Concetto di informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concetto di informatica"

Transcript

1 Concetto di informatica L informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento e dell elaborazione delle informazioni in modo automatico. Il termine deriva da INFORmazione automatica ed è stato introdotto per indicare la scienza che si occupa dei processi e delle tecnologie che consentono il trattamento (creazione, raccolta, elaborazione, memorizzazione e comunicazione) automatico e razionale delle informazioni, nonché della progettazione degli strumenti che concretizzano tali funzioni (computer). Elencare tutte le possibili applicazioni dell informatica è difficile, se non addirittura impossibile, perché l uso del computer è ormai diffuso in ogni ambito delle attività umane. Risulta infatti sempre meno facile immaginare settori in cui non sia prevedibile la sua introduzione. È tuttavia interessante notare che, in un primo momento, i computer sono stati impiegati prevalentemente per l esecuzione di calcoli matematici e per lo svolgimento di elaborazioni relativamente semplici. Si può oggi affermare che, con il loro presente e continuo inserimento, i computer modificano l ordinamento della società. Da un lato, infatti, sostituiscono l uomo nell esecuzione dei lavori ripetitivi e manuali, eseguendo le operazioni programmate dall uomo stesso e lasciandogli soltanto i compiti di controllo; dall altro, i computer ampliano i confini della conoscenza e le possibilità dell uomo, perché, grazie al loro impiego, sono realizzabili applicazioni in settori altrimenti inesplorabili. Ogni informazione isola i fatti veri da quelli falsi, separando gli uni dagli altri; per esempio l informazione la lampada è spenta esclude la possibilità contraria e cioè che la lampada sia accesa. Su questo tipo di informazione si fondano la logica del computer e la teoria dell informazione. Nel linguaggio del computer l informazione elementare si chiama bit (binary digit) e viene rappresentata da una coppia di simboli opposti e alternativi: 0 = no, falso (lampada spenta), 1 = sì, vero (lampada accesa). Per l elaborazione delle informazioni elementari il sistema di numerazione binaria si rivela quello più naturale, in quanto si basa sulla combinazione di due soli simboli: 0 e 1. j (es. alla E corrisponde il byte ) Lo strumento informatico per eccellenza è il computer o ela- boratore. Un computer, però, non è in grado di pensare da solo, ma può fare unicamente ciò per cui è stato istruito. byte Un po di storia Nel 1841 il matematico C. Babbage concepisce la prima macchina analitica, una macchina di proporzioni gigantesche, azionata a vapore, in grado di eseguire lunghe serie di calcoli e di stampare i risultati finali. Sul finire del 19 secolo H. Hollerith progetta delle macchine meccanografiche a schede perforate; questi apparecchi prevedevano l utilizzo di schede di cartone sulle quali, mediante fori, venivano registrate informazioni numeriche. Dopo il 1945 vengono realizzati apparecchi esclusivamente adibiti all esecuzione di calcoli scientifici e che utilizzano solo come linguaggio di programmazione il linguaggio macchina, cioè il linguaggio fondato su due soli segni (0 e 1). In particolare nel 1946 entra in funzione nell università di Pennsylvania, negli Stati Uniti, il primo calcolatore elettronico chiamato ENIAC (Electronic Numerical Integrator and Calculator) di dimensioni mastodontiche (occupava un area di 180 mq e pesava 30 tonnellate). Nel 1947 viene inventato il transistor; nel 1958 J. Kilby inventa il circuito integrato; nel 1965 viene costruito il primo minicalcolatore. In questo periodo si assiste a un ulteriore sviluppo, con la realizzazione di macchine sempre più flessibili, sebbene ancora costose ed ingombranti: esse garantivano per la prima volta la possibilità di registrare in memoria sia i dati che dovevano essere elaborati, sia le istruzioni per il suo funzionamento. Negli anni successivi si diffonde sempre più l uso degli elaboratori anche nel campo delle applicazioni commerciali utilizzati inizialmente solo da grandi aziende come le banche. Nel 1971 viene prodotto il primo CHIP, dove i transistor venivano incisi su una sottile lamina di silicio e venne sviluppato un chip di dimensioni microscopiche che avrebbe rivoluzionato l informatica: nacque il primo microprocessore e nel 1974 il primo microcalcolatore. Negli ultimi anni il progresso tecnologico è diventato sempre più rapido e i calcolatori di oggi sono sempre più veloci, meno ingombranti e sempre più alla portata di tutti. 1

2 IL COMPUTER Il computer o elaboratore è una macchina costituita da dispositivi di diversa natura (meccanici, elettrici, ottici ecc.) in grado di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente. Le sue caratteristiche essenziali sono la rapidità e l affidabilità. Il computer: è una macchina, cioè un dispositivo privo di intelligenza autonoma, come l automobile; è elettronico, cioè il suo funzionamento si basa su componenti di tipo elettronico; è un elaboratore di dati, cioè, eseguendo le istruzioni di un programma, è capace di ricevere dati dall esterno, operare su di essi e fornire i risultati dell elaborazione, sollevando così l uomo da compiti noiosi, ripetitivi e complessi. Se vogliamo quindi che il computer risolva un problema, dobbiamo fornirgli i dati su cui lavorare e una sequenza ordinata d istruzioni (cioè il programma) che elabori i dati ricevuti e fornisca i risultati. Ne consegue che il computer è una macchina programmabile, cioè una macchina che può essere utilizzata per problemi diversi, in grado di interpretare ed eseguire una serie di ordini impartiti dall esterno. Non dimentichiamo che il computer è una macchina. L elaborazione dei dati avviene eseguendo le istruzioni contenute nei programmi, attraverso i suoi componenti fisici. Parleremo, quindi, di sistema di elaborazione per sottolineare il fatto che l elaborazione avviene grazie all interazione di risorse diverse. Noi ci occuperemo del personal computer (o semplicemente PC) ossia di un particolare tipo di macchina, molto utilizzata in ambito lavorativo e domestico. Il computer non interpreta i dati, non attribuisce loro significati precisi, come invece fa la mente umana; per questo motivo possiamo affermare che il computer tratta i dati, l uomo tratta le informazioni. I dati si presentano alla nostra osservazione in varie forme: numeri, caratteri alfabetici, caratteri alfanumerici, immagini, grafici, suoni, luci, gesti. Numeri e caratteri rappresentano i dati semplici (o primitivi), perché sono relativamente semplici da raccogliere e analizzare; gli altri costituiscono i dati complessi, in quanto derivanti dalla fusione di più dati semplici. In particolare, dati complessi quali suoni, animazioni, filmati prendono il nome di dati multimediali. L attività che si occupa del trattamento dei dati per trasformarli in informazioni prende il nome di elaborazione. Concentrandoci sulle nuove tecnologie informatiche e della comunicazione, è importante distinguere tra dati analogici e dati digitali. In un sistema analogico il segnale da elaborare è continuo: un orologio analogico, quello con le lancette, rappresenta tutti gli istanti del tempo, senza salti. In un sistema digitale, i segnali da elaborare sono discreti, cioè non assumono tutti i valori di un intervallo, ma procedono a salti: un orologio digitale rappresenta il tempo a salti di minuti o di secondi o anche di frazioni più piccole. I moderni sistemi di elaborazione oggi in commercio non sono tutti uguali, anzi presentano notevoli differenze in termini di velocità, prestazioni, memorie. Nonostante questo, la maggior parte dei sistemi di elaborazione presenta una caratteristica comune: il loro hardware rispecchia il modello ideato da John von Neumann nel 1946: unità di input memoria centrale unità centrale unità di output Secondo tale modello, un sistema per l elaborazione elettronica dei dati è composto da un insieme di unità funzionali, ognuna delle quali ha compiti ben precisi: le unità di input sono predisposte per l immissione delle istruzioni dei programmi e dei dati su cui tali programmi dovranno operare; le unità di output permettono al sistema di comunicare con l esterno, ossia di comunicare i risultati dell elaborazione compiuta; la memoria centrale conserva dati e istruzioni; l unità centrale, detta CPU (Central Processing Unit), ha il compito di eseguire le istruzioni, i calcoli aritmetici e logici e di controllare tutto il sistema. La macchina di von Neumann era caratterizzata dalla presenza di una sola unità centrale: un computer basato su questo modello viene chiamato elaboratore seriale. 2

3 CLASSIFICAZIONE DEI COMPUTER I computer possono essere classificati in base alla storia e alle prestazioni: 1 a generazione: (anni 50) computer che usano valvole termoioniche, hanno grandi dimensioni, capacità di memoria e velocità di calcolo limitata. 2 a generazione: (fine anni 50 inizio anni 60) le valvole vengono sostituite dai transistor; il computer diventa più veloce. 3 a generazione: (fine anni 60) utilizzo dei circuiti integrati; i computer sono più piccoli e più affidabili. 4 a generazione: (anni 70) è l era del microprocessore, cioè di un unità centrale di elaborazione realizzata su un unico circuito integrato. 5 a generazione: computer attuali, elaboratori in continua evoluzione per diventare sempre più veloci e potenti. TIPOLOGIA DEI COMPUTER Gli attuali calcolatori digitali, benché tutti concettualmente simili, possono essere classificati in diverse categorie a seconda delle prestazioni e del costo: i supercomputer sono i più potenti, costosi e veloci computer disponibili attualmente (raggiungono una velocità di 1000 miliardi di operazioni al secondo). Sono utilizzati particolarmente nelle università e nei centri di ricerca per simulare modelli, verificare teorie scientifiche e risolvere problemi che richiedono un esorbitante numero di calcoli; i mainframe sono computer di grandi dimensioni assai costosi, in grado di soddisfare le esigenze di una grande impresa commerciale, di un ministero, di una banca o di altre strutture analoghe; solitamente può collegarsi con migliaia di terminali: le workstation (stazioni di lavoro o terminali) sono computer particolarmente utili nel lavoro d'ufficio e spesso collegati in rete locale o estesa; si possono suddividere in terminali stupidi (se non sono in grado di elaborare i dati, ma solo di leggerli) e terminali intelligenti (se riescono ad elaborare i dati); i personal computer, o microcomputer, sono macchine relativamente economiche, di dimensioni adatte, di norma, a una scrivania; i notebook o laptop sono computer portatili; i palmari (palmtop) sono computer di dimensioni estremamente ridotte, in grado di stare sul palmo della mano (da cui il nome). Sono computer che uniscono alle funzionalità di calcolatrici e agende alcune funzioni tipiche dei calcolatori come la connessione a Internet, l elaborazione di testi e di fogli elettronici. A cosa serve il computer Il computer nell istruzione Fare ricerche su Internet Consultare enciclopedie Apprendere le lingue straniere Simulare esperimenti Leggere libri elettronici Apprendere a distanza (CBT) Imparare giocando Il computer in casa Gestire il bilancio familiare Gestire il conto corrente bancario Comunicare con amici e parenti Leggere i giornali Navigare in Internet Organizzare una gita Acquistare tramite Internet Il computer nel tempo libero Videogiochi Giochi in Internet Musica Film in DVD Fotografia Comunicazione Il computer nel lavoro Telelavoro Applicazioni in ufficio Lettere, relazioni, contabilità, presentazione di prodotti, depliant Intranet Disegno per l ingegneria, la moda, l architettura Robot 3

4 PRESTAZIONI DI UN PERSONAL COMPUTER I principali fattori che influiscono sulle prestazioni di un computer sono: La velocità della CPU espressa in megahertz o in gigahertz Le dimensioni della memoria RAM Dimensioni e velocità delle memorie di massa Esistono anche altri componenti che influenzano le prestazioni di un PC, come le schede grafiche o quelle di rete. HARDWARE In informatica il termine hardware indica le componenti fisiche, elettriche, elettroniche, ottiche e meccaniche di un elaboratore. In un computer digitale si possono distinguere cinque categorie di elementi hardware: 1) una unità centrale di elaborazione (CPU, Central Processing Unit); 2) i dispositivi di memoria; 3) i dispositivi di ingresso; 4) i dispositivi di uscita; 5) una rete di comunicazione, detta bus, che collega tutti gli elementi del sistema e permette al computer di comunicare con l'esterno. La prima componente che incontriamo guardando un computer è la sua scatola esterna, detta anche cabinet o case. In effetti, il paragone con una scatola non è affatto sbagliato: si tratta appunto di un contenitore, al cui interno si trovano le componenti fondamentali del computer. Il case assume nomi diversi in base alla conformazione. Le versioni più utilizzate sono Desktop (da tavolo) e Tower (verticale) che, a seconda delle caratteristiche di grandezza, prende il nome di Minitower, Miditower, Hightower (piccolo, medio e grande). Il cabinet di un computer è facilissimo da aprire, perché l interno deve essere accessibile per aggiungere o sostituire delle componenti. La maggior parte dei cabinet si apre svitando poche viti; alcuni sfruttano addirittura un semplice sistema a incastro, e per aprirli non serve svitare nulla. All interno del cabinet, la prima componente che dovrebbe attirare la nostra attenzione è una vasta piastra piena di componenti elettroniche di tutti i tipi. Si tratta della cosiddetta piastra madre o scheda madre è la componente che ha il ruolo di gestire la comunicazione fra tutte le componenti. Ad essa vengono collegate tutte le altre parti di un PC che grazie a essa possono dialogare fra loro. È la scheda che raccoglie in maniera efficiente e compatta la maggior parte delle componenti fondamentali di ogni computer: il microprocessore, che costituisce il vero cervello del computer, e poi le memorie, le porte di comunicazione, e così via. 4

5 1) Unità centrale (CPU) L'Unità Centrale di Elaborazione è il cervello del sistema, formata da un microprocessore che, oltre all elaborazione dei dati, controlla e coordina tutte le funzioni del sistema. Compito della CPU è quello di leggere le istruzioni e i dati dalla memoria ed eseguire le istruzioni; il risultato della esecuzione di una istruzione dipende dal dato su cui opera e dallo stato interno della CPU stessa, che tiene traccia delle passate operazioni. In generale una CPU (o un microprocessore) è composta da due sezioni: ALU (Arithmetic/Logic Unit) e da una sezione di controllo (UC) e da alcuni registri. L'ALU (unità aritmetico-logica), è la sede delle capacità di calcolo, svolge operazioni aritmetiche (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) e logiche (confronto del tipo maggiore, minore e del tipo vero falso). L unità di controllo (UC) detta anche unità di governo (U.d.G.) governa l attività dell elaboratore (controlla cioè che la CPU si comporti esattamente come le istruzione ricevute in memoria); controlla quindi l esecuzione di un istruzione e interagisce con memorie e dispositivi di ingresso e uscita. I Registri sono piccole e veloci memorie, generalmente composti da 1, 8, 16, 32 o 64 bit, che svolgono funzioni ben precise e vengono utilizzati in determinate fasi dell elaborazione conservano i dati fino a quando non viene spento il PC; si suddividono in: Registro Istruzioni: viene memorizzato il comando del momento; Registro Indirizzi: serve a indirizzare la memoria; Registro Controllo: memorizza i comandi per gli altri dispositivi; Registro Interrupt: comunica al processore la "situazione" dei dispositivi di input e outp Quanto detto finora non basta certo a dare una rappresentazione completa e rigorosa del lavoro interno alla CPU, ma speriamo possa fornirne almeno un idea: nel cuore del nostro computer lavora un attivissima fabbrica impegnata nella continua elaborazione di dati in formato binario (rappresentati cioè da lunghe catene di 0 e 1 ); attraverso le vie di comunicazione costituite dai bus, la materia prima arriva dall esterno sotto forma di dati binari in entrata; viene poi lavorata in accordo con le istruzioni del programma, e viene infine nuovamente spedita verso l esterno. Resta da dire che i ritmi di lavoro della fabbrica sono scanditi dall orologio della CPU (più veloce è questo orologio, più rapidamente vengono eseguiti i compiti richiesti), e che le capacità di elaborazione della fabbrica dipendono direttamente dall insieme di istruzioni che il processore può riconoscere ed eseguire. Anche chi non utilizza normalmente un computer sa probabilmente che per identificare le caratteristiche di questa o di quella macchina si utilizzano spesso e volentieri sigle piuttosto arcane: Pentium IV 2,4 GHz, Athlon 1,6, PowerPC G3, ecc. Ebbene, non di rado le sigle che trovate associate ai diversi computer indicano, oltre al nome del processore, la sua frequenza di clock, ovvero la sua velocità, espressa in megahertz o gigahertz. Il processore al momento più diffuso è il Pentium della Intel o l Athlon dell AMD. Un Pentium II 200 avrà un orologio interno che cammina alla velocità di 200 megahertz, e sarà un po' più lento di un Pentium II 300, e parecchio più lento di un Pentium II 400. Nel corso del tempo, la frequenza di clock dei processori è andata continuamente aumentando: pensate che i processori dei primi personal computer IBM avevano una frequenza di clock di poco superiore a 4 megahertz, mentre oggi non è infrequente trovare processori con frequenza di clock pari a 3 giga-hertz o superiore. 5

6 Una CPU è un circuito digitale sincrono: vale a dire che il suo stato cambia ogni volta che riceve un impulso da un segnale di sincronismo detto CLOCK, che ne determina di conseguenza la velocità operativa, detta velocità di clock: quindi il tempo di esecuzione di una istruzione si misura in cicli di clock, cioè in quanti impulsi di clock sono necessari perché la CPU la completi. In effetti, una parte importante e delicata di ogni CPU è il sistema di distribuzione che porta il segnale di clock alle varie unità e sottounità di cui è composta, per fare in modo che siano sempre in sincronia: tale sistema si dirama in una struttura ad albero con divisori e ripetitori che giunge ovunque nella CPU. Nei processori più moderni (Pentium, Athlon, PowerPC) questa "catena di ingranaggi" elettronica arriva ad impiegare circa il 30% di tutti i transistor disponibili. La velocità di questa distribuzione determina in maniera diretta la massima frequenza operativa di una CPU: nessuna CPU può essere più veloce del suo critical path, cioè del tempo che impiega il clock per percorrere il tratto più lungo in tutto l'albero di distribuzione del clock. Per esempio, se il segnale di clock di una data CPU impiega un nanosecondo per attraversare tutto il chip ed arrivare fino all'ultima sottounità, questa CPU potrà operare a non più di 1 GHz, perché altrimenti le sue componenti interne perderebbero la sincronizzazione, con risultati imprevedibili (per motivi di tolleranze e margini di sicurezza, il limite pratico sarà anzi ben minore di 1GHz). La velocità o frequenza di clock è la capacità di un'unità di calcolo o di un microprocessore di eseguire una o più operazioni nell'unità di tempo di un minuto secondo, ed è espressa in cicli al secondo, o hertz e suoi multipli. La frase Un computer lavora a 3 GHz ci dice che in un secondo vengono eseguite 3 miliardi di cicli di clock. CPU 6

7 2) Dispositivi di memoria Gli elaboratori possono immagazzinare dati in due tipi di memoria: la memoria di lavoro o centrale e la memoria di massa. La memoria centrale è suddivisa in due tipi, caratterizzati dal diverso modo di conservare i dati e le informazioni registrate: la memoria RAM e la memoria ROM. La memoria RAM (Random Access Memory, memoria ad accesso casuale) contiene dati temporanei. E gestita dalla CPU che la usa per collocarvi i programmi e i dati che dovranno essere elaborati dal processore. Essa funziona perfettamente finché il computer è acceso; non appena la macchina viene spenta, tutto il contenuto si perde. Si dice che è una memoria volatile proprio perché è temporanea. La memoria ROM (Read-Only Memory, memoria di sola lettura) è una memoria di tipo permanente che viene inserita al momento della fabbricazione del computer. Su questa memoria, non cancellabile, sono raccolti comandi, dati e programmi necessari al corretto funzionamento del computer al momento dell accensione. La RAM può essere scritta ripetutamente, ma si cancella quando il computer viene spento; il contenuto della ROM invece può essere soltanto letto, ma è permanente. Entrambe le memorie sono collegate alla CPU. Dal momento che stiamo parlando di memoria, conviene aggiungere una annotazione: abbiamo visto come nella piastra madre trovino posto la RAM e la ROM. Negli ultimi anni, tuttavia, si è diffusa l abitudine a inserire una memoria autonoma di una certa ampiezza anche all interno del microprocessore; questa memoria, detta memoria cache, trovandosi a portata diretta della CPU è ancor più veloce della RAM, ed è quindi in grado di migliorare ulteriormente le prestazioni del sistema, infatti è utilizzata per scrivere quelle informazioni ricorrenti che il processore non dovrà cercare nelle aree di memoria, bensì in queste porzioni di memoria superveloce; in questo modo aumenta la velocità di elaborazione. Le memorie di massa, dette anche ausiliarie, sono dei supporti magneto-ottici (nastri, floppy, hard disk, CD-ROM, CD-R, CD-RW, DVD) che permettono di memorizzare archivi, dati, testi e programmi, in modo permanente e non risiedono sulla scheda principale del computer. Queste memorie presentano le seguenti caratteristiche: conservano permanentemente i dati; possono contenere grandissime quantità di informazioni; sono memorie trasportabili; sono meno costose della memoria centrale; sono più lente della memoria centrale. Le più diffuse immagazzinano i dati su supporti magnetici, come il nastro di un registratore o, più comunemente, un disco rivestito da un sottile strato di materiale magnetico, come il floppy disk, l'hard disk, l USB Flash Disk (pen drive), i dischi Zip. I dischi magnetici sono organizzati in tracce e settori. I CD-ROM o i DVD, che impiegano tecnologie ottiche simili a quelle dei compact disc (CD) per riproduzioni audio, permettono di raggiungere capacità di memoria di diversi miliardi di byte. Non sono organizzati in tracce e settori, bensì sono caratterizzati dalla presenza di un unica traccia a spirale e la memorizzazione dei dati avviene bruciando con un raggio laser lo strato sensibile di cui è composta. Il dispositivo di lettura/scrittura delle unità rimovibili è detto drive. Le unità di memoria di massa sono dispositivi di input/output contemporaneamente. Per misurare la capacità della memoria centrale e delle memorie di massa si usano particolari unità di misura: unità di misura corrisponde a simbolo bit Unità Byte 8 bit B Kilobyte 1024 byte KB Megabyte 1024 KB MB Gigabyte 1024 MB GB Terabyte 1024 GB TB PetaByte 1024 TB PB HexaByte 1024 PB HB 7

8 3) Dispositivi di ingresso I dispositivi di ingresso o di input permettono all'utente di inviare dati, comandi, informazioni e programmi al computer. Il più comune dispositivo d'ingresso è la tastiera, simile a quella di una macchina per scrivere, che trasforma ciascun carattere battuto in una combinazione di bit leggibile dal computer. Altri sono il joystick, il mouse e la trackball, che controllano il movimento di un cursore sullo schermo; la penna ottica, usata a volte, in combinazione con la tavoletta grafica; lo scanner, che trasferisce nel computer la rappresentazione grafica digitale di immagini o documenti da utilizzare per la composizione di nuovi testi o documenti; il video sensibile al tatto, che attiva la funzione puntando un dito sullo schermo in corrispondenza del comando descritto; gli apparecchi per l acquisizione di immagini e suoni come i riconoscitori vocali, che traducono le parole pronunciate dall'utente in segnali digitali, i microfoni, le videocamere o le macchine fotografiche digitali, utili per acquisire dati multimediali. Anche i drive dei dispositivi di memoria di massa consentono di leggere i dati e le informazioni contenuti su floppy disk o CD ROM. In particolare il drive di lettura CD-drive utilizza un raggio laser invece che le testine magnetiche usate per la lettura dei floppy. 4)Dispositivi di uscita I dispositivi di uscita o di output rendono visibili all'utente i risultati dei calcoli e delle elaborazioni eseguiti dal computer. Il più comune è il video, simile a uno schermo televisivo, che visualizza caratteri e immagini. Altri sono la stampante, che consente la stampa dei risultati ottenuti, il plotter, che consente di realizzare grafici o disegni elaborati al computer mediante delle penne collegate ad un braccio meccanico, le casse acustiche, che trasformano i segnali generati dalla scheda audio del PC in vibrazioni sonore. 5) I Bus servono per far viaggiare le informazioni che transitano tra le varie parti del sistema, la memoria e le unità di ingresso e di uscita. Sono un insieme di fili elettrici che formano il tracciato per gli impulsi elettrici in modo coordinato. Le porte e le periferiche Le unità di input e di output sono dette unità di I/O. Queste unità vengono dette periferiche, in quanto sono dei dispositivi (device) esterni all unità centrale. Il loro compito è di fungere da collegamento tra il computer (inteso come memoria e CPU) e il mondo esterno (l utente). Un computer usa, generalmente, più periferiche di diverso tipo. Ognuna di esse ha un suo compito particolare: alcune si preoccupano dell introduzione delle informazioni (input), altre permettono la visualizzazione dei risultati dell elaborazione (output), altre ancora permettono di trasmettere o di memorizzare permanentemente dati e programmi. Il collegamento delle periferiche avviene tramite cavi connettori che si inseriscono per mezzo di apposite prese, dette porte. Dal punto di vista della modalità di trasmissione, le porte si distinguono in seriali e parallele. Nelle porte seriali i dati viaggiano, come dice la parola stessa, in serie, uno dopo l altro. Un particolare tipo di porta seriale è la porta MIDI (Musical Instrument Digital Interface), che permette di collegare al computer vari tipi di strumenti musicali. Nelle porte parallele i dati viaggiano in gruppi. Un particolare tipo di porta parallela è la porta SCSI (Small Computer System Interface), che consente di collegare più dispostivi insieme, ad esempio dischi rigidi e periferiche ad alta velocità. 8

9 Conseguentemente, anche i cavi connettori sono seriali o paralleli e sono fisicamente diversi tra loro, in modo da non consentire il collegamento di un cavo parallelo a una porta seriale e viceversa. La porta FireWire è una porta di comunicazione seriale molto veloce, solitamente utilizzata per trasferire dati dalle fotocamere e dalle videocamere digitali. Questa interfaccia, che consente il collegamento delle periferiche anche quando il computer è già acceso (hotplug), è presente sui PC di nuova generazione. La PCMCIA (Personal Computer Memory Card International Association), un associazione commerciale che comprende più di quattrocento società produttrici di materiale hardware e software, ha sviluppato lo standard per le PC card. Si tratta di speciali adattatori, del formato di una carta di credito, per PC e altri sistemi elettronici. Lo speciale tipo di connettore studiato per i PC portatili è rappresentato dalla porta PCMCIA. Le schede PCMCIA possono contenere modem, espansioni di memoria, porte, hard disk e altro. Gli obiettivi di questo tipo di schede includono l interscambiabilità tra le PC card e altri sistemi, come, ad esempio, distributori automatici o macchine fotografiche digitali. Attualmente sono comuni le periferiche con formato di connessione USB (Universal Serial Bus). Questo formato è progettato per sostituire le porte seriali più lente e supporta un collegamento a cascata di numerose periferiche, fino a 127 dispositivi in sequenza sulla stessa porta. Ciò consente di evitare l utilizzo di slot interni al PC. Parallela Ethernet Mouse Tastiera Seriale Video USB Audio 9

10 STRUTTURA DELLA TASTIERA DI UN P.C. La tastiera è un unità di input perché rappresenta il mezzo per immettere i dati nella macchina, in particolare si possono introdurre dati, comandi o istruzione. La tastiera è composta da più tasti suddivisi nelle seguenti sezioni: SEZIONE ALFANUMERICA i tasti di questa sezione sono usati per introdurre nel sistema caratteri di testo e dati. Essi hanno fondamentalmente la stessa funzione e lo stesso formato di quelli di una macchina per scrivere. a SEZIONE TASTI SPECIALI O DI CONTROLLO sono quelli che servono gestire molte attività del sistema. SEZIONE TASTI FUNZIONE sono numerati progressivamente da F1 a F12 e la loro funzione varia a seconda del programma applicativo in uso. SEZIONE INDICATORI LUMINOSI questa sezione ha tre indicatori luminosi che corrispondono ai tasti Bloc Num, Fissa maiscole e Bloc scorr; l indicatore si accende quando viene attivata la funzione del tasto. SEZIONE NUMERICA E TASTI DI CONTROLLO CURSORE (TA- STIERINO NUMERICO) per introdurre dei numeri si possono usare due sezioni di tasti: quella della fila in alto della sezione alfanumerica oppure quelli del tastierino numerico, che generalmente si trova nella parte destra della tastiera. La sezione numerica è simile a quella di una calcolatrice e viene attivata premendo il tasto Bloc Num (indicatore luminoso corrispondente acceso). Essa ha a disposizione tasti per l inserimento dei numeri dallo 0 al 9 e permette di fare operazioni aritmetiche. Quando viene sbloccato il tasto Bloc Num (indicatore spento) i tasti di questa sezione permettono di gestire il cursore, cioè il rettangolo lampeggiante sullo schermo che indica dove sarà visualizzato il carattere successivo. SEZIONE TASTI CURSORE (FRECCE) essi abilitano il movimento del cursore sullo schermo senza essere influenzati dal tasto Bloc Num. Quando uno di questi tasti viene premuto il cursore si muove nella direzione indicata dalla freccia. 10

11 IL MONITOR Il monitor (o display o video) è il principale dispositivo di output. Praticamente identico a un normale schermo televisivo (anche la sua dimensione si misura in pollici), il monitor è costituito da un tubo a raggi catodici (detto video CRT: Cathode Ray Tube) e da uno schermo trasparente trattato con fosforo che è elettroluminescente. Opportunamente guidato, il tubo colpisce lo schermo con degli elettroni, illuminando i punti colpiti. Tali punti vengono detti pixel (picture element) e costituiscono una caratteristica fondamentale dei monitor, in quanto definiscono la loro risoluzione: maggiore è il numero di pixel visualizzabili, maggiore è la definizione del video (e quindi del suo contenuto). Qualsiasi oggetto visualizzabile, infatti (caratteri, disegni, immagini, grafici), è ottenuto da un opportuna disposizione di pixel: quanti più pixel ci sono, tanto più nitida sarà l immagine. Se la risoluzione del video è 800 x 600, sul monitor ci sono 800 colonne verticali. Ognuna di queste è composta da 600 pixel e ha la larghezza di un pixel. La distanza tra i pixel visualizzati sullo schermo è detta dot pitch ed è espressa in frazioni di millimetro. Varia a seconda della qualità del video: un dot pitch di 0,26 mm è ritenuto buono per un monitor da 17". Più piccola è la distanza, più nitida risulta l immagine. L architettura dei monitor CRT non permette di visualizzare un intera immagine contemporaneamente su tutta la superficie dello schermo. L immagine viene disegnata gradualmente, procedendo dall alto verso il basso e da sinistra verso destra. Così facendo, il computer può costantemente aggiornare l immagine visibile a video. Il numero di volte in cui il monitor viene aggiornato in un secondo prende il nome di frequenza di refresh: maggiore è la frequenza di refresh, maggiore risulta essere la nitidezza e la stabilità dell immagine. I monitor a cristalli liquidi (LCD = Liquid Crystal Display o TFT = Thin Film Tube) analoghi a quelli dei computer portatili, non avendo il tubo catodico, non emanano radiazioni e occupano minor spazio. Sono disponibili nuovi monitor a cristalli liquidi, che garantiscono una qualità di immagine (in termini di risoluzione, numero di colori, nitidezza e luminosità) analoga a quella consentita dai tubi a raggi catodici. LE STAMPANTI Le stampanti costituiscono l altro dispositivo di output per eccellenza. Il loro compito è quello di provvedere alla stampa su carta a fogli singoli o a modulo continuo. Le attuali stampanti sono di piccole dimensioni, veloci e acquistabili a prezzi relativamente bassi. La qualità dei documenti prodotti dipende dalla risoluzione di stampa, che viene misurata in DPI (Dots Per Inch, cioè punti per pollice). Una stampante che ha una risoluzione di 600 x 600 dpi, stampa in ogni pollice quadrato fino a (= 600 x 600) punti. In base alla tecnica di stampa utilizzata, invece, le stampanti si classificano in stampanti a impatto e non. Le stampanti a impatto (ad aghi) sono le stampanti che imprimono il carattere sulla carta in modo meccanico, attraverso la pressione del mezzo di scrittura sul nastro inchiostrato. Sono rumorose e lente. Le stampanti non a impatto producono la stampa utilizzando tecnologie più sofisticate e avanzate, a carattere chimico, magnetico, elettrico e ottico. Sono molto più silenziose di quelle a impatto e raggiungono prestazioni elevatissime. Analizziamo le caratteristiche delle principali stampanti che sfruttano queste tecnologie: stampanti ink-jet (a getto d inchiostro). Con questo tipo di stampante, la stampa viene realizzata gettando l inchiostro sulla carta per mezzo di un microscopico ugello, che spruzza l inchiostro in piccolissime particelle caricate elettrostaticamente, in modo da formare un carattere a matrice di punti. stampanti laser. Sono le stampanti più potenti attualmente esistenti e sfruttano la tecnologia ottica. Il funzionamento si basa sulla rotazione di un cilindro rivestito di materiale conduttore che viene colpito, durante la stampa, da un raggio laser deviato da uno specchio. I punti illuminati bloccano l inchiostro secco (toner) che, dopo una fase di compressione e riscaldamento, viene ceduto sulla carta formando il carattere. 11

12 SOFTWARE In informatica il termine software indica l insieme dei programmi che consentono un efficiente utilizzazione del computer. Può essere suddiviso in: software di base o di sistema, software applicativo e software di rete. Il software di base (o di sistema) è un insieme di programmi che governano e controllano le operazioni e l uso dell intero computer; costituisce il raccordo tra l hardware e i programmi applicativi che consentono all utente di interagire con l elaboratore. Esso può essere suddiviso in: firmware, costituito da una serie di programmi non modificabili dall utente, registrati nella ROM ed è punto d incontro tra l hardware e il software, cioè tra le componenti fisiche e quelle logiche (comprende Autotest per controllare tutti i componenti hardware che funzionino, Boot-strap per caricare il sistema operativo in RAM, BIOS per la gestione delle periferiche); linguaggi di programmazione cioè dei codici con i quali è possibile programmare un computer; sistema operativo, costituito dall insieme dei programmi che consentono all utente di gestire l elaboratore e di accedere alle operazioni di base per utilizzare in modo efficiente le risorse dell hardware e del software. Si può anche definire come l interfaccia tra l utente e la macchina; questa interfaccia può essere testuale, in cui l utente deve fornire i comandi digitandoli sulla tastiera (MS-DOS, Unix), o grafica (GUI), che permette la comunicazione tra il computer e l utente attraverso elementi come icone, menu e finestre (Windows, OS/2, ecc). Il sistema operativo è l unica parte di software che non può mancare in nessuna macchina. Il software applicativo è costituito dall insieme dei programmi che vengono usati per applicazioni particolari (ad esempio per ottenere documenti, grafici, tabelle, immagini, ecc). Si può classificare in: Programmi di elaborazione testi, per la creazione e il trattamento di documenti Foglio elettronico, per la gestione di tabelle di calcolo e grafici Database, per la gestione di archivi di dati Programmi per la realizzazione di presentazioni Programmi per l impaginazione elettronica (Desktop publishing = DTP) Programmi applicativi per le aziende (contabilità integrata, gestione del personale, ecc.) Programmi per il disegno tecnico e la progettazione (CAD = Computer Aided Design) Programmi per la creazione di pagine Web Programmi per la gestione della posta elettronica Programmi didattici e di consultazione Videogiochi, ecc. Il software di rete gestisce la comunicazione tra i computer collegati in rete. 12

13 SVILUPPO DEL SOFTWARE I programmi vengono realizzati a partire dall analisi di un problema e dall individuazione di una possibile soluzione informatica. Un ciclo di sviluppo del software prevede l attuazione delle seguenti fasi: analisi, progettazione, programmazione, testing e distribuzione. L intero ciclo, della vita di un software, viene eseguito più e più volte, perché è solo con l utilizzo in un ambiente reale di lavoro che vengono alla luce ulteriori necessità e opportunità, nonché difetti e problemi non evidenziati durante il testing. Un programma è una sequenza di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, che risiedono nella memoria del computer, vengono interpretate dalla CPU ed eseguite una alla volta. Multimedialità = impiego combinato di diversi sistemi di comunicazione, sonori, grafici e audiovisivi, per la realizzazione di materiale informativo sullo stesso supporto. La multimedialità è un sottocampo della ipermedialità, che combina gli elementi sopra indicati con un ipertesto, permettendo il collegamento tra le informazioni. Il Sistema Operativo è l insieme dei programmi che consentono al computer di gestire e controllare tutte le attività e le risorse dell elaboratore, facendo da interprete tra la macchina, l utente e il software applicativo usato. Il file (letteralmente archivio), rappresenta un insieme di dati o di informazioni registrati, collegati logicamente, trattati come un unico complesso e identificati da un nome. Un file potrebbe essere una lettera, un elenco di nomi, la dichiarazione dei redditi ecc, ma anche un programma. Ogni file è identificato da: il nome, formato da caratteri alfanumerici qualsiasi, tranne * =., : ; / < > \? l estensione, formata da non più di tre caratteri che serve per riconoscere il tipo di file. L estensione, quindi, consente di distinguere i file in due gruppi: file di programma (eseguibili) e file di dati (non eseguibili) File di programma o di sistema contengono i programmi che un computer esegue; in genere essi hanno l estensione.exe (eseguibile),.com (comando),.sys (per la gestione della configurazione del sistema),.bat (file batch, cioè file che contengono sequenze di istruzioni da eseguire). File di dati possono essere raggruppati, in base al programma con il quale sono stati prodotti: ad esempio un file di videoscrittura (Word) generalmente avrà l estensione.doc,.txt o.rtf, un file di foglio elettronico (Excel) avrà l estensione.xls, un file di data base (Access) l estensione.dbf, i file in formato grafico hanno in genere una delle seguenti estensioni:.bmp,.wmf,.tif,.jpg,.gif e così via. Va tenuto presente che di solito le estensioni al nome vengono assegnate automaticamente dai singoli programmi applicativi. Ogni file deve avere un nome che lo identifica e che non può condividere con nessun altro file che abbia la stessa estensione e che sia contenuto nella stessa cartella. E possibile che un disco contenga vari file con lo stesso nome, se questi sono archiviati in diverse cartelle. La cartella o directory è un contenitore di file registrati su disco, identificata da un nome. Se le directory contengono troppi file, è possibile creare all interno della prima directory, delle sottodirectory ed ottenere così una migliore organizzazione dei file. Per reperire facilmente i nostri lavori dobbiamo quindi essere ordinati nel riporli. 13

14 I CARATTERI JOLLY Nella ricerca di un file si possono utilizzare alcuni caratteri speciali, chiamati caratteri jolly; essi sono l asterisco * e il punto interrogativo?. Per mezzo dell asterisco [*] è possibile sostituire, in fase di ricerca, un numero qualunque di caratteri all interno del nome o dell estensione di un file. Ad esempio *.txt indica che si vogliono ricercare tutti i nomi di file che hanno un estensione.txt; se invece si utilizza l opzione po*.txt, vuol dire che si vogliono visualizzare tutti i file inizianti con po e che contemporaneamente hanno un estensione txt. Come risultato della ricerca potremmo avere: posta.txt, portale.txt, pony.txt, eccetera. Il punto interrogativo [?] rende invece possibile la sostituzione di un solo carattere nel nome del file; ad esempio impostando la ricerca con mel?, avremo mela, melo, mele, meli, ma sicuramente non avremo melone. 14

Hardware. 1) Unità centrale (CPU)

Hardware. 1) Unità centrale (CPU) Hardware In informatica il termine hardware indica le componenti fisiche, elettriche, elettroniche, ottiche e meccaniche di un elaboratore. In un computer digitale si possono distinguere cinque categorie

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

IL SOFTWARE. Giada Agostinacchio Classe 2^ Beat ISIS G.Meroni Lissone Anno Scolastico 2007/2008

IL SOFTWARE. Giada Agostinacchio Classe 2^ Beat ISIS G.Meroni Lissone Anno Scolastico 2007/2008 IL SOFTWARE Giada Agostinacchio Classe 2^ Beat ISIS G.Meroni Lissone Anno Scolastico 2007/2008 CHE COS È IL SOFTWARE In Informatica il termine Software indica l insieme dei programmi che consentono un

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Architettura di un calcolatore

Architettura di un calcolatore Architettura di un calcolatore Appunti di Antonio BERNARDO Corso di Informatica di base A. Bernardo, Informatica di base 1 1 Compiti del computer Elaborazione di dati Memorizzazione di dati Scambio di

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY

INFORMATION TECNOLOGY PROGETTAZIONE CLASSI PRIMA A E B CONCETTI DI BASE INFORMATION TECNOLOGY SIGNIFICATO DI INFORMATION TECNOLOGY il sistema informatico La classificazione dei computer in base all uso Principali componenti

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Tecnologia dell Informazione

Tecnologia dell Informazione Tecnologia dell Informazione Concetti di base della tecnologia dell informazione Materiale Didattico a cura di Marco Musolesi Università degli Studi di Bologna Sede di Ravenna Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer.

L hardware. del Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer. Il Personal computer L hardware del Personal computer 2004 Roberto Bisceglia http://www.itchiavari.org/ict Il personal computer è una macchina, costituita principalmente da circuiti elettronici, in grado

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Argomenti: Il modello logico funzionale i componenti dell'elaboratore; i bus; Relazione svolta dall'alunno/a : GARUFI CARLA della 3 B progr 2011/2012.

Dettagli

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE

Esame di INFORMATICA LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT. Lezione 5 PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE (2/2) LE PERIFERICHE DI OUTPUT LA STAMPANTE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 5

Esame di INFORMATICA Lezione 5 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 5 LE PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT Permettono lo scambio dei dati tra l utente ed il calcolatore. Controllati dalla CPU Master

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware

CRIAD 1. Corso di Introduzione all Informatica v v v v. Contenuti del Modulo 1. Hardware e Software. Hardware Corso di Introduzione all Informatica v v v v Contenuti del Modulo 1 Concetti generali Hardware Software Dispositivi di memoria CRIAD 1 CRIAD 2 Hardware e Software Hardware vil funzionamento di un computer,

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi IL FUNZIONAMENTO BASE DI UN COMPUTER HW e SW Lezione 1 1 Il

Dettagli

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore.

Periferiche di I/O. Architettura di Von Neumann. 02 novembre 2006 BUS. Schema generale di tipo funzionale del calcolatore. Periferiche di I/O 02 novembre 2006 Architettura di Von Neumann Schema generale di tipo funzionale del calcolatore Unità Centrale Memoria Centrale Interfacce delle Periferiche BUS DATI BUS BUS CONTROLLO

Dettagli

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un

Il Computer (Sistema per l Elaborazione delle Informazioni o calcolatore elettronico) è un Pagina 18 di 47 2. Analisi delle componenti hardware di un computer 2.1 L hardware 2.1.1 Componenti principali di un computer L Informatica (da Informazione + Automatica) è la disciplina che studia la

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Ricapitolando Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Il funzionamento di un elaboratore dipende da due fattori principali 1) dalla capacità di memorizzare i programmi e i dati 2) dalla

Dettagli

Informatica. Modulo 1: Hardware

Informatica. Modulo 1: Hardware Informatica l'insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile la creazione, raccolta, elaborazione, immagazzinamento e la diffusione delle informazioni 4 Società dell Informazione La società

Dettagli

Funzionalità di un calcolatore

Funzionalità di un calcolatore Funzionalità di un calcolatore Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione 3. Comunicazione (interfaccia) Architettura di un computer componenti per elaborare

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

INFORMATICA, IT e ICT

INFORMATICA, IT e ICT INFORMATICA, IT e ICT Informatica Informazione automatica IT Information Technology ICT Information and Communication Technology Computer Mini Computer Mainframe Super Computer Palmare Laptop o Portatile

Dettagli

CHE COSA FAREMO INSIEME?

CHE COSA FAREMO INSIEME? CHE COSA FAREMO INSIEME? Impareremo a conoscere il computer per poter sfruttare al meglio alcune sue caratteristiche Raccoglieremo informazioni preziose perché non si può amare chi non si conosce IL COMPUTER

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal

IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal realizzò la prima macchina da calcolo con un principio meccanico

Dettagli

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Concetti di base della tecnologia dell informazione Prof. Michele Barcellona Hardware Software e Information Technology Informatica INFOrmazione automatica La scienza che si propone di raccogliere,

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL Open Materiale e riferimenti - Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL-Modulo-1-Parte-1 Concetti di base della

Dettagli

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE

NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA NOZIONI ELEMENTARI DI HARDWARE E SOFTWARE Dott. Paolo Righetto 1 CORSO INTRODUTTIVO DI INFORMATICA Percorso dell incontro: 1) Alcuni elementi della configurazione hardware

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard disk Supporti

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche,

In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, elettriche, meccaniche, magnetiche, ottiche che ne consentono

Dettagli

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE

MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE MEMORIE DI MASSA E PERIFERICHE Tecnologie Informatiche 1 Il computer» È una macchina elettronica con lo scopo di elaborare dati in modo automatico, veloce, sicuro ed efficiente.» E formato dall hardware

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 03 Conosciamo i tipi di computer e le periferiche In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ottobre 2007 L architettura del calcolatore Concetti iniziali L architettura del calcolatore Con il

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere!

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! Pablo Genova I. I. S. Angelo Omodeo Mortara A. S. 2015 2016 COS'E' UN COMPUTER? È una macchina elettronica programmabile costituita da

Dettagli

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer

MODULO 01. MODULO 01 Unità didattica 3. In questa lezione impareremo: Come è fatto un computer. Periferiche e tipi di computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 3 Periferiche e tipi di computer In questa lezione impareremo: a conoscere le periferiche di input e di output, cioè gli strumenti che permettono

Dettagli

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori Informatica per l Ingegneria Industriale Introduzione ai calcolatori Gualtiero Volpe gualtiero.volpe@unige.it 1. Struttura del calcolatore 1 Che cosa è un computer? A prescindere dalle dimensioni e dal

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Concetti Teorici di Base sull informatica

Concetti Teorici di Base sull informatica Concetti Teorici di Base sull informatica INFORMATICA: È la scienza che studia l informazione e l elaborazione dei dati e il loro trattamento automatico mediante gli elaboratori elettronici. PROGRAMMA:

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Introduzione all'architettura dei Calcolatori

Introduzione all'architettura dei Calcolatori Introduzione all'architettura dei Calcolatori Introduzione Che cos è un calcolatore? Come funziona un calcolatore? è possibile rispondere a queste domande in molti modi, ciascuno relativo a un diverso

Dettagli

Centro Iniziative Sociali Municipio III

Centro Iniziative Sociali Municipio III Centro Iniziative Sociali Municipio III C.I.S Municipio III Corso di informatca Roberto Borgheresi C ORSO BASE DI I NFORMATICA Centro Iniziative Sociali Municipio III Coordinatore: Roberto Borgheresi Insegnanti:

Dettagli

I dischi magnetici floppy disk

I dischi magnetici floppy disk I dischi magnetici floppy disk I floppy disk (dischetti flessibili) sono supporti rimovibili Ogni elaboratore è dotato di almeno una unità di lettura-scrittura detta drive, all'interno della quale l'utente

Dettagli

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni.

Struttura del Corso. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Corso Integrato di Informatica e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Marco Falda Dipartimento di Ingegneria dell Informazione tel. 049 827 7918 marco.falda@unipd.it Corso di 35 ore: Struttura del

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE

INFORMATICA DI BASE CLASSE PRIMA Prof. Eandi Danilo www.da80ea.altervista.org INFORMATICA DI BASE INFORMATICA DI BASE CHE COSA È UN COMPUTER Un computer è un elaboratore elettronico, cioè una macchina elettronica programmabile in grado di eseguire automaticamente operazioni logico-aritmetiche sui dati

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica L elaboratore elettronico (ovvero, il computer ) Monitor Unità centrale Casse acustiche Mouse Tastiera PREMESSA Insegnare con l'ausilio dei multimedia è una tecnica che giunge agli

Dettagli

1 Il computer. Il computer è un elaboratore dati. Home

1 Il computer. Il computer è un elaboratore dati. Home 1 Il computer Il computer è un elaboratore dati 2 Il computer Il computer è un apparecchiatura elettronica che riceve dati e che, dopo averli elaborati, restituisce altri dati. I dati possono essere: numeri,

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Informatica in pillole. conoscere l informatica

Informatica in pillole. conoscere l informatica Informatica in pillole conoscere l informatica Intro La macchina Interazione uomo-macchina brevi cenni: il computer Funzionamento e differenze delle memorie (DVD/USB/HardDisk) Masterizzazione, formattazione

Dettagli

Elaborazione dei dati

Elaborazione dei dati Elaborazione dei dati Architettura dei computer Esploreremo i fondamenti dell architettura dei computer. Vedremo come un computer elabora i dati e comunica con periferiche come stampanti e tastiere. Linguaggio

Dettagli

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43

I dischi ottici. Fondamenti di Informatica -- Rossano Gaeta 43 I dischi ottici Le tecnologie dei dischi ottici sono completamente differenti e sono basate sull'uso di raggi laser Il raggio laser è un particolare tipo di raggio luminoso estremamente focalizzato che

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Calcolatori e interfacce grafiche

Calcolatori e interfacce grafiche Calcolatori e interfacce grafiche COMPONENTI DI UN COMPUTER Hardware Tutti gli elementi fisici che compongono un calcolatore Software Comandi, istruzioni, programmi che consentono al calcolatore di utilizzare

Dettagli

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

Il processore - CPU. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Il processore - CPU (CENTRAL PROCESSING UNIT) Funzionamento o Programmi e dati risiedono in file memorizzati in memoria secondaria. o Per essere eseguiti (i programmi) e usati (i dati) vengono copiati

Dettagli

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU IL COMPUTER INTRODUZIONE - un po di storia Il computer è una macchina, uno strumento diventato ormai indispensabile nella vita di tutti i giorni per la maggior parte delle persone dei Paesi sviluppati.

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA

Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Scuola Secondaria di Primo Grado Anna Frank Nome Cognome classe anno sc. 2008/09 INFORMATICA Il termine informatica riassume due parole, informazione automatica, e si occupa dei sistemi per l elaborazione

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Il calcolatore. Struttura fondamentale dell elaboratore ed elementi di programmazione. L informazione digitale. Hardware e Software

Il calcolatore. Struttura fondamentale dell elaboratore ed elementi di programmazione. L informazione digitale. Hardware e Software Struttura fondamentale dell elaboratore ed elementi di programmazione Corso: Laboratorio Matematico-Informatico I Titolare del Corso: Nicoletta Del Buono Il calcolatore I calcolatori elettronici sono stati

Dettagli

Cosa è l informatica

Cosa è l informatica Cosa è l informatica Informazione + automatica Scienza del trattamento automatico delle informazioni Insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile Elaborare (trasformare) l informazione

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

Componenti dell elaboratore

Componenti dell elaboratore L hardware del PC Componenti dell elaboratore Hardware Parte fisica del sistema Dispositivi fisici Software Parte logica del sistema Programmi e dati 2 Hardware dell elaboratore 3 L'architettura del calcolatore

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli