Capitolo i 3 Integrare gli apprendimenti, agire in situazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo i 3 Integrare gli apprendimenti, agire in situazione"

Transcript

1 Indice viii xvi Prefazione Introduzione Prima parte La competenza come criterio per l insegnamento Capitolo i 3 Integrare gli apprendimenti, agire in situazione 1. Un concetto da affinare, 5 2. Mobilizzazione integrata degli apprendimenti, Attivazione, Integrazione, Focalizzazione, Potenzialità di azione, Svolgere efficacemente un compito scolastico, Funzione e significato degli apprendimenti, Discipline aggregati di competenze, Testualità come orizzonte di azione, Agire in situazione, Competenza enattiva, Sistema PAS (Persona- Azione-Situazione), 30 Capitolo ii 34 Processualità e livelli di competenza 1. Sostenere la progressione nella conquista della competenza, Competenze di base, di perfezionamento, d integrazione, 35

2 vi indice 3. Competenze elementari, con inquadramento, complesse, Consolidamento, trasferimento, integrazione, L esigenza di un quadro di sviluppo, 44 Capitolo iii 49 I presupposti della competenza: la costruzione di conoscenza 1. Assicurare i fondamenti della competenza, Una varietà di risorse, Dai contenuti alle conoscenze, Conoscenze dichiarative e costruzione di competenza, Articolare unità di conoscenza significative, Dare senso-organizzare-fissare, Costruire significato, Mettere in relazione, Memorizzare, Conoscenze procedurali e costruzione di competenza, Promuovere l acquisizione di strutture di azione, Modellizzare-sperimentare-interiorizzare, Costruire modelli di azione, Provare sul campo, Praticare, 73 Capitolo iv 76 I presupposti della competenza. Il potenziale personale di risposta 1. Oltre la riproduzione del sapere, Ricezione, riproduzione, creazione, autogestione, Processi logici di base e complessi, abiti mentali, atteggiamenti e percezioni, Precisare ed estendere le conoscenze, Utilizzare le conoscenze, Sviluppare abiti mentali costruttivi, Star bene in classe e sentirsi coinvolti nei compiti, 98

3 indice vii Seconda parte Elementi per un modello didattico Capitolo v 109 Compiti e situazioni di apprendimento 1. Alla ricerca di ipotesi operative, Tra immersione e sistematizzazione, Compiti contestualizzati vs decontestualizzati, strutturati vs aperti, Dinamica semplice-complesso e competenza, L ipotesi dell insegnamento a spirale, Insegnare per mezzo di situazioni complesse, La nozione di situazione-problema, Preparare situazioni-problema, Gestire situazioni-problema, Tra compito prescritto e compito assunto, Contestualizzazione e ricontestualizzazione, Coordinate di metodo, Principi per la sistematizzazione degli apprendimenti-risorsa, 143 Capitolo vi 147 Progettazione e valutazione 1. Una nuova logica progettuale? Dal curricolo formale al curricolo progettato, Progettare per obiettivi/progettare per competenze, I passi della progettazione per competenze: una proposta, Costruzione di sequenze di apprendimento e disegno curricolare, Curricoli paralleli, Curricoli globalizzanti, Curricoli gerarchici, Curricoli a spirale, Una matrice per lo sviluppo di percorsi didattici per competenze, Competenza e valutazione, Un approccio composito, Valutare la mobilizzazione integrata, Valutare gli apprendimenti-risorsa, Valutazione per un apprendimento competente, Bibliografia

4 Prefazione * Il contributo che Daniela Maccario ci consegna con questo volume può essere considerato essenziale, oggi, in quanto costituisce una notevole sintesi sul tema delle competenze in ambito scolastico. Ma per quale motivo dovremmo essere interessati alla nozione di competenza? Non è forse come soccombere a una delle tante mode che attraversano senza sosta l universo pedagogico? Non significa forse piegarsi alla pressione degli organismi internazionali che pretendono di valutare secondo criteri uniformi le performance di allievi situati in sistemi educativi e contesti culturali e sociali totalmente dissimili? Lasciar intendere che la missione della scuola sia ormai quella di far acquisire agli studenti competenze non implica assumere una prospettiva limitatamente utilitaristica, che pone in primo piano le esigenze della vita quotidiana e abbandonare, di fatto, la nobile aspirazione di condurre i giovani alla padronanza dei saperi che rendono comprensibile il mondo? Ci sono molte ragioni, forti e legittime, per diffidare delle competenze. Tuttavia, se ci si interroga sulle modalità di costruzione delle competenze a scuola, si porta in luce una questione più generale, classica, che tocca da sempre l insegnamento e l apprendimento. È proprio questo problema fondamentale, intrinseco alla formazione scolastica, che attraversa tutta la riflessione di Daniela Maccario. Per entrare nel merito, mi permetto di raccontare una breve storia. Una storia vera. Essa si svolge in una classe (secondo anno della scuola primaria, alunni di circa 7 anni di età). Chiedo all insegnante di poter assistere a una lezione (un professore di pedagogia che non frequentasse assiduamente le scuole e le classi finirebbe col perdere ogni legittimità). La maestra accetta la mia presenza. Prendo posizione in fondo all aula e, in considerazioni delle dimensioni ridotte del locale, mi colloco al fianco di una giovane allieva. * Traduzione di Daniela Maccario.

5 prefazione ix È in corso una lezione di matematica. Da diverse settimane l in - segnante lavora con i suoi allievi sulla sottrazione. Oggi comincia col far svolgere agli studenti esercizi costituiti da una serie di sottrazioni: 7-4 =...; 9-6 =...; 12-7 =...; ecc. I bambini alcune volte conoscono immediatamente la risposta, altre volte devono fermarsi a fare dei conteggi (tracciano 9 piccoli tratti, ne contano 6 per vedere quanti ne restano). In altri termini, come il lettore potrà vedere nel terzo capitolo, qualche volta sono in questione conoscenze procedurali, altre volte conoscenze dichiarative. Comunque sia, molti alunni riescono piuttosto bene nel compito e la mia piccola vicina è tra questi. La maestra pone allora agli studenti un problema il cui enunciato è il seguente: Il piccolo Victor ha 7 euro. Vuole comprarsi un giocattolo che costa 12 euro. Quanto denaro deve chiedere ai suoi genitori?. L insegnante legge ad alta voce il problema e lo fa rileggere da un allievo: è necessario assicurarsi che tutti gli studenti abbiano ben compreso la domanda. Ma ciò non impedisce che il problema susciti la perplessità della maggior parte degli alunni, fatto testimoniato dal silenzio che s instaura in classe. È il caso della bambina che sta al mio fianco (la chiameremo Laura): fissa l enunciato, che ha ricopiato sul suo quaderno, e sembra non riuscire a orientarsi nel cercare una soluzione. Qualcuno potrebbe stupirsi del fatto che gli alunni di questa classe abbiano difficoltà a rispondere a un problema così semplice. Infatti, per gli adulti, l esperienza scolastica prolungata e, ancor più, la pratica quotidiana del fare acquisti nei negozi rendono automatiche alcune procedure, facendo sì che, ai loro occhi, risulti evidente che a Victor manca la somma di 5 euro. Non è lo stesso per gli studenti del livello scolastico in questione ed è proprio qui che sta il problema. Mentre la maggior parte degli alunni dimostra, in un primo tempo, di essere in grado di scrivere: 12-7=5, molti fra essi sembrano non esserne più capaci nel momento in cui si tratta di utilizzare questa conoscenza in una situazione nuova. Questo tipo di difficoltà mostra drammaticamente l esigenza di fare ricorso alla nozione di competenza. Come spiega efficacemente Daniela Maccario, essere competenti non consiste soltanto nel compiere azioni routinarie, ma anche e soprattutto nel saper mobilizzare di fronte a un compito nuovo ciò che serve. Gli allievi della classe in questione hanno automatizzato le procedure di calcolo relative all addizione, alla sottrazione e magari anche alla moltiplicazione. Alcuni hanno perfino memorizzato determinati risultati. Ma di fronte alla questione del finanziamento per l acquisto di un giocattolo da parte di

6 x prefazione Victor, si trovano in una situazione inedita (inedita per loro, sebbene si tratti di una situazione assai familiare per gli adulti e anche per i bambini più grandi di età). In questo semplice problema, si tratta, per gli alunni, di riconoscere quale fra le procedure che hanno automatizzato sia la più indicata. E in questo non vi è nulla di evidente, soprattutto se la sottrazione è stata presentata come operazione che consiste nel togliere un certo numero di oggetti da un insieme. Infatti, se non si dispone che di una tale rappresentazione della sottrazione, è difficile vedere perché potrebbe essere opportuno metterla in atto in questo problema: Victor non ha evidentemente nulla da sottrarre a quanto possiede, ma al contrario deve aggiungervi qualche cosa. Per essere competenti in un dominio, occorre disporre di un certo numero di risorse fra le quali, in primo luogo figurano conoscenze e procedure automatizzate. Ma ciò non è sufficiente. Si tratta, di fronte a un compito o a una situazione nuova, di essere capaci di scegliere quali tra queste risorse debbano essere mobilizzate. Non basta essere in grado di svolgere in maniera automatica le operazioni aritmetiche; è necessario saperle utilizzare adeguatamente in problemi scolastici ed extrascolastici. Non è sufficiente aver memorizzato le regole di sintassi e di punteggiatura e neanche aver automatizzato le operazioni corrispondenti; esse vanno messe in atto in maniera opportuna per redigere testi di volta in volta nuovi riguardo al contenuto, ai destinatari ai quali sono rivolti, all effetto ricercato, ecc. In fisica non basta saper eseguire operazioni e conoscere definizioni; occorre saperle utilizzare convenientemente per spiegare fenomeni naturali e risolvere problemi. Non basta aver memorizzato fatti storici; è necessario anche saper mobilizzare le conoscenze apprese per rendere intelligibili nuovi avvenimenti, ecc. Questi esempi consentono di cogliere come la possibilità di mobilizzare quanto appreso non faccia riferimento soltanto all impiego di acquisizioni scolastiche in attività proprie della vita extrascolastica, ma riguardi prima di tutto l uso delle acquisizioni scolastiche in compiti anch essi scolastici. È in questione uno dei problemi basilari dell insegnamento, quello della mobilizzazione consapevole ed efficace di quanto si apprende. Si tratta di un fatto di cui gli insegnanti fanno esperienza quotidianamente e della difficoltà più grande che gli alunni incontrano a scuola: molti allievi hanno lavorato seriamente; possiedono conoscenze ed hanno automatizzato procedure; ma non giungono a utilizzarle in situazioni relativamente nuove e complesse. È una difficoltà importante non solo perché molti studenti ne fanno esperienza, ma anche per il

7 prefazione xi fatto che gli insegnanti sono piuttosto impotenti di fronte a essa. È relativamente facile incitare gli alunni a memorizzare conoscenze o a esercitarsi nello svolgimento di azioni mentali stereotipate. Ma preparare gli allievi a utilizzarle in situazioni di volta in volta nuove è più difficile, proprio perché la novità non può essere compresa in regole predeterminate. Questo è un problema di fondamentale importanza, vecchio quan - to la scuola. È esistito ed è stato riconosciuto dagli insegnanti ben prima che si iniziasse a parlare di competenze. Ma l interesse per la nozione di competenza sta nel portare la questione didattica al centro della scena e nell incitare i diversi attori (ricercatori, insegnanti, responsabili del mondo dell educazione) a porre tutta la loro inventività al servizio della sua risoluzione. È precisamente su questo punto che si sofferma l analisi di Daniela Maccario nella seconda parte del volume. Se l allievo competente è colui che sa mobilizzare le proprie acquisizioni in situazioni nuove e complesse, non conviene forse che lo si metta da subito in condizione di apprendere in situazioni anch esse complesse e sempre inedite? Interrogandosi sui dispositivi didattici più adatti a favorire la costruzione di competenza, la nostra autrice tocca una delle questioni più importanti che si pongono oggi riguardo al processo di apprendimento: si apprende meglio per immersione in situazioni autentiche e complesse oppure avvicinando i saperi attraverso elementi preventivamente isolati, semplificati, strutturati dall insegnante. Il capitolo 5 costituisce un esposizione chiara e puntuale circa i dibattiti che agitano oggi gli ambienti della ricerca su queste questioni. Che cosa sappiamo oggi sul processo di mobilizzazione che consente di affrontare efficacemente un compito nuovo? Certamente la lettura del libro consentirà di mettere a fuoco la questione. Personalmente, mi accontenterò di darne un idea continuando nel racconto iniziato sopra. Di fronte al problema di matematica in cui si tratta di sapere quanto il giovane Victor deve chiedere ai propri genitori per acquistare l oggetto da 12 euro, sapendo che egli non ne possiede che 7, la mia piccola vicina, Laura, sembra smarrita. Non è la sola in classe e così la maestra prende a circolare tra i banchi per aiutare i suoi alunni ad iniziare il loro lavoro. Poiché Laura si trova vicina a me, cerco di instradarla. Esaminiamo insieme l enunciato e questo è lo scambio che ne segue: Io: «Allora, vedi, ciò che ti viene chiesto è quanto Victor deve domandare ai suoi genitori». Laura: «Lo domanderà alla mamma».

8 xii prefazione Io: «Alla mamma? Se vuoi, ma quanto deve chiedere alla mamma?». Laura : «Lo chiederà alla mamma». Io: «D accordo? Per comprare ciò che gli serve, chiederà del denaro alla mamma. Ma di quale somma ha bisogno?». Laura : «Lo domanderà alla mamma». Io: «Sì, ma quanto?». Laura : «Lo chiederà alla mamma». A quel punto mi sento un po scoraggiato. La bambina sembra essersi bloccata nella ripetizione ostinata della medesima affermazione che pare totalmente disallineata in rapporto alle mie domande. Dico a me stesso che senz altro non sono stato capace di stabilire le condizioni di comunicazione più adatte per farmi ascoltare, tali da consentire a Laura di prendere in considerazione i miei interrogativi. Ma poi, all improvviso, ho un intuizione illuminante. Rispondendo instancabilmente «Lo chiederà alla mamma» Laura probabilmente non ha trascurato le mie domande. Possiamo pensare al contrario che la bambina abbia risposto coerentemente, sebbene in una maniera scolasticamente inaspettata. Ciò che ella ha cercato di dirmi (e che sarà confermato dallo sviluppo successivo del dialogo) è il fatto che Victor non ha bisogno di calcolare la somma necessaria per l acquisto desiderato, ma che può essere la mamma stessa a indicargliela. In altri termini, agli occhi della piccola alunna, la madre di Victor nello stesso tempo può concedere (o rifiutare) il contributo e determinare il suo ammontare. Laura si è rappresentata la situazione in un modo probabilmente molto realista, riferendosi alle modalità di negoziazione che avvengono usualmente nella maggior parte delle famiglie con bambini dell età di Victor: un ragazzo domanda del denaro per una spesa; il genitore interpellato si accerta della natura dell acquisto e, se questo gli pare opportuno, domanda il prezzo, si informa sulla quantità di denaro di cui dispone il figlio e, direttamente, gli fornisce la somma necessaria. Il bambino, in tal caso, non ha alcun bisogno di una competenza di calcolo, ma solamente di una competenza relazionale. Ciò che questo piccolo episodio di vita scolastica mette in evidenza (corroborato da numerose altre osservazioni) è l importanza dell interpretazione della situazione da parte dell alunno. Per mobilizzare le conoscenze e le procedure utili alla realizzazione di un compito e, dunque, per essere competenti, è indispensabile che l allievo interpreti correttamente la situazione, vale a dire che isoli all interno di essa gli elementi pertinenti e trascuri gli altri. Ma a complicare un po le cose

9 prefazione xiii è il fatto che sono possibili più interpretazioni di una medesima situazione. L interpretazione che fa Laura della situazione, che consiste nel non tener conto dei dati numerici del problema per focalizzarsi sulla dimensione della relazione tra un bambino e un adulto, non è priva di senso. In una prospettiva pragmatica, essa ha tutta la sua legittimità. Tuttavia non è l interpretazione scolasticamente attesa. L interpretazione che il mondo scolastico considera accettabile è molto più riduttiva: nella storia di Victor, essa trascura il fatto che si tratti di un bambino, che vuole comprare un giocattolo e che ha nella propria disponibilità personale una somma di denaro la quale, tuttavia, non è sufficiente per potersi comprare ciò che desidera, tanto che il ragazzo deve rivolgersi ai genitori. Questa situazione non viene considerata nel suo complesso, ma in relazione a una sola dimensione, che è lo scarto numerico tra 7 e 12. L interpretazione giudicata scolasticamente valida consiste nell applicare alla realtà una griglia selettiva determinata dalla categorizzazione tratta da un sapere. In questo caso si tratta del sapere aritmetico; in altri casi potrà trattarsi del sapere proprio della biologia, della storia, della linguistica, della chimica, ecc. Le competenze che la scuola valorizza si appoggiano, come ricorda opportunamente Daniela Maccario, su una traduzione testuale della realtà e i testi di riferimento sono quelli costitutivi dei saperi disciplinari. Sebbene questo tipo di interpretazione non sia l unica legittima, è quanto si esige dagli allievi a scuola e il suo interesse risiede nel fatto che essa rappresenta lo sguardo istruito sulla realtà. Certi studenti lo adottano spontaneamente, ma altri no. Allora, come preparare tutti gli allievi ad esercitarlo? La riposta a una simile domanda è senza dubbio da ricercare nel modo con cui l insegnante presenta il sapere agli alunni. È a questo riguardo che il dispositivo della situazione-problema può giocare un ruolo decisivo. Poiché, come spiega Michel Fabre, che Daniela Maccario cita a ragione, le situazioni-problema portano gli alunni a problematizzare la realtà, vale a dire a mettere in questione il modo abituale di vederla e a superare le categorie che si utilizzano nella vita corrente a vantaggio di concetti e logiche più colti e corretti. Presentati in questo modo, i saperi non sono più insiemi di enunciati morti da memorizzare, ma linguaggi attuali che permettono di comprendere il mondo in modo nuovo, di coglierlo meglio. Ed è esplorando la realtà per mezzo di questi linguaggi che è possibile interpretarla in maniera più precisa e intervenire su di essa più efficacemente, ovvero essere competenti. Se il medico possiede la competenza di guarire le per-

10 xiv prefazione sone, è perché egli le considera non già avvalendosi dei concetti del senso comune, ma del linguaggio della biologia e interpreta il loro stato per mezzo delle categorie proprie di questo linguaggio. Così, nel momento in cui un insegnante propone una nuova nozione, sembra importante che la presenti direttamente nel suo impiego specifico, non nell uso che se ne fa nella vita pratica ma in quello adottato per rendere più intelligibile questo o quell aspetto della realtà. Se un professore di matematica introduce il concetto di derivata di una funzione (nell insegnamento secondario), può accontentarsi di darne una definizione e di indicare le procedure che permettono di calcolarla in relazione alle funzioni studiate di solito a scuola. In un approccio per competenze, tuttavia, è molto più significativo che la introduca fin dall inizio mostrando il tipo di problemi che tale nozione consente di risolvere e il dominio della realtà che permette di comprendere (per esempio, la nozione di velocità istantanea quale appare sul tachimetro delle nostre auto). Se un professore di storia introduce, quando presenta un avvenimento storico, la distinzione tra potere legislativo, esecutivo e giudiziario, è interessante che mostri, nello stesso momento, in che senso vi è il rischio che sia compromesso lo Stato di diritto quando questi tre poteri cessano di essere indipendenti l uno dall altro. È così che gli allievi potranno essere avviati a esercitare la loro competenza di cittadini. Due condizioni vanno considerate affinché l acquisizione dei saperi dichiarativi e procedurali contribuisca alla costruzione della competenza. La prima è che a questi saperi sia associato il loro possibile utilizzo. Ma questo impiego o questa funzionalità va oltre il semplice uso nella vita corrente. Si tratta piuttosto dell impiego nell ambito di un sapere, la cui funzionalità ultima in ogni caso è quella di rendere il mondo intelligibile. La seconda condizione è che non si consideri il processo di insegnamento-apprendimento come se dovesse comportare due fasi successive e distinte. Non si tratta di far acquisire nozioni e procedure in un primo tempo per indicare, in un secondo momento, il loro campo di possibile utilizzo. I due aspetti debbono essere presi in considerazione simultaneamente: le nozioni vano scoperte dagli allievi nell ambito di problemi che ne metteranno in evidenza insieme il senso e il possibile uso. È quanto consente il dispositivo della situazioneproblema.

11 prefazione xv Tenendo conto di questi due punti, non considero con molto entusiasmo l adozione di quei dispositivi che prevedono l acquisizione di saperi e procedure nel corso di più settimane, prima che essi siano finalmente integrati per affrontare una situazione della vita corrente. Il motivo risiede nel fatto che così facendo si torna a separare l acquisizione e l uso dei saperi e, inoltre, si riconduce l utilizzo degli apprendimenti a considerazioni di carattere pragmatico e non all ampliamento nella comprensione del mondo. In ogni caso, il grande interesse del presente volume risiede nel fatto che esso passa in rassegna, in maniera allo stesso tempo completa e chiara, i molteplici e talvolta divergenti orientamenti che hanno assunto le ricerche sull acquisizione e la valutazione delle competenze. Occorre leggere il libro di Daniela Maccario non soltanto perché tratta del tema delle competenze, ma perché lo fa toccando il cuore degli interrogativi che ci poniamo oggi sull apprendimento e sull insegnamento, vale a dire focalizzandosi sulle modalità attraverso le quali le nostre società tentano di trasmettere alle giovani generazioni il patrimonio culturale dell umanità. Bernard Rey Université Libre de Bruxelles

12 Introduzione La scuola è interamente costruita su questo mito fondatore, secondo il quale ciò che si impara e che non ha sempre un rapporto con la vita, potrà tuttavia servire nella vita. L insegnante forma i suoi allievi a diverse operazioni e spera che questi insegnamenti gli serviranno anche al di là delle situazioni all interno delle quali essi hanno luogo. Non ci si accontenta del fatto che l allievo si limiti a replicare in modo identico le condotte apprese a scuola. Ci si aspetta che egli divenga autonomo e che sia di conseguenza capace di utilizzare ciò che gli è stato insegnato nei modi che egli desidera. Si vorrebbe questo processo avvenisse sempre; l esperienza didattica, rivela invece che tale trasferimento non avviene in tutti i casi. (adattato da B. Rey, 2003) Al di là delle discussioni o, anche delle reazioni talvolta critiche o francamente diffidenti nei confronti dell introduzione del cosiddetto approccio didattico per competenze in ambito scolastico, ci pare che il significato più autentico di un impegno di ricerca pedagogica e di rinnovamento delle pratiche didattiche in questa direzione sia da riconoscere nel problema ben sintetizzato da Bernard Rey. Non si tratta soltanto di voler dare seguito ai noti esiti delle ricerche internazionali sui livelli di competenza dei nostri studenti al termine dell obbligo scolastico, risultati di cui spesso di ricava un immagine preoccupante, se si opera il confronto con le realtà di altri Paesi e, ancor più, se si pensa alle richieste che il mondo attuale pone ai nostri ragazzi. Crediamo che sia in questione, soprattutto, l esperienza quotidiana di docenti e studenti che oggi, come in passato, si interrogano, più o meno apertamente, sul senso e sui modi dell insegnare e dell imparare a scuola. È un interrogativo che si attualizza, necessariamente, in relazione ai cambiamenti socio-culturali che investono strumenti, linguaggi, fenomeni, protagonisti coinvolti nei processi educativi, ma che non cambia nella sua sostanza. La tendenza che talvolta si registra fra coloro che, a vario titolo, operano in ambito scolastico nel considerare il problema della promozione di competenza come l ennesimo cambiamento, più lessicale che sostanziale, estrinsecamente indotto dalle politiche formative o da più o meno passeggere mode pedagogico-didattiche, fa correre il rischio, a nostro modo di vedere, di non dar voce esplicita ai problemi sentiti, vissuti, sperimentati, osservati... e può risolversi, in definitiva, in una

13 introduzione xvii occasione persa per riflettere su come incrementare il valore dell esperienza scolastica, per coloro che ne sono attori diretti per chi educa e per chi è educato, ma anche per la collettività ed il mondo sociale. D altra parte, si deve riconoscere che molto ancora rimane da fare per sostenere scuole ed insegnanti nel confronto con le istanze che il concetto di competenza introduce nelle pratiche didattico-educative, sia sul piano della costruzione di conoscenze validate, perché elaborate secondo approcci fondati, rigorosi, sistematici, sia sul piano dell offerta di occasioni di formazione, che anche di tali forme di sapere potrebbero giovarsi. In riferimento a questi presupposti, il nostro lavoro si presenta, senza pretese di esaustività, come una ricognizione ed una analisi della letteratura scientifica, condotta intorno all interrogativo generale: «Come si può preparare, organizzare, condurre l insegnamento per aiutare gli studenti a costruire competenze?». Il concetto-guida che ha orientato il percorso è rappresentato dalla nozione di modello didattico, considerata nell accezione di quadro condiviso di criteri di razionalizzazione delle scelte operative, sorta di teoria-pratica che ha la funzione di indicare uno schema di lavoro utile agli insegnanti (Damiano, 2007, 1994; Van der Maren, 2005), a cui riconoscere non un valore predittivo, ma probabilistico, non prescrittivo, ma orientativo ed euristico-riflessivo. In questa direzione, per cercare, per quanto possibile, di contenere i rischi di deduttivismo e di eccessiva astrattezza che si corrono quando il discorso pedagogico-didattico non tenga debitamente conto dei contesti, dei problemi, degli attori e delle dinamiche dell azione educativa di fatto, la disamina condotta si è nutrita dell indispensabile e costante confronto con scuole, dirigenti e docenti 1 e si è tradotta, anche con l obiettivo di offrire strumenti concettuali ed operativi utili in vista della pratica, in una serie di coordinate articolate secondo una duplice scansione. In prima istanza è sembrato utile soffermarci, nella prima parte del volume, sul costrutto di competenza, considerato in rapporto ai compiti della scuola ovvero cercare di circoscrivere le operazioni, le dinamiche e i processi, le condizioni, le forme di supporto da parte dei docenti che, se presenti, possono far presagire percorsi positivi nella conquista di competenza da parte degli studenti. In particolare, il concetto di mobilizzazione integrata di apprendimenti e la nozione di azione in situazione, con la valorizzazione delle dinamiche soggettocontesto, consentono di mettere a fuoco alcune importanti possibilità di intervento didattico (capitolo 1) che, dovrebbero tener conto anche

14 xviii introduzione del carattere processuale della competenza, da intendersi come costruzione che avviene con gradualità e secondo ritmi personali di progressione (capitolo 2). Un altra questione che la letteratura mette in evidenza riguarda la presenza dei presupposti per l esercizio della competenza, intesi come disponibilità da parte dello studente di un patrimonio di conoscenze, di abilità, di capacità e disposizioni che l insegnamento dovrebbe mirare a sviluppare (capitoli 3 e 4). Le esigenze dell insegnamento, tuttavia, vanno oltre una seppure indispensabile definizione della natura e delle caratteristiche dei processi di apprendimento che gli studenti dovrebbero essere aiutati ad attivare; alle scuole ed agli insegnanti è richiesto di predisporre percorsi formativi, di allestire e gestire ambienti e situazioni di apprendimento, di accertarsi dei progressi degli studenti, soltanto per toccare alcune operazioni comunemente indicate come costitutive dell azione didattica. A questi aspetti è dedicata la seconda parte del libro, che presenta anche indicazioni e strumenti utili per la preparazione di compiti e situazioni di apprendimento (capitolo 4), per la progettazione di percorsi didattici e per la valutazione delle competenze (capitolo 5). Il volume è rivolto, oltre che ai ricercatori e agli studiosi in campo pedagogico-didattico e delle scienze dell educazione, agli studenti dei corsi di laurea per docenti (Corsi di Laurea in Scienze della Formazione Primaria, Corsi di Laurea Magistrale per l insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado, percorsi di Tirocinio Formativo Attivo), agli insegnanti in servizio e a coloro che si interessano ai problemi dell insegnamento. Nota 1. Un ringraziamento sentito va ai docenti e ai dirigenti scolastici incontrati in questi anni, per la disponibilità al dialogo costruttivo e l impegno nel confronto critico.

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE

Per non perdersi. Il percorso di oggi. Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO. Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE 1 Per non perdersi. Il percorso di oggi Prima parte COMPETENZA: DEFINIZIONE DEL COSTRUTTO Seconda parte PROGETTARE PER COMPETENZE Terza parte VALUTARE LE COMPETENZE 2 COMPETENZA Definizione del costrutto

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli