Newsletter IMPLEMENTING EMPLOYMENT SERVICE. IES aumenterà l efficienza!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter IMPLEMENTING EMPLOYMENT SERVICE. IES aumenterà l efficienza!"

Transcript

1 IMPLEMENTING EMPLOYMENT SERVICE Newsletter IES aumenterà l efficienza! IMPLEMENTING EMPLOYMENT SERVICE IES faciliterà l accesso dei disoccupati e dei soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro! IES creerà maggiore consapevolezza riguardo ai servizi per l occupazione in Europa! IES ridurrà il divario tra i servizi per l occupazione dei diversi Paesi europei! IES condurrà alla sinergia!

2 PAGINA 2 Editoriale Gentili lettori, la prima newsletter del Progetto IES, Implementing Employment Service, vuole essere una presentazione ufficiale del Progetto stesso e si propone di attirare la vostra attenzione sul nostro principale obiettivo: favorire lo scambio di buone pratiche nell ambito dei servizi per l impiego. Dal momento che ci proponiamo di raggiungere il maggior numero possibile di lettori, ogni edizione della newsletter, oltre che essere pubblicata nel nostro sito internet, sarà inviata periodicamente via a coloro che, in virtù del loro ruolo istituzionale, sono potenzialmente interessati alle attività e ai risultati del nostro Progetto. Luca Spissu Riteniamo infatti, data la rilevanza dell argomento trattato, che un ampia diffusione delle informazioni possa aiutare gli operatori del sistema dei servizi pubblici per l impiego ad acquisire maggiore familiarità con nuove idee, procedure e metodologie che potrebbero rappresentare utili strumenti per affrontare meglio il più grande problema a livello comunitario: il crescente tasso di disoccupazione. In questa newsletter troverete informazioni dettagliate in merito a ciò che abbiamo previsto di fare in termini di attività e di risultati. Inoltre, potrete acquisire informazioni sui risultati preliminari raggiunti dopo quasi un anno di lavoro. In questo numero >>> 1. Il Progetto IES 2. Il partenariato di IES 3. Le analisi di IES 4. Le visite di studio IES 5. Gli eventi di IES Tre gli argomenti trattati: l idea fondamentale ed il processo attraverso il quale la proposta progettuale è stata concepita; le attività di comunicazione e diffusione dei risultati, coordinate dalla Fondazione Regionale del Lavoro di Podravje (Slovenia); i primi risultati conseguiti nell ambito dell attività fondamentale del Progetto, ovvero la componente dedicata allo scambio di esperienze, coordinata dal partner tecnico, l Università FH Joanneum. Come manager di progetto, nonché co-autore dello stesso, e rappresentante dell Agenzia regionale per il lavoro della Regione Autonoma della Sardegna, soggetto capofila del Progetto, mi occuperò del primo punto, cogliendo l occasione per rivelarvi alcuni segreti che hanno condotto alla selezione del nostro progetto. Meritano di essere citati alcuni elementi di particolare rilevanza: la qualità dell idea progettuale e le attività realizzate dal partenariato; il ruolo preciso attribuito a ciascun partner e l ampia copertura territoriale a livello comunitario assicurata dal Progetto; la tipologia di attività che abbiamo previsto di realizzare nel corso dei tre anni. Partenariato IES, Riproduzione consentita, deve essere indicata la fonte acknowledged. Capo redattore: Sonja Gavez Redattore tecnico: Vasja Bajde Grafico: Gorazd Gregoriè, Gazela, d.o.o. Buona lettura, Luca Spissu, Project Manager Agenzia regionale per il lavoro della Regione Autonoma della Sardegna

3 PAGINA 3 Il Progetto IES Il Progetto IES conduce alla sinergia! di Luca Spissu, Agenzia regionale per il lavoro della Regione Autonoma della Sardegna (Italia) Il partenariato coinvolge 10 partner di 6 differenti paesi dell Unione Europea: 3 dall Italia, 2 dalla Spagna, 2 dalla Romania, 1 da Austria, Germania e Slovenia. Nel gennaio 2008 il Progetto IES è stato presentato al Segretariato Tecnico Congiunto del Programma INTERREG IVC insieme a più di 400 candidature. Per vincere una tale competizione, era necessario produrre un documento di valore. E così abbiamo fatto. La valutazione di qualità ha premiato in modo particolare l Agenzia Regionale per il Lavoro e l intero partenariato: infatti, il Segretariato ha raccomandato l approvazione del Progetto come quarta migliore proposta progettuale presentata nel primo bando. Tra i suoi punti di forza, il ruolo rilevante e l enfasi attribuita al funzionamento del sistema dei servizi pubblici per l impiego, quale elemento chiave per combattere la disoccupazione, ed il fatto che la proposta progettuale rappresenta il risultato di un profondo coinvolgimento di tutti i partner durante la sua elaborazione. Tutti hanno preso parte all elaborazione del Progetto sin dalle prime fasi, facendo proposte concrete sul ruolo nell ambito del progetto, descrivendo i rispettivi sistemi territoriali e condividendo con il capofila l arduo compito da raggiungere. Nella valutazione di qualità il nostro piano di attività è stato definito piuttosto ambizioso. Gli elementi chiave che meritano di essere citati sono: il costante coinvolgimento degli amministratori locali e degli stakeholders per assicurare l effettivo trasferimento delle esperienze identificate, l articolato programma di scambio di personale e l elevato numero di attività di comunicazione. La scelta dei partner è stata fatta prendendo in considerazione i differenti livelli di sviluppo che ogni Paese mostra nell ambito della tematica del Progetto: Romania e Slovenia come rappresentanti dei Paesi che sono entrati di recente nell Unione Europea; Germania e Austria per il ruolo guida che hanno in Europa nelle predette tematiche; la Spagna per le efficaci politiche realizzate nel corso dell ultimo decennio. Data la necessità di condividere le responsabilità operative del Progetto nell ambito del partenariato e le specificità che alcune attività richiedono, i partner sono stati inoltre scelti in base alla loro capacità di realizzare le attività di comunicazione e all esperienza nel coordinare analisi relative ai sistemi di servizio per l impiego nei 6 Paesi comunitari coinvolti. Per quanto riguarda le attività di comunicazione e diffusione, era necessario avere un organizzazione snella e competente sulle principali tematiche del Progetto. Per tale motivo la nostra ricerca si è indirizzata verso un ente pubblico assimilato, possibilmente un agenzia di sviluppo che si occupasse di tematiche dell impiego. Tutti questi requisiti sono soddisfatti dal nostro partner sloveno, la Fondazione Regionale del Lavoro di Podravje. I criteri e gli elementi presi in considerazione per la scelta del partner tecnico, l Università FH Joanneum, hanno coinciso con il bisogno di assicurare un forte ruolo guida durante la realizzazione della prima attività di Progetto: l elaborazione di una complessa analisi contenente la lista delle pratiche e delle esperienze nel campo dei servizi per l impiego in Europa.

4 PAGINA 4 Il Progetto IES Il Progetto IES per migliorare l efficacia delle politiche per l occupazione di Sonja Gavez, Fondazione regionale del lavoro di Podravje (Slovenia) Cagliari, Italia Il progetto IES (Implementing Employment Service) ha avuto inizio nel novembre 2008 e proseguirà fino ad ottobre Il budget, pari a ,07 euro, è cofinanziato dal FESR nell ambito del Programma INTERREG IVC, lo strumento dell Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea che, nel periodo di programmazione , promuove attività e progetti di cooperazione interregionale. In accordo con l obiettivo generale del Programma, il progetto è stato ideato per migliorare l efficacia delle politiche regionali per l occupazione (Priorità tematica Innovazione ed economia della conoscenza ) da realizzare attraverso lo scambio e il trasferimento di esperienze, conoscenze e buone pratiche tra 10 regioni europee e sei Paesi partner. Secondo la definizione della Commissione Europea, il Sistema dei Servizi per l Impiego (SSI), composto da diversi soggetti, rappresenta un elemento chiave per contrastare la disoccupazione e per favorire l accesso di chi cerca lavoro nel mercato locale, nazionale ed europeo. Questo è il punto di partenza del progetto che è orientato verso la sfida delle politiche attive del mercato del lavoro e tenta di sviluppare nuove soluzioni per il loro miglioramento. Murcia, Spagna Nel contesto generale dei servizi istituzionali che il servizio pubblico per l impiego solitamente offre, il progetto IES affronta cinque diverse tematiche: (1) governance; (2) orientamento; (3) incrocio domanda-offerta di lavoro e inserimento lavorativo; (4) partecipazione dei soggetti svantaggiati al mercato del lavoro; (5) promozione dell occupabilità individuale. Lo scambio di esperienze avverrà in modo da valorizzare il ruolo e le diverse competenze di ogni partner. Questo permetterà al partenariato (composto da soggetti provenienti dall Italia, Spagna, Romania, Slovenia, Germania e Austria) di disporre di informazioni e validi risultati che contribuiranno alla creazione di un sistema dei servizi per l impiego più efficiente e in grado di offrire servizi più efficaci all utenza locale. Bucharest, Romania

5 PAGINA 5 Il Progetto IES Nuremburg, Germania I gruppi target del progetto IES sono gli attori locali, i decisori politici, i soggetti del sistema dei servizi per l impiego, i disoccupati, i soggetti svantaggiati e le imprese. I primi saranno coinvolti attivamente nelle attività progettuali. In particolare le tavole rotonde e seminari tematici costituiranno l occasione per trasferire i risultati del progetto e raccomandare agli stessi possibili soluzioni da adottare per migliorare l efficacia delle politiche e il funzionamento dei servizi per l impiego erogati alla collettività. Disoccupati, soggetti svantaggiati (ultraquarantenni, disoccupati di lunga durata, giovani in cerca di prima occupazione, ecc.) e imprese beneficeranno di un migliore sistema dei servizi per l impiego che assicurerà una efficiente attività di gestione e di orientamento, un efficace incontro domanda-offerta di lavoro con conseguente inserimento lavorativo, una maggiore partecipazione al mercato del lavoro da parte dei soggetti svantaggiati e una incrementata competitività dell individuo e dell impresa nel mercato del lavoro. Ulteriori informazioni sono disponibili su: www. ies-employment.eu Graz, Austria Maribor, Slovenia

6 PAGINA 6 Il partenariato di IES Il partenariato di IES Il partenariato del progetto IES è composto da 10 partner provenienti da 6 Paesi Europei (Austria, Germania, Italia, Spagna, Romania e Slovenia). Il partenariato è guidato dall Agenzia regionale per il lavoro della Regione Autonoma della Sardegna che svolge il ruolo di capofila. La composizione del partenariato riflette la necessità di coinvolgere Paesi e territori che si trovano in diversi stadi di sviluppo, le cui diverse caratteristiche vengono viste come un opportunità per supportare e alimentare un processo di crescita comune. Luca Spissu L Agenzia regionale per il lavoro è l organismo tecnico della Regione Autonoma della Sardegna a cui è affidato il compito di fornire assistenza tecnica e di monitorare le politiche del lavoro a supporto delle funzioni della Regione e delle province, collaborando al raggiungimento dell integrazione tra i servizi per il lavoro e le politiche attive del lavoro. Inoltre, cura la gestione delle informazioni e delle banche dati dei servizi per il lavoro; cura il monitoraggio sulla mobilità interprovinciale, interregionale, nazionale e comunitaria; svolge funzioni di osservatorio regionale nel mercato del lavoro, attraverso attività di rilevazione statistica, documentazione, ricerca e studio in materia di lavoro. Bernadette Frech L Università FH JOANNEUM, Austria, è una delle principali Università di Scienze Applicate del Paese. E costantemente collegata ad Università ed Enti partner in tutto il mondo, e, in collaborazione con loro, sostiene programmi di scambi internazionali e di ricerche nell interesse degli studenti, dei lettori e dell intera comunità. FH Joanneum è un partner accreditato nel campo della formazione, della ricerca e dello sviluppo. Heino Beer Agenzia Federale per il Lavoro, Germania La Direzione regionale della Baviera dipende direttamente dall Agenzia Pubblica Federale per il lavoro. La sede principale è a Norimberga ed è responsabile del Sistema dei Servizi per l Impiego della Baviera. Può contare su impiegati, 27 Agenzie per il lavoro, 75 uffici decentrati e 89 Organizzazioni per il sostegno dei soggetti disoccupati. Consuelo Garcia Sanchez La Fondazione Università Impresa della Regione Murcia, Spagna, ha come priorità principale la realizzazione di attività di formazione postlaurea e di trasferimento di conoscenze nel campo delle ricerche e dello sviluppo tecnologico per facilitare l inserimento professionale dei laureati e sostenere la comunità universitaria. Opera nelle seguenti aree: Gestione di imprese e Business School; Ricerca e Innovazione; Servizi per l Impiego e servizi inerenti la creazione d impresa e la ricerca di partners. Maite Rodriguez Sañudo Il Servizio per l Impiego della Regione La Rioja, Spagna, è un ente autonomo con personalità giuridica del Ministero per l Innovazione, Industria e Occupazione. E lo strumento che ha il compito di realizzare, in collaborazione con altre istituzioni, le politiche per l occupazione e la formazione nella Regione Autonoma de La Rioja a beneficio dei disoccupati, che possono ottenere un lavoro dignitoso e appropriato, e dei datori di lavoro che possono assumere lavoratori con la formazione e l esperienza richiesta.

7 PAGINA 7 Il partenariato di IES Il partenariato di IES Annalisa Iacuzzi + 39 (0) La Provincia di Oristano è l autorità intermedia tra il Comune e la Regione che ha il compito di coordinare e svolgere attività di grande interesse a livello provinciale nel campo dell industria, del commercio, degli affari sociali, della cultura e dello sport. Esercita specifiche funzioni in materia di lavoro, formazione professionale e politiche sociali. Mettendo in atto la riforma dei servizi pubblici per l impiego, i Centri Servizi per il lavoro della Provincia di Oristano svolgono un ruolo guida nel mercato del lavoro locale. Angelamaria Deidda + 39 (0) La Provincia di Sassari è un autorità pubblica a livello locale. E organizzata in settori afferenti a diverse aree (Risorse umane, Ambiente e Agricoltura, Commercio, Turismo, Sport e Cultura, Educazione Pubblica e Formazione, Politiche per il lavoro, etc.). La Provincia, in qualità di autorità sub-regionale, riveste un ruolo rilevante nell ambito delle politiche del lavoro locale e della formazione professionale. Gestisce, inoltre, lo sportello EURES e diversi progetti a finanziamento comunitario. Stefan Pascu Phone: L Agenzia per l Occupazione della Contea di ARAD, Romania, è un ente pubblico di rilevanza nazionale con personalità giuridica, subordinato all Agenzia Nazionale per l occupazione, che svolge attività di sostegno all occupazione e di assistenza sociale. Per il raggiungimento dei propri obiettivi, l Agenzia organizza, finanzia e gestisce servizi di orientamento, formazione professionale, incontro domanda-offerta di lavoro e inserimento lavorativo per i disoccupati. George Oancea Il Consiglio della Contea di Ilfov, Romania, è un Autorità Pubblica Locale che coordina le attività per lo sviluppo regionale: delibera in materia di istituzione, riorganizzazione e funzionamento di enti, servizi pubblici e imprese commerciali nell interesse della contea; adotta strategie e programmi per lo sviluppo socio economico della contea e ne segue la realizzazione. Aderisce al Consorzio Regionale che elabora il Piano Regionale per l Educazione. Costruisce partenariati con autorità locali e regionali europee per la realizzazione di progetti a finanziamento comunitario. Dušanka Lužar Šajt La Fondazione regionale del lavoro di Podravje, Slovenia, realizza attività nell ambito delle politiche attive per il lavoro. E uno degli attori chiave della regione che mira a sostenere l aumento delle possibilità occupazionali dei disoccupati e il loro inserimento nel mondo del lavoro. Ricorre a finanziamenti locali, nazionali, privati e comunitari per contrastare la disoccupazione, preservare i posti di lavoro e creare nuove opportunità lavorative nella Regione di Podravje.

8 PAGINA 8 Le analisi di IES Alla ricerca del miglior modello per l impiego in Europa Il progetto IES Implementing Employment Service definisce punti di forza e di debolezza del mercato regionale del lavoro. di Bernadette Frech; Thomas Schmalzer; Rene Wenzel FH JOANNEUM, Università di Scienze Applicate, Dipartimento di Amministrazione Internazionale (Austria) Il Progetto affronta le attuali sfide delle politiche del mercato del lavoro attraverso un nuovo approccio finalizzato allo scambio di buone pratiche adottate nell ambito dei servizi per l impiego. Per la definizione delle pratiche oggetto di trasferimento e quale strumento utile alla scelta dei territori in cui trasferirle, il Dipartimento di Amministrazione Internazionale dell Università FH Joanneum di Graz, ha proposto un analisi di benchmarking articolata su due livelli: macro e micro. Lo scopo del macro-benchmarking è stato quello di fornire un analisi comparativa di 7 regioni NUTS2 e 1 regione NUTS 1, ossia, dei territori coinvolti nel progetto IES. L analisi è stata condotta a livello macroeconomico ed è focalizzata sulle aree tematiche del mercato regionale del lavoro. L analisi è stata realizzata attraverso la raccolta di informazioni relative a cinque campi tematici (governance; orientamento; incrocio domanda-offerta di lavoro e inserimento lavorativo;) partecipazione dei soggetti svantaggiati al mercato del lavoro; promozione dell occupabilità individuale) e strutturati attorno a specifici indicatori per rendere comparabili i dati quantitativi raccolti. Infine, l analisi di multi varianza ha consentito, quale risultato direttamente fruibile dal partenariato, l elaborazione di una griglia di raccomandazioni per guidare i partner nella scelta delle pratiche da trasferire. In tal modo, l analisi ha evidenziato le aree di buona gestione e le aree che invece necessitano di maggiore attenzione. Graz, Austria Nell ambito dell analisi micro, sono state raccolte 47 buone pratiche che sono state classificate in 10 differenti tipologie: 1) iniziative formative, 2) creazione di database, 3) promozione di reti/partenariati, 4) programmi educativi, 5) fiere/eventi dedicati, 6) progetti specifici per l impiego, 7) attività di tutoraggio insegnamento/affiancamento, 8) concessione di contributi, 9) organizzazione/struttura/gestione, e 10) attività di comunicazione e marketing. In una prima fase, è stata condotta un analisi generale delle buone pratiche nell ambito della stessa area tematica, in modo da fornire una descrizione di tipo generale. Nella seconda fase, le buone pratiche sono state analizzate e confrontate nell ambito delle 10 tipologie sulla base di indicatori specifici. La combinazione dei risultati dell analisi di micro e macro benchmarking è stata la predisposizione, per ciascun partner, di una lista di raccomandazioni finalizzate a supportare la scelta delle misure oggetto di trasferimento. I risultati mostrano che le regioni affrontano le sfide e problematiche in relazione alla propria dotazione di risorse materiali e immateriali. Ovviamente regioni diverse affrontano problematiche differenti, ma le regioni possono apprendere le une dalle altre. Questa analisi getta le basi affinché gli attori delle politiche regionali ed i partner di progetto possano comparare le regioni e definire gli ambiti delle buone pratiche, in modo da effettuare ulteriori valutazioni a livello microeconomico.

9 PAGINA 9 Le visite di studio di IES I partner realizzano le visite di studio Consuelo García, Mar Moreno e Carlos Belmonte Fondazione Università Impresa della Regione Murcia (Spagna) Al termine della fase dedicata all analisi delle esperienze e alla comparazione delle pratiche, inizia quella denominata Visite di studio. Ciascun partner, dopo aver scelto le esperienze che intende trasferire nel proprio territorio ha la possibilità di pianificare, quale momento di approfondimento e di studio in loco, il soggiorno dei propri funzionari presso le organizzazioni dove le buone pratiche prescelte sono state realizzate Murcia, Spagna Nell ambito del Progetto, le visite di studio saranno orientate ad analizzare, migliorare e testare la trasferibilità delle esperienze, previamente selezionate, attraverso le seguenti metodologie: analisi della situazione dei partner, misura del divario (gap) di ciascun partner dalle esperienze, analisi delle fasi da compiere per trasferire le esperienze nel sistema amministrativo dei partner. Ogni partner è chiamato a definire una dettagliata agenda contenente la lista delle attività che saranno realizzate dal proprio staff nel corso della visita coinvolgendo tutti gli attori che, a vario titolo, hanno preso parte alla definizione e gestione della buona pratica oggetto dell approfondimento. Il prodotto finale della fase sarà la quantificazione, per ciascuna esperienza, del divario esistente inteso come l insieme di iniziative da adottare per colmare la distanza dalla migliore pratica.

10 PAGINA 10 Le visite di studio di IES La metodologia delle visite di studio si sviluppa in tre fasi: 1. Prima di partire L obiettivo di questa fase è la preparazione della visita di studio per il raggiungimento della massima efficacia durante la successiva fase di realizzazione. A tale proposito, è necessario che si instauri una stretta collaborazione tra il partner ospitante e quello in visita. Durante questa fase, saranno predisposti tutti gli atti necessari per la successiva visita di studio, verrà elaborato il programma delle visite e verranno presi i primi contatti con gli attori portatori di interesse che si vogliono coinvolgere nel progetto. 2. Durante la visita di studio L obiettivo generale di questa fase è di dare la possibilità ai partner di analizzare la buona pratica scelta, di verificarne la fattibilità di trasferimento nel proprio sistema dei servizi per l impiego e di accertare cosa sia necessario per mettere in pratica questa esperienza. 3. Dopo la visita di studio Al termine della visita di studio, ciascun partner dovrà elaborare un rapporto che evidenzi le differenze tra il caso di studio osservato e quanto realizzato nella struttura di appartenenza. A seguito della conclusione dei singoli rapporti sulle varie visite di studio, FUERM elaborerà un rapporto finale contenente le 5 gap analysis, una per ciascuna delle aree tematiche individuate dal progetto IES. Quest ultimo rapporto conterrà le metodologie e gli strumenti per favorire, in una fase successiva, il trasferimento delle esperienze studiate.

11 PAGINA 11 Gli eventi di IES Conferenza di lancio 3 Marzo 2009, Cagliari di Gabriella Fenu, Agenzia regionale per il lavoro della Regione Autonoma della Sardegna Cagliari, Italia Il Progetto IES è iniziato ufficialmente il 3 marzo 2009 con la Conferenza di lancio che si è svolta presso il T Hotel di Cagliari. L intero partenariato ha partecipato attivamente presentando alcune esperienze innovative realizzate nei diversi Paesi europei nell ambito dei servizi per l impiego. La Conferenza di lancio ha rappresentato l opportunità di presentare il progetto al pubblico, alla stampa e a tutti i soggetti interessati. La Conferenza ha riscosso molto interesse e ha visto la partecipazione di oltre un centinaio di persone. Dopo i saluti iniziali dei rappresentanti istituzionali, Luca Spissu, capo progetto e rappresentante del soggetto promotore, ha illustrato il progetto, gli obiettivi, le attività e i risultati attesi. L ISFOL (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori) di Roma e la Fondazione Giacomo Brodolini hanno presentato una panoramica sui servizi per l impiego illustrando i risultati e le sfide della riforma. In concomitanza con la Conferenza di lancio, è stata organizzata una Conferenza Stampa durante la quale è stato distribuito materiale informativo relativo al Programma Interreg IVC, al Progetto IES e al Partenariato. La notizia dell evento è stata riportata da vari giornali e televisioni regionali. Seminario tecnico 9 Settembre 2009, Maribor, Slovenia di Sonja Gavez, Fondazione regionale del lavoro di Podravje (Slovenia) Maribor, Slovenia Il Seminario Tecnico organizzato dal Regional Labour Foundation Podravje, è stata l occasione per la presentazione del rapporto di macro e micro benchmarking da parte dell Università FH Joanneum, il partner responsabile della componente 3 e della sessione WP3. Successivamente, il partner responsabile della sessione WP2, la Fondazione Università Impresa della Regione Murcia, ha provveduto a presentare un introduzione alla metodologia delle visite di studio. Il partenariato IES ha discusso i risultati dell analisi di benchmarking e ha dato una valutazione alle 47 buone pratiche inerenti le 5 aree tematiche: (1) Governance; (2) Orientamento; (3) Incontro domandaofferta di lavoro e inserimento lavorativo; (4) Partecipazione dei soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro, (5) Promozione della occupabilità individuale. Inoltre, i partners hanno potuto individuare i criteri per la selezione delle Buone Pratiche maggiormente idonee ad essere trasferite nei Paesi partner. Il seminario tecnico ha anche permesso di elaborare una bozza del programma delle visite di studio presso i partners ospitanti. Le visite di studio saranno mirate a verificare la trasferibilità delle esperienze individuate, analizzando il Sistema pubblico per l Impiego e l ambito nel quale opera il partner. Le visite di studio saranno seguite dallo scambio di staff e dal trasferimento della Buona Pratica.

12 Messaggi chiave del progetto IES IES aumenterà l efficienza! l Sistemi dei Servizi per il lavoro nei Paesi partner risulteranno migliorati. Le competenze del personale verranno migliorate e saranno offerti servizi più efficienti ai disoccupati e alle imprese grazie al partenariato IES, allo scambio di esperienze e al trasferimento di buone pratiche e capacity building. IES faciliterà l accesso dei disoccupati e dei soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro! Il progetto IES contribuirà a facilitare l accesso nel mercato del lavoro alle persone che cercano lavoro a livello locale, nazionale ed europeo. Gli strumenti occupazionali verranno migliorati e le strategie per l occupazione, locali e regionali, saranno mirate a creare nuova occupazione e maggiori possibilità occupazionali per i soggetti svantaggiati e per tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro. IES creerà maggiore consapevolezza riguardo ai servizi per l occupazione in Europa! La consapevolezza riguardo ai Servizi per l occupazione, in Europa, risulterà incrementata. La disseminazione dei risultati del progetto IES attraverso numerosi eventi e il coinvolgimento attivo degli attori chiave in workshop, seminari e conferenze, contribuiranno ad indirizzare le raccomandazioni, tese al miglioramento del SSI, verso le politiche per il lavoro a livello locale e regionale. IES ridurrà il divario tra i servizi per l occupazione dei diversi Paesi europei! Mettendo assieme diversi Paesi con esperienze diverse, IES aiuterà a risolvere i problemi dei Paesi nel comprendere le strutture Europee basate sui sistemi nazionali. Attraverso questo tipo di scambio di esperienze, i partner interagiscono fra loro al fine di migliorare le loro competenze e ridurre il divario rispetto agli altri partner. IES condurrà alla sinergia! Il progetto IES assicurerà il trasferimento di buone pratiche dai partner del progetto ad istituzioni simili nei Paesi partner. Attraverso l organizzazione di diverse manifestazioni, ogni partner potrà condividere l esperienza maturata durante il ciclo di vita del progetto e conseguentemente rendere i risultati del progetto sostenibili. Il partenariato IES è il solo responsabile del contenuto della presente pubblicazione che non rappresenta necessariamente l opinione della Commissione Europea. La Commissione non è responsabile dell uso che può essere fatto delle informazioni qui contenute.

Interreg MED 2014-2020

Interreg MED 2014-2020 Interreg MED 2014-2020 http://interreg-med.eu/en/first-call-for-project-proposals/ Lo scorso 23 giugno a Marsiglia si è aperto ufficialmente il programma di cooperazione transnazionale Interreg MED. Queste

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2003-2016 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Roma 30 novembre 2015. Giorgio Trentin Sezione Agroambiente, Settore Ricerca Innovazione e Diversificazione agricola Regione del Veneto

Roma 30 novembre 2015. Giorgio Trentin Sezione Agroambiente, Settore Ricerca Innovazione e Diversificazione agricola Regione del Veneto Tavola rotonda EIP AGRI Il Partenariato Europeo dell Innovazione: Agricoltura sostenibile e produttività L esperienza delle Regioni italiane nei network tematici e nei gruppi operativi Roma 30 novembre

Dettagli

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale*

EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* EaSI: il programma dell Unione europea per l occupazione e l innovazione sociale* Il programma Occupazione e innovazione sociale (EaSI- Employment and Social Innovation) è il nuovo strumento finanziario

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI Direzione Generale Servizio Affari Internazionali Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale LINEE GUIDA PER

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*.

GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. GARANZIA PER I GIOVANI: LE RISPOSTE DELL UNIONE E DELL ITALIA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE*. (*Il presente articolo è frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non impegna in alcun modo l Amministrazione

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Sistema di valutazione dei risultati e delle prestazioni del personale. Dirigente. Piano di lavoro anno 2005

Sistema di valutazione dei risultati e delle prestazioni del personale. Dirigente. Piano di lavoro anno 2005 Sistema di valutazione dei risultati e delle prestazioni del personale dirigente Piano di lavoro anno 2005 Titolare: Francesco Meloni Ruolo: Dirigente Unità Organizzativa di afferenza: Direzione per le

Dettagli

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015)

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015) POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 Luglio 2015) 2 Informativa sull attuazione del Piano di Comunicazione (Punto

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013

Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 1 Garanzia Giovani La proposta del Ministero del Lavoro Roma, Struttura di Missione Lunedì 30 Settembre 2013 2 Il percorso seguito 30 luglio 2013, insediamento della Struttura di Missione e presentazione

Dettagli

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative

Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Comenius Regio perché? Le opportunità di un partenariato europeo legato al territorio per il miglioramento delle politiche educative Elena Bettini Seminario di informazione sulla gestione dei partenariati

Dettagli

ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978. Newsletter nr.1

ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978. Newsletter nr.1 ACCEDERE ALLA FORMAZIONE PER LO SVILUPPO POSDRU/128/5.1/G/134978 Newsletter nr.1 Indice: Formazione professionale forma di riduzione della disoccupazione Progetto Accedere alla formazione per lo sviluppo

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Perché queste linee guida I progetti di ricerca scientifica creano valore ed hanno un forte impatto sull economia, ma spesso trovano grosse

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo Regione Piemonte, Settore Programmazione Macroeconomica Biella, 28 gennaio

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale;

c) sviluppare un approccio metodologico avanzato che includa sia una dimensione locale sia una transnazionale; Titolo del progetto Localizzazione dell intervento Programma INTourAct Area SEE South East Europe Asse I Cooperazione economica, sociale e istituzionale Misura Sviluppo delle sinergie transazionali per

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

FORMULARIO DI CANDIDATURA

FORMULARIO DI CANDIDATURA AVVISO PUBBLICO A PRESENTARE PROPOSTE NEL SETTORE DELLE POLITICHE GIOVANILI Azione ProvincEgiovani Anno 2013 FORMULARIO DI CANDIDATURA Parte I Identificazione della proposta Parte II.a Informazioni sul

Dettagli

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale

INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale INTERREG IVC Programma della Direzione Generale Politica regionale Area tematica Politica regionale Obiettivi Il programma rientra nell'obiettivo Cooperazione territoriale dei Fondi Strutturali 2007-2013

Dettagli

Le tipologie di finanziamento comunitario

Le tipologie di finanziamento comunitario Le tipologie di finanziamento comunitario Breve introduzione I Programmi Comunitari sono stati creati con l'obiettivo di coinvolgere, attraverso finanziamenti a fondo perduto, il settore pubblico e quello

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

(22,3 mld) (15,5 mld) (27 mld)

(22,3 mld) (15,5 mld) (27 mld) 4 dicembre 2014 (22,3 mld) (15,5 mld) (27 mld) Scienza d eccellen za Leadership industriale Mantenere la ricerca europea ai massimi livelli mondiali Rafforzare la cooperazione internazionale nella ricerca

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

Newsletter Febbraio 2016

Newsletter Febbraio 2016 Newsletter Febbraio 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? 4a TAP Partner Meeting Indice Motivazioni per il curriculum di formazione per persone a rischio di povertà ed esclusione sociale

Dettagli

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro

Rete per il Lavoro. Piano esecutivo. Modello Sperimentale di Collaborazione Pubblico-Privato per la Gestione delle Politiche del Lavoro Convenzione Italia Lavoro S.p.A. Agenzia per l Inclusione Sociale per la sperimentazione di modelli di collaborazione pubblico-privato nelle politiche attive del lavoro e la costituzione della Rete Locale

Dettagli

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione.

Apprendimento Permanente, Leonardo da Vinci Trasferimento dell Innovazione. PROMETEUS NEWSLETTER 2 PROMETEUS PROmoting obility Expertise of Teachers of EU Students Gentile lettore, Benvenuto al secondo numero della newsletter di PROMETEUS, PROmoting Mobility Expertise of Teachers

Dettagli

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO

QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO QUALITA E PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO Marco Malagoli, Chiara Capelli AICQ Comitato Ambiente ABSTRACT Nel presente lavoro viene esaminato il collegamento logico tra qualità e sviluppo sostenibile, in

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Progetto Il Miglioramento delle Performance per la Giustizia MPG PON Governance e Azioni di Sistema - 2007/2013 Ob. 1 Asse E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Riferimenti normativi. Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013. Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. GARANZIA GIOVANI Riferimenti normativi Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 Decreto legge n. 76/2013 legge n. 99/2013 Deliberazione Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n.

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione.

Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE. Azione di sistema numero 2. Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione. Polo formativo per l IFTS Economia del Mare FORMARE Azione di sistema numero 2 Piano di promozione comunicazione e sensibilizzazione dell utenza 1 INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi comunicativi...4 3.

Dettagli

PAF - Piano Attività Formati

PAF - Piano Attività Formati Progetto Porti - Ports et identitè PAF - Piano Attività Formative Rafforzamento competenze attori aree portuali Bozza di lavoro 21 Novembre 2013 A cura di Frantziscu Sanna Progetto Porti - Ports et identitè

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

Internazionalizzare l impresa

Internazionalizzare l impresa Internazionalizzare l impresa Identificazione e analisi di comparazione Paese/area/location Questa è la prima risorsa necessaria a strutturare un valido studio di fattibilità sulla localizzazione prescelta

Dettagli

Date (da a) Da settembre 2010 Nome e indirizzo del Provincia di Monza - Settore Formazione Professionale e Lavoro datore di lavoro

Date (da a) Da settembre 2010 Nome e indirizzo del Provincia di Monza - Settore Formazione Professionale e Lavoro datore di lavoro L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lanzi Paolo Indirizzo Via Sanfront 13, Torino (TO) Telefono 3476410720 E-mail lanzip@libero.it Nazionalità

Dettagli

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014

NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 NEWSLETTER N. 6 LUGLIO 2014 Caro lettore, La newsletter che hai nelle tue mani è l ultimo numero delle newsletter di MANERGY. Il progetto, iniziato nel Maggio del 2011, è infatti giunto al termine. Negli

Dettagli

L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Lanzi Paolo. Indirizzo OMISSIS.

L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome Lanzi Paolo. Indirizzo OMISSIS. L A N Z I P A O L O E U R O P A S S C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lanzi Paolo Indirizzo OMISSIS Telefono OMISSIS E-mail OMISSIS Nazionalità Italiana Data di nascita OMISSIS

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo sul Project Cycle Management.

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA)

Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) Animazione territoriale INTERREG V-A France Italie INTERREG V-A Italia-Francia (ALCOTRA) BANDO PILOTA progetti singoli 15 LUGLIO 2015 15 SETTEMBRE 2015 24 progetti presentati Risorse FESR messe a bando

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

*Consolidamento della capacità istituzionale del Consorzio Regionale per l istruzione e la formazione professionale*

*Consolidamento della capacità istituzionale del Consorzio Regionale per l istruzione e la formazione professionale* POSDRU Newsletter 2 *Consolidamento della capacità istituzionale del Consorzio Regionale per l istruzione e la formazione professionale* Progetto cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

PROGRAMMA ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 PIANO DI COMUNICAZIONE

PROGRAMMA ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 PIANO DI COMUNICAZIONE PROGRAMMA ITALIA FRANCIA MARITTIMO 2007-2013 PIANO DI COMUNICAZIONE GENNAIO 2008 Version du 27/02/07 1 Premessa Il Piano di comunicazione del Programma Operativo Italia-Francia Marittimo, così come prescritto

Dettagli

Youth Europe Service

Youth Europe Service Socrates Grundtvig Autonomous citizens in United Europe Opuscolo realizzato da: Youth Europe Service nell ambito del programma SOCRATES GRUNDTVIG 2 Azione n. 06-ITA01-S2G01-00306-1 L'Europa è a portata

Dettagli

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere

ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO. Un partner per crescere ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO Un partner per crescere API LECCO Dal 1949 l Associazione Piccole e Medie Industrie della Provincia di Lecco è stata voluta dagli imprenditori

Dettagli

PRESENTAZIONE COOPERATIVA CELLARIUS

PRESENTAZIONE COOPERATIVA CELLARIUS PRESENTAZIONE COOPERATIVA CELLARIUS Cellarius è una Cooperativa Sociale di tipo B nata nell ottobre 2006 da un progetto di reinserimento sociale e lavorativo rivolto a persone in condizione di svantaggio.

Dettagli

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA

METTI IN CIRCOLO L ENERGIA BANDO 2015 METTI IN CIRCOLO L ENERGIA Diamo energia ai migliori progetti non profit per il sociale La Fondazione di Comunità ONLUS è un ente no profit che nasce per una scelta dei 28 Comuni e dell Azienda

Dettagli

CORSO IN ESPERTO DI METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI DALL UNIONE EUROPEA

CORSO IN ESPERTO DI METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI DALL UNIONE EUROPEA CORSO IN ESPERTO DI METODI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI PROGETTI FINANZIATI DALL UNIONE EUROPEA SEDE del Corso: EuropeAurum, Largo Gardone Riviera Pescara QUOTA D ISCRIZIONE CON BORSA

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego

RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 PREMESSA. Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego PREMESSA NOMV Nucleo Operativo Monitoraggio e Valutazione Provincia Oristano Provintzia de Aristanis RAPPORTO QUALITÀ ANNO 2013 Questionario Utenti Servizio Promozione Autoimpiego Pagina 1 PREMESSA Sommario

Dettagli

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma

3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO. 3.1 Dati Generali RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI. Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma 3. PROGRAMMA DI SOSTEGNO 3.1 Dati Generali Titolo Ambito territoriale (comune/i, provincia/e, regione/i) Durata del programma RETI VOLONTARIE CONSAPEVOLI Le 6 regioni meridionali (Sicilia,Calabria, Basilicata,

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013

Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia/Francia Marittimo 2007-2013 ACRONIMO PROGETTO TITOLO PROGETTO OBIETTIVO GENERALE DESCRIZIONE DEL PROGETTO Co.R.E.M. COOPERAZIONE DELLE RETI ECOLOGICHE

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale

Ente Nazionale per il Microcredito. Presentazione Istituzionale Ente Nazionale per il Microcredito Presentazione Istituzionale L ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO è un soggetto di diritto pubblico che persegue l obiettivo dello sradicamento della povertà e della lotta

Dettagli

Newsletter. Progettazione sociale. Navigando: Navigando: Siti e link utili sul web Siti e link utili sul web A pagina 7 A pagina 7.

Newsletter. Progettazione sociale. Navigando: Navigando: Siti e link utili sul web Siti e link utili sul web A pagina 7 A pagina 7. NUMERO 1 ANNO 1 MARZO 2007 Newsletter Newsletter Progettazione sociale Progettazione sociale Federazione Federazione Italiana Italiana Comunita Comunita Terapeutiche Terapeutiche SOMMARIO IN QUESTO NUMERO.

Dettagli

1. Dati relativi ai soggetti proponenti

1. Dati relativi ai soggetti proponenti Modello di domanda Da trasmettere in duplice copia Al Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale - Segreteria tecnica del Comitato Nazionale Parità dei Lavoratori Lavoratrici ROMA - OGGETTO: Progetto

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente

1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente 1. Oggetto del contratto Le premesse costituiscono parte integrante del presente atto e pertanto si intendono esplicitamente richiamate. ERVET conferisce al Collaboratore l incarico di realizzare i seguenti

Dettagli

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 VIII Comitato di Sorveglianza POR Calabria FSE 2007-2013 4 Dicembre 2014 Punto

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458

con decreto n.1363 del 27 febbraio 2014 il Ministero DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 12757 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 marzo 2015, n. 458 FEI 2013 Az. 9. Progetto COM.IN. 2.0 Competenze per l Integrazione. Presa d atto adesione al progetto e Convenzione di Sovvenzione tra il

Dettagli

CARTA DI BOLOGNA 2012

CARTA DI BOLOGNA 2012 CARTA DELLE REGIONI EUROPEE PER LA PROMOZIONE DI UN QUADRO COMUNE DI AZIONI STRATEGICHE DIRETTE ALLA PROTEZIONE E SVILUPPO SOSTENIBILE DELLE AREE COSTIERE DEL MEDITERRANEO CARTA DI BOLOGNA 2012 La presente

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE LLP PROGRAMMA SETTORIALE LEONARDO DA VINCI Progetto Sassari 20 20 20. Progetto n 2012-1- IT1 LEO02 02746

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE LLP PROGRAMMA SETTORIALE LEONARDO DA VINCI Progetto Sassari 20 20 20. Progetto n 2012-1- IT1 LEO02 02746 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE LLP PROGRAMMA SETTORIALE LEONARDO DA VINCI Progetto Sassari 20 20 20 Progetto n 2012-1- IT1 LEO02 02746 BANDO DI SELEZIONE PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US?

Newsletter VI - 2016. Argomenti GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Newsletter VI - 2016 GOOD, SUFFICIENT BUT WHAT WILL THE FUTURE BRING US? Argomenti Polonia: come far quadrare i conti, i più poveri d Europa. Reclutamento per il workshop in Polonia Italia: combattere

Dettagli

Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2

Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Azioni di Sistema - Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 (FSE) RomaL@bor, Qurami, E.V.A. La rete e

Dettagli

Le caratteristiche del sistema organizzativo e di fornitura del servizio offerto alla Provincia di Pavia:

Le caratteristiche del sistema organizzativo e di fornitura del servizio offerto alla Provincia di Pavia: Progetto LiMIT4WeDA: OFFERTA TECNICA Le caratteristiche del sistema organizzativo e di fornitura del servizio offerto alla Provincia di Pavia: DESCRIZIONE DELLE MODALITÀ OPERATIVE DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli