PECOS4SMEs D2.1 Country Report ITALY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PECOS4SMEs D2.1 Country Report ITALY"

Transcript

1 PECOS4SMEs D2.1 Country Report ITALY Work Package 2 Version /04/2013 Project PECOS4SMEs Author(s) EM Elisa Gazzara; Gianluca Coppola Reviewer(s) This project has been funded with support from the European Commission. This document reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.

2 Circulation List Person Name Gianluca Coppola Christos Anthis Onno Hansen Kenny Payne Robert Sanders Małgorzata Mikłosz Dimitris Diamantis Organization Name Eurocrea Merchant CrystalClearSoft OHENNENNOH BV OAKE Associates European Business & Innovation Centre Network (EBN) DANMAR COMPUTERS FAVINOM Consultancies Revision History Version Date Author Description Action Pages 0.1 Creation of the document C (*) Action: C = Creation, I = Insert, U = Update, R = Replace, D = Delete Referenced Documents ID Reference Title LLP-2012-GR-Leonardo-LMP PECOS4SMEs Proposal LLP-2012-GR-Leonardo-LMP Evaluation Comments Applicable Documents ID Reference Title 1 FAVINOM Consultancies QMS Quality Management Procedures D2.1 Country Reports Page: 2 of 51

3 Executive Summary This document forms the Country Report for the Implementation of the PECOS4SMEs Project (henceforth, Project ). Southern Europe SMEs lack the needed knowledge to take advantage of the e-commerce potential resulting in Southern Europe lagging within the e-business area. PECOS4SMEs will develop a training programme concentrated on the provision of suitable knowledge and tools, which the SMEs can use to increase cross border e-commerce revenue. This includes changing sales and marketing strategies and new types of organisation and knowledge about e- Commerce technologies in a future world dominated by pervasive Internet. The promotion of useful e-commerce strategies for SMEs includes transfer of knowledge and practices from top performing countries in e-commerce to lagers thus bridging the cross border sales gap between Northern and Southern Europe and helping the economic recovery of the hard hit South. As a consequence of the introduction of new technologies and concepts facilitating cross border e-commerce, (e.g. effective link building, search engine user attitudes etc.), SMEs will make their businesses more profitable and improve their ICT and methodological competence for interactive and collaborative learning. The project is co-funded by the Education and Culture DG under the Lifelong Learning Programme, Leonardo Multilateral projects. The present document contains information and conclusions regarding the state of play of SME e-commerce culture per participating country. D2.1 Country Reports Page: 3 of 51

4 Document Glossary Term Description SME PPC IT Small Medium Enterprises Pay per click Information Technology D2.1 Country Reports Page: 4 of 51

5 TABLE OF CONTENTS PECOS4SMES D2.1 COUNTRY REPORT ITALY INTRODUCTION PURPOSE OF THE COUNTRY REPORT SCOPE OF THE PROJECT PROJECT OBJECTIVES STUDY METHODOLOGY SELECTION CRITERIA COUNTRY REPORT: ITALY CONSUMERS e-commerce Awareness Cross-border purchases SMES... ERROR! BOOKMARK NOT DEFINED SMEs e-commerce Awareness SELLING OUT OF DOMESTIC BORDERS SELLING OUT OF DOMESTIC BORDERS THROUGH E-COMMERCE GENERAL CONCLUSIONS... ERROR! BOOKMARK NOT DEFINED E-Commerce obstacles and SMEs e-commerce related worries e-commerce assistance GENERAL CONCLUSIONS PROVISION OF E-COMMERCE RELATED TRAINING IN: [ITALY] ONLINE RESOURCES OTHER RESOURCES (E.G. INFO DAYS, PUBLICATIONS, SEMINARS) BEST PRACTICES IN CROSS BORDER E-COMMERCE TRAINING IN: ITALY COUNTRY REPORT FOR [ITALY] ANNEX 1 PECOS4SMES CONSUMERS QUESTIONNAIRE CHARTS Q1: CONSUMERS Q2. DO YOU SHOP ONLINE ON FOREIGN WEBSHOPS? Q3. IF THE ANSWER TO PREVIOUS QUESTION IS "NO", THEN PLEASE CHOOSE THE REASON(S): Q4. IF THE ANSWER TO Q1 IS "NO", WOULD YOU BE MORE OPEN TO CROSS-BORDER PURCHASES IF [THE SAME RULES WOULD APPLY IN THE EUROPEAN UNION, NO MATTER WHETHER IT IS IN [YOUR COUNTRY] OR ABROAD?] IN SUCH TRANSACTIONS UNIFORM EUROPEAN RULES WOULD APPLY IRRESPECTIVE OF WHERE THE SELLER/PROVIDER IS ESTABLISHED Q5. DO YOU UNDERSTAND WHAT IS MEANT BY THE TERM 128/ 256 BIT ENCRYPTION D2.1 Country Reports Page: 5 of 51

6 Q6. IF YOU ANSWERED YES TO THE PREVIOUS QUESTION, WHICH ENCRYPTION METHOD DO YOU CONSIDER TO BE THE SAFEST? Q7. DO YOU KNOW WHERE TO GET INFORMATION AND ADVICE ABOUT CROSS-BORDER SHOPPING IN THE EUROPEAN UNION? Q8. FROM WHICH OF THE FOLLOWING EU COUNTRIES HAVE YOU MADE ONLINE PURCHASES IN THE LAST 3 YEARS: Q9. WHICH OF THE FOLLOWING FEATURES DO YOU CONSIDER IMPORTANT WHEN SHOPPING ONLINE <0: NOT IMPORTANT - 5: VERY IMPORTANT>: Q10. WHEN COMMUNICATING WITH A CROSS-BORDER VENDOR, WHICH MEANS OF COMMUNICATION ARE IMPORTANT TO YOU? <0: NOT IMPORTANT - 5: VERY IMPORTANT>: Q11. WHICH WEBSITE ELEMENTS ARE IMPORTANT TO YOU WHEN SHOPPING GAT A CROSS-BORDER VENDOR? <0: NOT IMPORTANT - 5: VERY IMPORTANT>: Q12. IF VARIETY OF PAYMENT METHODS IS A CRITERIUM FOR YOU TO SHOP ONLINE FROM A CROSS-BORDER VENDOR, THEN WHICH PAYMENT METHOD(S) ARE YOU LOOKING FOR: Q13. WOULD YOU SHOP FROM A CROSS-BORDER E-COMMERCE SITE THAT DID NOT FULLY MEET YOUR CRITERIA IF THE PRICES WERE LOWER? ANNEX 2 PECOS4SMES VENDORS QUESTIONNAIRE CHARTS Q1: VENDORS Q2. WHICH OF THESE INDUSTRIES BEST DESCRIBES YOUR BUSINESS ACTIVITIES? Q3. DO YOU SELL PRODUCTS TO FOREIGN CLIENTS? Q4. DO YOU SELL SERVICES TO FOREIGN CLIENTS? Q5. WHAT CONCERNS DO YOU HAVE WHEN IT COMES TO CROSS BORDER SALES? Q7. DO YOU SELL ONLINE AT ALL? Q8. FROM WHICH OF THE FOLLOWING EU COUNTRIES HAVE YOU TRADED WITHIN THE PAST 3 YEARS? Q9. WHAT PERCENTAGE OF YOUR SALES DO YOU CONSIDER DOMESTIC SALES AND EXPORT SALES? Q10. WHAT LEVEL OF E-COMMERCE DO YOU OPERATE? Q11. IS THE E-COMMERCE SYSTEM YOU USE DONE IN HOUSE OR OUTSOURCED? Q12. INDICATE HOW CONFIDENT YOU ARE WHEN YOU GET YOUR SERVICES/PRODUCTS TO THE WEB THROUGH: Q13. WHICH OF THE FOLLOWING E-COMMERCE CONCEPTS ARE YOU FAMILIAR WITH? Q14. DO YOU KNOW HOW TO MAKE YOUR ONLINE OFFERINGS INTERACT WITH SEO AND/OR PPC? Q15. ARE YOU FAMILIAR WITH THE USE OF COOKIES FOR PERSONALISATION? Q16. ARE YOU CURRENTLY USING ANY METRICS OR PERFORMANCE INDICATORS TO MEASURE YOUR SALES PERFORMANCE? Q17. PLEASE INDICATE HOW CONFIDENT YOU ARE WITH YOUR UNDERSTANDING OF THE FOLLOWING Q18. DO YOU HAVE POLICIES ON SALES OR RETURNS? Q19. WHAT ARE THE BARRIERS TO YOU IN EXPANDING YOUR E-COMMERCE PROVISION? Q20. WHERE DO YOU SOURCE EXPORT/SALES INFORMATION? Q21. IS LANGUAGE A BARRIER TO CROSS BORDER E-COMMERCE? D2.1 Country Reports Page: 6 of 51

7 Q22. FROM WHICH OF THE FOLLOWING EU COUNTRIES HAVE YOU PURCHASED PRODUCTS/SERVICES DURING THE PAST 3 YEARS? Q23. WHICH OF THE FOLLOWING FEATURES DO YOU CONSIDER IMPORTANT WHEN SELLING YOUR PRODUCTS/SERVICES ONLINE? Q24. WHEN COMMUNICATING WITH A CROSS-BORDER PURCHASER, WHICH MEANS OF COMMUNICATION ARE IMPORTANT TO YOU? Q25. WHAT ELEMENTS OF WEBSITE DESIGN DO YOU CONSIDER IMPORTANT? Q26. HAVE YOU USED ANY AUGMENTED REALITY APPLICATIONS SUCH AS WIKITUDE.ME? Q27. IF THE ANSWER TO PREVIOUS QUESTIONS WAS YES, THEN HAS IT BEEN USEFUL? Q28. DO YOU AGREE THAT THE FOLLOWING MAKE UP A SUCCESSFUL E-COMMERCE VALUE PROPOSITION ENCOURAGING THE CUSTOMER TO BUY FROM YOU? Q29. WHICH OF THE FOLLOWING KEY FACTORS DO YOU CONSIDER MORE IMPORTANT IN SELECTING A PACKAGE FOR FACILITATING AN E-COMMERCE SYSTEM? Q30. DO YOU FEEL CONFIDENT IN YOUR UNDERSTANDING OF THE DIFFERENT FACTORS THAT AFFECT YOUR SITE S SPEED, CAPACITY AND SCALABILITY? Q31. CONSIDERING ALL YOUR RESPONSES WHAT INFORMATION/ASSISTANCE WOULD BEST SUIT YOUR BUSINESS TO BE MORE E-COMMERCE PROACTIVE DOMESTICALLY? Q32. CONSIDERING ALL YOUR RESPONSES WHAT INFORMATION/ASSISTANCE WOULD BEST SUIT YOUR BUSINESS TO BE MORE E-COMMERCE PROACTIVE CROSS BORDER (EXPORT)? Q33. IF THIS PROJECT COULD DESIGN A COURSE OR PROVIDE YOU WITH MORE INFORMATION TO ENHANCE YOUR KNOWLEDGE/SKILLS IN E-COMMERCE WOULD YOU BE INTERESTED? Q34. HOW MANY HOURS WOULD YOU BE PREPARED TO DEVOTE TO LEARNING? Q35. WOULD YOU BE INTERESTED IN THE RESULTS OF THIS PROJECT? D2.1 Country Reports Page: 7 of 51

8 1. Introduction 1.1. Purpose of the Country Report The current deliverable concerns the elaboration, following the appropriate focus groups/interviews and desk research in each participating country, of 7 Country reports depicting the current situation in the partner countries with regards to the e- Commerce culture of SMEs, particularly in relation to cross border sales, and the provision of cross border e-commerce related training. The reports will identify and analyse all relative training that could be of use to SMEs for increasing cross border e- Commerce. For this purpose, a set of criteria for an e-commerce course to be SME oriented will be defined and a comparison matrix will be created to be used as a common tool for the assessment of all the courses. The outcome of the analysis work for the elaboration of the country reports will also lead to the identification of best practices with respect to cross border e-commerce training and a listing with the most important website features and e-commerce strategies facilitating cross border e-commerce sales Scope of the project PECOS4SMEs will develop an innovative training system bringing new types of organisation and knowledge about e-commerce technologies and trends and concentrated on transforming Internet trends into applicable tools for SMEs to change sales and marketing strategies. The approach to training SMEs is based on their situation (sector, financial capability, educational background, geographical location, existing infrastructure, etc.). After completion of the training, SMEs are expected to be able to engage foreign consumers by successfully implementing e-commerce strategies designed specifically for them Project Objectives The specific purpose of the proposed project is the development of e-commerce oriented material delivered through a training system targeting solely SMEs and the deriving needs (e.g. websites friendlier to the foreign consumer, order tracking process, clear dispatch and return policies, etc.) with respect to effective use of the Internet as a sales channel. This includes changing sales and marketing strategies and new types of organisation and knowledge about e-commerce technologies in a future world dominated by pervasive Internet. PECOS4SMEs, in particular, aims to support European SMEs to: Raise awareness and interest about cross border e-commerce. Learn more about the risks associated with online payments. Learn more about the uses of the Internet as a revenue channel. Analyse the knowledge development in the SME and see the strategic perspectives of this knowledge in the context of the business strategy. Integrate e-commerce in business planning and innovation strategies. Get the strategies written down, so they are not just ideas, but an active choice, which can be communicated and understood by SMEs. Get the strategies incorporated in practical procedures that can be constantly updated. Be aware of the European cross-border trade legislation and provisions of consumer rights. D2.1 Country Reports Page: 8 of 51

9 An additional goal is to make it easier and less costly for businesses, particularly small and medium-sized enterprises (SMEs), to do business abroad and to enable consumers to reap the full benefit of the Single Market. This goal is aligned with the Europe 2020 strategy launched on 3 March 2010 (IP/10/225) and with which the Commission is currently tackling bottlenecks in the Single Market to drive economic recovery. D2.1 Country Reports Page: 9 of 51

10 2. Study Methodology The study methodology is depicted in the figure below: Figure 1: Study Methodology The current deliverable belongs to the National Phase (T2.1 National Phase: Country report on e-commerce state of play) on the methodology which comprises in total 3 distinct deliverables: - D2.1 7 Country Reports - D2.2 - A vocabulary list and a list including words and phrases commonly used in e- Commerce - D2.3 - On-line database of existing e-commerce related training courses and resources (e.g. for example web site usability and accessibility, search engine marketing/search engine optimisation training, etc.) D2.1 Country Reports Page: 10 of 51

11 The first step in the process is the identification and population of the project repository. The collection of information combines different methodologies to collect information, materials and data for WP2 deliverables: 1. Data-mining: gathering, selecting and treating information to transform it into knowledge. 2. Questionnaires or standardized forms as they are quantifiable. 3. In-depth focus groups with key actors to obtain contextualized information that allows a correct interpretation of quantifiable data. In this way the methodological approach on which PECOs4SMEs is based combines selfchecking and self-evaluation templates at several levels in a self-learning system on a technological platform, allowing users to choose different materials depending on their assessment and needs. During this analysis phase, at the end of both phases (national and transnational) a number of appropriate levels of e-commerce awareness will be identified. These levels will be used by the e-commerce Genie to classify the SME when generating the report highlighting the weak points of its current approach to e-commerce. Then, the elaborated strategy will focus on helping the SME propagate to the next level instead of just aiming to rush the SME at the highest level. This would be very problematic for SMEs that rank at the lowest level of e- Commerce awareness and need to do a lot of work to achieve the highest level. This can be very demanding and turn away the SME from trying to improve its e-commerce awareness situation. However, a phased approach can be more motivating for an SME especially since it will be possible for the SME to select the actions to implement in each phase in order to improve its e-commerce strategy. The e-commerce Genie will not only offer a personalised strategy for improving e-commerce approach, but it will also allow the SME to select which actions to perform and at what sequence. The actions will be divided into categories such as the ones below: Simple actions that can be implemented immediately without requiring an investment; Simple actions that can be implemented immediately, but require an investment; Actions that have prerequisites (other actions need to be implemented first), but require no investment; Actions that have prerequisites and require an investment Selection Criteria The selection criteria for populating the repository are derived from the combined set of requirements for the elaboration of each of the reports of the two phases. In the context of D2.1 Country Reports Page: 11 of 51

12 the current deliverable, the repository will be populated based on the requirements for the elaboration of the country reports. The depth of the country reports has been predefined by the analysis work for the elaboration of the two questionnaires supporting the needs identification phase. For the elaboration of the questionnaires the partners concluded with regards to the important issues to be investigated in the participants countries with regards to cross- border e-commerce and SMEs. Hence, in the next sub-section we present the TOC for the common structure of the country reports which is driven by the questions of the two questionnaires. The most important part of the present document are the conclusions which should depict the state of play and serve as the AS IS situation which will define the TO BE situation to be achieved after the implementation of the e-commerce strategies by the participating SMEs. D2.1 Country Reports Page: 12 of 51

13 3. Report nazionale: Italia 3.1. Consumatori Demografia dei consumatori: la maggior parte di loro appartiene alla fascia d età (la media è di 35 anni) e quasi tutti sono residenti in Italia Conoscenza dell e-commerce In generale si denota una certa consapevolezza relativamente alle opportunità offerte dall e-commerce. Anche chi dichiara di non aver mai acquistato online, afferma che le cause non sono da imputare a barriere linguistiche o alla mancanza di competenze informatiche. Semplicemente preferiscono effettuare I loro acquisti nei negozi fisici o nei mercati. Relativamente alla comprensione di concetti basilari del commercio online, i consumatori sembrano scarsamente preparati e desiderosi di apprendere maggiori elementi. Un esempio su tutti, il fatto che solo la metà di coloro che hanno risposto è in grado di reperire informazioni sulle politiche europee di vendita online. Anche aspetti tecnici, quale la sicurezza nelle transazioni, hanno poca possibilità di essere compresi fra gli utenti (i due terzi non sa cosa si intenda con crittografia a 128 o 256 bit) Acquisti oltre confine Frequenza di acquisto con l e-commerce: l e-commerce in Italia ha ancora un ampio potenziale di espansione. Ciononostante, gli italiani si sentono ancora molto scettici o poco familiari con esso, in quanto metà delle risposte riporta una frequenza di uso sporadica (almeno una volta all anno). Il 4% ha una frequenza di acquisto più alta: una o più volte alla settimana. Le maggiori preoccupazioni: c è ancora una buona fetta di italiani (il 19% del campione) che non acquista online perché vuole vedere e toccare il prodotto prima di acquistarlo o perché teme di essere vittima di frodi. Anche tra gli acquirenti online, una delle questioni più ricorrenti è la sicurezza nelle transazioni e la necessità di una maggiore chiarezza nelle politiche di ritorno della merce. Prezzi e offerte promozionali sono aspetti che non interessano tanto quanto i primi menzionati. Mentre per alcune tipologie di prodotto la presenza fisica sul luogo di acquisto è più rilevante che per altre, è pur vero che una buona parte di chi non acquista online sarebbe portata a farlo se le garanzie di sicurezza nelle transazioni fossero maggiori. Da quali Paesi di preferisce acquistare: L Italia è il primo mercato per gli italiani che acquistano online (il 90% ha dato tale risposta). Anche il Regno Unito attira molti acquirenti (57%). Il 30% degli intervistati acquista dal Belgio. IT, lingue straniere e Internet: La lingua, le mancanza di competenze nell IT, la connessione ad una rete Internet e la privacy sembrano aspetti che preoccupano davvero pochissimo gli acquirenti dell online. È questa l impressione che si ricava dai consumatori intervistati sulle ragioni dell eventuale non acquisto. Come già indicato, D2.1 Country Reports Page: 13 of 51

14 infatti, semmai i problemi riguardano la difficoltà di acquistare alcuni prodotti non vedendoli/provandoli prima o il timore che si incorra in episodi di raggiro. Glia spetti grafici: è abbastanza interessante rilevare che gli acquirenti non pongono molta attenzione agli aspetti di grafica del sito come l aspetto di professionalità, elementi di comunicazione (newsletter, chat) soprattutto laddove questi siano messi a confronto con elementi considerati ben più importanti come la sicurezza e l affidabilità nelle transazioni. Strumenti di contatto preferiti: le rimangono lo strumento di contatto più usato e questo probabilmente perché è tracciabile e comodo, in quanto dà agli acquirenti la possibilità di scrivere/contattare il venditore a prescindere dal luogo e dall orario di invio. In questa prospettiva, si può anche spiegare la preferenza per l uso delle carte di credito: nessuna restrizione geografica, nessuna (quasi) restrizione economica, velocità e sicurezza nella transazione Le PMI La demografia dei venditori: quasi il 40% dei partecipanti al sondaggio appartiene alla fascia d età e vive in Italia. La presenza di genere è equilibrata. I settori più rappresentati nel sondaggio sono quello dell accoglienza turistica (22%) e del commercio all ingrosso/al dettaglio (27%) La conoscenza delle potenzialità dell e-commerce La vendita fuori dai confini nazionali I prodotti: dai numeri rilevati dall indagine condotta, un gran numero di transazioni commerciali avviene all interno del territorio nazionale: circa il 40% dei venditori non ha mai venduto dei prodotti all estero. Nessuno di loro, tuttavia, lo fa con una frequenza che superi o sia uguale a una alla settimana. In generale, si può dire che i prodotti hanno una buona possibilità di essere venduti all estero, in quanto dai dati rilevati circa il 50% di questi è venduto almeno una volta all anno o al mese. I servizi: prendendo in considerazione il mercato dei servizi, invece, i valori di vendita riscontrati sono molto più bassi. Più del 70% dei venditori non ha mai venduto servizi a clienti stranieri. Il 20% li vende almeno una volta al mese o una volta all anno. Questo potrebbe forse essere dovuto alla difficoltà associata alla consegna di un servizio, che necessita di livelli di organizzazione, diffusione e logistica molto più complessi della spedizione di un prodotto. Secondo i venditori, commercializzare prodotti all estero implica una serie di difficoltà da superare. La principale, sempre secondo il sondaggio, riguarda il fatto che vendere prodotti a distanza non permette la costruzione di un forte rapporto fiduciario tra venditori e acquirenti. Come avevamo visto per il sondaggio fra i consumatori, il fatto di poter avere un contatto commercial diretto è molto importante. Un altro elemento di difficoltà che riguarda il commercio oltreconfine è che potrebbe capitare che questo indebolisca la reputazione aziendale e del brand o, ancora peggio, crearne una versione distorta o errata. Anche il costo amministrativo legato al D2.1 Country Reports Page: 14 of 51

15 pagamento con le carte di credito è considerato un ostacolo alla diffusione della vendita oltreconfine. Questo è forse dovuto al fatto che esso si aggiunge al prezzo del bene ed è un costo aggiuntivo non da tutti visto come giustificabile. Secondo il 70% dei venditori coinvolti, anche le difficoltà legate alla consegna del prodotto limitano la vendita oltre confine. Le competenze informatiche occupano il quarto posto nella lista delle difficoltà riscontrabili nel commercio online. Vengono riconosciute come una criticità nell accesso e si considererebbe interessante aumentare le loro conoscenze di queste fra i proprietari/dipendenti di PMI. Tutti gli aspetti suggeriti nel questionario meriterebbero, secondo gli intervistati, un approfondimento. Vendita fuori dai confini nazionali attraverso l e-commerce Interrogati sui comportamenti specifici della vendita online, il 76% dei commercianti afferma di non aver mai venduto beni o servizi all estero attraverso internet. Ciò significa che un numero davvero significativo di PMI non fa alcun utilizzo delle opportunità offerte dall e-commerce, ma che piuttosto vende all estero in maniera non continuativa e dietro la stipula di accordi personali/bilaterali. Quasi tutte le PMI hanno sviluppato rapporti commerciali sul suolo italiano negli ultimi tre anni. Gli altri Stati rappresentano un mercato che varia dal 30 al 50%. Per ciò che riguarda i Paesi dai quali si acquista la merce, ancora il 100% spetta al territorio nazionale mentre altri Paesi come il Regno Unito e la Polonia rappresentano una fetta rispettivamente del 46% e del 26%. Ancora l export pesa per poca misura nel fatturato delle PMI e questo può essere in parte dovuto alla scarsa presenza nel mercato online. I due aspetti sembrano evolvere in parallelo: sviluppare il potenziale e il fatturato delle PMI significa anche lanciarsi nel mercato online. L implementazione dell e-commerce è ancora a livelli bassi: sistemi di armonizzazione sono presenti solo in poche realtà. Molto spesso ci troviamo davanti a imprese che tendono a sviluppare un sistema di fornitura e logistico basato su rapporto diretti e bilaterali fra venditore e compratore. Molto di frequente è un terzista a gestire tutto l aspetto di e-commerce di un azienda. Solo il 40% delle PMI lo considera un asset aziendale da sviluppare al proprio interno e questo spiega la difficoltà nel proporre un elevato grado di professionalità. Relativamente alla conoscenza di strumenti e tecniche di vendita online, ci si affida troppo spesso alla semplice presentazione del prodotto. Più ci si addentra in tecniche raffinate di vendita, minore è il livello di consapevolezza riscontrato fra le PMI (ad esempio sulla capacità di integrazione di vari canali di comunicazione). Anche sulla conoscenza di concetti relative all e-commerce, si scopre che il più semplice è anche il quasi solo conosciuto, e cioè la creazione di pagine web. Con percentuali molto più basse, si registra la conoscenza di termini quali modelli di e- commerce e usabilità dei siti. Strumenti di grande importanza quale data mapping, suggerimenti per gli acquisti personalizzati e open software non sono noti a nessuno degli intervistati. D2.1 Country Reports Page: 15 of 51

16 Andando ancora più nello specifico, strumenti e strategie di IT atte ad aumentare il potenziale di vendita hanno scarsissimo riscontro: Wikitude.me, Cookie per la personalizzazione, misurazione della performance, capacità, scalabilità dei siti web. L attrattività dei siti internet, un concetto più profondo che va oltre che la semplice costruzione di un sito, è un aspetto che trova le PMI italiane abbastanza impreparate: alcune di esse non hanno assolutamente idea di come rendere il loro sito più capace di muovere all acquisto. Un aspetto da valutare positivamente è che quasi tutte le PMI hanno una politica di ritorno merce applicata al loro interno. Questo garantisce al consumatore di potersi fidare del comportamento della PMI, o comunque di avere i motivi per farlo. È chiaro che un atteggiamento di trasparenza facilita l espansione dell e-commerce, avvicinandolo sempre più al mercato fisico dove queste regole vigono. e telefono rappresentano ancora i canali di contatto più importanti per comunicare con i consumatori. Skype, che è associate alla sfera Internet, ottiene un riscontro di utilizzo più basso. Arrivando al tema degli aspetti grafici di un sito considerati imprescindibili per chi volesse vendere i propri prodotti/servizi, al primo posto troviamo l aspetto professionale evocato dal sito stesso. Tale caratteristica, secondo le PMI che hanno preso parte all indagine, è da attribuire alla scelta del layout della pagina web e alla pubblicazione di certificati di sicurezza. Questi aspetti lavorano insieme nel produrre nell acquirente quella sensazione di affidabilità e sicurezza che facilitano l instaurarsi del rapporto fiduciario e del conseguente processo di acquisto. I venditori ritengono che le offerte su Internet diventino davvero vantaggiose nel momento in cui esse aiutano il consumatore a risparmiare sia in termini di costi ma anche in termini di tempo. Per questo il concetto di time-saving diventa cardinale nell e-commerce. Un altro aspetto molto importante, anche se non tanto quanto il primo, è l opportunità di avere un servizio/prodotto personalizzato e tagliato sulle specifiche esigenze. I venditori sono talmente certi del fatto che la comodità, la velocità e la convenienza siano le prime esigenze che un sito e-commerce debba essere in grado di soddisfare, che tra i primi elementi da tenere in considerazione nel concepire un sito indicano la funzionalità/praticità dello stesso. Da quest analisi deduciamo che le PMI hanno ancora una visione molto semplificata dell e-commerce: data per scontata la praticità di un sito, ancora non hanno sviluppato un idea più raffinata di marketing on line, considerando il web anche un luogo dove la reputazione, l esperienza di consumo, la personalizzazione e altri concetti potrebbero svilupparsi, oltre che la semplice vendita. Conclusioni generali Le PMI tendono ancora molto a sottostimare il potenziale dell e-commerce per quanto riguarda il mercato domestico. Questo appare evidente dalla bassa percentuale di fatturato attribuito alle vendite online. Le cifre scivolano ancora più verso il basso quando si vanno a vedere i numeri per ciò che riguarda il commercio extra nazionale. D2.1 Country Reports Page: 16 of 51

17 Questo avviene a prescindere dall età dei venditori (abbiamo visto che il campione si trova per lo più nella fascia anni, dando dunque per scontata una certa familiarità con Internet). Nessuna delle PMI oggetto di indagine affida all online più del 75% del suo fatturato. Inoltre, ancora metà delle PMI ci dice che non esiste al suo interno un sistema integrato in grado di processare la richiesta e l invio: l e il rapporto uno a uno dominano ancora il meccanismo. Questa impostazione, abbastanza dispendiosa in termini di tempo, rispecchia l intero approccio delle PMI all online: poco strutturato e non integrato in una strategia più ampia. La scarsità di competenze e la mancanza di fiducia nel sistema non permette agli imprenditori di cimentarsi in un nuovo livello di competizione con i paesi stranieri Gli ostacoli nell e-commerce Ostacoli all espansione online: le PMI, interrogate sugli ostacoli nell espansione dell online attribuiscono gran parte della colpa all incertezza economica. La mancanza di competenze specifiche indebolisce la presenza delle PMI nel commercio online (circa il 60% delle PMI ha scelto questa opzione ma è abbastanza interessante confrontarla con i dati precedente che testimoniano che nessuna delle PMI in realtà conosce elementi specifici del marketing online, quali ad esempio datamapping, wikitude.me etc.). Anche le restrizioni finanziarie sono da considerare come ostacoli, secondo le PMI (il 60% del campione circa). La specificità di un prodotto è anch essa considerata una barriera nella sua vendita tramite internet, ma in misura inferiore alle altre. La lingua è considerate un elemento critico dal 20% delle PMI, il 40% invece ritiene che lo sia ma solo in casi specifici. La parte restante (40%) non la considera in assoluto una problematica. Possiamo quindi vedere quanto la situazione sia estremamente frammentata e come, in ogni caso, ancora le differenze linguistiche e culturali siano spesse ancora vissute come un fattore di difficoltà, anziché una risorsa per la diversificazione dei canali commerciali Le preoccupazioni riferite all e-commerce Le preoccupazioni maggiori delle PMI riferite all e-commerce riguardano principalmente il rischio di essere vittima di episodi di frodi e di dover affrontare problematiche relative alla consegna/distribuzione di beni e servizi. Considerano quindi la sicurezza nelle transazioni e invii sicuri come le priorità da considerare nell affacciarsi sul mercato del commercio online. Questo è un aspetto molto importante da prendere in considerazione perché emerge con chiarezza un approccio ancora difensivo, quasi diffidente, riguardo l e-commerce. Le preoccupazioni pesano più dei potenziali benefici che la tecnologia potrebbe apportare L assistenza alle PMI sull e-commerce Dalle risposte fornite è evidente che le PMI in generale non si affidano per l assistenza nell affacciarsi su nuovi mercati con l e-commerce né a enti pubblici né a organismi di consulenza all investimento. Le realtà pubbliche o governative risultano o impreparate D2.1 Country Reports Page: 17 of 51

18 o sono percepite come troppo distanti nel poter fare fronte a dubbi e problemi delle aziende derivanti dall avvio di una strategia online. Il web e i contatti informali sono ancora i canali principali dai quali reperire informazioni. Certamente queste modalità accelerano i processi di acquisizione di informazioni ma d altro canto non garantiscono un alto livello di professionalità, di certezza dei dati e delle informazioni ottenute. Inoltre non agevolano la creazione di un network di contatti in quanto ciascuno agisce per suo proprio conto, senza creare sinergie. Internet e i rapporti informali sono certamente risorse importantissime per chi si voglia avvicinare all e-commerce, ma un livello di affidamento così alto fa pensare che l approccio non sia pianificato e professionale come dovrebbe. Le risposte ci confermano che i bisogni delle PMI certamente si potrebbero tradurre in un maggiore bisogno di formazione su come avviarsi al commercio online, sia a livello nazionale che internazionale. L alta percentuale di soggetti che si dicono potenzialmente interessati (86%) dimostra che la diffusione di maggiori informazioni su come pianificare una strategia di e-commerce sarebbe molto apprezzata. Formazione su market intelligence, supporto economico e creazione di un rapporto di fiducia cliente/venditore sono altri aspetti sui quali le PMI apprezzerebbero maggiori indicazioni. Più dei due terzi delle PMI coinvolte vorrebbero essere tenute aggiornate sull esistenza di un progetto in grado di fornire una formazione per potenziare le competenze di e-commerce. Il 26% è invece indeciso. Il 50% non sa esattamente quante ore sarebbero adatte/sufficienti a seguire tale training, ma solo l 8% ne dedicherebbe più di 40. Quasi tutti i partecipanti all indagine vorrebbe essere tenuto al corrente dei risultati della ricerca. Conclusioni generali Le PMI non sempre sembrano in grado di sviluppare una realistica e sincera auto analisi riferita ai loro limiti (di competenza, di capacità, etc.) e troppo spesso la loro debole presenza online è attribuita a fattori esterni (l incertezza economica, le scarse risorse finanziarie) più che interni. In realtà, infatti, fattori la cui esistenza è innegabile limiti economici e crisi commerciale diffusa dovrebbero essere fattori che stimolano la ricerca di nuovi mercati con investimenti relativamente limitati, anziché essere sempre e comunque vissuti solo come degli ostacoli. Le PMI scarseggiano di conoscenze e strategie che vadano oltre l orizzonte temporale di una modalità day-by-day. Fanno spesso ricorso a ad aiuti più o meno informali che però non garantiscono un supporto costante e strutturato. In questo senso, è anche da dire, sugli enti governativi/pubblici grava la colpa di non essere in grado di accompagnare le PMI in un percorso di crescita ed espansione che permetta loro di sviluppare tutto il potenziale nascosto. D2.1 Country Reports Page: 18 of 51

19 4. Provision of e-commerce related training in: [Italy] E-commerce training are numerous in terms of appearance in searches and are mainly delivered via web platforms. The main aspects identified are a strong accent regarding marketing tools and instruments to get as much of visitors and buyers as possible, while lacking of information about privacy and security, rules about selling and returning policies, information even general ones about countries specificity. For example very scarce information is provided about EU consumer s rights or even about price legislation. 4.1 Online resources MASTER ONLINE IN STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE Come progettare e gestire un e-commerce di successo NetComm Suisse Corso ecommerce SUPSI E-commerce Corso di Joomla! e Virtuemart Web Marketing Garden CEGOS B2Commerce Viterbo Chamber of Commerce Univesity of Venice /Viterbo---E-commerce-e-web-marketing--corso-di-altaformazione.htm 4.2 Other resources (e.g. info days, publications, seminars) Main Events/forum/trade exposition about e-commerce innovation: SMAU ECOMMERCE NETCOM FORUM E-COMMERCE TORINO ecommerce Mastery Publications D2.1 Country Reports Page: 19 of 51

20 List of publications available tackling the e-commerce/online selling issue: D2.1 Country Reports Page: 20 of 51

21 5. Best practices in cross border e-commerce training in: Italy D2.1 Country Reports Page: 21 of 51

22 6. Country Report for [Italy] 6.1 ANNEX 1 PECOS4SMES Consumers Questionnaire Charts Q1: Consumers Country*: 50 Italy 2 Belgium 1 France Gender: 15 men 38 women Age: average 35 Q2. Do you shop online on foreign webshops? D2.1 Country Reports Page: 22 of 51

23 Q3. If the answer to previous question is "No", then please choose the reason(s): D2.1 Country Reports Page: 23 of 51

24 Q4. If the answer to Q1 is "No", would you be more open to cross-border purchases if [the same rules would apply in the European Union, no matter whether it is in [your country] or abroad?] in such transactions uniform European rules would apply irrespective of where the seller/provider is established D2.1 Country Reports Page: 24 of 51

25 Q5. Do you understand what is meant by the term 128/ 256 bit encryption? D2.1 Country Reports Page: 25 of 51

26 Q6. If you answered Yes to the previous question, which encryption method do you consider to be the safest? D2.1 Country Reports Page: 26 of 51

27 Q7. Do you know where to get information and advice about cross-border shopping in the European Union? D2.1 Country Reports Page: 27 of 51

28 Q8. From which of the following EU countries have you made online purchases in the last 3 years: D2.1 Country Reports Page: 28 of 51

29 Q9. Which of the following features do you consider important when shopping online <0: not important - 5: Very important>: D2.1 Country Reports Page: 29 of 51

30 Q10. When communicating with a cross-border vendor, which means of communication are important to you? <0: not important - 5: Very important>: D2.1 Country Reports Page: 30 of 51

31 Q11. Which website elements are important to you when shopping gat a cross-border vendor? <0: not important - 5: Very important>: D2.1 Country Reports Page: 31 of 51

32 Q12. If variety of payment methods is a criterium for you to shop online from a cross-border vendor, then which payment method(s) are you looking for: D2.1 Country Reports Page: 32 of 51

33 Q13. Would you shop from a cross-border e-commerce site that did not fully meet your criteria if the prices were lower? D2.1 Country Reports Page: 33 of 51

34 6.2 ANNEX 2 PECOS4SMES Vendors Questionnaire Charts Q1: Vendors Country * : 76 Italy Gender: 43 men 33 women Age: age: 26; age: 30; age: 14; more than 65: 4 Q2. Which of these Industries best describes your business activities? D2.1 Country Reports Page: 34 of 51

35 Q3. Do you sell products to foreign clients? Q4. Do you sell services to foreign clients? D2.1 Country Reports Page: 35 of 51

36 Q5. What concerns do you have when it comes to cross border sales? Q6. As you have indicated ICT skills as a potential concern please indicate what you consider your weaknesses are or what would benefit you? D2.1 Country Reports Page: 36 of 51

37 Q7. Do you sell online at all? Q8. From which of the following EU countries have you traded within the past 3 years? D2.1 Country Reports Page: 37 of 51

38 Q9. What percentage of your sales do you consider domestic sales and export sales? Q10. What level of e-commerce do you operate? D2.1 Country Reports Page: 38 of 51

39 Q11. Is the e-commerce system you use done in house or outsourced? Q12. Indicate how confident you are when you get your services/products to the web through: D2.1 Country Reports Page: 39 of 51

40 Q13. Which of the following e-commerce concepts are you familiar with? Q14. Do you know how to make your online offerings interact with SEO and/or PPC? D2.1 Country Reports Page: 40 of 51

41 Q15. Are you familiar with the use of Cookies for personalisation? Q16. Are you currently using any metrics or performance indicators to measure your sales performance? D2.1 Country Reports Page: 41 of 51

42 Q17. Please indicate how confident you are with your understanding of the following Q18. Do you have policies on sales or returns? D2.1 Country Reports Page: 42 of 51

43 Q19. What are the barriers to you in expanding your e-commerce provision? Q20. Where do you Source Export/Sales Information? D2.1 Country Reports Page: 43 of 51

44 Q21. Is language a barrier to cross border e-commerce? Q22. From which of the following EU countries have you purchased products/services during the past 3 years? D2.1 Country Reports Page: 44 of 51

45 Q23. Which of the following features do you consider important when selling your products/services online? Q24. When communicating with a cross-border purchaser, which means of communication are important to you? D2.1 Country Reports Page: 45 of 51

46 Q25. What elements of website design do you consider important? Q26. Have you used any augmented reality applications such as Wikitude.me? D2.1 Country Reports Page: 46 of 51

47 Q27. If the answer to previous questions was Yes, then has it been useful? Q28. Do you agree that the following make up a successful e-commerce value proposition encouraging the customer to buy from you? D2.1 Country Reports Page: 47 of 51

48 Q29. Which of the following key factors do you consider more important in selecting a package for facilitating an e-commerce system? Q30. Do you feel confident in your understanding of the different factors that affect your site s speed, capacity and scalability? D2.1 Country Reports Page: 48 of 51

49 Q31. Considering all your responses what information/assistance would best suit your business to be more e-commerce proactive DOMESTICALLY? Q32. Considering all your responses what information/assistance would best suit your business to be more e-commerce proactive CROSS BORDER (EXPORT)? D2.1 Country Reports Page: 49 of 51

50 Q33. If this project could design a course or provide you with more information to enhance your knowledge/skills in e-commerce would you be interested? Q34. How many hours would you be prepared to devote to learning? D2.1 Country Reports Page: 50 of 51

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects

Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects Training Seminars Cooperate for an intelligent, sustainable and inclusive growth Trasform opportunities into projects PRESENTATION Innovation plays a key role within the European political agenda and impacts

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO

UNITA DI MISURA E TIPO DI IMBALLO Poste ALL. 15 Informazioni relative a FDA (Food and Drug Administration) FDA: e un ente che regolamenta, esamina, e autorizza l importazione negli Stati Uniti d America d articoli che possono avere effetti

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni:

Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: premium access user guide powwownow per ogni occasione Making a Call Per effettuare una chiamata in conferenza, seguire queste semplici istruzioni: 1. Tell your fellow conference call participants what

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Queste istruzioni si trovano in italiano a pagina 4 di queste note informative.

Queste istruzioni si trovano in italiano a pagina 4 di queste note informative. Authorising a person or organisation to enquire or act on your behalf Autorizzazione conferita ad una persona fisica o ad una persona giuridica perché richieda informazioni o agisca per Suo conto Queste

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte

IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte IBM Cloud Computing - esperienze e servizi seconda parte Mariano Ammirabile Cloud Computing Sales Leader - aprile 2011 2011 IBM Corporation Evoluzione dei modelli di computing negli anni Cloud Client-Server

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Abbiamo un problema? 17/10/2012 ASPETTI LEGALI NELLE ATTIVITA SUBACQUEE BOLZANO 12 OTTOBRE 2012

Abbiamo un problema? 17/10/2012 ASPETTI LEGALI NELLE ATTIVITA SUBACQUEE BOLZANO 12 OTTOBRE 2012 ASPETTI LEGALI NELLE ATTIVITA SUBACQUEE BOLZANO 12 OTTOBRE 2012 La prevenzione primaria per la sicurezza delle attività subacquee professionali: risvolti procedurali, operativi, medici ed assicurativi

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli