Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale"

Transcript

1 Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità dei fattori fisici e biologici di un dato contesto ambientale, oltre che base indispensabile per le forme di vita animale e per l organizzazione sociale delle comunità umane; esercita un azione diretta ed indiretta sulla difesa del suolo, con effetti positivi in termini di protezione fisica e idrologica e, quindi, di stabilità dei versanti. 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 1

2 Cartografia della vegetazione informa sui caratteri della vegetazione individuati e descritti attraverso criteri fisionomico-strutturali e floristici. Rappresenta graficamente i caratteri vegetazionali del territorio con applicazioni gestionali; costituisce una base conoscitiva applicabile alle problematiche connesse alla difesa del suolo, al paesaggio, all'uso sostenibile delle risorse naturali e alla programmazione degli interventi sul territorio. Il grado di dettaglio dell'elaborato mette in condizione di conoscere con precisione le reali estensioni delle cenosi vegetali, la loro ubicazione e le caratteristiche qualitative. 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 2

3 Applicazioni generali - strumento operativo per la gestione degli ambienti naturali e seminaturali e per le previsioni sulla funzionalità degli ecosistemi; - strumento operativo per il monitoraggio continuo delle risorse naturali, del grado di naturalità del paesaggio e della frammentazione dello stesso. - disponibilità di dati informatici aggiornabili in termini di limiti e contenuti cartografici; - supporto e integrazione al Sistema Informativo Regionale e alle altre cartografie tematiche esistenti; 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 3

4 Applicazioni PUC - individuazione dei beni e delle componenti ambientali ai sensi del PPR; - valutazione della naturalità del territorio e delle valenze/criticità ambientali; - adeguamento ad altri strumenti di pianificazione sovraordinati; - zonizzazione e norme di attuazione delle aree extraurbane; - supporto alle procedure di valutazione ambientale, progettazioni e programmi di intervento sul territorio comunale. 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 4

5 Regione Autonoma della Sardegna La carta della Copertura Vegetale Naturalità del territorio e dinamiche evolutive Cisto-lavanduleto Sughereta Oleo-lentisceto Lecceta termofila 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 5

6 Regione Autonoma della Sardegna La carta della Copertura Vegetale Beni e componenti ambientali All. 2 alle NTA del PPR: CATEGORIE DI BENI PAESAGGISTICI EX ART. 142 D.LV. N 42/04 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 6

7 Regione Autonoma della Sardegna La carta della Copertura Vegetale Valutazione criticità ed efficienza della copertura vegetale 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 7

8 Stato attuale Carta dell'uso del Suolo (sc. 1:25.000) 2 TERRITORI AGRICOLI 2 1 SEMINATIVI SEMINATIVI IN AREE NON IRRIGUE PRATI ARTIFICIALI SEMINATIVI IN AREE IRRIGUE SEMINATIVI SEMPLICI E COLTURE ORTICOLE A PIENO CAMPO RISAIE VIVAI COLTURE IN SERRA 2 2 COLTURE PERMANENTI VIGNETI FRUTTETI E FRUTTI MINORI OLIVETI ARBORICOLTURA CON ESSENZE FORESTALI PIOPPETI - SALICETI - EUCALITTETI CONIFERE A RAPIDO ACCRESCIMENTO SUGHERETE CASTAGNETI DA FRUTTO ALTRO PRATI STABILI 2 4 ZONE AGRICOLE ETEROGENEE COLTURE TEMPORANEE ASSOCIATE A COLTURE PERMANENTI COLTURE TEMPORANEE ASSOCIATE ALL'OLIVO COLTURE TEMPORANEE ASSOCIATE AL VIGNETO COLTURE TERMPORANEE ASSOCIATE AD ALTRE COLTURE PERMANENTI SISTEMI COLTURALI E PARTICELLARI COMPLESSI AREE PREV. OCCUPATE DA COLTURE AGRARIE CON PRESENZA DI SPAZI NATURALI IMPORTANTI AREE AGROFORESTALI 3 TERRITORI BOSCATI ED ALTRI AMBIENTI SEMINATURALI 3 1 ZONE BOSCATE BOSCHI DI LATIFOGLIE BOSCHI DI CONIFERE BOSCHI MISTI DI CONIFERE E LATIFOGLIE 3 2 ASSOCIAZ. VEGETALI ARBUSTIVE E/O ERBACEE AREE A PASCOLO NATURALE CESPUGLIETI ED ARBUSTETI FORMAZIONI DI RIPA NON ARBOREE AREE A VEGETAZ. SCLEROFILLA MACCHIA MEDITERRANEA GARIGA AREE A VEGETAZIONE ARBOREA ED ARBUSTIVA IN EVOLUZIONE AREE A RICOLONIZZAZIONE NATURALE AREE A RICOLONIZZAZIONE ARTIFICIALE 3 3 ZONE APERTE CON VEGETAZIONE RADA O ASSENTE SPIAGGE DUNE E SABBIE SPIAGGE DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M AREE DUNALI NON COPERTE DA VEGETAZIONE DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M AREE DUNALI COPERTE DA VEGETAZIONE DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M DISTESE DI SABBIA LETTI DI TORRENTI DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M PARETI ROCCIOSE E FALESIE AREE CON VEGETAZIONE RADA > 5% E< 40% 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 8

9 2 TERRITORI AGRICOLI ARBORICOLTURA CON ESSENZE FORESTALI PIOPPETI - SALICETI - EUCALITTETI CONIFERE A RAPIDO ACCRESCIMENTO SUGHERETE CASTAGNETI DA FRUTTO PRATI STABILI AREE PREV. OCCUPATE DA COLTURE AGRARIE CON PRESENZA DI SPAZI NATURALI IMPORTANTI AREE AGROFORESTALI 3 TERRITORI BOSCATI ED ALTRI AMBIENTI SEMINATURALI 3 1 ZONE BOSCATE BOSCHI DI LATIFOGLIE BOSCHI DI CONIFERE BOSCHI MISTI DI CONIFERE E LATIFOGLIE 3 2 ASSOCIAZ. VEGETALI ARBUSTIVE E/O ERBACEE AREE A PASCOLO NATURALE CESPUGLIETI ED ARBUSTETI FORMAZIONI DI RIPA NON ARBOREE AREE A VEGETAZ. SCLEROFILLA MACCHIA MEDITERRANEA GARIGA AREE A VEGETAZIONE ARBOREA ED ARBUSTIVA IN EVOLUZIONE AREE A RICOLONIZZAZIONE NATURALE AREE A RICOLONIZZAZIONE ARTIFICIALE 3 3 ZONE APERTE CON VEGETAZIONE RADA O ASSENTE SPIAGGE DUNE E SABBIE SPIAGGE DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M AREE DUNALI NON COPERTE DA VEGETAZIONE DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M AREE DUNALI COPERTE DA VEGETAZIONE DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M DISTESE DI SABBIA LETTI DI TORRENTI DI AMPIEZZA SUPERIORE A 25M PARETI ROCCIOSE E FALESIE AREE CON VEGETAZIONE RADA > 5% E< 40% Stato attuale Il tematismo "uso del suolo" individua 24 unità di copertura vegetale. Il criterio di individuazione dei tipi di vegetazione non è omogeneo e non vi sono informazioni sufficienti in termini di composizione specifica della vegetazione. Allo scopo di ottenere un soddisfacente livello qualitativo delle informazioni relative agli ambienti naturali, seminaturali e agroforestali, deve essere elaborata la carta della copertura vegetale 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 9

10 Esempio 1 CORINE Land C Boschi di leccio 004- Boschi laurifillici e tassete 007- Boschi e boscaglie a olivastro 008- Boschi e boscaglie a ginepro 010- Macchia evoluta e pre-forestale 011- Macchie e garighe termofile e xerofile 012- Boschi edafoigrofili 015- Garighe e arbusteti montani 016- Garighe pioniere 022- Rimboschimenti di specie esotiche 029- Colture erbacee 030- Aree antropizzate e degradate Gariga Macchia mediterranea Aree con veget. rada Boschi di latifoglie aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano

11 Esempio 2 Carta dell'uso del Suolo Carta della Copertura Vegetale 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 11

12 Regione Autonoma della Sardegna La carta della Copertura Vegetale Fasi operative 1 - Ricerca ed analisi di indagini e studi precedentemente realizzati 2 - Fotointerpretazione e restituzione cartografica provvisoria 3 - Ricognizioni e verifiche di campagna 4 - Redazione della carta della copertura vegetale definitiva 5 - Redazione della nota illustrativa allegata alla carta 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 12

13 Regione Autonoma della Sardegna La carta della Copertura Vegetale Schema di legenda La legenda proposta per l elaborazione della carta della copertura vegetale, rappresenta la sezione esplicativa della parte grafica. La legenda è strutturata su due livelli principali adeguati alla rappresentazione dei tipi di vegetazione regionale. E' stato definito un sistema di categorie in grado di comprendere le più comuni formazioni isolane, caratterizzate da aspetti di tipo fisionomico e, in minor misura, geobotanico, ancorché condizionate in varia misura dall uso antropico del territorio. L informatizzazione e l adattamento della legenda ai Sistemi Informativi Territoriali, consente di avere dati di analisi dello stato dell ambiente e un valido supporto cartografico per la pianificazione territoriale. 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 13

14 Regione Autonoma della Sardegna La carta della Copertura Vegetale Schema di legenda Unità Cart. Categoria principale Tipologia di vegetazione Cod. RGB colore Cod. U.C. Leccete pure 001 RGB: Leccete con latifoglie sempreverdi 002 RGB: RGB: Leccete con latifoglie decidue Boschi di leccio Leccete su pascolo/colture erbacee 004 RGB: Leccete di rupe/roccia affiorante 005 RGB: Sugherete pure 001 RGB: RGB: Sugherete con latifoglie sempreverdi 002 Boschi di sughera RGB: Sugherete con latifoglie decidue Sugherete su pascolo/colture erbacee 004 RGB: RGB: Querceti caducifogli puri Boschi di RGB: querce Querceti caducifogli con latifoglie sempreverdi 002 caducifoglie RGB: Querceti caducifogli su pascolo/colture erbacee Boschi laurifillici e tassete Boschi di castagno Altre formazioni caducifoglie Tassete pure e miste 001 Formazioni laurifilliche (alloro, agrifoglio) pure e/o miste 002 Castagneti puri 001 Castagneti da frutto 002 Castagneti con latifoglie sempreverdi 003 Castagneti con latifoglie decidue 004 Ostrieti puri e/o misti 001 Noccioleti puri 002 RGB: RGB: RGB: RGB: RGB: RGB: RGB: RGB: livello Le categorie generali di copertura vegetale si riferiscono alle principali fisionomie della vegetazione (bosco, boscaglia, macchia, gariga, ecc.), La legenda include anche le formazioni azonali (rupestri, psammofile, ecc.), e quelle di origine antropica. 2 livello suddivide le categorie principali in tipologie di vegetazione di maggior dettaglio e fornisce indicazioni di carattere forestale e naturalistico utili per le applicazioni pianificatorie del documento cartografico. Complessivamente si hanno 30 unità di 1 livello e 119 unità di secondo livello. 20 aprile 2007 Contributi apportati dal gruppo SCUS alle attività svolte dall' Ufficio del Piano 14

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

Proposta di legenda Carta uso suolo 1:25.000 Gruppo di lavoro Uso e copertura del suolo presentata nel seminario di Napoli nel 2004.

Proposta di legenda Carta uso suolo 1:25.000 Gruppo di lavoro Uso e copertura del suolo presentata nel seminario di Napoli nel 2004. Proposta di legenda Carta uso suolo 1:25.000 Gruppo di lavoro Uso e copertura del suolo presentata nel seminario di Napoli nel 2004. Progetto Corine LC Scala 1:100.000 1 /2 /3 Livello Voci base comuni,

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio 2 METODOLOGIA DI INDAGINE La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio Foreste e Tutela del Territorio, del Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità.

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO

MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO M. Gioia Piazza MAPPATURA DELLE AREE NETTARIFERE DEL LAZIO CRA Istituto Sperimentale per la Zoologia Agraria, Sezione di Apicoltura, Roma La caratterizzazione geografica può rappresentare un valido strumento

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n.

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE. (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE (Legge Regionale n. 1/05 e regolamento di attuazione n. 7/R ) Il sottoscritto, nato il a ( ), residente a Via n. - tel. - nella sua

Dettagli

R.A.S. - Assessorato dei Lavori Pubblici - Servizio Difesa del Suolo P.A.I. Sub-Bacino 5 Rev. 2006 INDICE

R.A.S. - Assessorato dei Lavori Pubblici - Servizio Difesa del Suolo P.A.I. Sub-Bacino 5 Rev. 2006 INDICE P.A.I. Sub-Bacino 5 Rev. 2006 INDICE Analisi della pericolosità di frana pag. 1 Comune di Arzana pag. 7 Comune di Barisardo pag. 13 Comune di Baunei pag. 18 Comune di Cardedu pag. 23 Comune di Elini pag.

Dettagli

ALLEGATO 1. Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale

ALLEGATO 1. Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale ALLEGATO 1 Procedura tecnica di rilievo del territorio nazionale Nell ambito del Sistema Integrato di Gestione e Controllo viene svolta l attività di rilevazione dell occupazione del suolo mediante telerilevamento

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

PROGETTO AGENDA 21 LOCALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE (P.A.P.A.)

PROGETTO AGENDA 21 LOCALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE (P.A.P.A.) AGENDA 21 per il PARCO PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO, LAZIO E MOLISE PROGETTO AGENDA 21 LOCALE DEL PARCO NAZIONALE D ABRUZZO, LAZIO E MOLISE (P.A.P.A.) RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2003 Agenda 21 Locale

Dettagli

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE.

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DEI TERMINI IMMOBILIARI SEZIONE I: FABBRICATI ED AREE EDIFICABILI SEZIONE II: TERRENI AGRICOLI SEZIONE III: COLTURE

Dettagli

Allegato. Indici di priorità da adottare nella fase di preselezione delle proposte di intervento dichiarate ammissibili

Allegato. Indici di priorità da adottare nella fase di preselezione delle proposte di intervento dichiarate ammissibili Allegato Indici di priorità da adottare nella fase di preselezione delle proposte di intervento dichiarate ammissibili Ottobre 2015 1 PREMESSA La necessità di ottimizzare l efficacia dei fondi che si rendono

Dettagli

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Alfredo Altobelli, Katja Mignozzi, Rossella Napolitano Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste XIV meeting degli utenti italiani GRASS

Dettagli

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale Anna Cutrone anna.cutrone cutrone@provincia. @provincia.bologna.it Modalità di realizzazione della Carta Forestale

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

Volume pubblicato con il contributo della Regione autonoma della Sardegna, Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del

Volume pubblicato con il contributo della Regione autonoma della Sardegna, Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del Volume pubblicato con il contributo della Regione autonoma della Sardegna, Assessorato della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del territorio, Centro Regionale di Programmazione, nell ambito

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

CARTA FORESTALE E PRODUZIONI TARTUFICOLE DELLA BASILICATA

CARTA FORESTALE E PRODUZIONI TARTUFICOLE DELLA BASILICATA 4 Corso di aggiornamento sulle conoscenze idnologiche lucane CARTA FORESTALE E PRODUZIONI TARTUFICOLE DELLA BASILICATA Giuseppe Mancino Università degli Studi della Basilicata Scuola di Scienze Agrarie,

Dettagli

PIANO URBANISTICO COMUNALE

PIANO URBANISTICO COMUNALE COMUNE DI VILLAPUTZU Provincia di Cagliari PIANO URBANISTICO COMUNALE NOTA ILLUSTRATIVA ALLEGATA ALLA CARTA DELLA COPERTURA VEGETALE E ALLA CARTA DELLA NATURALITÀ Coordinatore: Ing. Italo Meloni, Ing.

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

CARTA DELL USO DEL SUOLO

CARTA DELL USO DEL SUOLO \ Comune di Perugia Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia U.O. Ambiente e Protezione Civile CARTA DELL USO DEL SUOLO NOTE ILLUSTRATIVE Perugia, settembre 2008 Coordinatrice: Dott. Geol.G.Antonini

Dettagli

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE

TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN TECNOLOGIE E PIANIFICAZIONE PER IL TERRITORIO E L AMBIENTE (corso interfacoltà con Scienze MM.FF. e NN.) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI (allegato al verbale n.

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

LA CARTA DELLA VEGETAZIONE REALE DEL PARCO NAZIONALE DELL ASPROMONTE (Italia meridionale)

LA CARTA DELLA VEGETAZIONE REALE DEL PARCO NAZIONALE DELL ASPROMONTE (Italia meridionale) LA CARTA DELLA VEGETAZIONE REALE DEL PARCO NAZIONALE DELL ASPROMONTE (Italia meridionale) Piergiorgio CAMERIERI (*), Domenico CARIDI (**), Alessandro CRISAFULLI (*).Giovanni SPAMPINATO (*), (*) Dip. STAFA

Dettagli

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI Regione Lazio, Università di Roma TRE Roma, Facoltà di Architettura, Università Roma Tre, via Madonna dei Monti, Sala Urbano

Dettagli

CENSIMENTO DELLE RISORGIVE DELLA PROVINCIA DI VICENZA. Scheda Caratterizzazione Ambientale

CENSIMENTO DELLE RISORGIVE DELLA PROVINCIA DI VICENZA. Scheda Caratterizzazione Ambientale N Sandrigo Maragle // Baci Astico - Tesina Stato Periodica Testa spostata di m più a sud rispetto al precedente censimento colture stagionali in prevalenza e/o arativi misti. Tipologia di usi del suolo:

Dettagli

Art. 7.2 Sistema delle aree forestali

Art. 7.2 Sistema delle aree forestali Art. 7.2 Sistema delle aree forestali DEFINIZIONE DI AREE FORESTALI sono tutte le superfici con vegetazione arborea ed arbustiva spontanea o di origine artificiale in grado di produrre legno o altri prodotti

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000

LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000 LA VALUTAZIONE DEGLI IMPATTI CUMULATIVI NELLE AREE PROTETTE DELLA RETE NATURA 2000 Pasquale MARINO, Rosario SCHICCHI, Giuseppe CASTELLANO, Francesco M. RAIMONDO Università degli Studi di Palermo, Dipartimento

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

Allegato B: Schema di classificazione delle formazioni forestali e preforestali

Allegato B: Schema di classificazione delle formazioni forestali e preforestali Allegato B: Schema di classificazione delle formazioni forestali e preforestali Codice categoria Categoria 01 Boschi di leccio 02 Boschi di sughera 03 0 Boschi di querce caducifoglie Boschi laurifillici

Dettagli

C.C.R. CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

C.C.R. CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI C.C.R. CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI CITTÀ DI LECCE INIZIATIVA PROMOSSA DALL ORGANIZZAZIONE DELLE NAZIONI UNITE (ONU) CELEBRATA IN TUTTO IL MONDO PER RICHIAMARE L ATTENZIONE DI TUTTI SULL AMBIENTE E SULLASALVAGUARDIA

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano

Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano Carta dell Uso del suolo della Provincia autonoma di Bolzano llustrazione della legenda Lo scopo della legenda è quello di differenziare in modo esauriente il territorio della provincia di Bolzano considerando

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

IN COLLABORAZIONE CON. www.regione.lombardia.it. Uso del suolo in Regione Lombardia I dati Dusaf

IN COLLABORAZIONE CON. www.regione.lombardia.it. Uso del suolo in Regione Lombardia I dati Dusaf IN COLLABORAZIONE CON www.regione.lombardia.it Uso del suolo in Regione Lombardia I dati Dusaf Edizione 2010 Coordinamento generale: Regione Lombardia - Direzione Generale Territorio ed Urbanistica Mario

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

COMUNE DI ISILI - Provincia di Cagliari Piano Urbanistico Comunale in adeguamento al PPR STUDIO PEDOLOGICO, AGROFORESTALE, AMBIENTALE E TERRITORIALE

COMUNE DI ISILI - Provincia di Cagliari Piano Urbanistico Comunale in adeguamento al PPR STUDIO PEDOLOGICO, AGROFORESTALE, AMBIENTALE E TERRITORIALE INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. INQUADRAMENTO CLIMATICO DELL AREA IN ESAME...4 2.1 ORIZZONTI FITOCLIMATICI...4 3. CARTE DELL USO DEL SUOLO E DELLA COPERTURA VEGETALE...8 3.1 CARTA DELL USO DEL SUOLO...8

Dettagli

Quanti'icazione e caratterizzazione energetica delle biomasse forestali in Ogliastra. E'isio A. Scano. Carbonia 6 maggio 2014

Quanti'icazione e caratterizzazione energetica delle biomasse forestali in Ogliastra. E'isio A. Scano. Carbonia 6 maggio 2014 Quanti'icazione e caratterizzazione energetica delle biomasse forestali in Ogliastra E'isio A. Scano Carbonia 6 maggio 2014 Valutazioni sull utilizzo delle biomasse forestali per la cogenerazione diffusa

Dettagli

Piano di Comunicazione per i Comuni

Piano di Comunicazione per i Comuni Piano di Comunicazione per i Comuni Obiettivi e strumenti di comunicazione a sostegno del Percorso Partecipativo del PPR - FVG Silvia Savi Segreteria Assessore Infrastrutture e Territorio, Mariagrazia

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

Ambiente forestale Estensione e composizione dell Area forestale della Sardegna.

Ambiente forestale Estensione e composizione dell Area forestale della Sardegna. Ambiente forestale Estensione e composizione dell Area forestale della Sardegna. Il Corpo Forestale dello Stato nel febbraio 2007 ha pubblicato l Inventario Nazionale delle Foreste e dei Serbatoi del Carbonio

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per

INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per INTRODUZIONE... 1 1. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI SITI NATURA 2000... 3 1.1. Soggetti decisori e attuatori... 5 1.2. Iter logico-decisionale per la scelta del piano di gestione... 6 1.3. Struttura del

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Una rete di monitoraggio ambientale dei suoli nel Veneto

Una rete di monitoraggio ambientale dei suoli nel Veneto Una rete di monitoraggio ambientale dei suoli nel Veneto Giovanni Gasparetto, Paolo Giandon, Roberta Cappellin ARPAV Servizio Osservatorio Regionale Suolo e Rifiuti Introduzione A differenza di altre matrici

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale Operatore agricolo Standard della Figura nazionale 134 Denominazione della figura OPERATORE AGRICOLO Indirizzi della figura Allevamento Animali Domestici Coltivazioni Arboree, erbacee, ortifloricole Silvicoltura,

Dettagli

Stima del carico di nutrienti da attività agricole nelle acque di scorrimento superficiale e nel percolato della Regione Calabria

Stima del carico di nutrienti da attività agricole nelle acque di scorrimento superficiale e nel percolato della Regione Calabria Stima del carico di nutrienti da attività agricole nelle acque di scorrimento superficiale e nel percolato della Regione Calabria Metodi: Per lo studio in esame sono stati acquisiti i dati provenienti

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

PROGETTO DATABASE TERRITORIALE

PROGETTO DATABASE TERRITORIALE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CAMPANIA PARCO REGIONALE DEI MONTI PICENTINI PROGETTO DATABASE TERRITORIALE 31.12.2008 RELAZIONE USO DEL SUOLO CARTOGRAFIA DELL USO DEL SUOLO NEL TERRITORIO DEL

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CLASSIFICAZIONE DELLA CARTA DELL'USO DEL SUOLO REALE ALLA SCALA 1:10.000

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CLASSIFICAZIONE DELLA CARTA DELL'USO DEL SUOLO REALE ALLA SCALA 1:10.000 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CLASSIFICAZIONE DELLA CARTA DELL'USO DEL SUOLO REALE ALLA SCALA 1:10.000 Trento, marzo 2005 1 SOMMARIO. CLASSIFICAZIONE CARTA DI USO DEL SUOLO REALE... 3 TERRITORI MODELLATI

Dettagli

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012 Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 212 Matteo Masini, Silvia Montagnana, Mauro Fiorini Agosto 214 Osservatorio permanente della programmazione territoriale Direzione Generale Territorio, urbanistica

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO*

82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* 82. Boschi e loro tipologia ORAZIO CIANCIO* Università degli Studi di Firenze Quadro 1 - F. 276 Sez. I - Passo della Consuma - Serie 25 La superficie coperta da boschi, secondo l Inventario Forestale Nazionale

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Classe LM-75 (DM 270 del 22/10/2004 e DM 50 del 23/12/2010)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Classe LM-75 (DM 270 del 22/10/2004 e DM 50 del 23/12/2010) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Classe LM-75 (DM 270 del 22/10/2004 e DM 50 del 23/12/2010) Il Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie per l

Dettagli

QUADRO CONOSCITIVO QC1 COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNALE PROVINCIA DI MASSA CARRARA

QUADRO CONOSCITIVO QC1 COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNALE PROVINCIA DI MASSA CARRARA PROGETTISTI: 1 2 Arch. Silvia Viviani Arch. Pietro Basilio Giorgieri Arch. Sergio Pasanisi - ASSET Srl Arch. Pian. Terr. Letizia Coltellini COLLABORATORI: 3 6 7 4 5 8 9 Tavola: QC1 Oggetto: LEGENDA CARTA

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 BOSCO CEDUO ORDINARIO 17000,00 17000,00 BOSCO D`ALTO FUSTO (1) 18000,00 8-CONIFERE E LATIFOGLIE DI ETA MEDIA INFERIORE A 15 ANNI) BOSCO D`ALTO FUSTO (2) 25000,00 9-CONIFERE E LATIFOGLIE DI ETA MEDIA COMPRESA

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

!!!!! ! " # $!! %! $! & "! '! %! $ % $ #

!!!!! !  # $!! %! $! & ! '! %! $ % $ # " # $ % $ & " ' % $ % $ # ( ) $ * + ( 1 La definizione di tipo richiama a: possesso di caratteri qualitativi che consentono di accomunare ad un modello. Nel caso dell applicazione della definizione al

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi Indirizzo: Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale

ISTITUTI PROFESSIONALI Settore: Servizi Indirizzo: Servizi per l agricoltura e lo sviluppo rurale ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi per l agricoltura e lo L indirizzo Servizi per l agricoltura e lo è un percorso di studi che fornisce competenze relative all assistenza tecnica

Dettagli

DEFINIZIONE DELL AREA VOCATA E DELLE MACROAREE PER LA CACCIA AL CINGHIALE NELL ATC VASTESE

DEFINIZIONE DELL AREA VOCATA E DELLE MACROAREE PER LA CACCIA AL CINGHIALE NELL ATC VASTESE Servizio Caccia e Pesca DEFINIZIONE DELL AREA VOCATA E DELLE MACROAREE PER LA CACCIA AL CINGHIALE NELL ATC VASTESE IN BASE AL: Regolamento Regionale per la gestione faunistico-venatoria degli ungulati

Dettagli

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità Convegno: L Osservatorio Regionale per la Biodiversità PAVIA 7-8 febbraio 2013 Antonio Tagliaferri Ruolo delle Regioni nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Programmazione e gestione delle attività

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Ingegneria Sanitaria Ambientale Previsione di Rischio Alluvione Progettazione Geotecnica Pianificazione Urbanistica Difesa del Territorio Sistemazioni Ambientali Trasporto degli Inquinanti Progettazione

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Uso del suolo 2003 Documentazione a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Edizione maggio 2011 1 Sommario Scheda riepilogativa database uso del suolo 2003...3

Dettagli

Provvedimento del Direttore dell Agenzia del Territorio 16 ottobre 2012 - Allegato Tecnico

Provvedimento del Direttore dell Agenzia del Territorio 16 ottobre 2012 - Allegato Tecnico Modalità tecniche per la redazione e trasmissione delle dichiarazioni di variazione colturale e delle informazioni relative ai fabbricati fornite dall'agenzia per le erogazioni in agricoltura all Agenzia

Dettagli

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE DIVIETI Cambiamenti dell uso del suolo. All interno degli habitat è vietato qualsiasi

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A.

Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria. Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. Università degli Studi di Sassari - Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Ingegneria Agraria e Pianificazione del Territorio Rurale A.A. 2006/2007 Applicazione del sistema ArcGIS 9.2 e rilevamento con

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

88 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 52 - Giovedì 24 dicembre 2015

88 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 52 - Giovedì 24 dicembre 2015 88 Bollettino Ufficiale D.g.r. 17 dicembre 2015 - n. X/4598 Criteri per la predisposizione dei piani delle riserve e loro varianti e per la definizione della documentazione minima a corredo delle proposte

Dettagli

persona fisica società impresa ente

persona fisica società impresa ente SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2) : persona fisica

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

2015-01-30 13:52. Quirinale: Tenuta Castelporziano diventa 3D. Consiglio ricerca agricola, passeggiate virtuali in 5mila ettari ROMA

2015-01-30 13:52. Quirinale: Tenuta Castelporziano diventa 3D. Consiglio ricerca agricola, passeggiate virtuali in 5mila ettari ROMA 2015-01-30 13:52 Quirinale: Tenuta Castelporziano diventa 3D Consiglio ricerca agricola, passeggiate virtuali in 5mila ettari ROMA (ANSA) - ROMA, 30 GEN - Arriva in 3D il patrimonio boschivo della Tenuta

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo

EBONE. Rete di osservazione della biodiversità in Europa. Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo EBONE Rete di osservazione della biodiversità in Europa Verso un sistema integrato di osservazione della biodiversità nello spazio e nel tempo 2010 International Year of Biodiversity FP7 Progetto di Collaborazione

Dettagli

CARTA DI USO DEL SUOLO DELLA REGIONE LAZIO

CARTA DI USO DEL SUOLO DELLA REGIONE LAZIO CARTA DI USO DEL SUOLO DELLA REGIONE LAZIO CHIAVI DI INTERPRETAZIONE Alessandro Cimbelli, Stefano Mugnoli, Rita Galloni, Danilo Moscetta Maggio 2003 Introduzione Il seguente documento descrive, in maniera

Dettagli

PIANO FORESTALE AMBIENTALE REGIONALE

PIANO FORESTALE AMBIENTALE REGIONALE REGIONE AUTONOMA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE PIANO FORESTALE AMBIENTALE REGIONALE DOCUMENTO DI SINTESI SULLA PROPOSTA DI PIANO 24 GENNAIO 2006 INDICE ANALITICO 1 Obiettivi generali...

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA UNIONE MONTANA ACQUACHETA ROMAGNA TOSCANA COMUNE DI DOVADOLA BELLAVISTA - POLO 3 -

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA UNIONE MONTANA ACQUACHETA ROMAGNA TOSCANA COMUNE DI DOVADOLA BELLAVISTA - POLO 3 - Ta REGIONE EMILIA-ROMAGNA Qa COMUNE DI DOVADOLA Er BELLAVISTA - POLO 3 - TAV. N1a - Uso del suolo Ia LEGENDA Ba Limiti comunali Polo/Ambito Dx Ia Legenda dell'uso del suolo allegata in fondo Dx Ed Ba Vp

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA UNIONE MONTANA ACQUACHETA ROMAGNA TOSCANA COMUNE DI PORTICO-S. BENEDETTO CA' DELLA VIA - AMBITO 1 -

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA UNIONE MONTANA ACQUACHETA ROMAGNA TOSCANA COMUNE DI PORTICO-S. BENEDETTO CA' DELLA VIA - AMBITO 1 - REGIONE EMILIA-ROMAGNA COMUNE DI PORTICO-S. BENEDETTO CA' DELLA VIA - AMBITO 1 - TAV. N1c.1 - Uso del suolo LEGENDA Limiti comunali Polo/Ambito Dr Legenda dell'uso del suolo allegata in fondo Er Er Bm

Dettagli

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI

L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Paesaggio e Sviluppo Rurale Il ruolo del paesaggio all interno dei Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 novembre 2009 L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento realizzato nell ambito delle attività

Dettagli

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione e Difesa del Suolo Via Petrarca, 44 Torino Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti

Dettagli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Galleria artificiale tra i cavalcavia di via Piave e via Parva Domus Relazione Agronomica Dott. Claudia Loffredo

Dettagli

Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano

Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano Corso di laurea triennale Scienze Agrarie e Alimentari Valorizzazione e tutela dell ambiente e del territorio montano Anno Accademico 201/201 Corso di Laurea Triennale in VALORIZZAZIONE E TUTELA DELL AMBIENTE

Dettagli

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al Premessa e Fonte dati Uno degli aspetti della qualità di un territorio è la naturalità del paesaggio, dove per naturalità si intende il grado di diversità ecologica e biologica dell ambiente. Tale indicatore

Dettagli

RELAZIONE VEGETAZIONALE

RELAZIONE VEGETAZIONALE COMUNE DI GARESSIO Committente: Simic s.p.a. Camerana (CN) via Vittorio Veneto P.iva 02121640045 Costruzione ed esercizio di un impianto eolico in località Bric Meriano, Garessio ( CN) RELAZIONE VEGETAZIONALE

Dettagli