Umodel2.3//how-to. 0.0-introduzione: 0.1 cos'è Umodel? 0.2 come si comporta? 0.3 perché?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Umodel2.3//how-to. 0.0-introduzione: 0.1 cos'è Umodel? 0.2 come si comporta? 0.3 perché?"

Transcript

1 Umodel2.3//how-to 0.0-introduzione: 0.1 cos'è Umodel? 0.2 come si comporta? 0.3 perché? 1-premessa sociale : 1.1- oppressione mediatica 1.2- il medium è il messaggio 1.3- il mercato e le merci 1.4- produzione di senso univoca e stereotipata 2-la strategia Umodel 2.1- impressionabilità del fruitore 2.2- accettazione passiva dei media 2.3- mancata produzione di senso 2.4- coercizione psicologica pubblicitaria 2.5- destabilizzazione dell'utente 2.6- la regola del paradosso 3-le due facce di Umodel 3.1- versione on-line (dislocata) 3.2- versione installazione (allocata) 3.3- ibridazione 1

2 0.0-introduzione: Questa relazione tratta di un progetto che ho iniziato a sviluppare nella primavera del 2003 ed ancora oggi mi vede impegnato per il suo costante rinnovo. Il nome di questo progetto è Umodel, esso è basato su un quiz comportamentale, ma questo non è che un pretesto, per provare a influenzare i processi logici del fruitore man mano che risponde alle domande proposte dal test. Il campo di azione di Umodel quindi è principalmente legato alla sfera della produzione di senso nell'era dei mass-media e di come essa sia collegata ad un'architettura di stereotipi che ci guida nelle decisioni quotidiane (consce ed inconsce); la vastità e l'indeterminatezza del campo di interesse di Umodel, necessita quindi di una revisione costante oltre che di un lavoro di ricerca teorica che in questa sede mi appresto a compiere cos'è Umodel? Umodel è un software basato su un test comportamentale che come esito associa l'utente ad uno dei nove modelli previsti dalla sua struttura; essi sono divisi in tre classi ognuna delle quali 2

3 caratterizzata da un differente rapporto nei confronti della società dei consumi. Umodel esiste dalla sua nascita in due versioni, una navigabile on-line 1 da un computer connesso ad Internet, mentre l'altra concepita come installazione interattiva; le due versioni si differenziano principalmente perché nell'installazione interattiva vengono collegate in rete più macchine e il coinvolgimento viene aumentato dall'uso di video proiettati su maxischermi che cambiano in base alle risposte che gli utenti danno al quiz. I concetti che quest'opera prova ad affrontare, in modo empirico e semiserio, sono principalmente due; il primo è che un ambiente sovraccarico di messaggi mediatici, influenza il nostro senso critico nei confronti della realtà, il martellamento mediatico in questo caso operato dalla continua ripetizione dei video, spesso in opposizione di senso, satura l'ambiente di stimoli mediali e rende difficile la concentrazione sulle risposte da dare al quiz. Questa operazione prova a simulare l'invasività dei mass-media che a colpi di spot commerciali, manifesti, insegne e banner pubblicitari stanno colonizzando sia lo spazio urbano che quello mentale della popolazione mondiale 2. In Umodel l'ambiente mediale e ricreato in uno spazio-tempo abbastanza compresso, in modo da ampliare l'effetto e cortocircuitare i processi logici dell'utente. Il secondo concetto legato più al quiz in sé e generalmente ai modelli 1 2 Tranne pochissime remote zone della terra la pubblicità commerciale è ormai presente in tutto il mondo. 3

4 comportamentali, viene affrontato nella fase finale del percorso dell'utente, quando dopo solo tre domande si viene associati ad un modello, di cui viene stilato un profilo fortemente critico e molto sommario. Altro punto importante è il metodo di calcolo dei modelli che è completamente casuale, ossia il software non tiene conto delle risposte fornite dall'utente ma semplicemente genera un numero casuale tra 1 e 9 ; si crea così uno slittamento della logica ferrea della psicoanalisi, propria dei quiz comportamentali, per approdare ad una dimensione quasi divinatoria. In questo modo il quiz comportamentale nega se stesso in un paradosso-operativo, in cui l'utente è esposto al giudizio inafferrabile del destino (rappresentato qui da una semplice ma imprevedibile approssimazione numerica) e alle conseguenze che questo porta con sé (dubbi, timori e riflessioni) come si comporta? Il comportamento di Umodel varia in base alla versione, attualmente è stato rilasciato in 2 versioni principali; la versione 0 e la versione 2. La versione 0 era molto semplice essa era composta da un breve quiz e il messaggio veniva passato solo nella definizione dei vari modelli, che venivano apertamente criticati in quanto tutti troppo soggetti agli stereotipi creati dai mass-media. La seconda versione viene completamente rinnovata 3, ora le domande vengono poste dopo la visione di una breve sequenza video (posta a sinistra dell'interfaccia utente) e contemporaneamente sulla parte destra, 3 Ecco perchè dalla verisone zero sono passato direttamente alla 2 4

5 viene visualizzato un mini spot 4 che in opposizione di senso rispetto al video della domanda, prova a cortocircuitare i processi logici dell'utente impegnato a rispondere al test. La compresenza di due video diversi (domanda e spot) nella stessa interfaccia genera di fatto una tensione percettiva, in quanto il senso dei due video spesso si incrocia. La compilazione del quiz, secondo la volontà dell'utente, è costantemente minacciata dai video che appaiono come spot a destra dell'interfaccia; in questo modo la neutralità del software viene meno, mostrando una chiara inclinazione psico-sociale, emerge una volontà di coercizione psicologica nei confronti del fruitore ignaro. Questa dinamica ricalca quella abitualmente usata dai mass-media per creare il consenso sociale, solo che la suddivide in due messaggi separati (videodomanda e video-spot). Se nei grandi media di informazione le notizie vengono confezionate appositamente, in modo da contenere sia la notizia che il modo "giusto" di leggerla, in Umodel queste due polarità del messaggio, una informativa e l'altra coercitiva, vengono mantenute distinte. Operando in questo modo l'utente che compila il quiz ha la chiara sensazione di essere manipolato, il medium inizia a perdere la trasparenza che troppo facilmente gli si attribuisce e da senza senso (tranne la trasparenza appunto) incomincia ad acquistarne uno e diventa opaco. Umodel, da software per il calcolo della personalità, inizia ad acquistare una personalità esso stesso e dall'alto di questa giudica gli sfortunati che si affidano ai suoi servigi. 4 Nell'installazione interattiva di Umodel questi spot vengono proiettati su maxi schermi nel momento in cui essi vengono visualizzati sui computer degli utenti. 5

6 0.3 -perché? Il perché della mia visione della società attuale coincide perfettamente con il perché della nascita di Umodel, nel senso che in una società utopica in cui l'informazione è realmente trasparente Umodel non avrebbe senso di esistere. Quello che resta da appurare a questo punto è quanto la mia lettura dell'universo dei mass-media risulti corretta. Questo è il fulcro della relazione su Umodel. La conoscenza approfondita della struttura dei mass-media e delle forze che agiscono all'interno del processo di formulazione, trasmissione e ricezione del messaggio mediatico mi daranno strumenti più "affilati" per far si che il progetto Umodel risulti sempre più "tagliente"; a questo proposito per provare a l'intricato mondo mediatico mi affiderò ai più illustri teorici e critici della comunicazione contemporanea. Dai "Persuasori occulti" di Vance Packard del 1958 a "Gli strumenti del comunicare" Mc Luhan, dal "Delitto perfetto" di Baudrillard ad Adbuster, dalla performing-art fino agli ultimi sviluppi della net-art 5 e proverò a dipanare le premesse che mi hanno spinto a concepire il progetto Umodel ed aggiornarlo nel corso di questi 2 anni. 5 Corrente artistica nata negli anni "90 legata alle telecomunicazioni informatiche, generalmente molto critica verso il medium che adotta. 6

7 1-premessa sociale "Lo spettacolo, compreso nella sua totalità, è nello stesso tempo il risultato e il progetto del modo di produzione esistente[...]. è il cuore dell'irrealismo della società reale." Guy Debord Nella civiltà contemporanea i mass-media hanno un ruolo determinante, sia nella formazione dei consumatori che nel loro successivo indirizzamento, tra la miriade di sfumature del culto della merce. La funzione pedagogico-didattica che i mass-media hanno assunto viene espletata tramite una variegata serie di strumenti da quelli più immediati come la pubblicità diretta ("Compra xxxxxxx ti farà bene!...") a quelli più velati e avvolgenti come i modelli comportamentali, in quest'ultimo caso il consumatore che decide di aderire ad un modello comportamentale piuttosto che ad un altro deve acquistare non il solo prodotto reclamizzato (dalla pubblicità che prova a venderci un bene di consumo associandolo ad un preciso modello di riferimento) ma l'intera filiera di prodotti che si addicono al modello prescelto. Molte delle logiche messe in atto dai pubblicitari e dai comunicatori di professione, non passano però dal vaglio del nostro senso critico, ma si infilano silenziosamente nel subconscio e da lì iniziano la loro opera 7

8 di indirizzamento del consumatore oppressione mediatica Come abbiamo iniziato ad intravedere, l'universo di segnali e messaggi generato dai mass-media non è per niente innocuo, nel 1957 Vance Packard, riporta un quadro molto dettagliato delle svariate tecniche che i persuasori occulti impiegavano maliziosamente già mezzo secolo fa. L'estratto che ho deciso di proporvi narra di come negli anni "50 tutti i settori dell'economia statunitense erano in crescita, tutti tranne quello dell'abbigliamento per uomo... "Gli psicologi che studiarono il problema giunsero alla conclusione che gli uomini erano trattenuti dal timore di apparire troppo vistosi. Ma i persuasori di professione pensarono che questo atteggiamento poteva essere controbilanciato dal crescente desiderio degli americani di far buona impressione sul gruppo sociale cui appartengono, o, in altri termini dal fatto che essi ormai sono eterodiretti 2...The American Institute of Men and Boy's Wear raccolse tra i 1 Immagino che questa affermazione possa sembrare troppo avventata senza esser supportata, da alcuna teoria consolidata ma lo scopo di questo capitolo e proprio quello di introdurre alcune di queste teorie. 2 Secondo la definizione di David Riesman, il sociologo dell'università di Chicago, etero-diretto è colui che - a differenza dell'auto-diretto di un tempo, il quale è guidato dai principi che durante l'infanzia i suoi maggiori hanno instillato in lui è guidato in prevalenza, nel suo comporatmento, dal desiderio di adeguarsi a 8

9 membri un fondo di 2 milioni di dollari per lanciare lo slogan "Vestire bene - Non potete permettervi di non farlo", la prima grande campagna di persuasione del genere che fosse mai stata fatta." Vance Packard "I Persuasori occulti" 1957 pag 160 Ovviamente nel giro di pochi anni la moda maschile cominciò a decollare come tutti gli altri settori della produzione. Il pronto intervento di psicologi della comunicazione unito ad una campagna pubblicitaria molto pressante si è rivelata un'arma affilatissima per cambiare la percezione di sè della maggior parte degli uomini americani di quel periodo. Se basta così poco per arrivare a cambiare i nostri gusti e i nostri orientamenti sociali bisognerebbe iniziare a domandarsi quanto di noi e della nostra percezione del mondo e governato dalla mano invisibile dei mass-media. "Il concetto di spettacolo unifica e spiega la grande diversità dei fenomeni apparenti. Le loro diversità e i loro contrasti sono le apparenze di questa apparenza socialmente organizzata, che deve essere essa stessa riconosciuta nella sua verità generale. Considerando secondo i suoi propri termini, lo spettacolo è l'affermazione dell'apparenza di ogni vita umana, cioè sociale, come mera apparenza. Ma la critica che raggiunge la verità dello spettacolo lo scopre come la negazione visibile della vita; come negazione della vita che è divenuta visibile." Guy Debord "La società dello spettacolo" 1967 pag 55 ciò che da lui si aspetta il gruppo sociale che egli frequenta abitualmente. 9

10 Se Packard descrive con precisione gli sviluppi della comunicazione mediatica nella sua era e lascia spesso le conclusioni al lettore, Debord critica violentemente tutto l'assetto sociale in quanto basato sullo spettacolo; questo ha come maggior causa la sparizione della realtà in favore della sua versione spettacolarizzata. La realtà mediata dallo spettacolo perde la sua fisicità per divenire immagine senza contenuto. In entrambi gli autori, comunque, anche se in modo completamente diverso, è chiarissima l'identificazione dei media come strumento di omologazione sociale capace di operare mutamenti profondi nell'assetto sociale della civiltà contemporanea. Abbiamo introdotto il potere dei media ora cominceremo a capire su quali livelli sociali esso opera. Il primo e il più visibile di questi livelli è sicuramente quello culturale, questo livello è quello che ne ha permesso un rapido sviluppo in quanto veicolatori di informazioni, dal momento che ogni famiglia ha avuto la possibilità di acquistare una televisione, questo potere di diffusione diventa totale. E questo comporta che un fatto reale o fittizio dal momento che viene trasmesso attraverso un televisore (ma anche un giornale, una radio...) questo acquista fisicità e diventa in qualche modo reale. Tutte le informazioni veicolate dai media esistono realmente solo a livello inconscio, ma non dobbiamo sottovalutare questo livello perché in esso risiede il nostro "vocabolario" per interpretare il mondo e su di esso si fonda la nostra percezione della realtà fisica. Dal momento che il nostro inconscio si popola sempre più dell'immaginario generato dai mass-media la nostra visione del 10

11 mondo muta in favore di una visione mediata e virtuale, ossia iniziamo ad interpretare il mondo attraverso le informazioni che i media ci danno di esso. In questa cortocirquitazione della realtà abbiamo sempre meno strumenti per interpretare i media in modo critico e rimaniamo soggetti completamente alla visione del mondo che essi ci impongono. Per arrivare a sorpassare il livello culturale dei mass-media e addentrarci più in profondità nella comprensione della loro struttura intrinseca ci affideremo ai testi di uno dei critici più famosi della comunicazione di massa, Marshall Mc Luahn il medium è il messaggio "Alcuni anni fa, accettando un laurea ad honorem all'università di Notre Dame, il generale David Sarnoff fece questa dichiarazione: «Siamo troppo propensi a fare degli strumenti tecnologici i capri espiatori di coloro che li maneggiano. In se stessi i prodotti della scienza moderna non sono ne buoni ne cattivi: è il modo in cui viene usata che ne determina il valore.» E' questa la voce dell'attuale sonnambulismo. Potremmo dire allo stesso modo: «La torta di mele non è né buona né cattiva; è il modo in cui viene usata che ne determina il valore.» Oppure: «Il virus della varicella non è né buono né cattivo. E' il modo in cui viene usato che ne determina il valore.» O anche: «Le armi da fuoco non sono né buone 11

12 né cattive. E' il modo in cui vengono usate che ne determina il valore.» In altre parole se le pallottole colpiscono le persone giuste, le armi da fuoco sono buone. Ed è buono il tubo della televisione se spara le munizioni contro le persone giuste." Marshall Mc Luhan "Gli strumenti del comunicare" (1967 Il Saggiatore pag 19) Rispetto ai due testi precedenti Mc Luhan fa un passo in avanti radicale, affermando che il medium è il messaggio, ossia dicendo in pratica che il contenuto di un media, per quanto curato sia, seguirà sempre le logiche intrinseche al medium che lo contiene. Riferito ai mass-media questo significa che ogni programma televisivo, ogni articolo di giornale, ogni cartellone pubblicitario per quanto interessante, possa esser il contenuto di cui essi trattano, non farà altro che promuovere il medium che lo trasporta. Il contenuto culturale dei media come vediamo viene annullato di fatto, nella teoria di Mc Luhan, dal potere di propagazione del medium stesso. In questo senso la televisione con tutte le informazioni che trasmette e tutta la cultura di cui si fa tramite(?) non farebbe altro che rendere il pubblico dipendente, in modo passivo da queste informazioni, che si guardi una trasmissione sportiva, come una pubblicità o una tribuna politica. A questo livello la struttura del medium definisce l'impatto sociale dello stesso, questa teoria che può sembrare molto sommaria e empirica, spesso viene mal interpretata, in quanto si confonde la struttura di medium, con la tecnologia su cui esso si fonda. I mass- 12

13 media moderni sono caratterizzati da strutture finanziarie molto complesse e influenti a livello politico; tutti questi elementi sono da includere nella valutazione della struttura di un medium. A questo punto sarebbe utile dare una definizione precisa di medium, ma anche affidandoci allo stesso Mc Luhan essa rimane sfuggevole, in quanto secondo lui il contenuto di un medium è sempre un altro medium. "In questo contesto può risultare illuminante l'esempio della luce elettrica. Essa è informazione allo stato puro. E' un medium, per così dire, senza messaggio, a meno che non lo si impieghi per formulare qualche annuncio verbale o qualche nome. Questo fatto, comune a tutti i media, indica che il contenuto di un medium è sempre un altro medium.[...] Ma ciò che stiamo esaminando sono le conseguenze psichiche e sociali dei diagrammi o degli schemi, nella misura in cui amplificano o accelerano processi già esistenti. Perché il messaggio di un medium o di una tecnologia è nel mutamento di proporzioni, di ritmo o di schemi che introduce nei rapporti umani." Mc Luhan (Ibid pag. 16) Aggiungendo quest'ultima teoria dovremmo iniziare a comprendere la complessità degli odierni mass-media, essi in fatti, sono costituiti da una serie di altri media nidificati. La televisione, ad esempio, è un insieme di programmi, che sono a loro volta divisi in palinsesti, all'interno di cui trovano posto tutti i vari servizi, video, quiz, pubblicità etc... Analizzando questi ultimi vedremmo che essi sono in 13

14 definitiva composti da altri singoli medium; se il contenuto di ogni singolo medium è subordinato alla struttura del medium stesso, come abbiamo detto prima. Il contenuto del media a cui ci stiamo riferendo, in questo caso la televisione, viene mutilato ad ogni singolo passaggio attraverso i vari medium. Se parlassimo dei media di informazione, il contenuto sarebbe la realtà, nel tal caso essa difficilmente apparirebbe sul nostro teleschermo, in quanto ripetutamente mutilata dalle specificità tecniche, di ogni media al quale si affida e giungerebbe a noi mutata completamente di senso. Concludiamo citando una frase di Baudrillard che a sua volta parla della teoria di Mc Luhan appena citata. La verità dei mass-media è dunque la seguente: essi hanno per funzione quella di neutralizzare il carattere vissuto, unico, fattuale del mondo, per sostituirvi un universo multiplo di media omogenei gli uni agli altro, i quali si significano e si rinviano l'un l'altro. Al limite, essi divengono il contenuto reciproco gli uni dagli altri. Ed è la il messaggio totalitario della società dei consumi il mercato delle merci Jean Baudrillard il sogno della merce pag 98 Parlando di mass-media nella società consumistica in cui ci troviamo è indispensabile fare un discorso a parte sulla merce, in quanto su di essa è fondato il culto del consumo; esso sta alla base 14

15 dell'etica e dell'estetica contemporanea, ed è in definitiva lo scopo ultimo dei mass-media, in quanto giustificazione della produzione sfrenata, del mercato delle merci. Il culto della merce è il campo d'azione della pubblicità, quello che essa ci porta è l'immagine del prodotto, o almeno così dovrebbe essere... L'interesse ultimo della pubblicità infatti, non è farci conoscere il prodotto, ma spingerci ad acquistarlo; questa lieve differenza, implica il fatto che ai pubblicitari non interessa affatto informarci delle qualità del prodotto, dal momento che queste non assicurano una spinta diretta al consumo. Un esempio banale, ma indicativo, potrebbe essere il fatto che nelle pubblicità di automobili, difficilmente veniamo informati dell'impatto che esse hanno sull'ambiente 3. La lieve differenza assume sempre più le dimensioni di un abisso, e l'immagine si distanzia sempre più dal suo contenuto. Le odierne pubblicità commerciali tendono sempre meno a celebrare la merce, piuttosto tendono a presentarla in contesti avvolgenti e affascinanti, in modo che, al fruitore dello spot, rimanga una sensazione piacevole, legata all'immagine del prodotto e conseguentemente vada ad acquistare il prodotto per ricreare quella particolare atmosfera, anche se solo a livello psichico e inconscio. Ed è proprio a questo livello subliminale che i media pubblicitari operano; i messaggi che ci bombardano tutti i giorni ripetutamente non scompaiono infatti dopo esser stati colti dalla nostra percezione, 3, a meno che, per qualche artificio tecnico non inquinino meno della media e in quel caso potrebbe esser di stimolo verso il consumatore attento all'inquinamento, sapere che la sua macchina inquina meno di quella degli altri (anche se comunque inquina parecchio lo stesso). 15

16 ma si rifugiano nell'inconscio. La realtà creata dai media non esiste nel mondo reale essa esiste solo nella mente del consumatore, anche nel caso in cui i media si riferiscano a fatti realmente accaduti, essi cessano di esistere nella fisicità, in favore della nuove dimensione mediatica nella quale sono mutati. La sparizione della realtà in funzione della sua rinascita virtuale e pubblicitaria è da imputare all'annullamento del senso operato dai mass media nella società dell'informazione. Gli iconolatri di Bisanzio, erano gente sottile, che pretendeva di rappresentare Dio per la sua massima gloria ma che, simulando Dio nelle immagini, dissimulava perciò stesso il problema della sua esistenza. Dietro ciascuna di esse, di fatto, Dio era scomparso. Non era morto era scomparso. La quesitone, cioè, non si poneva neanche più. Era risolta dalla simulazione. Così ci comportiamo col problema della verità o della realtà di questo mondo: l'abbiamo risolto con la simulazione tecnica, e con la profusione d'immagini in cui non c'è più niente da vedere gli stili di consumo Jean Baudrillard Il delitto perfetto pag 9 In una società incentrata sul consumismo come la nostra, si può dire tranquillamente che noi siamo quello che consumiamo. Questo significa che in base a ciò che consumiamo veniamo 16

17 riconosciuti dai nostri simili, l'esempio più evidente di questo paradigma sono sicuramente i vestiti; essi infatti compongono la nostra immagine. Per chi ci incrocia per strada il nostro abbigliamento è l'unica componente che denota con sicurezza il nostro look di riferimento (classico, sportivo, fashion, trasgressivo, di strada etc...) ma questa considerazione non si riduce ai vestiti,bensi è estendibile a moltissime altre categorie di prodotti, pensiamo all'automobile, alla spesa al supermarket, alla fruizione dei programmi televisivi, ai nostri gusti letterari. Ogni singolo acquisto che compiamo ci etichetta in una tipologia di consumatore differente, se ogni categoria di prodotti, in definitiva, genera diverse categorie di consumo, il nostro stile come consumatori è nel prodotto di tutte queste categorizzazioni, e sta solo a noi la decisione di come associare i vari stili di consumo di cui ci facciamo promotori. Ognuno cerca il proprio look. Dato che non è più possibile trarre argomenti dalla propria miseria o dalla propria virtù, dalla propria autenticità o dalla propria cattiva coscienza (finito l'esistenzialismo), dato che non è più possibile trovare la grazia nello sguardo dell'altro (nessuno più si guarda, finita la seduzione), ciascuno è tenuto ad apparire per sé senza preoccuparsi di esserci, e nemmeno di esser guardato. Il look è questo, è ancora una volta il <io esisto, ci sono, sono un'immagine, guarda, guarda!>. Forse sarà un simulacro, ma non si tratta di narcisismo, è un'inibizione, una sorta di ingenuità pubblicitaria in cui ciascuno diventa l'impresario della propria apparenza e del proprio artificio. C'è una nuova passione, ironica e diversa, di esseri senza illusioni sul proprio desiderio, ma tanto più 17

18 affascinati dalle proprie performance. [...] Nell'ordine dell'azione, il look performance prende la forma dell'azione performance. I did it! : è lo slogan di una nuova forma di attività autistica, di forma pura e vuota, di sfida a sé stessi che dolcemente assume del tutto, a livello di costume ma anche degli affari, la forma dell'azione prometeica, cioè competizione, sforzo, riuscita. Vittoria senza storia, prodezza senza conseguenze. Così si può correre la maratona di New York semplicemente per dire, allo stremo delle forze: I did it!. Ho vinto l'annapurna: I did it!. Lo sbarco sulla luna è dello stesso ordine, We did it! E' una performance, cioè un evento programmato nella traiettoria del progresso e della scienza. Bisognava farlo. Lo si è fatto. E questo non ha per niente rilanciato l'immaginario spaziale, né il sogno millenario dello spazio, ma al contrario li ha in qualche modo esauriti. Ma lo si è fatto. Jean Baudrillard il sogno della merce pag 37, produzione di senso univoca e stereotipata Se l'annientamento della realtà fisica da parte di quella mediatica può apparirci senza senso, dobbiamo scendere ancora più in profondità nella lettura dei media. Il senso infatti, nella produzione mediale, ha importanza solo dal momento che si comunica un determinato messaggio, con il passaggio al messaggio 18

19 successivo il senso può essere tranquillamente annullato dall'alternanza paradossale, a cui gli odierni media ci hanno abituato. Se l'ambito di validità del senso dura solo il tempo della pronunciazione del messaggio, non si è più nella condizione di dare un senso alla realtà mediatica [...]l'efficacia reale (della mancanza di senso ndr): consiste nell'imporre attraverso la successione sistematica dei messaggi l'equivalenza a livello semiotico della storia e dei fatti di cronaca, dell'avvenimento e dello spettacolo, dell'informazione e della pubblicità. E' là il vero effetto del consumo e non nel discorso pubblicitario diretto. E' nell'operazione di montaggio, grazie ai supporti tecnici della TV e della radio, l'avvenimento e il mondo reale in messaggi discontinui,successivi, non contraddittori segni giustapponibili e combinabili ad altri segni nella dimensione astratta dell'emissione[...] Jean Baudrillard il sogno della merce pag 96 L'unico senso che si può trovare trovare nei media contemporanei è il consumo indistinto e indifferenziato di ogni merce che ci viene proposta, sia essa cibo, abbigliamento, informazione o spettacolo. Si perché ogni cosa che viene trasmessa attraverso un mass-media diventa merce: l'informazione è merce in quanto forma l'opinione pubblica, il pensiero unico, omologato che è la base del consenso, che si traduce in potere per il sistema dominante (che non è più lo stato ma il mercato); lo spettacolo diventa merce per lo stesso 19

20 motivo, formando il consenso verso sé stesso promuove l'effimero, l'effetto, l'immagine senza contenuto che è alla base di tutto il sistema mediatico e consumistico. 20

21 2.0 la strategia Umodel Spero di esser riuscito nel capitolo precedente, a dare al lettore, i primi strumenti per meglio interpretare l'azione sociale operata dai media di massa. Nel quadro che abbiamo appena descritto, i media odierni perdono sempre più la trasparenza che troppo ingenuamente gli si attribuiva, la realtà che media ci impongono troppo spesso è funzionale solo alla celebrazione di loro stessi e del consumismo come stile di vita mediatico per eccellenza. Ritornando a Umodel, esso sfrutta l'opacità del medium che lo trasporta in vari modi; se nel capitolo precedente abbiamo introdotto a livello generale alcune leggi utili alla comprensione dei media in generale, in questo vorrei concentrarmi sugli aspetti mediatici a cui Umodel si rifà maggiormente. Essi sono direttamente derivati dalla struttura mediatica ed è attraverso essi che si crea l'illusione nel fruitore. L'illusione di trovarsi davanti a un software che li può giudicare con cognizione di causa, l' illusione di rispondere alla domande del quiz senza essere influenzati dagli spot, e alla fine l'illusione di ritrovarsi o meno nel modello comportamentale con cui veniamo etichettati. Tutta la realtà creata dai media vive sull'illusione, scopo di Umodel è quello di creare l'illusione e distruggerla davanti agli occhi del fruitore ignaro. Questo processo è il vero senso insito nella struttura di Umodel ed è questo a trascendere ogni altro senso che gli si vuole attribuire. La struttura di Umodel è basata su poche regole principali che determinano come 21

22 abbiamo detto il senso del medium stesso. Scopo di questo capitolo è quello di capire da cosa queste regole derivino impressionabilità del fruitore La potenza dei mass-media aumenta tanto più impressionabile è il pubblico che li utilizza, l'impressionabilità del fruitore in definitiva è il grado di avvolgimento, di illusione che proviamo di fronte allo spettacolo inscenato dai mass-media. Se la legge che abbiamo appena formulato è valida possiamo dire tranquillamente che mediamente siamo un pubblico estremamente impressionabile, in quanto i mass-media hanno potere indiscusso sulle masse di consumatori. Per portare un esempio reale ci serviremo di una ricerca condotta dal sociologo David Phillips dell'università di San Diego, che indica chiaramente il livello drastico della nostra inclinazione a farci impressionare dai media. L'ultima sensazionale predizione di Phillips: entro 4 giorni dal prossimo combattimento per il titolo dei pesi massimi trasmesso in televisione, almeno 11 innocenti cittadini degli Stati Uniti che altrimenti non sarebbero morti verranno uccisi a sangue freddo. Il motivo: le persone imparano dal comportamento di coloro che vedono e ammirano in televisione. Ecco come Phillips è arrivato a fornire la sua sensazionale predizione. Prima di tutto si è procurato un elenco completo degli incontri di boxe per il titolo dei pesi massimi ed ha esaminato le fluttuazioni 22

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Potere e Significato della Comunicazione Non verbale

Potere e Significato della Comunicazione Non verbale 1 Potere e Significato della Comunicazione Non verbale Riconoscere i gesti di chi ci sta di fronte. Sapere come interagire efficacemente Cosa significano i gesti delle persone che abbiamo di fronte? La

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

CONOSCI MEGLIO IL WEB.

CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. CONOSCI MEGLIO IL WEB. di Stefania Pompigna Il mondo virtuale offre infinite opportunità ed infinite insidie. E meglio scoprirle, capirle ed impararle. GUIDA SULLA TORTUOSA STRADA

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

il tuo servizio di web marketing costa troppo

il tuo servizio di web marketing costa troppo il tuo servizio di web marketing costa troppo LE 20 TECNICHE PIù POTENTI per demolire QUESTA obiezione > Nota del Curatore della collana Prima di tutto voglio ringraziarti. So che ha inserito la tua mail

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

PAOLA TOSATO LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO

PAOLA TOSATO LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO PAOLA TOSATO Anteprima di: LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO Migliora il Tuo Rapporto con la Ricchezza per Raggiungere la Prosperità Economica 2 Titolo LA LEGGE DI ATTRAZIONE DEL DENARO Autore Paola Tosato

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' e s p e r i m e n t o d i H a f e l e e K e a t i n g È il primo dei nuovi esperimenti, realizzato nel 1971. Due orologi atomici sono stati montati su due aerei

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B,

Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Sarebbe bello se fosse così semplice, Se possiedi un albergo, un hotel, un B&B, Siamo a novembre, la bella stagione è terminata. Hai lavorato tanto e adesso ti si prospettano diversi mesi in cui potrai rilassarti in vista della prossima estate. Sarebbe bello se fosse così semplice,

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli

Copyright@2015 Alessandro Pedrazzoli Chi sono? Mi chiamo Alessandro Pedrazzoli. Non lavoro nelle HR (risorse umane), non mi occupo di assumere direttamente dei candidati: mi occupo di Marketing, e in questo ebook ti spiegherò come sfruttarne

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO

TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO TECNICHE DI PRESENTAZIONE IN PUBBLICO Guida del partecipante Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309 - Fax 1786054267 - customer.service@olympos.it

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA

Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA CAPITOLO 2 Il SENTIMENT E LA PSICOLOGIA 2.1.Cosa muove i mercati? Il primo passo operativo da fare nel trading è l analisi del sentiment dei mercati. Con questa espressione faccio riferimento al livello

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 3 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web MISURAZIONE ED OBIETTIVI INDEX 3 7 13 Strumenti di controllo e analisi Perché faccio un sito web? Definisci

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

COMUNICARE EFFICACEMENTE

COMUNICARE EFFICACEMENTE CORSO MANAGER DIDATTICI COMUNICARE EFFICACEMENTE A cura di: Franco Tartaglia COMUNICAZIONE TRASMISSIONE TRA DUE O PIÙ PERSONE DI : IDEE/OPINIONI MESSAGGI FATTI SENTIMENTI COMANDI RICHIESTE PROPOSTE PRESENTAZIONI

Dettagli

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su

di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su di Kai Haferkamp per 2-5 giocatori dagli 8 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas per Giochi Rari Versione 1.0 Novembre 2001 http://www.giochirari.it e-mail: giochirari@giochirari.it NOTA.

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

PAROLE E FRASI EVOCATIVE

PAROLE E FRASI EVOCATIVE Continuiamo con il nostro viaggio nella comunicazione che ipnotizza ed attrae. Quante volte magari vi siete soffermati a d ascoltare qualcuno che parlava perché diceva qualcosa di interessante? E quante

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli