Novità sensazionali e spasmodici attaccamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità sensazionali e spasmodici attaccamenti"

Transcript

1 Novità sensazionali e spasmodici attaccamenti PAOLO ROSSI 1. Distruggere il passato Tutti gli scienziati delle cosiddette scienze dure tendono a collocare la loro attività sotto il segno di una concezione lineare del progresso. Riscrivono continuamente i loro manuali, ma riscrivono continuamente «una storia all indietro». Perché mai dare valore a ciò che attraverso la costanza e l intelligenza di generazioni di ricercatori è stato possibile abbandonare? Perché collocare fra le cose degne di essere ricordate gli innumerevoli errori di cui è piena la storia umana? Nell ideologia della professione scientifica come Thomas Kuhn mise chiaramente in luce è profondamente radicata una svalutazione della storia (1969, ). Le nuove scoperte provocano la rimozione dei libri e delle riviste «superate» dalla loro posizione attiva in una biblioteca scientifica e il loro spostamento in un magazzino. Una volta trovata la soluzione di un problema i precedenti tentativi rivolti a trovarla perdono attinenza con la ricerca, diventano «un bagaglio eccedente, un peso inutile» che è da accantonare nell interesse stesso della crescita della disciplina. Rispetto al loro proprio passato artisti e scienziati hanno reazioni nettamente divergenti: «Il successo di Picasso non ha relegato i dipinti di Rembrandt nelle cantine dei musei d arte. I capolavori del passato prossimo e di quello più lontano giocano ancora un ruolo vitale nella formazione del gusto del pubblico e nell iniziazione di molti artisti al loro mestiere. Si vedono pochi scienziati nei musei della scienza, la cui sola funzione è, in ogni caso, o di commemorazione o di reclutamento, non di produrre padronanza della professione. A differenza dell arte, la scienza distrugge il suo passato» (Kuhn, 1985, 381, 383). Possiamo anche chiederci: per chi la scienza ha un passato? Ha un passato anche per gli scienziati? Ma è indubbiamente vero che si può arrivare ad un Nobel per la fisica o la biologia senza aver mai letto saggi o libri di fisica o biologia pubblicati più di dieci anni fa. Tutti gli scienziati ovviamente sanno che la loro scienza ha un passato e nutrono una spiccata venerazione per i loro padri fondatori. Alcuni anche li leggono, ma la diretta lettura di pagine di Newton o di Darwin non è loro richiesta per essere qualificati o stimati in quanto scienziati. Chi legge quelle pagine è più colto. Ma leggere o non leggere direttamente Newton è un po come ascoltare o non ascoltare musica. Fino a poco più di mezzo secolo fa la maggioranza dei libri di storia della scienza avevano di storico soltanto il titolo. In quei libri, lo stesso, identico contenuto di un manuale di astronomia o di fisica o di chimica veniva esposto, anziché secondo l ordine sistematico che normalmente caratterizza i manuali, secondo l ordine cronologico delle «scoperte» effettuate. Principalmente per questa ragione, persone che non avrebbero mai dato la parola in un loro congresso a dei dilettanti in una qualche materia scientifica, ritenevano invece del tutto ovvio e naturale che un professore di astronomia o fisica o chimica o medicina, felicemente giunto all età della pensione, si improvvisasse storico dalla mattina alla sera e assolutamente digiuno di ogni esperienza di studi storici e privo di ogni precedente contatto con il mondo degli storici di professione si mettesse di buona lena a scrivere un massiccio 1

2 libro di storia. Ho detto che la grande maggioranza di quei vecchi libri di storico ha solo il nome storia scritto sulla copertina. Per esporre la fisica di Galileo o quella di Newton c è davvero bisogno di andare in biblioteca e aprire uno dei massicci volumi delle loro opere? Non si fa prima a richiamarsi a ciò che è davvero rilevante, ovvero alle loro scoperte (così come contenute in un buon manuale di fisica e di astronomia), a cercare una qualche notizia sulla loro biografia? Ad aggiungere, se possibile, un qualche gustoso aneddoto? A completare poi il tutto con un pubblico ed entusiastico elogio ad un grandissimo o grande o quasi grande o anche solo rispettabile eroe del pensiero? Walter Pagel, che è stato il maggior studioso di storia della medicina del secolo scorso si rese conto con chiarezza di questa situazione e pubblicò nel 1945 nel Middlesex Hospital Journal un celebre articolo che aveva uno strano titolo «The vindication of rubbish» che si può appropriatamente tradurre in italiano come Una difesa della spazzatura. Quel titolo voleva dire una cosa molto semplice che è stata troppo spesso dimenticata: se vogliamo fare storia dobbiamo occuparci non di come pensiamo noi, ma soprattutto di come pensavano loro. Spesso, loro, consideravano evidenti cose che per noi non lo sono affatto. Per capirli, dobbiamo anche rovistare entro discorsi che apparirebbero oggi superati o addirittura insensati. Dobbiamo interessarci a cose che sono state dimenticate e che i nostri antenati e predecessori hanno tentato di far scomparire dal mondo. Non dovremmo dimenticare mai che le distinzioni fra le discipline costituite non sono sempre passate nei luoghi stessi in cui passano oggi; che le verità che troviamo presentate come delle ovvietà nei manuali delle varie scienze sono sempre dei risultati; che quei risultati hanno alle spalle processi lunghi e complicati e che dietro ciascuno di quei risultati sono presenti lotte, contrasti, difficoltà, tentativi di individuare situazioni di crisi e di uscire da esse. In molti libri di filosofia e di storia della scienza ricorrono due citazioni (l una di un grande filosofo, l altra di un grande scienziato del Novecento). Riguardano entrambe, in modi diversi, il carattere centrale di questa dimensione della dimenticanza e la sua necessità nella e per la scienza. Alfred North Whitehead affermò che «una scienza che non esita a dimenticare i suoi fondatori è perduta». Max Planck, dopo una vita intessuta di polemiche sulla fisica quantistica, scrisse nella sua autobiografia che le teorie mutano quando muoiono i suoi sostenitori. La prima di queste due citazioni esprime in modo lapidario la necessità di un andare oltre, che è anche un allontanarsi, una riformulazione di problemi, una continua e radicale reinterpretazione dei risultati raggiunti. La seconda citazione esprime invece sfiducia verso un progresso concepito (sulla base del modello delle «piccole aggiunte») come una continuità lineare. Le rivoluzioni, anche nella scienza, possono essere molto traumatiche e implicare modi di pensare non familiari che appaiono del tutto «inaccettabili» a coloro che hanno avuto una formazione condotta sui manuali che non avevano ancora inglobato la svolta o la rivoluzione. Solo una formazione nuova, condotta sui manuali che hanno «inglobato» la rivoluzione, può vincere l attaccamento a ciò che è familiare, le resistenze al nuovo. Proprio l assenza di memoria, che è tipica della giovinezza, rende più facile, quando si congiunge con gli aspetti «dogmatici» dell insegnamento, un accettazione non traumatica dei risultati delle rivoluzioni. Al fisico italiano Bruno Rossi è stata posta, nel 1990, una domanda che faceva riferimento alla meccanica quantistica negli anni Trenta, quando egli, poco più che ventenne, studiava a Firenze: «Se ne parlava, naturalmente. Non se ne discuteva però dal punto di vista filosofico: al contrario dei fisici più anziani non avevamo infatti nessuna difficoltà ad accettare le nuove teorie, esse ci sembravano molto naturali» (Rossi, 1990, 37). 2

3 2. Oggetti che scompaiono A differenza dei suoi contemporanei (ivi compreso Galilei), Tycho Brahe pensava che le comete non fossero identificabili con «vapori», che fossero invece corpi solidi e pertanto (giacché quei corpi attraversano le sfere) le sfere non avessero esistenza reale. In questo senso si può dire che Tycho ha scoperto l inesistenza delle sfere celesti, anche se impieghiamo la parola scoprire (con minori problemi) in relazione ad oggetti nuovi, come per esempio i satelliti di Giove scoperti da Galilei e il Nuovo Mondo scoperto da Cristoforo Colombo. Quasi sempre le «scoperte» ci appaiono creative perché ci mostrano che il mondo è diverso da come si riteneva prima: affermano e, contemporaneamente, negano. Quando Galilei scopre la natura della Via Lattea ci dice contemporaneamente che essa è fatta di una moltitudine di piccole stelle e che pertanto non è una specie di vapore fumoso. Quando guarda la superficie della Luna ci dice contemporaneamente che è simile a quella della Terra e che pertanto la Luna non é una perfetta sfera lucida. Quando Champollion decifra la scrittura geroglifica ci dice a quali immagini e a quali suoni quei simboli corrispondono e ci dice anche che i geroglifici non sono tutti ideogrammi e non sono una forma di scrittura segreta inventata da antichissimi sacerdoti per nascondere al volgo divine verità. La storia della scienza è piena di asserzioni che riguardano oggetti che sono scomparsi dai manuali e che sono di conseguenza scomparsi anche da ciò che consideriamo «mondo reale». Se invece di praticare una scienza, ci interessiamo alla sua storia, incontriamo spesso teorie che hanno avuto successo e che avevano al loro centro «oggetti» designati da termini che consideriamo oggi privi di un referente. Nomi che furono intesi come designatori rigidi perdono (in qualche caso abbastanza all improvviso) la loro capacità referenziale. La storia della scienza non è soltanto piena di teorie che sono state abbandonate. È anche piena di entità che furono ritenute reali e si sono poi rivelate inesistenti. Le potenze angeliche che muovono le sfere, le anime motrici dei pianeti o del Sole (a quest ultima crede anche Keplero), la sfera delle stelle fisse (che è, come afferma Keplero, la «pelle» o la «camicia» dell universo); il flogisto e il calorico (di quest ultimo parla ancora Sadi Carnot nel 1824); il «seme femminile» dell embriologia del Settecento; l etere luminifero (che per Thomas Young, nel 1804, passa attraverso tutti i corpi materiali con resistenza minima o nulla, «così come il vento attraverso una foresta»), sono soltanto alcuni di questi oggetti. Se dagli oggetti si passa alle teorie (per esempio: ogni corpo ha bisogno di una forza per rimanere in moto; la Luna non ha nulla a che fare con le maree; i fossili sono una duplicazione di forme già esistenti in natura; la stabilità dei continenti e degli Oceani; l esistenza di una correlazione fra la forma del cranio e le capacità mentali di una persona; la fissità delle specie; la teoria dell atomo vortice o vortice molecolare di Lord Kelvin; la teoria della presenza-assenza nella genetica classica; la tesi accettata fino agli anni Cinquanta del Novecento che spetti un assoluta dominanza all emisfero sinistro del cervello; l identificazione dei raggi cosmici con i raggi gamma; l assunzione della «simmetria di parità» (considerata valida fino al 1956), le eliminazioni appaiono altrettanto frequenti e significative. Nel caso dei nomi di oggetti, come una volta disse con esattezza Enrico Bellone, il referente scompare dal mondo fisico e il nome, cessando di essere un designatore, conserva un significato solo nelle biblioteche. Per quanto riguarda le teorie «abbandonate» le cose sono certo più complicate, ma, anche in quest ultimo caso, il riferimento alle biblioteche è importante. Perché una cosa sembra indubitabile: salvo eccezioni rarissime, quelle teorie, un tempo ritenute vere, considerate confermate dall esperienza, spesso accanitamente difese contro coloro che intendevano negarle o metterle in discussione, non interessano più gli scienziati. Conservano un qualche interesse solo per gli storici. 3

4 3. Perdite di identità Attorno alla Terra (prima di Copernico) ruotano la Luna, Mercurio, Venere, il Sole, Marte, Giove, Saturno. Per poco meno di duemila anni la Luna è stata un pianeta. Nella seconda metà del Cinquecento la Luna perse la sua identità di pianeta e divenne un satellite. Alla metà del Cinquecento era un satellite della Terra per alcuni pochi astronomi e filosofi naturali. Nelle Università di tutta Europa, per una larga parte del Seicento, si continuò a definirla un pianeta. Sono sicuro di aver letto (anche se non ricordo dove) che esiste o esisteva un gruppo di umani dove si pensava (al livello elementare delle esperienze sensibili) che non ci fosse una luna, ma una luna che, ogni sera, è un oggetto singolo, un individuo, sempre diverso dalle precedenti e dalle future lune. Oggi, per tutti quelli che hanno frequentato una scuola, in una qualunque parte del mondo, la Luna è un satellite della Terra. Quando Galileo guarda la superficie della Luna vede che essa è simile a quella della Terra e che la Luna non è (come invece si credeva) una perfetta sfera lucida, fatta di una materia diversa da quella che è presente nel mondo sublunare (vale a dire collocato entro la sfera della Luna). Quando il Sole sorge sulla Luna, illumina solo la cima dei monti più alti e quelle cime appaiono come dei puntini luminosi su una superficie oscura, poi le pianure si illuminano e si allungano le ombre dei monti. La Luna è un altra Terra. Quest ultima frase apparve assurda e inaccettabile a molti. Da sempre l universo era stato pensato come duplice. Dietro la complicata macchina costruita da Aristotele e da Tolomeo stava qualcosa che gli uomini sanno da sempre, da quando per la prima volta hanno alzato gli occhi verso il cielo stellato. Il cosiddetto mondo a due sfere è duplice. C è il mondo terreno compreso entro la sfera della Luna che è il mondo del consumarsi e del finire delle cose, della varietà imprevedibile, della malattia e della morte, del non sapere del futuro. Ma sopra la sfera della Luna c è il mondo celeste dove non ci sono variazioni ma solo regolarità dei moti, dove nulla nasce e nulla si corrompe, ma tutto è immutabile ed eterno. Le stelle, i pianeti (uno di essi è il Sole) che si muovono attorno alla Terra non sono formati dagli stessi elementi che compongono i corpi del mondo sublunare, ma da un quinto elemento divino: l etere o quinta essentia, che è solido, cristallino, imponderabile, trasparente, non soggetto ad alterazioni. Della stessa materia sono fatte le sfere celesti. Sull equatore di queste sfere ruotanti (come «nodi in una tavola di legno») sono fissati il Sole, la Luna, gli altri pianeti. Relativamente al mondo di lassù si possono fare quelle previsioni che, sulla Terra, quasi sempre falliscono. Quel mondo è eterno e immortale, a differenza del nostro disordinato, caotico, imprevedibile e insanguinato mondo. Ciò che si muove in quel mondo segue leggi inviolabili. Quando lassù, in rari casi, appaiono moti imprevisti e imprevedibili (come quando appare nel cielo una Cometa), allora è giusto avere paura e attendersi dolore e malattie, guerre e sventure. Tra gli occhi di un astronomo del nostro tempo che fa uso del telescopio di Hubble e una di quelle lontane galassie che appassionano gli astrofisici e accendono la fantasia di tutti gli esseri umani, in qualche modo costringendoli a pensare l infinito, sono interposti oltre una dozzina di apparati mediatori del tipo: un satellite, un sistema di specchi, una lente telescopica, un sistema fotografico, un apparecchio a scansione che digitalizza le immagini, vari computer che governano riprese fotografiche e processi di scansione e memorizzazione delle immagini digitalizzate, un apparecchio che trasmette a terra queste immagini in forma di impulsi radio, un apparecchio a terra che ritrasforma gli impulsi radio in linguaggio per un computer, il software che ricostruisce l immagine e le conferisce i necessari colori, il video, una stampante a colori e così via. Quando Galilei puntò verso il cielo il suo cannocchiale, le cose erano un po meno complicate di oggi. Ma alle origini di ciò che oggi vediamo nei cieli c è il suo iniziale, solitario gesto di coraggio intellettuale. Per prestare fede a ciò che si vede con il cannocchiale, bisogna credere che quello 4

5 strumento serva non a deformare, ma a potenziare la vista. Bisogna considerare gli strumenti come una fonte di conoscenza, abbandonare l antico, radicato punto di vista antropocentrico che considera il guardare naturale degli occhi umani come un criterio assoluto di conoscenza. Cosa importa, scrive Galilei, se il lume dei Pianeti Medicei non arriva a terra? Il fatto che ci siano oggetti non luminosi per noi implica forse che quegli oggetti non esistano? E invece può darsi «che tali stelle veggon le aquile o i lupi cervieri, che alla debil vista nostra rimangono occulte». 4. Il mondo sbriciolato Già nel 1539 Lutero, in uno dei Discorsi a tavola fa riferimento a «un astronomo da quattro soldi» che sostiene che la Terra si muove, intende sovvertire tutta l'astronomia, si pone in contrasto con il testo della Scrittura ove si dice che Giosuè ordinò al Sole, e non alla Terra, di fermarsi. Sei anni dopo la pubblicazione del capolavoro di Copernico, Filippo Melantone, negli Initia doctrinae physicae, ribadisce che coloro i quali credono che l'ottava sfera e il Sole non ruotino attorno alla Terra sostengono argomenti empi e pericolosi contrari all'onestà e alla decenza. Calvino, senza mai citare Copernico, riaffermava energicamente il valore letterale delle Scritture. Si è molto discusso sull'atteggiamento di protestanti e cattolici di fronte al copernicanesimo. Una delle leggende storiografiche più diffuse è quella che afferma la sostanziale indifferenza al problema della Curia Romana e dei teologi scolastici. Solo tre anni dopo la morte di Copernico, nel 1546, il domenicano Giovanni Maria Tolosani, legato a Bartolomeo Spina, maestro del Sacro Palazzo e per l'occasione portavoce quasi ufficiale delle reazioni della Curia, prendeva energicamente posizione contro il nuovo sistema nel De veritate Sacrae Scripturae (che è rimasto inedito fino al 1975). Il copernicanesimo, agli occhi di Tolosani, ha un difetto costitutivo ed essenziale: viola il fondamentale e irrinunciabile principio della subalternatio scientiarum in base al quale «una scienza inferiore ha bisogno della scienza superiore». Non si tratta di una questione di poco conto. La prima delle scienze, la teologia, offre al cosmologo una descrizione della struttura fisica dell'universo e nessuna scienza può essere in contrasto con la teologia: «Copernico, abile nella scienza matematica e astronomica, è difettoso nelle scienze fisiche e dialettiche, ed è imperito nelle Scritture». Il testo del Tolosani verrà letto con cura da un altro domenicano, Tommaso Caccini, la cui violenta presa di posizione, espressa nella predica del 20 dicembre 1614 in Santa Maria Novella, è alle radici della condanna del 1616 che dichiarava «stolta ed assurda in filosofia e formalmente eretica» la teoria di Copernico. Nella Dedica a Paolo III, Copernico ne aveva invocato l'autorità e il giudizio perché «impedisse il morso dei calunniatori, nonostante sia proverbiale che non c'è rimedio alcuno contro il morso dei sicofanti» (cfr., Camporeale, ; Garin, 1975, ). I morsi si faranno, col tempo, molto numerosi, ma, come sempre di fronte al nuovo, non mancarono caute adesioni di specialisti, entusiasmi assai forti anche se tecnicamente poco fondati, sdegnati rifiuti e, soprattutto, manifestazioni di smarrimenti e di incertezze. Il De revolutionibus fu ripubblicato a Basilea nel 1556 (tredici anni dopo la prima edizione) con in appendice la Narratio prima di Rheticus che era il testo che meglio serviva ai lettori non specialisti per intendere il significato del nuovo sistema del mondo. Le Tavole pruteniche di Reinhold (1551) furono riviste e ampliate nel L'anno precedente era stato pubblicato a Londra The castle of knowledge del medico e matematico Robert Recorde (1510 ca ). Nel dialogo tra un Maestro e uno Scolaro, il primo afferma che è prematuro discutere del moto della Terra, dato che l'idea della sua immobilità è così fortemente penetrata nelle menti da far apparire folle la tesi opposta; il secondo nega che siano sempre vere le opinioni accolte da molti. Gli astronomi furono in genere molto cauti. Respinsero (con le due grandi eccezioni di Keplero 5

6 e di Galilei) l'idea stessa di una dichiarazione di superamento del sistema tolemaico. Dopo il successo delle nuove tavole, predominava fra di essi l'atteggiamento di Thomas Blundeville il quale affermava (nel 1594) che con l aiuto di una falsa ipotesi Copernico era riuscito a dare dimostrazioni più esatte di quanto non fosse mai stato fatto prima. Può far dispiacere agli astronomi, ma le linee di demarcazione fra chi rifiuta o accetta il copernicanesimo, o esprime incertezze di fronte al nuovo, non coincidono affatto con quelle che separano gli astronomi professionali dai filosofi o dai letterati. I primi sostenitori della verità copernicana, in Inghilterra, non sono certo facilmente inseribili fra i «moderni» o gli assertori di un nuovo metodo scientifico. Robert Recorde, che già abbiamo ricordato, concepisce l'astronomia come un ancella dell astrologia; il matematico copernicano John Dee è autore, oltre che di una celebre prefazione a Euclide, della Monas hieroglyphica (1564) che intende svelare i segreti delle virtù sovracelesti attraverso i misteri della Cabala, le composizioni numeriche dei Pitagorici e il Sigillo di Ermete; a Ermete Trismegisto, e al poema Zodiacus vitae (1534) del ferrarese Palingenio Stellato si richiama Thomas Digges che nella Perfit description of caelestiall orbes, aggiunta nel 1576 al Prognostication everlasting del padre Leonhard, parla di una immobile orbita delle stelle fisse che si estende infinitamente verso l'alto e che egli concepisce come «il palazzo della felicità e la vera corte degli angeli celesti privi di affanni, che riempiono la dimora degli eletti». Intorno al 1585, Giordano Bruno si era fatto difensore, in Inghilterra, della visione copernicana del mondo. Nella Cena delle ceneri, nel De l'infinito, universo e mondi (1584) aveva presentato la teoria di Copernico sullo sfondo della magia astrale e dei culti solari, aveva associato il copernicanesimo con la tematica presente nel De vita coelitus comparanda di Marsilio Ficino, aveva visto nel «diagramma» copernicano il «geroglifico» della divinità: la Terra si muove perché vive attorno al Sole; i pianeti, come stelle viventi, compiono con essa il loro cammino; altri innumerevoli mondi, che si muovono e vivono come grandi animali, popolano l'infinito universo. Nei testi di William Gilbert, anch egli in qualche modo «copernicano non mancavano temi vitalistici né richiami a Ermete, Zoroastro, Orfeo. Nell Università di Salamanca, gli statuti del 1561 stabilivano che il corso di matematica doveva comprendere Euclide, e Tolomeo o Copernico, a scelta degli studenti. Sembra che Copernico non venisse scelto quasi mai. E il caso di Salamanca è davvero eccezionale. Nelle università, anche dei paesi protestanti, i due (o tre) sistemi del mondo vengono insegnati, l'uno accanto all'altro, fino alle ultime decadi del Seicento. Va anche ricordato che i negatori della realtà delle sfere celesti (fra il 1600 e il 1610) non appartengono (come è il caso di Gilbert, Brahe, Rothmann) al mondo accademico. Nei manuali di astronomia il numero dei negatori delle sfere aumenta in modo vistoso solo nel corso degli anni Venti del Seicento e quella dottrina viene definitivamente abbandonata solo nel corso degli anni Trenta. Quando Giordano Bruno, nel 1583, tenne una lezione all Università di Oxford, Gorge Abbot scrisse quanto segue: «Quell omiciattolo italiano intraprese il tentativo, fra le moltissime altre cose, di far stare in piedi l'opinione di Copernico, per cui la terra gira, e i cieli stanno fermi; mentre in verità, era piuttosto la sua testa che girava, e il suo cervello che non stava fermo». L'accettazione, da parte della cultura, del nuovo sistema del mondo comportava la risposta a difficili domande. Che non erano soltanto di carattere astronomico. Fa parte della grandezza di Galilei e di Keplero la loro decisa scelta copernicana. Entrambi riconobbero Copernico come il loro maestro. Entrambi dettero contributi decisivi a confermare la rivoluzione astronomica alla quale egli aveva dato inizio. Ma anche i loro contributi faticarono non poco ad aprirsi una strada. I versi della Anatomy of the world (1611) di John Donne, tante volte citati, danno alta espressione allo smarrimento, che molti condivisero, di fronte alle novità che interpretarono come un crollo e come una tragica fine: 6

7 La nuova filosofia richiama tutto in dubbio l'elemento Fuoco è per intero spento, il Sole è perduto e la Terra; e in nessun uomo la mente gli insegna più dove cercarla. Spontaneamente gli uomini confessano che è consumato questo mondo, quando nei pianeti e nel firmamento cercano in tanti il nuovo. E vedono che il mondo è ancora sbriciolato nei suoi atomi. Tutto va in pezzi, ogni coerenza è scomparsa, ogni giusta provvidenza, ogni relazione: principe, suddito, padre, figlio sono cose dimenticate, perché ogni uomo pensa d'esser riuscito, da solo, a essere una Fenice... (J. Donne, 1933, 202) 5. Oggetti della scienza e oggetti della storia della scienza Come fu già affermato da Ludwik Fleck, nel lontano 1935, quanto più un determinato campo del sapere si presenta come fortemente strutturato, tanto più i concetti che in esso sono presenti diventano coerenti con l insieme e suscettibili di definizioni reciproche che rinviano di continuo l una all altra. Questa rete di concetti dà luogo, nelle cosiddette scienze «mature», ad una sorta di intreccio inestricabile, a qualcosa che assomiglia non ad una raccolta di frasi, ma alla «struttura di un organismo». In quella struttura tutte le singole parti adempiono ad una specifica funzione e nessuna parte può essere tolta senza danno per l insieme. Le parti sono in continua reciproca interazione e l organismo deriva da uno sviluppo comune. Ad una certa distanza dalla sua nascita e al termine di un ciclo di sviluppo, quando una scienza si è assestata nella sua specificità e come tale viene riconosciuta, le fasi iniziali dello sviluppo non appaiono più facilmente comprensibili: l inizio viene compreso ed espresso in modi assai diversi da come era stato compreso ed espresso agli esordi del processo. Vale la pena di fermarsi su questo punto che ha un importanza decisiva. Anche quando si usa una stessa parola e il referente sembra lo stesso, l oggetto di una scienza non coincide affatto con l oggetto di cui parla la storia della scienza. Un opera storica come The meaning of fossils di M.J.S. Rudwick (1976) non parla dei fossili nello stesso modo in cui ne parla un trattato di paleontologia del ventesimo secolo. Quel libro prende in considerazione discorsi sulla natura dei fossili che non coincidono affatto con quelli nei cui termini i fossili sono divenuti oggetti della paleontologia una volta che essa si è costituita come scienza ed ha costruito, sulla base di una specifica definizione-teoria, il suo specifico. Lo stesso vale, ovviamente, per la caduta dei gravi o l evoluzione delle specie viventi, per gli elementi della chimica o la nozione di cristallo. Quando una scienza si è saldamente costituita, gli specialisti di quella scienza dimenticano il passato del loro proprio sapere, soggiacciono tutti ad una stessa illusione: pensano che la loro specialità sia esistita da sempre. Questa è un illusione tipica alla quale si potrebbe agevolmente applicare la definizione vichiana della «boria dei dotti [...] i quali, ciò ch essi sanno, vogliono che sia antico quanto il mondo». La storia delle origini è infatti una storia difficile, dato che «è proprietà della mente umana ch ove gli uomini delle cose lontane e non conosciute non possono fare niuna idea, le stimano dalle cose lor conosciute e presenti» (G.B. Vico, Scienza Nuova Terza, paragrafi 127, 122). I cultori di una specifica scienza recuperano alcuni oggetti ed alcuni temi da una varietà di testi 7

8 che appartengono ad epoche molto diverse e a terreni oltremodo eterogenei. Non tengono in alcun conto il fatto che il loro specialismo non esisteva ancora o si stava faticosamente formando. Il caso che conosco meglio, che è quello della geologia, appare davvero esemplare. Nelle parti introduttive dei manuali e nei due o tre libri ormai classici di storia della geologia vengono, su queste basi, tracciate le linee di sviluppo di oggetti immaginari. Nella storia (o pseudostoria) di quell oggetto immaginario tutto diventa facile, lineare, progressivo. La realtà non pone ostacoli all onnipotenza dell epistemologia: dopo aver osservato le cose si elaborano teorie e le teorie nuove abbracciano fatti nuovi. Le ipotesi troppo audaci, le «superstizioni», i «romanzi di fisica», le discussioni su ciò che è o non è scienza e su ciò che è o non è «fatto» per la scienza non trovano mai, in queste storie di comodo, diritto di cittadinanza. Non voglio infliggere ai lettori considerazioni attinte al mio proprio specialismo. Chiuderò subito l argomento con una citazione tratta da una recensione al mio libro The dark abyss of time (cfr. Secord, 1985, 685) «Chiunque ha familiarità con lo sviluppo della scienza negli ultimi decenni, sa che i confini tra le discipline non sono statici. Le scienze si avvicinano e si allontanano l una dall altra. Si frammentano, scompaiono e si raggruppano in nuovi oggetti e specialità. Basta retrocedere di trecento anni e i mutamenti non concernono solo le scienze, ma l intero mondo della conoscenza umana. Cosa c è per esempio di comune fra gli ammoniti fossili, la scrittura cinese e le piramidi egiziane? Questa domanda suona assurda ad orecchi moderni perché questi argomenti appartengono ora a specialità scientifiche fortemente distinte fra le quali ogni rapporto sembra frutto del caso. Ma nel secolo XVII l affinità fra quegli argomenti non era un enigma, ma un modo della vita intellettuale dato per acquisito. I fossili, le lingue antiche e i relitti delle civiltà perdute trovavano tutti posto in uno studio unificato del passato: erano i segni del tempo». Facendo riferimento a questo stesso libro S.J. Gould ha scritto che esso «mostra in modo convincente che la scoperta del tempo profondo combinò le percezioni di quelli che noi oggi chiamiamo geologi con quelle di archeologi, storici, e linguisti, oltre che teologi» (Gould, 1989, 16). 6. Attaccamento al magico Una nuova verità scientifica non trionfa perché convince i suoi oppositori e li porta a vedere la luce, ma perché capita che i suoi oppositori muoiano e si faccia avanti una generazione nuova alla quale quella verità è diventata familiare» (Planck, 1949, 33-34). I nostri attaccamenti non riguardano solo teorie in crisi o teorie invecchiate. Non hanno solo a che fare con la difficoltà di cambiare il nostro sguardo sul mondo, di abbandonare ciò che per secoli o per decenni abbiamo considerato solido e indiscutibile. Siamo ancora, in forme varie, ancora attaccati al lontano mondo che sta prima della nascita di ciò che chiamiamo scienza. Hegel lo aveva visto con chiarezza: «i momenti che lo Spirito sembra avere dietro di sé, Esso li ha anche nella sua profondità presente» (Hegel, 1836, 190). Nell Uganda del Nord, non lontano dal Nilo, Sebuya ha un incidente di macchina e muore. Perché quella sera è morto proprio lui fra i milioni di macchine guidate da persone che in tutto il mondo sono arrivate tranquillamente a casa? Dicono che i freni della sua macchina si sono rotti. Ma perché si sono rotti proprio a lui? Certo non si può, come fanno i bianchi, chiudere l'argomento con la stesura di un verbale. Non c è il minimo dubbio sul fatto che Sebuya è morto perché qualcuno lo ha voluto morto e gli ha fatto un incantesimo. L unico e vero problema è sapere chi è questo qualcuno. In genere, e anche di questo è davvero difficile dubitare, si tratta di uno stregone. Ne esistono due specie. Il primo tipo è anche il più pericoloso e viene designato in inglese col termine witch. È il diavolo in sembianze umane: è un personaggio molto minaccioso. Né l'aspetto né il comportamento tradiscono la sua natura satanica. Non indossa abiti particolari e non ha strumenti magici. Non confeziona pozioni, non prepara 8

9 veleni, non cade in trance e non compie incantesimi. Questo tipo di mago agisce per mezzo della forza psichica che possiede fin dalla nascita. È una caratteristica della sua personalità. È un fatto che operi il male e porti disgrazia, ciò non è frutto di una sua scelta, non gli causa piacere: lui è così e basta. Se gli stiamo vicini, gli basta guardarci. La distanza non gli crea alcun impedimento. Può mandare incantesimi da molto lontano, fino all altro capo dell Africa o ancora più in là. Il sorcerer è invece uno stregone professionista per il quale fare incantesimi è una pratica o un mestiere. Non ha in sé le forze distruttrici delle quali dispone il witch. Il problema principale, per la famiglia di Sebuya, non è stabilire se i freni fossero buoni, ma se gli incantesimi che hanno provocato la sua morte siano stati gettati da uno stregone-diavolo o da un mago o stregone di mestiere. Se Sebuya è morto per colpa di uno stregone-diavolo, si tratta di una tragedia per la sua intera famiglia e per il suo clan. La maledizione è caduta su un intera collettività e la morte di Sebuya è solo il primo atto di una tragedia che è appena iniziata. Se invece Sebuya è morto per volere di uno stregone mestierante, che può colpire e distruggere solo una persona singola, famiglia e clan possono dormire sonni tranquilli (Kapuscinski, 2000, ). Siamo sulla Terra (poco mutati al momento della nascita) da almeno diecimila anni. Ma la nostra scienza ha poco più di trecento anni. Per più di novemila anni ci siamo affidati alla magia. Non dobbiamo dimenticarlo perché solo questo vale a darci il senso che la scienza non è una forma eterna dello spirito, ma solo qualcosa che abbiamo creato e che possiamo distruggere o perdere inconsapevolmente. Il magico non sta soltanto dietro di noi. Sta anche dentro di noi. Ci sta in modo inaspettato e profondo. E cercherò di renderlo evidente nelle seguenti quattro righe. Quando ci coglie un inattesa sventura o una grave malattia, la prima cosa che pensiamo, la prima domanda che ci facciamo, che tutti si fanno, ha molto poco a che fare con le domande della scienza. È ancora quella di diecimila anni fa, è quella degli odierni familiari e amici di Sebuya: Perché proprio a me? SINTESI Una volta trovata la soluzione di un problema scientifico, i precedenti tentativi volti a trovarla diventano un peso inutile. Ma se vogliamo fare storia di una scienza dobbiamo occuparci non di come pensiamo noi, ma soprattutto di come pensavano loro. Per capirli, dobbiamo rovistare entro discorsi che apparirebbero oggi superati o insensati. La storia della scienza è piena di asserzioni che riguardano oggetti che sono scomparsi dai manuali e che sono di conseguenza scomparsi anche da ciò che consideriamo mondo reale. Ad una certa distanza dalla sua nascita e al termine di un ciclo di sviluppo, quando una scienza si è assestata nella sua specificità e come tale viene riconosciuta, le fasi iniziali dello sviluppo non appaiono più facilmente comprensibili. Restiamo tenacemente attaccati alle vecchie teorie. Max Planck, dopo una vita intessuta di polemiche sulla fisica quantistica, scrisse nella sua autobiografia che le nuove teorie si affermano solo quando muoiono i sostenitori delle teorie precedenti. In realtà, in forme varie, siamo ancora addirittura attaccati al lontano mondo che sta prima della nascita di ciò che chiamiamo scienza. Come Hegel aveva visto con chiarezza: «i momenti che lo Spirito sembra avere dietro di sé, esso li ha anche nella sua profondità presente». PAROLE CHIAVE: Epistemologia, dogmatismo, storia della scienza. BIBLIOGRAFIA Camporeale S. ( ). Umanesimo e teologia tra '400 e '500. in Memorie Domenicane, 8-9, 411. Donne J. (1611). Anatomy of the world. In H.J.C. Grierson (a cura di), Poems. Londra, Fleck L. (1935). Genesi e sviluppo di un fatto scientifico, Bologna, Il Mulino, Garin E. (1975). Rinascite e rivoluzioni. Movimenti culturali dal XIV al XVIII secolo. Bari, Laterza. Gould S.J. (1989). La freccia del tempo e il ciclo del tempo: mito e metafora nella scoperta del tempo geologico, Milano, Feltrinelli,

10 Hegel G.G.F. (1836). Lezioni sulla filosofia della storia, Firenze, La Nuova Italia, Kapuscinski R. (2000). Ebano. Milano, Feltrinelli. Kuhn T. (1969). La struttura delle rivoluzioni scientifiche. Torino, Einaudi. Kuhn T. (1985). La tensione essenziale: cambiamenti e continuità nella scienza. Torino, Einaudi. Pagel W. (1945). The vindication of rubbish. Middlesex Hospital Journal, XLV, Planck M. (1949). Scientific autobiography and other papers. New York, Phil. Library. Rossi B. (1990). L enigma dei raggi cosmici. Roma-Napoli, Theoria. Rossi P. (1984). The dark abyss of time. Chicago, University of Chicago Press. Rudwick M.J.S. (1976). The meaning of fossils: episodes in the history of paleontology. New York, Neal Watson. Secord J. (1985). Temporal questions. Nature, 316,

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio?

Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Il mistero dei muoni: perché arrivano sulla terra e cosa c entra la relatività del tempo e dello spazio? Carlo Cosmelli, Dipartimento di Fisica, Sapienza Università di Roma Abbiamo un problema, un grosso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

una chiave di lettura

una chiave di lettura LA SCIENZA NEL MEDIO EVO TRA OXFORD E PARIGI una chiave di lettura Alberto Strumia CIRAM - Università di Bologna Dipartimento di Matematica Università di Bari I L M E D I O E V O L U N I T À D E L S A

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA

PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA DAL MONDO CHIUSO ALL UNIVERSO INFINITO Percorso dii Astronomiia La Provincia di Lodi Servizio Cultura e Istruzione, ha presentato alla Regione Lombardia

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli