QUESITI AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA della REGIONE MARCHE Seminario del 10/04/2015 Ordine Psicologi Marche Aupi Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUESITI AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA della REGIONE MARCHE Seminario del 10/04/2015 Ordine Psicologi Marche Aupi Marche"

Transcript

1 Newsletter n Gentili Colleghi, come preannunciato al termine del Seminario La salute psico-fisica dei cittadini è compatibile con il sistema sanitario marchigiano? organizzato dall Ordine Psicologi Marche e AUPI Marche e tenutasi il 10 aprile ad Ancona, di seguito riportiamo le domande poste ai rappresentati delle forze politiche presenti e le risposte sino ad oggi pervenute. QUESITI AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA della REGIONE MARCHE Seminario del 10/04/2015 Ordine Psicologi Marche Aupi Marche 1) IL FABBISOGNO DI PSICOLOGIA La crescente attenzione per la tutela della salute, in particolare delle fasce fragili della popolazione, rende ineludibile rideterminare il fabbisogno di psicologia all'interno del SSN delle Marche. Esso attualmente si basa su normative ormai "datate" costruite su una realtà che non corrisponde più all'attuale e che non sempre è in grado di garantire i LEA (livelli essenziali di assistenza) e i LIVEAS (livelli essenziali di Assistenza Sociale). La determina ASUR n.966 del istituiva un gruppo di studio finalizzato a rideterminare il suddetto fabbisogno, ma non è stata ad oggi mai applicata, pur non comportando alcun impegno di spesa. Né si è provveduto, con nessun altro atto, ad ipotizzare un percorso per ottenere una valutazione adeguata, nonostante impegni anche successivi in tal senso assunti dall'ex Dipartimento Salute con Ordine Psicologi e Aupi Intendete assumervi l'impegno di rideterminare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche nel Sistema Sanitario Regionale? In caso affermativo in che modo? Prevedete di coinvolgere i nostri professionisti? Siete disposti ad adeguare le dotazioni organiche ospedaliere e territoriali alle nuove esigenze? 2) TUTELA MATERNO-INFANTILE Nel piano sanitario approvato con delibera n.97 del 30/6/03 la Regione s impegnava ad elaborare il Progetto Obbiettivo Materno Infantile (POMI) entro sei mesi dalla data di approvazione del piano stesso. Il POMI non è stato mai elaborato, ma in compenso le problematiche connesse alla tutela e alla cura dei minori e delle famiglie sono aumentate in modo esponenziale sia in relazione al grado di complessità che all entità delle situazioni emergenti, e i Consultori scoppiano Attraverso quali modalità intendete farvi carico della problematica sopra esposta? Quali saranno i soggetti istituzionali deputati ad occuparsene? Entro quali termini di tempo intendete arrivare ad una proposta organica in merito? 3) RIDUZIONE DELLE FORME DI LAVORO FLESSIBILE

2 La DGR n.938 del 14/7/2008 prevedeva la graduale riduzione dei contratti atipici tramite concorsi pubblici per l immissione in ruolo entro il 2011 nonché al punto 7 un monitoraggio annuale dello stato di applicazione della delibera da inviare alle OOSS, monitoraggio che non è mai giunto in maniera compiuta nonostante due successive delibere (la 137 del febbraio 2013 e la 423 del 2014) si occupino della stessa materia. Ad oggi il processo di riduzione del precariato non è ancora concluso! Pensate che sia possibile rendere realmente applicate le stesse delibere regionali entro il 2015? Intendete garantire il turn over legato a pensionamenti o trasferimenti? 4) RETRIBUZIONE DEL PERSONALE PSICOLOGO NON IN RUOLO NEL SSN Nel corso degli anni si è delineata la necessità di assegnare ore di psicologia aggiuntive alla dotazione organica, come accade ad es. per le prestazioni specialistiche dei Poliambulatori. Sempre maggiormente inoltre anche altri Enti pubblici (Ambito, Comune..) fanno ricorso all attribuzione di incarichi cosiddetti libero professionali a psicologi per la realizzazione di progetti specifici. I contratti libero professionali finora stipulati con gli psicologi sono caratterizzati da un estrema variabilità nella remunerazione dei professionisti, pagati talvolta in base agli accessi, talvolta in base alle ore, con cifre estremamente variabili ma sempre e comunque lontane dai canoni della dignità che deve caratterizzare professionisti laureati, specializzati, e in formazione continua. Esiste la disponibilità a stanziare fondi regionali specifici da destinare ai convenzionamenti di personale psicologo all interno del SSN, utilizzando la formula della specialistica ambulatoriale, prevista da norme e contratti nazionali, come già accade per altre categorie professionali e come altre regioni hanno già messo in atto per il ruolo di psicologo? E' possibile finalmente prevedere la formula della specialistica convenzionata di psicologia anche per la Psicologia Penitenziaria e/o Giudiziaria in genere, al posto dei difformi e parcellizzati contratti finora utilizzati? 5) PREVENZIONE Quando parliamo di prevenzione ci riferiamo al potenziamento dell agio durante tutto l arco dell età evolutiva, attraverso interventi di sviluppo supporto e potenziamento delle life skills (in linea con le indicazioni dell OMS) che vanno ad incidere nelle sfere emotivo- affettiva, cognitiva e relazionale ad opera dello psicologo scolastico ad es. Inoltre ci riferiamo anche al prolungamento degli interventi di supporto extra scolastico per tutta la successiva fase dell adolescenza che, come è noto, richiede l adempimento di complessi compiti di sviluppo, attraverso il lavoro di rete con i Servizi Territoriali. Come vede la figura dello psicologo in riferimento alla prevenzione del disagio psicologico e dei comportamenti a rischio. 6) EMERGENZA SOCIALE Altro tema importante e a nostro avviso ancora da sviluppare è l intervento sul disagio ad opera

3 della figura dello psicologo territoriale, legata quindi agli Ambiti territoriali Sociali. In questo caso si andrebbe ad intervenire su molte aree quali ad esempio: la dipendenza, gli abusi e la violenza domestica, l interculturalità unita alla complessità che ne deriva. Come vede la figura dello psicologo in relazione al tema dell emergenza sociale? 7) DISABILITA' La Regione Marche con legge N. 18 del 1996 e successive modifiche ed integrazioni, aveva stabilito che le ASL dovessero dotarsi di personale specializzato per l'istituzione delle U.M.E.E. (unità multidisciplinari età evolutiva) e delle U.M.E.A, (unità multidisciplinari età adulta) definendo con precisione anche il rapporto tra ore di psicologia e n. utenti disabili (38 ore settimanali per 80 utenti). Dopo più di 14 anni possiamo osservare che la domanda dei Cittadini e delle Istituzioni ha subito un aumento esponenziale, senza che a ciò facesse seguito un coerente aumento del personale dedicato, mentre in alcune realtà le suddette unità multidisciplinari non venivano nemmeno costituite. Come pensate di garantire la presa in carico dei soggetti portatori di handicap così come previsto dalla legge'? Con quali tempi? Quali saranno gli Assessori coinvolti nell'affrontare tali problematiche? 8) TERZO SETTORE. Nei settori socio sanitari e sanitari esistono comunità terapeutiche o educative e servizi socio educativi gestiti dal Privato Sociale accreditato, o Servizi forniti dal Terzo Settore qualificato, o anche gestione esternalizzata di servizi propri dell Ente pubblico dove l attività dello psicologo è essenziale. Tutto ciò rischia di implodere nelle continue riduzioni di Beni e Servizi, che considerano alla stessa stregua materiali come i pc e professionisti che erogano servizi alla persona. Intendete regolamentare la presenza dello psicologo nei suddetti settori e rivedere il sistema degli appalti di servizi, distinguendoli dai beni? In che modo e con quali tempi? 9) SICUREZZA SUI POSTI DI LAVORO L art.28 del DdL 81 del 2008 prevede interventi di valutazione dei rischi di stress correlato alle attività lavorative. La rilevazione dello stress è di evidente pertinenza psicologica e nel contempo trattandosi di un nuovo settore di applicazione della suddetta professionalità esso potrebbe impegnare giovani laureati disponibili a formarsi su tali tematiche. Ritenete possibile impegnare risorse economiche per progetti formativi finalizzati a questo settore? In caso affermativo quali settori dell amministrazione regionale ne saranno coinvolti? 10) SPECIFICITA DI RUOLO Durante questi anni non sempre la figura dello psicologo è stata interpellata e inserita all interno delle Commissioni di lavoro Regionali. L Ordine Psicologi Marche auspica a divenire interlocutore diretto e partecipante attivo in tutte quelle aree di pertinenza; impegnandosi anche a fare chiarezza

4 sulla professione attraverso azioni di sensibilizzazione e diffusione della cultura psicologica ma anche ad insistere sulla necessità di inserimento delle sue specifiche competenze. Qual è la sua posizione a riguardo? RISPOSTE PERVENUTE RISPOSTE DI NINEL DONININI Psicologa psicoterapeuta iscritta all Ordine Psicologi Marche CANDIDATA LISTA UNITI PER LE MARCHE A SOSTEGNO DI LUCA CERISCIOLI 1) Ritengo indispensabile rideterminare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche nel sistema sanitario regionale e tale disamina può essere realizzata, per essere veritiera, solo con il coinvolgimento dei professionisti dei vari servizi. Sarebbe opportuno anche un tavolo permanente con la presenza dei rappresentanti dell Ordine che esamini l evolversi delle situazioni. L adeguamento delle dotazioni organiche ospedaliere e territoriali è conseguente, anche se verrà realizzato in maniera graduale. 2) Potenziamento dei servizi consultoriali, ridotti ora ad appendice amministrativa del tribunale per i minori. Per l elaborazione del progetto obiettivo materno infantile vanno coinvolti tutti i servizi ai quali si rivolge la richiesta di aiuto in tale ambito. Occorre una ricognizione delle criticità sociali ed assistenziali, con particolare attenzione alle famiglie problematiche, per creare una rete tra istituzioni e servizi, fino ad ipotizzare un registro delle fragilità, con passaggio di informazioni e collaborazione per nuovi progetti di vita. Soggetti da coinvolgere in particolare: consultorio, distretto sanitario ed ambito sociale. I tempi previsti dovrebbero essere compresi tra 6-10 mesi. 3) Se il precariato è sempre elemento di disagio per l operatore e per gli utenti nell ambito del disagio psichico e relazionale è particolarmente negativo. Impedisce, di fatto, la predisposizione di un piano di lavoro a tempi medi e medio-lunghi, come spesso è richiesto dalle caratteristiche dell utenza dei servizi psicologici. Al momento non ho informazioni sufficienti per poter dire realisticamente se sia possibile il superamento con le delibere approvate in materia. Considero importante garantire il turn-over anche in questo caso. Non conosco comunque la reale disponibilità finanziaria e darei la precedenza ai servizi per l infanzia e per il disagio psichico legato alla violenza di genere. Giudico infine negativo, a livello politico ed istituzionale, approvare atti che poi non vengono applicati. 4) Ritengo giusto utilizzare la formula della specialistica ambulatoriale. Credo che si potrebbe prevedere la formula di specialista convenzionata di psicologia anche per la psicologia penitenziaria e/o giudiziaria in genere. L intervento appassionato di una psicologa che opera all interno del carcere di Montacuto e la conoscenza personale di

5 professionisti che operano in tale settore, mi hanno convinta ancora di più della necessità della loro stabilizzazione urgente per non complicare o vanificare i progetti in corso. 5) Le recenti notizie di cronaca che narrano di famiglie travolte da drammi rendono indispensabile l attività di prevenzione che dovrebbe, per legge, rappresentare il 5% della spesa per la sanità. La nostra regione si ferma al 3% dell utilizzo dei fondi e quasi mai si fa riferimento alla prevenzione del disagio psichico e dei comportamenti a rischio. Adolescenti con storie pesanti, tensione e reazioni esasperate nel vissuto quotidiano sono la spia di un problema enorme ed ancora non adeguatamente percepito. Più tempestivo è l intervento dello psicologo, meno tragiche possono essere le sofferenze e le conseguenze relative. 6) I comportamenti a rischio, o quelli già compromessi, trovano nell attività dello psicologo l unica risposta non farmacologica. La complessità crescente del vivere quotidiano, il dramma della dipendenza, degli abusi, traggono dall intervento psicologico un aiuto significativo. Lo psicologo anche come sostituto di una rete sociale di vicinanza che non esiste più. 7) Si nota in questo campo un ritardo quando non addirittura una disattenzione, colpevoli, da parte della Regione e dell assessorato di riferimento. Ritengo indispensabile l aumento delle ore di sostegno psicologico per i disabili e l attivazione in tutte le realtà, in cui sono previste, delle unità multidisciplinari al completo e con un numero di ore dei professionisti adeguate. I tempi potrebbero andare da 1 anno 1 anno e mezzo. 8) Credo sia corretto in caso di appalti distinguere i beni dai servizi. La presenza dello psicologo va regolamentata in rapporto alle necessità. Si può non rinnovare un pc, ma non eliminare la figura di un professionista. Fondamentale sarà la qualità del progetto offerto che va specificato e dettagliato. Credo che il tempo necessario sia un anno. 9) Da alcune indagini sullo stress in ambito lavorativo è emerso che i più stressati sono i dipendenti regionali e questo non li predispone al meglio verso le esigenze della comunità regionale. Non è stata fatta la stessa ricerca sugli amministratori regionali, magari avremmo potuto avere qualche informazione di più sulle motivazioni di alcune scelte politiche e strategiche. Ci si chiede spesso chi formi i formatori. In questo caso verrebbe da chiedersi come vengano riconosciute le esigenze psicologiche di altri quando si è a disagio con se stessi. Forse la negazione dell importanza del ruolo dello psicologo o la non consapevolezza dell aiuto che può fornire nasce proprio da qui. Assistenza psicologica dunque per rilevare lo stress da inserire anche nel contratto di lavoro come oggetto della contrattazione. Vanno stabiliti i raccordi con datori di lavoro e sindacati. Andrebbero coinvolti l assessore al lavoro, alla formazione e alla sanità oltre ai centri per l impiego.

6 10) Sono d accordo con la valorizzazione della figura dello psicologo. Si è passati dalla paura dello psicologo alla negazione dell importanza del suo ruolo, ovviamente una paura mascherata, fino all indifferenza. Si deve affermare con forza che la programmazione sanitaria non può prescindere dal contributo professionale dello psicologo, presenza necessaria sia in fase di programmazione, sia di verifica. E stato dimostrato da studi recenti che la presenza dello psicologo di base, ad esempio, produce un risparmio significativo nel bilancio della sanità. Forse sarà questo l argomento più convincente! RISPOSTE DI EDOARDO MENTRASTI CANDIDATO LISTA ALTRE MARCHE SINISTRA UNITA 1) IL FABBISOGNO DI PSICOLOGIA La crescente attenzione per la tutela della salute, in particolare delle fasce fragili della popolazione, rende ineludibile rideterminare il fabbisogno di psicologia all'interno del SSN delle Marche. Esso attualmente si basa su normative ormai "datate" costruite su una realtà che non corrisponde più all'attuale e che non sempre è in grado di garantire i LEA (livelli essenziali di assistenza) e i LIVEAS (livelli essenziali di Assistenza Sociale). La determina ASUR n.966 del istituiva un gruppo di studio finalizzato a rideterminare il suddetto fabbisogno, ma non è stata ad oggi mai applicata, pur non comportando alcun impegno di spesa. Né si è provveduto, con nessun altro atto, ad ipotizzare un percorso per ottenere una valutazione adeguata, nonostante impegni anche successivi in tal senso assunti dall'ex Dipartimento Salute con Ordine Psicologi e Aupi Intendete assumervi l'impegno di rideterminare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche nel Sistema Sanitario Regionale? In caso affermativo in che modo? Prevedete di coinvolgere i nostri professionisti? Siete disposti ad adeguare le dotazioni organiche ospedaliere e territoriali alle nuove esigenze? 1) Purtroppo e per troppo tempo quando si parla di tutela e promozione della salute si fa riferimento alla figura professionale del medico senza sottolineare il ruolo fondamentale delle altre professioni sanitarie. Lo stesso Medico di Medicina Generale avrebbe bisogno, per meglio rispondere ai bisogni complessi di molti utenti, di lavorare in equipe con altri operatori come ad esempio psicologi ed assistenti sociali. Nella Casa della Salute se non si pratica il lavoro interdisciplinare tra più operatori, secondo me, si vanifica l obiettivo per cui è stata deliberata l istituzione della Casa della salute come luogo fisico territoriale a cui l utente si rivolge per avere risposte a bisogni semplici o la presa in carico del suo bisogno spesso mal espresso e spesso sociale e sanitario. Determinare il fabbisogno di assistenza e cure psicologiche è necessario per la programmazione dei servizi e degli interventi; questo significa individuare nell organizzazione interna del dipartimento della salute e dei servizi sociali una funzione di coordinamento e di integrazione; questo riguarda sia il settore materno-infantile, sia altre aree dell integrazione socio-sanitaria, e naturalmente il coinvolgimento dei professionisti che operano nel territorio è indispensabile. Determinare il fabbisogno e programmare i servizi significa definire le dotazioni organiche,

7 ma come sapete, così non è. In questi anni non è stato assicurato il turn over e il numero degli operatori risponde principalmente a calcoli di compatibilità economiche, non al fabbisogno. A febbraio 2013 è stato sottoscritto dalle OOSS e dalla Regione un protocollo di intesa per cui il turn over doveva essere garantito al 100%, ma a metà 2015 siamo ancora ai primi passi. 2) TUTELA MATERNO-INFANTILE Nel piano sanitario approvato con delibera n.97 del 30/6/03 la Regione s impegnava ad elaborare il Progetto Obbiettivo Materno Infantile (POMI) entro sei mesi dalla data di approvazione del piano stesso. Il POMI non è stato mai elaborato, ma in compenso le problematiche connesse alla tutela e alla cura dei minori e delle famiglie sono aumentate in modo esponenziale sia in relazione al grado di complessità che all entità delle situazioni emergenti, e i Consultori scoppiano. Attraverso quali modalità intendete farvi carico della problematica sopra esposta? Quali saranno i soggetti istituzionali deputati ad occuparsene? Entro quali termini di tempo intendete arrivare ad una proposta organica in merito? Il fabbisogno di interventi socio-sanitari a tutela della salute psicofisica dei soggetti in età evolutiva, per il sostegno alla genitorialità, per la tutela della maternità e della salute delle donne, è elevato e crescente. Ai Consultori Familiari, alle UMEE, ed quindi agli operatori, è stato chiesto di più, per far fronte ai nuovi problemi e alle emergenze. Un fabbisogno crescente che richiederebbe un attenzione particolare, risposte e risorse adeguate. Invece negli anni i Consultori e le UMEE hanno subito tagli di personale, a fronte di un aumento di richieste degli utenti, di segnalazioni delle scuole, richieste di assistenza e di intervento da parte della Magistratura minorile. Aggiungo che i Consultori hanno anche un compito specifico derivante dalla legge 194, per svolgere le funzioni proprie di tutela della salute, della procreazione, della sessualità, delle relazioni di coppia e di famiglia, delle competenze di cura ed educazione delle nuove generazioni come la stessa normativa regionale prevede, e tra queste funzioni il ruolo di supporto e assistenza alle donne, compresa la diffusione della contraccezione per evitare gravidanze indesiderate e malattie trasmissibili sessualmente. La conseguenza dei tagli effettuati in questi anni dali governi nazionali e dalla Giunta regionale è la drastica riduzione (in qualche caso eliminazione) delle prestazioni psicoterapeutiche (terapie psicologiche, logopedia, ecc.) perché le poche risorse umane presenti nei Consultori pubblici e nelle UMEE sono impiegate per rispondere alle richieste della Magistratura o dalle attività di certificazione finalizzate all acquisizione del sostegno scolastico. Le proposte e gli impegni di governo di Altre Marche Sinistra Unita sono: -Per noi il finanziamento del sistema sanitario pubblico deve essere una priorità. Ovviamente la riorganizzazione è importante, l eliminazione dei carrozzoni e delle consulenze clientelari indispensabile, un riequilibrio di risorse verso la prevenzione e i servizi di base necessaria, ma per noi il finanziamento del SSN deve essere una invarianza rispetto alle altre scelte economiche. Ben altri sono i tagli che si possono e si debbono fare. Il primo atto di rilevo per concretizzare questo impegno sarà il bilancio regionale 2016, ma già

8 nel corso dell anno 2015 sarà possibile procedere ad alcuni atti concreti per far fronte alle esigenze minime ed urgenti per garantire i servizi essenziali nei consultori e nelle UMEE. -Adeguare gli organici dei servizi territoriali, in primis Consultori pubblici e UMEE, per far fronte ad un fabbisogno che è cresciuto; Questo significa assunzioni, quelle che in questi anni non sono state fatte con il turn over degli operatori che sono andati in pensione. -Istituire un Coordinamento regionale dei servizi socio-sanitari dell area materno infantile, sia ospedalieri che territoriali, propedeutica all individuazione dei bisogni e la programmazione degli interventi. 3) RIDUZIONE DELLE FORME DI LAVORO FLESSIBILE La DGR n.938 del 14/7/2008 prevedeva la graduale riduzione dei contratti atipici tramite concorsi pubblici per l immissione in ruolo entro il 2011 nonché al punto 7 un monitoraggio annuale dello stato di applicazione della delibera da inviare alle OOSS, monitoraggio che non è mai giunto in maniera compiuta nonostante due successive delibere (la 137 del febbraio 2013 e la 423 del 2014) si occupino della stessa materia. Ad oggi il processo di riduzione del precariato non è ancora concluso! Pensate che sia possibile rendere realmente applicate le stesse delibere regionali entro il 2015? Intendete garantire il turn over legato a pensionamenti o trasferimenti? 3) Il Servizio Sanitario Regionale è riuscito, anche se con grandi difficoltà ( vedi liste di attesa lunghissime - ma se paghi brevissime-) ad andare avanti grazie al lavoro dei tanti precari. Andrebbero stabilizzati, ma la delibera regionale ne prevede comunque una riduzione pari al 30% della spesa sostenuta. La nostra posizione è stabilizzazione dei precari e garanzia della copertura al 100% del turn over. 4) RETRIBUZIONE DEL PERSONALE PSICOLOGO NON IN RUOLO NEL SSN Nel corso degli anni si è delineata la necessità di assegnare ore di psicologia aggiuntive alla dotazione organica, come accade ad es. per le prestazioni specialistiche dei Poliambulatori. Sempre maggiormente inoltre anche altri Enti pubblici (Ambito, Comune..) fanno ricorso all attribuzione di incarichi cosiddetti libero professionali a psicologi per la realizzazione di progetti specifici. I contratti libero professionali finora stipulati con gli psicologi sono caratterizzati da un estrema variabilità nella remunerazione dei professionisti, pagati talvolta in base agli accessi, talvolta in base alle ore, con cifre estremamente variabili ma sempre e comunque lontane dai canoni della dignità che deve caratterizzare professionisti laureati, specializzati, e in formazione continua. Esiste la disponibilità a stanziare fondi regionali specifici da destinare ai convenzionamenti di personale psicologo all interno del SSN, utilizzando la formula della specialistica ambulatoriale, prevista da norme e contratti nazionali, come già accade per altre categorie professionali e come altre regioni hanno già messo in atto per il ruolo di psicologo? E' possibile finalmente prevedere la formula della specialistica convenzionata di psicologia anche per la Psicologia Penitenziaria e/o Giudiziaria in genere, al posto dei difformi e parcellizzati contratti finora utilizzati?

9 4) Sicuramente la convenzione è migliore del contratto libero professionale. La formula dello specialista ambulatoriale è accettabile. Comunque resto convinta che gli operatori del SSN dovrebbero essere a contratto di dipendenza e non a convenzione come attualmente sono i medici di Medicina generale che assommano i privilegi del libero professionista e la certezze del dipendente. Per le carceri sarei dell idea che gli operatori dovrebbero essere operatori pubblici del territorio in cui insiste il carcere. 5) PREVENZIONE Quando parliamo di prevenzione ci riferiamo al potenziamento dell agio durante tutto l arco dell età evolutiva, attraverso interventi di sviluppo supporto e potenziamento delle life skills (in linea con le indicazioni dell OMS) che vanno ad incidere nelle sfere emotivo- affettiva, cognitiva e relazionale ad opera dello psicologo scolastico ad es. Inoltre ci riferiamo anche al prolungamento degli interventi di supporto extra scolastico per tutta la successiva fase dell adolescenza che, come è noto, richiede l adempimento di complessi compiti di sviluppo, attraverso il lavoro di rete con i Servizi Territoriali. Come vede la figura dello psicologo in riferimento alla prevenzione del disagio psicologico e dei comportamenti a rischio. 5) La prevenzione è la cenerentola del SSR. Dovrebbe aver assicurato il 5% del fondo sanitario regionale e ne vede assegnato meno del 3%. Certo che lo psicologo è importante, anche in ambito scolastico, per prevenire e fornire un primo supporto alle situazioni di disagio giovanile, a sostegno dell azione educativa degli insegnanti e delle famiglie. Avendo però la massima attenzione a lavorare sul gruppo, sul contesto, nel rispetto dei compiti istituzionali della scuola, che è e deve restare diverso da quello dei servizi socio-sanitari. Non penso solo al servizio di sportello psicologico, presente in gran parte delle scuole ma con risorse economiche del tutto inadeguate, penso anche a percorsi specifici, di carattere educativo, finalizzati all educazione sessuale, al contrasto agli stereotipi di genere e all omofobia, alla prevenzione delle dipendenze. 6) EMERGENZA SOCIALE Altro tema importante e a nostro avviso ancora da sviluppare è l intervento sul disagio ad opera della figura dello psicologo territoriale, legata quindi agli Ambiti territoriali Sociali. In questo caso si andrebbe ad intervenire su molte aree quali ad esempio: la dipendenza, gli abusi e la violenza domestica, l interculturalità unita alla complessità che ne deriva. Come vede la figura dello psicologo in relazione al tema dell emergenza sociale? 6) L emergenza sociale va affrontata in modo interdisciplinare e non è solo materia di specialisti. Chiama in causa le politiche a cominciare dalla politica del lavoro, dell inclusione,

10 dell accoglienza, della lotta alla povertà e al lavoro povero. 7) DISABILITA' La Regione Marche con legge N. 18 del 1996 e successive modifiche ed integrazioni, aveva stabilito che le ASL dovessero dotarsi di personale specializzato per l'istituzione delle U.M.E.E. (unità multidisciplinari età evolutiva) e delle U.M.E.A, (unità multidisciplinari età adulta) definendo con precisione anche il rapporto tra ore di psicologia e n. utenti disabili (38 ore settimanali per 80 utenti). Dopo più di 14 anni possiamo osservare che la domanda dei Cittadini e delle Istituzioni ha subito un aumento esponenziale, senza che a ciò facesse seguito un coerente aumento del personale dedicato, mentre in alcune realtà le suddette unità multidisciplinari non venivano nemmeno costituite. Come pensate di garantire la presa in carico dei soggetti portatori di handicap così come previsto dalla legge'? Con quali tempi? Quali saranno gli Assessori coinvolti nell'affrontare tali problematiche? Va applicata la LR 18/96 che prevede la costituzione di Unità Multidisciplinari per l Età Evolutiva e l Età Adulta con personale ad esse dedicato. Questa legge attualmente non è applicata a causa dei tagli al personale. Il personale assegnato è insufficiente, per cui il lavoro principale è costituito dalle attività di certificazione di handicap o di D.S.A. Di fatto le terapie non vengono più effettuate in molte realtà territoriali. A mio parere entro il 2016 si dovrà fare in modo che le Unità multidisciplinari tornino a funzionare, come prevede la legge 18. Naturalmente questo dovrà essere un impegno dell intera Giunta e dell intero Consiglio regionale attraverso il Bilancio; nello specifico gli assessorati che dovranno occuparsene sono quello alla Sanità e politiche sociali, al Bilancio, all Istruzione. 8) TERZO SETTORE. Nei settori socio sanitari e sanitari esistono comunità terapeutiche o educative e servizi socio educativi gestiti dal Privato Sociale accreditato, o Servizi forniti dal Terzo Settore qualificato, o anche gestione esternalizzata di servizi propri dell Ente pubblico dove l attività dello psicologo è essenziale. Tutto ciò rischia di implodere nelle continue riduzioni di Beni e Servizi, che considerano alla stessa stregua materiali come i pc e professionisti che erogano servizi alla persona. Intendete regolamentare la presenza dello psicologo nei suddetti settori e rivedere il sistema degli appalti di servizi, distinguendoli dai beni? In che modo e con quali tempi? 8) Troppo spesso con il blocco delle assunzioni si mistifica l assunzione del personale con le convenzioni con Cooperative per beni e servizi. Questa è una truffa. In linea generale siamo contrari alle esternalizzazioni. 9) SICUREZZA SUI POSTI DI LAVORO L art.28 del DdL 81 del 2008 prevede interventi di valutazione dei rischi di stress correlato alle attività lavorative. La rilevazione dello stress è di evidente pertinenza psicologica e nel contempo trattandosi di un nuovo settore di applicazione della suddetta professionalità esso

11 potrebbe impegnare giovani laureati disponibili a formarsi su tali tematiche. Ritenete possibile impegnare risorse economiche per progetti formativi finalizzati a questo settore? In caso affermativo quali settori dell amministrazione regionale ne saranno coinvolti? 9) La valutazione dei rischi da stress è giusta e sicuramente potrebbe impegnare giovani laureati. 10) SPECIFICITA DI RUOLO Durante questi anni non sempre la figura dello psicologo è stata interpellata e inserita all interno delle Commissioni di lavoro Regionali. L Ordine Psicologi Marche auspica a divenire interlocutore diretto e partecipante attivo in tutte quelle aree di pertinenza; impegnandosi anche a fare chiarezza sulla professione attraverso azioni di sensibilizzazione e diffusione della cultura psicologica ma anche ad insistere sulla necessità di inserimento delle sue specifiche competenze. Qual è la sua posizione a riguardo? 10) Sono d accordo che l ordine degli psicologi debba essere interpellato quando si affrontano problemi di loro pertinenza o su cui comunque il loro contributo è utile e necessario.

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2013 DISEGNO DI LEGGE 8 aprile 2013, n. 377 Disciplina del servizio di assistenza e consulenza psicologica in provincia di Trento. Modificazioni

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO. Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO. Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6253 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PECORARO SCANIO Istituzione delle scuole di sessuologia clinica presso le università Presentata

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Comune Capofila San Benedetto del Tronto Acquaviva Picena Campofilone Carassai Cossignano Cupra Marittima Grottammare Massignano Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche Montefiore dell Aso Monteprandone

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4

Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 Regione Misura 3.1_Assistenza indiretta e contributi straordinari Annualità 2014 PIANO SOCIALE DI ZONA 2014 DISTRETTO RI/4 PARTE SECONDA SOTTOMISURA 3.1 Interventi L.R. 20 / 2006 Regione Misura 3.1_Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini

Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI. Comune di SEZZE. Comune di SONNINO. Distretto Monti Lepini Comune di PRIVERNO Capofila Comune di BASSIANO Comune di MAENZA Comune di PROSSEDI Comune di ROCCAGORGA Comune di ROCCASECCA DEI VOLSCI Comune di SEZZE Comune di SONNINO Distretto Monti Lepini REFERENTE

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

I consultori familiari: una risorsa preziosa per le nostre comunità

I consultori familiari: una risorsa preziosa per le nostre comunità I consultori familiari: una risorsa preziosa per le nostre comunità di Antonio Bucz I consultori familiari sono nati più di 30 anni fa per dare concrete risposte alle nostre popolazioni in termini di salute,

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013

DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 DELIBERAZIONE N X / 392 Seduta del 12/07/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE

PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE Allegato B PROGETTO SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE INTERVENTI PER LA PRESA IN CARICO E IL TRATTAMENTO DI MINORI VITTIME DI ABUSO NELL AREA VASTA FIRENZE PREMESSA Negli ultimi anni l attenzione al disagio in generale,

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI

SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI SERVIZI ESSENZIALI PICCOLI COMUNI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se il servizio dà continuità

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma

Comune di Morlupo Provincia di Roma Prot. n. 8942 Morlupo, 27/07/12 OGGETTO: Attività sportive e culturali a favore di minori in età evolutiva provenienti da famiglie multiproblematiche e/o a rischio di devianza e minori disabili. PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO per gli inserimenti lavorativi socio-terapeutici

REGOLAMENTO per gli inserimenti lavorativi socio-terapeutici COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per gli inserimenti lavorativi socio-terapeutici approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete)

Il ruolo delle Associazioni. Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Il ruolo delle Associazioni Roberto Cocci Presidente Diabete Forum (giovani e adulti uniti per il diabete) Perchè parlare di coinvolgimento Il coinvolgimento dei pazienti/cittadini nella progettazione,

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA Allegato B II annualità Progetto Sostegno alla genitorialità - Distretto di Carbonia REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA - Con D.G.R. n. 40/09 del

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015

DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015 DELIBERAZIONE N X / 3612 Seduta del 21/05/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

- Perchè definire un modello ideale di assistenza

- Perchè definire un modello ideale di assistenza - Perchè definire un modello ideale di assistenza La Federazione UNIAMO, attraverso numerosi incontri e momenti di riflessione e confronto realizzati con le associazioni federate e non all interno di percorsi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3414 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IORI, GNECCHI, GIUSEPPE GUERINI,

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

La mediazione familiare nel contesto dei servizi consultoriali

La mediazione familiare nel contesto dei servizi consultoriali La mediazione familiare nel contesto dei servizi consultoriali I servizi di supporto alla persona, alla famiglia e alla comunità Qualificazione e sviluppo della mediazione familiare a Firenze Firenze,

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili

Linee guida assistenza domiciliare educativa per disabili AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI Comuni di Azzano S.Paolo, Boltiere, Ciserano, Comun Nuovo, Curno, Dalmine, Lallio,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014)

IL LAVORO COME MISSIONE... QUASI IMPOSSIBILE.. (LA STAMPA APRILE 2014) LAVORARE... occupare un posto di lavoro realizzazione personale, familiare indipendenza percepire uno stipendio, reddito conquistare un ruolo attivo riconoscibile dalla comunità, partecipazione sociale,

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Corsi serali statali. Bozza di proposta di legge. di A. Lalomia. Premessa

Corsi serali statali. Bozza di proposta di legge. di A. Lalomia. Premessa Corsi serali statali. Bozza di proposta di legge. di A. Lalomia Premessa Com è noto, l attività lavorativa notturna -e comunque quella che si svolge all interno di una certa fascia oraria- viene retribuita

Dettagli

IL COMITATO DEI SINDACI

IL COMITATO DEI SINDACI IL COMITATO DEI SINDACI VISTO il documento istruttorio allegato, nel quale si propone di approvare lo schema di accordo di programma con l Az. USL n. 2 di Urbino per l attivazione della Equipe adozione

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Pianificazione e Sviluppo dei servizi sociali e socio - sanitari Programma finalizzato all autonomia nell ambiente domestico di disabili e anziani

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA tra UNIONE NAZIONALE COMUNI COMUNITÀ ENTI MONTANI (UNCEM) TOSCANA e Unione dei Comuni montani CASENTINO Azienda USL 8 di Arezzo per la prosecuzione del progetto MONTAGNA IN SALUTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI PROGETTI EDUCATIVI PER PERSONE DISABILI ULTRADICIOTTENNI APPROVATO DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili.

Comune di Sondrio. Si assiste inoltre ad una maggior richiesta di accesso alla scuola secondaria di secondo grado da parte degli alunni disabili. Comune di Sondrio LINEE GUIDA PER LA SPERIMENTAZIONE del coordinamento territoriale per l integrazione dei servizi a favore dell inclusione scolastica degli alunni con disabilità PREMESSA Il Comune di

Dettagli

- Modalità di Rilevazione DIRETTA

- Modalità di Rilevazione DIRETTA Nome del Servizio: CASA TARTARUGA 1 Servizio - Codice S0097 - Codice - Nome del Servizio CASA TARTARUGA 1 - Tipologia COMUNITA' DI ACCOGLIENZA PER MAMME E BAMBINI - Referente VALENTINA DI LIBERTO - E-mail

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

N. 423 DEL 09.09.2008

N. 423 DEL 09.09.2008 N. 423 DEL 09.09.2008 ASILI NIDO - APPROVAZIONE PROGETTO PER L INSERIMENTO DI BAMBINI CON DISABILITÀ NEGLI ASILI NIDO COMUNALI - ANNO SCOLASTICO 2008/2009 LA GIUNTA COMUNALE Vista la Legge Regionale 27/94

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Le Nuvole Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti IMMIGRATI, Giorni

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani

Progetto giovani, oggi e domani Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Ceresole d Alba (cn) Pocapaglia (cn) Sanfrè (cn) Sommariva Perno (cn) In collaborazione con Consorzio Socio Assistenziale

Dettagli

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente

Titolo del progetto: IN.DI.A. Inclusion and Dialogue through Action. Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Titolo del progetto: IN.DI.A Inclusion and Dialogue through Action Area d invento: : Educazione e Promozione Culturale/ Ambiente Sedi di attuazione del progetto : Bhubaneshwar, Stato di Orissa, India.

Dettagli

Lascia il segno giusto.

Lascia il segno giusto. Lascia il segno giusto. 15 maggio, mani che amano. Giornata Regionale contro il maltrattamento all infanzia e all adolescenza. Per una Comunità che si prende cura. Versione 1.4-16.04.2015 Versione 1.4-16.04.2015

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016

Anno Scolastico 2015-2016. Periodo settembre dicembre 2015 Periodo gennaio giugno 2016 Piano Territoriale dei Servizi di Assistenza Educativa Scolastica a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di istruzione e formazione professionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 ENNA SERVIZIO NEUROPSICHIATRIA INFANTILE U.O. DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE DISTRETTO AGIRA PROGETTO POLLICINO E L'ORCO Percorsi di prevenzione, di educazione alla salute e di

Dettagli

Progetto regionale CONOSCERE PER PREVENIRE Prevenzione dell interruzione volontaria di gravidanza (IVG) e delle mutilazione genitali femminili (MGF) fra le donne immigrate. ATTIVITA 2009 ASSOCIAZIONE NOSOTRAS

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale Area: POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA Servizio: PROGRAMMAZIONE ASSISTENZA TERRITORIALE E PREVENZIONE Codice

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO CUNEO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale

Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale G I U N T A R E G I O N E M A R C H E DIPARTIMENTO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITÅ SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale Ancona, maggio 2003

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori

Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori In data 26 Settembre 2008 è stato firmato il seguente protocollo: Protocollo di Intesa per la realizzazione di una casa per la semiautonomia per donne e minori Tra Solidea, Istituzione di genere femminile

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PER ANZIANI 2. Continuità dell intervento Nuovo X In continuità con servizio già attivato 3. Tipologia di servizio X LEPS Altri Servizi _ (specificare) 4. Se

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative. Incontro con la Scuola

DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative. Incontro con la Scuola DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative Incontro con la Scuola Brescia 14 Marzo 2013 Dott.ssa Mariarosaria Venturini - Responsabile U.O. Disabilità Normative di riferimento DSA L.R. n. 4

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli