USO DEI CELLULARI E CAMPI ELETTROMAGNETICI: parliamone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "USO DEI CELLULARI E CAMPI ELETTROMAGNETICI: parliamone"

Transcript

1 parliamone

2 PARLIAMONE 3 INDICE PAGINA 6 BAMBINI, ADOLESCENTI E COMUNICAZIONE PAGINA 10 GLI ASPETTI FISICI E RADIOBIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI UTILIZZATI NELLA TELECOMUNICAZIONE PAGINA 22 EFFETTI SANITARI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PAGINA 32 LA SITUAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI VARESE

3 4 5 Nell ultimo decennio, lo sviluppo dei sistemi di comunicazione è stato inarrestabile: basti pensare a quanto siano divenuti comuni nella nostra prassi quotidiana, lavorativa e non, parole e funzioni come internet e tv satellitare. Conseguentemente a questo processo, le città hanno inevitabilmente assistito alla comparsa di impianti per le telecomunicazioni elettroniche. L installazione di ogni nuovo impianto è accompagnata dalla nascita di uno o più comitati di cittadini che, comprensibilmente, sollevano timori sul potenziale depauperamento dei valori paesaggistico-ambientali e sull innocuità dei campi elettromagnetici. Per rispondere alle esigenze della cittadinanza, in questi anni il Comune di Varese si è costantemente e tenacemente impegnato sul tema della telecomunicazione elettronica, portando a frutto un apposito regolamento, forse unico nel panorama regionale, che prende a cuore e disciplina tanto gli aspetti della compatibilità paesaggistica quanto quelli della comunicazione trasparente con il cittadino e della tutela della sua salute, attraverso una meticolosa campagna di monitoraggio dei livelli di campo elettromagnetico sul territorio. Purtroppo questo non è suffi ciente. I dati sulla diffusione dei telefoni cellulari e, soprattutto, sulle relative modalità di utilizzo, parlano chiaro: esiste un rapporto di connessione causa-effetto tra le esigenze di comunicazione e l utilizzo del tutto personale che viene fatto degli strumenti di comunicazione, soprattutto da parte dei più giovani. anni tutta l ASL nelle sue diverse articolazioni organizzative. I progetti fi nalizzati alla diffusione di una cultura attenta alla prevenzione potranno dare i loro frutti negli anni a venire, quando i giovani, ai quali abbiamo parlato di salute come bene assoluto e primario, entreranno attivamente nella vita civile dotati di un sapere utile alla valorizzazione del benessere. Tutto questo potrà tradursi in una vera risorsa per il futuro a patto che i cittadini di oggi e di domani siano veramente in grado di scegliere con consapevolezza l uso e non l abuso delle nuove modalità di comunicazione, con uno sguardo competente alla sostenibilità ambientale ed alla salute individuale e collettiva. Il sindaco Attilio Fontana Il direttore generale dell ASL di Varese Pierluigi Zeli Da qui l idea del progetto Camelet e, quindi, del presente opuscolo, che vede l apporto sinergico ed interistituzionale tra Comune di Varese, Azienda Sanitaria Locale, Università dell Insubria ed Ufficio Scolastico Territoriale nella promozione di una corretta informazione sul tema dell elettromagnetismo, innanzitutto e, conseguentemente, di un consapevole utilizzo dei telefoni cellulari. L impegno per promuovere stili di vita consoni al mantenimento di una buona salute, sul piano fi sico oltre che psichico e relazionale, ha coinvolto negli ultimi

4 PARLIAMONE BAMBINI, ADOLESCENTI E COMUNICAZIONE 7 Alcuni dati... BAMBINI, ADOLESCENTI E COMUNICAZIONE a cura di Alessandra Mammano Responsabile U.O. Comunicazione e Marketing ASL della Provincia di Varese Bambini e adolescenti stabiliscono un rapporto sempre più stretto con i nuovi strumenti di comunicazione. Il telefonino, in particolare, detiene il primato anche in funzione delle mutate dinamiche familiari e delle capacità attrattive di prodotti tecnologicamente avanzati che, continuamente, si arricchiscono di nuove potenzialità. Dall ultimo Rapporto Eurispes 1 emerge che nel 2003 era il 51,6% ad averne uno tutto per sé; la percentuale è andata aumentando negli anni successivi. A partire dal 2006, ad essere dotati di un cellulare, tra i 7 gli 11 anni, era il 54,8% per attestarsi al 57,5% nel I bambini utilizzano il telefonino principalmente per essere sempre raggiungibili dai genitori (88,2%); il 69,9% lo utilizza per chiamare o essere chiamato e non è da sottovalutare l abitudine ad usare il cellulare per scattare foto (72,6%) o giocare (69,9%). L invio di messaggi è diventato frequente anche in questa fascia d età: nel 2006 usava gli sms il 52,1% dei bambini, percentuale salita quindi nel 2008 al 67,2%. Tra gli adolescenti, il 97,5% dichiarava nel 2006 di avere a disposizione un telefonino e la percentuale non è mai scesa al di sotto del 95,9% registrato nel Sempre tra gli adolescenti, aumenta in maniera signifi cativa la percentuale di coloro che usano il cellulare per navigare in internet, arrivata al 20,7% registrato nel Qualche riflessione... Non è stato diffi cile per il telefonino diventare in pochi anni un oggetto indispensabile per tutti, adulti e bambini, poiché semplifi ca molti aspetti del vivere quotidiano, ma anche perché risponde ad un esigenza universalmente condivisa: pensarsi in relazione costante con gli altri. Comunicare ed essere sempre connessi, dunque, per avere la certezza di esistere, per soddisfare il bisogno di una buona presa sulla realtà stravolgendo le coordinate spazio-temporali. Un bisogno spesso non riconosciuto ed inespresso che si avvale di una mediazione tecnologica di cui, oggi, tutti possono fruire. 1 Rapporto Nazionale sulla condizione dell Infanzia e dell Adolescenza, Bambini e adolescenti: un quadro degli ultimi 10 anni Indagine Eurispes - Telefono Azzurro 2010.

5 8 PARLIAMONE BAMBINI, ADOLESCENTI E COMUNICAZIONE 9 A differenza di quanto avveniva in passato, inoltre, manca la consegna ai più giovani, da parte degli adulti, di strumenti e modalità espressive in qualche modo consolidati. Sono i giovanissimi, piuttosto, ad alfabetizzare gli adulti nell uso delle nuove risorse tecnologiche, e sono essi stessi condizionati da pressanti inviti a tenere il tempo nell adeguamento al vertiginoso susseguirsi di novità nell ambito delle telecomunicazioni. Distanti ma raggiungibili sempre e ovunque: condizione impensabile solo alcuni decenni fa a cui ci siamo presto abituati ed assuefatti. Come sottrarsi ad una rete che tutti contiene e interconnette, senza provare almeno un po di vertigine e di smarrimento che parla di isolamento e di solitudine? Il telefono mobile rappresenta, senza ombra di dubbio, una grande opportunità in tutti i settori ed in tutte le età della vita: per realizzare progetti che richiederebbero tempo e spostamenti sovrapponendo anche diverse attività, per acquisire informazioni in tempo reale, per mantenere vivi i legami affettivi, per essere presenti idealmente, per sedare ansie da separazione, per gestire situazioni di emergenza e di pericolo oppure per coordinare attività di soccorso. Il bisogno di essere sempre in rete, tuttavia, si confi gura talvolta come una vera dipendenza, soprattutto negli adolescenti che avvertono forte il bisogno di sperimentare le proprie capacità relazionali e di sentirsi adeguati rispetto ai contesti di riferimento. E così, spesso, in rete passano emozioni che potrebbero attivare ben altre soluzioni relazionali, in uno scenario di vita reale, non mediato necessariamente da strumenti ad altissima tecnologia, ma in grado di riportare la comunicazione in una dimensione interpersonale fatta anche di gestualità e di sguardi reciproci. I nuovi strumenti di comunicazione rappresentano, ormai, risorse insostituibili anche per i più giovani, ma il loro uso richiama ad un accompagnamento competente nell acquisizione di informazioni e consapevolezza rispetto ai rischi che meritano di essere considerati anche, semplicemente, sulla base di un principio di precauzione.

6 GLI ASPETTI FISICI E RADIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PARLIAMONE UTILIZZATI NELLA TELECOMINICAZIONE 11 L elettromagnetismo, il concetto di campo e di onda. L elettromagnetismo è un fenomeno fi sico caratterizzato dalla generazione, naturale e artifi ciale e dalla successiva propagazione nello spazio, sotto forma di onda, delle grandezze elettriche e magnetiche, con modalità variamente articolata. Un esempio di elettromagnetismo naturale è la luce solare, in cui la sorgente è il sole; un esempio di elettromagnetismo artifi ciale è rappresentato dalle onde radio o televisive e dalle onde per la comunicazione a distanza, in generale, in cui la sorgente è l antenna di trasmissione radiofonica, televisiva, ovvero un radar o, infi ne, la stazione radio base (s.r.b.) per la telefonia cellulare. GLI ASPETTI FISICI E RADIOBIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI UTILIZZATI NELLA TELECOMUNICAZIONE a cura di Nadia Bianchi Responsabile U.O. Radioprotezione e Attività Territoriali Correlate Si defi nisce: campo una qualsiasi regione dello spazio in cui, puntualmente, è defi nibile una grandezza fi sica; quindi, il campo elettromagnetico corrisponde ad una regione dello spazio, in ogni punto del quale, è defi nibile un valore di grandezze fi siche quali il campo elettrico ed il campo magnetico generati da una sorgente. In determinate condizioni, il campo elettrico (E) ed il campo magnetico (H) sono correlati tra loro da una specifi ca relazione matematicofi sica che, nel caso specifi co di propagazione dell onda nel vuoto, assume il seguente valore: E [V/m]= H [A/m]. 377 [Ω] Il prodotto E. H è definito: densità di potenza (S) e si misura in W/m 2.

7 12 GLI ASPETTI FISICI E RADIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PARLIAMONE UTILIZZATI NELLA TELECOMINICAZIONE 13 Se l idea di campo è qualcosa di statico, con il termine di onda si confi gura una propagazione e quindi un trasferimento di una grandezza fi sica o di una informazione nello spazio. Peculiarità fondamentale del campo elettromagnetico è la sua possibilità di propagazione anche in un atmosfera rarefatta o nel vuoto. In particolare la lunghezza d onda è legata alla frequenza dalla costante c = velocità della luce nel vuoto = m/s = 3 x 10 8 m/s. Lunghezza d onda x frequenza = c la lunghezza d onda è misurata in metri la frequenza è misurata in 1/s = hertz. L Energia è legata alla frequenza dalla seguente relazione: Energia = h x frequenza h è una costante, detta costante di Plank che ha valore pari a 6,626 x Joule/s, il Joule è l unità di misura dell energia, nel sistema internazionale MKS. Il campo elettromagnetico. E defi nito campo elettromagnetico la radiazione nucleare, la radiazione X utilizzata in radiologia medica, la radiazione solare, la luce prodotta da una lampada, la radiazione utilizzata per la cottura dei cibi nel forno a microonde. Tutti i fenomeni fi sici descrivibili sotto forma di onda, sono defi niti dalle seguenti grandezze: la lunghezza d onda, la frequenza e l energia; quest ultimo è il parametro che caratterizza in modo univoco l onda poiché è assimilabile ad una targa. Lo schema grafi co riportato nella pagina seguente, mostra la divisione del campo elettromagnetico in funzione della frequenza: in alto sono indicate le frequenze più elevate e quindi le lunghezze d onda inferiori, a fi nire, in basso, sono indicati i campi magnetici statici, in cui non vi è in uno stesso punto un valore oscillante della grandezza di campo (esempi di campi magnetici statici sono: il campo terrestre, il campo magnetico artifi ciale presente attorno alla Risonanza Magnetica).

8 14 GLI ASPETTI FISICI E RADIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PARLIAMONE UTILIZZATI NELLA TELECOMINICAZIONE 15 Nello schema, sotto la voce: Radiazioni non ionizzanti sono indicate le frequenze di interesse per il presente opuscolo poiché utilizzate per la comunicazione; queste onde sono denominate radiofrequenze, sotto i 300 MHz (1 MHz = 10 6 Hz e microonde dai 300 MHz ai 300 GHz (1 GHz = 10 9 Hz). Facciamo qualche conto: Una frequenza in uso sui telefoni cellulari di tipo GSM è dell ordine dei 900 MHz. Qual è l energia trasportata e la lunghezza d onda del fenomeno di propagazione? Moltiplicando s -1 x 6, J/s si ottiene 5, J. Espressa in elettronvolt, questa energia equivale a 3, ev e questa è un energia dell ordine del micro-elettronvolt, non in grado di ionizzare la materia: la ionizzazione deve partire da energie dell ordine dell ev o della decina di ev, questo fatto è importante in termini di radiobiologia. La lunghezza d onda legata alla telecomunicazione con i telefonini è pari a: m/s / s -1 = 0,33 m = 33 cm.

9 16 GLI ASPETTI FISICI E RADIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PARLIAMONE UTILIZZATI NELLA TELECOMINICAZIONE 17 I sistemi di telefonia cellulare e le microonde. I sistemi radiomobili consentono la comunicazione tra utenti in movimento ed utenti collegati alla rete pubblica sfruttando le onde radio. Nella seconda metà degli anni 70, la crescente domanda del servizio di telefonia mobile ha stimolato lo sviluppo dei cosiddetti sistemi cellulari, il nome deriva dalla ripartizione del territorio in celle e sulla possibilità di poter riutilizzare in celle adiacenti lo stesso insieme di frequenze portanti. Quando un utente mobile, nel corso di una conversazione esce da una cella servita da una stazione radio base ed entra in una nuova cella, la conversazione viene automaticamente trasferita dal canale radio della vecchia cella ad un canale disponibile nella nuova cella, così non vi è interruzione nella conversazione: questo costituisce il cosiddetto roaming. Ogni cella di forma idealmente esagonale copre un area di raggio circa 0,5 1 Km ed ha, al centro, un sistema portante di antenne, ricetrasmittenti, di forma rettangolare, posizionate ciascuna in modo da coprire un settore di 120 gradi per coprire interamente lo spazio per tutti i 360 gradi. Tale sistema portante è la stazione radio base che vediamo diffusa nel territorio. Presso la stessa stazione radio base si trova il centro di commutazione radiomobile; infi ne, il sistema terminale mobile (telefonino) chiude il processo di comunicazione. Sulla stazione radio base possono essere posizionate anche delle parabole che servono da ponti radio di comunicazione con centrali operative; la loro banda di emissione è 18 e 23 GHz e la loro emissione non ha rilevanza sanitaria. Nel 1982, l interesse di avere in Europa, un unico sistema di comunicazione, ha portato la Conferenza Europea delle Poste e Telecomunicazioni a creare un apposito Gruppo di Studio chiamato GSM che ha defi nito le specifi che di un sistema radiomobile digitale pan-europeo, noto come GSM Global System for Mobile Comunication funzionante nella banda MHz. Questo sistema, rispetto a quello analogico precedente, noto come TAT che ha costituito la prima generazione dei sistemi di telefonia mobile, consente, tra gli altri vantaggi, il roaming internazionale ed un maggiore contenimento dei costi. Successivamente, si è aggiunto il sistema DCS (Digital Communication System) nella banda da MHz e, come terza generazione, nelle frequenze MHz, il sistema UMTS, Universal Mobile Telecommunications System (UMTS) per la trasmissione delle immagini e la connessione internet. In futuro, i sistemi di quarta generazione utilizzeranno microonde di frequenze ben più elevate dei 2 GHz e questo ottempera ad un duplice aspetto: migliorare la comunicazione, diminuendo le interferenze e produrre un impatto, radiobiologico, meno profondo nell organismo. La stazione radio base, dunque, è una sorgente nello spazio di onde elettromagnetiche nelle frequenze delle microonde su esposte. Per evitare sovrapposizione di segnali, la potenza di ciascuna radio base non può essere aumentata oltre un limite imposto dalle caratteristiche della rete. Sono stati fi ssati, inoltre, limiti di legge da rispettare che impongono una limitazione sulla potenza emessa. La componente più signifi cativa, ai fi ni sanitari, del campo elettromagnetico che si propaga come onda nello spazio, è la componente elettrica.

10 18 GLI ASPETTI FISICI E RADIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PARLIAMONE UTILIZZATI NELLA TELECOMINICAZIONE 19 Dallo studio condotto dal Comune di Varese emerge che i valori di campo elettrico nello spazio, dovuti alle stazioni radio base sono molto contenuti, (mediamente, inferiori a 1 V/m) corrispondenti al 13%, circa, dei livelli di attenzione stabiliti della legge. Se poi pensiamo che molte conversazioni avvengono non nello spazio aperto, ma all interno di edifi ci, possiamo rimanere ulteriormente tranquilli perché gli edifi ci costituiscono una specie di schermo e quindi attenuano l intensità della radiazione. A meno che non siamo noi stessi ad usare il telefonino! L apparecchio per la telefonia mobile. Il terminale della comunicazione è l apparato mobile che ha funzioni ricetrasmittenti. Durante la fase di trasmissione il cellulare è una vera e propria sorgente di onde radio o meglio microonde nella banda dai 960 MHz a 2000 MHz. L intensità di emissione e quindi la potenza generata è funzione della distanza dalla stazione radio base: maggiore è la distanza relativa, maggiore è la potenza sviluppata, quindi l avere il territorio diviso in molte celle, di piccole dimensioni, invece che poche celle di ampie dimensioni, non solo facilita la comunicazione, ma teoricamente permette di diminuire la potenza, al terminale mobile, teoricamente perché per motivi commerciali se una conversazione è in corso, gestita da una stazione radio base prossima, la conversazione viene trasferita ad una stazione radio base più lontana, per consentire alla prima di prendersi in carico un nuovo utente che inizia la comunicazione. Il telefono cellulare, nel momento in cui trasmette, è anch esso sorgente delle medesime radiazioni generate dalle stazioni radio base, altrimenti non potrebbe avere lo stesso linguaggio. Il cellulare si differenzia dalla stazione radio base per una emissione più localizzata, anche se più intensa. Le esposizioni, durante l uso del telefonino sono molto più alte a causa della vicinanza dell antenna (del telefonino - di fatto occultata) al corpo: l assorbimento locale di energia elettromagnetica (misurato come potenza assorbita per unità di massa corporea, attraverso il tasso di assorbimento specifi co o SAR) è di gran lunga superiore (tipicamente da 100 a 1000 volte) a quello che si può avere, per effetto dell esposizione a stazioni radio base, anche relativamente vicine. I costruttori di telefoni cellulari indicano, negli opuscoli illustrativi per l utente, le caratteristiche di emissione che vanno sempre controllate. In particolare è importante ricercare il valore di un parametro di interesse radiobiologico e radioprotezionistico che è nominato SAR = Rateo di Assorbimento Specifi co ed è misurato in W/Kg. Non è infrequente un valore di SAR di 0,62 W/kg, localizzato alla testa, valore questo che rappresenta il 31% del valore limite di base, pari a 2 W/Kg. La radiobiologia delle microonde nel corpo umano. Le onde elettromagnetiche, nel campo delle microonde, interagiscono con un organismo biologico, ad esempio il nostro corpo, producendo fenomeni fi sici di rifl essione, rifrazione, diffrazione e assorbimento. Questi fenomeni sono in relazione alle dimensioni del corpo, alla sua composizione biologica, alla frequenza ed alla intensità della radiazione. Il dato interessante consiste nell energia depositata e nelle conseguenti interazioni con l organismo. Si è già dimostrato al paragrafo Il campo elettromagnetico, che l energia delle microonde non è sufficiente, per intensità, a creare ionizzazione con la materia con cui interagisce, quindi non crea radicali liberi né è in grado di interagire con il DNA della cellula, l interazione avviene con le molecole e, in particolare, con le molecole di acqua. L energia nel campo delle microonde crea dei movimenti vibratori che nel contesto circostante, poiché le molecole non sono libere, hanno effetti di natura viscosa e si manifestano, microscopicamente, con un innalzamento della temperatura. Questo fenomeno è ben noto e sfruttato per la cottura di cibi. La penetrazione dell onda è inversamente correlata alla frequenza: all aumentare della frequenza, diminuisce la profondità di penetrazione così che sopra i 10 GHz vi è un assorbimento a livello della pelle. Questo innalzamento termico è dell ordine di qualche decimo di grado e viene contra-

11 20 GLI ASPETTI FISICI E RADIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI PARLIAMONE UTILIZZATI NELLA TELECOMINICAZIONE 21 stato dall organismo attraverso l attivazione di meccanismi di termoregolazione, come la vasodilatazione che permettono la dispersione del calore. In tutto l ambito delle radiazioni si defi niscono delle grandezze di base che sono indicatori di una dose, come avviene in ambito farmacologico. Si intende qui, come dose, una quantità di energia (o di potenza) assorbita in una massa di tessuto, diviso per la massa stessa. Nel campo delle microonde l indicatore dosimetrico, come già indicato al paragrafo L apparecchio per la telefonia mobile, va sotto il nome di Rateo di Assorbimento Specifi co (SAR); è una potenza divisa per la massa e l unità di misura è il [W/Kg]; può essere determinata sia sul corpo intero che su aree specifi che localizzate, come ad esempio la testa ed il tronco. Si può dimostrare che il SAR è proporzionale alla variazione di temperatura nel tempo e quindi è in qualche modo misurabile attraverso sistemi termici. Questo rilievo strumentale non è però sempre agevole e quindi per una protezione pratica (radioprotezione operativa) si misura il campo elettrico esterno all organismo poiché, attraverso modelli di calcolo numerici, è possibile rapportarlo al SAR. Altri fenomeni di interazione, non legati agli aspetti termici, sono gli acufeni, soprattutto legati alle emissione ad impulsi. Le interferenze. Più critico sotto l aspetto sanitario appare invece l effetto dell interferenza degli apparati di telefonia mobile con pace-makers e defi brillatori, pompe per l infusione, impianti cocleari. Si deve notare che, parimenti alla diffusione delle sorgenti interferenti, telefonino ma anche reti Wi.Fi, si è sviluppata una tecnologia adeguata e regolamentata da norme tecniche di riferimento per le caratteristiche di compatibilità elettromagnetica a cui i dispositivi vitali devono adeguarsi. I valori di immunità per interferenza, desunti dalla norma più recente, sono di 10 V/m e precedentemente di 3 V/m. Dispositivi medici messi in commercio anteriormente al 2004 possono non essere stati testati nel campo di frequenze MHz ed avere livelli di immunità inferiori a 3 V/m. A questo proposito, si rammenta che la norma EN (2007) prevede che i fabbricanti di dispositivi medici indichino, sul manuale d uso, le distanze minime raccomandate: la norma, infatti, riconosce la necessità di fornire all utilizzatore le informazioni necessarie a garantire un ambiente elettromagnetico idoneo. Vengono riportati, di seguito, alcune raccomandazioni dell Istituto Superiore di Sanità che fanno riferimento a studi condotti recentemente in materia: I terminali WiFi ed i telefoni DECT hanno mostrato una sostanziale compatibilità con la strumentazione di sostegno vitale, a meno di giungere ad un contatto diretto. Si raccomanda in via prudenziale di rispettare un distanza tra dispositivi vitali e terminali WiFi o telefoni DECT di 10 cm. Più critico appare il discorso interferente tra telefoni cellulari GSM, in particolare alla frequenza di 900 MHz e dispositivi di supporto vitale, in particolare come la pompa a siringa. Per questi apparati si raccomanda la distanza prudenziale di 1 metro. Mentre per il pace-makers è considerata suffi ciente una distanza di 10 cm. Le interferenze con gli impianti cocleari possono costituire più un disturbo che un danno. Bibliografia. CNIRP 16/ Review of the scientifi c evidence on dosimetry, biological effects, epidemiological observation and health consequences concerning exposure to high requency electromagnetic fi elds (100 KHz to 300 GHz) - ISS Rapporto Istisan 97/18 Valutazione delle interferenze elettromagnetiche indotte dai telefoni cellulari digitali GSM sugli stimolatori cardiaci impiantabili. ISS Rapporto Istisan 09/15 Tecnologia GSM, Wi Fi e Dect in ambito Ospedaliero, valutazione della compatibilità elettromagnetica con dispositivi medici di supporto vitale.

12 EFFETTI SANITARI PARLIAMONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 23 EFFETTI SANITARI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI a cura di Andrea Calbi Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica, Università dell Insubria Effetti sanitari dei Campi Elettromagnetici a radiofrequenza: considerazioni alla luce dei dati attualmente disponibili nell ambito della letteratura scientifica internazionale. I campi elettrici e magnetici interagendo con le particelle cariche elettricamente di cui è costituita la materia determinano effetti biologici, che possono manifestarsi come effetti sanitari, siano essi a breve o a lungo termine (ad insorgenza immediata o differita nel tempo). Sulla base delle conoscenze scientifi che attualmente a disposizione, i soli effetti certamente correlabili all esposizione a campi elettromagnetici di intensità generalmente superiore a quelli riscontrabili negli ambienti di vita e tipici di alcuni ambienti di lavoro, sono effetti a breve termine, in particolare, effetti di stimolazione ed effetti termici. Gli effetti di stimolazione si concretizzano nella perturbazione di tessuti e fl uidi corporei, normalmente carichi elettricamente e attraversati da correnti a bassa frequenza, indotta da campi elettrici e magnetici di modestissima intensità (da 1 ma/m2 a 1 A/m2); i tessuti maggiormente interessati da tali effetti risultano quelli eccitabili elettricamente come il tessuto muscolare striato (volontario e cardiaco) e il tessuto nervoso. Gli effetti termici sono legati ad un innalzamento della temperatura interna all organismo, secondaria al riscaldamento dei tessuti indotto da campi elettromagnetici a frequenza più elevata (generalmente superiore a 10 MHz) che agiscono in un intervallo di tempo prolungato, superiore a 6 minuti. Tali effetti si concretizzano in aumenti di temperatura nell ordine di alcuni gradi ed interessano principalmente strutture sensibili (tessuti di conduzione nervosa e giunzioni neuromuscolari), l occhio (danni corneali e cataratta), strutture caratterizzate

13 24 EFFETTI SANITARI PARLIAMONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 25 da elevato ricambio cellulare quali cellule del sangue e del sistema immunitario, ed organi riproduttivi quali i testicoli (compromissione della fertilità fi no alla sterilità), nonché strutture scarsamente vascolarizzate e conseguentemente meno in grado di dissipare calore. Caratteristica peculiare degli effetti sanitari a breve termine sopramenzionati, è quella di presentare una soglia : vi sono valori minimi dosimetrici di esposizione (limiti di base), il cui rispetto assicura dal punto di vista radioprotezionistico l assenza di conseguenze sulla salute. Ai fi ni della protezione dalle radiazioni, la grandezza utilizzata per esprimere l assorbimento di energia elettromagnetica è il SAR - Specific Absorption Rate, o tasso di assorbimento specifi co, defi nito come quantità di energia elettromagnetica trasformata in calore, nell unità di tempo, nell unità di massa (potenza assorbita per unità di massa). INTERVALLO DI FREQUENZA 10 MHz 10 GHz 10 MHz 300 GHz Lavoratori 10 MHz 10 GHz 10 MHz 300 GHz Popolazione DENSITÀ DI CORRENTE (ma / m2) - - SAR MEDIO - CORPO INTERO (W / Kg) LAVORATORI 0,4 0, SAR LOCALE - TESTA / TRONCO (W / Kg) 10 Densità di potenza (W / m2) POPOLAZIONE Densità di potenza (W / m2) 2 SAR LOCALE - ARTI (W / Kg) 20 4 Nella tabella sono riportati i limiti di base per l esposizione a campi elettromagnetici variabili nel tempo secondo le raccomandazioni dell ICNIRP. Si focalizza l attenzione sulle frequenze di esposizione più elevate, tra 10 MHz e 300 GHz, di impiego per le telecomunicazioni, notando la distinzione tra lavoratori e popolazione. Osservando le unità di misura utilizzate è possibile notare come per campi elettromagnetici di frequenza inferiore a 10 GHz l unità di misura utilizzata per esprimere l assorbimento di energia è il SAR, mentre per campi elettromagnetici a frequenza superiore a 10 GHz, la grandezza utilizzata per esprimere l assorbimento di energia è la densità di potenza, in quanto, a tali frequenze, l assorbimento è limitato ai soli tessuti corporei superfi ciali. Questo signifi ca che man mano la tecnologia di comunicazione utilizzerà frequenze più elevate delle attuali, la penetrazione della radiazione sarà sempre più superfi ciale. Fermandoci, invece, alle frequenze al di sotto di 10 GHz, quelle attualmente impiegate nella telefonia cellulare, possiamo osservare come la grandezza di base SAR, abbia valori diversi, per le diverse zone corporee: valore medio sul corpo intero, a livello della testa/tronco e a livello degli arti. Va precisato che nella pratica radioprotezionistica si rilevano valori di campo elettrico, magnetico o elettromagnetico, esterni al corpo, ricavati modellisticamente dai su citati limiti di base. Il non superamento del livelli di riferimento ambientali garantisce che i limiti di base siano rispettati. I dati, ricavati dalle numerose misurazioni effettuate nella quasi totalità degli ambienti di vita, e legati alle emissioni delle stazioni radio base evidenziano come i limiti di base siano ampiamente rispettati. Con specifico riferimento alla telefonia mobile possiamo escludere con certezza che i campi elettromagnetici transitoriamente generati da antenne fisse e stazioni radio-base siano direttamente responsabili di effetti sanitari a breve termine sull utente.

14 26 EFFETTI SANITARI PARLIAMONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 27 I campi elettromagnetici legati all utilizzo del telefono cellulare. Gli apparecchi di telefonia mobile, oltre ai segnali trasmessi alle stazioni radio base che determinano l esposizione transitoria a campi elettromagnetici di intensità estremamente moderata, durante le chiamate espongono l utente a campi elettromagnetici ad elevata intensità che investono selettivamente i tessuti e le strutture adiacenti all apparecchio stesso. Tale esposizione è pertanto infl uenzata, oltre che da fattori intrinseci propri del singolo utente (sensibilità individuale) anche da fattori estrinseci quali la tipologia di apparecchio, la frequenza di utilizzo, la durata delle chiamate, nonché dispositivi alternativi che permettano l esposizione ad un campo elettromagnetico più lontano, di intensità e concentrazione inferiori (ad esempio l auricolare). Per quanto concerne l utilizzo di apparecchi di telefonia mobile, l intensità del campo elettromagnetico da essi generato è soggetta a controlli da parte delle case produttrici, effettuati mediante misurazione sperimentale su modelli simulati. Tale intensità non può superare lo specifico livello soglia previsto per la popolazione, corrispondente a un SAR pari a 2 W/Kg mediati su 10 g di tessuto. Effetti ritardati di natura genotossica e neoplastica. Al fine di ottenere dati attendibili, negli ultimi anni sono stati avviati differenti tipologie di studi utili a dimostrare una eventuale correlazione fra esposizione a campi elettromagnetici e rischio di sviluppare patologie neoplastiche: studi osservazionali sulla popolazione generale o su specifiche classi di lavoratori, ricerche sperimentali condotte sia in vitro su campioni cellulari, sia in vivo su animali da laboratorio o direttamente su volontari umani in condizioni controllate. La probabilità di sviluppo di tali patologie, sia essa aumentata o diminuita, è misurata attraverso il cosiddetto rischio relativo (RR), calcolato come rapporto tra tasso di incidenza negli esposti e nei non esposti, ovvero, più semplicemente, un indice che esprime l aumento di rischio rispetto alla popolazione generale. A tal proposito, lo studio di maggiore interesse e su più larga scala è senz altro rappresentato dal Progetto INTERPHONE avviato nel 2000, che rappresenta il più vasto studio caso-controllo sull argomento; esso coinvolge ben 13 paesi del mondo (Australia, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Israele,

15 28 EFFETTI SANITARI PARLIAMONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 29 Italia, Giappone, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia e Regno Unito), è coordinato da un Gruppo Internazionale formato da 21 esperti in materia ed ha l obiettivo di individuare un eventuale aumento del rischio relativo (RR) di sviluppare tumori cerebrali (glioma e meningioma), tumori al nervo acustico (schwannoma) e della ghiandola parotide in soggetti utilizzatori abituali di apparecchi di telefonia mobile da almeno 10 anni. Nel corso di tale studio i casi, segnatamente 2708 soggetti affetti da glioma e 2409 da meningioma, sono stati incrociati, mediante un protocollo comune ai 13 paesi rappresentati, con soggetti utilizzatori di apparecchi di telefonia mobile da almeno 10 anni. Bias ed errori metodologici tuttavia, limitano la forza delle sopramenzionate conclusioni che potranno essere oggettivate e potranno acquistare credibilità scientifica unicamente attraverso ulteriori studi futuri e la successiva correlazione dei dati da essi ricavati. Sulla base del crescente utilizzo del telefono cellulare da parte di soggetti in età giovanile, il Gruppo di Coordinamento dello studio INTERPHONE ha espresso la necessità di proseguire nella raccolta dei dati concernenti l utilizzo di apparecchi di telefonia mobile da parte di tali fasce di popolazione, giudicate meritevoli di attenzione, al fine di operare un monitoraggio dei dati prospettici direttamente ricavabili da tale indagine. Dai dati direttamente ricavati dallo studio pubblicato da IARC il , si è osservata addirittura una riduzione del rischio relativo correlato allo sviluppo di gliomi e meningiomi in abituali utilizzatori di apparecchi di telefonia mobile da meno di 10 anni, dato probabilmente dovuto a limiti metodologici e all azione di bias (errori/criticità nell analisi dei risultati). Non è stato altresì osservato un aumento del rischio relativo di sviluppare gliomi o meningiomi anche in caso di utilizzo di apparecchi di telefonia mobile superiore ai 10 anni. Sono state unicamente individuate deboli evidenze di un aumentato rischio di sviluppare gliomi e, in misura ancora inferiore, meningiomi, in soggetti abituali utilizzatori di apparecchi di telefonia mobile, in corrispondenza del medesimo lato di utilizzo a livello cranico e, con specifico riferimento ai gliomi, a livello del lobo temporale. Inoltre, considerando i risultati di numerosi altri studi promossi in materia, qualsiasi sia la tipologia di studio alla quale ricondurre specifi ci risultati, siano essi epidemiologici o sperimentali, in vivo o in vitro, su animali o sull uomo, nonché dai dati ricavabili dalla letteratura scientifi ca a nostra disposizione, allo stato attuale è possibile concludere che non esistono dati scientifici sufficienti, certi e univoci, per considerare l esposizione a campi elettromagnetici a frequenze sino a 300 GHz, potenzialmente responsabile di fenomeni genotossici o di induzione di effetti cancerogeni per l uomo. In considerazione dell utilizzo sempre maggiore ed intensivo (superiore a 1 ora al dì) di apparecchi di telefonia mobile da parte di soggetti in età giovanile, nonostante non sussistano attuali evidenze indicative di potenziali effetti genotossici o cancerogeni per l uomo legati all esposizione a campi elettromagnetici, la Comunità Scientifi ca Internazionale ha espresso l opportunità di proseguire la raccolta di dati da tali fasce di popolazione, che per età e incipiente sviluppo somatopsichico risulterebbero maggiormente vulnerabili ad eventuali effetti cumulativi.

16 30 EFFETTI SANITARI PARLIAMONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI 31 Infine, per quanto concerne il fenomeno della ipersensibilità da campi elettromagnetici - sindrome caratterizzata da una sintomatologia estremamente eterogenea e da una definizione clinica peraltro non univoca - in assenza di concrete evidenze, tali da correlare direttamente e univocamente tali manifestazioni cliniche all esposizione a campi elettromagnetici, sia essa ambientale o lavorativa, è tutt ora in corso la raccolta di dati utili ad individuare una eventuale correlazione tra i due fenomeni sopramenzionati e pragmaticamente si tende, in prima istanza, ad effettuare una diagnosi differenziale per escludere patologie in atto e non manifeste, sia a livello cardiaco che ortopedico. Bibliografia. Polichetti A. Effetti sanitari dei campi elettromagnetici a radiofrequenza: stato delle conoscenze scientifi che. Mariutti GF. La radiazione ottica: aspetti fi sici ed effetti biologici. Le onde elettromagnetiche nelle telecomunicazioni: gli aspetti fi sici, tecnici e radiobiologici. Kundi M. The controversy about a possible relationship between mobile phone use and cancer. Environ Health perspect 2009; 117: Lonn S, Ahlbom A, Hall P et al. Long-term mobile phone use and brain tumor risk; Am J Epidemiol 2005; 161: Coble JB, Dosemeci M, Stewart PA et al. Occupational exposure to magnetic fields and the risk of brain tumors. Neuro-oncology 2009; 11: Hardell L, Carlberg M, Soderqvist F et al. Long term use of cellular phones and brain tumors: increased risk associated with use for 10 years. Occup environ med 2007; 64: Kan P, Simonsen SE, Lyon JL et al. Cellular phone use and brain tumor: a meta-analysis. J neurooncol 2008; 86: Lahkola A, Salminen T, Auvinen A. Selection bias due to differential participation in a case control study of mobile phone use and brain tumors. Ann epidemiol 2005; 15: Press release n.200; 2010; Interphone study reports on mobile phone use and brain cancer risk; International agency for research on cancer; World Heath Organization 11. SCENIHR comitato scientifi co sui rischi sanitari emergenti e di nuova identifi cazione. Possibili effetti dei campi elettromagnetici sulla salute; Direzione generale per la salute e la protezionedei consumatori. Commissione europea. Atti del XXI Congresso Nazionale AIRM; Il medico autorizzato: attore di radioprotezione; a cura di Moccaldi R, Trenta G;

17 LA SITUAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE PARLIAMONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI VARESE 33 Sul territorio del comune di Varese sono attualmente presenti 137 impianti per la radiotelecomunicazione 2 : si tratta di 38 impianti radio, 45 impianti televisivi, 44 impianti dei gestori di telefonia mobile e 10 microcelle, queste ultime utilizzate per incrementare la capacità del sistema di comunicazione mobile nei momenti di picchi di traffi co. Una situazione apparentemente invariata rispetto al dato relativo al mese di settembre 2005, che registrava un numero complessivo di impianti pari a 138 unità, così suddiviso: 39 radio; 45 TV; 47 telefonia e 7 microcelle. IMPIANTI TELECOMUNICAZIONE NEL COMUNE DI VARESE - ANNO 2005 LA SITUAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI VARESE a cura di Valeria Marinoni Capo Attività Prevenzione, Progettazione, Riqualificazione Ambientale Comune di Varese Elaborazione Ambiente Italia su dati Comune di Varese (Rapporto sullo Stato dell Ambiente Agenda 21 Locale - Cap ). In realtà, per quanto attiene la telefonia mobile, negli ultimi 5 anni, a parità di impianti si sono registrate numerosissime istanze per la variazione della potenza o la coubicazione tra più gestori presso strutture preesistenti in ragione della sempre maggiore richiesta di copertura della rete da parte dell utenza telefonica, dovuta in parte anche alla nuove funzioni offerte (connessione internet, videomessaggi etc.), oppure ancora per la modifi ca delle tecnologie operative. A differenza degli impianti per la telefonia mobile, che hanno iniziato a diffondersi in un epoca relativamente recente, evidentemente in maniera proporzionale alla domanda di tale servizio, 3 gli impianti per le radiotelecomunicazioni 2 Dato aggiornato al mese di novembre Secondo il Rapporto Federcomin-Anie, e-family 2003 dal 1995 al 2003 la penetrazione di linee cellulari nelle famiglie italiane (4 cellulari/famiglia) è passata dal 7% al 86%.

18 34 LA SITUAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE PARLIAMONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI VARESE 35 e le trasmissioni televisive risalgono a diversi decenni, quando ancora non sussistevano specifi che norme di carattere urbanistico-radioprotezionistiche in materia, né tantomeno i vincoli di natura paesistico-ambientali oggi gravanti su tali siti. In sintesi gli impianti per le trasmissioni radio-televisive risultano in massima parte allocati in corrispondenza del Grande Albergo Campo dei Fiori, con una piccola minoranza in zona Sacro Monte (Loc. Montorfano, I e XIII Cappella). Altri siti radiofonici, all interno del centro abitato, sono situati in viale Borri e viale Ippodromo (solo ponte radio). La normativa in materia di radiotelecomunicazione elettronica. La normativa specifi ca sull argomento, che disciplina sia le procedure amministrative per l installazione degli impianti di radiotelecomunicazione dal punto di vista urbanistico, sia i limiti ed i livelli di campo elettromagnetico dal punto di vista della tutela della salute, è alquanto recente. In primis la Legge quadro n. 36/ che, dettando sostanzialmente la ripartizione delle competenze in materia tra Stato, Regioni e Comuni, defi nisce gli Obiettivi di qualità quale insieme di criteri localizzativi, standard urbanistici, prescrizioni ed incentivazioni per l utilizzo delle migliori tecnologie disponibili. Alle Regioni viene demandato il compito di defi nire gli strumenti e le azioni per il raggiungimento degli obiettivi di qualità; ai Comuni è conferita invece la possibilità di adottare un proprio regolamento per assicurare il corretto insediamento urbanistico territoriale degli impianti e minimizzare l esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. La Regione Lombardia ha approvato, sempre nello stesso anno, la L.r. n. 11/2001 5, che stabilisce modalità, termini e procedure specifi che in merito all installazione di impianti di radiotelecomunicazione in capo all Amministrazione comunale, nonché i procedimenti sanzionatori in caso di omessa autorizzazione all installazione e/o superamento dei limiti di emissione. Sostanzialmente, a parte il rimando ad una successiva pianifi cazione comunale, la legge regionale individua quale unico espresso divieto l installazione di impianti per le telecomunicazioni e la radiodiffusione in corrispondenza di asili, edifi ci scolastici nonché strutture di accoglienza socio assistenziali, ospedali, carceri, oratori, parco giochi, orfanotrofi e strutture similari, e relative pertinenze, che ospitano soggetti minorenni (art. 4, comma 8). Pertanto, secondo la relativa circolare esplicativa regionale, 6 la prescrizione di cui sopra è da ritenersi soddisfatta quando gli impianti per le telecomunicazioni siano installati in punti che non ricadano in pianta entro il perimetro degli edifi ci e strutture di cui al suddetto comma e loro pertinenze. Inoltre, ai sensi dell art. 4, commi della L.R. 11/01, la Regione Lombardia pone in capo ai Comuni anche l obbligo di provvedere a forme di pubblicazione dei singoli piani di localizzazione proposti dai gestori entro il 30 novembre di ogni anno; piani di localizzazione che - occorre precisare - non corrispondono necessariamente ad una precisa e localizzata richiesta di installazione di impianto, ma indicano solamente un area di interesse per l espansione della propria rete. La presentazione dei piani di espansione della rete dei singoli gestori costituisce uno strumento utilissimo per l Amministrazione comunale in fase di pianifi cazione, ovvero nel cercare di individuare siti di interesse comune nell ottica del principio di razionalizzazione e della relativa coubicazione, obiettivo anche questo imposto dalla normativa regionale. Per quanto attiene invece la verifi ca dell impianto sotto il profi lo radioprotezionistico, sempre ai sensi dell art. 4, comma 2^ della L.R. n. 11/01, spetta all ARPA territorialmente competente il compito di valutare preliminarmente la rispondenza degli impianti ai limiti di esposizione, ai valori di attenzione e agli 4 Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. 5 Norme sulla protezione ambientale dall esposizione a campi elettromagnetici indotti da impianti fi ssi per le telecomunicazioni e per la radiotelevisione. 6 Regolamento regionale 19 novembre 2001 n. 6 Attuazione di quanto disposto dalla L.R. n. 11/01.

19 36 LA SITUAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE PARLIAMONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI VARESE 37 obiettivi di qualità di cui alla L. n. 36/01 e all art. 6 comma 1 della normativa regionale medesima. Infatti ad oggi tali parametri, per quanto attiene i campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici compresi tra 100 khz e 300 ghz, sono disciplinati a livello statale attraverso il D.P.C.M. 8 luglio che defi nisce in particolare: limite di esposizione: valore di immissione, che non deve essere superato in alcuna condizione di esposizione della popolazione e dei lavoratori per la tutela della salute per quanto concerne gli effetti acuti; valore di attenzione: valore di immissione, che non deve essere superato negli ambienti abitativi, scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze prolungate. In particolare è misura di cautela ai fi ni della protezione da possibili effetti a lungo termine. In quest ultimo caso, all interno di edifi ci adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere, e loro pertinenze esterne, che siano fruibili come ambienti abitativi quali balconi, terrazzi e cortili esclusi i lastrici solari, deve essere sempre rispettato, per il campo elettrico, il valore di attenzione di 6 V/m. I parametri di cui sopra si richiamano a loro volta al principio di precauzione, principio fondamentale in base al quale sono stati stabiliti - a livello nazionale - i limiti di emissione delle radiazioni elettromagnetiche. Infatti l ICNIRP 8 aveva fi ssato, già nel 1998, il valore limite di esposizione pari a circa a 42 Volt/ metro, assunto anche dall Organizzazione Mondiale della Sanità e dall Unione Europea in materia di impianti di radiotelecomunicazione. In seguito, nell estate del 2003, è stato promulgato il D.Lgs. n 259 del 1 agosto 2003 Codice delle comunicazioni elettroniche che, in sostituzione del precedente D.Lgs. n. 198/02 9, detta, agli artt. 86 e 87, i principi fondamentali in materia di installazione e modifi ca delle infrastrutture per le radiotelecomunicazioni. In particolare occorre sottolineare che l art. 86 defi nisce tali impianti opere di urbanizzazione primaria in quanto appartenenti alla più ampia categoria delle opere di pubblica utilità. Pertanto, in conseguenza di quanto sopra, all Amministrazione comunale è demandato sostanzialmente l onere dell accoglimento delle istanze (per impianti con potenza superiore a 20 watt), o delle denunce di inizio attività (per impianti inferiori a 20 watt), e la verifi ca della relativa documentazione, con particolare riguardo all accertamento da parte di ARPA della compatibilità del progetto con i limiti di esposizione, i valori di attenzione e gli obiettivi di qualità sopra richiamati. Di conseguenza, la possibilità conferita da Regione Lombardia agli enti locali di regolamentarsi per gestire la localizzazione degli impianti sul proprio territorio, deve - necessariamente - trovare conciliazione con quanto consentito dalle norme nazionali di ordine superiore, ovvero tradursi in provvedimenti che esulino dalla considerazione di limiti di esposizione diversi da quelli fi ssati dallo Stato e dalla scelta di localizzazioni urbanistico-territoriali che non arrechino comunque pregiudizio al piano nazionale di sviluppo della rete delle telecomunicazioni. A questo proposito, occorre rilevare che la normativa italiana è in assoluto la più rigorosa in quest ambito, poiché dimezza questi limiti generali a 20 V/m alle aree che non sono soggette ad una presenza costante dell uomo, riducendoli ulteriormente a 6 V/m per le aree che invece prevedono una permanenza minima di quattro ore. 7 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalla esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 khz e 300 ghz. 8 Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti. 9 Meglio noto come Decreto Gasparri, dichiarato nel 2003 incostituzionale per Pronuncia della Corte Costituzionale.

20 38 Le iniziative del comune di Varese per assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici 10 : il regolamento comunale per la disciplina degli impianti di radiotelecomunicazione. Sin dal 2001 l Amministrazione comunale si è prontamente attivata nel dare attuazione alle disposizioni dell art. 8 della L. 36/2001, che demandava ai Comuni il compito di redigere uno specifi co regolamento fi nalizzato ad assicurare il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti e minimizzare l esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Enunciato questo formalmente semplice, ma assai arduo da tradursi concretamente, solo considerando la contraddizione lessicale intrinseca nella disposizione normativa, laddove i criteri localizzativi non possono comunque pregiudicare lo sviluppo della rete ed i limiti di esposizione a tutela della salute rimangono una prerogativa dello Stato. Il testo regolamentare, che ha dunque cercato di introdurre criteri interpretativi ed applicativi della norma innovativi, è stato tuttavia più volte rimaneggiato ed il relativo procedimento interrotto sia a causa del subentrato D.lgs 198/02 11, sia a causa di varie impugnative avanti il TAR da parte dei gestori del servizio di telefonia. Il relativo procedimento si è concluso defi nitivamente, con l approvazione da parte del Consiglio comunale, nel 2008, con deliberazione n. 44 del 15 settembre. Tale regolamento, oltre a meglio disciplinare le varie fasi del procedimento amministrativo per il rilascio delle autorizzazioni per l installazione degli impianti di radiotelecomunicazione elettronica, contiene alcuni elementi giuridici altamente innovativi dal punto di vista metodologico, e volti ad integrare alcune aporie lasciate dalla normativa precedentemente citata. LA SITUAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RADIOTELECOMUNICAZIONE PARLIAMONE SUL TERRITORIO COMUNALE DI VARESE 39 Consulta comunale. L art. 8 del Regolamento disciplina la costituzione di una Consulta comunale sulle emissioni elettromagnetiche 12, quale organismo consultivo e di partecipazione fi nalizzato alla costituzione di una sede uffi ciale di reale confronto e dibattito tra rappresentanti delle istituzioni, cittadini e gestori di impianti di telecomunicazione, cui partecipano anche ASL e ARPA, ovvero i soggetti pubblici istituzionalmente competenti in materia di tutela della salute e di accertamento del rispetto dei valori previsti per legge. L istituto della Consulta rappresenta uno strumento particolarmente importante ed efficace nell ambito della partecipazione al procedimento amministrativo relativo all installazione di un nuovo impianto di radiotelecomunicazione da parte di tutti i soggetti dai quali potrebbe potenzialmente derivare un pregiudizio, 13 sia nell ottica della massima trasparenza, sia nell ottica della convergenza di tutte le problematiche di natura giuridica, urbanistica, ambientale e sanitaria ivi implicate. Criteri di pianificazione paesaggistica. Caratteristica principale degli impianti di radiotelelcomunicazione è quella di dover necessariamente trovare collocazione in posizioni visibili da tutta l area servita dalla rete; è pertanto inevitabile l insorgenza di situazioni di confl itto con lo skyline del paesaggio e la percezione visiva e, a volte affettiva, del paesaggio. Al fi ne di poter meglio analizzare i giudizi estetici e soggettivi nella valutazione del paesaggio, anche secondo le linee guida regionali, 14 il regolamento comunale è stato corredato di una apposita tavola che indica i vincoli paesaggistici, le sensibilità paesistiche, i vincoli ambientali, le proprietà pubbliche e private oggetto di particolare tutela; ad una maggiore sensibilità dei siti, deve corrispondere una minore incidenza degli impianti, i cui progetti dovranno prevedere idonee opere di mitigazione o di compensazione. Nell individuare il grado di Sensibilità del sito si dovrà fare riferimento alla Carta delle sensibilità paesistiche allegata al regolamento, nonché a tutti i documenti disponibili che illustrano le peculiarità paesaggistiche. 10 Legge n. 36/2001, art. 8, comma (c.d. Decreto Gasparri) Disposizioni volte ad accelerare la realizzazione delle infrastrutture di telecomunicazioni strategiche per la modernizzazione e lo sviluppo del Paese, a norma dell articolo 1, comma 2, della legge 21 dicembre 2001, n Istituita formalmente ai sensi dell art. 93, comma 2, dello Statuto Comunale, quale organismo consultivo e di partecipazione. 13 Cfr. artt. 7, 9, 10 - Legge 7 agosto 1990 n. 241 Nuove norme sul procedimento amministrativo e s.m.i. 14 Regione Lombardia, Piano del Paesaggio Lombardo, Piano Territoriale Paesistico Regionale, Vol. 7, B.U.R.L. n. 32 del , pp

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI

ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI ALLEGATO XXXVI VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E VALORI DI AZIONE PER I CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Le seguenti grandezze fisiche sono utilizzate per descrivere l'esposizione ai campi elettromagnetici:

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

QUADERNI CORECOM PIEMONTE

QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE. STUDIO SULL IMPATTO DELLA TELEFONIA CELLULARE E SULLE MODALITÀ DI UTILIZZO DEL TELEFONINO PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI QUADERNI CORECOM PIEMONTE ESPOSIZIONE UMANA A RADIOFREQUENZE.

Dettagli

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it

Esposizioni in condizioni complesse. Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Esposizioni in condizioni complesse Gian Marco Contessa grazie a Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Valutazione dell esposizione a CEM La valutazione pratica dell esposizione ai campi elettrici

Dettagli

Cosa sono i campi elettromagnetici?

Cosa sono i campi elettromagnetici? Cosa sono i campi elettromagnetici? Definizioni e sorgenti I campi elettrici sono creati da differenze di potenziale elettrico, o tensioni: più alta è la tensione, più intenso è il campo elettrico risultante.

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi hanno collaborato: per l'iscti Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta per l'iss Paolo Vecchia per l'ispra Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi Grafica di copertina e disegni: Franco Iozzoli

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300.

Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300. Raccomandazione. 1999/512/CE del 12 luglio 1999 Pubblicata sulla G. U. C. E n. L199 del 30/07/1999 Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna

I servizi educativi per la prima infanzia in Emilia-Romagna Il sistema prima infanzia della Regione Emilia-Romagna Il servizi educativi Nidi d infanzia, micronidi, sezioni primavera Servizi domiciliari: piccoli gruppi educativi Servizi integrativi: spazi bambini,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

La legge quadro n.36/01 ed i nuovi limiti sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

La legge quadro n.36/01 ed i nuovi limiti sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici La legge quadro n.36/01 ed i nuovi limiti sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Elio Giroletti Divisione Igiene e Sicurezza Università degli Studi di Pavia

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA CABINE ELETTRICHE

VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE UMANA AI CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA CABINE ELETTRICHE Generalità sui campi elettromagnetici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA CLASSE 10 INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Lunghezza d onda λ (metri)

Lunghezza d onda λ (metri) RISCHI DA CAMPI ELETTROMAGNETICI IN AMBIENTE LAVORATIVO Fonti : ISPESL, ISS, ELETTRA2000, ASL di Siena, Az.USL di Modena Coordinamento Tecnico per la sicurezza nei luoghi di lavoro delle Regioni e delle

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 13-30

IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 13-30 TSRR IFAC-TSRR vol. 1 (2009) 13-30 Procedura per la valutazione dell'emissione di campi EM da un apparato per ipetermia con componente diatermica a 434.0 MHz e verifica del rispetto degli standard A. Ignesti(

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo 5 Impianti televisivi quadro riassuntivo EMITTENTE OBIETTIVI PROPOST E STATO TELENORBA TELEPUGLIA TELEDUE Trasferimento in sito fuori del centro abitato Rimozione antenne radianti non attiv e con conseguente

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 902 Tema SINAnet

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli