Sia lodato Gesu Cristo! Senpre sia lodato. Quande che l prete el portéa ancora la tònega!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sia lodato Gesu Cristo! Senpre sia lodato. Quande che l prete el portéa ancora la tònega!"

Transcript

1 I quatro gat de Premaor presentano: El lunàri che parla E augurano un anno 0 prospero e felice Sia lodato Gesu Cristo! Senpre sia lodato. Quande che l prete el portéa ancora la tònega! Don Giuseppe Volentiera Don Gino Buoro Introduzión La cesa de Premór, na olta, la féa part de la paròchia de Miane, pò, in te i ani trenta, l é pasàda sóte a quéa de Canpéa; a quel tènp, el prete l era Don Giuseppe Volentiera, an prete quésto, che l se à senpre fat bén volér, anca pa l fato che no l féa mai mancàr la so presenza e che tant el se à spendést co l Vescovo par farne vér la paròchia. Cusì, co in te l zinquànta l é rivà el nostro primo prete, l é stàt na roba granda e par vérlo, i nostri veci, i à laorà fa mùs par fàrghe sù la canonica, dove che l é pasà Don Gino, Don Attilio e Don Giuseppe Vendrame, preti sti quà, che i à asà al segno, e varda caso, proprio lori i é stati i ultimi a portàr la tònega. Sì, parché par mi, anca la tònega la véa a quel tènp la so inportanza, sta divisa la ciaméa rispèto, come che pién de rispèto l era el salùdo che se ghe déa a l prete co se l incroséa, quel Sia lodato Gesù Cristo (e lù el ne rispondéa Senpre Sia Lodato ) destinà a na vera e propria autorità de l paese, an salùdo, che voléa dìr sì rispèto e devozión, ma anca sotomisión; sotomisión data da quél timór de Dio tant predicà, da èser come pesà in te a balànza de l vìver de tuti i dì. El prete, l era cusì an faro sènpre inpinzà pa i so parochiàni, an faro, da ndàrghe drio senpre senza bàter òcio, parché tanta l era la fede par el Signór che lù a l rapresentéa. Ma a cavàl de i ani sétanta, bòna part de ste funzión, tradizión e usànze de a cesa, pian pian le é sparide e, varda caso, proprio quande che l é stàt rebandonà el salùdo e i preti i à butà via la tònega, masnàda anca quela da l progresso che tuti cognosón. E proprio questo l é el confìn che vien tirà in te sto lunàri, an confìn, che no vól né criticàr né lodàr, ma sólche testimoniàr quei ani de vita de i nostri veci paesani, na vita la sóa, poiàda gran pàrt su la fede in te l Signór e véder ancora na òlta, se mai ghe n fùse bisogno, el teremòt che ghe n é stàt in te sti ultimi zinquànta ani, dove che ormai, le nostre radìs, tramandàde par secoli e secoli, in te cusì póc tènp, són drìo asàrle ndàr a farse benedìr. De Conto Gianpietro Undicesima Edizione calendario dei quatro gat de Premaor a tiratura limitata Copia n di 0

2 La Dotrìna. che féa dotrìna l era la tànt amata Mèstra Gilda... Da destra in basso: Magro Antonio, Zago Carlo. Prima fila da destra: Colmellere Anselmo, Tormena Teo, Gregoletto Maria, Rusalen Santa, Cason Lina. Seconda fila: da destra Maestra Bierti, Selvestrel Antonio, Bernardi Antonio e Giustina, De Rosso (Bianchet) Roseta, De Conto Rosa, Bortolini Elia. Terza fila da destra: De Rosso (Bianchet) Paolo, De Conto Giuseppina, Dall arche Maria, Comiotto Pierina, Cantón Antonietta. Césa de Premór Ano 0. Foto ricordo par la prima Comuniòn Gennaio Fin a i primi ani zìnquanta, par la dotrìna ghe n era sólche an librét grigio, co sù scrìt: La dottrina Cristiana di Papa Pio X. Sto librét, el scumiziéa co le òto razión pì inportanti: el Segno de a cróse, el Crédo, al Padre nostro, al Gloria a l Padre, l Ave Maria, el Salve Regina, l Angelo di Dio e pàr finìr, l Eterno riposo, che ghe oléa inparàrle tute a memoria in italiàn e latìn, asiéme a l Ato de féde, de speranza, de carità e de dolór, che i era sólche in italiàn e vardàr bén de dirle sù senpre a la sera e a la matìna. Po da quà, al librét el ndéa vanti co la dotrìna che véa scrìt Pio X, che l era fata da domande e risposte che partìa da i do misteri principali de a fede: unità e trinità di Dio, incarnazione, passione e morte di Gesù Cristo, par finìr, dòpo quatòrdese punti, co i quattro novissimi : morte, giudizio, inferno e paradiso, da inparàr anca questi tuti a memoria. Par dir, su la verità de la fede, domanda: Chi è Dio? Risposta: Dio è l essere perfettissimo creatore e Signore del cielo e della terra. O su Dio premia e castiga, domanda: Che cos è il purgatorio? Risposta: Il purgatorio è il patimento temporaneo della privazione di Dio e di altre pene che tolgono dall anima ogni resto di peccato. E cusì su: l Credo, su i Comandamenti e su tuti queàltri punti dati da sta dotrìna Cristiana, pò, vizìn a ste domande, ghe n era senpre de i disegnét, che in zèrte pagine i era cusì bruti, ma cusì bruti, da fàr fin paura, tànt che a vardàrli te paséa de sigùro la vóia de fàr i pecà! Qua a Premór, co i era ancora sóte a la paròchia de Canpéa, che féa dotrìna l era la tànt amata Mèstra Gilda, che la parecéa i bòce anca par la Comunión, cusì al prete, Don Giuseppe, ghe bastéa végner fòra el dì prima de l Gran dì a interogàrli, par véder se i era pronti par ciórla. Pò, co l é rivà Don Gino, el se à rangià lù a far la dotrìna e lo stés, i à fat anca Don Attilio e Don Giuseppe Vendrame. Quel che i à inparà lóra sti fiói, i se lo porta ancóra drìo a l dì de ncói, anca se tanti de lóri, senpre indafaràdi e pieni de mestiéri da far, le porte de la césa no i se pénsa pì de pasàr. E come che dìs me mama: Se a n fiól no tu ghe mostra la strada, no tu pól pretènder che l stàe in cariàda, ma se tu ghe la fà véder, se no altro el pól decìder lù lu sól, co l é pì grànt, se la é giusta o se la é sbaliàda! Maria Madre di Dio S. Basilio S. Genoveffa LUNEDÌ Sett. S. Ermete S. Amelia Epifania S. Raimondo - Festa Tricolore S. Severino S. Marcellino di Ancona Batt. del Signore - S. Aldo 0 0 LUNEDÌ Sett. S. Igino S. Probo S. Ilario B. Amedeo S. Maura S. Tiziano S. Antonio Abate LUNEDÌ Sett. S. Prisca S. Mario S. Sebastiano 0 S. Agnese S. Gaudenzio S. Emerenziana S. Francesco di Sales LUNEDÌ Sett. Conv. S. Paolo - S. Gioele S. Tito Giornata della Memoria S. Tommaso d Aquino S. Costanzo S. Martina S. Giovanni Bosco

3 La Ziriòla. l era na candéla che la vegnéa benedìda co na funzión... Il vescovo Zaffonato celebra la messa, con don Gino Buoro ed il suo segretario ad assisterlo. In primo piano a destra Zago Anna e De Conto Luigi, a sinistra i chierichetti Busetto Angelo e Campeol Renato. Césa de Premór Ano. El Vescovo Zafonato el creseméa Febbraio La ziriòla, l era na candéla che la vegnéa benedìda co na funzión al do de febràro. Tute le faméie le ghe n véa una in casa e la vegnéa tiràda fòra e inpinzàda co qualchedùn stéa mal, co ghe n era an luto o co l féa brùt tènp. E proprio co l tènp al se incativéa, na fémena la cioléa an póche de brónze co la paléta da l larìn e la le metéa fòra de a finestra co sóra l ulivo par far fùn, po, inpinzà la ziriòla, la ghe vegnéa data in man a n bòcia postà de éntro de a finestra e tut el resto de a faméia i tachéa a dir sù le orazión e a invocàr i Santi co le litànie: Santa Maria, Ora pro nobis San Martino, Ora pro nobis Santi Pietro e Paolo, Ora pro nobis e pì che l tènp al féa pèdo e pì svelti e pì forte i diséa sù ste litànie, fin a quande che l Signór no la li scoltéa, al tènp el sbaléa e in tuti quanti, co an Padre Nostro, i Lo ringraziéa. A riguardo, i me à contà che un da Canpéa, che drio lù no ghe bastéa la ziriòla par salvàr tut al so racòlt, ogni olta el tiréa fòra anca na bèa cróse granda co tant de Signór inciodà e, an brùt dì, che l tenporàl no l finìa pì, lù, co sta cróse in man, el ndéa vantindrìo, vantindrìo da na finestra a queàltra e l diséa: Signór, no tenpèsta! Signór no tempèsta! Ma la tenpèsta, la vegnéa dó senpre pì fìsa e pì gròsa, fin che lù no l à pèrs la pasiènza, l à vèrt la finestra e, tràt fòra al crocifiso el ghe à dita: Visto che no tu capìs, ciò, ciàpetela anca ti an póca de tenpèsta! LUNEDÌ Sett. S. Severo Purificazione di M.V. S. Biagio S. Gilberto S. Agata S. Paolo Miki S. Teodoro LUNEDÌ Sett. B. Isaia Boner S. Apollonia S. Scolastica - Gior. Ricordo 0 0 N.S. di Lourdes S. Eulalia S. Fosca S. Valentino LUNEDÌ Sett. S. Giorgia - S. Faustino S. Giuliana Sacre Ceneri S. Flaviano S. Tullio S. Ulrico ª di Quaresima - S. Pier Dam. LUNEDÌ Sett. Catt. S. Pietro - S. Margherita S. Policarpo S. Modesto S. Valburga S. Claudiano S. Onorina ª di Quaresima - S. Osvaldo V.

4 La setimana Santa. e par tuti i tosatèi de scóla che de règola no i podéa mancàr... Da sinistra:?, Pizzin Elvira,?, Bortolini Fabiola, Comiotto Clara, Tormena Valerio, Bortolini Mario,?. Premór, scóle vèce Ano. A scola, l é ora de disnàr Marzo La setimana Santa, la scumiziéa anca na ólta come dés la doménega de e Palme, ma le funzión, la partecipazión e la devozión che ghe n era lóra, noiàltri a l dì de ncói, se la sognón. Cusì, co la mésa a e diése de a matina e la benedizión de l ulivo, i me vèci paesani i se parecéa par na setimana de penitènza e de adorazión a l Signór, in te na césa vestìda a lùto da i teli viola che querdéa tute le rafigurazión de l Signór e de la Madòna. A l dopo miodì, co l vèspro e na procesión atórno a la césa, Dón Giuseppe Volentiéra el verdéa le quarànta ore de adorazión a l Santissimo, adorazión queste, che par tre dì le scumiziéa co na mésa a e sìe de matina e la esposizión de l Santissimo fin a la sera a le òto, quande che i féa la chiusa co canti, salmi e preghiére par la riposizión. In te sti tre dì, a ogni ora sonéa le canpane, che le segnéa el canbio da na ora a queàltra e le ore in césa, le véa da èser pasàde senpre in denòcio. Dové savér che l Santissimo, in te le ore de adorazión, no l pódea mai èser asà Lù lu sól e par questo ghe n era i capàti, che i véa el dovér, dàndose el canbio, de sòito a do a do, de èser senpre presenti su l so banchét abàs l altàr. Al mèrcol Sant, a le ùndese de matina, i féa la chiusa de e quaranta ore, co na mésa e n àntra procesión atórno a la césa e par tuti i tosatèi de scóla che de règola no i podéa mancàr, l era na festa granda, parché, dopo la mésa, scumiziéa le so vacanze de Pasqua. Mercòl e dióba Sant de séra e a l véndre vanti de a mésa, i féa i matutìn, un trido penitenziale par pareciàrse a l véndre Sànt e lóra, vegnéa més sóra l altàr vintiùn candéle su n afàr fat a triàngol, i cantóri, i cantéa de i salmi ciamàdi matutìn e a ogni matutìn, al mòcol el stuséa na candéla, fin a quande che ghe n restéa sólche una, quéla, el sacrestàn la la portéa drio l altàr, el stuséa le luci, e a scùr el sonéa al sgreón. Al sgreón, l era an casón de tòla co éntro na specie de balestra dóve che l era fisà de i tòc de lénç che féa come da martèl e, menando na manovèla, i batéa sù par la tòla a rotazión e al féa: tu tu tun, tu tu tun, tu tu tun el rumór, l era cusì forte che da dióba a miódì, fin a sàbo matina, co le canpane le véa da tàser, Bórtol Dago, che l era al sacrestàn, a lo lo portéa sù su l canpanìl, par sonàr al so pósto, prima de le funzión. Rivéa cusì el vèndre Sànt co la Via Crucis in procesión, dóve che i pì cèi de lóra, i se pensa ancóra a l dì de ncói de l spetàcol de le stàle co le porte vèrte, de i tanti altarìn drio la strada e de le rive co le case, lóra abitàde, tute iluminàde co na masiéra de lumìn che féa de l vèndre Sànt na sera magica. A l sabo Sant, ghe n era la benedizión de l acqua e de l fógo e la doménega de Pasqua, co la mésa de e diése, l era festa granda! Par quel dì, tute le faméie le pareciéa i góvi lési incolorìdi e po, co na palanca, i ghe tiréa e chi che féa centro, el se lo magnéa de gusto. N altra roba che i costuméa far al dì de Pasqua parché portéa bén, l era quéa de béver i góvi de matina, góvi però, mési via apósta al vendre Sànt par i òmi e a l sabo Sànt par le fémene. LUNEDÌ Sett. S. Albino S. Giovino S. Marino S. Lucio S. Oliva S. Coletta ª di Quaresima - S. Adriano LUNEDÌ Sett. B. Doriana S. Domenico Savio S. Emiliano 0 0 S. Costantino S. Massimiliano S. Rodrigo ª di Quaresima - S. Matilde LUNEDÌ Sett. S. Lucrezia - S. Longino S. Eriberto S. Patrizio S. Salvatore S. Giuseppe S. Alessandra 0 ª di Quaresima - B. Benedetta LUNEDÌ Sett. S. Benvenuto S. Vittoriano S. Gabriele Annunciazione M.V. S. Felice S. Ruperto delle Palme LUNEDÌ Sett. S. Secondo S. Donnino S. Amos

5 Le rogazión. par fermàrse ogni tant, in te n capitèl... 0 Aprile Via Canpón Ano. Gregoletto Luigi e De Conto Guido. Davanti el capitèl, dó amighi vestìdi da festa Le rogazión, quà a Premór, le é ndàte vanti fin a i primi ani sesànta e le era quàtro procesión dove che vegnéa invocà el Signór par protèger, co la so benedizión, le tère, i racòlt, le case e tuti i so parochiàni. A quel tènp, la prima rogazión la vegnéa fata el dì de San Marco; queàltre tre, el lùni, el màrti e l mèrcol prima de l Asénza, che la vegnéa senpre de dióba e no come dès, che i la à portàda a la doménega. A ogni modo, sta funzión, la partìa da a cesa de matina bonóra, péna che féa ciàro, co davanti an capàto che l portéa el penèl, che l era an quadro co l santo Patrono, el prete drioghe co do mòcoi* a e so bande, un co la cróse picenìna picàda inzìma a na ìnima* e queàltro co l secèl de l aqua Santa par fermàrse ogni tant, in te n capitèl o sóte an albero, drio na róia, vanti na casa o an cànp de biava, e là, al prète, el ciapéa in man la cróse, el tachéa a alzarla sù e dó e intànt che l benedìa, giràndose su tuti e quàtro i cantón, al invochéa al Signór par la protezión de i cànp e de e case. A fulgure et tempestate e i fedéli: Libera nos, domine. A fulgure et tempestate e i fedeli: Libera nos domine. Pò, par la protezión de i parochiàni: A peste fame et bello e lori: Libera nos domine, e l finìa co na sùplica a l Signór, par dar e conservàr i racòlt, che la féa cusì: Ut fructus terrae dare et conservare dignèris e i parochiàni i rispondéa: Te Rogamus audi nos. A sto punto, dopo vér invocà n antre zìnque òlte el Signór, al prete el ciapéa in man l aspersór e l benedia co l acqua Santa e po via par n antra stazión diséndo sù Litanìe e orazión. Procesión queste, che le tochéa i confìn de e paròchie, grande o cèe che le fùse e tut lònc la strada, no i tachéa mai dó de dir sù Salmi e Litanie e, a ogni stazión, i ledéa el Vangelo, par finir cusì, anca dopo tre ore co la mésa in cesa. Quà a Premór, che se era na paròchia picenìna, se se la scuséa co póc, parché se ndéa da e talponàde a l pònt, caminàndo tra strade, cànp e rive, par po finìr a l mèrcol, in te la ceséta in Coldanìn, dove che co la mésa i finìa le quàtro rogazión; insóma na òlta, el racòlt, ghe voléa anca meritàrseo davanti a l Signór! E par finir, vé cònte questa: An parochiàn de Canpéa, che quel dì el portéa al penèl co sù Sant Andrea, a n zèrto punto, fermàndose davanti a la so riva, el ghe à dat do sgorlón e l ghe à dita: Varda sù tu sto ano, che no tu me mande la tenpèsta fa l an pasà, se tu vól che te porte ncora a spàso! *Mòcoi chierichetti *Ìnima asta lunga 0 0 Sett. S. Ugo S. Urbano S. Riccardo Pasqua LUNEDÌ Sett. dell Angelo S. Diogene B. Ermanno S. Giulia S. Cleofe S. Terenzio S. Gemma LUNEDÌ Sett. S. Zenone S. Orso S. Lamberto S. Massimo B. Arcangelo B. Everardo S. Galdino LUNEDÌ Sett. S. Socrate S. Cristoforo S. Anselmo S. Leonida S. Marolo Vescovo S. Fedele S. Marco - Ann. Liberazione LUNEDÌ Sett. S. Franca S. Liberale S. Valeria S. Caterina S. Aimone

6 L asta par la césa. i costuméa de méter a l asta la pechéta de sto porzèl... Da sinistra: Gusatto Camillo e Giuseppe, Selvestrel Martina, Anna e Lucia,?,?. Via Canpón Ano. El porzèl de i Gusàt, el stà proprio bén Maggio In te i primi ani zinquànta, par ringraziàr Sant Antòni de vér intercedést par el so porzèl che quel ano el véa tirà drét, i parochiàni i costuméa, par tiràr sù qualche schéo par la césa, de méter a l asta la pechéta de sto porzèl. No i lo féa mal volentiéri, parché se l porzèl el fùse mort, co la fàn che ghe n era a quel tènp, la sarìe stata na disgrazia bén pì granda! I ghe la portéa cusì a Bórtol, el sacrestàn, che l ghe varìe pensà lù dopo, co la véa in màn, a mandàr fòra le ciàcole ai so paesani, che, a la doménega, co finìa la mésa granda, i se parecéa dó bàs su a strada, a spetàr che l vegnése fora su l sagrà co l bocón in questión. Come che Bórtol el rivèa, i tachéa a sbaregàrghe drìo: Pàrtetu da qùant? Eo an porzèl vecio o frés-c? E lù, calmo, el se metéa a cavàl de l murét de l sagrà, pò, co na ganba sù e una dó e co la pechéta in màn, a la la movéa vanti e indrio, vanti e indrio, sóra a le teste de i òmi, che i vardéa sù da sóte; po el tachéa: Zinquànta, chi òfre di più? E Nani: Sesànta! Brào Nani! Sesànta e un sesànta e do Setanta! l urla n antro. Puìto Bepo! Setànta e un, setànta e do Zènto! El ziga Toni. Oro! Zènto e un, Zènto e do, zènto.. e tre! Brào Toni, cìapa quà, la pechéta l é tóa! Cusì Toni, el ghe déa i zènto franchi e l ndéa a casa contènt co la so pechéta. Bórtol, anca lù l era contént de portàrghe i schèi a i fabriziéri che i li metéa in càsa par le spese de la paròchia. I fabriziéri, na olta, i era quei che tegnéa i cònt de a césa e i dovéa èser gente de l paese che i vése anca an zèrto capitàl, parché, se la césa la féa debiti, lori i véa da rispònder co i so schèi. Festa del Lavoro - S. Giuseppe S. Germano LUNEDÌ Sett. S. Giovenale S. Ciriaco S. Silvano S. Evodio Vescovo B. Gisella B. Ida Giornata dell Europa LUNEDÌ Sett. S. Alfio 0 0 B. Vivaldo S. Pancrazio Madonna di Fatima S. Mattia S. Isidoro Ascensione - S. Ubaldo LUNEDÌ Sett. 0 S. Pasquale S. Venanzio S. Ivo S. Bernardino 0 S. Valente S. Rita da Cascia Pentecoste - S. Desiderio LUNEDÌ Sett. di Pentecoste - M. Ausiliatrice S. Ildebrando S. Filippo Neri S. Agostino da Canterbury S. Luciano B. Ursula SS. Trinità - S. Ferdinando LUNEDÌ Sett. S. Vitale

7 I capàti. i era na asociazión ciamàda Confratelli del Santissimo... 0 Giugno Césa de Premór Ano. Da destra: il Cappato De Conto Giuseppe, De Conto Maria. L é rivà la Madona de Ponpèi a Premór. Na òlta, tute le paròchie, le véa i so capàti, sti qua, i era na asociazión ciamàda Confratelli del Santissimo e l era fata da quei òmi de l paese che i sentìa pì de altri de èser vizìn a l Signór e podérlo cusì mejo servìr. Lori, i se ofrìa volontari, el Vescovo, par medo de l prete, a li nominéa, in modo che i podése cusì sbrigàr le so funzión, in te le tante celebrazión de l ano. Qua a Premór, tra i tanti, ghe n era: Nato e Piero Jacomét, Nato Bando, Nane Maldo, Valerio Tormena e Toni Casón; el mestiér che i véa da far, l era quél de vejàr su l Santìsimo in te la setimàna Santa e in tute le òlte che i ndéa in procesión, insóma, se podarìe dir che i era come le guardie d onore de l Signór. E propio par quél, anca lori, come tute le guardie, i véa la so divisa, che par quant póc, la ghe déa na zèrta autorità e l era fata da na tònega bianca lònga fin a i pìe, co na fàsa rósa atórno a la vita; rósa, l era anca la mantèla che i portéa su e spale, tipo quéla de i Cardinài par intènder e, picà a l còl, an medaión co su stanpà al calice de l Santissimo. Cusì, quande che i ndéa in procesión, quàtro capàti i portéa al baldachìn de l prete, altri quàtro i tegnéa i ceri e do i stéa tenti che la procesión la fùse insetàda ben e che gnesùn ciacolése o fése confusión, parchè se no, co an ccsst! e na ociàda, i lo véa bèlche conbinà. Ma ogni tànt, anca qualchedùn de lori el ndéa fora cariàda, fa quéa òlta che an vèndre Sànt, intànt mésa, an capàto che l véa cargà an póc al tòrcio, el se à indormenzà là, sentà dó su l primo bànc; i fà le preghiére e lù el dròn, i fà i canti e lù el dròn, i và in procesión e lù el dròn. Finìs la funzión el se sveja e lóra, el capàto pì vècio al lo varda e, oltàndose verso queàltri el dis: Zèrto, che se l fùse stat par quéa guardia là, al Signór, sta sera, i lo varìe portà via! 0 0 Sett. S. Giustino Festa Repubblica - S. Erasmo S. Clotilde S. Quirino S. Bonifacio Corpus Domini - Festa Sport LUNEDÌ Sett. S. Landolfo S. Melania S. Efrem B. Diana S. Barnaba B. Jolanda S. Antonio da Padova LUNEDÌ Sett. S. Eliseo S. Abramo S. Ciro S. Raniero S. Marina S. Romualdo S. Silverio LUNEDÌ Sett. S. Luigi S. Flavio B. Lanfranco S. Giovanni Battista S. Guglielmo S. Vigilio S. Cirillo LUNEDÌ Sett. S. Ireneo Santi Pietro e Paolo Santi Protomartiri

8 Votàrse a l Santo e a la Madòna. e come da voto, i lo vestìs par trèdese mesi da fratìn... 0 Luglio Premór Ano. Comiotto Mario. Mario vestì da fratìn. L é al dì de Nadàl de l vintitré e, in te a casa de i Comiòto a Premór, nàs al quarto fiól Mario; la levatrice, la se inacòrde sùito che ghe n é qualcòsa che no và, parché el tosatèl l é tut nero e no l stà par gnént bén, cusì, dirèta, la ghe dà l aqua Santa e la manda Jàcomo, so pupà, de corsa a Miane, a ciamàr el dotór. Na òlta visità, al dotór el ghe le dà brute, el ghe dis che l cèo l à i vasi sanguigni che i perde e che la pànza la é ingonbràda de sangue, el ghe dìs anca che l é in coma e che par lù, no ghe n é speranze de podérlo salvàr. I Comiòto, desperàdi, i ghe dìs che l ghe fae lo stés tute le cure che l pól, pò, tegnésti in pìe da la tanta fede che i véa, i decide de farghe el voto a Sant Antòni, co la promésa che se l varà la grazia, i lo vestirà da fratìn tuti i dì par trédese mési. Mario, el stà in coma par quarànta dì, ma dopo, pian pian el và mèio, fin che a póc pì de n ano, no l guarìs de l tut. El dotór, che no l se spiega sta guarigión, el ghe dìs che par lù l é an miràcol, cusì so mama Elena e so pupà Giacomo, no i pèrz tènp, i se fà mandàr par Mario el saio benedì da i frati de sant Antòni da Padova e, come da voto, i lo vestìs par trèdese mesi da fratìn e pò, i ghe manda la fotografia de l cèo da méter su l giornalìn de l Santo co ste quàtro righe de ringraziamento par la grazia granda che l ghe a fàt: Non dimenticheremo mai questa grazia ricevuta dal grande taumaturgo, pregandolo di proteggere sempre la nostra famiglia, adempiamo alla nostra promessa fatta, inviando lire dieci quale offerta al santo e lire sei per l abbonamento al giornalino degli altri due nostri figli più grandicelli. Comiotto Giacomo ed Elena. N altro voto fàt e testimonià ancora al dì de ncói, l é quel de Chéco Tachéti, che al véa el mal caduto. Céchi, l à fàt voto a la Madòna che se l guariséa, el ghe varìe fàt an capitèl e difàti, al capitèl che se vét in te a curva pa ndàr dó in Monchèra, la lo à fàt proprio lù, dopo èser guarì da la so malatìa e fòra, se pól ancora lèder quel che lù l à scrìt: Per opera di Bortolini Francesco. Eco, al dì de ncói, a ste robe noi ghe credón pì póc, resta el fato però, che i nostri vèci, invéze, a quel tènp i ghe credéa tant, anca parché el pì de e òlte no ghe restéa pì gnént altro da fàr che picàrse a i Santi e a l Signór e, sarà par le tante preghiere, sarà par la tanta devozión, sarà parché la véa da ndàr cusì, ma ogni tant, qualchedùn, al se catéa guarì. 0 0 Sett. S. Domiziano S. Ottone S. Tommaso S. Isabella LUNEDÌ Sett. S. Filomena S. Maria Goretti S. Edda S. Priscilla S. Goffredo S. Apollonio S. Benedetto LUNEDÌ Sett. S. Marciana S. Enrico S. Camillo S. Bonaventura B.V. del Carmelo S. Alessio S. Federico - Festa Redentore LUNEDÌ Sett. S. Arsenio S. Elia B. Odino S. Maddalena S. Brigida S. Cristina S. Giacomo LUNEDÌ Sett. 0 S. Anna S. Celestino S. Serena S. Marta S. Pietro Crisologo S. Ignazio

9 El giuramento su l Vangelo. Vién el dì de e nòze e tuti in procesión i và in césa... 0 Agosto Da sinistra: Dal Bò Ivan, Gregoletto Maria e Luigi. Dietro: Rossito Tulio, Carniel Rino,?, Dal Vecchio Ilario, Bellè Gino, Ballancin Augusta,?,?, Gregoletto Antonietta, Piero e Maria,?, Bortolini Romano,?,?, Dalla Libera Giuseppe,?. Premór Ano. (La foto non è inerente al testo) La Maria Danéta la se spósa. Na òlta, quande che do morós i voléa maridàrse, i ndéa in canonica da l prete a scrìver le nòze, lù, prima de dàrghe la so benedizión, a li ciaméa éntro un a la òlta par farghe de e domande e, co la man poiàda su l Vangelo, i véa da rispònder sì o no, in maniéra de savér se la so vita da morós la véa rispetà la dottrina cristiana. E, su sto fato, dès ve conte còsa che ghe à tocà a do sposi, in te i ani zinquànta, par colpa de na domanda capìda mal. L é el mese de setènbre e do morós i và da Don Gino a Premór par scrìver le nòze, come a l sòito, el prète a li fà ndar in canonica un a la ólta par le famóse domande. Và el spóso e tut el fila drét; po và la spósa, che però, su na domanda che no la véa capì bén, la se inciànpa e la ghe rispònz Si! El prete, el se fà serio e l ghe fà de nóvo la domanda, la tósa, éntro de ela la se dis: Se al me tórna fàr la stésa domanda, vól dìr che ò sbalià e ora, sto colpo ghe dìghe de no! Don Gino, el fà finta de gnént e al finìs la so interogazión; el scrive le nòze e li manda a casa, ma qualche dì dopo, el ghe confida tut al prete de Farò, dato che l sposo l era un so parochiàn. Vién el dì de e nòze, i sposi, tuti contenti, i se marìda e dopo mésa tuti in procesión, i và a casa de l spóso par far fèsta. Ma co vién sera, riva al prete de Farò, Don Piero, che co la scusa de benedìrghe la canbèra a i sposi, el se ferma anca a magnàr. Prima de ndàr via, però, el ciama i suoceri in càneva e l ghe dis: Voiàltri no credarè, ma la vostra sposéta, la é in condizión! Podé pensàr le face che i varà fat a sentìrse dir cusì, robe, à quel tèmp, da farte végner an cólpo! A ogni módo, ormai i dóghi i era fati, restéa sólche de far finta de no savér gnént. Vién nòt e la festa la finìs, tuti i và a casa, tuti i và in let: chi a paìr la ciòca, chi contént co la panza piena; i spósi, par la so prima nòt de nòze e i suoceri, a zercàr de dormìr co sta cròda granda su l stòmego! El dì dopo, la spósa, no la và in viàjo de nòze, ma la se cata co le so cugnàde de matina bonóra davanti a n mastèl pién de robe da lavàr e, tra na ciàcola e queàltra, la sposéta la se fà coràio e la ghe dìs: Tóse, stanòt, me é sucès cusì e cusì, vólo dir che? E la cugnàda pì vècia, che l era anca la pì scaltra, la ghe rispònz: Vól dìr che tu te à sposà puìto! Pasa nóve mesi e tràc, giùst fà n orolòio, nàs na bèla toséta, par stropàrghe la bóca, na òlta par tute, a chi che de sta brava sposéta senza pecà, véa sparlà. 0 0 S. Alfonso LUNEDÌ Sett. S. Eusebio S. Lidia S. Nicodemo Madonna della Neve B. Ottaviano S. Gaetano S. Domenico LUNEDÌ Sett. S. Samuele S. Lorenzo S. Chiara S. Ilaria S. Cassiano S. Alfredo Assunzione Maria LUNEDÌ Sett. S. Rocco S. Emilia S. Elena S. Mariano S. Bernardo S. Pio Decimo S. Augusta LUNEDÌ Sett. S. Rosa S. Bartolomeo S. Patrizia S. Zeffirino S. Monica B. Adelina S. Sabina LUNEDÌ Sett. S. Bonomio S. Aristide

10 Maridàrse có l pecà. i se marìda in comùn a Miane e Da sinistra: Salzano Michele, Zago Andreina, il sindaco Fabris Danilo, Piovan Allessandro. Dietro da sinistra: Timbretti Santobuono, Bon Tiziano. Comùn de Miane Ano. Foto péna maridàdi in comùn a Miane Settembre I primi ani sesànta, i é stati ani dóve che tut no l sarìe pì stàt come prima e anca la césa la à canbià, o pèrs, a seconda de l pensiér, an sàc de funzión e de tradizión, tra ste qua, le pì fastidióse, le era la perdonanza e maridàrse co l pecà. Dové savér, che quande che do morós i l avéa fata gròsa e ghe tochéa maridàrse, in te l famóso giuramento su l Vangelo i dovéa dirlo e a sto punto, a l préte no ghe restéa altro che maridàrli squasi de scondión, de matina bonóra, co l era ancora scùr, senza sonàr le canpane e conpagnàdi sólche da i conpàri. E questo, anca se no l par, l é ancora póc, parché, la storia che dés vé cónte, la é ancóra pì travaiàda. L é al febràro del sesantatrè e l Andreìna la é squasi de sìe mési, so morós Michéle, che l é an carabiniér, no l sà come fàr par sposarla, parché lóra, fin che no i véa conpì vintinóve ani, i carabinieri no i podéa maridàrse, sinò, i li varìe butàdi fóra da l arma. Ma an bèl dì, Michele, el decide de confidàrse co an maresiàl de Vitorio che lo consìlia de ndàr a parlàr co l Vescovo. Michele, no l ghe pénsa sù do ólte e la matina dopo, co la so vèspa, el và a catàr el Vèscovo in diòcesi a Vitorio; come che l se lo vét davanti, el se scùsa in denòcio de quél che la fàt e l ghe dìs che lù el vól a tuti i costi sposàr la so morósa, ma no l sà come fàr. El véscovo, dopo vérlo confesà, el se rende cònt de vér a che fari co un brào tosàt e l ghe dìs: No state preocupàr! Ti no stà dìrghe gnént a gnesùn e fate catàr in te la césa de Premór el sédese de febràro a e sìe de matina sólche co i conpàri, che mi te mande an prete in segreto par sposàrve. E cusì, a tàl dì e tàl óra, in te na matina scùra, umida e fréda, conpagnàdi da i conpàri Nato Bàndo e Benito co le so fémene Gilda e Valeria, i và in césa e là, davanti a l altàr, iluminà co póca luce, i cata pronto, là lù lu sól, an prete mai vist, che l ghe fà la so bèla mésa e li marìda. Pò, i lo ringrazia, i lo salùda, i se tira dó la véra e come che i và fòra par la porta de a césa, conpàri e spósi, tant par no dar su l òcio, i và via ognùn par la so strada, vist anca che ormai l era drio végner cìaro. Ma a far na bela festa, da bòn napoletàn che l era, el spóso no l voléa rinunciàr, cusì, a e nóve e mèda, riva l Armìda, so vizìna de casa, che la ghe pòrta el cafè a i sposi e la ghe parécia le tòle e le robe par far sta festa; pì tardi, riva anca la Neta Malda, co le so pignàte par fàrghe da magnàr e pò, stando senpre aténti che no rivése i carabiniéri, i à fàt baldòria par tùt el dì. Pàsa tre mèsi e, póc dopo che l era nasést la Rosi, ghe capita a casa de sta sposa i carabiniéri che i vól savér se la toséta la é fìa de Michele, ela, la ghe rispònz che Michele l é al so morós e che no l é l pare de a cèa, che tra l altro, la porta al so cognome; a sto punto, i carabiniéri i fà el verbàl e i và via. Pàsa altri tre ani, nàs altri do fiói e Michele el conpìs i famosi vintinóve ani e i pól cusì méterse in regola, i se marìda in comùn a Miane e l pól dàrghe finalmente a i so fiói al so cognòme, metèndoghe cusì na piéra sóra na òlta par tute a sto matrimonio cusì conplicà. Sett. S. Egidio S. Elpidio S. Gregorio S. Rosalia S. Vito LUNEDÌ Sett. S. Petronio S. Germana Natività di Maria S. Isacco B. Damiano 0 0 S. Diomede Nome di Maria LUNEDÌ Sett. S. Maurilio B. Rolando B.V. Addolorata S. Cornelio S. Roberto Sante Sofia e Irene S. Gennaro LUNEDÌ Sett. S. Candida 0 S. Matteo S. Maurizio S. Lino S. Gerardo B. Ladislao S. Nilo LUNEDÌ Sett. S. Marcello S. Venceslao S. Michele S. Girolamo

11 El Batìdo. Tornàdi a casa dopo vér batidà, i féa comaréf... 0 Ottobre Borgo Chéch Ano. Pollazzon Giuseppe e Anselmo. Bepo Polasón, co so fiól Selmo el dì de l batìdo. Co naséa an tosatèl, batidàr, fin a i primi ani sesànta, l era una de le prime robe da fàr, parché se sà che lóra, i era ani ónde che tanti de sti póre nès, i moriséa in te i primi mési de vita e cusì, par èser sigùri che i ndése in Paradiso co i Santi, ghe voléa batidàrli a la pì lònga éntro na setimana. Dové savér anca, che co naséa an cèo che no l véa na bèla ziéra, la levatrice, co vizìn an testimone, la ghe déa l Aqua Santa, parché se l morìa senza èser batidà, invéze che in Paradiso, sto póre cèo el ndéa in te l Linbo, an pósto quésto, dóve che no se sòfre e no se gode. A ogni mòdo, co tut ndéa bén, i ndéa a ciór in prést al portainfàn, po, so mama, la metéa éntro el tosatèl su sta spècie de sàc co sóte an cusìn, asàndoghe fòra sólche la testa e la ghe lo déa in bràz a na toséta de dódese, trèdese ani o a na so zia, che le véa da portarlo in césa co drìoghe, so pupà, so sàntoi, so noni e la levatrice; éla, che la era in quaranténa, no la podéa móverse da casa e cusì ghe tochéa vardàrli ndàr via da fòra par la finestra, co n gróp in te l còl. Tornàdi a casa dopo vér batidà, i féa comaréf e i magnéa la pita co l so bel brodét che l conpàre al portéa par la spósa, parché, co la era in quarantèna, la véa da magnàr tant e bén par riméterse in sèst. Su l Batìdo, resta ancóra da dir che a chi che ghe tochéa par primo l acqua nóva, benedìda el Sabo Sànt, el véa da portàr in braz an gnèl co picà a l còl na canpanèla co l fiòc ròsa o celeste, che a le ólte, dopo qualche dì, el vegnéa magnà co l préte, al sacrestàn e i fabriziéri. Pò, a Pentecoste, l Aqua Santa la vegnéa rinovàda e l primo che da nóvo la inpriméa, el véa da portàr al capón; insóma, par le scasèle de lora, l era de sigùro meio batidàr senpre co l acqua vecia! 0 0 B.V. del Rosario - S. Remigio SS. Angeli Custodi S. Cipriano Vescovo LUNEDÌ Sett. 0 S. Francesco d Assisi S. Placido S. Bruno S. Sergio S. Dimitri S. Dionigi S. Daniele LUNEDÌ Sett. S. Firmino S. Serafino S. Edoardo S. Fortunato S. Teresa S. Edvige B. Gabriella LUNEDÌ Sett. S. Luca S. Laura S. Irene S. Orsola S. Donato S. Romano S. Raffaele LUNEDÌ Sett. S. Miniato S. Folco S. Fiorenzo S. Simone Apostolo S. Narciso B. Angelo d Acri S. Quintino

12 La Perdonanza. la se pareciéa fora de a porta de a cesa co na candela... Da sinistra: Ceschin Giuseppe, Vettoretti Valentino, Bernardini Sergio, Pizzin Mario, De Conto Emilio, l onorevole Fabbri, Don Attilio, Pizzin Rino, Vettoretti Giovanni, Pollazzon Anselmo, Boschetto Giacomo, Nardi Giovanni, Canton Antonio, Busetto Mario, Bernardi Luigi, Zago Andrea, Bernardi Filippo e dés, vardé voialtri chi che cognosé. Césa de Premór Ano. Festa de i migranti, co i tornéa in ferie par an pochi dì de genàro Novembre La Perdonanza, l era na benedizión de a cesa, che la ghe vegnéa data a la mama dopo quarànta dì che la véa conprà ma ndón drio man. In te i ani che fù, co na fémena la véa vù an fiól, par quarànta dì no la podéa tocàr l aqua, parché i diséa che la bùsa l era senpre vérta e podéa végnerghe le moragìe, no la véa da ndar fora de casa, o meio, la podéa ndar an póc, ma vero an póc, fora in te l so cortìvo, ma mai traversàr la strada o ndar su quel de i altri, parché, éntro un àno, podéa capitàrghe na disgrazia granda a un de sta faméia. Pò, a e sìe, co i sonéa le Avemarìe, no la véa pì da méter pìe fora de casa, sinò, i diséa, che la varìe podést ciapàr le catìve arie e la ris-céa de star mal o de pèrder al lat. Pasà i quarànta dì, conpagnàda da so mama, la sposa, de matina bonóra, la se pareciéa fora de a porta de a cesa co na candela inpinzàda in man; rivéa cusì Don Attilio, che sùito la la benedìa, pò, el ghe poiéa la stòla viola su l bràz destro e, pregando, la la tiréa éntro in cesa e la la portéa sóte a l altàr de a Madòna a dìr sù l ultima rìsa de razión, liberàndose cusì, de sti quarànta dì de clausura. De sigùro, a tante de ste fémene, sta Perdonanza la ghe é restàda an póc su a panza, anca parché lóre, no le savéa ben el parché de sta usànza; el nome stés, el ghe féa pensàr squasi che le vése da farse perdonàr de vér vù an fiól e, a farle ancora pì convinte de questo, l era la stòla de colór viòla, che l é el colór de l perdono e anca l fato de dovér ndàr a pregàr proprio sóte l altar de a Madòna, che l é el simbolo de la maternità senza pecà! La verità, invéze, l era che sta benedizión, co sta rìsa de preghiere che ghe ndéa drio, la servìa a ringraziàr la Madòna de l dono grànt che l Signor el ghe véa fàt, de vér pasà i quarànta dì de perìcol dopo ver conprà e tornàr cusì, purificàda in te l corpo e in te l spirito, a l vìver de tuti i dì, come tra l altro, la stésa Madòna la véa fàt in te l tenpio co Gesù. Sto quà, che in origine no l era altro che un rito di purificazione, se pól trovarlo, scrìt ancora da Mosè, su la Bibbia, co l ndàr de l tènp però, el se à sgionfà de superstizioni e credenze popolari che i ghe à fat pèrder cusì el so vero valór iniziale. LUNEDÌ Sett. Ognissanti Comm. Defunti - S. Giusto S. Silvia S. Carlo - Unità Nazionale S. Zaccaria S. Leonardo S. Ernesto LUNEDÌ Sett. S. Claudio S. Oreste S. Leone 0 0 S. Martino S. Renato S. Diego Avv. Ambrosiano - S. Venerando LUNEDÌ Sett. S. Alberto S. Valerio S. Lisa S. Oddone S. Fausto S. Edmondo 0 Madonna della Salute LUNEDÌ Sett. S. Cecilia S. Clemente S. Flora S. Erasmo S. Valter S. Virgilio ª d Avvento - S. Ippolito LUNEDÌ Sett. S. Saturnino S. Andrea

13 El funeràl. e partìa la procesión pa ndàr in zimitèro... 0 Dicembre Premór Ano. Da sinistra: Tormena Mario, Recchia Angelo, Cason Pietro, Bernardi Guerrino e Antonio, De Rosso Antonio, Comiotto Mario, Giuseppe e Maria. El funeràl de Comiòto Piero, cognosést par Renzo. Al dì de ncói, i é rari quei che mór a casa, na òlta invéze, i era rari quei che moriséa in ospedàl. Tochéa cusì, che co ghe n era an lùto, la faméia la ciaméa un de i do, tre paesani specialisti a vestìr el mòrt; de sòito a Premór, i era Martìn Gòla, Agata Dago e Piero Danét, che dopo vérlo vestì, i lo setéa bén sóra a l let, co la candéla ziriòla inpinzàda su l lateràl. A la sera, tuti i paesani i se riunìa co l prete a casa de l mòrt par dir sù bén tre coróne de rosàri, po, co tuti i era ndàti via, restéa là a veiàrlo par tuta la séra e la nòt, sólche do òmi. La matina dopo, co rivéa la càsa, i lo metéa entro e i lo portéa dó abàs in entrata; davanti i ghe poiéa na caréga, co senpre la candéla ziriòla inpinzàda, an sugamàn bianc, l aqua Santa e l ulivo, par dar mòdo cusì, a tuti quei che ndéa a darghe l ultimo saldo, de podérlo, se i voléa, anca benedìr. El funeràl, el partìa in procesión senpre da la casa de l mòrt. Dopo che l prete el ghe véa dàt la benedizión, la càsa la vegnéa mésa su na portantina che la véa quàtro mànteghe par ndàr meio a portarla su e spale e quàtro ganbe par tégnerla alzàda da tèra in césa, dóve che par sóra, ghe vegnéa més la quèrta da mòrt nera, co na cróse granda bianca in medo. Finìda la mésa, tuta cantàda in latìn e benedì la càsa co l mórt, vegnéa cantà in gregoriano Liberàs nós Dòmines e partìa la procesión pa ndàr in zimitèro; i òmi davanti e le fémene da drìo, in mèdo stéa el prete co l carro funebre fàt da diése, quìndese òmi, che i se déa al canbio ogni tant, dato el bèl tòc de strada che ghe n era da fàr par rivàr a pìe fin al zimitèro de Miane e sepolìrlo. Dopo oto dì, come anca dés, i diséa la mésa pa l mòrt, ma lóra, par sta funzión, i metéa in mèdo a la césa el catafàlco, che l era na càsa vóda mésa sóra la portantina co la solita quèrta, in módo da far sentìr ancora vizìn el paesàn péna mancà. Val la pena de ricordàr che l catafalco, in te i ani de a guèra, el vegnéa doperà anca par farghe el funeràl a i soldàdi morti in batàlia, soldàdi questi, che mai pì i varìe més pìe in te la so tèra, quea tèra che ghe véa tocà asàr par servìr la Patria. 0 0 Sett. S. Eligio S. Cromazio S. Saverio S. Barbara ª d Avvento - S. Giulio LUNEDÌ Sett. S. Nicola S. Ambrogio Immacolata S. Siro N.S. di Loreto S. Damaso ª d Avvento - S. Amalia LUNEDÌ Sett. 0 S. Lucia S. Pompeo S. Cristiana S. Adelaide S. Olimpia S. Alverio ª d Avvento - S. Dario LUNEDÌ Sett. S. Liberato S. Severino S. Demetrio S. Vittoria S. Adele Santo Natale S. Stefano LUNEDÌ Sett. S. Giovanni Apostolo Santi Innocenti S. Davide S. Eugenio S. Silvestro

Facoltà di. Facoltà di. Giurisprudenza XXXXX FOTO. Calendario

Facoltà di. Facoltà di. Giurisprudenza XXXXX FOTO. Calendario Facoltà di Facoltà di Giurisprudenza XXXXX FOTO Calendario Milano a.a. 2015-2016 Settembre/Ottobre 2015 Novembre 2015 Dicembre 2015 21 L s. Matteo 1 D Tutti i Santi 1 M s. Eligio 22 M s. Maurizio 2 L Commemoraz

Dettagli

eco Calendario 2015 Comune di Fombio Provincia di Lodi 26861 FOMBIO (LO) - Via Roma, 83 Tel. 0377 32362 - Fax 0377 430422 www.comune.fombio.lo.

eco Calendario 2015 Comune di Fombio Provincia di Lodi 26861 FOMBIO (LO) - Via Roma, 83 Tel. 0377 32362 - Fax 0377 430422 www.comune.fombio.lo. eco Calendario UO Fombio www.linea-gestioni.it 0 Gennaio Maria Madre di Dio Basilio e Gregorio Genoveffa Fausta Amelia Epifania Raimondo Severino Giuliano Aldo Battesimo del Signore Modesto Ilario Felice

Dettagli

Distretto pastorale Torino Città

Distretto pastorale Torino Città Distretto pastorale Torino Città Unità Pastorali: 23 parrocchie: 110 abitanti: 993.395 Vicario Episcopale territoriale: Gottardo don Roberto UNITÀ PASTORALE N. 1 - CATTEDRALE Moderatore: Franco can. Carlo

Dettagli

albero con l ultimo gesto d amore Tel. 366.3457634 continuato www.gaiafuneral.org - info@gaiafuneral.org

albero con l ultimo gesto d amore Tel. 366.3457634 continuato www.gaiafuneral.org - info@gaiafuneral.org Salva un albero Gennaio Dicembre 1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 Maria Madre di Dio - Capodanno 2 Ss. Basilio e Gregorio 3 SS. Nome di Gesù 4 S. Ermete 5 S. Amelia 6 Epifania 7 S. Raimondo 8 S. Massimo 9 S. Giuliano

Dettagli

2008 AUTOFFICINE VANZETTO

2008 AUTOFFICINE VANZETTO 0 AUTOFFICINE VANZETTO Via Pialoi, - 00 MARCON (VE) Tel. 0.0 - Fax 0. officina veicoli industriali Tel. 0. OFF. VEICOLI INDUSTRIALI Assistenza h -. Gennaio 0 S. Madre di Dio Ss. Basilio e Gregorio S. Genoveffa

Dettagli

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it

Calendario Liturgico 2015. con rito romano. A cura di: www.laparola.it Calendario Liturgico 2015 con rito romano A cura di: www.laparola.it Gennaio 2015 1 Gio Primo dell'anno. - MARIA Ss. MADRE DI DIO (s) - Nm 6,22-27; Sal 66; Gal 4,4-7; Lc 2,16-21 2 Ven - Tempo di Natale

Dettagli

Donna, nessuno ti ha condannata? Nessuno, Signore! Lasciamo serenamente a terra le pietre della nostra ipocrisia.

Donna, nessuno ti ha condannata? Nessuno, Signore! Lasciamo serenamente a terra le pietre della nostra ipocrisia. Unità Pastorale S. Michele Arcangelo Agugliaro S. Pietro Apostolo Campiglia dei Berici Calendario liturgico dal 21 marzo al 28 marzo 2010 Donna, nessuno ti ha condannata? Nessuno, Signore! Lasciamo serenamente

Dettagli

Il ricamo sulla porta di casa - Anno 1942: via Torrente (ora via Ten. Ferrito) Foto Gaspare Prestigiacomo Fornita dal Comitato Utopia

Il ricamo sulla porta di casa - Anno 1942: via Torrente (ora via Ten. Ferrito) Foto Gaspare Prestigiacomo Fornita dal Comitato Utopia Il ricamo: un arte una volta coltivata da tutte le donne, emblema di un epoca ormai remota. Fra donne divertite che ricamano, siede un uomo che finge di ricamare. Il nome di quell uomo era Gaspare Prestigiacomo

Dettagli

GENNAIO 2013 MARTEDÌ 1 MARIA SS. MADRE DI DIO

GENNAIO 2013 MARTEDÌ 1 MARIA SS. MADRE DI DIO GENNAIO 2013 1 MARIA SS. MADRE DI DIO 2 3 4 5 6 S. BASILIO VESCOVO S. GENOVEFFA Primo Venerdì del mese S. ERMETE S. AMELIA EPIFANIA DI NOSTRO SIGNORE APPUNTAMENTI Giornata Mondiale della Pace ore 11.00

Dettagli

Calendario Vicariale. a.p. 2015-2016

Calendario Vicariale. a.p. 2015-2016 Calendario Vicariale a.p. 2015-2016 Settembre 2015 Ma 1 Me 2 Gi 3 San Gregorio m. Festa patronale a San Gregorio Ve 4 Sa 5 2 Do 6 II dopo il Martirio Lu 7 Ma 8 Me 9 VICARIATO Gi 10 Ve 11 Consiglio Presbiteriale

Dettagli

COMUNE DI PRESEZZO CALENDARIO

COMUNE DI PRESEZZO CALENDARIO ristorante gourmet il gusto di essere unici... Il ristorante...l arte di interpretare i desideri Gourmet dove la passione per la Buona Cucina sposa il gusto del bello...perchè un piatto si mangi prima

Dettagli

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00

ORARI SANTE MESSE. Festivo Invernale 8,30; 11,00; 18,00 (19,00 nel mese di maggio) Estivo 8,30; 20,00 ORARI SANTE MESSE Parrocchia S. Michele Arcangelo Albidona Festivo Invernale 8,30; 10,30 Estivo 8,30; 10,30 Parrocchia Sant Alessandro Martire Alessandria del Carretto Feriale Invernale 8,30 Estivo 8,30

Dettagli

PROGRAMMA dal 7 marzo al 22 marzo 2015

PROGRAMMA dal 7 marzo al 22 marzo 2015 PARROCCHIA SAN LEONARDO INTIMIANO Telefono 031 46 04 02 www.parrocchiaintimiano.org Segreteria S. Michele Cantù 031 71 46 69 Cell. don Enrico Porta 333.563 17 55 Suore Intimiano 031 56 12 76 Nr. 14 Anno

Dettagli

EMAIL: ass.adrone@yahoo.it FACEBOOK: Adrone Assoc CELL.: 3381750848

EMAIL: ass.adrone@yahoo.it FACEBOOK: Adrone Assoc CELL.: 3381750848 0 Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria EMAIL: ass.adrone@yahoo.it GENNAIO 0 M. Madre di Dio S. Basilio v. S. Genoveffa v. S. Ermete m. S. Amelia

Dettagli

Tavagnacco... una storia che continua

Tavagnacco... una storia che continua LUNARI Tavagnacco... una storia che continua Foto: W. Menegaldo Foto: A. Brisighelli - Coll. Biblioteca Comunale Tavagnacco Fred Pittino - Sera nel Cormor -5 - Coll. Fondazione Crup Tavagnacco dall alto

Dettagli

il più grande operatore lucano nella vendita di gas naturale

il più grande operatore lucano nella vendita di gas naturale L energia che guarda al futuro LEADER NELLA VENDITA DI GAS METANO SU RETE PER FAMIGLIE E IMPRESE Dal 00, COSVIM ENERGIA è divenuta la Società lucana leader in Basilicata nel settore della vendita di gas

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

S E T T E M B R E 2 0 1 4

S E T T E M B R E 2 0 1 4 S E T T E M B R E 2 0 1 4 1 L 2 M 3 M S. Gregorio Magno (m) 17 M 4 G 18 G 5 V Beata Madre Teresa di Calcutta (m) 19 V 6 S 20 S Ss. Andrea Kim Taegon e compagni (m) 7 D XXIII del T.O. 21 D XXV del T.O.

Dettagli

A.P.I. - Azienda Pubblicità Italia - LECCE - Via Candido, 22 - Tel. 0832.242214 - Cell.: 348.0039271 - e-mail: azpuita@gmail.com

A.P.I. - Azienda Pubblicità Italia - LECCE - Via Candido, 22 - Tel. 0832.242214 - Cell.: 348.0039271 - e-mail: azpuita@gmail.com A.P.I. - Azienda Pubblicità Italia - LECCE - Via Candido, 22 - Tel. 0832.242214 - Cell.: 348.0039271 - e-mail: azpuita@gmail.com andrea buttazzo Passato anteriore, 2010, gesso alabastrino, 3 m 3 GENNAIO2014

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17

RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI. TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 RAMATE MONTEBUGLIO GATTUGNO CORPUS DOMINI TUTTI MANGIARONO A SAZIETA E FURONO PORTATI VIA I PEZZI LORO AVANZATI. Luca 9, 17 Anno 2010 Parrocchia dei SS. Lorenzo ed Anna Ramate di Casale Corte Cerro (VB)

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PARROCCHIA SAN FELICE A EMA

PARROCCHIA SAN FELICE A EMA PARROCCHIA SAN FELICE A EMA CALENDARIO PASTORALE 2015-2016 SETTEMBRE 1 Mar 2 Mer 3 Gio 4 Ven ore 9,30 Incontro della Caritas 5 Sab 6 DOM 7 Lun Incontro di Lecceto 8 Mar Incontro di Lecceto 9 Mer Incontro

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Elenco schedatura Beni mobili

Elenco schedatura Beni mobili Il Marketing dei beni culturali del Veneto Orientale Elenco schedatura Beni mobili ANNONE VENETO 1. Affresco Madonna della Pera Antica Chiesa di S. Vitale 2. Altare maggiore/candeliere marmoreo/tabernacolo/copia

Dettagli

Comunità montana della CARNIA 2016-2017

Comunità montana della CARNIA 2016-2017 IL - ARTA TERME, PAULARO, VILLA SANTINA Comune di ARTA TERME IL CALENDARIO DELLE RACCOLTE IL RITIRO A DOMICILIO SU CHIAMATA SINTESI SERVIZI DEI DI RACCOLTA TIPOLOGIA DI RIFIUTO FREQUENZA GIORNO Secco residuo

Dettagli

Mercoledì 1 Novembre 2006. Giovedì 2 Novembre 2006. Venerdì 3 Novembre 2006

Mercoledì 1 Novembre 2006. Giovedì 2 Novembre 2006. Venerdì 3 Novembre 2006 Mercoledì 1 Novembre 2006 TUTTI I SANTI SOLENNITÀ BIANCO MESSA: propria Lezionario dei Santi: Ap 7,2-4.9-14; Sal 23; 1Gv 3,1-3; Mt 5,1-12 LITURGIA DELLE ORE: della solennità COMPLEANNI: ERMANNO MASIA (1925),

Dettagli

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia

VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia VIII-2, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699) Apoteosi di San Pietro Celestino Matita nera su carta mm.247x190 ca.1656-58 Museo Civico, Sala Mattia Preti. 1 IX-12, Mattia Preti (Taverna 1613-Malta 1699)

Dettagli

Arcipretura di Capalbio BOLLETTINO PARROCCHIALE

Arcipretura di Capalbio BOLLETTINO PARROCCHIALE Arcipretura di Capalbio BOLLETTINO PARROCCHIALE (ciclostilato in proprio) Autunno inverno 2013/2014 C1/812/2012 Carissimi Parrocchiani, invio il nuovo numero del bollettino parrocchiale che vede aumentata

Dettagli

Quinto incontro: Tempi e colori liturgici

Quinto incontro: Tempi e colori liturgici Corso Chierichetti Quinto incontro: Tempi e colori liturgici Colori liturgici I paramenti e gli abiti del sacerdote cambiano di colore a seconda delle diverse circostanze, soprattutto in funzione dei diversi

Dettagli

MESSALE PROPRIO DELLA CHIESA DI ALBANO

MESSALE PROPRIO DELLA CHIESA DI ALBANO MESSALE PROPRIO DELLA CHIESA DI ALBANO Pro manuscripto Pasqua 2015 Illustrazioni: Piero Casentini 2 AL CLERO E A TUTTI I FEDELI DELLA CHIESA DI ALBANO GRAZIA, PACE E BENEDIZIONE L ultima edizione tipografica

Dettagli

INVIATECI FOTO DELLA PARTENZA DEI VOSTRI CARI NEL MONDO

INVIATECI FOTO DELLA PARTENZA DEI VOSTRI CARI NEL MONDO INVIATECI FOTO DELLA PARTENZA DEI VOSTRI CARI NEL MONDO Piroscafo Cognome Residente Età o Classe Data Partenza Destinazione Cassano I. 38 Motonavea ve II lunedì 13 aprile 1953 Di Genova Esterina Montella

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

lun mar mer gio ven sab dom

lun mar mer gio ven sab dom settembre 2 2 3 4 5 8 Ambiti. Consiglio dell oratorio venerdì del mese Festa delle Grazie 0 2 3 4 5. Segreteria consulta Assemblea dioc. catechisti Week-end preadolesc. C.S. Week-end preadolesc. C.S. 8

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO

A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO GENNAIO FEBBRAIO 2015 Carissimi, qualcuno sta dicendo che conoscendo bene i dieci comandamenti per tutto quest anno siamo a posto! A dire il vero altri

Dettagli

LAMPADA. CALENDARIO SS.MESSE 11-19 Aprile 2015. 12 Aprile 2015 DOMENICA DELLA DIVINA MISERICORDIA

LAMPADA. CALENDARIO SS.MESSE 11-19 Aprile 2015. 12 Aprile 2015 DOMENICA DELLA DIVINA MISERICORDIA CALENDARIO SS.MESSE 11-19 Aprile 2015 DATA Domenica II di Pasqua in albis Divina Misericordia INTENZIONE Sabato 11 18.30 Def. Marcuzzi Pietro / def. Fam. Jogna Prat Angelo/ def. Pupulin Anna e Bertoia

Dettagli

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

Arcidiocesi di Genova. PROGRAMMAZIONE ATTIVITA' UFFICIO CATECHISTICO a.p. 2015/2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA Preghiera di Papa Francesco Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e ci hai detto che chi vede te vede Lui. Mostraci il tuo

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

ELENCO IDONEI "ADDETTI ALLE PULIZIE" AMMESSI AL SORTEGGIO

ELENCO IDONEI ADDETTI ALLE PULIZIE AMMESSI AL SORTEGGIO ELENCO IDONEI "ADDETTI ALLE PULIZIE" AMMESSI AL SORTEGGIO COGNOME NOME DATA DI NASCITA NUM. PROT. DATA ARRIVO ORA ARRIVO N. DOMANDA AMMESSO - PROFILO RISERVA AGNELLO LUIGI 11/06/1970 1925 01/09/2015 13,00

Dettagli

Calendario attività diocesane

Calendario attività diocesane Diocesi di Calendario attività diocesane GENNAIO MARZO ANNO 2013 Gennaio 2013 Ma 1 Me 2 Gio 3 Ve 4 Sa 5 Do 6 Lu 7 Ma 8 Me 9 Gio 10 Ve 11 Sa 12 Do 13 Lu 14 Ottava di Natale, Santa Madre di Dio Cresime nella

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Calendario delle selezioni relative al bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Speciale Concorsi n. 44 del 06/06/2008 (scadenza 07/07/2008)

Calendario delle selezioni relative al bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Speciale Concorsi n. 44 del 06/06/2008 (scadenza 07/07/2008) Calendario delle selezioni relative al bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Speciale Concorsi n. 44 del 06/06/2008 (scadenza 07/07/2008) Cognome Nome Data di nascita SEDE COLLOQUIO AMOROSO ANNA

Dettagli

Calendario Parrocchiale 2014-2015

Calendario Parrocchiale 2014-2015 Calendario Parrocchiale 2014-2015 Unità Pastorale del Centro Storico di Brescia Parrocchia di sant Afra e santa Maria in Calchera Piccola legenda dei colori Appuntamenti liturgici Appuntamenti di Pastorale

Dettagli

calendarioscro 2:Layout 1 09/02/12 11.18 Pagina 1

calendarioscro 2:Layout 1 09/02/12 11.18 Pagina 1 calendarioscro :Layout 0/0/. Pagina calendarioscro :Layout 0/0/. Pagina FO POT - AMBIENTE RITIRO GOMBRANTI A DOMICILIO TEL. 0.0 Gennaio 0 0 S. Maria Madre di Dio S.S. Basilio e Gregorio S. Genoeffa Vergine

Dettagli

Sposi a Pereto (L Aquila) le fotografie 2

Sposi a Pereto (L Aquila) le fotografie 2 Sposi a Pereto (L Aquila) le fotografie 2 a cura di Massimo Basilici edizioni Lo Introduzione Questa pubblicazione raccoglie 75 fotografie relative a nozze o celebrazioni del 25, 50 o 60 anniversario

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

ia in u arq ia - T ecch itav iv AGENDA i C PASTORALE iesa d 2013-2014 h C

ia in u arq ia - T ecch itav iv AGENDA i C PASTORALE iesa d 2013-2014 h C Chiesa di Civitavecchia - Tarquinia AGENDA PASTORALE 2013-2014 PRESENTAZIONE Cari amici, con l inizio del nuovo anno pastorale, consegno volentieri, alla nostra Chiesa diocesana, l Agenda nella quale si

Dettagli

BATTESIMO DEL SIGNORE

BATTESIMO DEL SIGNORE https://i.yti mg.com/vi/9gm nj5kszt A/hqdefault.jpghttps://encrypted-tbn2.gstatic.com/i mages?q=tbn:and9gct0bsmsl SJsYW_62buMxjfRN 8ghOr LWIN _EkiCHMZ p5ck4cdlqqr Q Bollettino Parrocchia Santa Maria Assunta

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014

CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014 CALENDARIO PASTORALE ANNO 2013/2014 Settembre 2013 17 martedì Inizio Catechismo, Inizio preghiera Gesù Risorto 18 mercoledì 19 giovedì Incontro Catechisti Ore 17,30 22 domenica Inaugurazione nuovo anno

Dettagli

febbraio gennaio un cielo azzurro bianco come il latte in cui decollano come farfallette e volano le mucche volano.

febbraio gennaio un cielo azzurro bianco come il latte in cui decollano come farfallette e volano le mucche volano. Mondi di Carta Le mucche dormono e con il fiato fan le nuvolette e sognano le mucche sognano un cielo azzurro bianco come il latte in cui decollano come farfallette e volano le mucche volano. gennaio 0

Dettagli

CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 PARROCCHIA Parrocchia Decanato Decanato Diocesi DOM 1 I dopo il Martirio

CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 PARROCCHIA Parrocchia Decanato Decanato Diocesi DOM 1 I dopo il Martirio Parrocchia San Maurizio di Solbiate Arno CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 SETTEMBRE 2013 DOM 1 I dopo il Martirio L 2 Ma 3 Ore 21 Riunione Festa San Maurizio Ore 21 Riunione Asso Me 4 G 5 Ore 19-22 Educatori

Dettagli

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013

FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 FEDE E ISTITUZIONI: I luoghi del sacro a Imola nello spazio e nel tempo 17 febbraio 2013 1797-1810: l assetto delle istituzioni religiose imolesi viene radicalmente modificato durante la dominazione francese

Dettagli

Calendario pastorale

Calendario pastorale Erigenda Unità Pastorale di Toscolano Maderno - Fasano Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita Fasano del Garda Anno della fede Calendario pastorale 2013/2014 Alcuni appuntamenti in generale S. Messa festiva:

Dettagli

Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014

Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 Parrocchie di Villongo CALENDARIO PASTORALE 2013-2014 OTTOBRE 2013 Martedi 1 Ore 20.45: Preghiera del Gruppo La Casa Mercoledi 2 Giovedi 3 Venerdi 4 Sabato 5 Domenica 6 Lunedi 7 Martedi 8 Mercoledi 9 Adorazione

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

BUON COMPLEANNO ITALIA L Italia Unita interpretata dai bambini

BUON COMPLEANNO ITALIA L Italia Unita interpretata dai bambini BUON COMPLEANNO ITALIA L Italia Unita interpretata dai bambini nella STORIA classe 5ª L Italia prima e dopo l Unificazione Apertura di scuole pubbliche per combattere l analfabetismo Istituzione del servizio

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

ORARIO S. Messe - Diocesi Ravenna

ORARIO S. Messe - Diocesi Ravenna ORARIO S. Messe - Diocesi Ravenna AMMONITE Parrocchia Santa Maria Nascente SS. Messa festiva ore: 9,00 CAMERLONA Parrocchia San Giuseppe e Maria Santissima Via S. Egidio, 5 SS. Messa festiva ore: 9,45

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Missione Popolare. Parrocchia San Modesto P.zza San Modesto,1. 13-28 Marzo 2010 www.san-modesto.it. 82100-Benevento. Arcidiocesi di Benevento

Missione Popolare. Parrocchia San Modesto P.zza San Modesto,1. 13-28 Marzo 2010 www.san-modesto.it. 82100-Benevento. Arcidiocesi di Benevento Missione Popolare Arcidiocesi di Benevento Parrocchia San Modesto P.zza San Modesto,1 82100-Benevento 13-28 Marzo 2010 www.san-modesto.it 20 Parrocchia San Modesto - P.zza San Modesto,1-82100 Benevento

Dettagli

CAMPIONATI DI SOCIETA' E INDIVIDUALI SENIORE MASTER SALERNO - STADIO VESTUTI 14 E 15 GIUGNO 2014. 026 - Salto in alto/hj Senior Master MM35-MM95

CAMPIONATI DI SOCIETA' E INDIVIDUALI SENIORE MASTER SALERNO - STADIO VESTUTI 14 E 15 GIUGNO 2014. 026 - Salto in alto/hj Senior Master MM35-MM95 026 - Salto in alto/hj Senior Master MM35-MM95 907 UTILE Cesare 1968 SM45 NA982 ATLETICA LEGGERA PORTICI 1.72 947 PLAITANO Giuseppe 1969 SM45 SA126 A.S.D. ATL. VIS NOVA 1.69 951 VEGLIA Francesco 1973 SM40

Dettagli

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora MISTERO DELLA PASQUA lezionario festivo anno C Sabato 13 febbraio 2016,

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

Comune di Cellole Provincia di Caserta Area dei Servizi Amministrativi e alla Persona Assessorato alle Politiche Sociali SERVIZIO CIVILE

Comune di Cellole Provincia di Caserta Area dei Servizi Amministrativi e alla Persona Assessorato alle Politiche Sociali SERVIZIO CIVILE Comune di Cellole Provincia di Caserta Area dei Servizi Amministrativi e alla Persona Assessorato alle Politiche Sociali SERVIZIO CIVILE Legge 6 marzo 2001, n. 64 Affissione Albo Pretorio PROT. 14634 DEL

Dettagli

Natale del Signore - 25 dicembre

Natale del Signore - 25 dicembre Natale del Signore - 25 dicembre La Messa della notte sviluppa il tema di Gesù luce e pace vera donata agli uomini ( colletta); viene commentata attraverso una lettura tipologica la nascita di Gesù con

Dettagli

OTTOBRE 2015. GIOVEDI 1 Comunione agli ammalati S.Filastro Festa degli angeli custodi e dei nonni

OTTOBRE 2015. GIOVEDI 1 Comunione agli ammalati S.Filastro Festa degli angeli custodi e dei nonni OTTOBRE 2015 GIOVEDI 1 Comunione agli ammalati VENERDI 2 Festa degli angeli custodi e dei nonni SABATO 3 DOMENICA 4 LUNEDI 5 MARTEDI 6 Adorazione Eucaristica nelle due parrocchie (8.30-20.00) Ore 21.00:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O.

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O. 2015/2016 Settembre 2015 Mar 1 10ª Giornata per la custodia del creato (sola sensibilizzazione) Incontro di preghiera a Porto Cesareo Mer 2 Gio 3 Ven 4 Pellegrinaggio diocesano al Santuario Madonna de

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

29 EDIZIONE SLALOM GIGANTE " CIGAMBOLA " *** 1 MEMORIAL GALLI BENEDETTA *** DOMENICA 17 MARZO 2013 CLASSIFICA FINALE PER CATEGORIA

29 EDIZIONE SLALOM GIGANTE  CIGAMBOLA  *** 1 MEMORIAL GALLI BENEDETTA *** DOMENICA 17 MARZO 2013 CLASSIFICA FINALE PER CATEGORIA 29 EDIZIONE SLALOM GIGANTE " CIGAMBOLA " *** 1 MEMORIAL GALLI BENEDETTA *** DOMENICA 17 MARZO 2013 CLASSIFICA FINALE PER CATEGORIA CATEGORIA MAESTRE E PUNT. FIS FINO AL 1972 COMP. 1. 2 ISA CIMA 1969 41.79

Dettagli

CORO SAN MATTEO. Eventi 2015

CORO SAN MATTEO. Eventi 2015 CORO SAN MATTEO Eventi 2015 S.MESSA in Seminario - 11 Ottobre - h.12.15 - Celebra Padre Francesco Cavallini S.MESSA al Galliera - 11 Ottobre - h.10.15 - Celebra Don Andrea Fasciolo MATRIMONIO di PAOLA

Dettagli

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Parrocchia Immacolata Concezione CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Come già indicato anche nel progetto annuale,

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

Laureati a Tempio Pausania 1900-1945

Laureati a Tempio Pausania 1900-1945 Laureati a Tempio Pausania 1900-1945 Legenda TEO: Teologia GIU: Giurisprudenza FAR: Farmacia : Medicina Nota all'elenco La Facoltà di Teologia, la Facoltà di Giurisprudenza e la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

SETTEMBRE. Giovedì 4 Riunione del Clero del Vicariato della Montagna. Giovedì 11 Riunione del Clero del Vicariato del Fiora

SETTEMBRE. Giovedì 4 Riunione del Clero del Vicariato della Montagna. Giovedì 11 Riunione del Clero del Vicariato del Fiora CALENDARIO PASTORALE 2014-2015 SETTEMBRE Lunedì 1 Martedì 2 Mercoledì 3 Giovedì 4 Riunione del Clero del Vicariato della Montagna Venerdì 5 Sabato 6 Domenica 7 Dedicazione del Duomo di Orbetello Orbetello:

Dettagli

IMMACOLATA CONCEZIONE

IMMACOLATA CONCEZIONE DICEMBRE 2006-C 1 Luca 1,1-25 + salmo 107 17 3 a DOMENICA DI AVVENTO (3 a S.S.) 2 1,26-38 (lectio divina ore 21-22) Sof 3,4-18; Fil 4,4-7; 3 1 a DOMENICA DI AVVENTO (1 a S.S.) Lc 3,10-18 Ger 33,14-16;

Dettagli

Commissione 22 Settembre 2015 ore 12:00 Aula 1 Viale Ellittico

Commissione 22 Settembre 2015 ore 12:00 Aula 1 Viale Ellittico Elenco degli studenti prenotati per la Laurea Triennale Sessione Estiva A.A. 2014/2015 Commissione 22 Settembre 2015 ore 12:00 Aula 1 Viale Ellittico Presidente: Prof. Gianluca Ficca Commissari: Proff.

Dettagli

Con noi divise il pane

Con noi divise il pane Comunità pastorale S. Martino in Lambrate - SS. Nome di Maria in Milano Con noi divise il pane Calendario del Percorso 2015-16 Cari genitori, di seguito avete il calendario di questo primo anno del percorso

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù Settembre 2009 dal 5 al 13 FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù 8 Martedì 4 giorni catechisti (ore 15.00 al Palladium) Riscoprire l iniziazione cristiana Consiglio Pastorale Decanale

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc.

Elenco per Classe. Pr. Alunno Data Nasc. Classe: 3A TERZE E QUARTE NUOVO ORDINAMENTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "P. RUGGIERI" MARSALA 1 ANGILERI VITO 11/02/1999 2 ARISTODEMO MARCO 17/03/1999 3 BONFRATELLO SAMUELE 26/06/1999 4 CAMAGNA MICHELE 12/05/1999

Dettagli