Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide"

Transcript

1 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Guida alle funzioni avanzate di Red Hat Satellite Edizione 1 John Ha Lana Brindley Daniel Macpherson Athene Chan David O'Brien

2 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Guida alle funzioni avanzate di Red Hat Satellite Edizione 1 John Ha Red Hat Engineering Co ntent Services Lana Brindley Red Hat Engineering Co ntent Services Daniel Macpherso n Red Hat Engineering Co ntent Services Athene Chan Red Hat Engineering Co ntent Services David O'Brien Red Hat Engineering Co ntent Services

3 Nota Legale Copyright 2013 Red Hat, Inc. T his document is licensed by Red Hat under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License. If you distribute this document, or a modified version of it, you must provide attribution to Red Hat, Inc. and provide a link to the original. If the document is modified, all Red Hat trademarks must be removed. Red Hat, as the licensor of this document, waives the right to enforce, and agrees not to assert, Section 4d of CC-BY-SA to the fullest extent permitted by applicable law. Red Hat, Red Hat Enterprise Linux, the Shadowman logo, JBoss, MetaMatrix, Fedora, the Infinity Logo, and RHCE are trademarks of Red Hat, Inc., registered in the United States and other countries. Linux is the registered trademark of Linus Torvalds in the United States and other countries. Java is a registered trademark of Oracle and/or its affiliates. XFS is a trademark of Silicon Graphics International Corp. or its subsidiaries in the United States and/or other countries. MySQL is a registered trademark of MySQL AB in the United States, the European Union and other countries. Node.js is an official trademark of Joyent. Red Hat Software Collections is not formally related to or endorsed by the official Joyent Node.js open source or commercial project. T he OpenStack Word Mark and OpenStack Logo are either registered trademarks/service marks or trademarks/service marks of the OpenStack Foundation, in the United States and other countries and are used with the OpenStack Foundation's permission. We are not affiliated with, endorsed or sponsored by the OpenStack Foundation, or the OpenStack community. All other trademarks are the property of their respective owners. Sommario Benvenuti alla Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide. La Red Hat Satellite Reference Guide vi guiderà attraverso le funzioni avanzate del server di Satellite.

4 Indice Indice. Prefazione A chi è rivolto 7 2. Convenzioni del documento Convenzioni tipografiche Convenzioni del documento Note ed avvertimenti 9 3. Come ottenere assistenza ed inviare commenti Avete bisogno di aiuto? Inviateci i vostri commenti! 10. Capitolo Informazioni specifiche al... Red.... Hat..... Satellite Strumento della linea di comando per la gestione della Configurazione Red Hat Network Actions Control Opzioni generali della linea di comando Red Hat Network Configuration Client Elenco dei file di configurazione Come ottenere un file di configurazione Visualizzazione dei canali di configurazione Differenze tra i file di configurazione Verifica dei file di configurazione Red Hat Network Configuration Manager Creazione di un canale di configurazione Come aggiungere un file ad un canale di configurazione Differenze tra gli ultimissimi file di configurazione Differenze tra diverse versioni Come scaricare tutti i file all'interno di un canale Come ottenere i contenuti di un file Come elencare tutti i file in un canale Come elencare tutti i canali di configurazione Come rimuovere un file da un canale Come cancellare un canale di configurazione Come determinare il numero delle revisioni del file Come aggiornare un file presente all'interno di un canale Come caricare file multipli simultaneamente Monitoring Prerequisiti Configurazione di Red Hat Network Monitoring Daemon (rhnmd) Installazione di Red Hat Network Monitoring Daemon Come configurare SSH Come installare la chiave SSH Configurazione del pacchetto mysql per i probe Come abilitare le notifiche Creazione dei metodi di notifica Ricezione delle notifiche Ridirezionamento delle notifiche Cancellazione dei metodi di notifica Informazioni sui Probe Gestione dei probes Come stabilire i limiti Monitoraggio del server di Satellite Monitoring Stato di Probe 29 1

5 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Stato di Probe Critical Stato di Probe Warning Stato di Probe Unknown Stato di Probe Pending Stato di Probe OK Stato di Probe Tutti Stato corrente Notifica Notifica Filtri Notifica Filtri di notifica Filtri attivi Notifica Filtri di Notifica Filtri Scaduti Suite di Probe Scout Config Push Configurazione Monitoring generale 1.3. Satellite multipli Sincronizzazione Inter-Satellite Configurazione manuale Configurazione automatizzata Sincronizzazione per organizzazione Casi di utilizzo dell'inter-satellite Synchronization Capitolo Informazioni specifiche al... Red.... Hat..... Satellite e.. Solaris UNIX Support Guide Introduzione Varianti di UNIX supportate Prerequisiti Caratteristiche incluse Differenze di funzionalità Funzionalità escluse Preparazione/Configurazione del Satellite Server Preparazione del Sistema Client di Unix Scaricare ed installare i pacchetti aggiuntivi Installazione dei pacchetti T hird-party Configurazione percorso di ricerca della libreria Come scaricare i pacchetti del client di Red Hat Network Installazione dei pacchetti di Red Hat Network Includere i pacchetti di Red Hat Network nel PAT H Implementazione certificati SSL del client Configurazione dei client Registrazione e aggiornamenti del client Unix Registrazione dei sistemi Unix Acquisizione degli aggiornamenti Caricamento pacchetti sul Satellite solaris2mpm rhnpush con file.mpm Aggiornamento attraverso il sito web rhnsd Aggiornamento attraverso la linea di comando Comandi remoti Abilitazione dei comandi Come digitare i comandi 57. Capitolo Informazioni sul.... Red.... Hat..... Satellite Proxy Utilizzo di Red Hat Network Package Manager e Serving Local Package attraverso il Red Hat Network Proxy Creazione di un canale privato 60 2

6 Indice Caricamento dei pacchetti 60. Capitolo Gestione dei.... pacchetti personalizzati Creazione dei pacchetti per Red Hat Network Vantaggi offerti da RPM Guide linea per l'rpm di Red Hat Network Firme digitali per i pacchetti di Red Hat Network Generazione di una coppia di chiavi GnuPG Firma dei pacchetti Come importare le chiavi GPG personalizzate 67. Capitolo T.. roubleshooting Spazio del disco Installazione ed aggiornamento Servizi Connettività Registrazione e notifiche Errori Interfaccia web Anaconda Messaggi di T raceback Registrazione Kickstart e Snippet Monitoring Satellite di organizzazioni multiple e Certificati satellite Installazione e configurazione del Proxy 86. Probe A.1. Direttive su Probe 92 A.2. Apache 1.3.x e 2.0.x 93 A.2.1. Apache::Processes 93 A.2.2. Apache::T raffic 94 A.2.3. Apache::Uptime 95 A.3. BEA WebLogic 6.x e versione più recente 95 A.3.1. BEA WebLogic::Execute Queue 95 A.3.2. BEA WebLogic::Heap Free 96 A.3.3. BEA WebLogic::JDBC Connection Pool 96 A.3.4. BEA WebLogic::Server State 97 A.3.5. BEA WebLogic::Servlet 97 A.4. Generale 98 A.4.1. General::Remote Program 98 A.4.2. General::Remote Program with Data 99 A.4.3. General::SNMP Check 99 A.4.4. General::T CP Check 100 A.4.5. General::UDP Check 100 A.4.6. General::Uptime (SNMP) 101 A.5. Linux 101 A.5.1. Linux::CPU Usage 101 A.5.2. Linux::Disk IO T hroughput 102 A.5.3. Linux::Disk Usage 102 A.5.4. Linux::Inodes 103 A.5.5. Linux::Interface T raffic 103 A.5.6. Linux::Load 104 A.5.7. Linux::Memory Usage 104 A.5.8. Linux::Process Counts by State 105 A.5.9. Linux::Process Count T otal 105 3

7 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide A Linux::Process Health A Linux::Process Running A Linux::Swap Usage A Linux::T CP Connections by State A Linux::Users A Linux::Virtual Memory A.6. LogAgent A.6.1. LogAgent::Log Pattern Match A.6.2. LogAgent::Log Size A.7. MySQL A.7.1. MySQL::Database Accessibility A.7.2. MySQL::Opened T ables A.7.3. MySQL::Open T ables A.7.4. MySQL::Query Rate A.7.5. MySQL::T hreads Running A.8. Network Services A.8.1. Network Services::DNS Lookup A.8.2. Network Services::FT P A.8.3. Network Services::IMAP Mail A.8.4. Network Services::Mail T ransfer (SMT P) A.8.5. Network Services::Ping A.8.6. Network Services::POP Mail A.8.7. Network Services::Remote Ping A.8.8. Network Services::RPCService A.8.9. Network Services::Secure Web Server (HT T PS) A Network Services::SSH A Network Services::Web Server (HT T P) A.9. Oracle 8i, 9i, 10g, e 11g A.9.1. Oracle::Active Sessions A.9.2. Oracle::Availability A.9.3. Oracle::Blocking Sessions A.9.4. Oracle::Buffer Cache A.9.5. Oracle::Client Connectivity A.9.6. Oracle::Data Dictionary Cache A.9.7. Oracle::Disk Sort Ratio A.9.8. Oracle::Idle Sessions A.9.9. Oracle::Index Extents A Oracle::Library Cache A Oracle::Locks A Oracle::Redo Log A Oracle::T able Extents A Utilizzo di Oracle::T ablespace A Oracle::T NS Ping A.10. Red Hat Satellite A Red Hat Satellite::Disk Space A Red Hat Satellite::Execution T ime A Red Hat Satellite::Interface T raffic A Red Hat Satellite::Latency A Red Hat Satellite::Load A Red Hat Satellite::Probe Count A Red Hat Satellite::Process Counts A Red Hat Satellite::Processes A Red Hat Satellite::Process Health A Red Hat Satellite::Process Running A Red Hat Satellite::Swap

8 Indice A Red Hat Satellite::Users 133. Diario delle Revisioni

9 6 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide

10 Prefazione Prefazione 1. A chi è rivolto Questa guida è rivolta agli amministratori di sistema i quali dovranno gestire gli aggiornamenti per i sistemi presenti su una rete interna. 2. Convenzioni del documento Questo manuale utilizza numerose convenzioni per evidenziare parole e frasi, ponendo attenzione su informazioni specifiche. Nelle edizioni PDF e cartacea questo manuale utilizza caratteri presenti nel set Font Liberation. Il set Font Liberation viene anche utilizzato nelle edizioni HT ML se il set stesso è stato installato sul vostro sistema. In caso contrario, verranno mostrati caratteri alternativi ma equivalenti. Da notare: Red Hat Enterprise Linux 5 e versioni più recenti, includono per default il set Font Liberation Convenzioni tipografiche Vengono utilizzate quattro convenzioni tipografiche per richiamare l'attenzione su parole e frasi specifiche. Queste convenzioni, e le circostanze alle quali vengono applicate, sono le seguenti. Neretto m onospazio Usato per evidenziare l'input del sistema, incluso i comandi della shell, i nomi dei file ed i percorsi. Utilizzato anche per evidenziare tasti e combinazione di tasti. Per esempio: Per visualizzare i contenuti del file m y_next_bestselling_novel nella vostra directory di lavoro corrente, inserire il comando cat m y_next_bestselling_novel al prompt della shell e premere Invio per eseguire il comando. Quanto sopra riportato include il nome del file, un comando della shell ed un tasto, il tutto riportato in neretto monospazio e distinguibile grazie al contesto. Le combinazioni si distinguono dai tasti singoli tramite l'uso del segno più, il quale viene usato per creare una combinazione di tasti. Per esempio: Premere Invio per eseguire il comando. Premere Ctrl+Alt+F2 per usare un terminale virtuale. Il primo esempio evidenzia il tasto specifico singolo da premere. Il secondo riporta una combinazione di tasti: un insieme di tre tasti premuti contemporaneamente. Se si discute del codice sorgente, i nomi della classe, i metodi, le funzioni i nomi della variabile ed i valori ritornati indicati all'interno di un paragrafo, essi verranno indicati come sopra, e cioè in neretto m onospazio. Per esempio: Le classi relative ad un file includono filesystem per file system, file per file, e dir per directory. Ogni classe possiede il proprio set associato di permessi. Proportional Bold Ciò denota le parole e le frasi incontrate su di un sistema, incluso i nomi delle applicazioni; il testo delle caselle di dialogo; i pulsanti etichettati; le caselle e le etichette per pulsanti di selezione, titoli del menu e 7

11 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide dei sottomenu. Per esempio: Selezionare Sistema Preferenze Mouse dalla barra del menu principale per lanciare Preferenze del Mouse. Nella scheda Pulsanti, fate clic sulla casella di dialogo m ouse per m ancini, e successivamente fate clic su Chiudi per cambiare il pulsante primario del mouse da sinistra a destra (rendendo così il mouse idoneo per un utilizzo con la mano sinistra). Per inserire un carattere speciale in un file gedit selezionare Applicazioni Accessori Mappa del carattere dalla barra del menu principale. Selezionare successivamente Cerca Trova dal menu Mappa del carattere, digitare il nome desiderato nel campo Cerca e selezionare Successivo. Il carattere desiderato sarà evidenziato nella T abella dei caratteri. Eseguire un doppio clic sul carattere per poterlo posizionare nel campo T esto da copiare e successivamente fare clic sul pulsante Copia. Ritornare sul documento e selezionare Modifica Incolla dalla barra del menu di gedit. Il testo sopra riportato include i nomi delle applicazioni; nomi ed oggetti del menu per l'intero sistema; nomi del menu specifici alle applicazioni; e pulsanti e testo trovati all'interno di una interfaccia GUI, tutti presentati in neretto proporzionale e distinguibili dal contesto. Corsivo neretto monospazio o Corsivo neretto proporzionale Sia se si tratta di neretto monospazio o neretto proporzionale, l'aggiunta del carattere corsivo indica un testo variabile o sostituibile. Il carattere corsivo denota un testo che non viene inserito letteralmente, o visualizzato che varia a seconda delle circostanze. Per esempio: Per collegarsi ad una macchina remota utilizzando ssh, digitare ssh domain.name al prompt della shell. Se la macchina remota è exam ple.com ed il nome utente sulla macchina interessata è john, digitare ssh exam ple.com. Il comando m ount -o rem ount file-system rimonta il file system indicato. Per esempio, per rimontare il file system /home, il comando è mount -o remount /home. Per visualizzare la versione di un pacchetto attualmente installato, utilizzare il comando rpm -q package. Esso ritornerà il seguente risultato: package-version-release. Da notare le parole in corsivo grassetto - username, domain.name, file-system, package, version e release. Ogni parola funge da segnaposto, sia esso un testo inserito per emettere un comando o mostrato dal sistema. Oltre all'utilizzo normale per la presentazione di un titolo, il carattere Corsivo denota il primo utilizzo di un termine nuovo ed importante. Per esempio: Publican è un sistema di pubblicazione per DocBook Convenzioni del documento Gli elenchi originati dal codice sorgente e l'output del terminale vengono evidenziati rispetto al testo circostante. L'output inviato ad un terminale è impostato su tondo m onospazio e così presentato: books Desktop documentation drafts mss photos stuff svn books_tests Desktop1 downloads images notes scripts svgs Gli elenchi del codice sorgente sono impostati in tondo m onospazio ma vengono presentati ed 8

12 Prefazione evidenziati nel modo seguente: static int kvm_vm_ioctl_deassign_device(struct kvm * kvm, struct kvm_assigned_pci_dev * assigned_dev) { int r = 0; struct kvm_assigned_dev_kernel * match; mutex_lock(&kvm->lock); match = kvm_find_assigned_dev(&kvm->arch.assigned_dev_head, assigned_dev->assigned_dev_id); if (!match) { printk(kern_info "%s: device hasn't been assigned before, " "so cannot be deassigned\n", func ); r = -EINVAL; goto out; } kvm_deassign_device(kvm, match); kvm_free_assigned_device(kvm, match); out: } mutex_unlock(&kvm->lock); return r; 2.3. Note ed avvertimenti E per finire, tre stili vengono usati per richiamare l'attenzione su informazioni che in caso contrario potrebbero essere ignorate. Nota Una nota è un suggerimento o un approccio alternativo per il compito da svolgere. Non dovrebbe verificarsi alcuna conseguenza negativa se la nota viene ignorata, ma al tempo stesso potreste non usufruire di qualche trucco in grado di facilitarvi il compito. Importante Le caselle 'importante' riportano informazioni che potrebbero passare facilmente inosservate: modifiche alla configurazione applicabili solo alla sessione corrente, o servizi i quali necessitano di un riavvio prima di applicare un aggiornamento. Ignorare queste caselle non causa alcuna perdita di dati ma potrebbe causare irritazione e frustrazione da parte dell'utente. Avvertimento Un Avvertimento non dovrebbe essere ignorato. Se ignorato, potrebbe verificarsi una perdita di dati. 9

13 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide 3. Come ottenere assistenza ed inviare commenti 3.1. Avete bisogno di aiuto? Se avete incontrato delle difficoltà con una procedura descritta in questa documentazione visitate il Portale clienti di Red Hat su Attraverso il portale clienti potrete: andare alla ricerca attraverso un knowledgebase degli articoli di supporto tecnico relativi ai prodotti di Red Hat inviare una richiesta di supporto al Red Hat Global Support Services (GSS). accedere alla documentazione di un altro prodotto Red Hat presenta un gran numero di mailing list elettroniche per la discussione sulle tecnologie e sul software di Red Hat. È possibile trovare un elenco di liste pubbliche disponibili su https://www.redhat.com/mailman/listinfo. Fate clic sul nome della lista desiderata per eseguire la registrazione ad accedere ai relativi archivi Inviateci i vostri commenti! Se individuate degli errori di battitura in questo manuale, o se pensate di poter contribuire al suo miglioramento, contattateci subito! Inviate i vostri suggerimenti tramite Bugzilla: sul componente Red Hat Network Satellite. Quando inviate un bug report assicuratevi di indicare l'identificatore del manuale: Docs Reference Guide Se inviate un commento per contribuire al miglioramento della guida, cercate di essere il più specifici possibile. Se avete individuato un errore, indicate il numero della sezione e alcune righe di testo, in modo da agevolare la ricerca dell'errore. 10

14 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Questa sezione riporta vari argomenti relativi alla configurazione avanzata di Red Hat Satellite Strumento della linea di comando per la gestione della Configurazione In aggiunta alle opzioni fornite nel sito web di Red Hat Satellite sono disponibili due tool della linea di comando per la gestione dei file di configurazione del sistema: Red Hat Network Configuration Client e Red Hat Network Configuration Manager. È disponibile un tool complementare, Red Hat Network Actions Control, utilizzato per abilitare e disabilitare la gestione della configurazione sui sistemi client. Se non avete ancora installato i suddetti tool essi sono disponibili all'interno del canale figlio T ool di Red Hat Network per il sistema operativo. Suggerimento Ricordate, ogni qualvolta viene impiegato un file di configurazione tramite il sito web verrà creato all'interno della directory /var/lib/rhncfg/backups/ sul sistema in questione, un backup del file insieme al suo percorso completo. Il suddetto backup manterrà il proprio filename, ma presenterà una estensione.rhn-cfg-backup Red Hat Network Actions Control L'applicazione Red Hat Network Actions Control (rhn-actions-control) viene utilizzata per abilitare e disabilitare il configuration management di un sistema. I sistemi client, per default, non possono essere gestiti in tal modo. Con questo tool gli Amministratori di sistema possono abilitare o disabilitare modalità specifiche relative ad azioni consentite, come ad esempio l'impiego di un file di configurazione su di un sistema, il caricamento di un file dal sistema, o l'utilizzo di diff per identificare ciò che è attualmente gestito sul sistema da quello disponibile, oppure l'esecuzione di comandi remoti arbitrari. Queste modalità vengono abilitate/disabilitate posizionando/rimuovendo i file e le directory all'interno della directory /etc/sysconfig/rhn/allowed-actions/. A causa dei permessi di default sulla directory /etc/sysconfig/rhn/, il Red Hat Network Actions Control molto probabilmente dovrà essere eseguito da un utente con accesso root Opzioni generali della linea di comando È disponibile una pagina man per la maggior parte dei tool della linea di comando. Scegliere le azioni programmate di Red Hat Network per gli amministratori di sistema. Le seguenti opzioni abilitano le diverse modalità di azioni programmate: 11

15 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide T abella 1.1. Opzioni rhn-actions-control Opzione --enable-deploy --enable-diff --enable-upload --enable-mtime-upload --enable-all --enable-run --disable-deploy --disable-diff --disable-upload --disable-mtime-upload --disable-all --disable-run --report -f, --force -h, --help Descrizione Permette a rhncfg-client di utilizzare i file. Permette a rhncfg-client ad eseguire il diff dei file. Permette a rhncfg-client di caricare i file. Permette a rhncfg-client di caricare mtime. Permette a rhncfg-client di eseguire tutto. bilita script.run Disabilita l'impiego. Disabilita diff Disabilita il caricamento Disabilita il caricamento mtime Disabilita tutte le opzioni Disabilita script.run Riporta se le modalità sono state abilitate o disabilitate Forza il funzionamento senza prima chiedere Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Una volta impostata la modalità il sistema sarà pronto alla gestione della configurazione per mezzo del Red Hat Satellite. rhn-actions-control --enable-all è una opzione molto comune Red Hat Network Configuration Client Come indicato dal nome, Red Hat Network Configuration Client (rhncfg-client) deve essere installato ed eseguito da un sistema client individuale. Da lì è possibile il suo utilizzo per sapere come Red Hat Network impiega i file di configurazione per un particolare client. Red Hat Network Configuration Client offre le seguenti modalità primarie: list, get, channels, diff, e verify Elenco dei file di configurazione Per elencare i file di configurazione per la macchina, e le etichette dei canali di configurazione che li contengono, digitare il comando: rhncfg-client list L'output sarà simile al seguente elenco: Config Channel config-channel-17 config-channel-17 config-channel-14 File /etc/example-config.txt /var/spool/aalib.rpm /etc/rhn/rhn.conf Questi sono i file di configurazione applicati al vostro sistema. T uttavia potranno esserci dei file duplicati all'interno di altri canali. Per esempio immaginate di digitare il seguente comando: rhncfg-manager list config-channel-14 e osservate il seguente output: 12

16 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite File nel canale di configurazione 'config-channel-14' /etc/example-config.txt /etc/rhn/rhn.conf Potreste domandarvi dove sia finito la seconda versione di /etc/exam ple-config.txt. L'importanza del file /etc/exam ple-config.txt all'interno di config-channel-17, risulta essere più elevata di quello presente all'interno di config-channel-14. Come risultato, la versione del file di configurazione in config-channel-14 non verrà utilizzata in questo sistema, anche se il file risiede all'interno del canale. Il comando rhncfg-client non elenca il file poichè esso non verrà utilizzato sul sistema in questione Come ottenere un file di configurazione Per scaricare il file di configurazione più importante per la macchina digitare il comando: rhncfg-client get /etc/example-config.txt Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Deploying /etc/example-config.txt È possibile visualizzare i contenuti del file utilizzando less oppure un altro pager. Notate che il file viene selezionato come il più importante in base al rango del canale di configurazione che lo contiene. È possibile ottenere quanto sopra, tramite la tabella Configurazione della pagina Inform azioni sul Sistem a Visualizzazione dei canali di configurazione Per poter visualizzare le etichette ed i nomi dei canali di configurazione validi per il sistema, digitare il comando: rhncfg-client channels Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Canali di configurazione: Label Name config-channel-17 config chan 2 config-channel-14 config chan 1 La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-client get: T abella 1.2. opzioni rhncfg-client get Opzione --topdir=t OPDIR --exclude=exclude -h, --help Descrizione Esegui tutte le operazioni dei file in relazione a questa stringa. Impedisce l'implementazione di un file con 'get'/ può essere usato numerose volte. Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Differenze tra i file di configurazione Per visualizzare le differenze esistenti tra i file di configurazione impiegati sul sistema e quelli archiviati da Red Hat Network, digitare il comando: 13

17 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide rhncfg-client diff Dovreste visualizzare un output simile al seguente: testsatellite root]# rhncfg-client diff --- /etc/test +++ /etc/test :14: ,2 This is the first line +This is the second line added In aggiunta, potreste includere l'opzione --topdir per confrontare i file di configurazione in Red Hat Network con quelli posizionati in un luogo arbitrario (e non utilizzato) sul sistema client: root]# rhncfg-client diff --topdir /home/test/blah/ /usr/bin/diff: /home/test/blah/etc/example-config.txt: No such file or directory /usr/bin/diff: /home/test/blah/var/spool/aalib.rpm: No such file or directory Verifica dei file di configurazione Per verificare velocemente se i file di configurazione del client sono diversi da quelli associati tramite Red Hat Network digitare il comando: rhncfg-client verify Dovreste visualizzare un output simile al seguente: /etc/example-config.txt /var/spool/aalib.rpm modificato Il file exam ple-config.txt viene modificato localmente, mentre aalib.rpm no lo è. La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-client verify: T abella 1.3. opzioni rhncfg-client verify Opzione -v, --verbose -o, --only -h, --help Descrizione Aumenta la quantità di informazioni dell'output. Visualizza le differenze presenti all'interno della modalità, ed i permessi del gruppo per il file di configurazione specificato. Mostra solo i file diversi. Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Red Hat Network Configuration Manager Diversamente da Red Hat Network Configuration Client, Red Hat Network Configuration Manager (rhncfg-m anager) è stato creato in modo da poter mantenere la repository centrale di RHN, dei canali e dei file di configurazione e non di quelli che si trovano sui sistemi client. Questo tool offre una linea di comando alternativa alle caratteristiche di gestione della configurazione, all'interno del sito web di Red Hat Network, insieme all'abilità di eseguire script relativi a compiti di gestione. Viene utilizzato dagli amministratori della configurazione, e per questo motivo richiede l'uso di un nome 14

18 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite utente e di una password di Red Hat Network, insieme ai permessi appropriati. Il nome utente può essere specificato in /etc/sysconfig/rhn/rhncfg-m anager.conf, oppure nella sezione [rhncfgmanager] di ~/.rhncfgrc. Quando si esegue Red Hat Network Configuration Manager come utente root, esso cercherà di ottenere i valori di configurazione necessari da Red Hat Update Agent. Quando viene eseguito invece come utente diverso da root, potrebbe essere necessario eseguire alcune modifiche alla configurazione, all'interno del file ~/.rhncfgrc. Il file di sessione viene conservato in ~/.rhncfg-m anagersession in modo da prevenire il loggin di ogni comando. La scadenza predefinita per Red Hat Network Configuration Manager è di 30 minuti. Per alterare questo parametro, aggiungere l'opzione server.session_lifetime, ed il nuovo valore al file /etc/rhn/rhn.conf sul server che esegue il manager come di seguito riportato: server.session_lifetime = 120 Red Hat Network Configuration Manager offre le seguenti modalità primarie: add, create-channel, diff, diff-revisions, download-channel, get, list, list-channels, remove, remove-channel, revisions, update, e upload-channel. Ogni modalità offre un proprio set di opzioni, le quali possono essere visualizzate emettendo il comando: rhncfg-manager mode --help Sostituire mode con il nome della modalità da ispezionare: rhncfg-manager diff-revisions --help È possibile visualizzare un elenco di opzioni per la modalità aggiungi nella Tabella 1.4, «Opzioni rhncfg-m anager add» Creazione di un canale di configurazione Per creare un canale di configurazione per la vostra organizzazione digitare il comando: rhncfg-manager create-channel channel-label Fornite, se richiesto, la password e nome utente di Red Hat Satellite. Dovreste visualizzare un output del tipo: Red Hat Network username: rhn-user Password: Creating config channel channel-label Config channel channel-label created Una volta creato un canale di configurazione, utilizzate le modalità rimanenti sopra riportate,per popolare e gestire quel canale Come aggiungere un file ad un canale di configurazione Per aggiungere un file ad un canale di configurazione, è necessario specificare l'etichetta del canale insieme al file locale da caricare, come ad esempio: rhncfg-manager add --channel=channel-label /path/to/file 15

19 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Oltre all'etichetta del canale ed al percorso per il file, durante la sua aggiunta è possibile utilizzare le opzioni disponibili per modificare il file stesso. Per esempio, potete alterare il filename ed il percorso includendo l'opzione --dest-file all'interno del comando: rhncfg-manager add --channel=channel-label --destfile=/new/path/to/file.txt/path/to/file Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Pushing to channel example-channel Local file >/path/to/file -> remote file /new/path/to/file.txt La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager add: T abella 1.4. Opzioni rhncfg-m anager add Opzione Descrizione -c CHANNEL --channel=channel Carica i file in questo canale di configurazione -d DEST_FILE --dest-file=dest_file Carica il file come questo path --delim-start=delim_st ART Inizia il delimitatore per l'interpolazione variabile --delim-end=delim_end T ermina il delimitatore per l'interpolazione variabile -i, --ignore-missing Ignora i file locali mancanti --selinux-context=selinux_cont EXT Sovrascrive il contesto di SELinux -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Nota Bene Per default la dimensione massima del file per i file di configurazione è 128KB. Se desiderate modificare il suddetto valore cercate o create la seguente riga nel file /etc/rhn/rhn.conf: web.maximum_config_file_size=128 Altresì trovate o create la seguente riga nel file /etc/rhn/rhn.conf: maximum_config_file_size=128 Modificate il valore da 128 al limite desiderato espresso in byte Differenze tra gli ultimissimi file di configurazione Per ottenere una differenza tra i file di configurazione presenti sul disco e le ultimissime revisioni presenti in un canale digitare il comando: rhncfg-manager diff --channel=channel-label --dest-file=/path/to/file.txt \ /local/path/to/file Dovreste visualizzare un output simile al seguente: 16

20 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite --- /tmp/dest_path/example-config.txt config_channel: example-channel revision: /home/test/blah/hello_world.txt :08: foo +hello, world La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager diff: T abella 1.5. Opzioni rhncfg-m anager diff Opzione Descrizione -c CHANNEL, --channel=channel Ottenere un file da questo canale di configurazione -r REVISION, --revision=revision Utilizzare questa revisione -d DEST_FILE, --dest-file=dest_file Carica il file come questo path -t T OPDIR, --topdir=t OPDIR Create tutti i file in relazione a questa stringa -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Differenze tra diverse versioni Per confrontare versioni diverse di un file attraverso i canali e le revisioni, utilizzare -r per indicare quale revisione dovrebbe essere utilizzata per il confronto, e -n per identificare i due canali da controllare. Consultate la Sezione , «Come determinare il numero delle revisioni del file» per le istruzioni relative. Da notare che è necessario specificare solo un filename poichè il file stesso verrà confrontato con un'altra versione: rhncfg-manager diff-revisions -n=channel-label1 -r=1 -n=channel-label2 -r=1 /path/to/file.txt Dovreste visualizzare un output simile al seguente: --- /tmp/dest_path/example-config.txt :36:41 \ config channel: example-channel2 revision: /tmp/dest_path/example-config.txt :42:42 \ config channel: example-channel3 revision: ,20 -foo +blah BEGIN PGP SIGNATURE Version: GnuPG v1.0.6 (GNU/Linux) +Comment: For info see + +id8dbqa9zy6vse4xmfjpgwgrashcaj9ud9dabucdscdcqb8azp7e0fua0nmksdhqceowhx +VsDTfen2NWdwwPaTM+S+Cow= +=Ltp END PGP SIGNATURE----- La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager diff-revisions: 17

21 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide T abella 1.6. Opzioni rhncfg-m anager diff-revisions Opzione Descrizione -c CHANNEL, --channel=channel Utilizza questo canale di configurazione -r REVISION, --revision=revision Utilizzare questa revisione -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Come scaricare tutti i file all'interno di un canale Per scaricare tutti i file presenti in un canale su di un disco, create una directory ed emettete il comando: rhncfg-manager download-channel channel-label --topdir. Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Copiatura /tmp/dest_path/example-config.txt -> \ blah2/tmp/dest_path/exampleconfig.txt in corso La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager download-channel: T abella 1.7. Opzioni rhncfg-m anager download-channel Opzione Descrizione -t T OPDIR, --topdir=t OPDIR Directory relativa ai path del file. Questa opzione deve essere impostata. -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Come ottenere i contenuti di un file Per direzionare i contenuti di un file particolare su stdout digitare il seguente comando: rhncfg-manager get --channel=channel-label \ /tmp/dest_path/example-config.txt Dovreste visualizzare un output dei contenuti del file Come elencare tutti i file in un canale Per poter elencare tutti i file in un canale digitare il seguente comando: rhncfg-manager list channel-label Dovreste visualizzare un output simile al seguente: File nel canale di configurazione `example-channel3': /tmp/dest_path/exampleconfig.txt La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager get: 18

22 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite T abella 1.8. Opzioni rhncfg-m anager get Opzione Descrizione -c CHANNEL, --channel=channel Ottenere un file da questo canale di configurazione -t T OPDIR, --topdir=t OPDIR Create tutti i file in relazione a questa stringa -r REVISION, --revision=revision Ottieni questa revisione del file -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Come elencare tutti i canali di configurazione Per poter elencare tutti i canali di configurazione dell'organizzazione digitare il seguente comando: rhncfg-manager list-channels Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Canali di configurazione disponibili: example-channel example-channel2 examplechannel3 config-channel-14 config-channel-17 Da notare che il suddetto comando non elenca i canali local_override o server_im port Come rimuovere un file da un canale Per rimuovere un file da un canale digitare il comando: rhncfg-manager remove --channel=channel-label /tmp/dest_path/example-config.txt Fornite, se richiesto, la password e nome utente di Red Hat Network. Dovreste visualizzare un output del tipo: Nome utente di Red Hat Network: rhn-user Password: Removing from config channel example-channel3 /tmp/dest_path/example-config.txt removed La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager rem ove: T abella 1.9. Opzioni rhncfg-m anager rem ove Opzione Descrizione -c CHANNEL, --channel=channel Rimuovi file da questo canale di configurazione -t T OPDIR, --topdir=t OPDIR Create tutti i file in relazione a questa stringa -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Come cancellare un canale di configurazione Per cancellare un canale di configurazione presente all'interno della vostra organizzazione digitare il seguente comando: rhncfg-manager remove-channel channel-label Dovreste visualizzare un output simile al seguente: 19

23 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Rimozione canale di configurazione example-channel Config channel example-channel removed Come determinare il numero delle revisioni del file Per ottenere il numero di revisioni (esse vanno da 1 a N numero intero maggiore di 0) di un file/percorso presenti in un canale digitare il suddetto comando: rhncfg-manager revisions channel-label /tmp/dest_path/example-config.txt Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Analisi file nel canale di configurazione example-channel \ /tmp/dest_path/example-config.txt: Come aggiornare un file presente all'interno di un canale Per creare una nuova revisione di un file all'interno di un canale (oppure aggiungere la prima revisione ad un determinato canale, se non esistente, per un dato percorso) digitare il seguente comando: rhncfg-manager update \ --channel=channel-label --dest-file=/path/to/file.txt /local/path/to/file Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Pushing nel canale example-channel: Local file examplechannel/tmp/dest_path/example-config.txt -> \ remote file /tmp/dest_path/exampleconfig.txt La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager update: T abella Opzioni rhncfg-m anager update Opzione Descrizione -c CHANNEL, --channel=channel Carica i file in questo canale di configurazione -d DEST_FILE, --dest-file=dest_file Carica il file come questo path -t T OPDIR, --topdir=t OPDIR Create tutti i file in relazione a questa stringa --delim-start=delim_st ART Inizia il delimitatore per l'interpolazione variabile --delim-end=delim_end T ermina il delimitatore per l'interpolazione variabile -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce Come caricare file multipli simultaneamente Per poter caricare simultaneamente file multipli su di un canale di configurazione digitare il comando: rhncfg-manager upload-channel --topdir=topdir channel-label Dovreste visualizzare un output simile al seguente: Utilizzo canale di configurazione example-channel4 Uploading /tmp/ola_world.txt from blah4/tmp/ola_world.txt 20

24 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite La seguente tabella elenca le opzioni disponibili per rhncfg-m anager upload-channel: T abella Opzioni rhncfg-m anager upload-channel Opzione Descrizione -t T OPDIR, --topdir=t OPDIR Directory relativa ai path del file -c CHANNEL, --channel=channel Elenco dei canali sui quali verranno caricate le informazioni sulla configurazione. I canali delimitati da ','. Esempio: --channel=foo,bar,baz -h, --help Mostra il messaggio d'aiuto ed esce 1.2. Monitoring L'entitlement Monitoring di Red Hat Network permette di eseguire un insieme di azioni ideate per mantenere i sistemi in corretta esecuzione ed efficienti. Con questo tipo di entitlement sarete in grado di controllare le risorse del sistema, i servizi di rete, i database ed entrambe le applicazioni standard e personalizzate. Il Monitoring è in grado di fornire sia informazioni in tempo reale che quelle riguardanti la cronologia sulle modifiche dello stato, insieme ai dati metrici specifici. Esso fornisce le notifiche sulla presenza di errori e sul degrado delle prestazioni prima di raggiungere il livello critico. Inoltre sarete informati sulla necessità di condurre una pianificazione sulla capacità e degli eventi ad essa correlati. Per esempio, i risultati di un probe sulla registrazione dell'utilizzo della CPU attraverso i sistemi, risulterà avere un enorme valore per il bilanciamento dei carichi sui sistemi in questione. Per il sistema di monitoraggio sono disponibili due componenti: il sistema di monitoraggio stesso ed il monitoring scout. Il sistema di monitoraggio viene installato sul Satellite ed esegue funzioni backend, come ad esempio l'archiviazione dei dati per il monitoring e l'esecuzione. Il monitoring scout esegue tutti i probe e raccoglie i dati relativi al monitoring. Il monitoring scout può essere abilitato per la sua esecuzione su di un Satellite o su sistemi Red Hat Satellite Proxy. L'uso del monitoring scout sul Proxy permette di scaricare il lavoro dal server di Satellite, fornendo così una scalabilità ai probe. Il Monitoring rende possibile la creazione di metodi di notifica, l'installazione dei probes sui sistemi, un controllo regolare dello stato di tutti i probe, e la generazione dei riporti in grado di visualizzare i dati sulla cronologia per un sistema o per un servizio. Qquesta sezione cerca di identificare i compiti comuni associati con l'entitlement di Monitoring. Ricordate, virtualmente tutte le modifiche che interessano la vostra infrastruttura di Monitoring, devono essere finalizzate aggiornando la vostra configurazione attraverso la pagina Scout Config Push Prerequisiti Prima di implementare il Monitoring di Red Hat Network con l'infrastruttura, assicuratevi di avere tutti i tool necessari. Come minimo avrete bisogno di: Entitlement di Monitoring - Questi entitlement sono necessari per tutti i sistemi da controllare. Il Monitoring è supportato solo sui sistemi Red Hat Enterprise Linux. Red Hat Satellite con Monitoring - I sistemi con il Monitoring devono essere collegati ad un Satellite con un sistema operativo di base Red Hat Enterprise Linux 5. Amministratore Monitoring - Questo ruolo deve essere garantito a tutti gli utenti che istallano i probe, per la creazione dei metodi di notifica, o che alterano in alcun modo l'infrastruttura di monitoring. (Ricordate, l'amministratore di Satellite eredita in modo automatico le caratteristiche di ogni altro ruolo presente all'interno dell'organizzazione, e quindi sarà in grado di eseguire tali compiti.) Assegnare 21

25 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide questo ruolo attraverso la pagina Inform azioni utente. Red Hat Network monitoring daemon - Questo demone, insieme con la chiave SSH per lo scout, deve essere presente sui sistemi da monitorare per poter eseguire i processi interni di controllo. Potreste, tuttavia, essere in grado di eseguire i suddetti probe utilizzando il demone SSH già esistente (sshd). Per informazioni sull'installazione consultate la Sezione 1.2.2, «Configurazione di Red Hat Network Monitoring Daemon (rhnm d)» e un breve elenco di probe che richiedono questo tipo di collegamento sicuro. Per un elenco completo di probes disponibili, consultate l'appendice A, Probe. Come abilitare il monitoring Il monitoring è disabilitato per impostazione predefinita e sarà necessario abilitarlo prima di poterlo utilizzare. 1. Eseguite un log in come Amministratore satellite e navigate attraverso Ammin Configurazione di Red Hat Satellite. Selezionare Abilita Monitoring e successivamente Aggiorna per salvare le impostazioni. 2. Per confermare le modifiche riavviate i servizi. Andate sulla scheda riavvia per riavviare Satellite. T ale azione imposterà Satellite in modalità offline per qualche minuto. 3. Controllate se la scheda Monitoring è disponibile con la Configurazione di Red Hat Satellite per confermarne la sua abilitazione. 4. Andate su Ammin Configurazione di Red Hat Satellite Monitoring. Selezionare Abilita Monitoring Scout per abilitare lo scout. Selezionate Aggiorna Config per salvare. Nota Bene È consigliato lasciare i valori relativi alla configurazione del monitoring sui rispettivi valori predefiniti. Configurare Sendmail per utilizzare le notifiche Configurazione di Red Hat Network Monitoring Daemon (rhnmd) Per ottenere il massimo da un entitlement di monitoring, Red Hat suggerisce l'installazione del Red Hat Network monitoring daemon sui vostri sistemi client. Basato su OpenSSH, rhnm d permette a Satellite di comunicare in modo sicuro con il sistema client in modo da poter accedere ai processi interni e recuperare lo stato di probe. Notare che il Red Hat Network Monitoring Daemon ha come requisito la possibilità da parte dei sistemi controllati di abilitare i collegamenti sulla porta È possibile installare il demone utilizzando sshd senza utilizzare la porta in questione. Per maggiori informazioni consultate la Sezione , «Come configurare SSH». Alcuni probe hanno bisogno di un demone. Per poter eseguire i seguenti probe è necessario stabilire sui sistemi client un collegamento cifrato attraverso il Red Hat Network monitoring daemon o sshd: Linux::CPU Usage Linux::Disk IO T hroughput Linux::Disk Usage Linux::Inodes Linux::Interface T raffic Linux::Load Linux::Memory Usage 22

26 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Linux::Process Counts by State Linux::Process Count T otal Linux::Process Health Linux::Process Running Linux::Swap Usage Linux::T CP Connections by State Linux::Users Linux::Virtual Memory LogAgent::Log Pattern Match LogAgent::Log Size Network Services::Remote Ping Oracle::Client Connectivity General::Remote Program General::Remote Program with Data Notate che tutti i probe presenti su Linux presentano questo requisito Installazione di Red Hat Network Monitoring Daemon Installate il Red Hat Network Monitoring Daemon per poter preparare i sistemi al monitoring utilizzando i probe identificati da rhnm d. Da notare che le fasi presenti in questa sezione risultano essere facoltative se desiderate usare sshd per ottenere i collegamenti sicuri tra l'infrastruttura di monitoring del Red Hat Network e i sistemi controllati. Per maggiori informazioni consultate la Sezione , «Come configurare SSH». Il pacchetto rhnmd è disponibile all'interno del canale Red Hat Network Tools su tutte le distribuzioni di Red Hat Enterprise Linux. Per poterlo installare: 1. Registrate i sistemi da monitorare sul canale Red Hat Network T ools associato al sistema. T ale processo può essere eseguito in modo individuale attraverso la scheda Informazioni del sistema Canali Software, oppure simultaneamente per tutti i sistemi tramite la scheda Informazioni sul canale Sistemi target. 2. Una volta eseguita la registrazione aprite la scheda Informazioni sul canale Pacchetti e trovate il pacchetto rhnm d (sotto la lettere 'R'). 3. Per poter aprire la pagina Inform azioni sul pacchetto fate clic sul nome del pacchetto stesso. Andate sulla tabella Sistem i target, selezionate i sistemi desiderati, e fate clic su Installa i pacchetti. 4. Installate la chiave pubblica SSH su tutti i sistemi client da controllare, come riportato nella Sezione , «Come installare la chiave SSH». 5. Avviate il Red Hat Network monitoring daemon su tutti i sistemi client utilizzando il comando: service rhnmd start 6. Quando aggiungete i probes che necessitano del demone, accettate i valori di default rispettivamente per l'utente RHNMD e la Porta RHNMD: su nocpulse e Come configurare SSH Se non desiderate installare il Red Hat Network monitoring daemon e aprire la porta 4545 sui sistemi client, potrete configurare sshd in modo da fornire il collegamento cifrato necessario tra i sistemi e Red Hat Network. Ciò potrebbe risultare particolarmente utile se sshd è già in esecuzione. Per configurare il 23

27 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide demone al controllo: 1. Assicuratevi che il pacchetto SSH sia installato sui sistemi da controllare: rpm -qi openssh-server 2. Identificate l'utente da associare con il demone, esso può essere qualsiasi utente disponibile sul sistema, sul quale è possibile inserire la chiave SSH all'interno del file ~/.ssh/authorized_keys. 3. Identificate la porta utilizzata dal demone, come riportato nel proprio file di configurazione /etc/ssh/sshd_config. Il default risulta essere la porta Installate la chiave pubblica SSH su tutti i sistemi client da controllare, come riportato nella Sezione , «Come installare la chiave SSH». 5. Avviate sshd su tutti i sistemi cleint utilizzando il comando: service sshd start 6. Quando aggiungete i probes che necessitano del demone, inserite i valori derivati dalle fasi 2 e 3 nei campi Utente RHNMD e Porta RHNMD Come installare la chiave SSH Se usate rhnmd o sshd, è necessario installare la chiave SSH pubblica del Red Hat Network monitoring daemon sui sistemi da controllare in modo da poter completare il collegamento sicuro. Per installarla: 1. Sull'interfaccia di Satellite, navigate all'interno della pagina Monitoring Scout Config Push facendo clic sul nome dello Scout che controllerà il sistema client. La chiave id_dsa.pub SSH verrà visualizzata sulla pagina risultante. 2. Copiate la stringa relativa al carattere (iniziando con ssh-dss e finendo con l'hostname del Satellite). 3. Selezionate Sistem i dal menu e successivamente le caselle accanto ai sistemi desiderati ai quali inviare la chiave SSH. Fate clic sul pulsante Gestisci nella parte alta per terminare. 4. Dal System Set Manager, fate clic su Esegui com andi rem oti e successivamente digitate nella casella Script la seguente riga: #!/bin/sh cat <<EOF >> ~nocpulse/.ssh/authorized_keys Premere Invio, incollare la chiave SSH e aggiungere EOF. Il risultato dovrebbe essere simile al seguente: #!/bin/sh cat <<EOF>> ~nocpulse/.ssh/authorized_keys ssh-dss AABBAB3NzaC3kc3MABCCBAJ4cmyf5jt/ihdtFbNE1YHsT0np0SYJz7xk hzokuuwnzmouqj7exotbgeczjzlppozgzaepw1vuhxfa/l9xixvsv8k5qmcu70h0 1gohBIder/1I1QbHMCgfDVFPtfV5eedau4AAACAc99dHbWhk/dMPiWXgHxdI0vT2 SnuozIox2klmfbTeO4Ajn/Ecfxqgs5diat/NIaeoItuGUYepXFoVv8DVL3wpp45E 02hjmp4j2MYNpc6Pc3nPOVntu6YBv+whB0VrsVzeqX89u23FFjTLGbfYrmMQflNi j8yyngrepimfhi= satellite.example.com EOF 5. Impostate una data e l'ora per l'azione e fate clic su Programma comando remoto. Quando la chiave è presente e sarà accessibile tutti i probes interessati dovrebbero abilitare i 24

28 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite collegamenti ssh tra l'infrastruttura di monitoring ed il sistema controllato. Succesivamente potrete programmare l'esecuzione dei probe che necessitano del demone di monitoring nei confronti dei sistemi appena configurati Configurazione del pacchetto mysql per i probe Se il Red Hat Satellite verrà utilizzato per servire i sistemi client abilitati al monitoring nei confronti dei quali desiderate eseguire i probe MySQL, allora è necessario configurare il pacchetto m ysql sul Red Hat Satellite. Per un elenco di tutti i probe disponibili consultate Appendice A, Probe. Registrate Satellite sul canale di base di Red Hat Enterprise Linux e successivamente installate il pacchetto m ysql tramite up2date, yum o Red Hat Network Hosted. Una volta terminato, Satellite potrà essere utilizzato per programmare i probe MySQL Come abilitare le notifiche In aggiunta alla possibilità di poter visualizzare lo stato di probe all'interno dell'interfaccia Red Hat Network, è possibile ricevere una notifica ogni qualvolta varia lo stato di un probe. T ale procedura risulta essere particolarmente importante durante il monitoring dei sistemi mission-critical. Per questo motivo, Red Hat consiglia di sfruttare questa caratteristica. Per abilitare le notifiche di probe all'interno di Red Hat Network è necessario identificare un server di scambio posta ed un dominio di posta durante l'installazione di Red Hat Satellite, ed aver configurato sendmail per gestire in modo corretto la posta in arrivo. Per maggiori informazioni consultate il capitolo Installazione della Red Hat Satellite Installation Guide Creazione dei metodi di notifica Le notifiche vengono inviate tramite un metodo di notifica, oppure tramite un indirizzo o pager associato con un utente Red Hat Network specifico. Anche se l'indirizzo è legato ad un account particolare dell'utente, esso potrebbe servire amministratori multipli per mezzo di un alias o una mailing list. A loro volta ogni account utente è in grado di contenere metodi multipli di notifica. Per poter creare un metodo di notifica: 1. Registratevi sul Satellite come Amministratore Satellite oppure come Amministratore del monitoring. 2. Andate su Utenti e selezionate il nome utente. Sulla pagina Inform azioni utente selezionare Metodi di notifica crea nuovo metodo. 3. Inserite una etichetta intuitiva e descrittiva per il nome del metodo, come ad esempio DBA day em ail, e fornite l'indirizzo corretto. Ricordate, le etichette per tutti i metodi di notifica, saranno disponibili in un elenco singolo durante la creazione di probe, per questo motivo esse devono essere uniche alla vostra organizzazione. 4. Se desiderate inviare messaggi abbreviati all'indirizzo selezionate allora la casella di controllo. Il suddetto formato contiene solo lo stato di probe, l'hostname del sistema, il nome di probe, l'orario del messaggio, e l'id d'invio. Il formato standard e quindi più lungo, visualizza testi aggiuntivi di messaggio, informazioni su probe e sul sistema, e le istruzioni per la risposta. 5. Una volta terminato fate clic su Crea m etodo. Il nuovo metodo apparirà all'interno della scheda Informazioni utente Metodi di notifica e sulla pagina Notifica sotto la categoria principale Monitoring. Fate clic sul suo nome per apportare una modifica o per cancellarlo. 6. Durante l'aggiunta dei probe, selezionate la casella Notifiche probe, selezionando il nuovo metodo di notifica presente sul menu a tendina. Da notare che i metodi di notifica assegnati ai probe, non possono essere cancellati fino a quando non si rimuove l'associazione corrispondente. 25

29 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Ricezione delle notifiche Se create alcuni metodi di notifica, associandoli ai probe, allora dovete essere pronti anche alla loro ricezione. Queste notifiche arriveranno sottoforma di brevi messaggi di testo inviati all'indirizzo . Ecco un esempio di una di notifica: Subject: CRITICAL: [hostname]: Satellite: Users at 1 From: "Monitoring Satellite Notification" redhat.com) Date: Mon, 26 Aug :42: To: organization.com This is Red Hat Monitoring Satellite notification 01dc8hqw. Time: Mon Aug 26, 21:42:25 PST State: CRITICAL System: [hostname] ([IP address]) Probe: Satellite: Users Message: Users 6 (above critical threshold of 2) Notification #116 for Users Run from: Red Hat Monitoring Satellite Come potete vedere, le di notifica più lunghe contengono virtualmente ogni informazione necessaria per conoscere il probe associato. In aggiunta al comando di probe, del tempo di esecuzione, del sistema monitorato, e dello stato, il messaggio contiene l'id d'invio, il quale risulta essere una stringa di carattere unica, che rappresenta il messaggio preciso ed il probe. Nel messaggio sopra riportato, l'id d'invio è 01dc8hqw. Nota Poichè le notifiche possono essere generate ogni qualvolta si verifica una modifica allo stato di probe, piccoli cambiamenti nella rete potrebbero risultare in un flusso elevatissimo di notifiche. Le notifiche potrebbero essere ridirezionate ad una casella di posta apposita, in modo da evitare possibili problemi con la posta prioritaria. La sezione successiva affronta il ridirezionamento delle notifiche Ridirezionamento delle notifiche Dopo aver ricevuto una notifica sarete in grado di ridirezionarla implementando le regole avanzate di notifica presenti all'interno di una di conferma. Abilitare la ridirezione della risposta della aprendo /etc/aliases ed aggiungendo la seguente riga: rogerthat01: " /etc/smrsh/ack_queuer.pl" Una volta impostato il parametro rispondere alla di notifica ed includere l'opzione desiderata. Di seguito sono riportate le opzioni possibili, o i tipi di filtro: ACK MET OO - Invia la notifica alla destinazione finale dopo aver eseguito la ridirezione, in aggiunta alla destinazione di default. ACK SUSPEND - Sospende il metodo di notifica per un periodo di tempo specificato. ACK AUT OACK - Non modifica la destinazione della notifica, ma automaticamente riconosce le alert corrispondenti appena inviate. ACK REDIR - Invia la notifica alla destinazione finale dopo aver eseguito un processo di 26

30 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite ridirezionamento, invece della destinazione di default. Il formato della regola deve essere filter_type probe_type duration _address, dove filter_type risulta essere uguale ad uno dei seguenti comandi avanzati, probe_type indica check o host, duration indica il tempo necessario per eseguire una procedura di ridirezionamento, e _address corrisponderà al destinatario. Per esempio: ACK METOO host 1h La capitalizzazione non sarà necessaria. La durata può essere elencata in minuti (m), ore (h), oppure in giorni (d). Gli indirizzi sono necessari solo per eseguire le procedure di ridirezionamento (REDIR), e per notifiche (MET OO) supplementari. La descrizione del tipo d'azione contenuta all'interno della risultante, risulterà essere il comando di default inserito dell'utente. Il contenuto elencato risulterà essere il riassunto dell'azione, come ad esempio ack redirect by dove l'utente sarà uguale al mittente dell' . Nota Bene Potete arrestare o ridirezionare tutte le notifiche di probe, rispondendo alle di notifica con una variante del comando ack suspend host. T uttavia non è possibile arrestare le notifiche probe di Satellite rispondendo con ack suspend host, o utilizzando altri tipi di comandi per il ridirezionamento. È necessario per questi probe, modificare le notifiche all'interno della web interface di Satellite Cancellazione dei metodi di notifica Sfortunatamente l'esistenza di un rapporto tra metodi e probe potrebbe complicare il processo di cancellazione dei metodi di notifica. Seguire le fasi riportate per rimuovere il metodo di notifica: 1. Registratevi sul Satellite come Amministratore Satellite oppure come Amministratore del monitoring. 2. Andate sulla pagina Monitoring Notifiche e selezionate il nome del metodo da rimuovere. 3. Sulla scheda Utente Informazioni utente Metodi di notifica selezionate cancella m etodo. Se il metodo non è associato con alcun probe, visualizzerete una pagina di conferma. Fate clic su Conferm a rim ozione. A questo punto il metodo di notifica verrà rimosso. Nota Poichè sia il nome del metodo di notifica che l'indirizzo possono essere modificati, considerate aggiornare il metodo invece di cancellarlo. Ciò ridirezionerà le notifiche di tutti i probe, senza modificarli, creando quindi un nuovo metodo di notifica. 4. Se il metodo è stato associato con uno o più probe, visualizzerete un elenco di probe che utilizzano il metodo ed i sistemi ai quali i probe stessi sono collegati. Fate clic sul nome dei probe per andare direttamente sulla scheda Informazioni del sistema Probe. 5. Selezionate un altro metodo di notifica e fate clic su Aggiorna probe. 6. Ritornate sulla pagina Monitoring Notifiche e cancellate il metodo di notifica Informazioni sui Probe 27

31 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Ora che il Red Hat Network monitoring daemon è stato installato e che i metodi di notifica sono stati creati, potrete iniziare a installare i probe sui sistemi con un entitlement di monitoring. Se un sistema presenta un entitlement di monitoring, all'interno della pagina Inform azioni del sistem a apparirà la scheda Probe. È proprio qui che sarete in grado di eseguire molti dei compiti relativi ai probe Gestione dei probes I probe vengono creati attraverso il server di Red Hat Satellite. Una volta creati, i probe verranno inoltrati ai sistemi con entitlement di monitoring specificatiche risultano registrati con il Satellite. Seguire le fasi riportate per aggiungere un probe nel server di Satellite: 1. Registratevi sul Satellite come Amministratore Satellite o come Amministratore gruppi di sistemi. 2. Andate sulla scheda Informazioni sul sistema Probe e selezionate crea nuovo probe. 3. Nella pagina Creazione probe del sistem a, completate tutti i campi necessari. Come prima cosa selezionate il Gruppo di comando di probe. T ale operazione modificherà l'elenco dei probe disponibili insieme ad altri campi e requisiti. Per un elenco completo basato sul gruppo di comandi dei probe consultate l'appendice A, Probe. Per poter usare determinati probe è necessario installare Red Hat Network monitoring daemon sul sistema client. 4. Selezionate il Comando probe desiderato ed il Monitoring Scout, generalmente Red Hat Monitoring Satellite, ma possibilmente un Red Hat Satellite Proxy Server. Inserite una breve ed unica descrizione per il probe. 5. Selezionate la casella Notifiche Probe per poter ricevere le notifiche dopo il cambiamento dello stato di un probe. Utilizzate il menu a tendina Intervallo di controllo dei Probe, per determinare quando inviare le notifiche. Selezionando 1 m inute (e la casella Notifica probe), riceverete le notifiche ogni minuto, ogni qualvolta probe supererà i suoi limiti CRIT ICAL o WARNING. Consultate la Sezione 1.2.4, «Come abilitare le notifiche» per creare i metodi di notifica e come accettare i relativi messaggi. 6. Utilizzate i campi Utente RHNMD e Porta RHNMD, se appaiono, per forzare probe a comunicare tramite sshd, invece di utilizzare il Red Hat Network monitoring daemon. Per informazioni consultare la Sezione , «Come configurare SSH». In caso contrario accettate i valori di default nocpulse e Se appare il campo Timeout, ricontrollate i valori di default e regolateli in modo da far fronte alle vostre esigenze. La maggior parte dei timeout risultano in uno stato di UNKNOWN. Se le metriche dei probe sono basate su intervalli di tempo, assicuratevi che il timeout non risulti essere inferiore al tempo limite selezionato. In caso contrario, le metriche non avranno alcuno scopo, poichè il probe raggiungerà il tempo di scadenza prima di superare qualsiasi valore limite. 8. Se applicabile utilizzate i campi restanti per stabilire i limiti di allerta di probe. I valori CRIT ICAL e WARNING determinano in quale punto probe ha modificato il suo stato. Per maggiori informazioni su questi limiti consultate la Sezione , «Come stabilire i limiti». 9. Una volta terminata tale operazione fate clic su Crea Probe. Ricordate, è necessario confermare le modifiche apportate alla configurazione per il monitoring sulla pagina Scout Config Push. Per cancellare un probe, navigate attraverso la sua pagina Stato attuale (facendo clic sul nome del probe presente sulla scheda Informazioni del sistema Probe), e fate clic su cancella probe. Per finire, confermare la rimozione Come stabilire i limiti La maggior parte dei probe offerti da Red Hat Satellite contengono dei limiti di allerta che, una volta superati, indicano un cambiamento dello stato. Per esempio, il probe Linux::CPU Usage, vi permette d'impostare i limiti CRIT ICAL e WARNING per la quantità di CPU utilizzata. Se il sistema monitorato 28

32 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite riporta 75 percento della CPU, ed il limite WARNING è stato impostato su 70, il probe entrerà in uno stato di WARNING. Alcuni probe offrono una certa varietà dei suddetti limiti. Per poter ottenere il massimo dai vostri entitlement di monitoring e quindi evitare le notifiche false, Red Hat consiglia l'esecuzione dei probe senza alcuna notifica per un determinato periodo di tempo, in modo tale da stabilire una prestazione di base per ogni sistema. Anche se il valore di base offerto potrebbe risultare ideale, ogni organizzazione presenta un ambiente diverso che potrebbe richiedere una modifica dei suddetti limiti Monitoraggio del server di Satellite In aggiunta al monitoring di tutti i sistemi client sarà possibile utilizzare Red Hat Network per controllare Satellite o Proxy. Per poter controllare il Satellite o il Proxy identificate un sistema controllato dal server e andate sulla scheda Informazioni del sistema Probe. Fate clic su crea nuovo probe e selezionate il Gruppo di comando del probe Satellite. Successivamente completate i campi rimanenti. Per maggiori informazioni consultate la Sezione , «Gestione dei probes». Anche se il Satellite o il Proxy appaiono essere controllati dal sistema client, probe verrà eseguito dal server stesso. I limti e le notifiche funzioneranno normalmente. Nota Bene Qualsiasi probe che richiede un collegamento al Red Hat Network monitoring daemon non potrà essere utilizzato con un Red Hat Satellite o Red Hat Satellite Proxy Server sui quali il software per il Monitoring risulta essere in esecuzione. Ciò include numerosi probe nel gruppo di comandi di Linux, i probe del Log Agent e quelli del Remote Program. Utilizzate i probe del gruppo di comandi di Satellite per controllare Red Hat Satellite ed i Red Hat Satellite Proxy Server. Nel caso di Proxy scout, i probe vengono elencati sotto il sistema per il quale essi riportano i dati Monitoring Se fate clic sulla scheda Monitoring nella barra superiore di navigazione, sarà possibile visualizzare i link insieme alla categoria Monitoring. Queste pagine, che richiedono il possesso degli entitlement di Monitoring, permettono di visualizzare i risultati dei probe impostati per sistemi con un entitlement di Monitoring e di gestirne la configurazione dell'infrastruttura. Iniziate il processo di monitoraggio di un sistema attraverso la scheda Probe della pagina Inform azioni del sistem a. Consultate Appendice A, Probe per un elenco dei probe disponibili Stato di Probe Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. Per impostazione predefinita la pagina Stato di probe verrà visualizzata se si seleziona Monitoring nella barra di navigazione superiore. La pagina Stato di Probe visualizza un sommario del conteggio dei probes nei vari stati, e fornisce una interfaccia semplice in grado di rilevare velocemente i probe problematici. Da notare che il totale delle verifiche presente nelle tabelle della parte superiore della pagina, potrebbe non corrispondere al 29

33 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide numero di probe visualizzato nelle tabelle inferiori. I conteggi situati nella parte superiore includono i probe per tutti i sistemi presenti nella vostra organizzazione, mentre le tabelle visualizzano i probe eseguiti solo sui sistemi ai quali avete accesso, attraverso il ruolo di System Group Administrator. Altresì il conteggio dei probe qui mostrato potrebbe essere sfasato di un massimo di un minuto. Il seguente elenco descrive ogni stato ed identifica le icone ad essi associati: - Critico - Il probe ha altrepassato il limite CRITICAL. - Avvertenza - Il probe ha oltrepassato il limite di WARNING. - Sconosciuto - Il probe non è in grado di eseguire un riporto accurato delle metriche o dei dati relativi allo stato. - Sospeso - Il probe è stato programmato per una esecuzione ma non è stato ancora eseguito o non può essere eseguito. - OK - Il probe è in esecuzione correttamente. La pagina Stato di Probe contiene le tabelle per ogni stato insieme alla tabella in grado di elencare tutti i probe. Ogni tabella contiene delle colonne che indicano lo stato di probe, il sistema monitorato, i probe utilizzati, e la data ed ora dell'ultimo aggiornamento dello stato. Facendo clic sul nome del sistema presente all'interno delle suddette schede verrete direzionati sulla scheda Monitoring della pagina Inform azioni del sistem a. Selezionando il nome desiderato potrete visualizzare la pagina Stato corrente. Da lì sarete in grado di modificare il probe, cancellarlo, e di generare i riporti basati sui propri risultati. I dati del Monitoring e le informazioni sullo stato di probe precedentemente disponibili solo attraverso l'interfaccia web di Satellite, possono ora essere esportati come file CSV. Selezionate i link Scarica CSV su tutte le pagine relative al Monitoring, per scaricare i file CSV contenenti informazioni rilevanti. I dati esportati possono includere e non limitarsi a quanto segue: Stato di probe Tutti i probe in un particolare stato (OK, WARN, UNKNOWN, CRITICAL, PENDING) Una cronologia degli eventi di Probe Stato di Probe Critical Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. I probe che hanno superato i propri limiti CRITICAL, o che hanno raggiunto uno stato critico per altre ragioni. Per esempio alcuni probe entrano in uno stato critico (e non sconosciuto) quando superano il proprio periodo di timeout Stato di Probe Warning Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. I probes che hanno oltrepassato i propri limiti di WARNING. 30

34 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Stato di Probe Unknown Importante Per visualizzare questa funzione è necessario avere un entitlement di Monitoring. I Probe non sono in grado di raccogliere le metriche necessarie per determinare il loro stato. La maggior parte dei probe entrano in uno stato di unknown 'sconosciuto' quando oltrepassano il loro periodo di timeout. Ciò potrebbe significare che il limite di timeout deve essere aumentato, in caso contrario non sarà possibile eseguire il collegamento col sistema monitorato. È possibile anche che i parametri di configurazione dei probes non siano corretti, e per questo motivo i propri dati non risultano essere reperibili. Per finire, il suddetto stato potrebbe indicare che si è verificato un errore al software Stato di Probe Pending Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. Informazioni riguardanti i probes non ricevute da Red Hat Network. T ale stato è indicativo di una verifica che risulta essere stata programmata, ma che non è stata ancora eseguita. Se tutte le verifiche sono in uno stato di In attesa, la vostra infrastruttura di monitoring potrebbe avere alcuni problemi Stato di Probe OK Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. I probe eseguiti senza alcuna eccezione. Questo è lo stato desiderato per tutti i probe Stato di Probe Tutti Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. T utti i probe programmati sui sistemi presenti nell'account, elencati in ordine alfabetico in base al nome del sistema Stato corrente Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. Identifica lo stato della verifica selezionata e quando la stessa è stata eseguita per l'ultima volta, 31

35 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide fornendo altresì la possibilità di generare un riporto sulla verifica. Anche se tale pagina fà parte del monitoring, essa risulta essere disponibile nella tabella Probes, all'intenro della pagina Inform azioni del sistem a, poichè la propria configurazione risulta essere specifica al sistema monitorato. Per poter visualizzare un riporto su probe, selezionate una durata utilizzando i campi data, e scegliete se desiderate visualizzare dati metrici, la cronologia dei cambiamenti oppure entrambi i riporti. Per ottenere i dati metrici selezionate il tipo di metrica desiderata, e decidete (utilizzando le caselle) se i risultati devono essere visualizzati in modo grafico, tramite un log di errore o seguendo entrambi i metodi. Successivamente fate clic su Genera riporto nella parte inferiore della pagina. Se non esistono dati riguardanti le metriche di probe, verrà visualizzato un messaggio che indica: NO DAT A SELECTED TIME PERIOD AND METRIC Notifica Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. Identifica i metodi di contatto stabiliti per l'organizzazione. Questi metodi contengono gli indirizzi o pager ideati per ricevere i messaggi d'allerta provenienti dai probe. Qui sulla schermata di default Notifica, vengono elencati i metodi di notifica disponibili per la vostra organizzazione. I suddetti metodi vengono elencati a seconda del tipo di utente ad essi applicati. Per creare un nuovo metodo di notifica fate clic sul nome dell'utente al quale applicare la notifica. A questo punto apparirà la pagina Informazioni Utente Metodi di notifica. Fate clic sul titolo del metodo di notifica per modificarne le proprietà Notifica Filtri I filtri di notifica vi permettono di creare delle regole per un utilizzo duraturo, permettendovi di sospendere, ridirezionare, di essere a conoscenza automaticamente della presenza di notifiche standard, oppure di inviare notifiche supplementari. Il tutto vi assisterà nella gestione delle comunicazioni con probe frequenti o di tipo verbose Notifica Filtri di notifica Filtri attivi Questa risulta essere la schermata di default per la tabella Filtri di notifica. Vengono elencati tutti i filtri attivi disponibili per la vostra organizzazione. Fate clic sul nome del filtro per modificarne le sue proprietà. Per creare un filtro di notifica, fae clic sul link crea nuovo filtro di notifica nella parte alta sulla destra della schermata. Configurate ogni opzione e fate clic sul pulsante Salva Filtro, per creare un nuovo filtro Descrizione: Inserire un valore che vi permetta di distinguere il suddetto filtro dagli altri. 2. Tipo: Determina il tipo di azione che il filtro deve intraprendere: ridireziona, accetta, sospende, o integra informazioni alla notifica in ingresso. 3. Invia a: Le opzioni Ridireziona Notifica e Notifica Supplem entare nella seconda fase, richiedono un indirizzo al quale inviare le notifiche. Le opzioni restanti non necessitano di alcun indirizzo Scopo: Determina quale componente è soggetto all'zione del filtro. 5. Organizzazione/Scout/Probe: Questa opzione vi permette di selezionare l'organizzazione, lo scout

36 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite o il probe ai quali viene applicato il suddetto filtro. Per poter selezionare degli oggetti multipli da questo elenco, tenere premuto il tasto Ctrl mentre cliccate i nomi degli oggetti. Per poter selezionare una gamma di oggetti, tenere pigiato il tasto Shift mentre cliccate sul primo e sull'ultimo oggetto della gamma. 6. Probe con Stato: Seleziona quale stato sia in relazione al filtro. Per esempio, potreste scegliere di creare una notifica supplementare solo per i probe con uno stato critical. Deselezionate ogni casella corrispondente agli stati che devono essere ignorati dal filtro. 7. Notifiche inviate a : Questo è il metodo con il quale viene inviata la notifica se non viene eseguito alcun tipo di filtro. Per esempio potreste ridirezionare tutte le notifiche di un utente, se quest'ultimo risulta essere in vacanza, lasciando inalterate le altre notifiche provenienti dal probe. 8. Corrispondi Output: Seleziona in modo preciso i risultati della notifica inserendo qui una espressione regolare. Se la sezione "Message:" della notifica non corrisponde alla espressione regolare, allora il filtro non viene applicato. 9. Ricorrente: Selezionate se il filtro deve essere costantemente eseguito oppure eseguito in tempi prestabiliti. Un filtro ricorrente 'recurring filter' viene eseguito diverse volte in un periodo di tempo più piccolo, rispetto alla durata del filtro stesso. Per esempio, un filtro ricorrente può essere eseguito per 10 minuti ogni ora, tra l'inizio e la fine della durata del filtro in questione. Un filtro non ricorrente viene eseguito continuamente tra il tempo di inizio e quello di fine del filtro. 10. Inizio: Inserire una data ed un orario di inizio delle operazioni da parte del filtro. 11. Fine: Inserire una data ed un orario di fine operazioni del filtro. 12. Recurring Duration: La durata entro la quale il filtro risulta attivo. Questo campo, applicabile solo ai filtri ricorrenti, avrà luogo al momento dell'inizio sopra pecificato. Qualsiasi notifica generata all'esterno della durata specificata, non verrà filtrata. 13. Recurring Frequency: La frequenza con la quale viene attivato il filtro. I filtri di notifica non possono essere cancellati. T uttavia un filtro può essere cancellato impostando la data di fine attività nel passato. (Da notare che la data di fine attività del filtro, deve essere uguale o successiva alla data di inizio, altrimenti la modifica desiderata fallirà.) Un altro metodo è quello di selezionare un set di filtri dalla pagina Attivi e fare clic sul pulsante Filtri di notifica scaduti. Così facendo il filtro verrà cancellato, visualizzando la tabella Filtri scaduti Notifica Filtri di Notifica Filtri Scaduti Questa tabella elenca tutti i filtri di notifica scaduti. I suddetti filtri vengono conservati in modo indefinito; tale processo di conservazione permette alle organizzazioni di reciclare i filtri più utili in base alle proprie esigenze, fornendo altresì una cronologia per eventuali operazioni di troubleshooting Suite di Probe Le Suite di Probe vi permettono di configurare ed applicare uno o più probe ad uno o più sistemi. Esse possono essere configurate una sola volta, e poi applicate a qualsiasi gruppo di sistemi. T ale processo permette di risparmiare tempo e conferisce una certa continuità per il Monitoring dei clienti. Per creare e applicare una Suite di Probe, create prima una Suite di Probe vuota, successivamente configurate i probe da essa contenuti, e per finire applicate la Suite sui sistemi selezionati. 1. Dal Monitoring pagina Suite di Probe, selezionare il link crea suite di probe. Inserire un nome facilmente distinguibile per la Suite di Probe. Potreste scegliere di aggiungere una breve descrizione della Suite. Per continuare fate clic su Crea Suite di Probe 2. Aggiungere e configurare i probe che compongono la suite. Fate clic sul link crea nuovo probe in alto a destra. 3. Configurate il probe e fate clic sul pulsante Crea Probe in basso a destra. Ripetere questo processo fino a quando sono stati aggiunti tutti i probe desiderati. 33

37 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Nota Bene Sendmail deve essere configurato in modo corretto sul Red Hat Satellite e su ogni sistema client sul quale la suite di probe verrà applicata, installare il demone rhnmd il quale deve essere in esecuzione. Per informazioni aggiuntive consultate la Red Hat Satellite Installation Guide 4. Sulla scheda "Sistemi" aggiungere i sistemi sui quali viene applicata la Suite di Probe. Per continuare fate clic sul link aggiungi sistem i alla suite di probe, nella parte alta a destra della schermata. 5. La pagina successiva visualizza un elenco di tutti i sistemi con gli entitlement di Monitoring. Selezionate le caselle corrispondenti ai sistemi sui quali desiderate applicare la Suite di Probe ed il monitoring scout da utilizzare, e successivamente fate clic sul pulsante Aggiungi sistem i alla suite di probe per completare la creazione della Suite di Probe. Potete cancellare o scollegare i probe dalla suite. Scollegando un probe, verranno dissociati i probe dalla suite, convertendoli in probe specifici al sistema per il sistema specificato. Ciò significa che le modifiche ai probe scollegati, influenzeranno solo il sistema interessato. Cancellando un probe, rimuoverete il probe stesso dalla Suite di ogni sistema. Per rimuovere i probe dalla Suite di Probe: 1. Dal Monitoring pagina Suite di Probe, fate clic sul titolo della Suite di Probe che desiderate alterare. 2. Selezionate la sottotabella Probe. 3. Selezionate la casella corrispondente al probe che desiderate rimuovere. 4. Fate clic sul pulsante Cancella probe dalla Suite di Probe È possibile altresì rimuovere un sistema dalla Suite di Probe. A tale scopo sono disponibili due modalità. La prima è quella di separare il sistema dalla Suite di Probe. Quando eseguite questa procedura il sistema avrà ancora gli stessi probe ad esso assegnati. T uttavia, ora avrete la possibilità di configurare questi probe individualmente senza influenzare altri sistemi. Per scollegare un sistema dalla suite: 1. Dal Monitoring pagina Suite di Probe, fate clic sul titolo della Suite di Probe che desiderate alterare. 2. Selezionate la sottotabella Sistem i. 3. Selezionate la casella corrispondente ai sistemi che desiderate rimuovere dalla Suite di Probe. 4. Fate clic sul pulsante Scollega sistem a dalla Suite di Probe Il secondo metodo è quello di rimuovere il sistema dalla suite. T ale procedura rimuove il sistema dalla suite stessa, e cancella tutti i probe in esecuzione dal sistema. Nota Bene La suddetta azione cancella tutti i probe della Suite di Probe dal sistema insieme alla cronologia Time Series e ai dati di Event Log. Tale azione risulta essere irreversibile. 34

38 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Per rimuovere un sistema dalla Suite di Probe e cancellare tutti i probe associati dal sistema: 1. Dal Monitoring pagina Suite di Probe, fate clic sul titolo della Suite di Probe che desiderate alterare. 2. Selezionate la sottotabella Sistem i. 3. Selezionate la casella corrispondente ai sistemi che desiderate rimuovere dalla Suite di Probe. 4. Fate clic sul pulsante Rim uovi sistem a dalla Suite di Probe E per finire, come con i Probe singoli, è possibile scaricare un file CSV contenente informazioni sulle Suite di Probe. Selezionate il link Scarica CSV nella parte bassa della pagina Monitoring Suite di Probe, per scaricare il file Scout Config Push Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. Visualizza lo stato del'infrastruttura di monitoring. Ogni qualvolta viene eseguita una modifica alla vostra configurazione di monitoring, come ad esempio l'aggiunta di un probe ad un sistema, oppure la modifica dei limiti stessi di probe, è necessario riconfigurare la vostra infrastruttura di monitoraggio. Eseguite tale procedura selezionando la casella del server di Red Hat Network, facendo clic su Push Scout Config. La tabella su questa pagina identifica la data e l'ora delle azioni di invio 'push' richieste e completate. Facendo clic sul nome del server aprirete la chiave pubblica SSH del Red Hat Network Monitoring Daemon corrispondente. Ciò permetterà di copiare ed incollare la chiave SSH sui sistemi controllati dallo scout. T ale processo è necessario per eseguire il collegamento del demone Red Hat Network Monitoring Daemo sul Satellite Configurazione Monitoring generale Importante Per visualizzare questa scheda è necessario avere un entitlement di Monitoring. La pagina Configurazione monitoring generale è in Ammin Configurazione Red Hat Satellite Monitoring. Racoglie le informazioni applicabili in modo universale all'infrastruttura di Monitoring. Modificando qualsiasi cosa su questa pagina verranno annullati tutti i servizi di Monitoring presenti con il Red Hat Satellite. Altresì, è possibile programmare il riavvio delle azioni per i servizi di Monitoring presenti su tutte le Red Hat Satellite Proxy Server abilitate al Monitoring che si collegano al Satellite in questione. T ale operazione viene eseguita in modo che i servizi di Monitoring presenti sui server, siano in grado di eseguire immediatamente il caricamento della propria configurazione. Generalmente i valori di default forniti con gli altri campi sono accettabili, poichè essi derivano dalla vostra installazione di Satellite. T uttavia, potete utilizzare i campi presenti in questa pagina, per alterare la vostra configurazione di Monitoring. Per esempio, qui sarete in grado di modificare il server di scambio posta. Questa pagina permette altresì di alterare la destinazione di tutte le amministrative provenienti da Satellite. Una volta terminato, fate clic su Aggiorna configurazione. 35

39 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide 1.3. Satellite multipli Inter-Satellite Synchronization (ISS) permette a Satellite di sincronizzare il contenuto ed i permessi da un'altra istanza di Satellite in un rapporto peer-to-peer. T uttavia nella seguente sezione il Satellite che riceve un contenuto verrà classificato come "Satellite Slave" ed il Satellite che si comporta come sorgente dal quale viene generato il contenuto verrà chiamato "Satellite Master". Se utilizzate ISS per sincronizzare il contenuto, l'istanza del Satellite Slave potrà avere una impostazione diversa da quella del Master per entità non-content, come ad esempio Utenti e Organizzazioni. L'Amministratore Satellite sull'istanza Slave è libero di aggiungere, rimuovere e modificare le identità in modo indipendente rispetto all'istanza Master. Nota Master e Slave sono termini che presentano connotazioni non imposte dal protocollo ISS. Ricordate il loro significato, come sopra riportato, durante la consultazione di questa sezione. È possibile utilizzare la funzione ISS in diversi modi a seconda delle necessità dell'organizzazione. Sono presenti configurazioni ISS dove due Satellite possono comportarsi entrambi come Master e Slave di entrambi. Questa sezione contiene alcuni esempi sul modo di utilizzo e sull'impostazione ottimale dell'iss per soddisfare i requisiti dell'organizzazione. Requisiti ISS Di seguito sono riportati i requisiti per poter utilizzare ISS: Due o più server Red Hat Satellite Un minimo di un Red Hat Satellite popolato con almeno un canale Privilegi per l'amministratore SAtellite su tutti i sistemi Satellite da usare con ISS Sincronizzazione Inter-Satellite ISS può essere configurato manualmente o usando un nuovo toll chiamato spacewalk-sync-setup. Entrambi i metodi sono idonei e disponibili all'utente Configurazione manuale Procedura 1.1. Configurazione del server Satellite master Con Satellite 5.6, ISS permette al Satellite Slave di duplicare la gerarchia fidata dell'organizzazione e i permessi del canale personalizzato tramite le impostazioni configurate sul master. Per fare questo esportare le informazioni relative alle organizzazioni specifiche dal Satellite Master a quello Slave di destinazione. L'Amministratore Satellite per lo Slave può successivamente mappare le Organizzazioni Master su Organizzazioni Slave specifiche. Operazioni future di satellite-sync utilizzano queste informazioni per assegnare una proprietà del canale personalizzato all'organizzazione Slave mappata ad una Organizzazione Master specifica. È possibile mappare anche il rapporto fidato tra l'organizzazione Master esposta con le Organizzazione Slave corrispondenti, creando i rapporti equivalenti sullo Slave. 1. Sull'interfaccia web: a. Registratevi come Amministratore Satellite. b. Selezionare Ammin Configurazione ISS Impostazione Master. c. Nell'angolo alto sulla destra della schermata selezionare Aggiungi nuovo Slave. d. Inserire le seguenti informazioni: 36

40 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Slave Fully Qualified Domain Name (FQDN) Permetti allo Slave di eseguire la Sincronizzazione? - Selezionando questo campo permetterete al Satellite Slave di accedere a questo Satellite Master. In caso contrario il contatto con questo Slave verrà negato. Sincronizza tutte le organizzazioni con lo Slave? - Selezionando questo campo sincronizzerete tutte le organizzazioni con il Satellite Slave. Nota Selezionando Sincronizza tutte le organizzazioni con lo Slave? sulla pagina di Impostazione del Master, sovrascriverete qualsiasi organizzazione selezionata specifica nella tabella Organizzazione locale. e. Selezionare Crea. f. (Facoltativa) Eseguire la selezione su qualsiasi organizzazione locale da esportare sul Satellite slave. g. Selezionare Abilita Org. Nota Con Satellite 5.5, il Satellite Master utilizzava il parametro iss_slaves nel file /etc/rhn/rhn.conf per identificare lo slave in grado di contattare il Satellite Master. Satellite 5.6 utilizza le informazioni presenti nella pagina di impostazione del Master per determinare queste informazioni. 2. Sulla linea di comando: a. Abilitare la funzione inter-satellite synchronization (ISS) nel file /etc/rhn/rhn.conf: disable_iss=0 b. Salvare il file di configurazione e riavviare il servizio httpd: service httpd restart Procedura 1.2. Configurazione dei server slave I server satellite slave sono macchine che ricevono un contenuto sincronizzato dal server master. 1. Per trasferire in modo sicuro il contenuto ai server slave sarà necessario avere il certificato ORG- SSL del server master. Tale certificato può essere scaricato attraverso HTTP dalla directory /pub/ di qualsiasi Satellite. Il file viene chiamato RHN-ORG-T RUST ED-SSL-CERT ma può essere rinominato e posizionato in qualsiasi posizione sul filesystem locale dello slave, come ad esempio sulla directory /usr/share/rhn/. 2. Registratevi nel Satellite Slave come Amministratore Satellite. 3. Selezionare Ammin Configurazione ISS Impostazione Slave. 4. Nell'angolo alto sulla destra della schermata selezionare Aggiungi nuovo Master. 5. Inserire le seguenti informazioni: Master Fully-Qualified Domain Name Master predefinito? 37

41 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Nome del file di questo certificato CA del Master - Usare il percorso completo del certificato CA scaricato nella fase iniziale di questa procedura. 6. Selezionare Aggiungi nuovo Master. Procedura 1.3. Esecuzione di Inter-Satellite Synchronization Una volta configurati i server slave e master sarà possibile eseguire una sincronizzazione. Iniziare la sincronizzazione eseguendo il comando satellite-sync: satellite-sync -c your-channel Nota Bene Qualsiasi opzione della linea di comando per il comando satellite-sync sovrascriverà qualsiasi impostazione predefinita o personalizzata nel file /etc/rhn/rhn.conf. Procedura 1.4. Mappatura delle Organizzazioni esportate del Satellite master sulle organizzazioni del Satellite slave Prerequisiti Dopo aver seguito le procedure precedenti a quest'ultima, il Satellite master dovrebbe essere disponibile all'interno delle impostazioni di Satellite Slave in Ammin Configurazione ISS Impostazione Slave. In caso contrario ricontrollate le fasi sopra riportate. Una mappatura dei nomi dell'organizzazione sul Satellite Master permette di impostare i permessi di accesso del canale sul Satellite master. Successivamente essi verranno inoltrati quando il contenuto risulta essere sincronizzato sul Satellite slave. Non è necessario mappare tutte le informazioni del canale e dell'organizzazione per tutti i Satellite slave, gli amministratori Satellite possono selezionare i permessi e le organizzazioni da sincronizzare abilitando o omettendo le mappature. Per completare la mappatura seguire questa procedura sul Satellite slave: 1. Registratevi come Amministratore Satellite. 2. Selezionare Ammin Configurazione ISS Impostazione Slave. 3. Selezionare un Satellite Master facendo clic sul nome corrispondente. 4. Usare la casella a tendina per mappare il nome dell'organizzazione master esportato su una orgaizzazione locale corrispondente nel Satellite slave. 5. Selezionare Aggiorna m appatura. 6. Sulla linea di comando emettere satellite-sync su ogni canale personalizzato per ottenere la struttura corretta ed i permessi del canale: satellite-sync -c your-channel Configurazione automatizzata spacewalk-sync-setup permette agli utenti di specificare una istanza del Satellite slave e master e utilizzare i file di configurazione per impostare le informazioni descritte nelle impostazioni per lo Slave e Master. Se necessario così facendo verrà creato un insieme di file di configurazione predefiniti. Questo processo automatizza la configurazione mappata e l'impostazione precedente per i rapporti tra Master e Slave. 38

42 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Prerequisiti Per un corretto funzionamento della configurazione automatizzata: È necessario installare il pacchetto spacewalk-util sul sistema che emetterà il comando spacewalksync-setup. È necessaria la presenza di organizzazioni esistenti con permessi personalizzati sul Satellite master. È necessaria la presenza di organizzazioni esistenti all'interno del Satellite slave. Procedura 1.5. Configurazione del server Satellite master 1. Abilitare la funzione inter-satellite synchronization (ISS) nel file /etc/rhn/rhn.conf: disable_iss=0 2. Salvare il file di configurazione e riavviare il servizio httpd: service httpd restart Procedura 1.6. Configurazione dei server slave I server satellite slave sono macchine con un contenuto sincronizzato con il server master. 1. Per trasferire in modo sicuro il contenuto ai server slave sarà necessario avere il certificato ORG- SSL del server master. Tale certificato può essere scaricato attraverso HTTP dalla directory /pub/ di qualsiasi Satellite. Il file viene chiamato RHN-ORG-T RUST ED-SSL-CERT ma può essere rinominato e posizionato in qualsiasi posizione sul filesystem locale dello slave, come ad esempio sulla directory /usr/share/rhn/. 2. Registratevi nel Satellite Slave come Amministratore Satellite. 3. Selezionare Ammin Configurazione ISS Impostazione Slave. 4. Nell'angolo alto sulla destra della schermata selezionare Aggiungi nuovo Master. 5. Inserire le seguenti informazioni: Master Fully-Qualified Domain Name Master predefinito? Nome del file di questo certificato CA del Master - Usare il percorso completo del certificato CA scaricato nella fase iniziale di questa procedura. 6. Selezionare Aggiungi nuovo Master. Procedura 1.7. Mappare le Organizzazioni del Satellite master sulle organizzazioni del Satellite slave usando spacewalk-sync-setup 1. Eseguire una registrazione su un sistema. Per questo processo non è importante se il sistema appartenga ad un Satellite master, Satellite slave o un sistema diverso, è importante che il sistema sia in grado di accedere l'api XMLRPC pubblica dei Satellite slave o master. 2. Emettere spacewalk-sync-setup sull'interfaccia a linea di comando: 39

43 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide spacewalk-sync-setup --ms=[master_fqdn] \ --ml=[master_sat_admin_login] \ --mp=[master_sat_admin_password] \ --ss=[slave FQDN] --sl=[slave_sat_admin_login] \ --sp=[slave_sat_admin_password> \ --create-templates --apply Dove: --ms=mast ER, --master-server=mast ER è il FQDN del Master al quale collegarsi --ml=mast ER_LOGIN, --master-login=mast ER_LOGIN è il lofin dell'amministratore Satellite per il Satellite Master --mp=mast ER_PASSWORD, --master-password=mast ER_PASSWORD è la password per il login dell'amministrtore Satellite sul Satellite Master --ss=slave, --slave-server=slave è il FQDN del Satellite Slave al quale collegarsi. --sl=slave_login, --slave-login=slave_login è il login dell'amministratore satellite per Satellite slave --sp=slave_password, --slave-password=slave_password è la password per il login dell'aaamministrtore satellite sul Satellite slave --ct, --create-templates è l'opzione usata per creare il file di impostazione sia per lo slave che per il master, per la coppia master/slave indicata --apply indica alle istanze di Satellite di eseguire le modifiche specificate dai file di impostazione sulle istanze Satellite specificate Nota Per ulteriori opzioni di impostazione: spacewalk-sync-setup --help L'output di questo comando sarà il seguente: INFO: Connecting to master-fqdn] INFO: Connecting to slave-fqdn] INFO: Generating master-setup file $HOME/.spacewalk-sync-setup/master.txt INFO: Generating slave-setup file $HOME/.spacewalk-sync-setup/slave.txt INFO: Applying master-setup $HOME/.spacewalk-sync-setup/master.txt INFO: Applying slave-setup $HOME/.spacewalk-sync-setup/slave.txt 3. Sulla linea di comando emettere satellite-sync su ogni canale personalizzato per ottenere la struttura corretta ed i permessi del canale: satellite-sync -c your-channel Sincronizzazione per organizzazione Inter-Satellite Synchronization può essere usato anche per importare il contenuto su qualsiasi organizzazione specifica. Questo processo può essere eseguito localmente o usando una sincronizzazione remota. Questa funzione è utile per un satellite di tipo scollegato con organizzazioni multiple, dove il contenuto è ripristinato attraverso i dump del canale o tramite una esportazione dai satellite collegati e successivamente importandolo sui satellite scollegati. È possibile usare una sincronizzazione delle organizzazioni per esportare i canali personalizzati da satellite collegati. La 4 0

44 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite stessa sincronizzazione può essere usata per spostare il contenuto tra organizzazione multiple. La sincronizzazione per organizzazione presenta alcune regole per mantenere l'integrità dell'organizzazione sorgente: Se il contenuto sorgente appartiene all'organizzazione NULL (qualsiasi contenuto Red Hat) verrà eseguito il default sull'organizzazione NULL anche se si specifica una organizzazione di destinazione. Tale approccio assicura che il contenuto specificato sia sempre nella organizzazione NULL privilegiata. Se si specifica una organizzazione sulla linea di comando il contenuto verrà importato da quella organizzazione. Se non è stata specificata alcuna organizzazione il default sarà org 1. Di seguito sono disponibili tre scenari d'esempio dove vengono usati gli ID delle organizzazioni (orgid) per la sincronizzazione tra Satellite: Esempio 1.1. Come importare il contenuto da un satellite master ad uno slave In questo esempio il contenuto viene importato da un satellite master ad uno slave: satellite-sync --parent-sat=master.satellite.example.com -c channel-name -- orgid=2 Esempio 1.2. Come importare il contenuto da un dump esportato di una organizzazione In questo esempio il contenuto viene importato da un dump esportato di una organizzazione specifica: $ satellite-sync -m /dump -c channel-name --orgid=2 Esempio 1.3. Importazione del contenuto da un Red Hat Network Hosted In questo esempio il contenuto viene importato da un Red Hat Network Hosted (assumendo che il sistema sia stato registrato ed attivato): $ satellite-sync -c channel-name Casi di utilizzo dell'inter-satellite Synchronization È possibile utilizzare nter-satellite Synchronization (ISS) in diversi modi in base ai requisiti dell'organizzazione. Questa sezione fornisce gli esempi su come utilizzare ISS insieme ai metodi per l'impostazione ed il funzionamento relativo. 4 1

45 Red Hat Satellite 5.6 Reference Guide Esempio 1.4. Staging Satellite Nel seguente esempio viene usato il satellite di staging per preparare il contenuto ed eseguire il quality assurance (QA) sui pacchetti per assicurare l'idoneità dei pacchetti stessi ad un uso di produzione. Dopo l'approvazione del contenuto il Production Satellite sincronizzerà il contenuto proveniente dal Satellite di staging. 1. Eseguire il comando satellite-sync per sincronizzare i dati con rhn_parent (generalmente Red Hat Network Hosted Hosted): satellite-sync -c your-channel 2. Eseguire il seguente comando per sincronizzare i dati dal server di stage: satellite-sync --iss-parent=staging-satellite.example.com -c custom-channel Esempio 1.5. Slave sincronizzati In questo esempio Satellite master fornisce i dati direttamente agli slave e le modifiche regolarmente sincronizzate. 4 2

46 Capitolo 1. Informazioni specifiche al Red Hat Satellite Esempio 1.6. Contenuto personalizzato degli slave In questo esempio il Satellite master è il canale di sviluppo dal quale viene distribuito il contenuto su tutti i Satellite slave di produzione. Alcuni slave presentano un contenuto aggiuntivo il quale non è presente nei canali Satellite master. I suddetti pacchetti vengono preservati ma tutti i cambiamenti del Satellite master sono sincronizzati con il Satellite slave. Esempio 1.7. Sincronizzazione bidirezionale In questo ambiente due server di Red Hat Satellite si comportano sia come master che come slave di entrambi, e sono in grado di sincronizzare il rispettivo contenuto. Il server di Satellite sul quale viene eseguito il comando satellite-sync estrarrà il contenuto dall'altro server Satellite, e i dati sincronizzati dipenderanno dalle opzioni eseguite con satellite-sync. Senza alcuna opzione la sincronizzazione cercherà di aggiornare qualsiasi dato precedentemente sincronizzato. Consultare Sezione , «Configurazione manuale» per la configurazione del Satellite Master. La configurazione di entrambi i server Satellite come Master creerà una sincronizzazione bidirezionale. 4 3

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN

Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann Portale Clienti di Red Hat 1 Gestione sottoscrizioni di RHN summary_unavailable Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1

Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1 Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 1 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager 1.0 Installation

Dettagli

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas

Fedora 14. Come utilizzare una immagine live di Fedora. Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Fedora 14 Immagini live di Fedora Come utilizzare una immagine live di Fedora Paul W. Frields Nelson Strother Nathan Thomas Copyright 2010 Red Hat, Inc. and others. The text of and illustrations in this

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Reference Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Reference Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright 2010 Red Hat, Inc. The

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 2

Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 2 Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager Edizione 2 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager 1.1 Installation

Dettagli

Red Hat Subscription Asset Manager 1.2 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager - Beta Release Edizione 3

Red Hat Subscription Asset Manager 1.2 Installation Guide. Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager - Beta Release Edizione 3 Red Hat Subscription Asset Manager 1.2 Installation Guide Installazione ed utilizzo di Red Hat Subscription Asset Manager - Beta Release Edizione 3 Sarah Chua Lana Brindley Red Hat Subscription Asset Manager

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 7 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Daniel Macpherson Lana Brindley Athene Chan Red Hat Network Satellite 5.5 Installation Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

17.2. Configurazione di un server di Samba

17.2. Configurazione di un server di Samba 17.2. Configurazione di un server di Samba Il file di configurazione di default (/etc/samba/smb.conf) consente agli utenti di visualizzare le proprie home directory di Red Hat Linux come una condivisione

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Channel Management Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Channel Management Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright

Dettagli

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di "Laboratorio di Sistemi Operativi".

Sommario. 1. Introduzione. Samba - Monografia per il Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi. Sommario SAMBA Raphael Pfattner 10 Giugno 2004 Diario delle revisioni Revisione 1 10 Giugno 2004 pralph@sbox.tugraz.at Revisione 0 17 Marzo 2004 roberto.alfieri@unipr.it Samba - Monografia per il Corso

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Proxy Installation Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

StorageTek Tape Analytics

StorageTek Tape Analytics StorageTek Tape Analytics Guida per la sicurezza Release 2.1 E60950-01 Gennaio 2015 StorageTek Tape Analytics Guida per la sicurezza E60950-01 copyright 2012-2015, Oracle e/o relative consociate. Tutti

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 3 Red Hat Gruppo di documentazione Red Hat Network Satellite 5.5 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server Load Balancer Add-On per Red Hat Enterprise Linux Edizione 6 Landmann Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del Virtual Server Load Balancer

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Client Configuration Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann

Dettagli

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk.

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Installazione Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Assicurarsi che il computer sia collegato ad internet. Successivamente, collegare l'unità

Dettagli

Archiviazione Email con Kerio Connect

Archiviazione Email con Kerio Connect Archiviazione Email con Kerio Connect Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di Kerio Connect (ex Kerio MailServer). Si presume che si disponga già

Dettagli

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount:

Per montare una directory condivisa NFS da un altro computer, digitate il comando mount: Capitolo 16. NFS (Network File System) L'NFS permette di condividere file tra computer in rete come se fossero sul disco fisso locale del client. Red Hat Linux può essere sia un server che un client NFS,

Dettagli

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6

Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 Acronis Backup Advanced Version 11.5 Update 6 SI APPLICA AI SEGUENTI PRODOTTI Advanced for Windows Server Advanced for PC Per Windows Server Essentials GUIDA INTRODUTTIVA Informazioni sul copyright Copyright

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster

Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster Configurazione e gestione di High Availability Add-On Red Hat Engineering Content Services Red Hat Enterprise Linux 6 Amministrazione del cluster

Dettagli

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso

Guida rapida alle Istruzioni per l'uso RICOH TotalFlow Print Manager Guida rapida alle Istruzioni per l'uso Guida rapida Version 3.0.0 Per le informazioni non presenti in questo manuale, fare riferimento alla Guida del prodotto in uso. Leggere

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration

Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration Guida per l'amministratore LVM Edizione 1 Landmann Red Hat Enterprise Linux 6 Logical Volume Manager Administration Guida per l'amministratore

Dettagli

Hosting Applicativo Installazione Web Client

Hosting Applicativo Installazione Web Client Hosting Applicativo Installazione Web Client Utilizzo del portale di accesso e guida all installazione dei client Versione ridotta Marzo 2012 Hosting Applicativo Installazione Web Client 21 1 - Prerequisiti

Dettagli

hottimo procedura di installazione

hottimo procedura di installazione hottimo procedura di installazione LATO SERVER Per un corretto funzionamento di hottimo è necessario in primis installare all interno del server, Microsoft Sql Server 2008 (Versione minima Express Edition)

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Landmann rlandmann@redhat.co

Dettagli

Petra Provisioning Center, rel 3.1

Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Copyright 1996,2006Link s.r.l. 1 Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti

Dettagli

Guida per l'amministratore. CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6

Guida per l'amministratore. CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore CORPORATE & ENTERPRISE EDITION Versione 7.6 Objectif Lune Inc. 2030 Pie-IX, Suite 500 Montréal, QC, Canada,

Dettagli

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione

RHN Proxy Server 4.0. Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0 Guida all installazione RHN Proxy Server 4.0: Guida all installazione Copyright 2001-2005 Red Hat, Inc. Red Hat, Inc. 1801Varsity Drive RaleighNC 27606-2072USA Telefono: +1 919 754

Dettagli

Sincronizzazione degli utenti. Archiviazione di singole caselle di posta

Sincronizzazione degli utenti. Archiviazione di singole caselle di posta Archiviazione delle email con IceWarp Mail Server Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di IceWarp. Si presume che si disponga già di un installazione

Dettagli

Notifica sul Copyright

Notifica sul Copyright Parallels Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida

Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida Acronis Backup & Recovery 11 Guida rapida Si applica alle seguenti edizioni: Advanced Server Virtual Edition Advanced Server SBS Edition Advanced Workstation Server for Linux Server for Windows Workstation

Dettagli

IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows IBM SPSS Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Note: Before using this information and the product it supports, read the general information under Note legali a pag. 7. Le schermate

Dettagli

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4

Guida all'amministrazione. BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange. Versione: 4.1 Service Pack: 4 BlackBerry Professional Software per Microsoft Exchange Versione: 4.1 Service Pack: 4 SWD-313211-0911044452-004 Indice 1 Gestione degli account utente... 7 Aggiunta di un account utente... 7 Aggiunta manuale

Dettagli

Note d'uso preliminari Firma digitale XAdES in. OpenOffice.org

Note d'uso preliminari Firma digitale XAdES in. OpenOffice.org Note d'uso preliminari Firma digitale XAdES in 5 OpenOffice.org Nome del progetto: OXSIT. 10 15 Documentazione composta di: N. 2 pagine di intestazione L'elenco del contenuto inizia a pagina 3. N. 24 pagine

Dettagli

Tekla Structures Guida dell'amministratore licenze. Versione del prodotto 21.1 settembre 2015. 2015 Tekla Corporation

Tekla Structures Guida dell'amministratore licenze. Versione del prodotto 21.1 settembre 2015. 2015 Tekla Corporation Tekla Structures Guida dell'amministratore licenze Versione del prodotto 21.1 settembre 2015 2015 Tekla Corporation Indice 1 Sistema di licenze Tekla Structures... 5 1.1 Lista di controllo consegne Tekla

Dettagli

Licenza di rete Manuale dell amministratore

Licenza di rete Manuale dell amministratore Licenza di rete Manuale dell amministratore Le seguenti istruzioni sono indirizzate agli amministratori di siti con un licenza di rete per IBM SPSS Modeler 14.2. Questa licenza consente di installare IBM

Dettagli

Installazione del software - Sommario

Installazione del software - Sommario Guida introduttiva Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Cluster Windows - Virtual Server CommNet Agent Windows Cluster Windows - Virtual

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

Adobe Application Manager Enterprise Edition versione 3.1

Adobe Application Manager Enterprise Edition versione 3.1 Adobe Application Manager Enterprise Edition versione 3.1 Versione documento 3.1 Data documento: Settembre 2012 Adobe Application Manager Enterprise Edition versione 3.1 Benvenuti ad Adobe Application

Dettagli

Hosting Applicativo Installazione Web Client

Hosting Applicativo Installazione Web Client Hosting Applicativo Installazione Web Client Utilizzo del portale di accesso e guida all installazione dei client Marzo 2012 Hosting Applicativo Installazione Web Client Introduzione Le applicazioni CIA,

Dettagli

Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION. Versione 7.6

Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION. Versione 7.6 Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION Versione 7.6 Guida per l'amministratore BUSINESS EDITION Versione 7.6 Objectif Lune Inc. 2030 Pie-IX, Suite 500 Montréal, QC, Canada, H1V 2C8 +1 (514) 875-5863

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore Processi di stampa in attesa protetti Guida per l'amministratore Settembre 2013 www.lexmark.com Sommario 2 Sommario Panoramica...3 Configurazione processi di stampa in attesa protetti...4 Configurazione

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

FileMaker Pro 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Pro 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Pro 11 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007 2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

Microcat Authorisation Server (MAS ) Guida dell utente

Microcat Authorisation Server (MAS ) Guida dell utente Microcat Authorisation Server (MAS ) Guida dell utente Indice Introduzione... 2 Installazione del Microcat Authorisation Server (MAS)... 3 Configurazione del MAS... 4 Opzioni di Licenza... 4 Opzioni Internet...

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux. Update 5. Manuale d'installazione Acronis Backup & Recovery 10 Server for Linux Update 5 Manuale d'installazione Sommario 1 Prima dell'installazione... 3 1.1 Componenti di Acronis Backup & Recovery 10... 3 1.1.1 Agente per Linux... 3 1.1.2

Dettagli

FileMaker Server 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Server 11. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Server 11 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007-2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk.

Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Installazione Il programma di installazione per l'applicazione SanDisk +Cloud si trova sull'unità flash SanDisk. Assicurarsi che il computer sia collegato ad internet. Successivamente, collegare l'unità

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (licenza di rete) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza di rete. Questo documento è stato

Dettagli

Manuale utente software Android

Manuale utente software Android Manuale utente software Android 1 1. Specifiche...3 2. Entrare e uscire dal sistema...3 2.1 Login...3 2.2 Logout...3 3. Programma di Editing...4 3.1 Interfaccia del programma...4 3.1.1 Pannello del programma...5

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per UNIX IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control per Windows, versione 10.0 Sophos Anti-Virus per Mac OS X, versione 8 Data documento: giugno

Dettagli

Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata

Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata 27 Ottobre 26 Manuale utente del servizio di Posta Elettronica Certificata Pagina 1 di 5 27 Ottobre 26 TABELLA DELLE VERSIONI Versione Data Paragrafo Descrizione delle modifiche apportate 1A 7-8-22 Tutti

Dettagli

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite

Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide. Red Hat Network Satellite Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Installation Guide Red Hat Network Satellite 5.4 Installation Guide Red Hat Network Satellite Edizione 1 Copyright 2010 Red Hat,

Dettagli

Manuale d uso Mercurio

Manuale d uso Mercurio Manuale d uso Mercurio SOMMARIO Pagina Capitolo 1 Caratteristiche e Funzionamento Capitolo 2 Vantaggi 3 3 Capitolo 3 Cosa Occorre Capitolo 4 Prerequisiti Hardware e Software Prerequisiti hardware Prerequisiti

Dettagli

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi

Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control Guida di avvio per computer autonomi Sophos Endpoint Security and Control versione 9 Sophos Anti-Virus per Mac OS X, versione 7 Data documento: ottobre 2009 Sommario

Dettagli

OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive privato)

OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive privato) Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) (a.scatolini@linux4campagnano.net) (campagnanorap@gmail.com) Miniguida n. 216 Ver. febbraio 2015 OwnCloud 8 su rete lan aziendale (una specie di Gdrive

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

Junos Pulse per BlackBerry

Junos Pulse per BlackBerry Junos Pulse per BlackBerry Guida utente Versione 4.0 Giugno 2012 R1 Copyright 2012, Juniper Networks, Inc. Juniper Networks, Junos, Steel-Belted Radius, NetScreen e ScreenOS sono marchi registrati di Juniper

Dettagli

Microcat Authorisation Server (MAS ) Guida dell'utente

Microcat Authorisation Server (MAS ) Guida dell'utente Microcat Authorisation Server (MAS ) Guida dell'utente Indice Introduzione... 2 Installazione del Microcat Authorisation Server (MAS)... 3 Configurazione del MAS... 4 Opzioni di Licenza... 4 Opzioni Internet...

Dettagli

Fedora 17. For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https:// fedoraproject.org/wiki/legal:trademark_guidelines.

Fedora 17. For guidelines on the permitted uses of the Fedora trademarks, refer to https:// fedoraproject.org/wiki/legal:trademark_guidelines. Fedora 17 Scaricare e installare Fedora 17 sulla maggior parte dei computer fissi e portatili Red Hat Engineering Content Services Fedora Documentation Project A cura di Rüdiger Landmann e Jack Reed Copyright

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

BlackBerry Desktop Software. Versione: 7.1. Manuale dell'utente

BlackBerry Desktop Software. Versione: 7.1. Manuale dell'utente BlackBerry Desktop Software Versione: 7.1 Manuale dell'utente Pubblicato: 2012-06-05 SWD-20120605130923628 Indice Informazioni di base... 7 Informazioni su BlackBerry Desktop Software... 7 Configurazione

Dettagli

BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server

BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server BitDefender Client Security e Soluzioni BitDefender Windows Server Guida Rapida all'installazione Diritto d'autore 2010 BitDefender; 1. Panoramica dell'installazione Grazie per aver scelto le soluzioni

Dettagli

Indice documento. 1. Introduzione 1 1 2 2 2 3 3 3 4 4 4-8 9 9 9 9 10 10-12 13 14 14-15 15 15-16 16-17 17-18 18

Indice documento. 1. Introduzione 1 1 2 2 2 3 3 3 4 4 4-8 9 9 9 9 10 10-12 13 14 14-15 15 15-16 16-17 17-18 18 Indice documento 1. Introduzione a. Il portale web-cloud b. Cloud Drive c. Portale Local-Storage d. Vantaggi e svantaggi del cloud backup del local backup 2. Allacciamento a. CTera C200 b. CTera CloudPlug

Dettagli

Oracle Solaris Studio 12.4: Guida per la sicurezza

Oracle Solaris Studio 12.4: Guida per la sicurezza Oracle Solaris Studio 12.4: Guida per la sicurezza N. di parte: E60509 Ottobre 2014 Copyright 2013, 2014, Oracle e/o relative consociate. Tutti i diritti riservati. Il software e la relativa documentazione

Dettagli

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform Versione 1.0 gennaio 2011 Xerox Phaser 3635MFP 2011 Xerox Corporation. XEROX e XEROX and Design sono marchi di Xerox Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Questo documento è soggetto a modifiche

Dettagli

Archiviare messaggi da Microsoft Exchange 2003

Archiviare messaggi da Microsoft Exchange 2003 Archiviare messaggi da Microsoft Exchange 2003 Nota: Questo tutorial si riferisce specificamente all'archiviazione da Microsoft Exchange 2003. Si dà come presupposto che il lettore abbia già installato

Dettagli

v. 2.0 NEO-CALL Software Suite Parental Control, monitoraggio attività minori, antifurto, Kit sopravvivenza Manuale di avvio rapido

v. 2.0 NEO-CALL Software Suite Parental Control, monitoraggio attività minori, antifurto, Kit sopravvivenza Manuale di avvio rapido v. 2.0 NEO-CALL Software Suite Parental Control, monitoraggio attività minori, antifurto, Kit sopravvivenza Manuale di avvio rapido Release 2.0 Document Version 01 Note legali Questo documento viene distribuito

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh

Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Guida dell'amministratore di JMP 9 alle versioni con licenza annuale per Windows e Macintosh Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute Inc. 2010.

Dettagli

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente 2 Retrospect 9 Manuale dell'utente Appendice www.retrospect.com 2011 Retrospect, Inc. Tutti i diritti riservati. Manuale per l'utente Retrospect 9,

Dettagli

9243057 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation

9243057 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation 9243057 Edizione 1 IT Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation VPN Client Manuale d'uso 9243057 Edizione 1 Copyright 2005 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto

Dettagli

Nautilus Installazione Aggiornato a versione 2.4.1092

Nautilus Installazione Aggiornato a versione 2.4.1092 Nautilus Installazione Aggiornato a versione 2.4.1092 IMPORTANTE: NON INSERIRE LA CHIAVE USB DI LICENZA FINO A QUANDO RICHIESTO NOTA: se sul vostro computer è già installato Nautilus 2.4, è consigliabile

Dettagli

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Maggio 2012 Sommario Capitolo 1: Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook... 5 Presentazione di Conference Manager per Microsoft Outlook...

Dettagli

Red Hat Enterprise Linux 5 Logical Volume Manager Administration

Red Hat Enterprise Linux 5 Logical Volume Manager Administration Red Hat Enterprise Linux 5 Logical Volume Manager Administration Guida per l'amministratore LVM Edizione 3 Landmann Red Hat Enterprise Linux 5 Logical Volume Manager Administration Guida per l'amministratore

Dettagli

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software

Guida introduttiva. Versione 7.0.0 Software Guida introduttiva Versione 7.0.0 Software Installazione del software - Sommario Panoramica sulla distribuzione del software CommNet Server Windows Windows Cluster - Virtual Server Abilitatore SNMP CommNet

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. HP proliant ml310 g4 server http://it.yourpdfguides.com/dref/880791

Il tuo manuale d'uso. HP proliant ml310 g4 server http://it.yourpdfguides.com/dref/880791 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di HP proliant ml310 g4 server. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida alla configurazione dell installazione in rete

FileMaker Pro 12. Guida alla configurazione dell installazione in rete FileMaker Pro 12 Guida alla configurazione dell installazione in rete 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

Guida all'installazione 5.1

Guida all'installazione 5.1 RHN Proxy Server 5.1.1 Guida all'installazione 5.1 ISBN: Publication date: RHN Proxy Server 5.1.1 RHN Proxy Server 5.1.1: Guida all'installazione Copyright 2008 Red Hat, Inc. Copyright 2008 Red Hat, Inc.

Dettagli

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows

Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server. Stampa da Windows Xerox 700 Digital Color Press con Integrated Fiery Color Server Stampa da Windows 2008 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente

RepairsLab Manuale Utente. RepairsLab. Manuale Utente Pag 1 di 14 RepairsLab Manuale Utente Per RepairsLab 1.0 Autore: Fabrizio Ferraiuolo Indice generale Introduzione...2 Installazione...2 Schermata principale...3 Configurazione...4 Configurazioni Base Dati...5

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2003/2007 Il software descritto nel presente documento

Dettagli

GFI Product Manual. ReportPack

GFI Product Manual. ReportPack GFI Product Manual ReportPack http://www.gfi.com info@gfi.com Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Salvo se indicato diversamente, le società, i nomi

Dettagli

License Service Manuale Tecnico

License Service Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1. BIM Services Console...3 1.1. BIM Services Console: Menu e pulsanti di configurazione...3 1.2. Menù Azioni...4 1.3. Configurazione...4 1.4. Toolbar pulsanti...5 2. Installazione

Dettagli

Symantec Enterprise Vault

Symantec Enterprise Vault Symantec Enterprise Vault Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2010 9.0 Symantec Enterprise Vault: Guida per gli utenti di Microsoft Outlook 2010 Il software descritto nel presente documento viene

Dettagli

Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows

Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows Istruzioni per scaricare ed installare FirstClass IntroEdition per Windows FirstClass IntroEdition è una soluzione groupware di collaborazione gratuita e completamente funzionante che include il server

Dettagli

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente

Soluzioni IBM Client Security. Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Soluzioni IBM Client Security Password Manager Versione 1.4 - Guida per l utente Prima edizione (Ottobre 2004) Copyright

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Installazione di GFI MailSecurity in modalità gateway

Installazione di GFI MailSecurity in modalità gateway Installazione di GFI MailSecurity in modalità gateway Introduzione Questo capitolo spiega la procedura per installare e configurare la modalità GFI MailSecurity SMTP gateway. In modalità SMTP gateway,

Dettagli

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice.

Per aprire Calcolatrice, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e quindi Calcolatrice. LA CALCOLATRICE La Calcolatrice consente di eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni. Dispone inoltre delle funzionalità avanzate delle calcolatrici scientifiche e statistiche. È possibile

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli