Corso GNU/Linux Pacchettizzazione a c llo o C o ilvi S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso GNU/Linux Pacchettizzazione a c llo o C o ilvi S 7 0 0-2 5 0 0 2"

Transcript

1 Pacchettizzazione I sistemi GNU/Linux si basano, oltre che sul kernel e la shell, su tutta una serie di programmi ed applicazioni che possono entrare a far parte del sistema sia in fase di installazione che su di un sistema già funzionante: in questo caso si ricorre tipicamente alla compilazione del programma direttamente dal codice sorgente, tramite la nota sequenza di comandi (./configure che controllerà i requisiti del sistema e creerà il file makefile, che permette la compliazione del programma tramite i comandi seguenti (eseguiti da root) make && make install make compila il file con le indicazioni e make install lo installa nelle directory prestabilite (/usr/local/bin) oppure, molto più semplicemente, ricorrendo ad un sistema di pacchettizzazione. 1

2 RPM Questi sistemi in pratica sostituiscono la complilazione con degli script che si occupano di installare sul sistema versioni precompilate (binari) dei programmi in questione. I vantaggi della pacchettizzazione sono quelli della praticità, semplicità e velocità dell installazione, pagati però con una ridotta configurabilità ed un controllo ridotto. La tecnologia RPM (Red hat Package Manager) deriva dai primi sistemi di pacchettizzazione per GNU/Linux ed è stata rilasciata già nel 1995, riscritta poi nel 1996, per arrivare fino ai giorni nostri: si tratta quindi di una tecnologia molto consolidata. Di fatto RPM, pur essendo stato sviluppato da Red Hat è uno standard a tutti gli effetti. 2

3 RPM E' supportato nativamente o tramite espansioni da numerosissime distribuzioni. I benefici di RPM sono notevoli, ma si possono riassumere in alcune parole chiave: semplice, configurabile, aggiornabile e sicuro. RPM, come d altronde anche gli altri sistemi a pacchetti, non solo permette di rendere molto più facile il processo di installazione di un programma, ma ha anche altre funzionalità chiave. RPM infatti permette anche di disinstallare i software installati in modo rapido e preciso, inoltre permette di effettuarne l aggiornamento senza dover reinstallare nulla. 3

4 RPM Inoltre RPM ha al suo interno un database di tutti i pacchetti installati, mantenendo anche la versione del software installato e la data in cui tale pacchetto è stato installato sul sistema. Per quanto concerne la sicurezza, poi, RPM permette la gestione di chiavi GPG ed MD5 per verificare l integrità dei pacchetti. Ovviamente rpm può essere gestito sia tramite dei frontend grafici, ma anche attraverso il comando rpm direttamente dalla linea di comando, che risulta come la maggior parte dei comandi di questo genere più versatile, configurabile ed efficiente. 4

5 Il comando rpm Il formato standard del comando rpm è il seguente: rpm <opzioni> <nome_pacchetto> L utility a riga di comando è la più completa, infatti permette anche di: Verificare la posizione dei pacchetti Installare pacchetti via rete Conoscere dettagli supplementari sui pacchetti RPM e molto altro ancora. Le opzioni principali sono: -v: verbose mode: aumenta il livello di informazioni nello standard output durante l esecuzione del comando 5

6 Il comando rpm: opzioni -h: indicatore di avanzamento: un indicatore testuale di avanzamento fornirà informazioni sulla percentuale di completamento del processo -i: installa i pacchetti selezionati, presenta alcune opzioni secondarie: --excludedocs: non installa i pacchetti di documentazione, allo scopo di risparmiare spazio. Si tratta di un opzione pericolosa, in quanto priva l amministratore di un utile strumento in caso di problemi con il programma. --replacepkgs: rimpiazza la copia esistente di un pacchetto con una altra copia: Utile in caso di malfunzionamenti ed errori nel database dei pacchetti installati. 6

7 Il comando rpm: opzioni --force: installa i pacchetti indipendentemente dai messaggi di warning presenti --noscripts: non esegue eventuali script pre e postinstallazione presenti nel pacchetto --nodeps: ignora le eventuali dipendenze del pacchetto. --root path: imposta una diversa directory per il pacchetto. -e: elimina i pacchetti selezionati --nodeps: ignora le eventuali dipendenze del pacchetto. -U: aggiorna i pacchetti selezionati, rimuovendo i vecchi pacchetti ed installando i pacchetti successivi mantenendo inalterati i file di configurazione 7

8 Il comando rpm: opzioni --oldpackage: permette di installare una versione meno recente di quella attualmente in uso sul sistema -q: interroga il sistema in merito ai pacchetti selezionati. -p file: fornisce tutte le informazioni sul pacchetto selezionato -f file: risale dal nome del file al pacchetto RPM che lo conteneva --whatprovides x: determina quali pacchetti forniscono x. --whatrequires x: determina quali pacchetti richiedono x. 8

9 Il comando rpm: opzioni -i: riassume le informazioni sul pacchetto. -l: elenca tutti i files contenuti nel pacchetto. --scripts: visualizza gli script contentui nel pacchetto per le fasi di pre-installazione e post-installazione. --provides: elenca le funzionalità del pacchetto. --requires: elenca ciò che serve al pacchetto. -V: verifica i pacchetti selezionati. (con la sottopzione a) verifica tutti i pacchetti installati. -K: utilizza GPG per verificare i pacchetti (con la sottopzione nosgnature utilizza MD5 invece di GPG). 9

10 Il comando rpm: chiavi GPG RPM nelle ultime versioni prevede la verifica della firma elettronica dei pacchetti: tutti i pacchetti originali Fedora, ad esempio, hanno come firma elettronica la chiave pubblica GnuPG di Red Hat Inc. Per installare le chiavi GnuPG è necessario usare questo comando: rpm import /media/cdrom/rpm-gpg-key-fedora-test Utilizzando poi l opzione K è possibile verificare la firma elettronica dei pacchetti. E poi possibile estrarre un singolo file da un pacchetto rpm senza dover necessariamente installare tutto il pacchetto: è sufficiente trattare il pacchetto rpm come un normale archivio compresso, ad esempio con l utility Midnight Commander (mc). 10

11 yum YUM (Yellowdog Updater Modified) è un sistema evoluto di gestione dei pacchetti rpm, che permette una gestione evoluta, compresa la possibilità di aggiornamento automatico del sistema, senza intervento umano. Yum si basa su degli archivi condivisi, detti repository, ed è scritto interamente in Python, ma manca ad oggi di un interfaccia grafica, anche se le sue potenzialità non ne risultano in alcun modo limitate. YUM è disponibile sul sito oppure sul sito di Fedora o su FreshRPMs.net. YUM ha sia funzioni di server che di client, ma per il corso ha rilevanza solo l aspetto client: il comando yum si basa su di un file di configurazione: yum.conf diviso in una parte generale ed una specifica per i server (repository). 11

12 yum.conf La sezione main contiene tutte le opzioni di configurazione: cachedir: definisce dove YUM posizionerà i file di cache ed i database. debuglevel: definisce il grado di accuratezza del file di log. logfile: definisce la posizione del file di log. pkgpolicy: definisce il criterio di scelta dei pacchetti nei repository (quello predefinito è la scelta del più recente). distroverpkg: definisce la versione della distribuzione per cui YUM deve rinvenire i pacchetti nel repository. tolerant: definisce il livello di tolleranza di YUM durante l installazione dei pacchetti. 12

13 yum.conf exactarch: definisce se YUM deve aggiornare i pacchetti solo esattamente corrispondenti all architettura o meno. retries: definisce il numero di tentativi che YUM deve effettuare in casi di errore. obsoletes: definisce se YUM deve ignorare o meno i pacchetti obsoleti. gpgcheck: definisce se YUM deve verificare le chiavi GPG. Ecco l'aspetto tipico di un file yum.conf tipico: [main] cachedir=/var/cache/yum debuglevel=2 logfile=/var/log/yum.log [...] 13

14 /etc/yum/repos.d e client YUM Oltre alla sezione MAIN, il file yum.conf ha le sezioni dedicate ai repository, contenute all interno di /etc/yum/repos.d al cui interno vengono definiti name, baseurl, mirrorlist enabled e gpgcheck. Il client YUM è il comando da riga di comando yum, che permette, tramite le sue opzioni di gestire l aggiornamento manuale del sistema: yum list: elenca i pacchetti disponibili nel repository. yum list installed: elenca i pacchetti installati. yum list update: elenca gli update disponibili. yum install <nome_pacchetto>: installa il pacchetto. yum update: aggiorna tutti i pacchetti o il pacchetto selezionato senza rimuove i pacchetti obsoleti. 14

15 client YUM yum remove <nome_pacchetto>: elimina il pacchetto selezionato e le sue dipendenze. yum upgrade: aggiorna i pacchetti e rimuove i pacchetti obsoleti. Se invece si vuole ottenere un aggiornamento automatico del sistema, bisogna ricorrere allo script /etc/init.d/yum start/stop/status. Le opzioni del file di configurazione sono molto chiare e ricalcano vagamente come sintassi il sistema adottato da SAMBA: esse definiscono anche la directory provvisoria dove sono salvati i file prima di essere installati (/var/cache/yum), il livello di dettaglio del debug, la directory del log (/var/log/yum.log), le opzioni di sicurezza (come il controllo della firma digitale) ed altro. 15

16 apt APT (Advance Package Tool) fu sviluppato originariamente per i pacchetti deb di Debian ma è ora disponibile anche per altre distribuzioni tra cui Fedora. La suite APT si compone di: apt-get: per il reperimento e l installazione dei pacchetti. apt-cdrom: per la gestione dei cdrom. apt-config: per gestire le impostazioni di APT. apt-cache: per gestire la cache dei pacchetti APT. apt-get richiede i permessi di root per essere eseguita, ma non è necessario essere root, in quanto apt-get chiederà autonomamente tale password nel caso sia lanciato da un utente non root. 16

17 apt Il primo comando da effettuare è sempre apt-get update, il quale aggiornerà i file indice dei pacchetti disponibili. In questo modo, avendo eseguito apt-get update, i pacchetti disponibili saranno quelli più recenti. Le fonti di repository si trovano in /etc/apt/sources.list ed hanno la forma seguente: deb distribuzione sezione1 sezione2 sezione3 deb-src distribuzione sezione1 sezione2 sezione3 rpm distribuzione/versione/arch sez1 sez2 sez3 rpm-src distribuzione/versione/arch sez1 sez2 sez3 Nel caso le voci siano precedute dal carattere sharp (#) di fatto sono commentate, e quindi non saranno prese in considerazione. 17

18 apt-get Per aggiornare indistintamente tutta la distribuzione il comando da eseguire è apt-get upgrade, che può utilizzare l opzione y per automatizzare la procedura, e l opzione u per visualizzare i pacchetti aggiornati. E poi anche possibile installare singoli pacchetti, utilizzando la sintassi: apt-get install <nome_pacchetto> E ovviamente possibile anche rimuovere un pacchetto installato con apt-get, tramite l opzione remove <nome_pacchetto>. Non è possibile rimuovere un pacchetto senza toccare le sue dipendenze, mentre i file di configurazione rimangono, a meno di non usare l opzione --purge remove <nome_pacchetto>. 18

19 apt-get Per usare un CD-ROM/DVD come fonte, è necessario aggiungerlo nel file sources.list, utilizzando il programma apt-cdrom: apt-cdrom add: inserisce tutti i pacchetti del CD-ROM di Debian nel lettore. apt-cdrom -d /home/iso add: aggiunge i paccheti anche se non in formato standard Debian. E possibile anche aggiornare direttamente una distribuzione, con il comando apt-get -u dist-upgrade. Vi sono poi molte altre funzionalità di APT non trattate in questo corso. apt-get --reinstall install <nome_pacchetto>: reinstalla un pacchetto già presente nel sistema 19

20 apt-get Nel caso in cui invece di avere un repository abbiamo direttamente un pacchetto.deb sul sistema il comando da eseguire sarà: dpkg -i file.deb Per la rimozione il comando è invece apt-get remove <nome_pacchetto> a cui dobbiamo aggiungere purge per rimuovere anche i file di configurazione. Eventuali dipendenze di pacchetti rimossi sono gestibili con il comando apt-get autoremove. Infine, con il comando apt-get clean vengono eliminati tutti i file, tranne i file lock, dalle directory /var/cache/apt/archives/ e /var/cache/apt/archives/partial/. Di conseguenza, se si volesse reinstallare un pacchetto APT dovrà nuovamente scaricarlo. 20

21 dpkg Nel caso di pacchetti.deb si utilizzerà dpkg, con le segeuenti opzioni: dpkg --remove <nome_pacchetto>: rimozione dpkg --purge <nome_pacchetto>: pulizia dipendenze dpkg -l \*: lista pacchetti installati dpkg -l <nome_pacchetto>: informazioni sul pacchetto dpkg -l vim\*: informazioni sul pattern dpkg -L nome_pacchetto: lista dei files installati con un pacchetto dpkg -S nome_file: da quale pacchetto dipende quel file dpkg -c nome_file.deb: lista il contenuto del pacchetto dpkg-reconfigure <nome_pacchetto>: riconfigura un pacchetto già installato dpkg -x file.deb: estrae localmente i file del pacchetto senza installarlo 21

22 apt-cache apt-get deve essere eseguito come root, o con i permessi di root (sudo) mentre esiste un comando utilizzabile da tutti gli utenti per avere informazioni sui pacchetti: apt-cache (gestsce la cache di supporto). con apt-cache possiamo invece cercare anche tra i pacchetti non ancora installati sul sistema: apt-cache search "vim.*" apt-cache showpkg <nome_pacchetto>: fornisce informazioni sul pacchetto apt-cahce showsrc <nome_pacchetto>: fornisce i sources record relativi apt-cache stats: fornisce statistiche sulla cache di supporto apt-cache dump: mostra il contenuto della cache apt-cache show <nome_pacchetto>: mostra tutto il contenuto apt-cache depends <nome_pacchetto>: mostra le dipendenze del pacchetto 22

23 Tips x i pacchetti.deb Con dpkg è possibile realizzare un file per automatizzare l'installazione su altri sistemi: Creo un file con tutte le configurazioni ed i settaggi, tramite il comando dpkg --get-selections \* > dpkg_settings Trasferisco questo file sulla macchina da configurar e lancio il comando dpkg --set-selections < dpkg_settings Infine utilizzo apt-get: apt-get -u dselect-upgrade Come nota di colore: anche i programmatori GNU/Linux si divertono ad inserire easter egg nei loro lavori, provare ad eseguire il comando aptget moo... 23

24 Installazione dai sorgenti Se possibile l uso dei pacchetti è sempre consigliabile, a meno di particolari esigenze, sia per la facilità che per la rapidità. Inoltre, non vi è modo di tenere traccia dei pacchetti compilati da sorgente, rendendo di fatto il sistema meno lineare e più difficile da gestire. Nel caso si debba ricorrere alla compilazione dei sorgenti è necessario, ovviamente, avere tutti i pacchetti necessari per la compilazione ed ovviamente il codice sorgente del pacchetto che si vuole installare. Normalmente tale codice sorgente è distribuito sotto forma di pacchetti tar.gz, per cui come prima operazione è necessario scompattarli con il comando: tar -xzvf nomefile.tar.gz 24

25 Installazione dai sorgenti Una volta scompattato il codice sorgente, viene creata una directory con i file avente lo stesso nome dell archivio, all interno vi saranno dei file.c ed un file chiamato configure, eseguibile. Lo avviamo con il comando:./configure Questo script verifica la presenza di tutto il necessario per procedere alla compilazione del programma, ed in caso positivo crea un file Makefile, che permette di compilare il programma in base al sistema destinatario. A questo punto è possibile dare il secondo comando: make Ed infine il comando conclusivo: make install 25

26 Installazione dai sorgenti E' ovviamente possibile combinare i due comandi precedenti: make && make install. Nel caso il programma non sia di nostro interesse è possibile, avendo ancora i sorgenti, eseguire il comando make uninstall o make deinstall per rimuovere i file binari appena creati. Spesso purtroppo il comando make uninstall non funziona, perché l'autore del programma non lo ha implementato. In questi casi non resta che cancellare manualmente tutte le tracce del programma. 26

27 ricompilazione del kernel Il kernel è il cuore vitale del sistema, e spesso rimane immutabile per lunghi periodi: è il caso dei sistemi Microsoft, in cui il kernel, a meno di modifiche dovute a service pack e patch è immutabile per tutta la vita utile del sistema operativo. Si tratta della parte del sistema che si occupa di gestire tutti i processi e l interazione di essi. Tipicamente in GNU/Linux il kernel viene invece aggiornato molto spesso dalla comunità con l aggiunta di nuove funzionalità e supporto per molte periferiche. Nonostante sia rilasciato sotto forma di codice sorgente come tutti gli altri applicativi, la procedura di compilazione ed installazione del kernel si differenzia molto da quella standard. 27

28 ricompilazione del kernel E possibile innanzitutto ricorrere ai kernel preconfeionati delle distribuzioni, che hanno l indubbio vantaggio della semplicità di installazione, oppure ricorrere alla ricompilazione del kernel. Con il termine ricompilazione del kernel si indica infatti l operazione di compilazione a partire dal codice sorgente del cuore di un sistema GNU/Linux: il suo kernel. Normalmente il codice sorgente del kernel non è necessario per la normale routine di un sistema, e quindi spesso non viene neppure installato sul sistema, ma risulta fondamentale nel caso in cuoi lo si voglia ricompilare. 28

29 ricompilazione del kernel La directory /usr/src/linux-2.6 contiene i file.config e Makefile, necessari per la compilazione, esattamente come visto per i normali applicativi: il file.config contiene la configurazione secondo cui è stato compilato il kernel attualmente in uso sul sistema. Oltre al codice sorgente del kernel, per poterne portare a termine con successo la procedura di compilazione è necessario avere installato sul sistema un compilatore C (gcc), esattamente come per gli altri applicativi. Spesso, non risulta essere una buona cosa avere compilatori troppo aggiornati, in quanto i programmatori del kernel non amano affidarsi a prodotti poco testati. 29

30 ricompilazione del kernel Inoltre è opportuno avere a disposizione un congruo spazio disco (200 MB o più) ed una computer ben equipaggiato in termini di processo e memoria ram, in quanto il processo di ricompilazione è molto oneroso per il sistema. Per i motivi sopra esposti è quindi opportuno pianificare con cura il momento in cui su di un server si procede alla ricompilazione del kernel per evitare di sovraccaricare la macchina. 30

31 kernel: sorgenti Il codice sorgente del kernel è disponibile presso il sito e per le principali distribuzioni è anche possibile utilizzare pacchetti rpm e simili anche per aggiornare il kernel. Alcune distribuzioni, come Fedora Core, hanno scelto di non distribuire più i sorgenti del kernel: è quindi necessario reperirli in altro modo: anche qui l interfaccia a caratteri è sufficiente, tramite il comando wget <URL>. RPM permette anche di ricorrere ai pacchetti src.rpm, in pratica dei sorgenti pacchettizzati. Se sono già installati i sorgenti, è possibile ricorrere alle patch di aggiornamento. Tali patch sono sequenziali e non cumulative. È quindi necessario installare tutte le patch comprese tra la versione corrente e quella desiderata. 31

32 rebuild kernel: processo Ipotizziamo di fare tutto tramite la riga di comando: lynx per navigare in internet fino alla pagina con i sorgenti del kernel, da cui scaricheremo il file compresso. A questo punto abbiamo il file.bz2 dei sorgenti che possiamo spostare in /usr/src con il comando mv. Entriamo in /usr/src e decompattiamo il file con tar: tar xjvf linux- 2.6.xx.tar.bz2: adesso abbiamo una cartella linux-2.6.xx con i sorgenti del kernel. E' prassi creare un collegamento /usr/src/linux che punta ai sorgenti del kernel installato tramite il comando ln -s linux-2.6.xx linux. Utilizzando una debian possiamo parlare di ricomilazione del kernel in debian way, quindi utilizziamo il pacchetto make-kpkg. 32

33 rebuild kernel: processo Prima di tutto puliamo il sistema con make-kpkg clean e quindi configuriamo il sistema con i metodi classici (make menuconfig è ottimo). Una buona base per cominciare a fare le proprie modifiche, è quella con tutte le scelte di default... Per passare alla configurazione (tutte le scelte sono impostate nel file.config) di default digitare make defconfig da qui si procederà con make menuconfig Ad operazioni terminate, è necessario salvare: a questo punto sarà stato creato un file.config con le opzioni di compilazione scelte. 33

34 rebuild kernel: processo Lanciamo il comando make-kpkg kernel_image modules_image per compilare il kernel in un.deb (Debian way) -> operazione molto lunga, fino ad alcune ore su macchine lente. A questo punto in /usr/src viene creato il paccetto.deb relativo al kernel compilato con nome kernel-image-2.6.xx. Per installarlo dpkg -i kernelimage 2.6.xx.deb. Grub verra aggiornato in automatico (grub-update) e potete riavviare il sistema per selezionare il kernel appena installato (se non avete modificato grub non c e problema,viene dato come primo kernel avviabile) 34

35 rebuild kernel: processo Nel caso non si abbia una debian il processo non varia di molto: make menuconfig -Ncurses:make menuconfig -Qt:make xconfig -Gtk:make gconfig make make modules_install make install 35

36 update-grub Quando viene installato un nuovo kernel contenuto in un pacchetto.deb viene eseguito automaticamente lo script update-grub che cercherà nuovi kernel in /boot e li inserirà in menu.lst. Nel caso in cui si ricompili un kernel senza usare un pacchetto.deb è comunque possibile lanciare tale script a mano. Le voci saranno configurate tra i commenti: ### BEGIN AUTOMAGIC KERNELS LIST ### END DEBIAN AUTOMAGIC KERNELS LIST Al di fuori delle quali si possono inserire tutte le configurazioni volute che non saranno in alcun modo modificate da update-grub. All'interno di tale blocco vi sono poi dei commenti singoli # e doppi ##: i primi sono in realtà comandi per lo script mentre i secondi sono effettivamente commenti. 36

37 networking Una rete è uno strumento che permette l invio di dati tra due o più computer secondo tipologie e protocolli standardizzati. Dal punto di vista aziendale le reti sono un ottimo metodo per ottimizzare le risorse ed effettuare economie di scala. Le tipologie di rete sono: LAN: Local Area Network (Rete confinata geograficamente in un edificio e basata su cavi) MAN: Metropolitan Area Network (Rete geografica limitata all area urbana o metropolitanta: prevede l interconnessione di più reti LAN tra di loro, tipicamente basata su cavi ma che può avvalersi di ponti radio o altre tecnologie) 37

38 networking WAN: Wide Area Network (Rete geografica ad estensione variabile, fino ad arrivare alla rete globale Internet che coprwe tutto il pianeta, si avvale di ogni tecnologia) W-LAN: Wireless Local Area Network (Rete confinata geograficamente ad un edificio e basata su tecnologie wireless) Oggigiorno, la maggior parte dei computer al mondo ha una qualche interfaccia di rete, sia essa una connessione di rete vera e propria o un collegamento ad Internet. Ovviamente, i sistemi server sono obbligati ad avere almeno una modalità di comunicazione verso il mondo esterno per poter fornire i loro servizi ai sistemi client che vogliono accedervi. 38

39 networking E sempre sconsigliabile connettere un server ad Internet prima di aver provveduto in modo serio alla sua messa in sicurezza (hardening) ed alla configurazione dei suoi servizi di rete. Per poter funzionare correttamente una rete ha bisogno di un protocollo (insieme di regole per la trasmissione dei dati) di comunicazione: nelle reti moderne tale protocollo è il TCP/IP, alla base anche di Internet. 39

40 File x gestione networking /etc/sysconfig/network: principali configurazioni per il Networking. Fa parte delle personalizzazioni di Red Hat: in questo file si trovano i parametri: NETWORKING=yes/no (rete configurata o meno) HOSTNAME=FQDN (Fully Qualified Domain Name) oppure un nome host qualsiasi (identico a quello di /etc/hostname per evitare conflitti) GATEWAY=IP del gateway predefinito della rete. GATEWAYDEV=<device>, con <device> si intende il dispositivo di rete per accedere al gateway (eth0...). NISDOMAIN=nome del dominio NIS. (NIS ovvero Network Information Service, un servizio che fornisce informazioni, che devono essere disponibili sulla rete, per tutte le macchine della rete stessa). 40

41 File x gestione networking /etc/host.conf: indica l ordine di ricerca di risoluzione degli indirizzi. /etc/nsswitch.conf: come host.conf sui sistemi libc versione 6 (glibc). /etc/resolv.conf: File di configurazione del client DNS (indirizzi del server DNS) /proc/sys/net/ipv4: In questa directory sono presenti alcuni file fondamentali per la configurazione della rete dei sistemi GNU/Linux. Ad esempio è presente il file ip_forward che, normalmente settato a 0, permette di abilitare l ip forwarding delle schede di rete, tramite la semplice modifica di portare tale valore a 1. Non è possibile farlo con le procedure classiche, ma mediante redirezione di output. Il metodo corretto è utilizzare il comando echo (echo 1 > ip_forward) in quanto non si tratta di un vero e proprio file. 41

42 File x gestione networking Nelle distro debian-style la directory base per le configurazioni di rete è /etc/network, dove sono posti tutti i parametri configurabili della rete stessa. Vi è un unico file di configurazione per tutte le interfacce (a differenza di RH che ha un file per device) e si tratta di /etc/network/interfaces, che ha una struttura del genere: auto lo iface lo inet loopback <interfaccia di loopback> auto eth0 iface eth0 inet static address netmask brodcast network gateway <interfaccia eth0 con indirizzo statico> 42

43 File x gestione networking auto eth0:0 iface eth0:0 inet static address netmask <alias per interfaccia eth0:0 con IP statico> auto eth2 iface eth2 inet dhcp <interfaccia eth2 con settings per DHCP> Il file /etc/network/options contiene stringhe di configurazione per attivare o disattivare particolari parametri, quali ip_forward. La sintassi è: ip_forward=yes (no) Si può poi gestire la rete con lo script /etc/init.d/networking o tramite i comandi dedicati, quali ifup ed ifdown e settare l'hostname con il file /etc/hostname. 43

44 Il protocollo TCP/IP L acronimo TCP/IP indica Trasmission Control Protocol / Internet Protocol, ovvero l insieme di due protocolli usati congiuntamente. Il protocollo IP definisce come indirizzare i dati tra mittente e destinatario e come devono essere decomposti e ricomposti. Il protocollo TCP invece lavora ad un livello superiore: gestisce infatti le interconnessioni tra i computer ed i suoi dati sono incapsulati nei pacchetti IP. I pacchetti IP, per funzionare si basano sugli indirizzi IP, univoci a livello mondiale, basati su 32 bit, scomposti per comodità in gruppi di 8 bit, a loro volta rappresentati con il corrispettivo valore decimale (0-255). Questo sistema è detto IPV4, e si sta teoricamente esaurendo: verrà pertanto sostituito da IPV6: indirizzi a 128 bit. 44

45 Le classi di indirizzi IP Ovviamente il protocollo IP ha necessità di avere indirizzi IP univoci per tutti i sistemi collegati ad Internet, o all interno di una rete privata: questo per poter sempre identificare in maniera certa mittente e destinatario di ogni pacchetto. L ente preposto alla gestione di questi indirizzi è l ICANN (Internet Corporation for Asigned Names and Numbers) che demanda poi il controllo alle vaie società di registrazione domini ed agli IPS (Internet Service Provider). Gli indirizzi IP sono raccolti in tre tipi diversi di gruppi, detti classi, a seconda del quantitativo di indirizzi IP raccolti, che possono variare da 16 milioni e mezzo a soli 256. Un ISP, in pratica, compra degli indirizzi IP e li affitta ai sui clienti. 45

46 Le classi di indirizzi IP Classe A: è composta da circa 16,5 milioni di indirizzi IP: ICANN assegna al proprietario un numero nel primo ottetto e lascia libertà totale di gestione per gli altri tre ottetti: 123.xxx.xxx.xxx. Classe B: è composta da circa indirizzi IP: ICANN assegna al proprietario numeri nel primo e secondo ottetto e lascia libertà totale di gestione per gli altri due ottetti: xxx.xxx. Classe C: è composta da 256 indirizzi IP: ICANN assegna al proprietario i primi tre ottetti e lascia libertà totale di gestione per l ultimo ottetto: xxx. I valori 0, 127 e 255 dell ultimo ottetto sono riservati ad usi particolari: lo 0 indica la rete stessa, il 127 indica il loopback per il testing del software di rete ed il 255 il broadcast della rete (il messaggio viene inviato a tutti i pc della rete). 46

47 Le classi di indirizzi IP Normalmente, in una rete privata vengono utilizzati indirizzi IP privati: Classe A: da a Classe B: da a Classe C: da a Per permettere poi ai computer della rete interna di comunicare con il mondo esterno è necessario definire poi una macchina che svolga funzioni di gateway, in modo da far comunicare la rete privata con Internet o con le altre reti. La configurazione di un default gateway in GNU/Linux si riduce al comando: route add default gw <IP_ADDRESS> Utilizzando il comando liscio route, invece, vengono visualizzate le tabelle di routing del sistema. 47

48 netmask L indirizzo IP è composto di due parti: netid (NETwork IDentificator) ed hostid (HOST IDentificator). In indirizzo di classe A il netid è il primo ottetto, mentre gli altri tre identificano l hostid dei 16,5 milioni di macchine possibili. A questo punto interviene il concetto di subnetting o netmask, per permettere di suddividere ulteriormente le reti in sottoreti, per ottimizzare il traffico. Il netmask identifica quale parte dell indirizzo ip è dedicato al netid e quale all hostid. Tipicamente il valore indica che tutto l ultimo ottetto è dedicato all hostid, e quindi siamo in presenza di una classe C: questa configurazione spesso spreca molti indirizzi ma si tratta quasi sempre di IP privati, quindi non è rilevante. 48

Informazioni Generali (1/2)

Informazioni Generali (1/2) Prima Esercitazione Informazioni Generali (1/2) Ricevimento su appuntamento (tramite e-mail). E-mail d.deguglielmo@iet.unipi.it specificare come oggetto Reti Informatiche 2 Informazioni Generali (2/2)

Dettagli

Guida rapida - rete casalinga (con router)

Guida rapida - rete casalinga (con router) Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

Guida rapida - rete casalinga (con router) Configurazione schede di rete con PC

Guida rapida - rete casalinga (con router) Configurazione schede di rete con PC Guida rapida - rete casalinga (con router) Questa breve guida, si pone come obiettivo la creazione di una piccola rete ad uso domestico per la navigazione in internet e la condivisione di files e cartelle.

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Configurazione generale di Samba

Configurazione generale di Samba Configurazione generale di Samba www.samba.org Protocollo SMB (Short Message Block) Pacchetti installati libsmbclient samba samba-common samba-doc swat I due demoni di Samba possono essere lanciati manualmente

Dettagli

SAMBA COS È? Samba è un software che fornisce servizi di condivisione utilizzando il protocollo SMB (Server Message Block). A differenza di altri programmi, Samba è gratuito e Open Source, e permette l

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Bonding. Matteo Carli www.matteocarli.com matteo@matteocarli.com. Ridondanza e load balancing con schede di rete.

Bonding. Matteo Carli www.matteocarli.com matteo@matteocarli.com. Ridondanza e load balancing con schede di rete. Bonding Ridondanza e load balancing con schede di rete Matteo Carli www.matteocarli.com matteo@matteocarli.com Matteo Carli 1/24 Chi sono Socio e attivista di LUG ACROS e Gentoo Linux. Svolgo attività

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Seconda esercitazione Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Test di connettività ping traceroute Test del DNS nslookup

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 6. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 6 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Riepilogo TCP/IP Ogni host nella rete deve avere un proprio indirizzo ip Due o piu computer nella stessa rete, per poter comunicare

Dettagli

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti.

Networking. Notare che le modifiche apportate attraverso ifconfig riguardano lo stato attuale del sistema e non sono persistenti. Networking A ogni scheda di rete e' assegnata una o piu' interfacce di rete. Su linux le interfacce di tipo ethernet sono enumerate a partire da eth0. Possiamo alterare la configurazione dell'interfaccia

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

Gestione del software

Gestione del software Gestione del software Installazione e gestione repository Andrea Gussoni andrealinux1@gmail.com Corsi Gnu/Linux Avanzati 2014 Andrea Gussoni Gestione Software Corsi Linux Avanzati 2014 1 / 31 Introduzione

Dettagli

Gruppo Utenti Linux Cagliari h...

Gruppo Utenti Linux Cagliari h... Realizzare una piccola rete privata Marco Marongiu Gruppo Utenti Linux Cagliari Sommario Materiale occorrente Configurazione NAT Configurazione server DNS interno Configurazione server DHCP interno Configurazione

Dettagli

Configurazione di una rete locale con Linux

Configurazione di una rete locale con Linux Configurazione di una rete locale con Linux paolo palmerini paolo@progettoarcobaleno.it http://www.progettoarcobaleno.it 1 Lavorare in rete Che hardware serve per installare una rete? Indirizzi IP, network

Dettagli

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI)

Reti. Reti. IPv4: concetti fondamentali. arp (address resolution protocol) Architettura a livelli (modello OSI) Reti Architettura a livelli (modello OSI) Prevede sette livelli: applicazione, presentazione, sessione, trasporto, rete, collegamento dei dati (datalink), fisico. TCP/IP: si può analizzare in maniera analoga

Dettagli

Server Samba con Debian 6.0.0 Squeeze

Server Samba con Debian 6.0.0 Squeeze Server Samba con Debian 6.0.0 Squeeze Creerò le cartelle una per ogni ufficio esempio: - documenti // per tutti solo lettura e per utente amministratore tutto - magazzino // tutto per utenti mag1,mag2,mag3

Dettagli

Creazione di un print server con Samba

Creazione di un print server con Samba Capitolo 3 Creazione di un print server con Samba Un print server è un elemento preposto ad accogliere le richieste di stampa inoltrate dai client presenti in rete e di indirizzarle a una o più stampanti

Dettagli

Implementazione di VLAN multiple per l utilizzo della rete wireless

Implementazione di VLAN multiple per l utilizzo della rete wireless Servizio Calcolo e Reti Pavia, 15 Agosto 2006 Implementazione di VLAN multiple per l utilizzo della rete wireless Andrea Rappoldi 1 Introduzione 2 Configurazione degli switch Catalyst Occorre definire

Dettagli

Al prompt inserire il seguente comando per installare le applicazioni server di SAMBA:

Al prompt inserire il seguente comando per installare le applicazioni server di SAMBA: Server Samba Reti Windows Sommario Introduzione Installare SAMBA Configurare SAMBA Server Client Spesso le reti di computer sono costituite da sistemi eterogenei e, sebbene gestire una rete composta interamente

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Esercitazione 3 Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Strumenti di utilità ping traceroute netstat Test del DNS nslookup

Dettagli

Configurazione server e client DHCP in Linux

Configurazione server e client DHCP in Linux Configurazione server e client DHCP in Linux Laboratorio di Reti Ing. Telematica - Università Kore Enna A.A. 2008/2009 Ing. A. Leonardi DHCP DHCP sta per Dynamic Host Configuration Protocol e identifica

Dettagli

Creare un Server Casalingo

Creare un Server Casalingo Creare un Server Casalingo Questa guida è più che altro un promemoria per il sottoscritto,dove si penserà a creare un piccolo server casalingo,in questa breve ma intensa guida si parlerà spesso di ssh,

Dettagli

COMANDI PER VI. Se voglio impostare come editor predefinito VI, nella bash scrivo il seguente comando: export EDITOR= vim

COMANDI PER VI. Se voglio impostare come editor predefinito VI, nella bash scrivo il seguente comando: export EDITOR= vim COMANDI PER VI Ci sono due modalità: COMANDI e INSERIMENTO. La modalità COMANDI [Esc] serve per eseguire i comandi all interno dell editor, mentre la modalità INSERIMENTO [Esc i] serve per scrivere. Per

Dettagli

I dati SMB possono essere incapsulati e trasportati in datagrammi TCP/IP, oppure NetBEUI e IPX/SPX.

I dati SMB possono essere incapsulati e trasportati in datagrammi TCP/IP, oppure NetBEUI e IPX/SPX. Pagina 1 di 10 Samba Integrazione UNIX-NT Questa unità didattica descrive le modalità di integrazione di un sistema UNIX all'interno di una rete in tecnologia Windows. In particolare viene presentato il

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Progettare una Rete Locale "Client/Server

Progettare una Rete Locale Client/Server Progettare una Rete Locale "Client/Server Premessa - Cos'è una rete Locale o LAN (Local Area Network)? Le reti locali si estendono su di un'area geografica piuttosto limitata; si tratta per lo più di reti

Dettagli

Configurazione Rete in LINUX

Configurazione Rete in LINUX Configurazione Rete in LINUX Laboratorio di Reti Ing. Telematica - Università Kore Enna A.A. 2008/2009 Ing. A. Leonardi TCP/IP Il trasferimento dati con il protocollo TCP/IP si basa fondamentalmente su

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Configurazione di una rete locale con Linux

Configurazione di una rete locale con Linux Configurazione di una rete locale con Linux paolo palmerini paolo@progettoarcobaleno.it http://www.progettoarcobaleno.it 1 Lavorare in rete Che hardware serve per installare una rete? Paolo Palmerini Linux

Dettagli

Print Server, questo sconosciuto...

Print Server, questo sconosciuto... Print Server, questo sconosciuto... By necr0soft Introduzione & Scopo del documento In questo articolo vedremo come realizzare un print server in una rete casalinga. Alla fine dell'articolo saremo in grado

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL

Reti e Linux. Andrea Bontempi. Corsi Linux 2012. POuL POuL Corsi Linux 2012 Una breve introduzione: le reti Una rete di calcolatori è un mezzo fisico sul quale è possibile inviare e ricevere messaggi o flussi di dati. La prima rete a commutazione di pacchetto

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

Indice. Indice V. Introduzione... XI

Indice. Indice V. Introduzione... XI V Introduzione........................................................ XI PARTE I Installazione di Linux come Server.............................. 1 1 Riepilogo tecnico delle distribuzioni Linux e di Windows

Dettagli

Per evitare di 14/11/2003 1

Per evitare di 14/11/2003 1 Per evitare di 14/11/2003 1 meno teoria e un po più di pratica 14/11/2003 2 LAN con Server Proxy Sono un Server Proxy 14/11/2003 3 Cosa serve? Componenti hardware e software necessari per costruire una

Dettagli

Gestione del software

Gestione del software Gestione del software Forse, più di altri, definisce il ruolo dell'amministratore di sistema. Funzionalità di un sistema di gestione del software interfaccia uniforme (comportamento uniforme) e semplice

Dettagli

Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata

Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata Lezione n.9 LPR- Informatica Applicata LINUX Gestione della Rete 3/4/2006 Laura Ricci Laura Ricci 1 INDIRIZZI RISERVATI Alcuni indirizzi all interno di una rete sono riservati: indirizzo di rete e broadcast.

Dettagli

Guida di installazione per Fedora 7

Guida di installazione per Fedora 7 Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora 7 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2007 Dipartimento

Dettagli

Networking Wireless con Windows XP

Networking Wireless con Windows XP Networking Wireless con Windows XP Creare una rete wireless AD HOC Clic destro su Risorse del computer e quindi su Proprietà Clic sulla scheda Nome computer e quindi sul pulsante Cambia Digitare il nome

Dettagli

Guida di installazione per Fedora core 4

Guida di installazione per Fedora core 4 Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Università di Pisa Dipartimento di Informatica Guida di installazione per Fedora core 4 Centro Servizi per la Ricerca Copyright 2005

Dettagli

Connessioni e indirizzo IP

Connessioni e indirizzo IP Connessioni e indirizzo IP Questo argomento include le seguenti sezioni: "Installazione della stampante" a pagina 3-2 "Impostazione della connessione" a pagina 3-6 Installazione della stampante Le informazioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO

INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO INTRODUZIONE ALLE RETI: UN APPROCCIO PRATICO okfabian@yahoo.com Fabian Chatwin Cedrati Ogni scheda di rete ha un indirizzo MAC univoco L'indirizzo IP invece viene impostato dal Sistema Operativo HUB 00:50:DA:7D:5E:32

Dettagli

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14

ETI/Domo. Italiano. www.bpt.it. ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 ETI/Domo 24810070 www.bpt.it IT Italiano ETI-Domo Config 24810070 IT 29-07-14 Configurazione del PC Prima di procedere con la configurazione di tutto il sistema è necessario configurare il PC in modo che

Dettagli

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone

- 1 - LINUX E le Reti. Corso Linux 2014. di Giuseppe Zingone - 1 - LINUX E le Reti Corso Linux 2014 di Giuseppe Zingone - 2 - Cenni sulle reti Introduzione Linux e le reti vanno mano nella mano. Il kernel di Linux ha il supporto per tutti i protocolli di rete comuni

Dettagli

Lezione 1 Connessione ad una rete

Lezione 1 Connessione ad una rete Lezione 1 Connessione ad una rete Sistemi Operativi RedHat Enterprise Linux 4.0 Sun Solaris 10 x86 Windows 2003 Server Salvataggio/ripristino via rete con ghost4unix* uploaddisk installm@melt.sci.univr.it

Dettagli

Rete locale casalinga. Una connessione internet Un modem Un router Uno switch Due o più PC Un disco esterno

Rete locale casalinga. Una connessione internet Un modem Un router Uno switch Due o più PC Un disco esterno Una connessione internet Un modem Un router Uno switch Due o più PC Un disco esterno Modem Router Modem Router Switch Modem Router Switch Modem Router Switch Modem Router Switch Modem WIFI Router Switch

Dettagli

205.3 Gestione delle sessioni

205.3 Gestione delle sessioni Introduzione a NOS-KA9Q -- IPv4 per Dos 2235 205.2.4 Comando domain Il comando domain permette di definire quali sono i servizi DNS a cui il sistema NOS può rivolgersi; permette anche di configurare il

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini

DHCP-DNS Di Giuseppe Latini DHCP-DNS Di Giuseppe Latini Prima di entrare nel vivo della configurazione dei demoni, spendiamo due parole per spiegare l utilità di questi due servizi di rete. DHCP vuol dire: Dynamic Host Configuration

Dettagli

Utenze condivise e configurazione automatica con NLNX

Utenze condivise e configurazione automatica con NLNX Utenze condivise e configurazione automatica con NLNX Condivisione delle utenze attraverso NIS, NFS e Samba.... 151 Utilizzo di SSHfs al posto di NFS......................... 152 Gestione delle utenze....................................

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Overview. Obiettivo Ingredienti Protocolli ed implementazioni SMB/CIFS Samba: installazione Samba: configurazione

Overview. Obiettivo Ingredienti Protocolli ed implementazioni SMB/CIFS Samba: installazione Samba: configurazione Condivisione delle risorse con SaMBa Overview - Obiettivo Ingredienti Protocolli ed implementazioni SMB/CIFS Samba: installazione Samba: configurazione 2 Premessa: Client/Server Un server è un'applicazione

Dettagli

STAMPANTI SUPPORTATE

STAMPANTI SUPPORTATE STAMPARE CON LINUX Il presente testo non e' esaustivo, ossia non analizza tutte le possibili soluzioni di stampa utilizzando elaboratori che utilizzano linux. Anzi, le panoramiche illustrate sono scelte

Dettagli

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3

Log Manager. 1 Connessione dell apparato 2. 2 Prima configurazione 2. 2.1 Impostazioni di fabbrica 2. 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 ver 2.0 Log Manager Quick Start Guide 1 Connessione dell apparato 2 2 Prima configurazione 2 2.1 Impostazioni di fabbrica 2 2.2 Configurazione indirizzo IP e gateway 3 2.3 Configurazione DNS e Nome Host

Dettagli

QUICK START GUIDE F640

QUICK START GUIDE F640 QUICK START GUIDE F640 Rev 1.0 PARAGRAFO ARGOMENTO PAGINA 1.1 Connessione dell apparato 3 1.2 Primo accesso all apparato 3 1.3 Configurazione parametri di rete 4 2 Gestioni condivisioni Windows 5 2.1 Impostazioni

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Esercitazione 3 Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Strumenti di utilità arp ping traceroute netstat Test del DNS

Dettagli

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6

CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Guida all attivazione di una CONNESSIONE IPv6 tramite tunnelling Freenet6 Emanuele Goldoni Università degli studi di Pavia Sede di Mantova Laboratorio di Reti di Calcolatori 2006 1 Introduzione A distanza

Dettagli

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO Manuale di configurazione 2 Configurazioni 8 Storage 30 Stampanti 41 Manuale Interfaccia di gestione di configurazione SOMMARIO Interfaccia di gestione INTRODUZIONE La configurazione del modem può essere

Dettagli

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio

Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Come esportare una distribuzione Live di Linux per un laboratorio Attività svolta dal dr. Alessi e dal dr. Farolfi Dipartimento di Matematica Università degli Studi di Milano Knoppix è una distribuzione

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

Protocol Level: Sicurezza nelle reti Samba

Protocol Level: Sicurezza nelle reti Samba Vi spaventerò elencandovi alcuni dei problemi delle reti Microsoft Diego Fantoma fantoma@units.it Dissertazioni preliminari Questo lavoro non è a carattere tecnico ma è una ricerca bibliografica con alcuni

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Setup dell ambiente virtuale

Setup dell ambiente virtuale Setup dell ambiente virtuale 1.1 L immagine per le macchine virtuali Il file mininet-vm-x86 64.qcow è l immagine di una memoria di massa su cui è installato un sistema Linux 3.13 Ubuntu 14.04.1 LTS SMP

Dettagli

Differenze fra Pacchetti

Differenze fra Pacchetti Differenze fra Pacchetti Gran parte del software distribuito con i sistemi GNU è sottoposto alla licenza GNU-GPL (GNU general public license), che impone la disponibilità dei sorgenti. Per questo motivo,

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Mini-guida per l installazione di una rete locale

Mini-guida per l installazione di una rete locale Mini-guida per l installazione di una rete locale Anno Accademico 2001/2002 Dott. Gianni Verduci verduci@disi.unige.it Maggio, 2002 Prerequisiti 1. Hardware: PC, schede, cavi e apparati di rete 2. Software:

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Indice 1 L architettura di un sistema GNU/Linux 1 1.1 L architettura del sistema................................ 1 1.1.1 L architettura di base.............................. 1 1.1.2 Il funzionamento del

Dettagli

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e

Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e TCP/IP Sommario Introduzione al TCP/IP Indirizzi IP Subnet Mask Frame IP Meccanismi di comunicazione tra reti diverse Classi di indirizzi IP Indirizzi IP privati e pubblici Introduzione al TCP/IP TCP/IP

Dettagli

DEPLOY DI ZEROSHELL IN AMBIENTE VIRTUALE. Lorenzo Comi

DEPLOY DI ZEROSHELL IN AMBIENTE VIRTUALE. Lorenzo Comi DEPLOY DI ZEROSHELL IN AMBIENTE VIRTUALE Lorenzo Comi Introduzione: software ed hardware 2 Software per la virtualizzazione: VMware Fusion. 3 macchine virtuali Zeroshell 3.0.0 con profilo attivo. Macchina

Dettagli

www.lug-govonis.net LINUX e le reti

www.lug-govonis.net LINUX e le reti LINUX e le reti Ci troviamo di fronte ad una rete quando 2 o più computer sono in grado di comunicare tra di loro; esistono molti tipi di connessioni di rete divisi per protocollo di trasporto e per tipo

Dettagli

DHCP... 1 Semplice sessione DHCP:... 2 Configurazione:... 3 DDNS... 8 Creazione manuale chiave per DDNS... 18

DHCP... 1 Semplice sessione DHCP:... 2 Configurazione:... 3 DDNS... 8 Creazione manuale chiave per DDNS... 18 Sommario DHCP... 1 Semplice sessione DHCP:... 2 Configurazione:... 3 DDNS... 8 Creazione manuale chiave per DDNS... 18 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Questo è un servizio di rete che si occupa

Dettagli

Installare e configurare OpenVPN: due scenari. Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini

Installare e configurare OpenVPN: due scenari. Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini Installare e configurare OpenVPN: due scenari Laboratorio di Amministrazione di Sistemi T Massimiliano Mattetti - Marco Prandini Installazione Sulle VM del corso servono i pacchetti software liblzo2 libpkcs11-helper

Dettagli

Maschere di sottorete a lunghezza variabile

Maschere di sottorete a lunghezza variabile Sottoreti Il CIDR (Classless Inter-Domain Routing) è un nuovo schema di indirizzamento introdotto nel 1993 per sostituire lo schema classful secondo il quale tutti gli indirizzi IP appartengono ad una

Dettagli

Max Configurator v1.0

Max Configurator v1.0 NUMERO 41 SNC Max Configurator v1.0 Manuale Utente Numero 41 17/11/2009 Copyright Sommario Presentazione... 3 Descrizione Generale... 3 1 Installazione... 4 1.1 Requisiti minimi di sistema... 4 1.2 Procedura

Dettagli

Rootkit. Dott. Ing. Igino Corona. Corso Sicurezza Informatica 2014/2015. igino.corona (at) diee.unica.it. Pattern Recognition and Applications Lab

Rootkit. Dott. Ing. Igino Corona. Corso Sicurezza Informatica 2014/2015. igino.corona (at) diee.unica.it. Pattern Recognition and Applications Lab Pattern Recognition and Applications Lab Rootkit Dott. Ing. Igino Corona igino.corona (at) diee.unica.it Corso Sicurezza Informatica 2014/2015 Department of Electrical and Electronic Engineering University

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Interconnessione di reti

Interconnessione di reti Interconnessione di reti Collegamenti tra reti eterogenee Instradamento (routing) e inoltro (forwarding) IPv4 - indirizzi IP e MAC - sottoreti IPv6 - evoluzione di Internet DNS - Domain Name System Conclusioni

Dettagli

Configurazione dei parametri IP

Configurazione dei parametri IP Configurazione dei parametri IP A.A. 2006/2007 Walter Cerroni L architettura a strati di Internet TCP/IP OSI IETF OSPF EGP BGP HTTP, DNS, SMTP, FTP, POP TCP UDP RIP Application Presentation Session Transport

Dettagli

Petra Firewall 2.8. Guida Utente

Petra Firewall 2.8. Guida Utente Petra Firewall 2.8 Guida Utente Petra Firewall 2.8: Guida Utente Copyright 1996, 2002 Link SRL (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003

Corso per Tutor C2 CEFRIEL Politecnico di Milano Relazione sull attività del 5 maggio 2003 Argomenti sviluppati: - Il protocollo DHCP e le sue applicazioni: - Configurazione e gestione del pool di indirizzi in Linux - Configurazione indirizzi statici in Linux - Il protocollo DNS e le sue implementazioni

Dettagli

Laboratory for Advanced Planning and Simulation Project. Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000. Gianstefano Monni, e Gabriella Pusceddu

Laboratory for Advanced Planning and Simulation Project. Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000. Gianstefano Monni, e Gabriella Pusceddu Laboratory for Advanced Planning and Simulation Project Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000. Gianstefano Monni, e Gabriella Pusceddu Installazione di Debian 3.0 su Workstation HP x4000

Dettagli

Estendere il controllo delle utenze alla rete MS- Windows

Estendere il controllo delle utenze alla rete MS- Windows Estendere il controllo delle utenze alla rete MS- Windows Situazione di esempio.................................... 167 Profili personali......................................... 168 Script di avvio...........................................169

Dettagli

GNU/Linux Amministrazione di rete mista con Samba. Michele Baldessari

GNU/Linux Amministrazione di rete mista con Samba. Michele Baldessari GNU/Linux Amministrazione di rete mista con Samba Michele Baldessari Revision : 1.1 2003 1 Indice 1 Introduzione 3 1.1 Natura di Samba.............................. 3 1.2 Storia di Samba...............................

Dettagli

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell

Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Guida pratica all utilizzo di Zeroshell Il sistema operativo multifunzionale creato da Fulvio.Ricciardi@zeroshell.net www.zeroshell.net Proteggere una piccola rete con stile ( Autore: cristiancolombini@libero.it

Dettagli

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0

BACKUP APPLIANCE. User guide Rev 1.0 BACKUP APPLIANCE User guide Rev 1.0 1.1 Connessione dell apparato... 2 1.2 Primo accesso all appliance... 2 1.3 Configurazione parametri di rete... 4 1.4 Configurazione Server di posta in uscita... 5 1.5

Dettagli

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 7

Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 7 Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 7 La gestione del file system Uso di partizioni locali NFS e SAMBA per condividere i file SAMBA e CUPS per condividere le stampanti I contenuti di questo documento, salvo diversa

Dettagli

SUBNET MASK. Classe A 255.0.0.0 Classe B 255.255.0.0 Classe C 255.255.255.0

SUBNET MASK. Classe A 255.0.0.0 Classe B 255.255.0.0 Classe C 255.255.255.0 SUBNET MASK In informatica e telecomunicazioni, nell'ambito delle reti di telecomunicazioni, la subnet mask o "maschera di sottorete" è il metodo utilizzato per definire il range di appartenenza di un

Dettagli

Ubuntu 8.04 LTSP in un dominio Windows 2000

Ubuntu 8.04 LTSP in un dominio Windows 2000 Premessa Ubuntu 8.04 LTSP in un dominio Windows 2000 La presenta guida ha lo scopo di facilitare l installazione e la configurazione di un server Ubuntu LTSP all interno di una rete Windows già configurata

Dettagli

Guida di rete. Configurazione di Windows Utilizzo di un server di stampa Monitoraggio e configurazione della stampante Appendice

Guida di rete. Configurazione di Windows Utilizzo di un server di stampa Monitoraggio e configurazione della stampante Appendice Guida di rete 1 2 3 4 Configurazione di Windows Utilizzo di un server di stampa Monitoraggio e configurazione della stampante Appendice Si prega di leggere attentamente questo manuale prima di utilizzare

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Convertitore di rete NETCON

Convertitore di rete NETCON MANUALE DI PROGRAMMAZIONE INTERFACCIA TCP/IP PER SISTEMI REVERBERI Convertitore di rete NETCON RMNE24I0 rev. 1 0708 I N D I C E 1. Scopo... 4 2. Descrizione... 4 3. Collegamenti elettrici del dispositivo...

Dettagli

Petra Firewall 3.1. Guida Utente

Petra Firewall 3.1. Guida Utente Petra Firewall 3.1 Guida Utente Petra Firewall 3.1: Guida Utente Copyright 1996, 2004 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright.

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

Linux Terminal Server Project (LTSP)

Linux Terminal Server Project (LTSP) Linux Terminal Server Project (LTSP) Gabriele Zucchetta g zucchetta@virgilio.it Entropica http://www.entropica.info/ Linux Terminal Server Project (LTSP) p. Introduzione Creare postazioni di lavoro con

Dettagli