Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Differenziazione di prodotto e qualità in monopolio"

Transcript

1 Economia Indusriale Capiolo 7 Differenziazione di prodoo e qualià in monopolio Beoni Michela Gallizioli Giorgio Gaverina Alessandra Rai Nicola Signori Andrea

2 AGENDA Concei di differenziazione vericale ed orizzonale Differenziazione orizzonale: approccio spaziale (modello di Hoelling) Problema di massimizzazione del profio del monopolisa: l incenivo alla differenziazione come mezzo di esrazione del surplus Confrono ra risulai oenui e oimo sociale Caso di discriminazione di prezzo Differenziazione vericale Problema di massimizzazione del profio del monopolisa: scela di prezzo e qualià oimali Caso di impresa monoprodoo Caso di impresa muliprodoo

3 DIFFERENZIAZIONE ORIZZONTALE L impresa offre una varieà di prodoi, in risposa ai differeni gusi dei consumaori I consumaori hanno preferenze diverse in relazione alle caraerisiche del prodoo Esempio: diverse ipologie di cereali Kellogg s VERTICALE L impresa offre lo sesso prodoo con diversi livelli di qualià, in risposa alle diverse disponibilià a pagare dei consumaori I consumaori concordano nell ordinare i diversi livelli di qualià (sessa sruura di preferenze), ma differiscono per la disponibilià a pagare Esempio: biglieo aereo in classe business o economy

4 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Analizza il comporameno di un monopolisa che praica differenziazione orizzonale di prodoo. Semplificazione del modello: viene venduo un unico prodoo. La caraerisica che oriena le preferenze dei consumaori è la disanza del luogo di vendia: i consumaori sono disposi a pagare di più per prodoi più vicini, che minimizzano cioè i cosi di sposameno. TEORIA TRADIZIONALE Diverse varieà di prodoo Differenziazione araverso le caraerisiche di ciascun prodoo Il consumaore sceglie il prodoo più vicino ai propri gusi MODELLO SPAZIALE Prodoo unico Differenziazione araverso la disanza del puno vendia Il consumaore sceglie il prodoo geograficamene più vicino

5 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Ipoesi: Mercao composo da un unica srada (Main S.) dove abiano N consumaori Il monopolisa non praica discriminazione di prezzo Cosi di rasporo (cosi di sposameno per unià di disanza) I consumaori si disinguono ra loro solo per il luogo in cui risiedono In ogni periodo un consumaore è disposo a comprare esaamene un unià di prodoo venduo dal monopolisa se FULL PRICE Prezzo di vendia del prodoo + cosi di sposameno RESERVATION PRICE (V)( Disponibilià a pagare del consumaore PROBLEMA DEL MONOPOLISTA: - Quani puni vendia aprire - Dove aprirli - Quale prezzo fissare

6 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Supponiamo che il monopolisa decida di operare con un solo puno vendia: Disanza x dal negozio olre la quale non è più conveniene per i consumaori acquisare il prodoo: p + x = V Quanià acquisaa dai consumaori: Q = xn Sosiuendo: N( V p) Se il prezzo diminuisce, la domanda aumena: consumaori più disani dal puno vendia rovano conveniene acquisare il prodoo. Q =

7 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Supponiamo che il monopolisa decida di servire uo il mercao con un unico puno vendia: Ipoesi: c coso per unià vendua F cosi di seup per negozio Il prezzo più alo che il monopolisa può praicare è: p + = V p = V PROFITTO DEL MONOPOLISTA: π ( N,) = N ( V c) F

8 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Supponiamo che il monopolisa decida di servire uo il mercao con due puni vendia: Ipoesi: Non ci sono economie di scopo operando con più negozi (F è cosane per ogni negozio) PROFITTO DEL MONOPOLISTA: Il prezzo più alo che il monopolisa può praicare è: p + 4 = V p = V π ( N,) = N( V c) F 4 4

9 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Analizziamo ora il caso generale in cui il monopolisa apre n puni vendia: la disanza ra un negozio e l alro è pari a /n. Il prezzo più alo che il monopolisa può praicare è: Profio del monopolisa: π( N, n) = N( V c) nf n p + n = V p = V n Al crescere degli n di puni vendia, il prezzo p pagao dal consumaore ende a V Aumenando il numero di negozi, il monopolisa esrae una quoa maggiore di surplus al consumaore. Inerpreazione: il monopolisa è incenivao a offrire una grande varieà di prodoi al fine di avvicinarsi ai diversi gusi dei consumaori, inducendoli a pagare un prezzo che si avvicina alla loro massima disponibilià a pagare.

10 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Al monopolisa converrebbe allora aprire infinii puni vendia? Condizione per cui è conveniene aprire un nuovo negozio: π ( N, n + ) > π ( N, n) π ( N, n + ) = N( V c) ( n + ) F ( n + ) π ( N, n) = N( V c) nf n A parià di negozi, conviene servire uo il mercao o solo una pare? A. Tuo il mercao: B. Solo una pare del mercao: Sosiuendo nell equazione del profio: Derivo e rovo p che lo massimizza: n( n + ) < p( N, n) = V / n V p p + x = V x = π = xn( p c) π = π = p N ( v p + c) N F ( V p) N( p c) = 0 p * V c = +

11 Differenziazione orizzonale MODELLO SPAZIALE (Hoelling, 99) Confronando le due siuazioni, al monopolisa converrà servire uo il mercao se: V n V + c > V > c + dove: V disponibilià a pagare del consumaore c coso marginale di produzione coso uniario di rasporo n numero di puni vendia n Quando la disponibilià a pagare del consumaore è bassa in rapporo ai cosi marginali e a quelli di rasporo, oppure nel caso in cui ci siano pochi negozi, servire l inero mercao è sconveniene. Diversamene, con ali valori di V e n, il monopolisa può soddisfare l inero mercao pur fissando un prezzo più alo, senza perdere in quanià vendua e oenendo marginalià superiori.

12 Differenziazione orizzonale INCENTIVO ALLA VARIETA DI PRODOTTO Il monopolisa, per massimizzare il profio, è incenivao a offrire una varieà di prodoi molo ampia. Tale varieà può risulare eccessiva? Confroniamola con il livello di differenziazione efficiene, cioè che massimizza il surplus colleivo. Massimizzazione del surplus: max NV cn cosi seup cosi rasporo che divena un problema di minimizzazione in quano N, V e c sono cosani: Analizziamo ora le due componeni: a. COSTI DI SETUP b. COSTI DI TRASPORTO min cosi seup + cosi rasporo

13 Differenziazione orizzonale INCENTIVO ALLA VARIETA DI PRODOTTO a. COSTI DI SETUP Sono dai dal coso di seup del singolo negozio per il numero di negozi: nf b. COSTI DI TRASPORTO Area del riangolo: 8n Cosi di rasporo oali: 8n 4n Moliplico per il numero N di consumaori e il numero n di negozi, e oengo: = N 4 n

14 Differenziazione orizzonale INCENTIVO ALLA VARIETA DI PRODOTTO Aprire un puno vendia addizionale è una scela efficiene se N C ( N, n + ) = + ( n + ) F 4( n + ) N C ( N, n) = + nf 4 n n( n + ) < N 4F C ( N, n + ) < C( N, n) CONDIZIONE DI EFFICIENZA n( n + ) < N 4F COMPORTAMENTO MONOPOLISTA n( n + ) < La condizione di efficienza è più resriiva! Queso significa che il monopolisa ende a offrire una varieà roppo ampia, perché agisce massimizzando il profio e non il surplus colleivo. I puni vendia in più rispeo all efficienza non porano guadagno neo ma generano rasferimeno di surplus da consumaore a produore. N F

15 Differenziazione orizzonale DISCRIMINAZIONE DI PREZZO La discriminazione avviene araverso la poliica dello uniform delivered pricing: il monopolisa vende e consegna il prodoo ai consumaori, praicando lo sesso prezzo indipendenemene dai cosi di rasporo. Nel caso di n negozi, il profio del monopolisa è pari a: N π ( N, n) = NV cn ( + nf) 4n Essendo NV e cn cosani, la massimizzazione del profio si oiene minimizzando i cosi di rasporo e di seup. Ciò significa che il monopolisa è incenivao a offrire una varieà di prodoi socialmene efficiene. In queso caso la discriminazione di prezzo (modello spaziale) è da inerpreare come differenziazione delle caraerisiche del prodoo (caso reale): i cosi di rasporo rappresenano cioè cosi addizionali sosenui per adaare i prodoi alle preferenze dei consumaori.

16 DIFFERENZIAZIONE VERTICALE I consumaori hanno la sessa sruura di preferenze: il prodoo considerao migliore è quello con il più alo livello di qualià. Essi differiscono solano per la disponibilià a pagare per la qualià (willingness o pay for qualiy). Se un bene di ala qualià e uno di bassa vengono vendui allo sesso prezzo, ui i consumaori compreranno il primo i prodoi di bassa qualià saranno vendui solo se avranno un prezzo sufficienemene basso. Per le imprese è fondamenale la scela della combinazione qualià/prezzo. Analizziamo due casi:. Impresa monoprodoo. Impresa muliprodoo

17 Differenziazione vericale monoprodoo SCELTA DI PREZZO E QUALITA CASO : L IMPRESA L OFFRE UN UNICO PRODOTTO Ipoesi: ogni consumaore acquisa al massimo un unià del bene. La curva di domanda del monopolisa dipende non solo dalla quanià prodoa Q, ma anche dalla qualià z di ciascuna unià di prodoo: P=P(Q,z) Prezzo P(Q,z) Dao che ogni consumaore compra una sola unià di bene, la più ala disponibilià a pagare, dao il livello di qualià, corrisponde all inercea sull asse dei prezzi (in rosso). Quanià

18 Differenziazione vericale monoprodoo SCELTA DI PREZZO E QUALITA Un aumeno della qualià può causare due diversi sposameni della curva inversa di domanda: a) L aumeno della qualià (da z a z ) compora un rialzo del prezzo a cui viene vendua la quanià Q da P a P La curva scorre lungo l asse dei prezzi b) L aumeno della qualià (da z a z ) compora sia un rialzo del prezzo a cui viene vendua la quanià Q (da P a P ), sia un aumeno della quanià massima disponibile sul mercao La curva scorre lungo l asse delle quanià

19 Differenziazione vericale monoprodoo MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO L impresa monopolisa, che conrolla sia la qualià (z) che la quanià prodoa (Q), per conseguire il massimo profio deve soddisfare due condizioni.. Per un dao livello di qualià: MR(Q i ) = MC(Q i ) MR(Q i ) Ricavi marginali derivani dalla vendia dell ulima unià MC(Q i ) Cosi marginali di produzione dell ulima unià. Per un dao livello di quanià: MR(z) ) = MC(z) MR(z) MC(z) Ricavi marginali derivani dall incremeno della qualià di prodoo Cosi marginali derivani dall incremeno della qualià di prodoo

20 Differenziazione vericale monoprodoo ESEMPIO NUMERICO E daa la seguene curva di domanda: P = z( 50 Q) Ipoizziamo che i cosi di produzione siano nulli. I cosi legai al design dipendono dal livello di qualià, secondo la funzione: Il profio sarà il seguene: π ( Q, z) = P( Q, z) Q F( z) = z(50 Q) Q 5z F ( z) = 5z ) Scela della quanià oima MRQ ( ) = MC( Q) z(50 Q) = 0 Da cui: Q * = 50 / = P * = 5z P z P=00-Q (z=) P=50-Q (z=) Q

21 P * = 5z Differenziazione vericale monoprodoo ESEMPIO NUMERICO Il prezzo che massimizza il profio del monopolisa dipende quindi dal livello di qualià. Incremenando z, egli può aumenare il prezzo di vendia ma deve far frone a maggiori cosi legai alla qualià: vi è un rade-off ra ricavi e cosi. ) Scela del livello oimo di qualià La funzione dei ricavi in condizioni di oimalià è daa da: Derivando oeniamo i ricavi marginali: Applichiamo ora la condizione: * * P Q = 5z*5 = 65z MR( z) = 65 MR( z) = MC( z) 65 = 0z z * = 6, 5

22 Differenziazione vericale muliprodoo IPOTESI E DEFINIZIONI CASO : L IMPRESA L OFFRE PIU PRODOTTI Ipoesi: - Esisono solano ipologie di consumaori, che differiscono per la diversa disponibilià a pagare un dao livello di qualià; - Il monopolisa produce ipi di beni, uno di ala e uno di bassa qualià, che chiameremo bene e bene. p θ z z i i i Il surplus del consumaore i-esimo è dao dall'equazione: i prezzo del prodoo valore che il consumaore i aribuisce alla qualià qualià del prodoo V livello qualiaivo minimo acceao dal consumaore i (al di soo di ale livello il consumaore non acquisa il prodoo) i = θ ( z z ) i i i p i ( i =, )

23 Differenziazione vericale muliprodoo STRATEGIA DEL MONOPOLISTA Ipoesi: - θ >θ e z >z. Ciò significa che il consumaore assegna maggior valore alla qualià rispeo al consumaore (il livello minimo di qualià che egli richiede è più alo); - Il monopolisa sa dell esisenza di gruppi di consumaori, ma non è in grado di discriminarli deve adoare una sraegia che induca i due gruppi a idenificarsi in base alle scele che effeuano. Tale sraegia deve indurre il consumaore ad acquisare un prodoo di ala qualià z, ed il consumaore ad acquisarne uno di bassa qualià z, con prezzi p e p pari alle loro massime disponibilià a pagare, in modo da esrarre uo il surplus. Consideriamo il consumaore : poiché il monopolisa puna a esrarre uo il surplus, avremo V = 0. Dall'equazione precedene ricaviamo il prezzo p fissando il limie inferiore della qualià desideraa pari a z = 0: V = θ z = θ( z z ) p p

24 Differenziazione vericale muliprodoo STRATEGIA DI PRICING Consideriamo ora il consumaore : nulla gli viea di acquisare il prodoo di bassa qualià. Ciò però diminuirebbe la quanià di surplus esraa dal monopolisa nel fissare il prezzo del prodoo high-qualiy, il monopolisa deve soddisfare un incenive compaibiliy consrain (vincolo di compaibilià con gli incenivi): θ ( p z z) p θ( z z) θ( z z) p 0 convenienza ad acquisare il bene rispeo al surplus non negaivo (incenivo ad acquisare) Sosiuendo p θ = z nella prima disequazione di cui sopra, si oiene: p θ ( θ θ z z ) Il prezzo massimo che il monopolisa può fissare per il prodoo è quindi: p = θz θ θ) ( z

25 Differenziazione vericale muliprodoo MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO Vediamo ora come il monopolisa può massimizzare il suo profio. Assumendo che non esisano cosi fissi e che i cosi variabili di produzione siano nulli, il profio del monopolisa è dao dall'equazione: π = N + p N p dove N i è il numero di consumaori di ciascuno dei due ipi di prodoo. Sosiuendo i prezzi massimi dei due beni ricavai precedenemene si oiene: π = N ( + z θz Nθ ( N N) θ) Quali sono i livelli di qualià z e z che consenono al monopolisa di massimizzare il profio? Possiamo osservare come l'equazione sia cosiuia da due ermini: a) Il primo, composo dalla variabile z e dal suo coefficiene b) Il secondo, composo dalla variabile z e dal suo coefficiene N θ N θ ( N + N θ )

26 Differenziazione vericale muliprodoo SCELTA DELLA QUALITA Equazione del profio: π = N ( + z θz Nθ ( N N) θ) z a) : livello qualiaivo del prodoo di ala qualià Più elevao è il livello di qualià z, maggiori sono i profii per il monopolisa. L'impresa dovrebbe quindi fissare z al più elevao livello producibile. z b) : livello qualiaivo del prodoo di bassa qualià Quando il suo coefficiene è posiivo, il profio del monopolisa decresce all'aumenare della variabile qualiaiva z. Viceversa, nel caso in cui il coefficiene è negaivo, il profio aumena all'aumenare di z. Disinguiamo quindi i due casi.

27 Differenziazione vericale muliprodoo QUALITA E PREZZI OTTIMALI CASO : N θ ( θ θ + θ N + N) > 0 N > ( N N) In queso caso la scela di massimizzazione del profio consise nel fissare z al livello più alo possibile: z = z max z dev essere invece fissao ad un livello basso, ma non al più basso possibile. Il consumaore infai non può ricevere surplus negaivo acquisando il bene di ipo : θ( z z) p 0 sosiuendo p : in queso caso il monopolisa sceglierà un livello di z pari a: z Ora è possibile ricavare i prezzi dei due beni che massimizzano il profio. θ z = θ θ ( θ θ) z θ z 0 z θ z θ θ

28 Sosiuendo z nell'equazione p = θ z si oiene il prezzo del bene (bassa qualià): Analogamene, sosiuendo z e z in roviamo il prezzo del bene: - Il consumaore è quindi indoo a pagare il bene ad un prezzo che coincide con la sua massima disponibilià a pagare. - Al consumaore di ipo è invece venduo il bene al più alo prezzo possibile nel rispeo del vincolo di compaibilià con gli incenivi. Profio aggregao del monopolisa: Differenziazione vericale muliprodoo QUALITA E PREZZI OTTIMALI p p p θθ z = θ θ = θz θ θ) ( z = θ ( z ) max z π = N θ( zmax z) + N θθ z θ θ

29 CASO : Differenziazione vericale muliprodoo QUALITA E PREZZI OTTIMALI N ( + θ θ N + N) θ < 0 Nθ < ( N N) Il profio aumena al crescere di z, perciò il monopolisa deve fissare ale valore al più alo possibile. La qualià del bene uguaglia quindi quella del bene, a sua vola uguale al massimo livello qualiaivo producibile dall impresa: z = z = z max L impresa diviene monoprodoo Riscrivendo la condizione del caso in queso modo: si può inuire come all impresa convenga divenare monoprodoo se: - Ci sono pochi consumaori di ipo rispeo al oale < < - Le disponibilià a pagare dei consumaori del ipo e del ipo sono molo vicine N N θ + N θ

30 Differenziazione vericale muliprodoo PRICING NEL CASO MONOPRODOTTO Divenando monoprodoo, il monopolisa ha alernaive: ) Vendere solo ai consumaori di ipo, fissando un prezzo alo Ciò permee di praicare un prezzo pari a Ed oenere il seguene profio: ) Vendere a uo il mercao, fissando un prezzo basso Ciò aumena le vendie, ma richiede che il prezzo sia fissao a Il corrispondene profio è dao da: θ( zmax z) N θ ( z ) max z ( N θ z + N) θ z max Confronando i due profii, deduciamo che per il monopolisa è conveniene vendere a uo il mercao se è soddisfaa la seguene condizione: N θ ( zmax z) < ( N + N) θzmax max

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere

L ipotesi di rendimenti costanti di scala permette di scrivere la (1) in forma intensiva. Ponendo infatti c = 1/L, possiamo scrivere DIPRTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Modello di Solow (1) 1 a. a. 2015-2016 ppuni dalle lezioni. Uso riservao Maurizio Zenezini Consideriamo un economia (chiusa e senza inerveno dello sao) in cui viene prodoo

Dettagli

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES

ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES ESEMPI DI ESERCIZI SU IRPEF ED IRES 1. Irpef 1) Dopo avere definio il conceo di progressivià delle impose, si indichino le modalià per la realizzazione di un sisema di impose progressivo. 2) Il signor

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14

Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Anno Accademico: 2013/14 Universià di isa - olo della Logisica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sisemi Logisici Anno Accademico: 03/4 CORSO DI SISTEMI DI MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Docene: Marino Lupi

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO

SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO SCELTE INTERTEMPORALI E DEBITO PUBBLICO Lo sudio delle poliiche economiche con il modello IS-LM permee di analizzare gli effei di breve periodo delle decisioni di poliica fiscale e monearia del governo.

Dettagli

Lezione n.12. Gerarchia di memoria

Lezione n.12. Gerarchia di memoria Lezione n.2 Gerarchia di memoria Sommario: Conceo di gerarchia Principio di localià Definizione di hi raio e miss raio La gerarchia di memoria Il sisema di memoria è molo criico per le presazioni del calcolaore.

Dettagli

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione;

LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI. la relazione tra i due principali indicatori di malessere economico aggregato: inflazione e disoccupazione; La sinesi neoclassica LA MACROECONOMIA DAGLI ANNI 60 AD OGGI Il dibaio si concenra, fino ad oggi, su una serie di emi di vasa poraa, ra cui: la naura e le cause della crescia economica; le foni dell insabilià

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

USO DELL OSCILLOSCOPIO

USO DELL OSCILLOSCOPIO Con la collaborazione dell alunno Carlo Federico della classe IV sez. A Indirizzo Informaica Sperimenazione ABACUS Dell Isiuo Tecnico Indusriale Saele A. Monaco di Cosenza Anno scolasico 009-010 Prof.

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Pianificazione di traiettorie nello spazio cartesiano

Pianificazione di traiettorie nello spazio cartesiano Corso di Roboica 1 Pianificazione di raieorie nello spazio caresiano Prof. Alessandro De Luca Roboica 1 1 Traieorie nello spazio caresiano le ecniche di pianificazione nello spazio dei giuni si possono

Dettagli

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza

Nome..Cognome. classe 3D 26 Gennaio 2013. Verifica: Parabola e circonferenza Nome..Cognome. classe D Gennaio 0 erifica: Parabola e circonferenza. Dai la definizione di parabola. Considera la parabola di fuoco F(,) e direrice r:, deermina: a) l equazione dell asse b) le coordinae

Dettagli

Osservabilità (1 parte)

Osservabilità (1 parte) eoria dei sisemi - Capiolo 9 sservabilià ( pare) Inroduzione al problema della osservabilià: osservazione e ricosruzione. Sai indisinguibili e sai non osservabili...3 Soospazi di osservabilià e non osservabilià

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

La volatilità delle attività finanziarie

La volatilità delle attività finanziarie 4.30 4.5 4.0 4.5 4.0 4.05 4.00 3.95 3.90 3.85 3.80 3.75 3.70 3.65 3.60 3.55 3.50 3.45 3.40 3.35 3.30 3.5 3.0 3.5 3.0 3.05 3.00.95.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00.95.90.85.80.75.70.65.60.55.50.45.40.35.30.5.0.5.0.05.00

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità

Economia e gestione delle imprese - 07. Sommario. Liquidità e solvibilità Economia e gesione delle imprese - 07 Obieivi: Descrivere i processi operaivi della gesione finanziaria nel coneso aziendale. Analizzare le decisioni di invesimeno. Analizzare le decisioni di finanziameno.

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech

LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO. Sergio Rech LA MODELLAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONVERSIONE DELL ENERGIA NEL MERCATO LIBERO Sergio Rech Diparimeno di Ingegneria Indusriale Universià di Padova Mercai energeici e meodi quaniaivi: un pone ra Universià

Dettagli

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie

Operazioni finanziarie. Operazioni finanziarie Operazioni finanziarie Una operazione finanziaria è uno scambio di flussi finanziari disponibili in isani di empo differeni. Disinguiamo ra: operazioni finanziarie in condizioni di cerezza, quando ui gli

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado Lezione 3 omportamento monopolistico ome dovrebbe fissare il prezzo un monopolista? Fino ad ora abbiamo pensato al monopolio come ad un impresa che deve vendere il suo prodotto allo stesso prezzo per ogni

Dettagli

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica

Esercitazione n 2. Morganti Nicola Matr. 642686. Molla ad elica cicilindrica ar. 64686 olla ad elica cicilindrica Eserciazione n 9 In figura è rappresenao un basameno sospeso anivibrane di una macchina nella quale viene originaa una forza perurbane alernaa sinusoidale di inensià

Dettagli

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III

DI IDROLOGIA TECNICA PARTE III FCOLT DI INGEGNERI Laurea Specialisica in Ingegneria Civile N.O. Giuseppe T. ronica CORSO DI IDROLOGI TECNIC PRTE III Idrologia delle piene Lezione XVII: I meodi indirei per la valuazione delle porae al

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

I confronti alla base della conoscenza

I confronti alla base della conoscenza I confroni alla ase della conoscenza Un dao uaniaivo rae significao dal confrono con alri dai Il confrono è la prima e più immediaa forma di analisi dei dai I confroni Daa una grandezza G, due suoi valori

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI CAPITOLO FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE E APPLICAZIONI Sono le funzioni aveni come dominio e codominio dei sooinsiemi dei numeri reali; esse sono alla base dei modelli maemaici preseni in ogni campo

Dettagli

CAPITOLO 5. La teoria della domanda

CAPITOLO 5. La teoria della domanda CAPITOLO 5 La teoria della domanda 1 La curva prezzo- consumo La curva prezzo- consumo del bene x: congiunge i panieri o.mi in corrispondenza dei diversi livelli di prezzo del bene x (mantenendo costan8

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati

PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati prof. Guida PROBLEMI DI SCELTA IN CONDIZIONI DI CERTEZZA dipendenti da una sola variabile di scelta con effetti immediati sono quei problemi nei quali gli effetti della scelta sono noti e immediati ESERCIZIO

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte

Programmazione della produzione a lungo termine e gestione delle scorte Programmazione della produzione a lungo ermine e gesione delle score Coneso. Il problema della gesione delle score consise nel pianificare e conrollare i processi di approvvigionameno dei magazzini di

Dettagli

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti:

Sviluppare una metodologia di analisi per valutare la convenienza economica di un nuovo investimento, tenendo conto di alcuni fattori rilevanti: Analisi degli Invesimeni Obieivo: Sviluppare una meodologia di analisi per valuare la convenienza economica di un nuovo invesimeno, enendo cono di alcuni faori rilevani: 1. Dimensione emporale. 2. Grado

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico;

funzione: trasformare un segnale ottico in un segnale elettrico; Foorivelaori (a semiconduore) funzione: rasformare un segnale oico in un segnale elerico; ipi: fooconduori; foodiodi (pn, pin, a valanga...) caraerisiche: modo di funzionameno; larghezza di banda; sensibilià;

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. La pubblicità. Creare la conoscenza di un prodotto. Creare l'immagine di marca. Influenzare gli atteggiamenti Obieivi della pubblicià Creare la conoscenza di un prodoo Analisi di Mercao Facolà di Economia francesco mola La pubblicià Creare l'immagine di marca Influenzare gli aeggiameni Rafforzare la fedelà alla

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Trasformazioni di Galileo

Trasformazioni di Galileo Principio di Relaivià Risrea (peciale) e si sceglie un dr rispeo al uale le leggi della fisica sono scrie nella forma più semplice (dr ineriale) allora le sesse leggi valgono in ualunue alro dr in moo

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire

Dettagli

Un po di teoria. cos è un condensatore?

Un po di teoria. cos è un condensatore? Sudio sperimenale del processo di carica e scarica di un condensaore cos è un condensaore? Un po di eoria Un condensaore è un sisema di due conduori affacciai, dei armaure, separai da un isolane. Esso

Dettagli

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management

La vischiosità dei depositi a vista durante la recente crisi finanziaria: implicazioni in una prospettiva di risk management La vischiosià dei deposii a visa durane la recene crisi finanziaria: implicazioni in una prospeiva di risk managemen Igor Gianfrancesco Camillo Gilibero 31/01/1999 31/07/1999 31/01/2000 31/07/2000 31/01/2001

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnica dll delle Costruzioni i I Modulo A/A 2007-0808

Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Tecnica dll delle Costruzioni i I Modulo A/A 2007-0808 LEZIONE N 4 STATO LIITE ULTIO DI TORSIONE Posizione del problema La orsione di ravi in c.a - I sadio: il comporameno elasico la orsione nelle sezioni monoconnesse La orsione nelle sezioni biconnesse La

Dettagli

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor:

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la legge di Taylor: Esercizio D2.1 Torniura cilindrica eserna Un ornio parallelo è arezzao con uensili in carburo e viene uilizzao per la sgrossaura di barre in C40 da Φ 32 a Φ 28. Con un rapporo di velocià corrispondene

Dettagli

TARIFFA A DUE PARTI. Corso di Economia Industriale A.A. 2010/2011

TARIFFA A DUE PARTI. Corso di Economia Industriale A.A. 2010/2011 TARIFFA A DUE PARTI Federica Bergamelli 54489 Claudio Rota 55573 Chiara Selini 55403 Daniele Zanchi 55575 Prof. Gianmaria Martini 1 Agenda Discriminazione di prezzo Discriminazione di primo grado Tariffa

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Capitolo 7: Varietà e qualità del prodotto nel monopolio = 36 2Q 2 Q

Capitolo 7: Varietà e qualità del prodotto nel monopolio = 36 2Q 2 Q Organizzazione indusriale - Lynne Pepall, Daniel J. Richards, George Norman Copyrigh 2009 - The McGraw-Hill Companies srl Capiolo 7: Varieà e qualià del prodoo nel monopolio Esercizio 1 a) Per z = 1, i

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G.

Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Vaso di espansione. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl aso di espansione Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio Pescara www.lf.unich.i Prof. Paolo ZAZZINI Diparimeno INGEO Universià G. D Annunio

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

Regolatori switching

Regolatori switching 2 A4 Regolaori swiching I regolaori di ensione lineari hanno il grave difeo di non consenire il raggiungimeno di valori di efficienza paricolarmene elevai. Infai, in quese archieure gli elemeni di regolazione

Dettagli

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO

273 CAPITOLO 18: PALI DI FONDAZIONE IN CONDIZIONI DI ESERCIZIO 27 nrouzione Per i pali si può fare un iscorso analogo a quello viso per le fonazioni superficiali. Si è viso che nel caso elle fonazioni superficiali l analisi ella eformabilià ella sruura non poeva essere

Dettagli

Mercati di concorrenza perfetta

Mercati di concorrenza perfetta Mercati di concorrenza perfetta Capitolo 14 Significato di concorrenza Un mercato perfettamente concorrenziale ha le seguenti caratteristiche: Alto numero di compratori e venditori. I beni offerti sono

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only.

Edited by Foxit PDF Editor Copyright (c) by Foxit Software Company, 2004 For Evaluation Only. In un mercato del lavoro competitivo esistono due tipi di lavoratori, quelli con alta produttività L A, che producono per 30 $ l'ora, e quelli con bassa produttività, L B, che producono per 5 $ l'ora.

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà Macroeconomia neoclassica 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Disponiamo ora di ui gli elemeni necessari a rappresenare il modello compleo e l equilibrio. I dai del modello sono: 1. numero degli

Dettagli

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ITI GALILEO FERRARIS S. GIOVANNI LA PUNTA APPUNTI DI TELECOMUNICAZIONI PER IL 5 ANNO IND. ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Prof. Ing. R. M. Poro A cura della TELECOMUNICAZIONI Con il ermine elecomunicazioni

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli

IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI IDROSANITARI Vasi d espansione e accumuli FOCUS TECNICO IL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMIANTI IDROSANITARI asi d espansione e accumuli RODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA Due sono i sisemi normalmene uilizzai per produrre acqua calda saniaria: quello

Dettagli

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1

A. Quantità edificatorie e densità territoriale...1 Cara di Urbanisica I Pro.ssa Arch. Fabiola Fraini Cara di Urbanisica I --- a.a. 2003/2004 PROGETTO PER UN AMBITO URBANO NEL QUARTIERE DI CENTOCELLE Laboraorio progeuale annuale INDICAZIONI RIGUARDO LE

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Campo rotante. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a.

MACCHINE ELETTRICHE. Campo rotante. Stefano Pastore. Dipartimento di Ingegneria e Architettura Corso di Elettrotecnica (IN 043) a.a. MACCINE ELETTRICE Campo roane Sefano Pasore Diparimeno di Ingegneria e Archieura Corso di Eleroecnica (IN 043) a.a. 01-13 Inroduzione campo magneico con inensià ane che ruoa aorno ad un asse con velocià

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SIMULAZIONE DELLA II PROVA A.S. 014-15 Indirizzo: SCIENTIFICO Tema di: MATEMATICA 1 Nome del candidao Classe Il candidao risolva uno dei due problemi; il problema da

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli