Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre Mercato nazionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale"

Transcript

1 Osservatorio biologico Ismea Newsletter Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006 Numero 3 novembre 2006 L andamento dei prezzi al consumo dei prodotti biologici nel II quadrimestre 2006 Mercato nazionale In questo paragrafo si analizza l andamento dei prezzi al consumo dei più importanti prodotti biologici nel secondo quadrimestre 2006 utilizzando, come di consueto, i dati del Panel Ismea/ACNielsen che non effettua rilevazioni nei negozi specializzati bio. Per quanto si tratti di prezzi derivati, cioè calcolati come rapporto tra acquisti domestici in valore e in quantità, si possono trovare indicazioni utili circa gli andamenti dei listini biologici e convenzionali nel confronto congiunturale e tendenziale. Nel secondo quadrimestre 2006 i prezzi al consumo dei principali prodotti biologici confezionati 1 hanno registrato in media 2 un calo del -2,3% rispetto ai primi quattro mesi del Questa contrazione appare solo di carattere congiunturale in quanto il confronto con il secondo quadrimestre 2005 mostra una crescita del 4,1% della media dei prodotti presi in esame (tab.1). Per quanto riguarda l ortofrutta bio fresca e sfusa 3, dove si è trascurata la variazione congiunturale perché influenzata da fenomeni di stagionalità, il confronto tendenziale tra i secondi quadrimestri del 2006 e del 2005 mostra una crescita media dei listini al consumo dei prodotti presi in esame del 2,3%. Scendendo nel dettaglio dei singoli prodotti, si nota nell ambito dei confezionati una concordanza in termini di segno tra gli andamenti congiunturali e tendenziali per le bevande alla frutta non gassate, le bevande alla soia, i cibi omogeneizzati, i biscotti frollini, l olio d oliva, la pasta di semola e le uova, che presentano tassi positivi in entrambi i casi. Una situazione opposta si verifica per i cereali per l infanzia, latte fresco e miele che fanno registrare variazioni negative sia in termini congiunturali che tendenziali. I restanti prodotti (brioches, cereali per l infanzia e yogurt) presentano andamenti di segno opposto nel confronto con il quadrimestre precedente e in quello con lo stesso periodo dell anno precedente. Passando all ortofrutta fresca e sfusa, tassi di crescita tendenziale superiori o uguali al 10% si registrano per la metà dei prodotti monitorati tra cui i meloni (+20,8%), le patate (+20,8%), le angurie (+14,4%) e i fagiolini (+12,9%). Soltanto tre prodotti (mele 3,8%; pomodori 1,1%; lattughe 2,5%) mostrano aumenti di prezzo più contenuti. Al contrario un calo nel confronto tra i secondi quadrimestri del 2006 e del 2005 si registra per le pesche (-6,4%), le zucchine (-4,7%) e le pere (-2,1). 1 I prodotti bio confezionati presi in esame sono stati i primi quindici per consumi in valore secondo i dati Ismea/ACNielsen 2 La media dei prezzi dei prodotti bio è stata calcolata come media ponderata (per il valore degli acquisti domestici) dei listini al consumo di ciascun prodotto considerato 3 Sono stati considerati i primi sei prodotti frutticoli e i primi sei ortaggi per consumi in quantità nel secondo quadrimestre La loro media è stata ponderata con gli acquisti in valore. 1

2 Il confronto con l andamento dei prezzi del convenzionale Tabella 1 - L'andamento dei prezzi dei principali prodotti bio nel II quadrimestre 2006 Prodotti bio confezionati Var. % II quadr. 06/I quadr. 06 Var. % II quadr. 06/II quadr. 05 Bev. alla frutta non gassate 9,9% 21,9% Bevande alla soia 2,6% 2,6% Brioches 13,0% -16,9% Cereali per l infanzia -11,7% -6,0% Cereali preparati 1,6% -1,8% Cibi omogeneizzati 4,7% 1,0% Frollini 11,6% 16,8% Frutta fresca - 39,1% Verdura fresca - -15,1% Latte fresco -5,6% -3,6% Miele -11,8% -2,1% Olio Oliva 6,5% 20,7% Pasta di semola 10,8% 12,0% Uova 1,8% 0,2% Yogurt 1,0% -3,3% Media ponderata paniere prodotti bio confezionati -2,3% 4,1% Ortofrutta bio fresca e sfusa Pesca - -6,4% Anguria - 14,4% Meloni - 20,8% Mela - 3,8% Albicocca - 9,9% Pere - -2,1% Pomodoro - 1,1% Zucchina - -4,7% Patata - 20,8% Lattuga - 2,5% Melanzana - 9,8% Fagiolino - 12,9% Media ponderata paniere ortofrutta bio fresca e sfusa - 2,3% Fonte: Ismea/ACNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi i negozi specializzati bio Un confronto interessante è quello dei prezzi medi bio con i corrispondenti listini medi convenzionali (tab. 2). I prodotti confezionati convenzionali nel II quadrimestre 2006 registrano una lieve rivalutazione (+0,5%) rispetto al quadrimestre precedente che non si riscontra invece nel biologico (-2,3%). Su base tendenziale la crescita del convenzionale (+6,2%) supera di circa due punti percentuali quella del biologico (+4,1%). Relativamente all ortofrutta fresca e sfusa nel confronto tra i secondi quadrimestri del 2006 e del 2005 la quotazione media del convenzionale aumenta del +4,9% mentre il biologico mostra una crescita media leggermente più bassa (+2,3%). Questi dati mostrano quindi la tendenza dei prezzi del bio a crescere di meno di quelli del convenzionale, il che è indice di una spinta inflattiva meno accentuata che dovrebbe rendere più appetibili gli acquisti di prodotti biologici Scendendo nel dettaglio dei singoli prodotti confezionati, si notano variazioni positive dei prezzi al consumo sia del bio che del convenzionale in entrambi i confronti (tendenziale e congiunturale) per le bevande alla soia, i cibi omogeneizzati, la frutta 2

