nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: -"

Transcript

1 ACCORDO PROCEDIMENTALE, TRA I GESTORI DELLA TELEFONIA MOBILE ED IL COMUNE DI IMPRUNETA, PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO, IL CONTROLLO E LA RAZIONALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE CELLULARE. L anno duemilauno il giorno del mese di, in Impruneta, nella sede Comunale, TRA - Dott. Arch. Gianni Vivoli, nato a Firenze il , in qualità di Dirigente Responsabile del Servizio Gestione del Territorio del Comune di Impruneta, il quale interviene alla presente atto non in proprio ma in nome e per conto dell Amministrazione comunale; E - PREMESSO che: - L'Accordo procedimentale ha come campo di applicazione le Stazioni radio base per telefonia cellulare e ogni altro impianto emittente campi elettromagnetici installati o da installare ai fini della trasmissione di segnale per telefonia cellulare ( da ora in poi indicati, nel presente documento, con la sigla generale S.r.b.) al fine di: 1. individuare una chiara procedura per la presentazione delle istanze, relative alla installazione di detti impianti; 2. acquisire le conoscenze relative al livello di esposizione della popolazione del comune di Impruneta ai campi elettromagnetici prodotti dalle S.r.b. presenti sul territorio comunale; 3. conseguire una corretta informazione alla popolazione sulla materia; 4. assicurare la tutela dell ambiente e del paesaggio, anche attraverso una puntuale verifica della compatibilità e corretto inserimento ambientale degli impianti; 5. promuovere l innovazione tecnologica e le azioni di risanamento volte a minimizzare l intensità e gli effetti dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici secondo le migliori tecnologie disponibili. TENUTO CONTO che la realizzazione o la modificazione degli impianti di cui trattasi trova la sua disciplina e regolamentazione nella legge n. 36, e nella legge regionale n. 54 del 2000, è altresì soggetta, per ciò che concerne gli aspetti edilizi al rilascio di provvedimenti abilitativi alla L. n. l0/1977 e della L.R.n.52/99, e loro successive modifiche ed integrazioni, 1

2 nonché al D.lvo n.490 del 1999, qualora le opere interessino aree e beni vincolati sotto il profilo paesaggistico o archeologico; CONSIDERA TO che: - ai sensi dell'art. 231 del D.P.R. n. 156 del , gli impianti di telecomunicazioni e le opere accessorie occorrenti per la funzionalità di detti impianti hanno carattere di pubblica utilità; - la rete di telefonia mobile è qualificata come servizio pubblico ai sensi del citato D.P.R. 156/73; - i gestori in qualità di concessionari del servizio di telefonia mobile, hanno l'obbligo di attivare la rete e di garantire una copertura minima del servizio stesso entro termini stabiliti dalle concessioni stipulate con il Ministero delle Poste e Telecomunicazioni; - è necessario assicurare ai Gestori il rispetto di termini predefiniti per il rilascio delle autorizzazioni e/o delle concessioni edilizie, occorrenti per la realizzazione degli impianti di cui si discute, ciò allo scopo di consentire agli stessi gestori il rispetto dei termini previsti dalle convenzioni stipulate con il Ministero delle Poste e Telecomunicazioni; RICHIAMATO l'accordo procedimentale tra Provincia di Firenze e l'agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente della Toscana (ARPAT), approvato con. D.G.P. n.200 dell'1l , relativo alla qualificazione e potenziamento delle prestazioni del Dipartimento Provinciale dell'arpat a supporto dell'attività della Provincia per l'anno 2000, ed in particolare l'accordo procedurale fra la Provincia di Firenze, il Dipartimento della Prevenzione della Azienda USL l0, il Dipartimento della Prevenzione dell'azienda USL 11, il Dipartimento Provinciale ARPAT di Firenze, sulle procedure autorizzative e di controllo e gestione di reti di telefonia cellulare sicure; RICHIAMATI in particolare "le modalità di progetto della stazione radiobase di telefonia cellulare" ed i "criteri per le attività di verifica e di controllo delle stazioni radiobase di telefonia cellulare", costituenti documenti allegati al citato accordo procedurale'; DATO ATTO che in data 21 settembre 2000 è stato siglato l'accordo procedurale per la realizzazione di reti di telefonia cellulare nella Provincia di Firenze, fra quest'ultima, l'arpat e i rappresentanti dei gestori: OMNITEL, WIND, BLU e TIM; RICHIAMATO il Decreto ministeriale 10 settembre 1998, n. 381 :"Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana" che, tra l'altro fissa i limiti dei valori di campo elettrico e magnetico che non devono essere superati negli edifici adibiti a civile abitazione o che comunque comportino permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere; 2

3 RICHIAMATA la legge regionale 1 marzo 2000, n.54 "Disciplina in materia di impianti di radiocomunicazione"; RICHIAMATA ALTRESI la legge , n.36 legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magneti ed elettromagnetici, che all art.8 comma 5 bis, attribuisce alle Amministrazioni locali la facoltà di adottare un regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e per minimizzare l esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici; RITENUTA indispensabile l'acquisizione delle conoscenze relative al livello di esposizione della popolazione del comune di Impruneta ai campi elettromagnetici prodotti dalle S.r.b. presenti sul territorio comunale, per procedere ad adeguata programmazione della installazione di nuove S.r.b. nonché per attivare gli eventuali interventi di risanamento; RILEVATO INFINE che l Amministrazione nell ambito delle facoltà attribuitele dalla legge, in ossequio alle conoscenze che le saranno, in conformità ai presenti impegni, messe a disposizione da parte dei soggetti gestori, provvederà alla individuazione delle possibili localizzazioni, in ossequio e nel rispetto della salute dei cittadini e dell ambiente. VISTA la deliberazione n. della Giunta Comunale in data con la quale è stato approvato lo schema del presente accordo procedimentale; Tutto ciò premesso e considerato si conviene e si stipula quanto segue: ART. 1 PREMESSE Le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente atto e vengono specificatamente approvate dalle parti ART. 2 FINALITA' Tra il Comune di Impruneta e i Soggetti titolari di concessione ovvero licenziatari del pubblico servizio di telefonia cellulare si conviene di stipulare il presente Protocollo di Intesa al fine di: a) garantire la piena e puntuale applicazione delle norme e dei principi di cui alle normative in materia di regolamentazione dell'esposizione alle onde elettromagnetiche vigenti e future sia attraverso il più razionale inserimento degli impianti nel territorio, ai fini della tutela dell'ambiente, del paesaggio, e della minimizzazione delle esposizioni ai campi elettromagnetici da parte delle popolazioni interessate, sia attraverso l'uso delle tecnologie più avanzate e 3

4 innovative disponibili, e sia attraverso eventuali interventi di "risanamento", fermo restando la qualità del servizio di telefonia mobile derivante dagli obblighi di concessione o licenza; b) garantire il più razionale inserimento degli impianti di telefonia cellulare per i fini di cui sopra privilegiando la pianificazione e l'ottimizzazione degli interventi previsti dai Gestori di concerto con il comune anche attraverso l'individuazione e messa a disposizione di aree ed immobili pubblici, a partire da quelli tecnologici; c) favorire il monitoraggio degli impianti, anche con carattere di continuità nelle modalità e nei termini che vorrà stabilire l'arpat preposta al monitoraggio, per garantire il costante rispetto dei valori di cui al D.M. 381/98; d) garantire una costante informazione delle popolazioni interessate. ART. 3 OBBLIGHI SPECIFICI E GARANZIE 3.1 I soggetti gestori del pubblico servizio di telefonia cellulare al fine di garantire il raggiungimento delle finalità di cui all'art.1 si impegnano nei confronti del Comune : a) I gestori si impegnano a rendere immediatamente disponibili i dati relativi alle S.R.B. presenti nel comune di Impruneta contenuti nel catasto informatizzato del A.R.P.A.T. di Firenze, come previsto dalla L.R. 54/00 art.5 comma 1 e 2, e a fornire, entro l0 giorni dalla stipula del presente protocollo, il programma delle installazioni per l'anno 2001 con i relativi siti puntuali e/o aree di ricerca (di raggio non superiore a 250 mt. per le aree urbane e 500 mt. per aree extraurbane) su supporto informatico e cartaceo. Ai fini del rilascio delle autorizzazioni/concessioni edilizie previste nel presente protocollo di intesa i gestori dovranno fornire al Comune e all'arpat/usl anche su supporto informatico i dati relativi alle caratteristiche tecniche dell'impianto, i valori di campo elettrico atteso in seguito alla installazione della nuova S.R.B e tenendo conto di quelle preesistenti - nell'area circostante (250 metri per le aree urbane e 500 mt per le aree extraurbane) per le quote ove risiedono persone per più di 4 ore; b) I gestori si obbligano a concordare ed attuare, con l'amministrazione Comunale, una razionale distribuzione che garantisca la minimizzazione dei livelli di esposizione della popolazione e la riduzione dell'impatto paesaggistico e ambientale in linea con i criteri assunti per la programmazione annuale, fermo restando la qualità del servizio di telefonia mobile derivante dagli obblighi di autorizzazioni/concessione edilizia; 4

5 c) I gestori si obbligano a diminuire l'impatto visivo delle stazioni radio base con particolare attenzione ai centri storici in ragione degli avanzamenti tecnologici preferibilmente posizionandole al di fuori di essi. d) I gestori si obbligano: a comunicare preventivamente al Comune ad ARPAT ed USL ogni modifica agli impianti esistenti, rispetto all'autorizzato, al fine di ottenere il necessario nulla - osta; da parte del Comune, ed ad informarlo della esecuzione delle opere entro trenta giorni dalla avvenuta modifica al fine di consentire l'aggiornamento del catasto informatizzato e dei livelli di emissione. 3.2 Programma annuale impianti fissi (P.A.I.F.) I soggetti gestori convenzionati si impegnano a fornire entro il 30 settembre di ogni anno (entro 10 gg dalla firma del presente protocollo per l'anno 2001) su supporto informatico e cartaceo al Comune, che si impegna ad osservare il vincolo della riservatezza industriale e commerciale di cui al D.lgs n. 39/1997, il programma annuale delle installazioni fisse da realizzare, al fine di garantire la più razionale collocazione degli impianti medesimi nel territorio, con particolare riferimento alla minimizzazione dell'esposizione. Il Programma annuale (P.A.I.F.) oltre ad indicare la localizzazione puntuale degli impianti, può anche individuare aree di ricerca circoscritte (di raggio non superiore a 250 mt. nelle aree urbane e 500 mt. nelle aree extraurbane) all'interno delle quali il gestore, per garantire il servizio secondo gli standard previsti dalla concessione ministeriale, potrà installare le S.r.b. Il programma verrà valutato ed approvato da parte dell Amministrazione comunale in riferimento agli aspetti generali relativi al raggiungimento degli obbiettivi di cui all'art.2 e art. 3 punto 3.1, nonché ai principi della legge n.36 del 2001, della L.R. 54/00 e degli emanandi Regolamenti attuativi, fermo restando la possibilità per l Amministrazione di modificare e rettificare le localizzazioni suggerite. Il Comune, entro i successivi 20 giorni può chiedere ai gestori di indicare una diversa localizzazione o area di ricerca, infine acquisto il parere dell'arpat e dell'usl approva il piano entro i 60 giorni. Successivamente alla approvazione del programma saranno rilasciate le concessione edilizie che abbiano ad oggetto installazioni di impianti nelle localizzazioni previste dal programma in modo puntuale, e per quelle individuate dallo stesso nelle aree di ricerca. L Amministrazione comunale 5

6 provvede alla verifica della compatibilità urbanistico-edilizia, in conformità e nel rispetto delle procedure e dei tempi indicati dal successivi punto 3.7. Il Comune verifica la documentazione di progetto presentata dai gestori in relazione alle planimetrie ed all'altezza degli edifici all'intorno degli impianti. Le istanze che hanno ad oggetto l installazione di impianti la cui localizzazione non è prevista nel programma annuale (P.A.I.F.) potranno essere autorizzate solo in via transitoria e per una durata determinata, con le procedure e tempi di cui successivo punto 3.7., in attesa della revisione annuale del programma medesimo. 3.3 Programma Impianti Mobili Temporanei(P.I.M.T.) Nelle more della definizione del programma (P.A.I.F.) di cui al punto precedente, al fine di consentire una forma di razionalizzazione degli impianti i Soggetti gestori convenzionati si impegnano a fornire entro l0 gg dalla firma del presente protocollo, il programma delle installazioni mobili previste. Il Comune può chiedere ai gestori di indicare diversa localizzazione nei 30 giorni successivi dalla ricezione del piano programma. Il Comune, acquisisce il parere dell'arpat e dell'usl, ed approva entro i 20 giorni successivi alla trasmissione del parere dell ARPAT e USL le localizzazioni contenute nel piano programma del P.I.M.T.. Detto piano verrà valutato in riferimento agli aspetti generali relativi al raggiungimento degli obbiettivi di cui all'art. 2 e art.3 punto 3.1 e alle vigenti norma in materia. Solo successivamente a detta approvazione saranno rilasciabili autorizzazioni temporanee volte all installazione degli impianti in conformità alle localizzazioni ivi contenute. Il Comune provvederà comunque alla verifica della documentazione di progetto presentata, in conformità di quanto stabilito dal regolamento edilizio, dai gestori in relazione alle planimetrie ed all'altezza degli edifici all'intorno degli impianti. Non saranno rilasciate autorizzazioni per localizzazioni non previste in detto programma. Gli impianti mobili non possono essere autorizzati al di fuori del Programma impianti mobili temporanei. La validità dell'autorizzazione è temporanea ed ha una durata non superiore a 8 mesi, la stessa non è rinnovabile e comunque decadrà di diritto, qualora il gestore non abbia provveduto a richiedere 6

7 entro 10 giorni dalla data di approvazione all approvazione del piano delle localizzazioni di cui al precedente punto 3.2, l autorizzazione o la concessione edilizia in conformità a detto piano. 3.4 Autorizzazione impianti a tempo limitato Sono quelli che possono essere installati in zone ove si svolgono manifestazioni di vario genere (spettacoli, eventi, avvenimenti sportivi, ecc.) e per i quali non è possibile prevedere nei piani annuali la loro collocazione. Per questi impianti il periodo di autorizzazione è limitato al periodo della manifestazione, regolato secondo i criteri della L.R.T., e previamente comunicato dal Gestore al Comune stesso. 3.5 Risanamenti Gli impianti esistenti di telefonia mobile che non rispettano i limiti fissati dal D.M. 381/98 sono ricondotti a conformità nei modi e nei tempi previsti dalle leggi e norme vigenti, gli stessi inoltre dovranno essere adeguati ai limiti che saranno indicati nel regolamento di attuazione di cui alla l.36/2001. Il Comune si impegna a collaborare con i gestori al fine di favorire la eventuale nuova collocazione, mettendo anche a disposizione aree di proprietà Comunali. I gestori, della avvenuta realizzazione degli interventi di risanamento, che dovranno previamente essere autorizzati, ne danno comunicazione al Comune entro trenta giorni dalla loro realizzazione. 3.6 Funzione di controllo In applicazione dell'art. 9 della L.R. 54/2000 comma l, 2 e 3 i gestori firmatari del presente accordo, si impegnano a sostenere gli oneri relativi ai controlli che il Comune di Impruneta riterrà effettuare, avvalendosi anche dell'arpat, per una migliore conoscenza e controllo della situazione generale relativa al livello di esposizione ai campi elettromagnetici della popolazione del Comune di Impruneta, ed una più complessiva valutazione dei programmi di sviluppo della reti di telefonia mobile. A tal fine, verrà versata per il triennio da parte di ogni gestore una somma che viene indicata forfettariamente in , che sarà versata, al momento della stipula del presente atto, da parte dei gestori in ragione dei controlli effettuati e da effettuarsi da parte dell Amministrazione sugli impianti esistenti e/o sulle aree oggetto di nuove installazioni. Detta somma sarà impiegata dall Amministrazione per detti scopi e all uopo l Amministrazione provvederà a inviare al termine del triennio una sintetica relazione delle iniziative effettuate. 7

8 In caso di mancato impiego di dette somme, le stesse saranno restituite, senza interessi ai gestori. 3.7 Impegni del Comune II Comune firmatario si impegna a rilasciare concessioni e/o autorizzazioni rivolte all'installazione delle stazioni e degli impianti di telefonia mobile, nel termine di 30 giorni dalla data di presentazione della documentazione completa da parte dei gestori qualora le domande abbiano ad oggetto localizzazioni previste dal piano o i siti riferiti alle aree di ricerca, qualora l istanza interessi aree vincolate ai sensi del D.lvo 490 del 1999, l autorizzazione o la concessione edilizia sarà rilasciata in seguito al rilascio della autorizzazione della Soprintendenza competente, o trascorsi i termini per un eventuale atto di annullamento dell autorizzazione da parte della stessa Soprintendenza. Sono fatte le altre autorizzazioni o nulla osta di competenza di altri Enti. Le istanze che hanno ad oggetto impianti di stazioni radio base fisse la cui localizzazione non è prevista dal programma annuale, potranno essere autorizzate per un periodo temporaneo al massimo di 6 mesi, non prorogabile, il provvedimento sarà rilasciato entro 90 giorni dalla data di presentazione salvo quanto indicato al comma precedente in ragione di specifici vincoli interessanti l'area di intervento. Tale principio - condiviso dai sottoscrittori - ha lo scopo di razionalizzare le installazioni delle stazioni radio basi per la telefonia mobili nel Comune di Impruneta secondo gli obbiettivi di cui all art. 2 e art. 3 punto 3.1 del presente protocollo di intesa,, nonché ai principi della legge n.36 del 2001, della L.R. 54/00 e degli emanandi Regolamenti attuativi. L'Amministrazione stessa si impegna a mettere a disposizione ai gestori, all ARPAT e all'usl i dati in suo possesso che saranno parte del catasto informatizzato, entro 60 gg. dalla firma del presente protocollo e ad fornire il loro aggiornamento entro il 31 gennaio di ogni anno. Le prassi comunali nel merito saranno comunque adattate al contenuto di tutte le nuove leggi di riforma, comprese le predisposizioni relative all'istituzione dello Sportello Unico. ART. 4 PARTECIPAZIONE ED INFORMAZIONE Il Comune informerà la cittadinanza del risultato del monitoraggio, del programma annuale e stagionale e dei risanamenti con le modalità previste dal proprio ordinamento. ART. 5 ATTIVITA' DI CONTROLLO E DI VIGILANZA DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 8

9 L'attività di controllo e di vigilanza sugli impianti di telefonia cellulare, volta a verificare il rispetto del D.M. 381/98, nonché della normativa regolamentare attuativa della legge 36 del 2001 in corso di approvazione, sarà svolta dal Comune avvalendosi dell'arpat con le modalità di cui all'art. 9 della L.R. n.54 del ART. 6 ATTUAZIONE DEL PROTOCOLLO Con periodicità semestrale (e comunque ogniqualvolta ciò venga richiesto da una delle parti) i firmatari del presente Protocollo si incontreranno per verificare lo stato di attuazione del presente Protocollo. ART. 7 DURATA DEL PROTOCOLLO Tale Protocollo d'intesa avrà durata triennale a decorrere dalla sua sottoscrizione. ART. 8 DISPOSIZIONI FINALI Si conviene che le parti provvederanno a rispettare la vigente normativa (statale e regionale) regolamentante la materia, alla quale si rinvia per quanto non previsto dal presente accordo. PER IL COMUNE DI IMPRUNETA Il Dirigente Responsabile Del Servizio Gestione del Territorio arch. Gianni Vivoli Per WlND TELECOMUNICAZIONI S.p.A. Un Procuratore Per OMNITEL PRONTO ITALIA S.p.A. Un Procuratore Per TELECOM ITALIA MOBILE S.p.a. Un Procuratore Per BLU S.p.a.Un Procuratore 9

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER L EMITTENZA RADIO TELEVISIVA E MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento)

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) C.A.P. 92028 Tel. 0922-953011 Fax 0922-957324 Regolamento per la pianificazione e la gestione degli impianti di telefonia mobile, telecomunicazione

Dettagli

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005

ALLEGATO 1. variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 ALLEGATO 1 variante adottata con delibera Consiglio Comunale n. 6 del 25.02.2005 DATA : 10.06.2005 COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI

Dettagli

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002

APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 19.03.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA, L ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DEGLI IMPIANTI DI RADIOTRASMISSIONE IN GENERE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Il Ministero delle Comunicazioni, l ANCI ed i soggetti Gestori del servizio di telefonia cellulare

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Il Ministero delle Comunicazioni, l ANCI ed i soggetti Gestori del servizio di telefonia cellulare PRTLL D ITS Tra Il inistero delle omunicazioni, l I ed i soggetti Gestori del servizio di telefonia cellulare PR L ISTLLZI, IL ITRGGI, IL TRLL L RZILIZZZI DGLI IPITI PR L TLFI BIL Premesso che su proposta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE. La Responsabile per il Servizio Urbanistica arch. Maria Grazia La Porta Il Responsabile per lo Sportello Unico

Dettagli

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA

COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA COMUNE DI VEDELAGO PROVINCIA DI TREVISO SETTORE URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 24 in data

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE Comune di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI PER LA TELEFONIA MOBILE, PER LA RADIOTELEDIFFUSIONE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Comune di Padova REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LE TRASMISSIONI IN STANDARD DVB-H Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. AGGIORNAMENTO DEL PIANO ATTUATIVO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE SRB PER LA TELEFONIA MOBILE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SERDIANA REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SERDIANA - Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE PER TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 8 ottobre 2013 1 Capo I Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ****************************************

COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI **************************************** COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA Di BARI ASSESSORATO ALL URBANISTICA ASSESSORATO ALL AMBIENTE ******** **************************************** ********************************************************************************

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI ROMA LE SOCIETA CONCESSIONARIE DI TELEFONIA MOBILE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI ROMA LE SOCIETA CONCESSIONARIE DI TELEFONIA MOBILE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMUNE DI ROMA E LE SOCIETA CONCESSIONARIE DI TELEFONIA MOBILE Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base

Dettagli

COMUNE DI ANDRIA --o0o--

COMUNE DI ANDRIA --o0o-- COMUNE DI ANDRIA --o0o-- Regolamento per l installazione la modifica e l adeguamento delle stazioni radio base per la telefonia cellulare e servizi similari. Antenne emittenti radiotelevisive Art. 1 Applicazione

Dettagli

articolo 3 - Ambiti territoriali pag. 1

articolo 3 - Ambiti territoriali pag. 1 indice CAPO 1 - PREMESSA pag. 1 articolo 1 - Oggetto pag. 1 articolo 2 - Obiettivi pag. 1 articolo 3 - Ambiti territoriali pag. 1 CAPO 2 - PROCEDURE AUTORIZZATIVE pag. 4 articolo 4 - Programmi annuali

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Provincia di Rimini

COMUNE DI RIMINI Provincia di Rimini ALLEGATO D COMUNE DI RIMINI Provincia di Rimini REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL'ESPOSIZIONE

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT.

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE, MODIFICA ED ADEGUAMENTO STAZIONI RADIOBASE TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVE 7-150 WATT. - Delibera C.C. n 2 del 08.03.2001:

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE,

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER LA TUTELA DAI CAMPI ELETTROMAGNETICI. Approvato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

COMUNE DI FARINDOLA PROVINCIA DI PESCARA

COMUNE DI FARINDOLA PROVINCIA DI PESCARA COMUNE DI FARINDOLA PROVINCIA DI PESCARA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI RADIO BASE DI TELEFONIA MOBILE E ALTRI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONI AD ONDE RADIO AD ALTA FREQUENZA (Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI CAIVANO REGOLAMENTO COMUNALE INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE 1 I N D I C E CAPO I Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Finalità e obiettivi del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Comune di Padova e soggetti gestori del servizio di telefonia cellulare "TIM S.p.A." Telecom Italia Mobile, Vodafone Omnitel N.V., H3G S.p.A., Wind Telecomunicazioni S.p.A. Per

Dettagli

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile.

ART.1- - OGGETTO. Sono oggetto delle presenti norme le stazioni radio-base per telefonia mobile. Regolamento per l installazione e il controllo delle stazioni radio-base per telefonia mobile (Approvato con deliberazione n.47/cc del 8.05.2002 Adeguamento alla deliberazione del Consiglio Regionale n.12

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E RADIOTELEVISIVI. APPROVATO CON DEL. CONS. N. 8 del 20/03/2002

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia di Ancona DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO Settore Ufficio Tecnico Servizio Ambiente REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONTROLLO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI ARTICOLO 1 CAMPO DI APPLICAZIONE-ATTO

Dettagli

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO

Subject: REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ADEGUAMENTO COMITATO TUTELA AMBIENTE C/o Casulli - Via V. De Gama,109/3-24045 Fara Gera D Adda Telefono: 0363 399968 Fax: 035 4542646 Indirizzo e-mail : comitato_ambiente@inwind.it - Sito web: www.ambientefara.it

Dettagli

- 1 - PROTOCOLLODI INTESA TRA IL COMUNEDI CATANIA ED I GESTORI DEL SERVIZIO DI TELEFONIA CELLULARE TIM -VODAFONEOMNITEL - WIND - H3G

- 1 - PROTOCOLLODI INTESA TRA IL COMUNEDI CATANIA ED I GESTORI DEL SERVIZIO DI TELEFONIA CELLULARE TIM -VODAFONEOMNITEL - WIND - H3G ' < - 1 - PROTOCOLLODI INTESA TRA IL COMUNEDI CATANIA ED I GESTORI DEL SERVIZIO DI TELEFONIA CELLULARE TIM -VODAFONEOMNITEL - WIND - H3G Per l'istaliazione il monitoraggio il controllo e la razionalizzazionedegli

Dettagli

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO

GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO GRUPPO CONSILIARE MOVIMENTO 5 STELLE MONTEGRANARO All Ill.mo Sig. Sindaco della Città di Montegranaro All Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Montegranaro e, p.c. Ai Capigruppo Consiliari

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015

PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA. Lucca, Giugno 2015 PERCORSO PARTECIPATO PER L APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA TELEFONIA MOBILE DEL COMUNE DI LUCCA Lucca, Giugno 2015 TEMI DELLA RELAZIONE Legge Regionale 49/2011: principali contenuti ed implicazioni in

Dettagli

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE.

ALLEGATO 1. FINALITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 5 settembre 2005, n.16-757 Legge regionale n. 19 del 3 agosto 2004 Nuova disciplina regionale sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici.

Dettagli

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana

ASSESSORATO ALL'AMBIENTE. XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana ASSESSORATO ALL'AMBIENTE XIII^ Direzione Ecologia Ambiente Nettezza Urbana REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITA CHE PRODUCONO INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO come modificato con delibera

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici

Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici CITTA DI GIAVENO Presentazione Regolamento Comunale per l installazione di impianti di telefonia cellulare e radioelettrici Anno 2006 1 CAPPELLO La Città di Giaveno ha partecipato ad un protocollo d intesa

Dettagli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli

COMUNE DI FORIO. Provincia di Napoli COMUNE DI FORIO Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO URBANISTICO E TERRITORIALE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE E TELECOMUNICAZIONI RADIOTELEVISIVE E PER LA MINIMIZZAZIONE DELL

Dettagli

Regolamento comunale per la telefonia mobile

Regolamento comunale per la telefonia mobile COMUNE DI UDINE Regolamento comunale per la telefonia mobile Approvato con Delibera consiliare n. 74 d ord. del 4 novembre 2013 Capo I Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 FINALITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNALE Elettrosmog INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO DELLE STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE I I N D I C E CAPO I Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2 Finalità e obiettivi del regolamento

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa Dati del titolare Cognome

Dettagli

Regolamento Comunale per l Installazione e l Esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile

Regolamento Comunale per l Installazione e l Esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile Comune di Ferrara Regolamento Comunale per l Installazione e l Esercizio degli Impianti di Telecomunicazione per Telefonia Mobile (Art. 8, comma 6, legge quadro n. 36/2001) Ferrara, 16 luglio 2007 1 Capo

Dettagli

DOCUMENTI DI ACCESSO PER L OTTENIMENTO DEI PARERI E DELLE AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

DOCUMENTI DI ACCESSO PER L OTTENIMENTO DEI PARERI E DELLE AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI DOCUMENTI DI ACCESSO PER L OTTENIMENTO DEI PARERI E DELLE AUTORIZZAZIONI RELATIVE ALL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI Procedura in merito alla realizzazione di Cabine per quanto concerne la presentazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 DELLA GIUNTA MUNICIPALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 DELLA GIUNTA MUNICIPALE copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 DELLA GIUNTA MUNICIPALE PROT. N. 2015-0016138 / PTRCA00077 CONCESSIONE A TELECOM ITALIA SPA DEL SITO PUBBLICO N. 8 TRALICCIO COMUNALE MULTIGESTORE IN VIA MARONE P.ED.

Dettagli

Spett.le PROVINCIA OGLIASTRA Pec: protocollo@cert.provincia.ogliastra.it. Spett.le COMUNE BAUNEI Pec: protocollo@pec.comunedibaunei.

Spett.le PROVINCIA OGLIASTRA Pec: protocollo@cert.provincia.ogliastra.it. Spett.le COMUNE BAUNEI Pec: protocollo@pec.comunedibaunei. GRUPPO ENEL - DIVISIONE INFRASTRUTTURE E RETI MACRO AREA TERRITORIALE CENTRO SVILUPPO RETE SARDEGNA 09125 Cagliari, piazza Deffenu 1 F +39 0239652870 eneldistribuzione@pec.enel.it Nuoro DIS/MAT/CE/DTR-SAR/SVR/PLA/DNU/NU

Dettagli

COMUNE DI BASSANO ROMANO. Regolamento Comunale per l installazione. della stazioni radio base. per telefonia mobile e telecomunicazioni

COMUNE DI BASSANO ROMANO. Regolamento Comunale per l installazione. della stazioni radio base. per telefonia mobile e telecomunicazioni COMUNE DI BASSANO ROMANO Regolamento Comunale per l installazione della stazioni radio base per telefonia mobile e telecomunicazioni con allegato planimetrico " A " N O V E M B R E 2 0 0 1 Art.1. Finalità

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

2002 - Aggiornamento CT0601ur12 VOCE T 6.1 LRG/XII,1. INQUINAMENTI L.R. 11 maggio 2001, n. 11

2002 - Aggiornamento CT0601ur12 VOCE T 6.1 LRG/XII,1. INQUINAMENTI L.R. 11 maggio 2001, n. 11 LEGGE REGIONALE 11 maggio 2001, n. 11 «Norme sulla protezione ambientale dall esposizione a campi elettromagnetici indotti da impianti fissi per le telecomunicazioni e per la radiotelevisione». (B.U. 15

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

Regolamento per le installazioni di stazioni radio base per telecomunicazioni e radiotelevisivi

Regolamento per le installazioni di stazioni radio base per telecomunicazioni e radiotelevisivi Regolamento per le installazioni di stazioni radio base per telecomunicazioni e radiotelevisivi (appendice all'art.44bis del Regolamento Edilizio Comunale Articolo 1 - Oggetto del regolamento Articolo

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO PER IL POSIZIONAMENTO ED IL MONITORAGGIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DI TUTTE LE FORME DI ELETTROMAGNETISMO

PIANO PARTICOLAREGGIATO PER IL POSIZIONAMENTO ED IL MONITORAGGIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DI TUTTE LE FORME DI ELETTROMAGNETISMO PIANO PARTICOLAREGGIATO PER IL POSIZIONAMENTO ED IL MONITORAGGIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DI TUTTE LE FORME DI ELETTROMAGNETISMO REGOLAMENTO Premessa Il presente regolamento per gli impianti

Dettagli

Riferimenti normativi

Riferimenti normativi Provincia di Novara Schema di regolamento comunale per gli impianti di telefonia mobile e telecomunicazioni: i criteri e i possibili contenuti Marzo 2006 INDICE Riferimenti normativi... 3 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER

REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER COMUNE DI RIMINI SETTORE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE E ATTIVITA' ECONOMICHE REGOLAMENTO COMUNALE DEI CENTRI DI TELEFONIA O PHONE CENTER approvato con delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Oggetto: Osservazioni alla Proposta di Legge N. 70/2011 Disciplina in materia di impianti di radiocomunicazione di iniziativa della Giunta regionale

Oggetto: Osservazioni alla Proposta di Legge N. 70/2011 Disciplina in materia di impianti di radiocomunicazione di iniziativa della Giunta regionale POLAB S.r.l. Via Sant Antioco 15, 56023 Navacchio - Cascina (PI) Tel/Fax.: 050 776 019 Prot. n. 111/11 del 23/06/2011 Oggetto: Osservazioni alla Proposta di Legge N. 70/2011 Disciplina in materia di impianti

Dettagli

Premessa e fonte dati

Premessa e fonte dati Premessa e fonte dati L'interesse verso i campi elettromagnetici ha assunto negli ultimi anni un'importanza crescente legata al contemporaneo frenetico sviluppo di nuovi sistemi di telecomunicazione, i

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSTALLAZIONI DI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 41 in data 19.07.2006 PREMESSA...1 LIMITI

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI

P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI .REGIUNE DEL~ t&fwia Consiglio Regionale VII LEGISLATURA ATTO N. 520 P ROPOSTA DI LEGGE d ìnìzìativa del Consìglìere SEBASTIANI Norme per la prevenzione e la tutela sanìtarìa dall%@namento elettromagnetico

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INSTALLAZIONI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER LE INSTALLAZIONI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio Settore Urbanistica Servizio Edilizia Privata REGOLAMENTO PER LE INSTALLAZIONI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA MOBILE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N.

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni

Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Autorizzazione all installazione di un antenna per telecomunicazioni: stessa procedura e diverse gestioni Alberto Piacentini Responsabile Wireless Implementation Lombardia Milano, 7 novembre 2006 Realizzazione

Dettagli

Circolare n. 34. Roma, 27 giugno 2013

Circolare n. 34. Roma, 27 giugno 2013 Direzione generale Direzione centrale prestazioni Direzione centrale rischi Direzione centrale servizi istituzionali - settore Navigazione Direzione centrale programmazione organizzazione e controllo Direzione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROVINCIA DI VENEZIA DIPARTIMENTO ARPAV PROVINCIALE DI VENEZIA CO.NA.CEM. CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROVINCIA DI VENEZIA DIPARTIMENTO ARPAV PROVINCIALE DI VENEZIA CO.NA.CEM. CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PRTLL D INTS tra PRVINI DI VNZI DIPRTINT RPV PRVINIL DI VNZI.N.. RITRI PR L RDZIN DI UN N PIN DI LLIZZZIN DLL STZINI RDI BS PR L TLFNI LLULR Premessa fondamento della regolamentazione dell'esposizione

Dettagli

L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna

L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna Articolo 1 - Finalità e principi Nel quadro dell'attività di tutela delle minoranze etniche nel proprio territorio,

Dettagli

167-210367 UFFICIO TECNICO 4 SETTORE AREA URBANISTICA

167-210367 UFFICIO TECNICO 4 SETTORE AREA URBANISTICA COMUNE DI MUGNANO D I NAPOLI --------------------------------------- PROVINCIA DI NAPOLI --------------------------------------- piazza Municipio, 1 - cap 80018 - tel. 081/5710111 - fax 081/5712262 - numero

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale della Regione Campania n. 3202

Deliberazione della Giunta Regionale della Regione Campania n. 3202 Deliberazione della Giunta Regionale della Regione Campania n. 3202 Approvazione del documento: "Linee Guida per l'applicazione della L.R. n. 14/2001". Con allegato. (Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

Regolamentazione per l installazione. delle stazioni radio base per telefonia mobile

Regolamentazione per l installazione. delle stazioni radio base per telefonia mobile Regolamentazione per l installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile Data documento versione 3.0 15/09/2008 REGOLAMENTO ANTENNEMIRA 2004.DOC nome data Approvato Alessandro Vendramini 23.11.2004

Dettagli

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni

Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni Scheda 5.3 - Elettrodotti, impianti radioelettrici, impianti per telefonia mobile, radar, stazioni radio-base e impianti di tele-radiocomunicazioni AMBITO DI APPLICAZIONE La L. 36/01 1 ha per oggetto gli

Dettagli

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO

COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO COMUNE DI SETTALA PROV. DI MILANO REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA PUBBLICITA' INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento e ambito di applicazione Art. 2 - Collocazione di

Dettagli

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna www.comune.bologna.it/primopiano/telefonia Giuseppe Paruolo Assessore a Salute e Comunicazione assessoresalute@comune.bologna.it

Dettagli

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE

COMUNE DI PORTO SANT'ELPIDIO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE di STAZIONI di TELEFONIA MOBILE e APPARATI DI TELECOMUNICAZIONI IN GENERALE ARTICOLO 1 CRITERI E PRINCIPI GENERALI 1) Il presente regolamento comunale per l installazione di impianti di teleradiocomunicazione viene redatto, unitamente ad altra documentazione integrativa, allo

Dettagli

QUADRO NORMATIVO NAZIONALE

QUADRO NORMATIVO NAZIONALE QUADRO NORMATIVO NAZIONALE Legge 11 novembre 2014, n. 164 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133, recante misure urgenti per l apertura dei cantieri, la realizzazione

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA

IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA ANCE IL NUOVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI E LA MODULISTICA UNIFICATA 2015 SCIA DIA PDC CILA CIL D i r e z i o n e L e g i s l a z i o n e M e r c a t o P r i v a t o a g g i o r n a t o a l 1 7 m a r

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1)

CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA (1) Spett.le COMUNE DI BOLLATE Sportello Unico Attività Produttive Piazza Aldo Moro, 1 20021 Bollate (MI) PEC comune.bollate@lagalmail.it CIL - COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA

Dettagli

CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE

CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE Provincia di Venezia Settore Politiche Ambientali CRITERI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE Con la collaborazione di ARPAV Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA TEL. 0306817726 - FAX. 0306817740 C.A.P. 25050 - Codice Fiscale 00632150173

COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA TEL. 0306817726 - FAX. 0306817740 C.A.P. 25050 - Codice Fiscale 00632150173 COMUNE DI RODENGO SAIANO PROVINCIA DI BRESCIA TEL. 0306817726 - FAX. 0306817740 C.A.P. 25050 - Codice Fiscale 00632150173 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INSEDIAMENTI URBANISTICI DEGLI IMPIANTI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INSEDIAMENTI URBANISTICI DEGLI IMPIANTI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INSEDIAMENTI URBANISTICI DEGLI IMPIANTI DI STAZIONI RADIO BASE PER TELEFONIA CELLULARE COMUNE DI CIAMPINO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina

Dettagli

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO. PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) C I T T À D I B A C O L I C I T T A D I B A C O L I ( P R O V I N C I A D I N A P O L I ) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE e-mail E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC) (adottato con

Dettagli

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative

Sub. B. Comune di TRECATE SETTORE COMMERCIO ANNO 2012 CRITERI COMUNALI. Disposizioni attuative ALLEGATO Sub.B ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 015 IN DATA 03.04.2012 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE dott. Roberto Varisco IL SEGRETARIO GENERALE dott.ssa Carmen Cirigliano Comune di

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 20/2015 NUOVA DISCIPLINA DEL MUTAMENTO D USO E DELL'INSTALLAZIONE DEI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Disposizione tecnico

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

ATTIVITA' DI PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO TEMPORANEO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ex artt. 68, 69 e 80 TULPS. Istruzioni per l interessato

ATTIVITA' DI PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO TEMPORANEO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ex artt. 68, 69 e 80 TULPS. Istruzioni per l interessato Mod. SUAP ATTIVITA' DI PUBBLICO SPETTACOLO E TRATTENIMENTO TEMPORANEO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ex artt. 68, 69 e 80 TULPS Spazio per apporre il timbro di protocollo Nel caso di procedimento SUAP non

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: VARIANTE AL P.R.G. RELATIVA A SOTTOZONA C4C RICETTIVA ALBERGHIERA IN LOC. CASTIGLION DEL BOSCO; APPROVAZIONE AI SENSI DI ART. 227 E TITOLO II CAPO I ART. 19 DELLA L.R.n.65/2014, E DI ART. 27 DELLA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 118 del 18/05/2015 - Determinazione nr. 1167 del 18/05/2015 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 1 1 Allegato 6 al decreto n. 949/2015 ex art. 3 Regolamento di attuazione LR 19/2009 SCHEDA 6 - COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI EDILIZIA LIBERA Al Comune di Pratica edilizia Ufficio Tecnico Comunale Sportello

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE Provincia di Genova Direzione Ambiente, Ambiti Naturali e Trasporti Servizio Energia, Aria e Rumore Ufficio Energia e Rumore AUTORIZZAZIONI IN MATERIA DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTE FOSSILE

Dettagli

https://www.pa-online.it/gismasterwebclienti/td0000/gismasterda...

https://www.pa-online.it/gismasterwebclienti/td0000/gismasterda... 1 di 9 14/04/2015 14:44 CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. Comunale (Modello 1019 Versione 003-2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo

Dettagli