Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 1. 4 ) ) *) +). C E 1 B H =JEL " 9* 61, * ) ) 1 61, * + J? HHA JA = F=??DAJJ HEIAHL=J =E? IK =J HE

2 /)61 )

3 +)4) , " 9*

4 ) 1 +, ) ) HA 5E + IJ 15+

5

6

7

8 ) 64 +,

9

10

11

12

13

14

15

16 ! """""""""""# """""""""""# """""""""""""""""# " " $$$$$$$$$

17 %

18

19 & & '

20 ( ) *

21 , , * 61, * 6)551, ,,,

22 ,,, ) 61+12)6) ) ) 64 +,1 1 1

23 ! /,)

24

25 ... ( 1 +)5,1..46) ,

1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) +0 + 5 1 + 6 +)46) 4 " 2 + 6. C E 1 B H =JEL + 6 +)46) 4 " 2 + 6 + J? HHA JA = F=??DAJJ HEIAHL=J =E? IK =J HE 241 +12) 1 +,1 1 1 + 1+0 37) 6 27 + 56)4 1 + 6 + 44 6 1 @E?=J HA 5E

Dettagli

. C E 1 B H =JEL 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) + 6 +)46) 7 1./ + J? HHA JA = F=??DAJJ HEIAHL=J =E? IK =J HE +0 + 5 1 + 6 +)46) 7 1./ 241 +12) 1 +,1 1 1 + 1+0 37) 6 + 56) 1 + 6 + 44 6 1 @E?=J HA 5E JAJE? @E +

Dettagli

. C E 1 B H =JEL + 61 + 44 61 + 7* 5 +1 2418)61 + 6 5 +1 ; 7 / + 6 5 +1.) 1 ; + 6 5 +1 /, + JE? HHA JE = F=??DAJJ HEIAHL=JE =E? IK =J HE 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) +0 + 5) 1 + 6 + 44 6 1 5481 1 + /)61 ) + 6

Dettagli

.CE 1BH=JEL +6 4,1)41 ) +57 +J?HHAJA =?IK HEIAHL=J =E?EAJE?IK=JHE 1.4)11 57) *)+) +0 +5 1 +6 +446 54811 +/)61 ) +6 +446 +,111 +1+0 )64 +,111 +1+0 *1.1+1 1 2)46) )4) 75 *1.1+1 1 2)46) )4) :64) 75 *1.1+1

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO ECOENERGY - IMPRESE

FOGLIO INFORMATIVO FINANZIAMENTO ECOENERGY - IMPRESE INFORMAZIONI SULLA BANCA Offerta Fuori Sede Promotore Finanziario Nome e Cognome Nr. Iscrizione Albo CHE COS È IL FINANZIAMENTO Foglio Informativo Finanziamento Ecoenergy Imprese SCHEDA N.5/bis (pag. 1

Dettagli

! "## $"#%# $& ! # (.) (! + /!! ,&' 233-2452 ,'&.' " &'&!+!+ '! +7&+"! & &7&' ! 6 &&& &+ &' &'"%!& %!"!'!&!%!&& +'!7 '&!' %!" &&! +! 67 %!

! ## $#%# $& ! # (.) (! + /!! ,&' 233-2452 ,'&.'  &'&!+!+ '! +7&+! & &7&' ! 6 &&& &+ &' &'%!& %!!'!&!%!&& +'!7 '&!' %! &&! +! 67 %! ! "## $"#%# $&!"# $%!&'&! # (") # ()# *+)#,!''')) -))) (.) (! + /!!,+# #) 0!&+) 0&&&#,&' (&# 1&) 233-2452 '($)'*$+,$*$((-$.//(' - &6)7%!7 (&!8 &6 &+'#7#7&!&&+ "79,'&.' " &'&!+!+ '! +7&+"! & &7&'!677 &&%!'8

Dettagli

.CE 1BH=JEL 24/-66 )/41+674) 1FHAIA =CHE?A 1.4)11 57) *)+) 1 +)5,1..-46).741 5-,- +0- +5 1 24/-66 )/41+674) 767 +014/4).)41 +,111 -+1+0-6)55.155 6)55 8)41)*1- 5-4811 )++-5541.)+6)6181,1 612 )551+74)618

Dettagli

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) Offerta Fuori Sede Promotore Finanziario Nome e Cognome Nr. Iscrizione Albo +0- + 5 1 + 6 + 44-6- 1? J? HHA JA K? JH=JJ? E GK= A = >=?= IL CA K IAHLE E @E?=II= FAH E? EA JA?KIJ @EI?A

Dettagli

+0 241+12)1.CE 1BH=JEL +6 +446 *)+)41 E L=KJ= = HAIE@AJE A E L=KJ=AKH = HAIE@AJE 1.4)11 57) *)+) +5 1 +6 +446 *)+)41 74 8)76) +,111 +1+0 37)6 27 +56)4 1 +6 +446 1@E?=JHA 5EJAJE? @E +IJ 15+ )64 +,111 +1+0

Dettagli

1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) +0 + 5 1 + 6 +)46) 4 " 2 + 6. C E 1 B H =JEL + 6 +)46) 4 " 2 + 6 + J? HHA JA = F=??DAJJ HEIAHL=J =E? IK =J HE o o o o o 241 +12) 1 +,1 1 1 + 1+0 37) 6 27 + 56)4 1 + 6 + 44 6 1 @E?=J

Dettagli

1. 4 ) 1 1 57 ) *) +). C E 1 B H =JEL + 61 + 44-61 + 7* 5 +1 2418)61 + 6 5 +1 ; 7 / + 6 5 +1.) 1 ; + 6 5 +1 /, + JE? HHA JE = F=??DAJJ HEIAHL=JE =E? IK =J HE +0- + 5) 1 + 6 + 44-6- 5-481 1 + -/)61 ) +

Dettagli

. C E 1 B H =JEL + 6 +)46) -4 " 2 + -6 + J? HHA JA = F=??DAJJ HEIAHL=J =E? IK =J HE 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) +0- + 5 1 + 6 +)46) -4 " 2 + -6 o o o o o 241 +12) 1 +,1 1 1 -+ 1+0-37) 6 27 + 56)4-1 + 6 + 44-6-

Dettagli

. C E 1 B H =JEL + 61 + 44-61 + 7* 5 +1 2418)61 + 6 5 +1 ; 7 / + 6 5 +1.) 1 ; + 6 5 +1 /, 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) +0- + 5) 1 + 6 + 44-6- 5-481 1 + -/)61 ) + 6 + 44-6- + JE? HHA JE = F=??DAJJ HEIAHL=JE =E?

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Localizzazione

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Localizzazione Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Localizzazione Posizionamento di antenne È dato un insieme A di possibili siti in cui installare antenne, a ciascuno

Dettagli

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) Offerta Fuori Sede Promotore Finanziario Nome e Cognome Nr. Iscrizione Albo +0- + 5 1 + 6 +, 1 1 1 + J + @ E E K + J + HHA JA =FF IEJ= A JA HA= E =J FAH B H EHA = = + EA JA = = CAIJE

Dettagli

Energia. Costruttore Unità esterna Unità interna. Bassi consumi. Alti consumi

Energia. Costruttore Unità esterna Unità interna. Bassi consumi. Alti consumi UNEP 7H UNEP 7HI UNEP 7HE 390 2.06 2.64 Potenza di kw 2.20 ABC EG UNEP 9H UNEP 9HI UNEP 9HE 520 2.50 2.40 Potenza di kw 2.85 ABC EG UNEP 12H UNEP 12HI UNEP 12HE 675 3.20 2.37 Potenza di kw 3.70 ABC EG

Dettagli

.CE 1BH=JEL 7671 2-4 ) 4156476674)1-,1 1*11 ), 75 )*16)618 /)4)6161,) 126-+) 1.4)11 57) *)+) 1 +)5,1..-46).741 5-,- +0- +5 1 767 241+12)1 +,111 -+1+0- ! " # # # # # # # $ % % % - & & ' )) ) = FE=

Dettagli

" %$*!!! % &'(((((((((((((

 %$*!!! % &'((((((((((((( !"#!$$! % &'(((((((( ) "#!$$! % &'((((((((( " %$*!!! % &'((((((((((((( !$ ! "#$ %!$ +!" #!$$! % ) " #!$$! %!$ " %$*!!! % INDICE INDICE DEI DOCUMENTI...3 CAPITOLO I...6 IL VIAGGIO: ARCHETIPO DELL INCONSCIO

Dettagli

LADDOMAT 21 Unità di riempimento

LADDOMAT 21 Unità di riempimento LADDOMAT 21 Unità di riempimento Nr. Art. 11 23 78 Manuale d istruzione e di installazione NOTA! I disegni del presente opuscolo descrivono solamente il principio di collegamento. Ciascuna installazione

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica

Ricerca Operativa e Logistica Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili A.A. 2011/2012 Lezione 10: Variabili e vincoli logici Variabili logiche Spesso nei problemi reali che dobbiamo affrontare ci sono dei

Dettagli

Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari e di vincoli sulle risorse

Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari e di vincoli sulle risorse Schedulazione delle attività di un progetto in presenza di multi-calendari e di vincoli sulle risorse Maria Silvia Pini Resp. accademico: Prof.ssa Francesca Rossi Università di Padova Attività FSE DGR

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera

Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera Modelli di Programmazione Lineare e Programmazione Lineare Intera 1 Azienda Dolciaria Un azienda di cioccolatini deve pianificare la produzione per i prossimi m mesi. In ogni mese l azienda ha a disposizione

Dettagli

"! # VINCENZO FOPPA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS $ $% $% &

! # VINCENZO FOPPA SOCIETÀ COOPERATIVA SOCIALE - ONLUS $ $% $% & !! "! # $ $% $% & ' '$$ & (()*+,#-./-0%( 1213202240#1213220,..5 6663((376663(83 ! " #$%&'(%)%&'*+**###%(),&-&+%,,.',,''%,,%)%,'%**+)*%#',('#/%*'%##%#%0'1%,%)&*0'#''.%)*(-%&,'.)%,.'))%2+%,*'/3 +#%&-%%(%%,,%)%**%*/%*%#%**'',*+%*%,&#%(%%,,%)%&'))%*+#4)%**'&'*%%*%#%,*)+0'.%)#5/.%'%#

Dettagli

Problemi di localizzazione impianti

Problemi di localizzazione impianti Problemi di localizzazione impianti Laura Galli Dipartimento di Informatica Largo B. Pontecorvo 3, 56127 Pisa laura.galli@unipi.it http://www.di.unipi.it/~galli 2 Dicembre 2014 Ricerca Operativa 2 Laurea

Dettagli

Chiusura lineare. N.B. A può essere indifferentemente un insieme, finito o no, o un sistema. Es.1. Es.2

Chiusura lineare. N.B. A può essere indifferentemente un insieme, finito o no, o un sistema. Es.1. Es.2 Chiusura lineare Def. Sia A V (K) con A. Si dice copertura lineare (o chiusura lineare) di A, e si indica con L(A), l insieme dei vettori di V che risultano combinazioni lineari di un numero finito di

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento di travi e pilastri

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento di travi e pilastri prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento di travi e pilastri (arch. Lorena Sguerri) Il Telaio 1.80 4.00 2.40 3.00 3.25 Dato lo schema di un telaio come quello in figura,

Dettagli

STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Si parla di Analisi Multivariata quando su ogni unità statistica, appartenente ad una determinata popolazione, si rileva un certo numero s di caratteri X 1, X 2,,X s. Si

Dettagli

Regione Lazio. Atti del Consiglio Regionale. 30/01/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 9 Pag. 19 di 452

Regione Lazio. Atti del Consiglio Regionale. 30/01/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 9 Pag. 19 di 452 30/01/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 9 Pag. 19 di 452 Regione Lazio Atti del Consiglio Regionale Deliberazione del Consiglio Regionale 2 ottobre 2013, n. 9 Regolamento del Monumento

Dettagli

)7+1 27**1+16)41 +4,16 )1 +57)641 FAH EFHJE IE =@ AKH %# +4,161 245)1 4,1)41 ILLAEE )641.1)1)61 ).)1/1 KJKE?DEHCH=B=HE 51 +4,161 245)1 4,1)41 ILLAEE FAH EFHJE @= AKH =@ AKH!# 51 )641.1)1)61 ).)1/1 KJKE?DEHCH=B=HE

Dettagli

AFFIDABILITA DEI SISTEMI

AFFIDABILITA DEI SISTEMI AFFIDABILITA DEI SISTEMI STOCASTICI (complessi) Esercizio: Si assuma che i collegamenti tra una centrale elettrica e una città siano costituite da tre linee collegate in serie i cui tempi di funzionamento

Dettagli

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling

Parte 3: Gestione dei progetti, Shop scheduling Parte : Gestione dei progetti, Shop scheduling Rappresentazione reticolare di un progetto Insieme di attività {,...,n} p i durata (nota e deterministica dell attività i) relazione di precedenza fra attività:

Dettagli

QPROVINCIA DI TORINO. Rapporto sulla Soddisfazione del Cliente Interno. febbraio 2000. Progetto Qualità La Soddisfazione del Cliente

QPROVINCIA DI TORINO. Rapporto sulla Soddisfazione del Cliente Interno. febbraio 2000. Progetto Qualità La Soddisfazione del Cliente GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices QPROVINCIA DI TORINO Gruppo di Lavoro Interfunzionale Progetto Qualità La Soddisfazione del Cliente Rapporto sulla Soddisfazione del Cliente

Dettagli

SPETT. ART WORK SRL 00179 ROMA. Fax 06.64463050. Responsabile Unico del Procedimento/Direttore dell' esecuzione contrattuale Geom.

SPETT. ART WORK SRL 00179 ROMA. Fax 06.64463050. Responsabile Unico del Procedimento/Direttore dell' esecuzione contrattuale Geom. MODULARIO P.C.I.( o P.C. o Modo 9 DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE UFFICIO V - AMMINISTRAZIONE E BILANCIO Servizio Politiche Contrattuali e p.c. SPETT. ART WORK SRL 00179 ROMA Fax 06.64463050 Responsabile

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di flusso Flusso di costo minimo È dato un grafo direzionato G = (N, A). Ad ogni arco (i, j) A è associato il costo c ij

Dettagli

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm

file://c:\documents and Settings\g.brizzolari.POECO\Desktop\GUIDAMASTER.htm Master Comunicazione Roma Master Media Roma Master Economia e Gestione della Comunicazio... Pagina 1 di 61 Username Password accedi '.!""! " # "!$"!!!! % % " "&& % '%!! ( # "'% ' " #" )))( (" ( " * + #

Dettagli

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) Offerta Fuori Sede Promotore Finanziario Nome e Cognome Nr. Iscrizione Albo +0- + 5 1 + 6 + 44-6- 1? J? HHA JA K? JH=JJ? E GK= A = >=?= IL CA K IAHLE E @E?=II= FAH E? EA JA?KIJ @EI?A

Dettagli

!"#$%&'( ((%)**+')**,

!#$%&'( ((%)**+')**, !"#$%&'( ((%)**+')**, -./0"11/."2 3.456/%7488"94#$ 06488"94#$:;"$1/

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 4: la gestione dei costi (Programmazione multimodale): formulazioni

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 4: la gestione dei costi (Programmazione multimodale): formulazioni Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 4: la gestione dei costi (Programmazione multimodale): formulazioni CARLO MANNINO Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

Direttore Prof. Alessandro Cicognani

Direttore Prof. Alessandro Cicognani Pag. /47 L Organizzazione... 3 Il personale... 5 Di cosa ci occupiamo... 6 Il reparto di degenza di endocrinologia pediatrica... 9 Il reparto di degenza di pediatria generale... 12 Il day hospital di Endocrinologia

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

INDICE SOMMARIO A.A. ASPETTI FORMALI ED ELEMENTI GENERALI... 1

INDICE SOMMARIO A.A. ASPETTI FORMALI ED ELEMENTI GENERALI... 1 INDICE SOMMARIO A.A. ASPETTI FORMALI ED ELEMENTI GENERALI.... 1 A.A.1 A.A.2 A.A.3 A.A.4 A.A.5 A.A.6. A.A.7 A.A.8 A.A.9 A.A.10 Verbalizzazione in data successiva alla riunione Legittimazione a richiedere

Dettagli

Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 135-145

Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 135-145 Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 135-145 =JH=I EIIE A@A @?K A J E B H =JE? E HK @A =F IJ=A AJJH E?=?AHJEBE?=J=,) 1- - )4 /17 5 )41 \E JH @K E A@A =@EI?EF E =IK =F IJ=A AJJH E?=?AHJEBE?=J=

Dettagli

Modelli di Programmazione Lineare

Modelli di Programmazione Lineare Capitolo 2 Modelli di Programmazione Lineare 2.1 Modelli di allocazione ottima di risorse Esercizio 2.1.1 Un industria manifatturiera può fabbricare 5 tipi di prodotti che indichiamo genericamente con

Dettagli

$ ( $$ (! (+ $ *$ % ' ' $ % & * ' " ' " '$ & - '$ % $ $ ($ $./ & & $ 0 $ $ % ' & 1 $ * & $ ' ' ' ' ' $ 23 * & 4 5 ' &./ &

$ ( $$ (! (+ $ *$ % ' ' $ % & * '  '  '$ & - '$ % $ $ ($ $./ & & $ 0 $ $ % ' & 1 $ * & $ ' ' ' ' ' $ 23 * & 4 5 ' &./ & ! "# % % & &! ( (! )!*# (+ ",## * % % & * " " & - % (./ & & % & 1 * & 3 * & 4 &./ & % ((% % *3 (6 & 7 ) 1 Sabina Nuti è professore associato di Economia e gestione delle imprese presso la Scuola Superiore

Dettagli

Trasformazioni 2D. Grande differenza rispetto alla grafica raster!

Trasformazioni 2D. Grande differenza rispetto alla grafica raster! Trasformazioni 2D Il grande vantaggio della grafica vettoriale è che le immagini vettoriali descrivono entità matematiche È immediato manipolare matematicamente tali entità In quasi tutte le manipolazioni

Dettagli

Probabilità condizionata e indipendenza stocastica

Probabilità condizionata e indipendenza stocastica Capitolo 3 Probabilità condizionata e indipendenza stocastica 3.1 Considerazioniintroduttive Abbiamo trattato, finora, soltanto di probabilità di eventi che possono risultare Veri o Falsi. Tuttavia, il

Dettagli

8 - Analisi della deformazione

8 - Analisi della deformazione 8 - Analisi della deformazione ü [A.a. - : ultima revisione 6 ottobre ] Esercizio n. Si supponga di voler conoscere sperimentalmente lo stato di deformazione in un punto M di un solido. A tal fine, si

Dettagli

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC

PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC PROGRAMMAZIONE della M.U. CNC 1 La programmazione delle M.U. CNC 1 Generalità 2 Geometrie di riferimento 3 Grammatica 4 Lessico 5 Sintassi 6 Esempi 7 Linguaggio APT 2 La programmazione delle M.U. CNC Le

Dettagli

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano

Alcuni Preliminari. Prodotto Cartesiano Alcuni Preliminari Prodotto Cartesiano Dati due insiemi A e B, si definisce il loro prodotto cartesiano A x B come l insieme di tutte le coppie ordinate (a,b) con a! A e b! B. Es: dati A= {a,b,c} e B={,2,3}

Dettagli

Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014

Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014 Kangourou della Matematica 2014 finale nazionale italiana Mirabilandia, 12 maggio 2014 LIVELLO STUDENT K,M N CD BC A S1. (5 punti ) In figura si vede una circonferenza della quale i segmenti AB, BC e CD

Dettagli

PIATTAFORMA AEREE A PANTOGRAFO ELETTRICHE

PIATTAFORMA AEREE A PANTOGRAFO ELETTRICHE 1930ES Lunghezza m 1,87 Altezza m 1,98 Peso kg 1.565 Altezza al piede m 5,72 Altezza di lavoro m 7,72 Lunghezza pianale m 1,87 Lungh. pianale esteso m 2,77 Larghezza pianale m 0,76 Portata massima kg 230

Dettagli

/1/ 22 9379"#98++9"3999389",&&.&

/1/ 22 9379#98++93999389,&&.& !!!"#" $%'())#)*+"#",* *()-.$ $/'(**(*(./0#) /1/ 22 *)(+3"++*4 *))#)*+"#"(5,*,**(*.).**!,,.,4 *(/*66(+77"78+"(5,.)!*.4 *(/*66(+)73"38"(5,.)!*.(*4 *(/*66(,73"##"(,) ').4 *()*.7)*"++"(5.9+9" 9379"#98++9"3999389",.

Dettagli

Corso di Elettrotecnica

Corso di Elettrotecnica Università degli Studi di Pavia Facoltà di Ingegneria Corso di Corso di Elettrotecnica Teoria dei Circuiti Circuiti trifasi Nelle applicazioni di potenza è frequente trovare, in regime P.A.S., dispositivi

Dettagli

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione

2.1 Definizione di applicazione lineare. Siano V e W due spazi vettoriali su R. Un applicazione Capitolo 2 MATRICI Fra tutte le applicazioni su uno spazio vettoriale interessa esaminare quelle che mantengono la struttura di spazio vettoriale e che, per questo, vengono dette lineari La loro importanza

Dettagli

Esercizi Programming Contest

Esercizi Programming Contest Esercizi Programming Contest Alberto Montresor 22 maggio 2012 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

1 Insiemi e terminologia

1 Insiemi e terminologia 1 Insiemi e terminologia Assumeremo come intuitiva la nozione di insieme e ne utilizzeremo il linguaggio come strumento per studiare collezioni di oggetti. Gli Insiemi sono generalmente indicati con le

Dettagli

Marker LED Apparecchio decorativo ad incasso a terra per l illuminazione architetturale Marker LED Versione circolare 220-240V - DMX-512/RDM

Marker LED Apparecchio decorativo ad incasso a terra per l illuminazione architetturale Marker LED Versione circolare 220-240V - DMX-512/RDM Marker LED Versione circolare 220-240V - DMX-512/RDM Alimentazione: 230 240 V AC /50-60 Hz (integrato) Classe di isolamento: II BBG300 (R-A): 2,3W BBG300 (B-G-W): 3,1W BBG300 (RGB): 3,6W Sorgenti luminose

Dettagli

Modelli stocastici a valori discreti

Modelli stocastici a valori discreti Modelli stocastici a valori discreti Note del corso di CP per la L.M. in Informatica A.Calzolari 1 Indice 1 Catene di Markov a tempo discreto 4 1.1 Richiami sull indipendenza stocastica per eventi e variabili

Dettagli

Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 167-181

Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 167-181 Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 167-181 =@EIF E>E EJ @AE@=JE@A AFK>> E?DA= E EIJH= E E A + @E?A@A \= E EIJH= E A@ECEJ= A -4-56 *- 15)41 ] CEKIJ A FH @K?A JA? JE K=HA=F HHAIK AIF= A@A?EJJ=@E

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

Applicazione di tecniche innovative di RNA-Seq per lo studio dei meccanismi di azione di un biofungicida

Applicazione di tecniche innovative di RNA-Seq per lo studio dei meccanismi di azione di un biofungicida Applicazione di tecniche innovative di RNA-Seq per lo studio dei meccanismi di azione di un biofungicida R.M. De Miccolis Angelini, D. Digiaro, C. Rotolo, S. Pollastro, F. Faretra Dipartimento di Scienze

Dettagli

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design

Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design Progetto di Reti di Telecomunicazione Modelli in Programmazione Lineare Problemi di Network design Network Design È data una rete rappresentata su da un grafo G = (V, A) e un insieme di domande K, ciascuna

Dettagli

Alfa Romeo MiTo listino prezzi giugno 2008

Alfa Romeo MiTo listino prezzi giugno 2008 Alfa Romeo MiTo listino prezzi giugno 2008 Cavalli cm 3 kw (CV) Consumo Emissioni CO2 Alimentazione Motorizzazione Versione Euro chiavi Fiscali Combinato g/km in mano Progression 17.950,00 15 1.368 114

Dettagli

COMITATO INTERREGIONALE DEI CONSIGLI NOTARILI DELLE TRE VENEZIE VENEZIA ORIENTAMENTI DEL COMITATO TRIVENETO DEI NOTAI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI

COMITATO INTERREGIONALE DEI CONSIGLI NOTARILI DELLE TRE VENEZIE VENEZIA ORIENTAMENTI DEL COMITATO TRIVENETO DEI NOTAI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI COMITATO INTERREGIONALE DEI CONSIGLI NOTARILI DELLE TRE VENEZIE VENEZIA ORIENTAMENTI DEL COMITATO TRIVENETO DEI NOTAI IN MATERIA DI ATTI SOCIETARI SETTEMBRE 2011 3 4 PRESENTAZIONE Questo volume con gli

Dettagli

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU

9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A = LU 9 Metodi diretti per la risoluzione di sistemi lineari: fattorizzazione P A LU 9.1 Il metodo di Gauss Come si è visto nella sezione 3.3, per la risoluzione di un sistema lineare si può considerare al posto

Dettagli

Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Sequenze CAPITOLO II

Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Sequenze CAPITOLO II CAPITOLO II 2. - PROBLEMI DI SEQUENZA I problemi di sequenza si presentano ogni qualvolta vi sono delle attività che richiedono delle risorse limitate ed indivisibili e bisogna definire l'ordine secondo

Dettagli

Programmazione dinamica

Programmazione dinamica Capitolo 6 Programmazione dinamica 6.4 Il problema della distanza di edit tra due stringhe x e y chiede di calcolare il minimo numero di operazioni su singoli caratteri (inserimento, cancellazione e sostituzione)

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

ANALISI DEI DATI BIOLOGICI

ANALISI DEI DATI BIOLOGICI ANALISI DI DATI BIOLOGICI RAPPRSNTAR L COMUNITA tramite descrizioni grafiche e relazioni tra gli organismi presenti nei vari campioni. DISCRIMINAR dei siti sulla base della loro composizione biologica.

Dettagli

La mappa della qualità effettiva dei servizi del Comune di Tempio Pausania " # $ Tempio Pausania - Piazza Gallura n.3 2

La mappa della qualità effettiva dei servizi del Comune di Tempio Pausania  # $ Tempio Pausania - Piazza Gallura n.3 2 Allegato C " # % Tempio Pausania Piazza Gallura n.3 2 & " % 3 Tempio Pausania Piazza Gallura n.3 " # % " #%&%'()* & ' & ' Tempio Pausania Piazza Gallura n.3 4 ( ' ) ' ' * + ' ' ( '. "# "//0 1/ 2) 3 4 56

Dettagli

$%%' #$#% & ! " !( " ' #%%)*+$$ & '! " -(,%.+$%*$ ' / #.*$%)$.$ &. $$ & - $$ ' 0 + ' /. 1 *$$ ' *$, 2 3'4 3

$%%' #$#% & !  !(  ' #%%)*+$$ & '!  -(,%.+$%*$ ' / #.*$%)$.$ &. $$ & - $$ ' 0 + ' /. 1 *$$ ' *$, 2 3'4 3 !" #$!%$ #&$ ($&)*$! " $%%' #$#% & ' ## &!( " ' #%%)*+$$ &!" ', * -*,,$* & -(,%.+$%*$ ' / #.*$%)$.$ &. $$ & - $$ ' 0 + ' /. 1! "! " '! " 2 3'4 3 *$$ ' %.$$ *$,,*0$$#$ ** %%%)*%#, *$$* &+",$,#$!%$ %,$*,*$*%%

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

, AI,REROREI,I,O ( BA )

, AI,REROREI,I,O ( BA ) W REPUBBLICA ITALLAI.IA ùiinistero delle InfrasîÌ utture e dei Trasportí DIPAR'T]MENTO PER I TRASPOR'II TERRESTRI E IL TR.\SPORÎO IN'TFRVOD.TE CART.A. DI crrcolazrone CA 0393229 Èîúo d. 'r,lr ln ùúdèpru

Dettagli

n 260 del 26 agosto 2013

n 260 del 26 agosto 2013 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n 260 del 26 agosto 2013 Oggetto: Acquisto autoveicoli in convenzione Consip e proroga contratti di noleggio autoveicoli. IL DIRETTORE GENERALE t:::,'~,':'~ ---::--.-

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi Roma Tre. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile Esercizi del corso di: Progetto di Sistemi di Trasporto Prof. Stefano Gori (A.A. 2012-2013) ESERCIZI CAPITOLO

Dettagli

I.P.S.S.A.R. "MASSIMO ALBERINI" - LANCENIGO DI VILLORBA ORARIO DEFINITIVO DAL 07 GENNAIO 2016 A.S. 2015-2016

I.P.S.S.A.R. MASSIMO ALBERINI - LANCENIGO DI VILLORBA ORARIO DEFINITIVO DAL 07 GENNAIO 2016 A.S. 2015-2016 1A 1B 1C 1D 1E 1F 1G 1H 1I 1L 1M 1N 2A 2B 2C 2D 2E LUN MAR Melinato MER Rizzato Melinato Orario Facile 7 Copyright 1999-2009 mathema software www.orariofacile.com Pag. 1/6 1A 1B 1C 1D 1E 1F 1G 1H 1I 1L

Dettagli

11.4 Chiusura transitiva

11.4 Chiusura transitiva 6 11.4 Chiusura transitiva Il problema che consideriamo in questa sezione riguarda il calcolo della chiusura transitiva di un grafo. Dato un grafo orientato G = hv,ei, si vuole determinare il grafo orientato)

Dettagli

!!"##$%"##& ( ' )*#$$+&

!!##$%##& ( ' )*#$$+& "##$%"##& ' ( ' )*#$$+& 1 ABB S.p.A Instrumentation 2 " # $ % " & ' () & 3 Ringraziamenti... 3 1 Introduzione... 6 1.1 Descrizione del progetto... 6 1.2 Struttura della tesi... 7 2 Background... 8 2.1

Dettagli

Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 147-166

Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 147-166 Informatica e diritto, Vol. XIV, 2005, n. 1-2, pp. 147-166 =FK>> E?EJ JA A =JE?= A \E FE= J @A + @E?A@A \= E EIJH= E A@ECEJ= A ) /- /175-22- 4.1 5 )41 2HA AII=` =@EI?EF E =@A =FK>> E?EJ JA A =JE?= A +

Dettagli

Il mercato dei cambi. Premessa

Il mercato dei cambi. Premessa Il mercato dei cambi 2009 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale (vista fino ad ora) solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: la moneta con le sue funzioni tradizionali

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Ripasso sulla Modellazione in Programmazione Lineare Luigi De Giovanni 1 Modelli di programmazione lineare I modelli di programmazione lineare sono una

Dettagli

La strada è lunga, siamo solo all'inizio. Buona lettura. Andrea De Pasquale

La strada è lunga, siamo solo all'inizio. Buona lettura. Andrea De Pasquale 1 I=E? 241 )8-4) -56)6-7 -4 241 )8-4) -56)6- # 7-4 7 4ABAHA @K?DE= =JE=HEB AJJAHA n dialogo tra sordi. E' quello a cui assistiamo in queste settimane laddove giornali e talk-show parlano dei referendum

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Misure di deformazione con estensimetri elettrici

Misure di deformazione con estensimetri elettrici Misure di deformazione con estensimetri elettrici Ricordiamo la relazione tra la variazione di resistenza di un conduttore filiforme e la deformazione longitudinale ad esso applicata: R = k ε R Mis 2 Estensimetro

Dettagli

La legge ambientale in Etiopia: profili di diritto comparato

La legge ambientale in Etiopia: profili di diritto comparato UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VENEZIA Corso di Laurea magistrale ex D.M. 270/2004) in Economia dell'ambiente e della Regolazione Tesi di Laurea La legge ambientale in Etiopia: profili di diritto comparato

Dettagli

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale Il Mercato dei Cambi Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale esiste solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: -la moneta

Dettagli

R E Q UISI T I E C O NDI Z I O NI PE R L A C C ESSO A L L E A G E V O L A ZI O NI

R E Q UISI T I E C O NDI Z I O NI PE R L A C C ESSO A L L E A G E V O L A ZI O NI DIPARTIMENTO DEL TESORO A seguito della pubblicazione nella G.U.R.I. n. 192 del 18 agosto 2010 è entrato in vigore il t.2, comma 475, della legge 24 dicembre 2007, n. 244. Con decreto del Direttore Generale

Dettagli

Appunti di Statistica Descrittiva

Appunti di Statistica Descrittiva Appunti di Statistica Descrittiva 30 dicembre 009 1 La tabella a doppia entrata Per studiare dei fenomeni con caratteristiche statistiche si utilizza l espediente della tabella a doppia entrata Per esempio

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN1. Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN1 Parte 2: metodi diretti per sistemi lineari Roberto Ferretti Richiami sulle norme e sui sistemi lineari Il Metodo di Eliminazione di Gauss Il Metodo di Eliminazione con

Dettagli

"#$%&!$&!'&(&()*++*,!-*%&.!/00&,!1!$/2#3&4!

#$%&!$&!'&(&()*++*,!-*%&.!/00&,!1!$/2#3&4! " " "#$%&$&'&(&()**,-*%&./00&,1$/2#3&4 "#$%&'()*,-./'0/11/(-2345-4'0-64'7'-84/'-(7*)49)31404:4.4.(7117./4';/(67'0/2379711)37?@54(4/'4047)3/=

Dettagli

Provincia Regionale di Messina

Provincia Regionale di Messina ~~Jé6}.l. i:';!."'.. lep.~" 513.MÀ~5\~~, \ I ALL'ORVi!\!';. tl.j.i""l' Provincia Regionale di Messina Denominata "Libero Consorzio Comunale" - Ai sensi della LR. n. 8/2014 Corpo di Polizia Provinciale

Dettagli

Vettori Algoritmi elementari di ordinamento

Vettori Algoritmi elementari di ordinamento Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Vettori Algoritmi elementari di ordinamento Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale

Dettagli

COMUNE DI AVERSA PROVINCIA DI CASERTA

<I> COMUNE DI AVERSA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI AVERSA PROVINCIA DI CASERTA Verbale n.... ~E?...... 10RIGINALij DELffiERAZI.ONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE L'anno.. :?:~.. e questo giorno...~:-... del mese di...~.~.~?...alle ore...~?d?...

Dettagli

' ( ") "*"+ #, -. / - 0. -/1 0. ' ).2 3-0.

' ( ) *+ #, -. / - 0. -/1 0. ' ).2 3-0. !""# "$"%& "% ' ( ") "*"+ #, ( )"*+ -. / - 0. -/1 0. ' ).2 3-0. 2 0 4556 ! " # $ ## % #&!'(##) * 1.1 Introduzione... 9 1.2 Una, alcune, molteplici marginalità... 9 1.3 Il ruolo della politiche comunitarie

Dettagli

Problema della produzione dei monitor

Problema della produzione dei monitor Problema della produzione dei monitor Una azienda produce monitor per PC in tre diversi stabilimenti. Il costo di produzione di ciascun monitor varia a causa della diversa efficienza produttiva degli stabilimenti.

Dettagli

Confronto tra gruppi (campioni indipendenti)

Confronto tra gruppi (campioni indipendenti) Confronto tra gruppi (campioni indipendenti) Campioni provenienti da una popolazione Normale con medie che possono essere diverse ma varianze uguali campioni: Test z or t sulla differenza tra medie 3,

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo

Offerta Fuori Sede. Promotore Finanziario Nome e Cognome. Nr. Iscrizione Albo 1. 4 ) 1 1 57 ) *) +) Offerta Fuori Sede Promotore Finanziario Nome e Cognome Nr. Iscrizione Albo +0- + 5 1 + 6 + 44-6- 1? J? HHA JA K? JH=JJ? E GK= A = >=?= IL CA K IAHLE E @E?=II= FAH E? EA JA?KIJ @EI?A

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli