PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI"

Transcript

1 PROVINCIA DI FOGGIA LA DOMANDA DI TRASPORTO E L ANALISI DEI FLUSSI (Analisi dei flussi complessivi di viaggiatori da e per la Provincia di Foggia con particolare riguardo alla domanda di trasporto aereo) Roma, aprile 2009

2 INDICE Quadro demografico e economico Diminuzione e invecchiamento della popolazione residente... 3 Il sistema imprenditoriale: segnali di sviluppo Importazioni ed esportazioni Il settore turistico: opportunità di sviluppo Il contesto nazionale: ricettività e flussi turistici in crescita La Puglia tra le prime mete turistiche del Sud Il primato della provincia di Foggia nel sistema turistico regionale I centri di eccellenza del turismo nella provincia di Foggia San Giovanni Rotondo Vieste Peschici Foggia Rodi Garganico Manfredonia Mattinata Isole Tremiti Alcune considerazioni Le potenzialità del trasporto aereo a Foggia Lo stato del trasporto aereo pugliese Stima dei tempi e dei costi di trasferimento - nota metodologica Il trasferimento tramite autovettura Il trasferimento tramite aereo e treno Il trasferimento a mezzo autobus Stima dei tempi e dei costi di trasferimento - principali risultati La coesistenza tra grandi aeroporti e quelli di minori dimensioni: Alghero, Foggia e Trapani a confronto

3 QUADRO DEMOGRAFICO E ECONOMICO DIMINUZIONE E INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE Il contesto demografico della Provincia di Foggia, dal 2000 a oggi, è stato caratterizzato da una flessione considerevole e da un invecchiamento progressivo della popolazione residente. Come mostra il grafico 1, negli ultimi anni la popolazione residente è, infatti, diminuita di oltre un punto percentuale (-1,4%), passando da oltre abitanti del 2000, a poco meno di abitanti del Nello stesso arco temporale, anche le Province di Taranto e Brindisi hanno registrato una diminuzione della popolazione residente, anche se in misura notevolmente inferiore rispetto a Foggia (-0,2%), mentre la popolazione residente nelle Province di Bari e Lecce è aumentata del 2,6% (rispettivamente da 1,56 a circa 1,60 milioni di abitanti e da a abitanti). A fronte della diversa dinamica demografica, l incidenza della Provincia di Foggia sulla popolazione residente nella Regione è diminuita dello 0,5% (da 17,2% a 16,7%), contro una flessione, rispettivamente dello 0,2% e 0,1% delle Province di Taranto (da 14,4% a 14,2%) e Brindisi (da 38,7% a 39,2%) e un aumento, rispettivamente dello 0,3% e 0,5%, delle Province di Lecce (da 19,6% a 19,9%) e Bari (da 38,7% a 39,2%). Le ragioni di tale diminuzione, sono riconducibili in massima parte al costante flusso migratorio dalla provincia di Foggia verso altre province del 3

4 Sud e, soprattutto, del Centro e Nord Italia, tale da controbilanciare il positivo andamento della componente demografica naturale : - il saldo migratorio (differenza tra il numero degli iscritti e il numero dei cancellati dai registri anagrafici per trasferimento di residenza) è stato costantemente negativo e mediamente di abitanti; - il saldo naturale (differenza tra il numero dei nati in Italia o GRAFICO 1 all estero da persone residenti e il numero dei morti, in Italia o all estero ma residenti in Italia) è stato costantemente positivo ma inferiore al saldo migratorio (mediamente abitanti). Popolazione residente nelle province della regione Puglia Anni Valori assoluti Prov. Foggia Var. % ,4% Prov. Bari Var. % ,6% Prov. Brindisi Var. % ,2% Prov. Taranto Var. % % Prov. Lecce Var. % ,6% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. 4

5 Contestualmente alla diminuzione della popolazione e all aumento dei flussi migratori, che interessano in massima parte le fasce giovanili in età lavorativa, la provincia di Foggia ha registrato un invecchiamento progressivo della popolazione residente. L incidenza dei residenti di età inferiore ai 20 anni, che nel 2000 era la più alta a livello regionale (26,2% contro 25,3% della provincia di Bari, 24,6% delle province di Taranto e Brindisi e 23,6% della provincia di Lecce) è diminuita al 23,9% nel 2007, mantenendosi comunque al di sopra delle altre realtà regionali (con incidenza compresa tra il 23% della Provincia di Bari e il 21,1% della Provincia di Lecce). La flessione demografica registrata nella provincia di Foggia negli ultimi anni, ha riguardato anche gli individui di età compresa tra i 20 e i 40 anni, la cui incidenza sul totale della popolazione residente è scesa dal 30,8% (2000) al 28,1% (2007), in linea con quanto avvenuto nelle altre realtà provinciali. Nello stesso periodo, la popolazione residente di età superiore ai 40 anni ha registrato un andamento diametralmente opposto rispetto a quello della popolazione più giovane, con un incremento sensibile dell incidenza della classe di età (dal 23,2% al 26,1%), (dal 17% al 17,6%) e oltre 80 (dal 2,8% al 4,3%). Il risultato del peggioramento del bilancio demografico, è stato l incremento dell indice di vecchiaia della popolazione residente nella provincia di Foggia, che è passato da 88,1 a 110,1, a indicare una maggiore presenza di soggetti anziani rispetto ai giovanissimi. 5

6 GRAFICO 2 Ripartizione per classi di età della popolazione residente nelle province della regione Puglia Anni Valori percentuali FOGGIA BARI 17,0% 2,8% 26,2% 17,6% 4,3% 23,9% 16,0% 2,6% 25,3% 17,1% 3,7% 23,0% 23,2% 30,8% 26,1% 28,1% 24,4% 27,2% 31,7% 29,1% TARANTO BRINDISI 16,9% 2,5% 24,6% 18,3% 3,6% 22,1% 17,8% 2,8% 24,6% 18,7% 4,3% 21,8% 25,4% 30,6% 27,5% 28,5% 24,5% 30,2% 27,0% LECCE LEGENDA CLASSI DI ETA' 18,9% 2,9% 23,6% 19,9% 4,3% 21,1% ,1% 24,8% 29,9% 26,9% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. 27,8% oltre 80 MERCATO DEL LAVORO: PIÙ OCCUPAZIONE, MENO DISOCCUPAZIONE Il costante flusso migratorio di soggetti appartenenti alle fasce giovanili e il contestuale aumento della popolazione anziana hanno avuto una ricaduta anche sul mercato del lavoro, contribuendo da un lato alla diminuzione degli occupati, dall altro a un aumento del tasso di occupazione. 6

7 GRAFICO 3 Occupati e tasso di occupazione (15-64 anni) nelle province della regione Puglia Anni Valori assoluti (in migliaia) e percentuali Brindisi Bari Lecce Foggia Taranto Bari Brindisi Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% 49.2% 46.6% 43.2% 45.1% 44.7% 37.6% 34.8% 35.8% 34.1% 36.5% Bari Lecce Foggia Taranto Brindisi Nel 2000 gli occupati nella Provincia erano circa (16,6% del totale regionale), oltre unità in più rispetto a quelli della provincia di Brindisi ( occupati), ma inferiore al dato delle province di Taranto e Bari (rispettivamente e occupati). Nel 2007 il numero di occupati è sceso a unità (15,2% del totale regionale), mentre le altre province della Puglia, ad eccezione di Brindisi, hanno registrato un incremento compreso tra il 6,9% di Taranto e il 9,2% di Bari. Nonostante il trend del periodo considerato sia negativo, il dato del 2007 è superiore a quello del 2006 ( occupati) e soprattutto del 2005 ( occupati), a indicare un inversione di tendenza, rispetto agli anni precedenti. 7

8 Nello stesso periodo, il tasso di occupazione è aumentato dal 35,8% (2000) al 43,2% (2007), con una crescita media annua di poco inferiore a un punto percentuale. Va tuttavia rilevato come l incremento del tasso di occupazione della provincia di Foggia, per quanto considerevole, è stato inferiore rispetto a quello registrato, nello stesso arco temporale, dalle altre province pugliesi, in particolare Bari (tasso di occupazione in crescita dell 11,6%, da 37,6% a 49,2%) e Taranto (tasso di occupazione in crescita dell 11%, da 34,1% a 45,1%). L ulteriore ripartizione del dato occupazionale della provincia di Foggia per settore economico di attività, mostra anzitutto una crescita sostenuta degli occupati nell industria, il cui numero è passato da unità del 2000, a del 2007 (+39,8%), con un unica flessione tra il 2004 e il 2005 (-2,2%). Negli stessi anni, il numero di occupati nel settore dei servizi e dell agricoltura, è diminuito, rispettivamente, del 9,9% (da a unità) e del 19,8% (da a unità), anche se negli ultimi anni entrambi i settori sono in ripresa: - gli occupati nell agricoltura sono aumentati di circa unità tra il 2004 ( occupati) e il 2007 ( unità), anche se quest ultimo dato è inferiore a quello registrato nello stesso settore nel 2006; - gli occupati nel settore dei servizi, dopo una flessione nel biennio 2004/2005 (da a unità), sono tornati ad aumentare negli ultimi due anni, di oltre unità (+2,6% tra il 2005 e il 2006, +5,1% tra il 2006 e il 2007). 8

9 La dinamica evolutiva dell occupazione nei diversi settori economici, si è tradotta in un ridimensionamento marginale dell incidenza dell occupazione nei servizi (nel quale sono attualmente occupati il 59,4% della forza lavoro contro il 63,9% del 2000), che continua tuttavia a prevalere rispetto all agricoltura e all industria (nei quali, cumulativamente, sono occupati il 40,6% della forza lavoro contro il 36,1% del 2000). GRAFICO 4 Occupati nella provincia di Foggia per settore economico di attività Anni Valori assoluti e percentuali 18,8% 63,9% 17,3% ,4% 62,1% 19,5% ,5% 65,3% 21,2% ,9% 65,7% 20,4% ,3% 60,3% 25,5% ,0% 58,2% 25,8% ,1% ,7% 25,2% ,5% 59,4% 25,0% Agricoltura Industria Servizi Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. 9

10 Ulteriori segnali di ripresa del mercato del lavoro nella provincia di Foggia, riguardano la riduzione, particolarmente evidente negli ultimi anni, del numero di disoccupati e del tasso di disoccupazione: - tra il 2000 e il 2003, il numero di disoccupati nella provincia di Foggia è diminuito da a unità, con una contestuale riduzione del tasso di disoccupazione dal 18,5% al 13,9%; - nel 2004 la crisi occupazione della provincia ha determinato un incremento sostanziale del numero di disoccupati (da a , +40,5%), cui ha corrisposto un aumento di circa cinque punti percentuali del tasso di disoccupazione (19,3% contro 13,9% del 2003); - a partire dal 2005 e, in misura ancora più evidente negli ultimi due anni, il numero di disoccupati si è ridotto drasticamente (da unità nel 2004 a unità nel 2007), così come il tasso di disoccupazione che è prima tornato ai livelli del 2000 (18,5%) ed è poi sceso fino al minimo degli ultimi otto anni (9,5% nel 2007). Si tratta in assoluto della migliore performance a livello regionale, sia in valori assoluti ( disoccupati in meno tra il 2005 e il 2007, rispetto a di Bari, di Taranto e di Lecce), sia in valori percentuali (tasso di disoccupazione in flessione del 9%, rispetto al 3,8% di Bari e a poco più del 2% di Taranto e Brindisi). 10

11 TABELLA 1 Tasso di disoccupazione delle province della Puglia Anni Valori percentuali Province Foggia 18,5 15,4 16,1 13,9 19,3 18,5 11,3 9,5 Bari 14,7 12,1 10,8 11,5 14,7 13,5 13,3 9,7 Taranto 21,1 18,1 16,8 16, ,8 9,3 10,6 Brindisi 15,2 13,2 12,6 11,3 16,1 16,3 12,9 13,7 Lecce 18,8 17, ,6 14,7 14, ,5 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. IL SISTEMA IMPRENDITORIALE: SEGNALI DI SVILUPPO Il sistema imprenditoriale della provincia di Foggia è soggetto, da alcuni anni, a un processo di irrobustimento graduale, evidenziato dall aumento del numero di imprese attive e società di capitali, dal miglioramento del saldo tra imprese iscritte e cessate e dall espansione del settore agroalimentare. Il numero di imprese registrate nella provincia di Foggia ha raggiunto, nel 2007, le unità, con un incremento dell 1,4% rispetto al Nello stesso biennio, il numero di imprese registrate nelle altre province della Puglia, eccezion fatta per Brindisi, ha registrato una flessione compresa tra lo 0,4% di Bari (da a unità) e l 1,6% di Taranto e Lecce (rispettivamente da a unità e da a unità). Il ridursi del numero di imprese registrate nelle altre province, si è tradotto in una minore incidenza delle stesse sul numero complessivo di imprese registrate in Puglia (da 12,3% a 12,1% per Taranto, da 19% a 18,8% per Lecce), con il contestuale aumento dell incidenza delle imprese registrate nella provincia di Foggia. 11

12 TABELLA 2 Imprese registrate nelle province della Puglia Anni Valori assoluti Province Foggia Bari Taranto Brindisi Lecce Puglia Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia. TABELLA 2BIS Imprese registrate nelle province della Puglia Anni Valori percentuali Province Foggia 19,3 19,3 19,1 19,1 19,1 19,0 18,3 18,6 Bari 40,2 40,3 40,2 40,4 40,3 40,4 40,8 40,8 Taranto 12,0 12,2 12,2 12,2 12,3 12,2 12,3 12,1 Brindisi 10,4 10,1 9,9 9,8 9,6 9,6 9,6 9,6 Lecce 18,1 18,1 18,6 18,6 18,7 18,8 19,0 18,8 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia. A fronte dell incremento del numero di imprese registrate, anche le imprese attive nella provincia di Foggia sono aumentante, nel periodo considerato ( ), da a (+1,2%), dato in controtendenza rispetto alle province di Lecce (-1,6%, da a unità) e Bari (-0,5%, da a unità). L incidenza delle imprese attive nella provincia di Foggia sul dato complessivo regionale, è aumentata da 9,8% a 9,9%, mentre l incidenza delle altre province è rimasta invariata (Brindisi, Taranto) o è diminuita (Bari, Lecce). 12

13 Il confronto tra numero di imprese registrate e attive, evidenzia inoltre il primato della provincia di Foggia, dove l 89,4% delle imprese registrate è attivo, mentre nelle altre realtà provinciali tale percentuale è compresa tra l 84,1% di Bari e l 88,1% di Brindisi. GRAFICO 5 Imprese attive nelle province della Puglia Anni Valori assoluti e percentuali Brindisi Taranto Lecce Foggia Bari 39,8% 39,9% 9,9% 12,4% 18,6% 19,3% 9,8% 12,4% 18,9% 19,0% Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia. Ulteriori indicazioni riguardo il rafforzamento del tessuto imprenditoriale della provincia di Foggia, scaturiscono dal raffronto tra il numero di imprese iscritte e il numero di imprese registrate e dal corrispondente saldo: - negli ultimi sette anni, il numero medio di imprese iscritte nella provincia di Foggia è stato di circa unità, con un valore 13

14 massimo di imprese nel Il raffronto tra il 2006 e il 2007, evidenzia un incremento di oltre 680 iscrizioni, di molto superiore a quello registrato nelle province di Bari, Taranto e Brindisi (rispettivamente 483, 291 e 222 iscrizioni in più) e secondo solo al dato della provincia di Lecce (1.080 iscrizioni in più rispetto al 2006); - nello stesso periodo, il numero di imprese cessate è stato, mediamente, di unità e costantemente inferiore al numero di imprese iscritte, ad eccezione del Il 2007 si è chiuso con imprese cessate a fronte di iscritte e un saldo positivo di 856 nuove imprese. Si tratta del migliore risultato a livello regionale, poiché nelle altre province, ad eccezione di Brindisi, il saldo tra imprese iscritte e cessate è stato negativo e compreso tra unità di Bari e unità di Lecce. 14

15 GRAFICO 6 Imprese iscritte e cessate nelle province della Puglia Anni Valori assoluti imprese iscritte Provincia di Foggia imprese cessate Imprese iscritte Anni Bari Taranto Brindisi Lecce Imprese cessate Anni Bari Taranto Brindisi Lecce Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia AltreProvince Altri due importanti elementi di analisi del sistema imprenditoriale della provincia di Foggia, si riferiscono alle forme giuridiche più diffuse tra le imprese attive (società di capitali, società di persone, imprese individuali, altre forme) e ai settori economici nei quali più spesso operano. Relativamente alle forme giuridiche più diffuse, è importante sottolineare come il processo di irrobustimento del tessuto imprenditoriale della provincia di Foggia è identificabile non solo nell incremento del numero di imprese registrate e attive, ma anche nella crescita del numero di imprese di medie e grandi dimensioni costituite nella forma di società di capitali. 15

16 Tra il 2006 e il 2007, il tasso di crescita delle società di capitali attive nella provincia di Foggia è stato del 10,8% (da a unità), il doppio rispetto all incremento registrato, sempre nello stesso arco temporale considerato, nelle province di Brindisi e Lecce (rispettivamente +5,5% e +5,7%) e oltre quattro volte rispetto alle province di Taranto e Bari (+2,5% e +0,4%). L incidenza delle società di capitali attive nella provincia di Foggia sul numero complessivo della Regione, è pertanto aumentato dal 13% al 13,4%, contrariamente a quanto è avvenuto in tutte le altre province, dove si registrano flessioni tra lo 0,1% (Bari, Taranto) e lo 0,2% (Brindisi). Segnali positivi vengono anche dall incremento delle imprese costituite sotto altre forme giuridiche (cooperative, consorzi, società consortili), che sono cresciute del 5,2% tra il 2006 e il 2007, valore più alto rispetto alle altre province nelle quali l incremento di tali forme giuridiche varia tra lo 0,7% di Bari e il 5,1% di Lecce. Attualmente, sul terriorio della provincia di Foggia operano circa un quarto (23,4%) delle cooperative, consorzi e società consortili della Regione. L incremento del numero di società di persone e imprese individuali attive nella provincia di Foggia (rispettivamente +1,6% e +0,4%) è stato, viceversa, inferiore a quello delle altre province: - le imprese individuali sono (82,5% delle imprese della provincia) e rappresentano un quinto delle imprese individuali della Puglia (20,1%); - le società di persone sono (7,9% delle imprese della provincia) e rappresentano il 17,2% delle società di persone attive 16

17 nella Regione, superiore al contributo di Taranto (10,4%) e Brindisi (8%). GRAFICO 7 Imprese iscritte nella province della Puglia per forma giuridica Anni Valori assoluti Provincia di Foggia AltreProvince Altre forme Società di capitali Società di persone Imprese individuali 83,2% 2,9% 6,0% ,9% 82,5% 7,9% 3,0% 6,6% Bari Società di capitali Società di persone Imprese individuali Altre forme Totale Taranto Società di capitali Società di persone Imprese individuali Altre forme Totale Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia. Brindisi Società di capitali Società di persone Imprese individuali Altre forme Totale Lecce Società di capitali Società di persone Imprese individuali Altre forme Totale Il settore di attività economica nel quale opera la maggioranza assoluta delle imprese della provincia di Foggia è quello dell agricoltura nel quale, nonostante la flessione dello 0,6% registrata tra il 2006 e il 2007 (da a unità), sono concentrate il 42,5% delle imprese attive. Seguono, per ordine di importanza: il settore del commercio e riparazione beni di consumo (24,4% del totale delle imprese attive, con una crescita dell 1,9% tra il 2006 e il 2007); delle costruzioni (10,3% del totale delle imprese attive, con una crescita del 4,4% tra il 2006 e il 2007); delle 17

18 attività manifatturiere e di alberghi e ristorazione (rispettivamente 6,8% e 4% delle imprese attive). In tutti gli altri settori economici sono attive imprese (8,3% del totale), in prevalenza nei servizi pubblici, sociali e personali (1.915 unità), trasporti, magazzinaggio e comunicazione (1.600 unità); va sottolineato l incremento di settori minoritari quali quello dei servizi sanitari (164 imprese, +7,2% rispetto al 2006) e produzione e distribuzione di energia (45 imprese, +73% rispetto al 2006), grazie anche ai meccanismi di incentivazione (Conto Energia) derivanti dal decreto interministeriale del 19 febbraio 2007, e agli interventi a favore delle energie rinnovabili e del risparmio energetico previsti dalla Finanziaria GRAFICO 8 Imprese iscritte nella provincia di Foggia per settore economico Anni Valori assoluti Var % Agricoltura, caccia e silvicoltura ,6 Comm.ingr.e dett.;rip.beni pers.e per la casa ,9 Costruzioni ,4 Attivita' manifatturiere ,0 Alberghi e ristoranti ,7 Attiv.immob.,noleggio,informat.,ricerca ,1 Altri servizi pubblici,sociali e personali ,2 Trasporti,magazzinaggio e comunicaz ,5 Intermediaz.monetaria e finanziaria ,3 Imprese non classificate ,9 Istruzione ,7 Sanita' e altri servizi sociali ,2 Pesca,piscicoltura e servizi connessi ,8 Estrazione di minerali ,3 Prod.e distrib.energ.elettr.,gas e acqua ,1 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia. 42,5% 24,4% 8,3% 6,8% 4,0% 3,6% 10,3% Agricoltura, caccia e silvicoltura Comm.ingr.e dett.;rip.beni pers.e per la casa Costruzioni Attivita' manifatturiere Alberghi e ristoranti Attiv.immob.,noleggio,informat.,ricerca Altre attività 18

19 L elaborazione congiunta dei dati concernenti le forme giuridiche e i settori di attività economica delle imprese attive, consente infine di individuare quali sono le imprese più diffuse nella provincia di Foggia: - oltre la metà delle società di capitali (52,4%) svolgono attività nei settori delle costruzioni, del commercio all ingrosso e al dettaglio e degli alberghi e ristoranti (1.135, 452, 431e 242 imprese); - i settori del commercio al dettaglio, delle costruzioni e degli alberghi e ristoranti, primeggiano anche tra le società di persone (2.430 imprese, 46,6% del totale), seguito dall industria agroalimentare con 378 imprese; - le imprese individuali svolgono la propria attività prevalentemente nel settore agroalimentare ( imprese, 49,7% del totale), nel commercio al dettaglio e in quello delle costruzioni (rispettivamente e imprese, 25,4% del totale); - le cooperative, i consorzi e le società consortili operano prevalentemente nel settore delle costruzioni (463 imprese, 23,5% del totale), nell agricoltura, caccia e relativi servizi (340 imprese, 17,2% del totale) e, in misura minore nelle attività professionali e imprenditoriali (202 imprese, 10,2% del totale). 19

20 TABELLA 3 Imprese iscritte nella provincia di Foggia: settori economici più diffusi per forma giuridica Anno 2007 Valori assoluti e percentuali Forma giuridica Settore economico Imprese attive % su totale Costruzioni ,3 Società di capitali Commercio al dettaglio ,5 Commercio all ingrosso ,0 Alberghi e ristoranti 242 5,6 Commercio al dettaglio ,2 Società di Costruzioni ,2 persone Alberghi e ristoranti ,2 Agricoltura, caccia e relativi servizi 378 7,3 Agricoltura, caccia e relativi servizi ,8 Imprese Commercio al dettaglio ,3 individuali Costruzioni ,1 Commercio all ingrosso ,1 Costruzioni ,5 Altre forme Agricoltura, caccia e relativi servizi ,2 Imprese non classificate ,3 Altre attività professionali e imprenditoriali ,2 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Unioncamere e CCIAA di Foggia. TABELLA 4 IMPORTAZIONI ED ESPORTAZIONI Valore e saldo delle esportazioni ed importazioni nelle province pugliesi Anni Valori assoluti in milioni di euro Esportazioni Anni (*) Puglia Foggia Bari Taranto Brindisi Lecce Importazioni Anni (*) Puglia Foggia Bari Taranto Brindisi Lecce

21 Saldo Anni (*) Puglia Foggia Bari Taranto Brindisi Lecce (*) Valori non definitivi. Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. Nella tabella 4 viene presentato il valore nominale delle esportazioni ed importazioni (nonché il relativo saldo) provenienti e destinate alle province della regione Puglia. Come si può osservare, nel periodo le esportazioni complessive della regione sono diminuite di circa il 29% ed hanno interessato, seppur in misura diversa, tutte le province pugliesi, salvo la provincia di Brindisi che ha registrato un incremento delle esportazioni, seppur contenuto. La provincia di Foggia ha registrato una marcata diminuzione del valore delle esportazioni (-22%) tra l anno 2001 e 2002, seguita da una sostanziale stabilizzazione del loro valore, intorno ad una media di 334 milioni di euro negli anni 2003 e L andamento delle esportazioni ricomincia a crescere nel periodo , fino a raggiungere un valore di 459 milioni di euro nel 2007 (dato provvisorio), con un incremento di circa il 38% rispetto al minimo di 332 milioni di euro registrato nel Si evidenzia, pertanto, una contenuta, ma continua ripresa delle esportazioni, sebbene il loro valore riferito al 2007 resti inferiore allo stesso dato del

22 GRAFICO 9 Valore ed andamento delle esportazioni ed importazioni della provincia di Foggia Anni Valori assoluti in milioni di euro (*) Valori non definitivi. Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. GRAFICO 10 Valore ed andamento delle esportazioni ed importazioni della regione Puglia Anni Valori assoluti in milioni di euro Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. 22

23 L incremento delle esportazioni interessa, peraltro, quasi tutta la regione Puglia, che ha registrato un loro continuo aumento a partire dall anno 2003 raggiungendo un valore di circa 7,1 miliardi di euro nell anno 2007 (+24% circa rispetto al 2003). L eccezione è costituita dalle esportazioni della provincia di Lecce, che sono continuamente diminuite tra il 2001 e il 2006 e mostrano un segno di ripresa solo a partire dall anno Per quanto concerne le importazioni nella provincia di Foggia, si registra un considerevole incremento del loro valore nominale nel periodo , evidenziato nel grafico 9, raggiungendo nel 2007 un valore di circa 666 milioni di euro. Buona parte di questo forte incremento delle importazioni è spiegabile con l apprezzamento della moneta unica europea, che ha reso meno costoso l acquisto di merci denominate in altre valute. L incremento delle importazioni sembra, peraltro, interessare l intera regione Puglia, come evidenziato nel grafico sottostante. Tale incremento ha provocato un peggioramento del saldo tra valore dell export e dell import che ha raggiunto un valore negativo di 207 milioni di euro nel

24 GRAFICO 11 Saldo importazioni ed esportazioni della provincia di Foggia Anni Valori assoluti in milioni di euro Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. Nella tabella 5 sono elencati i gruppi di merci che maggiormente hanno contribuito, in termini di valore, alle esportazioni della provincia di Foggia nel periodo TABELLA 5 Esportazioni ed importazioni della provincia di Foggia, gruppi principali Anni Valori assoluti in milioni di euro Anni Tipo di prodotto Export Import Saldo Export Import Saldo Export Import Saldo Aeromobili e veicoli spaziali 32,4 0,1 32,3 42,3 37,7 4,6 50,3 86,8-36,5 Altri prodotti alimentari 13,1 4,2 8,9 22,8 43,3-20, ,2-4,2 Altri prodotti in metallo 14,3 4,9 9,4 29,7 29,7 0 23,5 23,5 0 App. trasmittenti per la radiodiff. e la telev./app. telefonia 0,05 29,7-29,65 0,5 18,1-17,6 17,1 23,7-6,6 Articoli in materie plastiche 6 10,2-4,2 5,8 13,1-7,3 12,4 14,2-1,8 Autoveicoli 114, ,4 111,3 76,5 34,8 126, ,8 Bevande 10,6 0, ,9 17,4 2,5 16,2 15,7 0,5 Parti ed accessori per autoveicoli e loro motori 17,7 54,5-36,8 17,3 6,9 10,4 19,7 32,1-12,4 Pile e accumulatori elettrici 4,6 0,7 3,9 7,6 9,8-2, ,5-1,5 Preparti e conserve di frutta e ortaggi 18,8 10,6 8,2 22,3 31-8,7 28,8 33,8-5 Prodotti agricoltura, orticoltura e floricoltura 62,2 14,5 47,7 70,7 65,9 4,8 86,6 101,9-15,3 Vetro e prodotti in vetro 6,8 1,3 5,5 9 12,7-3,7 9,5 11,4-1,9 Fonte: Elaborazione Eurispes su dati Istat. 24

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI

L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI 13 L ANDAMENTO DELL ECONOMIA LOCALE I DATI STATISTICI RAPPORTO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI FOGGIA INDICE PREMESSA 3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE 5 IL MERCATO DEL LAVORO 18 IL COMMERCIO INTERNAZIONALE 24 IL

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE

TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Con il contributo tecnico-scientifico di: TERZO RAPPORTO SULL ECONOMIA DEL MARE Il presente Rapporto, realizzato da SI.Camera per Unioncamere (coordinatore Amedeo

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA SALUTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE LAVORO E CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA BENESSERE ECONOMICO RELAZIONI SOCIALI POLITICA E ISTITUZIONI SICUREZZA BENESSERE SOGGETTIVO

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento NOTA di RICERCA dell UFFICIO STUDI AITEC www.aitecweb.com febbraio 2012 ufficiostudi@aitecweb.com IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli