SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono"

Transcript

1 SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongo Le 4 schede di valutazione della corretta messa in opera dei ponteggi e dell efficienza dei suoi elementi so state predisposte sulla base di quanto indicato dall Allegato XIX Verifiche Di Sicurezza Dei Ponteggi Metallici Fis del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della curezza nei luoghi di lavoro, comunemente deminato Testo Unico Sulla Salute E Sicurezza Sul Lavoro Per quanto riguarda i destinatari delle schede: le schede 1, 2 e 3 so da ritener strumento utile per il proprietario del ponteggio e per l utilizzatore, in quanto contengo istruzioni per verificare l idoneità dei ngoli elementi che lo compongo. la verifica è utile a eseguita a prima del montaggio che durante l uso dello stesso. Le schede predisposte elenca le verifiche da eseguire prima di ogni montaggio, rispettivamente per o ponteggi metallici a telai prefabbricati, o ponteggi metallici a montanti e traver prefabbricati, o ponteggi metallici a tubi giunti la quarta scheda è, lo strumento predisposto per il coordinatore in materia di curezza e salute durante la realizzazione dell opera (CSE) ed il preposto, per verificare che il ponteggio, già messo in opera, a realizzato in modo corrispondente alle dispozioni di legge e quindi abbia le caratteristiche di misura idonea di prevenzione e protezione. Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 1 di 15

2 Le tre SCHEDE AD USO DEL PROPRIETARIO riferisco ciascuna alle diverse tipologie di ponteggio attualmente in commercio: 1 a scheda: ponteggi a tubi e giunti; 2 a scheda: ponteggi a telai prefabbricati; 3 a scheda: ponteggi a montanti e traver prefabbricati (multidirezionali). Ogni scheda è suddivisa in quattro colonne, che identifica rispettivamente, da controllare, il tipo di controllo da effettuare, la modalità con cui tale riscontro deve essere effettuato e l eventuale procedura da attuare nel caso in cui n risulti conforme. Per facilitare ed agevolare le operazioni e la rapida individuazione degli elementi da testare, è stato iltre inserito nella prima colonna il diseg del oggetto di verifica. Per le prime tre schede, in riferimento al parametro corroone, il giudizio da formulare in conseguenza della tuazione riscontrata e raffrontata è il seguente: potiva, se la corroone è inferiore a quanto previsto dalla rmativa. negativa se la corroone supera quanto previsto dalla rmativa. Nei ca in cui gli spessori risulti inferiori ai limiti di tolleranza previsti dal fabbricante, occorre procedere all eliminazione del. La SCHEDA AD USO DEL COORDINATORE/PREPOSTO puntualizza i controlli del ponteggio metallico che devo essere svolti in cantiere a cura del coordinatore per la curezza/preposto. La scheda è suddivisa in tre colonne nelle quali vengo elencati gli elementi da controllare, le modalità con cui devo essere condotti i controlli e il giudizio di conformità (definito ) o di scostamento dalla conformità (definito ). Inizialmente so proposti i controlli sugli elementi presenti nella totalità dei ponteggi e succesvamente quelli riguardanti elementi me frequenti (elementi in leg). Vengo iltre indicati i controlli da effettuare in particolari tuazioni che posso essere anche presenti contemporaneamente, quali: ponteggi posti in luoghi di tranto o stazionamento; ponteggi con altezza superiore ai 20 m; ponteggi sui quali a stati montati cartelloni pubblicitari, teli o altre schermature. Da ultimo viene riportata la scheda PRO-MEMORIA PER IL COORDINATORE per la curezza/preposto per il riepilogo ed il monitoraggio delle modifiche che devo essere apportate alla ponteggiatura ritenuta n idonea all utilizzo. La scheda serve anche a definire le priorità delle modifiche da effettuare. Le schede rappresenta anche materiale didattico da utilizzare per la formazione delle figure di stema in edilizia. Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 2 di 15

3 Scheda di verifica ad uso del proprietario del ponteggio VERIFICA PONTEGGIO METALLICO A TELAI PREFABBRICATI (Verifica da effettuar prima del montaggio) Data: Responsabile procedimento Luogo della verifica: Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica Misura adottata GENERALE TELAIO Controllo estenza del libretto di cui all autorizzazione ministeriale, rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Controllo che gli elementi in tubi e giunti, eventualmente utilizzati, a di tipo autorizzato appartenenti ad unico fabbricante Se n este il libretto, il ponteggio n può essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio Se il controllo è negativo, è necessario utilizzare elementi autorizzati appartenenti ad un unico fabbricante, richiedendone il relativo libretto Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, Controllo verticalità montanti telaio, ad esempio con utilizzo filo a piombo Se la verticalità dei montanti n è soddisfatta occorre scartare Controllo spitto di collegamento fra montanti e/o funzionale Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 3 di 15

4 CORRENTI E DIAGONALI IMPALCATI PREFABBRICATI Controllo attacchi controventature: perni e/o boccole traverso corroone Controllo linearità del conservazione collegamenti al telaio corroone piani di calpestio Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso e/o funzionale e/o funzionale e/o funzionale Se il controllo è negativo, occorre: Scartare, o Ripristinare la funzionalità del in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 4 di 15

5 : Controllo efficienza dei stemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura) Integrità del stema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura Assenza, nel stema di collegamento, di cricche, distacchi ed osdazioni penetranti per saldatura Se il controllo è negativo: Scartare, o Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristi dell efficienza dei stemi di collegamento BASETTE FISSE piatto di base, ad esempio con un pia di riscontro Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare piatto di base, ad esempio con un pia di riscontro BASETTE REGOLABILI Controllo verticalità stelo filettatura dello stelo e della ghiera filettata e funzionale : stato di conservazione della filettatura Funzionale: regolare avvitamento ghiera Se i controlli, vivo e funzionale, so negativi occorre scartare Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò n è posbile, scartare N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommità, scala, parasas), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati. Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 5 di 15

6 Scheda di verifica ad uso del proprietario del ponteggio VERIFICA PONTEGGIO METALLICO A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI (Verifica da effettuar prima del montaggio) Data: Responsabile procedimento Luogo della verifica: Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica Misura adottata GENERALE MONTANTE Controllo estenza del libretto di cui all autorizzazione ministeriale rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Controllo che gli elementi in tubi e giunti, eventualmente utilizzati, a di tipo autorizzato appartenenti ad unico fabbricante Se n este il libretto, il ponteggio n può essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio Se il controllo è negativo, è necessario utilizzare elementi autorizzati appartenenti ad un unico fabbricante, richiedendone il relativo libretto Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, Controllo verticalità Controllo spitto di collegamento fra montanti Controllo attacchi elementi :, ad esempio con utilizzo filo a piombo e/o funzionale e/o funzionale Se la verticalità del montante n è soddisfatta occorre scartare Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 6 di 15

7 traverso Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare Se il controllo è negativo scartare TRAVERSO corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, conservazione collegamenti ai montanti e/o funzionale, o ripristinare la funzionalità del in conformità alle modalità previste dal Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare CORRENTI E DIAGONALI corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, Controllo linearità del conservazione collegamenti ai montanti e/o funzionale, o ripristinare la funzionalità del in conformità alle modalità previste dal Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare IMPALCATI PREFABBRICA TI corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, piani di calpestio Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 7 di 15

8 Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso e/o funzionale : Controllo efficienza dei stemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura) Integrità del stema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura Assenza, nel stema di collegamento, di cricche, distacchi ed osdazioni penetranti per saldatura Se il controllo è negativo: Scartare, o Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristi dell efficienza dei stemi di collegamento BASETTE FISSE BASETTE REGOLABILI piatto di base piatto di base Controllo verticalità stelo filettatura dello stelo e della ghiera filettata, ad esempio con un pia di riscontro, ad esempio con un pia di riscontro e funzionale : stato di conservazione della filettatura Funzionale: regolare avvitamento della ghiera Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare Se i controlli, vivo e funzionale, so negativi occorre scartare Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò n è posbile, scartare N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommità, scala, parasas), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati. Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 8 di 15

9 Scheda di verifica ad uso del proprietario del ponteggio VERIFICA PONTEGGIO METALLICO A TUBI E GIUNTI (Verifica da effettuar prima del montaggio) Data: Responsabile procedimento Luogo della verifica: Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica Misura adottata GENERALE Controllo estenza del libretto di cui all autorizzazione ministeriale rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Se n este il libretto, il ponteggio n può essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare TUBI corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, GIUNTI Controllo verticalità corroone, ad esempio con utilizzo filo a piombo Se la verticalità del tubo n è soddisfatta occorre scartare Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 9 di 15

10 Controllo bulloni completi di dadi e funzionale : stato di conservzionecon servazione della filettatura Funzionale: regolare avvitamento del dado Se il controllo vivo è negativo occorre : sostituire il bullone e/o il dado con altro fornito dal fabbricante del giunto Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò n è posbile, sostituire con altro fornito dal fabbricante del giunto Controllo linearità martelletti e funzionale Controllo per rotazione giunto girevole : parallelismo dei due nuclei Funzionale: corretta rotazione Se i controlli so negativi occorre scartare Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare corroone dal ), scartare Se il controllo degli spessori è potivo, procedere al ripristi della protezione, IMPALCATI PREFABBRICA TI (n strutturali) piani di calpestio Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso e/o funzionale : BASETTE FISSE Controllo efficienza dei stemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura) Integrità del stema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura Assenza, nel stema di collegamento, di cricche, distacchi ed osdazioni penetranti per saldatura Se il controllo è negativo: Scartare, o Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristi dell efficienza dei stemi di collegamento Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 10 di 15

11 BASETTE REGOLABILI piatto di base piatto di base Controllo verticalità stelo, ad esempio con un pia di riscontro, ad esempio con un pia di riscontro e funzionale Se il marchio n è rilevabile, o è difforme occorre scartare filettatura dello stelo e della ghiera filettata : stato di conservazione della filettatura Funzionale: regolare avvitamento della ghiera Se i controlli, vivo e funzionale, so negativi occorre scartare Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò n è posbile, scartare N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommità, scala, parasas), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati. Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 11 di 15

12 Scheda di verifica ad uso del coordinatore per la curezza/preposto VERIFICA PONTEGGIO METALLICO (Verifica da effettuar durante l uso) Data: Responsabile procedimento Luogo della verifica: Nota Si indica quando conderato è conforme. Si indica quando conderato n è conforme alla rma. Elemento Generale Stabilità Tipo di verifica Controllare che il diseg esecutivo a conforme allo schema tipo fornito dal Controllare che il diseg esecutivo a firmato dal responsabile del cantiere per conformità agli schemi tipo forniti dal Controllare che il diseg esecutivo a tenuto in cantiere, a dispozione degli organi di vigilanza, aseme alla copia del libretto. Controllare che a presente la documentazione relativa all esecuzione dell ultima verifica del ponteggio effettuata dal responsabile di cantiere Controllare che il Datore di Lavoro abbia redatto un Pia di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio in funzione della complestà del ponteggio scelto (D.Lgs 81/08, art. 136, c. 1). Controllare che le parti di ponteggio n pronte per l uso a evidenziate e delimitate con elementi materiali che impedisco l accesso alla zona di pericolo. (D.Lgs 81/08, art. 136, c. 5) Controllare che il ponteggio venga montato, smontato e trasformato da personale che ha ricevuto una formazione adeguata. (D.Lgs 81/08, art. 136, c. 6 e c. 7 - allegato XXI) Controllare che il ponteggio a composto da elementi marchiati da un unico fabbricante Controllare che il ponteggio a stabile e appoggi su un basamento con capacità portante sufficiente (D.Lgs 81/08, art. 136) Controllare che lo scivolamento degli elementi di appoggio del ponteggio a impedito con il fissaggio su una superficie di appoggio o con altro stema equivalente (D.Lgs 81/08, art. 136, c. 4, let a). Giudizio di conformità Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 12 di 15

13 Elemento Dispotivi anticaduta Impalcati Tavole fermapiede Controllare la verticalità dei montanti con l utilizzo del filo a piombo. Verificare l efficienza delle controventature di pianta e di facciata mediante: controllo vivo della linearità delle aste delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta; controllo vivo dello stato di conservazione dei collegamenti ai montanti delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta; controllo vivo dello stato di conservazione degli elementi di impalcato aventi funzione di controventatura. Controllare i dispotivi di blocco dei fermapiedi Controllare i dispotivi di blocco degli elementi di impalcato Controllare l efficienza e il numero degli ancoraggi secondo le modalità previste dal riportate nel libretto e secondo le caratteristiche del supporto su cui so installate. Controllare che gli eventuali giunti utilizzati a opportunamente serrati secondo le modalità previste dal riportate nel libretto Tipo di verifica Controllare che a protetti tutti i bordi verso il vuoto: scale; collegamenti; pareti laterali e frontali ponteggio. Controllare che i ponti a muniti di dispotivi anticaduta anche tra bordo inter dell impalcato e struttura per distacchi superiori a 30 cm Controllare che l altezza dei montanti superi di alme 1,2 m l ultimo impalcato o pia di gronda Parte riservata a ponteggi costituiti da elementi in leg Controllare che le tavole trovi in perfetto stato d uso prive di quala difetto (leg danneggiato da tagli, marcio o fessurato, pezzi di metallo contorti, danni d invecchiamento). Controllare che le tavole a: di spessore adeguato al carico che devo sopportare, prive di di e larghezza n inferiore ai 20 cm; ben accostate tra di loro e appoggiate su 4 traver; alle estremità, in corrispondenza di un traverso, sovrapposte per un tratto n inferiore ai 40 cm. Controllare che le tavole trovi in perfetto stato d uso (leg danneggiato da tagli, marcio o fessurato, pezzi di metallo contorti, danni d invecchiamento). Controllare che le tavole a fissate in maniera appropriata Giudizio di conformità Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 13 di 15

14 Parapetti (ponteggio, gronde,vuoti solette) Controllare che le tavole trovi in perfetto stato d uso prive di quala difetto (leg danneggiato da tagli, leg marcio o fessurato, pezzi di metallo contorti, danni d invecchiamento). Controllare che le tavole a fissate in maniera appropriata Controllare che a rispettate le distanze tra i vari elementi (corrente, traverso, tavola fermapiede). Controllare che esta u schema costruttivo (quando necessario) Controllare che il parapetto a correttamente installato Controllare che il parapetto a stabile e restente agli sforzi per cui è stato predisposto Parte riservata ai ponteggi metallici posti in corrispondenza ai luoghi di tranto o stazionamento Controllare l efficienza del parasas Protezione di terzi Controllare che a sbarrata e opportunamente segnalata l intera zona di pericolo Controllare che a ascurata la protezione di terzi dalla caduta di oggetti (utilizzo di teli o altri dispotivi) Generale Parte riservata ai ponteggi di altezza superiore a 20 metri o n conformi agli schemi tipo Controllare che a stato redatto un progetto firmato da un ingegnere o architetto abilitato a rma di legge all esercizio della profesone Controllare che il progetto del ponteggio a tenuto in cantiere a dispozione dell autorità di vigilanza aseme alla copia del libretto Controllare che il Datore di Lavoro abbia redatto un calcolo di restenza e stabilità delle corrispondenti configurazioni di impiego del ponteggio (art. 36 quater comma 1, D.Lgs. 626/94) Parte riservata ai ponteggi sui quali a stati montati tabelloni pubblicitari, graticci, teli o altre schermature Controllare che a stato redatto un appoto Generale calcolo, eseguito da ingegnere o architetto abilitato a rme di legge all esercizio della profesone, in relazione all azione del vento presumibile per la zona ove il ponteggio è montato. Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 14 di 15

15 ELEMENTI DI VERIFICA Priorità/termine ACCERTATO NOTE VERIFICATO Data Visto Data Visto Regione Lombardia D.G. Sanità Pagina 15 di 15

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi ALLEGATO XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri,

Dettagli

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Allegato XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81)

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81) Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo del Comitato Regionale di

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono

SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongo Le 4 schede di valutazione della corretta messa in opera dei ponteggi e dell efficienza dei

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO. (Pi.M.U.S.)

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO. (Pi.M.U.S.) IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIA DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO (Pi.M.U.S.) (ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Titolo IV Capo II Sez. IV, Art. 134 e Art. 136 e dell allegato

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio Viale XXV Aprile n. 29 19038 - Sarzana (SP) Telefono 0187.622198 - Fax 0187.627172 e-mail: info@studioql.it Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio OGGETTO: Ristrutturazione ed ampliamento di

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: dott. Francesco Zecchin. SPISAL ULSS n. 16, Padova: ing. Francesco Ciardo

GRUPPO DI LAVORO. SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: dott. Francesco Zecchin. SPISAL ULSS n. 16, Padova: ing. Francesco Ciardo GRUPPO DI LAVORO SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: SPISAL ULSS n. 16, Padova: SPISAL ULSS n. 17, Este Conselve: DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO: ORDINE DEGLI INGEGNERI prov. di Padova: ORDINE DEGLI ARCHITETTI

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. DITTA montatrice del ponteggio INDIRIZZ CANTIERE CMUNE 1 Il

Dettagli

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Maggio 2014 Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 1 Art. 136. (Montaggio e smontaggio) 1. Nei lavori in quota il datore di lavoro provvede a redigere a mezzo di persona competente un piano

Dettagli

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E.

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. rev. 1 Aprile 2006 Via Bismantova 7 42100 Reggio Emilia tel. 0522 293003

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94)

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) ID. Commessa Localizzazione cantiere Impresa esecutrice incaricata del montaggio/trasformazione

Dettagli

manuale operativo per le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici

manuale operativo per le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici manuale operativo per le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici Comitato Paritetico Territoriale della Provincia di Salerno Sicurezza in edilizia Comitato Paritetico

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ...

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ... Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA...... COMMITTENTE... INDIRIZZO CANTIERE... TIPO di INTERVENTO...

Dettagli

ANCE ENNA SEZIONE EDILE DI CONFINDUSTRIA ENNA

ANCE ENNA SEZIONE EDILE DI CONFINDUSTRIA ENNA ANCE ENNA SEZIONE EDILE DI CONFINDUSTRIA ENNA VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO CHECK-LIST 1 VERIFICHE DURANTE L USO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI CHECK-LIST 2 Check-List 1 Data:

Dettagli

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio ( ai sensi del D.lgs 81/08 ) Lavori di : manutenzione straordinaria relativi al prospetto del Condominio denominato Santa Caterina sito in Reggio Calabria

Dettagli

ALLEGATO XIX VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

ALLEGATO XIX VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI ALLEGATO XIX VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

NUMERO VERDE 800.731.988 ASSISTENZA CLIENTI MANUALE PER LA MANUTENZIONE, L INSTALLAZIONE E L USO DEI PONTEGGI FISSI DELLA PONTEGGI EUROTEMPO

NUMERO VERDE 800.731.988 ASSISTENZA CLIENTI MANUALE PER LA MANUTENZIONE, L INSTALLAZIONE E L USO DEI PONTEGGI FISSI DELLA PONTEGGI EUROTEMPO E-mail:info@eurotempo.it 20093 - Cologno Monzese (MI) - Via Perugino, 35 Tel. 02.2542273 r.a. Fax 02.2538477 Internet:www.eurotempo.it NUMERO VERDE 800.731.988 ASSISTENZA CLIENTI MANUALE PER LA MANUTENZIONE,

Dettagli

VERIFICHE DI CONFORMITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO

VERIFICHE DI CONFORMITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO VERIFICHE DI CONFORMITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO SCHEDA DI VERIFICA DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI Ponteggio verificato Fabbricante

Dettagli

Allegato XIX - Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

Allegato XIX - Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Allegato XIX - Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da

Dettagli

Provincia di L Aquila Prevenzione e Sicurezza in Edilizia VERIFICHE DI CONFORMITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO

Provincia di L Aquila Prevenzione e Sicurezza in Edilizia VERIFICHE DI CONFORMITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO Provincia di L Aquila Prevenzione e Sicurezza in Edilizia VERIFICHE DI CONFORMITÀ PRELIMINARI AL MONTAGGIO DEL PONTEGGIO SCHEDA DI VERIFICA DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO PONTEGGI

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio

Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO Via Bligny 34/A 59100 Prato Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio OGGETTO: UBICAZIONE: COMMITTENTE: Rifacimento della copertura oltre ad opere interne ad edificio

Dettagli

1 - VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO

1 - VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO ALLEGATO XIX Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri, quali: la frequenza di utilizzo,

Dettagli

INDICE DEL CONTENUTO

INDICE DEL CONTENUTO GESTIONE DEI PONTEGGI (D.Lgs. 235/03) REVISIONE 02 INDICE DEL CONTENUTO 1. GENERALITÀ... 3 1.1. DEFINIZIONI... 3 2. MODALITÀ OPERATIVE... 4 2.1. VALUTAZIONE DELL IDONEITÀ DEL PONTEGGIO E DELLA RELATIVA

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

ALLEGATO XVIII. 2.1.2.1. I correnti devono essere disposti a distanze verticali consecutive non superiori a m 2.

ALLEGATO XVIII. 2.1.2.1. I correnti devono essere disposti a distanze verticali consecutive non superiori a m 2. ALLEGATO XVIII Viabilità nei cantieri, ponteggi e trasporto dei materiali 1. Viabilità nei cantieri 1.1. Le rampe di accesso al fondo degli scavi di splateamento o di sbancamento devono avere una carreggiata

Dettagli

CHECK LIST DI CONTROLLO PONTEGGI

CHECK LIST DI CONTROLLO PONTEGGI CHECK LIST DI CONTROLLO PONTEGGI Riferimento: ALLEGATO XIX al D.LGS. 81/08 e ss.mm.ii. OGGETTO: Verifiche di sicurezza dei Ponteggi Metallici Fissi Premessa Si ritiene inoltre opportuno sottolineare che

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO In relazione alla prossima entrata in vigore del Decreto Legislativo 8 luglio 2003, n. 235: Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n 81 - ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n 81 - ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, n 81 - ALLEGATO XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale,

Dettagli

Ponteggi fissi. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Ponteggi fissi. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Ponteggi fissi Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

I ponteggi metallici fissi

I ponteggi metallici fissi I ponteggi metallici fissi 10 errori da evitare 10 regole da seguire Ing. Luca Mangiapane Ing. Emiliano Davolio ASE Fuga da Alcatraz Divieto di arrampicarsi sui ponteggi Montare in sicurezza Sfortunato

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA CONTROLLO SI NO ESITO NON PERTINENTE NOTE sia conforme allo schema tipo

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI Ing. Caterina Lapietra Il ponteggio metallico nasce nel mondoagliinizideglianni 20,in Inghilterra e negli Stati Uniti d America. Falasuacomparsanelnostropaese nel 1933, con

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 SPINA A VERME TIPOLOGIE PIU COMUNI Legno Metallici tubi & giunti Metallici a cavalletti Multidirezionali >> CORRENTE DI PARAPETTO CORRENTE INTERMEDIO TAVOLA FERMAPIEDI

Dettagli

PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO

PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO 1 Montante: tubo verticale atto a sopportare tutti i carichi agenti sul ponteggio. 2 Traverso: elemento in direzione ortogonale alla facciata

Dettagli

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 PIMUS -PONTEGGI Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 1 CSE -ponteggio? DLgs 81/08 e smi Art.92 comma 1 lettera e segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta [ ], le

Dettagli

D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza

D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza CONVEGNO 20 DICEMBRE 2012 PONTEGGI METALLICI FISSI: PROGETTAZIONE E MESSA IN OPERA Dott. Ing. Dario CASTAGNERI T.d.P. SPreSAL ASL TO 3 Reg. Piemonte D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza Capo II Sez. I Art.

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

1- VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO

1- VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO CIRCOLARE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE N. 46/2000 11 LUGLIO 2000 PROT. 21255/OM-4 VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI DI CUI ALL ART. 30 DEL DPR 7 GENNAIO 1956, N. 164.

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. Corso di formazione Quaderno N I PONTEGGI Servizio Prevenzione e Protezione I ponteggi sono opere provvisionali che si usano nei lavori di ingegneria civile,di

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

Luca Mangiapane ingegnere

Luca Mangiapane ingegnere NOVITA SU PONTEGGI METALLICI FISSI E PIMUS secondo il D.LGS 81/2008 e s.m.i. Loc. Vedole, 39-43052 Colorno (PR) tel. 0521313291 fax 0521521405 e mail mangiapane@ingegneriasicurezza.it LE NOVITA DELL ART.

Dettagli

ISTRUZIONI. Premessa. Istruzioni per l uso delle schede

ISTRUZIONI. Premessa. Istruzioni per l uso delle schede ISTRUZIONI Premessa Il decreto legislativo 359/1999 recepisce nel sistema normativo italiano la direttiva 95/63/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e salute nell uso di attrezzature di lavoro.

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

Ponteggi: Ministero del lavoro e della previdenza sociale. Circolare 10 luglio 2000 n 44

Ponteggi: Ministero del lavoro e della previdenza sociale. Circolare 10 luglio 2000 n 44 Ponteggi: Ministero del lavoro e della previdenza sociale. Circolare 10 luglio 2000 n 44 "D. Lgs. 359/1999 - Verifiche e controlli sulle attrezzature di lavoro - Modalità di delle relative documentazioni".

Dettagli

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (PiMUS) Proposta operativa per la redazione e la gestione Luca Mangiapane Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio E. Le

Dettagli

Claudio Modena. Dipartimento di Costruzioni e Trasporti. Programma Forum di Prevenzione Incendi 2009

Claudio Modena. Dipartimento di Costruzioni e Trasporti. Programma Forum di Prevenzione Incendi 2009 Università degli Studi d Padova Programma Forum di Prevenzione Incendi 2009 Comitato tecnico scientifico: Fabio Carapezza Guttuso, Gioacchino Giomi, Maurizio Stocchi L INCENDIO NEI CANTIERI DI RESTAURO:

Dettagli

QUESITI DEL COLLEGIO GEOMETRI

QUESITI DEL COLLEGIO GEOMETRI QUESITI DEL COLLEGIO GEOMETRI 1) Piattaforme aeree - Il rischio di caduta di oggetti/materiale dalla piattaforma aerea deve essere valutato come rischio presente durante la lavorazione ed in base all art.

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

built build to ponteggi

built build to ponteggi uilt build to ponteggi Ponteggi e Coperture PONTEGGI Ponteggi prefabbricati K-KZ 110 PE 120 SE 132 Ponteggi multidirezionali Tubo e Giunto 144 Multidirezionale MP 150 Piazzole di carico MP 162 Scale di

Dettagli

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza cod. 00144 - Rev. 0 - ottobre 2009 pag. 1 di 28 - Total X Sicurezza - Rev.0 - ottobre 2009 INDICE PREMESSA 3 1. ISTRUZIONI PER IL PRE-MONTAGGIO

Dettagli

PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli.

PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli. PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli. Dopo i piani di sicurezza: P.S.C., P.S.S., P.O.S., P.d.L., arriva il PI.M.U.S. ed è subito caos.

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il PiMUS In questa unità didattica esamineremo le caratteristiche del PiMUS, il Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi, previsto dall art. 136

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Opere provvisionali: riferimenti generali

Opere provvisionali: riferimenti generali Opere provvisionali: riferimenti generali L AZIENDA Azienda fondata nel 1945, divenuta, grazie alla qualità dei prodotti e all innovazione continua, leader nella produzione di opere provvisionali Tutta

Dettagli

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza cod. 00142 - Rev. 0 - ottobre 2009 pag. 1 di 24 BF/RP Sicurezza - Rev.0 - ottobre 2009 INDICE PREMESSA 3 1. ISTRUZIONI PER IL PRE-MONTAGGIO

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI a cura dell Ing.Avanzato Salvatore SCHEMA DELL'INSIEME Ogni schema funzionale di ponteggio che è possibile realizzare

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Committente: Condominio via Italia Rossi Antonio

Committente: Condominio via Italia Rossi Antonio PIMUS Data: 29/05/2008 Committente: Condominio via Italia Rossi Antonio Cantiere: Manutenzione facciate Indirizzo: Via Italia, 89 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggio (Titolo IV Sezione V

Dettagli

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi.

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. - VENEZIA - Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. 1. planimetria delle zone destinate allo stoccaggio e al montaggio dei ponteggi. Le opere provvisionali

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

SPECIALE PONTEGGI. Anno XVII - numero speciale - agosto 2007

SPECIALE PONTEGGI. Anno XVII - numero speciale - agosto 2007 Anno XVII - numero speciale - agosto 2007 Spedizione in a.p. - art. 2 - comma 20/C Legge n. 662/96 Aut. Filiale EPI di Modena - tassa riscossa - tax percue SPECIALE PONTEGGI organizzazioni promotrici Via

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli

Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili. Pubblicazione realizzata da

Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili. Pubblicazione realizzata da Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici AUTORI Luca Rossi

Dettagli

Seminario tecnico e corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Seminario tecnico e corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza 05 giugno 2014 pag. 1 Indice degli argomenti: 1. Ponteggi tubolari a. Utilizzo del ponteggio; 2. Aspetti da prendere in considerazione prima di montare un ponteggio a. Tipologia di intervento e struttura

Dettagli

ALLE DIREZIONI REGIONALI DEL LAVORO LORO SEDI ALLE DIREZIONI PROVINCIALI DEL LAVORO LORO SEDI

ALLE DIREZIONI REGIONALI DEL LAVORO LORO SEDI ALLE DIREZIONI PROVINCIALI DEL LAVORO LORO SEDI Circolare n. 46 dell' 11 luglio 2000 Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi di cui all art. 30 del D.P.R. 7 gennaio 1956, n. 164. Data Emanazione: 11/07/2000 Data Pubblicazione: ALLE DIREZIONI

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

Schalung & Gerüst. Ponteggi de facciata

Schalung & Gerüst. Ponteggi de facciata Schalung & Gerüst Ponteggi de facciata Semplice, pratico ed economico Sia che si tratti di nuove costruzioni o ristrutturazioni, in opere di piccole o di grandi dimensione NOR48 è un comodo sistema di

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI

SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI CAPITOLO 12 NOTE DOMANDE INTRODUTTIVE SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI Nel presente capitolo vengono riportate specifiche domande sui ponteggi metallici fissi, seguite dalle relative risposte: i quesiti proposti

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

Entreranno in vigore nuovi obblighi

Entreranno in vigore nuovi obblighi InsiemeaPOSePSC,ilPIMUSèunostrumentodiprogrammazioneedigestionedellasicurezzaincantiere Obbligatorio dal 19 luglio 2005 il Piano di montaggio dei ponteggi di Damiano Romeo, consulente in materia di sicurezza

Dettagli

0.2.3.9. Scala prefabbricata Si definisce «scala prefabbricata» l'elemento strutturale idoneo a realizzare l'accesso agli impalcati di servizio.

0.2.3.9. Scala prefabbricata Si definisce «scala prefabbricata» l'elemento strutturale idoneo a realizzare l'accesso agli impalcati di servizio. CIRCOLARE 15 MAGGIO 1990 N. 44 Allegato I ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A TELAI PREFABBRICATI Generalità 0.1. Scopo Scopo delle presenti istruzioni

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il rischio di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il rischio di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il rischio di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di anali a per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

TEST DI VERIFICA INTERMEDIA DEL CORSO: ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI

TEST DI VERIFICA INTERMEDIA DEL CORSO: ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI NOME E COGNOME CORSISTA: LUOGO E DATA: ESAMINATORE: TEST DI VERIFICA INTERMEDIA DEL CORSO: ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI Per ogni domanda indicare una sola risposta 1. Qual

Dettagli

Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali

Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali Ordine degli Ingegneri di Trento Corso coordinatori per la sicurezza cantieri Rischi di caduta dall alto. Ponteggi e opere provvisionali dott. Mirko Mazzurana La prevenzione dei lavori in altezza Cos è

Dettagli

Chiarimenti e novità applicative del Titolo IV del D.Lgs.81/08

Chiarimenti e novità applicative del Titolo IV del D.Lgs.81/08 Ordine degli Ingegneri di Trento Corso aggiornamento Coordinatori per la sicurezza cantieri Chiarimenti e novità applicative del Titolo IV del D.Lgs.81/08.81/08 dott. Mirko Mazzurana La prevenzione dei

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA

RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA RELAZIONE TRIMESTRALE 1 ottobre 2010-31 dicembre 2010 VISITE DI ASSISTENZA ANTINFORTUNISTICA svolte nei CANTIERI EDILI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA da parte dei TECNICI dell Ente CPT Comitato Paritetico

Dettagli

BRIO Ponteggio Multidirezionale

BRIO Ponteggio Multidirezionale BRIO Ponteggio Multidirezionale // Versatile e multifunzionale // Indice Caratteristiche Vantaggi Soluzioni Componenti base 2 4 6 13 // Caratteristiche Il Ponteggio Multidirezionale BRIO copre diverse

Dettagli

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato

Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Ponteggi mobili a torre su ruote in acciaio zincato Catalogo 2007 Vi diamo alcune informazioni importanti sugli unici riferimenti di legge attualmente in vigore e sulle loro principali differenze, al fine

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (PIMUS), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto Ancoraggi e Verifiche di Sicurezza

Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (PIMUS), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto Ancoraggi e Verifiche di Sicurezza Comitato Paritetico Territoriale Prevenzione Infortuni, Igiene di Lavoro della Provincia di Caserta CORSO PER LAVORATORI ADDETTI E PREPOSTI AL MONTAGGIO/SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI Piano di montaggio,

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto.

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. I PONTEGGI: il PIMUS Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. Un recente decreto, il D.Lgs235 del

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

I PONTEGGI I PONTEGGI

I PONTEGGI I PONTEGGI I PONTEGGI DISCIPLINATI DAL DPR 164/56, E DALLE CIRC. n 149 del 22/11/1985 E 21467 del 18/04/1986 PONTE ART. 27 DPR 164/56 SOTTOPONTE Gli impalcati e ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza,

Dettagli

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (Art. 136 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81 e D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (Art. 136 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81 e D.Lgs. 3 agosto 2009, n. $Empty_Logo$ Comune di $Empty_Citta$ Provincia di $Empty_Provincia$ PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (Art. 136 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81 e D.Lgs. 3 agosto 2009,

Dettagli

Ponteggi, piattaforme, scale e accessori

Ponteggi, piattaforme, scale e accessori SCHEMA DI MONTAGGIO TAVOLE, FERMAPIEDI E RELATIVI ACCESSORI SU DI UN PONTEGGIO A TELAI PREFABBRICATI CON ATTACCHI A BOCCOLE TIPO PM-B M.196 1 telaio 2 corrente 3 diagonale di facciata 5 correntino laterale

Dettagli

commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil)

commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil) commissione nazionale per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro (ance, feneal-uil, filca-cisl, fillea-cgil) AGRIGENTO ASTI AOSTA - BARI BERGAMO CPTA BERGAMO CPT BERGAMO S.E. BIELLA

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli