Umodel2.3//how-to. 0.0-introduzione: 0.1 cos'è Umodel? 0.2 come si comporta? 0.3 perché?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Umodel2.3//how-to. 0.0-introduzione: 0.1 cos'è Umodel? 0.2 come si comporta? 0.3 perché?"

Transcript

1 Umodel2.3//how-to 0.0-introduzione: 0.1 cos'è Umodel? 0.2 come si comporta? 0.3 perché? 1-premessa sociale : 1.1- oppressione mediatica 1.2- il medium è il messaggio 1.3- il mercato e le merci 1.4- produzione di senso univoca e stereotipata 2-la strategia Umodel 2.1- impressionabilità del fruitore 2.2- accettazione passiva dei media 2.3- mancata produzione di senso 2.4- coercizione psicologica pubblicitaria 2.5- destabilizzazione dell'utente 2.6- la regola del paradosso 3-le due facce di Umodel 3.1- versione on-line (dislocata) 3.2- versione installazione (allocata) 3.3- ibridazione 1

2 0.0-introduzione: Questa relazione tratta di un progetto che ho iniziato a sviluppare nella primavera del 2003 ed ancora oggi mi vede impegnato per il suo costante rinnovo. Il nome di questo progetto è Umodel, esso è basato su un quiz comportamentale, ma questo non è che un pretesto, per provare a influenzare i processi logici del fruitore man mano che risponde alle domande proposte dal test. Il campo di azione di Umodel quindi è principalmente legato alla sfera della produzione di senso nell'era dei mass-media e di come essa sia collegata ad un'architettura di stereotipi che ci guida nelle decisioni quotidiane (consce ed inconsce); la vastità e l'indeterminatezza del campo di interesse di Umodel, necessita quindi di una revisione costante oltre che di un lavoro di ricerca teorica che in questa sede mi appresto a compiere cos'è Umodel? Umodel è un software basato su un test comportamentale che come esito associa l'utente ad uno dei nove modelli previsti dalla sua struttura; essi sono divisi in tre classi ognuna delle quali 2

3 caratterizzata da un differente rapporto nei confronti della società dei consumi. Umodel esiste dalla sua nascita in due versioni, una navigabile on-line 1 da un computer connesso ad Internet, mentre l'altra concepita come installazione interattiva; le due versioni si differenziano principalmente perché nell'installazione interattiva vengono collegate in rete più macchine e il coinvolgimento viene aumentato dall'uso di video proiettati su maxischermi che cambiano in base alle risposte che gli utenti danno al quiz. I concetti che quest'opera prova ad affrontare, in modo empirico e semiserio, sono principalmente due; il primo è che un ambiente sovraccarico di messaggi mediatici, influenza il nostro senso critico nei confronti della realtà, il martellamento mediatico in questo caso operato dalla continua ripetizione dei video, spesso in opposizione di senso, satura l'ambiente di stimoli mediali e rende difficile la concentrazione sulle risposte da dare al quiz. Questa operazione prova a simulare l'invasività dei mass-media che a colpi di spot commerciali, manifesti, insegne e banner pubblicitari stanno colonizzando sia lo spazio urbano che quello mentale della popolazione mondiale 2. In Umodel l'ambiente mediale e ricreato in uno spazio-tempo abbastanza compresso, in modo da ampliare l'effetto e cortocircuitare i processi logici dell'utente. Il secondo concetto legato più al quiz in sé e generalmente ai modelli 1 2 Tranne pochissime remote zone della terra la pubblicità commerciale è ormai presente in tutto il mondo. 3

4 comportamentali, viene affrontato nella fase finale del percorso dell'utente, quando dopo solo tre domande si viene associati ad un modello, di cui viene stilato un profilo fortemente critico e molto sommario. Altro punto importante è il metodo di calcolo dei modelli che è completamente casuale, ossia il software non tiene conto delle risposte fornite dall'utente ma semplicemente genera un numero casuale tra 1 e 9 ; si crea così uno slittamento della logica ferrea della psicoanalisi, propria dei quiz comportamentali, per approdare ad una dimensione quasi divinatoria. In questo modo il quiz comportamentale nega se stesso in un paradosso-operativo, in cui l'utente è esposto al giudizio inafferrabile del destino (rappresentato qui da una semplice ma imprevedibile approssimazione numerica) e alle conseguenze che questo porta con sé (dubbi, timori e riflessioni) come si comporta? Il comportamento di Umodel varia in base alla versione, attualmente è stato rilasciato in 2 versioni principali; la versione 0 e la versione 2. La versione 0 era molto semplice essa era composta da un breve quiz e il messaggio veniva passato solo nella definizione dei vari modelli, che venivano apertamente criticati in quanto tutti troppo soggetti agli stereotipi creati dai mass-media. La seconda versione viene completamente rinnovata 3, ora le domande vengono poste dopo la visione di una breve sequenza video (posta a sinistra dell'interfaccia utente) e contemporaneamente sulla parte destra, 3 Ecco perchè dalla verisone zero sono passato direttamente alla 2 4

5 viene visualizzato un mini spot 4 che in opposizione di senso rispetto al video della domanda, prova a cortocircuitare i processi logici dell'utente impegnato a rispondere al test. La compresenza di due video diversi (domanda e spot) nella stessa interfaccia genera di fatto una tensione percettiva, in quanto il senso dei due video spesso si incrocia. La compilazione del quiz, secondo la volontà dell'utente, è costantemente minacciata dai video che appaiono come spot a destra dell'interfaccia; in questo modo la neutralità del software viene meno, mostrando una chiara inclinazione psico-sociale, emerge una volontà di coercizione psicologica nei confronti del fruitore ignaro. Questa dinamica ricalca quella abitualmente usata dai mass-media per creare il consenso sociale, solo che la suddivide in due messaggi separati (videodomanda e video-spot). Se nei grandi media di informazione le notizie vengono confezionate appositamente, in modo da contenere sia la notizia che il modo "giusto" di leggerla, in Umodel queste due polarità del messaggio, una informativa e l'altra coercitiva, vengono mantenute distinte. Operando in questo modo l'utente che compila il quiz ha la chiara sensazione di essere manipolato, il medium inizia a perdere la trasparenza che troppo facilmente gli si attribuisce e da senza senso (tranne la trasparenza appunto) incomincia ad acquistarne uno e diventa opaco. Umodel, da software per il calcolo della personalità, inizia ad acquistare una personalità esso stesso e dall'alto di questa giudica gli sfortunati che si affidano ai suoi servigi. 4 Nell'installazione interattiva di Umodel questi spot vengono proiettati su maxi schermi nel momento in cui essi vengono visualizzati sui computer degli utenti. 5

6 0.3 -perché? Il perché della mia visione della società attuale coincide perfettamente con il perché della nascita di Umodel, nel senso che in una società utopica in cui l'informazione è realmente trasparente Umodel non avrebbe senso di esistere. Quello che resta da appurare a questo punto è quanto la mia lettura dell'universo dei mass-media risulti corretta. Questo è il fulcro della relazione su Umodel. La conoscenza approfondita della struttura dei mass-media e delle forze che agiscono all'interno del processo di formulazione, trasmissione e ricezione del messaggio mediatico mi daranno strumenti più "affilati" per far si che il progetto Umodel risulti sempre più "tagliente"; a questo proposito per provare a l'intricato mondo mediatico mi affiderò ai più illustri teorici e critici della comunicazione contemporanea. Dai "Persuasori occulti" di Vance Packard del 1958 a "Gli strumenti del comunicare" Mc Luhan, dal "Delitto perfetto" di Baudrillard ad Adbuster, dalla performing-art fino agli ultimi sviluppi della net-art 5 e proverò a dipanare le premesse che mi hanno spinto a concepire il progetto Umodel ed aggiornarlo nel corso di questi 2 anni. 5 Corrente artistica nata negli anni "90 legata alle telecomunicazioni informatiche, generalmente molto critica verso il medium che adotta. 6

7 1-premessa sociale "Lo spettacolo, compreso nella sua totalità, è nello stesso tempo il risultato e il progetto del modo di produzione esistente[...]. è il cuore dell'irrealismo della società reale." Guy Debord Nella civiltà contemporanea i mass-media hanno un ruolo determinante, sia nella formazione dei consumatori che nel loro successivo indirizzamento, tra la miriade di sfumature del culto della merce. La funzione pedagogico-didattica che i mass-media hanno assunto viene espletata tramite una variegata serie di strumenti da quelli più immediati come la pubblicità diretta ("Compra xxxxxxx ti farà bene!...") a quelli più velati e avvolgenti come i modelli comportamentali, in quest'ultimo caso il consumatore che decide di aderire ad un modello comportamentale piuttosto che ad un altro deve acquistare non il solo prodotto reclamizzato (dalla pubblicità che prova a venderci un bene di consumo associandolo ad un preciso modello di riferimento) ma l'intera filiera di prodotti che si addicono al modello prescelto. Molte delle logiche messe in atto dai pubblicitari e dai comunicatori di professione, non passano però dal vaglio del nostro senso critico, ma si infilano silenziosamente nel subconscio e da lì iniziano la loro opera 7

8 di indirizzamento del consumatore oppressione mediatica Come abbiamo iniziato ad intravedere, l'universo di segnali e messaggi generato dai mass-media non è per niente innocuo, nel 1957 Vance Packard, riporta un quadro molto dettagliato delle svariate tecniche che i persuasori occulti impiegavano maliziosamente già mezzo secolo fa. L'estratto che ho deciso di proporvi narra di come negli anni "50 tutti i settori dell'economia statunitense erano in crescita, tutti tranne quello dell'abbigliamento per uomo... "Gli psicologi che studiarono il problema giunsero alla conclusione che gli uomini erano trattenuti dal timore di apparire troppo vistosi. Ma i persuasori di professione pensarono che questo atteggiamento poteva essere controbilanciato dal crescente desiderio degli americani di far buona impressione sul gruppo sociale cui appartengono, o, in altri termini dal fatto che essi ormai sono eterodiretti 2...The American Institute of Men and Boy's Wear raccolse tra i 1 Immagino che questa affermazione possa sembrare troppo avventata senza esser supportata, da alcuna teoria consolidata ma lo scopo di questo capitolo e proprio quello di introdurre alcune di queste teorie. 2 Secondo la definizione di David Riesman, il sociologo dell'università di Chicago, etero-diretto è colui che - a differenza dell'auto-diretto di un tempo, il quale è guidato dai principi che durante l'infanzia i suoi maggiori hanno instillato in lui è guidato in prevalenza, nel suo comporatmento, dal desiderio di adeguarsi a 8

9 membri un fondo di 2 milioni di dollari per lanciare lo slogan "Vestire bene - Non potete permettervi di non farlo", la prima grande campagna di persuasione del genere che fosse mai stata fatta." Vance Packard "I Persuasori occulti" 1957 pag 160 Ovviamente nel giro di pochi anni la moda maschile cominciò a decollare come tutti gli altri settori della produzione. Il pronto intervento di psicologi della comunicazione unito ad una campagna pubblicitaria molto pressante si è rivelata un'arma affilatissima per cambiare la percezione di sè della maggior parte degli uomini americani di quel periodo. Se basta così poco per arrivare a cambiare i nostri gusti e i nostri orientamenti sociali bisognerebbe iniziare a domandarsi quanto di noi e della nostra percezione del mondo e governato dalla mano invisibile dei mass-media. "Il concetto di spettacolo unifica e spiega la grande diversità dei fenomeni apparenti. Le loro diversità e i loro contrasti sono le apparenze di questa apparenza socialmente organizzata, che deve essere essa stessa riconosciuta nella sua verità generale. Considerando secondo i suoi propri termini, lo spettacolo è l'affermazione dell'apparenza di ogni vita umana, cioè sociale, come mera apparenza. Ma la critica che raggiunge la verità dello spettacolo lo scopre come la negazione visibile della vita; come negazione della vita che è divenuta visibile." Guy Debord "La società dello spettacolo" 1967 pag 55 ciò che da lui si aspetta il gruppo sociale che egli frequenta abitualmente. 9

10 Se Packard descrive con precisione gli sviluppi della comunicazione mediatica nella sua era e lascia spesso le conclusioni al lettore, Debord critica violentemente tutto l'assetto sociale in quanto basato sullo spettacolo; questo ha come maggior causa la sparizione della realtà in favore della sua versione spettacolarizzata. La realtà mediata dallo spettacolo perde la sua fisicità per divenire immagine senza contenuto. In entrambi gli autori, comunque, anche se in modo completamente diverso, è chiarissima l'identificazione dei media come strumento di omologazione sociale capace di operare mutamenti profondi nell'assetto sociale della civiltà contemporanea. Abbiamo introdotto il potere dei media ora cominceremo a capire su quali livelli sociali esso opera. Il primo e il più visibile di questi livelli è sicuramente quello culturale, questo livello è quello che ne ha permesso un rapido sviluppo in quanto veicolatori di informazioni, dal momento che ogni famiglia ha avuto la possibilità di acquistare una televisione, questo potere di diffusione diventa totale. E questo comporta che un fatto reale o fittizio dal momento che viene trasmesso attraverso un televisore (ma anche un giornale, una radio...) questo acquista fisicità e diventa in qualche modo reale. Tutte le informazioni veicolate dai media esistono realmente solo a livello inconscio, ma non dobbiamo sottovalutare questo livello perché in esso risiede il nostro "vocabolario" per interpretare il mondo e su di esso si fonda la nostra percezione della realtà fisica. Dal momento che il nostro inconscio si popola sempre più dell'immaginario generato dai mass-media la nostra visione del 10

11 mondo muta in favore di una visione mediata e virtuale, ossia iniziamo ad interpretare il mondo attraverso le informazioni che i media ci danno di esso. In questa cortocirquitazione della realtà abbiamo sempre meno strumenti per interpretare i media in modo critico e rimaniamo soggetti completamente alla visione del mondo che essi ci impongono. Per arrivare a sorpassare il livello culturale dei mass-media e addentrarci più in profondità nella comprensione della loro struttura intrinseca ci affideremo ai testi di uno dei critici più famosi della comunicazione di massa, Marshall Mc Luahn il medium è il messaggio "Alcuni anni fa, accettando un laurea ad honorem all'università di Notre Dame, il generale David Sarnoff fece questa dichiarazione: «Siamo troppo propensi a fare degli strumenti tecnologici i capri espiatori di coloro che li maneggiano. In se stessi i prodotti della scienza moderna non sono ne buoni ne cattivi: è il modo in cui viene usata che ne determina il valore.» E' questa la voce dell'attuale sonnambulismo. Potremmo dire allo stesso modo: «La torta di mele non è né buona né cattiva; è il modo in cui viene usata che ne determina il valore.» Oppure: «Il virus della varicella non è né buono né cattivo. E' il modo in cui viene usato che ne determina il valore.» O anche: «Le armi da fuoco non sono né buone 11

12 né cattive. E' il modo in cui vengono usate che ne determina il valore.» In altre parole se le pallottole colpiscono le persone giuste, le armi da fuoco sono buone. Ed è buono il tubo della televisione se spara le munizioni contro le persone giuste." Marshall Mc Luhan "Gli strumenti del comunicare" (1967 Il Saggiatore pag 19) Rispetto ai due testi precedenti Mc Luhan fa un passo in avanti radicale, affermando che il medium è il messaggio, ossia dicendo in pratica che il contenuto di un media, per quanto curato sia, seguirà sempre le logiche intrinseche al medium che lo contiene. Riferito ai mass-media questo significa che ogni programma televisivo, ogni articolo di giornale, ogni cartellone pubblicitario per quanto interessante, possa esser il contenuto di cui essi trattano, non farà altro che promuovere il medium che lo trasporta. Il contenuto culturale dei media come vediamo viene annullato di fatto, nella teoria di Mc Luhan, dal potere di propagazione del medium stesso. In questo senso la televisione con tutte le informazioni che trasmette e tutta la cultura di cui si fa tramite(?) non farebbe altro che rendere il pubblico dipendente, in modo passivo da queste informazioni, che si guardi una trasmissione sportiva, come una pubblicità o una tribuna politica. A questo livello la struttura del medium definisce l'impatto sociale dello stesso, questa teoria che può sembrare molto sommaria e empirica, spesso viene mal interpretata, in quanto si confonde la struttura di medium, con la tecnologia su cui esso si fonda. I mass- 12

13 media moderni sono caratterizzati da strutture finanziarie molto complesse e influenti a livello politico; tutti questi elementi sono da includere nella valutazione della struttura di un medium. A questo punto sarebbe utile dare una definizione precisa di medium, ma anche affidandoci allo stesso Mc Luhan essa rimane sfuggevole, in quanto secondo lui il contenuto di un medium è sempre un altro medium. "In questo contesto può risultare illuminante l'esempio della luce elettrica. Essa è informazione allo stato puro. E' un medium, per così dire, senza messaggio, a meno che non lo si impieghi per formulare qualche annuncio verbale o qualche nome. Questo fatto, comune a tutti i media, indica che il contenuto di un medium è sempre un altro medium.[...] Ma ciò che stiamo esaminando sono le conseguenze psichiche e sociali dei diagrammi o degli schemi, nella misura in cui amplificano o accelerano processi già esistenti. Perché il messaggio di un medium o di una tecnologia è nel mutamento di proporzioni, di ritmo o di schemi che introduce nei rapporti umani." Mc Luhan (Ibid pag. 16) Aggiungendo quest'ultima teoria dovremmo iniziare a comprendere la complessità degli odierni mass-media, essi in fatti, sono costituiti da una serie di altri media nidificati. La televisione, ad esempio, è un insieme di programmi, che sono a loro volta divisi in palinsesti, all'interno di cui trovano posto tutti i vari servizi, video, quiz, pubblicità etc... Analizzando questi ultimi vedremmo che essi sono in 13

14 definitiva composti da altri singoli medium; se il contenuto di ogni singolo medium è subordinato alla struttura del medium stesso, come abbiamo detto prima. Il contenuto del media a cui ci stiamo riferendo, in questo caso la televisione, viene mutilato ad ogni singolo passaggio attraverso i vari medium. Se parlassimo dei media di informazione, il contenuto sarebbe la realtà, nel tal caso essa difficilmente apparirebbe sul nostro teleschermo, in quanto ripetutamente mutilata dalle specificità tecniche, di ogni media al quale si affida e giungerebbe a noi mutata completamente di senso. Concludiamo citando una frase di Baudrillard che a sua volta parla della teoria di Mc Luhan appena citata. La verità dei mass-media è dunque la seguente: essi hanno per funzione quella di neutralizzare il carattere vissuto, unico, fattuale del mondo, per sostituirvi un universo multiplo di media omogenei gli uni agli altro, i quali si significano e si rinviano l'un l'altro. Al limite, essi divengono il contenuto reciproco gli uni dagli altri. Ed è la il messaggio totalitario della società dei consumi il mercato delle merci Jean Baudrillard il sogno della merce pag 98 Parlando di mass-media nella società consumistica in cui ci troviamo è indispensabile fare un discorso a parte sulla merce, in quanto su di essa è fondato il culto del consumo; esso sta alla base 14

15 dell'etica e dell'estetica contemporanea, ed è in definitiva lo scopo ultimo dei mass-media, in quanto giustificazione della produzione sfrenata, del mercato delle merci. Il culto della merce è il campo d'azione della pubblicità, quello che essa ci porta è l'immagine del prodotto, o almeno così dovrebbe essere... L'interesse ultimo della pubblicità infatti, non è farci conoscere il prodotto, ma spingerci ad acquistarlo; questa lieve differenza, implica il fatto che ai pubblicitari non interessa affatto informarci delle qualità del prodotto, dal momento che queste non assicurano una spinta diretta al consumo. Un esempio banale, ma indicativo, potrebbe essere il fatto che nelle pubblicità di automobili, difficilmente veniamo informati dell'impatto che esse hanno sull'ambiente 3. La lieve differenza assume sempre più le dimensioni di un abisso, e l'immagine si distanzia sempre più dal suo contenuto. Le odierne pubblicità commerciali tendono sempre meno a celebrare la merce, piuttosto tendono a presentarla in contesti avvolgenti e affascinanti, in modo che, al fruitore dello spot, rimanga una sensazione piacevole, legata all'immagine del prodotto e conseguentemente vada ad acquistare il prodotto per ricreare quella particolare atmosfera, anche se solo a livello psichico e inconscio. Ed è proprio a questo livello subliminale che i media pubblicitari operano; i messaggi che ci bombardano tutti i giorni ripetutamente non scompaiono infatti dopo esser stati colti dalla nostra percezione, 3, a meno che, per qualche artificio tecnico non inquinino meno della media e in quel caso potrebbe esser di stimolo verso il consumatore attento all'inquinamento, sapere che la sua macchina inquina meno di quella degli altri (anche se comunque inquina parecchio lo stesso). 15

16 ma si rifugiano nell'inconscio. La realtà creata dai media non esiste nel mondo reale essa esiste solo nella mente del consumatore, anche nel caso in cui i media si riferiscano a fatti realmente accaduti, essi cessano di esistere nella fisicità, in favore della nuove dimensione mediatica nella quale sono mutati. La sparizione della realtà in funzione della sua rinascita virtuale e pubblicitaria è da imputare all'annullamento del senso operato dai mass media nella società dell'informazione. Gli iconolatri di Bisanzio, erano gente sottile, che pretendeva di rappresentare Dio per la sua massima gloria ma che, simulando Dio nelle immagini, dissimulava perciò stesso il problema della sua esistenza. Dietro ciascuna di esse, di fatto, Dio era scomparso. Non era morto era scomparso. La quesitone, cioè, non si poneva neanche più. Era risolta dalla simulazione. Così ci comportiamo col problema della verità o della realtà di questo mondo: l'abbiamo risolto con la simulazione tecnica, e con la profusione d'immagini in cui non c'è più niente da vedere gli stili di consumo Jean Baudrillard Il delitto perfetto pag 9 In una società incentrata sul consumismo come la nostra, si può dire tranquillamente che noi siamo quello che consumiamo. Questo significa che in base a ciò che consumiamo veniamo 16

17 riconosciuti dai nostri simili, l'esempio più evidente di questo paradigma sono sicuramente i vestiti; essi infatti compongono la nostra immagine. Per chi ci incrocia per strada il nostro abbigliamento è l'unica componente che denota con sicurezza il nostro look di riferimento (classico, sportivo, fashion, trasgressivo, di strada etc...) ma questa considerazione non si riduce ai vestiti,bensi è estendibile a moltissime altre categorie di prodotti, pensiamo all'automobile, alla spesa al supermarket, alla fruizione dei programmi televisivi, ai nostri gusti letterari. Ogni singolo acquisto che compiamo ci etichetta in una tipologia di consumatore differente, se ogni categoria di prodotti, in definitiva, genera diverse categorie di consumo, il nostro stile come consumatori è nel prodotto di tutte queste categorizzazioni, e sta solo a noi la decisione di come associare i vari stili di consumo di cui ci facciamo promotori. Ognuno cerca il proprio look. Dato che non è più possibile trarre argomenti dalla propria miseria o dalla propria virtù, dalla propria autenticità o dalla propria cattiva coscienza (finito l'esistenzialismo), dato che non è più possibile trovare la grazia nello sguardo dell'altro (nessuno più si guarda, finita la seduzione), ciascuno è tenuto ad apparire per sé senza preoccuparsi di esserci, e nemmeno di esser guardato. Il look è questo, è ancora una volta il <io esisto, ci sono, sono un'immagine, guarda, guarda!>. Forse sarà un simulacro, ma non si tratta di narcisismo, è un'inibizione, una sorta di ingenuità pubblicitaria in cui ciascuno diventa l'impresario della propria apparenza e del proprio artificio. C'è una nuova passione, ironica e diversa, di esseri senza illusioni sul proprio desiderio, ma tanto più 17

18 affascinati dalle proprie performance. [...] Nell'ordine dell'azione, il look performance prende la forma dell'azione performance. I did it! : è lo slogan di una nuova forma di attività autistica, di forma pura e vuota, di sfida a sé stessi che dolcemente assume del tutto, a livello di costume ma anche degli affari, la forma dell'azione prometeica, cioè competizione, sforzo, riuscita. Vittoria senza storia, prodezza senza conseguenze. Così si può correre la maratona di New York semplicemente per dire, allo stremo delle forze: I did it!. Ho vinto l'annapurna: I did it!. Lo sbarco sulla luna è dello stesso ordine, We did it! E' una performance, cioè un evento programmato nella traiettoria del progresso e della scienza. Bisognava farlo. Lo si è fatto. E questo non ha per niente rilanciato l'immaginario spaziale, né il sogno millenario dello spazio, ma al contrario li ha in qualche modo esauriti. Ma lo si è fatto. Jean Baudrillard il sogno della merce pag 37, produzione di senso univoca e stereotipata Se l'annientamento della realtà fisica da parte di quella mediatica può apparirci senza senso, dobbiamo scendere ancora più in profondità nella lettura dei media. Il senso infatti, nella produzione mediale, ha importanza solo dal momento che si comunica un determinato messaggio, con il passaggio al messaggio 18

19 successivo il senso può essere tranquillamente annullato dall'alternanza paradossale, a cui gli odierni media ci hanno abituato. Se l'ambito di validità del senso dura solo il tempo della pronunciazione del messaggio, non si è più nella condizione di dare un senso alla realtà mediatica [...]l'efficacia reale (della mancanza di senso ndr): consiste nell'imporre attraverso la successione sistematica dei messaggi l'equivalenza a livello semiotico della storia e dei fatti di cronaca, dell'avvenimento e dello spettacolo, dell'informazione e della pubblicità. E' là il vero effetto del consumo e non nel discorso pubblicitario diretto. E' nell'operazione di montaggio, grazie ai supporti tecnici della TV e della radio, l'avvenimento e il mondo reale in messaggi discontinui,successivi, non contraddittori segni giustapponibili e combinabili ad altri segni nella dimensione astratta dell'emissione[...] Jean Baudrillard il sogno della merce pag 96 L'unico senso che si può trovare trovare nei media contemporanei è il consumo indistinto e indifferenziato di ogni merce che ci viene proposta, sia essa cibo, abbigliamento, informazione o spettacolo. Si perché ogni cosa che viene trasmessa attraverso un mass-media diventa merce: l'informazione è merce in quanto forma l'opinione pubblica, il pensiero unico, omologato che è la base del consenso, che si traduce in potere per il sistema dominante (che non è più lo stato ma il mercato); lo spettacolo diventa merce per lo stesso 19

20 motivo, formando il consenso verso sé stesso promuove l'effimero, l'effetto, l'immagine senza contenuto che è alla base di tutto il sistema mediatico e consumistico. 20

21 2.0 la strategia Umodel Spero di esser riuscito nel capitolo precedente, a dare al lettore, i primi strumenti per meglio interpretare l'azione sociale operata dai media di massa. Nel quadro che abbiamo appena descritto, i media odierni perdono sempre più la trasparenza che troppo ingenuamente gli si attribuiva, la realtà che media ci impongono troppo spesso è funzionale solo alla celebrazione di loro stessi e del consumismo come stile di vita mediatico per eccellenza. Ritornando a Umodel, esso sfrutta l'opacità del medium che lo trasporta in vari modi; se nel capitolo precedente abbiamo introdotto a livello generale alcune leggi utili alla comprensione dei media in generale, in questo vorrei concentrarmi sugli aspetti mediatici a cui Umodel si rifà maggiormente. Essi sono direttamente derivati dalla struttura mediatica ed è attraverso essi che si crea l'illusione nel fruitore. L'illusione di trovarsi davanti a un software che li può giudicare con cognizione di causa, l' illusione di rispondere alla domande del quiz senza essere influenzati dagli spot, e alla fine l'illusione di ritrovarsi o meno nel modello comportamentale con cui veniamo etichettati. Tutta la realtà creata dai media vive sull'illusione, scopo di Umodel è quello di creare l'illusione e distruggerla davanti agli occhi del fruitore ignaro. Questo processo è il vero senso insito nella struttura di Umodel ed è questo a trascendere ogni altro senso che gli si vuole attribuire. La struttura di Umodel è basata su poche regole principali che determinano come 21

22 abbiamo detto il senso del medium stesso. Scopo di questo capitolo è quello di capire da cosa queste regole derivino impressionabilità del fruitore La potenza dei mass-media aumenta tanto più impressionabile è il pubblico che li utilizza, l'impressionabilità del fruitore in definitiva è il grado di avvolgimento, di illusione che proviamo di fronte allo spettacolo inscenato dai mass-media. Se la legge che abbiamo appena formulato è valida possiamo dire tranquillamente che mediamente siamo un pubblico estremamente impressionabile, in quanto i mass-media hanno potere indiscusso sulle masse di consumatori. Per portare un esempio reale ci serviremo di una ricerca condotta dal sociologo David Phillips dell'università di San Diego, che indica chiaramente il livello drastico della nostra inclinazione a farci impressionare dai media. L'ultima sensazionale predizione di Phillips: entro 4 giorni dal prossimo combattimento per il titolo dei pesi massimi trasmesso in televisione, almeno 11 innocenti cittadini degli Stati Uniti che altrimenti non sarebbero morti verranno uccisi a sangue freddo. Il motivo: le persone imparano dal comportamento di coloro che vedono e ammirano in televisione. Ecco come Phillips è arrivato a fornire la sua sensazionale predizione. Prima di tutto si è procurato un elenco completo degli incontri di boxe per il titolo dei pesi massimi ed ha esaminato le fluttuazioni 22

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966).

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966). Riassunto La comunicazione pubblicitaria è, nel mondo contemporaneo, una presenza costante, una realtà sempre più pervasiva che trova ampio spazio all interno dei media tradizionali e non, attraverso le

Dettagli

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA 1. Leggi l articolo e scegli la parola giusta tra quelle fornite per riempire gli spazi. Tutti i giorni i messaggi pubblicitari ci prendono d assalto. Ovunque guardiamo,

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

La psicologia dello sport, un contributo necessario alla crescita dell atleta anche nel triathlon

La psicologia dello sport, un contributo necessario alla crescita dell atleta anche nel triathlon La psicologia dello sport, un contributo necessario alla crescita dell atleta anche nel triathlon di Barbara Rossi La psicologia e lo sport hanno un minimo comune denominatore che è la persona, condividono

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Kurt Lewin (1890-1947)

Kurt Lewin (1890-1947) Kurt Lewin (1890-1947) Famiglia ebraica. Nasce in Prussia nella odierna Polonia. Partecipa alla I guerra mondiale. Si laurea e inizia a insegnare all università di Berlino. 1933 emigra negli USA. Sviluppa

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia

La Notizia GIORNALE. La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia La notizia è un'informazione su un fatto o un avvenimento (in corso o concluso) avvenuto in Italia o nel mondo data da un giornalista per mezzo CARTACEOLa dei giornali (stampa, trasmissione televisiva,

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole elementari e medie alla lettura e alla comprensione del

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

Glossario. Glossario

Glossario. Glossario Glossario A Addetto stampa: soggetto che, all interno di un azienda o di un organizzazione, cura l immagine e i rapporti con i mass media. Advertising: un insieme di tecniche che, nel linguaggio di marketing,

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Con il termine elettronic learning o e-learninge indichiamo l apprendimento supportato dalla rete. Le definizioni sono molte e dalle mille sfumature

Con il termine elettronic learning o e-learninge indichiamo l apprendimento supportato dalla rete. Le definizioni sono molte e dalle mille sfumature Il ricercatore ha bisogno di una serie di ipotesi da cui partire per orientare le sue azioni, che possono essere verificate sperimentalmente [...]. Senza una teoria le sue attività possono essere inconsulte

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

TEORIE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE DELLA COMUNICAZIONE TEORIE DELLA COMUNICAZIONE Clemente Danieli «La mente e l albero» Binazzi Tucci «Scienze sociali» AIME «Ciò che noi siamo» Ugo Fabietti «Antropologia» Avalle Maranzana «L individuo fra natura e cultura»

Dettagli

vuoto o una ferita" come dice Antonio Origgi.

vuoto o una ferita come dice Antonio Origgi. Cambiare la vita... dalla Auto-Osservazione Cambiare vita richiede prima di tutto una consapevolezza del punto reale in cui ci si trova adesso. Cambiare vita richiede poi una consapevolezza di cosa realmente

Dettagli

comunicazione Gli elementi della Università degli Studi di Udine Dipartimento Economia Società Territorio di Claudio Melchior

comunicazione Gli elementi della Università degli Studi di Udine Dipartimento Economia Società Territorio di Claudio Melchior Università degli Studi di Udine Dipartimento Economia Società Territorio Gli elementi della comunicazione di Claudio Melchior claudio.melchior@uniud.it INDICE 1. EMITTENTE pag. 3 2. RICEVENTE pag. 5 3.

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V.

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. LA VENDITA ETICA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

IL FUTURO DELL AMBIENTE È NELLE NOSTRE MANI. La campagna incontra la scuola.

IL FUTURO DELL AMBIENTE È NELLE NOSTRE MANI. La campagna incontra la scuola. IL FUTURO DELL AMBIENTE È NELLE NOSTRE MANI. La campagna incontra la scuola. LA CLASSE ALLE PRESE CON LA COMUNICAZIONE AMBIENTALE Per sviluppare a scuola la campagna Il futuro dell ambiente è nelle nostre

Dettagli

Etica della comunicazione pubblicitaria

Etica della comunicazione pubblicitaria La pubblicità Mira a influenzare pensieri e comportamenti L etimologia deriva dal latino pubblicare = far conoscere E diretta a informare e persuadere anche attraverso l esibizione di contenuti simbolici

Dettagli

Potere e Significato della Comunicazione Non verbale

Potere e Significato della Comunicazione Non verbale 1 Potere e Significato della Comunicazione Non verbale Riconoscere i gesti di chi ci sta di fronte. Sapere come interagire efficacemente Cosa significano i gesti delle persone che abbiamo di fronte? La

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

2. Industry component

2. Industry component 1. Executive summary In questo documento verrà spiegato ed analizzato il lavoro svolto per l'azienda Pivato Porte (www.pivatoporte.com) attraverso l'utilizzo degli strumenti resi disponibili da Google

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Anna La Prova Ansia e Panico Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Indice Introduzione 3 Che cos è l ansia 8 Cosa sono le emozioni 24 Gestire l ansia in 3 passi: la tecnica 3AF 39 Come

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Le fondamenta di qualsiasi attività commerciale (online e offline)

Le fondamenta di qualsiasi attività commerciale (online e offline) Seminario gratuito in 5 lezioni: Scopri cos'è e come funziona Google AdWords, lo strumento più efficace per farti trovare 24 ore su 24 da potenziali clienti interessati ad acquistare i tuoi prodotti e

Dettagli

LA CITTA Gioco di simulazione

LA CITTA Gioco di simulazione LA CITTA Gioco di simulazione Il gioco di simulazione La città propone ai partecipanti di affrontare il tema della legalità riportandolo a vissuti vicini al loro quotidiano e analizzandolo dalla prospettiva

Dettagli

Lottare si ma sapendo come.

Lottare si ma sapendo come. Lottare si ma sapendo come. Vorrei che prima di commentare leggeste tutta la nota, perché arrivando a metà nota si può tranquillamente dire i cambiamenti ci sono le persone stanno cambiano e svegliandosi

Dettagli

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi Cari Presidenti, le prossime elezioni per il rinnovo del Comitato Centrale coincidono con la conclusione della mia esperienza

Dettagli

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI

AUTO-IPNOSI. Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI AUTO-IPNOSI Siamo quello che siamo e dove siamo perché prima lo abbiamo immaginato. (Donald Curtis) AUTO-IPNOSI E una tecnica terapeutica molto efficace, può essere applicata per risolvere alcuni disturbi

Dettagli

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE

LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE E-book HRP 1_2013 LA DIREZIONE DELLE RISORSE UMANE Questo e-book è stato realizzato per esaudire la richiesta di molti partecipanti all evento V.I.P. Very Important Person. Ridiamo valore alle Persone

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Uomo in carriera OSVALDO DUILIO ROSSI

Uomo in carriera OSVALDO DUILIO ROSSI www.xos.it : 2006 Osvaldo Duilio Rossi : UOMO IN CARRIERA : 1 OSVALDO DUILIO ROSSI Uomo in carriera Questa guida è dedicata a tutti gli iscritti e contiene una sintesi delle notizie che potranno essere

Dettagli

Cookie Law La Guida Base

Cookie Law La Guida Base Cookie Law La Guida Base versione 1.0 Premessa: cosa sono i Cookies e come funziona il Web Per capire il senso e il fine della Cookie Law è necessario conoscere il contesto in cui nasce questa legge, e

Dettagli

Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda. A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo

Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda. A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo Edward Louis Bernays Le Tecniche di Manipolazione dell Opinione Pubblica e la Propaganda A cura di Ilenia Colonna e Laura Ribezzo Pubblicista e pubblicitario statunitense di origine austriaca, Edward L.

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla

CIAO... E POI? di Eric Berne. Recensione a cura di Cristiano Brambilla CIAO... E POI? di Eric Berne Recensione a cura di Cristiano Brambilla Questo libro parte da un semplice saluto per interrogarsi su tutto ciò che avviene dopo. Salutare significa per Berne "vedere l'altra

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE INTRODUZIONE Internet è inevitabilmente parte delle nostre vite. Facebook, MySpace, Filckr, Wikipedia, Google tutti strumenti che la maggior parte di noi utilizza, padroneggia, critica o apprezza. Sono

Dettagli

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana

Psiche e complessità. 3. Complessità della comunicazione umana Psiche e complessità 3. Complessità della comunicazione umana Riepilogo Negli incontri precedenti abbiamo visto la differenza tra problemi complicati e problemi complessi Tullio Tinti 2 Riepilogo Problemi

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

Comunicazione LA COMUNICAZIONE. Articolo di Rosanna Gallo : Settore Volontariato, Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori, Milano.

Comunicazione LA COMUNICAZIONE. Articolo di Rosanna Gallo : Settore Volontariato, Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori, Milano. Comunicazione LA COMUNICAZIONE Articolo di Rosanna Gallo : Settore Volontariato, Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori, Milano. Definizione La comunicazione è un processo di scambio di informazioni

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Psicologia come scienza: storia e metodi Psicologia scientifica e psicologia ingenua Scienza e senso comune Teoria ingenua: teoria fondata non su controlli scientifici ma sull'esperienza

Dettagli

Per sviluppare le persone e i comportamenti

Per sviluppare le persone e i comportamenti Per promuovere l innovazione e il cambiamento Te.D si moltiplica Per sviluppare le persone e i comportamenti Teatro d Impresa 1. Profilo individuale: siamo accreditati Success Insights, uno strumento altamente

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri

Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Incontro 3: Corso di aggiornamento sull uso di internet Rischi e pericoli del mondo virtuale: accorgimenti per navigare sicuri Istituto Alberghiero De Filippi Via Brambilla 15, 21100 Varese www.istitutodefilippi.it

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali

Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Identità e videogiochi: essere qualcuno nei mondi virtuali Prof. Michela De Luca Corso di Cyberpsicologia- Lumsa Dott.Massimiliano Marzocca Psicologo Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it www.massimilianomarzocca.it

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli