Indice. Lettera del Presidente 3. Executive summary 5. Introduzione Policy e piani europei 19

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Lettera del Presidente 3. Executive summary 5. Introduzione 17. 1. Policy e piani europei 19"

Transcript

1

2 Indice Lettera del Presidente 3 Executive summary 5 Introduzione Policy e piani europei L ICT per la crescita, l innovazione e la competitività L agenda digitale europea Il confronto dei Paesi UE sugli indicatori della digital agenda I finanziamenti per la Società dell informazione nelle politiche di coesione dell Unione Europea La programmazione per la ricerca e lo sviluppo tecnologico Le iniziative Europee per le Smart Cities L innovazione nei Progetti Paese Policy e piano Nazionale L avvio dell agenda digitale italiana Il decreto Crescita Le politiche per la banda larga I Piani nelle Regioni L innovazione nelle Regioni italiane I Piani regionali per la Società dell Informazione I Programmi Europei nelle Regioni Le agende digitali regionali Piani e interventi regionali per lo sviluppo della banda larga Piani e interventi regionali nei diversi settori applicativi I KPI dell Agenda digitale europea nelle Regioni Italiane L Agenda digitale regionale Obiettivi Metodologia 106 Bibliografia 111 Allegato: schede regionali 113

3 4 2 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

4 Lettera del Presidente Lo sviluppo digitale del nostro Paese è una priorità assoluta. Abbiamo infatti accumulato ritardi importanti nei confronti dei grandi Paesi Europei nella diffusione e nell uso di Internet e questo signifi ca minori opportunità per cittadini e imprese, minore effi cienza nei servizi della Pubblica Amministrazione, in sintesi minore competitività dell intero Sistema Paese. L Agenda Digitale Europea ha avuto un ruolo molto rilevante nel fotografare la situazione dei diversi Paesi, tracciare le linee di evoluzione, indicare alcuni macro obiettivi a tutti gli Stati membri. In Italia, dopo una fase in cui l attenzione si è concentrata soprattutto sulla dimensione infrastrutturale, è progressivamente maturata la consapevolezza dei più rilevanti gap in termini di cultura informatica, uso della rete, automazione dei servizi pubblici, investimenti delle imprese in ICT, diffusione del commercio elettronico. Questa più corretta visione dello sviluppo digitale ha portato al Decreto Crescita 2.0 recentemente emanato dal Governo Italiano che defi nisce una serie di pilastri e di regole su cui dovrebbe articolarsi l Agenda Digitale Italiana. Per innescare però i processi radicali di trasformazione digitale indicati a livello comunitario e nazionale, è necessaria una maggiore focalizzazione delle specifi cità territoriali ed un maggior coinvolgimento dei Governi Regionali. La situazione dei territori italiani è infatti molto diversa nel tessuto economico e sociale, nella dotazione infrastrutturale, nel livello di sviluppo digitale per cui non esiste una ricetta unica. Ogni Regione ha priorità diverse e deve defi nire un proprio percorso per cogliere i vantaggi dell economia della rete. Il Gruppo Telecom Italia ha avuto un ruolo centrale nella prima infrastrutturazione del Paese con lo sviluppo delle reti ADSL e 3G e continuerà ad averlo nelle reti di nuova generazione: entro la fi ne del 2014 sei milioni di unità immobiliari potranno accedere a connessioni ad alta velocità di rete fi ssa e oltre il 50% della popolazione sarà raggiunto dalle nuove reti mobili 4G. Resta però un gap che deve essere rapidamente colmato: quello del digital divide di prima generazione. L Agenda Digitale Europea e il Decreto Crescita 2.0 indicano chiaramente per il 2013 l obiettivo Internet for All e cioè la possibilità per tutti di accedere ad una connessione BB ad una velocità di almeno 1 Mbps. Oggi il 10% delle unità immobiliari italiane non è in questa condizione e se si vuole chiudere questo gap entro il 2013 occorre pianifi care ed avviare con urgenza gli interventi necessari. Negli anni scorsi con l annuario del Digital Divide siamo riusciti a fornire un quadro di riferimento sulla disponibilità infrastrutturale, sulla copertura a larga banda nei diversi territori e ad indirizzare le politiche ed i progetti delle Amministrazioni centrali e Regionali per intervenire nelle aree a fallimento di mercato. Grazie anche alla maggior conoscenza del fenomeno fornita da questo strumento, sono stati avviati e realizzati importanti progetti che hanno portato ad azzerare il digital divide in alcune regioni. Questo nuovo strumento, Agende Digitali Regionali vuole fotografare il livello digitale delle diverse regioni in tutte le sue dimensioni e fornire un quadro di riferimento alle Amministrazioni Regionali per defi nire il proprio percorso, le proprie politiche i propri progetti di sviluppo digitale inquadrandoli nel contesto nazionale e comunitario e ricercando le fonti più opportune di fi nanziamento. Franco Bernabè Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

5 4 4 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

6 Executive summary Il Libro Bianco 2012 di Telecom Italia sulle Agende Digitali Regionali si pone l obiettivo di rappresentare, su base regionale, i principali fenomeni dell ICT, con particolare riferimento alle tematiche dell Agenda Digitale Europea, concentrando l attenzione da un lato sui piani e i progetti di rilevanza per l ICT, dall altro sull analisi dei Key Performance Indicator (KPI) regionali più significativi su ICT e Innovazione, a partire da quelli della Digital Agenda. Esso inoltre ha anche l ulteriore obiettivo di rappresentare il punto di partenza per un percorso di costruzione delle Agende Digitali Regionali (o comunque di allineamento della pianificazione regionale alle Agende Digitali Europea e Italiana), partendo proprio dall analisi dei gap rispetto agli obiettivi. Il ruolo delle Regioni è giustificato dal fatto che molti obiettivi declinati dalla Digital Agenda sono raggiungibili solo con il contributo fattivo degli enti territoriali, che sono più vicini ai cittadini e alle imprese, e sono quindi in grado di comprendere più facilmente gli snodi critici, le difficoltà da superare, le opzioni maggiormente praticabili. Le Agende Digitali Regionali non possono essere né la mera declinazione dell Agenda Digitale Europea a livello micro-territoriale, né la disomogenea raccolta di azioni mirate a soddisfare le esigenze dei territori, senza alcuna sistematizzazione e completamente sganciata dal contesto nazionale ed europeo e dalle esperienze degli altri territori. In questo contesto il ruolo delle Regioni appare quindi fondamentale come snodo tra una programmazione che nasce dal basso, sulla base delle esigenze e delle caratteristiche del territorio, e una programmazione calata dall alto, derivata dai macro-obiettivi europei e nazionali. Ogni territorio deve trovare il giusto equilibrio tra queste due esigenze contrapposte. L Agenda Digitale Europea Tra le iniziative chiave per raggiungere gli obiettivi di crescita economica e sociale, la Commissione ha proposto di adottare un Agenda Digitale Europea, con cui accelerare la diffusione di Internet e sfruttare appieno i vantaggi di un mercato unico del digitale per famiglie e imprese. Per verificare i progressi nel raggiungimento degli obiettivi indicati nell Agenda, la Commissione ha definito gli indicatori di performance su cui i Paesi membri saranno chiamati a confrontarsi annualmente. AMBITO Banda larga M e rcato unico digitale OB IETTIVO Copertura con banda larga di base per il100% dei cittadini dell'ue, entro il2013 Copertura con banda larga pari o superiore a 30 Mbit/s per il 100% dei cittadini UE, entro il 2020 Il 50% delle famiglie dovrebbe usare una connessione superiore a 100 Mbit/s, entro il 2020 Il 50% della popolazione dovrebbe fare acquisti online, entro il 2015 Il 20% della popolazione dovrebbe fare acquisti online all'estero, entro il 2015 Il 33% delle piccole e medie imprese dovrebbe effettuare vendite e acquisti online, entro il 2015 La differenza fra tariffe inroaming e tariffe nazionali dovrebbe essere inesistente, entro il2015 Tabella 13 Obiettivi dell Agenda Digitale Europea Fonte: European Commission - A Digital Agenda for Europe, 2010 Inclusione digitale S e rvizi pubblici Portare l'uso regolare di Internet al 75% della popolazione (60% per categorie deboli), entro il 2015 Dimezzare il numero di persone che non hanno mai usato Internet (portandolo al 15%), entro il 2015 Utilizzo dell'egovernment da parte del 50% della popolazione, entro il 2015 Rendere disponibili in rete, tutti i servizi pubblici fondamentali transfrontalieri, entro il 2015 R icerca e innovazione Raddoppiare gli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo per l ICT, entro il 2013 E conomia a bass e emissioni di carbonio Ridurre il consumo globale di energia per l illuminazione, entro il Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

7 Gli obiettivi prioritari toccano tutti gli ambiti dell economia digitale, non soltanto quelli infrastrutturali, con particolare riguardo alle tematiche dell utilizzo dell ICT nella vita quotidiana. La successione temporale degli obiettivi evidenzia due traguardi di breve periodo, da conseguire entro il 2013: garantire l accesso a tutti i cittadini europei ai servizi a banda larga di base e raddoppiare gli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo per l ICT. Nel medio periodo, entro il 2015, i Paesi europei sono invece chiamati a realizzare tutti gli obiettivi connessi con la diffusione di Internet e l utilizzo dei servizi in rete. Entro il 2020, e quindi con un ottica di più lungo periodo, l Europa dovrà garantire a tutti la possibilità di accedere a servizi a banda larga più performanti, avviandosi così a completare il nuovo ciclo di investimenti per la realizzazione delle reti NGA. A due anni dall avvio dell Agenda Digitale Europea, attraverso la Digital Agenda Scoreboard 2012, la Commissione Europea fornisce un quadro di valutazione sui progressi compiuti dagli Stati membri verso la realizzazione degli obiettivi fissati nell ambito dell Agenda Digitale. Figura 14 L avanzamento UE27 rispetto agli obiettivi dell Agenda Digitale Europea Fonte: European Commission - Digital Agenda Scoreboard, Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

8 L Agenda Digitale Italiana A seguito della defi nizione dell Agenda Digitale Europea, ogni Stato membro dell Unione Europea è tenuto ad analizzare il contesto nazionale per elaborare una propria strategia di recepimento dell Agenda Digitale Europea, individuando le priorità e le modalità di intervento. A tal fi ne il Governo italiano ha defi nito l Agenda Digitale Italiana, per alimentare l innovazione e stimolare la crescita economica, incentivare la trasparenza, la responsabilità e l effi cienza del settore pubblico, rendendo liberamente disponibili i dati delle pubbliche amministrazioni. Per rispettare gli impegni stabiliti in sede europea e defi nire la strategia italiana sul digitale, nel marzo 2012, con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, è stata istituita una Cabina di Regia, per riunire in un unica sede le diverse competenze di attuazione dell Agenda Digitale Italiana. In tale ambito sono stati creati sei gruppi di lavoro, ognuno dei quali cura alcuni dei target dell Agenda Digitale. La fi gura seguente mostra come si mappano i pilastri fondamentali dell Agenda Digitale Europea con i gruppi di lavoro individuati nell ambito della Cabina di Regia. Figura 23 Agenda Digitale Europea e Gruppi di Lavoro dell Agenda Digitale Italiana Fonte: Between, 2012 Per raggiungere gli obiettivi e attuare gli interventi defi niti dalla Cabina di Regia, nel 2012 è stata istituita l Agenzia per l Italia digitale, che riunisce le competenze fi no ad ora distribuite su tre enti: DigitPA, Agenzia per l Innovazione e Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione tecnologica. Essa ha in particolare il compito di elaborare gli indirizzi, le regole tecniche e le linee guida per l attuazione degli interventi previsti dall Agenda Digitale. Si occupa inoltre di coordinamento dei processi di digitalizzazione della P.A., di razionalizzazione della spesa ICT pubblica e di promozione di iniziative di alfabetizzazione informatica. Ad ottobre 2012 il Governo ha successivamente approvato una serie di provvedimenti normativi, il cosiddetto Decreto Crescita 2.0, contenente Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito poi in Legge nel dicembre 2012, che racchiude una serie di misure di incentivazione dello sviluppo dell economia digitale. 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

9 Le norme del Decreto Crescita 2.0 puntano a far sì che l innovazione rappresenti un fattore strutturale di crescita sostenibile e di rafforzamento della competitività delle imprese, attraverso lo sviluppo del digitale in alcuni settori prioritari e le disposizioni in tema di start-up innovative, per favorire lo sviluppo di un sistema economico-sociale basato sulla condivisione delle informazioni pubbliche, su standard aperti e interoperabili, sulla possibilità di sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di Ricerca e Sviluppo, e diffondendo le nuove tecnologie digitali presso la popolazione, attraverso la digitalizzazione della P.A. e la spinta al pagamento elettronico. Le misure contenute nel Decreto toccano numerosi temi: dall identità digitale all adozione delle nuove tecnologie nel campo dell istruzione, della salute, della giustizia, dell inclusione sociale, all accelerazione del loro impiego nel settore dei pagamenti. Ogni anno, il Governo dovrà presentare al Parlamento una relazione aggiornata sull attuazione dell Agenda Digitale Italiana. La tabella seguente riporta le principali tematiche trattate dal decreto e i relativi contenuti. Tabella 24 I contenuti del Decreto Crescita Fonte: Governo Italiano, 2012 Aree Identità digitale P.A. digitale e Open Data Istruzione digitale Sanità digitale Divario digitale e pagamenti elettronici Giustizia digitale R&I e Comunità intelligenti Contenuti Documento digitale unico Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) e interoperabilità anagrafi di rilevanza nazionale Censimento continuo della popolazione e delle abitazioni e Archivio nazionale delle strade e dei numeri civici PEC - Domicilio digitale cittadino PEC Indice nazionale degli indirizzi delle imprese e dei professionisti Trasmissione di documenti per via telematica, contratti della pubblica amministrazione e conservazione degli atti notarili Trasmissione telematica delle certificazioni di malattia nel settore pubblico Sistemi di trasporto intelligenti (ITS) e Bigliettazione elettronica Trasporto Pubblico Locale Open data e inclusione digitale Anagrafe nazionale studenti e fascicolo elettronico studente universitario Libri e centri scolastici digitali Fascicolo sanitario elettronico Prescrizione medica digitale e cartella clinica digitale Completamento Piano Nazionale per la Banda Larga Semplificazioni normative (specifiche scavi, accesso edifici per posa fibra) Pagamenti elettronici Comunicazioni e notificazioni per via telematica Notificazioni telematiche per procedure fallimentari Grandi progetti di ricerca e innovazione in sinergia con Horizon 2020 Piano Nazionale Comunità intelligenti Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

10 Complessivamente, ai fini dell attuazione delle norme e dei contenuti previsti dal Decreto Crescita 2.0, relativamente alle tematiche direttamente connesse con l Agenda Digitale Italiana, sono stati assegnati finanziamenti per oltre 900 milioni di Euro per il periodo , con la suddivisione tra le diverse tematiche riportata nella seguente figura Milioni 608 «nell ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente» Identità digitale PA digitale e Open Data Istruzione digitale Sanità digitale Divario digitale e pagamenti elettronici Giustizia digitale R&I e Comunità intelligenti Le politiche per la banda larga e il Piano di Azione Coesione Il Governo italiano si è posto l obiettivo di garantire connettività a banda larga ad almeno 2 Mbps a tutti i cittadini entro il 2013: il piano è in fase di realizzazione grazie a risorse nazionali già assegnate ad Infratel Italia, a fondi comunitari FEASR destinati allo sviluppo broadband nelle aree rurali e a fondi che le Regioni hanno messo a disposizione del Ministero dello Sviluppo Economico, attraverso la stipula di appositi accordi, proseguendo nell azione avviata dal Governo che l aveva preceduto per l attuazione del programma nazionale. Figura 3 5 Le risorse per l Agenda Digitale Italiana previste dal Decreto Crescita 2.0 Fonte: Between, 2012 Al fine di stimolare la realizzazione delle infrastrutture a banda larga e ultra larga, il Ministro per la Coesione Territoriale ha deciso di avviare gli interventi dalle regioni del Mezzogiorno con il Piano di Azione Coesione, predisposto per accelerare l attuazione dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali europei , con lo scopo di colmare i ritardi nell attuazione dei programmi e di rafforzare l efficacia degli interventi. In particolare, per quanto riguarda l Agenda Digitale, il Dipartimento per le Comunicazioni ha destinato una quota di fondi comunitari per realizzare, nelle Regioni del Mezzogiorno, i tre seguenti progetti infrastrutturali, ai fini del raggiungimento degli obiettivi europei: 4 Piano Nazionale per la Banda Larga per l infrastrutturazione delle aree territoriali non coperte da banda larga e l abilitazione di servizi di connettività ad almeno 2 Mbps per tutti entro il 2013; 4 Progetto Strategico Banda Ultra Larga per portare la connettività ad almeno 30 Mbps a tutti gli italiani, anche attraverso tecnologie mobili o tecnologie VDSL, assicurando inoltre che almeno il 50% delle famiglie si abboni a connessioni Internet ad oltre 100 Mbps; 4 Progetto Data Center per la realizzazione di data center per la digitalizzazione dei processi e lo sviluppo del cloud computing per la P.A. e le imprese, oltre che l attrazione di investimenti dell industria ICT nel sud. Per questi interventi il Piano d Azione programma complessivamente interventi per 321 milioni di Euro di risorse FESR sui Programmi operativi regionali, che saranno utilizzate nell ambito dei progetti strategici nazionali in sinergia con gli altri interventi in atto nelle diverse Regioni. Nella seguente tabella sono riportati i dettagli degli investimenti ripartiti per linea progettuale. 1 1 Campania e Puglia aderiscono al Piano di Azione Coesione, con ulteriori risorse da destinare a interventi per la banda larga e ultra larga da determinare. 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

11 Tabella 34 Risorse del Piano di Azione Coesione per l Agenda Digitale Italiana REGIONI Banda Larga (Mln ) Banda Ultra Larga (Mln ) Data Center (Mln ) TOTALE (Mln ) Fonte: Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica - MISE, 2012 Calabria 5,0 86,9 40,0 131,9 Campania Puglia 18, ,2 Sicilia 7,0 53,0-60,0 Basilicata 4,9 14,8 40,0 59,7 Sardegna 6,5-40,0 46,5 Molise - 4,0 1,0 5,0 Abruzzo TOTALE 41,6 158,7 121,0 321,3 I piani nelle Regioni Le Regioni e le Province Autonome sono ormai ben consapevoli che la rivoluzione digitale è una sfida essenziale per la modernizzazione, la competitività e la crescita del territorio. Il livello regionale rappresenta infatti un ambito fondamentale per la definizione, la concertazione e l attuazione della Società dell Informazione e della Conoscenza in quanto consente di coniugare la progettualità con le azioni programmatico-legislative proprie delle Regioni e con l utilizzo sistemico dei fondi strutturali regionali. Le prime strategie regionali per la Società dell Informazione e dell egovernment furono lanciate all inizio degli anni 2000, e successivamente aggiornate con la programmazione sui fondi strutturali , con la finalità di riportare entro un quadro strategico di obiettivi e di complementarietà di risorse l intera programmazione sulla Società dell Informazione. L attuale momento quindi cade nella parte finale di questo ciclo di programmazione e nelle fasi preliminari del nuovo ciclo , che le Regioni stanno iniziando a mettere in cantiere. Questo processo di pianificazione si sovrappone parzialmente ai piani di legislatura regionale, che per la maggior parte delle Regioni riguarda il periodo Dall incrocio di questi due processi deriva uno sfasamento dei piani regionali, che non sono tutti allineati tra di loro. Gli strumenti della pianificazione regionale della Società dell Informazione appaiono pertanto molto diversificati: spesso le Regioni si sono dotate di piani strategici pluriennali, cui fanno da compendio piani attuativi, protocolli di intesa e accordi di programma quadro a cui è demandata la definizione di obiettivi puntuali ed operativi. Molto diverso è anche il livello della documentazione, che varia da documenti di taglio politico o strategico alto (linee guida, documento di indirizzo politico-strategico, etc.) a piani operativi. Nella tabella seguente sono riportati i piani regionali per la Società dell Informazione rilevati nelle Regioni e Province Autonome, con particolare riguardo agli ultimi piani approvati Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

12 Regioni Abruzzo Nome Piano strategico di Sviluppo Regionale per l Innovazione e la Società dell Informazione Periodo di Riferimento Basilicata Strategia Regionale per la Ricerca, l Innovazione e la Società dell Informazione Calabria Strategia Regionale per lo sviluppo della Società dell Informazione Campania Le linee strategiche per la ricerca, l innovazione e la diffusione della Società dell Informazione Emilia-Romagna PiTER - Piano Telematico dell Emilia-Romagna Friuli Venezia Giulia Piano Triennale dei Sistemi Informativi Lazio Piano Strategico Triennale Liguria PTsil - Programma Triennale di Sviluppo della Società dell Informazione Lombardia Agenda Digitale Lombarda Marche (*) Piano Telematico Regionale Molise Piano STM Sistema Telematico Molise 2004 Piemonte Piano Strategico ICT Prov. Aut. Bolzano Programma egovernment Prov. Aut. Trento Piano di Sviluppo Provinciale Piano degli Investimenti SIEP Puglia Documento Strategico della Regione Puglia Sardegna Documento Strategico Regionale Sicilia Quadro di riferimento strategico regionale per lo sviluppo della Società dell Informazione PITRE - Piano per l Innovazione Tecnologica della Regione Siciliana Toscana Programma regionale per la promozione e lo sviluppo dell amministrazione elettronica e della Società dell Informazione e della conoscenza nel sistema regionale Umbria Piano Strategico per la Società dell Informazione per la Regione Umbria Verso una Agenda Digitale dell Umbria Linee guida per lo sviluppo della Società dell Informazione in Umbria Valle d Aosta Veneto (*) Piano pluriennale per il triennio per lo sviluppo del sistema informativo regionale Linee guida progettuali per lo sviluppo della Società dell Informazione del Veneto (*) Agenda Digitale Regionale in corso di definizione Tabella 45 Piani regionali per la Società dell Informazione Fonte: Between, Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

13 Alcune Regioni non hanno apparentemente alcuna pianificazione in corso, per ragioni diverse, legate a ritardi amministrativi nell emanazione e approvazione dei relativi provvedimenti. Alcune Regioni hanno peraltro avviato un nuovo ciclo di pianificazione, più esplicitamente riferito al concetto di Agenda Digitale, che si ritrova nella pianificazione della Lombardia e dell Umbria, ed è in corso di definizione, allo stato attuale, in Veneto e nelle Marche. I piani regionali per la banda larga Quasi tutte le Regioni italiane hanno avviato o realizzato piani e progetti per la riduzione del digital divide infrastrutturale. Inizialmente, tali progetti riguardavano soprattutto le sedi della Pubblica Amministrazione e, solo successivamente, gli interventi sono stati estesi anche ai cittadini e alle imprese. Si tratta di piani autonomi regionali, in molti casi integrati da accordi stipulati dalle singole Regioni con il Governo. La maggior parte delle Regioni si è fermata alle politiche per la prima generazione di digital divide (fino a 8 Mbps), anche se alcune hanno già avviato o stanno avviando la progettazione di interventi rivolti alle generazioni successive del broadband: è il caso della Sardegna, della Provincia Autonoma di Trento e delle Marche, con interventi che intendono garantire accessi a 20 Mbps alla popolazione. I primi piani regionali erano genericamente orientati allo sviluppo della banda larga, e solo in alcuni casi si interveniva in maniera specifica sulle aree in digital divide; per questo motivo, Regioni partite in tempi diversi hanno piani impostati secondo logiche diverse; in alcune Regioni, addirittura, coesistono piani differenti elaborati in tempi successivi, non sempre coerentemente collegati tra di loro. I piani per il digital divide, inoltre, sono stati concepiti per il target level (in termini di velocità nominale) caratteristico dell epoca in cui sono stati pensati: i primi piani ( ) si ponevano l obiettivo di una velocità nominale di 640 kbps, mentre i piani più recenti parlano di 7-8 Mbps nominali. Per cercare di tenere il passo con l evoluzione della banda, le Regioni più avanzate, dopo il piano per la prima generazione di banda larga, hanno cominciato a definire ulteriori piani per le generazioni di banda successive, o a considerare nei propri piani obiettivi diversificati per prima e seconda generazione. Recentemente sono apparsi piani per l NGN: tra questi, vanno segnalate le iniziative della Provincia Autonoma di Trento, della Sardegna e dell Emilia-Romagna. In sintesi, la tabella seguente riporta la tipologia di piano per la banda larga definito da ciascuna Regione e il relativo periodo temporale di riferimento: come evidenziato, alcune Regioni si sono limitate a recuperare il gap del digital divide, mentre altre hanno predisposto un piano per la banda ultra larga (NGN) Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

14 Regioni Piani Broadband/Digital Divide Piani NGN Abruzzo Master Plan Banda Larga ( ) Basilicata NO Digital Divide ( ) Nell ambito del Piano Azione Coesione - Banda ultra larga ( ) Calabria Campania Emilia-Romagna PITER ( ) Allarga la rete: Banda larga e sviluppo digitale in Campania ( ) Nell ambito del Piano Azione Coesione - Banda ultra larga ( ) Nell ambito del Piano Azione Coesione - Banda ultra larga ( ) Friuli Venezia Giulia Ermes ( ) Lazio Liguria Lombardia Marche Programma triennale di sviluppo della Società dell Informazione ( ) Piano Telematico Regionale per lo sviluppo della banda larga ( ) Molise Nell ambito del Piano Azione Coesione - Banda ultra larga ( ) Piemonte Wi-Pie ( ) Prov. Aut. Bolzano Banda Larga in Alto Adige ( ) Prov. Aut. Trento Trentino in rete ( ) Trentino NGN ( ) Puglia Verso la NGAP-NEXT Generation Apulia ( ) Verso la NGAP-NEXT Generation Apulia ( ) Sardegna Sicilia Piano d azione per la riduzione del digital divide ( ) Nell ambito del Piano Azione Coesione - Banda ultra larga ( ) Nell ambito del Piano Azione Coesione - Banda ultra larga ( ) Toscana Banda larga nelle aree rurali della Toscana ( ) Umbria Piano telematico Banda Larga ( ) Valle d Aosta VDA All Digital ( ) VDA Broadbusiness ( ) Veneto Piano operativo banda larga ( ) Tabella 5 5 Piani regionali per la banda larga e ultra larga Fonte: Osservatorio Banda Larga, Obiettivo Ultrabroadband - Between, Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

15 I piani regionali settoriali L introduzione dell ICT in sanità costituisce un importante elemento, sempre più all attenzione dei governi regionali, perché è uno dei fattori in grado di portare miglioramenti concreti nei servizi ed efficienza. Per questo motivo quasi tutte le Regioni si sono dotate di un Piano di Sanità elettronica, o comunque di una serie di iniziative specifiche di modernizzazione del sistema sanitario a livello non più (o non solo) di singola struttura sanitaria o singola Azienda Sanitaria Locale o Ospedaliera, bensì a livello regionale, in quanto solo un progetto sistemico che coinvolga tutti i soggetti può portare innovazione in un mondo così complesso. I piani e i progetti regionali di Sanità elettronica sono composti da diverse componenti, dall Anagrafe Sanitaria al CUP, dalla messa in rete dei Medici di Medicina Generale e delle Farmacie fino al Fascicolo Sanitario Elettronico, che è ormai riconosciuto come il cuore dei nuovi sistemi informativi sanitari. Lo stato di avanzamento può essere così sintetizzato: 4 Il CUP di livello regionale è stato già realizzato da 12 Regioni, mentre in altre 5 Regioni risulta ancora in realizzazione o sperimentazione; 4 Il Fascicolo Sanitario Elettronico risulta un processo ancora in divenire: tutte le Regioni stanno lavorando per la sua realizzazione, ma solo 4 ne hanno realizzato una prima forma, anche se con un numero di fascicoli attivati ancora molto basso; 4 Per quanto riguarda la telemedicina, risultano attive numerose sperimentazioni a livello locale (singole Aziende Sanitarie e Ospedaliere), ma raramente all interno di un quadro di riferimento regionale, riscontrabile solo in alcune Regioni come Veneto e Lombardia. La scuola rappresenta un altro settore ad elevato impatto per i cittadini, su cui si sviluppano molti piani e progetti territoriali. Le politiche regionali per l innovazione tecnologica nella scuola sono tuttavia spesso disomogenee e discontinue: 4 Le tematiche coperte sono molto diversificate: connettività, dotazione tecnologica delle scuole, formazione docenti, servizi scuola-famiglia, sostegno alla spesa scolastica delle famiglie in nuove tecnologie, messa a disposizione di portali con contenuti didattici o piattaforme di e-learning; 4 Le politiche hanno diverso grado di complementarietà rispetto alle politiche ministeriali (ad es. distribuzione delle LIM presso le scuole di montagna); 4 Gli interventi sono più o meno pervasivi (erogazione di finanziamenti di piccola entità ad un numero ampio di scuole vs. concentrazione delle risorse in pochi poli scolastici di eccellenza, in grado di servire le scuole del territorio); 4 In alcune Regioni infine le politiche di infrastrutturazione tecnologica delle scuole stanno evolvendo da interventi a livello di istituto (es. connessione in banda larga delle sedi) ad interventi a livello di classe (ad es. Wi-Fi e LIM), in linea con l evoluzione della politica ministeriale, che spinge verso un maggior uso delle tecnologie nella didattica in classe. L infomobilità è un tema che riguarda essenzialmente i centri urbani maggiori. Tuttavia vi è da alcuni anni una sensibilità delle Regioni ad affrontare questa tema in modo sistemico, attraverso: 4 Lo stimolo ed il coordinamento dei progetti a livello locale; 4 L avvio di progetti che privilegiano la dimensione sovracomunale (area vasta di mobilità); 4 La promozione dell interoperabilità delle soluzioni tecnologiche nelle diverse città; 4 La messa a disposizione di piattaforme regionali di infomobilità (bigliettazione elettronica, travel planner, centri di gestione/informazione sul traffico, etc.). La pianificazione per l infomobilità, sia per quanto riguarda il trasporto pubblico che quello privato, può avvenire all interno del Piano Regionale Trasporti oppure all interno del Piano Società dell Informazione, o addirittura attraverso uno specifico piano per l Infomobilità, redatto da entrambe le Direzioni Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

16 Solamente il Molise, e, per quanto riguarda il mezzo privato, la Basilicata non hanno pianificato alcun intervento in tema di infomobilità, e solamente in Puglia e Sicilia è materia trattata solamente nei Piani per la Società dell Informazione. In generale il tema è ormai entrato a pieno titolo nelle competenze del settore Trasporti, e sono ormai 8 le Regioni che si sono dotate di un piano di infomobilità condiviso tra Trasporti e Società dell Informazione. La costruzione delle Agende Digitali Regionali Telecom Italia ritiene che le Regioni necessitino di una metodologia per arrivare alla costruzione dell Agenda Digitale Regionale o, dove questa già esista, al suo allineamento agli obiettivi dell Agenda Digitale Europea (ADE) e dell Agenda Digitale Italiana (ADI). Si tratta di un percorso che parte dalla misura dello stato di digitalizzazione della regione, e che punta ad indirizzare le capacità e le risorse progettuali esistenti, per meglio finalizzarle al raggiungimento dei target dell Agenda Digitale, nel rispetto delle priorità regionali. Vi è infatti la necessità, per la Regione, di raccordare la propria pianificazione con quella indotta sia dall Agenda Digitale Europea (che fissa obiettivi sfidanti su varie aree) sia dall Agenda Digitale Italiana, che si è concretizzata nell emanazione del Decreto Crescita 2.0 da parte del Governo. Il ruolo delle Regioni diviene pertanto importante proprio come snodo tra la pianificazione topdown indotta dall ADE e dall ADI, e la pianificazione bottom-up che proviene dall analisi e soddisfacimento delle specifiche esigenze del territorio. Il percorso di costruzione/allineamento dell Agenda Digitale Regionale vede un lavoro di analisi congiunto tra Telecom Italia e Regione, articolato su tre fasi: 4 Fase A: Check-Up Digitale vero e proprio; attraverso la misura del livello attuale dei KPI della Digital Agenda e l analisi dei progetti in essere relativi alle diverse aree, tale fase effettua una valutazione prospettica di verifica di raggiungibilità dei target fissati, evidenziando sia i gap da colmare sia il ranking rispetto alle altre Regioni italiane. 4 Fase B: Gap Analysis e Identificazione delle possibili aree di intervento; attraverso un analisi più puntuale dei gap e dei possibili interventi per colmarli, tale fase consente di individuare delle possibili aree di intervento e quindi di focalizzare ed indirizzare le linee di azione. 4 Fase C: Roadmap Digitale ; tale fase identifica indirizzi e proposte di progetti finalizzati a colmare i gap e a raggiungere i target fissati dall Agenda Digitale, nelle aree individuate nella Fase B. La Fase A, quella del Check-up Digitale, presuppone la conoscenza di alcuni elementi chiave, tra i quali l esistenza e l avanzamento del processo di pianificazione dell Agenda Digitale Regionale, l esistenza di progetti già avviati e/o pianificati in ogni area tematica, l entità dei fondi disponibili. Il Check-up Digitale riguarda tutti gli ambiti dell Agenda Digitale, dalle infrastrutture di telecomunicazione (Digital Divide, NGN, LTE, Distretti Industriali), ai servizi digitali (ecommerce, egovernment, alfabetizzazione digitale, servizi digitali nella Sanità, nella Scuola, nelle Smart Cities, ecc.). La Fase B, quella della Gap Analysis e Identificazione delle possibili aree di intervento, prevede l effettuazione di una analisi dei gap rispetto ai target fissati, sia con riferimento alla situazione attuale, sia in prospettiva futura, avendo valutato anche il contributo al miglioramento dei KPI derivante dall implementazione dei progetti in corso. Inoltre l analisi prevede anche una valutazione condivisa delle cause e dei vincoli che possono ostacolare il superamento dei Gap individuati. Da ultimo nella Fase B, è prevista anche una identificazione delle possibili aree di intervento, per meglio focalizzare le risorse e le capacità progettuali disponibili. 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

17 L ultima fase è la Fase C, quella della Road Map Digitale che finalizza il lavoro attraverso l individuazione di indirizzi e di proposte progettuali utili: 4 Nel breve periodo, per intervenire, ove sia possibile, nella programmazione in corso, oppure in sede di attuazione di provvedimenti legislativi nazionali, come è il caso del Decreto Crescita 2.0; 4 Nel medio periodo per l impostazione del nuovo ciclo di programmazione regionale ( ), in coerenza con i nuovi orientamenti comunitari e le iniziative governative sull Agenda Digitale Italiana. In particolare nella Fase C vengono individuati e messi a punto: 4 Gli obiettivi strategici finalizzati al superamento dei Gap; 4 Le proposte di progetti nelle aree che hanno evidenziato le maggiori criticità nel rispettare i target Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

18 Introduzione Perché un focus regionale? L attuale contesto territoriale evidenzia da parte delle Regioni un aumentata capacità progettuale in materia di Information and Communication Technology (ICT) e Ricerca e Innovazione, a cui fa seguito una maggiore capacità propositiva e decisionale insieme anche ad un autonomia finanziaria ed attuativa derivante dallo sviluppo del modello federalista. Sebbene la spinta propulsiva verso il federalismo appaia ad oggi un po rallentata, l autonomia delle Regioni rimane al momento quasi del tutto intatta. Questo giustifica una maggiore attenzione da parte degli operatori economici nei confronti di un approccio local, che peraltro ben si sposa con un modello di innovazione che sempre più sembra funzionare se impostato dal basso, cioè su modelli che partono da casi pilota e che, una volta testati, si possono adottare su base più estesa. La crescente attenzione agli aspetti regionali nasce in primis dalla Commissione Europea (DG Regio), che parla di Regional Dimension of Europe : The Challenge is to ensure that all of Europe s regions benefit. Regions can play a motor role in the overall context of economic growth based on research, technology and innovation, in particular contributing to European research policy for the benefit of citizens - stimulating development and generating wealth and jobs. The regions should have an important role in bringing Europe faster into the knowledge based economy, by providing links between the European institutions and local communities, stimulating research and innovation efforts and mobilizing cooperation of universities and research organizations with regional and local authorities and business communities. Fonte: European Strategy Forum on Research Infrastructures Tale focus va adottato e rafforzato anche a livello italiano, mostrando crescente attenzione alle iniziative dei territori. L attuazione della Digital Agenda a livello locale L Agenda Digitale Europea, approvata dal Consiglio europeo nel giugno 2010, è la prima iniziativa faro della Strategia Europa L Agenda Digitale Europea è mirata da un lato alla creazione di un mercato digitale unico europeo, all armonizzazione della legislazione da parte degli Stati membri su tematiche rilevanti per la Società dell Informazione, come il copyright o la normativa fiscale per l ecommerce, alla realizzazione di sistemi e servizi interoperabili a livello europeo, dall altro ad azioni che richiedono una pianificazione specifica e coordinata a livello di ciascun Paese (e spesso proprio con il coinvolgimento dei territori), come la realizzazione di infrastrutture digitali, la diffusione delle competenze e della cultura digitale, la digitalizzazione di interi settori che impattano direttamente sui cittadini (sanità, scuola, mobilità, etc.) e ne migliorano la qualità di vita. L avvio dell Agenda Digitale per l Europa ha di fatto innescato una revisione dei piani per la Società dell Informazione in tutta Europa, proprio nel tentativo di allineare gli obiettivi di risultato e temporali di ogni Paese ai target ed alla tempistica dettata dalla Commissione Europea. Va detto peraltro che alcuni obiettivi sono stati già raggiunti in alcuni dei Paesi più avanzati (soprattutto per l alfabetizzazione e gli acquisti in rete), mentre altri obiettivi (es. l ecommerce delle PMI e la banda ultra larga) sono per tutti ancora lontani e richiedono uno sforzo maggiore da parte di tutti i Paesi. Molti obiettivi sono però raggiungibili solo con il contributo fattivo degli enti territoriali, più vicini ai cittadini e alle imprese, e quindi in grado di comprendere più facilmente, in base alle loro caratteristiche, quali sono gli snodi critici, le difficoltà da superare, le opzioni maggiormente praticabili. 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

19 Per questo la Commissione Europea ha lanciato una specifica iniziativa, Digital Agenda going local, con l obiettivo di sensibilizzare i territori al tema del digitale e spronarli a dotarsi di un Agenda simile a livello locale, in linea con gli obiettivi dell Agenda Europea. Tuttavia molto ancora resta da fare a livello locale, a causa della estrema disomogeneità dei punti di partenza, delle differenti curve di esperienza, della diversa capacità di pianificare strategie e di elaborare piani concreti di attuazione. In questo contesto il ruolo delle Regioni appare fondamentale come snodo tra una programmazione che nasce dal basso, sulla base delle esigenze e delle caratteristiche del territorio, ed una programmazione calata dall alto, derivata dai macro-obiettivi europei e nazionali. Le Agende Digitali Regionali non possono essere quindi né la mera declinazione dell Agenda Digitale Europea a livello micro-territoriale, né la disomogenea raccolta di azioni mirate a soddisfare le esigenze dei territori, senza alcuna sistematizzazione e completamente sganciata dal contesto nazionale ed europeo e dalle esperienze degli altri territori. Ogni territorio deve trovare il giusto equilibrio tra queste due esigenze contrapposte. È per questo motivo che lo stato dell arte dell ICT nei diversi territori e lo stato di avanzamento della pianificazione regionale per la Società dell Informazione devono essere attentamente studiati e monitorati. Finalità e contenuti del Libro Bianco Il presente documento è dunque un primo tentativo di fotografare questa situazione e di rappresentare pertanto, su base regionale, i principali fenomeni dell ICT. In particolare l attenzione è stata concentrata sui seguenti aspetti: 4 I piani e i progetti regionali di rilevanza per l ICT con le cornici finanziarie e le priorità di sviluppo; 4 L analisi dei Key Performance Indicator (KPI) più significativi su dati regionali, ICT e Innovazione, compresi quelli della Digital Agenda. Il Libro Bianco Agende Digitali Regionali, partendo dalla descrizione del contesto di riferimento a livello europeo e nazionale, analizza la complessa pianificazione regionale e misura le regioni mediante i KPI più rilevanti nei vari campi, dalle infrastrutture, ai progetti di e-gov, ai progetti di Ricerca. In allegato sono riportate le Schede Regionali con tutti gli indicatori e i dati raccolti a livello regionale Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre 2012

20 1 Policy e piani europei 1.1 L ICT per la crescita, l innovazione e la competitività Le tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT, Information and Communication Technologies) hanno un impatto sempre più rilevante sui differenziali nei tassi di crescita e sull accelerazione della produttività, delle economie più virtuose nell ultimo decennio. L OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) sostiene, ad esempio, che esistono tre canali principali attraverso i quali l ICT influenza la produttività e la crescita di un Paese: 4 Effetto produzione: è un impatto sul settore che produce queste stesse tecnologie e che, con un accelerazione della produttività, diventa più efficiente del resto dell economia e tende ad aumentare la produttività media del sistema; 4 Effetto utilizzo: le imprese degli altri settori, dotandosi di tecnologie digitali, aumentano lo stock di capitale per addetto, facendo crescere, di conseguenza, la produttività del lavoro; 4 Effetto produttività totale: l adozione di nuove tecnologie, migliorando il modo in cui le aziende combinano i fattori produttivi, ha un effetto di ricaduta sulla produttività totale dei fattori, grazie agli effetti di un loro migliore utilizzo. L innovazione tecnologica è un fattore determinante per lo sviluppo economico e sociale: la banda larga in particolare, con la possibilità di fare accedere il maggior numero di persone a un sistema di informazioni evoluto, è diventata essa stessa sinonimo di crescita economica ed inclusione sociale. L analisi del ruolo dell ICT sullo sviluppo economico dimostra infatti che questi investimenti hanno significative ripercussioni sulla crescita di un Paese. Tali effetti tuttavia si manifestano solo quando agli investimenti in infrastrutture si affiancano quelli per lo sviluppo degli assets complementari, come la formazione e la riorganizzazione dei processi che l ICT, come tecnologia abilitante, richiede per dispiegare a pieno i propri effetti. In questo senso, gli interventi per l alfabetizzazione digitale dei cittadini rendono ancor più penetrante ed efficace l impatto economico positivo degli investimenti in nuove tecnologie ICT. Numerosi sono gli indicatori proposti da autorità e istituti di ricerca, al fine di misurare le performance economiche dei vari Paesi ed evidenziare il contributo dell ICT alla crescita economica, all innovazione ed alla competitività. Si propone nel seguito del paragrafo una rassegna dei principali e più recenti indicatori e, alla fine, un analisi comparata delle risultanze. Il Global Competitiveness Index, ad esempio, misura i fattori microeconomici e macroeconomici di 144 Paesi per determinarne il livello competitivo. La competitività è intesa come un sistema di istituzioni, politiche e fattori che determinano la produttività di un Paese. La classifica internazionale è stilata dal World Economic Forum tenendo in considerazione 12 fattori di competitività e un sondaggio d opinione tra gli imprenditori, che determinano la competitività e la produttività di un sistema paese: 1. Il contesto istituzionale, che rappresenta lo scenario legale e amministrativo all interno del quale cittadini, imprese e istituzioni pubbliche interagiscono per creare ricchezza; 2. Le infrastrutture, fondamentali per ridurre i costi e i tempi di spostamento delle merci e delle persone, per integrare i sistemi produttivi, per garantire la circolazione delle informazioni; 3. Il quadro macroeconomico di riferimento, di vitale importanza per le imprese che possono ben operare solo in presenza di tassi di interesse non troppo elevati, debito pubblico e inflazione sotto controllo, politica fiscale equilibrata; 4 Agende Digitali Regionali Telecom Italia Dicembre

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni

Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Rapporto sull Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 Il Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni è un iniziativa CISIS. Il CISIS (Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri Strategia per la crescita digitale 2014-2020 Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma 3 marzo 2015 Strategia per la crescita digitale 2014-2020 1 Premessa 4 1. Obiettivi strategici 7 2. Il contesto di

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura

Ministro per l innovazione e le tecnologie. Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Ministro per l innovazione e le tecnologie Linee guida del Governo per lo sviluppo della Società dell Informazione nella legislatura Roma, giugno 2002 1 2 Presentazione La modernizzazione del Paese attraverso

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

OBIETTIVO TEMATICO 11: RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITA ISTITUZIONALE E AMMINISTRAZIONE PUBBLICA EFFICIENTE

OBIETTIVO TEMATICO 11: RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITA ISTITUZIONALE E AMMINISTRAZIONE PUBBLICA EFFICIENTE GRUPPO 5. CONDIZIONALITÀ EX ANTE CAPACITA AMMINISTRATIVA OBIETTIVO TEMATICO 11: RAFFORZAMENTO DELLA CAPACITA ISTITUZIONALE E AMMINISTRAZIONE PUBBLICA EFFICIENTE CRITERIO SUB 3: azioni integrate per la

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale

Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Un Agenda Digitale per le Alpi: favorire la Competitività e l Inclusione Sociale Milano, 8 Maggio 2014 Sala Pirelli Palazzo Pirelli Esperienze di telemedicina in Regione Lombardia e sanità elettronica

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese.

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013

Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013 Programma Nazionale della Ricerca 2011-2013 Marzo 2011 1 INDICE INTRODUZIONE... 4 EXECUTIVE SUMMARY... 7 1 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO... 14 1.1. IL CONTESTO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO INTERNAZIONALE... 14

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli