Special project Newsletter 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Special project Newsletter 3"

Transcript

1 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 transcare : learning from La crescente domanda di servizi privati di assistenza familiare nella regione Abruzzo richiede l implementazione di un sistema di governo regionale del fenomeno capace di far emergere il lavoro sommerso presente nel settore e di facilitare l ingresso regolare delle assistenti familiari (badanti) nel mercato del lavoro; richiede inoltre l attuazione di un modello regionale, rinnovato e all avanguardia, di formazione, selezione, orientamento e collocamento che consenta l adozione delle buone prassi regionali, nazionali e comunitarie già avviate e che hanno ottenuto risultati certi e misurabili. Questo è stato il tema centrale di confronto, il 22 novembre 22, nel corso del Care Services in Europe: learning from, che si è tenuto a Pescara presso l Auditorium L. Petruzzi del Museo delle Genti d Abruzzo. Il convegno si è svolto nell ambito del progetto speciale TRANSCARE (linea 2 - Macroazione 4) Il progetto, finalizzato allo sviluppo di un modello di intervento per la gestione dei servizi privati di assistenza familiare, è promosso dalla Regione Abruzzo nell ambito del P.O. F.S.E. Abruzzo , Asse V, Piano Operativo , ed è realizzato dal Raggruppamento Temporaneo d Impresa Trans Care Project (Akon Service s.a.s., Metabolé s.r.l., Parsec Cooperativa Sociale, Arcotur Cooperativa Sociale) in partenariato con le organizzazioni di altri 8 paesi europei le cui esperienze sono state esposte durante il convegno. 12

2 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 12 In apertura del Convegno, la responsabile del Progetto Transcare, Felicia Zulli, ha illustrato in sintesi il Progetto Transcare (finalità e azioni), si è inoltre soffermata sulla descrizione del di quella abruzzese mettendo in evidenza le caratteristiche del Welfare e presentando i dati relativi alla non autosufficienza. L ultima indagine ISTAT Multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari ha rilevato che nelle annualità il 18,5% degli ultra 65enni ha riportato una condizione di totale mancanza di autosufficienza per almeno una delle funzioni essenziali della vita quotidiana. Se si considerano anche coloro che hanno molte difficoltà nello svolgere tali attività, il numero arriva a 6 milioni e 500 mila che rappresenta circa l % della popolazione italiana. A fronte di tali dati si registra una situazione Paese in cui le spese sociali risultano tra le basse in Europa (circa un quarto del PIL) ed in cui la famiglia continua ad avere un importante ruolo di ammortizzatore sociale; come in tutti i paesi dell area mediterranea. Tra gli strumenti di sostegno alla domanda assistenziale emerge in maniera decisiva l indennità di accompagnamento, che è la più importante misura a sostegno della non autosufficienza esistente in Italia, sia in termini di risorse pubbliche impiegate che di numerosità di beneficiari. I percettori in Italia di indennità di accompagnamento (dati INPS) fruiscono di un importo pari a 472 euro mensili, erogati per 12 rate l anno (pari a euro annuali), mentre i fruitori annuali dell indennità di accompagnamento sono circa , il 77,2% dei quali ultrasessantacinquenni (pari a individui). L indennità di accompagnamento, le assistenti familiari e la famiglia suppliscono alla carenza strutturale di servizi di pubblici di Carenza che ha determinato la crescita negli anni del fenomeno del badantato. Si stima infatti che almeno il 6,6 % di anziani in Italia impieghino un assistente familiare pari ad un numero di lavoratrici di circa unità di cui straniere. Le famiglie italiane sostengono una spesa di oltre 9 miliardi per retribuire le badanti (pari al 7% della spesa sanitaria delle Regioni). Per quanto riguarda il contesto abruzzese la situazione risulta essere molto simile a quella nazionale ed in risposta alla crescita progressiva dei fabbisogni di assistenza le più importanti iniziative regionali realizzate, volte a fronteggiare in primis il fenomeno del badantato (che registra un alta percentuale di lavoro irregolare e una scarsa formazione/qualificazione) e a migliorare la qualità dei servizi per gli anziani, soprattutto a carattere domiciliare, sono riconducibili a due importanti progetti: il Progetto Equal I mestieri invisibili: occupazione ed emersione del lavoro nero, finanziato dalla Regione Abruzzo e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, mirato a regolarizzare e formare assistenti familiari, ed il Progetto Donne ora Visibili, finanziato dal Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che ha portato all emersione di 295 rapporti di lavoro, all erogazione di 131 incentivi per lo snellimento delle procedure burocratiche ed alla realizzazione di n. 3 corsi di formazione professionale.

3 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 la proposta di istituzione di un Nel corso del convegno Felicia Zulli ha reso noto anche la proposta elaborata per la strutturazione di un Sistema Regionale dell Assistenza familiare in Abruzzo, proposta la cui formulazione è stata prevista nell ambito della Linea D Azione 3 Sperimentazione del modello d intervento in Abruzzo del Progetto Transcare. Con l adozione di tale proposta s intende rispondere alla crescente richiesta di servizi qualificati provenienti dalle famiglie e dai cittadini bisognosi di assistenza privata a domicilio e favorire l inserimento nel mercato del lavoro regolare delle lavoratrici (italiane e straniere regolarmente immigrate) che operano anche in maniera irregolare (prive cioè di contratto) nel settore. Per giungere all implementazione definitiva di tale proposta si prevede una serie di macroazioni: la costituzione del Comitato Regionale Interistituzionale per la Sperimentazione (C.R.I.S.), la strutturazione del sistema regionale dell assistenza familiare, l aggiornamento professionale n.20 operatori intermedi presso realtà operative di uno o più Paesi europei virtuosi, l adozione degli strumenti di lavoro individuati ed il trasferimento delle competenze per il loro utilizzo ad almeno n.45 operatori intermedi. Si tratta infatti di sperimentare strumenti più efficaci di sostegno all inserimento lavorativo quali: i modelli di selezione, orientamento e collocamento, nonché modelli di formazione e per l accompagnamento guidato al lavoro di assistenti familiari qualificate. Come azione trasversale è stata infine proposta l attivazione di un ufficio regionale di gestione dei servizi privati di assistenza familiare diretto a mantenere in capo all istituzione regionale il governo di fenomeni sociali tanto rilevanti quali l incremento dei fabbisogni di assistenza delle persone non autosufficienti, in particolare anziani, ed il progressivo incremento di una professione di cura quale è quella dell assistente familiare, che sta generando un bacino occupazionale in forte crescita, soprattutto tra la popolazione femminile.

4 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 La Romania Gabriel Roman della FSC Fundatia de Sprijin Comunitar di Bacau nella sua presentazione, dal titolo Ricerca sui servizi dedicati alla popolazione anziana della Romania, ha analizzato le caratteristiche generali del Paese in termini economici, geografici, amministrativi demografici e sociali sottolineando come, fra circa 50 anni, la quota di persone in età pensionabile rappresenterà oltre la metà della popolazione del Paese. Ha successivamente illustrato l organizzazione del sistema di Welfare in Romania che viene gestito a livello centrale dal Ministero del Lavoro, della Famiglia e della Sicurezza Sociale ed avente la funzione di coordinare l intero sistema nazionale di assistenza sociale. Egli ha inoltre evidenziato come, a livello locale, gli interventi sociali siano programmati e gestiti dalle contee in cui i settori preposti all erogazione dei servizi sono le direzioni di Assistenza Sociale e di Protezione dei Minori che, insieme ai Consigli Comunali/Locali, promuovono le politiche sociali per i minori, la famiglia, gli anziani, i disabili e gli altri soggetti svantaggiati. Nel 1998 è entrata in vigore la L. 34/1998 che finanzia le ONG per migliorare la qualità dei servizi di assistenza sociale e promuovere sinergie tra amministrazione pubblica e società civile. Mentre la L. n. 17/2007 ha stabilito che i finanziamenti per i servizi di assistenza sociale e le indennità dovute si basino sul principio di condivisione di responsabilità tra l amministrazione centrale e quella locale. Tuttavia la legge non ha previsto l obbligo di fornire servizi alla popolazione anziana e nemmeno ha istituito una linea di finanziamento specifica per questa fetta di popolazione. Di conseguenza sono le autorità centrali a decidere se finanziare o meno servizi per questo target della popolazione. Da ciò ne deriva che l organizzazione di servizi di assistenza privata a domicilio, per i parzialmente e totalmente non autosufficenti, è rimessa alla volontà delle autorità centrali e delle organizzazioni private che, di volta in volta, decidono come ed in che misura intervenire in questo settore.

5 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 Il progetto speciale Transcare e la proposta di istituzione di un Sistema regionale dei servizi di La Bulgaria Maria Dimitrova Jeliazcova, referente della EAPN - Anti-Poverty Information Centre - ha messo in evidenza un dato caratteristico dei servizi di assistenza sociale in Bulgaria, ossia la loro organizzazione frammentaria in un Paese ad alto tasso di povertà dove è lo Stato che paga direttamente i fornitori di servizi sociali e finanzia le municipalità che gestiscono i servizi (cosiddetti servizi delegati dello Stato ). E stato inoltre sottolineato come, negli ultimi anni, tutto il sistema socio-assistenziale registri un trend orientato alla de-regolamentazione, alla liberalizzazione ed alla conseguente individualizzazione dei servizi alla persona. In questo scenario il numero di beneficiari di servizi d assistenza, sia in istituto che a domicilio, è cresciuto da 570 nel 20 a utenti nel I potenziali utenti, per accedere ai servizi sociali, compilano una richiesta presso il proprio comune o autorità nazionale per i servizi pubblici o ancora presso la sede di un ente erogatore privato. Sulla base di questa richiesta, le autorità preposte effettuano una valutazione sociale e formulano un esito di accettazione e/o di rifiuto. Nel corso della relazione è stato inoltre sottolineata la presenza di diversi ostacoli ad uno sviluppo adeguato dei servizi sociali derivante dai continui mutamenti legislativi, dalla mancanza di una rete tra i diversi tipi di fornitori di servizi sociali e dalle scarse risorse di budget in possesso dei comuni che, in sostanza, impediscono l attuazione di valide politiche ed interventi sociali. 05

6 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 La Francia Jöelle Herthé, rappresentante dell ente di formazione OFRE - Organisme de Formation par le Retour e l Emploi e dell ONG Menage Service Particuliers, entrambi con sede ad Amiens, nel suo intervento ha parlato dell esperienza francese focalizzando l attenzione sul ruolo importante che in Francia riveste il CNSA - Caisse nationale de solidarité pour l autonomie des personnes âgées et des personnes handicapées - nel sostegno alle persone non autosufficienti. Si tratta di un fondo di solidarietà che tra il 2006 ed il 20 ha investito circa 1,5 bilione di euro per il finanziamento di politiche di aiuto all autonomia e alla disabilità, gestendo oltre 2000 progetti sociali. La Herthé ha messo in evidenza come esista in Francia un mercato ben strutturato dei servizi alla persona, gestito da numerose agenzie ed associazioni, per cui si stima siano circa le organizzazioni ed i servizi medico-sanitari erogatori di servizi di assistenza agli anziani. Il 56% di essi sono istituzioni pubbliche, il 27% enti privati no-profit e il 17% privati for profit. I servizi alla persona occupano professionisti che erogano assistenza alle persone per lo svolgimento di compiti quotidiani (lavori domestici ecc.), oppure servizi di sostegno alle persone non autosufficienti come l assistenza alla mobilità, la teleassistenza. Le persone che ne beneficiano possono richiedere l esenzione dalle tasse degli importi erogati per tali servizi. Per quanto riguarda la formazione delle assistenti familiari è stato evidenziato che esistono oltre 30 tipi di diplomi statali riconosciuti qualificanti, con oltre studenti in formazione. Rispetto alla media degli altri settori formativi i tirocinanti in questo settore hanno migliori opportunità di inserimento lavorativo a tutti i livelli della formazione : infatti l 85% sono impiegati nel giro di 3 anni dalla fine dei loro percorsi di studio contro il 76% dei restanti settori. Per quanto riguarda i metodi di selezione degli assistenti familiari, la relatrice illustra un metodo che consente di partecipare alle selezioni anche a chi è senza titolo di studio. Si tratta del metodo M.R.S. di selezione attraverso la simulazione (Méthode de Recrutement par Simulation) che consiste nel selezionare i candidati identificandone le capacità trasferibili e utili nelle situazioni lavorative richieste per la specifica professione di assistente familiare/domiciliare. Il metodo si sviluppa attraverso assessment delle competenze ed esercitazioni pratiche in cui si ricrea, in parte o in tutto, l ambiente lavorativo, ovvero si riproducono, per analogia (in modello ), situazioni che i futuri operatori incontreranno nell esercizio della loro professione. 06

7 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 La Grecia Elena Andreas, referente dell HRD - Hellenic Regional Development Center di Patras, ha sottolineato come in Grecia vi sia una stretta correlazione tra i servizi sanitari ed i servizi sociali, entrambi erogati da enti pubblici e privati, organizzazioni non governative e da una rete informale di assistenti a domicilio. La relatrice ha anche evidenziato come la crisi economica in Grecia abbia fatto aumentare la richiesta di servizi socio-assistenziali che non possono essere più soddisfatti dalla deficitaria sanità pubblica. Ne deriva una grave piaga sociale di esclusione sociale causata da servizi inadeguati, disoccupazione elevata e servizi sociali insufficienti. Con queste premesse viene evidenziata la necessità di sviluppare, a livello nazionale e locale, nuovi servizi paralleli al sistema sanitario nazionale che ne integrino le prestazioni. Un esempio positivo in tal senso è stato il servizio «Aiuto a domicilio» erogato dalla Croce Rossa e rivolto a persone anziane socialmente isolate, senza famiglia, per dare aiuto in casa per le necessità di assistenza a lungo termine, favorendo l autonomia riducendo le visite in ospedale. 07

8 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 L Olanda Marjo Koldeweij della Hanze Project Buro ha fatto conoscere ai presenti una situazione decisamente opposta a quella dei Paesi dell area mediterranea. Le politiche di sostegno alla popolazione anziana sono tutte dirette ad assicurare uno stile di vita indipendente con un sistema adeguato di assistenza a domicilio. Gran parte degli anziani riceve infatti aiuto domestico da organizzazioni che erogano servizi specifici ed i cui servizi sono in aumento. Grazie a questo sistema di servizi le persone anziane riescono a vivere in maniera indipendente per un lungo arco della loro vita. Nel Paese esiste un sistema di assicurazione medica individuale obbligatoria. Tutti gli olandesi, compresi quelli che vivono fuori dal Paese, sono obbligati a contribuire. Un aspetto chiave di questo sistema è che i premi non sono correlati allo stato di salute o all età degli olandesi ma appare generalizzato, esteso cioè a tutte le fasce della popolazione. Esiste poi un sistema di assistenza continuativa (istituito da una legge specifica, la cosiddetta AWBZ) i cui costi non sono coperti dalle polizze mediche individuali e che il governo nazionale è chiamato a finanziare. Chi beneficia di questo tipo di assistenza può scegliere due diverse modalità di erogazione: l assistenza in natura (prestazione di servizi) o l assistenza in denaro (assegnazione di un budget personale) 08

9 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 La Polonia Alina Karczewska, della WRZOS di Varsavia, ha illustrato l organizzazione del welfare in Polonia gestito dal governo nazionale e dalle autonomie locali. Queste istituzioni svolgono i loro compiti di assistenza sociale in collaborazione con le organizzazioni sociali, le ONGS, la Chiesa Cattolica Romana, ed altre chiese ed associazioni religiose. Alina Karczewska ha messo in evidenza la necessità di standardizzazione del sistema socio-assistenziale polacco (di tipo statale), sia a livello di servizi erogati che a livello di formazione e collocamento delle figure professionali.. 09

10 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 L Italia L ultimo intervento ha avuto lo scopo di illustrare nei dettagli la situazione Italiana. Federica Gaspari, esponente della Cooperativa Parsec di Roma, ha fatto una panoramica sul sistema del Welfare in Italia rilevando come nel nostro Paese prevalga il modello mediterraneo caratterizzato da bassi livelli di spesa pubblica e da una forte delega alla famiglia e all economia informale per tutti i servizi di assistenza. La risorsa finanziaria più importante per la non autosufficienza è rappresentata da un benefit in cash (indennità di accompagnamento), mentre molto bassa è la spesa per i benefit in kind. Federica Gaspari ha inoltre tracciato il profilo dell assistente familiare e, più in generale, del lavoro di cura privato a domicilio. In particolare, nel trattare il tema della formazione e della qualificazione, la relatrice ha fatto presente come, seppure esistano qualifiche regionali di assistente familiare, la frequenza dei corsi non è vincolo all accesso al lavoro, determinando di fatto una vasta presenza di operatrici non qualificate che svolgono tale professione. Tra le «buone prassi» già sperimentate sono state ricordate le esperienze in corso dei registri/albi cittadini di assistenti familiari istituiti presso numerosi comuni italiani e che hanno offerto ed offrono il grande vantaggio di facilitare l incontro tra la domanda e l offerta di servizi. Altre esperienze di buone prassi sono quelle che hanno previsto l erogazione di incentivi direttamente agli anziani per favorire lo sgravio dei contributi destinato alle lavoratrici regolarmente assunte. 10

11 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 La Tavola rotonda Al termine delle relazioni i partecipanti alla tavola rotonda hanno condiviso alcune riflessioni sulle buone pratiche e le sperimentazioni realizzate sul territorio nazionale mettendo in luce aspetti positivi e criticità riscontrate. Il confronto è stato moderato dal giornalista Rai Nino Germano. Il dibattito è stato aperto da Felicia Zulli che ha reso noto, nel dettaglio, la proposta presentata alla Regione Abruzzo per la strutturazione di un Sistema Regionale dell Assistenza familiare. Si sono poi confrontate le esperienze di : > CRISTINA SUNNA, responsabile del Progetto R.O.S.A. - Rete per l occupazione e i Servizi Assistenziali - della Regione Puglia. > ALESSANDRA CASAGRANDE, assistente sociale presso il Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute del Comune di Roma e responsabile Progetto Insieme si può. > DASANTILA HOXHA, coordinatrice del Centro Servizi Immigrati del Comune di Ortona. > ELDA NAJDENI, presidente dell ANOLF - Associazione Nazionale Oltre le Frontiere - di Teramo. > LAURA DI RUSSO: responsabile U.O. Comunicazione della Provincia di Pescara. > ROBERTA CAPORALE: funzionaria della Direzione Politiche Attive Del Lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali della Regione Abruzzo. > IGNAZIO RUCCI, Sindaco del Comune di Ripa Teatina. > NELLA FASOLI, assistente sociale - area anziani del Settore Politiche Sociali del Comune di Chieti. > MAURO TEDESCHINI, direttore de il Centro quotidiano d Abruzzo.

12 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 Nel corso del dibattito Cristina Sunna e Alessandra Casagrande hanno riassunto gli obiettivi e i risultati dei progetti da loro coordinati rispettivamente nella regione Puglia e nella città di Roma evidenziando come, in entrambi i casi, la presenza sul territorio di servizi sperimentali quali: il Registro delle Assistenti familiari, l attivazione dei corsi di formazione, le consulenze sulle pratiche di assunzione, abbiano decisamente apportato dei miglioramenti significativi nel settore poiché hanno favorito l emersione del lavoro sommerso, la legalità nell incontro tra domanda e offerta di lavoro, la ricerca e l individuazione di assistenti familiari qualificati, la certificazione delle competenze a sostegno della crescita professionale e l inserimento lavorativo di soggetti che operano nell ambito del lavoro di cura domiciliare. Hanno in sintesi messo in risalto l importanza di molte sperimentazioni realizzate in risposta ai bisogni emergenti dei cittadini. Elda Najdeni ha portato all attenzione dei presenti un fenomeno significativo, vale a dire l attuale emigrazione delle badanti verso altri Paesi europei dove la crisi economica è meno pesante, come la Germania. Negli ultimi mesi si registra che le badanti, dopo essersi formate e qualificate nei corsi sperimentali organizzati in Abruzzo, vanno via poiché in Italia la crisi ha ridotto la richiesta di assistenti familiari. 12

13 PO F.S.E. Regione Abruzzo , Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo ; Codice Identificativo (CIG) n FF5 Altro fenomeno messo in evidenza, questa volta da Laura Di Russo, è il numero crescente di donne italiane che si rivolgono allo sportello Bada bene, istituito dal Centro per l Impiego della Provincia di Pescara, per offrire lavoro come assistenti familiari. Si tratta di donne i cui mariti hanno perso il lavoro e che non disdegnano più, come una volta, il lavoro di assistente familiare/badante. Per loro è però più difficile accedere a questa professione in quanto, avendo famiglia, non riescono a dare la disponibilità notturna. Dasantila Hohxa, a contatto quotidiano con le problematiche degli immigrati, ha messo in luce un altro aspetto del fenomeno del badantato, vale a dire il drenaggio di giovane forza lavoro dai Paesi dell Est (Romania, Albania, Polonia, Ucraina) ed il conseguente disagio sociale diffuso in questi Paesi in cui mancano intere generazioni di caregivers. A ciò si somma il diffuso disagio psicologico di tante donne immigrate che assistono anziani in Italia e che non hanno nessuno che si occupi dei propri cari rimasti nei Paesi di origine. Nella Fasoli ha invece posto l accento sull importanza, per i cittadini anziani, di disporre di servizi istituzionali presso i quali rivolgersi quando si ha bisogno di assistenza. La fragilità che accompagna la vita delle persone parzialmente o totalmente non autosufficienti necessita di servizi qualificati, riconoscibili, e facilmente accessibili, e, nella nostra regione, per quel che concerne i servizi privati di assistenza familiare tanto è stato fatto ma molto resta ancora da fare. Mauro Tedeschini ha invece sottolineato il ruolo degli organi di stampa richiamando l attenzione sulla necessità di dare più spazio alle problematiche sociali (diventate cruciali in questo periodo di crisi) e di occuparsi meno di politica e di cronaca. Infatti, relativamente al tema in discussione, Tedeschini ha sottolineato quanto sia importante informare tutti i cittadini sulla procedura per assumere un assistente familiare e sull esistenza di sportelli di aiuto nella ricerca di un assistente Ignazio Rucci, in qualità di Sindaco di un piccolo comune ha posto l accento sulla difficoltà, che ogni pubblico amministratore sperimenta, quando è chiamato a dare risposte ai bisogni sociali dei cittadini. Difficoltà che si prospetta sempre maggiore soprattutto in considerazione della scarsità di risorse pubbliche da destinare al sistema del Welfare. In questo scenario prevede un futuro prossimo in cui i piccoli comuni saranno chiamati ad associarsi per abbattere i costi e fare economie di scala nell erogazione dei servizi. Invita inoltre le istituzioni sovra ordinate, ed in particolare, la Regione ad avviare e portare avanti innovazioni di sistema come quella proposta dal progetto TransCare. Roberta Caporale, a tal proposito, ha richiamato l attenzione dei presenti sugli importanti passi in avanti fatti dalla Regione Abruzzo nel corso degli ultimi anni, ed ha ripercorso le tappe che hanno segnato, a partire dalla programmazione Equal e fino al progetto TransCare, l evolversi dell approccio regionale al problema del badantato. La Regione Abruzzo, grazie alle progettualità co-finanziate e realizzate, ha istituito con D.G.R nr. 207 un Corso di formazione con rilascio di qualifica di Assistente familiare grazie al quale numerosi assistenti oggi sono qualificati e lavorano in Abruzzo; ha favorito la creazione di una rete regionale di servizi di incrocio domanda/offerta. Ha in definitiva avviato quel processo di rinnovamento dei sistemi del sociale, del lavoro e della formazione professionale tanto importanti per la crescita occupazionale, la qualità dei servizi e la qualità della vita dei cittadini abruzzesi. 13

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia

Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia Le prospettive di sviluppo dei white jobs in Italia Servizi sanitari, sociali e alla persona: i settori economici con il potenziale di occupazione più elevato (29 luglio 2014, ver. 1.2) Azione di Sistema

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Febbraio 2011 Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Sintesi e Raccomandazioni Per il testo integrale del rapporto si rimanda a: www.epsu.org/a/7431 A cura di Jane Lethbridge, PSIRU

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013

Programma Operativo Regionale della Lombardia. Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 Allegato A al decreto n. 9254 del 14/10/2013 Programma Operativo Regionale della Lombardia Ob. 2 (Competitività regionale e occupazione) FSE 2007-2013 cofinanziato con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

BADANTI: LA NUOVA GENERAZIONE

BADANTI: LA NUOVA GENERAZIONE Istituto per la ricerca sociale BADANTI: LA NUOVA GENERAZIONE Caratteristiche e tendenze del lavoro privato di cura Sergio Pasquinelli, Giselda Rusmini Con il sostegno di: Qualificare DOSSIER DI RICERCA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013

GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 GARANZIA PER I GIOVANI PROPOSTA DI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELL ISFOL 24 GIUGNO 2013 Premessa La Garanzia per i Giovani, presentata nel paper Isfol del 14 giugno scorso (cfr. http://www.isfol.it/primo-piano/una-garanzia-per-i-giovani),

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI

REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE SOCIALI UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE DELLE

Dettagli