Mettiti in gioco anche tu, per costruire insieme la Campania nuova.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mettiti in gioco anche tu, per costruire insieme la Campania nuova."

Transcript

1 Mi chiamo Gennaro Migliore, sono nato a Casoria nel Ho una moglie e due figli, che vanno entrambi ancora a scuola. Mio padre faceva il bigliettaio, mia madre la casalinga, ho due fratelli ai quali sono molto legato. Sono stato uno studente pendolare come tanti, di quelli per capirci che dall area nord della Provincia andavano tutti i giorni a Napoli per seguire i corsi all Università; lì si è radicata anche gran parte della mia attività politica, cominciata quando ero ancora uno studente liceale al Brunelleschi di Afragola. Sono laureato in fisica, una materia che amo molto perchè richiede impegno e pazienza ed assomiglia alla buona politica, quella che preferisce comprendere bene i fenomeni prima di trarre conclusioni facili o soluzioni affrettate. Ho deciso di candidarmi alle primarie del Centrosinistra come candidato a Presidente della Campania, perché negli ultimi anni questa regione è stata devastata da una classe politica anonima, che non ha lasciato un segno, non ha saputo costruire nulla. La Campania è caduta nella mediocrità e nel grigiore. E arrivato il momento di risollevarla e di cambiare verso. In questi anni, pur avendo grandi responsabiità politiche ed istituzionali nazionali, non ho mai abbandonato la mia terra, ed ho cercato di rappresentarla al meglio in un clima generale di diffidenza e di abbandono. Oggi voglio dare nuovamente il mio contributo diretto, perchè credo che chi ha avuto esperienze significative in Italia e all Estero debba sentire la responsabilità di tornare e mettere a disposizione le proprie competenze. Voglio contribuire alla nascita di una nuova classe dirigente, mettere in campo una nuova generazione, che non ha scheletri nell armadio, è competente, innovativa, al servizio dei cittadini. La Campania è una regione di persone perbene mortificate da gestioni fallimentari e da una politica miope. Noi abbiamo idee, forze, energie e capacità per farla ripartire. Vogliamo uscire dal grigiore, vogliamo mettere in movimento la Campania, darle una scossa, riportarla in una dimensione internazionale; noi non vogliamo perdere più tempo. Oggi più che mai la Campania ha bisogno di un amministrazione pubblica efficiente e trasparente, per liberare tutte le straripanti energie degli uomini e le donne di questa terra. Noi vogliamo rappresentare quell innovazione politica che non c è stata nel corso di tutti questi anni, avviare senza remore il cambiamento necessario. Non vogliamo essere solo una candidatura in più, noi rappresentiamo una generazione intera che vuole riscattarsi e far rinascere la propria terra. Il nostro non è un programma elettorale illeggibile e irrealizzabile, ma l insieme di una serie di priorità e proposte praticabili di cui la Regione ha bisogno per tornare a essere punto di riferimento per le persone che la abitano.

2 Mettiti in gioco anche tu, per costruire insieme la Campania nuova.

3 l presente è il tempo migliore, Le nostre idee per la Campania nuova La rivoluzione del trasporto pubblico locale Una carta dei diritti e dei doveri per i pendolari Completare il Piano della Metropolitana Regionale del 2002 Un nuovo assetto industriale e patrimoniale delle società del trasporto su ferro e su gomma Investimenti su nuovi mezzi di trasporto, riqualificazione di quelli dismessi, difesa di eccellenze industriali come Irisbus e Firema Garantire la sicurezza degli utenti e contrastare fenomeni di bullismo, microcriminalità e violenza Il diritto alla salute, codice rosso per la Sanità in Campania Far valere il criterio dello svantaggio sociale ed economico nelle trattative con il Governo per il riparto del fondo sanitario nazionale Utilizzo pieno dei fondi per i programmi di prevenzione Un nuovo piano ospedaliero, che eviti duplicazioni e che si accompagni ad una nuova rete di distretti integrati dell emergenza Gli Health points: rete territoriale diffusa perle cure primarie, la diagnostica e prevenzione ambulatoriale, per abbattere le liste d attesa, diminuire i ricoveri impropri, avvicinare la sanità ai cittadini Realizzare una rete pediatrica e neonatologica più efficiente, chiudendo i punti nascita con meno di 1000 nati per anno Sanità domiciliare per anziani e diversamente abili Ospedalizzare i Policlinici, combattere le rendite di posizione accademica, trasferire il Policlinico SUN a Caserta Soppressione del super ticket, compartecipazione in base al reddito e al numero dei componenti del nucleo familiare Superamento del blocco del turn over e regolarizzazione dei precari Contrasto alla mobilità passiva extra regionale attraverso l integrazione tra le strutture pubbliche e la buona sanità privata. Controlli rigorosi sulle strutture sanitarie pubbliche e private e riconversione ad altre funzioni assistenziali (hospice, R.S.A.) di quelle inefficienti

4 Tessera sanitaria per stranieri irregolari (il diritto alla salute è per tutti) Nuovo modello di selezione, pubblico e trasparente, dei vertici manageriali delle aziende sanitarie, durata e compensi dei contratti basati sul raggiungimento di obiettivi di gestione economica, di garanzia dei LEA, di customer satisfaction I fondi europei , non sprecare l ennesima occasione Recuperare i ritardi della programmazione 2007/2013 Il Fondo Sviluppo e Coesione come strumento finanziario per realizzare una visione economico produttiva dentro un progetto di crescita, occupazione, benessere rafforzare la capacity building della macchina regionale, semplificare, sburocratizzare, velocizzare (i ruoli di responsiabilità vincolati al raggiungimento dei risultati programmati) Rafforzare il sistema di controlli (controllo di gestione e Autorità di Audit) per contrastare corruzione e opacità amministrativa Rafforzare le Autorità di Gestione e la Task Force Coesione Centralizzazione delle procedure pubbliche per la selezione del soggetto di assistenza tecnica al POR attraverso la Consip Semplificazione del quadro dei Soggetti Attuatori e valorizzazione dei corpi intermedi quali terzi attuatori Riorentare il lavoro del Tavolo di Partenariato economico sociale attraverso la sperimentazione di forme di partenariato discendente Utilizzare la modalità monofondo per la stesura dei Programmi Operativi e incrociare i diversi strumenti finanziari che potenzialmente insistono sullo stesso ambito tematico. Ogni Obiettivo Tematico deve prevedere impegni e ricadute su FESR, FSE, FSC, Programmi a Sportello Bruxelles Cogliere le opportunità offerte dai fondi diretti comunitari e dalla Banca Europea dei Investimenti, aumentando la capacità progettuale regionale in house Basta con i commissariamenti Restituire alle responsabilità delle istituzioni politiche territoriali ed alle decisioni democratiche dei cittadini tutte le gestioni commissariali in atto: Pompei, la Reggia di Caserta, il teatro San Carlo, il Porto di Napoli, Bagnoli, il termovalorizzatore di Salerno, gli impianti di collettamento e depurazione di Acerra, Marcianise, Napoli Nord, Foce Regi Lagni e Cuma, la razionalizzazione e al riordino delle società partecipate regionali nel settore del trasporto pubblico Garantire trasparenza assoluta nella rendicontazione e nelle spese

5 La bellezza ci salverà Distretto produttivo della creatività (credito d imposta, incubatori d impresa, nuove tecnologie) Riforma radicale della Campania Film Commission e realizzazione di Cineporti regionali Hand Made in Campania, una piattaforma e commerce ed un brand etico che aiuti l artigianato locale all internazionalizzazione Pompei, realizzazione del grande progetto regionale attraverso un crono programma concordato di interventi, sviluppare la sinergia pubblico privato, sostenere nuovi investimenti sulle infrastrutture ed i servizi di accompagnamento per turisti e indotto Siti culturali regionali gratis per gli over 65, gli studenti, i disoccupati e inoccupati Museo delle migrazioni di ieri e di oggi Museo di storia della Città di Napoli La sostenibilità ambientale come premessa dello sviluppo Completamento della bonifica dei Regi Lagni Utilizzare i fondi strutturali per costruire una filiera imprenditoriale corta del riciclo a vantaggio dei settori produttivi territoriali: industria tessile, packaging, mobilifici, design. Priorità alla lotta al dissesto idrogeologico Lotta al cambiamento climatico e attuazione del progetto europeo Mayors adapt Completare i depuratori, ripulire i fiumi e gli alvei, bonificare tutta la linea di costa: obiettivo mare pulito 100% Bagnoli, Messa in sicurezza del Fronte mare e bonifica dei fondali, Intervenire sull architettura industriale del sito, riducendole cubature e i costi di attuali di manutenzione, Valorizzare l archivio storico dell ex Italsider attraverso la realizzazione di un museo Virtuale, Completare la bonifica della Conca di Agnano e l ampliamento fino al mare dell ex galleria borbonica Castelvolturno, Un nuovo patto di solidarietà e cittadinanza, Sostegno alle associazioni e ai programmi di inclusione sociale, scolastica e sanitaria, Bonifica del territorio e valorizzazione dei suoli attraverso il completamento delle opere di infrastrutturazione primaria, Potenziamento del TPL Terra dei fuochi, Bonifica integrale, Screening sanitario per il 100% della popolazione, Tutela e rilancio dell agricoltura di eccellenza Campania felix, la qualità dei prodotti della terra e del mare

6 Le filiere di qualità (caseario, vinicolo, oleario, pesca): tutela, promozione, cooperazione, investimenti Agricoltura a certificazione sostenibile (prodotti a spreco zero) Imprese agricole 2.0, fondi per le aziende agroturistiche a coltivazioni biologiche e spreco zero Promuovere la concessione delle terre demaniali inutilizzate ai giovani agricoltori Un enoteca regionale campana del vino, come brand consortile per l internazionalizzazione e la certificazione di qualità Un modello produttivo regionale ecosostenibile e innovativo Puntare sullo sviluppo delle Bio tecnologie (settore dei cosmetici, farmaceutico, tessile, alimentare) Progettare un Piano regionale del Turismo sostenibile Sistema automatico di incentivazione regionale per i privati che investono nella ricerca e nell innovazione tecnologica ecosostenbile Incentivi alle imprese che investono nel territorio regionale e vi permangano per tempi definiti e concordati con le istituzioni eroganti. Incentivi al settore artigianale per il recupero delle lavorazioni locali tradizionali: dalla lavorazione della seta, della ceramica, della terracotta, del vimini e della stramma; favorendo la nascita di piccole imprese artigianali che con un marchio regionale possano esportare il prodotto a livello nazionale ed internazionale. Valorizzazione delle aree di eccellenza industriali: Industria Aeronautica e Centri di Ricerca Aerospaziali, Ferroviario Nautica, Automotive, Meccanica, Energia, Comunicazioni, Agroalimentare, Abbigliamento ed articoli in pelle, Fabbricazione coke e prodotti derivati Implementazione di nuovi incubatori di impresa su base regionale Sostenere le PMI in possesso di brevetti nella fasi di registrazione nazionale ed internazionale e nella difesa legale Investire per l attrazione sul territorio regionale dei centri di decisione e competenza delle grandi imprese nei settori industriali di punta Realizzare la zona franca urbana (ZFU) a Napoli EST Attuazione della L.R. del 2009 sui CENTRI COMMERCIALI NATURALI (CCN), modelli di piccola e media distribuzione che aggregano esercizi commerciali di vicinato, bar, ristoranti, servizi, imprese turistiche, botteghe artigiane, mercatini operanti in una stessa area. Audit energetico in tutti i comuni Favorire il passaggio a led di tutto il sistema d illuminazione pubblica regionale Implementare i programmi di sviluppo delle smart cities e per il burden sharing Completare la metanizzazione del Cilento

7 Investire risorse comunitarie per incentivare il passaggio a LNG o CNG delle imbarcazioni per i trasporti marittimi regionali Una grande piattaforma logistica per l Europa Un piano strategico per lo sviluppo sinergico di porti, distretti produttivi e interporti commerciali. La difesa del settore nautico come area di eccellenza Il sistema aeroportuale e il distretto di eccellenza dell Aerospazio La TAV Napoli Bari e il rafforzamento del comparto industriale ferroviario Un piano di riqualificazione e messa in sicurezza delle strade provinciali di grande collegamento Infrastrutturazione sociale e spazio urbano Banda larga e wifi pubblico in tutto il territorio regionale Recupero del patrimonio abitativo pubblico e consumo di suolo zero Innovazione del ciclo edilizio attraverso l uso di materiali ecocompatibili Rigenerazione urbana (pianificazione intercomunale, partenariato pubblico/privato) Massicci investimenti sulla rete idrica e acquedottistica regionale Piani temporali delle opere amministrative (strade, infrastrutture, ecc.) Mappa con dislocazione dei grandi progetti Educare alla conoscenza Utilizzo delle risorse nazionali e comunitarie per aumentare l orario di apertura delle scuole, rafforzare stabilmente l insegnamento dell inglese e di alcune materie curriculari in inglese in tutta la scuola dell obbligo Scuole aperte, una legge ed un fondo regionale per l apertura della scuola al territorio Banca regionale della Ricerca (cofinanziamento automatico)

8 Borse di studio per master all estero, con un impegno etico al rientro nella propria regione Realizzazione di un Polo Tecnologico di Alta Formazione Universitario ispirato al MIT di Boston, il CIT (Campania Institute of Technology) AGCOM, Mantenere a Napoli la sede dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e implementare nuove funzioni e risorse umane Tutti al lavoro Riscrivere il Piano regionale per la formazione/lavoro e la programmazione del FSE Riforma e potenziamento dei centri provinciali per l impiego Un azione regionale per l emersione del lavoro nero e delle attività legate alle organizzazioni criminali o collaterali ad essa, in cooperazione con l associazionismo di settore Istituzione di un fondo regionale per il Contratto di Lavoro Incentivato per lo sviluppo, alimentato dai fondi comunitari e nazionali e disciplinato sulla base della nuova normativa sul lavoro I fondi strutturali per dare valore aggiunto a imprese e start up nella fase di internazionalizzazione Agevolazioni per il co working Fondo di rotazione per agevolare l accesso al credito delle new co Impresa in un giorno, uno sportello unico regionale sul modello del Business Link della Città di Londra Un nuovo Piano Regolatore Sociale (PRS) Partire dal principio di prevenzione Definire un piano dei servizi socio assistenziali di tutta la Regione Campania; Alimentare il concetto di rete di servizi per superare la frammentarietà e la complessità degli interventi sociali Programmare e progettare attraverso metodi di partecipazione una programmazione e una progettazione delle attività, a partire da quelle in materia finanziaria Creare collegamenti fra le strutture e i servizi territoriali Formazione e continuo aggiornamento degli operatori Il riferimento ad un livello distrettuale di coordinamento dei servizi socio assistenziali Reddito minimo garantito Misurabilità dei risultati delle politiche di welfare attraverso un valutatore indipendente, il Social Impact Bond

9 Una Regione a misura di bambino La rete degli asili nido pubblici Il tempo prolungato nella scuola dell obbligo Parchi gioco pubblici a misura di bambino Educazione alimentare per tutti Vaucher per i servizi di baby sitting Sostegno alla genitorialità Se non ora quando Osservatorio sulla condizione occupazionale di genere Legge regionale per la rappresentanza di genere Iniziative regionali di sostegno alla campagna contro la violenza sulle donne e il femminicidio Una nuova stagione di legalità e trasparenza Digitalizzazione ed informatizzazione di tutta la vita amministrativa della Regione Potenziamento del sito e dei servizi on line per i cittadini Centrale unica degli appalti regionale Centrale unica degli acquisti in Sanità Convenzione Regione/ANAC per il monitoraggio e la prevenzione dei reati nell ambito dei procedimenti amministrativi Servizio di Internal Audit regionale, indipendente e slegato dalla gestione amministrativa per il controllo anticorruption Istituire l ARAC Autority antimafia ed anticorruzione regionale Utilizzare una parte dei sequestri e delle confische di denaro liquido per bonificare le terre avvelenate dai rifiuti tossici Rompere il tabù per il quale oggi non è possibile monetizzare i beni confiscati, fatte le dovute puntualizzazioni di garanzia.

1. REDDITO MINIMO GARANTITO

1. REDDITO MINIMO GARANTITO 1. REDDITO MINIMO GARANTITO 28% delle famiglie pugliesi vivono in condizioni di povertà relativa La Puglia è al quartultimo posto per reddito medio in Italia Fonte: Dati Svimez 2012 e ISTAT 2013 2. DIRITTO

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015

ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015 PROGRAMMA ELETTORALE 2015 ELEZIONI REGIONALI PUGLIA 2015 1 Reddito di cittadinanza regionale - 580 euro a persona per chi è nella soglia di povertà (ISEE fino a 3000 euro) - 1200 euro per nuclei familiari

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Allegato 1 IL PIANO DI AZIONE COESIONE E IL CONTRIBUTO ALLE MISSIONI STRATEGICHE DELLA PROGRAMMAZIONE 2014 2020 (TAVOLE)

Allegato 1 IL PIANO DI AZIONE COESIONE E IL CONTRIBUTO ALLE MISSIONI STRATEGICHE DELLA PROGRAMMAZIONE 2014 2020 (TAVOLE) Allegato 1 IL PIANO DI AZIONE COESIONE E IL CONTRIBUTO ALLE MISSIONI STRATEGICHE DELLA PROGRAMMAZIONE 2014 2020 (TAVOLE) Tavola 1 - Articolazione degli investimenti del PAC per la missione strategica

Dettagli

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo

Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Uso efficace dei fondi comunitari per contribuire al rilancio dell economia e del sistema produttivo Sabina De Luca Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Roma, 29 Novembre 2012 1 Fondi

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà City Act Linee Guida per una Milano Metropolitana primi passi del piano strategico per la Milano che verrà Il Secolo Urbano Ormai oltre il 50% della popolazione mondiale vive in zone fortemente urbanizzate.

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015

POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità. Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 POR FESR LAZIO 2014-2020 Obiettivi generali ed opportunità Castello Ducale, Sala Conferenze Fiano Romano, 25 Marzo 2015 Le risorse per lo sviluppo La Regione Lazio intende attivare una politica di sviluppo

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione

WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione WORKERS BUY OUT: Mestieri, Competenze, Lavoro Storie di nuova cooperazione Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR e POR FSE 2014-2020 Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro e dell

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 I Fondi Europei per la competitività e l innovazione delle PMI campane: strategie e opportunità di finanziamento L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 Dr. Ennio Parisi

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA

IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA ROMA, 26 GENNAIO 2011 IL MEZZOGIORNO PER L EUROPA Nel corso del Vertice Euro del 26 ottobre 2011 l Italia ha assunto formalmente l impegno di accelerare e riqualificare l utilizzo dei Fondi Comunitari

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

LOMBARDIA REGIONE CONCRETA

LOMBARDIA REGIONE CONCRETA LOMBARDIA REGIONE CONCRETA PDL DIFESA DEL SUOLO PIÙ DI 200 MILIONI PER LA LOMBARDIA 126 MILIONI PER L AGRICOLTURA 62 MILIONI PER LE IMPRESE 15 MILIONI PER LA MODA E IL DESIGN 1,5 MILIONI AI CITTADINI COLPITI

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P.

ampania! Donne Giovani Disoccupati Piano d azione per il lavoro www.regione.campania.it www.fse.regione.campania.it www.arlas.campania.it I.P. I.P. ampania! prospettive FUTURO informazione crescita produttività Capitale umano LAVORO azione crescita OCCUPAZIONE programmione azione prospettive INTEGRAZIONE giovani I inserimento INCLUSIONE sicurezza

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Buone idee per Bologna

Buone idee per Bologna Buone idee per Bologna RILANCIAR IL NOSTRO SISTMA PRODUTTIVO IN MODO SOSTNIBIL, PROMUOVNDO L OCCUPAZION Il LAVORO DI QUALITA, VALORIZZANDO I SAPRI LA CRATIVITA 1. Come riformare il nostro sistema di sviluppo

Dettagli

GIUNTA REGIONALE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO

GIUNTA REGIONALE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO ALL. n. 1 GIUNTA REGIONALE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Settore Programmi Comunitari in materia extragricola DOCUP Obiettivo 2 Anni 2000-2006 COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE Firenze, 18

Dettagli

Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione"

Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell occupazione" Programma Operativo della Regione Lombardia Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020 Decisione C(2015) 923 del 12/02/2015

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo

Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Le competenze per l autoimprenditorialità nel Fondo Sociale Europeo Lunedì 26 gennaio Incubatore d impresa Herion Venezia Santo Romano Direttore Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Programmazione

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

La Strategia Nazionale Aree Interne

La Strategia Nazionale Aree Interne La Strategia Nazionale Aree Interne Stimolare la crescita investendo nella coesione territoriale Teresa Capece Galeota (DPS-UVAL) Comitato Nazionale Aree Interne 9 dicembre 2014 - Varese Ligure (SP) Fabrica

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili

La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili La programmazione 2014-2020: Integrare i fondi per il territorio e per il consumo e le produzioni sostenibili Bologna, 14 maggio 2014 Silvia Grandi Responsabile Servizio Intese Istituzionali e Programmi

Dettagli

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020

IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 QUANTO VALE IL POR FESR ABRUZZO 2014 2020 POR FESR 231.509.780 50% 50% UE STATO LA STRATEGIA DEL POR FESR ABRUZZO 2014-2020 Europa 2020 Obiettivi tematici Sviluppo Locale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

LOMBARDIA AGEVOLATIVI STRUMENTI REGIONE 272 MILIONI PER LE AZIENDE LOMBARDE. Milano, 7 ottobre 2011

LOMBARDIA AGEVOLATIVI STRUMENTI REGIONE 272 MILIONI PER LE AZIENDE LOMBARDE. Milano, 7 ottobre 2011 STRUMENTI AGEVOLATIVI REGIONE LOMBARDIA 272 MILIONI PER LE AZIENDE LOMBARDE Milano, 7 ottobre 2011 1 IL NETWORK ACF SPA SEDI OPERATIVE BRESCIA MILANO BUCAREST BRUXELLES Feedback SOCI 2 DIPARTIMENTI 1.

Dettagli

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori

Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa S.p.A. Azioni e strumenti per lo sviluppo delle imprese e dei territori Roma 29 ottobre 2014 Invitalia Invitalia, Agenzia Nazionale

Dettagli

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA

POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA Il Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare POLITICHE E MISURE PER LA CRESCITA SOSTENIBILE DELL ITALIA IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO Le politiche e misure per la crescita e lo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio

Allegato 3 - Raccordo vecchi-nuovi progetti per missione e programma di bilancio Etichette di riga nuovo progetto vecchio progetto ESPROVV FPV Totale Missione-programma 101 1172 Spese per il personale del programma Organi istituzionali 1172 121.330,02 121.330,02 1372 Spese per il personale

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza. 4 luglio 2013

Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza. 4 luglio 2013 Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza 4 luglio 2013 1 I 100 GIORNI IN CIFRE La Lombardia riduce i costi della politica: più di 24 milioni risparmiati La Lombardia del fare: oltre 1,5 miliardi

Dettagli

Studio Rosina e Associati

Studio Rosina e Associati ALLEGATO CAPO I - Misura per la riapertura dei cantieri Articolo 1 Disposizioni urgenti per sbloccare gli interventi sugli assi ferroviari Napoli-Bari e Palermo- Catania-Messina ed altre misure urgenti

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese

Sblocca Italia. I mille cantieri per far ripartire il Paese Sblocca Italia I mille cantieri per far ripartire il Paese 1. Grandi cantieri sbloccati Grandi opere ferme e già finanziate, individuate secondo priorità strategiche e rimuovendo gli ostacoli burocratici

Dettagli

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM

Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile GIOVANNI BRUNELLI MATTM CONVEGNO AREE INDUSTRIALI E POLITICHE DI PIANO 30 gennaio 2014 Roma Università Roma Tre Dipartimento di Architettura Le Aree produttive Ecologicamente Attrezzate (APEA) quali opportunità di sviluppo sostenibile

Dettagli

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito

Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al. Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito Testo dell intervento del Presidente dell Anci Piero Fassino Grazie davvero al Presidente Guzzetti e grazie a tutti voi, al Sindaco di Lucca, al Presidente della Fondazione per questo invito e, per non

Dettagli

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni

Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti. Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Finanziamenti Europei 2014-2020 Prospettive e investimenti Rielaborazione delle presentazioni di Valentino Piana, Paola Giorgi e Mauro Terzoni Fondi FESR 2014-2020 L edilizia nel contesto europeo Gli undici

Dettagli

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola

FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020. Segreteria Nazionale CISL Scuola FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 1 Legenda FSE = Fondo Sociale Europeo FESR = Fondo Europeo Sviluppo Regionale PAC = Piano Azione di Coesione FEARS = Sviluppo rurale FEAMP = Affari marittimi e pesca

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali

Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali Innovare nel Life Science: opportunità europee e regionali Gli incentivi regionali per l innovazione industriale e il nuovo bando R&S per le aggregazioni di PMI Speaker Pierluigi Bertolini - Responsabile

Dettagli

Progettiamo la cittàdel futuro

Progettiamo la cittàdel futuro La Spezia 20 20 Progettiamo la cittàdel futuro La Spezia 26 giugno 2014 Villaggio del Porto Il percorso Il Comune della Spezia, ha prodotto negli anni esperienze Pianificatorie avanzate: 1 Piano Strategico:

Dettagli

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Indice Le motivazioni del futuro imprenditore agricolo Le difficoltà Opportunità

Dettagli

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES

HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES HOW CLUSTERS CONTRIBUTE TO THE SMART SPECIALIZATION STRATEGIES Dr. Giorgio Martini New cluster concepts for cluster policies in Europe 18th September 2014 Scuola Grande San Giovanni Evangelista, Venice

Dettagli

FONDI EUROPEI 2014-2020

FONDI EUROPEI 2014-2020 FONDI EUROPEI 2014-2020 UNGHERIA Redatto da ICE Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Desk Fondi Strutturali Budapest, marzo 2015 1

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014

PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 101 0 0 - DIREZIONE GABINETTO DEL SINDACO PROVVEDIMENTO DEL SINDACO N. ORD-2014-345 DATA 09/12/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ASSESSORE EMANUELE PIAZZA E RIDEFINIZIONE DELLE DELEGHE ASSESSORILI 09/12/2014 Il

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

Deliberazione giunta regionale n.

Deliberazione giunta regionale n. Deliberazione giunta regionale n. del 148 27.5.2013 A.G.C. 9 - Rapporti con gli Organi Nazionali ed Intern. in materia Interesse Regionale Settore: 2 - Direttive CEE in Materia di PIM, FEOGA, FSE - Attività

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona CONVEGNO Servizi alla persona e occupazione nel welfare che cambia AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE Mario Conclave Roma,

Dettagli

NEW ECONOMY, BLUE ECONOMY, GREEN ECONOMY: IL PIEMONTE DEL PRESENTE E DEL FUTURO. Giuliana Fenu DIREZIONE COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA REGIONALE

NEW ECONOMY, BLUE ECONOMY, GREEN ECONOMY: IL PIEMONTE DEL PRESENTE E DEL FUTURO. Giuliana Fenu DIREZIONE COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA REGIONALE NEW ECONOMY, BLUE ECONOMY, GREEN ECONOMY: IL PIEMONTE DEL PRESENTE E DEL FUTURO Giuliana Fenu DIREZIONE COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA REGIONALE STRATEGIA EUROPA 2020: LE DIRETTRICI DI SVILUPPO DELLA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana Sarebbe quindi un modo originale di vivere quello di chi tentasse una buona volta di non comportarsi come un individuo definito in un mondo definito dove, direi non c è che da girare due o tre bottoni

Dettagli

Il lavoro a tempo... ma a che tempo?

Il lavoro a tempo... ma a che tempo? 1. Il tema: Il lavoro a tempo... ma a che tempo? 2. Gli interrogativi sul tema - Quale lavoro e per quanto tempo? - Aiutare il lavoro vuol dire penalizzare le imprese? - Come uscire dalla crisi non togliendo

Dettagli

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013

ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 ORIENTAMENTI PAC PER LA MONTAGNA 2014 /2020. ESISTE UNA PAC AL FEMMINILE? Cristina Tinelli, e Euroconsulting Trento, 30 novembre 2013 La PAC e le donne La PAC non è una politica rosa L agricoltura è ancora

Dettagli

Le iniziative regionali a favore dello sviluppo e della crescita di nuove imprese

Le iniziative regionali a favore dello sviluppo e della crescita di nuove imprese Le iniziative regionali a favore dello sviluppo e della crescita di nuove imprese Carolina Cortese - Regione Campania Assessorato alle Attività Produttive INCIPIT 26 novembre 2007 Iniziative regionali

Dettagli

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione European Association of Local and Regional Initiatives for Economic Development, Employment and Solidarity Il territorio della BAT e la programmazione 2014-2020: una strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro il welfare fa bene include unifica e crea lavoro 1 WELFARE, DI COSA SI TRATTA?. di servizi rivolti alle persone (gratuiti o no che siano). di trasferimenti in denaro (pubblici o privati). di agevolazioni

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

LA REGIONE: COME FUNZIONA ED I SERVIZI ALLE PERSONE

LA REGIONE: COME FUNZIONA ED I SERVIZI ALLE PERSONE ISSR San Pietro Caserta Corso di alta formazione socio politica II edizione LA REGIONE: COME FUNZIONA ED I SERVIZI ALLE PERSONE Quattordici marzo 2014 Dott. Mauro Ferrara PARTE PRIMA SCENARIO GENERALE

Dettagli

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0

Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 Legge Regionale 24 settembre 2015, n. 26 Manifattura diffusa creativa e tecnologica 4.0 (BURL n. 40, suppl. del 28 Settembre 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-09-24;26 Art. 1 (Finalità) 1. La

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE" P.O. Campania FSE 2007-2013

PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Data Protocollo n. PRESENTAZIONE DI UN PROGETTO INTEGRATO DEI PICCOLI COMUNI (PICO) Fondo "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI - FSE" P.O. Campania FSE 2007-2013 Spett.le "MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

OPERAZIONI DI SOSPENSIONE DEI FINANZIAMENTI ( PUNTO 2.A DELL ACCORDO)

OPERAZIONI DI SOSPENSIONE DEI FINANZIAMENTI ( PUNTO 2.A DELL ACCORDO) Allegato B Strumenti finanziari assistiti da agevolazione pubblica cui si applica l accodo per Nuove misure per il credito alle PMI firmato dal Ministero dell Economia e delle Finanze, dal Ministero dello

Dettagli

Attuazione del Programma di Governo

Attuazione del Programma di Governo Attuazione del Programma di Governo 17 maggio-17 novembre 2006 Sei mesi di Governo dell Italia Una pubblica amministrazione di qualità Modernizzazione ed efficienza delle amministrazioni pubbliche Tempi

Dettagli

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche.

IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole e Medie Imprese aventi l unità produttiva nella Regione Marche. BANDO REGIONE MARCHE. INCENTIVI ECONOMICI ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AL FINE DI FAVORIRE I PROCESSI DI AGGREGAZIONE IN FILIERE E LE PRODUZIONI MADE IN ITALY. IMPRESE CHE POSSONO PARTECIPARE: Piccole

Dettagli

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia 2013 2014 Articolazione innovativa in progetti tematici modulati in chiave geografica, con focus sulla Potenziamento ed estensione del supporto a Rafforzamento della I CONTENUTI IN SINTESI: I PUNTI CHIAVE

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Analisi delle dinamiche e delle criticità

Analisi delle dinamiche e delle criticità Tabella A. area tematica: INNOVAZIONE E QUALITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistenti prelievi di risorse idriche a usi industriali nell area della Conca

Dettagli