il padre le regalò in dote, tra gli altri, anche il Ducato di Penne, ove lei si trasferiva in lunghi periodi portando con sé la corte, ed il personale necessario che creò le basi della sartoria, indispensabile non solo per realizzare le vesti, ma i tendaggi e gli sfarzi che caratterizzavano gli ambienti cortigiani di quell epoca. Particolare non da poco se si considera che autorevoli fonti storiche le attribuiscono eccellenti capacità amministrative che dettero impulso all economia locale ed alla cultura dei suoi vari feudi. Ad allora risalgono, a Penne, le prime botteghe sartoriali, un arte conservata dai pennesi e tramandata di generazione in generazione. Fondazione Formoda, sorprendente polo culturale In foto: consegna degli attestati del Master anno 2006/2007 E nte morale fondato nel 2000, nell anno accademico , in collaborazione con le università abruzzesi e l università del Molise, ha istituito il Master Universitario Internazionale di Primo Livello in Economia e Gestione della Moda, che dovrebbe riprendere per l a.a. 2013/2014. L obiettivo è preparare soggetti in grado di sostenere l attività commerciale dell impresa e di disporre della cultura e della professionalità per orientare all applicazione di metodologie direzionali di controllo della gestione dell impresa nella filiera tessile abbigliamento. Le lezioni si articolano in moduli base e applicati, con lezioni frontali, stage in aziende del settore e testimonianze di famosi manager. Nell anno accademico , in collaborazione con la Brioni Roman Style, la FONDAZIONE FORMO- DA realizza il Corso per Operatore dell abbigliamento Sarto confezionista di alta moda maschile, nel segno della continuità con il corso istituito da Marcotullio nel La Fondazione Formoda, che si trova a Penne, è sede del Polo Alta Moda Vestina e della Fondazione Fonticoli. 8 9

6 FONDAZIONE FONTICOLI IL SOLE 24 ORE: MASTER FORMODA TRA I PRIMI 10 IN EUROPA Anche il SOLE 24 ORE nel 2005 ha inserito i master di Formoda tra i 10 corsi migliori in Europa. Il Presidente e fondatore è Lucio Marcotullio. Soci fondatori della FONDAZIONE FORMODA sono: Brioni Roman Style Spa, Fondazione Nazareno Fonticoli, Fondazione Tercas, Fondazione Pescarabruzzo, Provincia di Teramo, Provincia di Pescara, Comune di Penne, Unione dei Comuni Città Territorio della Val Vibrata. (fonte Fondazione Formoda) L a Fondazione Fonticoli viene fondata nel 1998 grazie alla sensibilità di Maria Vittoria Fonticoli, ed alla volontà del professor Marcotullio che la presiede. E stata istituita allo scopo di diffondere, con iniziative sociali e culturali, la formazione dei giovani per aiutarli ad inserirsi nel mondo del lavoro. Tra le attività che la Fondazione sostiene per Statuto nel raggiungimento dei propri scopi rientrano le pubbliche manifestazioni, le assemblee, i convegni, i seminari, le mostre, le pubblicazioni, i premi, le borse di studio ed ogni iniziativa afferente il suo Statuto. (fonte Fondazione Formoda) LA SEDE In foto: la sede della Fodazione Formoda Lungo Corso Alessandrini, al centro di Penne, ha sede un palazzetto stile liberty, sede della Fondazione ForModa. La sede della Brioni Roman Style, restaurata da Renato Bazzoni, uno dei fondatori di ITALIA NOSTRA E FAI, ha sede in via Nazareno Fonticoli,

7 Corso Sarto Confezionista di Alta Moda I In foto: un allieva nel laboratorio della Scuola Superiore di Sartoria a Penne, durante la fase dell armatura tessile I MAESTRI DELL AGO E DEL FILO, ambasciatori di eleganza nel mondo l Corso Sarto Confezionista di Alta Moda Maschile, conclusosi a Giugno, ha promosso 16 Maestri sarti ai quali, alla presenza del Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi, sono stati consegnati gli attestati di qualifica professionale. Inoltre, per l occasione sono stati consegnati gli attestati a 4 Maestre sarte, le prime proclamate dall istituzione della Scuola. Il Corso è finanziato con fondi POR 2007/2013 erogati dalla Regione ed è gratuito per i 16 studenti ammessi. Si tratta di un percorso professionale altamente qualificante, organizzato dalla Fondazione ForModa in collaborazione con Brioni Roman Style SpA. È stato istituito nel 1985 da Lucio Marcotullio e ha formato in questi anni 80 sarti, apprezzati maestri dell ago e del filo a livello internazionale. Inoltre, la qualifica professionale rilasciata al termine del percorso di studi consente anche la possibilità, per gli allievi, di essere reintegrati nel sistema dell istruzio- ne per il conseguimento del diploma quinquennale, grazie agli accordi che la Fondazione ForModa ha stretto con gli istituti professionali Pomilio di Chieti e Bellisario di Avezzano. Sono due i corsi: Operatore di abbigliamento Sarti Confezionisti dell Alta Moda Maschile, terminato a giugno e il Corso per operatore di abbigliamento attualmente in fase di svolgimento. Corso Operatore di abbigliamento Sarti Confezionisti dell Alta Moda In foto: il professor Marcotullio e Mchela Ridolfi, addetta stampa Formoda IL LABORATORIO E GLI ALLIEVI La MANODOPERA ABRUZZESE altamente specializzata al top delle richieste all estero A lex Frasca è un allievo, ha terminato il Corso per Operatore dell abbigliamento lo scorso giugno. Attualmente è in Brioni per frequentare lo stage, l anno aggiuntivo, prima di essere assorbito definitivamente nel ciclo produttivo. Lo troviamo all interno del laboratorio ove gli allievi, 16 ragazzi provenienti da Penne e dintorni, stanno seguendo la lezione di cucito e merceologia, sotto la guida dei rispettivi insegnanti: Luigi Di Tillio, per la sartoria e le confezioni, Valeria Belli, merceologia e tecnologia tessile. Il richiamo della Scuola per Alex è forte: Ogni tanto vengo qui, mi racconta Alex, per riscoprire i trucchi del mestiere. La parte pratica più importante è il cucito. La prova finale che ho sostenuto, al termine della scuola, per il conseguimento del diploma, consisteva per tutti noi allievi nella realizzazione di un abito su misura, ciascuno per sé. La passione è forte, se non avessi avuto questa possibilità pratica di frequentare il Corso ed esaudire il mio desiderio non so che mestiere avrei scelto, mi aggiunge mentre lo saluto. Ci accompagna Michela Ridolfi, capo Ufficio Stampa della Fondazione Formoda, che mi spiega come per questi giovanissimi si profili all orizzonte anche la possibilità di lavorare all estero. Durante lo stage, dice Michela, i maestri sarti hanno anche la possibilità di perfezionare ulteriormente le tecniche di confezione apprese a scuola, nelle sedi estere dei negozi bandiera. Juri ad esempio è stato nel flagship store di Londra e Danny in quello di Parigi. La richiesta di manodopera specializzata è aumentata notevolmente specie nel Far East. Non dimentichiamo che si tratta di alta sartoria e la differenza la fa anche il particolare che solo chi si è formato a Penne può avere. In foto: Alex Frasca 12 13

8 In foto: sopra gli allievi della Scuola Superiore nel laboratorio sartoriale; BRIONI OGGI L a realtà Brioni rappresenta la punta di diamante della sapienza sartoriale e della tradizione stilistica italiana. Grazie ai discendenti delle famiglie fondatrici, tuttora impegnate a garantire i più alti standard di eccellenza del capo su misura, l organizzazione continua a crescere, dotandosi di una struttura manageriale a livello globale e di una rete di punti vendita strategica, attualmente in piena espansione, qualificando il brand come unica realtà internazionale del lusso in campo sartoriale e lifestyle. Dal Novembre 2010 il Gruppo Brioni è guidato dall Amministratore delegato Francesco Pesci. Brioni fa adesso parte del gruppo francese PPR. Nelle foto: la sede di Brioni in via Barberini, Roma Nel 2012 Brioni consolida le ambizioni di crescita rivolte al rafforzamento dello sviluppo di tutte le categorie di prodotto, nominando Brendan Mullane Direttore creativo della Maison. Nella strategia di sviluppo dell impresa gli ultimi tre sono stati anni di espansione. L ambizioso piano di crescita incentrato su nuove geografie, che affiancano i mercati storici - Europa e Usa - e i paesi emergenti del Medio ed Estremo Oriente, continua nel Dopo le recenti inaugurazioni in Cina, Brioni continua a mantenere la propria presenza nei principali hubs di tutto il mondo. (fonte: Brioni) di fianco: Luigi Di Tillio, insegnante di Sartoria e Confezioni da uomo; sotto: gli alunni e Valeria Belli, insegnante di Merceologia e Tecnologia tessile. PPR Il gruppo PPR comprende un insieme di prestigiose marche mondiali a forte potenziale d espansione, distribuite in oltre 120 paesi. Nel 2010, PPR ha registrato un fatturato di 14,6 miliardi di euro con un organico, al 31 dicembre, di oltre dipendenti. Le azioni di PPR sono quotate all Euronext di Parigi (codice ISIN FR , PRTP. PA, PPFP). Per esplorare l universo di PPR visitare polo Lusso (Gucci, Bottega Veneta, Yves Saint Laurent, Alexander McQueen, Balenciaga, Brioni, Stella McCartney, Boucheron, Girard-Perregaux, JeanRichard e Sergio Rossi), polo Sport & Lifestyle (Puma, Volcom, Cobra, Electric e Tretorn), Fnac e Redcats Biografia prof. Lucio Marcotullio. (fonte: Brioni) 14 15

9 BIOGRAFIA DI LUCIO MARCOTULLIO L ucio Marcotullio è nato a Penne il 3 luglio del Si è laureato all università La Sapienza di Roma nel 1957 in Economia e Commercio. E revisore ufficiale dei conti e ordinario di Economia Aziendale. Nel portare avanti la sua attività ha curato la formazione delle risorse umane, recuperando la tradizione sartoriale abruzzese. Presiede la Fondazione Fonticoli, da lui ideata nel Nel 2000 ha costituito la Fondazione Formoda. A lui si devono tante iniziative finalizzate alla crescita culturale, alla formazione, allo sviluppo economico: contatti e collaborazioni con università ed istituzioni, stages aziendali, formazione continua, tesi universitarie, premi letterari, (Premio Nazionale di Narrativa Penne), restauri, convegni, ricerche, pubblicazioni. Nel 1985 ha ideato e diretto la Scuola Superiore di Sartoria che forma maestri sarti con giovani selezionati dopo la scuola dell obbligo. Tutto questo per dare continuità produttiva alla qualità Brioni. La scuola ospita ogni anno gli studenti del Royal College of Art di Londra per stage formativi mirati all apprendimento dell arte del su misura. Quest anno sono stati ospitati anche gli allievi dell Istituto di moda Morvillo-Falcone di Brindisi. E stato Sindaco di Penne e prima, per sette anni, Presidente dell Unione Industriali della Provincia di Pescara, per quattro anni Presidente regionale della Confindustria Abruzzese. In foto: il professore Lucio Marcotullio nel suo studio durante l intervista La scuola ospita ogni anno gli studenti del Royal College of Art di Londra per stage formativi creiamo dei veri fenomeni In foto: Angelo Petrucci PETRUCCI: CHIEF MASTER TAILOR E RESPONSABILE VIP SERVICE Ma il suo cuore resta a Penne Grazie a questo lavoro ho conosciuto 31 Capi di Stato Angelo Petrucci è stato il più giovane tra i dirigenti di Brioni. Si è iscritto al primo corso della Scuola Superiore di Sartoria nel Nel 1989 ha ottenuto il conseguimento del diploma altamente professionalizzante. Da allora la sua vita è stata una favola in giro per il mondo a contatto con i personaggi più illustri e potenti del pianeta, innamorati dello stile Brioni. Ricopre l incarico di Chief Master Tailor (Capo dei maestri sarti), Responsabile di tutto l Ufficio Modelli Brioni e Responsabile del VIP Service, clientela top. Petrucci ha sempre messo in preventivo la possibilità di perfezionarsi ulteriormente all estero nei punti vendita Brioni. La qualità e la fama della Brioni lo consente, infatti. Ed è davvero questa, mi sottolinea, la fase più delicata nella professionalità dei maestri dell ago e del filo. I giovani sarti, che si sono diplomati nello scorso luglio, hanno iniziato a lavorare in azienda a settembre e alterneranno tre mesi in azienda e un mese in uno dei numerosi punti vendita. Si tratta di un sistema utile che consente di verificarne l adattabilità. Professionalità a 360 gradi quindi, versatilità a tutto tondo: La Scuola, così altamente professionalizzante è la base, la materia prima che contraddistingue gli allievi professionisti in tutto il mondo. Si apprende, nei tre anni di scuola, tutta la storia della sartoria che è quella risalente al Poi è necessario il lavoro nella fabbrica che consente di perfezionarsi nella sartoria contemporanea, infine nei punti vendita, che sono tutti con annessi laboratori sartoriali, per acquisire la sartoria più veloce e dinamica. Il periodo formativo è di 6 anni e noi con il nostro metodo creiamo dei veri fenomeni aggiunge. Petrucci ha incontrato in virtù della sua professione 31 Capi di Stato. Venerdì mi aggiunge ero con un principe arabo uno dei nostri clienti. Gli chiedo se anche lui, fosse al G8 a L Aquila. Mi rivela, senza fare il nome, che al Summit tre Capi di Stato vestivano Brioni. Lo stimolo a parlarmi di Obama che in quell occasione ordinò capi di abbigliamento alla Brioni, ma preferisce dolcemente rispondermi: no comment. Prima di salutarlo gli chiedo quale Vip lo attenderà a Parigi, ma resta reticente e con soddisfazione mi rivela che si tratta di uno dei più importanti magnati nel mondo. Nonostante sia un ambasciatore di eleganza nel mondo anche lui, mi coglie alla sprovvista quando scopro che la sua dimora stabile è e sarà Penne. La culla della tradizione sartoriale. E anche per questo che il legame tra Penne ed i mercati sartoriali del mondo, non si è mai spezzato

10 BELISARIO: COGLIERE LE ECCELLENZE CHE ABBIAMO I miei dipendenti si tramandano questa attività da generazioni B Bisogna incoraggiare le Fondazioni come Formoda aggiunge l imprenditore elisario, non solo un cognome: un marchio. Da 27 anni la sua azienda lavora a livello di produzione industriale. La moglie è cresciuta in una famiglia ove la preziosa arte del cucire, l antica sartoria quindi, si respirava da sempre. Marco Belisario, titolare dell omonima azienda per la realizzazione di camicie artigianali su misura, ci accoglie con l orgoglio di chi sa di essere il testimone, anche lui, di una tradizione abruzzese artigianale conosciuta ovunque, sulla quale ha fondato il business della sua vita. Non gradisce snocciolare la sua attività in termini di cifre, numeri. Un fatturato di circa 1 milione di euro, mi dice sorvolando, 20 i dipendenti. Buona parte della produzione riguarda le camice sartoriali su misura e ogni fase di lavorazione, mi spiega, viene eseguita solo ed esclusivamente all interno della nostra sartoria da manodopera altamente specializzata e l ottima qualità dei tessuti e degli accessori garantiscono l autenticità del Made in Italy. Made in Abruzzo, aggiungo. Belisario è stato tra i primi a puntare sull e-commerce con il quale, aggiunge, abbiamo ottenuto un ottima performance, lavoriamo moltissimo direttamente con il privato oltre a servire in Italia diversi negozi di fascia alta. Inoltre, abbiamo mantenuto una quota di produzione dedicata alla realizzazione di camicie in serie per diversi marchi noti in tutto il mondo. Alla domanda sull an- damento dell export fa una riflessione: Abbiamo verso la Cina dazi pazzeschi mentre in Italia direi che siamo abbastanza a buon mercato sui dazi in entrata. Spesso si parla impropriamente del termine Made in Italy, ci tiene precisare, basta poco per etichettare così un prodotto, purtroppo. La qualità di un buon imprenditore si vede anche quando, in un periodo di crisi economica, riesce a cogliere le opportunità lasciando le minacce al loro destino. Spezza ovviamente una lancia verso chi sa conservare, tramandare, diffondere in Italia e nel mondo l artigianato e l arte del preservare. Dobbiamo sapere cogliere le eccellenze che abbiamo, prosegue. Ben vengano quindi le Fondazioni e chi crede nei mestieri artigianali. Alla nostra azienda si sono avvicinate in cerca di occupazione circa 100 persone che abbiamo valutato con attenzione. Oggi i miei dipendenti sono collaboratori che amano questa attività, spesso eredi di una vera e propria tradizione familiare. A Penne, conclude, c era un forza lavoro necessaria che prestava e presta ancora il proprio sapere a questo tipo di attività tramandata da generazioni. Da qui la lungimiranza del professore Lucio Marcotullio, quella di creare le basi, conclude, per l arte sartoriale del futuro. In foto: una camicia Belisario A Penne c era un forza lavoro necessaria che prestava e presta ancora il proprio sapere a questo tipo di attività tramandata da generazioni Realizziamo COLLI e POLSI intelaiati. NON TERMOADESIVATI In foto: Stefania disegna il cartamodello FASI TECNICHE DI LAVORO DA BELISARIO La differenza tra la camiceria sartoriale e quella industriale S tefania è modellista. La cogliamo, nel piccolo, ma operoso laboratorio, intenta a disegnare un cartamodello su una telina da prova. Alza lo sguardo, mentre è intenta a lavorare. Ci accoglie con gli occhi sapienti e svegli di chi sa. Di chi è depositaria di un arte all apparenza semplice, ma preziosa. Qui si cuce la camicia perfettamente su misura. I particolari fanno la differenza e per il cliente curiamo ogni dettaglio. Qui prosegue il nostro viaggio nel mondo della sartoria per eccellenza. Si prendono le misure, dice Stefania, sul cliente, si riportano sul cartamodello, si disegnano su una telina di prova, (una stoffa leggerissima su cui si sperimenta), e poi si procede con la prova cliente. Si giunge poi al passaggio dello sdifettamento. Sì, questo il termine utilizzato che Belisario precisa: non è altro che la fase dove andiamo a togliere ogni difetto di vestibilità. Poi si lavora la camicia, continua Stefania. Tagliamo una camicia per volta, il collo ed il polso hanno una lavorazione a parte, poi si passa al corpo. Anche noi usiamo la macchina per adesivazione del collo e del polso ma, a differenza di una camicia industriale, aggiunge con orgoglio, i nostri colli e polsi sono intelati e non termoadesivati. Il resto, conclude soddisfatta, viene arricchito dalle sapienti mani delle nostre camiciaie, dalle asole fatte a mano fino al ricamo, sempre rigorosamente a mano, delle iniziali del proprio nome e cognome

11 Nell area Vestina il primo CONTRATTO DI RETE in Italia applicato alla moda In foto: interni del laboratorio sartoriale Belisario Belisario spiega perché lo utilizza U na Rete di Imprese a tutela delle antiche tradizioni sartoriali nell area Vestina e limitrofe, e non poteva essere altrimenti. Così Marco Belisario, direttore e vice Presidente esecutivo del Polo Alta Moda dell Area Vestina, ama definire il Contratto di Rete al quale hanno aderito imprese provenienti da un territorio caratterizzato dalla presenza della Brioni Roman Style Spa, che produce abiti unici destinati ai mercati più qualificati del mondo. Cosa intende per Contratto di Rete? Qui si cuce la camicia perfettamente su misura. Asole fatte a mano Il contratto di rete è uno strumento giuridico (previsto dalla legge n. 33/2009 successivamente riformulata e convertita con la n. 122/2010 modificata ulteriormente con l ultimo decreto Sviluppo del mese di agosto 2012) che sostanzialmente permette l aggregazione tra due o più imprese (in particolare le PMI) al fine di valorizzare ed accrescere le proprie competitività soprattutto in ambito internazionale e con un proprio marchio facilitare la penetrazione nei nuovi mercati mantenendo intatta la propria autonomia. Nel caso del Polo dell Area Vestina, abbiamo voluto che fungesse da capofila una grande Azienda e non potevamo che scegliere naturalmente la Brioni Roman Style Spa. Belisario, che è anche vice Presidente di Confindustria Pescara (sezione Sistema Moda) sottolinea che il Contratto di Rete in questione è espressione di Confindustria. E stata una sua idea? Insieme al direttore generale di Confindustria Pescara Luigi Di Giosaffatte, abbiamo dato vita alla nostra Rete e siamo stati tra i primi in Italia ad utilizzare questo nuovo strumento giuridico. Tutto nasce da Confindustria nazionale che ha da sempre creduto nel Contratto di Rete: ad oggi sono 484 i Contratti di Rete siglati 20 21

12 in Italia. Quello dell Area Vestina è il primo ad essere applicato nel comparto della moda. Gli obiettivi? Il nostro Contratto di Rete è l unico ad aver previsto al suo interno una filiera produttiva ed una formativa. Nel primo caso l obiettivo non è un sistema chiuso di imprese che producono tra di loro, ma un sistema che esternalizza, rende visibili i marchi di piccole imprese con un Brand Ombrello che racchiude quelli di ogni piccola azienda agganciati ad un azienda più conosciuta. In Italia ed in Abruzzo in particolare, le aziende del settore abbigliamento, sono sempre partite lavorando per conto terzi, trasformando il prodotto di grandi griffe senza crearne uno proprio. Con il Contratto di Rete si dà la possibilità alle piccole e medie imprese, magari accompagnate da grandi marchi, di entrare e fare business nei mercati emergenti. La filiera formativa è talmente evidente qui più che mai con le attività della Fondazione Formoda. Il Presidente del Polo Alta Moda è Francesco Pesci, Amministratore Delegato della Brioni. Belisario è, inoltre, componente del Comitato Tecnico per le Reti di Imprese, Filiere ed Aggregazioni nonché membro della Commissione Nazionale per il Mezzogiorno di Confindustria. Il Polo Alta Moda Area Vestina ha sede presso la Fondazione Formoda. In foto: interni del laboratorio sartoriale Belisario A bruzzo. Basta la parola ad evocare all interlocutore uno scenario, gradevole: parchi, monti, mare, neve. E poi: alta sartoria, ceramiche, merletti, ricami a tombolo, tracce archeologiche, battaglie storiche, qualche illustre poeta latino, notissimi scrittori. Secondo scenario: tristemente noti dopo il sisma, si è aggiunta una nuova immagine: macerie. E la domanda è sempre la stessa: A che punto siete con la ricostruzione? L Abruzzo è tutto questo, sì, ma non solo. Abruzzo oggi vuol dire anche crisi. Ma una terra fertile di mestieri, mani preziosissime, memorie storiche, deve afferrare al volo il treno che un sistema istituzionale, europeo o nazionale che sia, offre. Così da consentire ad una tradizione antica e nobile, l artigianato, di non scomparire anzi, TRADIZIONI ARTIGIANALI DA RECUPERARE ATTRAVERSO LA FORMAZIONE di garantirsi continuità attraverso la formazione dei giovani, riconosciuta accademicamente, sul campo. Per realizzare tutto questo è necessario in primis che la tradizione sia conservata attraverso l apprendistato, poi che sia tutelato sia il giovane, il tirocinante, affinché abbia un formazione completa ed un minimo guadagno, sia l azienda, che deve essere in grado di assumerlo e formarlo senza rimetterci economicamente. L artigianato deve garantirsi continuità con l apprendistato 22 23

13 APPRENDISTATO IN ABRUZZO L a Regione Abruzzo è stata tra le prima in Italia a recepire il D.Lgs, nr.176/2011, il Testo Unico sull Apprendistato (Riforma Sacconi), attraverso la definizione dei tre differenti percorsi formativi on the Job. Sono tre i tipi di apprendistato: un apprendistato per la qualifica ed il diploma professionale ( per i giovani tra i 15 ed i 25 anni) utilizzabile in tutti quei settori per l assolvimento dell obbligo di istruzione o per il diploma professionale. La durata del contratto, in questo caso, è legata sia alla qualifica che al diploma da conseguire ma la componente formativa non può comunque superare il triennio o i quattro anni se il giovane deve acquisire un diploma professionale regionale; un apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere per i giovani compresi tra i diciotto e i ventinove anni e per tutti i settori di attività pubblici e privati. In tal caso la durata del periodo formativo, concordata nella contrattazione collettiva nazionale, è definita sia in ragione dell età che della qualifica da ottenere e per le imprese non artigiane non potrà superare i tre anni mentre per quelle artigiane il limite è fissato a cinque. L o Youth Guarantee Scheme è parte di un pacchetto di misure a favore dell occupazione giovanile lanciato il 5 dicembre dalla Commissione Ue; in particolare le azioni riguardano l oc- La competenza regionale in materia è limitata alla definizione delle competenze di base o trasversali per un monte ore complessivo di centoventi nel triennio; un apprendistato di alta formazione e ricerca per i giovani di età compresa tra i diciotto ed i ventinove anni, possibile in tutti i settori produttivi pubblici e privati. Quest ultima tipologia è finalizzata al conseguimento di un diploma di istruzione secondaria superiore, di titoli di studio universitari o di alta formazione, compresi i dottorati di ricerca o la specializzazione tecnica superiore. Introdotta anche la possibilità dell apprendistato per i praticanti degli studi professionali, previa disciplina dei singoli regolamenti dei vari ordini. In foto: l assessore alla Formazione Paolo Gatti DA U.E. UN PACCHETTO A FAVORE DELL APPRENDISTATO cupazione giovanile, l apprendistato, la formazione entro 4 mesi dalla fine del percorso di studi o dall inizio della disoccupazione, rivolto a tutti i giovani sino ai 25 anni : diminuisce il numero medio di apprendisti occupati FORNERO: ALLO STUDIO STAFFETTA GENERAZIONALE Lavoratore anziano in part time. Si assume apprendista. Lo ha annunciato il Ministro È sempre del 5 dicembre la notizia che il Governo italiano per incentivare l occupazione giovanile, sta pensando una sorta di staffetta generazionale, ovvero la possibilità per un lavoratore anziano di cambiare il suo contratto in part-time e in cambio le aziende prendono un apprendista. Lo ha annuncito il Ministro del Lavoro Elsa Fornero a Bruxelles ad una conferenza sulle opportunità d impiego per i lavoratori più anziani. CENSIS: IN CALO NUMERO DEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO Nei giorni scorsi (7 dicembre), secondo una nota riportata dalle agenzie di stampa, è emerso che, dal 46 Rapporto Censis sulla situazione sociale del paese nel 2012, tra il 2008 ed il 2010 il numero medio di apprendisti occupati è sceso da 645 mila a 542 mila, con un decremento del 16%, e i dati relativi al primo semestre sembrerebbero indicare un ulteriore contrazione. Ma il dato più significativo è quello relativo alla componente degli apprendisti minorenni: nel 2010 si registrano solo contratti di apprendistato stipulati con minori, pari all 1,4% del totale, e nel triennio si assiste ad un contrazione notevole di tale segmento (-57,1%). Nel complesso si osserva un progressivo aumento del peso delle classi di età più adulte, dai 25 anni in su. Su tale fenomeno ha influito la maggiore appetibilità per le In foto: il Ministro del Lavoro Elsa Fornero imprese, a parità di vantaggi economici, della stipula di contratti di apprendistato con giovani già minorenni, impegnati in un numero inferiore di ore di formazione esterna e con minori implicazioni per quanto riguarda la responsabilità aziendale in materia di sicurezza sul lavoro. La contrazione del numero di apprendisti si accompagna ad un loro elevato turnover. Nel 2011 solo il 46,4% dei contratti ha avuto una durata superiore all anno, mentre il 27,4% è stato attivo tra i 4 e i 12 mesi, un altro 17, 6% tra i 2 e 3 mesi e l 8,6% meno di un mese. Nel 57,7 % dei casi il motivo della cessazione è imputabile all apprendista, mentre solo il 16, 8 % dei contratti giunge al suo termine naturale. (fonte ASCA) 2010: in aumento contratti con apprendisti dai 25 anni in su 24 25

14 LA CERAMICA DI CASTELLI Nell ambito delle eccellenze abruzzesi artigianali, conosciute in tutto il mondo, l Abruzzo vanta anche una splendida e antica tradizione nella lavorazione della ceramica di Castelli, preziosa testimonianza di artigianato artistico, la cui attività di promozione è saldamente garantita anche dall Emaaa: l Ente Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese. La nascita della ceramica a Castelli si deve soprattutto alle caratteristiche naturali del territorio, in particolate l abbondante presenza di cave d argilla, boschi di faggio per la legna e i forni, i corsi d acqua, giacimenti di silice. La tradizione ceramica si è sviluppata a Castelli già in epoca etrusca. Favorita sicuramente dalla presenza dei monaci benedettini che producevano suppellettili di uso quotidiano. I primi reperti datati risalgono al XV secolo, ma in realtà è impossibile dire con esattezza quando la produzione ceramica sia sorta e si sia affermata. E dalla seconda metà del 1500 che questa arte vive il suo periodo di massimo splendore. La ceramica divenne così l unica vera economia, tanto che ancora oggi la maggior parte della popolazione risulta dedita a questa nobile arte. (fonte: Comune Castelli) Castelli divenne uno dei più apprezzati centri del Rinascimento grazie alle ceramiche, la cui produzione spazia in un repertorio vastissimo: dalle maioliche al vasellame domestico, finemente lavorato, a quello farmaceutico. La testimonianza dell arte castellana è in esposizione anche all Ermitage di San Pietroburgo. In mostra il Presepe monumentale di Castelli Omaggio natalizio dell Ente all Istituto d Arte più famoso d Abruzzo la Natività è interpretata con i canoni dell arte contemporanea di Francesco Blasi - Ufficio Stampa Emaaa E conosciuto ufficiosamente come il secondo presepe di Castelli, ma è monumentale come il primo, che venne realizzato tra il 1965 e il1975. Ed è portatore, al pari del suo predecessore più noto, di una suggestionefigurativa intensa e radicale. Tanto da essere catalogato come opera di artecontemporanea con tutti i crismi. Volumi notevoli - statue di altezza dicirca un metro- e impatto visivo inedito rispetto alla tradizionaleraffigurazione della Natività, il secondo presepe monumentale realizzato tra glianni Sessanta e Settanta all Istituto statale d arte di Castelli intitolato af.a. Grue è esposto a Palazzo dell Artigianato nell ambito del Museo permanenteallestito dall Ente Mostra dell artigianato artistico abruzzese. Allestito nellasala prospiciente l ingresso, è visitabile fino al 6 gennaio «Abbiamo voluto esporre quest opera composita in coincidenza tematicacon le festività», racconta Gabriele Vitacolonna, direttore artisticodell Emaaa, «per ragioni diverse ma tutte collegate tra loro quali il doverosoomaggio al Grue e alla ceramica di Castelli, la proposta di un opera d arte cheil vasto pubblico della Mostra sarà lieto di scoprire o riscoprire, e infinel offerta di uno spunto per il confronto con il primo presepe. Confronto che nonmancherà di suscitare nel visitatore, esperto o a digiuno di arte ceramica, unariflessione sulla ricchezza creativa in vigore nell Italia di quegli anni,un atmosfera che ammantava le stesse scuole d arte di vertice, rango in cuicastelli ha sempre detenuto un posto in prima fila». Vitacolonna offre poi una guida alla lettura della composizione. «Lachiave sta nella divisione degli elementi in senso picassiano, da non intendereperò nella modalità del cubismo, bensì come metodo e modello di separazionedegli elementi che catturano l occhio. Il messaggio visivo», annota il direttoreartistico, «viene così decodificato in un immagine unitaria in grado direstituire un emozione contenente il contrasto tra l immagine tramandata dallatradizione e l interpretazione fuori dall ordinario data dagli autori»

15 L ENTE MOSTRA DELL ARTIGIANATO ARTISTICO ABRUZZESE SCHEDA INFORMATIVA L Ente Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese fondato nel 1971, con sede a Guardiagrele Ch, ha lo scopo di promuovere l artigianato artistico. E un Ente pubblico-privato, riconosciuto di interesse Regionale con delibera n.8780 della Giunta Regionale dell Abruzzo in data e trasformato in Centro di Eccellenza Regionale nel Recentemente L Ente Mostra ha acquisito la qualifica di Mostra di interesse Nazionale con delibera della Giunta Regionale n. 709/P del 30/11/2009 L.R. n. 58/93 e s.m.. Fra i suoi soci annovera: - Regione Abruzzo - Provincia di Chieti - Comune di Guardiagrele - Comunità Montana Maielletta - Camera di Commercio di Chieti - Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti - Parco Nazionale della Maiella - Ente Regionale A.P.T.R. (Abruzzo promozione Turismo) Nel mese di dicembre 2006 è stato istituito ed aperto al pubblico Il Museo dell Artigianato Artistico Abruzzese inserito nella rete Museale della Provincia di Chieti. Mostre ed eventi Dal 25 al 29 giugno 2007 ha realizzato a Bruxelles, presso il Committee of the Regions l esposizione dell artigianato artistico Discovering Abruzzo inaugurata dal Presidente del Committee of the Regions. Dal 20 ottobre 2007 al 20 Marzo 2008 ha esposto il meglio della produzione dell Artigianato Artistico Abruzzese presso il Rome Cavalieri Hilton. In occasione dei XVI Giochi del Mediterraneo Pescara 2009 L Ente Mostra ha promosso l artigianato di eccellenza della Regione Abruzzo con un esposizione presso l Ex Aurum di Pescara, con il progetto Nel Cuore d oro d Abruzzo percorsi d arte fra i tesori dell artigianato artistico abruzzese ed infine con il concorso grafico progettuale riservato agli Istituti Statali d Arte Abruzzesi Un Gioiello per il Mediterraneo. Il Gioiello realizzato con la collaborazione di orafi Abruzzesi è stato successivamente donato ai capi delle delegazioni dei Paesi partecipanti ai Giochi. Nel mese di luglio 2009 ha esposto l eccellenza dell Oreficeria Abruzzese nel corso del Vertice del G8 presso la Caserma della Guardia di Finanza dell Aquila nella mostra L arte del Saper Far Bene Italiano della Presidenza del Consiglio, del Ministero del Turismo e della Regione Abruzzo. Il 17 dicembre 2009 ha esposto l artigianato abruzzese a Montecitorio nel corso della promozione dei prodotti tipici abruzzesi organizzata dall Assessore all agricoltura della Regione Abruzzo. Dal 18 al 21 febbraio 2010 ha partecipato alla BIT di Milano, Borsa Internazionale del Turismo in collaborazione con l Aptr e della Provincia di Chieti. HA STIPULATO ACCORDI DI PROGRAMMA CON: - I comuni d Abruzzo sede di Musei con il programma Circuito Integrato Turistico attraverso la creazione di un PASS Museale; - Gli istituti Statali d Arte della Regione Abruzzo; - Le Direzioni Regionali delle Associazioni di Categoria dell Artigianato. Dal 5 all 8 novembre 2010 ha partecipato alla terza edizione del Salone delle Eccellenze Artigiane ARTO 2010 al Lingotto di Torino. Nei mesi di maggio 2010 e 2011 ha esposto nella fiera internazionale del Turismo ECOTOUR organizzata dalla Camera di Commercio di Chieti. Nel Dicembre 2010 su invito ed in collaborazione con la Camera di Commercio di Chieti ha esposto le opere del Museo permanente dell Artigianato Artistico Abruzzese alla manifestazione MOA Casa di Roma. Negli anni è stato partner del progetto CeRamICa programma di cooperazione interregionale INTERREG IVC in collaborazione con Abruzzo Sviluppo e l Agenzia di Sviluppo della Regione Abruzzo, il suddetto progetto ha visto il coinvolgimento di otto paesi europei (Portogallo, Spagna,Francia, Ungheria, Slovenia, Grecia, Romania e Italia)

16 Nel giugno 2011 ha esposto a Santiago di Compostela (Spagna) in occasione della Settimana Abruzzese a Santiago promossa dalla Provincia di Chieti insieme al Cammino dell Apostolo Tommaso pellegrinaggio inserito nei percorsi Cammini d Europa Nel primi mesi del 2011 ha realizzato per la Regione Abruzzo una monetamedaglia dedicata ai 150 anni dell unità d Italia. Degli esemplari sono stati donati al Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano e al Presidente del Consiglio On. Silvio Berlusconi in occasione dei festeggiamenti del 17 Marzo 2011 da parte della Regione. Nei mesi di aprile-maggio 2011 ha promosso in collaborazione con la CNA Abruzzo il Maggio Formativo con corsi di ceramica, pasticceria,gastronomia e sommelier. In occasione della 41ª Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese 1-20 agosto 2011 ha realizzato la Mostra Orodautore collezione di gioielli contemporanei di grandi nomi dell arte, della moda e del design in collaborazione con Arezzo Fiere e Congressi. Il 4 settembre 2011 ha esposto in occasione della manifestazione La moda sposa l arte in Abruzzo nel Grand Hotel Don Juan di Giulianova alla presenza di ambasciatori accreditati presso la Santa Sede. L 11 settembre 2011 ha partecipato ai 30 anni dello stabilimento SEVEL di Atessa e fatto conoscere l artigianato artistico abruzzese a ospiti ed ai vertici dell azienda è stato ospite anche l amministratore delegato della FIAT Dott. Sergio Marchionne. Dal 20 al 23 ottobre 2011 ha partecipato a EXPOITALIA 2011 a Bruxelles organizzata dalla Camera di Commercio Belgo-Italiana. Dal 16 al 30 ottobre 2011 ha esposto i gioielli più preziosi del Museo dell Artigianato Artistico Abruzzese in occasione della Mostra Oreficeria in Abruzzo nel Comune di Roccamorice presso la Chiesa del Barone Zambra - Centro d Arte e Cultura Alberto Di Giovanni. Dal 09 al 12 Agosto 2012 l Ente ha organizzato il The World s Best Ceramic Fountains Incontro Internazionale di Ceramica, la manifestazione ha previsto la realizzazione di fontane da parete ad opera dei Maestri Ceramisti partecipanti provenienti da Italia, Olanda, Polonia, Romania, Spagna, Svezia, Ungheria L Ente Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese realizza da oltre 41 anni nel mese di agosto un esposizione dell artigianato artistico abruzzese che nell anno 2011 è stata visitata da oltre persone. Inoltre promuove le seguenti manifestazioni: 1. Il Concorso Nazionale Biennale di Oreficeria Nicola da Guardiagrele, giunto alla 15 edizione riservato ai maestri orafi, agli insegnanti, ai diplomati degli Istituti Statali d Arte ed alle scuole di oreficeria e suddiviso in due categorie: la prima riservata gli alunni degli Istituti Statali d Arte e Licei Artistici, alle Accademie ed alle scuole di Oreficeria, e la seconda per i maestri orafi provenienti da tutta Italia. 2. Stage/incontri/estemporanee internazionali dei vari settori dell artigianato con lo scopo di promuovere le differenti scuole. L Ente Mostra è patrocinato da oltre 40 anni dalla Presidenza della Repubblica con premi di rappresentanza (medaglie). ALCUNI OBIETTIVI DELL ENTE Valorizzazione delle produzioni artigianali artistiche nella loro completa valenza culturale, storica, artistica e turistica; Promuovere il dialogo fra Istituzioni, Organizzazioni, Città e Nazioni portatrici dello stesso interesse culturale ed artistico con rapporti di partenariato da sviluppare in ambito di progetti mirati alla conoscenza dei mestieri artigianali e valorizzazione dei prodotti realizzati dagli artigiani; Tutelare, promuovere, valorizzare e tramandare il valore storico, culturale, sociale ed economico dell artigianato artistico. (fonte: Francesco Blasi, Ufficio Stampa Emaaa) Il 7 Maggio 2012 l Ente ha organizzato un convegno presso il Cinema Teatro Garden di Guardiagrele nel corso del quale il linguista Prof. Francesco Sabatini, l Artista Teatrale Giò Di Tonno e il Calciatore Morgan De Sanctis sono stati premiati con un manufatto dell artigianato artistico abruzzese realizzato dal M Orafo Luciano Moretti dell Aquila su idea progettuale del Vincitore del Concorso grafico- progettuale AbruzzoArt riservato agli alunni dei Licei Artistici Abruzzesi. In occasione della 42ª Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese 1-20 agosto 2012 ha realizzato l Omaggio dedicato All Arazzeria Pennese ospitando le opere dei seguenti Artisti: Accatino, Afro, Avenali, Balla, Baylon, Brindisi, Calder, Costantini, Capogrossi, Conti, Le Corbusier, Paradiso

17 OMAGGIO ALL ARAZZERIA PENNESE A Palazzo dell Artigianato l incontro tra arte e industria tessile, pezzo forte della 42a Mostra dell Artigianato Artistico Abruzzese di Francesco Blasi - Ufficio Stampa Emaaa L arte rappresentata con la tessitura a basso liccio. E l esperienza vissuta a Penne per un trentennio a partire dagli anni sessanta, quando l incontro tra l industria tessile e la suggestione creativa diede vita per almeno tre decenni all exploit dell Arazzeria pennese. Una saga ripercorsa alla 42a Mostra dell Artigianato artistico abruzzese che la scorsa estate ha proposto al grande pubblico di Palazzo dell Artigianato regionale l Omaggio all arazzeria pennese nella selezione di Maria Taboga, curatrice degli arazzi al Quirinale. La sala del Tricolore, tra le più visitate alla rassegna di agosto, ha guidato il visitatore in un percorso popolato dalle pregiate opere di artisti come Accatino, Avenali, Afro, Baylon, Brindisi, Capogrossi, Conti, Paradiso e Balla, che offrirono al laboratorio pennese i cartoni dai quali vennero tessuti arazzi oggi entrati in un mito che esce dalla ristretta cerchia dei collezionisti per porsi all attenzione di una vasta platea di appassionati. Tra le performance dell Arazzeria c era anche un pezzo firmato da Le Corbusier, esperimento basato sulla trasposizione in trama e ordito di un disegno che l autore non aveva concepito per la tessitura. Un incursione folgorante nell arte contemporanea, dal figurativo all astratto passando per i temi del Futurismo, l Omaggio è coinciso con la riscoperta di una modalità rappresentativa perfetta per gli scopi dell opera di recupero e tutela dell artigianato artistico abruzzese, la missione abbracciata dell Ente Mostra regionale. Nelle foto: a Palazzo dell Artigianato l Omaggio all Arazzeria pennese «La scelta caduta sull Arazzeria pennese», ha commentato all inaugurazione Lucia Arbace, a capo della Soprintendenza per i beni storici, artistici e etnoantropologici d Abruzzo (Bsae), «esemplifica la sensibilità e la competenza di chi anima e dirige da decenni la Mostra guardiese, che con l Omaggio ha acceso i riflettori su un esperienza artisticoartigianale di grande spessore andata in scena nel XX secolo proprio nel nostro Abruzzo». Gianfranco Marsibilio, il presidente dell Emaaa, sottolinea che «la Mostra ha aperto alla visione di veri e propri capolavori dall impatto visivo formidabile nel raffronto ravvicinato che soltanto un esposizione collettiva può consentire. L Arazzeria pennese è una saga di artigianato-arte che andava rivalutata. Nella speranza di assistere, in un futuro non troppo lontano, alla rinascita delle condizioni concomitanti che mezzo secolo fa diedero vita a un esperienza finora rimasta unica»

18 The World s Best Ceramic Fountains Giovedì 13 dicembre inaugurata a Palazzo dell Artigianato l esposizione delle fontane d arte realizzate da undici artisti europei nell ambito dell Incontro internazionale di arte ceramistica. In foto: l inaugurazione. Da sinistra Floriano Iezzi, assessore al Turismo Comune di Guardiagrele, Mario Di Nisio, Presidente Emerito Fondazione Carichieti, Gianfranco Marsibilio, Presidente dell Emaaa e l assessore regionale Federica Carpineta A vederle sono davvero le più belle fontane in ceramica del mondo. Come del resto recitava il titolo dell incontro internazionale tra i ceramisti approdati la scorsa estate ai piedi della Maiella dopo aver superato la selezione sui progetti operata dalla giuria, appunto, di The world s best ceramic fountains. Undici opere d arte da altrettante artiste e artisti europei, che le avevano realizzate tra il 9 e il 12 agosto nel laboratorio all aperto allestito in largo Brigata Maiella sotto gli occhi delle migliaia di visistatori della 42a Mostra dell artigianato artistico abruzzese. In foto: una fontana Opere che da giovedì 13 (e fino al 6 gennaio 2013) sono in esposizione a Palazzo dell artigianato nella riallestita Sala tricolore, dove l evento è di Francesco Blasi - Ufficio Stampa Emaaa stato inaugurato con la partecipazione di personalità dell arte e dell artigianato artistico e dei numerosi appassionati che da anni seguono da vicino le proposte messe in calendario dell ente regionale con sede a Guardiagrele. Un messaggio ai partecipanti è giunto dal vice presidente e assessore regionale alle Attività produttive Alfredo Castiglione, da sempre molto vicino alle attività dell Ente Mostra. Presenti, fra gli altri, l assessore regionale Federica Carpineta, il presidente della commissione Bilancio del consiglio regionale regionale Emilio Nasuti e il presidente emerito della Fondazione Carichieti Mario Di Nisio. Tra gli invitati d onore c era anche il presidente della massima assemblea abruzzese Nazario Pagano, in rappresentanza della Presidenza del consiglio dell Emiciclo che ha patrocinato l avvenimento. L amministrazione comunale era rappresentata dall assessore al Turismo Floriano Iezzi. In foto: lo chef di Villa Maiella Giuseppe Tinari In foto: l assessore Carpineta, il maestro Giuseppe Liberati (componente C.d.A. Emaaa) e una fontana realizzata da lui All incontro internazionale di ceramica si erano qualificati in primavera la svedese Anna Persson, l italiana Stefania Cocciaglia, lo spagnolo Augusto Morilla Delgado, l ungherese Endre Molnàr, l olandese Heike Rabe, le polacche Hanna Maria Ograbisz- Krawiec e Malgorzata Bukowicz e i rumeni Vasile Ion Chira,Daniel Les, Lucia Mihaela Lobont e Pavel Flaviu Bugnariu. Gli artisti avevano ultimato in quattro giorni la modellazione dei manufatti, mentre la cottura in forno e la decorazione sono state eseguite, seguendo le indicazioni dei progetti, nella bottega del maestro Giuseppe Liberati di Villamagna. «All arrivo delle fontane appena ultimate», racconta il presidente dell ente Mostra, Gianfranco Marsibilio, «abbiamo provato un intenso piacere del cuore e dell anima, come sempre accade quando ci si trova di fronte a autentiche opere d arte». «L iniziativa», annota Marsibilio, «ha avuto lo scopo di promuovere le differenti scuole d arte ceramistica internazionali e metterle a confronto con le produzioni artistiche dell intero territorio nazionale e internazionale. Questa attività fa seguito a ripetuti contatti, partecipazioni a scambi che l Ente Mostra e i suoi artigiani locali hanno effettuato nel corso degli anni in partecipazioni occasionali anche se di prestigio, In foto: un momento dell inaugurazione in Italia e all estero. Con l ideazione di questo progetto si vuole raggiungere l obiettivo di creare una rete di collegamento fra maestri che rappresentano la tradizione e l innovazione dell arte ceramista in ambito locale, nazionale ed internazionale per giungere alla costruzione di una rete sinergica per la valorizzazione dell arte, e l implementazione di nuovi orizzonti e mercati». In foto: una fontana In foto: particolare di una fontana 34 35

19 Dall Ente Mostra il Diploma di merito del Presidente della Repubblica al maestro Raffaele Di Prinzio Per la storica bottega del ferro battuto abruzzese un 2012 da incorniciare. Nel solco di una grande tradizione familiare L arte come risvolto concreto, figlia naturale del virtuosismo tecnico maturato nel duro lavoro del forgiare, piegare il metallo all idea che diventa subito progetto. L arte, così, sgorga spontanea perché liberata dai limiti tipici di una manualità tutta o in parte da apprendere. E un mestiere che può maturare soltanto nel volgere di generazioni, attraverso un messaggio genetico che si conserva e si evolve. Raffaele Di Prinzio lo sa bene, tanto da rendere omaggio alla memoria di Luciano e Bruno firmando i manufatti artistici come F.lli Di Prinzio. L arte vera rende anche signori, rispettosi delle memorie che hanno segnato la storia della Bottega Di Prinzio, dal 1856 maniscalchi, coltellai e fabbri al servizio di ogni necessità del quotidiano. di Francesco Blasi - Ufficio Stampa Emaaa Espressione burbera, pelle brunita dal calore dell officina e taglio dei baffi che lo svelano senza dubbi come un patriarca, Raffaele Di Prinzio è come appare: un capitano di azienda e un figlio della stirpe artigiana che ha reso grande Guardiagrele. Oltre che Cavaliere del Lavoro insignito nel 2004 dal presidente Ciampi per i meriti di un opera che da decenni viaggia per tutto il mondo, fatta di elementi che adornano ville e palazzi di prestigio e sculture gelosamente custodite in collezioni private. Corrispettivo speculare del prestigio conquistato in decenni, in azienda cresce una singolare collezione. Si tratta dei titoli conseguiti dal marchio nella sua rincorsa alla qualità totale. E il maestro mostra con orgoglio l attestazione che fa del 2012 un anno da ricordare. E il Made in Italy 100% Certificate rilasciato dall Istituto per la tutela dei produttori italiani. Sotto il nome in codice It01, è la certificazione che viene al termine di una rigorosa ricognizione sulle procedure osservate dall azienda nell intero ciclo di produzione, dalla concezione del manufatto al prodotto finito. E sempre nel 2012, in coda a un curriculum di livello internazionale, è arrivato l ambito riconoscimento del Diploma di merito-medaglia del Presidente della Reppubblica rilasciato Alabarde, composizione tra le più famose realizzate dal maestro. Esposizione storica di coltelli realizzati nella bottega In foto: Di Prinzio con L Aquila dall Ente Mostra dell artigianato artistico abruzzese. «La Mostra», spiega il presidente dell Emaaa, Gianfranco Marsibilio, «che oltre quaranta anni fa iniziò da Guardiagrele la riscossa che avrebbe portato alla riscoperta degli antichi saperi artigianali abruzzesi applicati alla creatività artistica, con il Diploma rende il dovuto attestato proprio al grande maestro del ferro battuto guardiese». E non poteva essere altrimenti in una visione di continuità storica, visto che il viaggio a ritroso verso le radici dell artigianato-arte d Abruzzo parte appunto dal ferro battuto. Non è un caso che il percorso storico del Museo permanente (allestito a Palazzo dell Artigianato lo scorso autunno e aperto fino a giugno del 2013) ha inizio dalla sala dedicata alla storica Bottega Ranieri: vette di arte del ferro che Raffaele Di Prinzio ha scalato e possibilmente anche superato in una linea che vede naturalmente avvicendarsi non solo retaggi familiari ma anche scuole che il tempo evolve in un rincorrersi di ispirazioni creative e obiettivi commerciali. Per questo Di Prinzio racconta non le origini della sua famiglia, ma della comunità che era tutt uno con quel pullulare di rumorose botteghe. «In cento metri potevano essercene decine», annota, budelli in cui si lavorava nella In foto: il Diploma-medaglia di merito del Presidente della Repubblica conferito dall Ente Mostra al maestro Di Prinzio semioscurità, spesso col banchetto in strada perché i lavoranti e gli apprendisti erano molti; un occupazione sicura, a quei tempi». Mostra una foto della Guardia datata fine Ottocento, la fiera ai Cappuccini ritratta come in un quadro crudamente realista, popolato da gente avvolta in tuniche, carretti parcheggiati e animali al pascolo dappertutto. «Così eravamo, ci siamo forgiati in questa vita di sacrifici, da qui nasce l amore per il lavoro, che era poi la sopravvivenza». In pochi tocchi ha così narrato il retroterra della Bottega, oggi Ferro battuto Di Prinzio srl in una continuità familiare che coinvolge ancora una volta tutti, figli in testa, nella conduzione delle attività. Una fabbrica vera e propria, sorta nella zona industriale di Fara Filiorum Petri per la nota penuria di aree produttive nei dintorni di Guardiagrele. Produzione e arte sono In foto: Di Prinzio mentre lavora il ferro battuto 36 37

20 In foto: un orefice al lavoro La prima opera del maestro: a Iuvanum il monumento agli Alpini eretto nel dopoguerra due cifre che si compenetrano, a vedere l esposizione all aperto degli enormi manufatti destinati al mercato degli esteti del ferro battuto. Scene di natura in cui campeggiano aquile e draghi, in fogge talmente aderenti al vero che la complessità del lavoro sul metallo quasi non è percepita dall occhio. Scene composite celebrative di epopee o di eventi, rigorosamente abruzzesi, come la mietitura e trebbiatura e il Giro d Italia celebrato con una freschezza da bozzetto in occasione del passaggio su queste strade nella centesima edizione Lavoro in bottega negli anni Cinquanta lo scorso maggio. Sono i divertissement che il maestro si concede regolarmente, per ritagliarsi nicchie del tutto personali nel can-can interminabile di cancellate, balaustre e balconate che in ogni stile approvato dalla tradizione affollano il catalogo della Casa. E un vezzo degli artisti innamorarsi di un opera realizzata sulla scia di una forte emozione. Nel nostro caso si tratta di un aquila monumentale che nutre il suo piccolo nel nido. «E un omaggio a L Aquila, il nostro capoluogo, spiega, dilaniato dalla catastrofe. Ma è forte come il nome che porta, si solleverà ancora alta a dominare l orizzonte». La scultura Iubilaeum è stata realizzata per il Giubileo del 2000; donata a Giovanni Paolo II, è ora esposta nella chiesa di Sant Achille a Roma Marchio di qualità per l oreficeria abruzzese Concertata con la Regione, la politica di tutela delle produzioni regionali mira al rilancio sui mercati internazionali di Francesco Blasi - Ufficio StampaEmaaa Un sigillo di garanzia sui prodotti orafi di tradizione regionale, che sui mercati nazionali e globali potranno così contare su un ulteriore valore aggiunto per un contributo di peso all uscita dalla crisi. Presentose e Sciacquajie, tra gli altri monili che hanno costruito la fama dei gioielli abruzzesi, si avvicinano a grandi passi al Marchio di qualità dell oreficeria abruzzese. Il Marchio sarà proprietà della Mostra dell artigianato artistico abruzzese, l ente regionale che l ha ormai definito nei dettagli in vista della presentazione alla Regione. Che recepirà regolamento d uso e disciplinare di produzione per inserirli nel quadro della legge 23 del 2009 in materia di artigianato. «Siamo determinati a regolamentare con severità l uso che gli orafi concessionari faranno del nostro marchio», spiega il presidente dell Ente Mostra, Gianfranco Marsibilio, «visto anche l enorme lavoro svolto dal comitato tecnico-scientifico. Come ente di tutela e valorizzazione dell artigianato artistico regionale e seguiti da vicino dall assessore regionale alle Attività produttive Alfredo Castiglione», riprende il presidente, «abbiamo intrapreso questa avventura con l obiettivo di esaltare la migliore produzione dell oreficeria di tradizione in chiave di recupero del retaggio abruzzese, ma soprattutto per fornire al mercato uno strumento di certificazione della manifattura, dai materiali di base alle tecniche impiegate». Una garanzia sulla qualità del progetto del Marchio è la stessa composizione del comitato, in cui figurano fra gli altri la storica dell arte orafa abruzzese Adriana Gandolfi, il direttore artistisco dell Emaaa Gabriele Vitacolonna, lo studioso Mario Palmerio e spcialisti di strategie di impresa come Simone Gizzarelli e Pietro Rosica, nella doppia veste di presidente della piccola e media impresa di Confindustria teatina e vice presidente della Mostra. Di primo piano anche la squadra di artigiani-artisti dell oreficeria, come il presidente di Cna Abruzzo Italo Lupo, Maurizio D Ottavio e Francesco Rotolo.«Fondamentale», osserva Marsibilio, «sarà anche la parte di competenza di Unioncamere e delle camere di commercio abruzzesi, preposte ai controlli e alle sanzioni». D Ottavio si sofferma sull aspetto dei controlli. «Dovranno essere inflessibili», spiega, «altrimenti il Marchio si perderà nella confusione e nei sotterfugi che già sono all ordine del giorno nel mercato dell artigianato orafo. Credo in questo progetto che sta per diventare realtà», aggiunge, «in nome di chi vive di solo artigianato, da non confondere con chi acquista stock di gioielli prodotti altrove per poi sdoganarli con la punzonatura. E la Regione dovrà recepire la proposta della Mostra, senza fini ambigui che consentirebbero ai furbi di trovare l inganno nelle pieghe della legge»

POLO ALTA MODA AREA VESTINA

POLO ALTA MODA AREA VESTINA Dott. Marco Belisario Presidente Sistema Moda Confindustria Pescara Dott. Prof. Luigi Di Giosaffatte Direttore Confindustria Pescara COS E È una rete di imprese certificate per la lavorazione e produzione

Dettagli

Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA:

Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA: Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it STUDIO E RICERCA SULLE PROFESSIONI (ATTUALI E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA: IL CASO

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

POLO ALTA MODA AREA VESTINA. Dott. Prof. Luigi Di Giosaffatte Direttore Generale Confindustria Pescara

POLO ALTA MODA AREA VESTINA. Dott. Prof. Luigi Di Giosaffatte Direttore Generale Confindustria Pescara POLO ALTA MODA AREA VESTINA Dott. Prof. Luigi Di Giosaffatte Direttore Generale Confindustria Pescara POLO ALTA MODA AREA VESTINA COS E È una rete certificata di imprese legate in filiera unitamente ad

Dettagli

UNIVERSITA': TERAMO, 'LABORATORI APERTI IN FACOLTA' AGRARIA Saranno accessibili ogni venerdi' fino a maggio (ANSAweb) - TERAMO, 1 DIC - La facolta' di Agraria dell'universita' di Teramo 'riapre al pubblico'

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

100 tirocini PEr 100 giovani maestri D ArtE EDIZIONE 2013/14: UNA ScUOlA, UN lavoro. PErcOrSI DI EccEllENZA

100 tirocini PEr 100 giovani maestri D ArtE EDIZIONE 2013/14: UNA ScUOlA, UN lavoro. PErcOrSI DI EccEllENZA 100 tirocini per 100 giovani maestri d arte EDIZIONE 2013/14: UNA Scuola, UN Lavoro. Percorsi di Eccellenza I tirocini formativi I mestieri d arte rappresentano un vantaggio competitivo di grande rilievo

Dettagli

Corsi di alta formazione in Design per il Teatro - Scenografia e Costumi

Corsi di alta formazione in Design per il Teatro - Scenografia e Costumi Corsi di alta formazione in Design per il Teatro - Scenografia e Costumi Seconda edizione, 2011 Due corsi di alta formazione di POLI.design Consorzio del Politecnico di Milano per lo sviluppo di competenze

Dettagli

IL SICILIANO CHRISTIAN GRECO DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO

IL SICILIANO CHRISTIAN GRECO DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO IL SICILIANO CHRISTIAN GRECO DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO di Redazione Sicilia Journal - 28, gen, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-siciliano-christian-greco-direttore-del-museo-egizio-di-torino/

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

Progetto Incontriamoci in azienda IIS Luzzatti Mestre VE

Progetto Incontriamoci in azienda IIS Luzzatti Mestre VE Progetto Incontriamoci in azienda IIS Luzzatti Mestre VE La classe 4AL dell IIS Luzzatti di Mestre, indirizzo di studio servizi commerciali ad ottobre ha iniziato il progetto Incontriamoci In Azienda,

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2015 Sommario Premessa... 2 Linee operative di intervento 2015... 2 a) Sostegno ad iniziative di terzi: Bando per le erogazioni 2015... 2 b) Principali progetti propri...

Dettagli

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa )

Itinerario Libero non Guidato. ( durata tour a piedi 3 ore circa 4 tappe km 2 e 500 mt circa ) A spasso per le botteghe storiche del centro. Rintocchi di martello, forbici che tagliano, mani che lavorano: alla scoperta del vero artigianato fiorentino. Itinerario Libero non Guidato ( durata tour

Dettagli

Kiton: fiore all occhiello del made in Italy

Kiton: fiore all occhiello del made in Italy Percorso C Struttura organizzativa e gestione delle risorse umane Caso pratico Kiton: fiore all occhiello del made in Italy È il 1968 quando ad Arzano, in provincia di Napoli, nasce il marchio Kiton. L

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2812 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori FRANCO Vittoria, MODICA, ACCIARINI, TESSITORE, BRUNALE, TONINI e PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 MARZO

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2435 Seduta del 26/09/2014

DELIBERAZIONE N X / 2435 Seduta del 26/09/2014 DELIBERAZIONE N X / 2435 Seduta del 26/09/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE 100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE UNA SCUOLA, UN LAVORO. PERCORSI DI ECCELLENZA I tirocini extra-curriculari I MESTIERI D ARTE RAPPRESENTANO UN VANTAGGIO COMPETITIVO DI GRANDE RILIEVO PER L ECCELLENZA

Dettagli

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato

Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato Istruzione Professionale per il settore Industria e Artigianato Indirizzo: Produzioni Artigianali e Industriali Articolazione: Artigianato Opzione: Produzioni tessili e sartoriali L Istituto Professionale

Dettagli

La Libera Università delle Arti che propone corsi specialistici nei settori moda, design e comunicazione&marketing da oltre 10 anni, è ormai nota per

La Libera Università delle Arti che propone corsi specialistici nei settori moda, design e comunicazione&marketing da oltre 10 anni, è ormai nota per MASTER DESIGN L.UN.A., Libera Università delle Arti, Piazza San Martino 4F Bologna Italy +39 051 0393690 +39 051 0393691 info@uniluna.com wwwuniluna.com La Libera Università delle Arti che propone corsi

Dettagli

CHAPEAU A MIA MADRE..

CHAPEAU A MIA MADRE.. Marjda Rossetti CHAPEAU A MIA MADRE.. di Marjda Rossetti Quella della modisteria Bruna Rossetti, è una delle piccole grandi storie che disegnano l identità di un luogo; un laboratorio dove si sono intrecciate

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Storia e critica delle arti e dello spettacolo a Bernardo Bertolucci Intervento del Rettore Prof. Loris Borghi Parma, 16 dicembre 2014

Dettagli

Roberta Maestri. Curriculum Vitae Roberta Maestri. Alta Professionalità Progettazione e sviluppo interventi per le piccole e medie imprese :

Roberta Maestri. Curriculum Vitae Roberta Maestri. Alta Professionalità Progettazione e sviluppo interventi per le piccole e medie imprese : INFORMAZIONI PERSONALI Roberta Maestri 071/8063598 (ufficio) Fax 071/8063058 Roberta.maestri@regione.marche.it (ufficio) Sesso F Data di nascita 01/09/1961 Nazionalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE 100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE UNA SCUOLA, UN LAVORO. PERCORSI DI ECCELLENZA I tirocini extra-curriculari I MESTIERI D ARTE RAPPRESENTANO UN VANTAGGIO COMPETITIVO DI GRANDE RILIEVO PER L ECCELLENZA

Dettagli

La mostra: Se la forma scompare

La mostra: Se la forma scompare Progetto: Passi nel tempo. Archeologia Anno Scolastico 2009-2010 La mostra: Se la forma scompare 11 12 13 Dicembre 2009. Inaugurazione della mostra: Venerdì 11 Dicembre, ore 17 Sotterranei della Pinacoteca

Dettagli

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh

I]ngapejc Pannepkne]ha Accademia delle Imprese Europea YbcU[f]Ufh Partner Patrocinato dal INDICE 1) Premessa 2) Accademia delle Imprese Europea 3) Tipicità delle produzioni calabresi 4) Artigianato 5) Turismo 6) Sociale 7) Presentazione PROGETTO EnoAgriArt Calabria 8)

Dettagli

MASTER FASHION DESIGN

MASTER FASHION DESIGN MASTER FASHION DESIGN L.UN.A., Libera Università delle Arti, Piazza San Martino 4F Bologna Italy +39 051 0393690 +39 051 0393691 info@uniluna.com wwwuniluna.com La Libera Università delle Arti che propone

Dettagli

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE

MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE MAKE UP BASE ED EFFETTO SPECIALE Il workshop di make up base ed effetto speciale è tenuto da Darioloris Cerfolli, make up artist che lavora per cinema, moda, pubblicità e per tutte le donne che concepiscono

Dettagli

maggio-settembre 2010

maggio-settembre 2010 LA CULTURA DEL PROGETTO: ARTI, TERRITORIO, PERSONE. Innovare la programmazione culturale: PERCORSO DI FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE maggio-settembre 2010 C4-Centro Cultura Contemporaneo Caldogno,

Dettagli

L. GO BENEDETTO XV, 12-84025 EBOLI SA. msmanzione@yahoo.it

L. GO BENEDETTO XV, 12-84025 EBOLI SA. msmanzione@yahoo.it P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo L. GO BENEDETTO XV, 12-84025 EBOLI SA Telefono 3207862019 E-mail Nazionalità msmanzione@yahoo.it Italiana Data di nascita 22/08/1965

Dettagli

Comunicazione Musicale

Comunicazione Musicale ALTA SCUOLA IN MEDIA COMUNICAZIONE E SPETTACOLO Facoltà di Lettere e Filosofia Master Universitario di primo livello Comunicazione Musicale XV edizione Milano, novembre 2015 - ottobre 2016 Master 2015-2016

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Contrada degli Artigiani Primi Classificati

RASSEGNA STAMPA Contrada degli Artigiani Primi Classificati RASSEGNA STAMPA Contrada degli Artigiani Primi Classificati Il progetto Sedie d autore dei comaschi Contrada degli artigiani ha vinto la finale italiana della Global Social Venture Competition, il concorso

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

MASTER SPECIALISTICI FEB. > DIC.

MASTER SPECIALISTICI FEB. > DIC. ciforma MASTER SPECIALISTICI FEB. > DIC. 2008 CiForma Consorzio Italiano per la Formazione Avanzata è un organismo senza fini di lucro, nato per volontà di un gruppo di organismi operanti in diverse regioni

Dettagli

AUREA SIGNA E AURORA PENNE PORTANO A TORINO

AUREA SIGNA E AURORA PENNE PORTANO A TORINO AUREA SIGNA E AURORA PENNE PORTANO A TORINO Il brand torinese e l Associazione non-profit lavorano per riportare alla luce documenti e oggetti della nostra storia e per creare il luogo del saper fare manuale,

Dettagli

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a

C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a C S R N E W S N o t i z i a r i o s u l l a r e s p o n s a b i l i t à s o c i a l e d i m p r e s a N.. VIIIIII/03 Marrzzo 2013 I N D I C E FOCUS 1. Università di Padova, Master in gestione ambientale

Dettagli

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura IL MUSEO RUBBOLI A GUALDO TADINO Lo scorso 15 gennaio è stato inaugurato a Gualdo Tadino il Museo Rubboli. Allestito negli antichi locali ottocenteschi dell opificio, ospita un importante collezione di

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

IL RILANCIO DELLA MEETING INDUSTRY ITALIANA TRA IL PROGETTO DEL CONVENTION BUREAU NAZIONALE PRIVATO E LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE

IL RILANCIO DELLA MEETING INDUSTRY ITALIANA TRA IL PROGETTO DEL CONVENTION BUREAU NAZIONALE PRIVATO E LA RIFORMA DEL TITOLO V DELLA COSTITUZIONE Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ATHENA e Joan Mirò

OFFERTA FORMATIVA DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ATHENA e Joan Mirò TRASPORTI E LOGISTICA TURISMO - AGRARIA OFFERTA FORMATIVA DELLE SCUOLE SECONDARIE DI II GRADO ATHENA e Joan Mirò LICEO MUSICALE TECNICO SISTEMA MODA C/DA CAPITA - VIA GIOTTO N.11 (zona mercato) Tel e Fax

Dettagli

Quali alternative dopo il diploma?

Quali alternative dopo il diploma? Quali alternative dopo il diploma? Che fare dopo il diploma? Inserimento nel mondo del lavoro o prosecuzione degli studi? Esistono alternative ai percorsi accademici tradizionali? Hai mai pensato agli

Dettagli

DESIGN PER L INNOVAZIONE

DESIGN PER L INNOVAZIONE DESIGN PER L INNOVAZIONE Corso di laurea triennale DISEGNO INDUSTRIALE_L4_A.A. 2016-2017 Dipartimento d Architettura Università G. d Annunzio di Chieti-Pescara SOMMARIO 0. motivazioni 1. ANALISI 2. PROPOSTA

Dettagli

la storia www.depadova.it

la storia www.depadova.it la storia www.depadova.it gli anni 50 Fernando e Maddalena De Padova iniziano la propria attività imprenditoriale importando mobili e oggetti scandinavi che vengono venduti nello showroom di via Montenapoleone

Dettagli

L Ora e l Oro. 25 anni di corsi per giovani orafi e orologiai IL CORSO OROLOGIAIO RIPARATORE IL CORSO ORAFO COSTRUTTORE

L Ora e l Oro. 25 anni di corsi per giovani orafi e orologiai IL CORSO OROLOGIAIO RIPARATORE IL CORSO ORAFO COSTRUTTORE Il Centro ELIS L Associazione Centro ELIS è nata nel 1962, con l obiettivo di aiutare i giovani capaci e volenterosi a far fruttare al meglio i propri talenti, superando le difficoltà di inserimento sociale

Dettagli

FONDAZIONE CDSE DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Immaginare, ascoltare ricreare il lavoro

FONDAZIONE CDSE DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Immaginare, ascoltare ricreare il lavoro Modello 2 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Immaginare, ascoltare ricreare il lavoro SOGGETTO PROPONENTE/TITOLARE: Fondazione CDSE EVENTUALI SOGGETTI PARTNER: soggetti partner:

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Ministero Istruzione Università e Ricerca Inserire ritratto fotografico e/o foto di un opera (facoltativo, ma suggerito) Prof. _MANUELA FARINELLI Materia di insegnamento: TECNICHE DELLA LAVORAZIONE DEI

Dettagli

Palermo, al Grand Hotel et des Palmes due giorni di dibattiti, Busetta: "In 30 anni persi 200 mila posti di lavoro" - 05-

Palermo, al Grand Hotel et des Palmes due giorni di dibattiti, Busetta: In 30 anni persi 200 mila posti di lavoro - 05- Palermo, al Grand Hotel et des Palmes due giorni di dibattiti, Busetta: "In 30 anni persi 200 mila posti di lavoro" di Teresa Fabiola Calabria - 29, mag, 2015 http://www.siciliajournal.it/palermo-al-grand-hotel-et-des-palmes-due-giorni-di-dibattiti-busettain-30-anni-persi-200-mila-posti-di-lavoro-485/

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

Sommario 1 INTRODUZIONE 2 GLI ITS NELLA REGIONE ABRUZZO E IN PROVINCIA DI TERAMO

Sommario 1 INTRODUZIONE 2 GLI ITS NELLA REGIONE ABRUZZO E IN PROVINCIA DI TERAMO DAL DIPLOMA AL LAVORO... IL PASSO È BREVE Sommario 1 INTRODUZIONE 2 GLI ITS NELLA REGIONE ABRUZZO E IN PROVINCIA DI TERAMO 3 ITS PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY - SISTEMA AGROALIMENTARE DI

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

SCUOLA & SISTEMA MODA

SCUOLA & SISTEMA MODA 12 SCUOLA & SISTEMA MODA Rilanciare la formazione tecnica e accademico-universitaria per un made in Italy competitivo. L esempio della Regione Lombardia Made in Italy e moda sono un binomio inscindibile

Dettagli

PROGETTO MICHELANGELO

PROGETTO MICHELANGELO PROGETTO MICHELANGELO Premessa Il progetto nasce dall esigenza di ridefinire, in termini didatticamente e culturalmente innovativi, l intera esperienza formativa degli istituti secondari di istruzione

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

MODELO DE CORRECCIÓN

MODELO DE CORRECCIÓN ESCUELAS OFICIALES DE IDIOMAS DEL PRINCIPADO DE ASTURIAS PRUEBA ESPECÍFICA DE CERTIFICACIÓN DE NIVEL INTERMEDIO DE ITALIANO SEPTIEMBRE 2013 COMPRENSIÓN ORAL MODELO DE CORRECCIÓN HOJA DE RESPUESTAS EJERCICIO

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 6ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 17 ottobre / 19 novembre 2011 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro La Nuvola Rosa Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro Girls in STEM Perché così poche? Donne nella Scienza, nella Tecnologia, in Ingegneria e in Matematica : è il titolo di un recente

Dettagli

Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova)

Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova) Il caso Fusina (tratto dalla Tesi Innovazione e artigianalità nel made in Italy della D.ssa Manuela Marini Università degli Studi di Padova) La storia Fusina è una piattaforma creativa di servizi di design

Dettagli

Master di II livello per scenografo-costumista del biodocumentario.

Master di II livello per scenografo-costumista del biodocumentario. Master di II livello per scenografo-costumista del biodocumentario. OBIETTIVI: il Master ha come finalità la formazione delle figure professionali ed artistiche in titolazione, che conoscano le metodologie

Dettagli

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni

- Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni Indice L obbligo di istruzione - La scuola, oggi - Istruzione: un dovere e un diritto - A scuola fino a 16 anni - Dopo la terza media - Cosa scegliere? - L istruzione liceale - L istruzione tecnica - L

Dettagli

INTERVENTO DI MARIO BOSELLI

INTERVENTO DI MARIO BOSELLI INTERVENTO DI MARIO BOSELLI PRESIDENTE DELLA CAMERA NAZIONALE DELLA MODA ITALIANA L industria della moda: realtà e prospettive BIOGRAFIA Il Cavaliere del Lavoro Mario Boselli è nato a Como il 27.3.1941,

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE STUDENTI LONG LIST PER IL PERCORSO FORMATIVO TECNICO SUPERIORE DI TECNICO SUPERIORE DI PRODUZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA MODA

BANDO DI SELEZIONE STUDENTI LONG LIST PER IL PERCORSO FORMATIVO TECNICO SUPERIORE DI TECNICO SUPERIORE DI PRODUZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA MODA FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

LE CHIAVI DELLA CITTÀ

LE CHIAVI DELLA CITTÀ Allegato 1A LE CHIAVI DELLA CITTÀ Le Chiavi della città, un progetto promosso e realizzato dall Assessorato all Educazione del Comune di Firenze raccoglie iniziative e progetti altamente qualificati, articolati

Dettagli

Copyright 2009 lalineabiancastudio Copenhagen Berlino Roma Siracusa

Copyright 2009 lalineabiancastudio Copenhagen Berlino Roma Siracusa 1 CORSI E MASTER in DESIGN DEL GIOIELLO DESCRIZIONE GENERALE lalineabiancastudio e Orlando Orlandini presentano i Corsi Professionali ed il Master in DESIGN del GIOIELLO Unici ed innovativi, i Corsi ed

Dettagli

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori

Turismo culturale per lo sviluppo dei territori 9ª edizione Turismo culturale per lo sviluppo dei territori Siracusa, 27 ottobre / 6 dicembre 2014 PROFILO DEL CORSO 1. OBIETTIVI E METODI DELLA SCUOLA La Scuola di Alti Studi in Economia del Turismo Culturale

Dettagli

PROGRAMMA ORIGINI ITALIA

PROGRAMMA ORIGINI ITALIA [Bozza] PROGRAMMA ORIGINI ITALIA MARZO 2014 PROGRAMMA ORIGINI ITALIA [BOZZA] Premessa L emigrazione italiana nel mondo ha radici lontane nel tempo ed ha rappresentato un fenomeno di straordinaria importanza

Dettagli

JAY AHR P R E S S K I T. www.3ds.com/fashionlab

JAY AHR P R E S S K I T. www.3ds.com/fashionlab JAY AHR P R E S S K I T www.3ds.com/fashionlab FashionLab UNA FUSIONE FRA STILE E INNOVAZIONE FashionLab è un incubatore tecnologico dedicato a stilisti e designer di moda. Obiettivo? Sposare la creatività

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE

100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE 100 TIROCINI PER 100 GIOVANI MAESTRI D ARTE UNA SCUOLA, UN LAVORO. PERCORSI DI ECCELLENZA I tirocini extra-curricolari I MESTIERI D ARTE RAPPRESENTANO UN VANTAGGIO COMPETITIVO DI GRANDE RILIEVO PER L ECCELLENZA

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

MeetingLuxury Il Workshop dedicato all offerta lusso italiana. Lugano,

MeetingLuxury Il Workshop dedicato all offerta lusso italiana. Lugano, MeetingLuxury Il Workshop dedicato all offerta lusso italiana. Lugano, 1 novembre 2013 [pag. 2] Perché partecipare ai Workshop Meeting Italy [pag. 3] I buyer che partecipano ai Workshop Meeting Italy [pag.

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani»

ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» ISTITUTO STATALE D ARTE «M. Fabiani» 1 ISCRIVERSI Chi può iscriversi agli indirizzi del Max Fabiani All Istituto Statale d Arte Max Fabiani possono iscriversi alunni maschi e femmine in possesso della

Dettagli

Fondazione "Istituto Tecnico Superiore Filiera Agro-Alimentare della Sardegna"

Fondazione Istituto Tecnico Superiore Filiera Agro-Alimentare della Sardegna GLI ISTITUTI TECNICI SUPERIORI Fondazione "Istituto Tecnico Superiore Filiera Agro-Alimentare della Sardegna" Presentazione della costituenda Fondazione La Fondazione "Istituto Tecnico Superiore Filiera

Dettagli

SALINA FESTIVAL 2010 CineMareMusica. 20-29 Luglio

SALINA FESTIVAL 2010 CineMareMusica. 20-29 Luglio FESTIVAL 2010 CineMareMusica 20-29 Luglio COMUNICATO STAMPA Ascoltare il mare, ripercorrere con Pier Paolo Pasolini l Italia di cinquanta anni fa, scoprire le Eolie in video: è sempre più ricco il programma

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA

LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA LE TRASFORMAZIONI DEL SISTEMA DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IN ITALIA di Liana Verzicco L UNIVERSITÀ Il contesto internazionale: lo spazio europeo dell istruzione superiore Nel XXI secolo sarà la conoscenza

Dettagli

MATERIALI UTILI E SITI INTERNET

MATERIALI UTILI E SITI INTERNET MATERIALI UTILI E SITI INTERNET Per informazioni su tutti i piani di studio delle scuole superiori: www.provincia.genova.it e seguire il percorso istruzione e formazione; orientamento e alternanza; disegnamoci

Dettagli

L Istruzione e la Formazione professionale

L Istruzione e la Formazione professionale L Istruzione e la Formazione professionale INSERTO SPECIALE L istruzione professionale e la formazione professionale sono materie di esclusiva competenza regionale. La legge 18, tra le sue principali finalità,

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando

Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Il museo diocesano di Torino Scopriamo insieme l arte sacra del territorio osservando, giocando, creando Attività didattica per l anno scolastico 2010 2011 Il museo, nato nel dicembre 2008 nei suggestivi

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Maestro orologiaio e inventore

Maestro orologiaio e inventore 02 Maestro orologiaio e inventore Passione per la scienza, amore per l orologeria Autentico artista, François-Paul Journe esplora la misura del tempo per soddisfare il suo bisogno di creare. E da quel

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014 CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali Milano, 13 Novembre 2014 Gentilissimi tutti e Gentilissimo Dott. Lamborghini, mi spiace molto non

Dettagli

OBIETTIVI. SETTORE DI RIFERIMENTO: caratteristiche, esigenze formative, margini di sviluppo

OBIETTIVI. SETTORE DI RIFERIMENTO: caratteristiche, esigenze formative, margini di sviluppo Sede del master: Milano Data del master: Dal 10 al 22 giugno 2013 Durata: 100 ore in full immersion 2 settimane di stage in tutta Italia presso uffici stile, laboratori di moda, atelier e show room Numero

Dettagli

disegno di moda diurno 60 ore

disegno di moda diurno 60 ore moda progetto disegno di moda diurno 60 ore Il corso fornisce le competenze necessarie per acquisire i base di disegno, necessari per accedere ai corsi di Fashion e Digital textile design. È rivolto a

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

Diamo futuro alle tue idee

Diamo futuro alle tue idee Diamo futuro alle tue idee FASHION & COMMUNICATION SCHOOL Formazione specialistica nell area Abbigliamento, Calzatura e Accessori, Comunicazione, Graphic e Web Design. Scegli una professione a misura del

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Venezia Mestre, 8 agosto 2014. Convegno Abitare il Tempo

Venezia Mestre, 8 agosto 2014. Convegno Abitare il Tempo Via Torino, 151/C 30172 Venezia Mestre, Italy c/o Confindustria Veneto tel. +39 041 2517511 fax +39 041 2517573-4 e.mail: info@adinordest.it www.adinordest.it Venezia Mestre, 8 agosto 2014 Convegno Abitare

Dettagli

(alleghiamo articolo pag. 44-45 Plus Magazine - marzo 2013)

(alleghiamo articolo pag. 44-45 Plus Magazine - marzo 2013) Torino, 26 marzo 2013 Prot.: NEWS: 069_13 Agli associati CORSO DI BON TON: L ARTE DELLA TAVOLA FABI Plus vi ricorda che il 4 aprile si terrà il secondo appuntamento del corso di Bon Ton denominato L ARTE

Dettagli

Premio letterario Eugenio Corti

Premio letterario Eugenio Corti Premio letterario Eugenio Corti Prima edizione concorso letterario per gli studenti delle scuole superiori Progetto a cura della Fondazione Costruiamo il Futuro Uscii nuovamente all'aperto. Ero stanco

Dettagli