3 fresca e l olio d oliva, mentre nessuno dei restanti prodotti presenta variazioni sempre negative. Tra gli altri alimenti confezionati considerati, si nota che una contrazione del prezzo del bio contrapposta ad una crescita dei listini del convenzionale nei due confronti temporali emerge per il latte fresco e il miele, mentre non si riscontrano casi opposti. Passando all ortofrutta fresca e sfusa si risontra che c è una concordanza di segno nelle variazioni tendenziali del bio e del convenzionale per tutti i prodotti, ad eccezione delle pesche, delle pere e delle zucchine che presentano contrazioni nel bio a fronte di rialzi nel convenzionale. Tabella 2 - Confronto tra l'andamento dei prezzi del bio e del convenzionale per i principali prodotti del comparto bio nel II quadrimestre 2006 Var. % II quadr. 06/ I Var. % II quadr. 06/II Prodotti confezionati quadr. 06 quadr. 05 bio conv bio conv Bev. alla frutta non gassate 9,9% -5,5% 21,9% 1,0% Bevande alla soia 2,6% 6,4% 2,6% 11,3% Brioches 13,0% -1,2% -16,9% 2,0% Cereali per l infanzia -11,7% 2,1% -6,0% -5,4% Cereali preparati 1,6% 1,5% -1,8% 1,0% Cibi omogeneizzati 4,7% 0,2% 1,0% 3,2% Frollini 11,6% -1,2% 16,8% 1,2% Frutta fresca ,1% 10,6% Verdura fresca ,1% 12,1% Latte fresco -5,6% 0,2% -3,6% 1,6% Miele -11,8% 4,6% -2,1% 3,6% Olio Oliva 6,5% 1,2% 20,7% 20,5% Pasta di semola 10,8% -1,1% 12,0% 0,0% Uova 1,8% -0,1% 0,2% 2,7% Yogurt 1,0% -2,1% -3,3% -0,3% Media ponderata paniere prodotti confezionati -2,3% 0,5% 4,1% 6,2% Ortofrutta fresca e sfusa Pesca ,4% 2,3% Anguria ,4% 13,9% Meloni ,8% 12,2% Mela - - 3,8% 4,8% Albicocca - - 9,9% 1,1% Pere ,1% 5,6% Pomodoro - - 1,1% 0,7% Zucchina ,7% 6,0% Patata ,8% 26,1% Lattuga - - 2,5% 4,7% Melanzana - - 9,8% 12,0% Fagiolino ,9% 16,6% Media ponderata paniere ortofrutta - - 2,3% 4,9% Fonte: Ismea/ACNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi i negozi specializzati bio 3

4 Il differenziale di prezzo tra biologico e convenzionale Per quanto riguarda il differenziale di prezzo tra bio e convenzionale 4 si nota che esso in media oscilla tra il 24,6% e il 27,1% nell ambito del confezionato (figura 1). In particolare nel confezionato lo scarto di listino tra bio e convenzionale è salito dal 27,1% del II quadrimestre 2005 al 28,1% dei primi quattro mesi del 2006 per poi scendere al 24,6% del II quadrimestre Nel confezionato i prodotti che presentano differenziali superiori al 30% in tutti e tre i periodi considerati sono numerosi: le bevande alla frutta non gassate, le brioches, la verdura fresca, il miele, l olio di oliva, la pasta di semola e le uova. Differenziali negativi, invece sono presenti per i cereali preparati e i cibi omogeneizzati (tabella 3). Figura 1 - Il differenziale % medio di prezzo tra bio e convenzionale per i prodotti confezionati 29,0% 28,0% 27,0% 26,0% 27,1% 28,1% 25,0% 24,6% 24,0% 23,0% 22,0% II quadrimestre 2005 I quadrimestre 2006 II quadrimestre 2006 Fonte: Ismea/ACNielsen* *Nella rilevazione Ismea/AcNielsen non sono compresi i negozi specializzati bio 4 Il differenziale di prezzo in questa come nelle precedenti newsletter, risente di alcuni fattori quali il fatto che i prezzi non sono rilevati diretttamente ma solo in modo indiretto (valori/quantità) e si riferisce solo a pochi prodotti. 4

5 I consumi domestici di prodotti biologici confezionati in Italia L andamento nel II quadrimestre 2006 Tabella 3 - Il differenziale % medio di prezzo tra bio e convenzionale per i principali prodotti bio II quadrimestre 2005 I quadrimestre 2006 II quadrimestre 2006 Prodotti confezionati Bev. alla frutta non gassate 112% 120% 156% Bevande alla soia 17% 12% 8% Brioches 83% 31% 49% Cereali per l infanzia -2% 13% -2% Cereali preparati -10% -13% -13% Cibi omogeneizzati -12% -18% -14% Frollini 54% 57% 78% Frutta fresca -9% 22% 15% Verdura fresca 77% 55% 34% Latte fresco 18% 18% 11% Miele 53% 72% 45% Olio Oliva 54% 47% 55% Pasta di semola 71% 71% 92% Uova 100% 92% 95% Yogurt 36% 28% 32% Media ponderata paniere prodotti confezionati 27% 28% 25% Fonte: Ismea/ACNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi i negozi specializzati bio Consumi domestici Il presente paragrafo analizza i consumi domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nel secondo quadrimestre 2006 e nei primi otto mesi dello stesso anno. Occorre ricordare che il panel Ismea/AcNielsen da cui sono stati tratti i dati prende in considerazione soltanto i consumi domestici, escludendo quelli extradomestici e quelli effettuati nei periodi di ferie e non rileva gli acquisti effettuati presso il canale dei negozi specializzati bio. I consumi bio nel secondo quadrimestre 2006 si sono attestati sui 72,6 milioni di euro con un aumento del +6,4% nel confronto con il secondo quadrimestre del Osservando l andamento dei consumi negli ultimi 24 mesi rilevati (figura 2) si nota una contrazione congiunturale dei consumi domestici attribuibile ai limiti di rilevazione della banca dati, che non considera i consumi nei periodi di ferie. Infatti una simile dinamica si è registrata nello stesso periodo anche l anno scorso in maniera leggermente più accentuata, come dimostra la crescita tendenziale. Se si ricercano tendenze nel breve periodo nei consumi domestici di prodotti biologici confezionati si osserva che dopo le contrazioni degli acquisti del 2004 (-4,1%) e del 2005 (-5,8%) i dati che saranno descritti in seguito sui primi otto mesi del 2006 rispetto allo stesso periodo del 2005 presentano una sostanziale stabilità (+0,1%) delle vendite. 5

6 (in euro) Figura 2 - Andamento dei consumi domestici di prodotti biologici confezionati in Italia fino ad Agosto set ott-04 Fonte: Ismea/ACNielsen* 01-nov dic gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar apr mag giu lug-06 * Nella rilevazione Ismea/ACNIelsen non sono compresi gli acquisti effettuati presso i negozi specializzati bio 01-ago set-06 Tornando all analisi quadrimestrale tendenziale (tabella 4) si osserva tra i comparti più importanti in termini di acquisti, una crescita per quanto riguarda i settori del latte e derivati (+7,0%) e dei biscotti, dolciumi e snack (+15,3%), una lieve flessione nel caso dell ortofrutta fresca e trasformata (-0,8%) e delle uova (- 0,8%) mentre in calo più consistente appaiono le bevande analcoliche (-11,8%). Scendendo nella graduatoria, crescite delle vendite superiori o uguali al 20% si registrano per il settore dello zucchero, caffè e tè (+27,7%), dell olio (+34,4%), dei prodotti per l infanzia (+19,9%) e del pane e sostituti (+77,0%), mentre più contenute appaiono per riso e pasta (+10,6%) e per gelati e surgelati (+3,7%). In fondo alla graduatoria si pongono solo comparti con variazioni negative. In particolare contrazioni superiori al 20% appaiono per i condimenti (-20,4%), il miele (-30,5%) e i salumi ed elaborati di carne (-51,8%), mentre più contenute risultano nel caso delle bevande alcoliche (-2,8%) e dei prodotti dietetici (- 10,4%). 6

7 Tabella 4 - I consumi domestici di prodotti biologici confezionati nel II quadrimestre 2006 in Italia per comparto (in euro) Var % II quadr 06/ II quad 05 II quadr 06 II quadr 05 Latte e derivati ,0% Biscotti, dolciumi e snack ,3% Ortofrutta fresca e trasformata ,8% Bevande analcoliche ,8% Uova ,8% Zucchero, caffè e tè ,7% Oli ,4% Riso e pasta ,6% Prodotti per l'infanzia ,9% Pane e sostituti ,0% Gelati e surgelati ,7% Condimenti ,4% Bevande alcoliche ,8% Miele ,5% Prodotti dietetici ,4% Salumi e elaborati carne ,8% Altri prodotti bio ,0% Totale prodotti bio confezionati ,4% Fonte : Ismea/AcNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi gli acquisti effettuati presso i negozi specializzati bio Tornando all aggregato dei consumi domestici di prodotti biologici confezionati (tabella 5) passiamo ad osservare le tendenze delle vendite nelle macroaree geografiche italiane nel confronto tra il II quadrimestre 2006 e lo stesso periodo del Il dato più evidente è la forte crescita registratasi nel Centro e nella Sardegna (+37,2%) che influenza positivamente il dato nazionale (+6,4%) e che risulta superiore a quello di tutte le altre aree geografiche. Infatti alla lieve crescita del Nord Ovest (+3,5%) si contrappone il calo dei consumi nel Nord Est (-4,9%), mentre una sostanziale stabilità (-0,6%) si registra nel Sud e Sicilia. Riguardo ai canali di distribuzione del biologico confezionato il ruolo principale nella commercializzazione è svolto dai Super e Ipermercati che detengono una quota del 90% del mercato (nella rilevazione tuttavia non sono considerati i negozi specializzati). Questo canale ha mostrato in termini tendenziali una crescita del 4,7%, leggermente inferiore a quella media di tutti i canali (6,4%). I negozi tradizionali, che costituiscono il 5% del mercato, evidenziano invece una decisa crescita (+40,2%) nel confronto tra i secondi quadrimestri del 2006 e del Infine le Superette, che rappresentano il 2% delle vendite, presentano un forte calo negli acquisti (-23,0%), mentre i Discount che hanno un peso limitato (1,7%) sugli acquisti complessivi mostrano su base tendenziale una forte crescita (+84,9%). 7

8 I consumi domestici nei primi otto mesi del 2006 Tabella 5 - I consumi domestici di prodotti biologici confezionati nel II quadrimestre 2006 in Italia per area geografica e canale distributivo (in euro) Var % II quadr II quad 05 II quadr 06 06/ II quadr 05 Totale Italia ,4% per area geografica Nord Ovest ,5% Nord Est ,9% Centro+Sardegna ,2% Sud+Sicilia ,6% per canale distributivo Supermercati+Ipermercati ,7% Superette ,0% Discount ,9% Negozi tradizionali ,2% Altri canali ,7% Fonte : Ismea/AcNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi gli acquisti effettuati presso i negozi specializzati bio Passiamo ora a considerare i consumi dei primi otto mesi del 2006 a confronto con quelli dell analogo periodo del 2005 nei diversi comparti. Il dato complessivo dei circa 160 prodotti biologici confezionati evidenzia una sostanziale stabilità dei consumi domestici (+0,1%). Tra i comparti più importanti si nota un calo delle vendite di latte e derivati (-7,4%), di ortofrutta fresca e trasformata (-6,2%),di bevande analcoliche (-12,8%), uova (- 1,7%), riso e pasta (-5,5%) e prodotti per l infanzia (-3,4%). In crescita invece appaiono i comparti relativi ai biscotti, dolciumi e snack (+12,1%), zucchero, caffè e tè (+35,7%), oli (+50,7%) e pane e sostituti (21,5%). 8

9 Un analisi del prezzo all ingrosso della banana biologica a confronto con quella bio ed equa e quella convenzionale Tabella 6 - I consumi domestici di prodotti biologici confezionati nei primi otto mesi del 2006 in Italia per comparto (in euro) Var % primi 8 mesi 06/ primi 8 mesi 2005 primi 8 mesi 2006 primi 8 mesi 05 Latte e derivati ,4% Ortofrutta fresca e trasformata ,2% Biscotti, dolciumi e snack ,1% Bevande analcoliche ,8% Uova ,7% Zucchero, caffè e tè ,7% Oli ,7% Riso e pasta ,5% Prodotti per l'infanzia ,4% Pane e sostituti ,5% Gelati e surgelati ,5% Miele ,0% Condimenti ,2% Prodotti dietetici ,7% Bevande alcoliche ,2% Salumi e elaborati carne ,2% Altri prodotti bio ,4% Totale prodotti bio confezionati ,1% Fonte : Ismea/AcNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi gli acquisti effettuati presso i negozi specializzati bio Studi e analisi Il presente paragrafo mira a mettere a confronto il prezzo medio all ingrosso nel 2005 delle banane biologiche, di quelle biologiche ed equosolidali e di quelle convenzionali. Riguardo alle fonti utilizzate per i prezzi all ingrosso delle banane, sono stati considerati i bollettini settimanali del CAAB di Bologna relativi a quelle biologiche e a quelle biologiche ed equosolidali, mentre per il convenzionale sono state analizzate le rilevazioni settimanali di ISMEA sulla piazza di Bologna. Per misurare il peso economico della banana biologica i dati sui consumi domestici in Italia nel 2005 la pongono come il terzo prodotto per valore delle vendite di frutta biologica fresca e sfusa, con un incidenza sul totale delle banane vendute del 6,0% e un peso sul totale della frutta bio del 6,9%. La rilevazione mette in mostra come in media nel 2005 il prezzo delle banane biologiche rispetto a quelle convenzionali sia superiore del 40% e se alla connotazione biologica si aggiunge quella equosolidale il prezzo sale ancora e risulta superiore a quello del prodotto generico del 75%. Conseguentemente il prezzo della banana equosolidale e biologica risulta superiore a quella del prodotto soltanto bio del 25%. 9

10 Figura 3 - Incrementi percentuali di prezzo tra le differenti versioni di banane (2005) 80% 75% 70% 60% 50% 40% 40% 30% 25% 20% 10% 0% BIO ed EQUO ris petto a BIO BIO ris petto a CONV BIO ed EQUO rispetto a Fonte: elab oraz ioni ISMEA su dati CAAB e rete rilevazione ISMEA CONV La disponibilità per i prezzi all ingrosso delle serie storiche settimanali consente di confrontare nell evolversi dell anno 2005 il prezzo del prodotto in esame nelle sue differenti versioni (figura 4). In particolare dal grafico si nota che la banana biologica ed equosolidale presenta un andamento lineare del prezzo con incrementi che si caratterizzano più come adeguamenti all inflazione generale che come fluttuazioni momentanee del mercato. Occorre considerare infatti che questa tipologia di prodotto si presta maggiormente a politiche di prezzo prestabilite che il consumatore, dal lato della domanda, è disposto ad accettare perché oltre ad apprezzare la qualità dell alimento condivide gli scopi del commercio equosolidale. La serie storica della banana biologica presenta un andamento simile a quello del prodotto convenzionale sebbene si registri una certa rigidità nelle oscillazioni. 10

11 Figura 4 - Prezzi all'ingrosso delle banane convenzionali, bio e bio ed equosolidali nel ,5 2 euro/kg 1,5 1 0, Fonte : elaborazioni ISMEA su dati CAAB e rete rilevazione ISMEA numero settimane convenzionale bio bio ed equo In conclusione, la sinergia tra biologico ed equosolidale in questo prodotto sembra dunque, similmente a quanto avviene per il caffè bio che per 80% nel mondo è commercializzato anche con i marchi del commercio equosolidale, stimolare i mercati di entrambi i comparti. 11

12 I primi 10 prodotti confezionati per consumi in valore nel 2005 Statistiche Tabella 7 I primi 10 prodotti confezionati per consumi domestici in valore nel 2005 (in euro) Var.% 2005/2004 Quota prodotto/ totale bio Yogurt fresco ,3% 7,8% Uova ,2% 7,6% Bevande alla soia ,1% 7,3% Latte fresco ,6% 6,9% Verdura fresca ,8% 6,0% Cereali preparati ,9% 4,4% Bevande frutta ,6% 4,3% Olio di oliva ,6% 3,4% Pasta semola ,2% 2,8% Biscotti frollini ,3% 2,3% Totale primi ,4% 52,8% Fonte : Ismea/AcNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi gli acquisti effettuati presso i negozi specializzati bio I prodotti confezionati più acquistati in forma bio Tabella 8 Graduatoria dei primi 20 prodotti confezionati più acquistati in forma bio nel 2005 (in euro e in % su totale prodotto) Quota bio / totale BIO BIO+NO BIO prodotto Bevande alla soia ,2% Orzo perlato ,5% Cereali infanzia ,4% Piselli secchi ,4% Soia ,9% Sostitutivi del pane ,0% Yogurt lunga conservazione ,1% Succhi dietetici ,1% Surrogati caffè ,5% Erbe ,2% Miele ,3% Infusi+karkadè ,2% Fagioli secchi ,1% Ceci secchi ,9% Lenticchie secche ,7% Uova ,6% Preparati per brodo ,2% Aromi misti ,6% Aceto ,4% Dessert da cucchiaio ,9% Fonte : Ismea/AcNielsen* *Nella rilevazione Ismea/ACNielsen non sono compresi gli acquisti effettuati presso i negozi specializzati bio 12

13 BIOFACH 2007 a Norimberga Manifestazioni ed eventi Dal 15 al 18 febbraio 2007 si svolgerà a Norimberga in Germania la principale fiera a livello mondiale relativa ai prodotti biologici. Essa prevederà un ampia area espositiva come nell edizione del 2006 che ha fatto registrare oltre visitatori e quasi espositori provenienti da 116 nazioni. Numerosi saranno anche i convegni su diverse tematiche legate al biologico. Quest anno in particolare è prevista la possibilità di inviare dei paper da parte di esperti del settore biologico che verranno presentati in appositi convegni. Come è consuetudine in ogni edizione, inoltre, viene nominata una nazione dell anno per il suo impegno nel biologico e per il 2007 è stata scelta l Italia. Per maggiori informazioni: Fonte: Biofach newsletter BIOPLANET 2006 a Milano Il 4 e 5 Dicembre si svolgerà a Milano la prima edizione di un evento che mira a presentare le strategie utili agli operatori del comparto alimentare biologico per sviluppare il mercato dei prodotti bio. Il convegno che si svolgerà nell arco di due giornate si concentrerà sull offerta di biologico, analizzando tutti i passaggi dal produttore fino alle politiche distributive al dettaglio. Affronterà, inoltre, le tematiche di carattere organizzativo e commerciale sempre più importanti per gli attori della filiera. Bioplanet 2006, organizzato dall Istituto Internazionale di Ricerca, si rivolge nell ambito del comparto bio a: produttori agricoli e zootecnici di grandi dimensioni, aziende alimentari, aziende di trasformazione alimentare, associazioni di categoria, consorzi, GDO, enti certificatori della qualità. Per informazioni e aggiornamenti sul programma: Istituto Internazionale di Ricerca, Via Forcella, Milano. Tel Fonte: Bioagricoltura notizie Varie L industria biologica in Germania Il giro d affari dell industria biologica in Germania è stimato nel 2005 da ZMP pari a 3,9 miliardi di euro, con un incremento dell 11% rispetto all anno precedente. In particolare lo studio dell organismo tedesco mette in luce come l industria del biologico stia spingendo fuori dal mercato la vendita diretta del produttore, grazie ad una crescente disponibilità dei prodotti biologici nei supermercati specializzati bio, negli alimentari convenzionali e nei discount. Fonte: Biofach newsletter L Ungheria produce per l export ma anche il mercato nazionale cresce Fino al 90% della produzione biologica dell Ungheria è esportato e i quattro principali paesi di destinazione sono Germania, Austria, Svizzera e Olanda. Nel 2003 e 2004 inoltre molti produttori agricoli si sono orientati verso il biologico motivati dalle aspettative di un più facile accesso al mercato dell Europa in seguito all allargamento dell UE. Ma anche il mercato interno del bio cresce. Infatti questo in Ungheria nel 2004 ha fatto registrare (secondo Tom Vaclavik di Greenmarketing) un giro d affari di 4 milioni di euro con un aumento del 25% rispetto all anno precedente. 13

14 Fonte: Ekoconnect Una ricerca di mercato prevede una forte crescita del biologico in Polonia Una ricerca di mercato condotta dalla società Sixtytwo stima il valore del mercato biologico in Polonia pari a 50 milioni di euro l anno e prevede una crescita nel prossimo decennio fino a 500 milioni di euro. Le superfici destinate a biologico sono relativamente poche rispetto al totale dei terreni agricoli ma in crescita e i punti di forza del settore sono i bassi salari e l alta produttività delle aziende agricole che consentiranno alla Polonia di competere in Europa. Cio che manca principalmente sono imprese di trasformazione, grossisti e infrastrutture per l offerta. La ricerca di mercato conclude che la Polonia offre eccellenti opportunità di investimento per le imprese del settore. Per maggiori informazioni : Fonte: Ekoconnect Ismea Direzione Mercati e Risk Management Unità operativa Osservatori e Panel Responsabile Unità : Fabio Del Bravo Enrico De Ruvo (+39) Giovanni Luppi (+39)

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 18 24 giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il 18-24 giugno, rispetto

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

La spesa domestica per i prodotti alimentari

La spesa domestica per i prodotti alimentari OSSERVATORIO CONSUMI La spesa domestica per i prodotti alimentari Panel Famiglie Periodo terminante: 15 dicembre 2001 Il trend nazionale Gli acquisti domestici nazionali di prodotti alimentari manifestano,

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1)

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) N. 1 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

$ ()*+, $1 ' (*2+ -.*+/ & % $ % 3 % % $ 4$ % % $

$ ()*+, $1 ' (*2+ -.*+/ & % $ % 3 % % $ 4$ % % $ !"# $ & ' $ ()*+, -.*+/$ *-/ 0 $1 ' *$ (*2+ -.*+/ & $ 3 $ 4$ $ + -(0+/ -(0+/ -(2+/ $-(0+/ 5 (6+ (+ -.*0+/78-.0+/ -.0+/ *!"# 9 -/ 0 & Tabella 1 - L'andamento dei prezzi dei principali prodotti bio nel I

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA Fabio Del Bravo ISMEA Bologna, 6 settembre 2014 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA 1. Come cambiano i consumi alimentari e che ruolo ha assunto

Dettagli

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia

Vendita diretta Prodotti Bio in Italia Il consumo dei prodotti biologici in Italia [ ] IL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA C I P Negli ultimi anni in Italia è stato registrato un incremento del consumo di prodotti da agricoltura biologica.

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2011 A cura dell Ufficio Protesti e Prezzi e dell Ufficio Studi e Ricerche Economiche Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag.

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in GERMANIA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in GERMANIA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in GERMANIA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 1. Dimensione del mercato tedesco. La Germania, con oltre 80,5 milioni di abitanti,

Dettagli

I consumi di Formaggi nel mondo

I consumi di Formaggi nel mondo Francesco Biella I consumi di Formaggi nel mondo Global Cheese consumption Il Mercato dei Formaggi in Italia e nei paesi esteri. Le performance nella Distribuzione Moderna Francesco Biella Client Manager

Dettagli

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari

Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il mercato cinese dei prodotti agroalimentari Il settore alimentare cinese sta progressivamente cambiando grazie all aumento del potere d acquisto e all evoluzione

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

Il mercato internazionale e nazionale dei prodotti biologici e le opportunità per le imprese italiane sul mercato tedesco

Il mercato internazionale e nazionale dei prodotti biologici e le opportunità per le imprese italiane sul mercato tedesco Marzo 2013 Il mercato internazionale e nazionale dei prodotti biologici e le opportunità per le imprese italiane sul mercato tedesco In sintesi La fiera Biofach di Norimberga rappresenta ormai uno dei

Dettagli

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat Osservatorio Regionale Prezzi Spesa consapevole per il benessere dei consumatori Convegno Nazionale Usci Attori coinvolti Dal 2003 la Regione dell Umbria ha promosso la realizzazione di un importante progetto

Dettagli

MERCATO LATTIERO CASEARIO

MERCATO LATTIERO CASEARIO MERCATO LATTIERO CASEARIO Scenario mondiale e nazionale Treviso, 10 giugno 2011 1 LA PRODUZIONE MONDIALE DI LATTE Nel 2010 la produzione mondiale di latte è aumentata, grazie all incremento dell offerta

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2013 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2013 - Sintesi

Dettagli

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti

Gennaio 2014. Osservatorio Fertilizzanti Gennaio 2014 Osservatorio Fertilizzanti Frisio D. G., Casati D., Ferrazzi G. Osservatorio Economico Colture Vegetali - Dipartimento di Economia Management e Metodi Quantitativi - Università degli Studi

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI

1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI 1983 2008: I 25 ANNI CHE CAMBIARONO IL MODO DI FARE LA SPESA DA PARTE DEGLI ITALIANI Uno studio realizzato da Federalimentare in occasione del 25 anniversario dalla sua nascita fotografa l evoluzione della

Dettagli

Il mercato tedesco dei prodotti agroalimentari biologici

Il mercato tedesco dei prodotti agroalimentari biologici Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco dei prodotti agroalimentari biologici Berlino, luglio 2015 1. Dimensione del mercato tedesco. La Germania, con oltre 80,5 milioni di abitanti, si colloca

Dettagli

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE

COME E CAMBIATA LA SPESA DELLE FAMIGLIE GLI EFFETTI DELLA CRISI: EROSIONE DEL CETO MEDIO E CRESCITA DELLA POVERTA COLLOCAZIONE SOCIALE DELLE FAMIGLIE IN BASE AL REDDITO, AI COMPORTAMENTI DI CONSUMO E AGLI STILI DI VITA COME E CAMBIATA LA SPESA

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WM01U ATTIVITÀ 47.11.20 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 47.11.30 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 47.11.40 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTARI VARI ATTIVITÀ 47.21.02 COMMERCIO

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma. Svezia. Il mercato dei prodotti biologici

Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma. Svezia. Il mercato dei prodotti biologici Agenzia ICE - ufficio di Stoccolma Svezia Il mercato dei prodotti biologici agosto 2013 INDICE 1. ASPETTI NORMATIVI SULLE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI AGRO- ALIMENTARI (SINTESI)...2 2. IL SISTEMA DISTRIBUTIVO

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.4 ATTIVITÀ 52.25.0 ATTIVITÀ 52.27.4 SUPERMERCATI DISCOUNT DI ALIMENTARI

STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.4 ATTIVITÀ 52.25.0 ATTIVITÀ 52.27.4 SUPERMERCATI DISCOUNT DI ALIMENTARI STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.2 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 52.11.3 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 52.11.4 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTI VARI ATTIVITÀ 52.25.0 COMMERCIO

Dettagli

Allarme prezzi e Osservatori: l esperienza della Provincia di Rovigo

Allarme prezzi e Osservatori: l esperienza della Provincia di Rovigo Allarme prezzi e Osservatori: l esperienza della Provincia di Rovigo Cinzia Viale Ufficio Statistica della Provincia di Rovigo L Osservatorio Provinciale dei prezzi in Polesine, costituito nell ottobre

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

DAL PERCORSO PARTECIPATO ALLA TABELLA MERCEOLOGICA DEL CAPITOLATO D APPALTO

DAL PERCORSO PARTECIPATO ALLA TABELLA MERCEOLOGICA DEL CAPITOLATO D APPALTO Prodotti bio (Pane, farine ecc) Uova allevate all aperto Materie prime di produzione biologica Farina di grano tenero, farina di mais, pane con farina bio; Pasta di semola di grano duro; Riso, orzo perlato

Dettagli

1. I Andamento dei costi di produzione della carne bovina in Veneto nel 2014

1. I Andamento dei costi di produzione della carne bovina in Veneto nel 2014 1. I Andamento dei costi di produzione della carne bovina in Veneto nel 2014 Metodologia di calcolo Partendo dai dati raccolti attraverso l indagine campionaria che ha consentito di rilevare i costi medi

Dettagli

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da RETAIL SURVEY OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del 20 NOVEMBRE 2003

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del 20 NOVEMBRE 2003 1.0 Ripartizione Pianificazione e Programmazione 1.0 Abteilung für Planung und Programmierung 1.1 Ufficio Programmazione, Statistica e Tempi della Città 1.1 Amt für Planung, Statistik und Zeiten der Stadt

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Il mercato dei prodotti biologici: tendenze generali e nelle principali filiere

Il mercato dei prodotti biologici: tendenze generali e nelle principali filiere Il mercato dei prodotti biologici: tendenze generali e nelle principali filiere ISMEA Dicembre 2007 STUDI AGRICOLTURA BIOLOGICA S Responsabile della ricerca: Ezio Castiglione Responsabile scientifico:

Dettagli

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton L organizzazione delle filiere biologiche italiane Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

Istituto Agronomico Mediterraneo. nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE. 30/07/2013 Presentazione 1

Istituto Agronomico Mediterraneo. nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE. 30/07/2013 Presentazione 1 Istituto Agronomico Mediterraneo Sistema d informazione d nazionale sull agricoltura biologica BIO IN CIFRE 3/7/213 Presentazione 1 Il presente rapporto è a cura di: Comitato di coordinamento: Fabio Del

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VM01U ATTIVITÀ 47.11.20 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 47.11.30 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 47.11.40 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTI VARI ATTIVITÀ 47.21.02 COMMERCIO

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG61A ATTIVITÀ 51.17.2 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI

STUDIO DI SETTORE UG61A ATTIVITÀ 51.17.2 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI STUDIO DI SETTORE UG61A ATTIVITÀ 51.17.1 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI ATTIVITÀ 51.17.2 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI ALTRI PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO Marzo 2007 PREMESSA

Dettagli

Il mercato tedesco del vino

Il mercato tedesco del vino Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Berlino Nota Settoriale Il mercato tedesco del vino Berlino, marzo 2013 2 INDICE 1. Importanza del mercato

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio.

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio. Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Seconda edizione Note metodologiche Ufficio Sistema Statistico Direzione Risorse Umane

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari

Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Provincia di Forlì Cesena Assessorato alle Politiche Agroalimentari Gian Luca Bagnara RUOLO E STRATEGIE DEI MERCATI ALL INGROSSO AL SERVIZIO DELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA 1 SOMMARIO Perché parlare di mercati

Dettagli

N 348 del 7 febbraio 2015

N 348 del 7 febbraio 2015 N 348 del 7 febbraio 2015 Il mercato nazionale dei prodotti lattiero caseari Prezzi settimanali di alcuni prodotti lattiero-caseari in Italia ( / kg) 2 feb. sett. 1 anno 2015 precedente prima sett. Parmigiano

Dettagli

I CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA: Tra Discontinuità e Contraddizioni

I CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA: Tra Discontinuità e Contraddizioni Gruppo e-laborando www.gruppoe-laborando.it I CONSUMI ALIMENTARI IN ITALIA: Tra Discontinuità e Contraddizioni Antonio Flamini, Paolo Bettoni e Andrea Laudadio Pablo Picasso, El toro, litografia PREMESSA

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe

Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori Ufficio B2 - Osservatorio prezzi e tariffe LA DINAMICA DEI PREZZI DEL PANE 11 marzo 2008 Sulla base dell

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO-FEBBRAIO 2010 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Si ringrazia Si ringrazia il Gruppo Nestlé in Italia per il contributo alla ricerca. L approccio sensazionalistico Families bin a quarter of their food each week Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI DICEMBRE 2014 (dati provvisori)

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1)

Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: Oli e grassi (1) N. 3 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti domestici

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli