Capire il Surplus. i consumatori europei scelgono i media online. Il Mondo Connesso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capire il Surplus. i consumatori europei scelgono i media online. Il Mondo Connesso"

Transcript

1 Il Mondo Connesso Capire il Surplus i consumatori europei scelgono i media online

2 The Boston Consulting Group (BCG) e una societa multinazionale di consulenza aziendale e uno dei leader mondiali nella consulenza strategica. Collaboriamo con clienti appartenenti a tutti i settori e in ogni parte del mondo, allo scopo di identificare le migliori opportunità, affrontare le sfide più critiche e trasformare il loro business. Il nostro approccio personalizzato combina una profonda comprensione delle dinamiche delle aziende e dei mercati con una stretta collaborazione estesa a tutti i livelli dell organizzazione dei clienti. Questo assicura che i nostri clienti ottengano un vantaggio competitivo sostenibile, sviluppino organizzazioni più efficaci e si assicurino risultati più duraturi. Fondata nel 963, BCG oggi conta 8 uffici in 3 paesi. Per maggiori informazioni, vi invitiamo a visitare il sito

3 Il Mondo Connesso Capire il SurpluS I CONSUMATORI EUROPEI SCELGONO I MEDIA ONLINE DavID Dean Cenk SezGInSoy Paul zwillenberg Commissionato da Aprile 3 The Boston Consulting Group

4 INDICE 3 PREMESSA QUADRO GENERALE 6 INTRODUZIONE 8 NOTIZIE, OPINIONI E... USER GENERATED CONTENT 0 PIÙ ACCESSO, PIÙ CONTENUTI, PIÙ VALORE 3 USER GENERATED CONTENT, GIOCHI E NOTIZIE COME CAPOFILA NELL OFFERTA ONLINE 5 IL FUTURO E VICINO 8 LE INFINITE OPPORTUNITÀ A DISPOSIZIONE DEL SETTORE UN AMBIENTE SANO AIUTA... E MOLTO 2 PROFILO PAESI ULTERIORI APPROFONDIMENTI NOTE AL LETTORE 2 Capire il Surplus

5 PREMESSA In Europa, una quota sempre maggiore del consumo mediatico si sta spostando sul Web. Per comprendere meglio le implicazioni di tale cambiamento nei riguardi di consumatori e dell industria dei media, nonché al fine di analizzarne le conseguenze sul piano economico, Google ha chiesto a The Boston Consulting Group di elaborare il presente studio. I risultati illustrati qui di seguito sono stati oggetto di discussione con i dirigenti di Google, ma le relative analisi e conclusioni sono frutto del lavoro indipendente di BCG. Nel mese di febbraio 3 BCG ha pubblicato uno studio simile a questo sul mercato dei media negli Stati Uniti dal titolo Follow the Surplus: How U.S. Consumers Value Online Media (Capire il Surplus: i consumatori americani scelgono i media online) al quale Google non ha partecipato. Il presente studio è disponibile anche nelle lingue inglese, ceco, francese, tedesco, e polacco. Per ordinare una copia, vi invitiamo a contattare uno degli autori. The Boston Consulting Group 3

6 Quadro generale In Europa, il consumo mediatico si sta spostando sul Web, con conseguente trasferimento del valore economico corrispondente. Un recente studio condotto da BCG mostra che, in 9 paesi europei, una percentuale compresa tra il e il % del valore percepito che i consumatori ricavano dai mezzi di informazione (al netto dei costi correlati) deriva oggi dai media online. In un numero sempre crescente di categorie mediatiche e di paesi, il surplus del consumatore derivante dal canale online oggi supera quello legato ai media offline. I consumatori europei attribuiscono un valore elevato ai prodotti di intrattenimento, d informazione e alle notizie. Questo è pari a circa 2.00 euro annui per consumatore correlato, di cui la metà è riconducibile al canale online. Se da tale valore sottraiamo i costi dei media utilizzati, otteniamo un surplus del consumatore pari a circa 2.00 euro. Di questi, la quota derivante dai media online è di.00 euro, mentre quella riconducibile ai media offline è pari a.000 euro. Il surplus online più elevato si registra in Svezia, anche se appare significativo in tutti i paesi oggetto dello studio. L utilizzo dei media online riguarda consumatori appartenenti a tutte le fasce d età. Una parte consistente dei consumatori europei accoglie di buon grado i cambiamenti che stanno investendo il mondo della comunicazione. Circa tre quarti di loro hanno dichiarato che la qualità dei contenuti online è più elevata rispetto a tre anni fa. Capire il Surplus

7 Quasi due terzi ritengono che tale tendenza al miglioramento sia destinata a svilupparsi ulteriormente nel tempo. Una maggioranza significativa degli intervistati utilizza il Web per fruire di contenuti esclusivi a cui non potrebbe accedere altrove. Ovunque in Europa è ormai possibile individuare alcuni fattori chiave che accelerano il consumo di risorse online in tutto il panorama mediatico. La maggiore penetrazione della banda larga (specie nel campo della telefonia mobile) e la proliferazione dei dispositivi mobili favoriscono un utilizzo più elevato del Web. Una quota pari a circa l 80% del surplus del consumatore nella categoria libri (unitamente a circa due terzi del surplus nelle categorie TV/film e radio/musica) deriva ancora dai media offline, mostrando quindi un enorme potenziale per il passaggio ai canali online. I produttori di contenuti multimediali hanno di fronte a sé opportunità molto promettenti, articolate su modelli di business multipli (alcuni nuovi, altri già in uso). La pubblicità online sta crescendo rapidamente. I consumatori europei si dimostrano oggi disposti al pagamento di un corrispettivo per fruire dei contenuti. Vi sono inoltre altri modelli di business potenzialmente in grado di generare ricavi significativi. Una politica online di successo in Europa dovrà sia tenere conto del fatto che i vari mercati e aree geografiche presentano eredità storiche, culturali e politiche tra loro differenti, sia mettere al centro il consumatore. I consumatori europei hanno solitamente delle visioni uniformi in merito ai mezzi di comunicazione online, anche se persistono comunque delle variazioni a livello nazionale in quanto a percezione ed esperienze di utilizzo. Una parte significativa della popolazione europea è entusiasta dei vantaggi che Internet offre più di quanto non sia preoccupata dei rischi. The Boston Consulting Group 5

8 introduzione In Europa, il consumo mediatico si sta spostando sul Web, con conseguente trasferimento del valore economico corrispondente. Già oggi i consumatori attribuiscono ai media online e offline un valore pressappoco identico. Un risultato lodevole, considerato che il mercato online è ancora relativamente giovane. È ragionevole prevedere che la crescente penetrazione di smartphone e tablet, l implementazione di reti di dati ad alta velocità e la sempre maggiore disponibilità di contenuti di qualità elevata avranno l effetto di accelerare l avanzata del Web nei prossimi anni. Tale tendenza ha implicazioni importanti per le aziende operanti nel settore media, le quali si trovano oggi di fronte a opportunità rilevanti, ma anche a un alterazione considerevole dei modelli di business tradizionali. Le implicazioni riguardano anche i responsabili decisionali e politici, impegnati nella discussione delle questioni direttamente legate all intersezione di legislazione e tecnologia. Saranno però anche altri a risentire degli impatti del fenomeno, a cominciare dai produttori di computer e dispositivi mobili, le società di telecomunicazioni e le agenzie pubblicitarie, solo per citarne alcuni. Un recente studio condotto da The Boston Consulting Group mostra che, in 9 paesi europei, una percentuale compresa tra il e il % del valore percepito che i consumatori ricavano dai mezzi di informazione (al netto dei costi associati) deriva oggi dai media online. In un numero crescente di categorie media e di paesi europei, il surplus del consumatore derivante dall online supera oggi quello legato all offline. Gli europei consumano più prodotti multimediali e di qualità più elevata, mediante una varietà sempre crescente di dispositivi connessi ad internet, compresi smartphone, tablet, e-reader e televisioni abilitate. Il presente studio si pone l obiettivo di analizzare il suddetto aumento (che si manifesta in misura eccezionalmente rapida) osservando nel dettaglio nove paesi rappresentativi dell Europa odierna e che mostrano attitudini molto diverse in relazione all uso di Internet. I Paesi in esame presentano varie fasi di sviluppo economico e maturità dei servizi online. Si è infatti scelto di prendere in esame le grandi economie di Francia, Germania, Italia e Regno Unito, paesi di dimensioni medio-piccole (Irlanda, Paesi Bassi e Svezia) e paesi di più recente adesione all UE, ovvero Repubblica Ceca e Polonia. Lo studio si basa su una ricerca di mercato condotta tra novembre 2 e gennaio 3 e approfondisce ulteriormente le precedenti analisi sull impatto economico e commerciale di Internet, contenute in altre studi già 6 Capire il Surplus

9 pubblicati da BCG della serie Connected World. (Follow the Surplus: How U.S. Consumers Value Online Media (Capire il Surplus: i consumatori americani scelgono i media online) la più recente delle quali - pubblicata nel febbraio 3 - esplora i cambiamenti generati dai consumatori che interessano l industria dei media online negli Stati Uniti). A nostro parere, il mutamento attualmente in corso è significativo, strutturale e, in ultima analisi, ugualmente favorevole per i consumatori e per l industria stessa. Un cambiamento dai ritmi rapidi, però, rende inevitabilmente più complesso il processo decisionale per i dirigenti del settore e della scena politica. In tale contesto, i consumatori lanciano un messaggio molto chiaro a tutti gli attori coinvolti: non solo tale mutamento viene accolto con favore, ma viene richiesto in misura sempre maggiore. The Boston Consulting Group

10 notizie, opinioni e... user generated Content I CONSUMATORI CHIEDONO DI PIÙ mezzi di informazione hanno sempre I incontrato il gradimento del pubblico europeo. Attualmente, i consumatori si affidano sempre di più ai media online. Presso i consumatori è ampiamente diffusa l opinione che vi sia stato un miglioramento nella qualità dei contenuti online offerti (lo ritengono addirittura quote pari al 65 e 8% degli intervistati, a seconda del paese analizzato), rispetto a tre anni fa. Inoltre, in tutti e nove i paesi oggetto dell analisi, la maggior parte dei consumatori (con valori compresi tra il 55 e il 2%) è convinta che tale processo di miglioramento sia destinato a proseguire. In tutti gli stati esaminati, oltre il 5% dei consumatori ha dichiarato di usufruire del Web in quanto si tratta di un mezzo veloce, facile e comodo da utilizzare. Quote significative di consumatori (ovvero una media del 62% per tutti i paesi) hanno dichiarato di utilizzare Internet per fruire di contenuti esclusivi non reperibili altrove. Gli utenti hanno ampiamente dimostrato di sentirsi sicuri e a proprio agio nel mondo online e credono altresì che i vantaggi dell esperienza sul Web compensino nettamente i rischi connessi al suo utilizzo. Alla luce di ciò, non sorprende dunque che sia molto limitata (tra il 6 e il % a seconda del paese) la percentuale di consumatori che sostiene invece di preferire l offerta multimediale di tre anni fa. I consumatori hanno accolto con entusiasmo l avvento e la diffusione di contenuti generati dagli utenti (User-Generated Content, UGC) come YouTube e Wikipedia e i social network. Circa otto europei su dieci hanno utilizzato UGC o un social network negli ultimi 2 mesi. Cinque europei su dieci hanno inserito commenti a post pubblicati da altri utenti nel corso degli ultimi tre mesi; circa tre su dieci hanno caricato online un video o un immagine personale e quasi due su dieci hanno aggiornato o gestito un blog o un sito web. Gli intervistati, oltre ad aver dichiarato di partecipare ad attività accessibili esclusivamente online, hanno anche dichiarato di servirsi più frequentemente di Internet per consultare i media tradizionali. Nel corso dell ultimo anno, è emerso che tre quarti di europei hanno letto un quotidiano o rivista online, due terzi hanno ascoltato musica o stazioni radiofoniche dal Web e più della metà ha utilizzato Internet per guardare un film o un programma televisivo. (Le cifre sopra riportate corrispondono alle medie dei risultati ottenuti per i nove paesi oggetto dello studio; le medie risultano coerenti con i risultati dei singoli paesi). La predilezione per le opportunità offerte da Internet non si limita però alla sola sfera dell intrattenimento. Gli utenti sfruttano l intero assortimento di categorie 8 Capire il Surplus

11 multimediali negli ambiti di notizie, cultura e informazione. Un buon % della lettura di quotidiani e riviste (oltre a circa il 30% dell ascolto di stazioni radiofoniche e dell accesso a programmi televisivi) è finalizzato all acquisizione di informazioni. L obiettivo non è dunque quello di leggere, ascoltare musica o guardare la TV utilizzando gadget o dispositivi di ultima generazione. I media online permettono agli utenti un controllo totale, offrendo loro l opportunità di sfruttare le infinite opzioni di scelta a loro disposizione. Sono i consumatori a decidere cosa, quando, dove e come intendono accedere a libri e contenuti televisivi, o ancora a giochi e musica. Gli utenti possono inoltre avviare, interrompere, passare al contenuto seguente o riprodurre nuovamente (e commentare). Il tutto mediante una semplice sequenza di tasti. Nell universo online, i consumatori hanno pieno controllo delle proprie scelte. La maggior parte dei consumatori europei considera Internet come un utile mezzo culturale che agisce su più livelli: secondo gli intervistati, il Web ha un impatto positivo sulla promozione della cultura nazionale sia all estero che nel proprio paese, semplificando inoltre l accesso a notizie e a contenuti di intrattenimento di livello internazionale. Anche in quei paesi che ostentano un forte apprezzamento per i media tradizionali, l entusiasmo verso i media online può raggiungere livelli elevati: il 6% degli utenti francesi intervistati e il 8% dei tedeschi sono concordi nel sostenere che Internet semplifica la promozione della propria cultura nazionale all estero. (Vedere Figura ). Figura I consumatori sono entusiasti di Internet e dei media online % degli intervistati D accordo Né d accordo, né in disaccordo In disaccordo Rispetto a tre anni fa, il Web presenta una più elevata quantità di contenuti multimediali di alta qualità Svezia Francia Paesi Bassi Germania Polonia Repubblica Ceca U.K. Italia Irlanda Utilizzo Internet per accedere a contenuti esclusivi non reperibili altrove Svezia Francia Paesi Bassi Germania 6 28 Polonia Repubblica Ceca U.K Italia Irlanda La qualità dei media online migliorerà nel corso dei prossimi tre anni Svezia Francia Paesi Bassi Germania Polonia Repubblica Ceca U.K. Italia Irlanda Internet facilita la promozione della cultura nazionale all estero Svezia 6 Francia Paesi Bassi Germania 8 Polonia 3 Repubblica Ceca Regno Unito Italia Irlanda Fonti: Indagine BCG european Media Consumer Survey (novembre 2); analisi BCG. Nota: I risultati riflettono le risposte al seguente quesito dell indagine: Di seguito sono elencate una serie di affermazioni comuni relative a Internet. Indicare quanto si concorda con ciascuna di esse. Per via degli arrotondamenti, non sempre il valore complessivo delle percentuali è pari a 00. The Boston Consulting Group 9

12 più accesso, più Contenuti, più valore Gli utenti europei attribuiscono un valore elevato ai prodotti di intrattenimento, informazione e notizie consultati. Questo è pari a circa 2.00 euro annui per ogni consumatore connesso ad internet, di cui la metà è riconducibile al canale online. Anche dopo averne sottratto i costi, il valore ottenuto è pari a 2.00 euro, il che costituisce il surplus del consumatore. Come affermato all inizio del presente studio, circa la metà di tale surplus deriva dai media online. I consumatori hanno accesso ad una maggiore quantità di contenuti online e dalla qualità più elevata, mentre aumenta anche il tempo che si dedica alla consultazione di tali contenuti (che si tratti di video, musica, libri o notizie) o a tenersi in contatto con gli amici attraverso Internet. Tutto ciò contribuisce a incrementare ulteriormente il surplus. Il surplus del consumatore, concetto ampiamente utilizzato dagli economisti che studiano il comportamento dei consumatori nei vari mercati, può essere definito come differenza tra il valore che i consumatori attribuiscono ad un prodotto o attività e il prezzo pagato per ricevere il suddetto prodotto o attività. Ai fini del calcolo di tale beneficio, è necessario misurare ciò viene chiamato valore percepito, ovvero la quantità di reddito aggiuntivo necessario per ricevere o generare il medesimo vantaggio derivante dal consumo del prodotto o servizio. A questo punto occorre sottrarre la cifra spesa per acquistare il bene o servizio; il valore rimanente costituisce il surplus. Il surplus del consumatore fornisce un utile misurazione del valore economico attribuito ad un prodotto da parte dei suoi utilizzatori. Offre gli elementi per comprendere il valore aggiuntivo che i consumatori ritengono di ottenere con l acquisto di beni al loro prezzo di mercato: maggiore è il surplus, maggiore sarà la differenza positiva tra valore e costo. Per gli operatori del settore, un surplus elevato dovrebbe essere il segnale della presenza di una forte domanda, ma anche di un margine di manovra sufficiente ad assicurarsi maggiori profitti mediante lo sviluppo di modelli di business adeguati. Gli utenti europei attribuiscono un valore elevato ai prodotti di intrattenimento, informazione e notizie consultati sia online che offline. I consumatori svedesi e olandesi ottengono il surplus più elevato dai media online. Questo è pari rispettivamente a.55 euro e.8 euro annui per consumatore connesso ad internet. (Vedere Figura 2). Questi dati 0 Capire il Surplus

13 Figura 2 Il surplus del consumatore per i media online è già significativo in tutti i mercati oggetto dell indagine. Surplus del consumatore complessivo per consumatore connesso ad internet ( ) Svezia Francia Paesi Bassi Germania Polonia Repubblica Regno Unito Italia Ceca Il surplus online è una percentuale del surplus complessivo. Surplus del consumatore per i media offline Surplus del consumatore per i media online Irlanda Fonti: Indagine BCG european Media Consumer Survey (novembre 2); analisi BCG. Nota: Per via degli arrotondamenti, i surplus offline e online non corrispondono al surplus del consumatore complessivo per i paesi indicati sopra. non sono una sorpresa, poiché tali paesi possono contare su infrastrutture ed economie Internet altamente avanzate, unite a una disponibilità di contenuti online relativamente elevata. In Svezia, ad esempio, praticamente tutti i quotidiani sono presenti online, i principali canali televisivi offrono ai propri spettatori strumenti di riproduzione dei contenuti sul Web, il servizio di musica in streaming Spotify è disponibile su vasta scala (spesso già inclusa in abbonamenti di telefonia mobile) e la pubblicazione di blog è rapidamente divenuta uno dei passatempi più popolari. Sia in Svezia che nei Paesi Bassi, i media online detengono una quota più elevata del surplus del consumatore complessivo rispetto ai media offline. Il surplus online appare significativo in tutti i paesi oggetto dello studio. Ad esempio, nella Repubblica Ceca, paese in cui i consumatori hanno un ventaglio di scelta più limitato nell ambito dei media tradizionali (in parte perché i contenuti stranieri non sempre vengono tradotti in lingua ceca), i media online oggi rappresentano il 63% del surplus del consumatore per la totalità dei mezzi di comunicazione. I cechi (così come i polacchi, gli italiani e gli irlandesi) sono particolarmente entusiasti della nuova gamma di notizie e contenuti di intrattenimento a cui oggi hanno accesso. I consumatori cechi e polacchi conferiscono un valore in special modo elevato ai media online, e ciò per ragioni storiche (si veda, ad esempio, l importanza che tali popolazioni associano alla libertà di espressione nell era post-sovietica) e per via del valore che questi offrono ai consumatori sensibili al prezzo. Anche nei mercati media più grandi (come Regno Unito, Francia e Germania) i cui consumatori storicamente possono contare su una ricca offerta di contenuti offline, locali o internazionali, i media online oggi contribuiscono al surplus mediatico complessivo con quote comprese tra il 39 e il %. I quotidiani e i giochi (online e offline) risultano popolari in Francia, paese con il secondo surplus del consumatore per i The Boston Consulting Group

14 prodotti media tra tutti i paesi esaminati ( euro per consumatore); ciò è in parte dovuto al contributo di.0 euro (2%) apportato dai media online. In Germania, paese in cui il mercato dei media offline è particolarmente ricco, i consumatori hanno comunque dichiarato di ricavare dal Web quasi il % del surplus del consumatore complessivo legato ai prodotti media. In ogni mercato, il vantaggio che i consumatori traggono da tale surplus è evidente: nella maggior parte dei paesi, il surplus equivale a valori compresi tra il e l 8% del reddito disponibile, con punte addirittura più alte in alcuni paesi. Per informazioni più dettagliate sul surplus del consumatore derivante dai mezzi di informazione per ciascun paese esaminato, o per ulteriori approfondimenti tratti dal nostro studio sul consumo mediatico o sui comportamenti di consumo, si prega di fare riferimento alla sezione Profili Paese alla fine del presente studio. Non sono soltanto le fasce più giovani o più abbienti a trarre vantaggio da uno scenario di questo tipo. L utilizzo dei media online investe consumatori appartenenti a tutte le fasce d età e ciascuno ne adatta l utilizzo in base alle proprie necessità. Poiché Internet consente ai fornitori di contenuti di segmentare la propria offerta secondo livelli quasi infiniti, questo finisce con l esercitare un attrattiva molto forte su tutti gli utenti. Si crea dunque un contesto di assoluta parità: tutti i consumatori, a prescindere dall identità o dalla collocazione geografica, possono accedere a contenuti di sicuro interesse sul Web. Gli uomini e le donne in tutta Europa attribuiscono un valore identico ai media online:.090 euro per gli uomini e.0 euro per le donne. Tale valore viene però ottenuto attraverso modalità e fonti differenti. Gli uomini preferiscono le categorie giochi e radio/musica, mentre le donne traggono un surplus maggiore da User Generated Content e social network. Inoltre, le donne attribuiscono un valore più elevato ai libri online rispetto ai consumatori maschi, mentre questi ultimi tendono ad apprezzare maggiormente quotidiani e riviste internazionali. I giovani sono gli utenti più assidui (fatto che non sorprende) ma, ribadiamo, anche i consumatori appartenenti a tutte le altre fasce d età traggono vantaggio dal tempo trascorso utilizzando i media online. 2 Capire il Surplus

15 user generated Content, giochi e notizie Come Capofila nell offerta online Per quanto riguarda i media online, i consumatori europei ottengono il surplus maggiore da UGC e social network. La disponibilità di queste offerte è limitata, come è logico, al canale online e tali prodotti contribuiscono al surplus mediatico online complessivo con una quota del 30%. I consumatori ottengono ancora il surplus online maggiore da UGC e social network, ma i media tradizionali stanno tuttavia guadagnando rapidamente terreno. Le categorie dei media tradizionali stanno tuttavia guadagnando rapidamente terreno, grazie all adattamento dei contenuti ai nuovi formati imposti dal Web. Quotidiani e riviste nazionali si classificano già al secondo posto (con una quota del surplus online complessivo pari a circa il 2%) ed è lecito ritenere che riusciranno a superare UGC e social network nel breve termine. Questa categoria registra un surplus offline ancora significativo, destinato però ad essere assorbito dai contenuti online per via della sempre più consistente migrazione dei consumi verso il Web. In effetti, se includiamo nella categoria anche i quotidiani e le riviste (i quali contribuiscono al surplus online complessivo con una quota del 6%), il contributo di questi ultimi al surplus online supera quello di UGC e social network già allo stato attuale. Tra le categorie media esaminate, i giochi hanno subìto il passaggio più consistente al canale online. Il numero di intervistati che ha dichiarato di aver utilizzato giochi online lo scorso anno è doppio rispetto a quelli che hanno continuato a preferire le console tradizionali, mentre l 85% del surplus complessivo derivante dalla totalità dei giochi e già riconducibile a Internet. Sono molteplici i fattori che alimentano il successo dei giochi online: questi comprendono la caratteristica di ubiquità, un esperienza avanzata per i giocatori, la comodità del gioco multipiattaforma, i modelli di business freemium (che offrono giochi gratuiti e, al tempo stesso, l opzione di accedere a contenuti premium a pagamento) e, infine, i giochi brevi, particolarmente adatti a un utilizzo in intervalli di tempo molto limitati ( gamesnacking ). Anche un accesso a Internet facile e a costi contenuti ha avuto un ruolo decisivo nella diffusione dei giochi in varie fasce d età. Il fatto che tablet e smartphone siano spesso meno costosi delle console di gioco (oltre a essere più facilmente trasportabili) è tutt altro che un deterrente. The Boston Consulting Group 3

16 Secondo le stime di Flurry Analytics, i giochi sono responsabili di oltre l 80% dei ricavi complessivi generati lo scorso anno dalle applicazioni mobili (un industria software da 0 miliardi di dollari). L attrattiva dei giochi online si estende ben al di là della fascia giovanile. King.com, la società dietro Candy Crush Saga, primo gioco su Facebook in quanto a popolarità, sostiene che sono circa 9 miliardi i giochi a cui ogni mese gli utenti accedono attraverso tutte le piattaforme. Molti dei giochi progettati da King.com sono utilizzati in particolar modo da donne di età superiore ai 35 anni. Uno dei primi mezzi di comunicazione a risentire della forza dirompente di Internet è senza dubbio la carta stampata. Ad essere particolarmente colpiti sono state quelle testate che non offrono contenuti unici o differenziati. La maggiore convenienza e disponibilità di contenuti in tempo reale, di qualità elevata e a basso costo ha reso le notizie e i prodotti di informazione online una proposta di valore e dalla sicura attrattiva agli occhi dei consumatori. Il calo dei fatturati dei gruppi editoriali è stato ampiamente documentato; si è invece parlato meno del successo ottenuto dalle società lungimiranti nel processo di adattamento dei propri modelli di business e nell utilizzo abile dei propri punti di forza in categorie specifiche e mercati di nicchia, perseguendo il fine ultimo di sviluppare offerte online di qualità elevata, finanziate dalla pubblicità e protette da accessi a pagamento (paywall) Ad esempio, il balzo del 5% dei ricavi derivanti dalla pubblicità digitale registrati nel 2 da Daily Mail and General Trust, società controllante del celebre quotidiano britannico Daily Mail, non ha certo eliminato il calo dei ricavi dalla pubblicità offline pari al 9%. Al Financial Times, il numero di abbonati alla versione digitale ha superato gli abbonamenti alla versione cartacea a metà dello scorso anno, mentre i ricavi derivanti dal digitale oggi costituiscono la metà delle vendite complessive del Financial Times Group. I ricavi derivanti dalla pubblicità digitale superano invece quelli legati alla pubblicità cartacea per la società tedesca Axel Springer, in cui i primi hanno registrato un aumento del 2,5% nei primi nove mesi del 2, mentre più della metà (il 55,5%) dei ricavi pubblicitari complessivi è stata generata da attività digitali. Se guardiamo al gruppo Figaro, società controllante del principale quotidiano francese, nonché numero uno tra i quotidiani online, nel (ultimo anno di rilevazione dei risultati) i ricavi dal digitale rappresentavano circa il % del totale. Capire il Surplus

17 il futuro è vicino Il passaggio al Web dei tre principali settori media (libri, TV/film e radio/musica) si è dimostrato finora più lento e meno esteso rispetto a quanto avvenuto per i videogiochi o per i quotidiani e riviste periodiche. (Vedere Figura 3). Potremmo imputare tutto ciò ad una bassa diffusione della banda larga o ad altre limitazioni di tipo strutturale (e in effetti questi sono fattori determinanti in alcuni mercati, specie nelle aree più povere e rurali). Tuttavia, anche nella ricca e ben connessa Svezia i consumatori ricevono livelli Figura 3 Varie categorie mediatiche stanno migrando verso il canale online secondo ritmi differenti. I giochi e i quotidiani e riviste internazionali sono le categorie online più avanzate. Quota online del surplus complessivo per consumatore connesso ad internet (%) Quotidiani/ riviste internazionali Quotidiani/ riviste internazionali Offline Online Surplus del consumatore medio per cliente connesso ad internet per ciascuna categoria mediatica ( ) Giochi 8 Libri TV e film 39 Radio e musica Questi media online presentano un surplus del consumatore più elevato rispetto alle controparti offline. Questi media offline presentano ancora un surplus del consumatore più elevato 0 0,0 0,5,0,5 2,0 2,0 2.5 Tasso di penetrazione (online/offline) Fonti: Indagine BCG european Media Consumer Survey (novembre 2); analisi BCG. Nota: le cifre sono da intendersi come valori medi calcolati sui nove paesi europei presi in esame. Il surplus medio per consumatore connesso ad internet per i contenuti generati dagli utenti (ugc) e i social network è di 3. The Boston Consulting Group 5

18 di surplus online relativamente modesti da libri e TV/cinema. In molti paesi vi è una mancanza di piattaforme solide, capaci di diffondere un ampia gamma di contenuti online di alta qualità. Questo scenario, però, potrebbe cambiare presto: ovunque in Europa è ormai possibile individuare dei fattori chiave che stanno spingendo il consumo di risorse online su tutti i media. In primo luogo, la diffusione dei dispositivi mobili è in aumento. (Vedere Figura ). In Europa, i consumatori che utilizzano tre o più dispositivi ottengono un surplus dai media online maggiore (in media più alto del 50%) rispetto a quelli che possiedono un numero di dispositivi inferiore. Tre anni fa, gli europei possedevano una media di, dispositivi a testa. Oggi, il valore è salito a 2,6 e si prevede arrivi a toccare quota dispositivi nei prossimi tre anni. La crescita maggiore riguarderà i dispositivi portatili e destinati a utilizzi specifici, tra cui tablet, e-reader e televisioni abilitate a Internet. Mentre tali dispositivi proliferano, aumenta al tempo stesso anche l accesso a contenuti multimediali da parte dei consumatori. Gli utenti iniziano a guardare la televisione sui tablet, leggere libri utilizzando e-reader e giocare direttamente dai propri smartphone. Tutto ciò non può che esercitare ulteriore pressione sui produttori di contenuti multimediali, affinché comprendano le modalità di utilizzo dei dispositivi da parte dei consumatori e creino prodotti fruibili su tutte le piattaforme disponibili. I produttori di videogiochi, ad esempio, mettono i giocatori nella condizione di iniziare un gioco su un dispositivo per poi riprendere l attività, esattamente dal punto di interruzione, su un altro dispositivo in un momento diverso della giornata (o della settimana) e in assoluta facilità. Non sorprende quindi constatare che il surplus del consumatore aumenti all aumentare della facilità di accesso a contenuti online in qualsiasi momento e ovunque essi si trovino. Inoltre, con la progressiva diffusione della banda larga mobile, la quantità di contenuti Figura La diffusione dei dispositivi mobili genera un maggiore surplus del consumatore % degli intervistati in possesso di un determinato numero di dispositivi Surplus del consumatore relativo ai media online per consumatore connesso ad internet ( ).863 2,000.9, , Posseduto 3 anni fa Attualmente in possesso (2) Ci si attende di possedere entro 3 anni 0 Svezia Francia Paesi Germania Polonia Repubblica Bassi Ceca Regno Unito Italia Irlanda, 2,6,0 Consumatori che utilizzano o 2 dispositivi Consumatori che utilizzano 3 dispositivi o più.0 Numero medio di dispositivi Fonti: Indagine BCG european Media Consumer Survey (novembre 2); analisi BCG. 6 Capire il Surplus

19 digitali ad alta qualità (che sempre più spesso necessitano di una capacità di trasmissione elevata) è in rapido aumento. La piattaforma svedese Spotify oggi conta oltre milioni di utenti in tutto il mondo, compresi 5 milioni di abbonati paganti. Questi ultimi sono aumentati di cinque volte negli ultimi 8 mesi. Spotify sta attualmente negoziando con società di telecomunicazioni in Europa la possibilità di vendere i propri servizi congiuntamente agli abbonamenti telefonici, ampliando così l offerta a nuove basi di clienti. Il successo della società è evidente sul mercato nazionale, in cui è indubbiamente l attore principale. Le vendite di musica in streaming sono in forte aumento (in crescita dell 80% nei primi sei mesi del 2), mentre i download evidenziano cali significativi. In Svezia, le vendite di musica complessive hanno registrato un aumento del 30% nella prima metà del 2, per un equivalente di 6 milioni di SEK (circa 5 milioni di euro), con il segmento digitale che contribuisce per il 6% delle vendite totali nel Paese. La riproduzione in streaming rappresenta circa il 90% delle suddette vendite digitali. Dei nove mercati oggetto dello studio, i consumatori svedesi hanno assegnato il valore più elevato per quanto riguarda radio e musica online. Dopo aver attraversato l Atlantico ed essere approdato in Irlanda e Regno Unito nel 2, Netflix, il servizio di film in streaming è ora arrivato in Scandinavia. Qui ha iniziato a competere con i vari operatori locali (come Voddler, Viaplay e FilmNet), anch essi specializzati nello streaming di film e contenuti televisivi. LOVEFiLM, uno dei maggiori fornitori europei di film e serie TV in abbonamento, di proprietà di Amazon, conta oltre 2 milioni di utenti fra Regno Unito, Germania, Svezia, Danimarca e Norvegia. Amazon ha comunicato, in concomitanza con i risultati finanziari per l anno 2, che gli e-book rappresentano una categoria da un miliardo di dollari per l azienda, con vendite in aumento del 0% solo lo scorso anno. Nel Regno Unito, le vendite di e-book hanno conquistato una quota significativa e aumentano a ritmi costanti. Secondo Forrester, l Europa diventerà il principale mercato per gli e-book entro il, generando ricavi per 9 miliardi di dollari. Poiché i consumatori acquisiscono un sempre maggior accesso a contenuti online di alta qualità, dovunque e in qualsiasi momento (e il tutto a costi convenienti), non stupisce affatto che gli utenti di tutta Europa, da Granada a Gdańsk, o ancora da Siracusa a Sundsvall, accolgano con favore l esperienza multimediale sul Web. La domanda è alta ed esiste un enorme potenziale per realizzare ulteriore crescita. Una quota pari a circa l 80% del surplus del consumatore nella categoria libri (unitamente a circa due terzi del surplus nei settori TV/film e radio/musica) deriva ancora dai media offline, anche se il potenziale per un eventuale passaggio ai canali online è tutt altro che trascurabile. Un fattore da non trascurare è che i consumatori considerano i media online come un prodotto commerciale: sta crescendo la loro disponibilità a pagare in modo diretto, ed anche indirettamente, accettando l inserimento di pubblicità, la condivisione dei propri dati o altre modalità. E attendono che l industria si impegni ulteriormente per riuscire a placare il loro appetito. The Boston Consulting Group

20 le infinite opportunità a disposizione del Settore produttori di contenuti multimediali I si ritrovano di fronte a un opportunità dalle potenzialità enormi. Una parte significativa della sfida che dovranno affrontare consiste nello sviluppare modelli di business capaci di monetizzare al meglio i loro contenuti digitali. La pubblicità è da sempre il veicolo più efficace per generare ricavi online, ma gli inserzionisti, le agenzie e le società nel settore dei mass media devono comunque fronteggiare numerosi problemi. I principali canali televisivi in vari paesi (ad esempio Svezia e Regno Unito) mettono a disposizione i rispettivi contenuti mediante player online. Secondo IAB Europe, i ricavi della pubblicità digitale in Europa sono aumentati del,5% nel, periodo in cui soltanto il % del budget pubblicitario europeo era destinato al canale online. IAB sostiene inoltre che il Direct Response ed altre sfere del Marketing stanno prosperando sul Web. Gartner prevede che i ricavi mondiali dei social media toccheranno quota 3 miliardi di dollari entro il 6, il 90% dei quali sarebbe direttamente riconducibile a social gaming e pubblicità. In misura sempre maggiore, i consumatori europei stanno dimostrando di essere disposti a pagare direttamente per fruire dei contenuti, e sono molti i fornitori europei di servizi multimediali ad aver sviluppato modelli efficaci per il pagamento diretto. Numerosi editori televisivi offrono oggi opzioni pay-per-view mediante set-top box o sul Web. Spotify mette a disposizione piani di abbonamento gratuiti (ma supportati dalla pubblicità) o premium. Molti altri fornitori di servizi multimediali offrono delle varianti di stampo freemium. Per quanto riguarda la carta stampata, sono sempre più numerosi gli editori che offrono accessi a pagamento (paywall) e abbonamenti digitali. Due dei principali editori di quotidiani italiani, unitamente a pubblicazioni inglesi, svedesi, tedesche e francesi, per citare alcuni esempi, hanno implementato con successo delle strategie di paywall. Il gruppo RCS MediaGroup, proprietario del Corriere della Sera, ha dichiarato che, durante i primi nove mesi del 2, circa il % della diffusione a pagamento derivava da abbonamenti digitali e che i ricavi digitali costituivano circa il 5% dei ricavi complessivi del gruppo. Come già argomentato nel nostro studio sull argomento, Follow the Surplus: How U.S. Consumers Value Online Media (Capire il Surplus: i consumatori americani scelgono i media online), molti vedono la monetizzazione dei dati come il Sacro Graal, un mercato che potrebbe rappresentare centinaia di miliardi di Euro in termini di ricavi potenziali e costi risparmiati. Si tratta tuttavia di un tema complesso e, come 8 Capire il Surplus

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Pianificazione: Le nuove generazioni utilizzano sempre più spesso i dispositivi mobili per trovare ispirazione e gestire i propri viaggi;

Pianificazione: Le nuove generazioni utilizzano sempre più spesso i dispositivi mobili per trovare ispirazione e gestire i propri viaggi; La nascita e lo sviluppo di Internet hanno senza dubbio avuto un forte impatto sull industria dei viaggi: sempre più persone, infatti, hanno iniziato a organizzare le proprie vacanze in modo più autonomo,

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

Nuovi Media, strumenti di condivisione. Prof. Roberto Maldacea

Nuovi Media, strumenti di condivisione. Prof. Roberto Maldacea Coordinamento CARITAS Operatori comunicazione NUOVI MEDIA Megafono di solidarietà Nuovi Media, strumenti di condivisione Prof. Roberto Maldacea Premessa Per raggiungere 1 Miliardo di utenti il telefono

Dettagli

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese

Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese Un profilo personalizzato di adozione della tecnologia commissionato da Cisco Gennaio 2014 Unified Communications: principali tendenze in atto nelle medie imprese 1 Introduzione In un panorama aziendale

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com Moda e tendenze nel retail online Una nuova passerella per i marchi della moda tradedoubler.com I consumatori stanno reinventando il modo in cui vivono e acquistano articoli di moda; i marchi che si rifiutano

Dettagli

L utenza Internet nei cinque grandi paesi europei Profili per sesso, età e frequenza di connessione

L utenza Internet nei cinque grandi paesi europei Profili per sesso, età e frequenza di connessione L utenza Internet nei cinque grandi paesi europei Profili per sesso, età e frequenza di connessione Uomini 54% Donne 46% 18-24 anni 18% 25-34 anni 25% 35-44 anni 23% 45-54 anni 18% 55+ anni 16% Bassa frequenza

Dettagli

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini Influenza e uso dei social network per il messaggio politico alessandro scartezzini CHI SONO http://www.linkedin.com/pub/alessandro-scartezzini/0/393/721 alessandro@webperformance.it - Dal 2010 fondatore

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com

Online shopping. & Conversion. Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic. tradedoubler.com Online shopping & Conversion Performance Marketing dalla prima impressione all ultimo clic I consumatori europei in cerca di ispirazione sui brand o sui prodotti da acquistare si rivolgono prima di tutto

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Il processo di acquisto tra digitale e fisico. GfK Milano, Giugno 2016 - Edmondo Lucchi

Il processo di acquisto tra digitale e fisico. GfK Milano, Giugno 2016 - Edmondo Lucchi Il processo di acquisto tra digitale e fisico GfK Milano, Giugno 2016 - Edmondo Lucchi Obiettivi Cogliere le logiche che governano l acquisto nel punto vendita fisico, rispetto a quello nel punto vendita

Dettagli

l'impatto della regolamentazione di internet sugli investimenti early stage

l'impatto della regolamentazione di internet sugli investimenti early stage l'impatto della regolamentazione di internet sugli investimenti early stage riepilogo esecutivo nel 2014 abbiamo condotto sondaggi coinvolgendo 330 investitori in otto paesi di tutto il mondo (australia,

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

I mercati a due versanti

I mercati a due versanti Mercati a due versanti: definizione I mercati a due versanti Grazie ad Elisa Colorito I mercati a due versanti (o two-sided markets) sono mercati caratterizzati dalla presenza di una piattaforma, gestita

Dettagli

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse?

1. Considerate le leve del marketing mix. Quale strategia viene adottata per ognuna di esse? CORSO DI MARKETING INDUSTRIALE a.a. 2009/2010 13/07/2010 Nome: Cognome: Matricola: La Aplep è riuscita da qualche anno ad imporsi nel settore della telefonia mobile grazie al suo cellulare itel, prodotto

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Intervento di Susanne Ruoff Direttrice generale della Posta Svizzera 10 giugno 2013 FA FEDE IL DISCORSO EFFETTIVAMENTE PRONUNCIATO Gentili Signore,

Dettagli

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE

LE PIATTAFORME TECNOLOGICHE PIU' DINAMICHE L ITALIA DELL E-FAMILY RAPPORTO 2005 In collaborazione con Niche Consulting EXECUTIVE SUMMARY 1.1 LA TECNOLOGIA IN CASA: NEL 2004 UNA CRESCITA DIFFERENZIATA Per quasi un decennio e fino al 2003 la diffusione

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier

Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier Polynomics AG Valutazione della joint venture pianificata tra Swisscom, SRG e Ringier Un azienda parastatale con un nuovo modello commerciale per il mercato pubblicitario digitalizzato Patrick Zenhäusern

Dettagli

XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche

XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche XBRL e gestione dei flussi informativi nelle banche Alberto Balestreri Dottore Commercialista Università di Bologna Agenda 1. Dati, informazioni e conoscenza 2. Tecnologia, uso delle informazioni e creazione

Dettagli

COSA NON TI DICONO SULL E-COMMERCE B2B. www.sana-commerce.com

COSA NON TI DICONO SULL E-COMMERCE B2B. www.sana-commerce.com COSA NON TI DICONO SULL E-COMMERCE B2B www.sana-commerce.com INTRODUZIONE Spaesati e con un sacco di dubbi. Ecco come si sentono in molti riguardo all ecommerce B2B. Tutti ne parlano, ma solo pochi sanno

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Corporate Communications Zurigo 13 Maggio 2014 Il giornale del futuro sarà senza pubblicità?

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Politica sulla privacy

Politica sulla privacy Politica sulla privacy Kohler ha creato questa informativa sulla privacy con lo scopo di dimostrare il suo grande impegno nei confronti della privacy. Il documento seguente illustra le nostre pratiche

Dettagli

www.genteinmovimento.com

www.genteinmovimento.com IL MAGAZINE DELL IMPRENDITORE, DEL PROFESSIONISTA E DELLA FAMIGLIA www.genteinmovimento.com redazione@genteinmovimento.com genteinmovimento @genteinmov Gente in Movimento MEDIA KIT IL MAGAZINE DELL IMPRENDITORE,

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Adobe e il Digital Publishing

Adobe e il Digital Publishing Adobe e il Digital Publishing Cos è il Digital Publishing? Il Digital Publishing, definito anche editoria digitale o e-publishing, è il processo di creazione e pubblicazione di contenuti digitali interattivi

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Tendenze dei canali di vendita al dettaglio

Tendenze dei canali di vendita al dettaglio ProWein 2015 Indagine sommaria / 25 Febbraio 2015 Tendenze dei canali di vendita al dettaglio È un fatto ampiamente accettato nel commercio mondiale del vino che i canali di vendita al dettaglio attraverso

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management CONCESSIONARIE DI PUBBLICITA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite >> Marketing e Management DEFINIZIONI DEL SETTORE Il settore delle «concessionarie di pubblicità» si occupa della vendita di spazi

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni

Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni Osservatorio New Media & New Internet Il Video Advertising in Italia: fruizione, numeri e proiezioni 16 ottobre 2014 Osservatorio New Media & New Internet 16 ottobre 2014 1 L Osservatorio New Media & New

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli Il prodotto giornale: specificità e attributi Non immagazzinabile Consumo

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 INDICE 1. LA PREMESSA... 3 2. PERCHÈ IMPIEGARE FACEBOOK PER IL PROPRIO BUSINESS?... 4 3. CHE COS È MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL... 6 4.

Dettagli

Come realizzare campagne di branding online attraverso le nuove piattaforme di marketing digitale e aumentare la visibilità del tuo brand

Come realizzare campagne di branding online attraverso le nuove piattaforme di marketing digitale e aumentare la visibilità del tuo brand Come realizzare campagne di branding online attraverso le nuove piattaforme di marketing digitale e aumentare la visibilità del tuo brand Crea sempre contenuti di valore per i tuoi clienti Promozioni,

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Gli europei e le lingue

Gli europei e le lingue Speciale Eurobarometro 386 Gli europei e le lingue SINTESI Rispetto alla popolazione dell'ue, la lingua più parlata come lingua madre è il tedesco (16%), seguita da italiano e inglese (13% ciascuna), francese

Dettagli

Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere

Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere 2013 SAP AG o una sua affiliata. Tutti i diritti riservati.. Taminco: incremento della produttività della forza vendite grazie all app Sales Anywhere Partner Taminco Settore di mercato Industria chimica

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO

UN INVESTIMENTO CONTENUTO PER UN SUCCESSO SICURO FotoDigitalDiscount è la più grande catena di negozi di fotografia in franchising in Italia. Un marchio nato solo nel 2005 che già conta oltre 250 punti vendita distribuiti su tutto il territorio italiano

Dettagli

Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare, comunicare e vivere ÍNDICE. Siete pronti per la #GenMobile?

Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare, comunicare e vivere ÍNDICE. Siete pronti per la #GenMobile? ÍNDICE Siete pronti per la? Siete pronti per la Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare, comunicare e vivere Un nuovo gruppo di persone sta cambiando il nostro modo di lavorare,

Dettagli

Purple Program, capitolo 2 Mobile Garage: idee e strumenti per il Mobile

Purple Program, capitolo 2 Mobile Garage: idee e strumenti per il Mobile Purple Program, capitolo 2 Mobile Garage: idee e strumenti per il Mobile Si sono svolti a Milano e a Roma - organizzati da Mindshare e Google gli incontri dedicati ai clienti per anticipare e analizzare

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe:

Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: NetObserver Europa PER SAPERE TUTTO SUI NAVIGATORI Comunicato stampa Parigi, Marzo 2008 Risultati della Sedicesima edizione di Studi NetObserver Europe: Differenze nell utilizzo dei media fra generazioni

Dettagli

STEPOVER: IL CASO DEL SUCCESSO IN DEBEKA. Richieste di assicurazione senza carta

STEPOVER: IL CASO DEL SUCCESSO IN DEBEKA. Richieste di assicurazione senza carta STEPOVER: IL CASO DEL SUCCESSO IN DEBEKA Richieste di assicurazione senza carta Debeka dichiara guerra alla documentazione cartacea La riforma della legge tedesca sul contratto di assicurazione (VVG) dell

Dettagli

Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità

Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità HUMAN HIGHWAY PER LIQUIDA Analisi del ruolo dei dispositivi mobili e delle Apps nell informazione di attualità Milano, Agosto 2012 1 CONTENUTI DEL DOCUMENTO LO SCENARIO RILEVATO NEL 2012 Informazione online

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani.

Engagement Survey, condotta su un campione di oltre 1.000 pazienti italiani. Insight Driven Health I pazienti affetti da malattie croniche sembrano convinti che la possibilità di poter alle proprie cartelle cliniche digitali valga più delle loro preoccupazioni sui rischi per la

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

Our Mobile Planet: Italia

Our Mobile Planet: Italia Our Mobile Planet: Italia Identikit dell utente smartphone Maggio 2012 Informazioni riservate e proprietarie di proprietà di Google Riepilogo Gli smartphone sono diventati indispensabili nella nostra vita

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

Audizione Centri Media

Audizione Centri Media Audizione Centri Media LEVI introduce la riunione dichiarando che si è giunti a questa audizione sull esperienza delle precedenti: tutti gli interventi relativi alla pubblicità hanno citato i centri media

Dettagli

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT I risultati dell'osservatorio sul Marketing B2B realizzato da CRIBIS D&B con la collaborazione di AISM. ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

Dettagli

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO

Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo. Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Corso di Comunicazione e Nuove forme di Giornalismo per la Pallavolo Bando di indizione e programma preliminare 2. PERIODO E SEDIDI SVOLGIMENTO Il Corso, a titolo gratuito per un solo partecipante per

Dettagli