Novità sensazionali e spasmodici attaccamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità sensazionali e spasmodici attaccamenti"

Transcript

1 Novità sensazionali e spasmodici attaccamenti PAOLO ROSSI 1. Distruggere il passato Tutti gli scienziati delle cosiddette scienze dure tendono a collocare la loro attività sotto il segno di una concezione lineare del progresso. Riscrivono continuamente i loro manuali, ma riscrivono continuamente «una storia all indietro». Perché mai dare valore a ciò che attraverso la costanza e l intelligenza di generazioni di ricercatori è stato possibile abbandonare? Perché collocare fra le cose degne di essere ricordate gli innumerevoli errori di cui è piena la storia umana? Nell ideologia della professione scientifica come Thomas Kuhn mise chiaramente in luce è profondamente radicata una svalutazione della storia (1969, ). Le nuove scoperte provocano la rimozione dei libri e delle riviste «superate» dalla loro posizione attiva in una biblioteca scientifica e il loro spostamento in un magazzino. Una volta trovata la soluzione di un problema i precedenti tentativi rivolti a trovarla perdono attinenza con la ricerca, diventano «un bagaglio eccedente, un peso inutile» che è da accantonare nell interesse stesso della crescita della disciplina. Rispetto al loro proprio passato artisti e scienziati hanno reazioni nettamente divergenti: «Il successo di Picasso non ha relegato i dipinti di Rembrandt nelle cantine dei musei d arte. I capolavori del passato prossimo e di quello più lontano giocano ancora un ruolo vitale nella formazione del gusto del pubblico e nell iniziazione di molti artisti al loro mestiere. Si vedono pochi scienziati nei musei della scienza, la cui sola funzione è, in ogni caso, o di commemorazione o di reclutamento, non di produrre padronanza della professione. A differenza dell arte, la scienza distrugge il suo passato» (Kuhn, 1985, 381, 383). Possiamo anche chiederci: per chi la scienza ha un passato? Ha un passato anche per gli scienziati? Ma è indubbiamente vero che si può arrivare ad un Nobel per la fisica o la biologia senza aver mai letto saggi o libri di fisica o biologia pubblicati più di dieci anni fa. Tutti gli scienziati ovviamente sanno che la loro scienza ha un passato e nutrono una spiccata venerazione per i loro padri fondatori. Alcuni anche li leggono, ma la diretta lettura di pagine di Newton o di Darwin non è loro richiesta per essere qualificati o stimati in quanto scienziati. Chi legge quelle pagine è più colto. Ma leggere o non leggere direttamente Newton è un po come ascoltare o non ascoltare musica. Fino a poco più di mezzo secolo fa la maggioranza dei libri di storia della scienza avevano di storico soltanto il titolo. In quei libri, lo stesso, identico contenuto di un manuale di astronomia o di fisica o di chimica veniva esposto, anziché secondo l ordine sistematico che normalmente caratterizza i manuali, secondo l ordine cronologico delle «scoperte» effettuate. Principalmente per questa ragione, persone che non avrebbero mai dato la parola in un loro congresso a dei dilettanti in una qualche materia scientifica, ritenevano invece del tutto ovvio e naturale che un professore di astronomia o fisica o chimica o medicina, felicemente giunto all età della pensione, si improvvisasse storico dalla mattina alla sera e assolutamente digiuno di ogni esperienza di studi storici e privo di ogni precedente contatto con il mondo degli storici di professione si mettesse di buona lena a scrivere un massiccio 1

2 libro di storia. Ho detto che la grande maggioranza di quei vecchi libri di storico ha solo il nome storia scritto sulla copertina. Per esporre la fisica di Galileo o quella di Newton c è davvero bisogno di andare in biblioteca e aprire uno dei massicci volumi delle loro opere? Non si fa prima a richiamarsi a ciò che è davvero rilevante, ovvero alle loro scoperte (così come contenute in un buon manuale di fisica e di astronomia), a cercare una qualche notizia sulla loro biografia? Ad aggiungere, se possibile, un qualche gustoso aneddoto? A completare poi il tutto con un pubblico ed entusiastico elogio ad un grandissimo o grande o quasi grande o anche solo rispettabile eroe del pensiero? Walter Pagel, che è stato il maggior studioso di storia della medicina del secolo scorso si rese conto con chiarezza di questa situazione e pubblicò nel 1945 nel Middlesex Hospital Journal un celebre articolo che aveva uno strano titolo «The vindication of rubbish» che si può appropriatamente tradurre in italiano come Una difesa della spazzatura. Quel titolo voleva dire una cosa molto semplice che è stata troppo spesso dimenticata: se vogliamo fare storia dobbiamo occuparci non di come pensiamo noi, ma soprattutto di come pensavano loro. Spesso, loro, consideravano evidenti cose che per noi non lo sono affatto. Per capirli, dobbiamo anche rovistare entro discorsi che apparirebbero oggi superati o addirittura insensati. Dobbiamo interessarci a cose che sono state dimenticate e che i nostri antenati e predecessori hanno tentato di far scomparire dal mondo. Non dovremmo dimenticare mai che le distinzioni fra le discipline costituite non sono sempre passate nei luoghi stessi in cui passano oggi; che le verità che troviamo presentate come delle ovvietà nei manuali delle varie scienze sono sempre dei risultati; che quei risultati hanno alle spalle processi lunghi e complicati e che dietro ciascuno di quei risultati sono presenti lotte, contrasti, difficoltà, tentativi di individuare situazioni di crisi e di uscire da esse. In molti libri di filosofia e di storia della scienza ricorrono due citazioni (l una di un grande filosofo, l altra di un grande scienziato del Novecento). Riguardano entrambe, in modi diversi, il carattere centrale di questa dimensione della dimenticanza e la sua necessità nella e per la scienza. Alfred North Whitehead affermò che «una scienza che non esita a dimenticare i suoi fondatori è perduta». Max Planck, dopo una vita intessuta di polemiche sulla fisica quantistica, scrisse nella sua autobiografia che le teorie mutano quando muoiono i suoi sostenitori. La prima di queste due citazioni esprime in modo lapidario la necessità di un andare oltre, che è anche un allontanarsi, una riformulazione di problemi, una continua e radicale reinterpretazione dei risultati raggiunti. La seconda citazione esprime invece sfiducia verso un progresso concepito (sulla base del modello delle «piccole aggiunte») come una continuità lineare. Le rivoluzioni, anche nella scienza, possono essere molto traumatiche e implicare modi di pensare non familiari che appaiono del tutto «inaccettabili» a coloro che hanno avuto una formazione condotta sui manuali che non avevano ancora inglobato la svolta o la rivoluzione. Solo una formazione nuova, condotta sui manuali che hanno «inglobato» la rivoluzione, può vincere l attaccamento a ciò che è familiare, le resistenze al nuovo. Proprio l assenza di memoria, che è tipica della giovinezza, rende più facile, quando si congiunge con gli aspetti «dogmatici» dell insegnamento, un accettazione non traumatica dei risultati delle rivoluzioni. Al fisico italiano Bruno Rossi è stata posta, nel 1990, una domanda che faceva riferimento alla meccanica quantistica negli anni Trenta, quando egli, poco più che ventenne, studiava a Firenze: «Se ne parlava, naturalmente. Non se ne discuteva però dal punto di vista filosofico: al contrario dei fisici più anziani non avevamo infatti nessuna difficoltà ad accettare le nuove teorie, esse ci sembravano molto naturali» (Rossi, 1990, 37). 2

3 2. Oggetti che scompaiono A differenza dei suoi contemporanei (ivi compreso Galilei), Tycho Brahe pensava che le comete non fossero identificabili con «vapori», che fossero invece corpi solidi e pertanto (giacché quei corpi attraversano le sfere) le sfere non avessero esistenza reale. In questo senso si può dire che Tycho ha scoperto l inesistenza delle sfere celesti, anche se impieghiamo la parola scoprire (con minori problemi) in relazione ad oggetti nuovi, come per esempio i satelliti di Giove scoperti da Galilei e il Nuovo Mondo scoperto da Cristoforo Colombo. Quasi sempre le «scoperte» ci appaiono creative perché ci mostrano che il mondo è diverso da come si riteneva prima: affermano e, contemporaneamente, negano. Quando Galilei scopre la natura della Via Lattea ci dice contemporaneamente che essa è fatta di una moltitudine di piccole stelle e che pertanto non è una specie di vapore fumoso. Quando guarda la superficie della Luna ci dice contemporaneamente che è simile a quella della Terra e che pertanto la Luna non é una perfetta sfera lucida. Quando Champollion decifra la scrittura geroglifica ci dice a quali immagini e a quali suoni quei simboli corrispondono e ci dice anche che i geroglifici non sono tutti ideogrammi e non sono una forma di scrittura segreta inventata da antichissimi sacerdoti per nascondere al volgo divine verità. La storia della scienza è piena di asserzioni che riguardano oggetti che sono scomparsi dai manuali e che sono di conseguenza scomparsi anche da ciò che consideriamo «mondo reale». Se invece di praticare una scienza, ci interessiamo alla sua storia, incontriamo spesso teorie che hanno avuto successo e che avevano al loro centro «oggetti» designati da termini che consideriamo oggi privi di un referente. Nomi che furono intesi come designatori rigidi perdono (in qualche caso abbastanza all improvviso) la loro capacità referenziale. La storia della scienza non è soltanto piena di teorie che sono state abbandonate. È anche piena di entità che furono ritenute reali e si sono poi rivelate inesistenti. Le potenze angeliche che muovono le sfere, le anime motrici dei pianeti o del Sole (a quest ultima crede anche Keplero), la sfera delle stelle fisse (che è, come afferma Keplero, la «pelle» o la «camicia» dell universo); il flogisto e il calorico (di quest ultimo parla ancora Sadi Carnot nel 1824); il «seme femminile» dell embriologia del Settecento; l etere luminifero (che per Thomas Young, nel 1804, passa attraverso tutti i corpi materiali con resistenza minima o nulla, «così come il vento attraverso una foresta»), sono soltanto alcuni di questi oggetti. Se dagli oggetti si passa alle teorie (per esempio: ogni corpo ha bisogno di una forza per rimanere in moto; la Luna non ha nulla a che fare con le maree; i fossili sono una duplicazione di forme già esistenti in natura; la stabilità dei continenti e degli Oceani; l esistenza di una correlazione fra la forma del cranio e le capacità mentali di una persona; la fissità delle specie; la teoria dell atomo vortice o vortice molecolare di Lord Kelvin; la teoria della presenza-assenza nella genetica classica; la tesi accettata fino agli anni Cinquanta del Novecento che spetti un assoluta dominanza all emisfero sinistro del cervello; l identificazione dei raggi cosmici con i raggi gamma; l assunzione della «simmetria di parità» (considerata valida fino al 1956), le eliminazioni appaiono altrettanto frequenti e significative. Nel caso dei nomi di oggetti, come una volta disse con esattezza Enrico Bellone, il referente scompare dal mondo fisico e il nome, cessando di essere un designatore, conserva un significato solo nelle biblioteche. Per quanto riguarda le teorie «abbandonate» le cose sono certo più complicate, ma, anche in quest ultimo caso, il riferimento alle biblioteche è importante. Perché una cosa sembra indubitabile: salvo eccezioni rarissime, quelle teorie, un tempo ritenute vere, considerate confermate dall esperienza, spesso accanitamente difese contro coloro che intendevano negarle o metterle in discussione, non interessano più gli scienziati. Conservano un qualche interesse solo per gli storici. 3

4 3. Perdite di identità Attorno alla Terra (prima di Copernico) ruotano la Luna, Mercurio, Venere, il Sole, Marte, Giove, Saturno. Per poco meno di duemila anni la Luna è stata un pianeta. Nella seconda metà del Cinquecento la Luna perse la sua identità di pianeta e divenne un satellite. Alla metà del Cinquecento era un satellite della Terra per alcuni pochi astronomi e filosofi naturali. Nelle Università di tutta Europa, per una larga parte del Seicento, si continuò a definirla un pianeta. Sono sicuro di aver letto (anche se non ricordo dove) che esiste o esisteva un gruppo di umani dove si pensava (al livello elementare delle esperienze sensibili) che non ci fosse una luna, ma una luna che, ogni sera, è un oggetto singolo, un individuo, sempre diverso dalle precedenti e dalle future lune. Oggi, per tutti quelli che hanno frequentato una scuola, in una qualunque parte del mondo, la Luna è un satellite della Terra. Quando Galileo guarda la superficie della Luna vede che essa è simile a quella della Terra e che la Luna non è (come invece si credeva) una perfetta sfera lucida, fatta di una materia diversa da quella che è presente nel mondo sublunare (vale a dire collocato entro la sfera della Luna). Quando il Sole sorge sulla Luna, illumina solo la cima dei monti più alti e quelle cime appaiono come dei puntini luminosi su una superficie oscura, poi le pianure si illuminano e si allungano le ombre dei monti. La Luna è un altra Terra. Quest ultima frase apparve assurda e inaccettabile a molti. Da sempre l universo era stato pensato come duplice. Dietro la complicata macchina costruita da Aristotele e da Tolomeo stava qualcosa che gli uomini sanno da sempre, da quando per la prima volta hanno alzato gli occhi verso il cielo stellato. Il cosiddetto mondo a due sfere è duplice. C è il mondo terreno compreso entro la sfera della Luna che è il mondo del consumarsi e del finire delle cose, della varietà imprevedibile, della malattia e della morte, del non sapere del futuro. Ma sopra la sfera della Luna c è il mondo celeste dove non ci sono variazioni ma solo regolarità dei moti, dove nulla nasce e nulla si corrompe, ma tutto è immutabile ed eterno. Le stelle, i pianeti (uno di essi è il Sole) che si muovono attorno alla Terra non sono formati dagli stessi elementi che compongono i corpi del mondo sublunare, ma da un quinto elemento divino: l etere o quinta essentia, che è solido, cristallino, imponderabile, trasparente, non soggetto ad alterazioni. Della stessa materia sono fatte le sfere celesti. Sull equatore di queste sfere ruotanti (come «nodi in una tavola di legno») sono fissati il Sole, la Luna, gli altri pianeti. Relativamente al mondo di lassù si possono fare quelle previsioni che, sulla Terra, quasi sempre falliscono. Quel mondo è eterno e immortale, a differenza del nostro disordinato, caotico, imprevedibile e insanguinato mondo. Ciò che si muove in quel mondo segue leggi inviolabili. Quando lassù, in rari casi, appaiono moti imprevisti e imprevedibili (come quando appare nel cielo una Cometa), allora è giusto avere paura e attendersi dolore e malattie, guerre e sventure. Tra gli occhi di un astronomo del nostro tempo che fa uso del telescopio di Hubble e una di quelle lontane galassie che appassionano gli astrofisici e accendono la fantasia di tutti gli esseri umani, in qualche modo costringendoli a pensare l infinito, sono interposti oltre una dozzina di apparati mediatori del tipo: un satellite, un sistema di specchi, una lente telescopica, un sistema fotografico, un apparecchio a scansione che digitalizza le immagini, vari computer che governano riprese fotografiche e processi di scansione e memorizzazione delle immagini digitalizzate, un apparecchio che trasmette a terra queste immagini in forma di impulsi radio, un apparecchio a terra che ritrasforma gli impulsi radio in linguaggio per un computer, il software che ricostruisce l immagine e le conferisce i necessari colori, il video, una stampante a colori e così via. Quando Galilei puntò verso il cielo il suo cannocchiale, le cose erano un po meno complicate di oggi. Ma alle origini di ciò che oggi vediamo nei cieli c è il suo iniziale, solitario gesto di coraggio intellettuale. Per prestare fede a ciò che si vede con il cannocchiale, bisogna credere che quello 4

5 strumento serva non a deformare, ma a potenziare la vista. Bisogna considerare gli strumenti come una fonte di conoscenza, abbandonare l antico, radicato punto di vista antropocentrico che considera il guardare naturale degli occhi umani come un criterio assoluto di conoscenza. Cosa importa, scrive Galilei, se il lume dei Pianeti Medicei non arriva a terra? Il fatto che ci siano oggetti non luminosi per noi implica forse che quegli oggetti non esistano? E invece può darsi «che tali stelle veggon le aquile o i lupi cervieri, che alla debil vista nostra rimangono occulte». 4. Il mondo sbriciolato Già nel 1539 Lutero, in uno dei Discorsi a tavola fa riferimento a «un astronomo da quattro soldi» che sostiene che la Terra si muove, intende sovvertire tutta l'astronomia, si pone in contrasto con il testo della Scrittura ove si dice che Giosuè ordinò al Sole, e non alla Terra, di fermarsi. Sei anni dopo la pubblicazione del capolavoro di Copernico, Filippo Melantone, negli Initia doctrinae physicae, ribadisce che coloro i quali credono che l'ottava sfera e il Sole non ruotino attorno alla Terra sostengono argomenti empi e pericolosi contrari all'onestà e alla decenza. Calvino, senza mai citare Copernico, riaffermava energicamente il valore letterale delle Scritture. Si è molto discusso sull'atteggiamento di protestanti e cattolici di fronte al copernicanesimo. Una delle leggende storiografiche più diffuse è quella che afferma la sostanziale indifferenza al problema della Curia Romana e dei teologi scolastici. Solo tre anni dopo la morte di Copernico, nel 1546, il domenicano Giovanni Maria Tolosani, legato a Bartolomeo Spina, maestro del Sacro Palazzo e per l'occasione portavoce quasi ufficiale delle reazioni della Curia, prendeva energicamente posizione contro il nuovo sistema nel De veritate Sacrae Scripturae (che è rimasto inedito fino al 1975). Il copernicanesimo, agli occhi di Tolosani, ha un difetto costitutivo ed essenziale: viola il fondamentale e irrinunciabile principio della subalternatio scientiarum in base al quale «una scienza inferiore ha bisogno della scienza superiore». Non si tratta di una questione di poco conto. La prima delle scienze, la teologia, offre al cosmologo una descrizione della struttura fisica dell'universo e nessuna scienza può essere in contrasto con la teologia: «Copernico, abile nella scienza matematica e astronomica, è difettoso nelle scienze fisiche e dialettiche, ed è imperito nelle Scritture». Il testo del Tolosani verrà letto con cura da un altro domenicano, Tommaso Caccini, la cui violenta presa di posizione, espressa nella predica del 20 dicembre 1614 in Santa Maria Novella, è alle radici della condanna del 1616 che dichiarava «stolta ed assurda in filosofia e formalmente eretica» la teoria di Copernico. Nella Dedica a Paolo III, Copernico ne aveva invocato l'autorità e il giudizio perché «impedisse il morso dei calunniatori, nonostante sia proverbiale che non c'è rimedio alcuno contro il morso dei sicofanti» (cfr., Camporeale, ; Garin, 1975, ). I morsi si faranno, col tempo, molto numerosi, ma, come sempre di fronte al nuovo, non mancarono caute adesioni di specialisti, entusiasmi assai forti anche se tecnicamente poco fondati, sdegnati rifiuti e, soprattutto, manifestazioni di smarrimenti e di incertezze. Il De revolutionibus fu ripubblicato a Basilea nel 1556 (tredici anni dopo la prima edizione) con in appendice la Narratio prima di Rheticus che era il testo che meglio serviva ai lettori non specialisti per intendere il significato del nuovo sistema del mondo. Le Tavole pruteniche di Reinhold (1551) furono riviste e ampliate nel L'anno precedente era stato pubblicato a Londra The castle of knowledge del medico e matematico Robert Recorde (1510 ca ). Nel dialogo tra un Maestro e uno Scolaro, il primo afferma che è prematuro discutere del moto della Terra, dato che l'idea della sua immobilità è così fortemente penetrata nelle menti da far apparire folle la tesi opposta; il secondo nega che siano sempre vere le opinioni accolte da molti. Gli astronomi furono in genere molto cauti. Respinsero (con le due grandi eccezioni di Keplero 5

6 e di Galilei) l'idea stessa di una dichiarazione di superamento del sistema tolemaico. Dopo il successo delle nuove tavole, predominava fra di essi l'atteggiamento di Thomas Blundeville il quale affermava (nel 1594) che con l aiuto di una falsa ipotesi Copernico era riuscito a dare dimostrazioni più esatte di quanto non fosse mai stato fatto prima. Può far dispiacere agli astronomi, ma le linee di demarcazione fra chi rifiuta o accetta il copernicanesimo, o esprime incertezze di fronte al nuovo, non coincidono affatto con quelle che separano gli astronomi professionali dai filosofi o dai letterati. I primi sostenitori della verità copernicana, in Inghilterra, non sono certo facilmente inseribili fra i «moderni» o gli assertori di un nuovo metodo scientifico. Robert Recorde, che già abbiamo ricordato, concepisce l'astronomia come un ancella dell astrologia; il matematico copernicano John Dee è autore, oltre che di una celebre prefazione a Euclide, della Monas hieroglyphica (1564) che intende svelare i segreti delle virtù sovracelesti attraverso i misteri della Cabala, le composizioni numeriche dei Pitagorici e il Sigillo di Ermete; a Ermete Trismegisto, e al poema Zodiacus vitae (1534) del ferrarese Palingenio Stellato si richiama Thomas Digges che nella Perfit description of caelestiall orbes, aggiunta nel 1576 al Prognostication everlasting del padre Leonhard, parla di una immobile orbita delle stelle fisse che si estende infinitamente verso l'alto e che egli concepisce come «il palazzo della felicità e la vera corte degli angeli celesti privi di affanni, che riempiono la dimora degli eletti». Intorno al 1585, Giordano Bruno si era fatto difensore, in Inghilterra, della visione copernicana del mondo. Nella Cena delle ceneri, nel De l'infinito, universo e mondi (1584) aveva presentato la teoria di Copernico sullo sfondo della magia astrale e dei culti solari, aveva associato il copernicanesimo con la tematica presente nel De vita coelitus comparanda di Marsilio Ficino, aveva visto nel «diagramma» copernicano il «geroglifico» della divinità: la Terra si muove perché vive attorno al Sole; i pianeti, come stelle viventi, compiono con essa il loro cammino; altri innumerevoli mondi, che si muovono e vivono come grandi animali, popolano l'infinito universo. Nei testi di William Gilbert, anch egli in qualche modo «copernicano non mancavano temi vitalistici né richiami a Ermete, Zoroastro, Orfeo. Nell Università di Salamanca, gli statuti del 1561 stabilivano che il corso di matematica doveva comprendere Euclide, e Tolomeo o Copernico, a scelta degli studenti. Sembra che Copernico non venisse scelto quasi mai. E il caso di Salamanca è davvero eccezionale. Nelle università, anche dei paesi protestanti, i due (o tre) sistemi del mondo vengono insegnati, l'uno accanto all'altro, fino alle ultime decadi del Seicento. Va anche ricordato che i negatori della realtà delle sfere celesti (fra il 1600 e il 1610) non appartengono (come è il caso di Gilbert, Brahe, Rothmann) al mondo accademico. Nei manuali di astronomia il numero dei negatori delle sfere aumenta in modo vistoso solo nel corso degli anni Venti del Seicento e quella dottrina viene definitivamente abbandonata solo nel corso degli anni Trenta. Quando Giordano Bruno, nel 1583, tenne una lezione all Università di Oxford, Gorge Abbot scrisse quanto segue: «Quell omiciattolo italiano intraprese il tentativo, fra le moltissime altre cose, di far stare in piedi l'opinione di Copernico, per cui la terra gira, e i cieli stanno fermi; mentre in verità, era piuttosto la sua testa che girava, e il suo cervello che non stava fermo». L'accettazione, da parte della cultura, del nuovo sistema del mondo comportava la risposta a difficili domande. Che non erano soltanto di carattere astronomico. Fa parte della grandezza di Galilei e di Keplero la loro decisa scelta copernicana. Entrambi riconobbero Copernico come il loro maestro. Entrambi dettero contributi decisivi a confermare la rivoluzione astronomica alla quale egli aveva dato inizio. Ma anche i loro contributi faticarono non poco ad aprirsi una strada. I versi della Anatomy of the world (1611) di John Donne, tante volte citati, danno alta espressione allo smarrimento, che molti condivisero, di fronte alle novità che interpretarono come un crollo e come una tragica fine: 6

7 La nuova filosofia richiama tutto in dubbio l'elemento Fuoco è per intero spento, il Sole è perduto e la Terra; e in nessun uomo la mente gli insegna più dove cercarla. Spontaneamente gli uomini confessano che è consumato questo mondo, quando nei pianeti e nel firmamento cercano in tanti il nuovo. E vedono che il mondo è ancora sbriciolato nei suoi atomi. Tutto va in pezzi, ogni coerenza è scomparsa, ogni giusta provvidenza, ogni relazione: principe, suddito, padre, figlio sono cose dimenticate, perché ogni uomo pensa d'esser riuscito, da solo, a essere una Fenice... (J. Donne, 1933, 202) 5. Oggetti della scienza e oggetti della storia della scienza Come fu già affermato da Ludwik Fleck, nel lontano 1935, quanto più un determinato campo del sapere si presenta come fortemente strutturato, tanto più i concetti che in esso sono presenti diventano coerenti con l insieme e suscettibili di definizioni reciproche che rinviano di continuo l una all altra. Questa rete di concetti dà luogo, nelle cosiddette scienze «mature», ad una sorta di intreccio inestricabile, a qualcosa che assomiglia non ad una raccolta di frasi, ma alla «struttura di un organismo». In quella struttura tutte le singole parti adempiono ad una specifica funzione e nessuna parte può essere tolta senza danno per l insieme. Le parti sono in continua reciproca interazione e l organismo deriva da uno sviluppo comune. Ad una certa distanza dalla sua nascita e al termine di un ciclo di sviluppo, quando una scienza si è assestata nella sua specificità e come tale viene riconosciuta, le fasi iniziali dello sviluppo non appaiono più facilmente comprensibili: l inizio viene compreso ed espresso in modi assai diversi da come era stato compreso ed espresso agli esordi del processo. Vale la pena di fermarsi su questo punto che ha un importanza decisiva. Anche quando si usa una stessa parola e il referente sembra lo stesso, l oggetto di una scienza non coincide affatto con l oggetto di cui parla la storia della scienza. Un opera storica come The meaning of fossils di M.J.S. Rudwick (1976) non parla dei fossili nello stesso modo in cui ne parla un trattato di paleontologia del ventesimo secolo. Quel libro prende in considerazione discorsi sulla natura dei fossili che non coincidono affatto con quelli nei cui termini i fossili sono divenuti oggetti della paleontologia una volta che essa si è costituita come scienza ed ha costruito, sulla base di una specifica definizione-teoria, il suo specifico. Lo stesso vale, ovviamente, per la caduta dei gravi o l evoluzione delle specie viventi, per gli elementi della chimica o la nozione di cristallo. Quando una scienza si è saldamente costituita, gli specialisti di quella scienza dimenticano il passato del loro proprio sapere, soggiacciono tutti ad una stessa illusione: pensano che la loro specialità sia esistita da sempre. Questa è un illusione tipica alla quale si potrebbe agevolmente applicare la definizione vichiana della «boria dei dotti [...] i quali, ciò ch essi sanno, vogliono che sia antico quanto il mondo». La storia delle origini è infatti una storia difficile, dato che «è proprietà della mente umana ch ove gli uomini delle cose lontane e non conosciute non possono fare niuna idea, le stimano dalle cose lor conosciute e presenti» (G.B. Vico, Scienza Nuova Terza, paragrafi 127, 122). I cultori di una specifica scienza recuperano alcuni oggetti ed alcuni temi da una varietà di testi 7

8 che appartengono ad epoche molto diverse e a terreni oltremodo eterogenei. Non tengono in alcun conto il fatto che il loro specialismo non esisteva ancora o si stava faticosamente formando. Il caso che conosco meglio, che è quello della geologia, appare davvero esemplare. Nelle parti introduttive dei manuali e nei due o tre libri ormai classici di storia della geologia vengono, su queste basi, tracciate le linee di sviluppo di oggetti immaginari. Nella storia (o pseudostoria) di quell oggetto immaginario tutto diventa facile, lineare, progressivo. La realtà non pone ostacoli all onnipotenza dell epistemologia: dopo aver osservato le cose si elaborano teorie e le teorie nuove abbracciano fatti nuovi. Le ipotesi troppo audaci, le «superstizioni», i «romanzi di fisica», le discussioni su ciò che è o non è scienza e su ciò che è o non è «fatto» per la scienza non trovano mai, in queste storie di comodo, diritto di cittadinanza. Non voglio infliggere ai lettori considerazioni attinte al mio proprio specialismo. Chiuderò subito l argomento con una citazione tratta da una recensione al mio libro The dark abyss of time (cfr. Secord, 1985, 685) «Chiunque ha familiarità con lo sviluppo della scienza negli ultimi decenni, sa che i confini tra le discipline non sono statici. Le scienze si avvicinano e si allontanano l una dall altra. Si frammentano, scompaiono e si raggruppano in nuovi oggetti e specialità. Basta retrocedere di trecento anni e i mutamenti non concernono solo le scienze, ma l intero mondo della conoscenza umana. Cosa c è per esempio di comune fra gli ammoniti fossili, la scrittura cinese e le piramidi egiziane? Questa domanda suona assurda ad orecchi moderni perché questi argomenti appartengono ora a specialità scientifiche fortemente distinte fra le quali ogni rapporto sembra frutto del caso. Ma nel secolo XVII l affinità fra quegli argomenti non era un enigma, ma un modo della vita intellettuale dato per acquisito. I fossili, le lingue antiche e i relitti delle civiltà perdute trovavano tutti posto in uno studio unificato del passato: erano i segni del tempo». Facendo riferimento a questo stesso libro S.J. Gould ha scritto che esso «mostra in modo convincente che la scoperta del tempo profondo combinò le percezioni di quelli che noi oggi chiamiamo geologi con quelle di archeologi, storici, e linguisti, oltre che teologi» (Gould, 1989, 16). 6. Attaccamento al magico Una nuova verità scientifica non trionfa perché convince i suoi oppositori e li porta a vedere la luce, ma perché capita che i suoi oppositori muoiano e si faccia avanti una generazione nuova alla quale quella verità è diventata familiare» (Planck, 1949, 33-34). I nostri attaccamenti non riguardano solo teorie in crisi o teorie invecchiate. Non hanno solo a che fare con la difficoltà di cambiare il nostro sguardo sul mondo, di abbandonare ciò che per secoli o per decenni abbiamo considerato solido e indiscutibile. Siamo ancora, in forme varie, ancora attaccati al lontano mondo che sta prima della nascita di ciò che chiamiamo scienza. Hegel lo aveva visto con chiarezza: «i momenti che lo Spirito sembra avere dietro di sé, Esso li ha anche nella sua profondità presente» (Hegel, 1836, 190). Nell Uganda del Nord, non lontano dal Nilo, Sebuya ha un incidente di macchina e muore. Perché quella sera è morto proprio lui fra i milioni di macchine guidate da persone che in tutto il mondo sono arrivate tranquillamente a casa? Dicono che i freni della sua macchina si sono rotti. Ma perché si sono rotti proprio a lui? Certo non si può, come fanno i bianchi, chiudere l'argomento con la stesura di un verbale. Non c è il minimo dubbio sul fatto che Sebuya è morto perché qualcuno lo ha voluto morto e gli ha fatto un incantesimo. L unico e vero problema è sapere chi è questo qualcuno. In genere, e anche di questo è davvero difficile dubitare, si tratta di uno stregone. Ne esistono due specie. Il primo tipo è anche il più pericoloso e viene designato in inglese col termine witch. È il diavolo in sembianze umane: è un personaggio molto minaccioso. Né l'aspetto né il comportamento tradiscono la sua natura satanica. Non indossa abiti particolari e non ha strumenti magici. Non confeziona pozioni, non prepara 8

9 veleni, non cade in trance e non compie incantesimi. Questo tipo di mago agisce per mezzo della forza psichica che possiede fin dalla nascita. È una caratteristica della sua personalità. È un fatto che operi il male e porti disgrazia, ciò non è frutto di una sua scelta, non gli causa piacere: lui è così e basta. Se gli stiamo vicini, gli basta guardarci. La distanza non gli crea alcun impedimento. Può mandare incantesimi da molto lontano, fino all altro capo dell Africa o ancora più in là. Il sorcerer è invece uno stregone professionista per il quale fare incantesimi è una pratica o un mestiere. Non ha in sé le forze distruttrici delle quali dispone il witch. Il problema principale, per la famiglia di Sebuya, non è stabilire se i freni fossero buoni, ma se gli incantesimi che hanno provocato la sua morte siano stati gettati da uno stregone-diavolo o da un mago o stregone di mestiere. Se Sebuya è morto per colpa di uno stregone-diavolo, si tratta di una tragedia per la sua intera famiglia e per il suo clan. La maledizione è caduta su un intera collettività e la morte di Sebuya è solo il primo atto di una tragedia che è appena iniziata. Se invece Sebuya è morto per volere di uno stregone mestierante, che può colpire e distruggere solo una persona singola, famiglia e clan possono dormire sonni tranquilli (Kapuscinski, 2000, ). Siamo sulla Terra (poco mutati al momento della nascita) da almeno diecimila anni. Ma la nostra scienza ha poco più di trecento anni. Per più di novemila anni ci siamo affidati alla magia. Non dobbiamo dimenticarlo perché solo questo vale a darci il senso che la scienza non è una forma eterna dello spirito, ma solo qualcosa che abbiamo creato e che possiamo distruggere o perdere inconsapevolmente. Il magico non sta soltanto dietro di noi. Sta anche dentro di noi. Ci sta in modo inaspettato e profondo. E cercherò di renderlo evidente nelle seguenti quattro righe. Quando ci coglie un inattesa sventura o una grave malattia, la prima cosa che pensiamo, la prima domanda che ci facciamo, che tutti si fanno, ha molto poco a che fare con le domande della scienza. È ancora quella di diecimila anni fa, è quella degli odierni familiari e amici di Sebuya: Perché proprio a me? SINTESI Una volta trovata la soluzione di un problema scientifico, i precedenti tentativi volti a trovarla diventano un peso inutile. Ma se vogliamo fare storia di una scienza dobbiamo occuparci non di come pensiamo noi, ma soprattutto di come pensavano loro. Per capirli, dobbiamo rovistare entro discorsi che apparirebbero oggi superati o insensati. La storia della scienza è piena di asserzioni che riguardano oggetti che sono scomparsi dai manuali e che sono di conseguenza scomparsi anche da ciò che consideriamo mondo reale. Ad una certa distanza dalla sua nascita e al termine di un ciclo di sviluppo, quando una scienza si è assestata nella sua specificità e come tale viene riconosciuta, le fasi iniziali dello sviluppo non appaiono più facilmente comprensibili. Restiamo tenacemente attaccati alle vecchie teorie. Max Planck, dopo una vita intessuta di polemiche sulla fisica quantistica, scrisse nella sua autobiografia che le nuove teorie si affermano solo quando muoiono i sostenitori delle teorie precedenti. In realtà, in forme varie, siamo ancora addirittura attaccati al lontano mondo che sta prima della nascita di ciò che chiamiamo scienza. Come Hegel aveva visto con chiarezza: «i momenti che lo Spirito sembra avere dietro di sé, esso li ha anche nella sua profondità presente». PAROLE CHIAVE: Epistemologia, dogmatismo, storia della scienza. BIBLIOGRAFIA Camporeale S. ( ). Umanesimo e teologia tra '400 e '500. in Memorie Domenicane, 8-9, 411. Donne J. (1611). Anatomy of the world. In H.J.C. Grierson (a cura di), Poems. Londra, Fleck L. (1935). Genesi e sviluppo di un fatto scientifico, Bologna, Il Mulino, Garin E. (1975). Rinascite e rivoluzioni. Movimenti culturali dal XIV al XVIII secolo. Bari, Laterza. Gould S.J. (1989). La freccia del tempo e il ciclo del tempo: mito e metafora nella scoperta del tempo geologico, Milano, Feltrinelli,

10 Hegel G.G.F. (1836). Lezioni sulla filosofia della storia, Firenze, La Nuova Italia, Kapuscinski R. (2000). Ebano. Milano, Feltrinelli. Kuhn T. (1969). La struttura delle rivoluzioni scientifiche. Torino, Einaudi. Kuhn T. (1985). La tensione essenziale: cambiamenti e continuità nella scienza. Torino, Einaudi. Pagel W. (1945). The vindication of rubbish. Middlesex Hospital Journal, XLV, Planck M. (1949). Scientific autobiography and other papers. New York, Phil. Library. Rossi B. (1990). L enigma dei raggi cosmici. Roma-Napoli, Theoria. Rossi P. (1984). The dark abyss of time. Chicago, University of Chicago Press. Rudwick M.J.S. (1976). The meaning of fossils: episodes in the history of paleontology. New York, Neal Watson. Secord J. (1985). Temporal questions. Nature, 316,

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn

Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Tra scienza normale e paradigmi : il linguaggio della scienza secondo Kuhn Martina Aicardi Kliton Marku Classe 4H Docente coordinatore Prof. Bellonotto Liceo Scientifico O. Grassi Savona, 21 maggio 2013

Dettagli

LA SCIENZA E LA SUA STORIA di Paolo Rossi Monti Lectio magistralis, 6 settembre 2010 - annuncio dei Premi Balzan 2010

LA SCIENZA E LA SUA STORIA di Paolo Rossi Monti Lectio magistralis, 6 settembre 2010 - annuncio dei Premi Balzan 2010 1 LA SCIENZA E LA SUA STORIA di Paolo Rossi Monti Lectio magistralis, 6 settembre 2010 - annuncio dei Premi Balzan 2010 Ringrazio Salvatore Veca, che conosco da quando era appena laureato, nonché tutti

Dettagli

STORIA DEL PENSIERO SCIENTIFICO II (50550)

STORIA DEL PENSIERO SCIENTIFICO II (50550) STORIA DEL PENSIERO SCIENTIFICO II (50550) docente Flavia Marcacci a.a. 2011-12 La rivoluzione del telescopio: dal Sidereus nuncius agli inizi della questione galileiana Lezione 7 Dispense ad uso esclusivamente

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

SCIENZE. Il Sistema Solare. Introduzione. il testo: 2012/2013 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 Introduzione è formato dal Sole, da otto pianeti e da altre parti di materia (vedi figura 1). Figura1.. Tutte le parti del Sistema Solare si sono formate quasi 5 miliardi di anni fa. Esse si sono formate

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

E poi c è anche il resto dell Universo

E poi c è anche il resto dell Universo E poi c è anche il resto dell Universo Proposta di collaborazione ai docenti di Scienze delle ultime classi dei Licei e delle Scuole tecniche I programmi delle Scuole Superiori comprendono un ampio panorama

Dettagli

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta.

Il Sistema Solare. Il suo diametro è di 1400000Km e la sua massa è pari a 328000 volte la massa del nostro pianeta. Il Sistema Solare Il Sole Il Sole è nato circa cinque miliardi d anni fa e, secondo gli scienziati, vivrà per altri cinque miliardi di anni. Esso ci appare come un enorme palla di fuoco solo per la sua

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Verità convenzionale e realtà ultima *

Verità convenzionale e realtà ultima * 17 Verità convenzionale e realtà ultima * Gli organi dei sensi ci rappresentano il mondo circostante in maniera distorta; sono come delle lenti deformanti. Ciò è dovuto al fatto che nella nostra fase di

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado

Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di. primo grado Il signor Galileo e il suo cannocchiale Laboratorio per la scuola secondaria di primo grado Premessa per i docenti L'intento con cui è stato preparato questo materiale è quello di fornire i presupposti

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso 3. I tempi del viaggio di Dante Dante vuole espressamente che al suo viaggio, un esperienza reale e concreta (come per es. nella Bibbia il passaggio

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Galileo Galilei. Anna-Cinzia Colavita

Galileo Galilei. Anna-Cinzia Colavita Galileo Galilei Anna-Cinzia Colavita Padova, 1610 (all inizio dell anno) : un uomo osserva il cielo dalla finestra - rivoluzionerà lo stato delle conoscenze astronomiche e scientifiche. Si può considerare

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Gianni Francioni LAUDATIO DI PAOLO ROSSI PER IL CONFERIMENTO DELLA LAUREA HONORIS CAUSA IN FILOSOFIA

Gianni Francioni LAUDATIO DI PAOLO ROSSI PER IL CONFERIMENTO DELLA LAUREA HONORIS CAUSA IN FILOSOFIA Gianni Francioni LAUDATIO DI PAOLO ROSSI PER IL CONFERIMENTO DELLA LAUREA HONORIS CAUSA IN FILOSOFIA A partire dai suoi primi studi dedicati negli anni Cinquanta alla rivoluzione scientifica, affrontata

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Cosa i libri ci raccontano

Cosa i libri ci raccontano Cosa i libri ci raccontano Molto spesso, quando apriamo un libro, non abbiamo voglia di leggerlo a causa delle troppe parole inserite in modo casuale nelle infinite pagine. Attraverso i libri portati per

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012.

Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. Recensione di A. Mutti, Spionaggio. Il lato oscuro della società, Il Mulino, Bologna 2012. di Giacomo Fabiani e Vera Facchinutti, 5 F Sull'onda della moda esplosa negli ultimi anni degli studi sui servizi

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Introspezione soggettiva e oggettiva

Introspezione soggettiva e oggettiva Introspezione soggettiva e oggettiva "Togliete i nasi ha detto una volta Galilei e spariranno anche gli odori". Quel che ha omesso di dire, però, è che, togliendo gli odori, sparirebbero anche i nasi (parafrasando

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Stephen W. Hawking. La teoria del tutto. Origine e destino dell universo

Stephen W. Hawking. La teoria del tutto. Origine e destino dell universo Stephen W. Hawking La teoria del tutto Origine e destino dell universo Proprietà letteraria riservata 1996 by Dove Audio, Inc. 2002 by New Millennium Press First published under the title The Cambridge

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche

IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche IL SENSO DEL CAMMINO metodo, dinamica, caratteristiche 1. Il metodo Numerose comunità di base pongono al centro delle loro riunioni la Bibbia e si propongono un triplice obiettivo: conoscere la Bibbia,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Contributi di Galileo

Contributi di Galileo Contributi di Galileo Gianluigi Bellin February 11, 2012 In queste note ci basiamo sul libro di Stillman Drake, Galileo Studies,The University of Michigan Press, Ann Arbour, 1970 oltre che sul libro di

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Il cannocchiale di Galileo

Il cannocchiale di Galileo Il cannocchiale di Galileo Test Qui di seguito è stato raccolto il materiale relativo ai Test di verifica dei contenuti presenti nelle sezioni Storia e Simula dell applicazione. I testi sono a cura dell

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti didattici digitali in classe

TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti didattici digitali in classe CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI (CORSO A ) Torino, Istituto Majorana, Via Frattini 11 Anno Scolastico 2011/2012 ALLIEVO: GIOVANNI NICCO CLASSE: A049 Matematica e Fisica TITOLO ATTIVITA': Usare contenuti

Dettagli

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità

SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA. L esempio di un cittadino nell antichità SOCRATE E LE LEGGI DELLA CITTA L esempio di un cittadino nell antichità Poiché Socrate non ha lasciato testi scritti, conosciamo la sua vita e il suo pensiero attraverso le opere di Platone, famoso filosofo,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Bambini e ragazzi tra scienza e fede

Bambini e ragazzi tra scienza e fede Bambini e ragazzi tra scienza e fede Come educarli a un approccio equilibrato e serio 1) ALLA RICERCA DELLA VERITÀ L uomo è da sempre alla ricerca della verità su ogni cosa : del proprio corpo, di ciò

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf Scuola dell Infanzia ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 Accademia degli Euteleti DELLA CITTÀ DI SAN MINIATO Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 a cura di Federico Tognoni Premessa di Mara Roani Introduzione di Lucia Tongiorgi Tomasi Edizioni ETS www.edizioniets.com

Dettagli

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI!

17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! 17. UNO, CENTO, MILLE PIANETI! IL TI-ENNE-GI SUL VULCANO Con quella tua giravolta, navicella imbranata, sembravi ubriaca peggio di un pirata! Siamo finiti in un cratere rosso e arancione: ho fame, ho sete

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete

Lo studio digitale. Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Lo studio digitale Riambientare la didattica in una pratica e una logica di rete Roberto Maragliano Università degli Studi Roma Tre r.maragliano@gmail.com Le tecnologie possono essere viste come veicoli.

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA

GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA GIACOMO LEOPARDI MATERIALISMO E RELIGIONE CRISTIANA scelta ragionata dallo Zibaldone Introduzione di Dante Lepore cm. 14x21, pp. 100 Offerta minima 10 *** Leopardi mette in guardia dal ruolo nefasto della

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Il cielo sopra la Cina

Il cielo sopra la Cina Il cielo sopra la Cina 1. Breve introduzione Il cielo stellato accomuna i bambini di tutta la Terra perché ogni notte le stelle brillano sulle teste di ognuno, ricco, povero, cittadino o campagnolo, grande

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA

IL SISTEMA SOLARE. Obiettivi: Livello linguistico: B1. Strategie di studio: lettura selettiva ATTIVITÁ DI PRE-LETTURA IL SISTEMA SOLARE LC.17.03.06 Prerequisiti: conoscenza del sistema metrico decimale e delle figure geometriche conoscenza simboli chimici capacità di lettura di mappe concettuali Obiettivi: fare ipotesi

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

la Scienza dal vivo TORINO UNIVERSITÀ DI TORINO CITTÀ DI

la Scienza dal vivo TORINO UNIVERSITÀ DI TORINO CITTÀ DI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA CITTÀ DI TORINO la Scienza dal vivo è un iniziativa della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell Università di Torino da noi

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Intervista a Andrew Wiles

Intervista a Andrew Wiles Intervista a Andrew Wiles di Claudio Bartocci Immagine da http://www.cs.princeton.edu/~dpd/deanoffaculty/depts.html 15 ottobre 2004 La grande passione di Pierre de Fermat - nato nel 1601 in una cittadina

Dettagli

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO

PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA ALTRE VISITE COORDINATE A RICHIESTA SEMPLICITA' E RISPARMIO PROGETTO SCUOLA LEZIONI-SPETTACOLO E LABORATORI IN UN'UNICA USCITA Il Planetario di Padova offre alle scuole di ogni ordine e grado la possibilità di fare varie attività ed esperienze scientifiche, di

Dettagli

Esempi: Se il mio corpo si ferisce, è la mente a sentire il dolore La mia volontà muove il mio corpo La mente sembra essere cosciente del corpo e

Esempi: Se il mio corpo si ferisce, è la mente a sentire il dolore La mia volontà muove il mio corpo La mente sembra essere cosciente del corpo e Il dualismo E una concezione filosofica o teologica che vede la presenza di due essenze o principi opposti ed inconciliabili. Nella filosofia contemporanea, in particolare nell'ambito della filosofia analitica

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli