E FASI LAVORATIVE LE FASI LAVORATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E FASI LAVORATIVE LE FASI LAVORATIVE"

Transcript

1 E FASI LAVORATIVE lestimenti provvisionali previsti ROV.05 AUTOGRU Utilizzo dell'autogru, su gomme o cingolata ROV.06 PONTEGGIO Allestimento di ponteggio metallico, a tubi e giunti e/o ad elementi prefabbricati ad H, su facciate degli edifici ROV.07 PONTEGGIO Allestimento di ponte a sbalzo di servizio o di sicurezza ROV.10 PONTEGGIO Ponti su cavalletti allestiti in cantiere con tavole chiodate LE FASI LAVORATIVE anificazione delle Fasi Lavorative 5.A OPERE DI PREFABBRICAZIONE IN Strutture monopiano in c.a. o c.a.p., compresa l'eventuale realizzazione di aperture per fasce illuminanti a filo 5.B OPERE DI PREFABBRICAZIONE IN Strutture multipiano in c.a. o c.a.p. aventi uno o due piani intermedi atti a sopportare i sovraccarichi compresa 7.D SOLAI Provvista e posa in opera di solaio formato da pannelli prefabbricati in calcestruzzo vibrato, con armatura R.01 OPERE IN FERRO Profilati scatolari di qualsiasi sezione, composti a semplice disegno geometrico R.02 OPERE IN FERRO Armatura metallica per strutture composte in acciaio e calcestruzzo tipo REP-TRF e similari R.03 OPERE IN FERRO Carpenteria metallica per strutture portanti in acciaio, costituita da profilati IPE - HE - T - C - L - Z o da

2 SCHEDA O.PROV.05 FASE LAVORATIVA : AUTOGRU OPERAZIONE : Utilizzo dell'autogru, su gomme o cingolata ATTREZZATURE : Autogru gommata o cingolata MATERIALI : Componenti la struttura della grù, carburante ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI - caduta dall'alto di personale addetto al montaggio - colpito da materiale caduto dall'alto - investito dall'autogrù o dall'escavatore a causa di cattiva manovra o per effetto di ribaltamento della stessa - contusioni alle mani per il serraggio delle parti metalliche MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE Il diagramma di carico relativo alle portate massime (in funzione dell'inclinazione del braccio, della lunghezza di sviluppo del braccio telescopico), dell'area di lavoro (frontale, posteriore o laterale), del sollevamento su pneumatici o su stabilizzatori (possibilità di traslazione della gru con carico sospeso), deve essere ben visibile dal posto di manovra (DPR 547/55 art.171). Nell'esercizio dei mezzi di sollevamento e di trasporto si devono adottare le necessarie misure per assicurare la stabilità del mezzo e del suo carico (DPR 547/55 art. 189). I principali dispositivi che devono essere controllati prima dell'uso dell'autogrù sono : - limitatore di momento, - valvole di massima pressione olio, - dispositivi di fine corsa del braccio, - interruttori di controllo uscita stabilizzatori, fine corsa di rotazione. Fare attenzione alle linee elettriche aeree dalla quale si deve mantenere un distanza di sicurezza non inferiore a m 5 (DPR 164/56 art.11): - Il gruista deve essere opportunamente formato sull'uso dell'apparecchio; - gli stabilizzatori devono essere completamente estesi e bloccati prima dell'inizio del lavoro; - nel caso di sollevamento su pneumatici devono essere rispettate le pressioni di gonfiaggio indicate dalla ditta costruttrice e devo essere inseriti i freni di stazionamento della traslazione prima del sollevamento; - prima di effettuare qualsiasi movimento verificare che il carico o il braccio non possano urtare contro strutture fisse o si possa avvicinare pericolosamente a linee elettriche; - durante le operazioni di spostamento con il carico sospeso è necessario mantenere lo stesso il più vicino possibile al terreno; - su percorso in discesa bisogna disporre il carico verso le ruote a quota maggiore; - bloccare il braccio se non si sta eseguendo alcuna manovra; - non lasciare la gru con carico sospeso ed interrompere il lavoro quando il vento raggiunge una velocità di 72 Km/h. - gli imbracatori devono rispettare i segnali specifici nel dare le istruzioni al gruista. RIFERIMENTI LEGISLATIVI : DANNI CAUSATI DAL MOVIMENTO DURANTE IL MONTAGGIO DELLE MACCHINE OPERATRICI E DELLE PARTI COMPONENTI LE STRUTTURE prevenzione : predisporre vie di transito e di sicurezza - D.Lgs 626/94 Art.33 c.13 - rapporto pericolo/rischio : Basso PIEGHE ANOMALE NELLE FUNI DI IMBRACATURA prevenzione : fermare l'operazione di movimentazione, allentare e verificare le funi - DPR 547/55 Artt rapporto pericolo/rischio : Basso

3 SCHEDA O.PROV.05 SBILANCIAMENTO AUTOGRU DURANTE LA MESSA IN TIRO prevenzione: impiegare mezzi idonei di sollevamento - DPR 547/55 Artt rapporto pericolo/rischio : Basso SBILANCIAMENTO CARICO DURANTE LA MESSA IN TIRO prevenzione: dare informazione all'operatore dell'autogru/gru mediante segnali - DPR 547/55 Artt rapporto pericolo/rischio : Basso prevenzione: imbracare i carichi con mezzi idonei - DPR 547/55 Art rapporto pericolo/rischio : Basso prevenzione: predisporre vie di transito e di sicurezza - D.Lgs. 626/94 Art.33 c.13 - rapporto pericolo/rischio : Basso OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs.626/94 Art.5 c.2 RIBALTAMENTO GRU prevenzione : verifica delle zavorre e particolari accorgimenti di controventatura per gru di altezza superiore ai 40 m - DPR 547/55 artt prevenzione : evitare possibili interferenze con altre gru limitrofe e con ostacoli fissi - Lett.Circ.Min.Lav.12/11/1984 n CADUTA CARICO DURANTE LA MOVIMENTAZIONE prevenzione : verifica delle funi e catene da effettuare trimestralmente con annotazione nel relativo libretto - DPR 547/55 Art.179 DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - scarpe di sicurezza - caschi di protezione - guanti di gomma - indumenti di protezione 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/1955 2) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955 3) Controllo dell'imbracatura dei carichi come disposto dall'art.181 del D.P.R.547/1955

4 SCHEDA O.PROV.06 FASE LAVORATIVA : PONTEGGIO OPERAZIONE : Allestimento di ponteggio metallico, a tubi e giunti e/o ad elementi prefabbricati ad H, su facciate degli edifici in esecuzione, pronto per l uso e conforme alle norme antinfortunistiche vigenti, compreso impianto di messa a terra segnaletica e illuminazione ATTREZZATURE : Chiave a croce, scale a mano, funi ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI MATERIALI : Tubi e/o elementi metallici prefabbricat, tavolame e/o pianali di acciaio RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI - Caduta di materiale o di personale dall alto - Lesioni di vario genere alle mani (abrasioni, tagli, contusioni, ecc.) durante il montaggio - Caduta di elementi del ponteggio provocata dallo sfilamento degli stessi - Ribaltamento del ponteggio per cedimenti differenziali del terreno MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Devono essere predisposte idonee opere provvisionali per i lavori che si eseguono oltre i 2 m di altezza (art.16/64) - Il ponteggio deve essere realizzato secondo le indicazioni contenute negli schemi di montaggio del fabbricante - Il ponteggio deve essere opportunamente controventato sia in senso longitudinale che trasversale (secondo relazione tecnica) (art.35/164) - Le interruzioni di stilata del ponteggio devono rispondere agli schemi allegati alla copia di autorizzazione (art.33/164) - L estremità inferiore di ogni montante deve essere sostenuta da una piastra metallica di base (basetta) (art.35/164) - Il ponteggio deve essere ancorato a parti stabili dell edificio (art.20/164) - Gli ancoraggi devono essere in numero sufficiente e realizzati in conformità alla relazione tecnica (art. 33/164) - I montanti devono superare di almeno 1.20 m l ultimo impalcato o il piano di gronda (art.20/164) - Il peso dei materiali depositati sugli impalcati non deve superare il carico massimo previsto nel libretto del ponteggio (art.20/164) - I ponti, le andatoie e le passerelle posti ad altezza superiore ai 2 m, devono essere muniti di parapetto normale completo di corrente superiore, corrente intermedio e tavola fermapiede alta almeno cm 20 (art.24/164) - Gli impalcati e i ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza costruito come il ponte a distanza non superiore a m 2.50 (art.27/164) - Controllare l'efficienza degli attrezzi di lavoro, prima dell'uso - Impedire l'avvicinamento delle persone all'area sottostante - E'vietato l'uso di ponti su cavalletto sugli impalcati del ponteggio esterno - Le tavole devono essere reggettate alle estremità - Verificare l'altezza del ponteggio RIFERIMENTI LEGISLATIVI : CADUTA ATTREZZATURE DA LAVORO DELL'ALTO prevenzione : legare gli attrezzi da lavoro alla cintura di sicurezza - DPR 547/55 Art.24 Rapporto pericolo/rischio : Alto OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs 626/94 Art.5 c.2 Rapporto pericolo/rischio : Alto CADUTA PERSONALE ADDETTO AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO prevenzione : usare la cintura di sicurezza con fune di trattenuta di 1,50 m - DPR 547/55 Art DPR 164/56 Art.10

5 SCHEDA O.PROV.06 CADUTA PERSONALE DAL PONTEGGIO prevenzione : i ponti di servizio devono essere muniti di sottoponte ad una distanza max di 2,50 m - DPR 164/56 Art.27 prevenzione : i ponti di servizio, le passerelle e gli impalcati posti ad altezza superiore a 2,00 m devono essere muniti di parapetto e fermapiedi - DPR 164/56 Art.24 prevenzione : mantenere le protezioni durante il ponteggio - DPR 164/56 Artt STABILITA' PONTEGGIO prevenzione : consultare l'autorizzazione Ministeriale con istruzioni e schemi da conservare in cantiere prevenzione : per ponteggi fino a 20,00 m di altezza : schema tipo e disegno firmato dal Capo Cantiere prevenzione : per ponteggi oltre i 20,00 m di altezza : progetto completo a firma di un professionista abilitato prevenzione: consultare l'autorizzazione Ministeriale con istruzioni e schemi da conservare in cantiere SCARICHE ATMOSFERICHE prevenzione : eseguire i collegamenti elettrici di terra delle opere provvisionali in struttura metallica di notevole dimensione - DPR 547/55 Artt DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - scarpe di sicurezza - caschi di protezione - guanti di protezione - indumenti di protezione - cinture di sicurezza - attacchi di sicurezza 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/ ) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/ ) Esecuzione di lavori su parti non in tensione (art.344 del D.P.R. 547/1955). PER GLI ADDETTI : - Cintura di sicurezza a doppio moschettone per l'accesso alle parti alte, casco, guanti, scarpe di sicurezza senza suola imperforabile. - Far adoperare agli addetti all'utilizzo del ponteggio : 1. cintura di sicurezza con fune di trattenuta, 2. casco, 3. guanti,

6 SCHEDA O.PROV calzatura di sicurezza senza suola imperforabile. I ponteggi autosollevanti sono assimilati ai ponteggi normali pertanto devono essere corredati di autorizzazione ministeriale all uso rilasciata dal Ministero del Lavoro al fabbricante (Circ.n.39/80 del Ministero del Lavoro del ). Fare denuncia degli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche all Ispesl (DM artt.1, 2 e 3).

7 SCHEDA O.PROV.07 FASE LAVORATIVA : PONTEGGIO OPERAZIONE : Allestimento di ponte a sbalzo di servizio o di sicurezza ATTREZZATURE : Chiave a croce, scale a mano MATERIALI : Tavolame ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI - Caduta di materiale o di personale dall alto - Lesioni di vario genere alle mani (abrasioni, tagli, contusioni, ecc.) durante il montaggio - Caduta di elementi del ponteggio provocata dallo sfilamento degli stessi - Ribaltamento del ponteggio per cedimenti differenziali del terreno MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Devono essere predisposte idonee opere provvisionali per i lavori che si eseguono oltre i 2 m di altezza (art.16/64) - Il ponteggio deve essere realizzato secondo le indicazioni contenute negli schemi di montaggio del fabbricante - Il ponteggio deve essere opportunamente controventato sia in senso longitudinale che trasversale (secondo relazione tecnica) (art.35/164) - Le interruzioni di stilata del ponteggio devono rispondere agli schemi allegati alla copia di autorizzazione (art.33/164) - L estremità inferiore di ogni montante deve essere sostenuta da una piastra metallica di base (basetta) (art.35/164) - Il ponteggio deve essere ancorato a parti stabili dell edificio (art.20/164) - Gli ancoraggi devono essere in numero sufficiente e realizzati in conformità alla relazione tecnica (art. 33/164) - I montanti devono superare di almeno 1.20 m l ultimo impalcato o il piano di gronda (art.20/164) - Il peso dei materiali depositati sugli impalcati non deve superare il carico massimo previsto nel libretto del ponteggio (art.20/164) - I ponti, le andatoie e le passerelle posti ad altezza superiore ai 2 m, devono essere muniti di parapetto normale completo di corrente superiore, corrente intermedio e tavola fermapiede alta almeno cm 20 (art.24/164) - Gli impalcati e i ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza costruito come il ponte a distanza non superiore a m 2.50 (art.27/164) - Controllare l'efficienza degli attrezzi di lavoro, prima dell'uso - Impedire l'avvicinamento delle persone all'area sottostante - E'vietato l'uso di ponti su cavalletto sugli impalcati del ponteggio esterno - Le tavole devono essere reggettate alle estremità - Verificare l'altezza del ponteggio RIFERIMENTI LEGISLATIVI : CADUTA ATTREZZATURE DA LAVORO DELL'ALTO prevenzione : legare gli attrezzi da lavoro alla cintura di sicurezza - DPR 547/55 Art.24 Rapporto pericolo/rischio : Alto OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs 626/94 Art.5 c.2 Rapporto pericolo/rischio : Alto CADUTA PERSONALE ADDETTO AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO prevenzione : usare la cintura di sicurezza con fune di trattenuta di 1,50 m - DPR 547/55 Art DPR 164/56 Art.10 CADUTA PERSONALE DAL PONTEGGIO

8 SCHEDA O.PROV.07 prevenzione : i ponti di servizio devono essere muniti di sottoponte ad una distanza max di 2,50 m - DPR 164/56 Art.27 prevenzione : i ponti di servizio, le passerelle e gli impalcati posti ad altezza superiore a 2,00 m devono essere muniti di parapetto e fermapiedi - DPR 164/56 Art.24 prevenzione : mantenere le protezioni durante il ponteggio - DPR 164/56 Artt STABILITA' PONTEGGIO prevenzione : consultare l'autorizzazione Ministeriale con istruzioni e schemi da conservare in cantiere prevenzione : per ponteggi fino a 20,00 m di altezza : schema tipo e disegno firmato dal Capo Cantiere prevenzione : per ponteggi oltre i 20,00 m di altezza : progetto completo a firma di un professionista abilitato prevenzione: consultare l'autorizzazione Ministeriale con istruzioni e schemi da conservare in cantiere SCARICHE ATMOSFERICHE prevenzione : eseguire i collegamenti elettrici di terra delle opere provvisionali in struttura metallica di notevole dimensione - DPR 547/55 Artt DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - scarpe di sicurezza - caschi di protezione - guanti di protezione - indumenti di protezione - cinture di sicurezza - attacchi di sicurezza 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/ ) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/ ) Esecuzione di lavori su parti non in tensione (art.344 del D.P.R. 547/1955). PER GLI ADDETTI : - Cintura di sicurezza a doppio moschettone per l'accesso alle parti alte, casco, guanti, scarpe di sicurezza senza suola imperforabile. - Far adoperare agli addetti all'utilizzo del ponteggio : 1. cintura di sicurezza con fune di trattenuta, 2. casco, 3. guanti, 4. calzatura di sicurezza senza suola imperforabile.

9 SCHEDA O.PROV.07 I ponteggi autosollevanti sono assimilati ai ponteggi normali pertanto devono essere corredati di autorizzazione ministeriale all uso rilasciata dal Ministero del Lavoro al fabbricante (Circ.n.39/80 del Ministero del Lavoro del ). Fare denuncia degli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche all Ispesl (DM artt.1, 2 e 3).

10 SCHEDA O.PROV.10 FASE LAVORATIVA : PONTEGGIO OPERAZIONE : Ponti su cavalletti allestiti in cantiere con tavole chiodate ATTREZZATURE : Cavalletti MATERIALI : Tavolame e/o pianali di acciaio, chiodi ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI - Caduta di materiale o di personale dall alto. - Lesioni di vario genere alle mani (abrasioni, tagli, contusioni, ecc.) durante il montaggio. - Lesioni alle mani dovute a schegge di legno. - Caduta di elementi del ponteggio provocata dallo sfilamento degli stessi. - Ribaltamento del ponteggio per cedimenti differenziali del terreno - Contatto con linee aeree di alimentazione elettrica MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Devono essere predisposte idonee opere provvisionali per i lavori che si eseguono oltre i 2 m di altezza (art.16/64) - Il ponteggio deve essere realizzato secondo le indicazioni contenute negli schemi di montaggio del fabbricante - Il ponteggio deve essere opportunamente controventato sia in senso longitudinale che trasversale (secondo relazione tecnica) (art.35/164) - Le interruzioni di stilata del ponteggio devono rispondere agli schemi allegati alla copia di autorizzazione (art.33/164) - L estremità inferiore di ogni montante deve essere sostenuta da una piastra metallica di base (basetta) (art.35/164) - Il ponteggio deve essere ancorato a parti stabili dell edificio (art.20/164) - Gli ancoraggi devono essere in numero sufficiente e realizzati in conformità alla relazione tecnica (art. 33/164) - I montanti devono superare di almeno 1.20 m l ultimo impalcato o il piano di gronda (art.20/164) - Il peso dei materiali depositati sugli impalcati non deve superare il carico massimo previsto nel libretto del ponteggio (art.20/164) - I ponti, le andatoie e le passerelle posti ad altezza superiore ai 2 m, devono essere muniti di parapetto normale completo di corrente superiore, corrente intermedio e tavola fermapiede alta almeno cm 20 (art.24/164) - Gli impalcati e i ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza costruito come il ponte a distanza non superiore a m 2.50 (art.27/164) - Controllare l'efficienza degli attrezzi di lavoro, prima dell'uso - Impedire l'avvicinamento delle persone all'area sottostante - E'vietato l'uso di ponti su cavalletto sugli impalcati del ponteggio esterno RIFERIMENTI LEGISLATIVI : CADUTA ATTREZZATURE DA LAVORO DELL'ALTO prevenzione : legare gli attrezzi da lavoro alla cintura di sicurezza - DPR 547/55 Art.24 Rapporto pericolo/rischio : Alto OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs 626/94 Art.5 c.2 Rapporto pericolo/rischio : Alto CADUTA PERSONALE ADDETTO AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO prevenzione : usare la cintura di sicurezza con fune di trattenuta di 1,50 m - DPR 547/55 Art DPR 164/56 Art.10 CADUTA PERSONALE DAL PONTEGGIO

11 SCHEDA O.PROV.10 prevenzione : i ponti di servizio devono essere muniti di sottoponte ad una distanza max di 2,50 m - DPR 164/56 Art.27 prevenzione : i ponti di servizio, le passerelle e gli impalcati posti ad altezza superiore a 2,00 m devono essere muniti di parapetto e fermapiedi - DPR 164/56 Art.24 prevenzione : mantenere le protezioni durante il ponteggio - DPR 164/56 Artt STABILITA' PONTEGGIO prevenzione : consultare l'autorizzazione Ministeriale con istruzioni e schemi da conservare in cantiere prevenzione : per ponteggi fino a 20,00 m di altezza : schema tipo e disegno firmato dal Capo Cantiere prevenzione : per ponteggi oltre i 20,00 m di altezza : progetto completo a firma di un professionista abilitato prevenzione: consultare l'autorizzazione Ministeriale con istruzioni e schemi da conservare in cantiere SCARICHE ATMOSFERICHE prevenzione : eseguire i collegamenti elettrici di terra delle opere provvisionali in struttura metallica di notevole dimensione - DPR 547/55 Artt DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - scarpe di sicurezza - caschi di protezione - guanti di protezione - indumenti di protezione - cinture di sicurezza - attacchi di sicurezza 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/ ) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/ ) Esecuzione di lavori su parti non in tensione (art.344 del D.P.R. 547/1955). PER GLI ADDETTI : - Cintura di sicurezza a doppio moschettone per l'accesso alle parti alte, casco, guanti, scarpe di sicurezza senza suola imperforabile. - Far adoperare agli addetti all'utilizzo del ponteggio : 1. cintura di sicurezza con fune di trattenuta, 2. casco, 3. guanti, 4. calzatura di sicurezza senza suola imperforabile.

12 SCHEDA O.PROV.10 I ponteggi autosollevanti sono assimilati ai ponteggi normali pertanto devono essere corredati di autorizzazione ministeriale all uso rilasciata dal Ministero del Lavoro al fabbricante (Circ.n.39/80 del Ministero del Lavoro del ). Fare denuncia degli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche all Ispesl (DM artt.1, 2 e 3).

13 SCHEDA O.PROV.13 FASE LAVORATIVA : SERVIZI SANITARI OPERAZIONE : Servizi Sanitari e pronto intervento ATTREZZATURE : Cassetta pronto soccorso, camera di medicazione MATERIALI : Segnaletica ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE Nelle aziende industriali, e in quelle commerciali che occupano più di 25 dipendenti, il datore di lavoro deve tenere i presidi sanitari indispensabili per prestare le prime immediate cure ai lavoratori feriti o colpiti da malore. Detti presidi devono essere contenuti in un pacchetto di medicazione o in una cassetta di pronto soccorso o in una camera di medicazione (DPR 303/55 art.27). La quantità e la specie dei presidi chirurgici e farmaceutici aziendali sono stabilite dal DM 28 luglio CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO : sono obbligate a tenere una cassetta di pronto soccorso : a) le aziende industriali, che occupano fino a 5 dipendenti, quando siano ubicate lontano dai centri abitati provvisti di posto pubblico permanente di pronto soccorso e le attività che in esse si svolgono presentino rischi di scoppio, di asfissia, di infezione e di avvelenamento; b) le aziende industriali, che occupano fino a 50 dipendenti, quando siano ubicate in località di difficile accesso o lontane da posti pubblici permanenti di pronto soccorso e le attività che in esse si svolgono non presentino i rischi considerati alla lett. a); c) le aziende industriali, che occupano oltre 5 dipendenti, quando sono ubicate nei centri abitati provvisti di posto pubblico permanente di pronto soccorso e le attività che in esse si svolgono presentino rischi di scoppio, di asfissia, di infezione e di avvelenamento; d) le aziende industriali, che occupano oltre 50 dipendenti, ovunque ubicate che non presentano i rischi particolari sopra indicati (DPR 303/56 art.29). CAMERA DI MEDICAZIONE : sono obbligate a tenere la camera di medicazione le aziende industriali che occupano più di 5 dipendenti quando siano ubicate lontano dai posti pubblici permanenti di pronto soccorso e le attività che in esse si svolgono presentino rischi di scoppio, di asfissia, di infezione o di avvelenamento. La camera di medicazione, oltre a contenere i presidi sanitari prescritti, deve essere convenientemente aerata ed illuminata, riscaldata nella stagione fredda e fornita di un lettino con cuscino e due coperte di lana, di acqua da bere e per lavarsi, di sapone e asciugamani(dpr 303/56 ART.30). Attenersi alle norme per l'uso dei materiali contenuti rispettivamente nel pacchetto di medicazione e nella cassetta di pronto soccorso (DM 28 luglio 1958 all.a e B). RIFERIMENTI LEGISLATIVI : LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO prevenzione : programmare i posti di lavoro in relazione agli infortuni possibili - DPR 547/55 Titolo I prevenzione : disporre una efficacie segnaletica di sicurezza - DM 28 gennaio DPR 524/82 - D.Lgs.626/94 Titolo I RUMORE prevenzione : effettuare sopraluoghi finalizzati al rilievo e all'esame delle fonti di rumore e dell'esposizione dei lavoratori - DPR 303/56 - D.Lgs 277/91

14 SCHEDA O.PROV.13 prevenzione : adottare i mezzi idonei ad elininare o ridurre i rumori - DPR 303/56 Art.24 - D.Lgs.277/91 CAPO IV prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Art D.Lgs.626/94 Art.5 c.2

15 SCHEDA D.05.A FASE LAVORATIVA : OPERE DI PREFABBRICAZIONE IN CEMENTO ARMATO OPERAZIONE : Strutture monopiano in c.a., c.a.p. o comunque prefabbricate fuori opera ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI ATTREZZATURE : Bilico, mezzi di sollevamento, centrale di betonaggio, puntelli casserature, opere provvisionali, pompa per calcestruzzo, utensili d'uso comune MATERIALI : Componenti la struttura delle macchine RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI - Crollo della struttura - Caduta entro aperture praticate nei solai o vani scale - Infortuni legati ad errori di manovre o ad inadeguatezza dei mezzi utilizzati - Caduta dall'alto o da aperture praticate nei solai - Danni alla salute da rumore - Vibrazioni MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Fornire al personale idonei utensili - Proteggere le aperture nei solai con idoneo parapetto e tavolato - Rispettare le ore di silenzio imposte da regolamenti locali - Per quanto riguarda le misure di prevenzione dei mezzi utilizzati fare riferimento alle relative schede nei mezzi d'opera RIFERIMENTI LEGISLATIVI : ATTREZZATURE prevenzione : analizzare il posto di lavoro ed il macchinario installato - D.Lgs 626/94 Titolo III prevenzione : adottare idonee, specifiche e continue manutenzioni - DPR 547/55 Artt D.Lgs.626/94 Art.39 RUMORE prevenzione : effettuare sopraluoghi finalizzati al rilievo e all'esame delle fonti di rumore e dell'esposizione dei lavoratori - DPR 303/56 - D.Lgs 277/91 prevenzione : adottare i mezzi idonei ad elininare o ridurre i rumori - DPR 303/56 Art.24 - D.Lgs.277/91 CAPO IV VIBRAZIONI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Art D.Lgs.626/94 Art.5 c.2 prevenzione :adottare i mezzi idonei ad attuire o ridurre le vibrazioni - DPR 303/56 Art.24 - D.Lgs.277/91 Capo IV

16 SCHEDA D.05.A OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs.626/94 Art.5 c.2 DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - Casco - Guanti - Tuta protettiva - Scarpe antinfortunistiche 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/1955; 2) adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955; 3) esecuzione di lavori su parti non in tensione (art.344 del D.P.R.547/1955).

17 SCHEDA D.05.B FASE LAVORATIVA : OPERE DI PREFABBRICAZIONE IN CEMENTO ARMATO OPERAZIONE : Strutture multipiano in c.a. o c.a.p. aventi uno o due piani intermedi atti a sopportare i sovraccarichi compresa l'ossatura verticale ed orizzontale portante esterna ed interna, gli orizzontamenti, realizzate in copponi o tegoli, la fornitura (posa esclusa) di eventuali armature metalliche di continuità ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI ATTREZZATURE : Bilico, autocarro, casseratura, mezzi di sollevamento, betoniera e autobetoniera, opere provvisionali, puntelli, pompa per calcestruzzo, vibratore per calcestruzzo, utensili d'uso comune MATERIALI : Componenti la struttura delle macchine RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI - Crollo della struttura - Caduta entro aperture praticate nei solai o vani scale - Infortuni legati ad errori di manovre o ad inadeguatezza dei mezzi utilizzati - Caduta dall'alto o da aperture praticate nei solai - Danni alla salute da rumore - Vibrazioni MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Fornire al personale idonei utensili - Proteggere le aperture nei solai con idoneo parapetto e tavolato - Rispettare le ore di silenzio imposte da regolamenti locali - Per quanto riguarda le misure di prevenzione dei mezzi utilizzati fare riferimento alle relative schede nei mezzi d'opera RIFERIMENTI LEGISLATIVI : ATTREZZATURE prevenzione : analizzare il posto di lavoro ed il macchinario installato - D.Lgs 626/94 Titolo III prevenzione : adottare idonee, specifiche e continue manutenzioni - DPR 547/55 Artt D.Lgs.626/94 Art.39 RUMORE prevenzione : effettuare sopraluoghi finalizzati al rilievo e all'esame delle fonti di rumore e dell'esposizione dei lavoratori - DPR 303/56 - D.Lgs 277/91 prevenzione : adottare i mezzi idonei ad elininare o ridurre i rumori - DPR 303/56 Art.24 - D.Lgs.277/91 CAPO IV VIBRAZIONI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Art D.Lgs.626/94 Art.5 c.2 prevenzione :adottare i mezzi idonei ad attuire o ridurre le vibrazioni - DPR 303/56 Art.24 - D.Lgs.277/91 Capo IV

18 SCHEDA D.05.B OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs.626/94 Art.5 c.2 DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - Casco - Guanti - Tuta protettiva - Scarpe antinfortunistiche 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/1955; 2) adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955; 3) esecuzione di lavori su parti non in tensione (art.344 del D.P.R.547/1955).

19 SCHEDA D.07.D FASE LAVORATIVA : SOLAI OPERAZIONE : Provvista e posa in opera di solaio formato da pannelli prefabbricati in calcestruzzo vibrato, con armatura incorporata e tralicci di irrigidimento pure incorporati; blocchi di alleggerimento in polistirolo tra i tralicci, getto di completamento e soprastante soletta ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI ATTREZZATURE : Autocarro, mezzi di sollevamento, puntelli, opere provvisionali, pompa per il calcestruzzo, vibratore per il calcestruzzo MATERIALI : Carburante, calcestruzzo - Caduta di personale e/o materiali dall'alto. - Crollo della struttura o delle opere provvisionali. - Danni alla salute per contatto con il cemento. - Danni da rumore e/o vibrazioni. - Cadute attraverso varchi praticati nei solai non protetti. RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Coordinare la varie fasi di intervento di posa e di getto dei solai. - Prestare particolare attenzione alle fasi di scarico, sollevamento e posa in opera dell'impalcato. - Controllare l'idoneità degli appoggi. - Proteggere i varchi nei solai con parapetto regolamentare. - Evitare il contatto con il cemento. - Per quanto riguarda le misure di prevenzione dei ponteggi, dei mezzi di sollevamento e della betoniera fare riferimento alle relative schede nei mezzi d'opera. RIFERIMENTI LEGISLATIVI : ATTREZZATURE prevenzione : analizzare il posto di lavoro ed il macchinario installato - D.Lgs 626/94 Titolo III prevenzione : adottare idonee, specifiche e continue manutenzioni - DPR 547/55 Artt D.Lgs.626/94 Art.39 RUMORE prevenzione : effettuare sopraluoghi finalizzati al rilievo e all'esame delle fonti di rumore e dell'esposizione dei lavoratori - DPR 303/56 - D.Lgs 277/91 prevenzione : adottare i mezzi idonei ad elininare o ridurre i rumori - DPR 303/56 Art.24 - D.Lgs.277/91 CAPO IV OFFESE CAPO, MANI, PIEDI, OCCHI prevenzione : usare i mezzi di protezione personale - DPI - DPR 547/55 Titolo X - D.Lgs.626/94 Art.5 c.2

20 SCHEDA D.07.D DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - Scarpe di sicurezza - Guanti - Otoprotettori 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/1955; 2) adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955.

21 SCHEDA FER.01 FASE LAVORATIVA : OPERE IN FERRO OPERAZIONE : Profilati scatolari di qualsiasi sezione, composti a semplice disegno geometrico ATTREZZATURE : Saldatrice, attrezzi comuni MATERIALI : Cerniere, zanche, etc. - Lesioni durante l'uso di utensili - Caduta di personale o materiali - Investimento da automezzo ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Usare guanti protettivi, occhiali e maschere respiratorie (547/55 artt ). - Mantenere ventilati gli ambienti di lavoro (303/56 art. 9). - Osservare una scrupolosa pulizia della persona e in particolare delle mani, prima dei pasti (303/56 artt. 4-5). RIFERIMENTI LEGISLATIVI : ATTREZZATURE prevenzione : analizzare il posto di lavoro ed il macchinario installato - D.Lgs 626/94 Titolo III prevenzione : adottare idonee, specifiche e continue manutenzioni - DPR 547/55 Artt D.Lgs.626/94 Art.39 LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO prevenzione : programmare i posti di lavoro in relazione agli infortuni possibili - DPR 547/55 Titolo I prevenzione : disporre una efficacie segnaletica di sicurezza - DM 28 gennaio DPR 524/82 - D.Lgs.626/94 Titolo I DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - Casco - Guanti - Scarpe antinfortunistiche 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/ ) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955.

22 SCHEDA FER.02 FASE LAVORATIVA : OPERE IN FERRO OPERAZIONE : Armatura metallica per strutture composte in acciaio e calcestruzzo tipo REP-TRF e similari ATTREZZATURE : Saldatrice MATERIALI : calcestruzzo, tondini in acciaio, energia elettrica - Lesioni durante l'uso di utensili - Caduta di personale o materiali - Investimento da automezzo ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Usare guanti protettivi, occhiali e maschere respiratorie (547/55 artt ). - Mantenere ventilati gli ambienti di lavoro (303/56 art. 9). - Osservare una scrupolosa pulizia della persona e in particolare delle mani, prima dei pasti (303/56 artt. 4-5). RIFERIMENTI LEGISLATIVI : ATTREZZATURE prevenzione : analizzare il posto di lavoro ed il macchinario installato - D.Lgs 626/94 Titolo III prevenzione : adottare idonee, specifiche e continue manutenzioni - DPR 547/55 Artt D.Lgs.626/94 Art.39 LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO prevenzione : programmare i posti di lavoro in relazione agli infortuni possibili - DPR 547/55 Titolo I prevenzione : disporre una efficacie segnaletica di sicurezza - DM 28 gennaio DPR 524/82 - D.Lgs.626/94 Titolo I DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - Casco - Guanti - Scarpe antinfortunistiche 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/ ) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955.

23 SCHEDA FER.03 FASE LAVORATIVA : OPERE IN FERRO OPERAZIONE : Carpenteria metallica per strutture portanti in acciaio, costituita da profilati IPE - HE - T - C - L - Z o da elementi saldati connessi tra loro a mezzo saldatura o bullonatura eseguita sia in officina che in opera e completa di qualunque tipo di attacco ATTREZZATURE E MATERIALI A SERVIZIO DEI LAVORATORI ATTREZZATURE : Ponteggi, mezzi di sollevamento, utensili d'uso comune, saldatrice MATERIALI : Bulloni, energia elettrica - Caduta dall'alto di personale e/o materiali - Crollo del ponteggio - Infortuni connessi ad errato utilizzo dei mezzi di sollevamento RISCHI PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI MISURE DI SICUREZZA CHE SARANNO ADOTTATE NEL CANTIERE - Controllare l'idoneità dei ponteggi e dei mezzi di sollevamento - Per quanto riguarda le misure di prevenzione dei ponteggi e dei mezzi di sollevamento fare riferimento alle relative schede nei mezzi d'opera RIFERIMENTI LEGISLATIVI : ATTREZZATURE prevenzione : analizzare il posto di lavoro ed il macchinario installato - D.Lgs 626/94 Titolo III prevenzione : adottare idonee, specifiche e continue manutenzioni - DPR 547/55 Artt D.Lgs.626/94 Art.39 LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO prevenzione : programmare i posti di lavoro in relazione agli infortuni possibili - DPR 547/55 Titolo I prevenzione : disporre una efficacie segnaletica di sicurezza - DM 28 gennaio DPR 524/82 - D.Lgs.626/94 Titolo I DISPOSITIVI DI PROT.INDIV. : RISCHI RESIDUI DPI - Casco - Guanti - Scarpe antinfortunistiche 1) Adozione dei mezzi personali di protezione (casco, guanti, scarpe, occhiali) previsti dagli artt.377, 381, 382, 383 e 384 del D.P.R.547/ ) Adozione di mezzi per la difesa contro la caduta accidentale di materiali come disposto dall'art.11 del D.P.R.547/1955.

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

Committente Provincia Regionale di Catania

Committente Provincia Regionale di Catania cantiere sito nel comune di Grammichele e Ramacca Rev. 00 Committente Provincia Regionale di Catania DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009,

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA. Scheda S015

CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA. Scheda S015 OPERE PROVVISIONALI Revisione: Effettuata da: CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA Scheda S015 Installazione impianto elettrico di cantiere comprensivo della rete di distribuzione nel caso di collegamento della

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 SPINA A VERME TIPOLOGIE PIU COMUNI Legno Metallici tubi & giunti Metallici a cavalletti Multidirezionali >> CORRENTE DI PARAPETTO CORRENTE INTERMEDIO TAVOLA FERMAPIEDI

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. Corso di formazione Quaderno N I PONTEGGI Servizio Prevenzione e Protezione I ponteggi sono opere provvisionali che si usano nei lavori di ingegneria civile,di

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 Prevenzione infortunistica: attrezzature per getto di calcestruzzo con tecnologia a tunnel. Si rende noto che la Pretura di Roma - Sezione IX penale - ha

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Schede di sicurezza delle lavorazioni

Schede di sicurezza delle lavorazioni Pagina 108 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Viale Carlo Emanuele II Venaria Reale Attuazione Decreto Legislativo 81/2008 D.Lgs. 106/2009

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche

1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche 1. Obblighi dei datori di lavoro relativamente al collaudo ed alle verifiche periodiche degli apparecchi di sollevamento utilizzati nei cantieri edili, 1.1. Gru a torre, argani a cavalletto, argani a bandiera,

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

Documentazione generale si no competenza

Documentazione generale si no competenza Documentazione generale si no competenza Certificato di iscrizione alla Camera di commercio (consigliato presenza cantiere) Permesso di costruire Committente Progetto della linea vita progettista Denuncia

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

CAPITOLATO PREZIARIO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI PONTEGGIATURA N. 9010. Edizione Ottobre 2013

CAPITOLATO PREZIARIO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI PONTEGGIATURA N. 9010. Edizione Ottobre 2013 CAPITOLATO E PREZIARIO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI PONTEGGIATURA N. 9010 Edizione Ottobre 2013 Revisione 0 Pagina 2 TABELLA DELLE REVISIONI N REV. DATA DESCRIZIONE DELLA REVISIONE 0 Ottobre 2013 Prima

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera

A Relazione Tecnica. 1 Caratteristica dell Opera A Relazione Tecnica 1 Caratteristica dell Opera Descrizione: Interventi per incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche. Ubicazione: Liceo Scientifico e Istituto Tecnico Commerciale Leonardo

Dettagli

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione Allegato A1 Schede fasi di lavorazione 1 Fasi elementari di dettaglio Approvvigionamento della recinzione Montaggio della recinzione Approvvigionamento e messa in servizio dei servizi collettivi Posa del

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

ANALISI PREZZI. Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50

ANALISI PREZZI. Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50 ANALISI PREZZI Spese generali 17,00% Utile d'impresa 10,00% Operaio specializzato ora 26,42 Operaio qualificato ora 24,76 Operaio comune ora 23,50 Miniescavatore compreso operatore ora 57,35 Autocarro

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Vigilanza "10.000 Cantieri" PERIODO DAL AL RIEPILOGO VIOLAZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA D.P.R..04.55, n. 54 4 8 10 18 1

Dettagli

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4

APPALTO DI MANUTENZIONE RETI E SERVIZI DEL CICLO IDRICO INTEGRATO. SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 SCHEDE DI SUPPORTO Pagina 1 di 4 Schede di supporto A Sicurezza generale B Sicurezza di fase A4 Installazione e smantellamento cantiere A7 Moti del terreno A8 Cadute di masse di terreno A10 Vento A11 Reti

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

Il marchio CE sulla scala non è garanzia di conformità alla norma UNI EN 131

Il marchio CE sulla scala non è garanzia di conformità alla norma UNI EN 131 ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA Requisiti minimi di sicurezza e salute per l uso delle attrezzature di lavoro per l esecuzione di lavori temporanei in quota 1. Definizioni Lavoro in quota: attività

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Area Edilizia, Sicurezza, Patrimonio, gare Titolo IX Classe 2 Fasc. Sotfas. TAV. ISC ACCORDO QUADRO PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

RISCHI PER GLI UTENTI DELLA STRADA IN CASO DI CANTIERI INSTALLATI IN EDIFICI DI CENTRI STORICI DELLE CITTÀ. Ing. LUSARDI Giulio ISPESL - Palermo

RISCHI PER GLI UTENTI DELLA STRADA IN CASO DI CANTIERI INSTALLATI IN EDIFICI DI CENTRI STORICI DELLE CITTÀ. Ing. LUSARDI Giulio ISPESL - Palermo RISCHI PER GLI UTENTI DELLA STRADA IN CASO DI CANTIERI INSTALLATI IN EDIFICI DI CENTRI STORICI DELLE CITTÀ Ing. LUSARDI Giulio ISPESL - Palermo Sia nelle grandi città che nei piccoli centri urbani è sempre

Dettagli

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81)

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81) Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo del Comitato Regionale di

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA

RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA svolte nei CANTIERI EDILI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA da parte dei TECNICI dell Ente CPT Comitato Paritetico

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi

Le misure di sicurezza da adottare negli scavi L'armatura deve comunque possedere le seguenti caratteristiche: essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento: in un terreno incoerente, la procedura deve consentire di disporre armature

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Recinzione con tubi, pannelli o rete...3 Recinzione con cavalletti mobili o bande colorate...4 Attrezzature e macchine, carico e scarico dal mezzo

Dettagli

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Allegato XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona I.P.S.E.O.A. A BERTI. Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti

Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona I.P.S.E.O.A. A BERTI. Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 ALLEGATO Q Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Piano delle misure per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Progetto: Casa modello (2011) Committente: Cooperativa Immobiliare Campo Sereno, 9999 Briantea Edizione del 11. aprile 2011 Versione

Dettagli

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE

1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 2 - BARACCHE DI CANTIERE A MISURA 1 - COORDINAMENTO ATTIVITA' DATORI LAVORO 1 N.P.SC1 RIUNIONI COORDINAMENTO RIUNIONE PERIODICA DI COORDINAMENTO TRA I RESPONSABILI DELLE IMPRESE OPERANTI IN CANTIERE ED IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

Dettagli

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto.

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. I PONTEGGI: il PIMUS Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. Un recente decreto, il D.Lgs235 del

Dettagli

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE

SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE SCHEDE INTEGRATIVE PER LE ATTIVITÀ DI CANTIERE LUOGHI, LOCALI E POSTI DI LAVORO (riferiti alle attività prevalenti svolte dall'impresa) 1-ATTIVITÀ DI CANTIERE N. SCHEDA Scavi e movimento terra 1.1.1 X

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI ESITO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione dei criteri seguiti per la valutazione Per ogni lavoratore vengono individuati i relativi pericoli connessi con le lavorazioni stesse, le attrezzature impiegate

Dettagli

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE

DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEMOLIZIONI OPERE DI RISTRUTTURAZIONE CENNI RIGUARDANTI IL D.LGS N.81 DEL 09/04/2008 E S.M.I. Articolo 150 RAFFORZAMENTO DELLE STRUTTURE Articolo 151 ORDINE DELLE DEMOLIZIONI Articolo 152 MISURE DI SICUREZZA

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi ALLEGATO XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1

SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI N. 1 Descrizione delle attività: Scavi, sbancamenti e reinterri. Lavoratori esposti a rischi potenziali: Dipendenti delle imprese appaltatrici e lavoratori autonomi presenti

Dettagli

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione

Allegato A1 Schede fasi di lavorazione CITTA DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA Manutenzione Ordinaria Alvei fiumi - Anno 2009 Allegato A1 Schede fasi di lavorazione Approvvigionamento della recinzione Montaggio della recinzione Approvvigionamento

Dettagli

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA CONTROLLO SI NO ESITO NON PERTINENTE NOTE sia conforme allo schema tipo

Dettagli

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 PIMUS -PONTEGGI Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 1 CSE -ponteggio? DLgs 81/08 e smi Art.92 comma 1 lettera e segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta [ ], le

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Davide Lombardi - Ambiente Igiene Sicurezza S.r.l. Iscritto all Elenco degli Esperti verificatori di apparecchi di sollevamento della PAT

Davide Lombardi - Ambiente Igiene Sicurezza S.r.l. Iscritto all Elenco degli Esperti verificatori di apparecchi di sollevamento della PAT Davide Lombardi - Ambiente Igiene Sicurezza S.r.l. Iscritto all Elenco degli Esperti verificatori di apparecchi di sollevamento della PAT Le verifiche di attrezzature di sollevamento cose e persone in

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

I PONTEGGI I PONTEGGI

I PONTEGGI I PONTEGGI I PONTEGGI DISCIPLINATI DAL DPR 164/56, E DALLE CIRC. n 149 del 22/11/1985 E 21467 del 18/04/1986 PONTE ART. 27 DPR 164/56 SOTTOPONTE Gli impalcati e ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza,

Dettagli

I ponteggi metallici fissi

I ponteggi metallici fissi I ponteggi metallici fissi 10 errori da evitare 10 regole da seguire Ing. Luca Mangiapane Ing. Emiliano Davolio ASE Fuga da Alcatraz Divieto di arrampicarsi sui ponteggi Montare in sicurezza Sfortunato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA SUL LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015-2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA SUL LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE E. GUALA CORSO (Ragionieri, Geometri, Turistico, IPSIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA SUL LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE IV SEZIONE E

Dettagli

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari

Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Sicurezza realizzabile Lista di controllo Lavori di manutenzione su veicoli ferroviari Gli interventi di manutenzione sui veicoli ferroviari vengono svolti in condizioni di sicurezza? La manutenzione dei

Dettagli

Regione Toscana AZIENDA SANITARIA LOCALE. N. 12 VERSILIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

Regione Toscana AZIENDA SANITARIA LOCALE. N. 12 VERSILIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Regione Toscana AZIENDA SANITARIA LOCALE. N. 12 VERSILIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A cura di: Mario Gragnani; Ugo Pera; Lido Moriconi; Andrea Pieroni; Andrea Vecci. Regione Toscana AZIENDA SANITARIA

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE ALLEGATO E Comune di Cinisello Balsamo Provincia di Milano FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (Decreto Legislativo n. 494/1996, D.P.R. n. 222/2003, D.lgs 81/2008) OGGETTO:

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli