LA QUOTA DI MERCATO. Di: Vittoria Villani Carlo Borzacchini Giovanni Loizzo Chiara Cordiali Giuseppe De Angelis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA QUOTA DI MERCATO. Di: Vittoria Villani Carlo Borzacchini Giovanni Loizzo Chiara Cordiali Giuseppe De Angelis"

Transcript

1 LA QUOTA DI MERCATO Di: Vittoria Villani Carlo Borzacchini Giovanni Loizzo Chiara Cordiali Giuseppe De Angelis Enrico Valdani, Fabio Ancarani, Marketing Strategico, Egea, 2009 Chiara Mauri, Product and Brand Managment, Egea,

2 Quota di mercato e redditività aziendale La quota di mercato esprime, in termini relativi, il dominio esercitato dall azienda sul mercato dei suoi prodotti Le imprese desiderano raggiungere importanti traguardi di QM, essendo stata rilevata una relazione positiva tra QM e redditività del capitale investito 2 E un info relativa perché tiene conto dell andamento delle vendite globali del settore e dell impresa :quindi è importante perché permette di vedere se l azienda stà guadagnando o perdendo posizioni rispetto alla concorrenza.

3 RICERCHE PIMS (Profit Impact of Market Strategy) Dimostrano che le motivazioni della relazione tra QM e redditività sono riconducibili a: Economie di scala Avversione al rischio da parte dei clienti Potere di mercato Qualità del management 3

4 MISURAZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO La QM rappresenta la misura relativa delle vendite totali di un prodotto dell impresa, in percentuale delle vendite totali del mercato formula : Dove: QM i = quota di mercato del prodotto i Q i = Vendite in valore del prodotto i Q= vendite totali del mercato di riferimento 4

5 Parametri di misurazione della QM a) Valori monetari b) Unità di misura non monetaria N. delle unità vendute N. degli acquisti da parte dei consumatori finali (livello consumer) N. degli acquisti da parte dei distributori (livello del canale distributivo) 5 Misurazioni a livello retail o a livello del canale distributivo ci danno importanti info sulla penetrazione e la forza di marca verso i clienti

6 c) Concetto di prodotto o categoria di prodotti d) Definire il mercato servito dal prodotto (Area geografica, canali distributivi, segmenti di clientela ecc..) e) Arco temporale f) Mappa del valore 6 Mappa del valore che serve per reperire le info chiave sulla posizione strategica della marca sul prodotto e consiste nel valutare quali dimensioni del market share contribuiscono ad aumentare la profittabilità ed il valore della marca.

7 g) Definizione del denominatore/base di comparazione può essere rappresentata da: Tutte le marche presenti nel mercato considerato nel suo complesso o quello servito dalla marca (QM ASSOLUTA) Un numero più ristretto di marche (QM RELATIVA)che riguardano : Tutte le marche di una sub categoria rilevante (concorrenti più vicini) Il solo concorrente principale (leader dominante) I primi due o tre concorrenti principali 7 Selezionando tutti i prodotti percepiti dai clienti come capaci di soddisfare lo stesso bisogno o di offrire una soluzione allo stesso problema

8 La scomposizione della quota di mercato La quota di mercato può essere espressa come il prodotto di due indici: GRADO DI PENETRAZIONE: esprime la percentuale delle vendite di una marca rispetto alle quantità totali di prodotto dello stesso genere acquistate dai clienti dell impresa in questione Qi Acsi GRADO DI COPERTURA PONDERATA: è il rapporto tra gli acquisti totali di un prodotto di un determinato tipo effettuati dalla clientela dell impresa e le vendite complessive del prodotto nel mercato di riferimento Acsi Q Quindi la scomposizione della quota di mercato può essere espressa come: QMi = Qi Acsi Acsi Q QMi= quota di mercato dell impresa i esima Qi = quantità venduta dall impresa i esima Q = quantità di vendita totale del mercato Acsi= acquisti totali(del tipo di prodotto) effettuati dalla clientela servita 8

9 Inoltre l indice di COPERTURA PONDERATA può essere ulteriormente scomposto nel seguente modo: Acsi Q= Acsi ni ni N N Q Acsi ni = questo indice rappresenta il peso medio della clientela ni N = questo indice rappresenta la copertura numerica (la percentuale dei clienti effettivi dell azienda sul totale dei clienti potenziali) N Q = questo indice rappresenta la dispersione, ovvero il reciproco della dimensione media della clientela (l inverso della concentrazione della clientela) INDICE DI QUALITÁ DEL PORTAFOGLIO CLIENTI Indice di copertura ponderata copertura numerica = Acsi Q ni N Se tale indice è > di 1 l impresa ha un portafoglio clienti di buona qualità 9

10 Le aziende che intendono migliorare la propria posizione sul mercato attraverso l attuazione di adeguate strategie di marketing, dovranno necessariamente interpretare gli indici descritti precedentemente LA SCOMPOSIZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO Copertura ponderata alta Migliorare l accettazione del prodotto presso il cliente servito Consolidare e difendere la posizione competitiva bassa Migliorare il parco clienti e investire per accrescere l accettazione del prodotto Migliorare selettivamente il parco clienti(distributori e/o consumatori) bassa Penetrazione alta Fonte: Castaldo

11 Un esempio di scomposizione della quota di mercato NEW VISION: azienda italiana che produce TELEVISORI con decoder digitale terrestre integrato. Il prodotto : viene distribuito principalmente nei CENTRI COMMERCIALI e nei NEGOZI SPECIALIZZATI DI ELETTRONICA (copertura numerica della New vision in Italia 250 su 500 distributori esistenti). I distributori: comprano ogni anno pezzi dalla New vision e dai concorrenti. La vendita complessiva di televisori in Italia è all anno. DGTVi ha assegnato al prodotto New vision il BOLLINO BIANCO OBIETTIVO dell impresa MIGLIORARE LA POSIZIONE OCCUPATA SUL MERCATO 11

12 COME PROCEDERE? Attraverso la scomposizione della QM può comprendere come indirizzare gli sforzi di marketing QMNV = / = 2% ACSNV= = (acquisti totali di televisori effettuati dalla clientela servita) ACSi/Q= / = 57% (indice di copertura ponderata) Qi/ACSi= / = 3,5% (indice di penetrazione) ni /N= 250 / 500 = 50% (copertura numerica) ACSi/ni= / 250 = 2280 (peso medio della clientela servita) N/Q = 500 / = 0,0005 (grado di dispersione della clientela) Indice di qualità del portafoglio clienti = 57% / 50%= 1,14 12

13 NEW VISION Copertura ponderata alta ridotta Quota di mercato ridotta Costruire rete distributiva e investire per accrescere l accettazione prodotto ridotta Penetrazione alta La matrice evidenzia : PENETRAZIONE molto bassa e PONDERATA media Migliorare il parco clienti servito Lavorando sulla rete distributiva Investire in sforzi di marketing per accrescere l accettazione del prodotto da parte dei consumatori( comunicazione mirata ) 13

14 L ALBERO DI SVILUPPO DELLA QUOTA DI MERCATO La quota di mercato è data da: conoscenza del prodotto (product awareness) attrattività del prodotto(product attractiveness) accettazione del prezzo(price acceptable) disponibilità prodotto (product availability) esperienza di servizio( service experience) 14

15 La quota di mercato è uno strumento diagnostico Infatti può essere utilizzata dall analista: Come unità di paragone con le performance concorrenziali dei rivali di mercato Come indicatore della posizione dell impresa nelle curve dei costi e di dominio relativo al mercato La QM inoltre può essere : MARGINALE: quando è inferiore al 10% MEDIA: se è compresa tra il 10 e il 25 % DOMINANTE: quando la quota è superiore al 25% La QUOTA DI MERCATO OTTIMALE e la QUOTA DI MASSA CRITICA Sono due variabili molto rilevanti poiché permettono di valutare la posizione di dominio dell impresa sul mercato di riferimento 15

16 La QUOTA OTTIMALE definisce quel livello di dominanza di un impresa in un mercato, tale per cui allontanarsi da questo valore, può compromettere la redditività di lungo termine o far aumentare il livello di rischio a cui può esporsi l impresa Per definirla quantitativamente si deve: Stimare la relazione tra la quota e la redditività Stimare il livello di rischio politico e di mercato associato a ciascun livello di quota Determinare il punto in cui un della quota comporta un nei profitti tale da compensare il rischio cui l impresa si espone il dominio sul mercato La QUOTA DI MASSA CRITICA rappresenta il livello minimo di quota che un impresa deve avere per garantirsi la probabilità di divenire un concorrente con una posizione soddisfacente nel settore 16

17 Partendo dal presupposto che la quota di mercato è strettamente legata al profitto dell impresa, uno dei principali obiettivi è incrementarla L attuazione di una strategia mirata alla crescita della QM richiede però un notevole sforzo finanziario e organizzativo Generalmente questo genera un indebitamento dell impresa A causa della concorrenza spietata nel mercato e il crescente aumento dei costi di marketing, vendita e promozione, per le imprese diventa sempre più difficile e oneroso raggiungere posizioni di dominio e soprattutto difenderle e mantenerle 17

18 Le componenti della quota di mercato a livello retail e consumer 18

19 Le componenti della quota di mercato a livello retail. La raccolta, rielaborazione e analisi dei dati sia a livello retail che a livello consumer sono solitamente gestite da società esterne, le più note per i beni di largo consumo sono AC Nielsen e IRI. I due istituti di ricerca operano in modo analogo: selezionato un campione di negozi, procedono con le rilevazioni dei dati o attraverso un collegamento informatico diretto o tramite rilevazioni effettuate da personale specializzato. 19

20 In entrambi i casi il modello di fondo di analisi consiste nella raccolta e nella somma algebrica dei seguenti indicatori per ciascun prodotto presente negli assortimenti selezionati: Stockt0 + Acquisti nel periodo Stockt1 = Vendite I dati riferiti esclusivamente agli Acquisti determinano il sell in (quantità e i corrispondenti valori acquistati), mentre i dati di vendita indicano il sell out: Stockt0 + Sell in Stockt1 = Sell out 20

21 Nel lungo periodo, sell in e sell out si equivalgono, nel breve periodo la differenza tra i due può essere consistente, ed imputabile a tre elementi e ai loro effetti di interrelazione reciproca: Politica degli acquisti dei dettaglianti, più o meno orientata alla speculazione; Rilevanza delle scorte; Andamento delle vendite. La misura che esprime la relazione tra questi elementi è l indice di Provvista: L indice di provvista, evidenzia il tempo di smaltimento delle scorte. 21

22 Esempio: Si supponga che il PM di Levissima si trovi di fronte ai seguenti valori: Calcoliamo l Indice di provvista del primo bimestre: 22 Se il sell out continua al un ritmo di litri al mese le scorte si esauriranno in circa 2,45 mesi. A evidenza, il tempo di smaltimento delle scorte si riduce quando il sell out aumenta in misura più che proporzionale al sell in: se si volesse mantenere Indice di provvista del secondo bimestre a 2,45 le giacenze dovrebbero aumentare fino a litri, in modo da mantenere la proporzionalità con l incremento del sell out. Sommando i volumi e i valori per tutte le variabili dell assortimento di un negozio, per tutti i negozi appartenenti a un certo formato distributivo, per tutti i formati distributivi, per le varie aree geografiche di un mercato,si ottengono i dati corrispondenti a ogni possibile li vello di analisi che interessa la PM.

23 Le principali unità di analisi (market break down) son quella geografica, per formato distributivo e per specifici aggregati di prodotto. Il PM responsabile di Levissima può disporre dei dati di vendita e delle quote di mercato della sua marca e delle marche concorrenti relativamente all Italia, al canale dei supermercati, alle bottiglie di plastica. 23 Da questa tabella possiamo notare che l acqua Levissima ha una quota di mercato in volume del 10,3% a livello di totale Italia. La quota è il risultato della media ponderata delle quote riferite a varie aree geografiche anche se molto diverse tra loro. Il contributo di ciascun area di mercato si ottiene moltiplicando la quota dell area per i relativi consumi di acqua minerale (16*30/100= 4,8%). Il contributo percentuale di ogni area si calcolano ponendo pari a 100 la quota nazionale e ricalcolando l incidenza (4,8*100/10,3=46,6%). A questo punto sono evidenti le opportunità di intervento del PM che desiderasse migliorare la performance competitiva della sua marca: mentre potrebbero essere difficile e dispendioso aumentare la quota di mercato al Nord (dove la sua marca è già forte), potrebbe essere meno impegnativo migliorare la qm al Centro e al Sud, anche se le vendite per ogni punto di quota conquistata sono inferiori. Discorso analogo potrebbe essere fatto per i diversi formati distributivi e per le varianti di prodotto (aqua naturale gassata, diverso formato delle bottiglie, ecc.).

24 Quota nei clienti trattati e copertura ponderata Levissima gode di un elevatissima quota presso i supermercati serviti (60%) ma coprono soltanto il 20% del volume di acqua minerale in bottiglia di plastica complessivamente venduto dai supermercati. Il PM può puntare soltanto sull incremento della copertura ponderata, poiché è assai difficile incrementare ulteriormente la quota nei trattati. La quota di mercato (qm) rilevata a livello retail può essere espressa come prodotto di due indici: Quota nei clienti trattati Copertura ponderata Quota di mercato della marca i = Quota nei clienti trattati X Copertura ponderata: Dove ACSi sta per Acquisti clienti serviti (dal prodotto/marca i ). 24 Esempio: supponiamo che la quota di mercato del acqua Levissima, che a livello nazionale è del 10,3%, sia pari al 12% nel formato dei supermercati. Composta: Caso1 12% = 20% X 60% Ogni 100 litri di acqua minerale in bottiglie di plastica acquistate dai supermercati clienti di Levissima, 20 siano di marca Levissima, i restanti 80 sono di altre marche; d altro canto, gli stessi supermercati clienti generano il 60% degli acquisti di acqua minerale in bottiglie di plastica effettuati da tutti i supermercati, clienti di Levissima e non. Se il PM volesse aumentare la qm di Levissima dal 12% al 14% potrebbe agire in due direzioni: Aumentare la quota nei supermercati trattati da 20% al 23% Acquisire nuovi clienti che comprano il 10% di ponderata, portando quindi la ponderata al 70% Caso 2 12% = 60% X 20%

25 L analisi delle componenti della qm nella prospettiva retail è il punto di partenza per impostare la politica distributiva: Non esistono comunque valori soglia validi in assoluto, utili elementi di confronto si ricavano dall analisi delle medie relative del prodotto e degli indicatori riferiti ai concorrenti. 25

26 Scomposizione della copertura ponderata La ponderata è ulteriormente scomponibile in tre fattori: Peso medio dei clienti trattati Copertura numerica Indice di dimensione della clientela Dove: n i = numero di acquirenti della marca i N = numero complessivo acquirenti presenti sul mercato effettivi e potenziali 26

27 Indice di assortimento Un altro indice per analizzare la performance distributiva della marca è l indice di assortimento: Rapporto tra la somma delle ponderate di ciascuna variante della marca e copertura ponderata totale della marca. Il valore che emerge dal rapporto rappresenta il numero medio di varianti della marca presenti nei punti di vendita clienti. Tale indice assume particolare importanza per tutte le marche caratterizzate da una gamma di varianti ampia e articolata, per le quali diventa oneroso l accesso agli spazi disponibili nei punti vendita. 27

28 Problema! Quando la gamma di prodotti è ampia, il Pm vorrebbe che tutte le varianti avessero lo stesso spazio sugli scaffali dei punti vendita, perché lo spazio influenza in modo significativo le vendite di un prodotto, anche perché le marche concorrenti tendono ad assumere comportamenti simili sia sugli spazi conquistati che su quelli nuovi 28

29 29 Esempio Levissima ha una copertura ponderata nel canale del 60%, il portafoglio prodotti della marca comprende tre formulazioni di acqua (Naturale, Frizzante e Allegra) e 5 formati (50 cl, 75 cl, 1 lt, 1,5 lt e 2 lt). La gamma completa potrebbe essere composta da 3 X 5 = 15 varianti; è veramente difficile che un supermercato abbia un assortimento di tutte queste varianti. Supponiamo che il PM di Levissima si trovi di fronte ai dati elencati, i supermercati che trattano Levissima hanno in assortimento 3,8 varianti di acqua Levissima rispetto alla gamma completa: ( ) / 60 = 3,8 Se si segmenta la gamma nelle tre formulazioni di acqua, l indice di assortimento è pari a 2 varianti di acqua naturale (80 / 40 = 2), 2 varianti di acqua frizzante e 3 di acqua allegra. Questi dati possono far riflettere il PM sulla situazione distributiva: Mentre la copertura ponderata complessiva della marca è del 60%, nessuna delle dieci varianti raggiunge tale livello di ponderata, il che significa che nessuna variante è presente in tutti i supermercati clienti; L unica formulazione che riesce a presentare la gamma completa nei super mercati è l acqua Allegra, che però ha una copertura ponderata del 15%. Analoghe considerazioni potrebbero essere fatte sui singoli formati.

30 Quindi l analisi della performance competitiva non può prescindere dalla determinazione delle componenti della qm riferite a singole varianti della stessa marca, che possono evidenziare andamenti eterogenei. La scomposizione della quota di mercato diventa ancora più critica quando è riferita a nuove varianti della marca, per le quali assume significato non soltanto il livello degli indicatori visti, ma soprattutto la velocità di raggiungimento dei traguardi di ponderata. Il successo della line extension della marca viene valutato in base al tempo che questa impiega per raggiungere definiti livelli di copertura numerica e ponderata. 30

31 Le componenti della quota di mercato a livello consumer La quota di mercato può essere rilevata anche a livello di consumatore, solitamente attraverso il monitoraggio periodico dei consumi e degli acquisti di un panel di famiglie. Questi dati permettono di effettuare analisi molto particolareggiate della quota di mercato, individuando tre determinanti: Il parco delle famiglie trattanti, o tasso di penetrazione orizzontale della marca. Il tasso di fedeltà, misurato come tasso di utilizzo esclusivo della marca. Tasso di intensità di consumo o tasso di penetrazione verticale. 31 Il parco delle famiglie trattanti, o tasso di penetrazione orizzontale della marca. Analogamente alla copertura numerica, indica la % di acquirenti della marca i rispetto al numero totale di acquirenti della categoria di riferimento. Qualora riferito genericamente alla categoria di prodotto e non alla marca, esso indica la percentuale di acquirenti del prodotto rispetto a tutti gli acquirenti possibili, attuali e potenziali. Il tasso di fedeltà, misurato come tasso di utilizzo esclusivo della marca, che si definisce come la percentuale degli acquisti nella categoria riservata alla della marca i. Tasso di intensità di consumo o tasso di penetrazione verticale, confronta le quantità medie della categoria acquistate dai consumatori della marca i rispetto alle quantità medie acquistate da tutti i consumatori della categoria di prodotto (customer selectivity).

32 La qm di una marca può essere calcolata come il prodotto di queste tre componenti: Quota di mercato della marca i = Penetrazione X Tasso di fedeltà X Tasso di intensità 32 Dove: n i = numero di acquirenti della marca i N C = numero di acquirenti della categoria di prodotto c a cui appartiene la marca i Q i = quantità della marca i acquistata dai suoi acquirenti Q Ci = quantità della categoria di prodotto c acquistata dagli acquirenti della marca i Q CC = quantità della categoria di prodotto acquistata dagli acquirenti della categoria

33 A tale prodotto può essere aggiunto come ulteriore fattore l indice di prezzo relativo (price selectivity), definito come il rapporto tra prezzo medio della marca i e il prezzo medio di tutti i concorrenti; si ottiene così la qm a valore. 33 Esempio La quota di mercato del acqua Levissima a livello nazionale è del 10,3%, siano dati i seguenti valori relativi ai consumi medi di un mese: n i = numero di famiglie acquirenti di Levissima = N C numero di famiglie acquirenti di acqua minerale in bottiglie di plastica = Q i = quantità di Levissima acquistata dalle famiglie sue acquirenti = litri Q Ci = quantità di acqua minerale in bottiglie di plastica acquistata dalle famiglie acquirenti di Levissima = Q CC = quantità di acqua minerale in bottiglie di plastica acquistata dalle famiglie acquirenti = litri Sostituendo: (formula) Le singole componenti indicano che: La marca Levissima in bottiglie di plastica ha una penetrazione pari al 20% degli acquirenti che sono 15 milioni. Dato che le famiglie italiane son più di 15 milioni, le altre consumano acqua minerale in bottiglia di vetro oppure non consumano minerale in bottiglia. I 3 milioni di famiglie acquirenti di Levissima consumano 50 litri di acqua minerale in bottiglia di plastica al mese di cui 20 litri (cioè il 40%) è acqua Levissima. I 15 milioni di famiglie che comprano acqua minerale in bottiglie di plastica consumano 39 litri al mese, però 3 milioni di acquirenti di Levissima ne consumano 50 litri (di cui soltanto 20 di marca Levissima). I consumatori Levissima evidenziano un consumo superiore alla media nazionale del 28,7%: sono cioè alto consumanti. Poiché sappiamo che la Levissima ha una quota di mercato pari al 13,8% significa che il prezzo relativo è pari a 1,34 ovvero che Levissima ha un prezzo medio superiore alla media del 34% di mercato. Questi dati offrono varie vie di intervento per il PM che desiderasse aumentare la qm. Potrebbe cercare di aumentare la penetrazione della marca presso gli acquirenti di acqua minerale, sia incrementare il tasso di esclusività di utilizzo, attualmente del 40%; in entrambi i casi dovrebbe individuare i concorrenti più forti; ovvero quelle marche che detengono quote importanti di consumi sia nelle famiglie acquirenti in generale sia nelle famiglie che comprano Levissima. In un orizzonte temporale più lungo, il PM potrebbe allargare la penetrazione dell acqua minerale in bottiglie di plastica stimolando le famiglie che non consumano acqua minerale. Per quanto riguarda l intensità di consumo, Levissima è già posizionata nel segmento delle famiglie alto consumanti, per cui sembra difficile puntare su un ulteriore innalzamento del loro livello di consumo.

34 L OTTIMIZZAZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO 1. Il principio della forza 2. Strumenti utili per le decisioni di investimento 34

35 1.1. Il principio della forza Il principio della forza sottende che la parte che si contrappone ad un altra, se dotata di risorse superiori, può, con maggiori probabilità, concludere vittoriosamente la sfida. Imktgi = Investimenti di marketing della impresa i esima Imktgn = Investimenti di marketing della ennesime imprese d = moltiplicatore degli investimenti Imktg i = dimktg n Quindi, per valutare la natura offensiva o difensiva della manovra competitiva, bisogna valutare la magnitudo dei suoi investimenti di marketing relativamente a quelli dei concorrenti. 35

36 1.2. La formula del principio della forza Strumento utile per capire quante risorse destinare agli investimenti di marketing in funzione dell intento, offensivo o difensivo, della manovra competitiva. Q i Imktg i = 100 i Imktg n ( Q ) Qi = la quota di mercato a cui aspira l impresa Esercizio 1: Si supponga che l impresa, per presidiare la sua clientela impieghi 10 venditori, mentre i suoi concorrenti dispongono di 90 venditori. Quanti venditori dovrebbe formare se il suo obbiettivo fosse quello di triplicare la propria quota di mercato? 36

37 Soluzione all esercizio 1 A) per prima cosa calcoliamo la quota venditori dell impresa i : Imktgi Qi = Imktg + Imktg i n 10 = = 10% B)Se voglio triplicare la mia quota il coefficiente d dovrà passare da 10 a 30. Applichiamo il principio della forza per sapere quanti dovranno essere i venditori per raggiungere il traguardo 30 Imktg i = 90 = 39 (100 30) 37

38 2.1. Misurare l efficienza degli investimenti di marketing: il MER Il Marketing Efficiency Ratio (MER) permette di misurare come un impresa investe le proprie risorse di marketing rispetto a un costo teorico o rispetto ai costi sostenuti dai concorrenti Imktgi MER = Imktgt Imktgi= costo delle risorse impiegate dall impresa i Imktgt= costo teorico delle risorse MER=1 non vi è scostamento MER>1 MER<1 l impresa spende più del dovuto l impresa spende meno del dovuto 38

39 2.2. Valutazioni necessarie prima della manovra competitiva Quanti investimenti sono necessari al conseguimento di un punto incrementale di quota? Che profitti sono conseguibili? Perché le imprese non accrescono la loro quota di mercato? Per rispondere dobbiamo stimare: 1. Ricavi per punto di quota 2. Profitti per punto di quota 3. Costi per punto di quota 4. MEMS L impresa deve cercare di svilupparsi sino al raggiungimento del livello di quota in coincidenza del quale i costi marginali per conseguire un punto incrementale di quota coincidono coi ricavi marginali generati dalla conquista del punto 39

40 Database per il calcolo dei costi, ricavi e profitti conseguibili dallo sviluppo della quota di mercato. Ricavi m. Quota di mercato % Costi variabili % Margine lordo m Margine lordo % Invest. MKTG m EBITD A m Impresa Altri rivali Totale gruppo strategico Ricavi per punto di quota Totale gruppo strategico / m/100 =

41 Profitto per punto di quota Il margine lordo generato da un punto di quota dipende dai ricavi consolidati del gruppo strategico e dal margine lordo dell impresa Profitto teorico per punto di quota: Rn= ricavi del gruppo strategico MLn= margine lordo dell impresa i p = ( R n ML i ) Costo del primo punto di quota Deve essere stimato all ingresso dell impresa sul mercato Costo del primo punto di quota: Imkg n MER K = i

42 Esercizio 2: Calcolo del costo del primo punto di quota A) Come prima cosa dobbiamo calcolarci il MER dell impresa i. Per trovare gli investimenti teorici utilizziamo il principio della forza. 8 Imktgi = 8500 = MERi = = 0, B) Applichiamo la formula per trovare K di i : K i ,541 = =

43 2.2.4 Costo incrementale di un punto di quota Calcolando la derivata prima della formula del principio della forza si ottiene: C iq 100 Imktg = ( 100 Q ) 2 i Questa deve essere integrata con i valori relativi al efficienza degli investimenti di marketing dell impresa per tener conto del calcolo della qualità del suo buisness C iq 100 Imktg = n ( 100 Q ) 2 MER i i Ciq= costo incrementale (marginale) di un punto di quota per l impresa i Imktgn= Investimenti di marketing dispiegati dalle imprese concorrenti MERi= Marketing Efficiency Ratio dell impresa i Qi= obbiettivo incrementale di quota ambito dall impresa i 43

44 Esercizio 3: Calcolo del costo di un punto incrementale di quota Poniamo : Q C iq i = ,541 = ( 100 9) 2 =

45 2.3.1 La quota di mercato che massimizza la redditività: il MEMS Calcolando il MEMS (Maximum Earning Market Share Formula) si riesce a stimare la quota in coincidenza della quale l impresa riesce a massimizzare i profitti derivanti dalla sua strategia di marketing MEMS =1 K P n n MEMS= quota di mercato che massimizza i profitti Kn= investimenti di marketing dei concorrenti per il MER dell impresa Pn= ricavi dei concorrenti per il margine lordo dell impresa 45 Se sostituiamo i valori della tabella per calcolarci il MEMS il suo valore sarà 0,34. Quindi la quota di mercato che massimizza i profitti per l impresa i sarà del 34%

46 Modelli della quota di mercato Analisi delle quote di mercato sotto una diversa prospettiva: Non limitarsi a comprenderne le determinanti:aree geografiche, canali distributivi, tipologie di prodotti; Cercare di prevedere i cambiamenti futuri in funzione delle leve di marketing mix;

47 Componenti fondamentali Tasso di attrazione: capacità di acquisire nuovi clienti, capacità di sottrarli alla concorrenza; Tasso di fedeltà: capacità di mantenere l attuale portafogli clienti stimolando l esclusività d utilizzo; Investimenti nelle politiche di marketing mix;

48 Ogni atto d acquisto di una marca può essere descritto con 3 origini e 3 destinazioni: 1. Coloro che acquistano già la marca A la riacquistano (Fedeltà); 2. La marca A sottrae clienti alla marca B (Attrazione); 3. La marca A conquista nuovi clienti (Attrazione); Attrazione Fedeltà Acquirenti marca A Fuga Acquirenti marca B Attrazione Fuga Non Acquirenti marca Probabilità di transizione sono la base per formulare previsioni future

49 Modello derivato dalle catene di Markov Utile nel prevedere le evoluzioni future delle quote di mercato in base a transizioni d acquisto tra le marche Calcola la QM di lungo periodo come funzione del tasso di attrazione e fedeltà: QMi,t+1=α(Qmi,t)+β(1-Qmi,t) α=tasso fedeltà β= tasso attrazione % riacquisti % nuovi acquisti

50 Acquisti tempo t Acquisti tempo t+1 Levissima A B Vendite tot (milioni lt) QM1 Levissima 56,0% 30,0% 14,0% 10 10% Marca A 20,0% 30,0% 50,0% 50 50% Marca B 0,0% 20,0% 80,0% 40 40% QMt+1 15,6% 26,0% 58,4% % V Levissima t+1= 56%(10)+[(20%*50)+(0%*40)]=5,6+10= 15,6 milioni di lt β=10%/90%*100=11.1% QM Levissima=56%*(10%)+11,1%*(90%)=15,6% Levissima conquista 5,6 punti di quota che in rapporto al periodo precedente corrisponde ad un aumento del 56%

51 Teorema fondamentale della quota di mercato Questo modello analizza come la QM di una marca sia funzione oltre che dei tassi di attrazione e fedeltà anche degli investimenti nelle politiche di marketing mix dell azienda. Attrazione marca = Mi / Σj Mj Qmi = Ai / Σ Aj M = investimenti marketing i = nostra azienda j = aziende concorrenti Questa prima formulazione seppur teoricamente valida non descrive l efficacia e quindi l incidenza dei singoli investimenti nelle politiche di marketing di ogni singola azienda, perciò si è introdotto un coefficiente di ponderazione in grado di misurare l efficacia degli stessi. Indicando con ai e aj i pesi di ponderazione,stimati mediante l analisi storica degli investimenti in marketing si ottiene: Qmi = ai * Mi / Σj aj * Mj

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

IL CONCETTO DI PRODOTTO

IL CONCETTO DI PRODOTTO Definizione IL CONCETTO DI PRODOTTO Un prodotto è tutto ciò che può essere offerto a un mercato a fini di attenzione, acquisizione, uso e consumo, in grado di soddisfare un desiderio o un bisogno. Esso

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Aste a valore privato, comune e affiliato

Aste a valore privato, comune e affiliato Aste a valore privato, comune e affiliato Siano: V i = il valore di mercato che il bidder i assegna al bene v i = la valutazione soggettiva del bene, da parte dell i-esimo bidder In un asta a valore privato,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli

DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli DISPENSA SULLA GESTIONE DELLE RELAZIONI CON LA CLIENTELA di Gennaro Iasevoli Cap. 21 del testo, Marketing. Il Management orientato al mercato, A. Mattiacci & A. Pastore, HOEPLI, 2013 G. Iasevoli Indice

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli