QUESITI AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA della REGIONE MARCHE Seminario del 10/04/2015 Ordine Psicologi Marche Aupi Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESITI AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA della REGIONE MARCHE Seminario del 10/04/2015 Ordine Psicologi Marche Aupi Marche"

Transcript

1 Newsletter n Gentili Colleghi, come preannunciato al termine del Seminario La salute psico-fisica dei cittadini è compatibile con il sistema sanitario marchigiano? organizzato dall Ordine Psicologi Marche e AUPI Marche e tenutasi il 10 aprile ad Ancona, di seguito riportiamo le domande poste ai rappresentati delle forze politiche presenti e le risposte sino ad oggi pervenute. QUESITI AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA della REGIONE MARCHE Seminario del 10/04/2015 Ordine Psicologi Marche Aupi Marche 1) IL FABBISOGNO DI PSICOLOGIA La crescente attenzione per la tutela della salute, in particolare delle fasce fragili della popolazione, rende ineludibile rideterminare il fabbisogno di psicologia all'interno del SSN delle Marche. Esso attualmente si basa su normative ormai "datate" costruite su una realtà che non corrisponde più all'attuale e che non sempre è in grado di garantire i LEA (livelli essenziali di assistenza) e i LIVEAS (livelli essenziali di Assistenza Sociale). La determina ASUR n.966 del istituiva un gruppo di studio finalizzato a rideterminare il suddetto fabbisogno, ma non è stata ad oggi mai applicata, pur non comportando alcun impegno di spesa. Né si è provveduto, con nessun altro atto, ad ipotizzare un percorso per ottenere una valutazione adeguata, nonostante impegni anche successivi in tal senso assunti dall'ex Dipartimento Salute con Ordine Psicologi e Aupi Intendete assumervi l'impegno di rideterminare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche nel Sistema Sanitario Regionale? In caso affermativo in che modo? Prevedete di coinvolgere i nostri professionisti? Siete disposti ad adeguare le dotazioni organiche ospedaliere e territoriali alle nuove esigenze? 2) TUTELA MATERNO-INFANTILE Nel piano sanitario approvato con delibera n.97 del 30/6/03 la Regione s impegnava ad elaborare il Progetto Obbiettivo Materno Infantile (POMI) entro sei mesi dalla data di approvazione del piano stesso. Il POMI non è stato mai elaborato, ma in compenso le problematiche connesse alla tutela e alla cura dei minori e delle famiglie sono aumentate in modo esponenziale sia in relazione al grado di complessità che all entità delle situazioni emergenti, e i Consultori scoppiano Attraverso quali modalità intendete farvi carico della problematica sopra esposta? Quali saranno i soggetti istituzionali deputati ad occuparsene? Entro quali termini di tempo intendete arrivare ad una proposta organica in merito? 3) RIDUZIONE DELLE FORME DI LAVORO FLESSIBILE

2 La DGR n.938 del 14/7/2008 prevedeva la graduale riduzione dei contratti atipici tramite concorsi pubblici per l immissione in ruolo entro il 2011 nonché al punto 7 un monitoraggio annuale dello stato di applicazione della delibera da inviare alle OOSS, monitoraggio che non è mai giunto in maniera compiuta nonostante due successive delibere (la 137 del febbraio 2013 e la 423 del 2014) si occupino della stessa materia. Ad oggi il processo di riduzione del precariato non è ancora concluso! Pensate che sia possibile rendere realmente applicate le stesse delibere regionali entro il 2015? Intendete garantire il turn over legato a pensionamenti o trasferimenti? 4) RETRIBUZIONE DEL PERSONALE PSICOLOGO NON IN RUOLO NEL SSN Nel corso degli anni si è delineata la necessità di assegnare ore di psicologia aggiuntive alla dotazione organica, come accade ad es. per le prestazioni specialistiche dei Poliambulatori. Sempre maggiormente inoltre anche altri Enti pubblici (Ambito, Comune..) fanno ricorso all attribuzione di incarichi cosiddetti libero professionali a psicologi per la realizzazione di progetti specifici. I contratti libero professionali finora stipulati con gli psicologi sono caratterizzati da un estrema variabilità nella remunerazione dei professionisti, pagati talvolta in base agli accessi, talvolta in base alle ore, con cifre estremamente variabili ma sempre e comunque lontane dai canoni della dignità che deve caratterizzare professionisti laureati, specializzati, e in formazione continua. Esiste la disponibilità a stanziare fondi regionali specifici da destinare ai convenzionamenti di personale psicologo all interno del SSN, utilizzando la formula della specialistica ambulatoriale, prevista da norme e contratti nazionali, come già accade per altre categorie professionali e come altre regioni hanno già messo in atto per il ruolo di psicologo? E' possibile finalmente prevedere la formula della specialistica convenzionata di psicologia anche per la Psicologia Penitenziaria e/o Giudiziaria in genere, al posto dei difformi e parcellizzati contratti finora utilizzati? 5) PREVENZIONE Quando parliamo di prevenzione ci riferiamo al potenziamento dell agio durante tutto l arco dell età evolutiva, attraverso interventi di sviluppo supporto e potenziamento delle life skills (in linea con le indicazioni dell OMS) che vanno ad incidere nelle sfere emotivo- affettiva, cognitiva e relazionale ad opera dello psicologo scolastico ad es. Inoltre ci riferiamo anche al prolungamento degli interventi di supporto extra scolastico per tutta la successiva fase dell adolescenza che, come è noto, richiede l adempimento di complessi compiti di sviluppo, attraverso il lavoro di rete con i Servizi Territoriali. Come vede la figura dello psicologo in riferimento alla prevenzione del disagio psicologico e dei comportamenti a rischio. 6) EMERGENZA SOCIALE Altro tema importante e a nostro avviso ancora da sviluppare è l intervento sul disagio ad opera

3 della figura dello psicologo territoriale, legata quindi agli Ambiti territoriali Sociali. In questo caso si andrebbe ad intervenire su molte aree quali ad esempio: la dipendenza, gli abusi e la violenza domestica, l interculturalità unita alla complessità che ne deriva. Come vede la figura dello psicologo in relazione al tema dell emergenza sociale? 7) DISABILITA' La Regione Marche con legge N. 18 del 1996 e successive modifiche ed integrazioni, aveva stabilito che le ASL dovessero dotarsi di personale specializzato per l'istituzione delle U.M.E.E. (unità multidisciplinari età evolutiva) e delle U.M.E.A, (unità multidisciplinari età adulta) definendo con precisione anche il rapporto tra ore di psicologia e n. utenti disabili (38 ore settimanali per 80 utenti). Dopo più di 14 anni possiamo osservare che la domanda dei Cittadini e delle Istituzioni ha subito un aumento esponenziale, senza che a ciò facesse seguito un coerente aumento del personale dedicato, mentre in alcune realtà le suddette unità multidisciplinari non venivano nemmeno costituite. Come pensate di garantire la presa in carico dei soggetti portatori di handicap così come previsto dalla legge'? Con quali tempi? Quali saranno gli Assessori coinvolti nell'affrontare tali problematiche? 8) TERZO SETTORE. Nei settori socio sanitari e sanitari esistono comunità terapeutiche o educative e servizi socio educativi gestiti dal Privato Sociale accreditato, o Servizi forniti dal Terzo Settore qualificato, o anche gestione esternalizzata di servizi propri dell Ente pubblico dove l attività dello psicologo è essenziale. Tutto ciò rischia di implodere nelle continue riduzioni di Beni e Servizi, che considerano alla stessa stregua materiali come i pc e professionisti che erogano servizi alla persona. Intendete regolamentare la presenza dello psicologo nei suddetti settori e rivedere il sistema degli appalti di servizi, distinguendoli dai beni? In che modo e con quali tempi? 9) SICUREZZA SUI POSTI DI LAVORO L art.28 del DdL 81 del 2008 prevede interventi di valutazione dei rischi di stress correlato alle attività lavorative. La rilevazione dello stress è di evidente pertinenza psicologica e nel contempo trattandosi di un nuovo settore di applicazione della suddetta professionalità esso potrebbe impegnare giovani laureati disponibili a formarsi su tali tematiche. Ritenete possibile impegnare risorse economiche per progetti formativi finalizzati a questo settore? In caso affermativo quali settori dell amministrazione regionale ne saranno coinvolti? 10) SPECIFICITA DI RUOLO Durante questi anni non sempre la figura dello psicologo è stata interpellata e inserita all interno delle Commissioni di lavoro Regionali. L Ordine Psicologi Marche auspica a divenire interlocutore diretto e partecipante attivo in tutte quelle aree di pertinenza; impegnandosi anche a fare chiarezza

4 sulla professione attraverso azioni di sensibilizzazione e diffusione della cultura psicologica ma anche ad insistere sulla necessità di inserimento delle sue specifiche competenze. Qual è la sua posizione a riguardo? RISPOSTE PERVENUTE RISPOSTE DI NINEL DONININI Psicologa psicoterapeuta iscritta all Ordine Psicologi Marche CANDIDATA LISTA UNITI PER LE MARCHE A SOSTEGNO DI LUCA CERISCIOLI 1) Ritengo indispensabile rideterminare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche nel sistema sanitario regionale e tale disamina può essere realizzata, per essere veritiera, solo con il coinvolgimento dei professionisti dei vari servizi. Sarebbe opportuno anche un tavolo permanente con la presenza dei rappresentanti dell Ordine che esamini l evolversi delle situazioni. L adeguamento delle dotazioni organiche ospedaliere e territoriali è conseguente, anche se verrà realizzato in maniera graduale. 2) Potenziamento dei servizi consultoriali, ridotti ora ad appendice amministrativa del tribunale per i minori. Per l elaborazione del progetto obiettivo materno infantile vanno coinvolti tutti i servizi ai quali si rivolge la richiesta di aiuto in tale ambito. Occorre una ricognizione delle criticità sociali ed assistenziali, con particolare attenzione alle famiglie problematiche, per creare una rete tra istituzioni e servizi, fino ad ipotizzare un registro delle fragilità, con passaggio di informazioni e collaborazione per nuovi progetti di vita. Soggetti da coinvolgere in particolare: consultorio, distretto sanitario ed ambito sociale. I tempi previsti dovrebbero essere compresi tra 6-10 mesi. 3) Se il precariato è sempre elemento di disagio per l operatore e per gli utenti nell ambito del disagio psichico e relazionale è particolarmente negativo. Impedisce, di fatto, la predisposizione di un piano di lavoro a tempi medi e medio-lunghi, come spesso è richiesto dalle caratteristiche dell utenza dei servizi psicologici. Al momento non ho informazioni sufficienti per poter dire realisticamente se sia possibile il superamento con le delibere approvate in materia. Considero importante garantire il turn-over anche in questo caso. Non conosco comunque la reale disponibilità finanziaria e darei la precedenza ai servizi per l infanzia e per il disagio psichico legato alla violenza di genere. Giudico infine negativo, a livello politico ed istituzionale, approvare atti che poi non vengono applicati. 4) Ritengo giusto utilizzare la formula della specialistica ambulatoriale. Credo che si potrebbe prevedere la formula di specialista convenzionata di psicologia anche per la psicologia penitenziaria e/o giudiziaria in genere. L intervento appassionato di una psicologa che opera all interno del carcere di Montacuto e la conoscenza personale di

5 professionisti che operano in tale settore, mi hanno convinta ancora di più della necessità della loro stabilizzazione urgente per non complicare o vanificare i progetti in corso. 5) Le recenti notizie di cronaca che narrano di famiglie travolte da drammi rendono indispensabile l attività di prevenzione che dovrebbe, per legge, rappresentare il 5% della spesa per la sanità. La nostra regione si ferma al 3% dell utilizzo dei fondi e quasi mai si fa riferimento alla prevenzione del disagio psichico e dei comportamenti a rischio. Adolescenti con storie pesanti, tensione e reazioni esasperate nel vissuto quotidiano sono la spia di un problema enorme ed ancora non adeguatamente percepito. Più tempestivo è l intervento dello psicologo, meno tragiche possono essere le sofferenze e le conseguenze relative. 6) I comportamenti a rischio, o quelli già compromessi, trovano nell attività dello psicologo l unica risposta non farmacologica. La complessità crescente del vivere quotidiano, il dramma della dipendenza, degli abusi, traggono dall intervento psicologico un aiuto significativo. Lo psicologo anche come sostituto di una rete sociale di vicinanza che non esiste più. 7) Si nota in questo campo un ritardo quando non addirittura una disattenzione, colpevoli, da parte della Regione e dell assessorato di riferimento. Ritengo indispensabile l aumento delle ore di sostegno psicologico per i disabili e l attivazione in tutte le realtà, in cui sono previste, delle unità multidisciplinari al completo e con un numero di ore dei professionisti adeguate. I tempi potrebbero andare da 1 anno 1 anno e mezzo. 8) Credo sia corretto in caso di appalti distinguere i beni dai servizi. La presenza dello psicologo va regolamentata in rapporto alle necessità. Si può non rinnovare un pc, ma non eliminare la figura di un professionista. Fondamentale sarà la qualità del progetto offerto che va specificato e dettagliato. Credo che il tempo necessario sia un anno. 9) Da alcune indagini sullo stress in ambito lavorativo è emerso che i più stressati sono i dipendenti regionali e questo non li predispone al meglio verso le esigenze della comunità regionale. Non è stata fatta la stessa ricerca sugli amministratori regionali, magari avremmo potuto avere qualche informazione di più sulle motivazioni di alcune scelte politiche e strategiche. Ci si chiede spesso chi formi i formatori. In questo caso verrebbe da chiedersi come vengano riconosciute le esigenze psicologiche di altri quando si è a disagio con se stessi. Forse la negazione dell importanza del ruolo dello psicologo o la non consapevolezza dell aiuto che può fornire nasce proprio da qui. Assistenza psicologica dunque per rilevare lo stress da inserire anche nel contratto di lavoro come oggetto della contrattazione. Vanno stabiliti i raccordi con datori di lavoro e sindacati. Andrebbero coinvolti l assessore al lavoro, alla formazione e alla sanità oltre ai centri per l impiego.

6 10) Sono d accordo con la valorizzazione della figura dello psicologo. Si è passati dalla paura dello psicologo alla negazione dell importanza del suo ruolo, ovviamente una paura mascherata, fino all indifferenza. Si deve affermare con forza che la programmazione sanitaria non può prescindere dal contributo professionale dello psicologo, presenza necessaria sia in fase di programmazione, sia di verifica. E stato dimostrato da studi recenti che la presenza dello psicologo di base, ad esempio, produce un risparmio significativo nel bilancio della sanità. Forse sarà questo l argomento più convincente! RISPOSTE DI EDOARDO MENTRASTI CANDIDATO LISTA ALTRE MARCHE SINISTRA UNITA 1) IL FABBISOGNO DI PSICOLOGIA La crescente attenzione per la tutela della salute, in particolare delle fasce fragili della popolazione, rende ineludibile rideterminare il fabbisogno di psicologia all'interno del SSN delle Marche. Esso attualmente si basa su normative ormai "datate" costruite su una realtà che non corrisponde più all'attuale e che non sempre è in grado di garantire i LEA (livelli essenziali di assistenza) e i LIVEAS (livelli essenziali di Assistenza Sociale). La determina ASUR n.966 del istituiva un gruppo di studio finalizzato a rideterminare il suddetto fabbisogno, ma non è stata ad oggi mai applicata, pur non comportando alcun impegno di spesa. Né si è provveduto, con nessun altro atto, ad ipotizzare un percorso per ottenere una valutazione adeguata, nonostante impegni anche successivi in tal senso assunti dall'ex Dipartimento Salute con Ordine Psicologi e Aupi Intendete assumervi l'impegno di rideterminare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche nel Sistema Sanitario Regionale? In caso affermativo in che modo? Prevedete di coinvolgere i nostri professionisti? Siete disposti ad adeguare le dotazioni organiche ospedaliere e territoriali alle nuove esigenze? 1) Purtroppo e per troppo tempo quando si parla di tutela e promozione della salute si fa riferimento alla figura professionale del medico senza sottolineare il ruolo fondamentale delle altre professioni sanitarie. Lo stesso Medico di Medicina Generale avrebbe bisogno, per meglio rispondere ai bisogni complessi di molti utenti, di lavorare in equipe con altri operatori come ad esempio psicologi ed assistenti sociali. Nella Casa della Salute se non si pratica il lavoro interdisciplinare tra più operatori, secondo me, si vanifica l obiettivo per cui è stata deliberata l istituzione della Casa della salute come luogo fisico territoriale a cui l utente si rivolge per avere risposte a bisogni semplici o la presa in carico del suo bisogno spesso mal espresso e spesso sociale e sanitario. Determinare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche è necessario per la programmazione dei servizi e degli interventi; questo significa individuare nell organizzazione interna del dipartimento della salute e dei servizi sociali una funzione di coordinamento e di integrazione; questo riguarda sia il settore materno-infantile, sia altre aree dell integrazione socio-sanitaria, e naturalmente il coinvolgimento dei professionisti che operano nel territorio è indispensabile. Determinare il fabbisogno e programmare i servizi significa definire le dotazioni organiche,

7 ma come sapete, così non è. In questi anni non è stato assicurato il turn over e il numero degli operatori risponde principalmente a calcoli di compatibilità economiche, non al fabbisogno. A febbraio 2013 è stato sottoscritto dalle OOSS e dalla Regione un protocollo di intesa per cui il turn over doveva essere garantito al 100%, ma a metà 2015 siamo ancora ai primi passi. 2) TUTELA MATERNO-INFANTILE Nel piano sanitario approvato con delibera n.97 del 30/6/03 la Regione s impegnava ad elaborare il Progetto Obbiettivo Materno Infantile (POMI) entro sei mesi dalla data di approvazione del piano stesso. Il POMI non è stato mai elaborato, ma in compenso le problematiche connesse alla tutela e alla cura dei minori e delle famiglie sono aumentate in modo esponenziale sia in relazione al grado di complessità che all entità delle situazioni emergenti, e i Consultori scoppiano. Attraverso quali modalità intendete farvi carico della problematica sopra esposta? Quali saranno i soggetti istituzionali deputati ad occuparsene? Entro quali termini di tempo intendete arrivare ad una proposta organica in merito? Il fabbisogno di interventi socio-sanitari a tutela della salute psicofisica dei soggetti in età evolutiva, per il sostegno alla genitorialità, per la tutela della maternità e della salute delle donne, è elevato e crescente. Ai Consultori Familiari, alle UMEE, ed quindi agli operatori, è stato chiesto di più, per far fronte ai nuovi problemi e alle emergenze. Un fabbisogno crescente che richiederebbe un attenzione particolare, risposte e risorse adeguate. Invece negli anni i Consultori e le UMEE hanno subito tagli di personale, a fronte di un aumento di richieste degli utenti, di segnalazioni delle scuole, richieste di assistenza e di intervento da parte della Magistratura minorile. Aggiungo che i Consultori hanno anche un compito specifico derivante dalla legge 194, per svolgere le funzioni proprie di tutela della salute, della procreazione, della sessualità, delle relazioni di coppia e di famiglia, delle competenze di cura ed educazione delle nuove generazioni come la stessa normativa regionale prevede, e tra queste funzioni il ruolo di supporto e assistenza alle donne, compresa la diffusione della contraccezione per evitare gravidanze indesiderate e malattie trasmissibili sessualmente. La conseguenza dei tagli effettuati in questi anni dali governi nazionali e dalla Giunta regionale è la drastica riduzione (in qualche caso eliminazione) delle prestazioni psicoterapeutiche (terapie psicologiche, logopedia, ecc.) perché le poche risorse umane presenti nei Consultori pubblici e nelle UMEE sono impiegate per rispondere alle richieste della Magistratura o dalle attività di certificazione finalizzate all acquisizione del sostegno scolastico. Le proposte e gli impegni di governo di Altre Marche Sinistra Unita sono: -Per noi il finanziamento del sistema sanitario pubblico deve essere una priorità. Ovviamente la riorganizzazione è importante, l eliminazione dei carrozzoni e delle consulenze clientelari indispensabile, un riequilibrio di risorse verso la prevenzione e i servizi di base necessaria, ma per noi il finanziamento del SSN deve essere una invarianza rispetto alle altre scelte economiche. Ben altri sono i tagli che si possono e si debbono fare. Il primo atto di rilevo per concretizzare questo impegno sarà il bilancio regionale 2016, ma già

8 nel corso dell anno 2015 sarà possibile procedere ad alcuni atti concreti per far fronte alle esigenze minime ed urgenti per garantire i servizi essenziali nei consultori e nelle UMEE. -Adeguare gli organici dei servizi territoriali, in primis Consultori pubblici e UMEE, per far fronte ad un fabbisogno che è cresciuto; Questo significa assunzioni, quelle che in questi anni non sono state fatte con il turn over degli operatori che sono andati in pensione. -Istituire un Coordinamento regionale dei servizi socio-sanitari dell area materno infantile, sia ospedalieri che territoriali, propedeutica all individuazione dei bisogni e la programmazione degli interventi. 3) RIDUZIONE DELLE FORME DI LAVORO FLESSIBILE La DGR n.938 del 14/7/2008 prevedeva la graduale riduzione dei contratti atipici tramite concorsi pubblici per l immissione in ruolo entro il 2011 nonché al punto 7 un monitoraggio annuale dello stato di applicazione della delibera da inviare alle OOSS, monitoraggio che non è mai giunto in maniera compiuta nonostante due successive delibere (la 137 del febbraio 2013 e la 423 del 2014) si occupino della stessa materia. Ad oggi il processo di riduzione del precariato non è ancora concluso! Pensate che sia possibile rendere realmente applicate le stesse delibere regionali entro il 2015? Intendete garantire il turn over legato a pensionamenti o trasferimenti? 3) Il Servizio Sanitario Regionale è riuscito, anche se con grandi difficoltà ( vedi liste di attesa lunghissime - ma se paghi brevissime-) ad andare avanti grazie al lavoro dei tanti precari. Andrebbero stabilizzati, ma la delibera regionale ne prevede comunque una riduzione pari al 30% della spesa sostenuta. La nostra posizione è stabilizzazione dei precari e garanzia della copertura al 100% del turn over. 4) RETRIBUZIONE DEL PERSONALE PSICOLOGO NON IN RUOLO NEL SSN Nel corso degli anni si è delineata la necessità di assegnare ore di psicologia aggiuntive alla dotazione organica, come accade ad es. per le prestazioni specialistiche dei Poliambulatori. Sempre maggiormente inoltre anche altri Enti pubblici (Ambito, Comune..) fanno ricorso all attribuzione di incarichi cosiddetti libero professionali a psicologi per la realizzazione di progetti specifici. I contratti libero professionali finora stipulati con gli psicologi sono caratterizzati da un estrema variabilità nella remunerazione dei professionisti, pagati talvolta in base agli accessi, talvolta in base alle ore, con cifre estremamente variabili ma sempre e comunque lontane dai canoni della dignità che deve caratterizzare professionisti laureati, specializzati, e in formazione continua. Esiste la disponibilità a stanziare fondi regionali specifici da destinare ai convenzionamenti di personale psicologo all interno del SSN, utilizzando la formula della specialistica ambulatoriale, prevista da norme e contratti nazionali, come già accade per altre categorie professionali e come altre regioni hanno già messo in atto per il ruolo di psicologo? E' possibile finalmente prevedere la formula della specialistica convenzionata di psicologia anche per la Psicologia Penitenziaria e/o Giudiziaria in genere, al posto dei difformi e parcellizzati contratti finora utilizzati?

9 4) Sicuramente la convenzione è migliore del contratto libero professionale. La formula dello specialista ambulatoriale è accettabile. Comunque resto convinta che gli operatori del SSN dovrebbero essere a contratto di dipendenza e non a convenzione come attualmente sono i medici di Medicina generale che assommano i privilegi del libero professionista e la certezze del dipendente. Per le carceri sarei dell idea che gli operatori dovrebbero essere operatori pubblici del territorio in cui insiste il carcere. 5) PREVENZIONE Quando parliamo di prevenzione ci riferiamo al potenziamento dell agio durante tutto l arco dell età evolutiva, attraverso interventi di sviluppo supporto e potenziamento delle life skills (in linea con le indicazioni dell OMS) che vanno ad incidere nelle sfere emotivo- affettiva, cognitiva e relazionale ad opera dello psicologo scolastico ad es. Inoltre ci riferiamo anche al prolungamento degli interventi di supporto extra scolastico per tutta la successiva fase dell adolescenza che, come è noto, richiede l adempimento di complessi compiti di sviluppo, attraverso il lavoro di rete con i Servizi Territoriali. Come vede la figura dello psicologo in riferimento alla prevenzione del disagio psicologico e dei comportamenti a rischio. 5) La prevenzione è la cenerentola del SSR. Dovrebbe aver assicurato il 5% del fondo sanitario regionale e ne vede assegnato meno del 3%. Certo che lo psicologo è importante, anche in ambito scolastico, per prevenire e fornire un primo supporto alle situazioni di disagio giovanile, a sostegno dell azione educativa degli insegnanti e delle famiglie. Avendo però la massima attenzione a lavorare sul gruppo, sul contesto, nel rispetto dei compiti istituzionali della scuola, che è e deve restare diverso da quello dei servizi socio-sanitari. Non penso solo al servizio di sportello psicologico, presente in gran parte delle scuole ma con risorse economiche del tutto inadeguate, penso anche a percorsi specifici, di carattere educativo, finalizzati all educazione sessuale, al contrasto agli stereotipi di genere e all omofobia, alla prevenzione delle dipendenze. 6) EMERGENZA SOCIALE Altro tema importante e a nostro avviso ancora da sviluppare è l intervento sul disagio ad opera della figura dello psicologo territoriale, legata quindi agli Ambiti territoriali Sociali. In questo caso si andrebbe ad intervenire su molte aree quali ad esempio: la dipendenza, gli abusi e la violenza domestica, l interculturalità unita alla complessità che ne deriva. Come vede la figura dello psicologo in relazione al tema dell emergenza sociale? 6) L emergenza sociale va affrontata in modo interdisciplinare e non è solo materia di specialisti. Chiama in causa le politiche a cominciare dalla politica del lavoro, dell inclusione,

10 dell accoglienza, della lotta alla povertà e al lavoro povero. 7) DISABILITA' La Regione Marche con legge N. 18 del 1996 e successive modifiche ed integrazioni, aveva stabilito che le ASL dovessero dotarsi di personale specializzato per l'istituzione delle U.M.E.E. (unità multidisciplinari età evolutiva) e delle U.M.E.A, (unità multidisciplinari età adulta) definendo con precisione anche il rapporto tra ore di psicologia e n. utenti disabili (38 ore settimanali per 80 utenti). Dopo più di 14 anni possiamo osservare che la domanda dei Cittadini e delle Istituzioni ha subito un aumento esponenziale, senza che a ciò facesse seguito un coerente aumento del personale dedicato, mentre in alcune realtà le suddette unità multidisciplinari non venivano nemmeno costituite. Come pensate di garantire la presa in carico dei soggetti portatori di handicap così come previsto dalla legge'? Con quali tempi? Quali saranno gli Assessori coinvolti nell'affrontare tali problematiche? Va applicata la LR 18/96 che prevede la costituzione di Unità Multidisciplinari per l Età Evolutiva e l Età Adulta con personale ad esse dedicato. Questa legge attualmente non è applicata a causa dei tagli al personale. Il personale assegnato è insufficiente, per cui il lavoro principale è costituito dalle attività di certificazione di handicap o di D.S.A. Di fatto le terapie non vengono più effettuate in molte realtà territoriali. A mio parere entro il 2016 si dovrà fare in modo che le Unità multidisciplinari tornino a funzionare, come prevede la legge 18. Naturalmente questo dovrà essere un impegno dell intera Giunta e dell intero Consiglio regionale attraverso il Bilancio; nello specifico gli assessorati che dovranno occuparsene sono quello alla Sanità e politiche sociali, al Bilancio, all Istruzione. 8) TERZO SETTORE. Nei settori socio sanitari e sanitari esistono comunità terapeutiche o educative e servizi socio educativi gestiti dal Privato Sociale accreditato, o Servizi forniti dal Terzo Settore qualificato, o anche gestione esternalizzata di servizi propri dell Ente pubblico dove l attività dello psicologo è essenziale. Tutto ciò rischia di implodere nelle continue riduzioni di Beni e Servizi, che considerano alla stessa stregua materiali come i pc e professionisti che erogano servizi alla persona. Intendete regolamentare la presenza dello psicologo nei suddetti settori e rivedere il sistema degli appalti di servizi, distinguendoli dai beni? In che modo e con quali tempi? 8) Troppo spesso con il blocco delle assunzioni si mistifica l assunzione del personale con le convenzioni con Cooperative per beni e servizi. Questa è una truffa. In linea generale siamo contrari alle esternalizzazioni. 9) SICUREZZA SUI POSTI DI LAVORO L art.28 del DdL 81 del 2008 prevede interventi di valutazione dei rischi di stress correlato alle attività lavorative. La rilevazione dello stress è di evidente pertinenza psicologica e nel contempo trattandosi di un nuovo settore di applicazione della suddetta professionalità esso

11 potrebbe impegnare giovani laureati disponibili a formarsi su tali tematiche. Ritenete possibile impegnare risorse economiche per progetti formativi finalizzati a questo settore? In caso affermativo quali settori dell amministrazione regionale ne saranno coinvolti? 9) La valutazione dei rischi da stress è giusta e sicuramente potrebbe impegnare giovani laureati. 10) SPECIFICITA DI RUOLO Durante questi anni non sempre la figura dello psicologo è stata interpellata e inserita all interno delle Commissioni di lavoro Regionali. L Ordine Psicologi Marche auspica a divenire interlocutore diretto e partecipante attivo in tutte quelle aree di pertinenza; impegnandosi anche a fare chiarezza sulla professione attraverso azioni di sensibilizzazione e diffusione della cultura psicologica ma anche ad insistere sulla necessità di inserimento delle sue specifiche competenze. Qual è la sua posizione a riguardo? 10) Sono d accordo che l ordine degli psicologi debba essere interpellato quando si affrontano problemi di loro pertinenza o su cui comunque il loro contributo è utile e necessario.

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli