DETTI E CONTRADDETTI SEMESTRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DETTI E CONTRADDETTI 1995 1 SEMESTRE"

Transcript

1 DETTI E CONTRADDETTI SEMESTRE 5 gennaio LINEA RECTA BREVISSIMA. È la regola. Un amministratore amministra, tre amministratori cercano il modo migliore di amministrare, cinque amministratori discutono su programmi opposti, sette amministratori chiacchierano (Lafitte). L'artista e il successo. Un artista che vuole avere successo non è più un artista. È una persona che vuole avere successo (P. Fornasetti, La follia pratica, Allemandi, 1992). Una buona società in cui vivere. È necessario adoperarsi per costruire stili di vita nei quali la ricerca del vero, del bello, del buono e la comunione con gli altri uomini siano gli elementi che determinano le scelte dei consumi, dei risparmi, degli investimenti (Giovanni Paolo II). Se la citazione è azzeccata. Montesquieu, parlando di Rabelais, l'autore del famoso romanzo fantastico e burlesco Gargantua e Pantagruel, soleva dire: «Ogni volta che ho letto Rabelais, mi ha annoiato: non m'è mai riuscito di gustarlo. Ma ogni volta che l'ho sentito citare, mi è veramente piaciuto» (Levi Appulo). Idolatria del Capo. 22 dicembre 1994, ore 13,55. Sullo schermo di Rete 4 si vede l'auto del presidente del Consiglio dimissionario, Silvio Berlusconi, imboccare il portone del Quirinale. Il direttore del Tg4, Emilio Fede, confida ai telespettatori il suo ultimo motivo di sconforto: «Non abbiamo neppure potuto vedere com'è vestito il Presidente!». E poi raccontano che il feticismo appartiene alle nostre origini ancestrali (Levi Appulo). «IL SENSO DELL'UMANITÀ NON MI È ANCORA VENUTO MENO». «Nove giorni prima di morire Emanuele Kant ricevette una visita del suo medico. Benché vecchio, malato e quasi cieco, si levò e se ne stette in piedi, tremante di debolezza, mormorando parole incomprensibili. Alla fine il suo fedele amico comprese che egli non si sarebbe seduto finché lui stesso non si fosse accomodato. Il che egli fece e allora Kant si lasciò accompagnare alla sua poltrona e, ripresa lena, osservò: "Das Gefuhl fur Humanität hat mich noch nicht verlassen ("Il senso dell'umanità non mi è ancora venuto meno"). I due uomini erano commossi fino alle lacrime. In realtà, benché il termine Humanität significasse nel Settecento ormai poco più che educazione o buone maniere, per Kant aveva un significato molto più profondo che la particolare circostanza accentuava: una orgogliosa e tragica consapevolezza di principi liberamente accettati ed imposti a se stesso, di fronte alle imposizioni esterne della malattia, della decadenza e di tutto ciò che si intende per condizione mortale dell'uomo». L'episodio è riferito dal biografo di Kant. E. A. C. Wasianski in Uber Immanuel Kant, vol. III, 1804; l'esegesi delle grandi parole pronunciate del filosofo di Koenisberg è di E. Panofsky, in apertura del volume Il significato delle arti visive, trad. it. Einaudi, Torino, AUTOSTIMA ALLE STELLE E DATI PROBLEMATICI. Nella conferenza-stampa di fine anno, tenuta il 23 dicembre '94 dal presidente del Consiglio uscente e trasmessa in diretta sul Tg1 e in differita sul Tg4, ci sono stati due momenti forti. Il primo. Berlusconi si è paragonato a Gandhi. Ha detto testualmente: «È lui il mio modello». Il secondo. Berlusconi ha voluto ricordare egli stesso, prevenendo i suoi interlocutori, la promessa del milione di posti di lavoro e ha dichiarato: «Ho parlato di un milione di posti in due anni e mezzo ed eravamo in perfetta media. Basta confrontare i dati». Ma, iella di una iella, quello stesso giorno i telegiornali delle reti nazionali riportavano "i dati" dell'istat, secondo i quali tra l'ottobre del '93 e l'ottobre del '94 in Italia sono aumentati non i posti di lavoro, ma i disoccupati. E di ben 421 mila unità. Ci vorrebbe, però, un'ulteriore precisazione per rendere credibile o no quello che ha affermato il presidente del Consiglio: nel semestre gestito dal Governo di centro-destra, cioè dal maggio all'ottobre '94, di quanto è aumentato o diminuito effettivamente il numero dei disoccupati?

2 L'ANGOLO DI SENECA. Il bene morale non è una metretica del piacere. «Quelli che pongono al di sopra di tutto il piacere, ritengono che il bene sia sensibile; per noi, invece, che lo attribuiamo all'anima, appartiene all'ordine intelligibile. Se i sensi dovessero giudicare di ciò che è bene, noi non rifiuteremmo alcun piacere: non ve n'è uno, infatti, che non abbia una sua attrattiva, che non provochi un qualche diletto. Per le stesse ragioni non ci assoggetteremmo mai volontariamente al dolore, perché ogni dolore offende la sensibilità. Se il piacere è un bene, perché dovremmo biasimare chi ama troppo il piacere e teme soprattutto il dolore? Se si è coerenti al presupposto, non si vede proprio qual è il peccato di cui si macchiano i golosi, i lussuriosi, quelli che per paura di soffrire si ritirano da ogni virile ardimento (qui nihil viriliter ausuri sunt doloris metu)». Ad Luc. 124, gennaio LINEA RECTA BREVISSIMA. Intelligenza senza carattere. In una persona intellettualmente vivace la capacità della manipolazione delle idee è spesso superiore al rigore morale del suo carattere. E questa disequazione produce disumanità (Levi Appulo). Il Dio dei viventi. E Gesù disse loro: e che i morti risorgano lo ha indicato anche Mosè, nel passo del roveto, quando chiama il Signore Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. Egli non è Dio dei morti, ma dei vivi, perché tutti vivono per lui (Lc. 20, 37-38). Un uomo, cioè un combattente. Io sono stato un uomo e questo vuol dire essere un combattente (Goethe). La storia, laboratorio dell'umanità. Chi non sa rendersi conto / dei millenni lontani, / resti inesperto all'oscuro, / e viva alla giornata. (Wer nicht von dreitausend Jahren / sich weiss Rechenschaft zu geben, / bleib im Dunkel unerfahren, / Mg von Tay zu Tage leben) (Goethe). Essere e fare. Bisogna essere qualche cosa per fare qualche cosa (Goethe). IL PROBLEMA ITALIA NEL TESTAMENTO DI IPPOLITO NIEVO. Tra le carte di Nievo, parecchi anni dopo la sua morte prematura, fu ritrovato un saggio cui fu dato il titolo Frammento sulla rivoluzione nazionale. Scritto di getto, probabilmente nei mesi che precedono la sua partenza per la Sicilia con i Mille, e non più riveduto. È il suo vero testamento politico e spirituale, ricco di concretezza e di profonde intuizioni etico-politiche, che fanno di lui un eccellente diagnostico, senza le banalità e le ubbie del socialismo francese e del marxismo. Il Frammento suona come un appello alla classe dirigente liberale perché eviti due grossi scogli che renderanno precaria e difficile l'unificazione nazionale. La Scilla del liberalismo italiano era un furibondo anticlericalismo, chiuso alla comprensione sia del messaggio cristiano in sé, sia del suo costituirsi a giustificazione e coronamento della coscienza morale del nostro popolo. «Siate filosofi, panteisti, atei, se credete - dice Nievo ai suoi ideali interlocutori - ma siate in pari tempo retti estimatori del vostro secolo, e delle condizioni altrui sì materiali che morali. Consentite con me che non avete altro bene in vostra balia da compensare il popolo della perdita della sua fede, che non avete altro freno da sopperire alla mancanza della legge divina. Potrete sperimentare la vostra forza persuasiva in altri conati più utili, più giusti» (Opere, pp , Milano-Roma, 1952). Il Cariddi in cui rischia d'incagliarsi la "rivoluzione politica" è la mancata "fusione del volgo campagnuolo nel gran partito liberale". La premessa per lavorare a conseguire in progresso di tempo un simile risultato - in cui in realtà consiste l'autentica "rivoluzione nazionale" - è l'educazione, ma, a sua volta, la "prima condizione per rendere l'educazione possibile è l'alleviamento della miseria e il retto soddisfacimento dei bisogni". Di qui l'invocazione appassionata di Nievo: «Migliorate adunque subito fin che n'è tempo la condizione materiale del volgo rurale se volete avere un'italia... Voi dite che vi affretterete a compiere il rivolgimento politico senza la sua cooperazione o colla sua cooperazione passiva o forzata; che compiuta ed assicurata l'opera penserete a lui. Io vi consiglio a non vi fidare di questa massima» (pp ).

3 Ed ecco, infine, due espressioni epigrafiche, di quelle che si ricordano come se fossero proverbi, perché il loro autore, scrivendole, e noi, leggendole, avvertiamo il peso della parola. «Mal s'insegna l'abbicì a uno che ha fame» (p. 1081); «... il tempo è vindice supremo della inutilità» (p. 1090). L'ANGOLO DI SENECA. Contemplazione e azione. «Mi consigli di evitare la folla, di appartarmi, di cercare la gioia nella coscienza. E allora che ne è dei vostri principi stoici che impongono di morire sulla breccia?». Ti pare proprio che io ti raccomandi l'inerzia? Se mi sono ritirato e isolato, è stato piuttosto per giovare a molti (In hoc me recondidi, et fores clausi, ut prodesse pluribus possim). Non un giorno trascorre per me nell'ozio e allo studio rivendico anche una parte della notte: al sonno non mi dedico, ma cedo, e costringo al lavoro gli occhi che si chiudono affaticati dalla veglia. Io ormai curo gli affari dei posteri (Posterorum negotium agi). Ad Luc. 8, gennaio LINEA RECTA BREVISSIMA. Non si fanno "Favori" ai malvagi. Chi si aspetta una ricompensa dai malvagi per un favore, sbaglia due volte: prima perché aiuta gente indegna, poi perché non può sperare di cavarsela impunemente (Fedro, 20 a.c d.c., fatto prigioniero in Tracia ancora ragazzo e portato a Roma, fu liberato da Augusto. Sono celebri le su Favole. Subì un processo sotto Tiberio, ma se la cavò). I luoghi e la memoria. Nessuno torna volentieri nei posti dove ha sofferto (Fedro). Ciò che è assurdo non attesta mai grandezza d'animo, ma irresponsabilità. I progetti assurdi non solo sono irrealizzabili, ma anche dannosi (Fedro). Agitati, non attivi. Molti sono indaffarati a non fare nulla (Fedro). Lo si dimentica di continuo. Il successo conduce molti alla rovina (Fedro). Chi è genitore. I genitori li fa la bontà d'animo, non il vincolo naturale (Fedro). Quando il disprezzo cela invidia e impotenza. Molti sviliscono a parole ciò che non sono all'altezza di fare (Fedro). Il buon senso di uno può giovare a molti. Spesso ciò che sfugge alla superficialità di molti viene scoperto dal buon senso di una sola persona (Fedro). QUANDO LA SCIENZA SI SEPARÒ DALLA MAGIA? La storiografia ha messo in luce la rilevante presenza, nell'età rinascimentale e in quella posteriore della tradizione magica, ed ermetica (nome che deriva dal mitico Ermete Trimegisto, cioè "il tre volte grande e dalla raccolta di scritti diffusi sotto il suo nome del periodo ellenistico, a partire dal II secolo d.c.). Tra i pensatori moderni accanto a coloro che criticano con asprezza la magia, l'alchimia e l'astrologia (si pensi a Bacone e a Bayle), vi sono molti che vedono in esse tappe preparatorie, aspetti e componenti di quel processo che è la rivoluzione scientifica. I presupposti della magia e dell'ermetismo (il parallelismo e la corrispondenza tra macrocosmo e microcosmo, la simpatia cosmica, la concezione dell'universo come un unico grande essere vivente) erano diffusi nel contesto culturale del tempo. Non ci si deve meravigliare, pertanto, se all'inizio della rivoluzione scientifica la magia e le altre suggestioni analoghe si intrecciavano alla scienza; la separazione fra la pseudo-scienza e la scienza propriamente detta sarà il punto di arrivo del percorso che va dal 1543, l'anno in cui appare il De revolutionibus di Copernico, al 1687 in cui Newton pubblica i Philosophiae naturalis principia mathematica. Né si deve tacere che persino i rappresentanti più prestigiosi della rivoluzione scientifica pagarono il pedaggio a quei pregiudizi che proprio le loro scoperte avrebbero contribuito a confutare. Copernico fu astronomo, ma nell'esercizio della medicina fece sistematicamente ricorso alla teoria degli influssi astrali. Tycho Brahe cercava negli astri la chiave per capire gli avvenimenti umani e salutò l'inizio di un'era di pace e ricchezza nell'apparizione della stella nova nel Il suo discepolo Keplero consultò le stelle, oltre gli amici, quando decise di sposarsi la seconda volta e persino Galilei dovette occuparsi di oroscopi su richiesta della corte dei Medici. Insomma anche il cammino della scienza è stato faticoso, tutt'altro che una marcia trionfale.

4 L'ANGOLO DI SENECA. Dissonanze armonizzate. «La natura è un tutto armonioso che compone in unità le dissonanze (tota haec mundi concordia ex discordibus constat)». Nat. Quaest. VII, 27, 4. Il mondo e il caso. «Questo mondo così bello, così ben strutturato e regolato, qualcuno lo considera come il prodotto disordinato del caso. E questa demenza circola non solo tra gente ignorante, ma anche tra coloro che fanno professione di saggezza». Nat. Quaest., pr febbraio LINEA RECTA BREVISSIMA. Bene qui, nella lotta. Spesso, quando si chiede a una portoricana come sta, come vadano le cose, ci si sente rispondere: "Pues, ahì, en la lucha (Bene, qui, nella lotta)... Questa frase rappresenta perciò un'affermazione sulla sopravvivenza, un commento sulle circostanze economiche e sociali, un commento sulla voglia di affrontare le difficoltà e sulla perseveranza, e contiene i semi di un volersi impegnare, lottare (Elisabeth Schussler Fiorenza). Gli impenitenti. Se ti guardi intorno, ti accorgerai che la scena è occupata quasi sempre da coloro che, avendo sbagliato molto, vogliono insegnare tutto (Levi Appulo). Sì lo confesso. Di alcuni pensatori, poeti e uomini d'azione non posso accogliere né le pretese messianiche, né alcuni princìpi aberranti. E tuttavia, spesso, il vigore del loro genio mi appare ugualmente grande (Levi Appulo). L'oscillazione. Il mio emblema: un pendolo che oscilla tra un punto esclamativo e un punto di domanda (Michel Leiris, Journal, 21 aprile 1978). La libertà comincia dal sorriso. C'est à l'ironie qui commence la liberté (Victor Hugo, La Légende des siècles, 1859). Chi disimpara a servire. Chi ha appreso a morire ha disimparato a servire. Il saper morire ci affranca da ogni soggezione e timore (Michel de Montaigne). Pronti a morire se vogliamo gioire. Essere pronto a morire è ancora il mezzo migliore di gioire della vita (André Lalande). Per ottenere la libertà. È soltanto rischiando la vita che si ottiene la libertà (Hegel). NON È SOLO CATTIVA POLITICA. «Nessuno ha nostalgia dei partiti, degli uomini, dei comportamenti, del modo di far politica e del linguaggio della Prima Repubblica. Ma è anche un fatto che movimenti, uomini, comportamenti, modo di far politica e linguaggio della seconda Repubblica non si stanno rivelando migliori. Anzi. I movimenti non sono riusciti ad assolvere la duplice funzione propria dei partiti tradizionali che essi hanno sostituito: 1) selezionare in modo adeguato il personale politico; 2) esercitare una forte capacità di indirizzo. La maggior parte degli uomini "nuovi" sono politicamente incolti, tecnicamente impreparati ad assolvere i propri compiti, o, semplicemente "impresentabili"; il linguaggio e i comportamenti sono spesso più da "Bar Sport" o da "Tv-Spazzatura" che quelli di una democrazia matura. La verità nuda e cruda è che l'italia sta attraversando, oltre che una crisi politica, anche e soprattutto una crisi culturale, morale, istituzionale, civile, sociale. E non ne uscirà facilmente, quale che sia l'esito della crisi politica» (Piero Ostellino, Corriere della Sera, 29 dicembre '94). IL SILENZIO CI INSEGNA A PARLARE. Il silenzio ci insegna a parlare. Una parola che reca frutto è una parola che torna al silenzio da cui è emersa, che ci ripropone il silenzio da cui viene e ci riconduce a esso. Una parola che non è radicata nel silenzio è una parola fiacca, inefficace, anche se fa rumore ed echeggia come «un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna» (1 Cor 13, 1). Quando incarnano il silenzio dal quale emergono, le parole sono destinate a generare comunione e nuova vita. Ma non appena cominciano a servirci per spadroneggiare gli uni sugli altri, per difenderci e offendere, esse allora non ci parlano più del silenzio. Quando, invece, le parole esprimono la quiete risanatrice e ristoratrice del silenzio da cui scaturiscono, poche ne bastano: molte cose possono essere dette senza parlare molto. Così, il silenzio e il mistero del mondo futuro, ci conserva pellegrini e ci impedisce di restare

5 impigliati nelle cure della nostra epoca. Mantiene vivo il fuoco dello Spirito che dimora in noi. Ci rende capaci di dire parole che partecipano alla potenza creativa e ricreativa della Parola stessa di Dio. L'ANGOLO DI SENECA. Il cielo stellato sopra di me. «Il sole, anche se si limitasse soltanto a solcare il cielo, non sarebbe già uno spettacolo per i nostri occhi tale da riempirci di stupore? E non sarebbe degna di contemplazione la luna, anche se si limitasse a passare, come un astro inutile, da un punto all'altro del cielo? E chi può restare insensibile di fronte alla volta celeste, quando di notte sparge i suoi fuochi e risplende di una infinità di stelle? Chi, quando contempla queste cose, pensa alla loro utilità?». Ben. IV, 23, febbraio LINEA RECTA BREVISSIMA. Due condizioni molto semplici. Non fate nulla per invidia o per vanagloria... Badate agli interessi degli altri e non solo ai vostri San Paolo, Lettera ai Filippesi 2, 3-4). Dove si va e con chi si combatte. Io corro, ma non come chi è senza meta; faccio il pugilato, ma non come chi batte l'aria (San Paolo, Prima lettera ai Corinzi, 9, 24-26). Il senso di una vita. È giunto il momento di sciogliere le vele. Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede (san Paolo, Seconda lettera a Timoteo, 4, 6-7). Bisogna scendere tutto nella melma. Se vuoi sollevare un uomo dalla melma e dal fango, non credere di poter restare in alto e accontentarti di stendere una mano soccorrevole. Devi scendere giù tutto, nella melma e nel fango. Allora afferralo con forti mani e riconduci lui e te alla luce (Rabbi Shlomo, maestro della corrente mistica dell'ebraismo, i Chassidim). È CONTINUO IL PROGRESSO VERSO IL MEGLIO? C'È UN LIMITE AL PEGGIO? - Nell'ultimo decennio del diciottesimo secolo, nel decennio cioè della Rivoluzione francese, qualcuno ha posto e cercato di risolvere la questione «se il genere umano sia in continuo progresso verso il meglio». Questo qualcuno è Kant. Da un punto di vista puramente astratto, egli dice, ci sarebbero evidentemente tre possibilità di rispondere a quella domanda: Primo, «ascesa costante», secondo, «continua decadenza»; terzo,«permanenza al medesimo stadio, movimento più o meno, allo stesso livello». Di queste tre risposte possibili, una, la seconda, si elimina subito, a priori, senza discussione. E, invero, il «regresso verso il peggio» è una possibilità astratta, ma in concreto non esiste, è semplicemente inimmaginabile per Kant. Perché? Il chiarimento offerto su questo punto suona testualmente così: «La decadenza verso il peggio non può essere costante e continua nel genere umano, poiché, ad un certo grado della medesima, esso si annienterebbe». L'autodistruzione del genere umano, secondo l'opinione di Kant, è assolutamente fuori discussione per un pensiero storico realistico; una cosa simile non può accadere. IL RADICALE MUTAMENTO. Ora, riguardo a questo punto, la coscienza dell'umanità ha subito una trasformazione evidente e radicale. Da Hiroshima in poi l'idea che l'umanità possa «annientare» se stessa non solo è pensabile, ma è divenuta un incubo, un'angoscia collettiva. Se si volge uno sguardo retrospettivo alla posizione di Kant, l'autosterminio dell'uomo era allora effettivamente di là da ogni concreta possibilità: era irrealizzabile, anche solo da un punto di vista puramente tecnico. Sulle possibilità, però, di distruzione che esistono nell'uomo di cui lo si può ritenere capace, Kant poteva illudersi più facilmente di quanto lo possiamo noi oggi; ma una illusione rimane pur sempre un errore. Noi, certamente, di fronte alle tre possibilità del corso della storia formulate da Kant, non saremmo più capaci di escludere a priori quella negativa. SE VAGHIAMO QUA E LÀ, SE SIAMO INCOSTANTI E AGITATI... - «Bisogna certamente sapere che non possiamo osservare nessun altro comandamento e neppure l'amore stesso per Dio o

6 per il prossimo, se vaghiamo qua e là con la nostra mente da un oggetto all'altro. Non è possibile imparare un'arte o una scienza, se si passa di continuo dall'una all'altra e non si può certamente riuscire ad apprenderne anche solo una, se non si conosce quanto concerne il fine di quest'arte. Bisogna, infatti, che le nostre azioni siano conseguenti al fine, poiché con mezzi inadeguati non si può ottenere nulla di ragionevole. Quello che il fabbro si propone non lo si otterrà lavorando secondo l'arte del vasaio, né si vinceranno gare atletiche esercitandosi con impegno nel suonare il flauto, ma per ciascun fine è richiesta una fatica particolare ed appropriata. E così, l'esercizio per piacere a Dio, secondo l'evangelo di Cristo, si realizza con il ritirarsi dalle preoccupazioni del mondo e l'abbandonare assolutamente ogni distrazione» (San Basilio di Cesarea, , Regulae fusius tractatae, 5, 1, trad. it. Edizioni Qiqajon, Magnano-Vicenza, 1993). L'ANGOLO DI SENECA. I cardini della vita morale. «Sono quattro i cardini su cui gira la vita morale: frenare la cupidigia (cupiditas refrenari / temperanza), dominare la paura (metus comprimi / fortezza), prendere decisioni sagge (facienda provideri / prudenza), dare a ciascuno il suo (reddenda distribui / giustizia). Questi sono gli elementi di ogni vita onesta e l'uomo che li assume su di sé ha riconosciuto la virtù dai segni che la rivelano. La virtù ce la mostrano l'ordine stesso che è in lei, la sua bellezza, la costanza dei suoi principi, l'armonia che regna tra le sue azioni e quella grandezza che su tutto la innalza». Ad Luc. 110, febbraio LINEA RECTA BREVISSIMA. Dovrebbe essere il contrario, ma la stupidità ha sì gran parte nelle umane vicende. Chi detiene il potere sempre ha in odio e in sospetto chi è destinato a succedergli (Tacito). Se non si sta in guardia. Spesso, se non si sta in guardia, a buone cause seguono perniciosi effetti (Tacito). Occorre non lasciarsi incantare. Non bisogna mai fidarsi di chi è troppo potente (Tacito). Ciò che non si esibisce e neppure si osa confidare. Quelli che si lamentano di più sono quelli che soffrono di meno (Tacito). Verità da gridare forte. Più uno Stato è corrotto più fa leggi (Tacito). Falsi e sinceri. I falsi in amore sono sinceri nell'odio (Tacito). La più violenta di tutte. La più violenta delle passioni è la brama di potere (Tacito). L'infame convincimento dei Signori della Tangente. Che cosa conta il buon nome, una volta che si sono messi al sicuro i soldi? (Decimo G. Giovenale, 60 d.c d.c., nato ad Aquino. La sua musa è l'indignazione morale - facit indignatio versum - contro il servilismo interessato degli intellettuali, l'arroganza del potere, il cinico tirare a campare del popolino, la corruzione eretta a sistema). Gli sporcaccioni dall'aria severa. Non fidarti dell'apparenza: sono tanti gli sporcaccioni dall'aria severa (Giovenale). Occorrono uguali opportunità. Non è facile emergere per coloro ai cui meriti è di ostacolo la scarsezza di mezzi (Giovenale). Se il vizio dell'auto-stima è anche incoraggiato... Non c'è nulla che chi è potente non possa credere riguardo a se stesso quando qualcuno lo loda (Giovenale). UNA CERTA ARIA DI FAMIGLIA TRA BUDDHA E IL CIRCOLO VIENNESE. Nel suo nucleo centrale la concezione buddhista è formulata nel primo sermone di Benares, o dottrina delle «quattro verità». La prima è che «tutto è Sofferenza»: la nascita è Sofferenza, il declino è Sofferenza, la malattia è Sofferenza, tutto ciò che è effimero è Sofferenza. La seconda verità è che «l'originale della Sofferenza è il Desiderio». La terza è che «l'eliminazione del Desiderio porta all'eliminazione della Sofferenza». La quarta verità rivela l'ottuplice Sentiero che conduce all'estinzione della Sofferenza: la corretta opinione, il corretto pensiero, la corretta parola, la corretta azione, i corretti mezzi di esistenza, la corretta attenzione, la corretta contemplazione. La contemplazione sembra essere, però, la forma più vicina al messaggio originale del Buddha. «In origine - osserva Mircea Eliade - si tratta di una

7 dottrina molto caratteristica, nell'insieme delle religioni del mondo: una dottrina non affermativa, ma prima di tutto negativa. La via del buddismo è la via dell'annientamento del Sé e, attraverso ciò, del mondo dei fenomeni». Di qui la conclusione radicalmente agnostica: qualsiasi «affermazione» su tutti i grandi interrogativi dell'uomo (se l'anima è il corpo o se l'anima e il corpo sono distinti, se l'anima sopravvive alla morte o non esiste più dopo di essa, se il nirvana è la pienezza di felicità o è il nulla, ecc. ecc.) non sarebbe altro che congettura senza fondamento, riguardando cose a cui non si può attribuire alcuna esistenza reale, designabili solo attraverso convenzioni linguistiche. A chi gli chiedeva lumi sulle questioni di fede, Buddha rispondeva, dicono le fonti, con «un nobile silenzio». Per questo alcuni hanno potuto percepire una certa aria di famiglia tra il metodo del Buddha e quello dei neo-positivisti del Circolo viennese. L'EMOZIONE RELIGIOSA NEL LINGUAGGIO DELL'AMORE UMANO. Il cuore della rivelazione biblica sta nell'annunciare che Dio è letteralmente innamorato dell'uomo: «Sì, come una giovane sposa una vergine, così ti sposerà il tuo Creatore» (Isaia 62, 5). Il rapporto tra il Creatore e l'anima è di tipo sponsale: Dio è l'amante fedele alla sua sposa. Il libro dell'antico Testamento che dà espressione lirica a questo modo di concepire il rapporto uomo-dio è il Cantico dei Cantici, cioè il cantico per eccellenza, il poema d'amore in cui l'amato e l'amata si cercano reciprocamente e si trovano. Ebrei e cristiani non hanno mai cessato nel corso dei secoli di commentare quel testo. Vogliamo anche noi prendere in mano la Bibbia e goderci quel piccolo, splendido libro di cui l'emozione religiosa più alta è trasposta immediatamente, direi senza residuo alcuno, sul piano dell'amore terreno? Anche per chi non legga la Bibbia con gli occhi della fede, dove trovare una poesia d'amore che possa reggere il confronto con quella del Cantico dei Cantici? L'ANGOLO DI SENECA. Principio degli indiscernibili. «Non c'è animale che sia uguale a un altro. Esamina bene i corpi di tutti: ciascuno ha un suo proprio colore, una sua figura, una sua grandezza. Tra le tante ragioni che fanno così ammirevole la mente del divino Artefice penso ci sia anche questa: in tanta prodigiosa ricchezza di esseri Dio non si ripete mai. Anche le cose che sembrano simili, a confrontarle risultano diverse (Etiam quae similia videntur, cum contuleris, diversa sunt). Di tante specie di foglie, non ce n'è una che non abbia una sua propria caratteristica; fra tanti animali, non uno che abbia esattamente le stesse proporzioni d'un altro: una differenza c'è sempre. L'Artefice divino ha voluto un universo in cui gli esseri fossero non uniformi, ma distinti e differenziati nella loro individualità». Ad Luc. 113, febbraio LINEA RECTA BREVISSIMA. Basta viverci accanto qualche giorno. Se vuoi sapere come stanno gli altri quanto all'essere felici o infelici, basta che tu vada a stare in casa di qualcuno, una volta soltanto e per pochi giorni: vacci e vivici qualche giorno, e poi, dopo che ne sarai uscito, vedi se hai ancora il coraggio di considerarti infelice (Giovenale). Vendetta e meschinità. La vendetta è un piacere solo per gli animi meschini (Giovenale). Il testimone non eliminabile. La pena più tremenda è portare in cuore, notte e giorno, il testimone delle proprie colpe (Giovenale). I vizi che trasmettiamo ai nostri figli. I vizi che i genitori con il loro esempio trasmettono ai figli sono numerosissimi. E per natura i cattivi esempi che vengono dalla famiglia corrompono più in fretta e più a fondo, perché penetrano nell'animo attraverso autorevoli modelli (Giovenale). Multa debetur pueris reverentia. I bambini meritano il più grande rispetto (Giovenale). Più si ha denaro, più se ne vuole. L'amore per il denaro cresce quanto più cresce il denaro stesso (Giovenale). NO, NON È COLPA DELLA SCIENZA. Molti pensano che sia stata l'invenzione meccanica in

8 genere a sviluppare il gusto del lusso, come anche del benessere. Se inoltre si ammette che i nostri bisogni materiali andranno sempre crescendo e esasperandosi, è perché non si vede la ragione per cui l'umanità dovrebbe abbandonare la via dell'invenzione meccanica, una volta che l'abbia imboccata. Aggiungiamo che più la scienza avanza, più le sue scoperte suggeriscono invenzioni: spesso dalla teoria all'applicazione non c'è che un passo; e poiché la scienza non potrebbe fermarsi, sembra in realtà che non ci debba esser fine sia alla soddisfazione dei nostri antichi bisogni, sia alla creazione di bisogni nuovi. Ma occorre prima di tutto domandarsi se lo spirito inventivo susciti necessariamente dei bisogni artificiali, o se sia stato piuttosto il bisogno artificiale ad orientare in questo senso lo spirito inventivo. La seconda ipotesi è di gran lunga più probabile. L'uomo ha sempre inventato delle macchine e anche l'antichità ne ha conosciuto di notevoli; dispositivi ingegnosi furono immaginati molto prima della nascita della scienza moderna, e poi, molto spesso, indipendentemente da essa. Ancora oggi semplici operai, senza cultura scientifica, trovano dei perfezionamenti, a cui provetti ingegneri non avevano pensato. L'invenzione meccanica è un dono naturale, i cui effetti sono stati ridotti fino quando essa si è limitata a utilizzare delle energie presenti e, in qualche modo, visibili: lo sforzo muscolare, la forza del vento o di una cascata d'acqua. La macchina ha dato tutto il suo rendimento solo dal giorno in cui si è stati capaci di mettere al suo servizio alcune delle energie potenziali immagazzinate durante milioni di anni, chieste in prestito al sole e messe a disposizione nel carbon fossile, nel petrolio, nell'atomo. Quel giorno fu segnato dall'invenzione della macchina a vapore che non è certo uscita da considerazioni teoriche. Affrettiamoci aa aggiungere che il progresso, dapprima lento, si è compiuto a passi di gigante, quando la scienza si mise dalla sua parte. È ugualmente vero che lo spirito d'invenzione meccanica, che scorre in un letto stretto finché è lasciato a se stesso e che si allarga indefinitamente dopo aver incontrato la scienza, resta distinto da essa e potrebbe, a rigore, separarsene. Non è che la scienza, come si sarebbe portati a credere, abbia imposto agli uomini, per il solo fatto del suo sviluppo, dei bisogni sempre più artificiali. Se così fosse, l'umanità sarebbe condannata ad un sempre crescente materialismo, poiché il progresso della scienza non è destinato ad arrestarsi. La verità è che la scienza ha dato ciò che le si chiedeva e non ha preso l'iniziativa in questo campo; è lo spirito d'invenzione che ha creato una folla di nuove esigenze e non si è preoccupato abbastanza di assicurare alla maggior parte degli uomini, o meglio a tutti, la soddisfazione degli antichi bisogni. Più semplicemente: senza trascurare il necessario, ha pensato troppo al superfluo. Si può dire, in generale, che l'industria, a sua volta, non si è occupata abbastanza della maggiore o minore importanza dei bisogni da soddisfare. Volentieri essa si è posta al seguito della mentalità prevalente, per cui si doveva produrre senz'altro pensiero che quello di vendere. BIOGRAFIE TELEGRAFICHE. Marco Pannella. Era partito dalla Rivoluzione Liberale di Piero Gobetti. È arrivato a Cesare Previti. Paolo Liguori. Alla sinistra estrema, quando era uno dei leader di Lotta Continua. Dirige prima Il Sabato ciellino, nella fase Sbardella-Formigoni; poi Il Giorno; infine, Rete Italia Uno. È il più aggressivo tra i supporter del Cavaliere. Prima di passare al Biscione, sostenne con entusiasmo Martinazzoli, fondatore del Ppi. 2 marzo LINEA RECTA BREVISSIMA. I mali e i rimedi. I rimedi sono più lenti dei mali (Publio Cornelio Tacito, 55 d.c d.c.. Brillante ufficiale in Germania, proconsole in Asia sotto Traiano, sommo storico. Le grandi opere, le Storie e gli Annali, restano tali malgrado le lacune). Qualche volta è ben meritata. La fama non sempre sbaglia: qualche volta sa anche scegliere bene (Tacito). Sono sempre numerosi alla corte del padrone di turno. La peggior razza di nemici è quella degli adulatori (Tacito). Il passatismo talora nasce da disposizioni d'animo non ceto nobili. L'uomo, a causa delle sue cattive disposizioni d'animo, è portato a lodare sempre le cose passate ed a criticare le presenti

9 (Tacito). Spesso è così, ma non sempre. La forza dell'ingegno cresce con il crescere dei compiti (Tacito). TRE VOCI DAL PROFONDO. - Chi furono coloro che nei lunghi mesi dopo l'8 settembre presero la via della montagna per combattere contro i tedeschi ed i fascisti? Rispondere a questa domanda può aiutare a comprendere la loro scelta e le motivazioni più profonde che li mossero. Innanzi tutto furono dei giovani. Ha del prodigioso pensare che dei ragazzi, poco più che adolescenti, abbiano saputo, da soli, tra insicurezze ed esitazioni drammatiche, compiere una scelta contro ciò cui erano stati educati, contro l'esaltazione della guerra, contro il dominio della razza superiore, contro il disprezzo della democrazia. E questa scelta era difficile. «Per molti dei miei coetanei - ricorda Italo Calvino, nella prefazione a Il sentiero dei nidi di ragno - era stato solo il caso a decidere da che parte dovessero combattere». Ma per alcuni a decidere furono motivazioni profonde, che si manifestarono in tutta la loro nobiltà nella situazione-limite della morte. Per tentare di capirlo occorre, allora, riprendere in mano le lettere che hanno lasciato coloro che sono stati fucilati, i condannati a morte. Si scopre con sorpresa che quelle loro ultime parole, scritte in fretta, spesso su dei piccoli fogli di carta, non furono di disperazione e neppure di odio, come sarebbe stato logico aspettarsi, ma di speranza e di perdono. Così il giovanissimo Poldo, Bortolo Fioletti (ucciso a Monno a 19 anni, a guerra finita, il primo maggio del 1945), con ingenua e toccante semplicità fa affiorare le ragioni più alte della guerra partigiana: «Cara mamma non piangere per me. Perdonami e pensa se io fossi tra coloro che martirizzano la nostra gente (...) Io sono qui per nessun altro scopo che la fede, la giustizia e la libertà e combatterò sempre per raggiungere il mio ideale (...) Presto verremo giù, e vedrai che uomini giusti saremo. Allora si vivrà con la soddisfazione di vivere e non con l'egoismo di oggi». E che dire del camuno Giovanni Venturini, Tambia, che i suoi stessi aguzzini riconobbero «elemento di carattere fermo, deciso a non lasciarsi sfuggire alcuna informazione»? Sottoposto alle più violente torture ed alle più crudeli mutilazioni, seppe dire parole di perdono: «Ormai sono ridotto a misera cosa, non sono più uomo e qualche volta piango dal dolore dei miei piedi che non mi serviranno più (...) Perdono a tutti ed auguro a nessuno quello che ho sofferto e soffro io, nemmeno a chi lo ha fatto a me, nemmeno alle bestie». Un'ultima lettera-testamento: «Chiudo questa mia vita serenamente. Non ho rimpianti nel lasciarla perché coscientemente l'ho offerta per questa terra. Anche ora offro questo mio ultimo istante per la pace nel mondo, e soprattutto per la mia diletta patria, alla quale auguro figli più degni di me ed un avvenire splendente». Sono parole di un ufficiale bresciano, Peppino Peloti, entrato a far parte del movimento partigiano e fucilato il 29 febbraio '44. PER... DELICATEZZA. - «Mi capitò una volta di dover telegrafare a certi parenti per annunciare la morte di un altro parente. E fui pregato di evitare la parola morto: dovetti scrivere deceduto, per... delicatezza. È uno di quegli eufemismi che meno mi vanno giù. Strida o non strida, la morte è l'atto più importante della vita; e non si dovrebbe mai nasconderla a nessuno, nel fatto e nella parola» (Franco Fochi, Lingua in rivoluzione, Feltrinelli, Milano, 1966). 9 marzo LINEA RECTA BREVISSIMA. Problema etico-politico di ogni tempo e forma di governo. Chi sorveglierà i sorveglianti? (Giovenale). Non si eredita. L'unica nobiltà è la virtù (Giovenale). Il vivere a qualunque prezzo non è il valore più alto. È veramente vergognoso preferire la vita all'onore e pur di salvare la vita perdere la ragione stessa di vivere (Giovenale). Che cosa chiedere. Se proprio vuoi chiedere qualcosa agli dei, chiedi di avere una mente sana in un corpo sano. Chiedi un animo forte, che non conosca la paura della morte, che consideri una vita lunga l'ultimo dei doni della natura, che sappia sopportare qualunque fatica, che non conosca l'ira,

10 che non desideri nulla e che ritenga le dure fatiche di Ercole e le sue sventure preferibili agli amori venali, ai banchetti e all'ozio (Giovenale). L'ostacolo accresce il valore. Piace di più ciò che costa di più (Giovenale). Tener presenti i propri limiti. Nelle piccole come nelle grandi cose ognuno deve conoscere e tenere ben presenti i propri limiti (Giovenale). Per la razza padrona è solo questione di stile e di svago. Per i poveri darsi al gioco o praticare l'adulterio sono vizi turpi; ma se le stesse cose le fanno i ricchi, ecco che diventano cose eleganti e divertenti (Giovenale). FU PAGATA A CARO PREZZO. - Sulle perdite dovute a tedeschi e fascisti nel periodo tra l'8 settembre '43 e la liberazione dell'ultimo lembo di territorio nazionale, nei primi giorni di maggio del '45, non esistono dati analitici di fonte ufficiale. Bisogna, perciò, rifarsi ai dati parziali elaborati in diverse sedi. Il quadro d'insieme che ne risulta va conosciuto per capire di che lacrime grondi e di che sangue la riconquista della democrazia. Sono i partigiani caduti o giustiziati in Italia su a cui è stata riconosciuta la qualifica di partigiano. Le donne partigiane cadute o giustiziate sono 623. Da a , a seconda delle valutazioni di diverse fonti, sono i partigiani caduti o giustiziati combattendo nei movimenti di liberazione all'estero: si tratta di militari sorpresi dall'armistizio in altri Paesi (Albania, Grecia, isole dello Ionio e dell'egeo, Francia, Iugoslavia). Circa su sono i deportati, per ragioni politiche o razziali, morti o uccisi in campi di concentramento nazisti (soprattutto a Mauthausen, Buchenwald, Auschwitz, Flossemburg, Gusen). Gli ebrei rastrellati in Italia l'8 settembre e deportati oltralpe sono 8.360, di cui 533 bambini. Di essi solo 611 fecero ritorno. Circa militari su quasi deportati in Germania morirono a causa di stenti, maltrattamenti, o uccisi in seguito a tentata fuga. Sono le vittime civili per eccidi, rappresaglie, atrocità dei nazifascisti. Fu pagata a caro prezzo la libertà. Occorre farne memoria. Un popolo senza memoria storica non merita la libertà di cui gode ed è sempre in procinto di perderla. ABRAMO E L'ANGELO. - Abramo, ormai vecchissimo, era seduto su una stuoia nella sua tenda di capotribù, quando vide sulla pista del deserto un angelo venirgli incontro. Ma quando l'angelo gli si fu avvicinato, Abramo ebbe un sussulto: non era l'angelo della vita, era l'angelo della morte. Appena gli fu di fronte, Abramo si fece coraggio e gli disse: «Angelo della morte, ho una domanda da farti: io sono amico di Dio, hai mai visto un amico desiderare la morte dell'amico?» L'angelo rispose: «Sono io a farti una domanda: hai mai visto un innamorato rifiutare l'incontro con la persona amata?». Allora Abramo disse: «Angelo della morte, prendimi» (Mirko Bellora su La buona sera, «periodico di vita, morte e miracoli», Torino, 1995). L'ANGOLO DI SENECA. - La natura e il destino dell'uomo ne definiscono la condotta. «Non t'affrettare a dire: "Questo non centra con il problema della condotta umana". Non è detto che incida direttamente sul perfezionamento morale tutto ciò che concorre a farci meglio comprendere quel problema della diversità dei suoi aspetti. Vi sono scienze che indagano aspetti diversi della vita dell'uomo (ad esempio l'alimentazione, l'acquisizione di determinate abilità, il modo di vestire, il divertimento) e tuttavia solo in parte mirano anche a correggere e a ricondurre ad una norma gli atteggiamenti pratici corrispondenti. Quando poi io passo a chiedermi perché la natura ha prodotto l'uomo, perché gli ha conferito la preminenza su tutti gli altri esseri, pensi tu che io metta da parte il problema morale? È del tutto falso. Come potresti sapere in che modo bisogna vivere, se non sai qual è il bene più alto per l'uomo e non ne approfondisci la natura?» Ad Luc. 121, 2, marzo 1995.

11 LINEA RECTA BREVISSIMA. - Pura follia. Darsi la morte per paura della morte è pura follia (Marco Valerio Marziale, 40 d.c d.c., ispanico vissuto a Roma, acuto e mordace autore di epigrammi). Occorre pure ridersela delle follie del mondo. Ridi, se sei saggio (Marziale). Se a te non piace proprio nessuno, vuol dire che l'anormale sei tu. Colui al quale nessuno piace è un infelice (Marziale). Io ho quel che ho donato. Le uniche ricchezze che avrai per sempre saranno quelle che hai donato (Marziale). A forza di parlarne. Un dono, anche grande, perde valore se il donatore ne parla troppo (Marziale). La legge di reciprocità. Se vuoi essere amato, devi amare (Marziale). L'essere ritenuto e l'esserlo davvero. C'è differenza tra l'essere buono e voler essere ritenuto tale (marziale). Il mecenate e il poeta. Se ci saranno i Mecenati, non mancheranno i Virgilii (Marziale). La certezza da cui muovere. Ogni giorno porta i suoi doni (Marziale). SE C'È MONOPOLIO NON C'È LIBERTÀ. - Pensatori seri e politici liberali come Max Weber, Luigi Einaudi, Luigi Sturzo, Ludwig von Mises e Friedrich von Hayek, ahimè tutt'altro che conosciuti nel nostro Paese, hanno sottolineato con estremo vigore che il mercato è un'istituzione indispensabile per garantire la razionalità delle scelte da effettuare in una società che voglia essere e rimanere libera. Il principio della libera concorrenza garantisce, nel campo economico e nel campo scientifico, superiori livelli di razionalità, nonché la possibilità di mettere in moto la «macchina del progresso» attraverso il perfezionamento continuo delle soluzioni ideate. La stessa democrazia liberale può essere analizzata ricorrendo al modello del mercato. In un sistema politico liberal-democratico opera, come in un'economia di mercato, la legge della concorrenza. Due o più élites cercano di conquistare gli elettori promettendo, in cambio della delega di potere, di difendere certi interessi e certi valori. Per usare la felice formula di Filippo Burzio, esse anziché «imporsi» con la forza, come avviene nei regimi autocratici, si «propongono». La lotta politica così è «ritualizzata», con notevole riduzione dei costi umani, e razionalizzata, nel senso che i governanti hanno la possibilità di scegliere e di controllare coloro che occuperanno, per un limitato periodo di tempo, la città del comando. Ma come in economia, così in politica il monopolio uccide il libero mercato e rende impossibile un confronto corretto fra le parti in gioco. E il monopolio in politica oggi lo esercita chi ha il monopolio pubblico e privato dei mezzi di informazione ed in particolare del più diffuso ed incisivo di essi, la televisione. Chi controlla i mezzi, controlla i fine a cui vuol condurre i cittadini degradati a sudditi. Questo è non l'unico, ma è certamente il primo dei problemi politico-istituzionali che occorre risolvere al più presto. Liberali e democratici, autentici e non truffaldini, oggi sono quelli, e solo quelli, che sottoscrivono apertamente questo pensiero elementare del liberal-socialista Proudhon: «Sopprimere in economia e in politica la concorrenza significa sopprimere la libertà stessa». BIOGRAFIE TELEGRAFICHE. - Tiziana Maiolo. Attacca costantemente da sinistra il Pc e poi il Pds. Attiva collaboratrice del Manifesto. Nelle elezioni politiche del '92 è eletta come indipendente nella lista di Rifondazione comunista. È candidata a sindaco di Milano, nelle ultime elezioni amministrative, per i Gruppi autonomi di sinistra che non si riconoscano nello schieramento che appoggia Nando Dalla Chiesa. Nel marzo del '93, nelle elezioni politiche, è però eletta nella lista di Forza Italia, di cui è divenuta fervida sostenitrice. È presidente della Commissione Giustizia alla Camera. A forza di scavalcare tutti a sinistra, ha finito col trovarsi nel bel mezzo della destra berlusconiana e post-fascista. L'ANGOLO DI SENECA. - Dalla realtà del mondo a Dio. «L'uomo che penetra profondamente il mistero dell'universo, si inoltra nel senso della natura e si volge verso l'alto, verso il cielo sua patria d'origine, donde poi torna a guardare le miserie e le illusioni degli uomini. Allora egli è in grado di cominciare a conoscere Dio (Illic incipit Deum nosse)» Nat. quaest. I, Praef. 7, 8, 13 passim. Nessuno è giusto con Dio. «Ho incontrato molti uomini giusti nei confronti dei propri simili, nessuno con Dio». Ad Luc. 93, 1.

12 23 marzo LINEA RECTA BREVISSIMA. Dove cercarsi. Non cercarti fuori di te stesso (Aulo Flacco Persio, di Volterra, 34 d.c d.c., poeta oppositore di Nerone). L'apprendistato più importante. Impara a vivere con te stesso (Persio). La libertà si impara. Bisogna saper essere liberi (Persio). Il gioco, test insuperabile. Nel gioco i costumi dei bambini vengono alla luce più facilmente (Marco Fabio Quintiliano, ispanico, intorno al 35 d.c. Si trovò ad essere il primo insegnante di retorica retribuito dallo Stato. Morì verso il 95 d.c. Di lui rimane l'opera maggiore, le Istitutiones oratoriae). Onestà e utilità vera. La provvidenza ha fatto un grande dono agli uomini stabilendo che le cose oneste fossero anche le più utili (Quintiliano). Troppa indulgenza troppi guasti. Un'educazione troppo indulgente è dannosa perché fiacca tutti gli slanci della mente e tutto il vigore del corpo (Quintiliano). La parte degli insegnanti e quella degli alunni. Il dovere degli insegnanti è sapere insegnare, quello dei discepoli essere disponibili a imparare. Se le cose non stanno così, tutto è perfettamente inutile (Quintiliano). La coscienza non si dà in cambio di nulla. La propria coscienza vale mille testimoni (Quintiliano). La malattia di molti politici. Molti sono disposti a rinunciare a un amico piuttosto che a un bel motto (Quintiliano). Quando il riso diventa un ghigno. Costa troppo il riso se ne fa le spese l'onestà (Quintiliano). GRATTA LA SUPERFICIE E SALTA FUORI LA SUPERSTIZIONE. - Appena ci distraiamo dalla scienza, o mettiamo la sordina al senso religioso, la superstizione vien subito a galla, e senza il minimo pudore. L'animale di natura, il primitivo, ha allora la meglio sull'animale di cultura, l'istinto atavico sconfigge l'intelligenza. Ci sono varie forme di superstizione e una delle più diffuse è quella del genere iettatorio. In proposito ho un ricordo divertente su cui mi sono più volte sorpreso a riflettere. Giovanni Battista Montini era stato eletto Papa e una folta rappresentanza della sua città natale andò a Roma a rendergli l'omaggio dovuto. Dopo la visita, molti di essi si recarono in gran fretta, all'aeroporto di Fiumicino per il viaggio di ritorno. Sull'aereo, però, aveva preso posto una cara persona di Bergamo, politico integerrimo e uomo di buona cultura, ma in fama di iettatore. Ebbene, ad uno ad uno, non tutti certo, ma quasi tutti coloro che avevano prenotato quel volo lasciarono l'aereo. Per me, invece, fu una gioia sedere accanto al presunto iettatore e conversare animatamente con lui di Balbo e Gioberti, su cui stava svolgendo delle interessanti ricerche. NO, COSÌ NON CI SIAMO. Prima chicca. «Tra poco di Scalfaro non ci occuperemo più. Entro il '95 sarà morto, ve lo assicuro» (Vittorio Sgarbi a Canale 5, 20 gennaio 1995). Seconda chicca. «Attendo il ritorno di Silvio al Governo e la pena di morte» (Franco Zeffirelli, Madrid, 28 gennaio 1995, messaggio ad Alleanza Nazionale riunita in congresso a Fiuggi). SE SCATTERÀ LA CENSURA... Prima che arrivi, l'ordine del padrone di turno è sempre preceduto da moltissimi atti che ne prevengono i desideri. Prima che scatti la censura, scatta sempre una molteplicità di autocensure. E allora che cosa fare? Il poeta polacco Ryszard Krynicki ce lo ha detto in una breve composizione intitolata Il principio del "come se. «... Vivendo qui ed ora, / devi fingere di vivere altrove e in altri tempi, / e, nel migliore dei casi, di combattere i morti / attraverso la cortina di ferro delle nuvole». L'ANGOLO DI SENECA. Attraverso l'esperienza l'intuizione del valore. «Come giunge a noi la prima notizia del bene e dell'onesto? La natura non ha potuto insegnarcelo: ci ha dato i semi di questa conoscenza, non la conoscenza stessa. Né si può credere che il vero volto della virtù si disveli a noi per caso. A nostro giudizio essa risulta dall'attività intellettiva che esplicita l'intuizione originaria con l'osservazione e il confronto. È, infatti, in virtù del procedimento analogico che lo

13 spirito desidera fortemente il bene morale. Ecco qualche esempio di analogia. Noi sapevamo già cos'era la salute del corpo; da questa argomentiamo che ci fosse anche una salute dell'anima. La forza fisica c'è; noi abbiamo dedotto che c'è anche una forza morale. Certi atti di generosità, di umanità, di coraggio ci colmano di ammirato stupore; noi abbiamo cominciato ad apprezzarli come perfetta realizzazione di un valore. Nei fatti di esperienza sono molti i difetti, però sono nascosti dalla splendida bellezza che traluce dalle azioni insigni. La natura tende a magnificare le azioni degne di lode e non v'è nessuno che, nell'atto di evocarle, non veda oltre la loro reale portata. È di lì, infatti, che induciamo l'idea di quel bene la cui bellezza non teme confronti». Ad Luc. 120, 3-5 Passim. 30 marzo LINEA RECTA BREVISSIMA. Il sole e la ragione. Al sole spesso fanno ombra le nubi, alla ragione le passioni (Plutarco di Cheronea, città greca della Beozia, dove morì nel 120 d.c. Filosofo e sacerdote del santuario di Delfi. Celebri le sue Operette morali e le Vite parallele). Un'ingiustizia e una turpitudine. L'autorità che si fonda sul terrore, sull'oppressione e sulla violenza è un'ingiustizia e una turpitudine nello stesso tempo (Plutarco). La condizione per godere il riposo. Il riposo è il condimento della fatica (Plutarco). Giovano buoni amici ed anche acerrimi nemici, ma i politici da strapazzo non vogliono né consigli, né critiche. Per essere onesto nella vita privata e in quella pubblica, l'uomo ha bisogno di buoni amici o di acerrimi nemici. I primi con i loro consigli e i secondi con i loro insulti gli impediscono di fare il male (Plutarco). IL PERCHÉ DI QUESTI DETTI E CONTRADDETTI. - Ci sono cose da ri-dire, da far conoscere, se tenute nascoste, da riproporre perché vere e coraggiose; e ce ne sono altre da contra-dire, perché in tutto o in parte non vere. Parlarne senza circonlocuzioni, scopertamente (alternando documenti, riflessioni personali e citazioni capaci di conferire il fascino della bellezza a valori universalmente umani), è un privilegio che mi è stato concesso, in una sorta di appuntamento del Giovedì con la mia città, attraverso le colonne del Giornale di Brescia. Il colloquio si estende a quanti idealmente fanno parte di quella Società degli Apòti, cara a Giuseppe Prezzolini, i cui soci sono appunto «quelli che non la bevono» e che, pur non rinunciando alla pietà per l'uomo, intendono resistere alla stupidità e alla prevaricazione. Apòti, quindi, sono in primo luogo quanti vogliono giudicare uomini ed eventi attraverso la riflessione personale e il libero confronto con le idee degli altri. Senza iattanza, ma anche senza lasciarsi intimidire dagl'idoli di turno. Il desideri di verità, ben più forte di qualsiasi calcolo e istinto, è il primo dei nostri doveri ed è la sostanza stessa di ogni ricerca. In un mondo che rischia di annegare coscienza e intelligenza nell'oceano della chiacchiera, al desiderio di verità oggi occorre accompagnare, quasi suo corollario e come atto di rispetto per i lettori uno stile di assoluta essenzialità, attento alle sfumature e insieme capace di andare diritto al nocciolo di una questione. L'essenzialità, dunque, è d'obbligo, come pure l'umile capacità di ascolto e di messa in valore di tutto quello che di vero, di bello, di grande e magnanimo è stato pensato, contemplato, voluto dai nostri simili nel cammino della storia. DA OGNI RIGA DOVREBBE RISULTARE EVIDENTE. - Denudare i sofismi che si annidano in tanti slogans, gli assunti nascosti dietro le parole, la vigliaccheria morale e il dogmatismo mentale di non pochi è una dolorosa fatica, ma a quel compito non posso sottrarmi in un «diario pubblico» come questo. Vorrei, però, che da ogni riga risultassero evidenti le ragioni della denuncia delle illusioni più dure a morire e della critica di quei maîtres à penser che hanno consegnato l'uomo contemporaneo all'indifferenza etica: sono originate dall'ansia per l'uomo e dalla speranza di una città futura più fraterna, non dalla retorica del disincanto. Un'ultima dichiarazione d'intenti. L'autore di queste «schegge» ritiene di dover documentare, anche con l'assiduo ricorso alla poesia, l'incoercibile aspirazione dell'uomo a ciò che lo fonda e lo

14 trascende, così come l'animazione in ultima analisi evangelica di ogni autentico umanesimo. Nel clima culturale odierno ciò che più conta, ai suoi occhi, è che si esca da un atteggiamento di rifiuto aprioristico, dal «pre-giudizio» che vieta la domanda metafisica e religiosa, dichiarando insensata la stessa domanda di senso. «Se si ha paura della verità - osservava Wittgenstein - non si sospetta mai la piena verità». E ciò comporta per l'uomo una perdita secca. L'ANGOLO DI SENECA, Decide la ragione. «La decisione su ciò che vale di più non spetta alla facoltà più vile che ci sia nell'uomo, non è compito dei sensi. Non possono essere loro i giudici del bene e del male. È evidente che a queste distinzioni presiede la ragione. Della felicità, della virtù, dell'onesto e dunque anche del bene e del male, decide la ragione. Puoi vedere da te quanto grande sia l'ignoranza della verità e come siano stati gettati in basso quei valori che sono di una elevatezza divina da coloro che pretendono visualizzare e tattilizzare il giudizio del sommo bene e del massimo dei mali. Non esiste il bene se non dove c'è la ragione (Nisi ubi rationi locus est, bonum non est). Ciò che ha valore assoluto è prerogativa dei soli esseri razionali: a loro è dato sapere perché, fino a qual punto, in qual modo bisogna agire. Il bene non può ritrovarsi se non in colui che è dotato di ragione (Ita bonum in nullo est nisi in quo ratio)». Ad Luc. 124, 4-5; 13 e 20 passim. 6 aprile LINEA RECTA BREVISSIMA. Anche Giobbe la pensava così. Dio ascolta con maggior amore il grido quasi blasfemo di un disperato che non le lodi compassate e fredde di chi sta bene e se la gode (Lutero). Se l uno è intelligente e l altro pure. Un uomo intelligente non ha paura di sembrare stupido ad un altro uomo intelligente (Marcel Proust). La sola cosa che conti. La magnanimità è la sola cosa che importa e che dà pregio in questo mondo (Proust). Come diventiamo ciechi e sordi. L idea che da tempo ci siamo fatti di una persona ci tappa occhi e orecchi (Proust). Dopo il sorriso, emerge la volgarità di fondo. Nelle cosiddette élites l asservimento alla volgarità è di regola (Proust). Dietro il nuovo che avanza. Gli uomini cercano in ogni nuovo regime la continuazione dell antico (Proust). Soldi, soldi, soldi. Fatto v avete dio d oro e d argento (Inferno 1, 15, 112). Soave vento. Un aura dolce, senza mutamento» (Purgatorio 28, 7). Schiavi dei sensi e senza carattere....la ragione sommettono al talento» (Inferno 5, 39). Andare forte....ragionando andavam forte, / si come nave spinta da buon vento» (Purgatorio 24, 2-3). NON IL «COMANDO SOLO IO E LA MIA FAZIONE», MA LA DISTINZIONE DEI POTERI. Non basta elencare i diritti di libertà se mancano le leggi che quei diritti devono riconoscere e far esistere in concreto. Insomma, come diceva già nel 1748 Montesquieu, per la tutela della libertà «bisogna che il potere freni il potere» (Lo spirito delle leggi, trad. it., Torino, 1965, 1, p. 274). Di qui la divisione dei tre poteri. «Se il potere giudiziario non è indipendente dal potere legislativo e da quello esecutivo, non vi è libertà per i cittadini. Se esso fosse unito al potere legislativo, il potere sulla vita e la libertà dei cittadini sarebbe arbitrario. Se poi fosse unito con il potere esecutivo, il giudice potrebbe avere allora la forza di un oppressore» (ibid, 1, p. 276). I tre poteri sono insostituibili e non vanno sommati nelle stesse mani. La funzione legislativa è la volontà generale, i giudici sono «la bocca stessa che pronuncia le parole della legge» (ibid, I, p. 287). LA MEMORIA E LA SPERANZA. «Non c è ricordo degli antichi, come non vi sarà dei posteri che verranno, presso coloro che vivranno dopo» (Qohelet, 1,11). Queste parole, che chiudono il prologo del più inquietante ed enigmatico libro della Bibbia, danno la chiave per intendere la scena del mondo in cui la vita umana si descrive come un qualsiasi fenomeno naturale: nessuno lascia traccia di sé, tutti si seppelliscono dimenticati.

15 Le generazioni smemorate, presenti e venture, strutturano un futuro senza senso: una generazione passa, un altra sopravvive, la terra resta sempre la stessa; che rimane all uomo di tutte le fatiche in cui si affanna sotto il sole? Ripetendo con quell inquieto e sconosciuto Qohelet «tutto è vanità», ne rivivremo lo scorato sentimento che la nostra esistenza è vuota e senza valore? No. Quella scena immota ed inutile - «Tutti i fiumi se ne vanno al mare, ed il mare non si riempie» (Q. I, 7) - può animarsi di significati, energie, progetti, come in una prodigiosa resurrezione dei morti affidata alla sola forza della coscienza umana. La vita vale la pena di essere vissuta, se lascia memoria, se il futuro si fa intelligibile come storia, se il quotidiano si illumina di speranza nella implorazione dell «adveniat regnum tuum» (Franco Casavola, L appello del futuro, edizioni Studium, Roma, 1994, pp. 9-10). POESIE D OGGI. Canzone d amore. «Potrei vivere senza di te, senza baciarti, / senza toccare le tue mani,senza sognare / insieme a te. Mi basta scrivere queste righe / in cui tu vivi, in cui ti bacio, / in cui tocco le tue mani, in cui sogno / insieme a te». Gioco comune. «Tutti abbiamo amici / che giocano a fare i nemici. / Ci incrociamo nel viaggio / di andata e ritorno / come uccelli migratori già segnati / da un ritorno prematuro. / Stufi come siamo del sogno / dolcemente ci nascondiamo / la verità» (Miguel Barnet, L immaginazione, n. 15, trad. di Roberto Bugliani). 13 aprile LINEA RECTA BREVISSIMA. Contro la sopraffazione. Poni fine al male degli empi, / rendi stabile il giusto, / tu che scruti reni e cuore, Dio giusto! (Salmo 7, 10). Se il delitto si trasformasse in boomerang per chi lo compie. Ecco, l empio produce iniquità, / concepisce malizia, partorisce menzogna. / Scava un pozzo profondo / e cade nella fossa che ha fatto. / La sua malizia ricade sul suo capo, / la sua violenza gli piomba sulla testa (Salmo 7, 15-17). L avvenire, sola prospettiva dei capolavori. Bisogna che l opera si crei da sé la propria verità (Proust). L eliminazione del luogo comune. Ogni novità ha come condizione pregiudiziale l eliminazione del luogo comune a cui eravamo abituati e che ci sembrava la realtà stessa (Proust). La malattia e la mente. I trequarti delle malattie delle persone intelligenti provengono dalla loro intelligenza (Proust). Plagiati, anche perché non cercano di documentarsi e di capire.... Sì fatte favole per anno / in pergamo [ora in tv] gridan quinci e quindi: / sì che le pecorelle, che non sanno, / tornan dal pasco pasciute di vento, e non le scusa il non vedere lontano» (Dante, Paradiso 29, ). Banderuole. Non siate come penna ad ogni vento (Paradiso 5, 74). I PENSATORI PIÙ INTERESSANTI SONO NELLA ZONA-LIMITE. L Ottocento che merita di essere meglio conosciuto e apprezzato non è quello che si studia a scuola, il secolo dei massimi sistemi: l idealismo storicistico, il materialismo dialettico, il positivismo. Di gran lunga più interessanti e attuali sono quei pensatori che dettero vita alla rivoluzione liberale, all associazione tra patria e umanità, all umano riscatto delle classi subalterne e al loro inserimento nella democrazia, al risveglio della coscienza cristiana, al superamento di ogni clausura e intromissione clericale. I pensatori più ricchi di stimoli per noi sono quelli che hanno colto il punto d incontro tra concezioni che apparivano opposte. Penso al tedesco Wilhelm Humboldt, all inglese Henry Newman, al francese TocquevilIe, al nostro Manzoni; ma anche a John Stuart Mill, impegnato a cogliere la compossibilità o meno di liberalismo e socialismo. IL PUNTO DI INCONTRO TRA LIBERALISMO E SOCIALISMO. Aperto all influenza di Claude Henri Saint-Simon, iniziatore del positivismo in Francia, e per qualche tempo in relazione diretta con Augusto Comte, Stuart Mill non aderì mai al socialismo dell'uno e alle teorie politiche, di ben

16 diverso orientamento, dell altro; cercò, invece, a più riprese, un punto d incontro tra il liberalismo e il socialismo, affinché la soluzione del problema sociale conseguisse lo scopo di limitare il più possibile le ingiustizie, senza per questo far naufragare la libertà in un sistema politicamente oppressivo, che a sua volta genera un economia improduttiva. Occorre tener distinte per Stuart Mill il processo che produce la ricchezza e quello che la ridistribuisce nel corpo sociale. Il primo non può non tener conto delle leggi economiche, che sono pressoché immodificabili; il secondo può essere modificato dalla volontà politica e morale. Rimane comunque fermo il principio che l azione dello Stato è sempre finalizzata alla libertà dell individuo ed è soltanto a difesa dei diritti dell individuo che si giustifica l intervento statale, assegnando ad esso nello stesso momento precisi limiti. Insomma la riflessione politica di Stuart Mill segna l avviamento del liberalismo verso la democrazia; ma egli, avendo assimilatola lezione di Alexis de Tocqueville vide con chiarezza i due pericoli a cui la democrazia è esposta. Il primo è.di carattere politico e consiste nell oppressione esercitata sul corpo sociale da una maggioranza dove predominano gli interessi di una classe o di pochi demagoghi. Più insidiosa è la tirannia che la società stessa esercita non tanto con le leggi quanto con la routine, le abitudini passive, il disorientamento di un opinione pubblica plagiata da miti e pregiudizi. Contro l uno e l altro pericolo occorre svolgere efficace azione di contrasto, se si vuol evitare quel livellamento nel basso, che rende tutti gli uomini ugualmente mediocri. Alla schiavitù sociale si deve opporre la libertà morale, la riscoperta da parte del maggior numero di cittadini della sfera intangibile dell «io». Mi chiedo: possiamo, noi democratici del XX secolo, essere meno lungimiranti e coraggiosi di Stuart Mill? E allora perché trincerarci dietro vecchi schemi ideologici e accecarci al punto di confondere il liberalismo truccato degli affaristi e dei monopolizzatori con il liberalismo umano e progressivo dei Cavour, dei Mill, degli Einaudi, dei von Mises e dei von Hayek? 20 aprile LINEA RECTA BREVISSIMA. Quali che siano le ragioni, gli effetti sono disastrosi. I nostri giovani sono stati defraudati di un patrimonio che veniva da lontano. La loro generazione ha perduto la pietas erga parentes, come dicevano i romani. Pietas nel duplice, pregnante significato di simpatia e di pena, di amore delicato e di compassione per la mamma e il papà, per i fratelli e le sorelle. E quale pietas avranno per essi i loro figli? (Levi Appulo). Non lasciar "perdere" i più deboli. La società civile da sola non garantisce equilibri stabili e giusti tra i gruppi sociali, dato che la sua ineluttabile inclinazione è per la concentrazione della ricchezza e del potere nelle mani dei gruppi più forti. Di qui l impegno etico di ogni politica umanistica: garantire a tutti uguali punti di partenza nella gara della vita. A tutti, e dunque in primo luogo ai più deboli (Levi Appulo). Molto spesso accade. Spesso i grandi artisti, pur essendo cattivi, si servono dei loro vizi per giungere a concepire la regola morale che dovrebbe valere per tutti (Proust). Può anche servire, se piccola. Siamo tutti costretti, per rendere sopportabile la realtà, a coltivare in noi qualche piccola pazzia (Proust). CHE COSA NON È LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA. La «dottrina sociale della Chiesa non è una terza via tra capitalismo liberista e collettivismo marxista, e neppure una possibile alternativa per altre soluzioni meno radicalmente contrapposte; essa costituisce una categoria a sé. Non è neppure un ideologia, ma l accurata formulazione dei risultati di un attenta riflessione sulle complesse realtà dell esistenza dell'uomo, nella società e nel contesto internazionale, alla luce della fede e della tradizione ecclesiale. Suo scopo principale è di interpretare tali realtà, esaminandone la conformità o difformità con le linee dell insegnamento del Vangelo sull uomo e sulla sua vocazione terrena e insieme trascendente; per orientare, quindi, il comportamento cristiano. Essa appartiene, perciò, non al campo dell ideologia, ma della teologia e

17 specialmente della teologia morale. L insegnamento e la diffusione della dottrina sociale fanno parte della missione evangelizzatrice della Chiesa. E, trattandosi di una dottrina indirizzata a guidare la condotta delle persone, ne deriva di conseguenza l impegno per la giustizia secondo il ruolo, la vocazione, la condizione di ciascuno». Queste parole sono chiare e non autorizzano i credenti ad attendersi dalla Chiesa quello che essa non deve dare: un manifesto, o un programma politico che ordini società ed economia in questo o in quel Paese, e tanto meno il farsi essa stessa parte della contesa politica. La sua missione è ben più alta! Il brano riportato è tratto del paragrafo 41 dell enciclica Sollicitudo rei socialis del 30 dicembre 1987 di Giovanni Paolo II. FUNZIONARI E MAGISTRATI, SERVITORI DEI CONCITTADINI. Lo Stato-amministrazione deve progressivamente identificarsi con lo Stato-comunità. Come lo Stato moderno emerse sconfiggendo il particolarismo feudale, così lo Stato democratico deve fare in modo di sottrarsi all ingerenza e al dominio dei soli potenti, perché anche i cittadini possono contare e divenire consapevoli dei loro diritti. E tuttavia non facciamoci illusioni, sarà un passaggio difficile e le resistenze a una tale trasformazione dello Stato saranno forti. In una fase di confuso trapasso, e dunque di crisi, i funzionari si limitano a servire se stessi o quei gruppi di interessi privati che comandano attraverso le istituzioni. Si impone, pertanto, un educazione nuova per gli uomini dell'amministrazione e della giustizia. Che imparino a mettersi nei panni dei cittadini, a praticare nei loro confronti la regola dell uguaglianza giuridica sociale e politica, a rispettare in ciascuno di essi la dignità umana, facendola finita con l arroganza, le discriminazioni o, peggio, l indifferenza burocratica. Che imparino, funzionari e magistrati, qualunque sia il livello e la natura del loro compito, a sentirsi servitori solo dei cittadini; dedizione a un dovere che tocchi il suo fine in risultati di utilità pubblica, efficienza, partecipazione cordiale alle attese soprattutto dei ceti più deboli. «Se non si ha la vocazione per servire così - diceva Vittorio Bachelet, il giurista cattolico assassinato dalle brigate rosse l'11 febbraio si vada altrove, ma non nell amministrazione pubblica, non nella giustizia. Che cosa legherà i cittadini alle istituzioni, la comunità alla Stato se non questo saper servire degli uomini attraverso le istituzioni dello Stato?» DÀ A CIASCUNO LA SUA MORTE. «Mio Dio, / dà a ciascuno la sua morte, / la morte che fiorì / da quella stessa vita / in cui ciascuno / amò, pensò, sofferse» (Rainer M. Rilke, da Il libro d Ore). 27 aprile LINEA RECTA BREVISSIMA. O potenti della terra! Riflettete con impegno, / lasciatevi correggere, o potenti della terra! (Salmo 2, 10). Il nulla e l illusione. Fino a quando, o figli dell uomo, adorerete il nulla e ricercherete l illusione? (Salmo 4, 3). È solo bisogno di una giustizia a cui non si deve rinunciare. Quando ero giovane mi scandalizzavo per le espressioni durissime che si incontrano nei Salmi contro gli oppressori, gli sfruttatori,gli ingannatori. Oggi vedo in esse un ardente bisogno di giustizia di fronte alle potenze del male sempre attive nel mondo e, come cristiano, le accolgo con tutta l anima (Levi Appulo). Il bene più grande, l amore più grande.- Ché il bene, in quanto ben, come s intende, / così accende amore, e tanto maggio / quanto più di bontate in sé comprende (= il bene, appena lo si comprende in quanto bene, subito suscita amore, e un amore tanto più grande, quanto più bontà racchiude in sé - Dante, Paradiso 26, 28-30). L OROSCOPO? TUTTO DA RIFARE, SIGNORI. Jacqueline Mitton, inglese e membro della Royal Astronomical Society, è apparsa sulle prime pagine dei giornali per le sue critiche all astrologia tradizionale. Alcune critiche sono ben note: i segni zodiacali non corrispondono affatto alle costellazioni che coprono intervalli di tempo disparati, meno di una settimana per lo Scorpione, un mese e mezzo per la Vergine. Inoltre la processione degli equinozi, lenta ma

18 inesorabile, ha cambiato i tempi di ingresso del Sole nelle costellazioni. La Mitton propone quindi un astrologia revisionata con ben tredici segni dello zodiaco, ai tradizionali vorrebbe, infatti, aggiungere l Ofiuco. Tullio Regge precisa, ironicamente, che dovremmo tener conto anche dei satelliti dei pianeti: in fondo Titano, satellite di Saturno, è più grande di Mercurio. Inoltre la scoperta dei nuovi pianeti, come Urano, Nettuno e Plutone, invalida tutta l astrologia tradizionale che di essi non poteva tenere conto. L astrologia è mito ed è inutile cercare punti di contatto tra mito e la scienza, anche se Galileo e Keplero ci campavano pure loro. Ci si può chiedere, invece, il perché del suo continuato successo e popolarità. Fruiscono dell astrologia coloro che sono cronicamente indecisi e cercano nelle stelle una via d uscita alle loro paure e ubbie. In questo compito credo che l astrologia non sia affatto dannosa: a volte è meglio una decisione qualsiasi del fare nulla. Essa non è l unica forma di futurologia; di certo è una disciplina altamente strutturata e ramificata, quasi come il diritto romano o il Talmud. Ad essa si affiancano altre futurologie egualmente inattendibili quali le carte, i fondi di caffè e tè, il volo degli uccelli, il palmo della mano. E perché mai non ricorrere anche alla pianta dell uno o dell altro piede? L EMOZIONE- CREATRICE E L IDEA. Confrontiamo la dottrina degli stoici con la morale cristiana. Gli stoici si proclamavano cittadini del mondo e aggiungevano che tutti gli uomini sono fratelli, essendo nati dallo stesso Dio. Erano quasi le stesse parole, eppure non ebbero la stessa eco, perché non erano state dette con lo stesso accento. Gli stoici hanno dato molti begli esempi, ma non sono riusciti a trascinare con sé l umanità: la divinizzazione dell ordine cosmico e l apatia non sono il Dio vivente e il dono di sé. Il filosofo che si innamora di una dottrina così alta e che s inserisce in essa, senza dubbio l ama e la pratica: tal era l amore di Pigmalione che insufflò la vita nella statua scolpita. C è una bella distanza da questo all entusiasmo che si propaga di anima in anima, indefinitamente, come un incendio. Una tale emozione potrà evidentemente rendersi esplicita in idee strutturate in una dottrina, o anche in molte dottrine aventi tra loro una certa comunanza di spirito; ma l emozione che illumina e cambia la vita, precede l idea invece di seguirla. Per trovare qualcosa di analogo nell antichità classica non bisognerebbe rivolgersi agli stoici, ma piuttosto a Socrate, che ispirò tutte le grandi filosofie della Grecia senza aver elaborato una dottrina e senza aver scritto nulla. Socrate, però, è un filosofo che svolge una missione di ordine religioso e il suo insegnamento, così perfettamente razionale, è sospeso a qualcosa che sembra sorpassare la pura ragione. Socrate è il profeta laico di Cristo, il Giovanni Battista di Atene, 4 maggio LINEA RECTA BREVISSIMA. L amuleto che preserva non dal pericolo, ma dalla paura del pericolo. Il soldato è convinto che una certa dilazione indefinitamente prolungabile gli sarà accordata prima di essere ucciso, il ladro prima d essere preso, gli uomini in generale. prima di dover morire. È questo l amuleto che preserva gli individui -e talvolta i popoli - non dal pericolo, ma dalla paura del pericolo. (Proust). Il guazzabuglio del cuore umano. Un unico sentimento è fatto a volte di contrari (Proust). «Un medesimo fatto ha ramificazioni opposte e l infelicità che genera annulla la felicità che aveva causata».(proust). Dante e il... tricolore. Sovra candido vel cinta d uliva / donna m apparve, sotto verde manto / vestita di color di fiamma viva. (Purgatorio 30, 31-33). Tremito d amore. E lo spirito mio... / per occulta virtù che da lei mosse / d antico amor sentì la grande potenza. /...conosco i segni dell'antica fiamma (Purgatorio 30, ). Partire di lì. Non vogliate negar l esperienza (Inferno 26, 116). MIA FIGLIA, BUDDISTA PENTITA. «Mia figlia Francesca è stata per molti anni membro di una

19 importante comunità buddista. Questa aveva un etica fondata sulla dottrina del karma, secondo cui la nostra felicità o il nostro dolore sono la conseguenza delle azioni buone o cattive compiute nelle vite precedenti. Il bene o il male che facciamo oggi, d altronde, determina il nostro destino futuro. Dobbiamo quindi comportarci bene, ma per egoismo. E, se ci comportiamo negativamente, non dobbiamo provare senso di colpa, perché sappiamo che ne ricaveremo un danno. Non dobbiamo provare nemmeno pietà per gli ammalati, i poveri, gli infelici perché le loro sofferenze sono soltanto il frutto delle loro cattive azioni del passato. Francesca se ne è distaccata perché, ad un certo punto senso di aridità, come un vuoto interiore. Ha sentito la mancanza dei valori caldi tipici della nostra tradizione: l altruismo, l azione fatta senza attesa di ricompensa, per puro amore, per pura dedizione. La mancanza della pietà, del dolore per le sofferenze del mondo, del senso di colpa. Intendiamoci, anche la morale ebraico-cristiana ha sempre avuto il concetto di premio e di punizione. Però tutti i grandi dottori cristiani, come tutti i grandi rabbini, hanno insegnato che non bisogna agire in vista del premio o per paura della punizione. Antigono di Sokho, in una nota massima del Talmud, dice che l uomo deve servire il Signore anche se non riceve un salario, ma per amore. L etica cristiana è fondata sulla imitazione di Cristo che si sacrifica per gli uomini per puro amore, per pura generosità. Lutero polemizzerà ferocemente contro coloro che fanno delle opere buone per acquistare dei meriti, cioè per egoismo. La nostra civiltà affonda le sue radici in un mondo spirituale che ci invita a provare senso di colpa per le sofferenze che abbiamo procurato agli altri. Che ci fa sentire responsabili. Che ci fa provare rimorso. Che ci invita a metterci dalla parte di chi prova dolore e fare qualcosa per lui. Un patrimonio prezioso, da conservare con cura» (Francesco Alberoni, Corriere della Sera, 24 ottobre '94). CHE L'UOMO SIA GRANDE E SANTO. «Fa' o Signore, che l'uomo / sia grande e santo. / Dagli il dono della notte: / una notte profonda, / in cui si spinga il più lontano possibile, / una notte che profumi di glicine / leggera al soffio dei venti... / E perché l'uomo giunga / alla sua maturità, / risuscitagli il cuore dell infanzia / e allo stupore riaprilo / dei primi anni densi di presagio./ Rivela a lui, Signore, / ciò che giace in fondo / alla sua anima / e donagli di vegliare / fino all ora della morte. (Rainer Maria Rilke, da Il libro d Ore). L ANGOLO DI SENECA. Il solo bene che sia veramente tale, il bonum honestum. «Niente è bene se non ciò che è onesto; ciò che è onesto è sempre un bene (Nihil est bonum nisi quod honestum est; quod honestum, est utique bonum)». Ad Luc. 120,3. I «negotia» che sono di tutti gli uomini. «Se parlo con me stesso e parlo con i posteri di cose che riguardano il valore stesso della vita, non ti sembra che mi renda più utile di quando esercitavo l avvocatura, convalidavo con il mio sigillo un testamento o prestavo in senato la voce e i gesti a sostegno di un candidato? Credimi: quelli che sembra non facciano nulla, fanno le cose più alte, se si occupano di ciò che riguarda l uomo e Dio». Ad Luc. 8, maggio LINEA RECTA BREVISSIMA. Chi è privo di discernimento non faccia il leader. L error dei ciechi si fanno duci (Dante, Purgatorio 18, 18). - Tutto di riconduce all amore.... amore, a cui riduci / ogni buono operare e il suo contrario (Purgatorio 18, 14-15). Il dinamismo dell amore. Così l animo preso entra in disire, / ch è moto spirituale, e mai non posa / fin che la cosa amata il fa gioire (Purgatorio 18, 31-33). «È urgente... attendere». Prima ho riso, beffardo, nel leggere in un documento diplomatico quelle parole, che sembrano enunciare una contraddizione di termini. Poi mi sono reso conto che, nel contesto in cui è usata, l espressione sta a significare: se fatto nel momento sbagliato, un passo, per

20 giusto che sia, non ci porterà affatto all esito sperato. D accordo. Ma chi ci dirà quand è il giusto momento? (Levi Appulo). Vorrei poterlo dire anch io. Molte illusioni ho superato, da poche mi sono lasciato superare (Levi Appulo). SERVE L UOMO, NON È L UOMO. «Va innanzitutto sgombrato l orizzonte dell ombra di un computer emulo dell uomo con una intelligenza per gradi successivi perfezionata sino a farsi, pur nella sua artificialità, identica e antagonista e superiore rispetto a quella dell uomo. La razionalità del computer sembra invece confinarsi ai processi formali di deduzione e di induzione, privi di dimensione semantica, di capacità astrattiva,. di intenzionalità, di intuizione. I ragionamenti non formali della nuova retorica, della dialettica moderna ed antica, della ermeneutica, della filosofia pratica restano un dominio dell intelligenza dell uomo vivo non trasferibile in un calcolatore. Anzi l uomo vivo, aiutato dall intelligenza artificiale del computer, risparmierà quelle energie della mente spese per il passato nella razionalità formale, per trasferirle nella più corretta acquisizione e in un più diffuso e incisivo esercizio delle forme di ragionamento ermeneutico-argomentativo-pratico-dialettico. Il che è come dire che, ben lungi dall'eclissare la ragione dell'uomo vivo, il computer la potenzierà, liberandola dal compito di mere operazioni logico-formali e restituendola a quella razionalità superiore creativa-intuitiva-contemplativa che sola fonda la costruzione del mondo storico dell uomo nella cultura materiale e intellettuale, nell ordine etico, politico, giuridico, religioso». Questa lucida puntualizzazione sul computer e l intelligenza umana è di Franco Casavola. L ho letta nel suo libro L appello del futuro (Edizioni Studium, Roma, 1994, p. 31). UN POTERE È POLITICO SOLO SE NON È ESERCITATO IN FUNZIONE DI INTERESSI PARTICOLARI (E, PEGGIO ANCORA, PERSONALI). Conforme alla propria vocazione, il potere politico è per la polis, per la Città, cioè per il popolo, per l intero, e dunque deve sapersi disimpegnare dagli interessi particolari per considerare attentamente la propria responsabilità nei riguardi del bene di tutti, superando non solo il tornaconto di una lobby, o quello personale, ma anche i limiti nazionali. Prendere sul serio la politica nei suoi diversi livelli - locale, regionale, nazionale e mondiale - significa affermare il dovere dell'uomo, di ogni uomo, di riconoscere la realtà concreta e il valore della libertà di scelta che gli è offerta per cercare di realizzare insieme il bene della città, della nazione, dell umanità. La politica è una maniera esigente - ma non è la sola - di vivere l impegno cristiano al servizio degli altri. Senza certamente risolvere ogni problema, essa si sforza di dare soluzioni ai rapporti fra gli uomini. Di essa non possiamo fare a meno. L ANGOLO DELLA PREGHIERA. Che sia un giorno bello e puro. «Mio Dio, / fa' che il giorno della mia morte / sia bello e puro. / Che sia di grande pace quel giorno, / in cui forse la mia fronte / non sarà più affaticata / da scrupoli, ironia o altro. / Mio Dio, / fa, che io prenda le mani / dei miei figli tra le mie / e possa andarmene / con una grande calma nel cuore». (Francis Jammes, , da Preghiere dell umanità di P. Miquel e M. Perrini, Queriniana). 18 maggio LINEA RECTA BREVISSIMA. Perché sono degni di ammirazione. Zenone di Elea fu in tutto persona di pregio e, in particolare, dispregiatore dei potenti. Allo stesso modo di Eraclito (Diogene Laerzio IX). A chi dice: «Non potevo fare diversamente». E più facile mandare sott acqua un otre pieno d aria che costringere una qualsiasi delle persone oneste e fare contro volontà qualcosa di riprovevole (Zenone di Elea). Un qualche bene può venire persino dalla simulazione. Coloro che chiamavano desiderio di

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni Preghiera dello sportivo (1) Signore, aiutami ad essere un vero sportivo. A vincere e restare modesto. A perdere e conservare il sorriso e la dignità. Ad accettare le decisioni dell'arbitro, giuste o ingiuste

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo

Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo www.aiutobiblico.org pagina 1 Filippesi 3:8-16 l Eccellenza di Cristo filename:50-0308.a01 di Marco defelice, www.aiutobiblico.org la Cosa più Eccellente Fratelli, noi siamo stati creati a immagine di

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

PREGHIERE DELLO SPORTIVO

PREGHIERE DELLO SPORTIVO PREGHIERE DELLO SPORTIVO Presentiamo qui una selezione di alcune preghiere nate in e per il mondo sportivo. Esse testimoniano della profonda vita interiore di chi vive quotidianamente la sfida di superare

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Anno Internazionale del Fanciullo

Anno Internazionale del Fanciullo Anno Internazionale del Fanciullo COMUNICATO DEL CONSIGLIO PERMANENTE In occasione dell'anno internazionale del fanciullo, sono molte le iniziative che si prendono da ogni parte anche nel nostro paese.

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Pietro Ciavarella Ebrei 11:1-3 P 1/10

Pietro Ciavarella Ebrei 11:1-3 P 1/10 Pietro Ciavarella Ebrei 11:1-3 P 1/10 Sermone 24 Testo: Ebrei 11:1-3 Data predicato: 20 ottobre 2013 Titolo: La fede Per favore, aiutate Mirko e Simona. Grazie! Pietro Per capire in che modo, ecco il link

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

2. Fammi stare dalla tua parte, Signore

2. Fammi stare dalla tua parte, Signore 1^ settimana 1. Fammi buon amico fammi buon amico di tutti, fa' che la mia persona ispiri fiducia: a chi soffre e si lamenta, a chi cerca luce lontano da te; a chi vorrebbe cominciare e non sa come, a

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli