Servizi portuali: decisiva la loro efficienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi portuali: decisiva la loro efficienza"

Transcript

1 1 Porto di Venezia Newsletter # SOMMARIO Servizi portuali: decisiva la loro efficienza Spesso non ci si sofferma su questo aspetto. Ma la competitività del nostro sistema portuale non può prescindere dalla capacità di attrazione dell insieme delle attività svolte in un porto pag. 3 - Servizi tecnico-nautici e libera circolazione delle merci pag. 4 - La gestione competitiva delle tariffe pag. 5 - Il rimorchio e i suoi costi: il caso Venezia pag. 6 - Le riforme di cui abbiamo bisogno pag. 8 NOTIZIE IN PILLOLE Due nuove gru per container al terminal Vecon Nel 2011 Venezia Porto Aperto per 15 mila persone BBC Everest: una nave per carichi speciali Newsletter mensile On Line dell Autorità Portuale di Venezia e di Apv Investimenti spa Autorità Portuale di Venezia Fabbricato 13 Santa Marta Venezia Tel Fax Direttore editoriale PAOLO COSTA Direttore responsabile FABIO TAMBURINI Redazione Gruppo Il Sole 24 Ore Via Monte Rosa Milano Tel Fax Non c è dubbio che il sistema portuale italiano abbia sfruttato poco, anche nel periodo della sua migliore espansione, la propria collocazione geografica competitiva. Alla domanda, che sempre più spesso viene ripetuta in Europa ma anche in sede Ocse (2010), sul perché i porti mediterranei e in particolare quelli italiani non riescano a contendere il mercato europeo ai porti del Mare del Nord, nonostante la loro indiscussa localizzazione privilegiata, si risponde: a) in termini di carenze infrastrutturali nei porti e nei loro collegamenti terrestri, sottolineando in particolare il ritardo nell adeguamento dei valichi per l attraversamento delle Alpi; b) in termini di servizi soprattutto ferroviari che non riescono a essere ancora allo stesso tempo competitivi e profittevoli; c) in termini di sudditanza logistica prodotta dal disinteresse del sistema produttivo italiano per le sorti della merce una volta consegnata ai cancelli della fabbrica. Queste risposte nascondono spesso la volontà di non soffermarsi adeguatamente su un altro aspetto, vale a dire quello della minore efficienza dei italiani rispetto ai servizi dei porti del Mare del Nord, con riferimento sia alle attività e ai servizi in banchina sia, soprattutto, a quelli che in ogni porto fanno da complemento: i servizi anch essi forniti sul mercato (jure gestionis), come i servizi commerciali e industriali connessi a quelli portuali e i servizi tecnico-nautici, e i servizi forniti dalle pubbliche amministrazioni (jure imperii) come i servizi sanitari, doganali, di polizia eccetera. In un porto moderno non vi è soluzione di continuità tra ciò che avviene in mare e ciò che avviene a terra. È l insieme inscindibile delle attività marittimo-portuali svolte in un porto - sia quelle jure gestionis sia quelle jure imperii - che attrae o scoraggia ogni potenziale utilizzatore, entro i limiti sempre più volatili della protezione naturale rispetto ai porti concorrenti garantita dai differenziali di costo di trasporto e di economie di scala. Insomma, Consulente editoriale: Massimo Bianchi Progetto Grafico Davide Mazzucchi (Studio Mudita) Raccolta pubblicitaria: Direzione Pubblicità Apv Investimenti spa Fabbricato 16 Santa Marta Venezia

2 2 vi è molto da fare in termini di infrastrutture, trasporti e logistica, ma molto può essere fatto anche intervenendo sulle attività e i oltre banchina. Ciò porta al tema della concorrenza tra i porti, diverso da quello della concorrenza nei porti, e alla questione delle norme e delle regole entro le quali questa concorrenza debba svolgersi. Ma una reale, sana concorrenza tra i porti postula anche altro: occorre che ogni Autorità Portuale possa controllare le (e, quindi, essere responsabile delle) determinanti dei propri flussi finanziari. Questo significa, in primo luogo, che ogni Autorità Portuale deve poter esercitare ogni possibile influenza - nei limiti definiti da regole certe, che la riforma della legge 84/1994 dovrebbe fornire - sui livelli e sulla composizione dei propri traffici perché da questi ultimi ricava le sue entrate: quelle con cui finanzia le spese correnti, oggi, e le spese in conto capitale, domani. L autonomia/responsabilità finanziaria di un porto è, dunque, tale solo se si accompagna a una più ampia autonomia/responsabilità: quella, cioè, di indirizzare e coordinare tutte le attività che di un porto determinano i costiefficienza complessivi e, quindi, la capacità di attrarre i traffici. Paolo Costa servizi tecnico-nautici I sono quei resi alla nave in occasione del suo arrivo e della sua partenza dal porto. Servono per fare in modo che la nave operi in condizioni di sicurezza, ovvero che non causi danni a cose, persone e alle infrastrutture portuali. BATTELLAGGIO Si tratta di tutte le operazioni che servono per trasportare cose o persone fino alla nave ormeggiata nei terminal o in rada. Il servizio viene operato con imbarcazioni di piccole dimensioni concordando via radio tutte le modalità di accosto alla nave anche, e soprattutto, in relazione alle condizioni atmosferiche. I barcaioli, profondi conoscitori dell arte e delle regole della marineria, devono tenere la barca vicina alla nave per consentire il trasbordo delle merci o delle persone in sicurezza. ORMEGGIO L ormeggio consiste nel fissare uno o più mezzi ritenuta di una nave (o galleggiante) affinché questa possa restare in una data posizione - o ancoraggio - in un porto resistendo alle azioni del vento e delle correnti. Gli ormeggiatori si occupano, quindi, di ormeggio e disormeggio, dei movimenti lungo la PICCOLO DIZIONARIO DEI SERVIZI TECNICO-NAUTICI* banchina, della vigilanza e del monitoraggio delle condizioni di sicurezza delle navi attraccate nei porti operando proattivamente (attraverso il controllo della situazione e delle caratteristiche della nave o meteorologiche) e attivamente in maniera interdipendente con gli altri fornitori di servizi alla nave. L ormeggio a una banchina può essere all inglese, detto anche alla lunga, ovvero quando la nave è parallela alla banchina; oppure alla francese quando la nave è posta perpendicolarmente (di poppa o di prua) alla banchina. PILOTAGGIO Il pilota è uno dei più antichi mestieri portuali, cenni storici si ritrovano già in Omero e al tempo dei Romani che distinguevano tra il gubernator (il pilota timoniere) e il proreta (pilota prodiero). Nei tempi antichi, ma anche oggi, il pilota è colui che si occupa di garantire la sicurezza della navigazione e dell approdo della nave. Un lavoro molto complesso, obbligatorio o facoltativo a seconda della stazza della nave o del tipo di porto, che consente alle navi di entrare nei porti in tutta sicurezza. I piloti infatti, conoscendo perfettamente gli scali in cui lavorano, suggeriscono al comandante della nave la rotta migliore e lo assistono nelle manovre per eseguirla. La prima donna pilota in Italia lavora al Porto di Venezia. RIMORCHIO Remulco est, quam scafae remis navis magna traitur cioè si ha il rimorchio quando la nave più grande viene trainata dalle barche a remi [Paolo Diacono]: si tratta del rimorchio dei galeoni in uscita dai porti e in assenza di vento che dovevano essere trainati da imbarcazioni a remi più piccole. Oggi il principio resta quasi lo stesso, il rimorchio è il servizio che si occupa di trainare per acqua una nave (natante, galleggiante, boe, relitti eccetera) attraverso la trazione o la spinta di un altra nave dotata di motore. Il rimorchio si effettua in porto, quando si tratta di eseguire manovre sicure in piccoli spazi e a bassa velocità o in alto mare aperto quando si tratta di trainare una nave a seguito di un avaria o di precarie condizioni di sicurezza. *Da Le attività economiche nei porti di Tito Vespasiani, edizioni Master, 2005.

3 3 Servizi tecnico-nautici e libera circolazione delle merci L attuale regime normativo in vigore in Italia si traduce in maggiori costi d importazione e costituisce perciò un ostacolo nei confronti della libertà europea più difesa dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia Il regime applicabile ai porti italiani è geneticamente un regime eteronomo, ossia derivato dall adattamento dell ordinamento interno al diritto dell Unione Europea. Ma lo stesso diritto portuale europeo è, allo stato attuale, un coacervo di spinte controriformistiche e interpretazioni forzose, derivanti dalla divaricazione tra il regime applicabile alla componente terrestre e quello relativo alla componente marittima del porto. A livello di norme fondamentali, il regime dei servizi tecnico-nautici nei porti italiani si traduce in maggiori costi d importazione, non giustificati da apprezzabili motivi imperativi di interesse pubblico e, dunque, costituisce un illegittimo ostacolo alla libera circolazione delle merci sul mercato interno europeo. Ora, quella della circolazione delle merci è forse la libertà europea più ferocemente difesa e vigorosamente promossa dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia. Naturalmente la libera circolazione delle merci, pur essendo una norma fondamentale del diritto europeo, non è un valore assoluto e ammette deroghe motivate da ragioni imperative di interesse pubblico. È appunto questa la difesa opposta dai concessionari di servizi tecnico-nautici a chi contesta la distonia del regime a essi applicato con la regole europee. I servizi tecnico-nautici, argomentano, non devono soddisfare le sole esigenze dell utenza e del mercato, ma anche interessi imperativi di sicurezza della navigazione. Sono quindi, secondo la terminologia giuridica europea, servizi di interesse economico generale (Sieg) e in quanto tali beneficiano della clausola d esenzione prevista dal Trattato sul funzionamento della UE che, tuttavia, copre unicamente le deroghe al diritto europeo della concorrenza realmente necessarie per il soddisfacimento dell interesse pubblico perseguito dal singolo Sieg e non estende la copertura a misure o situazioni anticoncorrenziali sproporzionate rispetto all interesse pubblico perseguito. Marco Casagrande UNA SEPARAZIONE CHE PREGIUDICA LO SVILUPPO DEI PORTI Il sistema italiano sembra ancora fortemente incentrato sulla separazione tra le competenze relative alle navi e quelle relative alle merci. Sono evidenti l importanza e il valore primario che va attribuito alla sicurezza della navigazione (port safety da non confondere con port security), ma tale importanza non può essere attribuita a prescindere da tutte le altre esigenze del porto. Nel sistema che si è di fatto delineato (in contrasto con le previsioni normative) sembra essere rimasta netta la distinzione tra le competenze amministrative per la gestione della nave in acqua (in navigazione e in approdo) e quella della nave attraccata e delle attività conseguenti. Mentre così non doveva essere e la gestione dell arrivo e dell approdo della nave doveva essere codeterminato d intesa dalle due Autorità, Marittima e Portuale. Il permanere ingiustificato di questa distinzione appare come un grave limite allo sviluppo del porto nel suo complesso. Il porto in sé considerato presenta esigenze e interessi che prescindono dal fatto che la nave sia o meno attraccata e che le attività/ servizi/operazioni siano riferite alla nave stessa o alle sue merci. Il porto in sé considerato è ormai un soggetto dell economia mondiale che sta cambiando a fondo la redistribuzione della ricchezza e del lavoro nonché il processo di integrazione e di globalizzazione dei mercati, oltre a incidere sulle esigenze complessive e collettive degli operatori portuali.

4 4 La gestione competitiva delle tariffe Uno studio dei costi dei diversi servizi alla luce della loro incidenza sul totale e della ripartizione in base al soggetto che ne determina la tariffa. Il ruolo effettivo dell Autorità Portuale È stata condotta un analisi finalizzata alla determinazione analitica dei costi riconducibili all intero ciclo nave/merce, dal momento dell arrivo in rada a Venezia allo sbarco pilota successivo alla partenza. Lo studio è stato condotto su tre tipologie di naviglio (nave ro-pax; bulk carrier; porta-container) rappresentative dei traffici del porto, per ciascuna delle quali sono state formulate ipotesi circa le caratteristiche dello scafo e del carico trasportato. Sono state individuate complessivamente 38 voci di prezzo: prezzi per servizi tecnico-nautici calcolati sulla base delle tariffe 2010 e ipotizzando l applicazione di un fuori orario in entrata o in uscita; prezzi del terminal facendo ipotesi medie rispetto al ricorso a servizi accessori o complementari; tasse portuali e doganali in funzione della quantità e tipologia di carico sulla base delle aliquote stabilite per legge; prezzi di agenzia e spedizioniere; tariffe accessorie relative alla merce (per pratiche sanitarie, veterinarie, controlli radiometrici eccetera); prezzi per servizi generali (come fornitura acqua potabile, Logis, smaltimento rifiuti eccetera). Si è così visto che nel caso della prima tipologia (ro-ro) i servizi tecnico-nautici concorrono per il 26,3%, il terminal per il 58,2%, le spese generali per il 7,8%, le pratiche spedizione merce/diritti di agenzia per il 6,1%, le tasse per l 1,2% e le tariffe per le pratiche relative alla merce per lo 0,4%. Nel caso della seconda tipologia (bulk) i servizi tecnico-nautici scendono al 9,6%, mentre l incidenza del terminal sale al 59,3%, le spese generali crollano allo 0,6%, le pratiche spedizione merce/diritti di agenzia fanno segnare un 10,7%, le tasse un 9,4% e le pratiche relative alla merce schizzano come incidenza al terzo posto con un 10,4%. Nel terzo caso (container), infine, i prezzi dei servizi tecnico-nautici rappresentano il 9,8%, quelli del terminal il 62,8%, le spese generali scendono all 1,2% mentre le pratiche spedizione merce/ diritti di agenzia salgono al 19,4%, le tasse incidono per il 3,8% e le tariffe per le pratiche relative alla merce solo per il 2,9%. Interessante l analisi della ripartizione dei prezzi dei servizi in base al soggetto che ne determina la tariffa, dalla quale si ricava che quelli che competono ai privati (terminal, spedizionieri, controlli radiometrici eccetera) incidono nel caso della prima tipologia per il 62,1%, nel caso della seconda per il 78,3% e nel caso della terza addirittura per l 83,1%. Seguono l Autorità Marittima (31,4%, 20,6% e 14,1%) e quella Portuale (6%, 1,1% e 1,1%). Da questi dati si evince che: a) gli operatori privati hanno di gran lunga il maggior peso nella determinazione dei prezzi e delle tariffe, essendo i soggetti cui fanno capo le principali attività operative del porto, le cui tariffe vengono stabilite nel mercato ; b) che nella prassi applicativa è il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in via diretta o per mezzo della locale Capitaneria di Porto, a determinare la maggior parte delle restanti tariffe, di fatto determinando la competitività relativa degli scali; c) l Autorità Portuale, cui peraltro sono delegati compiti economico-commerciali per lo sviluppo del porto, ha un ruolo molto marginale. L Autorità Marittima ha competenza nella determinazione delle tariffe dei servizi tecniconautici, oltre che delle tasse portuali e di ancoraggio, mentre all Autorità Portuale è lasciata la competenza solo nella determinazione delle tariffe dei servizi generali e di una parte delle tasse portuali, vale a dire i canoni variabili, di ammontare abbastanza contenuto in termini assoluti e non imputabili in via diretta al ciclo nave dato che non rappresentano un costo sostenuto dall armatore, bensì un costo sostenuto dal terminal in funzione della merce movimentata. Con la collaborazione di Antonia Bantourakis, Stefano Bonaldo e Antonio Revedin

5 5 Il rimorchio e i suoi costi: il caso Venezia Perché dal 2004 al 2010 si è allargato il gap rispetto agli altri porti italiani. Gli effetti di un modello superato, il cost plus, e di una prassi irrazionale e centralizzata Il servizio di rimorchio è, come logico e corretto, definito da un regolamento (attraverso il quale l Autorità Marittima garantisce la sicurezza), da un assetto tariffario che deve corrispondere al duplice scopo di remunerare equamente il concessionario senza gravare oltre il necessario sugli utenti e da un insieme di tariffe differenziabili a seconda delle caratteristiche del servizio fornito. Le tariffe di questo servizio concorrono a determinare la convenienza di un porto rispetto agli altri e, di conseguenza, la sua competitività a parità di altre variabili. Ciò nonostante, la determinazione delle tariffe non viene considerata, come dovrebbe, parte delle attività di disciplina e organizzazione e a essa non viene riconosciuto il ruolo di leva economica per lo sviluppo del sistema portuale. Inoltre l unico soggetto titolato a pronunciarsi in materia tariffaria è la Capitaneria di servizi resi alla nave o alle merci in un porto I sono quasi una ventina e, conseguentemente, numerosi sono i soggetti che contribuiscono alla produzione dei nel loro complesso. A ciò si aggiunge il fatto che numerosi sono i servizi comunque diversi dalle operazioni portuali e dalle altre attività commerciali e industriali esercitate nei porti che la legge affida all indirizzo, programmazione, coordinamento, promozione e controllo delle Autorità Portuali. Il legislatore ha riconosciuto la necessità di un autorità portuali: OCCORRE UN EFFETTIVO POTERE DI COORDINAMENTO coordinamento tra le varie istituzioni operanti nel porto, individuando nell Autorità Portuale il soggetto deputato a esercitarlo e fornendo a quest ultimo poteri realmente incisivi rispetto solo ad alcune attività e operazioni portuali di natura economica; mentre per le attività portuali esercitate dalle altre pubbliche amministrazioni oggi l Autorità Portuale, nella persona del suo presidente, può unicamente chiedere il rispetto dell obbligo generico di una leale collaborazione. Eppure in un sistema come quello portuale l armonizzazione delle azioni delle diverse istituzioni, così come la loro efficienza, è una delle condizioni necessarie a garantire la competitività. Un improvvisa inefficienza nell adempimento dei compiti di anche una sola delle istituzioni produce un effetto che, a cascata, si ripercuote su tutto il sistema determinando un grave disservizio. Un inefficienza tariffaria, doganale, sanitaria o di polizia può da sola compromettere la competitività complessiva di un porto.

6 6 Porto alla quale spettano le funzioni di polizia e di sicurezza. Nel caso di Venezia l iter procedurale adottato nella prassi in materia di revisione dei prezzi del servizio di rimorchio (che prevede che le decisioni vengano prese attraverso una conferenza dei servizi presieduta dalla Capitaneria e alla quale partecipano le rappresentanze nazionali dei porti, dell utenza e del concessionario e che, di fatto, quindi relega in secondo piano la voce delle istituzioni locali deputate alla gestione e allo sviluppo del Porto) ha prodotto risultati che negli anni hanno allargato il gap tariffario rispetto agli altri porti nazionali. Fra il 2004 e il 2010 a Venezia si è infatti registrato un aumento cumulato delle tariffe di rimorchio pari al 21,32%, uno degli aumenti più elevati nei porti italiani. L aumento medio delle tariffe in Italia, nel periodo considerato, è stato, infatti, del 7,43%, dato che peraltro nasconde una realtà molto eterogenea comprendendo le variazioni di porti in cui le tariffe sono addirittura diminuite. Nel caso del servizio di rimorchio a Venezia, alla regolamentazione irrazionale e centralizzata, suscettibile di privare l Autorità Portuale di ogni concreto potere di governance, si accompagnano gli effetti di un modello di tariffazione, di tipo cost plus, superato tanto nella teoria economica quanto nella prassi della regolamentazione dei servizi in concessione in quanto non incentiva alcun comportamento efficiente da parte del concessionario. Anzi, la tariffa tende ad aumentare se si riduce il traffico portuale con la conseguenza di innescare un pericoloso circolo vizioso tra volume di traffico e tariffe. Se, invece, si adottasse uno schema tariffario del tipo price cap, semplice e diffuso sistema di tariffazione dei servizi pubblici, la situazione cambierebbe notevolmente: per esempio, dal 2004 al 2010 l applicazione di questo modello avrebbe determinato un aumento tariffario del 5,7% anziché a due cifre e il vantaggio del price cap si sarebbe maggiormente avvertito nell ultimo biennio, il periodo di massima crisi del traffico marittimo, con un incremento di appena lo 0,32% invece del 7,35%, a tutto vantaggio della competitività del Porto di Venezia. Con la collaborazione di Antonia Bantourakis, Stefano Bonaldo e Antonio Revedin Le riforme di cui abbiamo bisogno Intervista al Professor Stefano Zunarelli, docente di Diritto dei Trasporti e della Navigazione all Università di Bologna s Qual è oggi, a suo avviso, l incidenza dei in generale - cioè sia quelli prodotti in banchina sia quelli complementari in senso lato, commerciali e industriali, tecnico-nautici, sanitari, doganali, di polizia eccetera - sull effettiva competitività del sistema portuale italiano? Chiunque abbia esperienza delle dinamiche del trasporto marittimo internazionale sa che l incidenza di efficienza ed economicità dei in generale sulla competitività complessiva di un porto e, a maggior ragione, di un sistema portuale nazionale è rilevantissima. Nel mercato globalizzato, di cui i servizi marittimi costituiscono una componente centrale, l elemento temporale è di essenziale importanza. Diventa fondamentale, quindi, la Un autorità nel Diritto dei Trasporti e della Navigazione Nato a Bologna il 23 novembre 1955, Stefano Zunarelli (foto) è Professore ordinario di Diritto dei Trasporti e della Navigazione nell Università di Bologna. Ha rappresentato l Italia presso varie organizzazioni internazionali operanti nel settore marittimo e dei trasporti capacità di un porto di offrire e strumentali all esercizio della nave completi (cioè in grado di soddisfare ogni possibile esigenza tecnico-operativa della stessa, delle merci e dei passeggeri), di buon livello professionale e in grado di consentire non solo la rapida prosecuzione delle merci e dei passeggeri verso la destinazione finale ma, soprattutto, la più proficua utilizzazione della nave. Non si deve dimenticare, a questo proposito, come, con il progresso tecnologico, l investimento in mezzi navali sia divenuto sempre più costoso, così come, peraltro, il loro esercizio. Non può stupire, quindi, che gli armatori promuovano l utilizzazione di porti e sistemi portuali in grado di massimizzare il livello di utilizzazione delle loro navi e, quindi, la redditività del loro investimento. (IMO; UNCITRAL; UNCTAD). È consulente giuridico del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti da oltre 15 anni. Autore di numerosi volumi e articoli in materia di trasporti e navigazione, fa parte del Comitato scientifico di varie riviste giuridiche internazionali del settore.

7 7 s In un ottica di sviluppo quanto occorrerebbe fare sul piano degli interventi infrastrutturali, dei trasporti e della logistica, e quanto su quello delle attività e dei servizi portuali? Se si vuole veramente cogliere l opportunità creata dallo sviluppo (che continuerà con ritmi forse ancora accentuati per il prossimo decennio) dei traffici verso la Cina, l Estremo Oriente e il subcontinente indiano, l Italia non può non intensificare gli sforzi per rendere finalmente attrattiva l utilizzazione del proprio territorio quale porta d ingresso dei prodotti industriali di quei Paesi verso i mercati europei (anche in vista di ulteriori partnership industriali e commerciali). Perché ciò avvenga, intervenire su alcuni aspetti del sistema infrastrutturale è indispensabile. Non solo le strutture portuali (soprattutto nell Adriatico) sono inadeguate rispetto ai volumi di traffico che è lecito attendersi, ma vi sono ancora numerosi colli di bottiglia nei percorsi stradali e ferroviari verso le destinazioni finali italiane e mitteleuropee che devono essere rimossi al più presto. Ciò detto, occorre intervenire con ancora maggiore urgenza sulle attività amministrative e i (intesi nel senso più ampio), snellendo ed efficientando le prime e stimolando forme di aggregazione che consentano il raggiungimento da parte degli operatori dei vari servizi di livelli dimensionali adeguati per svilupparli ulteriormente. È, quindi, particolarmente urgente realizzare le riforme normative opportune per garantire il livello di operatività (soprattutto dei soggetti pubblici) richieste dal mondo armatoriale e della logistica internazionale. Ricordo, a questo proposito, che anche il recente Piano Nazionale della Logistica ha individuato tra le azioni da porsi in essere prioritariamente la riforma dell amministrazione doganale, al fine di garantire una operatività del servizio 24 ore su 24. Non tutti i porti sono uguali e alcuni grandi sistemi portuali debbono avere un assetto istituzionale particolare, che tenga conto del loro ruolo nello scenario mondiale dei traffici marittimi s Il sistema italiano appare tuttora incentrato su una netta separazione tra le competenze amministrative per la gestione della nave in acqua (in navigazione e in approdo) e quelle relative alla gestione della nave attraccata e delle attività conseguenti. Il permanere di tale distinzione non rischia di compromettere le possibilità di sviluppo del porto nel suo insieme? Si tratta di una distinzione decisamente artificiosa, elaborata in occasione del dibattito che ha poi portato alla elaborazione e all avvio dell attuazione della L. n. 84/94. Oggi credo che i tempi siano ormai maturi per affrontare il tema con realismo e razionalità e domandarsi se il mantenimento di questa separazione di competenze sia ancora in linea con l esigenza di dare un adeguata risposta alle necessità di semplificazione, celerità ed efficienza delle attività connesse al traffico marittimo internazionale cui ho fatto cenno in precedenza. Sono ormai molti, sia a livello di Unione Europea che a livello nazionale, i documenti in cui, con riferimento a una molteplicità di settori, si sottolinea come sia oggi quanto mai opportuno un intervento di semplificazione, che renda il più possibile snello il rapporto tra amministrazione e imprese. Il modello cui in tutti questi documenti (tra cui, per quanto direttamente ci interessa, anche il Libro Bianco sui Trasporti della Commissione Europea, fin dal 2001) si fa riferimento è quello dello sportello unico quale interfaccia amministrativo per le imprese di ciascun settore. In campo portuale credo che si potrebbe prendere atto che occorre superare vecchi steccati e pregiudizi, adottando il modello dello sportello unico e prevedendo che la nave, nel momento in cui si accinge ad approdare in un porto, sia presa in carico da un unica amministrazione (che dovrebbe essere, naturalmente, l Autorità Portuale) per tutti gli aspetti della sua operatività. s La riforma della legislazione portuale (L.84/94) è all ordine del giorno. A suo giudizio in quale direzione occorrerebbe andare per garantire una efficiente governance ai nostri porti chiamati a competere in un difficile e inedito scenario disegnato dalla nuova geografia dei traffici mondiali? E, in particolare, qual è il suo giudizio sulla richiesta di una piena autonomia finanziaria da parte delle Autorità Portuali? Credo che occorra riconoscere, innanzi tutto, che quella realizzata con la L. n. 84/94 è stata una riforma di importanza epocale, che, anche se in parte imposta dalle istituzioni comunitarie, a suo tempo fu caratterizzata da grande coraggio e proprio per questo ha permesso ai porti italiani di recuperare un ruolo all interno dei traffici del Mediterraneo che gli stessi avevano perduto. Oggi lo scenario è cambiato nuovamente e la competizione si è fatta più ampia e più dura, pur offrendo nuove e interessanti opportunità. Occorre ritrovare il coraggio e il realismo di allora recuperando alcune delle idee-guida sottostanti allo spirito originario della riforma: riconoscimento che non tutti i porti sono uguali e che alcuni grandi porti (meglio: sistemi portuali) debbono avere un assetto istituzionale particolare, che tenga conto del loro ruolo nello scenario mondiale dei traffici marittimi; valorizzazione del legame tra l Autorità Portuale e il territorio di riferimento, che ben potrebbe estendersi oltre i confini provinciali e regionali; ulteriore ampliamento e consolidamento delle competenze delle Autorità Portuali, del cui esercizio gli organi dell ente (anche più snelli di quelli attuali) dovrebbero naturalmente rispondere di fronte agli enti esponenziali delle collettività locali oltre che allo Stato. È chiaro che il riconoscimento di una piena autonomia finanziaria si pone come una componente ineliminabile di tale auspicabile quadro. A cura di Massimo Bianchi

8 8 notizie in pillole Due nuove gru per container al terminal Vecon Sono arrivate - dopo un lungo viaggio di miglia in chiatta da Great Yarmouth (Regno Unito) - due nuove gru di banchina ship to shore per un investimento complessivo di 15 milioni di euro. Braccio operativo lato mare di 36 metri, altezza di sollevamento (sotto spreader) dal livello banchina a 30 metri, portata di carico sotto spreader 45 tonnellate: sono le principali caratteristiche delle gru che, unite alla tecnologia di ultima generazione, consentiranno di aumentare sia gli standard di sicurezza nella movimentazione dei container sia il comfort per gli operatori di banchina. Le due nuove arrivate permetteranno di offrire ai clienti dello scalo veneziano sempre maggiori produttività e velocità nel carico e scarico della merci. Performance che si tradurranno, quindi, in vantaggio competitivo per l intera comunità del Porto di Venezia. Nel 2011 Venezia Porto Aperto per 15 mila persone Si è conclusa la Giornata Europea del Mare, il programma di manifestazioni che rientrano nella consueta iniziativa annuale del Porto Aperto. Un programma ricco di eventi che ha coinvolto oltre 15 mila persone nelle diverse iniziative (nella foto Gianandrea Todesco, dell Autorità Portuale di Venezia, consegna un premio durante la festa dell acqua ), alcune delle quali continueranno per tutta l estate. L Autorità Portuale di Venezia ogni anno apre le porte dello scalo e s impegna a sostenere innumerevoli iniziative sul territorio con l obiettivo di far riscoprire non solo alle persone che vivono a stretto contatto con il Porto, ma a tutti gli abitanti di Venezia, le origini e la storia del Porto, il particolare legame che la nostra città ha con il mare. L Autorità Portuale è lieta di farsi promotrice di queste manifestazioni nella convinzione che un solido rapporto tra la risorsa portuale e il territorio sia un asset di importanza strategica per il rilancio socio-economico di tutta la città. Si è tenuta al Terminal Transped del Porto di Venezia la cerimonia d inaugurazione della nave BBC Everest che giunge a Marghera dalla Cina dopo aver toccato Corea del Sud, Taiwan, Vietnam, Maldive e alcuni porti del Mediterraneo. La nave, una multipurpose heavylifter di 125 metri, imbarcherà a Marghera due carichi speciali da 170 tonnellate. La BBC Everest è una delle ultime navi consegnate alla Compagnia armatoriale tedesca BBC Chartering che, con una flotta di 145 navi, è tra i leader mondiali nel settore del general cargo heavy lift. BBC Everest: una nave per carichi speciali

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

LIBRO PRIMO 1-2. Codice della navigazione e regolamento per la navigazione marittima. Dell ordinamento amministrativo della navigazione.

LIBRO PRIMO 1-2. Codice della navigazione e regolamento per la navigazione marittima. Dell ordinamento amministrativo della navigazione. 1-2 Codice della navigazione e regolamento per la navigazione marittima 93 LIBRO PRIMO Dell ordinamento amministrativo della navigazione. 2. - D.P.R. 15 Febbraio 1952 n. 328. Approvazione del Regolamento

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento

IGI. Istituto Grandi Infrastrutture. Convegno. Roma, 18/03/2015. Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento IGI Istituto Grandi Infrastrutture Convegno Roma, 18/03/2015 Le direttive 2014: contributo di approfondimento per il loro recepimento Le novità delle nuove direttive europee appalti e concessioni e il

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE.

IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. Storia della Navigazione sui Laghi Maggiore, Garda e Como IL PROGRESSO TECNOLOGICO E L'INTRODUZIONE DEL VAPORE NELL'ESERCIZIO DELLA NAVIGAZIONE. La produzione di energia attraverso l'uso del vapore, fu

Dettagli

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia

Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Lo shipping e la portualità nel Mediterraneo: opportunità e sfide per l Italia Arianna Buonfanti 1 1 SRM Riassunto Scopo di questo paper è delineare l andamento e i possibili futuri scenari logistici nel

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE

LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE MEZZI PETROLIERE LE PETROLIERE DELL ULTIMA GENERAZIONE L evoluzione delle navi cisterna in termini di sicurezza contro i rischi di inquinamento ha subito negli ultimi anni una forte accelerazione che ha

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI

LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI I SERVIZI PUBBLICI PROF. FRANCESCO COSSU Indice 1 LE TRASFORMAZIONI DEI SERVIZI PUBBLICI ------------------------------------------------------------------- 3 2 IL REGIME TRADIZIONALE ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli