PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA LEGGE N. 244/ ART. 2 COMMI 594 E PIANO TRIENNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA LEGGE N. 244/2007 - ART. 2 COMMI 594 E 595 - PIANO TRIENNALE 2008-2010"

Transcript

1 LEGGE N. 244/ ART. 2 COMMI 594 E PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI BENI MOBILI ED IMMOBILI FINALIZZATO AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DEL COMUNE DI VERBANIA 1

2 LEGGE N. 244/2007 (LEGGE FINANZIARIA 2008) - ART. 2 COMMI 594 E 595 PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DI BENI MOBILI ED IMMOBILI FINALIZZATO AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO DEL COMUNE DI VERBANIA Le disposizioni contenute nei commi da 594 a 599 dell art. 2 della Legge 24 dicembre 2007 n. 244 (Legge finanziaria 2008) hanno lo scopo di concorrere, insieme con altre, a ridurre la spesa pubblica con particolare riferimento ai consumi e alle spese di funzionamento delle strutture delle amministrazioni pubbliche, attraverso interventi di razionalizzazione dell utilizzo dei beni. Con riferimento: alla delibera di Consiglio Comunale n. 21 del 05/03/2008 riguardante la discussione ed approvazione del Bilancio di Previsione per l esercizio 2008 (Relazione previsionale e programmatica , Bilancio Pluriennale , Programma Triennale degli investimenti), nella quale veniva deliberato, tra l altro, che nel corso dell esercizio 2008, l Ente avrebbe provveduto all adozione degli opportuni atti per il contenimento dei costi della Pubblica Amministrazione, come previsto dall art. 2, commi , della Legge 244/2007; alle indicazioni dell introduzione al Bilancio Pluriennale Periodo , paragrafo Ulteriori note al bilancio di previsione riferite alla Legge Finanziaria lettera c) Razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi e contenimento dei costi della amministrazioni pubbliche ; si riportano di seguito, come previsto dal comma 594 della L. 244/2007, le misure individuate dal Comune di Verbania e finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo dei seguenti beni,: a) dotazioni strumentali di ogni tipo anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione d ufficio. In base al successivo comma 595 rientrano nelle suddette misure di razionalizzazione anche le apparecchiature di telefonia mobile; b) autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa verifica di fattibilità, ai mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; c) beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali. DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE A CORREDO DELLE STAZIONI DI LAVORO NELL AUTOMAZIONE DELL UFFICIO L Amministrazione Comunale nel 2005 ha attivato un progetto di Innovazione tecnologica dell Ente avente come obiettivo strategico, l ottimizzazione dell architettura informatica comunale, allo scopo di sfruttare al meglio le risorse tecnologiche e organizzative. Annualmente viene approvato un Piano acquisiti attrezzature informatiche e sistemi informatici, il primo risale al 2005 (determina dirigenziale n. 373 del e n. 423 del 19/05/2005) ed aveva come obiettivi: la sostituzione di personal computer e stampanti ormai guasti ed obsoleti e l installazione di nuove attrezzature per assicurare l operatività dei vari uffici; la 2

3 sostituzione di tutti i video catodici con LCD per risparmio energetico e minore impatto sulle patologie specifiche di utilizzo del PC; dotarsi di un sistema moderno per la realizzazione del nuovo sito internet del Comune; gettare le basi per lo sviluppo del progetto SIT (Sistema Informativo Territoriale) attraverso la realizzazione dello stradario cittadino e delle mappe catastali in formato digitale; provvedere alla sostituzione di software ormai obsoleti e non più rispondenti alle necessità degli uffici L Ente dal 2005 ha aumentato gli investimenti in innovazione tecnologia con l obiettivo di migliorare l efficienza delle attrezzature informatiche in uso agli uffici comunali e di arrivare, nel medio periodo, al contenimento delle spese informatiche (sia per l acquisizione di hardware e software sia di manutenzione degli stessi) e alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali informatiche. Descrizionie n. postazioni di lavoro n. server installati // 3 3 n. sistemi informativi installati (in sostituzione a sistemi obsoleti o nuove procedure) Il settore informatico Comunale coerentemente agli obiettivi dell amministrazione ha adottato una serie di iniziative volte alla razionalizzazione delle spese e dell utilizzo delle dotazioni informatiche: Acquisti tramite convenzioni Consip: nel Piano di rinnovo del parco macchine comunali (Personal computer, monitor, stampanti, server) si è privilegiato il ricorso a convenzioni CONSIP, in particolare quelle che offrono prodotti con basso consumo energetico. Risultato: risparmio economico e diffusione di apparecchiature a basso consumo. Riutilizzo e riparazione componenti hardware: le postazioni di lavoro informatizzate (190 PC e 150 stampanti) vengono costantemente sottoposte a manutenzione da parte del personale del settore informatico, le componenti hardware (monitor, hard disk, periferiche, ecc) o l intero PC vengono sostituite con componenti nuove solo nel caso non si riesca a recuperare/riparare il materiale in uso. Il tutto viene svolto dal personale interno senza ricorrere a ditte esterne. Risultato: risparmio economico per l amministrazione ed ottimizzazione delle risorse disponibili. Verifica dei contratti di manutenzione dei vari sistemi gestionali installati presso i vari dipartimenti e richiesta di variazione delle condizioni economiche. Centralizzazione delle stampe della documentazione degli uffici mediante la messa in rete dei fotocopiatori digitali presenti nelle varie strutture comunali. Allo scopo di effettuare economie, il personale del settore informatico, laddove possibile, utilizza ed invita ad utilizzare software open source gratuiti e sviluppa internamente sistemi gestionali con notevoli risparmi per l ente. Per alcuni dei programmi che vengono sviluppati internamente, prima dell inizio del lavoro, vengono fatte delle indagini di mercato richiedendo preventivi a ditte esterne. Il risparmio sulle sotto elencate procedure, già sviluppate dal settore informatico, è quantificabile in circa ,00 sui sistemi gestionali e circa 4.200,00 annui sui canoni di manutenzione ed assistenza. 3

4 Settore richiedente Demografici Tributi Polizia Municipale Politiche Sociali Messi COB Asilo Nido Tutti Tributi Programma sviluppato dal Settore Informatico ServiziDemografici GestioAsili Rubrica OSAP Descrizione Sistema di accesso personalizzato per interrogazione dei dati in anagrafe. Gestione rette asilo nido con stampa bollettini e rendicontazione Rubrica telefonica informatizzata per ricerca veloce dei contatti degli uffici comunali. Sistema di stampa dei solleciti COSAP. Sistema per il monitoraggio delle attività. Stamperia GestioStamperia Gestione del magazzino e dei lavori di stamperia. Settore informatico Biblioteca GestioSistemiInformatici EditoriaGiardini Gestione delle richieste e degli interventi. Database delle postazione di lavoro informatizzate. Gestione bibliografia relativa all Editoria&Giardini Linee programmatiche 2008/2010 1) Organizzazione del processo di acquisto dei prodotti informatici cercando di concentrare all interno del Settore Informatico dell ente le funzioni relative all approvvigionamento delle strumentazioni informatiche e dei sistemi informatici, dalla programmazione, alla individuazione delle specifiche tecniche, dalla scelta del contraente ai controlli sulla qualità delle forniture. La finalità di questo obiettivo è quella di creare un unico centro di acquisto dotato delle necessarie competenze tecniche/professionali e di una visione complessiva delle esigenze di informatizzazione del Comune, in grado di porre in relazione gli aspetti organizzativi con la scelta delle soluzioni informatiche e tecnologiche più confacenti. 2) Attivazione di procedure di acquisto sempre più dirette a garantire i principi di efficacia, efficienza, economicità, trasparenza e rotazione. Acquisti prodotti informatici tramite le convenzioni CONSIP con l obiettivo di ottenere risparmi economici e la diffusione di apparecchiature a basso consumo. 3) Attivazione di procedure di acquisto con il sistema delle gare on-line e del mercato elettronico. L ente ha aderito al progetto e-procurement promosso e finanziato dalla Regione Piemonte e a partire da fine 2008 ci verrà attivato il servizio Sistema Piemonte (piattaforma Regionale). 4) Riutilizzo e riparazione componenti hardware. 5) Utilizzo di software open source gratuiti e sviluppo interno di sistemi gestionali per i diversi settori del comune: Settore richiedente Patrimonio Contabilità Ufficio Personale Edilizia Privata Contabilità Programma da sviluppare nel 2008 (Settore Informatico) GestioContrattiAffitto GestioContrattiLavoro GestioContributiCostruzione Descrizione Gestione dei contratti di locazione degli immobili del patrimonio comunale. Gestione dei contratti di lavoro a tempo determinato. Gestione dei contributi di costruzione e oneri di urbanizzazione. Comunicazione SegnalazioniSindaco Form per inserimento e gestione delle 4

5 segnalazioni da parte dei cittadini al Sindaco tramite il sito internet. Ufficio Tecnico GestioRichiesteRisarcimento Gestione sinistri e richieste risarcimento Controllo gestione Ambiente Cimiteri MonitoraggioOpere GestioEmissioni GestioCremazioni Gestione del monitoraggio delle Opere Pubbliche attraverso il Mastro Opere collegato direttamente ai dati di contabilità Gestione e monitoraggio delle emissioni atmosferiche Gestione delle prenotazioni delle attività del forno crematorio Contabilità EstrazioneDatiADS Sistema per l estrazione dati da sistemi ADS Con l obiettivo non solo di soddisfare quelle che sono le esigenze interne degli uffici e che non trovano riscontro sul mercato, ma anche di ridurre la spesa per l acquisto di software ma soprattutto le spese relative alla manutenzione ed assistenza, che in questo modo viene gestita internamente. I software sviluppati internamente hanno il vantaggio, inoltre, di essere del tutto personalizzati e personalizzabili. 6) Dematerializzazione - gestione documentale informatica. Diffusione della posta elettronica negli uffici comunali con progressiva sostituzione delle comunicazioni cartacee con le comunicazioni per posta elettronica. Sostituzione delle relazioni e dei documenti cartacei con supporti informatici. Riduzione della produzione di copie cartacee, della spesa per la fornitura di carta e degli altri materiali di consumo (toner/cartucce). 7) Progressiva sostituzione delle stampanti da scrivania con stampanti di rete: verrà proposto agli uffici l utilizzo di stampanti di rete piuttosto che la dotazione di stampanti per ogni postazione di lavoro (da scrivania) che portano ad uno spreco di materiale di consumo. 8) Progressivo incremento delle procedure telematiche con firma digitale. TELEFONIA 1) TELEFONIA FISSA Il Comune di Verbania aveva già aderito per il servizio di telefonia fissa alla Convenzione Consip del 2001 e successivamente a quella attivata il 06/02/2003 aggiudicata a TELECOM ITALIA S.p.A. Tale convenzione è stata proroga dalle parti in data 03/08/2005 e di conseguenza i singoli contratti attuativi sono stati prorogati fino all attivazione della nuova Convenzione. Al Comune di Verbania, nel periodo dal 2003 al 2007, sono state applicate le tariffe previste dalla Convenzione Consip sopra indicata e pertanto si può ritenere che abbia ottenuto il servizio di telefonia fissa a condizioni molto vantaggiose rispetto ai prezzi di mercato, visto che i prezzi dei servizi Consip, determinati in seguito a procedure di gara ad evidenza pubblica a livello europeo, a parità di condizioni sono da considerarsi generalmente come i migliori ottenibili sul mercato. Con l attivazione della nuova Convenzione Consip, riguardante il servizio di Telefonia fissa e connettività IP aggiudicata a FASTWEB S.p.A., il Comune ha valutato immediatamente la tipologia di servizio offerto e le relative condizioni economiche, comparando il servizio ed i prezzi della Convenzione, alla proposta ricevuta da Telecom Italia S.p.A., fornitore del servizio fino a quel momento. Dall analisi, la convenzione Consip Telefonia fissa e 5

6 connettività IP è risultata economicamente più vantaggiosa e pertanto con determina dirigenziale n del 20/11/2007, l Ente ha aderito alla convenzione sopra indicata. I risparmi annuali stimati sul traffico fonia ammontano a circa 3.038,00. La società Fastweb S.p.A. al momento dell attivazione del servizio era in grado di garantire sul territorio di Verbania una copertura CPS, che sarebbe stata applicata a tutte le tipologie di servizio, di conseguenza la migrazione a Fastweb S.p.A. è avvenuta solo per il traffico telefonico Fonia e non per le linee telefoniche. Il Comune ha mantenuto le linee telefoniche Telecom Italia S.p.A. (in qualità di operatore dominante) e pertanto ha continuato e continuerà a ricevere da quest ultima le fatture per il canone linea, i servizi connessi alla linea ed il traffico verso numerazioni speciali. L Ente usufruirà, invece, delle tariffe Fastweb S.p.A. previste dalla convenzione Consip per il traffico telefonico verso numerazioni fisse e mobili, nazionali ed internazionali e delle tariffe di connettività IP (nel momento in cui verrà attivato il servizio). Il Comune, nell ordinativo di fornitura a Fastweb S.p.A,. ha sottoscritto anche le opzioni facoltative previste dall art. 12 comma 4 e 5 della convenzione che danno diritto rispettivamente: ad un ulteriore sconto pari all 1% per il pagamento delle fatture mediante bonifico permanente (RID); ad un ulteriore sconto pari allo 0,25%, riconoscendo al fornitore la facoltà di cedere in tutto o in parte i crediti derivanti dalla regolare esecuzione del contratto di fornitura. La gestione degli apparecchi di telefonia fissa in dotazione agli uffici comunali avviene attraverso n. 4 centralini che sono stati acquisiti in leasing operativo, i contratti prevedono anche la loro manutenzione. Attraverso la programmazione dei centralini sono stati posti dei blocchi alle chiamate esterne ai numeri cellulari sulla maggior parte dei telefoni in uso agli uffici comunali, con l obiettivo di contenere la spesa per la telefonia fissa. Solo i telefoni degli uffici degli amministratori, dei dirigenti, di alcuni responsabili di servizio sono abilitati alle telefonate ai numeri cellulari (circa n. 30 apparecchi su un totale di n. 125 apparecchi) mentre tutti gli altri telefoni sono disabilitati. Linee programmatiche 2008/2010 1) Il servizio di telefonia fissa attivato con Fastweb S.p.A. scadrà il 17/09/2009. Costante verifica delle tariffe offerte dal mercato della telefonia fissa anche attraverso l eprocurement del Sistema Piemonte già descritto per paragrafo Dotazioni strumentali anche informatiche, al fine di valutare eventuali nuove opportunità in caso di tariffe più economiche rispetto alle condizioni del contratto in essere. 2) Rivisitazione periodica delle tariffe delle linee ADSL per la rete dati: gli uffici comunali, dislocati su sedi diverse, sono collegati tra loro tramite una rete dati VPN (Virtual Private Network) utilizzando linee ADSL Telecom. Verifica annuale della possibilità di utilizzo di tariffe con maggior disponibilità di banda a prezzi più vantaggiosi. Risparmio economico con migliori prestazioni. 3) Predisposizione di uno studio di fattibilità sull attivazione del servizio V.O.I.P., con il supporto dell attuale fornitore. Tale servizio è offerto all interno della convenzione Consip Telefonia fissa e connettività IP alla quale l Ente ha già aderito, ed il comma 591 dell art. 2 della L. 244/2007 ne prevede l utilizzo da parte delle amministrazioni pubbliche. Studio di fattibilità di carattere tecnico ed economico per la graduale attivazione del servizio Voip nelle tre sedi comunali (Piazza Garibaldi, Via Brigata Val Grande e Via Fratelli Cervi) e al Tribunale di Verbania, volto ad evidenziare gli 6

7 adeguamenti da effettuare alla tecnologia attualmente in uso al Comune con la stima dei costi e dei possibili risparmi sulle bollette. 4) Verifica della mappatura delle linee telefoniche fonia del Comune di Verbania. 5) Sostituzione dei centralini telefonici delle sedi comunali, ormai obsoleti. Aggiornamento ed ampliamento tecnologico degli stessi. Valutazione e stipula di un nuovo contratto di leasing operativo per i centralini comunali, comprendente anche la manutenzione. 2) TELEFONIA MOBILE Il Comune di Verbania dal 2000 dispone di una propria rete di telefonia mobile. L uso del telefono cellulare assegnato è stato previsto esclusivamente per esigenze di servizio. Il Comune di Verbania ad inizio 2008 ha una RAM di n. 87 SIM di cui SIM Amministratori n. 11 SIM Addetto Stampa n. 1 SIM Dirigenti n. 8 SIM Dipendenti n di cui soggetti alla reperibilità n di cui responsabili di servizio n. 12 SIM di Trasmissione Dati n. 25 Il contratto relativo alla Telefonia Mobile del Comune di Verbania è stato stipulato nel 2000, in seguito ad una procedura di gara (determina dirigenziale n. 187 del 08/03/2000) vinta da Vodafone. Negli anni successivi l Ente ha diversificato i profili tariffari degli utenti delle singole SIM, in base agli effettivi fabbisogni e alle diverse tipologia di utente (amministratori e dirigenti con un piano libero, dipendenti soggetti all istituto della reperibilità con un piano nazionale libero, altri utenti solo chiamate alla RAM, ai numeri fissi e di altri operatori o solo chiamate alla RAM, ai numeri fissi e ad altri operatori per fasce orarie ecc ). L uso a fini privati delle apparecchiature di telefonia mobile, può avvenire previa attivazione da parte del soggetto assegnatario dell apparecchiatura telefonica cellulare del contratto di dual billing con il gestore, con l introduzione di un codice che permette di addebitare tali costi direttamente all assegnatario dell utenza. Il contratto sopra indicato prevedeva l acquisizione di apparecchiature di telefonia mobile di base di tipologie omogenee, con pagamento rateale in bolletta per 24 mesi. L Ente, ha sempre verificato e tenuto sotto controllo le condizioni del contratto in essere, rispetto alle condizioni offerte dal mercato di telefonia mobile. Ad inizio 2003, ha valutato la Convenzione Consip per la Telefonia Mobile vinta da Wind (scadenza convenzione febbraio 2005, in seguito non sono state attivate altre Convenzioni Consip, fino ad aprile 2008). Tale convenzione offriva delle condizioni economiche parzialmente più vantaggiose rispetto al contratto stipulato con Vodafone, ma non altrettanto dal punto di vista della qualità del servizio, visto che la copertura Wind sul territorio della Provincia di Verbania, nel 2003, non era pienamente garantita. Il tariffario proposto da Wind, era molto conveniente per i collegamenti con utenze Wind, ma non agli altri gestori di telefonia mobile che però coprivano circa l 80% delle utenze; inoltre, l Ente avrebbe dovuto sostenere il restante onere del riscatto dei cellulari. Pertanto, viste le criticità e valutati i costi/benefici, l ente ha deciso di non aderire alla sopra citata convenzione Consip. A maggio 2005 è stata valutata anche la proposta offerta da TIM, che non è risultata economicamente vantaggiosa rispetto alle condizioni del contratto in essere. L offerta prevedeva, un unico 7

8 profilo tariffario e degli sconti promozione, business-volume e fedeltà non equiparabili agli sconti traffico e grandi aziende di Vodafone. Linee programmatiche 2008/2010 1) Valutazione delle condizioni contrattuali ed economiche della Convenzione Consip Telefonia Mobile 4. 2) Individuazione dei criteri di regolamentazione dell utilizzo dei telefoni cellulari comunali in uso ai dipendenti e agli amministratori. 3) Individuazione delle modalità di controllo della spesa, in attuazione ai principi posti dall art. 2 c. 595 della L. 244/2007, al fine del contenimento della spesa per la telefonia mobile, mediante, vista la consistenza esigua della struttura, il monitoraggio capillare. 4) Individuazione, nel rispetto della normativa sulla riservatezza dei dati personali, di forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle utenze di telefonia mobile. 5) Analisi del traffico delle singole SIM (chiamate alla RAM, chiamate ai numeri fissi, chiamate a numeri di telefonia mobile, trasmissione dati ecc ) per una razionalizzazione delle utenze di telefonia mobile in base all effettivo fabbisogno ed utilizzo. 6) Riduzione della spesa per la telefonia mobile. AUTOVETTURE DI SERVIZIO Il parco automezzi del Comune di Verbania è composto da n. 58 veicoli di cui n. 15 per il Corpo di Polizia Municipale, n. 24 per l Ufficio Tecnico Comunale, n. 6 per la Protezione Civile e n. 13 in dotazione ai diversi servizi comunali per le attività istituzioni ad essi connesse. Corpo di Polizia Municipale Motocicli n. 6 Autovetture n. 7 Altri mezzi n. 2 Ufficio Tecnico Comunale Autovetture n. 8 Altri mezzi n.16 Protezione Civile Autovetture n. 3 Altri mezzi n. 3 Altri Servizi Comulali Autovetture n. 7 Altri mezzi n. 5 Scuolabus n. 1 Gli automezzi di servizio in dotazione al Comune sono utilizzati esclusivamente per l espletamento delle funzioni proprie dell Amministrazione. L Ente ha cercato di mantenere il proprio parco veicoli in un buono stato di manutenzione, e già da qualche anno, sta sostituendo i vecchi veicoli, non più utilizzati dai servizi e non conformi alle nuove normative sull ambiente, con nuovi veicoli a basso impatto ambientale. 8

9 Le spese di manutenzione del parco automezzi comunale sono legate alla vetustà di un congruo numero di veicoli, pertanto si pensa che con la progressiva sostituzione degli stessi si possa arrivare ad una riduzione di tali spese. Per quanto riguarda la fornitura di carburante, al momento del rifornimento di carburante, ciascun dipendente è tenuto a compilare e sottoscrivere un buono relativo al rifornimento con l indicazione dei Km. percorsi e della data del rifornimento; buono che viene allegato alla fattura mensile del fornitore insieme alla scheda carburanti contente i seguenti dati: data rifornimento, targa del mezzo, costo del carburante al litro, importo totale del rifornimento e settore di appartenenza. Le schede carburanti vengono consegnate mensilmente all ufficio economato, che effettua gli opportuni controlli sui consumi degli automezzi e sulla corretta fatturazione emessa dal fornitore. Ad inizio 2008 è stata avviata la procedura negoziata per individuazione del soggetto cui affidare la fornitura del carburante del parco automezzi comunale dal 01/02/ /12/2009, che è stata aggiudicata a fine gennaio Per l acquisto di nuovi automezzi l Ente verifica preventivamente l esistenza di Convenzioni Consip attive nel sito internet in grado di soddisfare le proprie necessità e in alternativa avvia le procedure previste dal Regolamento per i lavori forniture e servizi in economica. Linee programmatiche 2008/2010 1) Riordino del parco automezzi del Comune in funzione delle nuove normative del codice della strada e valutazione dell acquisto di veicoli eco-sostenibili. 2) Dismissione (rottamazione o alienazione) dei veicoli obsoleti o inutilizzati dai servizi comunali. 3) Progressiva riduzione delle spese di manutenzione automezzi comunali in seguito al parziale rinnovo del parco automezzi. Riduzione della spesa di manutenzione e riparazione automezzi di almeno il 30% rispetto all anno ) Aggiudicazione procedura negoziata per individuazione del soggetto cui affidare la fornitura del carburante del parco automezzi comunale dal 01/02/ /12/ ) Individuazione di un nuovo sistema di monitoraggio dei consumi e delle spese di carburante dei veicoli comunali. 6) Valutazione in relazione alla tipologia di automezzo e all uso cui lo stesso sarà destinato sull opportunità di procedere all acquisto oppure al noleggio tutto compreso o al leasing. 7) Utilizzo di mezzi alternativi di trasporto anche cumulativo. Ampliamento del servizio Libero bus ai dipendenti comunali. BENI IMMOBILI AD USO DI SERVIZIO Con riferimento al patrimonio immobiliare ad uso di servizio, il Comune di Verbania ha attivato delle azioni finalizzate al contenimento delle spese di funzionamento e ad una più efficace fruizione delle strutture comunali. I servizi/uffici del Comune di Verbania sono collocati in tre sedi rientranti nel patrimonio immobiliare comunale, ad uso servizi: la sede principale è sita in Pallanza, Piazza Garibaldi, le due sedi distaccate sono a Intra in Via Fratelli Cervi e in Via Brigata Val Grande. Tra le azioni già realizzate finalizzate ad una ottimizzazione e razionalizzazione degli immobili ad uso di servizio, c è stata la ristrutturazione con adeguamento e trasformazione 9

10 della Ex Scuola Fermi in sede distaccata degli uffici comunali, dove sono stati trasferiti la maggior parte dei servizi rivolti al cittadino: servizi demografici, tributi, urbanistica, edilizia privata, politiche ambientali, suap, servizi informatici ed osservatorio statistico, che prima erano collocati dall edificio municipale di Pallanza Piazza Garibaldi ove sono rimasti i servizi istituzionali, i servizi sociali, i servizi di pubblica istruzione ed asili nido, i servizi finanziari e l unità strategica e di supporto. La nuova sede distaccata di Intra Via Fratelli Cervi si trova in centro città e risulta più accessibile e facilmente raggiungibile dai cittadini sia con il trasporto pubblico che con mezzi privati (adiacente alla sede vi è anche il nuovo parcheggio comunale di Via Rosmini). L altra sede distaccata degli uffici comunali di Intra è in Via Brigata Val Grande ed ospita il dipartimento lavori pubblici ed i servizi di polizia locale. Per questa sede è stato previsto un intervento di ampliamento e ristrutturazione dell edificio vista la necessità di maggiori spazi da destinare ad uffici. Con l obiettivo di contenere i costi relativi al funzionamento delle sedi comunali (in particolare delle utenze) sono state attivate le seguenti azioni: Già nel 2006, in seguito a procedura di gara ad evidenza pubblica, è stato stipulato un contratto di fornitura di energia elettrica per altri usi ed illuminazione pubblica, nel mercato libero con risparmi rispetto alle tariffe applicate nel mercato vincolato dove eravamo collocati prima della liberalizzazione del mercato dell energia, avvenuta a luglio Il risparmio complessivo conseguito dall attivazione del contratto (Relazione Acquisto di beni e servizi ai sensi dell art. 26 comma 3 e 4 della Legge n. 488/1999 e s.m.i ) dal 01/06/2006 al 31/12/2007 è stato di ,00. Nell ambito delle iniziative di sostenibilità ambientale è stato affidato nel 2007, l incarico ad una società esterna per la predisposizione di un Progetto efficienza energetica degli edifici comunali, finalizzato alla valutazione dell attuale efficienza energetica di tre edifici comunali, del risparmio energetico attuabile e degli eventuali interventi migliorativi tecnicamente fattibili. Linee programmatiche 2008/2010 1) Risparmi sulla spesa per la fornitura di energia elettrica negli edifici comunali. 2) Realizzazione a perfetta regola d arte e con buon esito dell intervento Ampliamento Ufficio Tecnico Comunale. 3) Formazione al personale dipendente sui comportamenti da tenere al fine di realizzare risparmio energetico (acqua, energia elettrica, riscaldamento) all interno degli uffici e delle sedi comunali. 4) Predisposizione di linee guida da indirizzare agli uffici comunali al fine di sensibilizzare gli operatori sulla necessità di utilizzare con la massima economicità i beni strumentali messi a disposizione dall Amministrazione (norme di comportamento). Verbania, 20 giugno

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

Comune di Castelfranco di Sotto

Comune di Castelfranco di Sotto Comune di Castelfranco di Sotto Ufficio Ragioneria OGGETTO: Introduzione alla fatturazione elettronica presso il Comune di Castelfranco di Sotto L obbligo della fatturazione elettronica nei confronti della

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business.

Le soluzioni migliori per il tuo lavoro. Area Clienti Business www.impresasemplice.it. Mobile. Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Le soluzioni migliori per il tuo lavoro Area Clienti Business www.impresasemplice.it Mobile Il meglio di TIM e Telecom Italia per il business. Telefonia mobile cos'è l'area Clienti business L Area Clienti

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Procedura di registrazione

Procedura di registrazione Agentur für die Verfahren und die Aufsicht im Bereich öffentliche Bau-, Dienstleistungs- und Lieferaufträge Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavoro, servizi

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA

DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA DELIBERA N. 326/10/CONS MISURE DI TUTELA DEGLI UTENTI DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE MOBILI E PERSONALI L AUTORITA NELLA sua riunione di Consiglio del 1 luglio 2010; VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249,

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli