PwC Tax and Legal Services (TLS) TLS Newsletter N 6 Anno 8

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.pwc.com/it PwC Tax and Legal Services (TLS) TLS Newsletter N 6 Anno 8"

Transcript

1 PwC Tax and Legal Services (TLS) TLS Newsletter N 6 Anno 8 6 giugno 2014

2 Mensile di aggiornamento in materia legale e fiscale Pubblicato e distribuito gratuitamente Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 760 in data 11 dicembre 2006 Legal and Tax monthly newsletter Published and distributed free of charge Registration before the Court of Milan n. 760 dated December 11, 2006 Copyright TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti La presente newsletter non costituisce parere professionale ed il relativo contenuto ha esclusivamente carattere informativo. Gli articoli contenuti nella presente newsletter non possono essere riprodotti senza la preventiva espressa autorizzazione di TLS. La citazione o l estrapolazione di parti del testo degli articoli è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione sulla TLS Newsletter. Copyright TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti This newsletter is not intended as a professional advice and its content is for information purposes only. The articles contained in this newsletter cannot be reproduced without prior written approval of TLS. Mentions or quotations on parts of the text of the articles are allowed, provided that authors and publication references on TLS Newsletter are indicated. TLS Newsletter n 6 Anno

3 Indice - Index Pag 1. Interviene nuovamente la Cassazione sul diritto di ripensamento dell investitore nell ambito dell offerta fuori sede The Court of Cassation intervenes again on the investor s right of withdrawal in the door-to-door selling (Mario Zanin - Giulio Farolfi) 5 2. Nozione di valore unitario, di cui al comma 2 dell articolo 108 del TUIR, per gli omaggi autoprodotti Concept of unitary value, according to paragraph 2 of Article 108 of the Tax Code, for gifts home-made (Simone Guidi Elena Bartolini) 7 3. Depositi IVA in Italia Novità Giurisprudenziale VAT warehouse in Italy - Jurisprudential News (Alessia Angela Zanatto Lorenzo Ontano) 9 4. Riduzione dell aliquota IRAP e impatto sugli acconti The reduction of the IRAP tax rate and the increase of ACE (Marta Primavesi Jacopo Meregalli) Stop alla deducibilità dei compensi erogati agli amministratori se manca la delibera assembleare Stop to the deduction of remuneration paid to the directors without shareholders resolution (Mia Pasini Luca Piemontese) L addizionale IRES per il settore finanziario ed assicurativo: riflessioni in vista del versamento The Corporate Income Surtax for banking and insurance industry: some reflections for the payment (Arturo Cassina - Roberto Colatorti) Transfer pricing interno: fenomeno elusivo in cerca di paternità Domestic transfer pricing: a tax avoidance issue looking for parenthood (Ugo Cannavale - Andrea Porcarelli) Donazione di azioni a familiari: casi di illecita influenza sull assemblea Donation of shares to relatives: case of unlawful influence over the shareholder s meeting (Michele Giuliani Costanza Gaetani) Jobs Act : il limite percentuale di contratti a termine stipulabili da datore di lavoro Jobs Act : the limit in the number of fixed-term employment contracts signed by the employer (Luca Saglione Daniela Bagarella Roberto Broglia) Per gli stabilimenti e gli impianti ubicati in Sicilia l IRES si versa direttamente alla Regione For facilities and plants located in Sicily IRES has to be paid directly to the Region (Fabio Pirolozzi Italia Cammisa) Consultazioni AGCM su proposta di modifica dei criteri per la notifica delle concentrazioni e sulla modalità di determinazione delle sanzioni in materia di concorrenza AGCM s consultation on the proposal of amendment of the criteria for concentrations notification and on the modality of determination of the penalties on competition matters (Barbara Ferri - Valeria Melissari) 35 3 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

4 TLS Newsletter n 6 Anno

5 Interviene nuovamente la Cassazione sul diritto di ripensamento dell investitore nell ambito dell offerta fuori sede (Mario Zanin - Giulio Farolfi) Nella newsletter dello scorso luglio (cfr. TLS Newsletter n. 7/2013, Le Sezioni Unite ampliano il diritto di ripensamento dell investitore nell ambito dell offerta fuori sede ) e nella successiva di ottobre (cfr. TLS Newsletter n. 10/2013, Ancora sul diritto di ripensamento dell investitore nell ambito dell offerta fuori sede: interviene il Decreto del Fare modificando il Testo Unico della Finanza ) è già stata affrontata la tematica del diritto di ripensamento dell investitore nell ambito dell offerta fuori sede, in considerazione dei recenti e rilevanti sviluppi in ambito giurisprudenziale e legislativo. Si rammenta brevemente che le Sezioni Unite della Suprema Corte, distaccandosi dall orientamento fino ad allora maggioritario, hanno interpretato estensivamente la nozione di contratti di collocamento contenuta nell art. 30, comma 6, d.lgs. n. 58/1998 (c.d. Testo Unico della Finanza; TUF ), riferendola non solo al servizio di collocamento in senso tecnico (ex art. 1, comma 5, lett. c e c-bis, TUF) ma, altresì, agli altri servizi di investimento esecutivi, prestati fuori sede e con reale effetto sorpresa per il cliente. Conseguenza di ciò, è stata l estensione del regime di nullità previsto dal successivo comma 7 a qualsiasi operazione di vendita a domicilio di strumenti finanziari, qualora fosse stata omessa indicazione dello ius poenitendi nella relativa modulistica. The Court of Cassation intervenes again on the investor s right of withdrawal in the door-to-door selling (Mario Zanin - Giulio Farolfi) In the last July newsletter (cfr. TLS Newsletter no. 7/2013, The United Sections of the Italian Supreme Court extend investor s right of withdrawal in the door-to-door selling of financial instruments ) and in the following October newsletter (cfr. TLS Newsletter no. 10/2013, Once again about the investor s right of withdrawal in the door-to-door selling of financial instruments: the Decreto del Fare intervenes by changing the Consolidated Law on Financial Intermediation ) it has already been addressed the topic of the investor s right of withdrawal in the door-to-door selling of financial instruments, in the light of the relevant recent developments both in case law and legislation. It should briefly be recalled that the United Sections of the Supreme Court, diverging from the interpretation that was prevailing until then, have interpreted broadly the concept of contract for placing of financial instruments contained in article 30, paragraph 6, Legislative Decree no. 58/1998 (Consolidated Law on Financial Intermediation; TUF ), referring it not only to the technical meaning of placing of financial instruments provided for by article 1, paragraph 5, letters c) and c-bis), TUF, but also to the other executive investment services, if carried out door-to-door and with the effect of taking the investor by surprise. As a consequence, the provision of nullity contained in the following paragraph 7 has been extended to every selling of financial instruments carried out not in the intermediary s office, in case the ius poenitendi had been omitted in the investment forms. Nel tentativo di arginare il rischio di instabilità dovuto alla potenzialità di un ampio contenzioso sulla contrattualistica stipulata precedentemente ben potendo il cliente danneggiato da un investimento invocarne a scopi opportunistici la nullità per la mancata previsione del suddetto diritto di ripensamento, con il conforto delle Sezioni Unite - è intervenuto l art. 56-quater, D.L. n. 69/2013 (c.d. Decreto del Fare, convertito con la Legge n. 98/2013). La norma, al fine di escludere la retroattività del principio in questione, senza al contempo disattenderne la portata, ha aggiunto un nuovo periodo all art. 30, comma 6, TUF, secondo cui, ferma restando l applicazione dello ius poenitendi ai servizi di sottoscrizione e/o collocamento e di gestione di portafogli come esplicitamente definiti dal TUF, la disciplina del diritto di ripensamento avrebbe dovuto trovare applicazione anche per i contratti di negoziazione per conto proprio stipulati successivamenre all 1 settembre In the attempt to stem the risk of instability due to the potential increase of claims on investment contracts entered into along the previous years being, the customer damaged by an investment, able to invoke its nullity for failure of displaying the right of withdrawal, for opportunistic purposes and with the support of the United Sections article 56-quater, Law Decree no. 69/2013, ( Decreto del Fare ), converted with law no. 98/2013, has intervened. In order to exclude the retroactive effect of the principle in question, but at the same time without disregarding its scope, this rule has added a new period to article 30, paragraph 6, TUF, pursuant to which, without prejudice to the application of ius poenitendi to the investment services of underwriting and/or placing and of portfolio management as explicitly defined by TUF, the right of withdrawal shall also apply to contracts of dealing on own account entered into starting from September 1, Gli operatori del settore si erano così potuti, almeno parzialmente, tranquillizzare sul rischio di un prorompente least partially, about the risk of an outburst of claims relating The financial intermediaries were thus able to reassure, at contenzioso relativo a casistiche anteriori al settembre to cases prior to September TLS Newsletter n 6 Anno 2014

6 A rimettere nuovamente in discussione la tematica è intervenuta la Sezione III della Corte di Cassazione, con la sentenza del 3 aprile 2014, n. 7776, che ha sancito la nullità ex art. 30, comma 7, TUF, di una operazione finanziaria conclusa precedentemente al settembre 2013 e consistente nella concessione al cliente di un mutuo da impiegarsi per l acquisto di predeterminati strumenti finanziari (titoli obbligazionari emessi dalla banca erogante e quote di un fondo comune di investimento collocate dalla medesima), contestualmente costituiti in pegno a garanzia della restituzione della somma mutuata. In particolare, la sentenza ha ritenuto che l operazione descritta avesse dato vita ad un contratto unico ed unitario la cui causa risiede nella realizzazione di un lucro finanziario e che, dunque, rientrasse fra i servizi di investimento individuati dal TUF, dichiarandone la nullità per carenza dell informativa sul diritto di ripensamento. La sentenza ha quindi confermato l interpretazione estensiva dello ius poenitendi già offerta dalle Sezioni Unite con sentenza del 3 giugno 2013, n , affermando chiaramente che l esigenza di tutela sottostante al diritto di ripensamento sussiste anche nell ipotesi in cui il risparmiatore sia raggiunto fuori sede da una proposta contrattuale avente ad oggetto titoli che l intermediario possiede od acquista da terzi nell ambito del servizio di negoziazione, e non solo nell ipotesi di collocamento. In particolare, la sentenza sconfessa categoricamente l intervento sanante del Decreto del Fare, escludendo che il relativo art. 56-quater possa essere considerato una norma di interpretazione autentica, in grado di dissipare i dubbi su quale sia stata l originaria volontà del Legislatore del TUF e, dunque, sanare l eventuale nullità dei contratti relativi al servizio di negoziazione stipulati precedentemente l 1 settembre Ciò in quanto dell interpretazione autentica mancava il primo e principale presupposto, ovvero la possibilità di letture contrastanti, possibilità venuta meno proprio in seguito all intervento delle Sezioni Unite. Ancora, si legge in proposito nel testo della decisione, gli atti normativi debbono presumersi voluti dal legislatore in senso conforme alle regole ed ai principi dell ordinamento, sicché non può certo presumersi che l intervento governativo avesse inteso minare l efficacia di una sentenza delle Sezioni Unite e scardinare in tal modo il principio di separazione tra i poteri dello Stato, e né potrebbe spacciarsi per incertezza del diritto l eventuale malumore ingenerato da una decisione della Corte di cassazione confliggente con (pur legittimi) interessi od aspettative private. Pertanto, alla luce della pronuncia in commento, l efficacia di tutti i contratti di investimento sottoscritti a seguito di un offerta fuori sede priva di puntuale indicazione del diritto di ripensamento per l investitore sarebbe, seriamente e nuovamente, messa in discussione. However, the issue has been called into question again by Section III of Court of Cassation, by way of sentence no of April 3, 2014, which has declared the nullity under article 30, paragraph 7, TUF, of a financial transaction entered into prior to September 2013 and consisting of the granting to a client of a loan to be used for the purchase of predetermined financial instruments (bonds issued by the granting bank and units of a mutual fund placed by the same) simultaneously pledged to guarantee the repayment of the amount borrowed. In particular, the judgment has stated that the transaction had given birth to a single and unified contract whose cause lies in the realization of a financial gain and therefore which shall fall within the investment services identified by TUF, and so the Court has declared the contract s nullity for the lack of the indication of the right of withdrawal. The judgment has therefore confirmed the broad interpretation of ius poenitendi already endorsed by the United Sections by way of sentence no of 3 June 2013, clearly stating that the need for protection underlying the right of withdrawal subsists also in the event that the investor is reached doorto-door by a contract proposal concerning securities that the intermediary owns or acquires from third parties as part of a dealing, and not only in the case of a placing. In particular, the sentence categorically rejects the healing intervention of the Decreto del Fare, excluding that its article 56-quater can be considered as a rule of authentic interpretation, able to dispel doubts over what the original intention of the Legislator was, and thus heal the possible invalidity of dealing contracts entered into prior to September 1, That is because it was lacking the first and main assumption of the authentic interpretation, namely the possibility of conflicting readings, possibility faded right after the intervention of the United Sections. Moreover, as could be read in the judgment s text, legislative acts shall be assumed as intended by the Legislator in a way consistent with the rules and principles of the legal system, and so it cannot certainly be assumed that the intervention of the government was meant to undermine the effectiveness of a judgment of the United Sections and thereby undermining the principle of separation of powers of the State, and neither could be taken as legal uncertainty any discontent caused by a decision of the Supreme Court conflicting with (though legitimate) expectations or private interests. Therefore, in the light of the judgment under review, the effectiveness of all the investment contracts entered into as a result of a door-to-door offer to the investor without precise indication of the right of withdrawal should be again and seriously questioned. TLS Newsletter n 6 Anno

7 Nozione di valore unitario, di cui al comma 2 dell articolo 108 del TUIR, per gli omaggi autoprodotti (Simone Guidi Elena Bartolini) L Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 27/E del 12 marzo 2014, ha chiarito il trattamento fiscale degli omaggi di beni rientranti nell attività dell impresa c.d. autoprodotti, con particolare riferimento al concetto di valore unitario di cui all articolo 108, comma 2, del DPR 917/1986 (TUIR). Nella risoluzione in analisi, è stato chiesto all Agenzia, nel caso in cui l omaggio sia rappresentato da un bene la cui produzione o scambio sia oggetto dell attività propria dell impresa, quale riferimento utilizzare (se costo di produzione o valore di mercato) per determinare la soglia entro la quale il costo può considerarsi interamente deducibile. Nozione di spesa di rappresentanza L Agenzia ricorda, innanzitutto, quanto stabilito nel decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze del 19 novembre 2008, il quale individua come spese di rappresentanza : Le spese per viaggi turistici in occasione dei quali siano programmate e in concreto svolte significative attività promozionali dei beni e dei servizi la cui produzione o il cui scambio costituisce oggetto dell attività caratteristica dell impresa; Le spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di ricorrenze aziendali o festività nazionali o religiose; Le spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione dell inaugurazione di nuove sedi, uffici o stabilimenti dell impresa; Le spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di mostre, fiere, ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti dall impresa; Ogni altra spesa per beni e servizi distribuiti o erogati gratuitamente, ivi inclusi i contributi erogati gratuitamente per convegni, seminari e manifestazioni simili il cui sostenimento risponda al criterio di inerenza. Le spese di rappresentanza consistono quindi in costi sostenuti al fine di offrire a titolo gratuito, prodotti attraverso i quali promuovere e consolidare l immagine della società accrescendone l apprezzamento, senza che questi siano direttamente correlati con i ricavi. Il carattere essenziale delle spese di rappresentanza è la mancanza di un corrispettivo o di una specifica controprestazione da parte dei destinatari dei beni e servizi erogati. Concept of unitary value, according to paragraph 2 of Article 108 of the Tax Code, for gifts home-made (Simone Guidi Elena Bartolini) With resolution no. 27/E of March, 12, 2014, the Tax Authorities clarified the tax treatment of gifts home made by the company, with specific reference to the concept of full value according to Article 108, paragraph 2, Presidential Decree 917/1986 (Italian Tax Code ITC ). The resolution above concerns gifts produced by the company that are also sold to customer; in this case it is necessary to identify which cost must be accounted for in order to verify the deductibility of the cost (if the production cost or the market value). Concept of entertainment expenses The Tax Authorities confirms what stated in the Decree of the Ministry of Economy and Finance of November, 19, 2008, with reference to which costs can be identified as entertainment expenses: The costs for tourist trips that are planned and carried out promotional activities of goods and services whose production represents the business of the company; The costs for parties and other entertainment events organized in case of company anniversaries or national holidays; The costs for parties and other entertainment events organized in case of opening new branches or offices of the company; The costs for parties and other entertainment events organized in case of exhibitions, fairs and similar events in which they are shown goods and services produced by the company; Any other expenses for goods and services distributed or provided free of charge, including the contributions made free for conferences, seminars and similar events which are inherent to the activity of the company. The entertainment expenses consist of costs incurred to provide free products to promote and strengthen the company s image increasing its appreciation, without these being directly related to revenues. The essential feature of entertainment expenses is the lack of a consideration by the recipient of goods and services. 7 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

8 Limite di deducibilità dal reddito d impresa delle spese di rappresentanza L Agenzia prosegue ricordando che ai fini IRES tali spese sono deducibili nel limite del plafond di deducibilità di cui all articolo 1, comma 2 del DM 19 novembre Tale decreto stabilisce infatti il limite quantitativo entro il quale le spese di rappresentanza sono considerate congrue rispetto al volume dei ricavi dell attività caratteristica dell impresa e, come tali, deducibili nell esercizio in cui sono state sostenute. Le spese eventualmente eccedenti il predetto limite, saranno indeducibili e oggetto di apposita variazione in aumento nella dichiarazione dei redditi. L articolo 108, comma 2, secondo periodo del TUIR, prevede infatti, che le spese di rappresentanza siano deducibili nel periodo d imposta di sostenimento, nei limiti ed alle condizioni stabiliti dal decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 2008 sopra menzionato. L Agenzia ricorda inoltre quanto indicato nell ultimo periodo del medesimo comma dell articolo 108 del TUIR, il quale dispone che sono comunque deducibili le spese relative a beni distribuiti gratuitamente di valore unitario non superiore a 50 euro. Sulla base di quanto appena esposto pertanto, il linea generale, l articolo 108 prevede che le spese relative a beni distribuiti gratuitamente: Siano deducibili integralmente, se i beni hanno un valore unitario non superiore a 50 euro; Ove i beni abbiano valore unitario superiore al predetto limite, si qualificano come spese di rappresentanza e sono deducibili nell esercizio di competenza nei limiti fissati dal DM 19 novembre Per i beni autoprodotti dalla società, occorre pertanto comprendere quale riferimento utilizzare (se costo di produzione o valore di mercato) per determinare la soglia entro la quale il costo può considerarsi interamente deducibile. Concetto di valore unitario La Circolare n. 34 del 13 luglio 2009, al paragrafo 5.4 relativo alle spese relative a beni distribuiti gratuitamente di valore unitario non superiore a 50 euro, utilizza l espressione spese relative all acquisto di beni non riferendosi esplicitamente ai beni alla cui produzione e commercializzazione è rivolta l attività propria dell impresa. Prima della pubblicazione della risoluzione in questione, con specifico riferimento agli omaggi di beni autoprodotti dall impresa, non era pertanto chiaro, se la locuzione valore unitario si riferisse al valore normale o al costo di produzione di tali beni. Limit of deductibility of entertainment expenses in the tax income The Tax Authorities confirms that for IRES purposes, entertainment expenses are deductible within the deductibility limit according to Article 1, paragraph 2, Decree November 19, The Decree provides the quantitative limit within which the expenses are considered reasonable in relation to the volume of the company s core business revenues and, as such, are deductible in the year in which they are incurred. Costs exceeding the above limit, are not deductible in the tax return. According to Article 108, paragraph 2, second period of the ITC, entertainment expenses are deductible in the fiscal year in which they are incurred, within the limits and under the conditions set out by the Decree of Ministry of Economy and Finance above mentioned. The Tax Authorities also points out what indicated in the last period of the same paragraph of Article 108 of the ITC, which provides that in any case the expenses related to goods distributed free of charge with a unitary value not exceeding 50 euro are deductible. On the basis of the above, Article 108 ITC, provides that the expenses related to goods distributed free of charge: Are entirely deductible, if goods have an unitary value not exceeding 50 euro; If goods have an unitary value exceeding the above limit, they are qualified as entertainment expenses and they are deductible in the correct fiscal year within the limit provided by Decree November 19, Regarding the company s goods that are made internally, it is necessary to understand what reference to use (if production cost or market value) to determine the threshold within which the cost can be considered entirely deductible. Concept of full value Paragraph 5.4 of Circular no. 34 of July 13, 2009, relating to expenses on goods distributed free of charge with an unitary value not exceeding 50 euro, uses the expression expenditure on the purchase of goods not referring explicitly to the goods whose production and marketing refers to the core business of the company. With reference to the gifts produced internally by the company, before the Resolution at hand, it was not clear if the term unitary value referred to the normal value or to the production costs of the goods. TLS Newsletter n 6 Anno

9 Diversamente dai beni destinati ad omaggio acquistati da soggetti terzi, (per i quali la spesa sostenuta per l acquisto coincide solitamente con il valore di mercato), per i beni autoprodotti sussiste solitamente una divergenza tra valore (di mercato) e costo sostenuto. La risoluzione in analisi chiarisce che con l utilizzo del termine valore in luogo quello di costo, il legislatore ha voluto riferirsi al valore normale dei beni determinato ai sensi dell art. 9 del TUIR, al quale occorre far riferimento ogni qualvolta occorra quantificare l entità delle liberalità, a vario titolo erogate, nell abito del regime di impresa. In conclusione, sulla base di quanto appena esposto, per i beni autoprodotti oggetto dell attività propria dell impresa (produzione o commercializzazione degli stessi), prodotti dalla società o commissionati a soggetti terzi e dalla società acquistati al fine della rivendita, il valore di mercato dell omaggio rileva unicamente al fine di individuare la spesa di rappresentanza da sottoporre al limite di deducibilità. Una volta qualificata la spesa come di rappresentanza (nel caso quindi di valore di mercato superiore a 50 euro), al limite di deducibilità previsto dall articolo 1, comma 2, del DM 19 novembre 2008 c.d. Plafond di deducibilità, concorrerà interamente il costo di produzione sostenuto dall impresa, indipendentemente dall ammontare (superiore o inferiore a 50 euro). Nel caso in cui il valore normale del bene autoprodotto sia inferiore o uguale a 50 euro, il costo sostenuto dalla società per la produzione dello stesso sarà interamente deducibile senza necessità di sottoporlo al limite dì cui sopra, rientrando questo nell ultimo periodo del comma 2, dell articolo 108 del TUIR. La risoluzione ha fatto quindi luce su un tema che necessitava di chiarimenti ufficiali da parte dell Amministrazione Finanziaria. Differently from the gifts purchased from third parties ( for which the cost for the purchase usually corresponds to the market value), for the home-made gifts, there is usually a difference between the (market) value and the cost incurred. The Resolution explains that with the term value in place of cost, the Tax Legislator intended to refer to the normal value of the goods determined in accordance to Article 9 ITC, to which reference should be made whenever it is necessary to quantify the liberality provided by a company. Therefore, on the basis of the above, regarding the internally made gifts produced by the company or commissioned to third parties and purchased by the company for resale, the market value of the gifts is used for the sole purpose of identifying the entertainment expenses relevant for the deductibility limit. Once qualified the costs are as entertainment expenses (market value exceeding 50 euros), all the production costs incurred by the company, will contribute to constitute the limit independently from the amount according to Article 1, paragraph 2, of Decree of November, 19, In the event that the normal value of the gifts internally produced is less than or equal to 50 euro, the cost incurred by the company for the production will be entirely deductible without the need to submit it to the limit above mentioned, according to paragraph 2, Article 108 ITC. Tax Authorities through the Resolution in analysis explains an issue that needed to be clarified. Depositi IVA in Italia - Novità Giurisprudenziale (Alessia Angela Zanatto Lorenzo Ontano) Dopo l intervento a più riprese del legislatore con norme d interpretazione autentica in merito alla possibilità di effettuare le lavorazioni sui beni in deposito IVA (nel seguito anche deposito ) senza applicazione dell imposta sul valore aggiunto, la Commissione Tributaria di Firenze (nel seguito CTR ), con la sentenza n. 416/30/14 del 24 febbraio 2014, ha disconosciuto l agevolazione IVA sulle prestazioni di servizi eseguite su beni non immessi materialmente nel deposito. VAT warehouse in Italy - Jurisprudential News (Alessia Angela Zanatto Lorenzo Ontano) The Italian legislator intervened and provided a true interpretation (so called interpretazione autentica ) of the VAT law regarding the supplies of services carried out on goods in a VAT warehouse (hereinafter also as warehouse ) without the application of VAT. Recently, the Tax Court of Florence (hereinafter also as the Court ), with the Decision no. 416/30/14 dated February 24, 2014, did not recognize the VAT suspension regime on the supplies of services performed on goods not physically introduced in the VAT warehouse. 9 TLS Newsletter n 6 Anno 2013

10 1. Alcune definizioni Il deposito IVA è un regime contabile sospensivo disciplinato dall art. 50-bis del decreto legge n. 331/1993 (nel seguito D.L. n. 331/1993), che ha implementato in Italia gli articoli da 157 a 160 della Direttiva IVA n. 2006/112/CE. In dettaglio, le seguenti operazioni possono essere effettuate senza pagamento dell IVA: I. quando i beni sono introdotti in un deposito IVA, in caso di: acquisti intra-comunitari; beni immessi in libera pratica (importazioni); cessioni di beni ad un soggetto passivo di altro Stato membro UE, attraverso l introduzione in un deposito IVA italiano; cessioni di beni ai sensi dell Allegato V della Direttiva 2006/112/CE; II. quando i beni sono custoditi nel deposito IVA: cessioni di beni; prestazioni di servizi (ad esempio logistici, di trasporto, ecc.) eseguite sia nel deposito ovvero nei locali limitrofi (sempreché, in tal caso, le suddette operazioni siano di durata non superiore a 60 giorni); III. quando i beni sono estratti dal deposito: cessioni intra-comunitarie (a condizione che tali cessioni non siano imponibili in Italia); esportazioni. IV. Quando i beni sono trasferiti in altri depositi IVA. I depositi IVA sono luoghi fisici. Al fine di beneficiare del regime sospensivo, i beni devono essere fisicamente introdotti nel deposito, mentre la mera presa in carico attraverso scritture di registrazione non è sufficiente. Infatti, il deposito IVA prevede l effettivo stoccaggio e deposito delle merci; perciò non è consentito alcun deposito di tipo virtuale (Circolare n. 16/D del 28 Aprile, 2006). 2. Trattamento IVA delle prestazioni di servizi su beni in deposito Fatta la panoramica in merito alle caratteristiche generali del deposito IVA, nel prosieguo si opera un approfondimento in merito della lettera h), comma 4 dell articolo 50-bis del D.L. n. 331/1993. In particolare, si metteranno a confronto le norme di interpretazione autentica del legislatore con la recente sentenza della CTR. 2.1 La normativa Il suddetto articolo 50-bis al comma 4, lettera h), stabilisce che sono effettuate senza pagamento dell imposta sul valore aggiunto [ ] le prestazioni di servizi, comprese le operazioni di perfezionamento e le manipolazioni usuali, relative a beni custoditi in un deposito IVA, anche se materialmente eseguite non nel deposito stesso, ma nei locali limitrofi sempreché, in tal caso, le suddette operazioni siano di durata non superiore a sessanta giorni. 1. Some definitions The VAT warehouse is a suspensive accounting regime provided for by art. 50-bis of Law Decree n. 331/1993, implementing artt. from 157 to 160 of VAT Directive 2006/112/EC. In detail, the following transactions can be carried out without VAT payment: I. introduction into the VAT warehouse, in case of: intra-eu acquisitions; goods put into free circulation (importations); supplies of goods to a taxable person in another EU Member State and introduced into an Italian VAT warehouse; supplies of goods quoted in Annex V of Directive no. 2006/112/EC; II. while the goods are stored in the VAT warehouse, in particular: - supplies of goods; - supplies of services (such as logistic, transport, etc.) carried out either in the warehouse or in close premises (provided that in such case, the foregoing operations are carried out in periods not exceeding 60 days); III. withdrawn from the warehouse, in particular: intra-eu supplies (provided that such supplies are exempt from VAT in Italy); exports. IV. Transfers to other VAT warehouses. VAT warehouses are physical places. In this respect, in order to benefit from the VAT warehousing simplification regime, goods have to be physically introduced into the warehouse, while the mere recording into registers does not suffice to the purpose. Indeed, the VAT warehouse fulfills the functions of effective storage and keeping of goods: no virtual storage of goods is allowed (Circular Letter n. 16/D, April 28, 2006). 2. VAT treatment of the supplies of goods in the warehouse Provided the general rules regulating the VAT warehousing regime, below an analysis of the letter h), paragraph 4 of art. 50-bis of Law Decree no. 331/1993. In particular, the legislative provision regarding the true interpretation of the law will be compared to the above-mentioned judgment of the Court. 2.1 The legislation Art. 50-bis, paragraph 4, letter h) of Law Decree no. 331/1993 states that are carried out without payment of VAT [ ] the provision of services, included the usual operations of processing and handling, relating to goods held in a VAT warehouse, although not physically carried out into the warehouse, but in adjacent premises, provided that in such a case, the foregoing operations are carried out in periods not exceeding sixty days. TLS Newsletter n 6 Anno

11 2.2 Le norme di interpretazione autentica Il legislatore, nel corso degli ultimi anni, è intervenuto a chiarimento della suddetta norma con disposizioni interpretative e relative integrazioni. Il primo intervento risale al Nello specifico, il comma 5-bis dell art. 16, decreto legge n. 185/2008 (nel seguito D.L. n. 185/2008), ha stabilito che il suddetto comma 4, lettera h) dell articolo 50-bis, si interpreta nel senso che le prestazioni di servizi ivi indicate, relative a beni consegnati al depositario, costituiscono ad ogni effetto introduzione nel deposito IVA (quindi sono effettuate senza pagamento dell imposta). Al fine di specificare meglio il campo di applicazione della suddetta norma di interpretazione autentica, il legislatore è intervenuto nel 2012 integrandola in due riprese. Innanzitutto, con l articolo 8, comma 21-bis del decreto legge n. 16/2012 (cosiddetto decreto semplificazioni ), il quale ha integrato il comma 5-bis dell art. 16, D.L. n. 185/2008, stabilendo che le prestazioni di servizi effettuate sui beni consegnati al depositario autorizzato al deposito IVA sono considerate come un effettiva introduzione dei beni nel deposito IVA, anche senza tempi minimi di giacenza né l obbligo di scarico delle merci dal mezzo di trasporto. Successivamente, con l articolo 34, comma 44 del decreto legge n. 179/2012 (cosiddetto decreto crescita-bis ), il quale ha sancito che l introduzione si intende realizzata anche negli spazi limitrofi al deposito IVA, senza che sia necessaria la preventiva introduzione della merce nel deposito. Alla luce del combinato disposto delle norme di cui sopra, per l applicazione del regime di sospensione dell imposta connesso all utilizzo dei depositi IVA, non sarebbero necessari: 1) la materiale introduzione dei beni nella struttura. Infatti le prestazioni di servizi, che costituiscono ad ogni effetto introduzione nel deposito IVA, possono essere effettuate anche negli spazi limitrofi; 2) una giacenza minima, ossia un tempo minimo di custodia dei beni sottoposti al regime di deposito; 3) l obbligo di scarico delle merci dal mezzo di trasporto. Ciò detto, si ritiene comunque necessaria la sussistenza di una valida motivazione economica-giuridica dell operazione, connessa alla specificità del contratto di deposito. Infatti, venendo meno tali valide motivazioni, anche lo scarico del mezzo e una prolungata giacenza della merce in deposito non sarebbero sufficienti per identificare una corretta gestione del deposito IVA. 2.2 The legislative provision regarding the true interpretation of the law Over the last years, the Italian legislator issued legislative provisions regarding how the above-mentioned law has to be interpreted and relevant integrations of the latter, in order to better clarify the scope of application of the above-mentioned art. 50-bis, paragraph 4, letter h) of Law Decree no. 331/1993. The first intervention was in In particular, paragraph 5-bis of art. 16, Law Decree no. 185/2008, provided that the above paragraph 4, letter h) of article 50-bis has to be interpreted in the sense that the provisions of services therein indicated, related to the goods delivered to the warehouse keeper, are assimilated to the actual introductions into the VAT warehouse (and, accordingly, are performed without Italian VAT). In order to better clarify the scope of that provision, in 2012, the legislator intervened twice by integrating the above-mentioned Law Decree no. 185/2008. First of all, according to art. 8, paragraph 21-bis of Law Decree no. 16/2012 (so-called decreto semplificazioni ), which integrated the paragraph 5-bis of art. 16, Law Decree no. 185/2008, the provisions of services carried out on goods handed to the VAT warehouse keeper are considered as an actual introduction of the goods into the VAT warehouse, without the necessity for the goods to stay in the warehouse for a certain minimum period nor the obligation to unload the goods from the means of transport. At second instance, according to art. 34, paragraph 44 of Law Decree no. 179/2012 (the so-called decreto crescita-bis ), the introduction in the VAT warehouse is considered as carried out also by using the premises adjacent to the VAT warehouse, without the need for the prior introduction of the goods in the warehouse itself. In the light of the above two provisions, for the application of the VAT suspension regime in relation to the use of the VAT warehouse, the following should not be necessary: 1) the physical introduction of the goods into the warehouse. Indeed, the provisions of services, which constitute the introduction in the VAT warehouse, can be carried out also in the areas adjacent to the warehouse; 2) a period of stock for the goods to be stocked in the VAT warehouse; 3) the requirement to unload the goods from the mean of transport. However, it is considered as mandatory the existence of a valid economic-legal reason for the transaction, related to the specific nature of the warehouse agreement. Indeed, failing this valid reason, even unloading the goods and having a long storage of them in the warehouse are not sufficient to benefit from the warehousing regime. 11 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

12 2.3 L orientamento giurisprudenziale Posto il contesto normativo e interpretativo di cui sopra, la sentenza della CTR stabilisce come necessaria l introduzione fisica della merce in deposito. Nel caso oggetto di analisi, il contribuente aveva ritenuto applicabile il beneficio del regime sospensivo dell IVA per le prestazioni di servizi sui beni virtualmente immessi nel deposito, ai sensi della norma d interpretazione autentica prevista dal sopra menzionato articolo 16, comma 5-bis, del D.L. n. 185/2008. La Commissione Tributaria Regionale di Firenze ha ritenuto, però, che l articolo 50-bis, comma 4, lettera h) del D.L. n. 331/1993, in merito all introduzione fisica e la custodia della merce in deposito, debba interpretarsi in modo letterale disconoscendo così la possibilità dell introduzione virtuale della merce nel deposito senza la preventiva introduzione della merce. Infine, per la suddetta Commissione appare corretta la valutazione effettuata dal giudice di primo grado, secondo il quale [ ] l articolo 50-bis dispone l introduzione e la custodia delle merci, talché, sotto il profilo letterale oltre che logico, deve essere esclusa l introduzione virtuale invocata, attendendosi all orientamento della Cassazione (Sentenze n e del 19 maggio 2010, anche se anteriori agli interventi legislativi interpretativi del 2012), secondo cui la gestione dei depositi IVA non può prescindere dalla materiale introduzione delle merci nel deposito e secondo cui le caratteristiche civilistiche del contratto di deposito fanno sì che non possa mai venir meno la materiale introduzione dei beni nello stesso. 2.3 The jurisprudence Considered the above-mentioned legal framework and its relevant interpretation, the judgment of the Court provides for the physical introduction of the goods into the warehouse. In the case under analysis, the claimant applied the benefit of the VAT suspensive regime for the provisions of services on goods virtually stored in the VAT warehouse, according to the above-mentioned art. 16, paragraph 5-bis of Law Decree no. 185/2008. However, according to the Tax Court, art. 50-bis, paragraph 4, letter h) of Law Decree n. 331/1993, regarding the introduction and physical custody of the goods into the warehouse, has to be interpreted literally, disregarding the possibility to carry out a virtual introduction of the goods in the warehouse without their physical stock. Finally, the Court agrees with the assessment carried out by the judges of first instance (i.e. Provincial Tax Court), according to whom [...] art. 50-bis provides for the introduction and storage of the goods, so that, from a literal and a logical point of view, should be excluded the virtual introduction which was invoked. Such a principle is in line with the Supreme Court decisions (please refer to Decisions no and no dated May 19, 2010, even if issued prior the legislative interventions of 2012): according to such documents the management of VAT warehouses cannot leave out of consideration the material introduction of the goods into the warehouse and the civil law conditions of the warehouse agreement cannot provide for the avoidance of the material introduction of the goods in the warehouse itself. Riduzione dell aliquota IRAP e impatto sugli acconti (Marta Primavesi Jacopo Meregalli) La riduzione dell aliquota IRAP L articolo 2, comma 1, D.L. n. 66/2014, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 95 il 24 aprile 2014, prevede che A decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, sono apportate le seguenti modificazioni: a) all articolo 16, comma 1, le parole l aliquota del 3,9 per cento sono sostituite dalle seguenti: l aliquota del 3,50 per cento ; b) all articolo 16, comma 1-bis, sono apportate le seguenti modificazioni: 1) alla lettera a), le parole l aliquota del 4,20 per cento sono sostituite dalle seguenti: l aliquota del 3,80 per cento ; 2) alla lettera b), le parole l aliquota del 4,65 per cento sono sostituite dalle seguenti: l aliquota del 4,20 per cento ; The reduction of the IRAP tax rate and the increase of ACE (Marta Primavesi Jacopo Meregalli) The reduction of the IRAP tax rate Article 2, paragraph 1, Law Decree no. 66/2014, published in Gazzetta Ufficiale, no. 95, dated April 24, 2014, provides that Starting from the tax year following the year in progress at December 31, 2013, the following amendments are applied to the Legislative Decree no. 446, dated December 15, 1997: a) in Article 16, paragraph 1, the words the rate of 3.90 per cent are replaced by the following: the rate of 3.50 per cent ; b) in Article 16, paragraph 1-bis, the following amendments are applied: 1) in letter a), the words the rate of 4.20 per cent are replaced by the following: the rate of 3.80 per cent ; 2) in letter b), the words the rate of 4.65 per cent are replaced by the following: the rate of 4.20 per cent ; TLS Newsletter n 6 Anno

13 3) alla lettera c), le parole l aliquota del 5,90 per cento sono sostituite dalle seguenti: l aliquota del 5,30 per cento ; c) all articolo 45, comma 1, le parole nella misura dell 1,9 per cento sono sostituite dalle seguenti: nella misura del 1,70 per cento. Pertanto, le aliquote IRAP, a decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, subiranno una generalizzata riduzione che, in media, è pari al 10%. L aliquota di base per le imprese industriali e commerciali e per i liberi professionisti cala dello 0,40% rispetto all attuale 3,90%; per le banche e le società finanziarie lo sconto è pari allo 0,45% (sull attuale 4,65%); per le assicurazioni è pari allo 0,60% (sull attuale 5,90%); le imprese agricole usufruiranno di un bonus dello 0,20% (sul vigente 1,90%) mentre per le imprese concessionarie di opere diverse da autostrade e trafori l aliquota passa dal 4,20% al 3,80%. Il provvedimento, agendo sull aliquota che grava sull imponibile complessivo, anziché sulle deduzioni per costo del personale, avrà un effetto generalizzato: ne gioveranno cioè anche quei contribuenti che non hanno dipendenti o collaboratori, il cui reddito soggetto al tributo regionale è composto esclusivamente da risultato operativo e oneri finanziari. L impatto sui versamenti da effettuarsi nell anno 2014 La riduzione generalizzata dell aliquota IRAP, avendo effetto dall esercizio successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, impatta sulla determinazione dell acconto IRAP qualora il contribuente scelga di utilizzare il metodo previsionale. Infatti, l articolo 2, comma 2, D.L. n. 66/2014, prevede che Ai fini della determinazione dell acconto relativo al periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013 secondo il criterio previsionale in luogo delle aliquote di cui alle lettere a), b), e c) del comma 1 applicabili al periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013, si tiene conto, rispettivamente, delle aliquote del 3,75; 4,00; 4,50; 5,70 e 1,80 per cento. Il Decreto stabilisce quindi la possibilità, per le imprese che determineranno l acconto per il periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2013 secondo il metodo previsionale (i.e. il 2014 per i soggetti con periodo d imposta coincidente con l anno solare), di tenere conto in parte delle nuove aliquote, applicando una percentuale intermedia tra quella vecchia e quella nuova al fine di contenere il più possibile la riduzione delle entrate nel Non sono invece previsti effetti tangibili della riduzione dell aliquota IRAP né sull acconto relativo all anno 2014 determinato secondo il metodo storico, ovvero applicando il 101,5% sull imposta dovuta per l anno 2013, né sul saldo relativo all anno 2013, determinato secondo le aliquote previgenti. 3) in letter c), the words the rate of 5.90 per cent are replaced by the following: the rate of 5.30 per cent ; c) in Article 45, paragraph 1, the words to the extent of 1.90 per cent are replaced by the following: to the extent rate of 1.70 per cent ; As a consequence, starting from the tax year following the year in progress at December 31, 2013, the IRAP tax rates will be generally reduced by a 10%. The ordinary tax rate for industrial and commercial companies and freelancers drops of 0.40% from the current 3.90%; for banks and financial companies, the discount is equal to 0.45% (on the current 4.65%); for insurance is equal to 0.60% (on the current 5.90%); the agricultural enterprises will benefit from a bonus of 0.20% (on the current 1.90%), while for the concessionaires of works different from motorways and tunnels, the tax rate rose from 4.20% to 3.80%. The above mentioned Law Decree, reducing the tax rate which is applied on the IRAP taxable basis, rather than on the deductions for personnel costs, will have a general effect: also the taxpayers without employees or collaborators will benefit from the reduction of the IRAP tax rate. The impacts on payments due for the year 2014 The general reduction of the IRAP tax rate, producing its effect starting from the following year to the year in progress at December 31, 2013, impacts on the determination of the IRAP advance payments IRAP in case the taxpayer apply the forecasting method for their calculation. In fact, Article 2, paragraph 2, Law Decree no. 66/2014, provides that For the calculation of the advance payment relating to the tax year following the year in progress at December 31, 2013, according to the forecasting method... the rates of 3.75; 4.00; 4.50; 5.70 and 1.80 per cent are taken into account in place of the tax rates mentioned in points a), b) and c) of paragraph 1 applicable only starting from the fiscal year following the year in progress at December 31, The above mentioned Law Decree states that companies that will determine the advance payments for the fiscal year following the year in progress at December 31, 2013, according to the forecasting method (i.e. year 2014 for those entities having the fiscal period coinciding with the calendar year), can partially consider the new tax rates by applying a tax rate between the old one and the new one in order to limit as much as possible the reduction of revenues for the fiscal year The increase of the IRAP tax rate has no tangible effects both on the IRAP advance payments determined according to the so called historical method, that is by applying the 101,5% on the IRAP due for the fiscal year 2013, and on the IRAP 2013 balance payment, determined with the rates previously in force. 13 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

14 L aumento dell ACE e l impatto sui versamenti da effettuarsi nell anno 2014 Per i soggetti con periodo d imposta coincidente con l anno solare, il 2013 rappresenta il terzo esercizio in cui trova applicazione l incentivo alla capitalizzazione delle imprese denominato ACE (i.e. Aiuto alla Crescita Economica), introdotto dall art. 1, D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 allo scopo di premiare le aziende che decidono di rafforzare la propria struttura patrimoniale. Per il primo triennio, l articolo 1, comma 3, D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, prevede un aliquota del rendimento nozionale pari al 3%. L art. 1, comma 3, D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 prevede inoltre che Dal quarto periodo di imposta l aliquota percentuale per il calcolo del rendimento nozionale del nuovo capitale proprio è determinata con decreto del Ministro dell economia e delle finanze da emanare entro il 31 gennaio di ogni anno, tenendo conto dei rendimenti finanziari medi dei titoli obbligazionari pubblici, aumentabili di ulteriori tre punti percentuali a titolo di compensazione del maggior rischio. L articolo 1, comma 137, L. 147/2013 (c.d. Legge di stabilità) ha aumentato il rendimento nozionale dell aiuto alla crescita economica (c.d. ACE) per il triennio , prevedendo un graduale innalzamento dell aliquota. In particolare la norma prevede che per il periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2014, al 31 dicembre 2015 e al 31 dicembre 2016 l aliquota è fissata, rispettivamente, al 4 per cento, al 4,5 per cento e al 4,75 per cento. L aumento del rendimento nozionale, punta a consentire una maggiore riduzione del carico impositivo ma l effetto non si manifesterà sui versamenti da effettuarsi nell anno Infatti, l articolo 1, comma 138, L. 147/2013, prevede che i soggetti che beneficiano della deduzione ACE determinano l acconto delle imposte sui redditi dovute per i periodi d imposta in corso al 31 dicembre 2014 e al 31 dicembre 2015 utilizzando l aliquota percentuale per il calcolo del rendimento nozionale del capitale proprio relativa al periodo d imposta precedente. Quindi, in sede di versamento degli acconti per l anno 2014 non vi sarà alcun effetto tangibile: gli acconti andranno infatti determinati considerando la misura del 3%, anche se determinati con il metodo previsionale. La deducibilità dell IMU dal reddito d impresa e gli acconti per l anno 2014 Si ricorda che l articolo 1, comma 715, L. 147/2013 (c.d. Legge di stabilità) prevede che L imposta municipale propria relativa agli immobili strumentali è deducibile ai fini della determinazione del reddito di impresa e del reddito derivante dall esercizio di arti e professioni nella misura del 20 per cento. La medesima imposta è indeducibile ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive. Inoltre, il comma 716, prevede che tale deduzione ha effetto a decorrere dal periodo d imposta in corso al 31 dicembre Per il periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2013, l aliquota di cui al comma 715 è elevata al 30 per cento. The increase of ACE and the impact on the payments due for fiscal year 2014 For those taxpayers having the fiscal period coinciding with the calendar year, the fiscal year 2013 is the third period in which the ACE (i.e. the Allowance for Corporate Equity), introduced by Article 1, of Law Decree dated December 6, 2011, no. 201 in order to reward companies which decide to strengthen their capital structure, is applied. For the first three years, Article 1, paragraph 3, Law Decree dated December 6, 2011, no. 201, states a notional rate of return equal to 3%. Article 1, paragraph 3, Law Decree dated December 6, 2011, no. 201, states that Starting from the fourth fiscal period, the rate for the calculation of the notional return is determined by a Decree of the Minister of Economy and Finance to be issued by January 31 of each year, taking into account the average financial returns on public bonds, which can be increased by additional three percentage points as compensation for the greater risk. Article 1, paragraph 137, Law no. 147/2013 (the so called Stability Law) increased the notional return of the Allowance for Corporate Equity (i.e. ACE) for the period , providing for a gradual increase in the rate. In particular the Law states that for the fiscal period in progress at December 31, 2014, December 31, 2015 and December 31, 2016, the rate is fixed, respectively, at 4 per cent, 4.5 per cent and 4.75 per cent. The increase in the notional return, aims to allow a greater reduction in the tax burden, but its effect does not have consequences on the tax payments due in the year Infact, Article 1, paragraph 138, Law no. 147/2013, provides that those taxpayers who benefit from the deduction of ACE determine the income tax advance payments for the fiscal periods in progress at December 31, 2014, and December 31, 2015, with the percentage rate used for calculation of the notional return relating to the previous tax period. As a consequence, there will be no tangible effects on the calculation of the advance payments for fiscal year 2014: the latter will be determined considering the rate of 3%, although determined by the forecasting method. IMU deduction from the taxable income and the advance payments due for fiscal year 2014 We remind you that Article 1, paragraph 715, Law no. 147/2013 (i.e. Stability Law) provides that The municipal tax relating to instrumental properties is deductible from the taxable basis of the business income and from the taxable basis arising from the exercise of trades and professions to the extent of 20 per cent. The above mentioned municipal tax is not deductible from the taxable basis of the regional production tax. In addition, paragraph 716, provides that the deduction has effect starting from the tax period in progress at December 31, For the tax period in progress at December 31, 2013, the rate mentioned in the paragraph 715 is high to 30 percent. TLS Newsletter n 6 Anno

15 La norma prevede quindi una minor percentuale di deducibilità dell IMU per l anno 2014 e seguenti rispetto a quella stabilita per l anno Tuttavia, poiché la norma non prevede nulla circa la determinazione degli acconti IRES dovuti per l anno 2014, si ritiene che tale riduzione di aliquota non abbia alcun effetto sulla determinazione dei predetti acconti. Therefore the Law provides a lower deductible percentage of the IMU for fiscal year 2014 and the following ones compared to that established for the year However, because the rule does not provide anything about the calculation of IRES advance payments due for fiscal year 2014, we deemed that this rate reduction has no effects on the determination of the above advance payments. Stop alla deducibilità dei compensi erogati agli amministratori se manca la delibera assembleare (Mia Pasini Luca Piemontese) Stop to the deduction of remuneration paid to the directors without shareholders resolution (Mia Pasini Luca Piemontese) La deducibilità dei compensi erogati agli amministratori è ritenuta idonea solo laddove tali emolumenti siano stati deliberati esplicitamente dai soci riuniti in assemblea. Tale è il principio espresso dalla Corte di Cassazione nella sentenza n del 7 marzo 2014, nella quale, come anticipato, è stato affrontato il delicato tema relativo alla deducibilità degli emolumenti corrisposti agli amministratori. A tal proposito, si ricorda che l art. 95 comma 5 del Tuir recita: i compensi spettanti agli amministratori delle società ed enti di cui all art. 73, comma 1, sono deducibili nell esercizio in cui sono corrisposti. Le norme che regolano la deducibilità dei costi in questione non si rifanno, quindi, al generale principio di competenza ma seguono il c.d. criterio di cassa. Tuttavia, al fine di analizzare la disciplina in oggetto, occorre rifarsi non solo alla normativa tributaria ma anche a quella civilistica. In particolare, l art del codice civile stabilisce che i compensi degli amministratori devono necessariamente essere deliberati dall assemblea dei soci salvo che non siano già stabiliti all interno dello statuto. Sulla base proprio di tale previsione normativa, la Cassazione a Sezione Unite, nell ambito di un processo civile, con la sentenza n del 29 agosto 2008, aveva già affrontato la questione in oggetto affermando che: Le sezioni unite ritengono che debba essere preferito l orientamento che ritiene necessaria l esplicita delibera assembleare di determinazione e che nega che tale delibera possa considerarsi implicita in quella di approvazione del bilancio. The deduction of the remuneration granted to directors is granted only where such remuneration have been resolved by the shareholders meeting. The Supreme Court stated this principle in its decision no dated March 7, 2014, in which the delicate issue relating to the deduction of the remuneration granted to directors was treated. In this regard, article 95, paragraph 5 of the Italian Tax Code states that the remuneration to directors of the companies included in the article 73, paragraph 1, are deductible in the year of the payment. The deduction of the remuneration is not made on accrual basis, but it follows the so-called cash principle. In order to analyze these rules it is necessary, however, to refer not only to the tax legislation but also to the civil code rules. In particular, article 2389 of the Italian Civil Code provides that the remuneration of the Directors need to be declared by the shareholders meeting unless they are already established in the company by-law. On the basis of the above mentioned article, the Supreme Court in plenary section, with its decision no dated August 29, 2008 already addressed the issue in question stating that: The Supreme Court in plenary section believes that it should be preferred the approach which considers necessary the explicit resolution of the shareholder and rejects that such resolution can be considered implicit in the resolution relevant to approval of the yearly financial statement. A seguito di quanto espresso dalle sezioni Unite, risulta, It is therefore clear that, with reference to deduction of remuneration pertanto, evidente come, in tema di deducibilità dei compensi of directors, the Supreme Court wanted to state the degli amministratori, si possano ricavare i seguenti following principles: fondamentali principi: 15 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

16 per la debenza dei compensi erogati agli amministratori, qualora questi non siano stabiliti nello statuto, costituisce condicio sine qua non la preventiva delibera assembleare, così come previsto dall art del codice civile; la delibera assembleare richiesta non può considerarsi implicita in quella di approvazione del bilancio ma deve essere discussa separatamente dai soci. Tuttavia le Sezioni Unite, con la sentenza n del 2008, non si sono espresse direttamente in merito alla deducibilità dei costi in questione, ma hanno chiarito che i requisiti di certezza e inerenza, necessari per la predetta deduzione, sono dimostrabili a fronte di specifica delibera assembleare. Infatti, gli Ermellini hanno chiaramente affermato che: Dall art c.c. emerge con chiarezza che la legge considera le deliberazioni di approvazione del bilancio (n. 1) e quelle di determinazione dei compensi degli amministratori (n. 3) come aventi oggetto e contenuto diverso, l una essendo diretta a controllare la legittimità di un atto di competenza degli amministratori, approvandolo o non approvandolo, l altra avendo la funzione di determinare o stabilire (art. 2389) il compenso. E poiché è certo che il bilancio in ogni caso contiene la posta relativa al compenso degli amministratori, a voler ammettere che la delibera di approvazione debba ritenersi come implicita determinazione del compenso, la norma di cui si tratta sarebbe del tutto inutile. Nonostante il predetto intervento delle Sezioni Unite del 2008, non sono mancate, in ambito tributario, le pronunce di merito che hanno ribadito la deducibilità dei compensi erogati agli amministratori anche in assenza di specifica delibera in assemblea. Tra le ultime sentenze del predetto filone, si segnala la n. 128/07/2013 emanata dalla Commissione Tributaria Regionale di Milano, che ha costruito il suo iter logico sulla base delle seguenti argomentazioni: l unico parametro che deve essere rispettato per procedere alla deduzione dei costi in oggetto è l effettività dell erogazione del compenso, in ossequio al principio di cassa; la necessaria delibera assembleare, così come previsto dall art del Codice Civile, è una norma che esaurisce i propri effetti limitatamente all ambito civilistico e non a quello fiscale; la ripresa a tassazione da parte della Società comporterebbe quale conseguenza una illegittima duplicazione d imposta, essendo gli emolumenti tassabili in capo agli amministratori medesimi; il fatto che i compensi siano inseriti all interno del bilancio d esercizio approvato dai soci rappresenta un sostanziale, nonché formale consenso e approvazione alla loro erogazione. Il dibattito sui requisiti necessari per la deducibilità dei compensi agli amministratori, appariva, pertanto, sicuramente ancora acceso. with reference to the obligation to pay the remuneration (not established in the company by-law) paid to the directors, it is necessary a shareholders meeting resolution, as required by art of the Italian Civil Code; the shareholders resolution cannot be considered implicit in the approval of the yearly financial statement but should be discussed separately by the shareholders. However the Supreme Court, with the decision no /2008, did not express directly on the deduction of the costs involved. On the contrary the Supreme Court stated that the requirements of certainty and inherence, necessary for the above mentioned deduction, can be demonstrated only with the resolution of the shareholder meeting. The Supreme Court clearly stated that: Article 2364 of the Italian Civil Code states that the law considers the resolutions of approval of the financial statement (no. 1) and the determination of the remuneration of directors (No. 3) as different, one having the aim to verify that an act is compliant with the legal responsibility of the directors, approving or not approving it, and the other having the function to determine or establish (Art. 2389), the remuneration. And since it is certain that the yearly financial statements, in any case, contains the remuneration of the directors, if it is accepted that the resolution to approve must be regarded as an implicit determination of compensation, the rule in question would be completely useless. Despite the above mentioned considerations, there are decisions of Judges of first and second instance, which admit the deduction of remuneration paid to Directors without of a specific resolution of the shareholder meeting. In this regard, we report the decision no. 128/07/2013 issued by the Regional Tax Court of Milan, which is based on the following arguments: the only criteria which has to be respected in order to deduct this type of costs is the effective payment of the remuneration, in accordance with the cash principle; the necessity of the resolution of the shareholder meeting is only a civil rule, not applicable to the tax discipline; the taxation of the remuneration would involve a double taxation because the remuneration it is already taxable by the directors. the recording of the remuneration in the financial statements approved by the shareholders, represents a substantial and formal approval in order to carry out the payment. The discussion about the criteria for the deduction of remuneration of directors was still open. TLS Newsletter n 6 Anno

17 Su tali premesse, si innesta, quindi, la sentenza della Corte di Cassazione n del 7 marzo 2014, che ha sostanzialmente accolto, in ambito tributario, i principi espressi dalle Sezioni Unite nel I giudici di legittimità hanno, infatti, cassato la sentenza della Commissione Regionale, che aveva accolto le ragioni del contribuente: dando per scontato l effettivo svolgimento dell attività gestoria e, solo per questo accordando la deducibilità dei relativi costi, a prescindere dalla sussistenza di tali necessari presupposti (preventiva delibera assembleare per il compenso dell amministratore). In particolare, la Suprema Corte ha ribadito quanto già chiaramente affermato dalle Sezioni Unite, in merito alla necessaria delibera assembleare per la deducibilità dei costi, sottolineando che: l approvazione del bilancio contenente la posta relativa ai compensi degli amministratori non è idonea a configurare la specifica delibera richiesta dall art. 2389, salvo che un assemblea convocata solo per l approvazione del bilancio, essendo totalitaria, non abbia espressamente discusso e approvato la proposta di determinazione dei compensi degli amministratori. A parere dei Giudici di legittimità, pertanto, la dimostrazione della certezza del costo di cui all art. 109 del Tuir, non si esaurisce con l effettiva prova relativa all erogazione dei compensi, ma è necessaria la relativa delibera assembleare. I Giudici di Legittimità hanno, quindi, mutuato una norma civilistica (art del codice civile) in ambito fiscale, subordinando la deducibilità dei compensi erogati agli amministratori alla delibera assembleare di cui al codice civile. In virtù di tale orientamento della Cassazione, è opportuno che le società, al fine di non incorrere in possibili contestazioni da parte dell Agenzia delle Entrate pongano in essere specifiche delibere assembleari che stabiliscono l importo dei compensi spettanti agli amministratori e le eventuali modifiche. On this basis, the decision of the Supreme Court no on March 7, 2014, was issued which essentially upheld the principles stated by the Court itself in The Supreme Court, in fact, rejected the decision of the Tax Regional Court, in favor of the taxpayer, assuming the actual performance of the management activity and, for this reason, granting the deduction of related costs, without the confirmation of the existence of these necessary conditions (resolution of the shareholders meeting). In particular, the Supreme Court confirmed what has already been clearly stated by the Supreme Court in United Sections, with regard to the necessary shareholder resolution for the deduction of these costs, noting that the approval of the financial statement that contains the remuneration of directors is not enough to configure the specific resolution required by article 2389 of the Italian Civil Code, unless that a plenary shareholding meeting convened to approve the financial statements, expressly discussed and approved the proposal to determine the remuneration of the directors. In the opinion of the Supreme Court, therefore, the evidence of the certainty of the cost according to article 109 of the Italian Tax Code, was not the actual payment of the retribution, but is necessary a specific Shareholders resolution. The Supreme Court transferred a civil code rule (article 2389 of the Civil Code) in the tax law area. In order to deduct this amount, it is necessary to have a resolution of the shareholders meeting. Due to this approach of the Supreme Court, it is appropriate that the companies, in order not to incur in the possible tax assessments of the Italian tax Authorities declare specific shareholder resolutions which determine the amount of remuneration paid to directors and any changes. L addizionale IRES per il settore finanziario ed assicurativo: riflessioni in vista del versamento (Arturo Cassina - Roberto Colatorti) 1. Premessa L istituzione con effetti retroattivi dell addizionale IRES dell 8,5% sui redditi prodotti nel 2013 da banche, enti finanziari ed assicurativi ha suscitato, fin dalla sua introduzione, particolari incertezze applicative con riferimento al novero di soggetti interessati dall imposta una tantum e alle modalità di applicazione della stessa. Inoltre, da più parti sono stati sollevati dubbi di legittimità costituzionale The Corporate Income Surtax for banking and insurance industry: some reflections for the payment (Arturo Cassina - Roberto Colatorti) 1.Introduction The institution with retroactive effects of the 8,5% surtax on the 2013 corporate income for banks, financial entities and insurance companies has raised, since its introduction, particular uncertainties in relation to the taxpayers liable to the una tantum tax, and to the method of application thereof. In addition, several commentators raised some doubts upon the constitutionality of the law provision, considered either 17 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

18 della norma, considerata ingiustamente discriminatoria del settore finanziario (artt. 3 e 53 Cost.) ovvero in contrasto con i criteri di legiferazione previsti dall art. 77 della Costituzione. Con l approssimarsi della scadenza del termine per il versamento del saldo IRES per il periodo di imposta 2013, gli operatori del settore sono chiamati a verificare l esatta delimitazione dell ambito soggettivo dell addizionale, le modalità di computo e di assolvimento della stessa, e a valutare i profili di illegittimità costituzionale della norma per un eventuale istanza di rimborso e conseguente ricorso giudiziario. È da segnalare anche che nelle more della pubblicazione del presente contributo, il 5 giugno scorso l Agenzia delle Entrate ha emanato la Circolare n. 15/E che contiene indicazioni utili per risolvere i dubbi interpretativi e gli adempimenti connessi al tributo. Tali indicazioni confermano, di fatto, le soluzioni interpretative sviluppate dagli operatori più attenti ed illustrate nel prosieguo. 2. Ambito soggettivo, base imponibile e versamento L art. 2, comma 2, Decreto Legge 30 novembre 2013 n. 133 (c.d. Decreto IMU-Banca d Italia, convertito in Legge 29 gennaio 2014, n. 5), ha previsto per il solo periodo di imposta in corso al 31/12/2013 una addizionale dell IRES di 8,5 punti percentuali per gli enti creditizi e finanziari, per Banca d Italia e per le società e gli enti che esercitano attività assicurativa. In relazione agli enti bancari e finanziari, la norma istitutiva dell addizionale opera un rinvio ai soggetti di cui al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 87 concernente la redazione dei bilanci d esercizio e consolidato di tali soggetti. In particolare, l addizionale è dovuta dai seguenti soggetti: banche; società di gestione di fondi comuni di investimento mobiliare di cui alla L. 23 marzo 1983, n. 77; società finanziarie capogruppo dei gruppi bancari iscritti nell albo; società d intermediazione mobiliare (SIM) di cui alla L. 2 gennaio 1991, n.1; intermediari finanziari, istituti di pagamento ed istituti di moneta elettronica di cui ai titoli V, V-bis e V-ter del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 (TUB); società esercenti altre attività finanziarie indicate nell art. 59, comma 1, lettera b), dello stesso testo unico. Stando al tenore letterale della norma, l ambito soggettivo di applicazione dell addizionale IRES coincide con l insieme dei soggetti tenuti all osservanza delle norme in materia di redazione del bilancio per banche ed enti finanziari. Non vi è alcun riferimento o rinvio ad obblighi di iscrizione in elenchi o albi, né all assoggettamento a forme di vigilanza da parte delle autorità di settore. unjustly discriminatory for the financial industry (Articles 3 and 53 of the Constitution); or in contrast with the criteria set by Article 77 of the Constitution. As we approach the deadline for the settlement of the IRES tax for 2013, financial operators are required to verify the exact delimitation of the scope of the surtax, the methods of calculation and payment, and to evaluate some aspects of unconstitutionality in order to consider the possibility to submit a refund claim and subsequent appeal to the judicial court. It is noteworthy that last June, 5, pending the publication of this article, the Italian tax authority has issued the Circular Letter no. 15/E which contains useful clarifications in order to solve some doubts of interpretation and all the fulfillments related to this tax. These indications confirm, in fact, the interpretive solutions developed by the financial operators and illustrated below. 2. Scope of application, tax base and payment Article 2, paragraph 2, Legislative Decree November 30, 2013, n. 133 (so-called Decree IMU-Bank of Italy converted into Law January 29, 2014, n. 5), provides for the introduction of a surtax of 8.5 percentage points of the corporate income tax (IRES) for banking and financial entities, for Bank of Italy and for insurance companies. The surtax in only applicable in relation to 2013 tax year. As regards banking and financial entities, the above mentioned law recalls the entities subject to the rules set by Legislative Decree 27 January 1992, n. 87 on the preparation of financial statements and consolidated financial statements of those entities. In particular, the surtax is applicable to the following entities: banks; asset management companies provided for in Law 23 March 1983, n. 77; financial holding companies of banking groups entered in the register; investment firms (SIM) provided for in Law 2 January 1991, n. 1; financial intermediaries, payment institutions and electronic money institutions under Titles V, V-bis and V-ter of Legislative Decree 1 September 1993, n. 385 (TUB Banking Code); companies carrying out other financial activities provided for in Article 59, paragraph 1, letter b) of the Banking Code. According to the wording of the rule, the scope of application of the IRES surtax coincides with the entities bound to prepare the financial statement according to the rules applicable to banks and financial entities. There is no mention or reference to some lists or registers held by Bank of Italy, nor to being subject to some forms of supervision by the financial authorities. TLS Newsletter n 6 Anno

19 Una diversa interpretazione fondata sull esclusione dall ambito applicativo dell addizionale di soggetti cancellati dagli elenchi tenuti da Banca d Italia, per i quali tuttavia permane l obbligo di redazione del bilancio in conformità ai provvedimenti dell autorità di vigilanza, introdurrebbe un irrazionale disparità di trattamento tra i soggetti. La qualificazione come finanziaria dell attività svolta dal soggetto e la conseguente applicazione delle norme in materia di redazione del bilancio previste per tali soggetti, parrebbe sufficiente a far scattare il prelievo una tantum dell 8,5%. In questa prospettiva, risulterebbero inclusi nell ambito di applicazione dell addizionale anche i soggetti che, pur non iscritti in alcun albo od elenco, tuttavia continuano a redigere il bilancio secondo gli schemi applicabili in conformità alla natura dell attività da essi esercitata (in prevalenza od esclusivamente, finanziaria). E il caso, ad esempio, delle società che assumono partecipazioni al fine del successivo smobilizzo (merchant banks), ovvero degli enti finanziari operanti in Italia in regime di mutuo riconoscimento, sottoposti a vigilanza da parte di autorità di settore comunitarie. Non rientrano nell ambito soggettivo della norma, invece, le società holding industriali, tenute a redigere il bilancio di esercizio secondo le norme del codice civile e non secondo quelle dei bilanci di banche ed enti finanziari. Relativamente alla base imponibile dell addizionale, la norma prevede che essa si applichi sul reddito imponibile IRES senza tener conto delle variazioni in aumento derivanti dall applicazione dell art. 106, comma 3, TUIR. Rilevano, invece, tutte le altre variazioni fiscali, inclusa la variazione in diminuzione per i diciottesimi pregressi di svalutazioni crediti. La base imponibile così determinata, dovrà inoltre essere ridotta delle eventuali perdite fiscali riportabili ex art. 84 TUIR (sia ante che in vigenza di consolidato fiscale), nonché del beneficio ACE. Il 24 aprile scorso, l Agenzia delle Entrate ha emanato la Risoluzione n. 42 con la quale ha istituito il codice tributo per il versamento, tramite modello F24, dell addizionale. Il tributo si configura quale prelievo autonomo e separato rispetto all IRES, di conseguenza gli acconti IRES maggiorati al 130%, versati per il periodo di imposta 2013, non risultano ripartibili tra IRES ordinaria e addizionale dell 8,5%, ma vanno imputati interamente a scomputo dell IRES ordinaria. Su tale punto, l Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 15 del 5 giugno scorso non ha offerto indicazioni ulteriori o differenti rispetto al quadro normativo vigente. Tuttavia, non si può escludere che nuove disposizioni su questo punto vengano emanate anche in prossimità della scadenza (sarà quindi opportuno che gli operatori verifichino l eventuale emanazione di novità normative o interpretative a ridosso delle scadenze per i versamenti). A different interpretation based on the exclusion from the scope of the surtax of the entities cancelled from the lists and registers held by the Bank of Italy, would represent an unreasonable discrimination between the financial entities. In fact, even if they are cancelled from the lists, they continue to prepare the financial statements according to the rules set by the financial authorities. The qualification as a financial activity and the consequent application of the related rules for the preparation of the financial statements, seems to be sufficient to trigger the 8,5% una-tantum tax. In this perspective, even the entities not registered in any register or list, which prepare the financial statements in accordance with the applicable rules bound to the nature of the activity carried out (i.e. predominantly or exclusively, financial), would be included within the scope of the surtax. It is the case, for example, of the entities negotiating shares and stocks (merchant banks), or financial intermediaries operating in Italy under the mutual recognition principle, supervised by the relevant European market authority. Conversely, the industrial holding companies (bound to prepare financial statements according to the provisions of the Civil Code and not according to those related to banking and financial entities), do not fall within the scope of the surtax. With regard to the tax base of the surtax, it applies on the taxable income for IRES purposes without taking into account fiscal variations arising from Article 106, paragraph 3, of the Income Tax Code. The tax base shall include, however, any other fiscal variation including the variation known as the eighteenth of previous write-downs of receivables. The resulting tax base shall also be reduced by any tax losses carried forward pursuant to Article 84 of the Income Tax Code (both ante and post the institution of a tax unity), as well as the allowance for capital equity (so-called ACE benefit). Last April 24, the Italian tax authority issued the Resolution no. 42 establishing the tax codes, via the F24 form, for the payment of the surtax. This tax is configured as an autonomous and separate tax from the corporate income tax (IRES). As a consequence, the increased IRES advances (130%), paid for the 2013 tax year, shall not be divisible between ordinary IRES and the 8,5% surtax, but they shall be wholly attributed to the ordinary IRES. The Italian tax authority (namely, the Circular letter n. 15, issued last June, 5) has not further clarified the correct approach on this matter; a further or different approach than the current regulatory framework. Actually, new rules or interpretations may be issued on this point even close to the deadline for the payment. Financial and insurance entities are required to verify any issuance of new regulations or interpretations close to the deadline for the payment. 19 TLS Newsletter n 6 Anno 2014

20 L eventuale eccedenza a credito IRES che ne scaturisce, potrebbe essere compensata con il debito per addizionale IRES, tenendo conto dei limiti previsti per le compensazioni c.d. orizzontali (euro per anno solare, ex art. 9 comma 2 D.L. 08/04/2013 n. 35) e delle nuove norme in materia di visto di conformità alle dichiarazioni in materia di imposte dirette per l utilizzo di eccedenze a credito superiori a euro (art. 1 comma 574 L. 27/12/2013 n.147). Va anche detto peraltro che, nella generalità dei casi, il debito per primo acconto IRES relativo al 2014 è idoneo ad assorbire l eventuale eccedenza dell acconto 2013 maggiorato, rispetto al saldo per IRES dovuta. Considerato che l addizionale all IRES è prevista per il solo periodo d imposta in corso al 31/12/2013, la disposizione non avrà effetto per il calcolo degli acconti da effettuarsi ai fini IRES con riferimento al periodo d imposta in corso al 31 dicembre Profili di illegittimità costituzionale della norma La norma in esame presenta taluni profili di dubbia legittimità costituzionale. In particolare, come anche lamentato da alcune associazioni di categoria e operatori del settore, l addizionale violerebbe gli articoli 3 e 53 della Costituzione in quanto non proporzionale e non giustificata sotto il profilo di una manifesta ed espressa sovra-capacità contributiva; in ultima analisi, la norma difetterebbe del necessario accertamento dei fatti-indici di forza economica dei soggetti e si porrebbe in contrasto con il principio di uguaglianza sancito dall art. 3 Cost. Ciò, anche in considerazione della circostanza che il settore finanziario negli ultimi anni ha patito gli effetti del ciclo economico negativo. A differenza della norma istitutiva della c.d. Robin Tax (art. 81, comma 16, D.L. 25/06/2008, n. 112) per il settore petrolifero e del gas (in relazione al quale, peraltro, pende un giudizio di legittimità innanzi alla Corte Costituzionale), nel caso qui in esame non vi è alcun riferimento ad un presupposto impositivo ovvero ad uno specifico indice di capacità contributiva (quale, ad esempio, una sopravvenuta e straordinaria redditività). Inoltre, la norma sarebbe in contrasto con l art. 77 della Costituzione per l assenza dei motivi di necessità ed urgenza alla base dell emanazione del decreto-legge. I motivi di necessità ed urgenza non sarebbero preesistenti al decreto, bensì sorti proprio in conseguenza dell emanazione del decreto ed in particolare della necessità di reperire la copertura finanziaria per l abolizione della seconda rata dell IMU per le abitazioni principali. A nostro avviso appaiono poco fondate le argomentazioni basate sulla violazione dell art. 77 della Costituzione, in quanto la norma istitutiva dell addizionale non può valutarsi in astratto e separatamente dal decreto nel suo complesso. Infatti, la norma (art. 2, D.L. n. 133/2013) costituisce lo strumento per la copertura finanziaria dell abolizione della seconda rata IMU (coperta dall addizionale IRES per euro 1,536 miliardi). Le ragioni di urgenza, quindi, devono essere rintracciate nella straordinaria necessità ed urgenza di provvedere in materia di pagamento dell imposta municipale propria, come esplicitato nelle considerazioni preliminari al Decreto. Any tax credit related to the ordinary IRES may be offset with the surtax, taking into account the limits for compensation (700,000 euros per year, pursuant to Article 9, paragraph 2, Decree Law 04/08/2013 n. 35) and the new rules for the use of income tax credits in excess of 15,000 euros (Article 1, paragraph 574, Law 27/12/2013, n. 147). However, in most cases, the debt for the 2014 first IRES advance is likely to absorb any excess of the advances paid in 2013, compared with the settlement due for IRES. Given that the IRES surtax is due for the fiscal year in progress at 31 December 2013, the law provision will not affect the calculation of payments to be made during the fiscal year in progress at 31 December Aspects of unconstitutionality of the law provision The rules described above show certain profiles of dubious constitutionality. In particular, as also alleged by some industry associations and financial operators, the surtax seems to infringe Articles 3 and 53 of the Constitution as it is not proportionate and justified in terms of a tangible and clear over-capacity to pay; ultimately, the law would lack in the necessary assessment upon the ability to pay of taxpayers and it would be contrary to the principle of equality enshrined in Article 3 of the Constitution. This, also considering that the financial sector in recent years has suffered the effects of the economic downturn. Differently from the so-called Robin Hood Tax (Article 81, paragraph 16, Decree Law 25/06/2008, n. 112) for the oil and gas industry (in relation to which, however, a judgment is pending before the Constitutional Court), in the case here under exam there is no reference to an assumption of taxation or to a specific fact of ability to pay (for example, a supervening and extraordinary profitability). In addition, the rules would be contrary to Article 77 of the Constitution for the lack of necessity and urgency behind the enactment of the decree - law. The reasons of urgency would not be pre-existing to the decree, but they would be the consequence of the issuance of the decree and in particular the necessity and urgency to fund the abolition of the second installment of the real estate tax (IMU) on the main houses. In our opinion, the arguments based on the infringement of Article 77 of the Constitution are not well-grounded, because the introduction of the IRES surtax shall not be analyzed separately from the decree as a whole. In fact, the law (Article 2, Decree Law no. 133/2013) is the means for the funding of the abolition of the second installment of IMU (funded for billion euros by the surtax). The reasons of urgency, therefore, stem from the extraordinary necessity and urgency to take action in the matter of payment of real estate tax as explained in the preliminary remarks to the Decree. TLS Newsletter n 6 Anno

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 EFET European Federation of Energy Traders Amstelveenseweg 998 / 1081 JS Amsterdam Tel: +31 20 5207970/Fax: +31 20 6464055 E-mail: secretariat@efet.org

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA UN OFFERTA DI RIACQUISTO SULLA TOTALITÀ DI ALCUNE OBBLIGAZIONI IN DOLLARI EMESSE DA TELECOM ITALIA CAPITAL S.A. Milano, 7 luglio 2015 Telecom Italia S.p.A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO Il presente comunicato non può essere distribuito negli Stati Uniti, né ad alcuna persona che si trovi o sia residente o domiciliata negli Stati U niti, nei suoi territori o possedimenti, in qualsiasi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA GENERAL TERMS AND CONDITIONS OF SALE

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA GENERAL TERMS AND CONDITIONS OF SALE CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Disposizioni Generali. (a) I termini e le condizioni qui di seguito indicati (le Condizioni Generali di Vendita ) formano parte integrante dei contratti conclusi tra il

Dettagli

DOMANDA PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO / TRANSPORT REQUEST FORM www.southlands.it - info@southlands.it

DOMANDA PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO / TRANSPORT REQUEST FORM www.southlands.it - info@southlands.it DOMANDA PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO / TRANSPORT REQUEST FORM www.southlands.it - info@southlands.it NUMERO CONTRATTO IL SOTTOSCRITTO..... (FATHER / LEGAL GUARDIAN) I THE UNDERSIGNED) NATO A

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA General terms and conditions of sale

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA General terms and conditions of sale Pagina - Page 1 / 12 1. Disposizioni Generali. (a) Le sottoriportate definizioni sono in seguito utilizzate nel presente documento. - Venditore : s intende Brevini Fluid Power S.p.A. con sede in Via Moscova

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Declaration of Performance

Declaration of Performance Roofing Edition 06.06.2013 Identification no. 02 09 15 15 100 0 000004 Version no. 02 ETAG 005 12 1219 DECLARATION OF PERFORMANCE Sikalastic -560 02 09 15 15 100 0 000004 1053 1. Product Type: Unique identification

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli