Fabbisogno formativo: Analisi e prospettive nel settore turistico - ricettivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fabbisogno formativo: Analisi e prospettive nel settore turistico - ricettivo"

Transcript

1 Ricerca condotta nelle province di Grosseto e Pisa Fabbisogno formativo: Analisi e prospettive nel settore turistico - ricettivo a cura di Dott. Sandri Fabrizio e Dott Canonici Alessandro & Gennaio 2012

2 1. Introduzione La formazione deve essere una risposta concreta e puntuale ai fabbisogni contingenti ed un supporto e uno stimolo allo sviluppo strategico delle imprese e delle persone, ed è con tale obiettivo che I' Agenzia formativa Multimedia Group Srl ha condotto un'indagine, su base territoriale, finalizzata a rilevare il fabbisogno formativo di quanti lavorano in strutture ricettive Questo rapporto presenta i risultati relativi all'indagine condotta tra i mesi di maggio e di settembre 2011 in un ambito territoriale costituito dalle Province di Grosseto e Pisa. II progetto di ricerca è nato dalla necessità di offrire occasioni formative che siano una risposta concreta e puntuale agli effettivi fabbisogni formativi delle strutture alberghiere. Le tendenze generali di evoluzione in atto nel settore turistico mostrano, infatti, un mercato che si va delineando in termini sempre più competitivi. La nascita di nuovi target e nuovi modelli di consumo, lo sviluppo dei cosiddetti turismi incoming e ricettivi di nicchia, lo sviluppo delle innovazioni informatiche, la generale espansione del settore ma all'interno di scenari mutevoli in costante cambiamento, imprevedibili e complessi, sono fattori che chiedono di comprendere quale sarà il nuovo ruolo delle imprese del settore. L'esigenza di disporre di un know how in grado di presidiare con credibilità e professionalità le nuove dinamiche del settore colloca i fabbisogni formativi al centro dell'attenzione al fine di impostare efficaci azioni e strumenti di intervento. 1.1 Obiettivi e finalità Come detto, obiettivo dell'indagine è quello di offrire un quadro approfondito delle tendenze in atto all'interno delle strutture alberghiere, operanti nel territorio, al fine di cogliere i fabbisogni degli operatori economici del settore ricettivo, con particolare riferimento alle esigenze formative, e favorire la progettazione di nuovi corsi di formazione mirati e personalizzati di fronte ad un mercato che si sta rapidamente evolvendo e diversificando sia per quanto riguarda la domanda (da un punto di vista qualitativo stanno acquisendo sempre più importanza nuovi segmenti di mercato: termale, enogastronomico, naturalistico, ecc), sia per l'utilizzo di nuovi canali di intermediazione e di accesso, Internet in primo luogo. Abbiamo pertanto cercato di realizzare un'azione di ricerca che esaminasse: l'andamento del mercato turistico e le sue prospettive di breve-medio periodo, - il ruolo assunto dalle risorse umane e le conseguenti esigenze di formazione e aggiornamento professionale,

3 i processi di qualità e di riorganizzazione aziendale, le tendenze e le aspettative degli operatori in merito alla qualità del servizio erogato e alle nuove tecnologie informatiche e telematiche. 1.2 Risultati raggiunti Sono stati esplicitati in particolare: profilo aziendale, innovazione tecnologica, caratteristiche delle nuove risorse umane, fabbisogni occupazionali ed esigenze formative. L'approfondimento delle esigenze formative ha rilevato, da un lato, la mancanza sul mercato di figure professionalmente preparate da inserire in azienda, difficoltà particolarmente avvertita dalle imprese turistiche in genere, dall'altro la scarsa partecipazione dei lavoratori occupati nel settore a corsi di aggiornamento (circa il 78,68% degli addetti ha dichiarato di non aver svolto e/o fatto svolgere ai propri dipendenti corsi di aggiornamento) Un'ulteriore ricerca di approfondimento rivolta a 14 strutture, della rete relazionale dell'agenzia Multimedia Group srl, ha messo in luce le aree tematiche viste come prioritarie per eventuali azioni di formazione e aggiornamento, rispetto ad una gamma di aree composta da: Formazione tecnica, Organizzazione aziendale, Gestione del personale, Tecniche di comunicazione; Customer service e consulenza al cliente; Tecniche di vendita; Problem solving. Le esigenze formative, maggiormente avvertite, sono risultate quelle relative a: - accoglienza e formazione tecnica e tecniche di vendita comunicazione, customer service e consulenza al cliente - utilizzo dei sistemi gestionali conoscenza della lingua tedesca competenze trasversali 2. Premessa metodologica Prima di descrivere nel dettaglio le caratteristiche dell'azione e gli strumenti utilizzati per individuare i fabbisogni formativi abbiamo ritenuto necessario, anche ai fini di una maggiore comprensione delle informazioni di seguito riportate, fornire alcune indicazioni sintetiche circa le funzioni assolte dall'attività di Analisi dei Fabbisogni. L'analisi dei bisogni/fabbisogni pur avendo assunto, negli ultimi dieci anni, un ruolo chiave nella programmazione di linee di intervento sia in ambito formativo sia nella gestione delle

4 politiche attive del lavoro, divenendo al contempo un'azione riconosciuta come essenziale per lo sviluppo socio economico, è uno "strumento" limitatamente definito e strutturato. L'analisi dei fabbisogni formativi ruota intorno a concetti complessi e significativi come: formazione e bisogno formativo. Nel processo formativo l'analisi dei bisogni si configura come "prima attività" finalizzata all'acquisizione di dati e informazioni utili e attendibili per proseguire nella progettazione dell'esperienza formativa (definizione degli obiettivi generali e specifici, individuazione dei destinatari, strutturazione dei contenuti, scelta dei metodi didattici) e di seguito nella realizzazione dell'intervento formativo stesso. Il "bisogno formativo", pur non avendo - almeno nella letteratura più recente in materia - una definizione univoca, è prevalentemente definito come gap (stato di mancanza, distanza) da colmare tra competenze che il soggetto possiede e competenze necessarie per assolvere in modo efficace ed efficiente le attività all'interno di specifici processi lavorativi. Il bisogno formativo è quindi strettamente correlato sia alla figura professionale che il soggetto riveste, sia all'insieme di competenze richieste dall'azienda (e/o, nella macro-dimensione, dal settore) per l'esecuzione delle attività lavorative. Il bisogno formativo è quindi elemento descrittore dello stato di relazioni tra individuo ed organizzazione ed è, di conseguenza, indicatore di un "sistema di bisogni" che un'azienda specifica, o, come nel nostro caso, un comparto manifesta come gap da colmare a fronte di cambiamenti del mercato di riferimento o esigenze specifiche dei fruitori del servizio o prodotto. Il fabbisogno formativo si configura, di conseguenza, come un'area potenziale di attivazione della formazione: la conoscenza del bisogno formativo permette al progettista di formazione diprogettare un intervento personalizzato ed efficace. I bisogni formativi possono essere3: - espliciti, espressi dai soggetti rappresentanti la domanda o l'offerta del sistema lavoro; palesi, prodotti del cambiamento del mercato del lavoro (cambiamento determinato da innovazioni in materia di normativa, di prodotto, ecc), ma non sempre espressi dall'azienda/settore/territorio; latenti, richiesti dal mondo delle aziende ma che non trovano risposta nell'offerta di lavoro; potenziali, individuabili con analisi del mercato del lavoro a medio/lungo termine. Altro

5 elemento che caratterizza l'analisi dei fabbisogni formativi è la dimensione dell'oggetto osservato. Il bisogno può, infatti, essere definito: per un singolo soggetto, bisogni formativi individuali in un'ottica di empowerment; nell'ambito di una specifica organizzazione/azienda, analisi organizzativa che deve tener necessariamente in considerazione obiettivi, risorse, clima interno ed esterno, processi lavorativi, attività, ruoli; in riferimento al territorio, analisi degli elementi che descrivono determinate capacità e potenzialità di sviluppo di un'area e di conseguenza i fabbisogni formativi nel territorio oggetto di indagine; - nell'ambito di una filiera/settore specifico, analisi dei processi lavorativi, delle attività, delle figure professionali che caratterizzano un settore specifico e rappresentano elementi necessari per l'individuazione dei bisogni formativi. Per un'analisi dei fabbisogni completa e il più possibile corrispondente alla realtà, al variare dell'oggetto osservato rimangono costanti, pur assumendo importanza e peso diverso, alcuni ambiti principali di analisi ovvero: - le realtà aziendali, - i bisogni espressi dai lavoratori, - i nuovi orientamenti/richieste del mercato, - l'offerta formativa nell'ambito del settore indagato. Per quanto riguarda le procedure e gli strumenti di indagine, come emerge dalla ricerca condotta dall' European Foundation for Management Development ( ), non esistono dei "modelli" di riferimento condivisi per l'analisi dei bisogni. È comunemente condiviso che le fasi di esplorazione e gli strumenti debbano essere specificatamente correlati all'oggetto osservato e alle finalità specifiche dell'analisi. Ciò permette di concentrare le attività di indagine al fine di raccogliere informazioni quantitativamente e qualitativamente utili alla loro definizione. Il quadro metodologico, sin qui descritto sinteticamente, permette di comprendere interamente le finalità e le caratteristiche specifiche dell'attività di Analisi dei fabbisogni formativi nell'ambito della presente indagine. 3. L'Analisi dei fabbisogni formativi: finalità, metodologia e strumenti

6 Come anticipato nella parte introduttiva, nell'ambito di questa indagine, l'attività di Analisi dei Fabbisogni è stata finalizzata alla progettazione di azioni formative destinate ad operatori impiegati in imprese turistico-ricettive. Il "contesto", entro il quale vengono perseguiti gli obiettivi generali e specifici dell'intera azione, è stato l' oggetto dell' osservazione per la definizione dell'analisi dei fabbisogni. Le informazioni raccolte saranno elementi necessari per progettare percorsi formativi finalizzati a colmare i gap di competenza presenti negli operatori del comparto turistico analizzato. Le modalità di attuazione e i relativi strumenti sono stati progettati e attuati tenendo in considerazione aspetti rilevanti dell'oggetto di osservazione, quali: A. le strutture ricettive operanti nel territorio in cui è stata condotta l'indagine B. le esigenze professionali e formative degli operatori C. le caratteristiche del mercato D. l'offerta formativa esistente In corrispondenza di ciascuno dei quattro "aspetti" sono stati individuati: A. Gli aspetti quantitativi relativi alle aziende, al personale addetto ed ai prodotti/servizi offerti. B. Le competenze da potenziare e la richiesta di figure professionali specifiche al fine di offrire un prodotto/servizio di qualità. C. La necessità di soddisfare le esigenze del cliente/turista e le competenze da questi ricercate negli operatori nelle fasi di acquisto del prodotto/servizio e/o durante le varie fasi del soggiorno. D. La necessità di rispondere a carenze riscontrate nell'ambito della formazione esistente in campo turistico: un'azione formativa per essere efficace deve "collocarsi" adeguatamente nel panorama generale dell'offerta formativa. Per raccogliere le informazioni sopra dette sono stati messi a punto i seguenti strumenti di rilevazione: Indagine documentaria É stata condotta attraverso il metodo della ricerca bibliografica e le tecniche dell'analisi statistica. Il team di ricerca ha reperito le informazioni attingendo a fonti quali: Banche dati dedicate alle aziende distributrici di prodotti/servizi turistici. - Siti internet dedicati. - Studi e ricerche dedicate all'analisi delle esigenze dei clienti/turisti.

7 - Programmi didattici (reperiti nei siti internet di Scuole e Università), banche dati, percorsi formativi (realizzati da agenzie formative). In questo caso, oggetto di analisi sono state le diverse tipologie di offerta formativa, nello specifico: - corsi scolastici e universitari; - attività di alta formazione/master post laurea; interventi formativi finanziati dalla Pubblica Amministrazione e/o dai FSE realizzati negli ultimi 3 anni; - Corsi riconosciuti realizzati negli ultimi 3 anni. L'indagine ha permesso di: censire le aziende distributrici di prodotti/servizi turistici operanti nel territorio di riferimento; - raccogliere informazioni sulle esigenze dei clienti/turisti; - analizzare gli attuali programmi di formazione destinati ad operatori del settore di riferimento. Intervista a mezzo questionario È stata svolta attraverso un'indagine statistica campionaria di tipo quantitativo, basata sull'utilizzo di questionari (vedere allegato 1) somministrati ad un campione di 111 strutture ricettive (alberghi, B&B, agriturismo). I 111 questionari sono stati inviati per ai titolari delle strutture, a ciò si è aggiunto: un'intervista sul campo rivolta a 14 strutture, appartenenti alla rete relazionale dell'agenzia formativa che ha svolto l'indagine, un focus group con gli allievi usciti da corsi di formazione destinati ad operatori di strutture ricettive, erogati negli ultimi anni dall'agenzia formativa e dalle agenzie partners che hanno permesso un approfondimento della tematica al di fuori di esigenze di rappresentatività statistica. Le caratteristiche dei soggetti coinvolti sono state il vero punto di forza di questo strumento di indagine: la rappresentatività raggiunta è stata decisamente significativa in quanto hanno risposto il 21.62% (24 su 111) dei soggetti rappresentativi della realtà indagata (vedere paragrafo 6). L'azione ha permesso:

8 - l'acquisizione di dati quantitativi relativi alle aziende dei settore, al personale addetto ed ai prodotti/servizi offerti; la rilevazione: delle tipologie di prodotti/servizi offerti e delle competenze professionali utilizzate; - del gap formativo e dei bisogni formativi percepiti; del tasso di innovazione tecnologica (percepito e reale) delle singole unità produttive; della diversificazione e specializzazione delle Imprese ricettive, rispetto ai diversi segmenti di mercato. Gli strumenti di indagine utilizzati hanno permesso di approfondire argomenti specifici in tempi relativamente brevi e di raccogliere informazioni facilmente comprensibili ed elaborarmi dai ricercatori. Le informazioni quantitative-qualitative, sistematizzate nei report intermedi a seguito dei diversi "momenti" di ricerca, sono state comparate e sono contenute nel documento di sintesi. 4. Le caratteristiche del comparto analizzato Al fine di consentire una lettura integrata tra bisogni formativi emersi e figure professionali portatrici di tali bisogni è necessario proporre una sintetica descrizione delle imprese ricettive con un focus sulle caratteristiche del prodotto e conseguentemente delle figure professionali. La descrizione riportata di seguito non ha la pretesa di essere esaustiva, piuttosto intende offrire degli elementi di lettura per mettere in relazione i gap di competenza individuati con le differenti tipologie di aziende operanti nel settore e di conseguenza con i processi produttivi e le figure professionali. Il sistema turistico è composto da: - settore pubblico (composto da "servizi di supporto" quali, ad esempio, enti locali, organizzazioni turistiche pubbliche, ecc) settore privato (inteso come aziende che offrono servizi di supporto: ad esempio riviste specializzate, scuole private, ecc) produttori del servizio/prodotto: vettori (ovvero operatori del trasporto: aereo, navale, ferroviario, autostradale) imprese ricettive (oggetto della presente indagine, nello specifico della ricettività alberghiera ed extralberghiera) imprese ristorative (che includono operatori della ristorazione collettiva e commerciale) - distributori, ovvero il canale attraverso il quale un prodotto/servizio viene distribuito dalla sua

9 fonte di produzione al consumatore potenziale. 4.1 Analisi andamento del mercato Nell'ultimo decennio la Toscana ha mostrato una tendenza piuttosto evidente a rafforzare la propria vocazione al turismo internazionale. Tra il 2000 e il 2007 la crescita delle presenze straniere nella regione è stata infatti rilevante (-F14,5%) anche se frutto di dinamiche eterogenee che caratterizzano i diversi mercati tradizionali e emergenti. Alla perdita di "appeal" della destinazione Toscana per l'area di lingua tedesca e alle alterne vicende del turismo nord-americano, condizionato dai numerosi shocks esogeni verificatisi negli ultimi anni, la nostra regione ha saputo rispondere intercettando nuovi flussi crescenti di turisti provenienti da altre aree e nazioni del mondo; europee, quali Francia, Paesi Bassi, Spagna, Gran Bretagna e paesi scandinavi, ed extra europee emergenti, Cina, India, Sud America. Molte di queste nazioni continuano, tra il 2007 e il 2009, a originare un flusso crescente di turisti e presenze turistiche nella nostra regione. In primo luogo la Francia (+11,8%) i Paesi Bassi (+24,6%) il Belgio (+17%) ma anche la Polonia (+29,9%) il Brasile (+11,8%), l'argentina (+17,8%) e l'india (+19,6%).

10 Nel complesso, dunque, la capacità competitiva della regione appare confermata, nonostante i morsi della crisi, grazie a un mix inimitabile costituito dall'ambiente naturale e dal patrimonio culturale e paesaggistico, a politiche pubbliche attente alla manutenzione e alla accessibilità dei beni pubblici essenziali al turismo, e alla progressiva evoluzione dell'offerta ricettiva. Lo sviluppo delle diverse tipologie di strutture extra-alberghiere tra cui un ruolo particolare ha giocato la diffusione dell'agriturismo, almeno a partire dalla metà degli anni '90, ha costituito nel medio periodo un asset importante per rispondere tempestivamente al mutamento dei gusti dei consumatori, e durante la crisi ha permesso al sistema turistico, attraverso la sua maggior flessibilità in termini di costi, di rispondere con minor sofferenza alle esigenze di contenimento della spesa dei visitatori limitando l'impatto negativo della recessione, almeno in termini di presenze. Ma per mantenere i livelli di sviluppo paragonabili a quelli conosciuti negli ultimi due decenni il sistema turistico toscano dovrà, infatti, affrontare sfide vecchie e nuove. Rendere più competitiva, anche in termini di prezzo, la propria offerta turistica, soprattutto quella destinata ai ceti medi e popolari, la cui capacità di spesa sarà per alcuni anni certamente influenzata dalle conseguenze negative, soprattutto in termini occupazionali, della crisi. consolidare la propria leadership nei principali mercati nazionali, europei e extra-europei di riferimento, puntando su un'offerta turistica sostenibile e di qualità, che valorizzi l'identità culturale e le produzioni del territorio e che sia in grado di rispondere a un nuovo modo di vivere l'esperienza turistica sempre più legato ad un concetto alto di "entertainment", che sviluppa domanda di segmentazione e domanda di terziarizzazione, servizi e non solo prodotti. Si tratta di un nuovo modo di fare turismo che coinvolge settori ampi dei nuovi ceti agiati e colti, le cui motivazioni di viaggio appaiono sempre più diversificate e di nicchia. Migliorare la propria capacità di intercettare la nuova domanda di turismo proveniente dalle numerose aree extra-europee -caratterizzate da culture e bisogni anche molto lontani rispetto ai nostri- che hanno conosciuto uno straordinario sviluppo di nuovi ceti medi e abbienti desiderosi di visitare il nostro territorio. Mettere in campo politiche pubbliche che favoriscano l'affermarsi di un modello di sviluppo turistico, sostenibile e in quanto tale competitivo 4.2 Le

11 imprese del turismo nel periodo (da dell'ufficio Studi di Unioncamere Toscana indagine 2010) Alla fine del 2009 in Toscana il settore del turismo era composto da imprese registrate pari al 6,4% del tessuto imprenditoriale regionale ed al 12,1% del terziario. Circa il 70% delle imprese del turismo è diviso tra pubblici esercizi (36,0%) e ristoranti (34,7%), il resto è ripartito tra strutture alberghiere (9,8%), extra-alberghiere (9,5%), agenzie turistiche (4,7%) ed altri comparti di attività (5,2%) in cui rientrano, perlopiù, imprese di alloggio e ristorazione genericamente classificate, in quota residua le mense ed i servizi di catering. Il 23,8% delle imprese registrate nel turismo in Toscana sono localizzate nella provincia di Firenze, la seconda posizione è occupata da Lucca (13,1%) seguita a circa due punti di distanza da Livorno (11,3%), Pisa e Siena si collocano nello spazio di mezzo punto percentuale tra il 9,1% ed il 9,6%, mentre le ultime tre province quanto ad incidenza del turismo sull'universo regionale sono Pistoia(7,1%), Massa Carrara (6,0%) e Prato (4,3%). La dinamica di medio periodo ha comportato per la Toscana una crescita di 17 punti percentuali delle imprese registrate nel turismo tra il 2001 ed il 2009 con un forte contributo dell'extra-alberghiero (+79,6%), 30 punti in più rispetto alla ristorazione (+49,7%) ed agenzie turistiche (+46,3%), crescono invece di poco pubblici esercizi (+4,0%) ed alberghi (+2,8%). L'Italia ha avuto un'espansione superiore complessivamente di tre punti e mezzo percentuali rispetto alla Toscana con accelerazioni maggiori, nello specifico, per pubblici esercizi (+11,8%), alberghiero (+7,7%) e, soprattutto, agenzie turistiche (+51,6%), mentre è inferiore di cinque punti rispetto alla Toscana la dinamica nazionale della ristorazione (+46,7%). Le dinamiche migliori a livello provinciale sono quelle di Pisa (+39,4%), Grosseto (+32,6%) ed Arezzo (-i-30,0), Firenze (+24,6%) migliora di poco la media regionale, le stesso vale per Siena (+22,5%). Tra le province di maggior peso nel settore che rimangono al di sotto del dato medio toscano ci sono Lucca (+11,8%) e soprattutto Livorno che guadagna soltanto un centinaio di imprese registrate tra il 2001 ed il 2009, per una crescita del +7,4% consolidata soprattutto grazie alla dinamica del triennio (+6,3%). In termini delle strutture di governance delle imprese, il turismo si conferma un settore con una forte attrattività per le classi di imprenditori più giovani. Nella fattispecie, tra le persone con carica sociale all'interno di imprese registrate, nel turismo soltanto il 40,9% ha un'età superiore ai 50 anni mentre le quote corrispondenti sono pari al 45,6% nei servizi ed al 46,0% per il totale delle imprese. Il 7,8% delle persone con carica rientra nella classe dei più giovani (tra 18 e 29 anni) mentre le stesse quote sono pari al 5,1% nei servizi ed al 5,2% sul totale imprese. Il

12 turismo è tradizionalmente caratterizzato da un forte tasso di femminilizzazione del tessuto imprenditoriale. Alla fine del 2009 era molto maggiore nel turismo la presenze di donne con carica (41,3%) rispetto ai servizi (32,6%) ed al totale imprese (27,8%). Con riferimento al paese di provenienza dei soggetti con carica, alla fine del 2009 nel 92,2% dei casi i ruoli societari erano occupati da italiani, un valore intermedio tra quelli altrettanto elevati dei servizi (93,0%) e del totale imprese (91,3%). 4.3 Le nuove tecnologie A seguito del grande sviluppo del canale Internet e degli acquisti on-line, anche il settore turistico si è adeguato a questo cambiamento; visitando il web infatti, si può notare come siano una larghissima percentuale i casi di strutture ricettive che vendono prodotti turistici attraverso il web. In questo nuovo scenario, Internet è ormai divenuto strumento indispensabile per ogni impresa turistica, sia come canale per attività di prenotazione e vendita, sia come strumento di visibilità e comunicazione in grado di raggiungere segmenti di pubblico altrimenti irraggiungibili o raggiungibili con l'impiego di risorse umane e finanziarie maggiori. Sicuramente lo sviluppo dell'information Technology sta giocando un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle politiche di prenotazione e marketing. 5. I soggetti coinvolti I questionari sono stati somministrati via a strutture ricettive operanti nel territorio di riferimento, di Pisa e Grosseto, rispettivamente 58 e 53, mentre le interviste a strutture delle rete dell'agenzia hanno coinvolto rispettivamente 6 strutture a Grosseto e 8 a Pisa 6. Risultati dell'indagine In questo paragrafo si intende presentare e commentare i dati raccolti ed elaborati dal team di ricerca attraverso la realizzazione dei seguenti steps: A. analisi delle informazioni raccolte tramite: l'indagine documentaria questionari di rilevazione - colloqui di profondità condotti a titolari di strutture ricettive della rete relazionale di Multimedia Group

13 - focus group con allievi qualificati attraverso corsi di Formazione professionale (Addetto alla reception, Capo ricevimento, Accoglienza turistica etc) realizzati dall' agenzia formativa B. studio dei documenti di sintesi; in riferimento a: - Aspetti quantitativi relativi alle aziende oggetto di rilevazione, al personale addetto ed ai prodotti/servizi offerti. - Necessità specifiche e competenze ricercate negli operatori del settore dal cliente/turista - Esigenze formative percepite dagli operatori del settore ed occupazionali espresse dalle aziende - Offerta formativa presente C. Identificazione delle competenze carenti per ciascuna esigenza e percezione individuata. I soggetti coinvolti nelle rilevazioni hanno espresso le loro percezioni sotto forma di competenze ritenute fondamentali per operare efficacemente nel settore. Ricordiamo che i gap di competenza (competenze carenti), definiti nella premessa metodologica del presente rapporto, rappresentano nel nostro caso indicatori del "sistema di bisogni" manifestati dalle aziende del settore esaminato al fine di attuare processi e attività lavorative che consentano di migliorare la qualità dei prodotti/servizi turistici offerti, in relazione alle esigenze aspettative del cliente/turista. D. Definizione, in corrispondenza di competenze carenti individuate nello step descritto al punto d), dei fabbisogni formativi corrispondenti. In questa fase sono state individuate la aree potenziali di attivazione della formazione al fine di colmare i gap. E. Individuazione di possibili interventi formativi finalizzati a soddisfare i fabbisogni emersi 6.1 Analisi dei dati L'indagine ha avuto, da parte delle aziende coinvolte un risultato più che soddisfacente, hanno infatti aderito alla medesima, (24 +14) 38 strutture pari al 30.40% del totale cosi suddivise: Questionari inviati/interviste raccolte Questionari e i9nterviste raccolte Pisa Grosseto Tasso di risposta/adesione

14 32,00% 31,00% 30,00% 29,00% tasso risposta 28,00% 27,00% Se la gran parte degli intervistati reputa importante potenziare la propria visibilità in rete e utilizzare la stessa come efficace strumento di vendita, pochi sono intenzionati a effettuare investimenti per l'attivazione o il potenziamento dell'attività di ecommerce. Inoltre la quasi totalità delle strutture dichiara la necessità di dover ricorrere a risorse esterne per la gestione del proprio sito web. maggiore domanda servizi maggiore efficienza az.le altro Per quanto riguarda invece il ricorso a nuove assunzioni, il 32,25% ha dichiarato di essere ricorso a nuove risorse umane negli ultimi 3 anni adducendo come motivazioni preminenti l'aumento della domanda dei servizi e la necessità di aumentare l'efficienza aziendale (ha rispettivamente 37% e 47%) il 16% non specificato la motivazione (altro) Di particolare interesse é il risultato per quanto concerne le difficoltà di reperimento delle risorse umane: il 28,94% dichiara di aver incontrato difficoltà nel reperimento di risorse aggiuntive e di queste circa 1/3 dichiara di aver rinunciato alla figura professionale. La quasi totalità delle strutture ha affermato che per far fronte alle difficoltà di reperimento ha fatto ricorso alle sole risorse interne redistribuendo i compiti e le mansioni, allungando i tempi di

15 ricerca e in pochissimi casi facendo ricorso a risorse esterne. Come le aziende hanno fatto fronte alle difficoltà di reperimento delle nuove risorse umane. allungando i tempi di ricerca redistribuzione mansioni all'interno rinunciano ricorrendo a risorse esterne altro Altrettanto chiara é stata la risposta in termini di competenze: le aziende dichiarano infatti al 73.68% di aver riscontrato una carenza di competenze soprattutto per quanto riguarda il front office, il back office l'area linguistica, l'informatica e il marketing Alla domanda quali potranno essere le aree di attività dei nuovi assunti il 71.05% ha dichiarato il front office, seguito a ruota dall'area linguistica con un 68.42%, accoglienza (42,10%) e marketing 18.42%. Front office Lingue Back office 25.8 altro 12.9

16 Una domanda ulteriore riguardava la disponibilità effettiva, sia pure nell'orizzonte futuro di alcuni anni, ad assumere le specifiche figure professionali indicate Le risposte hanno segnalato che le possibili assunzioni potrebbero riguardare fra le specifiche figure professionali del settore l'operatore di front office, l'addetto al back office, responsabile marketing. Tra le figure un po' più professionalizzanti compare il tecnico di marketing turistico. Per quanto riguarda poi i criteri su cui basare la scelta, il 68,42% attribuisce maggior peso all'esperienza pregressa, viene poi il titolo di studio (45.16%), la conoscenza di lingue straniere e informatica si attestano rispettivamente ad un 26.31% e 23.68%. Solo un 13.15% ha dato importanza alle abilità pratiche. criteri su cui basare la scelta su future assunzioni Esperienza pregressa 68,42 Titolo di studio 47,36 lingue Informatica Abilità pratiche Di particolare interesse per l'agenzia risulta il dato riferito allo stage: a fronte di un 68.42% che ha ospitato allievi in stage, abbiamo un 89.47% che dimostra la propria disponibilità ad accogliere in futuro stagisti Per quanto riguarda la formazione il campione si divide quasi al 50% nel giudizio sull'adeguatezza della preparazione delle nuove risorse umane, dando un giudizio più che positivo su professionalità provenienti da esperienze analoghe nel settore, ma anche un giudizio favorevole per quanto concerne i soggetti in possesso di attestato di qualifica Giudizio negativo per la scuola e appena sufficiente per l'università. Per quanto poi concerne la formazione aziendale, se la totalità dei soggetti crede nell'aggiornamento professionale e nella necessità di incrementare le risorse per migliorare e implementare le competenze all'interno dell'azienda, alla richiesta della tipologia di formazione la stragrande maggioranza ha risposto optando per la formazione finanziata (73.68%). Pochissimi sarebbero disponibili ad effettuare formazione a pagamento (13.15%).

17 A conferma di tale tendenza é il numero di aziende che ha fatto formazione per i propri dipendenti: solo il 18.42% del campione. C'è quindi bisogno di creare professionalità specifiche del settore. A prescindere dall'affiancamento on the job, comunque necessario al momento dell'inserimento in azienda, ciò che manca, soprattutto per le figure di addetto alla reception, capo ricevimento addetto al back office, housekeeping, addetto ai piani, è una formazione esterna post diploma che parta da competenze di base acquisite (la conoscenza delle lingue e degli strumenti informatici) e coniughi e alterni momenti teorici in aula, per apprendere il linguaggio, la normativa e gli strumenti specifici del settore, con periodi di tirocinio in azienda, nei quali fissare ed approfondire con l'esperienza quanto appreso solamente in modo teorico. 6.2 I fabbisogni formativi emersi Le aree di maggior interesse emerse dalla lettura dei questionari sono nell'ordine di priorità: per le nuove tecnologie Web Marketing e ecommerce, per gli elementi di professionalità: Tecniche di vendita, comunicazione, Lingue ( con particolare attenzione al tedesco per quanto riguarda la provincia di Livorno) progettazione di itinerari turistici, Cultura del territorio, Marketing, Organizzazione di eventi, Normativa di settore/contratti, cultura turistica generale, mentre nel Management Organizzazione aziendale, Strategia aziendale, Marketing, Gestione delle risorse umane, Amministrazione e controllo, Finanza aziendale e ultima Orientamento alla qualità La quasi totalità delle Aziende partecipanti allo studio ha espresso interesse per i corsi di formazione Nel settore delle nuove tecnologie, il soggetto che ha ricevuto più segnalazioni di interesse è quello dell'utilizzo di Internet. Corsi dell'area Nuove Tecnologie Percentuale di preferenze sul totale dei questionari pervenuti Utilizzo di Internet 52.63% Web-marketing 44.73% Pacchetto Office 42.10% E-commerce 34.21% Informatica gestionale 28.94%

18 Utilizzo della posta elettronica 15.78% Per quanto riguarda l'area degli elementi di professionalità, i dati rilevati sono stati: Corsi dell'area Elementi di Professionalità Percentuale di preferenze sul totale dei questionari pervenuti Customer service e consulenza al cliente 63.15% Contabilità e servizi di back office 47.36% Allestimento sala 44.73% FITo - rmativa di settore (dovuti per legge) haccp 36.84% sicurezza antincendio Cultura turistica generale 36.84% Cultura del territorio 31.57% Progettazione di itinerari turistici 28.94% Marketing 36.84% Organizzazione di eventi 13.15% Conoscenza lingue straniere Inglese 55.26% Francese 6,45% Tedesco 7,8% Spagnolo 23.68% Altro 23.68% Tecniche di comunicazione 55.26% Accoglienza ed ospitalità 52.63% Tecniche di vendita 26.31% Problem solving 39.47% Qualità 13.15% Tecniche di comunicazione, Accoglienza e ospitalità, Lingue Contabilità e back office e customer care raccolgono la maggior parte delle manifestazioni di interesse da parte degli intervistati. Fra le lingue straniere, dopo l'inglese, lo Spagnolo e il Tedesco sono risultate le lingue preferite.

19 In particolare il tedesco è stato segnalato dalle aziende operanti nella provincia di Grosseto, mentre lo spagnolo da quelle operanti nel territorio pisano.. Tra i corsi compresi nell'area Management, non si riscontrano preferenze nette, se non un interesse maggiore per il settore organizzazione e controllo. Corsi dell'area Management Percentuale di preferenze sul totale dei questionari pervenuti Organizzazione aziendale 55.26% Gestione delle risorse umane 52,63% Marketing 57.89% Amministrazione e controllo 39.47% Strategia aziendale 36,84% Orientamento alla qualità 23.6/8% Finanza aziendale 18.42% Tra i modelli formativi proposti, il corso rimane in assoluto lo schema preferito. Trovano riscontro positivo anche le modalità che permettono di non spostarsi dalla sede, come i corsi on-line e le pubblicazioni. Modalità di formazione Percentuale di preferenze sul totale dei questionari pervenuti Corsi 76.31% Corsi on-line 34.21% Seminari 31.57% Pubblicazioni 26.31% Workshop 18.42% Conferenze 13.15% Tra i modelli Formativi proposti, il corso finanziato rimane in assoluto la modalità preferita, Tipologia di formazione Percentuale di preferenze sul totale dei questionari pervenuti Finanziata 81.57% A pagamento /0

20 Voucher 84.21% Altro 28.94% 6.3 Analisi delle competenze richieste Come abbiamo detto, il servizio turistico è molto complesso: è astratto, intangibile, e proprio per l'intangibilità del prodotto l'immagine diventa una caratteristica di qualità. I beni strumentali sono certamente condizione necessaria per la produzione dei servizi turistici, ma il modo in cui viene affrontato e gestito il rapporto tra le persone è quello che qualifica e dà contenuto, anche economico, alla produzione e alla vendita dei servizi. Di conseguenza la professionalità nel settore turismo è caratterizzata essenzialmente dalla "presenza" e dalla "fisicità" degli operatori; il momento del contatto tra operatore e cliente determina Fortemente la qualità del prodotto. La professionalità, quindi, va intesa come quell'atteggiamento fondamentale di massima percezione e disponibilità nei confronti delle persone/clienti. Il consumatore attribuisce grandissima rilevanza al prodotto/servizio e spesso lo identifica con le persone che lo creano e lo rappresentano. Di conseguenza la professionalità delle risorse umane, in quanto elemento centrale per la definizione del livello qualitativo della produzione, non può essere limitata al solo possesso delle competenze tecnico professionali, ma deve essere integrata dalla capacità di percepire i bisogni e le necessità degli utenti. Volendo chiarire quanto sopra, con il termine competenza si intende il Sapere, il Saper essere e il Saper fare. Le competenze sono distinte, dalla letteratura in materia, in: competenze di base, ritenute requisiti fondamentali per garantire l'occupabilità delle persone (per accedere nel mondo dei lavoro) e lo sviluppo personale. Sono indipendenti dai processi operativi concreti nei quali il soggetto è impegnato nell'esercizio del lavoro. Si tratta quindi di competenze comuni a tutte le professioni, consensualmente riconosciute come nuovi "diritti di cittadinanza" nel mercato del lavoro e nella società. Le competenze di base sono fondamentali per affrontare i cambiamenti; - competenze trasversali, comprendono le caratteristiche e i processi individuali che entrano in gioco quando un soggetto si attiva di fronte a una richiesta dell'ambiente lavorativo ma non sono collegate ad una specifica attività lavorativa;

L EVOLUZIONE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA TURISTICA NELLA PROVINCIA DI LUCCA: I NUOVI BISOGNI FORMATIVI INDICE

L EVOLUZIONE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA TURISTICA NELLA PROVINCIA DI LUCCA: I NUOVI BISOGNI FORMATIVI INDICE L EVOLUZIONE DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA TURISTICA NELLA PROVINCIA DI LUCCA: I NUOVI BISOGNI FORMATIVI INDICE Introduzione pag. 2-1 La domanda turistica 4 Evoluzione della domanda turistica nella provincia

Dettagli

PROMOZIONE E FORMAZIONE PER IL TURISMO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010

PROMOZIONE E FORMAZIONE PER IL TURISMO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 7 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA. IL SETTORE ALBERGHIERO..

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi

Analisi dei fabbisogni formativi Progetto EU.FOR.ME Formazione turistica per un utenza ampliata Analisi dei fabbisogni formativi Tourism for All Concept EVERYONE SHOULD BE ABLE TO TRAVEL TO THE COUNTRY, WITHIN THE COUNTRY AND TO WHATEVER

Dettagli

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 condotta da CE.S.CO.T Pistoia 1 INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2010-2012 La presente analisi è stata effettuata nell ultimo biennio, in particolare riguarda

Dettagli

Tendenze nel mercato del lavoro e nella formazione nel settore turismo toscano.

Tendenze nel mercato del lavoro e nella formazione nel settore turismo toscano. Osservatorio del Turismo 2014: il lavoro degli enti bilaterali Tendenze nel mercato del lavoro e nella formazione nel settore turismo toscano. EBTT ed EBIT Presentazione a cura di Giampiero Poggiali Firenze,

Dettagli

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana

Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Analisi dei Fabbisogni Formativi della Regione Toscana Formarsi è lavorare su se stessi crescere motivandosi spingere i desideri fino a realizzare se stessi La ricerca che viene qui proposta si inquadra

Dettagli

UN NUOVO MODO DI FARE AGENZIA DI VIAGGIO: ANALISI FABBISOGNI DICEMBRE 2011

UN NUOVO MODO DI FARE AGENZIA DI VIAGGIO: ANALISI FABBISOGNI DICEMBRE 2011 UN NUOVO MODO DI FARE AGENZIA DI VIAGGIO: ANALISI FABBISOGNI DICEMBRE 211 INDICE INTRODUZIONE E CONTESTO I RISUTALTATI DELL INDAGINE CONCLUSIONI Indagine realizzata da Fiavet con in contributo dell Ente

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD (PISA, LUCCA, MASSA-CARRARA)

INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD (PISA, LUCCA, MASSA-CARRARA) INDAGINE SUI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DEL COMPARTO TURISTICO DELL'AREA VASTA TOSCANA NORD 1 Realizzata da CESCOT Toscana Nord in collaborazione con la Confesercenti d'area Vasta Toscana Nord,

Dettagli

Perché è sbagliato rinunciare alla Formazione Permanente

Perché è sbagliato rinunciare alla Formazione Permanente Perché è sbagliato rinunciare alla Formazione Permanente di Marcello Scalisi* L'Avviso 20 del 2011 prevedeva la realizzazione di attività di Formazione permanente. Gli obiettivi della formazione permanente

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI

ELABORAZIONE QUESTIONARIO STUDENTI ANALISI DI FABBISOGNI DI INNOVAZIONE E FORMAZIONE 1. Le Figure Professionali IFTS Il Tecnico superiore per l organizzazione ed il marketing del turismo integrato gestisce i rapporti con soggetti pubblici

Dettagli

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE

RELAZIONE DI VERIFICA FINALE AZIONE pagina 1 di 9 Corso Lucca Ospitale 2009LU0083-89 Il Progetto denominato LUC.OS. - Lucca Ospitale è stato realizzato e gestito dal soggetto capofila SO.GE.SE.TER. Srl, che ha sede a Lucca in via Fillungo

Dettagli

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera

Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Le determinanti dell attrattività di un mercato nell ottica di una impresa alberghiera Un adattamento del modello delle 5 forze di M. Porter Prof. Giorgio Ribaudo Management delle imprese turistiche Corso

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data )

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) NOMINATIVO DEL TIROCINANTE DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA TELEFONO CODICE FISCALE ATTUALE CONDIZIONE ( segnare con una x la casella

Dettagli

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI PER AZIENDE E LAVORATORI DEL SETTORE TURISMO PER L ANNO 2013

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI PER AZIENDE E LAVORATORI DEL SETTORE TURISMO PER L ANNO 2013 INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI PER AZIENDE E LAVORATORI DEL SETTORE TURISMO PER L ANNO 2013 REALIZZATA DA E.B.T.T. nei mesi da ottobre a dicembre 2012 INTRODUZIONE Come ogni anno EBTT, sede regionale, realizza

Dettagli

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia 1 INTRODUZIONE Una delle attività fondamentali svolte da CESCOT Pistoia è l analisi dei bisogni formativi, azione sperimentata

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

ANALISI FABBISOGNI SETTORE ACCONCIATURA VERSILIA

ANALISI FABBISOGNI SETTORE ACCONCIATURA VERSILIA ANALISI FABBISOGNI SETTORE ACCONCIATURA VERSILIA su incarico di Maggio 2014 L associazione Il Circolo Artistico Versiliese Acconciatori Misti o CAVAM, o più semplicemente ANAM Versilia, è associazione

Dettagli

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE

Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Seminario di Formazione Sales & Marketing Alberghiero SALES & MORE CONSULTING FORMAZIONE Marketing Strategico L'analisi attenta del mercato di riferimento può aprire nuove prospettive al business alberghiero:

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale

CARTA DELLA QUALITÀ. Procedure del Sistema di Gestione per la Qualità. Scuola Secondaria Superiore. Formazione individuale Scuola Secondaria Superiore Formazione individuale Servizi scolastici pomeridiani Via Oss Mazzurana n 8 38122 TRENTO Qualificazione professionale Corsi FSE tel. 0461 233043 fax 0461 222441 Presa d'atto

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

Progetto di alternanza scuola.lavoro

Progetto di alternanza scuola.lavoro Progetto di alternanza scuola.lavoro a.s. 2013/14 Finalità La modalità di apprendimento in alternanza tra scuola e mondo del lavoro, quale opzione formativa rispondente ai bisogni individuali di istruzione

Dettagli

Descrizione del progetto

Descrizione del progetto Descrizione del progetto Motivazione intervento/rilevazione fabbisogni: Il progetto si rivolge all'area delle "nuove disuguaglianze". Gli anni '90 sono stati contrassegnati da processi sociali, economici

Dettagli

Sede legale e operativa C.so Martiri della Libertà, 38/D 95131 Catania +39 095 7152684 +39 095 535202 fax +39 095 7465607 www.civitasrl.

Sede legale e operativa C.so Martiri della Libertà, 38/D 95131 Catania +39 095 7152684 +39 095 535202 fax +39 095 7465607 www.civitasrl. CIVITA S.R.L. Consulenza alle Imprese, Valorizzazione degli Individui Assistenza al Territorio - società di servizi, con sedi operative a Catania e Siracusa, attiva nel settore della Formazione, della

Dettagli

L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale. Report Finale

L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale. Report Finale L IMPRESA TURISTICA OGGI: dal controllo economico alla crescita multimediale Report Finale 1. Le origini del progetto e contesto di riferimento Il seguente progetto nasce da un analisi svolta da Confesercenti

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI. Presentazione

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI. Presentazione ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI Presentazione FINALITA DELL ANALISI ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI nel settore turistico Periodo a.s 2008/2009 Hanno collaborato al progetto:

Dettagli

I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di

I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di Alessandro Tortelli Direttore Scientifico Centro Studi Turistici di Firenze Via Piemonte 7 50145 Firenze Tel 055 3438733-055 3438726

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Rapporto di sintesi sulla Definizione e Programmazione del Fabbisogno Formativo Socio Sanitario - Provincia di Arezzo - 2014-16. (Fabbisogno micro )

Rapporto di sintesi sulla Definizione e Programmazione del Fabbisogno Formativo Socio Sanitario - Provincia di Arezzo - 2014-16. (Fabbisogno micro ) Azienda USL 8 - AREZZO Centro Didattico Formativo - Agenzia Formativa Formazione Riconosciuta e Finanziata Rapporto di sintesi sulla Definizione e Programmazione del Fabbisogno Formativo Socio Sanitario

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

Corso di Formazione. Titolo operazione TECNICO ESPERTO NELLA GESTIONE DI SERVIZI. Obiettivo formare: RESPONSABILE ATTIVITA ASSISTENZIALI (RAA)

Corso di Formazione. Titolo operazione TECNICO ESPERTO NELLA GESTIONE DI SERVIZI. Obiettivo formare: RESPONSABILE ATTIVITA ASSISTENZIALI (RAA) Corso di Formazione Titolo operazione TECNICO ESPERTO NELLA GESTIONE DI SERVIZI Obiettivo formare: RESPONSABILE ATTIVITA ASSISTENZIALI (RAA) Ente di formazione Rif. PA 2013-2337/BO - Approvato con det.

Dettagli

FORMAZIONE DI ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

FORMAZIONE DI ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA SINTESI PROGETTO FORMAZIONE DI ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA (Sales International Manager - SIM) Programma URBAN II - Misura 4.3 FORMAZIONE PROFESSIONALE PER GLI ARTIGIANI E LE PMI LOCALI

Dettagli

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace

La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace La formazione tecnica per il lavoro Come cambia e quanto è efficace Istituito nel 1999 con la legge n. 144/99, il canale della formazione tecnica superiore ha vissuto un articolato processo di adeguamento

Dettagli

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Via Virgilio 1, 41049 Sassuolo (MO) P.IVA 02925310365 serena.barbi@psicologosassuolo.it www.psicologosassuolo.it Mobile: +39 (339) 14 61 881 Via Piumazzo 170, 41013 Castelfranco E. (MO) P.IVA 02222830446

Dettagli

ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA

ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA ANALISI DEL DATABASE CITT SUGLI OPERATORI ECONOMICI DEL SETTORE ENERGETICO IN TOSCANA A CURA DI CO.SVI.G. SRL Monterotondo Marittimo, Settembre 2009 Il Centro Internazionale per il Trasferimento dell Innovazione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine a cura di Elena Bensi, Davide Fanzini e Claudia Rossi Osservatorio Mercato del Lavoro, Provincia di Piacenza 1. Premessa

Dettagli

Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma

Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma Sintesi dei risultati Studio condotto con il sostegno di Adecco Formazione S.r.l. Milano, 09 Ottobre 2013 Analisi e valutazione

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Pag.1 di 9 FORMATIVI rivolta alla identificazione delle figure professionali da sviluppare nel settore ristorativo Data di redazione: 30/09/2014 Redatto da: Serenella Marani Approvato da D.G.: Andrea Marchetti

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015 Anche nei campeggi Toscani il vento delle ripresa del turismo: il ritorno di italiani e stranieri così l'evoluzione della domanda di turismo all'aria aperta nel 2015 secondo gli operatori toscani www.osservatorioturismoariaaperta.it

Dettagli

Sommario. Istituto Professionale Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Fratelli Pieroni

Sommario. Istituto Professionale Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Fratelli Pieroni Sommario Istituto Professionale Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Fratelli Pieroni Istruzione Professionale e Istruzione e Formazione Professionale (I.eF.P.) Biennio comune ENOGASTRONOMIA

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Marzo 2009. 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma. 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma

Marzo 2009. 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma. 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento generale negli alberghi di Roma Prosegue anche questo mese la flessione della domanda turistica rispetto allo stesso periodo

Dettagli

La formazione del personale nel sistema universitario

La formazione del personale nel sistema universitario La formazione del personale nel sistema universitario Premessa Il sistema universitario italiano è interessato, ormai da alcuni anni, da profondi cambiamenti che riguardano in particolare la tipologia

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017

CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 CATALOGO FORMATIVO 2016/2017 Scuola post universitaria di Studi Europei POLO DIDATTICO DI SALERNO ISTITUTO DI STUDI EUROPEI ALCIDE DE GASPERI INSTITUTE OF EUROPEAN STUDIES ALCIDE DE GASPERI Post graduate

Dettagli

PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche

PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche PRIMO MASTER PER L INNOVAZIONE NEL TURISMO Avvio e gestione di progetti per le associazioni turistiche OBIETTIVI FORMATIVI Il Master, ideato dal Centro Studi CTS, ha l obiettivo di sviluppare le competenze

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Gennaio 2009 Ge nnai o 2009

IL TURISMO IN CIFRE negli esercizi alberghieri di Roma e Provincia Gennaio 2009 Ge nnai o 2009 Ge nnai o 2009 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma L anno 2009 inizia con il segno negativo della domanda turistica rispetto all inizio dell anno precedente. Gli arrivi complessivi

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

I. P. C. LUCIANO TANDOI

I. P. C. LUCIANO TANDOI I. P. C. LUCIANO TANDOI ISTRUZIONE PROFESSIONALE STATALE Corso quinquennale per Tecnico dei Servizi Commerciali Primo Biennio (classi Prime e Seconde) Secondo Biennio (classi Terze e Quarte) Monoennio

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST Il Master breve in Tourism Specialist è progettato per rispondere ai bisogni reali delle imprese turistiche e si rivolge sia a giovani interessati ad un primo inserimento

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST

MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST MASTER BREVE IN TOURISM SPECIALIST Il Master in Tourism Specialist è progettato per rispondere ai bisogni reali delle imprese turistiche e si rivolge sia a giovani interessati ad un primo inserimento professionale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER TRAVEL DESIGNER. Nuovo programmatore. turistico autore di viaggi

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER TRAVEL DESIGNER. Nuovo programmatore. turistico autore di viaggi CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER TRAVEL DESIGNER Nuovo programmatore turistico autore di viaggi Il Corso per Travel Designer Nuovo programmatore turistico autore di viaggi è la risposta ai cambiamenti avvenuti

Dettagli

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI

INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI. RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI INDAGINE FABBISOGNI FORMATIVI RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI e COOPERATIVE SOCIALI PROVINCIA DI PRATO Campi Bisenzio - FIRENZE 16 Dicembre 2013 Pagina 1 di 25 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INTRODUZIONE...

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1 Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1 Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in

Dettagli

Programmazione classe terza B O.d.R. Articolazione: SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

Programmazione classe terza B O.d.R. Articolazione: SERVIZI DI SALA E DI VENDITA Programmazione classe terza B O.d.R. Articolazione: SERVIZI DI SALA E DI VENDITA Unità di apprendimento A L'IMPRESA E LE SOCIETÀ 3 Adeguare e organizzare la produzione e la vendita dei prodotti e dei servizi

Dettagli

Analisi e sintesi dei risultati - Percorso occupati

Analisi e sintesi dei risultati - Percorso occupati Progetto Centri E-Learning Realizzazione del progetto di aggiornamento e qualificazione professionale per il management della Biblioteca Digitale Italiana AUTOVALUTAZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA Analisi

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

AGGIORNAMENTO PER ACCOMPAGNATORI TURISTICI : IL TURISMO ACCESSIBILE

AGGIORNAMENTO PER ACCOMPAGNATORI TURISTICI : IL TURISMO ACCESSIBILE FSE Investiamo nel vostro futuro AGGIORNAMENTO PER ACCOMPAGNATORI TURISTICI : IL TURISMO ACCESSIBILE NOTE ESPLICATIVE MODALITÀ ATTUATIVE L articolazione del percorso formativo prevede: Bilancio delle competenze

Dettagli

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO

PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio PROMOTRICE E PROMOTORE TURISTICO 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie...

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di ricettività Sequenza di processo Gestione e coordinamento dei

Dettagli

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Programma Operativo Regione 2007-2013 Direttiva per la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo RILANCIARE L

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

PROGETTO ASTRO IFTS -DETTAGLIO UF

PROGETTO ASTRO IFTS -DETTAGLIO UF UF 1 PROGETTO ASTRO IFTS -DETTAGLIO UF ANALISI DEL TERRITORIO DI RIFERIMENTO Orientamento alla figura professionale: - Introduzione alla figura di riferimento - Introduzione al settore turistico ( organizzazioni

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA MARZO 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2.

Dettagli

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO Fondo Sociale Europeo in sinergia con il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Programma Operativo Regione 2007-2013 Direttiva per la realizzazione di progetti di innovazione e sviluppo RILANCIARE L

Dettagli

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI ISTITUTO DI ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA CAVALESE (TN) INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI REDATTO A.S. 2012-2013 PREMESSA Ai sensi

Dettagli

Newsletter. Presentazione. Le attività dell Ente e la sua gestione: per una collaborazione costruttiva e per il miglioramento dei servizi alle aziende

Newsletter. Presentazione. Le attività dell Ente e la sua gestione: per una collaborazione costruttiva e per il miglioramento dei servizi alle aziende Newsletter 8 ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO Piazza M. d Azeglio, 13 50121 Firenze Tel 055 2466161 Fax 055 2466128 www.ebt.toscana.it SOMMARIO Forum sulla bilateralità 1 Rinnovo CCNL 1 Turismo Software

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi della Regione Toscana

Analisi dei fabbisogni formativi della Regione Toscana Analisi dei fabbisogni formativi della Regione Toscana Impostare una didattica efficace e congruente con le vocazioni occupazionali territoriali ha come prerequisito la verifica delle esigenze formative

Dettagli

Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche.

Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche. OBIETTIVI 2 giornate formative che permetteranno di: Il corso è rivolto agli imprenditori, ai responsabili commerciali e della comunicazione di aziende turistiche. Differenziarsi dalla concorrenza Identificare

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Organizzatore di congressi

Organizzatore di congressi identificativo scheda: 16-023 stato scheda: Validata Descrizione sintetica Il Tecnico dei servizi fieristico-congressuali si occupa dell ideazione, progettazione e organizzazione di eventi quali convegni,

Dettagli

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa.

SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. SCHEDA - ELEMENTI DESCRITTIVI DELL AZIONE FORMATIVA Progetto di Alta Formazione Professionalizzante Integrata in Alternanza Scuola-Impresa. Motivazione dell idea progettuale. Gli studenti degli Istituti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

Marchio di Qualità per le Agenzie di Viaggio e Turismo. Disciplinare. Le regole della qualità

Marchio di Qualità per le Agenzie di Viaggio e Turismo. Disciplinare. Le regole della qualità Marchio di Qualità per le Agenzie di Viaggio e Turismo 1 Disciplinare Il presente disciplinare individua i requisiti che le agenzie di viaggio e turismo devono soddisfare per acquisire il marchio di qualità.

Dettagli

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana

Le politiche regionali per la disciplina e lo sviluppo dell agriturismo in Toscana Consiglio Regionale della Toscana Valutazione delle politiche regionali Progetto di ricerca n. 2 Aprile 2008 a cura del Settore Analisi della Normazione. Biblioteca del Consiglio regionale Le politiche

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ALLEGATO II.1 INTRODUZIONE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA La presente Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di descrivere gli impegni che la Scuola di Formazione Snc assume

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Piano Formativo: Scheda Progetto. BaroQuE Qualità ed Eccellenza siciliana

Piano Formativo: Scheda Progetto. BaroQuE Qualità ed Eccellenza siciliana Piano Formativo: BaroQuE Qualità ed Eccellenza siciliana Scheda Progetto PREMESSA Il Piano che è un programma di formazione continua rivolto al personale delle aziende che operano nell area della Sicilia

Dettagli

Settori di attività economica

Settori di attività economica ELABORAZIONE DEI DATI QUALITATIVI Chiara Lamuraglia 1. Premessa Al fine di ottenere informazioni di carattere qualitativo che consentissero di interpretare e leggere in modo più approfondito i dati statistici,

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli