Bilancio in arancio. Lettura trasparente del Bilancio del Comune di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio in arancio. Lettura trasparente del Bilancio del Comune di Milano"

Transcript

1 Bilancio in arancio Lettura trasparente del Bilancio del Comune di Milano Edizione 2013

2 INDICE Premessa Perchè un Bilancio in Arancio Lasciamo che parlino i numeri Le Società del Comune di Milano Come si finanzia il Comune di Milano Raffronti con altri Comuni Quanto è grande la famiglia Milano? Proposte Conclusioni A cosa serve il Bilancio del Comune L obiettivo della presentazione del Bilancio Arancio Diamo uno sguardo alle grandi voci del Bilancio Le Entrate correnti del Comune di Milano Le Spese correnti del Comune di Milano - per tipologia di spesa - per Ufficio Comparazione tra le Entrate del Comune di Milano e quelle di altri Comuni italiani Le Spese correnti del Comune di Milano, ripartite per tipologia di spesa, confrontate con quelle di altri Comuni italiani Le Spese correnti ripartite per Ufficio, confrontate con quelle di altri Comuni italiani Raffronto tra le Spese in Conto capitale e quelle di altri Comuni italiani Composizione dell indebitamento del Comune di Milano e di altri Comuni I dati su popolazione e personale del Comune A Milano di gente che capisce e maneggia bilanci ce n è tanta. Bilanci di condominio e di bottega, bilanci di imprese e banche, piccole medie e grandi, bilanci di associazioni e fondazioni. Esperti che studiano le trimestrali delle imprese quotate in Borsa ponendo attenzione ossessiva a scostamenti modesti tra preventivi e consuntivi. Del bilancio della nostra amministrazione comunale ben pochi sanno qualcosa. Gli organi d informazione forniscono informazioni frequenti sul bilancio dello Stato e sul rispetto di quel vincolo del 3% al disavanzo che, come si dice, l Europa ci impone. Il bilancio della nostra città lo si vede poco. Mai spiegato. Commentato ogni tanto sì, ma in termini politici: lo Stato ci mette in ginocchio, toccherà vendere l argenteria. Cominciamo a guardarlo, questo bilancio, nel preventivo e nel consuntivo, nella parte corrente e negli investimenti, e anche nelle voci finanziarie, prestiti e restituzione di prestiti. Per guardarlo ci vuole una fonte leggibile. Provai a cercarla qualche anno fa e trovai solo un volume di oltre un migliaio di pagine, illeggibile. Ora va meglio. L Amministrazione comunale ha messo online, il 19 ottobre 2012, una versione completa del preventivo 2012, dove si trova anche il consuntivo 2010 e 2011 e il preconsuntivo dello stesso 2012: ottima iniziativa, bel passo avanti. Ma è un documento per i professionisti, di non facile lettura per i cittadini, e l Amministrazione nel pubblicarlo annuncia la prossima realizzazione di un bilancio comprensibile anche dalle famiglie milanesi. Il Movimento Milano Civica ha preso l iniziativa di pubblicare il presente bilancio: trasparente o arancio che dir si voglia. Spero che si sviluppino entrambi. Quello del Comune costituisce doverosa rendicontazione ai cittadini, precisa anche se sintetica. Quello di una libera associazione è diverso e può essere proficuamente complementare all altro: innanzitutto per la maggiore libertà di farsi capire usando termini non tecnici, ciò che per l Amministrazione è problematico perché i termini non tecnici sono in genere meno precisi, quindi più esposti alle critiche di chi volesse fare il piantagrane. Analogamente, un privato può approfittare della libertà di scegliere i punti da spiegare a fondo, anche facendo esempi e richiami analogici, e trascurarne altri, cercando un equilibrio tra completezza e brevità. È una scelta necessariamente arbitraria, in cui la responsabilità di chi è parte differisce da quella di chi rappresenta tutti. Inoltre, un elaborazione privata potrebbe estendersi ad una utilissima riscrittura del bilancio in forma di conto economico civilistico, accompagnato da uno stato patrimoniale, analogamente a quanto fanno le imprese. Il bilancio presentato da una libera associazione si presta bene anche ad un percorso evolutivo. Mi piacerebbe veder aprire un dibattito attorno al documento, che abbia inizio con richieste di chiarimenti là dove ancora il testo non soddisfa. Il bilancio avrebbe così una serie di successive edizioni, ciascuna più chiara e completa delle precedenti, con un lavoro collettivo tipico della società connessa in rete. Il lavoro di chiarimento potrebbe poi estendersi alla valutazione dei pro e dei contro di possibili scelte. Allora la stessa idea di bilancio partecipato, avanzata tra le proposte del Movimento Milano Civica, assumerebbe un carattere operativo. Infatti essa richiede a mio avviso una procedura che porti la partecipazione oltre la mera espressione di aspirazioni, e la spinga sul terreno della loro verifica di realizzabilità. Si potrebbe così realizzare una crescita dell informazione non di tipo scolastico ma a ridosso delle scelte, inizialmente stimolata dall esigenza di decidere o almeno di avanzare proposte di decisioni, e utilizzata poi per migliorare la qualità delle decisioni o delle proposte. Qualcosa di abbastanza vicino all idea di democrazia deliberativa di cui molto discutono gli esperti delle politiche pubbliche. Pippo Ranci Ortigosa 2

3 PREMESSA A COSA SERVE IL BILANCIO DEL COMUNE Il Bilancio del Comune di Milano è lo strumento con il quale il Consiglio Comunale rende conto alla cittadinanza, cioè a noi (gli azionisti del Comune), da un lato dei risultati delle sue attività e delle scelte operate nel corso dell esercizio appena chiuso (sia dal punto di vista delle entrate che delle spese e degli investimenti), dall altro di come intende agire negli anni successivi. Il Bilancio mostra come il Comune è stato in grado di reperire le risorse economiche (Entrate) per fornire servizi ed effettuare investimenti a favore dei propri cittadini. Il Bilancio annuale è un documento contabile che riassume gli avvenimenti di un anno. In esso è possibile individuare le Entrate e le Spese relative ai 12 mesi, sia correnti che in conto capitale. Ogni anno la Ragioneria comunale prepara diverse tipologie di bilancio: il Bilancio di previsione pluriennale che definisce, per il successivo triennio, gli stanziamenti di entrata e spesa in ottica di programmazione di lungo periodo; il Bilancio di previsione annuale che, rispetto al precedente, rappresenta il primo esercizio e definisce le previsioni di entrata e uscita dell esercizio in corso; il Rendiconto (Bilancio consuntivo), che viene approvato entro il 30 Aprile dell anno successivo a quello di riferimento. Il Bilancio preventivo ha una funzione autorizzativa: in linea generale, per quanto riguarda le spese, non è possibile impegnare più di quanto è stato stanziato, ovvero previsto, dal lato delle entrate. Il Bilancio consuntivo ci espone i risultati delle scelte operate dall Amministrazione, sia in termini di Entrate (più imposte chieste ai cittadini o più dividendi dalle società comunali) sia in termini di Uscite (per esempio, più spese per la sicurezza o per la cultura? più per il personale o per le consulenze?...) in un arco di tempo di 12 mesi e comprende la verifica del rispetto dei limiti di spesa così come definiti nel Bilancio preventivo. Il sapere rende liberi, è l ignoranza che rende prigionieri diceva Socrate... noi desideriamo rendere più informati i cittadini milanesi semplificando e alleggerendo il Bilancio del Comune che, per definizione, è predisposto con una terminologia difficile per i non addetti ai lavori e presenta una notevole mole di dati. Ciò che ci proponiamo è di ridurre ai minimi termini il Bilancio del Comune, in modo che possa essere compreso in meno di un ora di lettura. PERCHÈ UN BILANCIO IN ARANCIO Spiegazione dell obiettivo della presentazione del Bilancio Arancio Il Movimento Milano Civica ritiene che il Bilancio debba poter essere letto e compreso da una larga maggioranza dei cittadini milanesi, che, di conseguenza, in un prossimo futuro, siano in grado di valutare, in maniera semplice e diretta, l operato dell Amministrazione pubblica. Le caratteristiche del nostro modo di presentare il Bilancio Comunale sono Trasparenza e Competenza: Trasparenza: desideriamo rendere comprensibili e, quindi, fruibili i dati del Bilancio del Comune, oggi riservato a pochi addetti ai lavori ; Competenza: ci proponiamo di dar vita ad un nuovo modo di guardare al Bilancio ed alle questioni economiche accrescendo la conoscenza dei cittadini e rappresentando un costante stimolo per l Amministrazione Comunale nel gestire il Bene Comune e nel rendere conto agli azionisti milanesi delle scelte e dei risultati raggiunti. Trasparenza e Competenza dunque, per proporre e realizzare idee nuove e distribuire a tutti i Cittadini milanesi dividendi sotto forma di servizi e strutture più efficienti ed efficaci, anche con alcune nostre proposte. Note per il lettore A) Al momento della preparazione del presente studio erano disponibili sia i Rendiconti degli anni passati (2010 e 2011) sia il Bilancio di Previsione del 2012, aggiornati con la delibera di riequilibrio (8 ottobre 2012). Abbiamo deciso di presentare la comparazione tra le due tipologie di Bilancio anche se hanno chiaramente delle impostazioni differenti perché: il Bilancio di Previsione è, ovviamente, molto più attuale il Bilancio di Previsione rappresenta un dato sul quale l attuale giunta ha avuto maggior possibilità di intervento Quando si leggeranno le successive tabelle si dovrà sempre tener presente che i valori esposti nei Rendiconti sono dati certi mentre i valori esposti nel Preventivo sono dati stimati. B) Fonti dei dati presentati: per il Comune di Milano il documento Milano presenta Progetto Milano Trasparente il Bilancio presentato agli operatori finanziari per il Comune di Torino il Rendiconto 2011 e il prospetto Dati di sintesi 2011 e 2012 per il Comune di Brescia il Rendiconto 2011 e il prospetto Elaborazioni grafiche per il Comune di Genova il Rendiconto 2011 e il Bilancio previsionale 2012 per il Comune di Napoli il Rendiconto 2011 e il Bilancio previsionale

4 DI COSA PARLA IL BILANCIO COMUNALE DI MILANO Il Bilancio del Comune di Milano fornisce informazioni da un lato sulle Entrate (correnti e in conto capitale) e la loro composizione (imposte, trasferimenti, contributi, etc. ), dall altro sulle Uscite e la relativa ripartizione nelle quattro macro-voci, ovvero spese correnti, spese in conto capitale, spese per rimborso dei prestiti e spese per servizi per conto terzi. Il Bilancio pubblico ha notevoli differenze rispetto a quello privatistico: 1. Il Comune, secondo il principio di cassa, non può spendere più di quanto ha previsto in termini di uscite nel bilancio preventivo. Inoltre, quanto previsto in uscita non può essere superiore a quanto previsto in entrata; 2. La contabilità pubblica non è redatta secondo il metodo della partita doppia, ovvero con rilevazioni in Conto economico e Stato patrimoniale, ma attraverso il metodo della partita semplice, cioè un Bilancio che mostra le Entrate e le Spese, differenziandole in Correnti e C/Capitale; 3. Non esiste un Risultato di bilancio inteso come Utile o Perdita ma un Risultato di amministrazione, che può consistere in un Avanzo o in un Disavanzo. Le entrate si differenziano nelle seguenti tipologie: A) Le entrate tipiche del Comune, chiamate entrate correnti, così suddivise: a Entrate tributarie, costituite principalmente da Imposte (IMU, addizionale Irpef e sulla pubblicità), Tasse (Tassa smaltimento rifiuti) e Diritti (sulle pubbliche affissioni); b Trasferimenti, che possono essere erogati dall Unione Europea, dallo Stato italiano, dalla Regione e da altri enti del settore pubblico; c Entrate extratributarie, provenienti dal corrispettivo dei servizi pubblici (asili, impianti sportivi, mense scolastiche, musei, ecc.), da proventi dei beni del Comune (case, terreni, ecc.) e dai dividendi percepiti dalle società partecipate. B) Le entrate in conto capitale sono: a entrate da alienazione di beni di proprietà del Comune nonché di partecipazioni; b entrate per ricorso al prestito; c entrate da trasferimenti di capitali da soggetti pubblici e privati (tra questi ultimi vi sono, ad esempio, gli oneri d urbanizzazione). Dal lato delle spese vi sono due principali tipologie: a) spese correnti, per esempio le spese di energia elettrica, per la cancelleria, per le divise della Polizia locale, per le manifestazioni culturali, ecc.; b) spese in c/capitale ovvero quelle per investimenti (ad esempio per la manutenzione straordinaria delle strade, delle infrastrutture scolastiche, ecc.). Esistono, poi: C) le spese per rimborso prestiti, cioè le rate di rimborso dei finanziamenti ricevuti dal Comune. Vi è, infine, una voce ulteriore sia dal lato delle Entrate che dal lato delle Spese, che riguarda le Entrate e le Spese per servizi per conto di terzi (per esempio ritenute dipendenti che il Comune versa allo Stato come sostituto d imposta, per il servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti o per il servizio locale: praticamente sono quelle delle partite di giro, entrate e spese dello stesso ammontare. Leggendo i documenti redatti dal Comune osserviamo che le Spese correnti vengono ripartite sia per Funzioni, sia per Interventi. Spese per intervento: Personale Acquisto di beni di consumo Prestazione di servizi Utilizzo di beni di terzi Trasferimenti Imposte e tasse Interessi passivi Oneri straordinari della gestione corrente Ammortamenti Fondo svalutazione crediti Fondo di riserva. LASCIAMO CHE PARLINO I NUMERI Diamo uno sguardo alle grandi voci del Bilancio Tabella n Entrate tributarie % % % Entrate da contributi e trasferimenti Entrate extra-tributarie (partecipate) Spese per funzione: Viabilità & traporti Amministrazione, gestione & controllo Gestione del territorio Settore sociale Istruzione pubblica Polizia locale Cultura Giustizia Sviluppo economico Sportivo & ricreativo % % % % % % Entrate correnti % % % Spese correnti % % % Entrate conto capitale % % % Spese in C/capitale % % % Accensioni di prestiti % % % Spese per Riborso prestiti % % % 5 6

5 Attenzione: nel 2012 l incremento delle Entrate è in parte determinato da una variazione nelle Entrate extratributarie dovuta all applicazione di nuovi principi contabili e alla previsione del ricavo riveniente dall operazione straordinaria di chiusura dei Contratti derivati (circa 415 milioni di euro). Le Entrate correnti finanziano le Spese correnti e il rimborso delle quote capitale dei mutui. L eventuale quota eccedente forma avanzo di bilancio da destinare agli investimenti. Quanto INVESTE il Comune Quasi un quarto delle Uscite sono destinate agli investimenti: nel 2011 sono stati spesi 707 milioni di euro per investimenti e nel 2012 sono stati stanziati addirittura un miliardo e cento milioni di euro. Ritorniamo alla tabella riassuntiva delle Entrate e delle Uscite del Comune Le Entrate correnti sono composte da entrate tributarie, da trasferimenti pubblici e da entrate extra-tributarie (tariffe, proventi derivanti dalla gestione dei beni patrimoniali dell ente). Ora diamo uno sguardo generale alla tabella n.1 che riassume Entrate e Spese degli esercizi 2010 e 2011 (Rendiconto) e la Previsione del Guardiamo la DIMENSIONE dei numeri Il valore globale delle Entrate correnti e in Conto capitale del Comune di Milano per l anno 2011 supera, seppur di poco, i 3 miliardi di euro e può essere paragonato, anche se non in maniera corrispondente ma solo per somiglianza, ai volumi d affari di società quotate alla Borsa Valori di Milano come Impregilo Spa (uno dei maggiori operatori nel settore delle costruzioni) o Indesit Spa (la società che produce frigoriferi e lavatrici) o la casa editrice RCS Media Group (la Rizzoli-Corriere della Sera). Guardiamo ora il SALDO tra Entrate ed Uscite correnti Entrate e Uscite correnti Cosa vediamo? 1) I trasferimenti dallo Stato e dalle Regioni dal 2010 al 2011 si sono dimezzati. Nel 2010 rappresentavano 1/3 delle Entrate del Comune di Milano mentre nel Bilancio previsionale del 2012, pesano solo 1/10 delle Entrate 2) Grazie alle Entrate ricevute dalle società partecipate (leggi anche: dividendi), aumentate del 18% nel 2011 e del 103% nel previsionale 2012, il Comune è riuscito a contenere l aumento della pressione fiscale e mantenere un buon livello di servizi erogati ai cittadini. 3) Per far fonte alla riduzione dei trasferimenti dallo Stato, il Comune ha dovuto prima aumentare il gettito tributario del 60% (nel 2011) e poi incrementarlo di un ulteriore 25% (nel 2012). Vedremo poi nella tabella analitica delle entrate con quale tipologia di imposta il Comune è intervenuto. Il saldo corrente è negativo, ma di valore molto contenuto e solo nel 2010 è risultato pari al 2% del valore delle uscite. Infatti nel 2011 (a consuntivo) e nel 2012 (previsionale) lo sbilancio si riduce a meno dello 0,5%. La Previsione è quindi quella di riuscire a chiudere il Bilancio con un sostanziale pareggio. 4) Il Comune nel 2010 ha sostenuto Spese correnti superiori del 2% circa alle Entrate correnti, con un saldo negativo per circa 40 milioni di euro; nel 2011 (dato definitivo) e 2012 (dato stimato) il disavanzo tra le Uscite e le Entrate è sceso allo 0,5% con un valore oscillante tra 8 e 18 milioni di euro. E il SALDO tra Entrate ed Uscite in Conto capitale Notiamo che il Comune investe cifre importanti, e che le spese in c/capitale nel 2011 rappresentano il 22% delle spese totali e nel 2012 sono previste in aumento fino al 24% delle Uscite del Comune: gli investimenti, soprattutto in vista del Expo 2015, diventano una voce veramente importante del Bilancio comunale. Tali investimenti sono indirizzati principalmente verso il settore della Viabilità e dei Trasporti e, nel Bilancio Previsionale 2012, c è una forte crescita degli investimenti per la Gestione del Territorio e per il Settore Sociale. Nell esercizio 2011 il Comune ha avuto un saldo positivo nelle spese in c/capitale, che viene poi utilizzato per gli investimenti previsti per l anno 2012 (nel Bilancio di previsione). Entrate e Uscite in conto capitale Cosa notiamo? Anche nelle spese in c/capitale nell esercizio 2010 c è stato un saldo negativo pari a circa 416 milioni di euro, mentre nel 2011 il Comune ha chiuso l anno con un saldo positivo, utilizzato poi nel 2012 (dato stimato). Accensione & Rimborso Prestiti Nel 2010 il Comune ha finanziato investimenti attraverso 480 milioni di euro di finanziamenti ricevuti sotto forma di prestito, mentre nei due anni successivi (il 2012 è ancora una previsione) i prestiti ottenuti sono stati inferiori (2011) o uguali (2012 come previsione) a quelli rimborsati, con una situazione di equilibrio tra i flussi finanziari. 7 8

6 Ecco come sono composte le Entrate correnti del Comune di Milano Valori Tabella n.2 Entrate correnti Entrate Tributarie Imposte ICI IMU Imposta Comunale Pubblicità Addizionale consumo Energia elettr Addizionale Comunale Irpef Compartecipazione Irpef Compartecipazione Iva Imposta di soggiorno Altre Imposte Tasse Tarsu, Addizionale Tarsu, altre Tasse Tributi Diritti affissione & Fdo sperim. riequilibrio Contributi & Trasferimenti Trasferimento dello Stato Trasferimento della Regione Trasferimenti della Provincia Totale entrate Extratributarie Proventi per servizi pubblici Sanzioni per violazioni & contravvenzioni Proventi per servizi di assistenza Rette scolastiche Proventi mensa e refettori Proventi per servizi funebri Altre Proventi dei beni dell Ente Fitti dei fabbricati Proventi per utilizzo beni dell Ente Interessi attivi Interessi sulle giacenze di cassa Interessi attivi diversi Utili da aziende partecipate Proventi diversi Entrate correnti Alienazioni Trasferimenti di capitale da Stato Trasferimenti di capitale da altri sogg Somme entrate al netto della riscoss. crediti Riscossione di crediti Entrate in c/c capitale Totale entrate Le Entrate correnti Nelle pagine precedenti abbiamo visto che lo sbilancio tra Spese correnti e Entrate correnti è contenuto e il Rendiconto del Comune di Milano è in sostanziale pareggio (con un certo miglioramento nel corso degli ultimi due anni). Poi abbiamo visto che il Comune, a seguito del taglio dei Trasferimenti da parte dello Stato, ha fatto un maggior ricorso alle Risorse provenienti dalle proprie società di servizi e, in subordine, ha incrementato le Entrate tributarie. Ora andiamo ad analizzare, in dettaglio, le Entrate correnti del Comune di Milano negli ultimi tre esercizi: tra le Imposte, dopo l eliminazione dell ICI (il Comune nel 2010 ha incassato 327 milioni circa e l anno successivo, l ultimo dell imposta, ha raccolto 303 milioni circa) è arrivata l IMU (nel 2012 presente nel Bilancio previsionale) che pesa più del doppio (oltre 700 milioni) dell imposta cancellata dal Governo nel Negli ultimi due esercizi è presente l addizionale Irpef che prevede, per i cittadini milanesi, l esenzione dal tributo per i redditi fino a , poi l aliquota dello 0.2% per i redditi superiori a , applicata al reddito imponibile complessivo, senza soglia di esenzione. Nell elenco delle entrate tributarie è presente anche la Tarsu (la Tassa sui rifiuti solidi urbani): nel 2012 (Bilancio previsionale) si stima un aumento del 23% circa del gettito rispetto all esercizio precedente. Il Comune riceve direttamente dai milanesi la Tassa per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti. Inoltre nel 2011 sono presenti 85 milioni di euro circa come Compartecipazione Iva. I Trasferimenti da parte dello Stato subiscono, a seguito della decisione del Governo centrale, un netto ridimensionamento tra il 2010 (476 milioni) e le stime del 2012 (appena 37 milioni). 9 10

7 Altro capitolo sono i Proventi da Servizi Pubblici, praticamente raddoppiati nel corso degli ultimi due anni, passando dagli 852 milioni del 2010 a milioni nel Bilancio previsionale del 2012, a seguito, anche, dell applicazione dei nuovi principi contabili. Ricordiamo che nei servizi sono compresi, le Entrate relative al trasporto pubblico locale, i Proventi dai parcheggi, le Tasse scolastiche, ammende e oblazioni per Contravvenzioni. Le Entrate in Conto capitale Abbiamo messo di fianco ad ogni anno il valore percentuale di ciascuna tipologia di spesa, per poter valutare il peso di ciascuna di esse all interno del totale. Per esempio il Costo del personale scende in valore assoluto da 628 milioni nel 2010 a 608 milioni nel Bilancio previsionale del 2012 e, mentre nel 2010 rappresenta oltre un quarto delle Spese correnti (esattamente il 28%), nel 2012 si stima che tale voce ne assorba meno di un quinto (ovvero solo il 18%). Le Entrate in Conto capitale sono entrate di natura straordinaria o in parte ripetitiva. Finanziano esclusivamente le spese di investimento, salvo le eccezioni previste per legge (per esempio fino al 2012 quota parte dei proventi da permessi di costruire possono finanziare la spesa corrente). Come potete vedere, nel 2012 (Bilancio provvisorio) i Trasferimenti di capitale dallo Stato e dalle Regioni scendono ad oltre un terzo dell anno precedente ed il Comune aumenta le Alienazioni di Immobili per sopperire al calo di trasferimenti. ED ORA DIAMO UNO SGUARDO ALLE SPESE CORRENTI DEL COMUNE DI MILANO Ecco come vengono suddivise le Spese correnti per tipologia di spesa. Tabella n. 3 Comune di Milano Personale % % % Acquisto di beni di consumo 7 0,3% 7 0,3% 11 0,5% Prestazione di servizi % % % Utilizzo di beni di terzi 13 1% 13 1% 14 0% Trasferimenti 131 6% 104 4% 156 5% Interessi passivi 109 5% 117 5% 126 4% Imposte e tasse 41 2% 38 2% 39 1% Oneri straordinari della gestione corrente Ammortamenti 13 1% 18 1% % Fondo svalutazione crediti - 0% - 0% % Fondo di riserva - 0% - 0% 10 0% Totale La prima cosa che notiamo è che, a seguito di alcuni accantonamenti straordinari, le Spese correnti passano dai milioni del 2010 a una stima di milioni nel Bilancio previsionale 2012, con un incremento del 50%: milioni per Prestazione di servizi (poco più del 20% di incremento in due anni) milioni per Oneri straordinari della gestione corrente (di cui 416 milioni per accantonamento rischi su derivati) milioni per il Fondo Svalutazione crediti Ecco le Spese ripartite per Ufficio Tabella n. 4 Comune di Milano Amministrazione, gestione & controllo 427,5 19% 349,7 15% 1151,9 34% Acc. Svalutaz. Crediti ,5 Acc. Rischi su derivati ,6 Giustizia 23,6 1% 25,2 1% 24,0 1% Polizia locale 147,7 7% 150,9 6% 165,8 5% Istruzione pubblica 197,1 9% 243,2 10% 251,5 7% Uff. Cultura & Beni culturali 74, ,5 0 Settore Sportivo & ricreativo 12,7 1% 13,1 1% 13,8 0% Turismo 12,5 1% 8,0 0% 10,2 0% Viabilità & trasporti 561,3 25% 737,9 31% 819,9 24% Gestione del territorio 396,7 18% 380,1 16% 436,3 13% Settore Sociale 380,2 17% 397,8 17% 406,5 12% Sviluppo economico 18,3 1% 12,4 1% 24,9 1% Totale Ecco come il Comune di Milano ha impiegato le proprie risorse tra le varie Funzioni, nel corso degli esercizi 2010, 2011 e quanto ha stanziato per il 2012 (esercizio previsionale): anche nelle spese correnti i costi di Viabilità e trasporti rappresentano la spesa più importante e in crescita anno dopo anno. i costi per l Amministrazione, al netto delle due poste straordinarie del Bilancio preventivo 2012 per l accantonamento per la svalutazione di crediti e dei rischi sui derivati, sono in flessione sia in valore assoluto sia come percentuale del totale degli impieghi. in ordine di importanza, subito dopo abbiamo le Spese per la gestione del territorio e quelle del Settore sociale. Sport e Turismo rappresentano il 2% delle spese totali. (1) Vale la pena dare una breve spiegazione per questa voce: come abbiamo visto nella sezione delle Entrate comunali, i milanesi pagano direttamente al Comune la Tarsu (vedi nella sezione Tasse), e il biglietto o l abbonamento per il trasporto urbano, (vedi la voce Proventi per i servizi pubblici ), poi il Comune riconosce un importo all Amsa per questo servizio di raccolta dei rifiuti. Il Comune ha un contratto con l ATM alla quale versa un contributo in base ai cittadini trasportati nel periodo. Per il contratto ATM è prevista una spesa di 677 milioni, per il contratto AMSA è prevista una spesa di 283 milioni. La previsione dei ricavi per il Comune è di 923. Quasi 40 milioni rappresentano il maggior costo per il Comune di Milano a fronte di questi servizi erogati ai cittadini

8 Per una più facile lettura delle Spese sostenute dal Comune nei tre esercizi ( Rendiconto e 2012 come preventivo) abbiamo tenuto conto solo delle voci ordinarie sterilizzando le voci straordinarie (Accantonamenti per svalutazioni e per Rischi) ed abbiamo ottenuto la tabella seguente (tabella n. 5), con l evidenza del peso di ciascuna funzione all interno del totale e l incremento stimato nel 2012 rispetto al Nel Bilancio preventivo del 2012 le voci di spesa sono mediamente cresciute del 9% rispetto al Rendiconto 2011 sia per l inflazione sia per un maggior impegno del Comune nelle varie funzioni, con una previsione di aumento più importante (27%) nella voce Turismo e una crescita del 14% nella voce Gestione del Territorio. Le Spese ripartite per funzione Tabella n.5 Comune di Milano 2010 % su tot % su tot % su tot. Amministrazione, gestione & controllo Acc. Svalutaz. Crediti 0 0 Acc. Rischi su derivati ,5 19% 349,7 15% 377,8 14% 8,0% Giustizia 23,6 1% 25,2 1% 24,0 1% -4,8% Polizia locale 147,7 7% 150,9 6% 165,8 6% 9,9% Istruzione pubblica 197,1 9% 243,2 10% 251,5 10% 3,4% Uff. Cultura & Beni culturali Settore Sportivo & ricreativo % di incremento 12 su 11 74, ,5 0 8,0% 12,7 1% 13,1 1% 13,8 1% 5,3% Turismo 12,5 1% 8,0 0% 10,2 0% 27,5% Viabilità & trasporti 561,3 25% 737,9 31% 819,9 31% 11,1% Gestione del territorio 396,7 18% 380,1 16% 436,3 17% 14,8% Settore Sociale 380,2 17% 397,8 17% 406,5 16% 2,2% Sviluppo economico 18,3 1% 12,4 1% 24,9 1% 100,8% Totale ,10% Le Società partecipate direttamente dal Comune Le società nelle quali il Comune partecipa direttamente (con partecipazioni che vanno dall 1,5% al 100% come per esempio l ATM) sono 16 con dipendenti, un fatturato di circa 2,5 miliardi di euro e utili vicini a 60 milioni (al netto del risultato della società A2A Spa che evidenzia una perdita straordinaria di circa 450 milioni). Ecco le principali: ATM Spa Metropolitana Milanese Spa Milano Sport So.Ge.Mi. Milano Ristorazione Sea Spa A2A Spa Expo 2015 Spa Milano Serravalle Spa Solo una di queste (A2A) è quotata alla Borsa Valori Italiana, altre potrebbero esserlo in tempi brevi. Come si finanzia il Comune di Milano? Il saldo in Conto capitale ha grosse fluttuazioni da un anno con l altro e la differenza negativa viene coperta con finanziamenti. Ecco l evoluzione dei finanziamenti in essere Tabella n. 6 Mutui assunti con la Cassa Depositi & Prestiti Comune di Milano Mutui assunti con Istituti di Credito Mutui assunti con altri Istituti B.O.C. (Buoni ordinari comunali) Prestito Obbligazionario Totale

9 Le Entrate del Comune di Milano a confronto con quelle di altri Comuni italiani Tabella n. 7 Anno 2011 Milano Torino Entrate Tributarie % % % % 866 Imposte Tasse Brescia Genova Napoli Per il Comune di Milano le Entrate tributarie rappresentano il 43% delle Entrate, la percentuale più bassa tra i Comuni analizzati e pesano nel totale delle Entrate come i Proventi da Servizi Pubblici grazie al notevole apporto degli Utili da aziende partecipate (eccezion fatta per Brescia, dove i proventi rivenienti dalla società A2A pesano notevolmente). Le Spese correnti del Comune di Milano, ripartite per tipologia, confrontate con quelle di altri Comuni italiani Tabella n. 8 Tributi Contributi & Trasferimenti Trasferimento dello Stato Trasferimento della Regione Proventi dei servizi di assistenza Proventi dei servizi per l'infanzia e gli asili nido Proventi per servizi funebri Altre 334 Proventi dei beni dell'ente Fitti dei fabbricati Proventi per utilizzo beni dell'ente Interessi attivi Utili da aziende partecipate % 110 9% 7 3% 94 14% Trasferimenti della Provincia Proventi da Servizi Pubblici Proventi per servizi pubblici Contravvenzioni % % % % % 35 3% 66 25% 9 1% 32 Proventi diversi % 20 8% 20 3% 12 Anno 2011 Spese Correnti Come si può vedere, le voci che assorbono la maggior parte delle spese sono: - il personale - le prestazione di servizi Per una valutazione puntuale delle differenze in termini di personale si rimanda alla tabella n. 12 di pag.19. Totale Entrate % % % % Correnti Milano Torino Personale % % 70 28% % 417 Acquisto di beni di consumo Prestazione di servizi Utilizzo di beni di terzi Brescia Genova 7 0% 3 0% 3 1% 5 1% % % % % % 5 0% 3 1% 13 2% 11 Trasferimenti 104 4% 92 8% 20 8% 33 5% 18 Intressi passivi 117 5% % 9 4% 44 6% 71 Imposte e tasse 38 2% 30 2% 4 2% 13 2% 27 Oneri straordinari 18 1% 19 2% 1 1% 5 1% 84 Totale % % % % Napoli

10 Le Spese correnti del Comune di Milano, ripartite per Ufficio, confrontate con quelle di altri Comuni italiani Tabella n. 9 Amministrazione gestione & controllo Acc. Svalutaz. Crediti Acc. Rischi su derivati Milano Torino Brescia Genova % % % 42 17% % Giustizia 25 1% 24 1% 12 1% 5 2% 7 1% Polizia locale 151 6% 166 5% 107 9% 21 9% 48 7% Raffronto tra le Spese in Conto capitale Tabella n. 10 Spese in Conto capitale Acquisto di beni immobili Acquisto di beni mobili Milano Torino Brescia Genova Napoli % %-13 66% % %-18 7%-1 6%-0 0%-4 Trasferimenti di capitale 48 2%-59 24%-3 15%-7 3% Conferimenti di capitale Concessioni di crediti e anticipazioni % %-2 13%-1 1%-1 Totale Anno 2011 Come si vede dalla tabella sopra riportata, i Comuni analizzati investono prevalentemente nell acquisto di Beni immobili, nella realizzazione di opere pubbliche o nelle infrastrutture. Istruzione pubblica % 252 7% % 38 15% 78 11% Uff. Cultura & Beni culturali Settore Sportivo & ricreativo 80 3% 87 3% 39 3% 13 5% 26 4% 13 1% 14 0% 28 2% 4 2% 4 0% Turismo 8 0% 10 0% 6 0% 1 0% 4 1% Viabilità & trasporti % % 80 7% 35 14% % Gestione del territorio % % % 41 16% % Settore Sociale % % % 47 19% 81 11% Sviluppo economico Totale 12 1% 25 1% 12 1% 3 1% 10 1% Come si può vedere dalla tabella sopra riportata, i modi di spesa dei Comuni presi in considerazione sono molto differenti, sia in valore assoluto sia come percentuale di assorbimento delle Spese correnti. Composizione dell indebitamento a confronto Tabella n. 11 Mutui assunti con la Cassa Depositi & Prestiti Mutui assunti con Istituti di credito Mutui assunti con altri Istituti B.O.C. (Buoni ordinari comunali) Prestito Obbligazionario Milano Totale Indebitamento Pro - capite (in euro) Torino Brescia Genova Napoli Un dato comune risulta la contenuta spesa per la Giustizia, un certo coinvolgimento per l Istruzione pubblica (dal 10 al 15% del totale delle Spese), una Gestione del territorio che varia tra il 13 e il 21% delle spese. Interessante osservare il valore globale di ciascun Comune, il valore di indebitamento pro-capite (con ampie oscillazioni tra i vari Comuni, dove a Brescia è di circa mille euro per cittadino, fino ai quasi 4mila euro di Torino) e la diversa modalità di raccolta dei finanziamenti (Mutuo con la CDP o con Istituti di Credito) fino ad arrivare alle emissioni di B.O.C. (Buoni ordinari comunali). Per Milano si deve tener conto degli importanti investimenti varati dal Comune per l Expo

11 QUANTO È GRANDE LA FAMIGLIA MILANO? Ecco qualche informazione sulla grande Famiglia Milano comparata con quelle di altri Comuni italiani: Tabella n. 12 Nell ambito dei Comuni presi come campione, Milano è la città più popolosa sia in termini assoluti sia per densità degli abitanti sul territorio comunale. Negli ultimi anni il trend della popolazione è stato il seguente: abitanti abitanti abitanti Milano Torino Brescia Genova Napoli Numero Abitanti Superficie Comune (ettari) Abitanti per ettaro Numero Dipendenti Dipendenti per ogni 1000 abitanti Costo del personale ( milioni) Costo medio per dipendente (in '000 di Euro) 12,0 12,2 9,4 10,1 11, ,5 38,5 38,8 39,4 39,8 La crescita è principalmente dovuta all immigrazione, sia di cittadini italiani provenienti da altre aree della Penisola, sia di cittadini stranieri, prevalentemente extra-comunitari. Il grande numero di abitanti e la vasta superficie comunale determinano la necessità di avere un importante numero di dipendenti che, comunque, non si discosta molto da quello degli altri Comuni presi in considerazione. Dal punto di vista del costo del personale, Milano appare la più contenuta, anche se si può vedere che le differenze tra Comune e Comune sono dell ordine massimo del 3,5%. Proposte del Movimento Milano Civica L obiettivo di ogni Bilancio pubblico è quello di essere gestito con un avanzo primario. Per avanzo primario si intende la differenza tra Entrate ed Uscite al netto della spesa per interessi. Questo obiettivo permette di ridurre l indebitamento complessivo in ogni esercizio, a fronte di entrate del Comune ridotte a seguito della cancellazione dell Ici e dell introduzione dell Imu, il cui gettito va, per la maggior parte, nelle Casse dello Stato. Il Comune di Milano, oltre alla forte dipendenza dai trasferimenti ricevuti dallo Stato e dalla Regione Lombardia, ha degli spazi di intervento sul lato delle Entrate, come la Tassa di soggiorno, il gettito del contributo dell Ecopass (legato all adozione dell AreaC). Il Comune, oltre alla fornitura di servizi sociali obbligatori a prezzo sociale, potrebbe anche prefigurarsi come fornitore di servizi aggiuntivi (per distinguerli da quelli obbligatori) che in virtù del loro Valore intrinseco per i destinatari, potrebbe consentire di ottenere maggiori entrate, coinvolgendo i cittadini che ne percepiscono l utilità. Bilancio a Progetto Proponiamo di introdurre nel Bilancio del Comune una riclassificazione per progetti, che consentirebbe di far vedere con maggiore chiarezza ed immediatezza al cittadino dove vanno a finire i suoi soldi. L applicazione di una metodologia Zero-based Budgeting, senza eccessive complicazioni tecniche, permetterebbe di operare tagli non lineari, ma focalizzati sull eliminazione degli sprechi o delle spese a più basso livello di produttività. Il Bilancio a progetto impone ogni anno un ripensamento delle ripartizioni di spesa con la loro approvazione formale. Spending Review Deve essere fatta una riallocazione della parte discrezionale della spesa pubblica per individuare, tra i diversi progetti, quelli più utili ed afficaci. La Spending Review è stata introdotta con successo in Gran Bretagna, a livello sia locale, sia nazionale. Bilancio Partecipato È infine nostro obiettivo introdurre il Bilancio partecipato, cioè un Bilancio che vede, nella sua formazione, il coinvolgimento di gruppi di persone interessate agli aspetti operativi previsti dal Bilancio. Per esempio: se si deve decidere in merito a due interventi di riqualificazione nella stessa area, si coinvolgeranno i residenti nell area al fine di individuare quale dei due anteporre all altro. Noi pensiamo che questi interventi possano portare, senza aggravio di costi, significativi benefici al nostro Bilancio, e quindi alla nostra Città. Una riflessione sul Bilancio consuntivo degli anni precedenti fornirà, inoltre, indicazioni utili per la formulazione dei bilanci pluriennali e dei bilanci preventivi annuali, con un significativo processo Bottom up (ossia partendo dai singoli progetti dettagliati per arrivare alle strategie di Spesa e di Entrata) che è uno strumento efficace di democrazia diretta

12 Conclusioni Per MMC è la città, in tutte le sue componenti, informate e consapevoli, che deve determinare le scelte dell Amministrazione, che se ne occuperà come fosse una grande famiglia. L attenzione che noi presteremo al modo in cui i nostri soldi verranno spesi sarà puntuale, trasparente e competente. Ringraziamenti Si ringraziano gli Uffici Bilancio dei vari Comuni e i funzionari che ci hanno fornito consigli e aiuto oltre che molti dei dati esposti in questo studio: dott. Roberto Colangelo e dott. Michele Petrelli del Comune di Milano dott. Alberto Rosso del Comune di Torino dott.ssa Oriana Paoletti del Comune di Genova dott. M. Lorenzini del Comune di Brescia dott.ssa Luisa Sorrentino del Comune di Napoli ARMONIZZAZIONE CONTABILE Dal 1 gennaio 2012 il Comune di Milano, insieme ad altri 70 tra Comuni, Province e Regioni, ha deciso di sperimentare nuove regole per la realizzazione del bilancio. Questo a seguito di una nuova norma varata nel giugno 2011 (D.Lgs 23 giugno 2011, n.118) che avrà applicazione a livello nazionale dal 1 gennaio 2014 e che ha come principale obiettivo quello di armonizzare i Bilanci della Pubblica Amministrazione a livello europeo. Quindi dal 2014 il Bilancio di un Comune italiano potrà essere facilmente comparato con quello di un qualsiasi Comune europeo. La norma propone un nuovo schema di bilancio per la gestione dei conti basato su cinque livelli di dettaglio. Vengono introdotti anche nuovi princìpi contabili, che danno maggiore trasparenza al bilancio, e viene presentato un Piano dei conti integrato, finalizzato a rendere raccordabili i sistemi contabili e gli schemi di bilancio degli enti territoriali con quelli adottati in ambito europeo, con una maggiore flessibilità nella gestione delle variazioni. La norma prevede anche il Bilancio consolidato, da applicare alle società comunali, introducendo una serie di Indicatori ad hoc rapportati al bilancio. Inoltre è previsto che venga predisposta un informativa rivolta al Cittadino, che deve seguire uno schema definito dalla legge, con dati di sintesi, la messa in evidenza delle risorse finanziarie, umane e strumentali e l indicazione dei risultati conseguiti a livello di copertura e qualità dei servizi pubblici erogati. Finalmente diventa norma di legge l informazione chiara e trasparente, rivolta al cittadino, sui conti dei Comuni, una strada che MMC aveva iniziato a percorrere già dall anno scorso. CHI È MMC Il Movimento Milano Civica (MMC) è un associazione di cittadini che ha tra i suoi obiettivi quello di innovare il modo di fare politica. Troppo spesso in Italia il dibattito politico si limita a uno scontro ideologico e finisce per prescindere dal contenuto e dal merito delle argomentazioni. Milano Civica vuole ripartire dai fatti, perché è solo dall analisi dei fatti, e non dalle opinioni, che si può impostare un ragionamento serio sui programmi per la città e per il Paese. Il Bilancio del Comune è per il Movimento Milano Civica un tema fondamentale da affrontare. A cura di Gruppo di lavoro Finanza & Economia Gabriele Dalla Maria dirigente d azienda Carmela Barbera ricercatrice universitaria Cura del testo Cristina Jucker giornalista Coordinamento Titti Sperandeo Movimento Milano Civica Grafica UNUSUAL Communication Agency Stampa TIKI MEDIA Srl piazza Insubria Milano Aprile 2013 A cura e sotto la responsabilità di Associazione Movimento Milano Civica via Daverio Milano 21

13 Movimento Milano Civica via Francesco Daverio Milano movimentomilanocivica.com

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE

PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE COMUNE DI GONARS PARTE PRIMA: REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI E RISORSE ATTIVATE La relazione al rendiconto in sintesi Contenuto e logica espositiva 1 Programmazione, gestione e controllo 2 Il rendiconto finanziario

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI

ARMONIZZAZIONE DEI SISTEMI CONTABILI ARMONIZZAZION DI SISTMI CONTABILI D. Lgs. 118/2011 Maggio 2014 Le origini: il federalismo fiscale Legge 5/5/2009 n. 42 Delega al Governo in materia di FDRALISMO FISCAL in attuazione dell art. 119 della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 01608/033 Servizio Suolo e Parcheggi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 252 approvata il 15 aprile 2015 DETERMINAZIONE: ACQUISTO DI N. 42

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli