MALGRADO LA CRISI. Frammenti di un dialogo tra Miguel Benasayag e alcuni Cooperatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MALGRADO LA CRISI. Frammenti di un dialogo tra Miguel Benasayag e alcuni Cooperatori"

Transcript

1

2 MALGRADO LA CRISI Frammenti di un dialogo tra Miguel Benasayag e alcuni Cooperatori

3 Scuola Coop - Istituto Nazionale di Formazione delle Cooperative di Consumatori Via Sammontana, Montelupo F.no (FI) Tel Fax Copyright 2013 Coop Italia Grafica di Fabrizio Silei

4 Indice Istruzioni per l uso... 7 Nota introduttiva Ringraziamenti PROLOGO Le ragioni di un dialogo con Miguel Benasayag MALGRADO LA CRISI Due modi di fare ricerca Senza futuro? Annegare nell impotenza Ragione e sentimento Il mito dell individuo La penna di Krüger Questa terra è la mia terra Libertà o flessibilità Fino alla fine di un mondo Tragico, anzi grave Terra promessa Il negativo dove lo metto? Soluzione finale Il motore del Umano, troppo umano L utilità dell inutile Legami speciali Ora e sempre resistenza... 68

5 Felicità vo cercando Costruire la realtà Sfilata di modelli L uomo fa il mondo A cosa servono i prodotti La tecno felicità Qui casca l asino Epistemologia, territorio e astrazione Presente permanente Coop e la crisi La sfida di Coop POST-FAZIONE Quel che resta di un gruppo di studio di Enrico Parsi Libri di Miguel Benasayag pubblicati in italiano Bibliografia essenziale ragionata

6 Dobbiamo percepire conferenze, libri, diapositive, film e via dicendo non come informazioni, ma come veicoli di potenziale informazione. Allora vedremo che nel tenere conferenze, scrivere libri, mostrare diapositive e film, eccetera, non abbiamo risolto alcun problema, ma anzi ne abbiamo creato uno nuovo, e precisamente quello di scoprire in quale contesto queste cose possano essere viste in modo da creare nei loro percettori nuove intuizioni, nuovi pensieri e nuove azioni. Heinz Von Foerster

7

8 Istruzioni per l uso Dal settembre 2011 al settembre 2012, un gruppo di cooperatori di varia provenienza si è incontrato a Scuola Coop, con e senza Miguel Benasayag, per confrontarsi sulla crisi senza nessun altro obiettivo dichiarato che quello di confrontarsi sulla crisi. Per cinque giornate il gruppo ha ascoltato ciò che Miguel Benasayag aveva da dire e dialogato con lui. Per altrettante volte i membri del gruppo si sono ritrovati per commentare quanto ascoltato e offrirsi reciprocamente elaborazioni, considerazioni e testimonianza delle proprie pratiche. Abbiamo così lavorato in piena libertà senza alcuna preoccupazione se non quella di cercare di capire, guardando in faccia onestamente qualche nostra ignoranza. Gli scambi nel gruppo sono stati effettivamente formativi. Qualcuno di noi ha dichiarato di aver cambiato il proprio approccio al lavoro. Di essere entrato nel gruppo di studio in un modo ed essere uscito in un altro. Senza che nessuno l avesse chiesto e programmato. Il gruppo ha prodotto lezioni e documenti, tra cui questa pubblicazione, e un ipotesi di statuto rivisitato secondo categorie nuove rispetto a quelle otto o novecentesche. Inoltre sono a disposizione tre video di differente lunghezza utilizzabili in un ampia gamma di situazioni formative. Il loro scopo è contribuire a riflettere sulla crisi, con la convinzione, condivisa da molti, che non si tratti solo di una crisi economica. Il che significa riflettere anche sulla nostra vita, sulla nostra società e sul nostro Paese, sul ruolo di Coop e sulle persone che la abitano, siano essi i soci o i lavoratori. Tra questi ultimi anche i gruppi dirigenti.

9 8 MALGRADO LA CRISI Ma la conseguenza più interessante di questo lavoro, non prevedibile e non prevista, è stata la nascita di un progetto di una cooperativa che in un non luogo dove è sorto uno dei supermercati Coop più interessanti a livello internazionale, ha coinvolto l Università, un gruppo di cittadini, il supermercato stesso con il suo Direttore, e molti soci e lavoratori con lo scopo di riflettere e agire sul tessuto sociale di quella zona della città. Una quarantina di persone tra cooperatori e cittadini del quartiere sono stati coinvolti insieme a Miguel Benasayag, in una ricerca/azione che, come il nostro gruppo, sicuramente produrrà risultati non definiti a priori. Alcuni di noi all inizio di questo studio erano spiazzati, tanto siamo formattati dall idea che qualsiasi progetto debba avere uno scopo ben definito, pratico, visibile, stabilito dall alto, a cui conformarsi e da raggiungere. Qualcuno, dopo i primi incontri, in condizioni normali, avrebbe certo esclamato: e quindi?!, rinunciando così alla possibilità di fare una ricerca propria e di definire un proprio obiettivo, in attesa della prossima ricetta a basso costo intellettuale. Le prime righe delle lezioni di Benasayag trattano proprio questo tema: il fatto che i modelli sulla base dei quali interpretare la realtà e agire su di essa, oggi, dobbiamo inventarceli da soli. Una fatica in più, le cui conseguenze però sono la motivazione all impegno e l entusiasmo della scoperta. Una volta liberi da questo atteggiamento mentale che prevede obbiettivi e risultati predefiniti, e dalla quindite, come ha splendidamente definito quest abito mentale un nostro collega, l idea cioè che si debba ricevere una risposta immediata alle questioni poste, abbiamo pensato di condividere un po delle nostre idee con chi avrà voglia di leggere queste pagine. Della mole di parole che Miguel Benasayag ha pronunciato

10 ISTRUZIONI PER L USO 9 (circa duecento pagine di trascrizioni), abbiamo operato una sintesi e una selezione del tutto soggettiva. Mentre chi ha partecipato al gruppo, leggendo questa pubblicazione potrà avere la sensazione di un buon promemoria, un lettore nuovo potrà avere invece un senso di spiazzamento. Alcune parti infatti richiedono un po di attenzione. Qualche passaggio può lasciare perplessi ed essere interpretato come un salto logico, in particolare in quei capitoli e paragrafi in cui si parla espressamente di Coop. Alcuni concetti si ripetono. La nostra scelta è stata dettata dal fatto che comunque si potrà intuire l importanza di un pensiero non facile, ma certamente utile per capire meglio il nostro mondo e il nostro tempo. Abbiamo quindi selezionato parti delle lezioni che riteniamo possano offrire spunti di riflessione e considerazioni nuove, favorendo l incontro con qualche pensiero inusuale. In queste pagine non proponiamo alcuna verità. Nessuno di noi è diventato un seguace o un tifoso di Miguel Benasayag (un amico sì!). Proponiamo però contenuti che possono aiutarci a rivitalizzare i neuroni, come un altro dei colleghi che ha preventivamente letto il testo ci ha detto. Noi non pensiamo che ci siano verità a cui aderire come un tempo ci proponevano le ideologie classiche. Saremmo contenti però, se solo ci si rimettesse a discutere e se ci si riabituasse a osservare e a maneggiare idee che diamo spesso per buone e che invece non ci aiutano a vivere bene. Le considerazioni che Miguel Benasayag fa sulle nostre Cooperative possono risultare, a chi non ha partecipato ai nostri incontri, come improvvisi lampi, inaspettati e scomodi. Forse disorganiche rispetto al discorso complessivo o forse solo troppo veloci e poco approfondite. Ma abbiamo scelto di lasciarle proprio per la loro forza

11 10 MALGRADO LA CRISI suggestiva e perché pensiamo che possano favorire le riflessioni. Nel gruppo di studio queste considerazioni sono state l innesco per discussioni appassionate e approfondimenti. Tutto il testo è una derivazione di discorsi fatti in un aula. Alcuni esempi quindi possono risultare un po semplici e semplificati come sempre accade quando si parla a braccio. Naturalmente l eventuale eccessiva semplificazione è responsabilità dei redattori. Il libro può essere letto in molti modi: dall inizio alla fine, come un romanzo. Oppure andando a cercare qua e là stimoli e spunti per la propria personale ricerca. Sul sito di Scuola Coop sono presenti tre video. Uno di diciassette minuti in cui Miguel Benasayag offre uno spaccato delle sue riflessioni e considerazioni. Poi una intervista più lunga e completa (circa un ora e un quarto) per chi volesse approfondire il suo pensiero. Infine un ultimo video di circa cinquanta minuti, che coniuga una serie di considerazioni dei partecipanti al gruppo di studio con alcuni suoi brevi interventi. Vedere questi filmati può certo aiutare a comprendere meglio il senso e i contenuti di questa pubblicazione. Volendo ancora approfondire questi temi, alla fine del libro proponiamo una bibliografia minima di testi e autori utili alla causa. Soprattutto la causa della cooperazione. Infine, un po in tutte le organizzazioni si sono adottati stili professionali che escludono la riflessione, lo studio e il confronto dal proprio tempo operativo. La classe dirigente di questo Paese, non a caso, si distingue per una conclamata e talvolta esibita e vantata mancanza di conoscenze. Oppure per una tendenza al pensiero specialistico e utilitarista che considera un certo genere di riflessioni tempo perso. Questo lavoro fa parte di una costellazione di contributi finalizzati a prevenire i guasti di

12 ISTRUZIONI PER L USO 11 questa mentalità che considera un costo l esercizio e la valorizzazione del nostro cervello. Un contributo a promuovere una maggiore umiltà quando si abbia il potere di prendere decisioni che non riguardano solo chi le prende. Immersi nella crisi della nostra epoca, di fronte alla complessità di fenomeni che non saremo mai in grado di capire totalmente e a maggior ragione in grado di governare con facilità, dovremmo sempre tenere presente che alcuni un po di più, altri un po di meno, ma siamo tutti ignoranti. Buona ragione per ricominciare a studiare.

13

14 Nota introduttiva I testi di questa pubblicazione sono il frutto del lavoro di Aldo Bassoni, Direttore della rivista Nuovo Consumo e di Enrico Parsi, Direttore di Scuola Coop. Anche le note sono scritte di loro pugno. Le eventuali imprecisioni, incoerenze e difficoltà di scorrevolezza non sono attribuibili all autore delle lezioni, ma a loro. Si è comunque fatto uno sforzo di semplificazione e chiarificazione linguistica per rendere il testo il più comprensibile possibile a chi, non avendo partecipato al gruppo di studio, potrebbe avere qualche difficoltà.

15

16 Ringraziamenti Il primo ringraziamento va a chi ha partecipato al gruppo superando lo scoglio di una certa indeterminatezza iniziale: Graziella Rondano e Gioacchino Maida di Novacoop, Romeo Cambi, Manola Manini, Eleonora Petrocchi, Stefano Cesari, Daniela Mori, Claudio Vanni, di Unicoop Firenze. Federico Scandolari del Sait di Trento. Gianfranco Verziagi del C.d.A. di Scuola Coop. Gianni Tasselli di Coop Consumatori Nordest. Aldo Bassoni di Unicoop Tirreno. Michele Dorigatti della Federazione Trentina della Cooperazione. Stefano Ferrata, Alessandra Gasperini, Luisa Pilo, Daniela Regnicoli, Enrico Parsi di Scuola Coop. Un secondo ringraziamento va a Francesco Beltramini che con infinita pazienza ha trascritto le lezioni di Benasayag rendendo possibile il nostro lavoro di revisione. Un ringraziamento speciale a Aldo Bassoni che per rendere questo testo fruibile ha passato diverse ore del suo tempo libero a correggere, scrivere e aggiustare. Senza la sua professionalità questo lavoro non avrebbe visto facilmente la fine. Un ringraziamento alle bravissime interpreti Giovanna Melloni e Monica Carbone che hanno reso più facile il compito di chi ha trascritto e scritto. Un ringraziamento a Miguel Benasayag, che vorremmo definire con un semplice aggettivo: generoso.

17 16 MALGRADO LA CRISI Un ringraziamento a Elisa Mazzini, Claudio Mazzini, Sergio Soavi, Cristina Del Moro, Rita Nannelli, Cristina Vaiani, Vincenzo Ruggiero, Paolo Mantegazza che hanno letto una prima bozza del testo offrendoci preziosi suggerimenti. Tutti presi in considerazione anche se non sempre abbiamo agito di conseguenza. Un ringraziamento a Fabrizio Silei per la bella copertina che si richiama a un esempio contenuto nel libro e per il contributo alla revisione dei testi. Un ringraziamento a Marco Lami che, come Presidente di Scuola Coop, non ha esitato a incoraggiarci e a condividere la proposta di creare un gruppo di studio con Miguel Benasayag. Un ultimo ringraziamento alla Coop in generale che ci lascia fare cose che potrebbero essere considerate folli da un certo tipo di cultura aziendalista.

18 Prologo Le ragioni di un dialogo con Miguel Benasayag Ci siamo incontrati diverse volte. A Lucca e Rimini dove presentavi i tuoi libri, Elogio del conflitto e L epoca delle Passioni Tristi. Ti abbiamo cercato perché affascinati dalla tua storia e da un pensiero interdisciplinare che pensiamo sarebbe utile recuperare, visto lo stato in cui versano i mondi della politica e dell impresa caratterizzati spesso da semplificazione, utilitarismo e pensiero lineare. L ancoraggio nasce perché ci riconosciamo in alcune tue analisi e descrizioni dei fenomeni economici e sociali che sono parte della nostra quotidianità e della nostra esperienza come persone. Come quando parli del futuro, che a tutti noi appare minaccioso; oppure delle varie forme di disagio che, originando dalle condizioni di vita e di lavoro, non sono affrontabili con criteri intrapsichici o peggio ancora psichiatrici. Il legame nasce anche dal fatto che nel mondo politico italiano, fortemente condizionato da una filosofia imprenditorialmanageriale, si è consolidata la tendenza a considerare la cultura e il lavoro intellettuale cose di scarso valore. E anche per questo ci sembra prezioso un ragionamento su temi che tu affronti da anni. Ci siamo poi visti a Parigi e a Montelupo per sviluppare insieme una riflessione anche con e tra colleghi curiosi e impegnati. Nel frattempo la tua bibliografia si è arricchita di nuovi libri in cui si parla della differenza tra organismi naturali e organismi artificiali e della salute. Filoni di ricerca che potrebbero sembrare lontanissimi dalle esigenze pratiche

19 18 MALGRADO LA CRISI di chi fa impresa e che invece, come vedremo, si rivelano cruciali anche per comprendere in cosa può consistere la vita e la morte di un organizzazione. E porsi il problema della vita e della morte di un organizzazione, del suo mutamento, a volte del suo cambiare pelle, ci sembra importante per qualsiasi tipo di organizzazione, visto che questi cambiamenti ci sono e riguardano tutti. Il nostro gruppo ha discusso e studiato con te una serie di concetti che ormai sono divenuti parte di una riflessione che stiamo conducendo con studiosi italiani di fama internazionale, economisti, antropologi, psicologi. Persone che, come te, ci hanno posto le stesse domande: quali sono le caratteristiche della vostra organizzazione che hanno permesso una vita così lunga? E quali sono i fondamentali del vostro modo di funzionare che una volta messi in crisi potrebbero portarvi a non riconoscervi più, a trasformare la vostra identità, se non addirittura a morire? In altri termini in cosa consiste la vostra diversità e in che modo può rappresentare un alternativa al pensiero dominante che ci ha portato dritti dritti verso questa crisi che sembra irreversibile? In queste loro domande, in queste tue domande, si nascondono una serie di questioni che vorremmo affrontare. Proviamo a elencarle: Una riflessione sull epistemologia: cioè sul modo di conoscere la realtà e sui criteri, talvolta impliciti, che governano le nostre azioni e caratterizzano il nostro pensiero. Perché spesso non siamo consapevoli di come si pensa e dei presupposti impliciti nelle nostre pratiche. Epistemologia è una parola difficile e, ne siamo convinti, molti uomini di impresa, storcerebbero la bocca di fronte a questa che può essere considerata inutile filosofia.

20 PROLOGO 19 Eppure il nostro modo di pensare non è un astrazione rispetto alle nostre pratiche e a noi sembra che la distinzione tra prassi e teoria, tra fare e pensare sia il frutto di uno schema vecchio e inadatto alla comprensione dei fenomeni. Di questo vorremmo parlare. Una riflessione sulle organizzazioni sociali che prende le mosse dai tuoi studi sulle caratteristiche degli organismi viventi e artificiali. È il tema delle invarianze: cosa rimane stabile rendendo riconoscibile un organismo nonostante il tempo lo possa anche cambiare profondamente? Questo tema ci sembra possa aiutarci a re-interpretare la nostra organizzazione, anche con l aiuto di concetti diversi da quelli usati nel passato. Una riflessione sull economia e in particolare quella che abbiamo subito negli ultimi trenta anni: il neoliberismo e le sue conseguenze sociali, culturali e psicologiche. L economia, intesa come disciplina, non è neutra e se da un lato ha assunto le caratteristiche di una scienza a parte (o una fede), dall altro finisce per condizionare la nostra esistenza e condiziona anche lo spirito delle altre discipline scientifiche. Una riflessione sul concetto di territorio che nel tuo modo di lavorare sembra una possibilità per resistere e creare realtà diverse. È questo un tema importante in Italia, dove la parola territorio assume anche una valenza di chiusura e contrapposizione. Una riflessione sull individuo. Sul mito dell individuo e i suoi correlati di derivazione economica: la ricerca di una flessibilità astratta che porta a un idea di uomo flessibile, privo di qualità, ma perfettamente modificabile in base

21 20 MALGRADO LA CRISI alle esigenze industriali; e sul modello delle competenze, suo corollario, che nel mondo aziendale e nel mondo della psicologia del lavoro ha avuto un successo indiscutibile, spesso monopolizzando l intera attività formativa e culturale che vi si svolge. Una riflessione sul disagio psichico e sociale che si origina anche dalla concretezza del mondo del lavoro e dal diffondersi di pensieri e idee dannose sulla vita, sul successo individuale, sul potere. Qui siamo in sovrapposizione con quella che alcuni studiosi chiamano economia della felicità, che si interroga anche sulle condizioni di lavoro, sui modelli organizzativi e i suoi presupposti. Una riflessione sul cambiamento e sulle possibili azioni per il cambiamento. Perché se la superficie sociopolitica e i media ci consegnano schemi di impegno che sembrano essere sempre gli stessi, il mondo pullula di esperienze originali, diverse e diffuse. E questo tema, per un Paese come il nostro, regno de Il Gattopardo, è davvero importante. Da ultimo ancora una riflessione sulla ricerca sociale. Perché pensiamo che la nostra organizzazione, pur con tutte le sue contraddizioni, contenga esperienze e storie di cambiamento e resistenza che si basano su presupposti talvolta non consapevoli o non ben esplicitati. E che rimettersi in una prospettiva di ricerca e di elaborazione propria, sia tempo speso bene. Fin qui i nostri interessi, senza escludere eventuali riflessioni impreviste che possono nascere dal nostro dialogo. Da quando ci siamo incontrati, in Italia l ondata neoliberista in economia e autoritaria in politica si è arricchita di nuovi

22 PROLOGO 21 capitoli che sembrano mettere in discussione i fondamenti dello stare insieme: un attacco forte alla Costituzione e più in generale all idea che debbano esistere beni comuni. Molti dicono che la crisi non sia solo economica. Che il modello che la sostiene sia arrivato a fine corsa e la crisi sia profondamente culturale. Poi però, le soluzioni proposte sono le stesse che sembrano averla provocata: ineguaglianze sociali, meno Stato nel welfare, ma molto più Stato nelle azioni autoritarie e di controllo, visione mercantile della società in ogni suo aspetto, distribuzione della ricchezza sempre più iniqua, individualismo, pensiero lineare, efficientismo, tagli alla cultura e al sociale. Nel tuo lavoro affermi però che la realtà non è solo quella dichiarata e fatta percepire dal pensiero dominante. Affermi che il mondo è pieno di esperienze economiche che non sono caratterizzate dal profitto come unico interesse; esperienze civili e sociali diffuse che testimoniano già l esistenza di un altro mondo da scoprire e evidenziare. Affermi poi che il cambiamento e la resistenza verso processi distruttivi che vengono fatti passare per ineluttabili, non avviene attraverso le tradizionali forme di lotta politica più o meno antagonista, ma attraverso un azione che è creazione di esperienze e forme di relazioni concrete. Una costellazione di azioni che si inserisce nelle fratture che qualsiasi sistema mostra, senza negare la realtà, ma vivendola e trasformandola. E per questo, crediamo, ti sei incuriosito della nostra organizzazione, perché questa sembra contenere, nel suo agire, il presupposto di un cambiamento legato ad azioni concrete che non negano il rischio di possibili contraddizioni. La nostra organizzazione non è al riparo da una crisi che investe tutti. Quando si parla di cooperative si parla di una realtà composita, strutturalmente e potenzialmente in grado di offrire alternative concrete a un modo di fare

23 22 MALGRADO LA CRISI impresa che mostra tutti i suoi limiti. Si tratta però anche di una realtà non esente da ombre su cui è giusto riflettere. Ci affascina l idea che si possa studiare Coop confrontandosi anche con realtà diverse; e di farlo anche grazie a concetti offerti da discipline diverse dall economia. Ci interessa provare a comprendere, anche attraverso ragionamenti inusuali, quali possano essere le ragioni profonde che permettono a un organizzazione come questa di mantenersi viva. Ci affascina l idea di avviare uno studio per comprendere, se possibile, quali sono gli invarianti che ci permettono di continuare a esistere e quali potrebbero essere invece le soglie da non superare se non vogliamo perdere la nostra identità. E ci piace pensare che tutto questo possa essere condiviso con colleghi che hanno a cuore la vita della nostra organizzazione e le sorti del nostro Paese, non rassegnandosi all idea di vivere in un mondo di passioni tristi e di futuro rubato. Siamo interessati alla possibilità di mettere nero su bianco le cose che abbiamo imparato con te. E, se sarà possibile, anche attraverso la nostra collaborazione, proseguire in modo più consapevole nel nostro impegno per un modello di società in cui l agire economico non sia fine a se stesso, ma anche crescita civile. Il dialogo è iniziato. La parola a Miguel Benasayag.

24 Malgrado la crisi

25

26 Due modi di fare ricerca Oggi ci sono due modi di fare ricerca: uno consiste nel lavorare in contesti puramente teorici. In questo caso si affronta il tema della crisi dal punto di vista storico, o anche sociologico, restando chiusi in ambiti accademici, fuori da ogni altro tipo di pratica. Un altra corrente di pensiero sostiene invece che bisogna capire la crisi attraverso pratiche concrete. Quindi si fa ricerca agendo. Passo due o tre mesi l anno in Argentina, a Buenos Aires, dove lavoro con un gruppo di persone che provengono da ambiti diversi e con il quale cerco di capire la questione della sociabilità. Uno dei problemi delle città in America Latina è l aumento della violenza. Ci sono sempre più bambini per strada che diventano violenti dando luogo a un circolo vizioso, una spirale che non si riesce più a interrompere. Ci troviamo in una situazione incredibile, con ragazzi di dieci, undici, dodici anni che uccidono anche altri bambini. E ci sono persone che cominciano a difendersi. In Argentina, ad esempio, sono arrivati squadroni della morte brasiliani per uccidere questi bambini. Noi stiamo lavorando su questo problema già da diversi anni e per molto tempo le persone progressiste erano convinte che questi problemi fossero conseguenza diretta della struttura capitalistica e delle sue modalità di vita. La scommessa di queste persone si basava sulla credenza che una volta fatta la rivoluzione, una volta raggiunto il socialismo, ci sarebbe stato un cambiamento automatico e tutti questi problemi si sarebbero risolti.

27 26 MALGRADO LA CRISI Ma questo modello di pensiero, che ci dice che alcuni cambiamenti strutturali risolveranno tutti i problemi, ha mostrato il suo limite ed è fallito. Oggi in Argentina sono al potere alcuni dei miei compagni di lotta all epoca della dittatura. E lo stesso accade in Brasile e in Bolivia. Ma ci rendiamo conto che i problemi sono molto più complessi di quanto immaginassimo. Noi non ci aspettiamo che arrivino degli universitari con un modello che poi applicheremo. Non ci aspettiamo che arrivi il modello perfetto. Non pensiamo che la rivoluzione sia alle porte e che dopo di essa tutto si risolverà automaticamente. Non ci aspettiamo che dei militanti politici ci dicano qual è il modello giusto per poi applicarlo. La crisi storica che stiamo vivendo non può essere capita nella sua complessità standosene comodamente fuori. Può essere capita soltanto se si considera la molteplicità dei suoi volti. A Buenos Aires, ad esempio, abbiamo lanciato questa sfida lavorando nel concreto di questa orribile situazione di violenza di strada nella quale piccoli borghesi e impiegati devono difendersi diventando anche loro sempre più violenti. E nella quale si assiste a una sorta di recrudescenza dell apartheid sociale. Ecco la domanda: in questa situazione, di fronte a questa problematica, come possiamo capire il mondo? Come possiamo capire il mondo e la nostra società a partire da questi problemi? Ci sono diversi ambiti di intervento possibile per procedere verso la comprensione della realtà. Io lavoro su queste tematiche anche nell ambito della salute mentale. In Italia ho cominciato a collaborare con un gruppo teatrale di Trieste che opera in ambito psichiatrico. In Francia ho lavorato sul tema dei legami sociali nei quartieri. Ma le questioni devono essere affrontate anche da un punto di vista scientifico e quindi continuo a cercare di capire come la crisi si sviluppa e si manifesta anche attraverso lo

28 MALGRADO LA CRISI 27 studio delle discipline sociali, della biologia, dell epistemologia. Senza futuro? Oggi viviamo in un mondo nel quale l irrazionale sembra sempre più presente. Basta ascoltare la radio, guardare la tv o leggere i giornali e vediamo che nessuno controlla, né comprende ciò che sta accadendo. Ad esempio: perché la Grecia si trova in una crisi totale nella quale il popolo sperimenta la vera e propria miseria? Perché Spagna, Portogallo e Italia rischiano di seguire la Grecia in questo baratro? Perché non si può interrompere questo processo? Tutto questo oggi si può comprendere anche cominciando a considerare l irrazionalità come un elemento della realtà, un ingrediente che i modelli classici di pensiero, anche economici, non contemplano perché questi modelli erano e sono basati su un idea di razionalità trionfante. Una delle sfide che ci troviamo di fronte è dunque quella di capire quali nuovi modelli possono aiutarci a vedere le cose con un po più di chiarezza. La situazione in Europa è simile a ciò che accade, o che può accadere, quando è in atto uno scontro. Perché in effetti c è una guerra economica. Questo è un momento della nostra storia in cui bisogna avere il coraggio di dire che siamo sull orlo del baratro. Le nostre società e il nostro modello di vita sono sull orlo dell abisso. Non voglio essere apocalittico, ma il mondo è minaccioso. Come diceva Gramsci, il vecchio mondo non c è più, il nuovo tarda a farsi vedere e in questo vuoto emergono tutti i mostri. Ma Gramsci, quando scrisse queste parole, era ottimista. Infatti, dicendo il nuovo mondo tarda a comparire dava per scontato che in ogni caso un nuovo mondo sarebbe comparso. Noi invece non sappiamo neanche se questo mondo ci sarà. Possiamo augurarcelo,

29 28 MALGRADO LA CRISI ma la verità è che non abbiamo neanche l ottimismo che Gramsci ci ha trasmesso nei suoi Quaderni del Carcere. Io credo che questo ottimismo possiamo recuperarlo solo se cerchiamo di sperimentare prassi che dimostrino che qualcosa di diverso è possibile. Non si tratta quindi di essere ottimisti o pessimisti in teoria, come atto di fede. Piuttosto è più importante vedere se siamo in grado di comprendere nuovamente il mondo e agire su di esso. Oggi abbiamo a disposizione sufficienti modelli epistemologici per affrontare la complessità. Certo, poi bisogna vedere se questa comprensione riesce a trovare applicazioni pratiche e concrete. Bisogna vedere, cioè, come questa comprensione funziona effettivamente. Non parliamo quindi di pessimismo o di ottimismo, ma di qualcosa che fa paura un po a tutti: la responsabilità di dover agire senza un dogma o un modello di riferimento. Il modello lo dobbiamo costruire noi. Sulla base della mia esperienza di vita sono portato a dire che questa è la cosa che fa più paura agli esseri umani. Quando facevo parte della Resistenza contro la dittatura in Argentina, nei momenti peggiori, più duri, più pericolosi della lotta, c erano sempre nuove persone che si univano a noi. E questo era incredibile. A volte dovevamo frenare le persone, perché era molto pericoloso e non avevamo neanche più la capacità di accoglierli nella rete della Resistenza con un minimo di sicurezza. Eppure, malgrado tutto, c era sempre qualcuno che voleva unirsi a noi. Oggi non rischiamo la vita e non rischiamo di andare in galera, eppure non c è quasi nessuno che sia disposto a dare il proprio tempo e le proprie capacità per resistere all orrore che si fa avanti. Annegare nell impotenza Sappiamo bene che ci sono ovunque molti gruppi, associazioni, collettivi che si impegnano. Ma per molta gente

30 MALGRADO LA CRISI 29 il problema è sempre la motivazione. Ad esempio, molte persone spesso dichiarano di voler creare legami sociali o di voler lottare contro il razzismo. Dichiarano di desiderare molte cose che servono per migliorare la società. Abbiamo fatto una ricerca a Parigi per cercare di studiare i motivi immediati che vengono anteposti a quello che si dichiara di desiderare. Le risposte sono state del tipo: perché ero a cena con mio nipote perché ero stanco perché avevo mal di schiena. Queste risposte sono molto interessanti per chi, come me, ha visto persone che agivano consapevoli di rischiare la prigione, la tortura e la morte. Questo accadeva perché c era una linea da seguire, c era un riferimento che ci permetteva di muoverci. Trovo stupefacente constatare che, siccome oggi non c è una linea, un riferimento, si ha molta più paura di quanta non se ne avesse allora. C è qualcosa in questo fenomeno che ci deve far riflettere, qualcosa che ci interroga sulle ragioni per cui, nella nostra società, le persone annegano nell impotenza dell immediato. Io penso che le persone non si muovano perché la nostra società è riuscita a produrre una diminuzione della potenza vitale. In realtà molti desiderano fare delle cose e credono che sia importante farle. Ma c è un muro. Un muro di piccoli ostacoli che impedisce di fare ciò che si deve. E questa è una cosa che bisogna cercare di comprendere perché spesso nei collettivi, nei gruppi, si assume un atteggiamento moralistico e si dice che non va bene non andare alle riunioni, che non è corretto, che è sbagliato. Si esprime dunque una condanna morale, ma in realtà non si tratta di una questione morale. Il punto è capire come mai si sono interrotti certi collegamenti. Se tocco una piastra bollente la reazione istintiva sarà di togliere la mano. La reazione, cioè, è immediata e adeguata. Eppure viviamo in una società sempre più in-

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana

AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente. Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana AUTOSTIMA e l'immagine del SE' nel bambino e nell'adolescente Dott.ssa Barbara Tonin Psicoterapeuta Analista Junghiana PERCHÉ PENSIAMO CHE AVERE AUTOSTIMA SIA IMPORTANTE? AUTOSTIMA E' la considerazione

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli