Il testo riproduce la relazione tenuta dal Notaio Enrico Matano.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il testo riproduce la relazione tenuta dal Notaio Enrico Matano."

Transcript

1 Il testo riproduce la relazione tenuta dal Notaio Enrico Matano. I nuovi modelli di contrattazione immobiliare a confronto con gli strumenti tradizionali. Crisi del credito e prassi contrattuale. La prassi contrattuale è caratterizzata da sempre dall impegno degli operatori nell elaborare soluzioni operative che siano in linea con i tempi e che assecondino le disparate esigenze di regolamentazione dei rapporti che via via emergono dal mercato. La crisi globale si è riversata pesantemente proprio sul mercato immobiliare, un mercato già appesantito da un carico tributario elevatissimo, determinando non solo il clima generale di sfiducia, che ormai conosciamo, ma anche la cosiddetta stretta creditizia (o credit crunch per gli anglofoni). Le banche, che in passato tendevano ad erogare anche oltre 100% del valore di perizia dell immobile da acquistare, soprattutto a seguito dello scandalo dei sub-prime, che ha colpito diversi paesi non solo nell area euro, hanno finito per ridurre drasticamente i loro parametri di concedibilità all 80% del detto valore, in qualche caso anche al di sotto di tale soglia. E ciò in spregio delle brillanti considerazione di una parte della dottrina, che ha teso a rivendicare in questi anni un vero e proprio diritto al credito (costituzionalmente sancito)

2 Quello che di fatto è avvenuto è una crescita consistente del margine di liquidità di cui deve necessariamente disporre prima dell acquisto chi intende comprare un immobile tramite mutuo, e ciò, si badi bene, anche da parte di soggetti obiettivamente finanziabili, cioè soggetti che dimostrino una capacità di rimborso tale da ottenere la tanto attesa delibera di mutuo. Tale margine di provvista nello scenario attuale si aggira intorno al 20% del valore, corrispondente a quella parte del valore acquisto che non è più finanziata dalle banche. A questa provvista necessaria, perchè non finanziata, si aggiunge mediamente un altro 10 % circa del valore di acquisto, rappresentato dalle spese dell atto di acquisto, in primis le imposte indirette. Con l espressione Rent to buy, intesa in senso ampio, si definisce il fenomeno degli affitti con riscatto ma sarebbe meglio di vendite vendite programmate, dato che la volontà dei contraenti è tutta protesa verso la conclusione del rapporto. Si tratta di soluzioni negoziali elaborate dalla prassi, in cui la compravendita definitiva è preceduta da una serie di atti preparatori attraverso i quali le parti mettono in atto dei meccanismi giuridici ed economici che fungono da leva finanziaria gratuita per chi intende accedere all acquisto immobiliare, sopperendo all intervento dell istituto di credito, nei casi di obiettiva difficoltà di accesso al credito, o agevolando detto intervento da parte dell istituto di credito, nei casi in cui il credito bancario interviene in una fase successiva.

3 Il rent to buy in particolare; i vantaggi del format. Volendo scendere più nel dettaglio e guardare al Rent to Buy, non tanto per come esso si configura, quanto nella formula in cui esso viene pubblicizzato, osserviamo che si si presenta come una sequenza contrattuale, nella quale il potenziale acquirente dell immobile, piuttosto che rivolgersi direttamente a un Istituto di credito che finanzi l acquisto, sottoscrive un contratto di locazione con il proprietario dell immobile, con il quale si impegna a versare mensilmente un canone di locazione di importo non dissimile dal normale canone di locazione che il mercato richiederebbe per quello stesso immobile o, a seconda dei casi, leggermente superiore; al detto contratto di locazione è collegato un contratto preliminare di compravendita avente a oggetto quello stesso immobile, sottoscritto contestualmente al preliminare ma in un documento diverso; all atto della sottoscrizione del preliminare si versa un acconto (che normalmente oscilla tra il 6% e il 10 % del prezzo di acquisto). Detto contratto preliminare programma la compravendita definitiva generalmente a tre anni, come avviene per tutti i preliminari, ma ha la particolarità di prevedere una differente imputazione dei canoni di affitto versati, per cui la causale del detto versamento mensile viene ventilata, in modo che solo la metà circa di quegli importi vengono imputati a canone di locazione (e quindi a corrispettivo del godimento dell immobile altrui) mentre l altra metà viene imputata ad acconto prezzo. In tal modo, nel caso in cui i versamenti siano regolari, la parte di canone da imputarsi a quota prezzo, sommata all acconto versato all atto della sottoscrizione del preliminare, consentirà di

4 raggiungere una provvista di circa il 15% del valore di mercato dell immobile da utilizzarsi come anticipo sulla vendita definitiva. I vantaggi immediatamente percepibili di una sequenza contrattuale così congegnata sono vari, e possono essere saggiati sia con riferimento alla posizione dell acquirente che del venditore: Per l acquirente: a) di conseguire immediatamente il possesso dell immobile desiderato quale locatario (renter), bloccando da subito però il prezzo definitivo di cessione quale promissario acquirente, mantenendo allo stesso tempo una sorta di riserva di gradimento per la durata del rapporto (nei casi in cui è prevista una facoltà di recesso per l acquirente); b) di creare una prima leva finanziaria, che definirei diretta, costituita dalla accantonamento di una parte del prezzo, che si ottiene sommando l anticipo versato a quella parte dei canoni di locazione che sono imputati a quota prezzo; i versamenti mensili non vengono quindi totalmente persi, come avviene nella locazione tradizionale, ma faranno da cuscinetto per il pagamento del prezzo al momento del definitivo; c) di creare una seconda leva fininaziaria, questa volta indiretta, che consiste nel crearsi in capo all acquirente uno storico creditizio; la circostanza che l aspirante acquirente abbia corrisposto per circa tre anni al promittente venditore una somma di importo non dissimile alla possibile rata del mutuo è un dato positivo da spendere nell istruttoria di mutuo con l istituto di credito (e dimostrabile alla banca dato che il contratto di locazione è registrato) in quanto migliora il c.d. rating in capo all aspirante acquirente. Si è anche parlato

5 pertanto di programma di accesso alla proprietà con acquisto di merito creditizio. Per il venditore: a) il vantaggio principale è costituito dal mettere a reddito l immobile senza dovere attendere i tempi di un istruttoria di mutuo e in generale la lentezza del mercato nell attuale momento storico, e soprattutto senza svendere, andando così percepire da subito un canone locatizio, il cui importo in alcuni casi è superiore a quello del normale canone di locazione; b) di liberarsi delle spese di gestione dell immobile (manutenzione, spese condominiali, etc), ma anche delle imposte dirette (ivi compresa l IMU) relative all immobile, che vengono nei rapporti interni ribaltate sull acquirente; Un ulteriore importante vantaggio, che si utilizza spesso per pubblicizzare la formula rent to buy in rapporto alla classica vendita con patto di riservato dominio viene rinvenuto nel fatto che, intervenendo la Banca seppure in un secondo momento per finanziare l acquisto, il venditore non finisce per finanziare l acquirente, ma si limita per così dire a fare da incubatore per l aspirante acquirente agevolandolo nell ottenimento del mutuo bancario. Diritto interno e diritto straniero.

6 E comunque necessario sgombrare il campo da possibile equivoci; al di là dell enorme carica di suggestione che le espressioni maturate in ambiente anglosassone esercitano sul lessico giuridico più recente e prima ancora su quello economico, tradizionalmente esterofilo, non non si può considerare la fattispecie in esame come un elemento di assoluta novità nel panorama civilstico italiano, quasi come se la stessa colmasse una lacuna dell ordinamento italiano. Lo dico per questi mesi si è assistito a tanti bei discorsi da parte di presunti inventori del Rent to Buy, a scopo propagandistico; c è addirittura qualcuno che ha depositato a proprio nome, non so come, presso l Ufficio Brevetti il modello del contatto preliminare con la formula rent to buy, ritenendosene appunto l inventore o quanto meno l importatore (!) Le fattispecie di vendita programmata sono tutt altro che inconsuete nella nostra tradizione giuridica. Riferimenti alle ipotesi di c.d. Locazione-Vendita si trovano già nella dottrina civilistica più risalente, si pensi alle monografie di Bianca (La Vendita e la Permuta, in Trattato Vassalli, Torino, 1993), ma prima ancora del Cataudella (La donazione mista, Milano, 1970), o al testo sacro di Domenico Rubino (La compravendita, Milano, in Trattato Cicu-Messineo, 1971). A prescindere dai differenti inquadramenti dogmatici, che lasciamo di buon grado al Prof. Sbordone, che possiede sul tema strumenti sicuramente più raffinati dei miei, la distinzione che ricorre in tutte quelle opere, nell ambito delle locazioni-vendita, è quella tra: - le ipotesi nelle quali il trasferimento della proprietà si produce in virtù dell originaria manifestazione di consenso, come avviene,

7 per intenderci, nell ipotesi normata (art e ss c.c.) di vendita con riserva di proprietà, in cui il trasferimento della proprietà è collegato cronologicamente al pagamento dell ultima rata di prezzo ma trova il suo titolo nell atto di compravendita a monte; e - le ipotesi nelle quali affinchè si produca il trasferimento della proprietà è necessaria un ulteriore manifestazione di volontà, come avviene per esempio nella locazione collegata a un preliminare o a un opzione di acquisto in favore del conduttore. Basti pensare già nel nei primi anni novanta la Suprema Corte (Cass. 23 maggio 1992 N. 3587) ammetteva non sussistere alcun dubbio sulla validità di una locazione collegata funzionalmente a una compravendita, c.d. locazione con patto di futura vendita, con possibilità di computare nel prezzo una parte dei canoni già corrisposti; fattispecie costruita a seconda dei casi attraverso una clausola contenente una promessa di vendita già all interno del contratto locazione o con un preliminare di vendita stipulato a parte e collegato alla locazione, a seconda dei casi unilaterale o bilaterale. Ma si pensi ancora al preliminare a effetti anticipati, che prevede la consegna immediata del bene, mentre il pagamento del prezzo viene dilazionato nel tempo fino concludersi al momento di stipula del rogito; normalmente con questa figura ogni rata di prezzo viene determinata in modo da tenere conto anche del godimento immediato e in qualche misura delle spese di gestione dell immobile. E questa una figura che affonda le sue radici nel Code Civil promulgato nel 1804 (a noi noto come Codice Napoleone) e che in virtù alla sua diffusione, il Legislatore italiano ha regolamentato

8 con un apposita norma, l art bis c.c. (introdotto dal D.L. 31 dicembre 1996 n. 669) prevede la trascrizione del preliminare con effetti prenotativi del grado della futura trascrizione del definitivo; ciò a tutela delle ragioni del promissario acquirente (contro la possibilità di abusi da parte del promittente venditore, che potrebbe trasferire a terzi il bene o comunque fallire nelle more del maturarsi del termine di stipula del definitivo), garantendogli quindi una protezione reale, che dura per un tempo massimo che, guarda caso, è di tre anni. Assonanze con le fattispecie oggetto della presente trattazione, quanto alla struttura del rapporto giuridico che si instaura tra le parti, si ritrovano anche ad esempio nel leasing finanziario, dove la maggiore differenza è costituita dal fatto che i canoni, oltre a costituire una quota prezzo del riscatto finale, costituiscono per altra parte un corrispettivo del servizio in favore della società di Leasing, che appunto esercita professionalmente l attività creditizia (attività per legge riservata) sotto forma di locazione finanziaria. Ma volendo proseguire nella disamina delle ipotesi tradizionali di locazione - vendita, notiamo che quelle che in apertura abbiamo definito come vendite programmate o affitto con riscatto sono presenti nel settore pubblicistico dell Edilizia Residenziale Pubblica, sia essa economica e popolare che convenzionata, la cui Legislazione ha trovato la sua fioritura negli anni 60 e 70 (L 408/49, L.1230/60, L.167/62, L. 513/77 ), si pensi alle vendite effettuate dalle IACP. Sono queste tutte figure che individuano un unico denominatore comune nella rateizzazione del prezzo di acquisto.

9 E evidente però che detta così suona male, è molto più accattivante invece parlare come fa la prassi degli ultimi mesi di - Buy to Rent, con riferimento a ipotesi come la vendita con patto di riservato dominio, in cui il trasferimento della proprietà trova la sua fonte nel contratto originario e il suo effetto finale di trasferimento della proprietà al termine di un rapporto assimilabile alla locazione; - Help to Buy, con riferimento al vecchio preliminare ad effetti anticipati, le cui prime tracce si ritrovano in realtà già nel codice Napoleone (la promise de vent vaut vent); - Rent to Buy, con riferimento alla locazione con patto di futura vendita nel format che abbiamo visto in apertura. Ma perchè a questo punto non parlare anche di Locazione 2.0 per allinearsi a cyber linguaggio. Problematiche fiscali (imposizione indiretta). Ma veniamo all aspetto fiscale. Sappiamo che uno dei più pesanti carichi che ci si trova a sostenere nel momento in cui ci si affaccia ad un acquisto immobiliare è costituito dalle imposte indirette, calcolate in misura proporzionale sul valore del bene, da anticiparsi al notaio al momento del rogito il quale le percepisce in qualità di responsabile di imposta; il che induce spesso, lo vediamo tutti i giorni nei nostri studi, a rimandare le stipule per la temporanea difficoltà delle parti a reperire gli importi necessari a far fronte alle imposte dell atto. Uno dei principali vantaggi del Rent to Buy vero e proprio, rispetto alle ipotesi tradizionali di vendita programmata e di

10 locazione vendita, è costituito secondo, lo slogan con il quale lo si accompagna, proprio dal consentire di non movimentare una eccessiva fiscalità indiretta già dal momento iniziale del rapporto (quello appunto della sottoscrizione degli atti preparatori). Quest affermazione che ha in sè un carattere di verità, va tuttavia approfondita con riferimento alle singole tipologie di imposte. Imposta di Registro. Anche in questo ambito, in realtà, è necessario recuperare per la ipotesi tassabili a Registro quella distinzione, elaborata della dottrina civilistica più risalente, nell ambito delle figure di locazione-vendita tra a) ipotesi nelle quali il trasferimento della proprietà è automatico in quanto trova il suo titolo nell atto iniziale (si pensi ancora una volta alla compravendita con patto di riservato dominio di cui all art c.c.), in cui l imposizione tributaria è unitaria, proporzionale e anticipata all inizio del rapporto, e quindi al momento della sottoscrizione del contratto di compravendita, in base a quanto disposto dall art. 27 comma 3 del D.P.R. 131/1986, che espressamente sottrae questa ipotesi alla tassazione proporzionale differita, che è invece propria delle vendite sottoposte a condizione sospensiva, e ciò ad onta della qualificazione che di queste ipotesi da la dottrina civilistica. Non si assisterà quindi nel caso di vendita con riserva di proprietà alcuno spostamento in avanti del carico tributario, dovendosi questa fattispecie assimilare, sotto il profilo della imposizione proporzionale di registro, in tutto e per tutto a una ordinaria compravendita non sottoposta a condizione.

11 b) ipotesi nelle quali per il trasferimento della proprietà è necessario un ulteriore consenso con l atto definitivo, (si pensi alla locazione con patto di futura vendita anche al rent to buy vero e proprio) in cui si distinguono nella fase iniziale del rapporto due distinti negozi avvinti tra lo dal collegamento negoziale, che sono la locazione e il preliminare di acquisto. I due negozi saranno sottoposti autonomamente a registrazione, in quanto costituiscono distinte fattispecie impositive, o distinte manifestazioni di capacità contributiva (come spesso ci sentiamo dire dall agenzia delle entrate). In questi casi il carico fiscale sembra ridursi, almeno nella fasi iniziale del rapporto, in quanto il 2% di registro, calcolato sull importo del canone di locazione dell immobile, sommato allo 0,50% sempre di registro calcolato sulle somme anticipate a titolo di caparra, è verosimilmente meno del 9%, di registro calcolato sul valore reale dell immobile o su quello catastale nel caso di opzione per il prezzo valore, che si va a pagare al momento dell atto definitivo; diverso ovviamente è il discorso nel caso di applicazione del 2% nel caso l acquirente goda delle agevolazioni sulla prima casa. Il rischio in questi casi è però quello della duplicazione di imposta in quanto, se per la porzione di canone di affitto da imputarsi a quota prezzo è possibile invocare la norma dell art. 10 della Tariffa Parte I allegata al Testo Unico dell Imposta di Registro, che consente di scomputare l imposta di registro assolta sugli acconti portandola in diminuzione rispetto a quella da assolvere sul definitivo, altrettanto non è possibile fare per la porzione di canone da imputarsi effettivamente a corrispettivo del godimento dell immobile, che andrà ad incidere il conduttore senza possibilità di detrazione.

12 In modo parallelo si può ragionare con riferimento alle vendita imponibili IVA; la questione è di estremo interesse in quanto proprio per le vendite da costruttore si è spesso invocato il rent to buy per tentare di rivitalizzare un settore che in massima parte risente della stretta creditizia. Anche qui ci si imbatte nella norma dell art. 2 comma 2 del D.P.R. n. 633/1972 (Decreto IVA), secondo la quale sono equiparate alle cessioni di beni le locazioni con clausola di trasferimento vincolante per entrambe le parti, con la conseguenza che l obbligo di fatturazione sorge immediatamente e per l intero valore dell operazione. Al riguardo valga la pena osservare che stante l ampiezza dell espressione utilizzata dal legislatore, la norma secondo l opinione prevalente ricomprende tutte le ipotesi in cui la locazione si accompagna a un preliminare con impegno bilaterale a concludere il definitivo e non solamente alle ipotesi di vendita con patto di riservato dominio (nello stesso senso la Risoluzione dell Agenzia delle Entrate N. 338 del 1 agosto 2008, e la Circolare N. 28/E del 21 giugno 2011). Al contrario la tassazione separata sembrerebbe praticabile per le locazioni con opzione di acquisto, dove la conclusione dell atto definitivo di acquisto si pone come mera facoltà da parte dell acquirente e non vi è impegno bilaterale, ma per queste ultime si riproporrebbe comunque il problema della duplicazione di imposta, data la possibilità di portare in detrazione dall imposta definitiva solo l imposta maturata sulla porzione di canone imputabile ad acconto prezzo non anche quella imputabile a canone di locazione. Si comprende pertanto lo sforzo, da un lato, della dottrina civilistica, che tende a recuperare una ricostruzione unitaria

13 dell operazione sotto il profilo causale (sul punto Cirla e per la dottrina notarile De Stefano, De Stefano, Stucchi, De Marchi), che ove accolta consentirebbe di aggirare a livello interpretativo il problema della doppia imposizione. Sforzo al quale si accompagna l impegno del consiglio Nazionale del Notariato a livello istituzionale, che ha invocato un intervento legislativo nella materia de quo teso a rivitalizzare il settore immobiliare. In particolare nel 48 Congresso Nazionale si è tra l altro sollecitato una regolamentazione più compiuta sotto il profilo civilistico e fiscale delle operazioni note come Rent to Buy, invocando, tra l altro, una piena detraibilità tanto dei tributi assolti a titolo di godimento dell immobile quanto di quelli assolti a titolo di anticipo prezzo nel preliminare, e una riduzione del carico fiscale sui canoni di locazione, soprattutto per gli immobili rimasti invenduti o comunque destinati alla vendita, la riduzione dell imposta sull ipoteca legale, che pure rappresenterebbe una garanzia fisiologica per venditore in tutte le ipotesi di dilazione di pagamento, ma di fatto costantemente rinunziata a causa dei costi fiscali; su ognuno di questi aspetti ci sarebbe da instaurare una discussione autonoma. Conclusioni. Lo scenario che viviamo tutti da ormai da diversi anni (pensate che io ho iniziato a esercitare la professione notarile in concomitanza con lo scandalo Lehman Brothers e con l infuocare della crisi globale) ci impone uno sforzo ermeneutico e interpretativo che non è più limitato all applicazione della norma scritta, ma deve essere teso al comprendere e attuare, nel miglior

14 modo possibile, le concrete e reali esigenze nascenti dalla prassi così come vengono prospettate dalle parti; senza dimenticare che il nostro sistema poggia sul principio di autonomia privata (solennemente sancito dall art del codice civile), che va inteso non solo nel senso di apertura verso schemi contrattuali atipici, ma anche come massima libertà nell utilizzo dello strumento del collegamento negoziale, e quindi come possibilità di combinare i modelli contrattuali tipici al fine di realizzare assetti di interesse più complessi e strutturati rispetto a quelli contemplati dal Legislatore nei contratti nominati. E questa un attività creativa che, a dispetto dell opinione popolare, è da sempre propria di ogni settore del diritto, e che deve portare a studiare soluzioni su misura per le singole fattispecie prospettate, anche attraverso il confronto con esperienze straniere. Il confronto mette in moto dei flussi giuridici all interno dei quali si muove un dato tratto dall esperienza straniera, che inizialmente crea uno squilibrio che, attraverso l elaborazione dottrinale e giurisprudenziale, può portare a respingere il flusso o in alcuni casi a metabolizzarlo. Lo abbiamo visto ieri per il trust in generale e per le varie ipotesi di destinazione patrimoniale, lo stiamo vedendo oggi per il rent to buy, lo vedremo domani per chissà cosa. Ma visto che si è parlato di inventori e si continua a parlare di crisi mi è viene in mente a chiusura di queste brevi considerazione un passo di Einstein (finalmente un vero inventore!) a proposito della crisi: Non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose...

15 la crisi è una grande benedizione per le persone e per le nazioni, perchè la crisi porta progressi, la creatività nasce dall angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura... la vera crisi è crisi dell incompetenza... è la pigrizia nel cercare soluzioni... senza crisi non si sono sfide... è nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perchè senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze Enrico Matano

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

Via Petrarca, 32 38122 Trento Tel. 0461/984751 Fax 0461/265699

Via Petrarca, 32 38122 Trento Tel. 0461/984751 Fax 0461/265699 L acquisto della casa: le novità, le regole, i suggerimenti e le nuove opportunità. Provincia autonoma di Trento Assessorato all agricoltura, al commercio e turismo. Programma generale d intervento 2007-2008

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

L acquisto della casa:

L acquisto della casa: L acquisto della casa: le novità, le regole, i suggerimenti e le nuove opportunità. n 1/2008 Supplemento gratuito al numero odierno del giornale l Adige Provincia autonoma di Trento Programma generale

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore

Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Vendita con riserva della proprietà e successione mortis causa del compratore Si pone il problema di individuare con esattezza gli obblighi tributari dei chiamati all eredità del compratore con patto di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto Le Guide per il Cittadino Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto di compravendita immobiliare Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli