Ticket. Lottery. WinningOrder. FreeTicketLaw. <> Client. own freetickets: Int = 0. 1 buyticket(int)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ticket. Lottery. WinningOrder. FreeTicketLaw. <> Client. own freetickets: Int = 0. 1 buyticket(int)"

Transcript

1 ESERCIZI UML Gianna Reggio 14 Ottobre 2009 Esercizio 1 Definire un modello concettuale dell esame di IS come è organizzato quest anno. Dovete descrivere in quali prove si articola, come vengono valutate, quando si ritiene superato e come si determina il voto finale. In questo caso è sufficiente un class diagram più eventualmente constraint e metodi. Esercizio 2 Dire quali delle seguenti affermazioni sono verificate dal modello presentato dal seguente class diagram, motivando brevemente ogni risposta a) Lottery ha un attributo di tipo intero? b) Potrebbero esistere oggetti di classe WinningOrder e nessun oggetto di classe Lottery? c) Lottery non ha alcun metodo? d) Tutti i tickets hanno numeri differenti? e) La classe Lottery definita nel class diagram soddisfa questa invariante context Lottery inv: clients.own = tickets f) La seguente post-condizione richiede che dopo ogni chiamata dell operazione restart non esiste più alcun oggetto di class Ticket context restart post: tickets = {} <<active>> Client own freetickets: Int = 0 Ticket 1 buyticket(int) * * winnersdrawn newlotterystarted youhavewon * tickets C clients num: Int running: Bool restart Lottery order 1 WinningOrder lessthan(int,int): Bool law 1 FreeTicketLaw newnumber(set(int),int): Int

2 Esercizio 3 Definire un modello UML che descriva il dominio delle conferenze scientifiche. Una conferenza ha un comitato scientifico guidato da un presidente, membro del comitato stesso, e costituito da un certo numero di ricercatori; e si tiene in una certa locazione in un certo giorno (non possono essere previste più conferenze nello stesso posto nello stesso giorno). I ricercatori sottomettono dei lavori alle conferenze, ogni lavoro ha un titolo ed uno o più autori; non ci sono limiti al numero di lavori che un autore può sottomettere ad una conferenza. Alcune conferenze vietano ai membri del loro comitato scientifico di sottomettere dei lavori, ma in ogni caso il Presidente non potrà mai sottomettere alla conferenza che presiede. I lavori del comitato scientifico si svolgono in questo modo: il presidente distribuisce i lavori sottomessi ai vari membri del comitato scientifico, i quali li esamineranno producendo dei rapporti, costituiti da un voto da 1 a 10 e da un breve giudizio. Chiaramente un autore non può esaminare un suo stesso lavoro, e tutti i lavori devono essere esaminati da almeno tre persone. Si assume che il livello etico sia alquanto elevato, pertanto nessuno sottomette lo stesso lavoro a più conferenze, e non sottomette due lavori a conferenze che si svolgono nello stesso tempo. Esercizio 4 Definire un modello UML che descriva i piani di studio degli studenti della nuova laurea triennale intesi come segue. Un piano di studio definisce le attività di uno studente per ognuno dei 3 anni di corso. Un attività può essere seguire un corso, fare la prova finale, oppure dimostrare certi skill (per esempio la conoscenza dell inglese). Ogni attività è misurata in crediti. Un piano di studio deve prevedere attività per 2100 crediti, ma per ogni anno di corso i crediti possono essere al più 800. Alcune attività (corsi, prova finale) vengono valutate con un punteggio tra 0 e 33, mentre le altre vengono solamente considerate superate o nò. Esercizio 5 Sia CD il class diagram dato nella pagina seguente. a) Dire cosa sono e cosa rappresentano gli elementi highlighted in CD. b) Dare un invariante per la classe StateMachines richiedente che se essa ha uno stato, allora ha anche tutti gli stati in cui esso può cambiare. c) Dare un invariante per una qualche classe presente in CD, in contrasto con le molteplicità presenti nello steso CD. d) CD contiene degli errori UML, segnalatene almeno due, motivandoli. e) Estendetelo per modellare che le classi hanno delle operazioni, con parametri tipati, e che un metodo può essere associato ad una operazione.

3 Esercizio 6 a) Dare un modello UML di un programma Java che avete prodotto, per esempio, nei corsi precedenti. b) Dare un modello UML di un databse che avete prodotto, per esempio, nei corsi precedenti. c) Dare un modello UML di una GUI che avete prodotto, per esempio, nei corsi precedenti. d) Dare un modello UML del vostro telefonino e) Dare un modello UML del vostro videoregistratore/lettore di DVD Esercizio 7 Descrivere usando dei sequence diagram a) Come prenotare un esame usando il nostro sistema b) Come fare il progetto (trattando tutte le fasi e/o recupero) c) Qualche attività che pensate sia adatta ad essere descritta usando dei sequence

4 ESERCIZIO 8 Descrivere usando la lingua italiana le due modalità di svolgimento dell esame scritto di IS modellate dalle seguenti due statemachine, e decidere quella che vi sembra più conveniente dal vostro punto di vista. Seduto Scrive Relaxing Disegna ricevepartegen(pg) after 1.30 H / consegna(risultatog) riceveparteuml(pu) after 1.30 H / consegna(risultatou) Scrive ricevepartegen(pg) consegnare1 / consegna(risultatog) Seduto Esame IS 1 Disegna riceveparteuml(pu) consegnare2 / consegna(risultatou) Relaxing uscite Esercizio 9 Si considerino i seguenti sequence diagram che rappresentano due scenari di due use case per un sistema di lotterie on line (AL_L). : CreditCardHandler CL:Client :AL_L :Info availabletickets?(cl) available(nums) buyticket(n) charge(cnum,1000) Cnum = CreditCard charged() confirmticket(n) boughtticket(n) : AL_ L CL: Client: CreditCardHandler : Authentication registerme(cl,em,name,cnum) check(cnum) okcard(cnum) areregistered() register(name) a) Ridisegnarli usando la sintassi di UML 2.0 in modo corretto. b) Dare un class diagram dove tutte le classi utilizzate nei due sequence siano definite con le relative operazioni. c) Modificare tale class diagram per richiedere che le segue:nti condizioni siano tutte verificate ad ogni cliente è associata una ed una sola Info una Info contiene un numero di carta di credito

5 la stessa carta di credito non appare nelle informazioni di due clienti diversi ad AL_L è associata una ed una sola Authentication, ed uno ed uno solo CreditCardHandler al più clienti sono associati ad AL_L d) Dare una statechart associata alla classe AL_L, in modo che modelli un behaviour consistente con le informazioni espresse da i due sequence diagram. Esercizio 10 Si consideri il modello UML, indicato nel seguito come SLUMOD, di un sistema di controllo della serranda (gate) di una chiusa costituito dai seguenti diagrammi: <<active>> SluiceGate + top: Bool + bottom: Bool - movingversus: { CL, ACL } - gateheight: Real clock anticlock on off Diagramma A clock / movingversus = CL after 0.01 s / gateheight = if movingversus = CL then gateheight + C else gateheight - C on / gateheight = 0 Stopped off Moving Diagramma B anticlock / movingversus = ACL / gateheight = 0 Closed SluiceGate 1 SG 1 SluiceController after 3 hours / top = true after 10 min / bottom = true Open Diagramma C Diagramma D Closed after 3 hour / SG.clock(); SG.on() Opening when (top = true) / SC.off() C l o s i n g when (bottom = true) / SC.off() after 10 min / SG.anticlock(); SG.on() Open Diagramma E 1. Dire di che tipo sono i diagrammi A,,E. 2. Dire che cosa sono i vari elementi ombreggiati. 3. Estendere SLUMOD in modo che le seguenti condizioni siano soddisfatte: top è vero quando l altezza del gate è un metro +/- 1 cm esistono almeno 10 controllori e tutti i gate sono nella posizione top Inizialmente l altezza del gate è un metro 4. Descrivere a parole che cosa modella il diagramma E.

6 5. Dare un sequence diagram che descriva un qualche aspetto del comportamento del sistema modellato da SLUMOD. 6. Dire, secondo voi, che ruolo giocano i vari diagrammi di SLUMOD nella descrizione del sistema, e se vedete dei problemi. ESERCIZIO 11 a) Modificare il modello UML consistente del class diagram CB affinchè le seguenti due condizioni siano verificate entrambe: un cibernauta non commenta mai le entry nei suoi blog; le varie visite fatte dai cibernauti ai blog vengano registrate. b) Dare un nuovo class diagram CB che modelli le stesse entità definite in CB, ma dove si è cercato di seguire una politica di riuso, cioè le parti comuni di varie classi dovranno essere definite una volta sola. c) Modificare il modello UML consistente del class diagram CB per modellare il seguente fatto: Il cibernauta A manda un messaggio al cibernauta B, chiedendogli di mettere una entry a suo nome nel suo blog (si assuma che A e B si conoscano, e che B sia titolare di un unico blog C). B manda una mail di risposta ad A confermando l aggiunta della entry, e poi aggiunge effettivamente tale entry su C. d) Modificare il modello UML consistente del class diagram CB per modellare le seguenti categorie di cibernauti: Un cibernauta di tipo C1 risponde immediatamente alle mail ricevute dagli amici*, mentre per le mail ricevute dai conoscenti*, risponde solamente ad una su tre (cioè dopo averne ricevute due e averle cestinate, risponde alla terza che riceve). [*amici e conoscenti sono due gruppi di cibernauti noti a colui che si comporta in questo modo] Un cibernauta di tipo C2 ha accesso ad Internet solamente nelle ore di ufficio (9-18) e riponde solo alle mail ricevute in tale orario quando il capo non è in ufficio (si assuma che riesca a rendersi conto di quando il capo entra nell ufficio e di quando esce). e) Modellare usando i diagrammi UML più opportuni e anche modificando il class diagram CB le seguenti cose: a. un cibernauta fa un post su un forum, riceve due repliche da due persone diverse e alla fine posta una risposta; b. le tipiche cose che un cibernauta molto addicted to the technology esegue di primo mattina in un ordine non prefissato: guarda il suo blog per vedere se ci sono commenti, i suoi preferiti per vedere se ci sono nuovi post, e risponde ad eventuali post sul suo forum.

7 Class Diagram CB

8 Esercizio 12 a) Considerando il class diagram AAA a. È vero che vi è un unico frigo? b. È vero che la seguente constraint afferma che ogni persona mette le sue stoviglie solo nella credenza di cui è assegnatario? Context P: Persona inv P.assegnatario.contieneS.proprietario = P b) Modificare il modello UML fatto dal class diagram AAA in modo che le seguenti tre condizioni siano tutte verificate: a. Una stoviglia non può essere contemporaneamente nello scolapiatti ed appoggiata sul tavolo; b. Ci sono delle persone educate, che non lasciano stoviglie appoggiate sul tavolo. c. Delle stoviglie sono possedute da un gruppo di persone e delle altre invece sono di public domain, cioè di tutti. c) Dare un activity diagram che modelli un tipico modo cooperativo di organizzare il pranzo da parte di un gruppo di tre persone. Come prima cosa, AA preleva dal frigo i cibi deperibili e BB quelli a lunga conservazione nella credenza. Poi, CC preleva le stoviglie dalla credenza e dallo scolapiatti e le mette in tavola, mentre AA cucina il cibo. Dopo aver pranzato, AA lava i piatti, BB prepara il caffè e CC lo serve in tavola; e per concludere tutti e tre lo bevono. d) Modificare il modello UML fatto dal class diagram AAA per modellare la tipica vita di un piatto: Inizialmente il piatto viene messo nella credenza, poi ciclicamente viene preso, sporcato, lavato, messo sullo scolapiatti, e rimesso nella credenza. e) Dare un use case diagram per un sistema software per facilitare la gestione della Common Room. Tale software deve occuparsi di avvisare le persone che hanno del cibo scaduto nel frigo, o che hanno lasciato per più di una settimana delle stoviglie nello scolapiatti. Inoltre, deve permettere di gestire l assegnazione delle credenze (quando arriva una nuova persona, o quando una lascia il Dipartimento), ma anche permettere ad una persona di cambiare la credenza che le è assegnata. La gestione dell assegnazione delle credenze è demandata alla Segretaria.

9 Class Diagram AAA

10 Esercizio 13 a) Che cosa è <<auto>> nel diagramma delle classi ZZZZ? b) Modificare il diagramma delle classi ZZZZ affinchè le seguenti tre condizioni siano tutte verificate: i biglietti gratis che un cliente può avere non siano di più di quelli che possiede; ogni manager gestisca almeno una lotteria; sia i clienti che i manager siano persone caratterizzate da un nome, un cognome e un codice fiscale, ed inoltre una persona possa essere contemporaneamente sia cliente che manager, ma nessun manager possa possedere biglietti delle lotterie che gestisce. c) Descrivere usando il/i diagramma/i UML che ritenete più opportuni e/o modificando il diagramma delle classi ZZZZ il seguente modo di organizzare una nuova lotteria. A manager may decide to start a lottery by giving its dimension (a natural greater than 0 and multiple of 5000), the law for generating the numbers of the free tickets and the winning order. Then, a lottery is created, characterized by the data given by the manager and all clients are informed of the fact. d) Si assuma che i clienti si comportino nel seguente modo: Dopo che un cliente è stato informato che una nuova lotteria è iniziata, se viene sollecitato dal demone del gioco, compra un biglietto che poi possiederà (ed in tal caso acquisisce anche il diritto a ricevere un ulteriore biglietto omaggio). E tutto ciò va avanti fino a che non viene informato che i vincitori sono stati estratti. A questo punto sarà di nuovo pronto a cadere vittima della prossima lotteria, quando verrà organizzata. Descrivere tale comportamento usando una state machine.

11 Class diagram ZZZZ

12 Esercizio 14 Domanda 1) Modificare il diagramma delle classi MMM in modo che a) un documento consista di un certo numero di punti, dove un punto è caratterizzato da un titolo e da un contenuto (semplicemente del testo). Inoltre i punti sono di due tipi: comunicazioni (che saranno solo discusse) e quelli che invece dopo discussione, andranno votati ( DaDiscutere ); questi ultimi, sono caratterizzati da uno specifico meccanismo di votazione. Un meccanismo di votazione dato il numero di membri del comitato, il numero di partecipanti alla riunione, il numero di voti positivi, di voti negativi, e di astensioni dice se il punto è stato approvato. b) In ogni comitato il suo presidente è uno dei suoi membri, inoltre esso ha la qualifica richiesta, e tutti i membri hanno delle qualifiche ammissibili. c) Solamente le riunioni indette non hanno un verbale, mentre se c è il verbale c è anche l ordine del giorno. Domanda 2) Definire usando i diagrammi UML che ritenete più opportuni, e possibilmente modificando il diagramma delle classi MMM la tipica vita delle riunioni, che è la seguente. Per semplicità si assuma che CC denoti un oggetto di classe Comitato. Una riunione per il comitato CC viene indetta dando la data e l ordine del giorno, se la data non va bene (cioè se c è già un'altra riunione dello stesso comitato per quel giorno) la riunione è cancellata, altrimenti si avvertono tutti i membri di CC dell indizione della medesima. Ad un certo punto la riunione viene dichiarata aperta ed i membri di CC vengono avvertiti del fatto. A questo punto i membri che vogliono possono dichiarare di essere pronti a partecipare alla riunione. Passati 10 minuti, la riunione inizia, ed è quindi possibile arricchire il verbale aggiungendo dei punti. Quando il verbale ha tanti punti quanti l ordine del giorno la riunione viene chiusa. Domanda 3) Modellare usando i diagrammi UML che ritenete più opportuni, modificando pure il diagramma delle classi MMM, il seguente svolgimento di una discussione relativa ad un punto in una riunione dove sono presenti il Presidente P di un Comitato C, e 2 membri del medesimo (siano M1 ed M2). Il Presidente P pone alla discussione il punto D; M1 ed M2 esprimono la loro opinione. A questo punto il Presidente P propone una risoluzione da votare. Tutti e tre votano. Se i voti sono tutti favorevoli la risoluzione è approvata ed aggiunta al verbale. Altrimenti il Presidente propone un altra risoluzione chiedendo ai membri di votare nuovamente, e così via fino ad arrivare ad una approvazione. Domanda 4) Dare uno Use Case Diagram per un sistema di supporto allo svolgimento di queste riunioni on line, cioè dove indire le riunioni, e svolgerle (quindi aprire la riunione, decidere di partecipare, discutere ie votare i vari punti dell ordine del giorno, e alla fine chiuder ela riunione) viene fatto accedendo al sistema in questione.

13 Class Diagram MMM

14 ESERCIZIO per un allenamento completo con UML 2.0 Considerate la seguente descrizione di un particolare dominio: quello delle riviste scientifiche. Let us consider the publishing process of a scientific periodical. Authors submit the editors abstracts as proposals for articles. Editors check the proposals and either reject them or request for the whole article for evaluation. A request specifies the deadline by which the article must be submitted. When the article arrives the editor may reject it or accept it for evaluation. If he accepts it, he informs the chief editor. The chief editor and the editor together select the referees (at least 2) and send them an evaluation request. If the referee agrees to take the job, he receives a copy of the article. Referees should prepare their statements before a given deadline. If the statement is not ready by the deadline, the chief editor defines a new deadline. If the statement will not arrive by this, a new referee is selected. Referees may pass the job. Then a new referee must be selected. When the chief editor has got at least two evaluation statements, he makes his decision about publishing the article. He may reject it, accept it or return it for corrections. The chief editor is entitled to accept a corrected version of an article without referee evaluation. If no decision is made within 6 months from the submission of the article the author is entitled to withdraw it. When the article is withdrawn the evaluation process is stopped. The author may refuse to do the corrections. In this case the article is also considered as withdrawn. Authors are given time to finalize their accepted articles. After receiving the finalized version, the chief editor makes the final decision about publishing (which volume and number). Esercizi creativi a) Usando UML 2.0 modellate questo dominio, usando quanti e dei tipi che ritenete più adeguati diagrammi UML 2.0. Si consiglia di usare, sopratutto i nuovi activity e sequence diagram..motivate brevemente a che cosa serve ognuno dei diagrammi introdotti. b) C2) Sempre con UML 2.0 definite i requisiti per un sistema software che possa aiutare il lavoro dell editor di riviste scientifiche, del tipo descritto sopra. c) Esercizi guidati a) Date un class diagram che descriva tutte le entità presenti nel dominio e le loro mutue relazioni. b) Dare delle constraint ragionevoli sugli elementi di tale diagramma, anche se non sono esplicitamente richieste dalla descrizione (esempio, su quanti articoli ci possono essere in un volume, quanti volumi all anno,.). c) Modellate il behaviour dinamico delle varie entità introdotte in tale diagramma usando delle state machine d) Modellate alcune delle procedure descritte per mezzo dei sequence diagram, cercando di usare i vari combinatori disponibili, anche se non sono assolutamente necessari. Magari potete farli in due varianti: con e senza l uso dei combinatori. e) Modellare alcune delle procedure descritte per mezzo degli activity diagram, cercando di usare tutti i vari costrutti disponibili, anche se non sono assolutamente necessari. Potreste anche definire delle varianti per motivare l uso di tutti i costrutti. f) Cercate di usare qualcuno dei costrutti strutturali per descrivere qualche aspetto di questo dominio. g) Dare un use case diagram per i requisiti per un sistema software che possa aiutare il lavoro dell editor di riviste scientifiche, del tipo descritto sopra. h) Modellare gli scenari degli use case introdotti sopra per mezzo di sequence diagram. i) Modellare gli use case introdotti sopra per mezzo di activity diagram.

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Testo Esercizio. Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Un negozio di musica vende anche libri e riviste musicali. Si intende automatizzare l intero processo, dall approvvigionamento alla vendita. Si analizzino i requisiti e se ne rappresentino

Dettagli

Soluzione dell esercizio del 2 Febbraio 2004

Soluzione dell esercizio del 2 Febbraio 2004 Soluzione dell esercizio del 2 Febbraio 2004 1. Casi d uso I casi d uso sono riportati in Figura 1. Figura 1: Diagramma dei casi d uso. E evidenziato un sotto caso di uso. 2. Modello concettuale Osserviamo

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Statechart Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Statechart Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Statechart Diagrams Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Agenda Cosa è uno Statechart Diagram Quando

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Laboratorio di Informatica Lezione 2

Laboratorio di Informatica Lezione 2 Laboratorio di Informatica Lezione 2 Cristian Consonni 30 settembre 2015 Cristian Consonni Laboratorio di Informatica, Lezione 2 1 / 42 Outline 1 Commenti e Stampa a schermo 2 Strutture di controllo 3

Dettagli

Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche.

Un modello è ragionevole quando contiene queste tre caratteristiche. Testo Esercizio Si consideri un agenzia che opera come biglietteria ferroviaria, aerea e navale, accettando diversi modi di pagamento. Si identifichino le principali entità coinvolte illustrando le gerarchie

Dettagli

Progettazione del Software A.A.2008/09

Progettazione del Software A.A.2008/09 Laurea in Ing. Informatica ed Ing. dell Informazione Sede di latina Progettazione del Software A.A.2008/09 Domenico Lembo* Dipartimento di Informatica e Sistemistica A. Ruberti SAPIENZA Università di Roma

Dettagli

Esercitazione finale per il corso di Sistemi Operativi (A.A. 2004/2005)

Esercitazione finale per il corso di Sistemi Operativi (A.A. 2004/2005) Esercitazione finale per il corso di Sistemi Operativi (A.A. 2004/2005) Descrizione dell esercitazione L esercitazione consiste nell implementare un semplice gestore di aste attraverso il quale gli utenti

Dettagli

Esempio ordini 08UMLEX1.1

Esempio ordini 08UMLEX1.1 Esempio ordini 08UMLEX1.1 Sommario Specifiche del sistema di gestione ordini Specifiche Use Case Use Case Specifiche del diagramma delle classi Diagramma delle classi Specifiche per lo scenario della richiesta

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015

Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 ESERCITAZIONE DIAGRAMMI UML INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 rcardin@math.unipd.it DIAGRAMMI DEI CASI D

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

Progetto n.1: Student s Magazine 2.0

Progetto n.1: Student s Magazine 2.0 Progetto n.1: Student s Magazine 2.0 Requisiti Lo Student s Magazine 2.0 è un magazine on line a gestione distribuita. Non c è un organizzazione centrale, tutti gli utenti possono essere giornalisti e

Dettagli

GUIDA PASSO A PASSO DELLA PROCEDURA ONLINE DI PRENOTAZIONE EDISU

GUIDA PASSO A PASSO DELLA PROCEDURA ONLINE DI PRENOTAZIONE EDISU GUIDA PASSO A PASSO DELLA PROCEDURA ONLINE DI PRENOTAZIONE EDISU L EDISU Piemonte mette a disposizione le proprie Residenze universitarie per i partecipanti ad eventi congressuali organizzati nella città

Dettagli

Fasi del ciclo di vita del software (riassunto) Progetto: generalità. Progetto e realizzazione (riassunto)

Fasi del ciclo di vita del software (riassunto) Progetto: generalità. Progetto e realizzazione (riassunto) Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Sede di Latina Laurea in Ingegneria dell Informazione Fasi del ciclo di vita del software (riassunto) Corso di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE

Dettagli

Progettazione del Software

Progettazione del Software L4.4 Progettazione del Software Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw Seconda Parte La fase di

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso

Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale Casi d uso Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/ Informatica Industriale

Dettagli

Prova finale di Ingegneria del software

Prova finale di Ingegneria del software Prova finale di Ingegneria del software Scaglione: Prof. San Pietro Andrea Romanoni: Francesco Visin: andrea.romanoni@polimi.it francesco.visin@polimi.it Italiano 2 Scaglioni di voto Scaglioni di voto

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?

ISLL Papers The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php? The Online Collection of the Italian Society for Law and Literature http://www.lawandliterature.org/index.php?channel=papers ISLL - ITALIAN SOCIETY FOR LAW AND LITERATURE ISSN 2035-553X Submitting a Contribution

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

REMOTE SERVICE ASSISTANCE descrizione

REMOTE SERVICE ASSISTANCE descrizione REMOTE SERVICE ASSISTANCE descrizione UTILITÀ RSA (Remote Service Assistance) può essere usata per: 1. supporto tecnico Quando la connessione remota è attiva possiamo darvi supporto per ogni problema tecnico.

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Deadlock (blocco critico) Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Deadlock (blocco critico) Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Deadlock (blocco critico) Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007 Deadlock (blocco critico) 1. Si descriva il deadlock e le condizioni sotto cui si

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749

Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006. Esercizi entità relazione risolti. a cura di Angela Campagnaro 802749 Corso di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni I Anno 2005/2006 Esercizi entità relazione risolti a cura di Angela Campagnaro 802749 Indice: Esercizio 1: Un insieme di officine 1.1 Testo esercizio.3

Dettagli

I metodi formali nel processo di sviluppo del software

I metodi formali nel processo di sviluppo del software I metodi formali nel processo di sviluppo del software I metodi formali consentono di creare una specifica più completa, uniforme e non ambigua di quelle prodotte usando i metodi convenzionali ed orientati

Dettagli

Politecnico di Milano. Ingegneria del Software a.a. 2006/07. Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola

Politecnico di Milano. Ingegneria del Software a.a. 2006/07. Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola Politecnico di Milano Ingegneria del Software a.a. 2006/07 Appello del 14 settembre 2007 Cognome Nome Matricola Sezione (segnarne una) Baresi, Ghezzi, Morzenti, SanPietro Istruzioni 1. La mancata indicazione

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it 18 marzo 2011 Problema basato su 10.5 del libro di testo La CINA (Compagnia Italiana per il Noleggio di Automobili) dispone di

Dettagli

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005

Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Elementi di UML (2) Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio di Sistemi e Processi Organizzativi UML

Dettagli

2. Simulazione discreta: L uso di UML per la modellazione

2. Simulazione discreta: L uso di UML per la modellazione 2. Simulazione discreta: L uso di UML per la modellazione Anno accademico 2007/08 UML: un linguaggio di modellazione Per rappresentare graficamente i modelli di simulazione useremo la grafica e la sintassi

Dettagli

Sistemi Informativi 01CIT 16 Novembre 2007

Sistemi Informativi 01CIT 16 Novembre 2007 Matricola Cognome Nome: Sistemi Informativi 01CIT 16 Novembre 2007 Non e consentito usare appunti, libri o simili. Scrivere solo su questi fogli. Ticket parcheggi. Tradizionalmente il pagamento dei parcheggi

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

COSA FARE APPENA ACQUISTATA UNA SMARTBOARD TM

COSA FARE APPENA ACQUISTATA UNA SMARTBOARD TM COSA FARE APPENA ACQUISTATA UNA SMARTBOARD TM Una volta acquistata una Lavagna Interattiva Multimediale SMARTBoard TM, è necessario effettuare una procedura di registrazione al fine di:. Estendere la garanzia

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Attività Descrizione Materiali utilizzati

Attività Descrizione Materiali utilizzati Voglio un(a) Prato per giocare: ragazzina, colorata e accogliente Percorso di pianificazione partecipata e comunicativa per la definizione di linee guida per il nuovo Piano Strutturale del Comune di Prato

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli

Work World WORK WORLD PROGETTO INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Alessandro Spinelli

Work World WORK WORLD PROGETTO INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Alessandro Spinelli WORK WORLD PROGETTO INGEGNERIA DEL SOFTWARE di Alessandro Spinelli Indice 1 - Introduzione 2 - Descrizione del problema 2.1 Requisiti funzionali 2.2 Requisiti non funzionali 3 - Analisi 3.1 Dizionario

Dettagli

Esercizi di Ingegneria del Software

Esercizi di Ingegneria del Software Esercizi di Ingegneria del Software Il caso della Grande Distribuzione V. Ambriola, C. Montangero e L. Semini Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Applicata Dipartimento di Informatica

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

3. Simulazione discreta: L uso di UML per la modellazione

3. Simulazione discreta: L uso di UML per la modellazione 3. Simulazione discreta: L uso di UML per la modellazione Anno accademico 2009/10 UML: un linguaggio di modellazione Per rappresentare graficamente i modelli di simulazione useremo la grafica e la sintassi

Dettagli

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it Progetto Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso manuel.comparetti@iet.unipi.it 1 Documenti da produrre Il progetto deve comprendere i seguenti documenti: Documento di specifica

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web (URL) e con le pagine web.

Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web (URL) e con le pagine web. 18 LEZIONE: Internet Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 20 Minuti. Obiettivo Principale: gli studenti imparano come funziona Internet, e che relazione ha con gli indirizzi web

Dettagli

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 Il giorno 19 maggio 2015, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Concorso Dirigenti Scolastici 2015. Modalità di svolgimento del corso

Concorso Dirigenti Scolastici 2015. Modalità di svolgimento del corso Concorso Dirigenti Scolastici 2015 Corso completo di preparazione Vengono offerti 80 video lezioni registrate su tutte le materie oggetto del conconcorso Corredate Di slide e test finale di apprendimento

Dettagli

filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44

filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44 filrbox Guida all uso dell interfaccia WEB Pag. 1 di 44 Sommario Introduzione... 4 Caratteristiche del filrbox... 5 La barra principale del filrbox... 7 Elenco degli utenti... 8 Il profilo... 9 Le novità...

Dettagli

Ingegneria del Software 5. Esercizi sui casi d uso. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 5. Esercizi sui casi d uso. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 5. Esercizi sui casi d uso Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 formulazione Per motivi di sicurezza, un organizzazione ha deciso di realizzare un sistema

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli

Ordinamento degli eventi. Lezione 11. Osservazioni. Relazione verificato prima. Cenni ai sistemi operativi distribuiti 3. Coordinazione distribuita

Ordinamento degli eventi. Lezione 11. Osservazioni. Relazione verificato prima. Cenni ai sistemi operativi distribuiti 3. Coordinazione distribuita Lezione 11 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 3. Coordinazione distribuita Ordinamento degli eventi Un sistema monoprocessore Unico clock Unica memoria Ordinamento degli eventi Mutua esclusione Deadlock

Dettagli

L interesse nella macchina di Turing

L interesse nella macchina di Turing Aniello Murano Macchina di Turing universale e problema della fermata 6 Lezione n. Parole chiave: Universal Turing machine Corso di Laurea: Informatica Codice: Email Docente: murano@ na.infn.it A.A. 2008-2009

Dettagli

developed by Emanuele De Carlo

developed by Emanuele De Carlo developed by Emanuele De Carlo WorkGym è un Software sviluppato in JAVA pensato per migliorare la gestione di piccole e grandi palestre. Il suo principale scopo è quello di mantenere un DataBase contenente

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

Sviluppata da: Lo Russo - Porcelli Pag. 1 di 6 6FRSR utilizzare il DBMS Postgresql per imparare il linguaggio SQL.

Sviluppata da: Lo Russo - Porcelli Pag. 1 di 6 6FRSR utilizzare il DBMS Postgresql per imparare il linguaggio SQL. Pag. 1 di 6 6FRSR utilizzare il DBMS Postgresql per imparare il linguaggio SQL. 2ELHWWLYL GD UDJJLXQJHUH SHU JOL VWXGHQWL alla fine dell esercitazione gli studenti dovranno essere in grado di: 1. utilizzare

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

object oriented analysis

object oriented analysis object oriented analysis 1 attività di analisi l obiettivo dell analisi è raggiungere la piena comprensione del dominio di interesse lo strumento è la descrizione di un modello di dominio mediante un opportuno

Dettagli

Manuale di istruzioni

Manuale di istruzioni Manuale di istruzioni GESTIRE IL MERCATO ONLINE Pagina La Pagina Centrale...1 L Area di Lavoro...1 Inserimento dei vostri prodotti...2 Trovare offerte e richieste...3 Fare e ricevere proposte...4 Accettare

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

Esercizi di Ingegneria del Software

Esercizi di Ingegneria del Software Esercizi di Ingegneria del Software Il caso della Grande Distribuzione V. Ambriola, C. Montangero e L. Semini Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Applicata Dipartimento di Informatica

Dettagli

Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta)

Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta) Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta) Al momento della pubblicazione di questo articolo Windows Server 8 è ancora in versione beta quindi c è la possibilità che cambino ancora le carte

Dettagli

Basi del Processo Decisionale con il Consenso

Basi del Processo Decisionale con il Consenso Basi del Processo Decisionale con il Consenso Questo documento è pensato per servire come introduzione al processo decisionale basato sul consenso per le comunità che stanno provando sul campo le proposte

Dettagli

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML 9 CASO DI STUDIO CON APPLICAZIONE DI UML...2 9.1 IL CASO DI STUDIO...2 9.1.1 Il sistema attuale...2 9.2 IL PROBLEM STATEMENT...3 9.2.1 Formulazione del Problem statement per il caso proposto...3 9.3 USE

Dettagli

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele

Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ruolo delle associazioni di impresa nella informazione corretta sui pericoli da sostanze e miscele Ilaria Malerba Area Sicurezza Prodotti e Igiene Industriale Roma, 19 maggio 2015 1 giugno 2015: alcuni

Dettagli

Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009

Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009 ETICHETTA IDENTIFICATIVA Indagine internazionale sull educazione civica e alla cittadinanza Indagine Principale ICCS 2009 Questionario studenti INTERNATIONAL ASSOCIATION FOR THE EVALUATION OF EDUCATIONAL

Dettagli

La progettazione concettuale: il modello ER. 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1

La progettazione concettuale: il modello ER. 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1 La progettazione concettuale: il modello ER 17/12/2007 Unità di Apprendimento A2 1 1 La progettazione concettuale Prima di procedere con la progettazione concettuale è necessario effettuare un analisi

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Documento di ANALISI DEI REQUISITI Progetto di un portale per una società di servizi dedicati al settore delle imprese edili

Documento di ANALISI DEI REQUISITI Progetto di un portale per una società di servizi dedicati al settore delle imprese edili Documento di ANALISI DEI REQUISITI Progetto di un portale per una società di servizi dedicati al settore delle imprese edili GRUPPO 2 Indice analitico - 1. Introduzione... 3-1.1 Obiettivi del sistema...

Dettagli

2. Simulazione discreta: approcci alla simulazione

2. Simulazione discreta: approcci alla simulazione Anno accademico 2007/08 Elementi di un programma di simulazione Controllore Tempo di simulazione Generatore dei dati di input Entità Eventi Attività Stati Processi Simulazione per eventi: le classi L approccio

Dettagli

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema

Guida pratica. Leggere attentamente la parte teorica. Scegliere, approfondire e conoscere il tema ITALIA E SVIZZERA VERSO L EXPO 2015 IMPARARE SVILUPPARE DIFFONDERE Guida pratica per lo sviluppo di un concept di un APP: i passi fondamentali 1 Leggere attentamente la parte teorica Sapete cos è un APP,

Dettagli

Compilazione Profilo Azienda Laboratorio (PAL) Domanda/Offerta

Compilazione Profilo Azienda Laboratorio (PAL) Domanda/Offerta Compilazione Profilo Azienda Laboratorio (PAL) Domanda/Offerta Come Iniziare: La compilazione del profilo online è utile per dare visibilità della propria azienda/laboratorio e per facilitare l incontro

Dettagli

Tedesco Livello principiante intermedio avanzato A1 B2

Tedesco Livello principiante intermedio avanzato A1 B2 Livello principiante intermedio avanzato A1 B2 Questo foglio informativo contiene la lista dei corsi a frequenza settimanale. Per questi livelli vi proponiamo inoltre un gran numero di corsi intensivi.

Dettagli

Cosa sono i corsi di aggiornamento?

Cosa sono i corsi di aggiornamento? Cosa sono i corsi di aggiornamento? Il Settore Tecnico in conformità a quanto previsto dall'articolo 27 della Coaching Convention, che è documento relativo al reciproco riconoscimento delle qualifiche

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati Elementi di Programmazione Dinamica Maria Rita Di Berardini, Emanuela Merelli 1 1 Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Camerino Il problema La CMC produce automobili in uno stabilimento

Dettagli

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni

Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni LA PROGETTAZIONE DI BASI DI DATI Progettare una basi di dati vuole dire progettare la struttura dei dati e le applicazioni La progettazione dei dati è l attività più importante Per progettare i dati al

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry, o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Esercitazioni di Progettazione del Software. Esercitazione (Prova al calcolatore del 17 settembre 2010)

Esercitazioni di Progettazione del Software. Esercitazione (Prova al calcolatore del 17 settembre 2010) Sapienza - Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica, Ingegneria dei Sistemi Informatici Esercitazioni

Dettagli

Peer Review. e Visita in Loco

Peer Review. e Visita in Loco Peer Review e Visita in Loco Prima di effettuare la visita presso la Facoltà, il gruppo di esperti viene informato sui principali documenti che sono alla base del progetto pilota e delle sue procedure:

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione

Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Algoritmi e Strutture Dati & Laboratorio di Algoritmi e Programmazione Esercizi II parte Esercizio 1 Discutere la correttezza di ciascuna delle seguenti affermazioni. Dimostrare formalmente la validità

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

SOCIETA PISAMO SPA E SUE CONTROLLATE

SOCIETA PISAMO SPA E SUE CONTROLLATE SOCIETA PISAMO SPA E SUE CONTROLLATE REGOLAMENTO PER SELEZIONE DEL PERSONALE Ai sensi della Legge 133 del 6 agosto 2008 art. 18 di conversione del DL 112 del 25 giugno 2008 OGGETTO: con il presente regolamento

Dettagli

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana

Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana DIZLIS 2.0 CTS IPSSS E. De Amicis Dizionario Italiano/Lingua dei segni italiana Un dizionario è un'opera che raccoglie, in modo ordinato secondo criteri anche variabili da un'opera all'altra, le parole

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 I lucidi del corso sono stati prodotti

Dettagli

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti:

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: Javadoc Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: /* commenti */ // commenti /** commenti documentazione */ Questi ultimi generano automaticamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli