DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive I consumi di sostanze psicoattive e altri comportamenti a rischio di dipendenza: alcune informazioni inerenti l Ambito Territoriale di Seriate n. 03/2011 Coordinamento Uffici di Piano Prefettura di Bergamo Ufficio Territoriale del Governo

2 1

3 INDICE Guida alla lettura Pag. 4 Premessa Pag. 4 Dati utilizzati Pag. 4 Strumento di analisi Pag. 5 Struttura del documento Pag. 5 AMBITO TERRITORIALE DI SERIATE Parte Prima: L Ambito di Seriate Sintesi dei dati maggiormente significativi Pag. 7 Parte Seconda: Prospettive di sviluppo, ipotesi di priorità Pag. 13 Parte Terza: Analisi degli indicatori Pag Il contesto socio- demografico Pag Utenza tossico-alcoldipendente in carico ai SERT della Provincia di Bergamo, tassi di Pag. 17 mortalità e morbosità per patologie droga e alcol-correlate, segnalazioni Prefettura e Commissione Medica Patenti 3.3 L offerta di prevenzione Pag. 23 Allegato: L ANALISI SWOT Pag. 28 2

4 3

5 GUIDA ALLA LETTURA Una buona programmazione dei Servizi alla Persona deve basarsi su una conoscenza rigorosa del quadro dei bisogni manifesti e latenti presenti sul territorio, sulle loro caratteristiche, sulle evoluzioni degli stessi nonché delle risorse presenti e del loro grado di appropriatezza. Per questo motivo, il Dipartimento delle Dipendenze della ASL della provincia di Bergamo, al fine di sostenere la programmazione territoriale nell area della prevenzione, in continuità con il lavoro svolto in occasione della stesura dei Piani di Zona , mette a disposizione dei decisori territoriali degli elementi di conoscenza volti ad orientare scelte programmatorie su quest area. Il documento proposto, fortemente voluto dalla Commissione Prevenzione (composta da referenti delle Istituzioni e degli Enti più significativi a livello provinciale nell ambito della prevenzione: ASL - Dipartimento Dipendenze, Direzione Sanitaria 1, Servizio Famiglia, Centro Servizi Volontariato, ConfCooperative Federsolidarietà, Coordinamento degli Uffici di Piano, Diocesi-Ufficio per la Pastorale dell Età Evolutiva, Enti Accreditati, Prefettura, Provincia di Bergamo - Settore Politiche Sociali e Ufficio Scolastico Provinciale), è l esito di una sinergia tra la Commissione stessa e l Osservatorio delle Dipendenze. Esso contiene dati ed informazioni mirate al fine sopra indicato, riferiti al territorio provinciale e all Ambito territoriale, ed è l esito di una prima lettura condivisa tra più soggetti (membri della Commissione Prevenzione) e di un successivo confronto con alcuni referenti dell Ambito. Rappresenta tuttavia un prodotto non finito, che necessita di essere ulteriormente arricchito dal confronto e da elementi di lettura propri dei referenti territoriali. Vuole altresì porsi come strumento utile ad arricchire il dibattito in corso sulle scelte programmatorie in ambito sociale, pur dovendo in questo momento storico necessariamente confrontarsi con la contrazione delle risorse disponibili. DATI UTILIZZATI I dati contenuti sono sintetici e mirati alla lettura della realtà territoriale di Ambito. Un quadro più esaustivo sul fenomeno dei consumi di sostanze psicoattive, sui comportamenti di dipendenza patologica e sulle conseguenze sociali e sanitarie derivanti, nonché sull offerta preventiva a livello provinciale è disponibile nel report Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive. I consumi di sostanze psicoattive e altri comportamenti a rischio di dipendenza in provincia di Bergamo, scaricabile dal sito : La scelta dei dati da utilizzare per l analisi territoriale ha tenuto conto di alcuni fattori: - la necessità di contestualizzare gli indicatori inerenti i consumi di sostanze e l offerta di prevenzione rispetto alle caratteristiche di ciascun territorio e alle sue variabili sociodemografiche; - l opportunità di approfondire alcuni indicatori che, riferendosi direttamente o indirettamente a fattori di rischio (es. scolarizzazione, occupazione, disoccupazione) o a fattori protettivi (offerta aggregativa e promozionale) presenti su territorio rispetto al consumo di sostanze, possano evidenziare aree maggiormente a rischio o zone scoperte; - la possibilità di offrire delle ipotesi di lettura, utilizzando i dati ad oggi disponibili. Il documento contiene alcuni dati riferiti a: 1. il contesto socio-demografico, relativo alle caratteristiche strutturali della popolazione: territorialità, nazionalità e immigrazione, istruzione, lavoro (dati al e, in alcuni casi, aggiornati al 2008). 2. il fenomeno consumo e dipendenza sostanze legali ed illegali e ad altri comportamenti di dipendenza: attraverso le analisi dei seguenti dati: - le segnalazioni pervenute alla Prefettura di Bergamo inerenti soggetti segnalati dalle Forze dell Ordine per uso e/o detenzione di sostanze stupefacenti ai sensi degli artt. 121 e 75 del DPR 309/90 e successivi aggiornamenti - anno 2009; - le segnalazioni alla Commissione Medica Patenti per violazione degli artt. 186 e 187 del Codice della Strada; 1 Nel corso del 2009 è stata integrata con il Dipartimento di Prevenzione dell ASL. 4

6 - l utenza tossicodipendente e alcoldipendente trattata dai SerT nell anno 2009 (nuova o già in carico/trattamento - descrizione delle caratteristiche e andamento nel tempo); - l utenza trattata dai SERT per altri comportamenti di dipendenza - anno 2009; - i tassi di mortalità e morbosità per patologie drogacorrelate e alcolcorrelate. 3. l offerta preventiva,attraverso una lettura delle seguenti dimensioni di analisi: - Piani di Zona : caratteristiche di Ambito, con particolare riferimento alla Programmazione triennale riferita agli interventi di prevenzione al consumo di sostanze e alcol promossi dall Ufficio di Piano; - l offerta di servizi, strutture e progetti a livello territoriale, con specifico riferimento alla prevenzione dei comportamenti a rischio, anche legati all uso di sostanze e all abuso di alcol, e alla promozione della salute; - i processi di collaborazione e integrazione tra Enti Istituzionali e non, tra Organizzazioni del Pubblico e del Privato Sociale, dell Associazionismo e del Volontariato, in merito alla programmazione delle attività preventive. STRUMENTO DI ANALISI Lo strumento di indagine che si è scelto di utilizzare, andando a supportare operativamente la costruzione e l aggiornamento periodico della base conoscitiva - in termini sia qualitativi che quantitativi - e dei descrittori territoriali, è l Analisi SWOT. Essa contribuisce a favorire l analisi del contesto esterno identificando opportunità e minacce; la definizione dei fattori che possono agevolare o ostacolare lo sviluppo di interventi; la classificazione di possibili azioni, facendo leva sui punti di forza, cercando di ridurre quelli di debolezza, massimizzando le opportunità e minimizzando le minacce. A livello operativo, l utilizzo della matrice dell Analisi Swot consente di: - avviare un primo lavoro di inserimento delle informazioni raccolte suddividendole secondo le categorie previste da questo strumento di indagine, ossia punti di forza e di debolezza, opportunità e rischi; - presentare i primi risultati per una iniziale verifica del lavoro; - effettuare il successivo e ulteriore approfondimento, incremento e perfezionamento dei contenuti di lettura e di analisi conoscitiva del territorio. Attraverso questo processo di lavoro e grazie al confronto tra tutti gli attori coinvolti, si rende possibile l individuazione di linee di intervento, eventualmente proponendo anche un ordine di priorità, e il suggerimento di obiettivi strategici. STRUTTURA DEL DOCUMENTO Dopo una prima parte introduttiva che funge da premessa al documento, in cui vengono indicati i dati che si è scelto di considerare per sviluppare la base conoscitiva dell Ambito Territoriale di Seriate e lo strumento di analisi che si adotta per fare sintesi delle informazioni riportate e per delineare le priorità di intervento da proporre, il documento si struttura in tre parti. I. La prima illustra una sintesi degli argomenti e dei dati maggiormente significativi, evidenziando potenzialità e criticità del contesto territoriale. II. La seconda suggerisce prospettive di sviluppo e ipotesi di priorità che potrebbero guidare la successiva definizione delle linee di intervento preventivo da parte di programmatori e progettisti. III. La terza, dedicata a chi vuole approfondire, presenta una lettura dettagliata degli indicatori osservati ed è, a sua volta, suddivisa in tre paragrafi. - il quadro socio-demografico territoriale, - il quadro del fenomeno su cui si intende intervenire, - l offerta di prevenzione disponibile nell Ambito. In allegato, è inserita la scheda tecnica che descrive in maniera dettagliata lo strumento di analisi che si è scelto di utilizzare a supporto della lettura e dell interpretazione dei dati disponibili necessari a descrivere il quadro conoscitivo dell Ambito territoriale considerato. 5

7 AMBITO TERRITORIALE DI SERIATE Il territorio dell Ambito 2 è costituito da 11 Comuni. Albano Sant Alessandro Bagnatica Brusaporto Cavernago Costa di Mezzate Grassobbio Montello Pedrengo Scanzorosciate Seriate Torre de Roveri Il territorio di Seriate fa capo all U.O. Ser.T. Bergamo rispetto alla presa in carico di soggetti con problematiche di dipendenza. Per l attività preventiva, il territorio (Ambito n. 3) fa capo all Area Prevenzione Ser.T. Bergamo Uno. 2 Per Ambito territoriale si intende la forma di concertazione tra Enti Locali per la gestione unitaria del sistema locale dei Servizi Sociali, come previsto dalla Legge 8 novembre 2000 n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e Servizi Sociali. L Ambito territoriale di Seriate come tutti i 14 Ambiti territoriali in cui è suddivisa la Provincia di Bergamo corrisponde al relativo Distretto socio-sanitario. 6

8 PARTE 1 SINTESI DEGLI ARGOMENTI TRATTATI Dati maggiormente significativi applicando la Matrice dell Analisi SWOT Fonti Esterne (non controllabili) OPPORTUNITA - L aumento della popolazione sembra essere solo in parte correlato all aumento della popolazione straniera residente. - Il territorio dell Ambito si configura, infatti, come una realtà socio-economica, urbanistica e demografica complessa e diversificata, attraversata da un vivace processo di evoluzione e crescita. La presenza di insediamenti produttivi, l offerta di infrastrutture, la vicinanza al capoluogo e la discreta accessibilità, la presenza di servizi sanitari, la rendono una realtà territoriale con una discreta capacità attrattiva, aspetto che concorre, all aumento della popolazione. - Territorio non particolarmente ampio (il più piccolo tra tutti gli Ambiti). - % di ultra 64enni inferiore alla media provinciale e la seconda più bassa tra tutti gli Ambiti. MINACCE - Popolazione residente in progressivo incremento nell ultimo triennio. - Territorio con punte di densità per chilometro quadrato ampiamente superiore alla media provinciale e tra le più alte della provincia. - Tasso di immigrazione 3 (popolazione residente) sostanzialmente in linea con la media provinciale ma in progressiva crescita. Tasso minori stranieri ogni 100 minorenni italiani inferiore alla media provinciale ma in lenta e progressiva crescita. - I minori stranieri iscritti a scuola frequentano prevalentemente le scuole secondarie di I e II grado, quindi le primarie. - Presenza nell Ambito di:. 9 Progetti Giovani promossi dalle rispettive Amministrazioni Comunali, che comprendono complessivamente:. 9 servizi aggregativi;. 1 servizio Inforientagiovani;. 2 tavoli territoriali aperti alle agenzie educative del territorio. In quasi tutti i progetti si attivano processi a sostegno del protagonismo dei giovani e si realizzano azioni mirate al coinvolgimento delle compagnie informali. Nella totalità dei casi, la gestione di servizi e di interventi sociali rivolti a minori avviene in rete con le realtà del territorio. - Non risultano attivi, nell a.s , Sportelli di Ascolto (CIC). Sfuggono alla rilevazione gli sportelli gestiti direttamente dai singoli istituti. 3 Si considera un Punto di Forza la presenza considerevole di stranieri nell Ambito. Ciononostante, si riconoscono e non vanno trascurate le criticità legate alla complessità del fenomeno dell immigrazione e agli aspetti di integrazione, di cui la programmazione delle Politiche Sociali e Socio-Sanitarie deve tener conto. 7

9 OPPORTUNITA MINACCE - Ricchezza dell offerta provinciale nell area delle dipendenze: rete costituita da diversi attori del sistema di intervento, pubblici, del privato accreditato, del volontariato. Nell Ambito territoriale di Seriate risultano presenti:. 3 cooperative sociali di tipo A che realizzando progetti di prevenzione nei singoli comuni e/o sul territorio dell'ambito;. 1 consorzio di cooperative;. 4 gruppi di auto-mutuo aiuto (1 AA, 1 Alanon, 2 CAT). Fonti Interne (controllabili) PUNTI DI FORZA - Territorio in capo al SerT di Bergamo per presa in carico di soggetti con problematiche di dipendenza. - Gli operatori Ser.T. manifestano la percezione di un buon accesso al servizio da parte della popolazione con problematiche di dipendenza, favorito anche dalla posizione geografica e da una collaborazione positiva con alcuni servizi sociali del territorio. - Tossicodipendenti in carico ai SERT - anno 2009 Dato lievemente in calo rispetto agli anni precedenti. Analizzando la composizione dell utenza per età, si evidenzia la presenza della quota di soggetti giovanissimi (tra i 15 e i 24 anni) inferiore alla media provinciale e la più bassa tra tutti gli Ambiti. Anche nel 2009, il numero più elevato di persone in trattamento apparteneva alla fascia di età > di 35 anni (quasi il 60%dell utenza); si tratta, con ogni probabilità, di soggetti con situazioni croniche. Anche tra la nuova utenza la quota maggiore di persone ha un età superiore ai 35 anni (47%). Solo 3 di loro hanno un età inferiore ai 29 anni. Considerando i dati relativi ai nuovi accessi, è opportuno evidenziare che le problematiche connesse all abuso di sostanze risultano trasversali tra le fasce d età, considerando quindi il consumo problematico di sostanze come un fenomeno che interessa anche persone adulte e non solo i più giovani. Nelle politiche dei servizi e negli interventi preventivi appare rilevante tenere in considerazione questi aspetti. Il numero di nuovi utenti è inferiore rispetto agli anni precedenti e tendenzialmente in calo. Tassi di prevalenza e incidenza di soggetti tossicodipendenti residenti nell Ambito e in carico al SerT inferiori alla media provinciale. Analizzando la distribuzione percentuale per sostanza e Ambito di residenza 8 PUNTI DI DEBOLEZZA - Tossicodipendenti in carico ai SERT - anno 2009 La sostanza d uso primaria per gli utenti in carico è l eroina, seguita dalla cocaina. I nuovi utenti giungono al SerT per consumo - in prevalenza - di cocaina, quindi di eroina, cannabinoidi, dati sostanzialmente in linea con le medie provinciali. L eroina viene, in prevalenza, assunta fumata e/o sniffata e in misura minore per via endovenosa. A Seriate oltre il 65% dei segnalati (di età compresa tra i 15 e i 54 anni residenti, segnalati per la prima volta nel 2009 dalle Forze dell Ordine per uso e/o detenzione di sostanze stupefacenti ai sensi degli artt. 121 e 75 del DPR 309/90 e successivi aggiornamenti) ha un età inferiore ai 24 anni (con presenza di alcuni minorenni). Analizzando la distribuzione percentuale per sostanza e Ambito di residenza dei soggetti segnalati per la prima volta nel 2009 ai sensi dell art. 75, si osserva che l Ambito di Seriate presenta % superiori alla media provinciale di segnalati per detenzione di cannabinoidi.

10 dei soggetti segnalati dalle Forze dell Ordine alla Prefettura per la prima volta nel 2009 ai sensi dell art. 75, si osserva che l Ambito di Seriate presenta % inferiori alla media provinciale di segnalati per detenzione di cocaina. PUNTI DI FORZA - Alcoldipendenti in carico ai SERT nell anno 2009 Tasso di mortalità ( ) per patologie alcol-correlate (PAC) mostra differenze di genere, con valori che si discostano significativamente dalla media provinciale; in particolare, il dato relativo agli uomini è inferiore. Implementazione della Commissione Prevenzione, luogo nel quale è possibile il confronto tra soggetti che attuano interventi di prevenzione nell area delle dipendenze e in aree ad essa attigue. - La Provincia, in collaborazione con la Commissione Prevenzione, ha avviato, nel periodo , un iniziativa formativa che prevede l attivazione di 14 percorsi formativi territoriali (uno per ciascun Ambito) sul tema della prevenzione del consumo di sostanze, rivolti ai moltiplicatori del territorio. - Nel 2009 è stato costituito all interno del Dipartimento Dipendenze il Gruppo Dipartimentale Prevenzione, costituito da 8 operatori, dotati di un monte ore da dedicare all area prevenzione. - Sempre a livello provinciale, si segnala la presenza di un gruppo interistituzionale Alcol e lavoro, coordinato dal Servizio ASL Medicina del Lavoro, che ha lo scopo di definire strategie di promozione di stili di vita sani e sicurezza in ambito lavorativo. Tasso di morbosità ( ) per Patologie Droga-Correlate (PDC), ossia il rapporto tra ricoverati per PDC su residenti nell Ambito, risulta superiore alla media provinciale. PUNTI DI DEBOLEZZA - Alcoldipendenti in carico ai SERT nell anno 2009 Complessivamente, numero di utenti in carico al SerT lievemente aumentato rispetto agli anni precedenti. Si evidenzia la presenza di alcuni utenti in età giovanile (3 soggetti di età inferiore ai 29 anni). Tassi di prevalenza e incidenza: si sono incrementati rispetto all anno precedente ma sono in linea con la media provinciale. Tasso di mortalità ( ) per patologie alcol-correlate (PAC) mostra differenze di genere, con valori che si discostano significativamente dalla media provinciale; in particolare, il dato relativo alle donne è superiore. - Commissione Medica Patenti: tra il 2004 e luglio 2007, fortemente aumentato il numero dei nuovi soggetti residenti nell Ambito segnalati e visti per la prima volta per violazione dell articolo 186 (guida in stato di ebbrezza); complessivamente nel decennio, il numero più elevato di nuovi soggetti segnalati per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti risiede nell Ambito di Seriate. Tali dati non indicano di per sé una modifica dei consumi essendo legati agli effetti della normativa vigente e all andamento dei controlli, nonché a informazioni su luogo, giorno e orari del fermo (dati ad oggi non disponibili a livello provinciale). - 9

11 PUNTI DI FORZA - Si sta definendo una funzione di regia nella programmazione degli interventi preventivi, assunta dall Ambito con la collaborazione dei Comuni, anche se permane un sostanziale grado di autonomia locale nella progettazione e realizzazione degli interventi a carattere preventivo. - Recentemente è stato istituito un gruppo di lavoro, cui afferiscono ASL (Dipartimento Dipendenze, Dipartimento Prevenzione e Servizio Medicina di Comunità) e Ufficio di Piano (coordinamento area Adolescenti e Giovani, coordinamento Johnathan), che svolge una funzione di Cabina di Regia dell attività preventiva. - Sono previsti e funzionanti luoghi di raccordo tra i servizi che sul territorio si occupano di bambini, ragazzi e giovani: nello specifico, nell'area delle dipendenze, esiste un operatore dedicato a funzioni di coordinamento. PUNTI DI DEBOLEZZA - Nell'annualità è stato avviato il progetto Giovani Sicuri, promosso dall'ufficio di Piano: essendo ancora in fase di start-up, si segnala attualmente una certa fatica nell'attivazione e mantenimento della rete sovraterritoriale. - Non è stata formalmente richiesta la partecipazione di un rappresentante del Dipartimento Dipendenze al gruppo di regia del progetto Giovani Sicuri. Tuttavia, dal mese di settembre 2010, 3 referenti dell'asl di Bergamo (Dipartimento Dipendenze, Dipartimento Prevenzione e Servizio Medicina di Comunità) hanno presenziato regolarmente alle riunioni di raccordo mensili dello stesso gruppo. - Presenza di una Polizia Locale attenta e coinvolgibile in attività preventive. - Presenza significativa, nell Ambito, del Privato Sociale. Dalla lettura del Piano di Zona Ambito di Seriate - Nel documento è contenuta una traccia di un analisi dei bisogni utilizzando indicatori di consumo a livello provinciale e locale. - Dal primo semestre prosecuzione, nel triennio, del Progetto Jonathan; l obiettivo è quello di dare continuità alle forme di integrazione degli interventi di prevenzione specifica; è prevista, inoltre, una collaborazione con il Dipartimento Dipendenze nella realizzazione del progetto stesso;. dare sostegno alle iniziative comunali sulla prevenzione specifica attraverso la realizzazione di una ricognizione delle iniziative preventive attive sul territorio e definire il supporto e l avvio di forme di raccordo tra iniziative comunali, ecclesiali e del privato sociale; citando il PdZ considerare l opportunità di garantire un livello di continuità con quanto realizzato in questi anni come Ambito, sia tramite Jonathan che attraverso la valorizzazione delle esperienze attive nei singoli Comuni. - Previsto un budget destinato alla prevenzione delle dipendenze per sostenere la prosecuzione del Progetto Jonathan. - L UdP e gli attori attivi sul territorio coinvolti nell azione programmatoria, mettono in evidenza - ed auspicano - un approccio provinciale, oltre che di Ambito, su alcune questioni, comprendendo il tema della prevenzione delle dipendenze - citando il PdZ Le questioni su cui è stata condivisa la necessità di un approccio provinciale sono: la progettazione di alcuni interventi in certe aree specifiche quali, ad esempio, la prevenzione alle dipendenze Dalla lettura del Piano di Zona Ambito di Seriate - Non è previsto un Piano di Valutazione degli interventi. - Non si fa riferimento alle strategie di intervento utilizzate. - Non sono specificati i destinatari dell intervento. La percezione è che l unico target individuato sia costituito dai destinatari del progetto Jonathan. 10

12 Azioni in corso Risulta attualmente in corso 1 progetto preventivo di cui è titolare l Ambito: - Giovani Sicuri tra consapevolezza e responsabilità I SerT e il Dipartimento Dipendenze - Territorio di Seriate in capo all Area Prevenzione SerT Bergamo Uno per l attività preventiva. - E stato realizzato a marzo-aprile 2011 un percorso formativo per moltiplicatori, promosso dalla Provincia in collaborazione con la Commissione Prevenzione, costruito in collaborazione con l Ambito Territoriale, che ha visto coinvolti 23 operatori: Polizia Municipale di più Comuni dell Ambito, insegnanti (Scuole secondarie di primo e secondo grado, CFP), educatori dell aggregazione, amministratori, CAT, Comitato Genitori, coadiutore di oratorio. Tra gli esiti di tale percorso si rileva anche la nascita del Gruppo moltiplicatori, un Tavolo a carattere propositivo in materia di prevenzione, cui afferiscono referenti di scuola, polizia locale, assessori comunali, cooperazione, volontariato e Parrocchia. - Inoltre, è attivo un Gruppo di raccordo tra Ambito, ASL, Polizia Locale, Servizi Sociali e Privato Sociale. - Nel 2009, 3 richieste pervenute da vari Enti dell Ambito di cui 2 si sono concluse con l erogazione di una consulenza. Prima del 2008, negli anni precedenti, erano state attuate iniziative nell Ambito in collaborazione con il Dipartimento Dipendenze. - Presenza nell Ambito di:. 11 progetti attivi nell area dell extrascuola (6,6% del dato provinciale), di cui 10 a formula mista (prevedono sia il sostegno didattico, sia attività ludicoaggregative), e 1 dedicato esclusivamente ad attività ludiche e laboratoriali;. 9 Progetti Giovani promossi dalle rispettive Amministrazioni Comunali; In quasi tutti i progetti si attivano processi a sostegno del protagonismo dei giovani e si realizzano azioni mirate al coinvolgimento delle compagnie informali. Nella totalità dei casi, la gestione di servizi e di interventi sociali rivolti a minori avviene in rete con le realtà del territorio interventi di Iniziative di prevenzione e di promozione del benessere (6,8% del dato provinciale). Il confronto con i dati provinciali evidenzia nell Ambito un tendenziale maggior investimento su target giovanili (19-25 anni) e adulti e altresì in iniziative di prevenzione indicata. Si rileva tuttavia anche un maggior ricorso ad approcci informativi. - Tra le richieste pervenute da vari Enti dell Ambito, 1 si è conclusa con la realizzazione di un iniziativa informativa attraverso l attività libero professionale degli operatori. Il Dipartimento Dipendenze non ha realizzato pertanto iniziative preventive (all interno della programmazione dipartimentale). 11

13 12

14 PARTE 2 PROSPETTIVE DI SVILUPPO, IPOTESI DI PRIORITÀ Questa parte del documento mira a delineare, a partire da una descrizione sintetica delle caratteristiche maggiormente significative dell Ambito territoriale di Seriate, possibili priorità di intervento che potrebbero guidare la successiva definizione delle linee di intervento preventivo da parte di programmatori e progettisti. Dopo aver preso in considerazione fattori di rischio e fattori di protezione, direttamente o indirettamente correlati al consumo di sostanze, specifici di questo territorio, si possono infatti evidenziare aree maggiormente a rischio o zone scoperte. La delineazione di possibili priorità di intervento deve tuttavia tener conto del taglio dell 80% del Fondo Nazionale, con ripercussione anche sulle iniziative già in corso (Giovani Sicuri). I dati e le informazioni presentate, relative alla specifica area territoriale, evidenziano: - le tendenze e l evoluzione del fenomeno del policonsumo e del poliabuso; - un approccio precoce al consumo di sostanze stupefacenti, considerando anche la giovane età che caratterizza un alta percentuale di residenti in questo Ambito territoriale, segnalati nel 2009 dalle FFOO per uso e/o detenzione di sostanze stupefacenti ai sensi degli artt. 121 e 75 del DPR 309/90 e successivi aggiornamenti; - la detenzione di cannabinoidi, che sembra risultare maggiore nell Ambito(segnalazioni 2009 delle FFOO ai sensi dell art. 75 del DPR 309/90); - le prese in carico SerT per consumo di alcol (tassi di prevalenza e incidenza incrementati rispetto all anno precedente e più alti della media provinciale); - il tasso di mortalità (( ) per Patologie Alcol-Correlate (PAC) - con valori che si discostano significativamente dalla media provinciale -, con particolare attenzione al genere femminile; - il ritorno al consumo di eroina, anche in considerazione del ritorno all utilizzo dell endovena oltre che delle modalità di assunzione considerate inusuali. Alla luce di questa lettura, si delineano come possibili ipotesi di intervento: 1. Formalizzare la partecipazione del Dipartimento Dipendenze dell ASL, in raccordo con la Commissione Prevenzione, per quanto riguarda la programmazione e la definizione di eventuali nuovi interventi di prevenzione, in collaborazione con la rete dei diversi Soggetti attivi sul territorio. Nello specifico, contribuire attivamente a: - sviluppare ulteriormente la cooperazione, mantenendo la partecipazione di un referente del Dipartimento Dipendenze al Gruppo di raccordo ASL-UdP, luogo in cui potrebbe essere effettuata una programmazione condivisa sul tema della prevenzione; - perfezionare l analisi dei bisogni, avvalendosi maggiormente dei dati relativi all area dipendenze disponibili attraverso la collaborazione con l Osservatorio e la Commissione Prevenzione. L'analisi dei bisogni può, inoltre, essere approfondita anche in altre situazioni: il tavolo di coordinamento con le Polizie Locali, il tavolo di coordinamento dei Moltiplicatori Sociali, l'attivazione di contesti dedicati al confronto con gli Amministratori Locali. - approfondire maggiormente il grado e le modalità di coinvolgimento dei vari Soggetti presenti sul territorio nella definizione del Piano e/o del progetto Giovani Sicuri e delle linee programmatorie, rinforzando l azione di raccordo tra i diversi Enti coinvolti e di 13

15 definizione di linee di intervento comuni, anche attraverso la valorizzazione dell attività del Gruppo con carattere propositivo nato dal percorso formativo provinciale rivolto ai moltiplicatori; - adottare una strategia di progettazione degli interventi che tenga conto delle evidenze di efficacia e dei contenuti delle Linee Guida Regionali Prevenzione, nella definizione di obiettivi progettuali sul medio-lungo periodo, nella scelta dei destinatari a cui rivolgere l azione preventiva, nella declinazione operativa degli interventi rivolti al territorio, avvalendosi del supporto del Dipartimento Dipendenze in raccordo con la Commissione Prevenzione; - investire, con il supporto del Dipartimento Dipendenze, nella definizione di un Piano di Valutazione degli interventi e dei progetti di prevenzione; - mantenere la continuità delle forme di integrazione degli interventi di prevenzione specifica già in atto sul territorio, dando sostegno alle iniziative comunali e potenziando le forme di sinergia tra iniziative comunali, ecclesiali e del privato sociale. 2. Porre attenzione alla scuola, quale contesto in cui sviluppare progetti di prevenzione - consolidando gli interventi in cui si riduca l età del target e si favoriscano interventi rivolti alle scuole primarie o secondarie di primo grado, anche attraverso un maggior coinvolgimento di insegnanti e genitori -, e implementare i progetti validati sostenuti dalle Regione Lombardia in collaborazione con il Dipartimento Dipendenze 4. Valutare la possibilità di coinvolgere i Centri di Formazione Professionali presenti sul territorio(considerando anche che la Scuola Sacra Famiglia e il CFP hanno manifestato interesse per la formazione). 3. Sviluppare e concertare azioni con la Polizia Locale - risorsa molto presente, attiva e attenta in questo Ambito territoriale - ipotizzando attività preventive in cui possa essere previsto un maggiore coinvolgimento. 4. Implementare l investimento in atto sugli interventi di prevenzione nei locali e nei contesti del divertimento (bar, pub, feste estive), portando a termine la conoscenza e la sperimentazione del Codice Etico in differenti contesti. 5. Valorizzare e potenziare le realtà dell aggregazionismo giovanile presenti in questo Ambito territoriale, tenendo in considerazione che: - la rete dei servizi aggregativi e dei CAG è una risorsa importante che si è sviluppata su questo territorio; - la funzione aggregativa, tra l altro, propria di servizi e CAG, potrebbe sempre più conciliarsi con un investimento specifico in materia di prevenzione all uso e all abuso di sostanze e all assunzione di comportamenti a rischio; - potrebbe rivelarsi utile promuovere iniziative di sensibilizzazione rivolte agli operatori di servizi aggregativi, CAG e oratori, relativamente ai comportamenti a rischio connessi all utilizzo di alcol e droghe. 4 La Regione Lombardia prevede di attivare, attraverso i Dipartimenti Dipendenze, 2 programmi validati rivolti alle scuole: EU-DAP (European Drug Addiction Prevention Trail), programma rivolto alle scuole secondarie di II grado; Life skill training programm, programma rivolto a studenti (e genitori). 14

16 PARTE 3 ANALISI DEGLI INDICATORI CONTESTO SOCIO-DEMOGRAFICO 5 Il territorio dell Ambito è costituito da 11 Comuni e ha una popolazione residente di abitanti, in incremento nel triennio ( al 01/01/2008, al 01/01/ abitanti nel triennio). L aumento della popolazione sembra essere solo in parte correlato all aumento della popolazione straniera residente ( abitanti stranieri residenti nel triennio). Il territorio dell Ambito si configura, infatti, come una realtà socio-economica, urbanistica e demografica complessa e diversificata, attraversata da un vivace processo di evoluzione e crescita. La presenza di insediamenti produttivi, l offerta di infrastrutture, la vicinanza al capoluogo e la discreta accessibilità, la presenza di servizi sanitari, la rendono una realtà territoriale con una discreta capacità attrattiva, aspetto che concorre, all aumento della popolazione. Il 19,3% dei residenti è costituito da minorenni (18,2% media provinciale). Si evidenzia un rapporto maschi/femmine pari a 1,01, tendenzialmente in linea con la media provinciale (0,99). La percentuale di ultra 64enni, pari a 14,7%, è inferiore alla media provinciale (17,5%) ed è la seconda più bassa tra tutti gli Ambiti, dopo Grumello (14,6%). Il territorio non è particolarmente ampio (il più piccolo tra tutti gli Ambiti), con punte di densità per chilometro quadrato molto elevate, ampiamente superiori alla media provinciale (1.059 vs 395) e tra le più alte della provincia, dopo Bergamo e Dalmine. Il territorio dell Ambito evidenzia un tasso di immigrazione (popolazione residente) sostanzialmente in linea con la media provinciale (9,3% vs. 9,5%), ma in progressiva crescita (8,3% al 01/01/2008, 7,4% al 01/01/2007). L Ambito vede la presenza di cittadini stranieri, di cui minorenni, con 13,3 minori stranieri ogni 100 minorenni italiani, dato inferiore alla media provinciale (15,7), ma in lenta e progressiva crescita (10,6 al 31/12/2006). A tale dato, riferito esclusivamente alla popolazione straniera residente, va aggiunta l eventuale quota di soggetti stranieri presenti irregolarmente sul territorio e di coloro che pur regolari non sono residenti. Il territorio dell Ambito vede la presenza di 34 scuole, 32 pubbliche (3 scuole dell infanzia statali 6, 18 scuole primarie, 10 scuole secondarie di I grado, 1 scuola secondaria di II grado) e 2 paritarie (1 scuola primaria e 1 secondaria di I grado) 7. Non risultano attivi nell anno scolastico Sportelli di Ascolto (CIC) 8. Sfuggono alla rilevazione gli sportelli gestiti direttamente dai singoli istituti. Nelle scuole pubbliche e paritarie presenti nell Ambito risultavano iscritti, nell anno scolastico 2007/2008, studenti 9, di cui gli 826 stranieri sono pari al 9,4% dell intera popolazione scolastica, ossia una percentuale lievemente inferiore alla media provinciale 10 (10%). Il grafico che segue mostra la distribuzione di alunni stranieri suddivisi per Ambito territoriale a conferma di quanto affermato per Seriate. 5 Fonte ISTAT, dati al 1 gennaio 2009 per la popolazione residente. 6 Cui vanno ad aggiungersi le scuole dell infanzia comunali e parrocchiali. 7 Dati Ufficio Scolastico Territoriale, anno scolastico 2009/ Fonte CBF ASL della Provincia di Bergamo, Dipartimento ASSI. 9 Tale dato si riferisce a studenti che frequentano le scuole dell Ambito, non necessariamente residenti nello stesso. 10 Anno scolastico 2007/2008. Fonte: Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico per la Lombardia Centro Servizi Amministrativi di Bergamo Provincia di Bergamo. 15

17 Graf. 1 Alunni con cittadinanza non italiana suddivisi per Ambito territoriale (tutti gli ordini di scuola) - Valori % - a.s. 2007/2008 Fonte: Rielaborazione dati Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio scolastico per la Lombardia ISMU. Percentuali maggiori di studenti stranieri, in rapporto al numero complessivo di alunni, iscritti a scuola si riscontrano nelle scuole secondarie di I e II grado (11%), quindi nelle scuole primarie (9,3%). Il territorio dell Ambito vede la presenza di 9 Progetti Giovani promossi dalle rispettive Amministrazioni Comunali, che comprendono complessivamente:. 9 servizi aggregativi;. 1 servizio Inforientagiovani;. 2 tavoli territoriali aperti alle agenzie educative del territorio; In quasi tutti i progetti si attivano processi a sostegno del protagonismo dei giovani e si realizzano azioni mirate al coinvolgimento delle compagnie informali. Nella totalità dei casi, la gestione di servizi e di interventi sociali rivolti a minori avviene in rete con le realtà del territorio. 16

18 UTENZA TOSSICO-ALCOLDIPENDENTE IN CARICO AI SER.T DELLA PROVINCIA DI BERGAMO TASSI DI MORTALITÀ E MORBOSITÀ PER PATOLOGIE DROGA E ALCOL-CORRELATE SEGNALAZIONI PREFETTURA e COMMISSIONE MEDICA PATENTI Il territorio dell Ambito di Seriate fa capo, rispetto alla presa in carico di soggetti con problematiche di dipendenza, all U.O. SerT di Bergamo. Gli operatori Ser.T. manifestano la percezione di un buon accesso al servizio da parte della popolazione con problematiche di dipendenza, favorito anche dalla posizione geografica e da una collaborazione positiva con alcuni servizi sociali del territorio. Un indicatore indiretto della prevalenza dei fenomeni dell alcoldipendenza e della tossicodipendenza è costituito dall utenza trattata dai SerT. Trattandosi di popolazioni nascoste, difficilmente numerabili, non esistono archivi di dati che ne possano descrivere esaustivamente la prevalenza 11. Nel 2009, gli utenti tossicodipendenti residenti nell Ambito di Seriate sono stati 159, di cui 126 maschi e 33 femmine, dato lievemente in calo rispetto agli anni precedenti (167 nel 2008, 166 nel 2007). Analizzando la composizione dell utenza per età (come mostra il grafico sottostante), si evidenzia la presenza della quota di soggetti giovanissimi (tra i 15 e i 24 anni), inferiore alla media provinciale e la più bassa tra tutti gli Ambiti. Graf. 2 Utenti in carico ai Ser.T. di età compresa tra i anni Valori % - anno I dati inerenti all utenza in carico ai SerT sono stati storicamente rilevati utilizzando i flussi informativi regionali e ministeriali trasmessi da ciascuna sede SerT Si trattava pertanto di dati aggregati che non permettevano approfondimenti rispetto alle variabili rilevate. Dal 1 gennaio 2005 è stato invece introdotto un Sistema Informativo in rete tra i SerT (Data Base Dipendenze) che, rilevando dati individuali, consente di disporre di maggiori informazioni rispetto alle caratteristiche dell utenza in relazione ai territori dei singoli Ambiti. 17

19 Anche nel 2009, il numero più elevato di persone in trattamento apparteneva alla fascia di età > di 35 anni (quasi il 60% dell utenza); si tratta, con ogni probabilità, di soggetti con situazioni croniche. 12 degli utenti in carico sono cittadini stranieri, tutti extracomunitari. Nel 2009, su un totale di 159 utenti in carico, 15 erano nuovi utenti, ossia soggetti che si sono rivolti per la prima volta al SerT nel corso dell anno per ricevere un trattamento. Anche tra la nuova utenza la quota maggiore ha un età superiore ai 35 anni (47%). Tra i nuovi soggetti che si sono rivolti per la prima volta al Ser.T. per chiedere un trattamento, solo 3 hanno un età inferiore ai 29 anni. Il numero di nuovi utenti è inferiore rispetto agli anni precedenti e tendenzialmente in calo (17 nel 2008, 26 nel 2007, 33 nel 2006). Il maggior numero di nuovi utenti presi in carico dal Ser.T. è giunto al servizio per accesso spontaneo (8). Di seguito, si rilevano 3 soggetti inviati al SerT precedentemente trattati in Carcere, quindi 1 invio su indicazione della Prefettura e 1 inviato da altri servizi del territorio. Si segnala, a tal proposito, che si è registrato negli ultimi anni un calo di accessi legato alle segnalazioni della Prefettura, a seguito della modifica dell art. 75 del DPR 309/90 (i soggetti fermati dalle Forze dell Ordine per detenzione di sostanze non sono più necessariamente inviati ai SERT con l obbligo di trattamento). Nell Ambito si è passati da 8 invii dalla Prefettura al SerT nel 2008 a 1 invio nell ultimo anno. Il tasso di prevalenza 12 di soggetti tossicodipendenti residenti nell Ambito e in carico al SerT è pari al 3,2 %0, lievemente inferiore alla media provinciale (3,3%0). Il tasso di incidenza 13 relativa ai nuovi utenti tossicodipendenti residenti nell Ambito e in carico al SerT è pari allo 0,3%0, inferiore alla media provinciale (0,5%0). La differenza tra tasso di prevalenza e tasso di incidenza indica la presenza di una quota storica di utenti in carico, confermato dal fatto che il maggior numero di utenti in carico è di età maggiore di 35 anni. Relativamente alla nuova utenza: - 1 soggetto appartiene ad una fascia d età compresa tra i 20 e i 24 anni, - 2 ad una fascia d età compresa tra i 25 e i 29 anni, - 5 ad una fascia d età compresa tra i 30 e i 34 anni, - 4 ad una fascia d età compresa tra i 35 e i 39 anni, - 3 ad una fascia d età > di 39 anni. Considerando i dati relativi ai nuovi accessi, è opportuno evidenziare che le problematiche connesse all abuso di sostanze risultano trasversali tra le fasce d età, considerando quindi il consumo problematico di sostanze come un fenomeno che interessa anche persone adulte e non solo i più giovani. Nelle politiche dei servizi e negli interventi preventivi appare rilevante tenere in considerazione questi aspetti. La sostanza d uso primaria per gli utenti già in carico rimane prevalentemente l eroina (71,7% sul totale) seguita dalla cocaina (23,9%), quindi cannabinoidi (4,4%). I nuovi utenti giungono al SerT per consumo - in prevalenza - di cocaina (7 soggetti), quindi di eroina (4 soggetti) e cannabinoidi (4 soggetti), dati sostanzialmente in linea con le medie provinciali. I sette nuovi utenti cocainomani sono così suddivisi per fasce d età: anni = 1 nuovo accesso anni = 2 nuovi accessi anni = 2 nuovi accessi - > di 39 anni = 2 nuovi accessi I quattro nuovi utenti eroinomani sono così suddivisi per fasce d età: anni = 1 nuovo accesso anni = 1 nuovo accesso anni = 1 nuovo accesso - > di 39 anni = 1 nuovo accesso Dei 4 nuovi utenti che hanno dichiarato un uso primario di eroina, 1 utilizza questa sostanza per via endovenosa, i restanti 3 con altre modalità (fumata e/o sniffata). 12 Numero di soggetti tossicodipendenti in carico sulla popolazione residente di anni per Numero di nuovi soggetti tossicodipendenti in carico sulla popolazione residente di anni per

20 Altra informazione significativa riguarda le segnalazioni pervenute alla Prefettura di Bergamo inerenti soggetti segnalati dalle Forze dell Ordine per uso e/o detenzione di sostanze stupefacenti ai sensi degli artt. 121 e 75 del DPR 309/90 e successivi aggiornamenti 14. Sono 23 i soggetti residenti nell Ambito, segnalati per la prima volta nel Il tasso, ossia il rapporto tra i soggetti segnalati per la prima volta e la popolazione residente nell Ambito di età compresa tra i 15 e i 54 anni, è pari a 6 segnalati/ residenti, dato inferiore alla media provinciale (9). La tabella sottostante mostra la suddivisione di segnalati per fasce d età, evidenziando come oltre il 65% dei segnalati abbia un età inferiore ai 24 anni (con presenza di alcuni minorenni). Età N segnalati Percentuale minore di 18 anni 2 8, anni 13 56, anni 2 8, anni 2 8, anni 2 8,7 maggiore di 39 anni 2 8,7 Totale ,0 Analizzando la distribuzione percentuale per sostanza e Ambito di residenza dei soggetti segnalati per la prima volta nel 2009 ai sensi dell art. 75, si osserva che: l 82,6% è stato segnalato per detenzione di cannabinoidi, percentuale superiore alla media provinciale (78,7%); il 13% per cocaina, percentuale inferiore alla media provinciale (16,2%); il 4,3% per eroina (vs. 4% in provincia); nessuno per altre sostanze (vs 1,1% media provinciale). Il tasso di morbosità ( ), ossia il rapporto tra il numero di soggetti residenti nell Ambito ricoverati per patologie droga-correlate (PDC) e soggetti residenti, risulta superiore alla media provinciale (207,4). Considerando i ricoveri per problemi droga correlati, riportati in diagnosi principale o secondaria, emerge un tasso di ricoveri, di soggetti residenti nell Ambito di Seriate, pari a 258,5 vs. il 207,4 della media provinciale (ciò significa che nel periodo nell Ambito ogni abitanti sono stati ricoverati 258 soggetti residenti, che hanno riportato diagnosi correlate al consumo di droghe o psicofarmaci). 14 Dal punto di vista epidemiologico, i dati raccolti in sede di colloquio presso il Nucleo Operativo Tossicodipendenza (NOT) della Prefettura rappresentano informazioni utili al monitoraggio del fenomeno del consumo di sostanze stupefacenti nella popolazione. E bene, però, precisare che essi costituiscono un indicatore di consumo che presenta alcune criticità, in quanto le variazioni temporali del numero di segnalazioni dipendono, oltre che dalla prevalenza di soggetti utilizzatori, anche dall attenzione che le Forze dell Ordine pongono su questo problema, attenzione che è variabile nel tempo. 19

21 Graf. 3 Tassi di morbosità per patologie droga-correlate (PDC) suddivisi per Ambito di residenza e diagnosi - principale o secondaria - quale causa di ricovero. Tassi standardizzati cumulativi - Anni MAPPA A Fonte: Osservatorio delle Dipendenze ASL della provincia di Bergamo rielaborazione dati Archivio SDO ASL di Bergamo Nel 2009 sono stati presi in carico dai SerT della Provincia 61 utenti alcoldipendenti residenti nell Ambito di Seriate, di cui 45 maschi e 16 femmine, e di cui 17 costituiti da nuovi soggetti presi in carico per la prima volta nel Complessivamente, il numero di utenti in carico al SerT è lievemente aumentato rispetto agli anni precedenti (nel 2008, gli utenti in carico erano 56, di cui 7 nuovi utenti ; nel 2007, 58 di cui 15 nuovi). Anche nel 2009, il numero più elevato di persone in trattamento appartiene alla fascia di età > di 39 anni; si evidenzia, tuttavia, la presenza di alcuni utenti in età giovanile (3 soggetti di età inferiore ai 29 anni). 4 degli utenti in carico sono cittadini stranieri, di cui 3 extracomunitari. Il tasso di prevalenza 15 di soggetti alcoldipendenti residenti nell Ambito e in carico al SerT è pari all 1,1%0. Tale tasso si è incrementato rispetto all anno precedente (1,0%), ma è in linea con la media provinciale (1,1%0). Il tasso di incidenza 16, relativa ai nuovi utenti alcoldipendenti residenti nell Ambito e in carico al Ser.T è pari allo 0,3%0. Anche questo tasso si è incrementato rispetto all anno precedente (0,1%0), ma è in linea con la media provinciale (0,3%0). Il tasso di mortalità ( ) per patologie alcol-correlate (PAC) 17 mostra differenze di genere, con valori che si discostano significativamente dalla media provinciale: - relativamente agli uomini il tasso nell Ambito e inferiore al dato provinciale (2,49 vs 4,63), - relativamente alle donne, invece, il tasso di Ambito è superiore (3,36 vs 1,66). 15 Numero di soggetti alcoldipendenti in carico al Ser.T, sulla popolazione residente di anni per Numero di nuovi soggetti alcoldipendenti in carico al Ser.T, sulla popolazione residente di anni per Tasso di Mortalità: rapporto tra soggetti residenti nell Ambito deceduti per patologie alcol correlate e popolazione residente *

22 Graf. 4 - Tassi di mortalità per patologie alcol-correlate (PAC) suddivisi per Ambito di residenza e genere. Tassi standardizzati cumulativi - Anni Fonte: Osservatorio delle Dipendenze ASL della provincia di Bergamo Il tasso di morbosità ( ), ossia il rapporto tra il numero di soggetti residenti nell Ambito ricoverati per patologie alcol-correlate (PAC) e soggetti residenti, risulta tendenzialmente in linea con la media provinciale (541,8 vs 537). Tale dato tiene conto del numero di pazienti ricoverati, con problemi alcol- correlati (codici ICD-9-CM), riportati sia in diagnosi principale, sia in quelle secondarie, nel periodo considerato, e della popolazione residente, nell Ambito e nell intera Provincia, all inizio del periodo di osservazione. Alla luce di ciò, come si evince dal grafico sottostante, si evidenzia un tasso di morbosità alcol correlata nell Ambito di Seriate pari a 541,8 (= 541 soggetti ricoverati con problemi alcol-correlati in diagnosi principale o secondaria, ogni residenti), vs. il 537 della media provinciale, risultando, pertanto, tendenzialmente in linea con la media provinciale. Graf. 5 - Tassi di morbosità per patologie alcol-correlate (PAC), suddivisi per Ambito di residenza e diagnosi - principale o secondaria - quale causa di ricovero. Tassi standardizzati cumulativi - Anni MAPPA A Fonte: Osservatorio delle Dipendenze ASL della provincia di Bergamo rielaborazione dati Archivio SDO ASL di Bergamo 21

23 Nel 2009, gli utenti residenti nell Ambito in carico al SerT per il trattamento di altre dipendenze (tabagismo, gioco d azzardo patologico e disturbi del comportamento alimentare) sono stati 15, di cui 8 nuovi utenti dati in linea con l anno precedente. Complessivamente, gli utenti sono: - tabagisti = 2, entrambi nuovi utenti, - per gioco d azzardo patologico = 11, di cui nuovi 6 - disturbi del comportamento alimentare = 2. Per quanto concerne i dati derivati dalla Commissione Medica Patenti 18, si evidenzia che, tra il 1998 e luglio 2007: - dopo un periodo ( ) di sostanziale stabilità, tra il 2004 e luglio 2007, è progressivamente aumentato il numero dei nuovi soggetti residenti nell Ambito segnalati e visti per la prima volta dalla Commissione Medica Patenti, in seguito alla segnalazione della Prefettura per violazione dell articolo 186 (guida in stato di ebbrezza); picco di segnalazioni nel 2006 con 138 violazioni. - Tra il 1998 e luglio 2007, è tendenzialmente diminuito il numero dei nuovi soggetti, residenti nell Ambito, segnalati e visti per la prima volta dalla Commissione Medica Patenti, in seguito alla segnalazione della Prefettura per violazione dell articolo 187 (guida sotto effetto di sostanze stupefacenti). Tali dati non indicano di per sé una modifica nei consumi, essendo legati agli effetti della normativa vigente e all andamento dei controlli, nonché a informazioni su luogo, giorno e orari del fermo (dati ad oggi non disponibili a livello provinciale). 18 Fonte Servizio di Medicina Legale del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Bergamo. I dati sopra riportati si riferiscono esclusivamente al numero di soggetti sottoposti alla visita per la PRIMA VOLTA (e quindi non al numero di visite effettuate). 22

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE. Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Dai dati alla prevenzione, realtà e prospettive I consumi di sostanze psicoattive e altri comportamenti a rischio di dipendenza: alcune informazioni inerenti l Ambito Territoriale

Dettagli

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento delle Dipendenze nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino Anno 2013 Anno 2014 Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana

Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo in Toscana L impegno per le famiglie adottive in Toscana. Lavorare insieme per favorire l inserimento e l accoglienza a scuola Firenze 23 gennaio 2014 Contesto, dati, caratteristiche e tendenze del fenomeno adottivo

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO. Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008

SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO. Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008 SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008 1. TITOLO PROGETTO PIT STOP 2. AREA DI INTERVENTO DEL

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali 2 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE Dati per Ambito Territoriali Anno 2014 N. 05/2015 1 Indice Premessa 4 PARTE 1 - ANALISI DELL UTENZA COMPLESSIVA 1 L

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

PIANO TRIENNALE DIPENDENZE 2006-2008 Comune di Padova - Settore Servizi Sociali

PIANO TRIENNALE DIPENDENZE 2006-2008 Comune di Padova - Settore Servizi Sociali PIANO TRIENNALE DIPENDENZE 2006-2008 Comune di Padova - Settore Servizi Sociali Indice 5 Schema di Sintesi 6 Progetto Se..Taccio : Prevenzione Ambito Scuola 7 Progetto Se..Taccio : Prevenzione Tempo Libero:

Dettagli

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne;

TRA PREMESSO. che la causa alla base della violenza contro le donne è la discriminazione che nega pari diritti a uomini e donne; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA L Amministrazione Provinciale di Cuneo,

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

LE FINALITA DEL PROGETTO

LE FINALITA DEL PROGETTO AMBITO N 5 LE FINALITA DEL PROGETTO La finalità del progetto è quella di organizzare e realizzare interventi mirati in modo da prevenire stili e comportamento a rischio ed innalzare le capacità di comprensione

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R Allegato A alla Deliberazione di G.P. n 271 del 11-11-2008 PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R. 12/03 INTERVENTI PER IL RAFFORZAMENTO DELL AUTONOMIA DELLE SCUOLE E PER L ARRICCHIMENTO

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

PROGETTO Solo Messaggi Speciali (SMS) Biennio formativo 2008/2010

PROGETTO Solo Messaggi Speciali (SMS) Biennio formativo 2008/2010 COMUNE DI PAVIA SETTORE SERVIZI SOCIALI ED ABITATIVI PROGETTO Solo Messaggi Speciali (SMS) Biennio formativo 2008/2010 Il Progetto Solo Messaggi Speciali (SMS) nasce nell ambito della progettualità triennale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

PROGETTO ASTERIX. Promosso da

PROGETTO ASTERIX. Promosso da PROGETTO ASTERIX Promosso da AUSL Ferrara Distretto CENTRO-NORD : SERT - SPAZIO GIOVANI in collaborazione con Comune di Ferrara: PROMECO - AREA GIOVANI ( Giovani Operatori: P.Lascari (Sert), I.Galleran

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 Il Piano di orientamento dell U.S.R. dell Umbria Promuovere le scelte è rivolto ai docenti della scuola secondaria di I grado

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: 2002-2003 Comune sede progetto: Bolgare AT n. 4 - Grumello Progetto: Spazio Gioco Cerchio dei Piccoli Sede presso Sala polivalente Tel. fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti X Compiti e proposte

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008

PROGETTO. TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 PROGETTO TELEFONIA SOCIALE PER PERSONE ANZIANE e FAMIGLIE 1 Gennaio 2006 31 DICEMBRE 2008 Premessa Il Progetto si configura come nuovo sistema di telefonia che assorbe e da continuità alla sperimentazione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili. 2. Dirigente! Isabella Magnani. 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli

1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili. 2. Dirigente! Isabella Magnani. 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli [65] 1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili 2. Dirigente! Isabella Magnani 3. Account! Paolo Angelini 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli 5. Referente sito web! Elena Malfatti I.

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

SPIDER: GESTIONE INTEGRATA DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

SPIDER: GESTIONE INTEGRATA DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVEGNO AIRIPA IVREA 14/15/16 OTTOBRE 2010 SPIDER: GESTIONE INTEGRATA DEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO NELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO A cura di Loretta Mattioli Referente integrazione scolastica

Dettagli

A.S.L. della provincia di Bergamo. L attività di prevenzione del Dipartimento delle Dipendenze anno 2009 analisi della domanda e dell offerta

A.S.L. della provincia di Bergamo. L attività di prevenzione del Dipartimento delle Dipendenze anno 2009 analisi della domanda e dell offerta A.S.L. della provincia di Bergamo L attività di prevenzione del Dipartimento delle Dipendenze anno 2009 analisi della domanda e dell offerta n. 05/2010 PREMESSA Pag. 5 INTRODUZIONE Alcune note metodologiche

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 10 2. TITOLO AZIONE VINCERE LE DIPENDENZE SI PUO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Progetto nazionale Piani locali di prevenzione incidenti stradali: alcol, droghe e guida

Progetto nazionale Piani locali di prevenzione incidenti stradali: alcol, droghe e guida Progetto nazionale Piani locali di prevenzione incidenti stradali: alcol, droghe e guida SCEGLIERE LA STRADA DELLA SICUREZZA Interventi di prevenzione degli incidenti stradali dovuti al consumo di alcol,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

Protocollo d Intesa. tra

Protocollo d Intesa. tra Allegato 1 delib. As n. 2_2015 Protocollo d Intesa tra l Associazione ONLUS La vita oltre lo specchio, il Comune di Pisa, la Società della Salute di Pisa e l Azienda USL 5 di Pisa. PREMESSO - che nel Gennaio

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Deliberazione giunta regionale n.

Deliberazione giunta regionale n. Deliberazione giunta regionale n. del 619 13/11/2012 A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria Settore: 3 - Interventi a Favore di Fasce Sociosanitarie Particolarmente Deboli Oggetto: Attivazione un sistema di

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

Scheda sintetica. (8 ottobre 2003)

Scheda sintetica. (8 ottobre 2003) INDAGINE SUL PARTENARIATO GENITORI-SCUOLA Scheda sintetica (8 ottobre 2003) 1. E la prima indagine sociologica sul campo effettuata in Italia. E stata basata su una ricognizione delle esperienze di partenariato

Dettagli

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10

SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 17 All. A/10 Intervento Premessa Intervento integrativo in ambito penale di Giustizia Riparativa.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Servizio Promozione Educazione alla Salute

Servizio Promozione Educazione alla Salute U.O.C Materno-Infantile Servizio Promozione Educazione alla Salute Relazione finale attività svolte nelle Scuole anno scolastico 2009/10 PREMESSA Tutti i bambini e i giovani hanno diritto e dovrebbero

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19

Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002 Circ. reg. nr. 19 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Via Pietro Micca, 20-10122 Torino dirreg@scuole.piemonte.it Prot. n. 198/1 Torino, 30 gennaio 2002

Dettagli

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza Storia del progetto Il SerT dell ASL 9 ha consuetudine alla collaborazione con i familiari, attraverso accoglienza diretta della domanda

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze

Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze Il Servizio Servizi all infanzia del Comune di Firenze, si propone

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art.

la L.R. n. 2 / 2003 ed in particolare il Titolo II Sistema integrato di interventi e servizi sociali, art.5 comma 4, art. PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO L ASC InSIEME L AUSL DI BOLOGNA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE E CURA

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli